STRUTTURE PER L’ACCORDO DOMINANTE

Tralasciando l’approccio rigorosamente modale, proviamo a creare una sonorità piu’fusion’ sopra un
accordo dominante anche non alterato (in questo esempio video un LA7)., la prossima vedremo un approccio
piu’ modale.

Tralasciamo la pentatonica di LA (F, 2°o 9°, 3°, 5° e 6°o 13°).
Una scala tipicamente usata su questo accordo e’ la scala pentatonica della terza minore: sul LA7 useremo
quindi la pentatonica di DO; abbiamo così la 3°min, la 4°, la 5° e la settima del LA e si tratta di una scala
minore applicata ad un accordo maggiore.
Aggiungendovi la 5°b abbiamo la scala blues di LA:

Molto usati sono gli arpeggi di settima, come l’arpeggio di 7/9 (F, 9°, 3°maggiore, 5°, 7°)

e la scala bebop dominante, cioe’ una scala che contiene sia quella ionica che quella misolidia (F, 2°, 3°, 4°,
5°, 6°, 7° e 7+)

3°m.Una prima sovrastruttura di facili diteggiatura e visualizzazione sulla tastiera la otteniamo immettendo nella scala blues anche la settima maggiore: Si tratta di una scala a 7 note con F. 5°. Come tra l’altro testimonia l’uso del modo misolidio 9b: . 7° e 7°maj che meccanicamente offre una serie di cromatismi ampiamente accessibili anche per l’uso di hammer e pull. Unendo le note che abbiamo esposto troviamo un’altra struttura facilmente riconoscibile e trasportabile sulla tastiera: Questa seconda struttura contiene 10 note (esclude soltanto la 9b e la 6m!!) ed è possibile solo grazie alla tensione dell’accordo dominante. 4°. 5°b.