You are on page 1of 37

IL LAVORO SUL

FILO DI UNA

Il vero costo del lavoro nellindustria


calzaturiera alla periferia produttiva dEuropa:
Albania, Bosnia Erzegovina, Macedonia,
Polonia, Romania e Slovacchia
INDICE

1. SINTESI DEL RAPPORTO DI RICERCA 3

2. PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI CALZATURE IN EUROPA 6

3. LINDUSTRIA CALZATURIERA NELLA REGIONE EUROPEA ANALIZZATA 8

4. COME I GOVERNI CREANO UN AMBIENTE FAVOREVOLE AGLI INVESTIMENTI NEL SETTORE CALZATURIERO 11

5. LE CONDIZIONI DI LAVORO 14_


5.1 Differenze fra salario reale e salario dignitoso
5.2 Lavoro straordinario e congedi
5.3 Rappresentanza degli interessi dei lavoratori
5.4 Salute e sicurezza, ispezioni nei luoghi di lavoro

6. ASSENZA DI DIBATTITO PUBBLICO SULLE QUESTIONI DI GENERE E DEL LAVORO 27

7. RACCOMANDAZIONI 28

GLOSSARIO 29

NOTE 31

AUTORI Bettina Musiolek (Entwicklungspolitisches Netzwerk Sachsen/Clean Clothes Campaign) | Christa Luginbhl (Berne
Declaration/Clean Clothes Campaign Switzerland) RICERCATORI Albania: Mirela Arqimandriti, Megi Llubani, Artemisa Ljarja
(Gender Alliance for Development Center) | Bosnia Erzegovina: Ante Juri cMarijanovi
Jelena Bajic, Maja Kremenovic (Omladinski
c,
Komunikativni Centar OKC) | Macedonia: Miranda Ramova, Marija Todorovska (associazione contro la violenza e il traffico di esseri
umani Open Gate - La Strada) | Polonia: Grazyna Latos, Joanna Szabunko (Buy Responsibly Foundation Poland) | Romania:
Corina Ajder (ricercatrice indipendente)|Slovacchia: Veronika Vl ckov
(Slovak Centre for Communication and Development)

Impaginazione e infografica Karin Hutter | Revisione Nivene Raafat | Edizione italiana Ersilia Monti
June 2016 3

1 SINTESI DEL RAPPORTO DI RICERCA

opinione diffusa fra i consumatori dellEuropa occidentale che Made in Europe sia sinonimo di mi-
gliori condizioni di lavoro rispetto ai paesi produttori asiatici. Il rapporto che presentiamo rivela che non
sempre vero e che le filiere globali, ovunque siano collocate, condividono problemi endemici derivanti
dalle cattive condizioni di lavoro e, in particolare, dai bassi livelli retributivi. Nei paesi europei a minor
reddito lindustria dellabbigliamento e delle calzature gode di pessima fama in quanto a salari e condi-
zioni di lavoro.

Abbiamo condotto unindagine in sei paesi produttori europei contraddistinti da bassi livelli salariali,
dalla quale risulta che nel settore calzaturiero i paesi europei inseriti nelle filiere internazionali sono quelli
a minor costo della manodopera, esattamente come avviene nel resto del mondo, e che vi sono notevoli
similitudini fra lEuropa e lAsia rispetto al ruolo che gli attori economici ricoprono nelle catene di fornitu-
ra globali.

Abbiamo scelto lAlbania, la Bosnia Erzegovina e la Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia come esempi
di paesi produttori europei non appartenenti allUnione Europea, ma che detengono una quota rilevante
della produzione di calzature e dei mercati di esportazione nella UE. LOcse definisce lAlbania, la Macedo-
nia e la Bosnia Erzegovina paesi in via di sviluppo. Slovacchia, Polonia e Romania sono state scelte in
quanto stati membri dellUnione Europea dotati di settori calzaturieri importanti. Lindustria calzaturiera e
dellabbigliamento in Romania, Macedonia, Bosnia Erzegovina, Slovacchia e Albania opera per la maggior
parte in regime di Traffico di perfezionamento passivo (TPP), un meccanismo commerciale instaurato
negli anni Settanta in ambito comunitario, che consiste nellesportare materiale tessile gi tagliato per poi
reimportarlo, una volta confezionato, senza pagare dazi doganali. Pur salvaguardando posti di lavoro ad
alto valore aggiunto nei paesi dellEuropa occidentale, questo tipo di processo restringe il campo per i pa-
esi a basso reddito in quanto non fa che trasferire fasi di lavorazione ad alta intensit di manodopera e a
basso valore aggiunto, e alla lunga si rivela una strada senza uscita per i lavoratori, per le economie
nazionali e per lindustria nel loro insieme. La Commissione Europea, il Fondo Monetario Internazionale e
la Banca Mondiale esercitano unaltra forma di condizionamento nei confronti dei paesi europei post-so-
cialisti limitando di fatto lo sviluppo salariale mediante limposizione di politiche economiche restrittive
come contropartita allerogazione di finanziamenti, misure che hanno favorito la nascita di unarea a
basso reddito allinterno del continente europeo.

Nel corso della nostra indagine abbiamo intervistato 179 dipendenti di 12 calzaturifici. Dalle interviste e
dai siti web delle aziende risulta che la produzione realizzata interamente per conto di noti marchi e
catene distributive che operano sui mercati dellUnione Europea, fra questi Zara, Lowa, Deichmann, Ara,
Geox, Bata, Leder & Schuh AG. Abbiamo svolto indagini anche riguardo alle filiali di CCC Shoes & Bags
in Polonia e di Ecco, Rieker e Gabor in Slovacchia.

Dai racconti delle persone intervistate, che la nostra esperienza conferma, i problemi che emergono
sono di natura sistemica. In tutti e sei i paesi esaminati le retribuzioni sono estremamente basse, insuffi-
cienti a far fronte alle esigenze fondamentali dei singoli e delle loro famiglie. Il salario minimo legale
4 LABOUR ON A SHOESTRING

non garantisce in nessun paese standard di vita dignitosi e non risolve il problema della povert di chi
lavora. In tutti i paesi europei presi in esame, la distanza esistente fra un livello salariale dignitoso e il
salario effettivamente percepito pi ampia, talvolta notevolmente pi ampia, di quanto non accada in
Cina.

Il costo del lavoro soffre ovunque di una compressione crescente, che mantiene i salari schiacciati verso il
basso. Tutte le lavoratrici intervistate1 hanno indicato i bassi livelli retributivi come la fonte primaria delle
loro preoccupazioni. Sono stati segnalati anche altri problemi: il lavoro straordinario non retribuito, la
difficolt di fruire per intero del periodo di ferie annuale, il mancato pagamento dei contributi sociali
obbligatori, temperature eccessivamente alte o eccessivamente basse nei luoghi di lavoro e rischi per la
salute derivanti dalluso di sostanze tossiche. Le lavoratrici hanno paura di organizzarsi e comunque non
trovano nessuna forma di interlocuzione.

La ricerca sul campo evidenzia che il sistema produttivo prevalente, basato sulle quote di produzione,
fonte di numerosi problemi per quanto riguarda le retribuzioni, le ore di lavoro, la salute e la sicurezza. Il
sistema per quote lega il salario al raggiungimento di obiettivi produttivi, il cui conseguimento causa
di stress eccessivo per le lavoratrici intervistate, e le quote mancate equivalgono il pi delle volte a ore
di lavoro straordinario non retribuite. Il sistema produttivo che lega il salario alla quantit di prodotto
lavorato risulta essere di ostacolo allapplicazione di adeguate misure di sicurezza. Le lavoratrici intervi-
state hanno riferito che, per non abbassare i livelli di produttivit e conseguentemente i livelli retributivi,
non fanno uso di guanti protettivi nel maneggiare colle o altre sostanze chimiche.

In Romania, Macedonia, Bosnia Erzegovina e Albania sono emersi casi in cui non viene pagato il salario
minimo per un numero normale di ore di lavoro. Una su tre delle lavoratrici albanesi che abbiamo inter-
vistato non raggiungeva il salario minimo legale neppure sommando le maggiorazioni per straordinari e
i premi. Le lavoratrici di cinque su sei dei paesi esaminati hanno dichiarato che talvolta, e in alcuni casi
anche di frequente, lavorano di sabato, e che quel giorno di lavoro non considerato straordinario. Da
questo punto di vista, lAlbania si segnala come il paese dove il lavoro prestato nelle giornate di sabato
la regola anzich leccezione.

Non stato possibile ottenere informazioni su visite ispettive del lavoro condotte nei calzaturifici, o dei
risultati di tali visite, in nessun paese oggetto dellindagine. Nessuna delle persone intervistate stata
personalmente coinvolta in unispezione del lavoro. Le lavoratrici intervistate in Macedonia, Polonia e
Slovacchia hanno avuto modo di vedere degli ispettori in fabbrica, ma hanno avuto limpressione che si
trattasse di visite annunciate, che erano state concordate in anticipo. Le lavoratrici intervistate in Albania,
Bosnia Erzegovina e Romania non hanno mai partecipato a corsi di formazione sulla salute e sulla sicu-
rezza nei luoghi di lavoro. Se teniamo presente la molteplicit di rischi per la salute che la lavorazione
delle scarpe comporta, possiamo concludere che nelle fabbriche esaminate non operano i sistemi ispettivi
che sarebbero necessari.

I dati emersi dal lavoro sul campo e dalle statistiche disponibili indicano che esiste un problema di di-
scriminazione di genere: le donne guadagnano meno degli uomini a parit di mansioni. Le donne si
trovano in larga misura nellimpossibilit di sfuggire a condizioni di povert e non hanno sostanzialmen-
te alternative di lavoro. I salari da povert infliggono ai lavoratori una forma di violenza strutturale ed
economica, con particolare riguardo alle donne. Dipendenza il filo conduttore, non solo per i paesi
produttori, e per le aziende terziste che vi hanno sede, ma principalmente per le migliaia di donne lavo-
ratrici che sono costrette ad adattarsi a qualunque condizione di impiego. I salari da povert obbligano a
June 2016 5

mettere in atto strategie di sopravvivenza che raddoppiano o triplicano i carichi di lavoro, specialmente
per le donne. Le lavoratrici macedoni hanno raccontato, per esempio, che sono costrette a integrare il
reddito con lagricoltura di sussistenza. I mariti delle lavoratrici rumene che abbiamo incontrato accetta-
no lavori stagionali mal pagati nei paesi dellEuropa occidentale per mettere da parte i soldi necessari ad
acquistare la legna per il riscaldamento invernale, lasciando le donne ad occuparsi da sole dei figli per
molti mesi. Per comprarsi un frigorifero c chi ha pagato in interessi sui debiti contratti la met del
proprio salario.

Se da una parte i governi dei paesi analizzati, in particolare nellarea dei Balcani, si preoccupano di
creare un ambiente favorevole alle imprese, e di sovvenzionare e incentivare lindustria calzaturiera e
dellabbigliamento, dallaltra i diritti dei lavoratori e i minimi salariali tendono a rimanere congelati o
addirittura a diminuire. La Commissione Europea e il Fondo Monetario Internazionale, a loro volta, fanno
sentire il loro peso imponendo condizioni per la concessione di prestiti che mirano a instaurare una
disciplina fiscale che va a discapito delle politiche salariali. Le strategie politiche imposte dallesterno
esercitano una pressione sui salari in tutti i comparti produttivi con effetto diretto sulla fissazione dei
livelli minimi retributivi, allargando in questo modo la forbice fra il salario minimo e il costo della vita.
LUnione Europea non ha adottato finora politiche specifiche sui minimi salariali per difendere i lavorato-
ri dalla povert.

Gli autori e i ricercatori che hanno stilato il presente rapporto raccomandano agli acquirenti internazio-
nali (marchi e distributori) di mettere in atto in tutte le loro attivit un processo serio di due diligence
in materia di diritti umani al fine di identificare, prevenire, mitigare e rendere conto degli impatti negati-
vi, potenziali ed effettivi, sui diritti umani. I principali interventi devono consistere nel pagare prezzi ai
propri fornitori che consentano, come prima misura, di aumentare le retribuzioni fino a un livello pari ad
almeno il 60% della media salariale nazionale (soglia della povert) per proseguire con aumenti graduali
e costanti fino al raggiungimento del salario dignitoso; nel creare relazioni commerciali che consentano
ai fornitori di abbandonare le modalit produttive basate sulle quote di produzione, e nellimpegnarsi
concretamente per favorire lorganizzazione sindacale. Il rispetto delle leggi nazionali costituisce comun-
que il requisito primario per lattivit responsabile di impresa, e le ricerche sul campo rilevano purtroppo
violazioni continue. Invitiamo i governi nazionali ad applicare le leggi del lavoro, a intervenire con le
proprie istituzioni, per esempio rafforzando il sistema ispettivo, e ad aumentare il salario minimo legale
ad un livello pari ad almeno il 60% del salario medio nazionale (soglia della povert). Raccomandiamo
inoltre ai governi di finanziare la costituzione di centri di consulenza legale gratuita per i dipendenti
dellindustria dellabbigliamento e delle calzature.

Con quasi 300 mila occupati nei 28 stati membri, lindustria del cuoio e delle calzature rappresenta un
comparto produttivo importante nellUnione Europea. Nei sei paesi presi in esame (Albania, Bosnia
Erzegovina, Macedonia, Polonia, Romania e Slovacchia) il settore conta 120 mila addetti con regolare
assunzione. Condizioni di lavoro dignitose e salari dignitosi sono i punti nevralgici del Pilastro europeo
dei diritti sociali, secondo le dichiarazioni del Presidente della Commissione Europea, del Vice presidente
e del Commissario per lOccupazione e i gli affari sociali. Uno dei cinque obiettivi prioritari di Europa
2020, la strategia per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva la riduzione della povert,
sottraendo almeno 20 milioni di persone al rischio di povert e di esclusione sociale entro il 2020. Un
progetto politico europeo sui salari minimi basato sul pagamento di un salario dignitoso farebbe uscire
2 milioni di lavoratori dellindustria delle calzature e dellabbigliamento e le loro famiglie nellEuropa
dellEst dalla povert e dallesclusione sociale.
6 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

2 PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE
DI CALZATURE IN EUROPA

Lindustria calzaturiera presenta caratteristiche simili a al fatto che lEuropa si specializzata nella produzione di
quella delle confezioni di abbigliamento: ad alta intensi- fascia alta e del lusso: lItalia esporta i suoi prodotti per un
t di manodopera, risente del variare dei prezzi e dei tempi valore medio di 47 euro, il Portogallo e la Francia per 29 eu-
di consegna, ed segnata da unelevata concorrenza fra ro, mentre le calzature realizzate in Cina e in India non co-
migliaia di produttori a livello internazionale. Da beni di stano, in media, pi di 4 euro e 12 euro rispettivamente10.
uso comune, le scarpe sono andate progressivamente tra- La Confederazione Europea dellIndustria delle Calza-
sformandosi in beni di consumo ad alto tasso di sostituzio- ture (CEC) calcola che il settore calzaturiero e della pellet-
ne seguendo le tendenze della moda usa e getta. Nel teria dia lavoro a 295.264 persone entro i confini
2014 i consumatori dellUnione Europea hanno speso 23,5 dellUnione Europea con 21.116 aziende registrate11. Se-
miliardi di euro nellacquisto di scarpe2. Fra il 2011 e il condo i dati riportati da uno studio di settore di Indu-
2015 il numero di calzature prodotte a livello internazio- striALL Europe, nel 201312 sono stati prodotti nellUnione
nale aumentato del 16%3. I grandi volumi di vendita, che Europea 526,5 milioni di paia di scarpe, due terzi dei qua-
determinano un proporzionale effetto di compressione sui li in pelle13. LEuropa occupa un posto di rilievo sul merca-
prezzi e sui tempi di consegna, sono un tratto distintivo to mondiale nella fascia di produzione ad alto valore
dellindustria calzaturiera in Europa e in Asia4. aggiunto. Secondo le stime di CEC, lItalia, il Portogallo e
Nel 2014 sono stati prodotti a livello mondiale 24,3 mi- la Spagna detengono una quota del 23% delle esportazioni
liardi di paia di scarpe5. Per quanto lAsia eserciti la supre- mondiali di calzature in pelle14. Il numero di paia di scar-
mazia sul mercato mondiale, la produzione interna continua pe prodotte nella UE aumentato dell11% dal 2009 e il
a occupare un posto di rilievo per i consumi europei. LEuro- loro valore economico aumentato del 25% nello stesso
pa contribuisce per circa il 3% alla produzione globale (729 periodo di tempo15. Lindustria calzaturiera europea un
milioni di paia di scarpe)6 e al 17% circa dei consumi totali settore ad alta intensi-
(3,3 miliardi di paia di scarpe)7. Quasi il 90% delle scarpe t di occupazione
prodotte in Europa destinato a paesi europei8. con un elevato po-
Le stime indicano che circa il 20% delle calzature acquista- tenziale di
te in Europa prodotto in Europa9. In termini di valore, la crescita.
quota di mercato risulta persino pi grande. Questo si deve

CHE COSA RENDE LA PRODUZIONE DI CALZA- CHE COSA


TURE NEI PAESI EUROPEI A BASSO REDDITO RENDE LA PRODUZIONE DI CALZATURE IN
ATTRAENTE PER IL MERCATO? EUROPA ATTRAENTE PER I CONSUMATORI?

Gli studi di settore ci dicono che sta crescendo la I consumatori sono propensi ad acquistare prodotti
domanda per consegne veloci e flessibilit16. realizzati in Europa nella convinzione che siano state
Da questo punto di vista la prossimit molto van- garantite condizioni di lavoro dignitose.
taggiosa. La vicinanza ai mercati di consumo consen- Per esempio, rapporti di lavoro diretti e stabili, retri-
te rapidit nello spostamento delle merci e la buzioni adeguate, normali orari di lavoro, ambienti di
manodopera qualificata e a bassissimo costo. lavoro sani e sicuri, libert di associazione e contratta-
In Albania, Bosnia Erzegovina, Macedonia e Romania, zione collettiva, non discriminazione (di genere, di
per esempio, il salario minimo legale (in euro) trattamento, di occupazione, di remunerazione).
addirittura inferiore a quello cinese. Dalle nostre ricerche sul campo emerge una realt
Svariati programmi di incentivi statali per le imprese lavorativa che ben difficilmente potremmo considera-
e la relativa ottima immagine di prodotti Made in re dignitosa.
Europe completano il quadro di un settore economi-
co molto redditizio.
Giugno 2016 7

PRODUZIONE DI CALZATURE 2014 CONSUMO DI CALZATURE 2014

GLOBALE 24,3 miliardi di paia di scarpe GLOBALE 19,4 miliardi di paia di scarpe
EUROPA 729 milioni di paia di scarpe (3%) EUROPA 3,3 miliardi di paia di scarpe (17%)

PRODUZIONE EUROPEA DI CALZATURE

90% sono vendute


in Europa

10% sono vendute 1 OGNI 5 paia di scarpe consumate in Europa


altrove prodotto in Europa
8 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

3 LINDUSTRIA CALZATURIERA
NELLA REGIONE EUROPEA ANALIZZATA

PRODUZIONE EUROPEA DI CALZATURE LItalia rappresenta il 50% della produzione calzaturiera


Italia 50% comunitaria, seguita dalla Spagna (13%), dal Portogallo
(12%) e dalla Romania (8,2%)17. Tuttavia, non sempre il
Spagna 13% processo manifatturiero realizzato per intero nel paese
Portogallo 12% che immette il prodotto nel mercato. Molte fasi della lavo-
razione vengono affidate a paesi a basso reddito nellEuro-
Romania 8,2% pa centrale e orientale, o in Turchia. Per questo motivo il
Altre 16,8% presente rapporto focalizza lattenzione sulle condizioni
di vita e di lavoro di chi produce allinterno delle filiere
internazionali nei paesi europei poveri, alle dipendenze di
fornitori e di subfornitori di famosi marchi internazionali
180
delle calzature.
170
160
ITALIA: AL PRIMO POSTO GRAZIE AL LAVORO A BASSO COSTO DELLA PERIFERIA EUROPEA 150
140
Le scarpe in pelle made in Italy sono sinonimo di alta qualit ed eleganza, e di buone condizioni di lavoro. 130 1
130 2
130
Ma il marchio di origine non sempre prova che la scarpa stata effettivamente fabbricata sul territorio italiano.
120
Buona parte delle merci esportate dallindustria calzaturiera e pellettiera da paesi che operano in Traffico di perfe-
110 101 6
zionamento passivo (TPP) commissionata da paesi dellEuropa occidentale, e principalmente dallItalia. 111
100
La mancanza di trasparenza un aspetto problematico. I ricercatori albanesi hanno segnalato che risultato
90
pressoch impossibile identificare gli acquirenti finali italiani poich il marchio commerciale veniva apposto in un
80


momento successivo alla fabbricazione in Albania. 2012 2013
Dove sono fatte veramente molte scarpe italiane e tedesche18

Polonia 14 MLN paia di scarpe 12 000

22 % 25 %
10 000

805024 805025
8 000
Slovacchia 20 MLN paia di scarpe
28% 46% 6 000 6859
6263

4 000

Romania 29 MLN paia di scarpe


2 000
51% 51%
MKD

Bosnia Erzegovina 0
4,7 MLN paia di scarpe Macedonia ?* paia di scarpe 2012 2013
30% 60% ?* 79.21% 19

Albania 11,2 MLN paia di scarpe


99% 99%

quota del totale delle scarpe esportate per paese * dati non pervenuti
quota del totale del valore delle scarpe esportate per paese
Giugno 2016 9

Il mito dellemancipazione economica: il regime di Un settore sottovalutato rimasto nellombra


Traffico di perfezionamento passivo (TPP, identificato Le statistiche non attribuiscono il giusto valore al contri-
anche come Faon, Lohn, Ishleme) buto del comparto calzaturiero e delle confezioni di abbi-
La maggior parte dei produttori nellarea geografica presa gliamento al prodotto interno lordo e alle esportazioni in
in esame opera in regime di TPP (unica eccezione la Polo- virt del fatto che si tratta di un settore a basso valore ag-
nia, che presenta un quadro pi complesso). Si tratta di un giunto. In regime di TPP il valore aggiunto non mai ele-
meccanismo commerciale instaurato in ambito comunita- vato poich comprende solo il costo dei bassi redditi da
rio che consiste nellesportare materiali gi tagliati per poi lavoro, ma per molti paesi europei post-socialisti labbi-
reimportarli una volta assemblati, normalmente senza pa- gliamento e le scarpe rappresentano la prima voce di e-
gare dazi doganali. Trasferendo in paesi europei a basso sportazione. In Bosnia Erzegovina le calzature sono al
reddito le fasi di lavorazione a maggior intensit di mano- terzo posto dopo lalluminio grezzo e i mobili20; in Albania
dopera e mantenendo nel paese di origine le attivit a pi occupano il primo posto insieme ai minerali21. Il fatto che
alto valore aggiunto (per esempio, il design e il marketing), un settore a basso valore aggiunto, in termini di export,
i paesi dellEuropa occidentale puntano a proteggere la lo- rivesta percentualmente una grande importanza in rappor-
ro industria tessile e calzaturiera, ma anche ad aumentare to a un comparto a pi alto valore aggiunto come quello
i margini di profitto. minerario la dimostrazione evidente del suo reale peso
In seguito ai rivolgimenti politici del 1989-1990, il TPP economico, che decisamente pi elevato di quanto non
ha finito per diventare lunica modalit produttiva possibi- appaia in termini di valore (PIL o valore di esportazioni).
le per i paesi post-socialisti. E continua ad esserlo con lu- Il numero ufficiale degli occupati non riflette in egual
nica eccezione della Polonia. In questo paese una piccola misura la realt del settore, e questo per due ordini di motivi.
parte del comparto tessile e calzaturiero si ristrutturata e Le statistiche censiscono generalmente le aziende a partire
ha dato origine a propri marchi, come CCC Shoes & Bags, da una soglia minima di personale assunto; le microimprese,
un marchio di scarpe polacco che stato preso in esame le pi diffuse nel settore, restano pertanto escluse. Il settore
nella nostra indagine. Tuttavia, le indagini realizzate in an- dellabbigliamento e delle calzature si caratterizza notoria-
ni passati indicano che lemancipazione economica non mente per un alto tasso pi elevato che nel resto del pano-
necessariamente si traduce in emancipazione sociale. I la- rama produttivo di attivit economiche sommerse o
voratori del settore in Polonia non hanno tratto alcun be- illegali, e per la presenza di manodopera occupata in mo-
neficio da questa nuova tendenza. do informale o in nero. In Macedonia, per esempio, dove si

TPP: TRAFFICO DI PERFEZIONAMENTO PASSIVO NEL CASO DELL'ITALIA

NELL'OMBRA:
Molti lavoratori non
sanno per quale
marchio lavorano
2
I marchi italiani inviano il
3 materiale da assemblare ai
PAESI A BASSO REDDITO

scarpe
assemblate

LE ULTIME FASI DELLA


LAVORAZIONE DELLE SCARPE
1 (CONFEZIONAMENTO ED
ETICHETTATURA) SONO
ESEGUITE IN ITALIA
prima della vendita
sul mercato europeo
10 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

stima che l economia sommersa rappresenti il 30% delle- Lindustria dellabbigliamento e delle calzature presen-
conomia nel suo complesso, lindustria calzaturiera uno ta inoltre unalta incidenza di lavoro a domicilio (unaltra
dei settori che annovera il maggior numero di occupati in modalit di occupazione di tipo informale). Dalle testimo-
nero accanto a turismo, industria alberghiera, edilizia, in- nianze raccolte in Romania emerge che per far fronte a pe-
formazione, artigianato, ecc.22. Si pu affermare con ragione- riodi di punta, in alcune aziende si ricorre al lavoro a
vole certezza che nel settore dellabbigliamento e delle domicilio, che viene effettuato dal personale di fabbrica
calzature il lavoro non dichiarato sia due volte quello delle- nelle proprie abitazioni al termine del turno di lavoro.
conomia ufficiale nel suo complesso. Gli autori stimano, per Nei sei paesi presi in esame il comparto della pelle e
esempio, che in Albania il 50-70% dei luoghi di lavoro sia di delle calzature conta 120 mila addetti regolarmente assun-
tipo informale23. Vale la pena ricordare che dal gennaio 2016 ti. Gli autori stimano per che il numero reale degli occu-
il governo albanese ha intensificato gli interventi intesi a ri- pati si aggiri sulle 200 mila unit effettive.
durre il lavoro sommerso.

Lindustria dellabbigliamento e delle calzature in Jugo-


slavia e nei paesi della ex Jugoslavia
CONTRIBUTO DI CHIARA BONFIGLIOLI, UNIVERSIT DI POLA, CROAZIA

Dopo il 1945 sono sorte nella federazione jugoslava molte degli anni Ottanta e con la guerra negli anni Novanta e,
fabbriche tessili e di calzature sulla spinta del processo di complice il processo di privatizzazione avviato alla caduta
industrializzazione promosso dal regime socialista. La del regime socialista, ha condotto alla chiusura di nume-
manodopera era prevalentemente femminile perch si rose fabbriche. Nella sola Croazia sono andati persi 100
riteneva che i lavori manuali si prestassero alle agili dita mila posti di lavoro nellindustria dellabbigliamento. Il
delle donne. Negli anni Settanta e Ottanta la Jugoslavia gigante delle calzature Borovo, noto per le sue scarpe a
era fra i primi produttori al mondo di materiale tessile e di marchio BOROSANA, che calzavano tutte le donne jugo-
abbigliamento, e produceva non solo per il mercato slave impiegate nel settore dei servizi, occupava negli anni
interno, ma anche per i paesi dellEuropa occidentale, per Ottanta 22 mila persone, e oggi ne conta meno di un
lUnione Sovietica e per i paesi pi poveri. Il comparto era migliaio. Nei paesi della ex Jugoslavia, come la Macedo-
decisamente femminilizzato, ad alta intensit di manodo- nia e la Serbia, la cui industria delle confezioni di abbiglia-
pera, e partecipava ai processi generali di divisione di mento registra ancora un numero ragguardevole di
genere del lavoro. In epoca socialista le donne lavoratrici addetti, le condizioni di lavoro sono andate peggiorando e
potevano tuttavia contare sulla sicurezza del posto di la sicurezza delloccupazione ha lasciato il posto a una
lavoro, su un modello sociale di tipo solidaristico e su un precariet diffusa. Il processo di deindustrializzazione e i
riconoscimento simbolico in cambio del loro duro lavoro licenziamenti sono andati di pari passo con la crescita del
manuale. Il lavoro di fabbrica era al centro della vita settore privato. Tutto questo ha comportato una progressi-
quotidiana e consentiva alle lavoratrici di accedere a una va svalutazione del lavoro delle donne e un ritorno alle
vasta gamma di servizi sociali a integrazione del salario tradizionali relazioni di genere: nella gestione dellecono-
(istruzione, pasti caldi, sanit, servizi per linfanzia, vacan- mia familiare le donne dipendono maggiormente dai loro
ze spesate, prestiti, ecc.). La situazione andata rapida- mariti, dalla famiglia estesa, dallagricoltura di sussistenza
mente deteriorandosi con la crisi economica della fine e dalleconomia informale.
Giugno 2016 11

4 COME I GOVERNI CREANO UN AMBIENTE FAVO-


REVOLE AGLI INVESTIMENTI
NEL SETTORE CALZATURIERO
Ladesione allUnione Europea, per quasi tutti i paesi nella- porti di lavoro in materia di retribuzioni29.
rea geografica analizzata, valutata e presentata come Per quanto non esistano, a nostra conoscenza, esenzio-
unopportunit per superare la crisi economica e sociale di ni speciali dal pagamento dei salari minimi, dal rispetto
cui soffrono. Oggetto della nostra indagine sono tre stati dei diritti sindacali o delle leggi sul lavoro straordinario
membri della UE (Romania, Slovacchia e Polonia), due pa- (come avviene invece nelle zone franche dellAsia e dellA-
esi candidati alladesione (Albania e lex repubblica jugo- merica centrale), le zone franche europee si rivelano aree
slava di Macedonia) e un potenziale paese candidato di impunit quando vengono commesse violazioni delle
(Bosnia Erzegovina). Albania, Macedonia e Bosnia Erzego- leggi del lavoro.
vina sono definiti paesi in via di sviluppo dallOCSE24.
LUnione Europea ha disposizioni di legge specifiche
per la messa in vendita di calzature nel mercato europeo. Il Accordi commerciali
loro contenuto verte principalmente sulla limitazione e di associazione
alluso di alcune sostanze chimiche potenzialmente nocive con lUnione Europea
e pone un forte accento sulla sicurezza dei consumatori e
sulla tutela dellambiente25. I governi nazionali e la Com- Albania, Bosnia Erzegovina, Georgia, Macedonia, Monte-
missione Europea dispongono di un ampio ventaglio di negro, Serbia, Turchia e Ucraina hanno sottoscritto accordi
strumenti volti a creare un ambiente favorevole agli inve- di associazione con lUnione Europea, che comprendono
stimenti nel settore calzaturiero. anche accordi di libero scambio (FTA). La UE ha firmato
con il governo svizzero un FTA nel 1972. La Svizzera ha
sottoscritto FTA con Albania, Bosnia Erzegovina, Macedo-
Zone franche e altri incentivi nia, Montenegro, Serbia e Turchia30. Gli FTA consentono ai
pubblici agli investimenti paesi firmatari di trarre vantaggio dallassenza di tasse do-
ganali e altre barriere commerciali per merci o servizi spe-
Le zone franche sono aree geografiche dotate di extraterri- cifici. Le stime indicano che i prezzi possono abbassarsi
torialit nelle quali le imprese che producono per lespor- fino al 12%31 rispetto a paesi che non hanno in atto FTA.
tazione possono godere di diritti speciali. Questo tipo di Gli accordi bilaterali di associazione e libero scambio
status giuridico molto importante per il comparto delle prevedono labbandono delle restrizioni allimportazione
calzature dei paesi analizzati dal momento che il 70-90% di prodotti tessili da parte dellUnione Europea e conten-
dellintera produzione viene esportato. Le imprese che rie- gono speciali accordi preferenziali per le operazioni di
sportano il materiale assemblato in regime di TPP ricevono reimportazione in regime di TPP. il caso, per esempio,
agevolazioni, esenzioni fiscali e incentivi economici spe- dellaccordo del 2005 fra la UE e la Serbia sul commercio
ciali, per esempio lesenzione dal pagamento complessivo di prodotti tessili che seguito alla fine dellembargo. Pur
dellIVA e delle tasse doganali, minori imposte sui redditi non essendo membri dellUnione Europea, in base agli ac-
e sui profitti, canoni di affitto o di concessione favorevoli cordi preferenziali menzionati, molti paesi nellarea dei
per luso dei terreni, prestiti preferenziali, certificazioni e Balcani sono esentati dal pagamento delle tasse doganali,
sovvenzioni26 27 28. ma possono tuttavia avere misure restrittive al commercio
LAlbania, che ha nel comparto delle confezioni e delle in atto con paesi confinanti. Lo spazio di sviluppo econo-
calzature la sua principale fonte di esportazioni, da que- mico dei paesi dei Balcani in direzione della creazione di
sto punto di vista il paese pi attivo. La Chamber of Facon unarea di produzione a basso costo per le filiere delle a-
of Albania (C.F.A.) e le Albanian Investment Development ziende che hanno sede nellUnione Europea pertanto li-
Agencies (AIDA) hanno svolto un efficace lavoro di lobby mitato.
in favore della costituzione di zone franche e per un pro- A qualche anno di distanza dallingresso della Romania
gramma di incentivi. La C.F.A. riuscita a ottenere lesen- e della Bulgaria nellUnione Europea, con il conseguente
zione dalle tasse doganali per i materiali impiegati nel abbandono di tutte le barriere al commercio estero, il com-
nostro settore nellesecuzione di ordini dallestero e le- parto dellabbigliamento e delle calzature dei due paesi o-
senzione dallIVA per limportazione di macchinari desti- pera ancora quasi esclusivamente in regime di TPP32. Ci
nati al settore delle confezioni di abbigliamento in conto dimostra che anche quando intervengono dei cambiamenti
terzi e una riforma della normativa concernente i rap- nelle politiche commerciali tali da cancellare i motivi di
12 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

sussistenza di un regime produttivo, lo stesso continua ad lordo malgrado la rapida erosione del potere dacquisto dei
essere praticato e a generare i suoi effetti. Produrre in regi- lavoratori dovuta allinflazione35. Questi provvedimenti
me di TPP condanna alla dipendenza e conduce su una hanno determinato un notevole aumento della povert e
strada sociale ed economica disastrosa33. Le possibilit per intensificato la crisi sociale che a sua volta ha reso la Ro-
le imprese di emanciparsi dal TPP sono molto ridotte e per mania meno attraente e non competitiva, di fatto inde-
il momento ci avvenuto solo in Polonia che ha aderito bolendo la capacit del paese di far fronte alle sfide poste
allUnione Europea nel 2004. dalla Strategia Europa 202036 dellUnione Europea, per
esempio la diminuzione della povert.
I paesi che abbiamo menzionato non si sono ancora ri-
Interventi sui salari: la governance econo- presi dalle conseguenze delle politiche restrittive dei sala-
mica della UE per mezzo di politiche ri. In Albania, il salario minimo mensile lordo di 158 euro37
retributive restrittive rimasto inalterato dal 2013. Il salario minimo legale nella
Repubblica Serba di Bosnia Erzegovina non mai stato mo-
I paesi post-socialisti sono sottoposti a pressioni da parte dificato dal 2011 ed fermo a 189 euro al mese.
della Commissione Europea (CE) e delle istituzioni finan- Nel quadro della nuova governance economica europe-
ziarie internazionali, quali il Fondo Monetario Internazio- a, la sorveglianza sistematica dello sviluppo salariale e le
nale (FMI) e la Banca Mondiale (BM), che negli ultimi 25 raccomandazioni continue per la fissazione dei livelli
anni hanno concesso prestiti ponendo precise condizioni, salariali su base nazionale sono diventati uno strumento
per esempio quella di politiche retributive restrittive con normale della politica Europea38, contraddicendo in modo
lo scopo di tenere bassi i livelli salariali, in particolare nel evidente tanto gli obiettivi che si posta la UE di riduzio-
pubblico impiego, in nome dellequilibrio fiscale e al fine ne della povert (Strategia Europa 2020) quanto il nuovo
di attrarre investimenti. Nel biennio 2009-2010 Romania, Pilastro europeo dei diritti sociali39. Il documento di
Bosnia Erzegovina, Ungheria e Serbia hanno aumentato le consultazione contiene questa affermazione:
richieste di prestiti per far fronte alla crisi economica. Una Le retribuzioni minime fissate ad un livello adeguato
condizione per la concessione dei prestiti stata limposi- garantiscono uno standard di vita dignitoso per i lavoratori
zione ai paesi richiedenti, Bulgaria, Ungheria, Bosnia Erze- e le loro famiglie e contribuiscono a combattere il fenome-
govina, Albania, Serbia, Macedonia e Romania, di no della povert in presenza di lavoro40.
provvedimenti atti a bloccare o a ridurre i salari e le pensio-
ni nel settore pubblico nonostante i pubblici dipendenti, e
fra questi gli insegnanti, avessero redditi gi talmente bassi Interventi sui salari: esenzioni dallosser-
da essere costretti a svolgere un secondo lavoro oppure a vanza dei minimi salariali legali per
emigrare. I provvedimenti riguardanti le retribuzioni nel lindustria dellabbigliamento e delle
pubblico impiego si ripercuotono anche in quello privato e calzature
influiscono sulla determinazione dei minimi salariali34.
Fra le condizioni imposte dal FMI e dalla Commissione I governi dei paesi a basso reddito non solo sono sottoposti
Europea nellottica della compressione salariale vi sono ta- a una sorveglianza speciale in materia di politiche sala-
gli consistenti al costo del lavoro, decurtazioni salariali, la riali, ma favoriscono a loro volta specifici settori economi-
riduzione o la cessazione di bonus o altre forme di elargi- ci, e in modo particolare lindustria dellabbigliamento e
zioni, e in Romania, la riduzione del 25% dei redditi indi- delle calzature, consentendo deroghe al ribasso alle leggi
viduali lordi per tutto il personale impiegatizio. Sono stati sui minimi retributivi nazionali o sul lavoro straordinario.
sospesi i programmi per linnalzamento dei minimi sala- Provvedimenti di questo tipo vengono talvolta giustificati
riali ed stato congelato il livello del minimo salariale con il carattere stagionale del settore. Macedonia e Bo-

in questo contesto che vanno lette le condizioni dei lavoratori calzaturieri nellarea geografi-
ca presa in esame.
Le politiche commerciali e gli incentivi economici sono strumenti potenzialmente utili per favo-
rire la crescita dei diritti umani e dei lavoratori, generando in questo modo sviluppo sociale, ma
nella pratica vero il contrario: i governi si impegnano a creare condizioni che vanno ad esclusi-
vo vantaggio degli interessi delle imprese. Lunica conclusione che possiamo trarre che ai
paesi europei a basso reddito stato assegnato uno status preciso nelle catene di fornitura
800
800 739
700
600
517 Giugno 2016 13
479

Albania dati non pervenuti


500
392
400
257 300
220 ??
190
166 200

EURO
100
0
Albania

Bosnia Erzegovina

Macedonia

Polonia

Romania

Slovacchia

Bosnia Erzegovina

Macedonia

Polonia

Romania

Slovacchia
snia Erzegovina, per esempio, consentono deroghe a livelli BOSNIA-ERZEGOVINA
salariali ufficiali gi molto bassi. Le tabelle mostrano che il
salario minimo praticato dallindustria dellabbigliamento Federazione di Bosnia-Erzegovina47
e delle calzature inferiore ai livelli prescritti dalle leggi
nazionali e in termini percentuali, rispetto ai livelli minimi Salario minimo legale netto/mese
legali, corrisponde a: 89% in Macedonia nel 2016, 86% nel- per l'industria abbigliamento e calzature
la Repubblica Serba di Bosnia Erzegovina e solo al 71% nel- 112/220BAM (0.64/1.25BAM/ora8h 22giorni)48
la Federazione della Bosnia Erzegovina.

SALARI PARTICOLARMENTE BASSI Salario minimo legale netto/mese


157/308BAM (0.89/1.75BAM/ora8h22 giorni)
NELL'INDUSTRIA ABBIGLIAMENTO E CALZATURE

Macedonia 89%
Repubblica Serba di Bosnia Erzegovina
Federazione
Bosnia Erzegovina 71% Salario minimo legale netto/mese
per l'industria abbigliamento e calzature
Repubblica Serba,
86% 164 /320BAM49
Bosnia Erzegovina
0%

100 %

Salario minimo legale netto/mese


189/ 370BAM

MACEDONIA

180
170 163 45
160 155 44

150 142 43
140 145
130 41 130 42
130
130
120
121
110 101 46
111
100
90
80

2012 2013 2014 2015 2016

Salario Minimo Legale (SML)


12 000 SML per l'industria abbigliamento e calzature
10 080
10 000 9590
880026
805024 805025
8 000 9000
8050
7500
6 000 6859
internazionali:
6263 essi fungono da anelli periferici a basso costo per produzioni ad alta intensit di
manodopera.
4 000 In questi paesi non c spazio per lo sviluppo sociale ed economico. il risultato
della strategia perseguita dai governi e dalle istituzioni sovranazionali con le loro politiche com-
merciali,
2 000 con gli incentivi alle imprese e il depotenziamento delle leggi del lavoro. Le aziende
MKD

che lavorano in conto terzi nei paesi europei a basso reddito si trovano a operare in un mercato
0
altamente competitivo e lungo filiere dominate dalle imprese committenti, in situazioni sostan-
2012 2013 2014 2015 2016
zialmente analoghe a quelle riscontrabili in Asia, in America centrale e in Africa.
14 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

5 LE CONDIZIONI DI LAVORO

Abbiamo condotto insieme ai nostri partner una serie di - mancanza di tutele per la salute e la sicurezza
ricerche sul campo in Albania, Bosnia Erzegovina, Mace- - assenza di dibattito pubblico e attenzione dei
donia, Polonia, Romania e Slovacchia con lobiettivo di mezzi di informazione sulle condizioni di
mettere a fuoco le condizioni di vita e salariali delle per- lavoro nelle fabbriche
sone occupate nel settore delle calzature. Fra ottobre e
dicembre 2015 abbiamo realizzato 179 interviste con
dipendenti di 12 fabbriche nei paesi citati. Le interviste
sono state effettuate individualmente e, in alcuni casi, in
focus group, e raccolte al di fuori dei luoghi di lavoro lad- PREFERISCO NON PARLARE DI QUESTO.
dove potevano essere garantiti anonimato e riservatezza. VA TUTTO BENE Lavoratrice Slovacca
Le lavoratrici intervistate hanno indicato, in qualit di
committenti o di acquirenti delle calzature prodotte, i se-
guenti marchi: Zara, Lowa, Deichmann, Ara, Geox, Bata,
Leder & Schuh AG. Abbiamo svolto indagini anche riguar-
do alle filiali di CCC Shoes & Bags in Polonia e di Ecco, 5.1 DIFFERENZE FRA SALARIO REALE
Rieker e Gabor in Slovacchia. E SALARIO DIGNITOSO
importante notare che le lavoratrici hanno incontrato
difficolt nellindividuare i marchi coinvolti. Le operaie I bassi salari, insufficienti a soddisfare le esigenze fonda-
albanesi spesso non sanno per conto di quali marchi lavo- mentali dei lavoratori o delle loro famiglie, sono la prima
rano poich lazienda tiene le informazioni deliberatamen- fonte di preoccupazione per tutte le persone intervistate.
te nascoste. Lorario normale di lavoro retribuito generalmente non
Le pagine che seguono offrono uno spaccato della si- pi del minimo legale. La tabella che segue raffronta le re-
tuazione che abbiamo riscontrato sul campo. I principali tribuzioni nette corrispondenti al reddito effettivamente
problemi segnalati dalle intervistate riguardano: disponibile per le lavoratrici e le loro famiglie. Il salario
dignitoso (SD) indicato equivale alla remunerazione netta
- retribuzioni estremamente basse e problemi di base percepita in una settimana lavorativa standard al
legati alla povert netto di gratifiche e maggiorazioni per straordinario. Il sa-
- violazioni delle leggi sul pagamento degli lario minimo legale corrisponde a sua volta alla remunera-
straordinari e sui congedi obbligatori zione di base percepita in una settimana lavorativa
- assenza del sindacato nelle fabbriche standard (40 ore per tutti i paesi oggetto di indagine).

UNINDAGINE DIFFICILE

stato molto difficile per i ricercatori in tutti e sei i paesi ritorsioni. La maggior parte delle intervistate ha espresso il
trovare lavoratrici disposte a farsi intervistare. Il 50-80% timore di perdere il lavoro. In un caso, un supervisore
delle persone avvicinate ha rifiutato linvito. Le lavoratrici passato in macchina nel corso di unintervista gettando nel
pi anziane erano meno propense delle giovani ad accettare panico la persona intervistata.
unintervista. In molti casi le testimonianze sono state
raccolte mentre le intervistate si recavano o aspettavano Molte lavoratrici avevano pochissimo tempo a disposizione
alla fermata dellautobus, oppure erano in attesa che ed risultato complicato trovare il momento giusto. Qual-
venisse a prenderle un familiare. Molte donne, raccontando che intervista stata condotta a notte fonda o durante il
dei propri problemi in fabbrica, temevano di esporsi a fine settimana.
Giugno 2016 15

SALARI DEI LAVORATORI INTERVISTATI

STATISTICA UFFICIALE S UL PANIE RE DE L


nei paesi analizzati - soglia di povert
60% DEL SALARIO MEDIO NETTO
nell'industria calzaturiera 1/1/2015

nell'industria calzaturiera 1/1/2016


secondo le lavoratrici intervistate

secondo le lavoratrici intervistate


SALARIO MINIMO STIMATO

SALARIO MINIMO STIMATO


inclusi straordinari e gratifiche

inclusi straordinari e gratifiche

inclusi straordinari e gratifiche


SALARIO NETTO MAS S IMO
SALARIO MINIMO LE GALE

SALARIO MINIMO LE GALE


SA L A R I O N ET TO M I N I M O

SALARIO NETTO TIP ICO

per famiglia di 4 persone

per famiglia di 4 persone


per famiglia di 4 persone
secondo le intervistate

secondo le intervistate

secondo le intervistate

CONS UMO MINIMO


ALBANIA 140 100 143 251 588 ALBANIA 140 169 50 no dati 588

BOSNIA 164 169 204 256 859 BOSNIA 164 257 51 933 52 859
ERZEGOVNA ERZEGOVNA

MACEDONIA 130 137 161 194 726 MACEDONIA 145 220 53 479 54 726

POLONIA 301 55 164 492 586 1.000 POLONIA 318 56 392 57 799 (2014) 1.000

ROMANIA 145 58 143 177 238 706 ROMANIA 156 59 166 60 736 61 706

SLOVACCHIA 339 350 500 600 1.360 SLOVACCHIA 354 468 62 517 63 1.360

CINA 213 614 CINA 213 614


(Dongguan) (Dongguan)

DIFFERENZA TRA IL SALARIO MINIMO LEGALE E IL SALARIO DIGNITOSO STIMATO

354
318

26%
32%
1360 156
1000 Slovacchia

Polonia 22%
164
706
140
19% 145 Romania

24% 859
20%
Bosnia Erzegovina

588 726
Albania Macedonia
Salario minimo legale per lindustria abbigliamento e calzature 1.1.2016
Salario dignitoso stimato per una famiglia di 4 persone (da interviste coi lavoratori)
16 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

Salario legale minimo: quanto basta per vivere in povert


SALARIO MINIMO LEGALE LORDO INDU-
Dalle nostre interviste emerge che, esattamente come in A- STRIA ABBIGLIAMENTO E CALZATURE
sia, la maggior parte dei lavoratori delle calzature per un 1/1/2016 64
normale orario di lavoro riceve in Europa non pi della
paga minima stabilita per legge. I salari minimi legali sono 2000

A Parit di potere di acquisto PPP espressa in USD


fissati in tutti i paesi presi in considerazione ad un livello 1.802
1800
estremamente basso. In Bosnia Erzegovina, Macedonia, 1600 1.560
Polonia e Romania, la somma di due salari minimi legali
1400
non sufficiente a garantire il paniere di consumo mini-
1200 1.160
mo calcolato dagli uffici di statistica nazionali. In tutti e
sei i paesi il salario minimo legale fissato di molto al di 1000 969
sotto del parametro del 60% della media retributiva, che 800 736
viene spesso utilizzato per definire la soglia di povert di 600 534 536 544 510
un paese. La comparazione fra i livelli salariali mostra i- 402 401
400
noltre che persino in presenza del massimo livello retribu- 334
200
tivo, che comprende le maggiorazioni per straordinario e
0
le gratifiche, praticamente impossibile, specialmente in
158 226 20365 434 232 405 21366 8567 15468 51769 1.49670 164971
Bosnia Erzegovina, Macedonia e Romania, avvicinarsi al
Albania

Bosnia Erzegovina

Macedonia

Polonia

Romania

Slovaccchia

Cina

India

Indonesia

Turchia

Germania

Inghilterra
paniere di consumo minimo ufficiale. Le paghe aumentano
solo se aumentano i minimi salariali. Le lavoratrici intervi-
state in Romania, Bosnia Erzegovina e Slovacchia hanno
riferito che, pur lavorando da 5, 10 o 15 anni, lo loro anzia-
nit non viene riconosciuta e continuano a percepire il mi-
nimo o una retribuzione leggermente superiore.

Dai dati esposti in tabella si possono trarre due impor-


tanti conclusioni:
1. Vi sono paesi europei nei quali gli operai calzaturieri
QUANTE ORE DI LAVORO occorrono per poter
guadagnano (in euro) meno dei loro colleghi in Asia; il
acquistare un paio di scarpe del valore di 50 euro72
loro potere dacquisto reale (in PPP USD) rapportabi-
1400 1360
le a quello indonesiano o cinese.
2. 1300
Esistono enormi differenze allinterno dellEuropa: il
1200
salario minimo in Albania estremamente basso e, an-
1100
che tenendo conto del potere dacquisto della moneta,
ALBANIA 0,80 /h 63h 1000 Salario dignito stima
1000 per una
equivale a un quinto del salario minimo tedesco; famiglia
il sa-
BOSNIA ERZEGOVINA 0,92 /h 54h 900 859 di 4 componenti
lario minimo polacco corrisponde alla met di quello
800 secondo le interviste
tedesco. 726 ai lavoratori
MACEDONIA 0,82 /h 61 h 700 614
588
600 remunerato meno del minimo legale per una
Lavoro
POLONIA 1,81 /h 28h 706
500
normale settimana di lavoro
400
Remunerazioni inferiori al minimo legale sono riscontrabi-
ROMANIA 0,88 /h 57h
300Bosnia Erzegovina, Macedonia e Romania, ma in
li in
SLOVACCHIA 2,01 /h 25h 200
Albania Salario minimo legale
costituiscono la regola pi che leccezione:
EURO

100
unintervistata su tre ha dichiarato di percepire netto/mese
un salario per lindu
GERMANIA 6,25 /h 8h abbigliamento e calza
0
inferiore al minimo legale (incluse gratifiche e maggiora-
140 164 145 318 156 354 213 1.1.2016
zioni per straordinario).
INGHILTERRA 8,71 /h 73 6h Quota stimata del Sa
La nostra ricerca sul campo ha evidenziato che le ri-
24% 19% 20% 32% 22% 26% 35% dignitoso sul Salario
chieste pressanti per aumentare la produttivit determina-
legale netto 1.1.2016
no lerosione dei livelli salariali. Gli obiettivi produttivi
Albania

Bosnia Erzegovina

Macedonia

Polonia

Romania

Slovacchia

Cina (Dongguan)

completati oltre il normale orario di lavoro non vengono


Salari minimi legali: in qualche caso inferiori ai livelli considerati prestazioni straordinarie alterando in questo
asiatici e divari retributivi in Europa modo il concetto di remunerazione basata su una normale
La tabella che segue mette a confronto i salari minimi lega- settimana di lavoro.
li lordi mensili nei paesi europei a basso reddito, in alcuni I costi del lavoro, e pertanto i salari, gi di per s esigui,
altri paesi europei, e nei principali paesi produttori di sono soggetti a una crescente compressione. In un grande
scarpe in Asia. stabilimento in Romania una lavoratrice ha raccontato che
Giugno 2016 17

ne, pensione). Inoltre, a fronte di retribuzioni molto basse, in


Albania si sceglie talvolta di lavorare senza contratto e di ri-
MECCANISMI PER LA FISSAZIONE DEL nunciare ai contributi pur di guadagnare qualche soldo in pi.
SALARIO MINIMO LEGALE E IL RUOLO DELLE Privi di coperture assicurative, i lavoratori non dichiarati sono
ORGANIZZAZIONI SINDACALI ancora pi vulnerabili non potendo disporre di nessuna pro-
tezione da parte dello stato contro i rischi pi elementari della
Gli investitori guardano ai paesi europei post-socialisti vita (malattia, vecchiaia, disoccupazione). Il sistema di previ-
come a unarea favorevole agli affari. Sebbene in tutti i denza sociale ne risulta indebolito e determina, a sua volta, un
paesi analizzati esistano meccanismi tripartiti sulla carta carico eccessivo di lavoro di cura per le donne. Le quali, non
in Albania il processo stato reintrodotto nel 2014 solo devono adattarsi a posti di lavoro estremamente sottopa-
nellindustria dellabbigliamento e delle calzature le gati, come nellindustria dellabbigliamento e calzature, ma
relazioni industriali e il dialogo sociale sono in realt devono anche sopperire alla mancanza di investimenti pub-
estremamente limitati. Le organizzazioni sindacali che vi blici nei servizi sociali. I paesi che abbiamo studiato scontano,
partecipano non si impegnano a sufficienza per ottenere insieme alla tendenza ad emigrare da parte delle generazioni
aumenti dei minimi salariali. pi giovani, e in particolare delle persone pi istruite, un de-
ficit di offerta di cura che andr indubbiamente crescendo e
Solo in Macedonia e in Bosnia Erzegovina abbiamo trovato sar nel tempo fonte di notevoli problemi sociali. Levasione
federazioni sindacali che in base a calcoli effettuati sulle dei contributi sociali drena risorse da strutture statali gi ab-
spese domestiche e sulle spese minime per attivit socio- bondantemente erose e impone alle donne carichi aggiuntivi
culturali, hanno potuto denunciare pubblicamente il divario di lavoro non pagato e di responsabilit.
esistente fra i minimi retributivi e il costo della vita74.
Tuttavia, nel Paniere dei consumi del sindacato macedone75 Discriminazione di genere nelle attivit
(32.233 MKD, pari a 520 euro, al dicembre 2015), i costi per peggio remunerate
istruzione, ferie e spese impreviste non erano compresi. Nellindustria calzaturiera di tutti i paesi analizzati le don-
ne rappresentano il 70-80% della manodopera.
Il settore dellabbigliamento e delle calzature quello
che offre le paghe pi basse di tutta lindustria manifattu-
riera, ben al di sotto del salario medio in ciascun paese e
meno del comparto minerario, meglio pagato ed a occupa-
la quota produttiva per turno di lavoro era stata portata da zione tipicamente maschile.
4.200 a 6.000 paia di scarpe, ma il salario non era aumen- Come mostrano i dati nella tabella che segue, la produ-
tato. Si deve lavorare di pi per gli stessi pochi soldi, ha zione di indumenti e la produzione di articoli in cuoio e
osservato. Le lavoratrici albanesi hanno riferito di dover pelletteria (entrambi ad alto tasso di occupazione femmi-
produrre 500-600 paia di scarpe al giorno. Molte intervi- nile) rappresentano i settori peggio pagati dellindustria
state lavorano in straordinario, anche ogni sabato se neces- manifatturiera, mentre la produzione di coke petrolifero e
sario, ma non sapendo come viene calcolata la paga base, la fabbricazione di prodotti derivati dalla raffinazione del
non riescono a verificare se la busta paga corretta e se, petrolio (industrie ad alto tasso di occupazione maschile)
per esempio, lo straordinario stato retribuito. sono di gran lunga le pi remunerate (rapporto fra 1:3 e
1:4). In ci si evidenzia una discriminazione di genere.
Levasione dei contributi sociali obbligatori Vi sono altre forme di discriminazione di genere di tipo
impone alle donne un eccesso di lavoro di cura retributivo. Lavoratrici albanesi hanno raccontato ai ricercato-
In Bosnia Erzegovina e in Albania sono emersi con evidenza ri che le donne sono pagate meno a parit di mansioni con
numerosi casi di mancato pagamento da parte del datore di la motivazione che gli uomini sono fisicamente pi forti. An-
lavoro dei contributi sociali obbligatori (sanit, disoccupazio- che la suddivisione dei compiti effettuata in base a conside-

M AC E D O N I A 76 R O M A N I A 7 7, 7 8 , 7 9 SLOVACCHIA 80,81

Settore peggio remunerato fra tutti i settori 170 241 468


manifatturieri (salario medio netto) = abbigliamento e/o
cuoio/calzature

Salario medio netto nelleconomia generale 345 357 705

Settore meglio remunerato fra tutti i settori 628 826 1.465


manifatturieri (salario medio netto) = fabbricazione di
coke e di prodotti derivati dal petrolio
18 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

DISCRIMINAZIONE DI personali. Ci si arrangia contraendo debiti (a interessi ele-


GENERE NEL SALARIO vati, del 10% e oltre), praticando lagricoltura di sussisten-
In Slovacchia, le donne za, accettando lavori stagionali allestero, e rinunciando a
che lavorano nell'industria tutte le spese possibili.
dell'abbigliamento o delle
calzature guadagnano circa il
50% in meno degli uomini
IO E MIA MOGLIE LAVORIAMO NELLA STESSA FABBRICA.
SIAMO CONTENTI DI AVER TROVATO LAVORO MA NON
POSSIAMO NEPPURE IMMAGINARE DI ALLEVARE FIGLI
razioni di genere. Come spiega una lavoratrice polacca: Il CON DUE STIPENDI COME I NOSTRI. LE NOSTRE FAMIGLIE
lavoro che un po pi difficile assegnato agli uomini, che NON CI POSSONO AIUTARE, DOBBIAMO VIVERE DI QUEL
sono meglio pagati e, a mio parere, anche meglio trattati82. POCO CHE GUADAGNIAMO. VOLEVAMO TRASFERIRCI IN
Le statistiche salariali slovacche sono, da questo punto CITT PER AVERE UNA VITA MIGLIORE, MA LAFFITTO DI
di vista, esplicative: il salario medio per tutti i dipendenti UNA CASA UN LUSSO CHE NON POSSIAMO PERMET-
dellindustria del cuoio e delle calzature di 718 euro; il sa- TERCI lavoratore rumeno
lario medio del personale femminile, che rappresenta il 71%
della manodopera del settore, solo di 633 euro (2014)83. In
termini reali, ci significa che, in media, una donna guada-
gna 633 euro, mentre un collega di sesso maschile ne guada- ABBIAMO COMPRATO QUASI TUTTI DELLE BICICLETTE
gna 92684. Nello stesso settore, pertanto, gli uomini PER ANDARE AL LAVORO, ANCHE SE DOBBIAMO PEDALA-
percepiscono un salario che maggiore quasi del 50% ri- RE PER 40 MINUTI. DINVERNO, QUANDO SI TORNA DAL
spetto a quello percepito dalle donne. LAVORO ALLE 23,00 DOPO IL TURNO DI NOTTE, FA MOLTO
FREDDO. NON POSSIAMO PERMETTERCI UNA MACCHINA
Aspetti della povert ED PERICOLOSO TORNARE A CASA A PIEDI lavoratrice
I salari da povert esercitano una forma di violenza strut- rumena
turale ed economica sui lavoratori, che sono in maggioran-
za donne. Per far fronte alle condizioni di povert, le
donne accettano di lavorare pi delle normali ore di lavoro
e in precarie condizioni di sicurezza. Dalle interviste risul- I generi alimentari costituiscono una buona fetta delle spe-
ta che i salari non sono sufficienti a soddisfare non solo le se domestiche. In paesi come la Bosnia Erzegovina copro-
necessit primarie di una famiglia, ma addirittura quelle no fino al 50% del budget disponibile che, secondo le

CALCOLO DELLA SOGLIA MINIMA, SALARIO DIGNITOSO STIMATO,


SPESE REALI DEI LAVORATORI IN BOSNIA ERZEGOVINA / REPUBBLICA SERBA

Paniere calcolato dai sindacati per le Salario dignitoso medio stimato dai Spese reali:
necessit minime di una famiglia di 4 lavoratori calzaturieri per un famiglia famiglia delle lavoratrici
persone (settembre 2014)85 di 4 persone (dicembre 2015) intervistate

38% 30% 50%

29% 33% 31%

33% 37% 19%

TOTAL 923 TOTAL 859 TOTAL 409

Generi alimentari Affitto e utenze Altre spese di prima necessit e impreviste


Giugno 2016 19

testimonianze raccolte, corrisponde al 100% del salario


netto individuale tipico, comprese le maggiorazioni per
straordinario e le gratifiche.
La proporzione delle spese domestiche destinate allac-
quisto di generi alimentari riflette il tenore di vita di un
paese. La legge di Engel indica che la parte di reddito
destinata allacquisto di generi alimentari diminuisce
allaumentare del reddito stesso e dei consumi. La tabella
mostra che i modelli reali di consumo dei lavoratori calza-
turieri (50% del reddito per i generi alimentari) contraddi-
cono i calcoli sui bisogni primari (38% del reddito per i
generi alimentari), bench in realt i lavoratori non vorreb-
bero destinare pi del 30% dei loro introiti allacquisto di
alimenti. Esiste inoltre una notevole differenza fra i calcoli
delle organizzazioni sindacali e le stime dei lavoratori Pubblicit di prestasoldi a tassi usurai sulla parete di
stessi nella definizione del salario dignitoso. I lavoratori una fabbrica rumena
tendono evidentemente a sottostimare i consumi reali ne-
cessari a conseguire un livello di vita minimamente digni- alla maggioranza dei macedoni, ma i problemi sono
toso poich hanno fatto labitudine a convivere con la loro comuni a quasi tutti i lavoratori calzaturieri in quanto
condizione di povert. essi condividono gli stessi bassi livelli di reddito.
Le famiglie a basso reddito in Slovacchia risparmiano
sui prodotti ortofrutticoli, sulla carne, sulle attivit ricrea-
tive e sulle ferie87. Le testimonianze raccolte lo conferma-
POTERE DACQUISTO DEI LAVORATORI no: le intervistate hanno dichiarato che devono scendere a
DIPENDENTI: quante ore di lavoro occorrono compromessi sulla qualit del cibo che acquistano, che
per acquistare un litro di latte? non hanno denaro sufficiente per concedersi degli svaghi
(cinema, vacanze) e che raramente possono mettere da par-
te dei risparmi (almeno 50 euro al mese) se hanno una fa-
1l latte tempo lavoro miglia da mantenere.
In Polonia alcune lavoratrice affermano di avere un se-
Albania 0.79 1 ora
condo lavoro, per esempio come donne delle pulizie, per
Romania 0.88
1 ora compensare lassenza di lavoro straordinario.
Macedonia 0.73
53 min Quasi tutte le lavoratrici intervistate in Romania hanno
Bosnia Erzegovina 0.66
43 min dichiarato di non aver mai potuto permettersi una vacanza
Polonia 0.59
19 min con la famiglia nel proprio paese. Nella maggior parte dei
Slovacchia 0.64
17 min
Germania 0.59
6 min LA STORIA DI ANNA IN ROMANIA
Inghilterra 0.64
4 min
Anna, lavoratrice rumena, stata assunta 12 anni fa e
percepisce solo il salario minimo legale (145 euro).
Lavoro con mio marito nello stesso calzaturificio e
portiamo a casa due paghe base ogni mese.
LUfficio di statistica della Macedonia ha rilevato che la
Abbiamo due figli in et scolare, uno di 8 e laltro di 14
maggioranza della popolazione non in grado di soddisfa-
anni. La vita per noi molto difficile. Pur avendo molti
re i bisogni primari:
anni di anzianit, Anna dice di non aver mai ricevuto
aumenti se non gli aumenti annuali del salario minimo
- il 38% della popolazione non pu pagare le utenze,
legale. Una collega aggiunge: In questo settore ti
laffitto, le rate bancarie, ecc.
pagano ovunque il minimo legale, ma per lo meno
- per il 72% della popolazione diventato un lusso tra-
scorrere una settimana allanno di vacanza possiamo arrotondare con lo straordinario e venendo a
- il 57% della popolazione non pu permettersi di man- lavorare di sabato. Unaltra collega racconta: Lavoro
giare carne o pesce ogni due giorni qui da 11 anni e non ho mai visto un aumento di
- il 26,9% della popolazione non pu permettersi un ri- stipendio. Continuiamo a ricevere il minimo, i prezzi
scaldamento adeguato in casa salgono, e anche se il minimo viene rivalutato ogni
- il 22,8% della popolazione ha dichiarato che non pu anno, non mai adeguato al costo della vita.
permettersi unautomobile Questi dati si riferiscono
20 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

casi, per vacanza intendevano una grigliata nel fine setti- voro, specialmente per le donne, se per esempio, sono co-
mana o una riunione di famiglia in un luogo verde vicino strette a integrare il reddito con lagricoltura di sussistenza,
a casa. Altri indicatori di povert in Romania: forte dipen- o se i loro mariti devono accettare lavori stagionali mal
denza dalla famiglia di origine e dagli amici per i prodotti pagati nei paesi dellEuropa occidentale lasciandole ad oc-
agricoli, incapacit di pagare regolarmente le bollette per cuparsi da sole dei figli per molti mesi. Ci sono invece pa-
le utenze domestiche, impossibilit di ottenere un mutuo esi europei (per lo pi occidentali) che attingono due volte
bancario per acquistare un appartamento, indebitamento a questo bacino di manodopera a buon mercato: i marchi
nei confronti di parenti e amici, controlli medici irregolari della moda mantengono alti i loro margini di profitto e al-
o inesistenti (in particolare i controlli dentistici), scarsa i- tri settori si avvantaggiano del lavoro stagionale a basso
giene, incapacit di pagare le divise e i materiali scolastici costo.
ogni anno, mancanza di svaghi e di occasioni culturali, in-
capacit di viaggiare fuori dalla propria citt.
Sono soprattutto le donne a ritrovarsi in condizioni di
povert senza via di uscita poich non possono contare su
prospettive diverse di lavoro. La dipendenza il filo con- ABBIAMO AFFITTATO UN APPARTAMENTO IN CITT
duttore nella vita di centinaia di migliaia di donne costret- E LA COSA PI DIFFICILE RIUSCIRE A PAGARE IL
te ad adattarsi a qualunque condizione di impiego. La RISCALDAMENTO IN INVERNO. NON OSO GUARDA-
povert pu condurre a situazioni di disperazione: i salari RE LA BOLLETTA QUESTO MESE, SE NON PAGHIA-
tanto bassi da non soddisfare le esigenze fondamentali im- MO PER DUE MESI CONSECUTIVI, CI STACCANO
pongono la ricerca di altre fonti di reddito, che possono DALLA RETE. I PREZZI CONTINUANO A SALIRE. I
comportare la rinuncia alle protezioni sociali, laccettazio- NOSTRI GENITORI, CHE LAVORANO IN SPAGNA, CI
ne di lavori stagionali in qualche paese dellEuropa occi- INVIANO DENARO QUANDO POSSONO, SOLO COS
dentale, o addirittura lingresso nella schiavit del debito. POSSIAMO ANDARE AVANTI.
I ricercatori hanno trovato in prossimit delle fabbriche
avvisi pubblicitari con lofferta di prestiti. TUTTI IN FABBRICA FANNO DEBITI PER ARRIVARE
I salari da povert obbligano a mettere in atto strategie di ALLA FINE DEL MESE.
sopravvivenza che raddoppiano o triplicano i carichi di la- RISPARMIARE? NON CI AVANZA NIENTE DELLA PAGA.

LE STORIE DI ANNA E DI KRISZTINA DALLA ROMANIA

La paga non sufficiente a coprire le spese quotidiane di per lui. Ma ci che ci ha permesso di sopravvivere. Per
Anna e dei figli. Abbiamo un mutuo da pagare, che ci nutrire la famiglia Krisztina continua a lavorare in cam-
costa 88 euro al mese. Paghiamo 66-88 euro per pagna. Abbiamo un orto e qualche animale. Non potrei
lelettricit ogni mese e 221 euro per il riscaldamento permettermi di acquistare carne in macelleria, per esem-
dellinverno. A settembre ci sono i libri di scuola e i pio del petto di pollo. Ecco perch ogni giorno devo
vestiti da comprare per i bambini. Cerchiamo di vivere anche prendermi cura degli animali. Il tempo a dispo-
nel modo pi semplice e compriamo i prodotti igienici sizione per le attivit agricole poco perch Krisztina
meno cari. Non possiamo permetterci creme per il corpo lavora regolarmente di sabato. Quando sia io e che mio
o altri prodotti oltre al sapone e allo shampoo. marito siamo al lavoro, ci pensa mia sorella ad accudire
gli animali. Il sogno di Krisztina di andare in vacanza
Risparmiare qualche soldo impossibile per Krisztina e con la famiglia. Non siamo mai stati in vacanza, a parte
la sua famiglia. Spendiamo tutto quello che abbiamo una scampagnata fuori dal villaggio. Non abbiamo i
per le esigenze quotidiane e qualche volta non arriviamo soldi per andare al mare, o in montagna, o allestero. La
alla fine del mese. Per fortuna i negozianti ci conoscono mia speranza di poter un giorno offrire una vacanza ai
e ci consentono di acquistare a credito. Non vogliamo miei bambini.
chiedere prestiti e per questo mio marito ha preso
unaspettativa di 5 mesi dalla fabbrica ed andato a
lavorare in un cantiere in Germania. stato molto duro
Giugno 2016 21

PER RACIMOLARE IL DENARO CHE SERVE A PAGARE 5.2 LAVORO STRAORDINARIO E CONGEDI
IL RISCALDAMENTO INVERNALE, MIO MARITO
ANDATO A LAVORARE IN GERMANIA PER QUALCHE Illegalit nelle ore di straordinario
MESE IN UN CANTIERE. ECCO I NOSTRI RISPARMI. e nella loro remunerazione
Sebbene in tutti i paesi analizzati il normale orario di lavo-
NEI QUATTORDICI ANNI CHE HO LAVORATO IN ro sia di 40 ore per 5 giorni alla settimana, in Albania, Ma-
QUESTA FABBRICA, C STATO UN SOLO ANNO IN cedonia, Bosnia Erzegovina e Romania, stando alle
CUI NON HO AVUTO PRESTITI DA RESTITUIRE ALLA testimonianze delle lavoratrici, il sabato considerato una
BANCA. DAL MOMENTO CHE ABBIAMO UN REDDITO normale giornata lavorativa remunerata in straordinario in
STABILE, ABBIAMO POTUTO CHIEDERE UN PRESTITO modo non regolare o non remunerata del tutto. una siste-
PER COMPRARE IL FRIGORIFERO. SENZA PRESTITI ma molto diffuso soprattutto in Albania. difficile che le
NON POTREMMO MAI PERMETTERCI ALCUNE COSE, lavoratrici possano rifiutare il lavoro del sabato, per farlo
MA SE PERDESSIMO IL LAVORO, SAREMMO NEI devono produrre un certificato medico che attesti che sono
GUAI CON LA BANCA, E QUESTO CI FA PAURA. ammalate. Inoltre, dai racconti emerge che il salario mini-
mo legale pagato per intero solo se si lavora anche di sa-
QUESTA LAVORATRICE HA CONTRATTO MOLTI bato. Nella fabbrica oggetto della nostra indagine in Bosnia
DEBITI E VERSA UN TERZO DEL SUO SALARIO ALLA Erzegovina, le lavoratrici hanno dichiarato di ricevere un
BANCA, E DOVR CONTINUARE A FARLO PER I semplice forfait a remunerazione del lavoro straordinario,
PROSSIMI 3 ANNI. UN ALTRO LAVORATORE HA e che la cifra percepita non ha alcuna attinenza con le ore
RACCONTATO CHE VERSA LA MET DEL SUO SALA- realmente prestate. I ricercatori in Bosnia Erzegovina nota-
RIO PER RIPAGARE UN PRESTITO CHE HA CONTRAT- no: Le lavoratrici dichiarano di non effettuare lavoro stra-
TO PER 3 ANNI CON LA BANCA. MOLTI DEI PRESTITI ordinario, ma se gli si chiede quanti sabati lavorano al
SERVONO AD ACQUISTARE ELETTRODOMESTICI, mese, rispondono ogni sabato o 2-3 sabati al mese. Sebbene
COME FRIGORIFERI, TELEVISORI, ALTRIMENTI la legge del lavoro nella Repubblica Serba (di Bosnia Erze-
INACCESSIBILI AI LIVELLI RETRIBUTIVI ATTUALI. govina) stabilisca che ogni ora oltre le 40 settimanali debba
Lavoratrici rumene essere considerata lavoro straordinario e debba essere retri-
buita a una tariffa superiore, questo non accade a nessuna
delle lavoratrici intervistate. Per loro il lavoro effettuato

LA STORIA DI SUZANA DALLA BOSNIA ERZEGOVINA

Suzana (nome di fantasia) ha 37 anni. Lavora dal 2012 in assentata per i problemi respiratori di cui soffre, le
un calzaturificio in Bosnia Erzegovina che produce per stata fatta una trattenuta di 51 euro. Il suo salario
conto di noti marchi internazionali. Suzana sposata e mensile non supera i 215 euro. Suzana racconta che le
ha due figli dei quali si occupano il marito e la suocera condizioni di lavoro sono molto dure, in fabbrica in
quando lei al lavoro. Il marito disoccupato e lavora funzione un gran numero di macchine e il calore che
occasionalmente come imbianchino. Vivono con i emettono peggiora i suoi problemi respiratori.
genitori del marito in una casa a due piani in una zona
urbana. Suzana si alza alle 6,00 e prima di andare al La famiglia di Suzana spende quasi tutta la sua paga
lavoro cucina per la famiglia. Per completare la sua (circa 204 euro al mese) in generi alimentari. Per
quota di produzione deve lavorare 45 ore al mese e, di lelettricit e lacqua se ne vanno circa 51 euro, il
regola, un sabato s e uno no. Suzana non riceve premi telefono e internet costano altri 41 euro. La casa
se produce pi del limite prefissato, ma se non lo riscaldata a legna e i costi sono elevati (358 euro circa
raggiunge, viene penalizzata, per questo motivo si sente per tutto linverno). Bench i figli siano il primo dei
sempre sotto pressione. Se ci sono ordini urgenti da suoi pensieri, Suzana compra raramente indumenti e
evadere, deve lavorare anche pi di due sabati al mese. scarpe per loro. Suzana vorrebbe fare qualcosa per
Il lavoro straordinario dato per scontato, il datore di cambiare la situazione, ma non vede alternative.
lavoro non ha bisogno di richiederlo. difficile ottenere molto preoccupata per il futuro dei figli, ed solo per
un periodo di ferie o di malattia. Quando Suzana si questo che continua a fare il suo lavoro.
22 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

nelle giornate di sabato una prestazione dovuta. Molte Assenze per congedo
lavoratrici hanno raccontato di essere pagate a cottimo, ma La legge d diritto ai lavoratori a un congedo annuale (di
non sanno come sia calcolato il loro salario n come si ri- norma 20 giorni), congedi per festivit pubbliche, congedi
flettano in busta paga le ore straordinarie. per malattia o parentali, e congedi non retribuiti per moti-
Le ragioni per richiedere prestazioni straordinarie va- vi personali. La realt molto diversa. Ad eccezione della
riano da fabbrica a fabbrica e possono avere cause diverse, Polonia, in tutti gli altri paesi le lavoratrici hanno dichia-
per esempio una cattiva gestione della produzione, tempi rato di avere difficolt a ottenere un congedo per malattia,
di consegna serrati, picchi stagionali negli ordini o quote per gravi motivi familiari o per le ferie annuali. In assenza
eccessive di produzione assegnate a ciascun lavoratore. di ordinativi, tuttavia, capita che debbano rimanere a casa
Quali che siano i motivi, le ore straordinarie non fanno che in congedo non retribuito. Anche in questo caso lAlbania
aggiungersi ai carichi quotidiani che i lavoratori, e in spe- si distingue per le peggiori condizioni: i dipendenti di una
cial modo le donne, devono sostenere, e molti intervistati fabbrica hanno dichiarato di poter fruire solo di 3-4 giorni di
dichiarano di sentirsi fisicamente esausti. ferie dei 20 di cui avrebbero diritto, ma senza essere retri-
buiti. Dalle testimonianze raccolte risulta che si tratta di
un fenomeno diffuso. Le lavoratrici albanesi lamentano
anche di dover lavorare durante le festivit e di percepire
NON HO MOLTO TEMPO DA DEDICARE AI MIEI la stessa paga dei normali giorni lavorativi.
FIGLI. QUANDO TORNO DAL LAVORO, SONO TROPPO
STANCA PER FARE QUALSIASI COSA 5.3 RAPPRESENTANZA
DEGLI INTERESSI DEI LAVORATORI
NON HO MAI UN MOMENTO LIBERO. QUANDO
RIENTRO DAL LAVORO, MI DEVO OCCUPARE DELLA I ricercatori hanno osservato che i lavoratori nutrono scarsa
CASA, DEI BAMBINI, DEGLI ANIMALI. LA DOMENICA fiducia nella possibilit di migliorare le loro condizioni di
LUNICO GIORNO IN CUI POTREI TIRARE UN PO IL lavoro. I sindacati godono di poca stima ed comunque for-
FIATO, MA DEVO COMUNQUE CUCINARE PER TUTTA te il timore che difendere i propri diritti in forma organizza-
LA SETTIMANA. SONO SEMPRE STANCA ta possa incontrare lostilit dei superiori. Inoltre, mancano
Lavoratrici rumene forme di interlocuzione: nellindustria dellabbigliamento e
delle calzature sono attive solo alcune sigle sindacali e qua-
si nessuna organizzazione per i diritti umani si occupa spe-
cificamente dei diritti dei lavoratori. Ricerche sul campo
nella regione presa in esame rilevano la mancanza di una
PREMI PER CHI NON SI AMMALA E cultura dellorganizzazione collettiva sia da parte dei lavora-
TRATTENUTE ARBITRARIE tori sia da parte delle organizzazioni sindacali tradizionali.
Dalla nostra ricerca sul campo risulta che normale
Tuttavia, proprio questo aspetto, ovvero la natura origina-
amministrazione nelle fabbriche riconoscere premi
ria del sindacato, che andrebbe rafforzato se si vogliono ope-
presenza, prendere provvedimenti disciplinari per i ritardi e
rare dei cambiamenti concreti. La tendenza a una forte
praticare trattenute per eventuali errori commessi durante il
compressione dei salari e dei costi di produzione, che si ac-
lavoro o per disaccordi con i superiori.
compagna alla minaccia di delocalizzazione, sono fattori che
rendono indispensabili forme di cooperazione su base regio-
In SLOVACCHIA si ricevono incentivi se non ci si assenta per
nale e internazionale. Il processo di emancipazione dei lavo-
malattia. Presso una filiale di Rieker, i dipendenti hanno
ratori calzaturieri e dellabbigliamento nei paesi europei a
raccontato di ricevere il 4% del loro salario sotto forma di
basso reddito pu ricevere stimolo dalla condivisone di o-
premio presenza. Una situazione simile stata riscontrata in
biettivi e dal vicendevole scambio di esperienze tra le orga-
una filiale di Gabor, qui i dipendenti possono percepire un
nizzazioni sindacali e le reti di solidariet internazionale,
premio di 30 euro se non si assentano per malattia. Premi
che imparano a lavorare insieme con reciproco vantaggio. Ne
presenza sono assegnati anche presso una filiale di Ecco.
un esempio lesperienza di collaborazione che maturata
tra le formazioni sindacali di pi recente costituzione, come
In BOSNIA ERZEGOVINA sono comuni provvedimenti
Novi Sindikat in Croazia e la Clean Clothes Campaign.
disciplinari e trattenute (fino al 10% del salario) se vengono
commessi errori o se si danneggiano i prodotti durante il
processo di fabbricazione.
AVERE UN SINDACATO CI SAREBBE UTILE.
In POLONIA si riceve un premio presenza annuale alla fine
CI TRATTANO MALE, NON ABBIAMO VOCE E NIENTE
dellanno se non si usufruito del congedo per malattia
DA DIRE. FRA DI NOI C GENTE CHE LAVORA DA
12-13 ANNI SENZA RIUSCIRE A FARSI ASCOLTARE DA
NESSUNO Lavoratrice polacca
Giugno 2016 23

I CAPI VENGONO DALLA GERMANIA O DALLAU- Si possono indire scioperi solo per difendere gli interessi
STRIA; DA LORO NON C NIENTE DA ASPETTARSI. economici dei lavoratori e qualora uno sciopero superi la
IL PADRONE CHE DETTA LEGGE Lavoratrice slovacca durata di 20 giorni, pu essere imposto un arbitrato obbli-
gatorio. Se un tribunale dovesse giudicare uno sciopero il-
legale, lorganizzazione sindacale che lha proclamato
sarebbe tenuta a pagare i danni e i suoi vertici potrebbero
Nei paragrafi che seguono riportiamo alcune osservazioni, essere licenziati90.
frutto delle nostre indagini, che riteniamo meritevoli di at-
tenzione Il Sindacato come operazione cosmetica aziendale?
Abbiamo raccolto testimonianze di lavoratori in Romania e
Conflitti di lavoro Albania che affermano che i rappresentanti sindacali sono
Lunico conflitto di lavoro nellindustria calzaturiera che ab- stati messi al loro posto per migliorare limmagine della-
bia avuto risonanza pubblica, e che i ricercatori hanno men- zienda e che non si sono mai prodigati per promuovere gli
zionato nella loro indagine, stata la protesta silenziosa interessi dei lavoratori. Nonostante la presenza di unorga-
nello stabilimento di ECCO a Martin (Slovacchia) nel 2011, nizzazione sindacale, le retribuzioni dei dipendenti di uno
organizzata dal sindacato IOZ. Scopo della protesta era cam- stabilimento rumeno oggetto della nostra indagine non
biare le condizioni di lavoro e, in particolare, denunciare si- hanno mai superato negli ultimi dieci anni il minimo lega-
tuazioni di mobbing in fabbrica.88 Secondo il racconto di una
lavoratrice: La direzione respingeva a priori ogni richiesta
[del sindacato], ma il sindacato non si dava per vinto []
Lanno scorso stato organizzato uno sciopero per chiedere RAPPORTO DI LAVORO TRIANGOLARE SULLA
paghe pi alte, migliori condizioni di lavoro, provvedimenti
BASE DI CONTRATTI DI DIRITTO CIVILE:
contro la polvere e i rumori. Si cambia solo se c la volont
UN MODO PER ELUDERE I DIRITTI DEI
di farlo. Penso che lo sciopero sia servito a qualcosa. Delle
LAVORATORI
dodici che abbiamo esaminato, questa lunica fabbrica
dovera presente una rappresentanza sindacale che i lavora-
Dalle testimonianze raccolte fra i dipendenti di una fabbrica
tori hanno giudicato attiva e affidabile.
polacca risulta che il personale viene reclutato non solo per
assunzione diretta, ma anche tramite agenzie per il lavoro
Contrattazione collettiva nellindustria delle calzature
interinale sulla base di contratti di diritto civile. Questa
In Slovacchia e in Bosnia Erzegovina abbiamo trovato con-
fattispecie contrattuale prevede lassegnazione di
tratti di categoria che per alcune voci, quali retribuzioni e
specifiche mansioni da espletare entro un lasso di tempo
straordinario, sono peggiorativi delle leggi nazionali del la-
predefinito. Non si tratta di veri e propri contratti di lavoro.
voro. In Slovacchia il contratto aziendale pu consentire 250
Le agenzie interinali sono tenute al pagamento delle tasse
ore annuali di straordinario quando la legge prescrive non
e a versare i contributi sociali obbligatori, ma con aliquote
debbano essere superate le 150 ore. Un sindacalista ha am-
ridotte. La legge del lavoro, che disciplina i livelli retributivi
messo che nella contrattazione decentrata pu capitare che
minimi, i congedi per malattia, maternit e ferie annuali,
gli accordi vengano stipulati al ribasso rispetto alla normati-
non si applica a questo tipo di contratti, consentendo di
va nazionale. Anche questo aspetto contribuisce a rendere il
fatto ai datori di lavoro di assumere per via indiretta
settore particolarmente attraente per gli investitori.
personale che non pu godere di tutte le tutele previste
dalla legge. Per quanto legali per lo stato polacco, questi
Ostacoli alla contrattazione collettiva in Romania
contratti di diritto civile sono comunemente conosciuti
Il codice del lavoro rumeno stato riformato nel 2011ed
come contratti spazzatura. I rapporti di lavoro triangolari
stata adottata una nuova legge sul dialogo sociale. Il pro-
pongono notevoli ostacoli ai lavoratori, rendendo per
cesso di contrattazione collettiva ha subito modifiche so-
esempio difficile formare rappresentanze sindacali a difesa
stanziali in virt delle nuove normative. stato abolito il
dei loro diritti. Le interviste hanno messo in evidenza che, a
livello nazionale della contrattazione che fissava i minimi
fronte di contratti di diritto civile, le paghe corrisposte sono
retributivi e le condizioni generali per lintero settore pro-
inferiori ai minimi legali, e notevolmente inferiori in casi di
duttivo. La decentralizzazione ha comportato incertezze e
assenza per malattia. Al fine di evitare abusi
ha di fatto bloccato il processo contrattuale89. Per avere di-
nellapplicazione di questo tipo di contratti e per riallineare
ritto a partecipare alla contrattazione collettiva di livello
le quote contributive obbligatorie a quelle delle normali
nazionale, una sigla sindacale deve contare su un numero
forme di inquadramento, dal 2016 la normativa cambiata,
di iscritti pari ad almeno il 5% della forza lavoro comples-
ma nonostante questo le disposizioni del codice del lavoro
siva e disporre di strutture territoriali in pi della met dei
continuano a non avere completa efficacia per i rapporti di
comuni presenti a livello nazionale. Per poter sottoscrivere
lavoro disciplinati dal diritto civile.
accordi aziendali, occorre aver raggiunto un numero di i-
scritti pari ad almeno il 50% pi uno dei suoi dipendenti.
24 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

le. Un intervistato ha commentato: Alcuni colleghi fanno Le ricerche sul campo confermano il timore generalizzato di
parte del sindacato, ma servono solo a migliorare limma- perdere il posto se ci si lamenta delle condizioni di lavoro,
gine dellazienda. Non ricordo che abbiano mai preso ini- timore che pu sfociare in un atteggiamento fatalistico rispet-
ziative. I dipendenti di diverse fabbriche albanesi hanno to alla propria capacit di volgere la situazione al meglio.
riferito che i sindacati sono in buoni rapporti con la dire-
zione, e questo rafforza in loro il sospetto che siano in atto
operazioni illecite, come accordi sotto banco, atti di corru-
zione e sottrazione delle quote sindacali. Nessuno dei la- LA DIREZIONE SA CHE NON ABBIAMO ALTERNATIVE
voratori albanesi era in grado di affermare con certezza che DI LAVORO E PER QUESTO NON INVOGLIATA AD
in fabbrica era presente una rappresentanza sindacale n AUMENTARCI LA PAGA Lavoratrice rumena
sapeva come fare per avvicinarla.

Carenza di personale e lavoratori immigranti


Per anni i datori di lavoro e gli investitori internazionali Alcune lavoratrici polacche hanno raccontato che esiste u-
hanno lamentato la carenza di personale qualificato nellin- na clausola nel loro contratto di assunzione che proibisce
dustria dellabbigliamento e delle calzature. Questo argo- di dichiarare quanto guadagnano. In Albania, le persone
mento allordine del giorno anche nellarea geografica che intervistate hanno descritto un ambiente in cui i lavoratori
abbiamo esaminato91. Alcuni datori di lavoro hanno risolto non parlano tra di loro per paura che qualche informazio-
il problema (senza dover per questo aumentare i salari e ne giunga allorecchio dei superiori. La diffidenza recipro-
migliorare le condizioni di lavoro) attingendo a contingenti ca impedisce in questo caso di organizzarsi a difesa dei
di lavoratori stranieri, provenienti dalla Mongolia, dallU- comuni interessi.
craina e dalla Repubblica Ceca92. Il reclutamento avviene in Nelle parole di una lavoratrice rumena, la paura di per-
genere per iniziativa degli uffici del lavoro, ma questo non dere il posto di lavoro rappresenta un deterrente potente:
mette i lavoratori al riparo da abusi e in qualche caso da Se ci lamentiamo con loro, i nostri superiori ci invitano
forme di assunzione svantaggiose e precarie. Il processo in ad andarcene, se non siamo contenti del lavoro. Sanno be-
corso, che fa leva sulla vulnerabilit e la dipendenza dei ne che non possiamo farlo perch non abbiamo alternative.
lavoratori immigrati, produce parallelamente ancora pi Ma se la confrontiamo con altre fabbriche, che non danno
pressione sulle condizioni di lavoro generali. proprio niente, questa almeno ci garantisce un buono pa-
Libert di espressione o bavaglio? sto al giorno e paga puntualmente. Cosa possiamo fare?
Stiamo qui. La paura di venire licenziate affiora in egual
misura nei racconti delle lavoratrici slovacche e polacche.
Caso di studio: CALZATURIFICIO RUMENO In Bosnia Erzegovina stato riferito il caso del direttore di
uno stabilimento che usa un atteggiamento particolarmen-
Le lavoratrici che abbiamo incontrato vengono retribuite te aggressivo e intimidatorio potendo contare su unimpu-
il minimo ufficiale di 232 euro lordi, con la possibilit di nit che gli deriva da conoscenze a livello governativo.
guadagnare di pi lavorando in straordinario, arrivando in
questo modo, quando va bene, a una cifra netta di 177- 5.4 SALUTE E SICUREZZA, ISPEZIONI
221 euro, incluse le ore extra. Lavorando normalmente, NEI LUOGHI DI LAVORO
esse non metterebbero in tasca pi di 154 euro netti. Due
volte al mese almeno lavorano di sabato dalle 6,00 alle LOrganizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) stabili-
14,00. Nel 2015, in presenza di un alto volume di sce nel suo atto costitutivo che i lavoratori devono godere
ordinativi, hanno lavorato quasi ogni sabato. Lo di protezione da qualsiasi tipo di disagio, malattia o infor-
straordinario imposto e difficilmente lo si pu rifiutare. tunio insorti per cause di lavoro. La normativa nellambi-
Pu essere un problema rifiutare gli straordinari. La to della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro vasta93. La
fabbrica non mette a disposizione mezzi di trasporto fabbricazione di calzature comporta limpiego di un gran
prima che siano finite le ore straordinarie. numero di sostanze chimiche potenzialmente nocive,
Se si ha un problema di salute, si pu chiedere di non indispensabile pertanto mettere in atto misure di protezio-
fare gli straordinari, ma chi vuole mantenere buoni ne adeguate. Nel corso delle nostre indagini abbiamo potu-
rapporti con i superiori, non pu lasciare il lavoro. Se to fare affidamento solo sulle testimonianze dei lavoratori.
vogliamo evitare il lavoro di sabato, dobbiamo scrivere In tutti e sei i paesi non sono disponibili, o non sono acces-
una richiesta alla direzione, spiegando perch non sibili, informazioni specifiche in merito alle malattie pro-
possiamo presentarci al lavoro. Devono essere motivi seri, fessionali o ai rischi per la salute nel settore preso in
per esempio la malattia di un figlio, o la presentazione di considerazione. Mancano inoltre informazioni sui risultati
un certificato medico, se la richiesta ci riguarda delle ispezioni eseguite dagli organi preposti ai controlli.
personalmente. Diversamente si finisce nei guai. Nelle interviste le lavoratrici rilevavano poca o nessuna
attenzione da parte dei superiori per le questioni attinenti
Giugno 2016 25

alla salubrit e alla sicurezza degli ambienti di lavoro. Ve- rente di episodi di corruzione degli ispettori del lavoro e
nivano riportate situazioni di disagio derivanti da tempe- di colleghi assunti in nero tenuti nascosti in occasione di
rature eccessivamente alte o basse, scarsit di igiene, visite ispettive.
mancanza di areazione, rumorosit o polverosit eccessive,
malattie professionali di varia natura, e praticamente nes- Svenimenti e colpi di calore
suna misura di prevenzione (corsi di formazione, uso di Fra i numerosi problemi che
dispositivi di protezione individuale, congedi mirati o re- abbiamo osservato, uno dei pi
golari controlli medici). frequenti riguarda lesposizio-
Gli autori del presente rapporto hanno constatato con ne a livelli di temperatura disa-
preoccupazione che labuso di modelli produttivi basati gevoli: eccessivamente alti
sul cottimo aumenta i rischi a cui sono esposti i lavoratori, destate, eccessivamente bassi
dal momento che per completare pi speditamente le dinverno. Una lavoratrice slovacca ha dichiarato: In esta-
quote di produzione assegnate, sono indotti a rinunciare te il caldo insopportabile, questanno abbiamo chiamato
alluso di alcuni dispositivi di protezione individuale, co- sei volte lambulanza perch ci sono stati malori per colpi
me per esempio i guanti. di calore. In tutti i paesi esaminati abbiamo raccolto testi-
monianze simili.
Ispezioni del lavoro Cadono come mosche, poverine, ha commentato Do-
In base alla convenzione n. 81 dellILO, che tutti i paesi rel Mituletu, vicesindaco di Calafat, parlando delle condi-
analizzati hanno ratificato, gli ispettori del lavoro sono au- zioni di caldo eccessivo nelle fabbriche rumene durante
torizzati ad accedere ai luoghi di lavoro liberamente e sen- lestate. Mituletu ammette che il lavoro in fabbrica este-
za necessit di preavviso in qualsiasi momento. I risultati nuante, e in modo particolare destate, quando si registra
delle ispezioni sono coperti dallobbligo della riservatezza un gran numero di svenimenti. Nel luglio dello scorso an-
e i relativi verbali devono essere inoltrati almeno una volta no, Cristina, una lavoratrice rumena, ha assistito allo sve-
allanno agli uffici centrali dellIspettorato del lavoro i nimento di tre colleghe del suo reparto per il gran caldo.
quali pubblicheranno una relazione annuale di carattere Ricordava un supervisore italiano che si prendeva gioco di
generale contenente informazioni sulle attivit svolte. In loro dicendo che di questo passo avrebbe dovuto scavare
nessuno dei paesi esaminati stato possibile ottenere in- un cimitero in cortile. Aveva voglia di scherzare, ha
formazioni sulle visite ispettive effettuate e sui relativi ri- commentato Cristina con rassegnazione94.
sultati. In Macedonia, per esempio, i rapporti relativi agli Nel luglio 2015 ha fatto notizia la morte di una dipenden-
accertamenti eseguiti non erano disponibili nonostante un te dellazienda tessile Jaja Mezler nella citt di Stip, in Ma-
obbligo di legge preciso alla pubblicazione. cedonia. Un articolo di stampa riferiva della tragica morte di
Nessuna delle lavoratrici intervistate stata personal- unoperaia di 58 anni uccisa da un arresto cardiaco provoca-
mente coinvolta in unispezione del lavoro. Le persone in- to dalle temperature eccessive nei locali di lavoro95.
tervistate in Macedonia, Polonia e Slovacchia hanno
riferito di aver visto degli ispettori in fabbrica, ma lim- Le condizioni igieniche riscontrate in una fabbrica di
pressione generale che si trattasse di visite annunciate, scarpe outdoor in Romania erano deprecabili. I servizi
che erano state concordate in anticipo. Le lavoratrici po- igienici erano delle semplici latrine e le lavoratrici si
lacche hanno raccontato di preparativi messi in atto lamentavano per gli odori insopportabili.
prima delle ispezioni: Le visite sono preannunciate, esi-
stono anche delle direttive su come procedere durante gli
accertamenti. Ci si toglie i grembiuli e comincia la messin-
scena [] Quando arriva lispettore tutti conoscono la NEI BAGNI C UNA PUZZA INDICIBILE. ABBIAMO A
propria parte. Non possibile interloquire direttamente DISPOSIZIONE UNA SOLA LATRINA, E IMMAGINA LE
con lispettore. Il nuovo governo polacco ha ridotto dal CONDIZIONI QUANDO 200 DONNE USANO LO STESSO
2016 le risorse economiche disponibili per gli ispettorati SERVIZIO IGIENICO. IL FETORE IMPREGNA I VESTITI E
del lavoro. Le organizzazioni sindacali hanno il diritto di TI RIMANE ADDOSSO DOPO UNA GIORNATA DI
consultare i verbali di ispezione, ma dal momento che non LAVORO. DESTATE INDOSSO SOLO IL CAMICE,
esistono rappresentanze sindacali attive nel comparto LAVORIAMO TUTTI IN UN BAGNO DI SUDORE. NON C
dellabbigliamento e calzature, nessuno se ne occupa. ACQUA DA BERE, SOLO ACQUA DEL RUBINETTO, CHE
Le lavoratrici intervistate in Albania, Bosnia Erzegovi- NON POTABILE. I LOCALI DI LAVORO SONO SATURI
na e Romania non hanno mai partecipato a un corso di for- DI POLVERE, E PER GIUNTA TOCCA A NOI FARE LE
mazione su salute e sicurezza o su qualsiasi altra misura di PULIZIE. CI SIAMO LAMENTATE MOLTE VOLTE PER
prevenzione. Un lavoratore macedone ha dichiarato che LODORE INSOPPORTABILE NEI BAGNI, MA NON
quando un collega ha perso un dito in un incidente, non CAMBIA MAI NIENTE. Lavoratrice rumena
gli stato riconosciuto il risarcimento dovuto per legge.
Alcune lavoratrici albanesi hanno riferito di essere al cor-
26 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

Dispositivi di protezione individuale, respirare male, per questo preferisco proteggermi con un
perdita di produttivit e quote di foulard spruzzato di profumo.
produzione
Il datore di lavoro dovrebbe met- Sostanze tossiche
tere a disposizione gratuitamente i La produzione di calzature
dispositivi di protezione individuale richiede luso di una vasta gamma
(DPI) e dovrebbe accertarsi che siano di sostanze chimiche. indis-
effettivamente utilizzati. In diverse fabbriche esaminate, pensabile pertanto che gli addetti
per esempio alla Gabor in Slovacchia, le lavoratrici hanno siano addestrati a maneggiarle e
raccontato che luso dei DPI facoltativo. In una fabbrica che lazienda abbia predisposto
rumena i dipendenti devono acquistare a proprie spese gli misure adeguate per proteggere la loro salute. I risultati
indumenti da lavoro e gli aghi per cucire. Solo in una fab- delle nostre ricerche sul campo dimostrano al contrario
brica, la Ecco in Slovacchia, i DPI sono obbligatori e il loro che le misure preventive non ricevono la necessaria atten-
uso controllato. zione. Le lavoratrici albanesi hanno segnalato una serie di
Le interviste con le lavoratrici dimostrano che il siste- disturbi, come forti cefalee, mal di stomaco, allergie, cervi-
ma retributivo legato al risultato e lenfasi sulla produttivi- calgie, dermatiti. Una lavoratrice rumena ha affermato: In
t ostacolano notevolmente luso dei DPI. fabbrica ci sono esalazioni nocive. Allinizio mi pareva di
Unoperaia calzaturiera albanese, che fa uso di colle soffocare, ma ormai non ci faccio pi caso. Ci abbiamo fat-
nello svolgimento delle sue mansioni, ha dichiarato che in- to tutti labitudine. Dalle indagini che abbiamo svolto sul
dossare i guanti riduce la precisione e la velocit della la- campo traiamo la conclusione che i calzaturifici sono una
vorazione, e abbassa la qualit del prodotto. Pertanto, se fonte inesauribile di pericolo per la salute di chi ci lavora
vuole soddisfare la quota quantitativa e qualitativa assegna- per la concomitanza di una serie di fattori negativi, quali la
ta, non pu permettersi il lusso di usare guanti protettivi. mancanza di prevenzione, gli elevati obiettivi produttivi e
Una dipendente della filiale slovacca di Rieker ha detto: la compressione dei costi del lavoro. Le persone occupate,
Ho diritto a un paio di guanti e alla mascherina, ma i guan- inoltre, non ricevono le informazioni necessarie sulle tera-
ti intralciano i movimenti e mi impediscono di completare pie adatte alla cura dei problemi di salute dipendenti da
la normale quantit di produzione. La mascherina mi fa cause di lavoro.

Caso di studio: FABBRICA DI SCARPE IN MACEDONIA

La fabbrica d lavoro a circa mille persone, in Quando ci sono ordini da finire, i ritmi di lavoro sono
maggioranza donne. I marchi segnalati dalle persone esasperati: Se il titolare deve completare un ordine di
intervistate sono GEOX, Deichmann e Bata. 9 mila paia di scarpe, per fare un esempio, ne mette 90
I dipendenti soffrono di vari disturbi, per esempio sulla manovia e devono essere finite a tutti i costi.
reumatismi, mal di schiena, allergie, bronchiti e diversi Le lavoratrici intervistate hanno detto di lavorare
altri problemi respiratori. I problemi maggiori sono destate dalle 5 del mattino alle 5 del pomeriggio,
causati dalluso di colle e di sostanze tossiche compresi i sabati e le festivit, e che non vengono
particolarmente aggressive. I dispositivi di protezione corrisposti n le maggiorazioni per straordinario n gli
individuale non vengono forniti regolarmente. incentivi. In periodi di mancanza o di scarsit di
Lavoro qui da 15 anni e solo due volte ci hanno ordinativi, i dipendenti vengono messi a riposo
consegnato le attrezzature. Con il lavoro che facciamo, obbligatorio con una notevole decurtazione salariale.
dovremmo riceverle almeno due volte allanno. La retribuzione netta dichiarata dalle lavoratrici
Lareazione dei locali e il riscaldamento sono intervistate oscilla fra 131 e 226 euro, maggiorazioni
considerati insufficienti. Mi si gelano le mani, ho i per straordinario e incentivi compresi.
brividi di freddo, ma la porta del locale di lavoro Poich il salario minimo legale nel 2015 era pari a 130
sempre aperta, ha detto una lavoratrice, e unaltra ha euro, evidente che alcune lavoratrici non
aggiunto: Oggi hanno riscaldato fino alle 10,30, poi percepiscono neppure la paga base per un normale
hanno spento e ha ripreso a fare freddo. Quando ci numero di ore di lavoro, il che ovviamente contrario
sono stati degli svenimenti, lunico soccorso venuto alla legge. Una lavoratrice aggiunge: Se chiedi a
dai colleghi. Se mi ammalo al lavoro e ho la macchina, qualcuno di aiutarti a leggere la busta paga, nessuno ti
qualcuno mi accompagna allospedale. Ma se non ho la d spiegazioni, tutto quello che hanno da dire che
macchina, mi ci devono portare in carriola. non hai completato la quota di produzione.
Giugno 2016 27

6 ASSENZA DI DIBATTITO PUBBLICO SULLE


QUESTIONI DI GENERE
E DEL LAVORO

risaputo che nei paesi post-socialisti le condizioni di


lavoro nellindustria dellabbigliamento e delle calzature

A:
non sono buone. Il settore gode di pessima fama ed
sinonimo di sfruttamento. Ma ci che i ricercatori hanno
M O D
scoperto supera le loro previsioni: Sono cose dellaltro
E D E LLA p e rai
T I M l i o
VIT pa, g
mondo, mai avrei pensato che condizioni di lavoro tanto
miserevoli potessero esistere nella mia citt.
e i n E u r o
o n d i z ioni
anch no c
Malgrado questo, i diritti e le condizioni di lavoro sono
considerati argomenti tab e, oltretutto, manca qualsiasi tipo
e v i v o
sil
del Tes
di discussione sulla questione del lavoro femminile. Ai
ricercatori non sfuggito che alcune lavoratrici raccontavano
i
difficil
molto volentieri di s e delle loro condizioni di lavoro, ed
erano contente di avere qualcuno disposto ad ascoltarle. Lo
consideravano un sollievo nel loro sconforto. Fra le
lavoratrici albanesi che abbiamo incontrato, qualcuna era
cos disperata da non avere paura di nascondersi dietro uno
pseudonimo. Per favore, aiutateci, cos si rivolta una
lavoratrice ai nostri ricercatori.
Il punto di vista di chi lavora, in particolare la voce delle
donne, viene raramente preso in considerazione dai mezzi
di informazione. Fino alla pubblicazione nel 2014 del cui denunciavo le condizioni di lavoro nellindustria
rapporto Stitched up: salari da povert per i lavoratori dellabbigliamento in Romania e in Bulgaria, ho cominciato
dellabbigliamento nellEuropa orientale e in Turchia96 non a ricevere telefonate anonime, dallaltro capo del filo solo
cerano praticamente notizie sulle condizioni di lavoro. Da borbottii e il suono di un respiro pesante. La direzione
allora qualche articolo stato pubblicato, per esempio Il della fabbrica di Calafat, prosegue Laura Stefanut, ha
lato oscuro del paradiso tessile macedone di Georgi raccontato ai lavoratori che il mio articolo aveva allontanato
Pulevski97 e Fashion victims: anche nella UE si produce i clienti, alcuni di loro fra i marchi pi noti del settore, e che
abbigliamento in pessime condizioni di lavoro di Laura la conseguenza inevitabile sarebbe stata la perdita di posti di
Stefanut98. lavoro99.
Una presa datto pubblica delle reali condizioni di vita e Il dovere delle imprese di rispettare i diritti umani e del
di lavoro nellindustria europea dellabbigliamento e delle lavoro lungo tutta la catena produttiva sancito a livello
calzature ostacolata da tre ordini di motivi: il timore dei internazionale dai Principi guida delle Nazioni Unite sulle
paesi produttori di perdere i loro margini competitivi, la imprese e i diritti umani. Il primo, fondamentale passo in
paura dei lavoratori di perdere il posto di lavoro, e infine la questa direzione riconoscere lesistenza dei problemi e
repressione e le minacce subite di chi ha avuto il coraggio di dare prova della volont politica di superare gli ostacoli,
esporsi con denunce pubbliche. anzich fingere di non vedere per non rispondere delle
A questo proposito, nel suo blog Laura Stefanut annota: conseguenze delle proprie azioni.
Non molto tempo dopo aver pubblicato il mio articolo in C necessit di una maggiore attenzione generale rispetto
alle condizioni di lavoro nellindustria europea delle
calzature. Le societ democratiche sono quelle in cui ci si
confronta apertamente e pubblicamente sulle questioni
fondamentali del vivere civile, e i mezzi di informazione

EPPURE, PARLARE DI CONDIZIONI LAVORATIVE E


DIRITTI DEI LAVORATORI SEMBRA ANCORA UN TAB.
PER LO PI IL DIBATTITO RIGUARDO AI DIRITTI DELLE
svolgono in questo un ruolo importante perch hanno il
potere di portare alla luce i problemi e di chiamare alle
proprie responsabilit tutte le parti in causa, siano essi
DONNE LAVORATRICI PRATICAMENTE INESISTENTE governi, decisori politici o il mondo delle imprese.


28 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

7 RACCOMANDAZIONI

Invitiamo tutti i governi nazionali: geografico, debba rispettare i diritti umani lungo tutta la
I. ad applicare le leggi del lavoro, con particolare catena di fornitura. importante che limpresa predisponga
riguardo ai salari minimi legali e alle normative che procedure di due diligence in materia di diritti umani in
disciplinano il lavoro straordinario, i congedi, la tutte le sue attivit al fine di identificare, prevenire,
salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro; a rafforzare mitigare e rendere conto degli impatti negativi potenziali
gli enti di sorveglianza, come gli ispettorati del lavoro, ed effettivi sui diritti umani. La due diligence deve essere
in conformit con la convenzione ILO n. 81 e le leggi attuata in modo completo, continuativo e trasparente.
del lavoro nazionali; Questo processo non si esaurisce con le procedure ispettive
II. a fissare un livello minimo retributivo parametrato al e impegna le imprese committenti ad assumersi la loro
costo della vita, e come prima misura, ad aumentare il parte di responsabilit per le condizioni di lavoro nei siti
salario minimo legale a un livello pari ad almeno il produttivi e a non addossarla ai partner commerciali a
60% del salario medio nazionale; valle della filiera. La due diligence deve rivolgersi ai
III. a promuovere la costituzione di una rete di centri di soggetti che subiscono le conseguenze delle attivit di
consulenza legale gratuiti nelle aree a maggior impresa (i lavoratori) e deve prevedere la comunicazione
concentrazione di imprese calzaturiere e in forma pubblica del lavoro svolto.100 In base a quanto
dellabbigliamento. Questi centri devono essere gestiti da esposto, presentiamo di seguito una serie di richieste che
organizzazioni a difesa del lavoro e dei diritti umani; consideriamo essenziali per la risoluzione dei problemi
IV. a promuovere campagne e piani di azione nazionali in riscontrati nella regione oggetto della nostra indagine:
favore dei diritti del lavoro, dei diritti umani e delle
donne; Identificare gli impatti negativi sui diritti umani, per
V. a vincolare legalmente e chiamare a rispondere le esempio evitare che si producano disparit di genere nella
imprese committenti che hanno sede in territori che retribuzione e nella divisione del lavoro; assicurare pari
rientrano nella giurisdizione nazionale per il rispetto opportunit di carriera, e ambienti di lavoro dove non ci
dei diritti umani e del lavoro lungo le catene di siano molestie sessuali.
fornitura internazionali.
Adeguare le prassi aziendali per prevenire e mitigare le
Invitiamo lUnione Europea: violazioni dei diritti umani:
I. a elaborare politiche per la definizione dei minimi - Salario dignitoso: pagare prezzi ai propri fornitori che
salariali in accordo con la Carta sociale europea e la consentano, come prima e immediata misura, di
Carta europea dei diritti fondamentali; a fissare un aumentare le retribuzioni fino a un livello pari al 60%
livello retributivo minimo pari ad almeno il 60% della della media salariale nazionale (stabilizzare gli aumenti
media salariale nazionale; salariali concordati verso il salario dignitoso, aderire a
II. a non far dipendere la concessione di prestiti forme contrattuali basate sugli effettivi costi sostenuti
dallimposizione di politiche salariali restrittive nei dai produttori, coinvolgere i lavoratori a livello
paesi debitori. decisionale affinch gli aumenti salariali raggiungano
III. Gli accordi di associazione e di scambio, i fondi tutti i lavoratori, incorporare gli aumenti salariali nella
EuropeAid (per esempio per linstallazione di impianti parte di retribuzione che d diritto alle assicurazioni
di condizionamento dellaria negli stabilimenti di sociali, stabilire rapporti di collaborazione duraturi con
produzione di scarpe e di abbigliamento) dovrebbero i fornitori in funzione del pagamento dei salari dignitosi).
essere subordinati allosservanza, sottoposta a verifica, - Sistema retributivo: definire forme contrattuali che
delle leggi del lavoro, e del rispetto dei diritti umani consentano ai fornitori di abbandonare le modalit
nei luoghi di lavoro. produttive basate sulle quote di produzione (tenere sotto
controllo i periodi di punta, la programmazione della
Imprese proprietarie del marchio produzione, la struttura dei prezzi e laumento eccessivo
I Principi guida delle Nazioni Unite per le imprese e i dei prezzi al dettaglio; stabilire rapporti commerciali
diritti umani stabiliscono che ogni impresa, duraturi e basati sulla fiducia)
indipendentemente dalle dimensioni o dal contesto - Libert di associazione: impegnarsi concretamente per
Giugno 2016 29

GLOSSARIO

garantire laccesso del sindacato nelle fabbriche e il Salario medio


contatto diretto con i lavoratori, e rendere esplicito ai Il salario medio di tutti i lavoratori dipendenti in un de-
lavoratori che si favorevoli alla libert di organizzazione terminato paese, settore, o azienda (somma totale delle
sindacale. retribuzioni divisa per il numero dei lavoratori dipen-
- Trasparenza: far s che tutti i prodotti siano denti)
completamente tracciabili; pubblicare la lista dei
fornitori, compresi i subfornitori che operano in regime Gratifiche e incentivi
di Traffico di perfezionamento passivo. Elementi aggiuntivi della paga base. Un esempio di in-
centivo il premo di produttivit o di presenza. Si tratta
Rendere conto pubblicamente delle modalit con le quali di voci accessorie che per loro natura non riguardano
sono stati affrontati gli effetti negativi sui diritti umani tutti i lavoratori dipendenti. Nellerogazione delle pre-
delle attivit di impresa mialit si possono verificare abusi. Per esempio, quando
Comunicare pubblicamente riguardo a: lincentivo utilizzato come strumento disciplinare per
- il modo in cui limpresa identifica, mitiga e ripristina i punire le assenze per malattia o per imporre obiettivi di
diritti umani e del lavoro; come sceglie le priorit produzione individuale impossibili e giustificare in
operative e come misura gli effetti negativi delle sue questo modo la mancata corresponsione delle maggiora-
attivit; zioni per straordinario.
- ladozione del salario dignitoso e il suo impatto nei
luoghi di produzione; Contratto collettivo di lavoro
- la lista dei fornitori (fornitori a monte, come le concerie; Accordo stipulato fra uno o pi datori di lavoro e uno o
fornitori di primo livello nelle attivit produttive vere e pi organizzazioni sindacali, che disciplina materie per-
proprie, e fornitori pi a valle della catena di fornitura). tinenti alle prestazioni lavorative, come le retribuzioni, i
trattamenti accessori, la libert di associazione e di rap-
presentanza sindacale, le condizioni di lavoro, e altri di-
ritti e doveri. Il contratto collettivo pu valere in un
ambito territoriale e aziendale ristretto o estendere i suoi
effetti a una regione o un paese in un determinato settore
produttivo. Definisce gli aspetti essenziali del rapporto
di lavoro e viene rinegoziato a scadenze regolari.

Salario lordo
Il salario prima delle trattenute obbligatorie. costituito
dalla paga base, dagli oneri sociali e fiscali a carico del
dipendente. Il salario lordo, pertanto, non la somma
effettivamente percepita sotto forma di reddito disponi-
bile.

Salario dignitoso
Per definizione il salario dignitoso quello che consente
a un lavoratore di mantenere se stesso e la propria
famiglia. La nozione di salario dignitoso rientra a buon
diritto nella disciplina dei diritti umani universalmente
riconosciuti. La Dichiarazione universale dei diritti
umani delle Nazioni Unite stabilisce allarticolo 23 (3):
Ogni individuo che lavora ha diritto ad una
remunerazione equa e soddisfacente che assicuri a se
stesso e alla sua famiglia unesistenza conforme alla
30 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

dignit umana e integrata, se necessario, da altri mezzi di Salario minimo legale/salario minimo obbligatorio
protezione sociale. Inoltre, il diritto a un salario dignitoso Il livello retributivo che deve essere corrisposto come
ribadito in diverse dichiarazioni e convenzioni dellILO: remunerazione minima a tutti i lavoratori dipendenti in
la Costituzione dellILO, 1919; il Preambolo della Carta, la un determinato paese o in un determinato settore
Dichiarazione di Filadelfia, Conferenza del lavoro economico. Il salario minimo legale fa riferimento a un
internazionale 1944; la Dichiarazione dellILO sulla orario di lavoro normale, ovvero quanto i lavoratori
giustizia sociale per una globalizzazione giusta 2008; le hanno diritto a percepire al netto di premi o maggiorazioni
convenzioni n. 131 e 156 (indirettamente) e le per straordinari.
raccomandazioni n. 31 e 135 (indirettamente).
La Clean Clothes Campaign definisce il salario dignitoso Salario minimo legale netto
nel seguente modo: Il salario e il trattamento accessorio Il salario minimo legale effettivamente disponibile dopo
pagati per una settimana normale di lavoro devono lapplicazione delle trattenute obbligatorie (oneri sociali e
corrispondere almeno al livello minimo legale o settoriale fiscali). Poich il salario minimo legale deve essere percepito
e devono essere sufficienti a soddisfare le necessit a fronte di un orario di lavoro normale, il salario minimo
fondamentali del lavoratore e della sua famiglia e garantire legale netto non comprende la remunerazione delle voci
una parte di reddito discrezionale. accessorie, come premi e maggiorazioni per straordinari.
Pi precisamente:
- il salario dignitoso si applica a tutti i lavoratori (il Salario netto
che significa che non ci posso essere livelli Il salario effettivamente disponibile dopo lapplicazione
retributivi inferiori a quello fissato per il salario delle trattenute obbligatorie (oneri sociali e fiscali). Pu
dignitoso), essere percepito in una settimana normale di lavoro come
- deve essere corrisposto per una settimana di lavoro remunerazione base o pu comprendere i premi e le
standard (40 ore nei paesi presi in esame nel maggiorazioni per straordinario.
presente rapporto),
- il salario netto base dopo le tasse e (ove
applicabile) prima di gratifiche, premi e
maggiorazioni per straordinari,
- soddisfa le necessit fondamentali di una famiglia di
4 persone (2 adulti e 2 figli)
- comprende una quota addizionale del 10% dei costi
per le necessit fondamentali sotto forma di reddito
discrezionale.
Giugno 2016 31

NOTE

1 Poich il 70-80% degli occupati del settore 18 World-Footwear Book 2015: principali for subcontracting companies: http://
sono donne, abbiamo scelto di tradurre partner commerciali p. 32, 41, 91, 94, 99 economice.ulbsibiu.ro/revista.economica/
quasi sempre con lavoratrice/lavoratrici 19 http://wits.worldbank.org/CountryProfile/ archive/67412girneata.pdf
le parole inglesi worker/workers, che Country/MKD/Year/2014/TradeFlow/Export/ 33 Stitched up Poverty wages for garment
mancano di una definizione di genere, ndt Partner/all/Product/64-67_Footwear. Visitato workers in Eastern Europe and Turkey,
2 CBI Market Intelligence, Ministry of Foreign il 19/10/2015 Christa Luginbhl and Bettina Musiolek,
Affairs 2015: https://www.cbi.eu/sites/ 20 Ministero degli Affari Esteri ed Economici 2014: https://www.evb.ch/fileadmin/files/
default/files/trade-statistics-europe-footwe- della Bosnia Erzegovina, Analysis of foreign documents/CCC/2014_D_CCC-Report-Stit-
ar-2015.pdf, p. 12 trade of Bosnia and Herzegovina 2014 ched_Up.pdf, p. 19-20
3 2011: 21 miliardi di paia di scarpe; 2015: 21 http://aida.gov.al/pages/clothing-and- 34 Schmidt, Verena, Vaughan-Whitehead, Daniel
24,3 miliardi di paia di scarpe (World shoes, visitato il 15/03/2016 (2011): The Impact of the Crisis on Wages in
Footwear 2011; 2015) 22 http://www.independent.mk/articles/16981/ South-East Europe. ILO Geneva: http://www.
4 Si tenga presente che le stime relative alla Macedonian+Grey+Economy+Reduced+- ilo.org/wcmsp5/groups/public/---europe/---ro-
produzione, al consumo, allimport/export But+Number+of+Unregistere- geneva/---sro-budapest/documents/
variano a seconda delle fonti. Abbiamo posto d+Young+Workers+still+High, visitato il publication/wcms_172434.pdf
cura nella raccolta di dati coerenti, tuttavia 4/11/2015 35 Valentina Vasile (2011): Romania: Restrictive
possono evidenziarsi alcune discrepanze. 23 Stime basate su indagini precedenti. Vedi wage policies alongside poor crisis
5 Footwear Yearbook (WFY, 2015), http:// anche:J. Charmes et al., Measuring informali- management. In: Schmidt, Verena,
www.worldfootwear.com/store.asp?link=S- ty: a statistical manual on the informal sector Vaughan-Whitehead, Daniel (2011): The
tore, p. 5 and informal employment, (Geneva, 323p, Impact of the Crisis on Wages in South-East
6 Footwear Yearbook (WFY, 2015), http:// 2013).B. Musiolek, Decent Work in the Europe. ILO Geneva, pp. 248/249: http://
www.worldfootwear.com/store.asp?link=S- Informal economy - Central and Eastern www.ilo.org/wcmsp5/groups/public/---euro-
tore, p. 5 Europe / Commonwealth of Independent pe/---ro-geneva/---sro-budapest/documents/
7 Footwear Yearbook (WFY, 2015), http:// States region, background paper forILO, publication/wcms_172434.pdf
www.worldfootwear.com/store.asp?link=S- informal sector unit, (Geneva 2002) 36 Valentina Vasile (2011): Romania: Restricti-
tore, p. 7; stima del consumo totale 24 Lista OCSE-DAC dei paesi destinatari di ve wage policies alongside poor crisis
mondiale: 19,39 miliardi di paia di scarpe aiuti allo sviluppo management. In: Schmidt, Verena,
8 Footwear Yearbook (WFY, 2015), http:// 25 CBI Market Intelligence, Ministry of Foreign Vaughan-Whitehead, Daniel (2011): The
www.worldfootwear.com/store.asp?link=S- Affairs: https://www.cbi.eu/market-informa- Impact of the Crisis on Wages in South-
tore, p. 15 tion/footwear/buyer-requirements/ East Europe. ILO Geneva
9 Consumi totali: 3,3 miliardi di paia di 26 Legge 84/1992 sulle zone franche , http:// 37 Tassi di cambio applicati per questo
scarpe; produzione totale in Europa: 729 www.cdep.ro/pls/legis/legis_pck.htp_act_ rapporto all1/1/2016: www.oanda.com
milioni di paia di scarpe = 22%; circa il 90% text?idt=13151 38 Schulten, Thorsten (2012): European
delle scarpe prodotte sono vendute in 27 Ordinanza durgenza del governo rumeno Minimum Wage Policy: A concept for
Europa = 19,88%. n. 31/1997 (in materia di investimenti wage-led growth and fair wages in Europe.
10 Footwear Yearbook (WFY, 2015), http:// esteri) e legge n. 332/2001 sulla promozio- In: Social justice and growth: The role of
www.worldfootwear.com/store.asp?link=S- ne di IDE con significativo impatto the minimum wage. ILO, 2012
tore, p. 19 sulleconomia, http://www.romanask.org/ 39 Il presidente Juncker ha annunciato la
11 http://cec-footwearindustry.eu/en/sector/ eng/about/sub_8/5.htm costituzione di un Pilastro europeo dei
key-facts, dati 2014, ultimo accesso 28 http://ec.europa.eu/DocsRoom/docu- diritti sociali nel suo discorso sullo stato
12/4/2016 ments/6752/attachments/1/translations/en/ dellUnione pronunciato al Parlamento
12 http://www.industriall-europe.eu/SocDial/ renditions/native Europeo il 9 settembre 2015, oggi in fase di
Foot/2015/AnnualReportFutureFootwe- 29 http://www.albania-textile.com/Materiale/ consultazione pubblica (COM(2016) 127).
ar2015-en.pdf, p. 39 Nentor2012/Presentation%20Gjergji%20 40 Prima stesura di massima del Pilastro
13 http://www.industriall-europe.eu/SocDial/ Gjika_Prodho%20dhe%20vishu%20shqip. europeo dei diritti sociali: Accompanying to
Foot/2015/AnnualReportFutureFootwe- pdf, La Chamber of Facon opera per the communication from the Commission to
ar2015-en.pdf , p. 41 interventi legislativi a favore del settore the European Parliament, the Council, the
14 European Confederation of the Footwear delle lavorazioni in conto terzi European Economic and Social Committee
Industry, http://cec-footwearindustry.eu/en/ 30 https://www.seco.admin.ch/seco/en/home/ and the committee of the regions, Laun-
sector/key-facts , 12/4/2016 Aussenwirtschaftspolitik_Wirtschaftliche_ ching a consultation on a European Pillar of
15 http://www.industriall-europe.eu/SocDial/ Zusammenarbeit/Wirtschaftsbeziehungen/ Social Rights; chapter II, 8. Wages
Foot/2015/AnnualReportFutureFootwe- Freihandelsabkommen/Liste_der_Freihan- 41 Legge sui minimi salariali nella Repubblica
ar2015-en.pdf, p. 39 delsabkommen_der_Schweiz.html, visitato di Macedonia, Gazzetta Ufficiale n. 11 del
16 CBI Market Intelligence, Ministry of Foreign il 14/4/2016 24/1/2012, p. 3
Affairs: https://www.cbi.eu/market-informa- 31 https://www.cbi.eu/market-information/ 42 Ibidem
tion/footwear/competition, step up your footwear/competition, Market entry, 43 Legge sui minimi salariali nella Repubblica
speed, 6/3/2016 visitato il 6/3/2016 di Macedonia, Gazzetta Ufficiale n. 100 del
17 CBI Market Intelligence, Ministry of Foreign 32 Adriana GIRNEATA: THE EVOLUTION OF 3/7/2014, p. 4
Affairs: https://www.cbi.eu/sites/default/ THE TEXTILE AND CLOTHING INDUSTRY 44 Legge sui minimi salariali nella Repubblica
files/trade-statistics-europe-footwear-2015. ROMANIA: FROM LOHN TO LOSS: lohn di Macedonia, Gazzetta Ufficiale n. 100 del
pdf, p.10 production is not a long-term advantage 3/7/2014, p. 4
32 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

45 Legge sui minimi salariali nella Repubblica cms/files/statistici/comunicate/abf/ABF_I_ informativo n. 4.1.15.15 del 26/02/2015, p. 3
di Macedonia, Gazzetta Ufficiale n. 100 del r14.pdf 77 Calcoli basati sul tasso di cambio del luglio
3/7/2014, p. 4 62 Salario medio nominale 2014: 858 euro 2014, 1 euro = 4.47 RON http://www.xe.
46 Clean Clothes Campaign, 2012: Made in lordi, http://udaje.statistics.sk/statdat/ com/currencytables/?from=RON&da-
Europe. Swiss, Austrian and German Average%20monthly%20wages%20in%20 te=2016-02-10
suppliers profit from Macedonian workers economy%20of%20the%20SR%20 78 http://www.insse.ro/cms/files/statistici/
poverty and fear %5Bpr0204qs%5D-en.xlsx, 515 lordi pari a comunicate/castiguri/a14/cs07r14.pdf
47 Tassi di cambio usati: www.oanda.com, 467,86 per una persona con 2 figli 79 Calcoli basati sulle statistiche ufficiali dei
1/1/2016 63 https://www.employment.gov.sk/en/ salari lordi per il mese di luglio 2014
48 http://www.kuiptk.ba/index.php/inspekto- family-social-assistance/material-need-as- 80 https://slovak.statistics.sk/wps/wcm/
rat-za-obrazovanje-nauku-kultu- sistance/ connect/f7f86183-bdcd-4df6-96f4-1bf-
ru-i-sport/107-odgovori/403-place.html: 64 http://data.worldbank.org/indicator/ b86799ea3/Rocenka_priemyslu_SR_2015.
salario orario minimo pari a 1,95 KM, il PA.NUS.PRVT.PP, ultimo tasso di conversi- pdf?MOD=AJPERES&CACH-
salario orario minimo non pu essere on disponibile (2014), ultimo accesso EID=f7f86183-bdcd-4df6-96f4-1bfb86799ea3
inferiore a 1,75 KM, In via eccezionale, 14/5/2016 81 http://udaje.statistics.sk/statdat/Avera-
tariffa oraria che non pu essere inferiore a 65 http://www.eurokonsaltplus.com. ge%20monthly%20wages%20in%20
1,25 KM netti mk/?p=1856 economy%20of%20the%20SR%20
49 http://www.savezsindikatars.org/files/ 66 Donggaun/Guangdong. Per i livelli pi %5Bpr0204qs%5D-en.xlsx; 704,90 euro
dokumenti/opsti_kolektivni_ugovor.pdf bassi nelle principali regioni produttive, netti per una persona con due bambini
50 Il salario medio lordo mensile per il 2015 vedi p. 26-27 in: http://www.suedwind-ins- calcolato per lanno 2015
pari a ALL 46.829 mentre il netto pari a titut.de/aktuelles-hauptspalte-details/ 82 In aggiunta alla discriminazione di genere
ALL 39.396. 60% = ALL 23.637 (INSTAT) datum/2016/04/18/tricky-foot- nella suddivisione dei compiti, nella maggior
51 60% del salario medio netto di 837 BAM work-the-struggle-for-la- parte delle fabbriche le scale salariali
(marzo 2016) bour-rights-in-the-chinese-footwear-indust- risultano essere molto poco trasparenti. In
52 Confederazione sindacale della Repubblica ry/?tx_ttnews%5bbackPid%5d=3&cHash=c- Slovacchia, per esempio, le scale salariali alla
Serba: http://www.savezsindikatars.org/ 080cef8feda3d6b4a8c57e70bd7a573 ECCO erano definite in modo trasparente,
sindikalna_potrosacka_korpa.php. Ultimo 67 Salario minimo netto per un lavoratore mentre alla Rieker i supervisori decidevano
accesso 23/10/2015 non specializzato in zona B: Rs. 236 per 8 personalmente chi avrebbe o non avrebbe
53 60% di 22.715 MKD (dicembre 2015) http:// ore di lavoro al giorno, 26 giorni lavorativi ricevuto una paga pi alta.
www.stat.gov.mk/PrikaziSoopstenie_en. al mese 83 http://www.sustavapovolani.sk/vz_domov,
aspx?id=40&rbr=1921 ,13/3/2016 68 2.340.000 IDR/ 154 euro netti mensili per la statistiche richieste personalmente dai
54 Spese domestiche medie 2014, http://www. provincia di Bangka Belitung (livello ricercatori
stat.gov.mk/OblastOpsto_en.aspx?id=13, medio). Fonte: Trade Union Rights Centre: 84 100 lavoratori guadagnano 100 x 718 =
13/3/2016 Salario minimo in Indonesia 2015/2016; 71.800 -> 71 donne guadagnano 71 x 633 =
55 http://ekonsument.pl/materialy/pobierz/613, settimana normale di lavoro 40 ore 44.943 -> 71.800 44.943 = 26.857 (quota
p. 18; lordo: 1.750 PLN (capitolo 8.1.1.: http://betterwork.org/ salariale per gli uomini) -> 26.857/29 = 926
56 Calcolo netto: http://wynagrodzenia.pl/ indonesia/wp-content/uploads/Bet- 85 Trade Union RS, http://www.savezsindikat-
kalkulator-wynagrodzen/wynik ter-Work-Indonesia-E-Book-with-Audio- ars.org/sindikalna_potrosacka_korpa.php
57 http://ekonsument.pl/materialy/pobierz/613, ENGLISH.pdf, ultimo accesso 14/5/2016) 86 http://www.criticatac.ro/lefteast/workers-
p. 18: salario medio in Polonia nel 2015: 69 http://www.wageindicator.org/main/salary/ rights-and-trade-unions-in-macedonia/,
3.899, 78 PLN lordi = 2.783,26 PLN netti, minimum-wage/turkey, ultimo accesso visitato il 17/11/2015
60% netto = 1.669,95 PLN 14/5/2016 87 http://www.sberbank.sk/servlet/sber-
58 Salario minimo di 975 RON meno tasse 70 http://www.wageindicator.org/main/salary/ bank?MT=/Apps/Sberbank/WEB/main.nsf/
totali e contributi pari a 32,5% minimum-wage/germany, ultimo accesso vw_ByID/ID_C27E54B74FEB70B0C1257AFD-
59 http://www.wageindicator.org/main/salary/ 14/5/2016 004B20D4_SK&OpenDocu-
minimum-wage/romania, Base: salario 71 http://www.minimum-wage.co.uk, 7,2 /ora; ment=Y&LANG=SK&menu=tlacove_spra-
minimo di 1.050 RON al 1 gennaio 2016, al 176 ore vy_sberbank_slovensko&TG=BlankMas-
netto delle seguenti detrazioni: tasse sui 72 Tariffa netta oraria: salario minimo legale ter&URL=/Apps/Sberbank/WEB/webnews.
redditi: 16%; contributi sociali: 10,5%; netto all1/1/2016 diviso per 176 ore mensili nsf/vw_ByID/ID_558B1C87381830F-
contributi sanitari: 5,5%, fondo disoccupa- (22 giorni, 8 ore/giorno) 0C1257D5F002A0B5B
zione: 0,5%; totale tasse e contributi: 73 https://www.gov.uk/national-minimum-wa- 88 http://ioz.sk/problemy-v-zo-ioz-ecco-martin/
32,5%, 13/3/2016 ge-rates , salario minimo legale fascia 89 International Trade Union Confederation,
60 Il salario lordo medio nel 2015 era pari a media, ultimo accesso 14/5/2016 2012 Annual Survey of Violations of Trade
1.758, il salario netto medio era pari a 1.257 74 http://www.makdenes.org/content/ Union Rights - Romania, 6 giugno 2012:
(meno 32,5%), il 60% del salario netto medio article/26654502.html http://www.refworld.org/docid/4fd8892a2d.
pari a un salario medio di 754 RON 75 http://www.ssm.org.mk/index.php?option=- html
61 In assenza di un minimo di sussistenza uffi- com_content&view=article&id=609:sindi- 90 International Trade Union Confederation,
ciale, abbiamo preso le spese medie per kalna-minimalna-kosnica&catid=136&Ite- 2012 Annual Survey of Violations of Trade
persona nel 2014 come termine di mid=1&lang=en ultimo accesso 15/11/2015 Union Rights - Romania, 6 June 2012,avai-
paragone: 834 RON; spese domestiche per 76 Ufficio Nazionale di Statistica della lable at: http://www.refworld.org/docid/4f-
4 persone: 3.336 RON: http://www.insse.ro/ Repubblica di Macedonia, Bollettino d8892a2d.html
Giugno 2016 33

91 http://www.etrend.sk/firmy/po-dano-
vych-prazdninach-ocakava-ecco-slova-
kia-aj-podporu-tvorby-pracovnych-miest.
html
92 http://www.nazemi.cz/sites/default/files/
stitched_up_czech_republic_nazemi_
ccc_2015.pdf
93 http://www.ilo.org/global/standards/
subjects-covered-by-international-la-
bour-standards/occupational-safe-
ty-and-health/lang--en/index.htm, 16/4/2016
94 http://www.balkaninsight.com/en/article/
fashion-victims-even-in-eu-garment-wor-
kers-face-tough-conditions-01-12-2016
95 http://daily.mk/hronika/pochina-zhena-sh-
tip, visitato il 26/11/2015
96 http://www.abitipuliti.org/salariodignito-
so/2014/09/30/2014-report-stiched-up-sala-
ri-da-poverta-per-i-lavoratori-dellabbiglia-
mento-in-europa-orientale-e-in-turchia/
97 http://okno.mk/node/39689
98 http://www.balkaninsight.com/en/article/
fashion-victims-even-in-eu-garment-wor-
kers-face-tough-conditions-01-12-2016
99 http://laura.casajurnalistului.ro/the-eus-dir-
ty-linen/, 16/4/2016
100Per maggiori informazioni sulla due
diligence in materia di diritti umani,
rimandiamo al documento della Clean
Clothes Campaign (marzo 2016) https://
www.cleanclothes.org/resources/
publications/position-paper-on-hu-
man-rightsdue-diligence/view
34 IL LAVORO SUL FILO DI UNA STRINGA

NOTE
Giugno 2016 35
Pubblicato Ottobre 2016
Impaginato italiano: Yoge comunicazione sensibile
stampa: Grafiche Kc

La presente pubblicazione stata realizzata su carta riciclata certificata CFC


ed stata rilegata all'interno del Carcere di Genova Pontedecimo
CHANGE
YOUR SHOES

CHANGE
YOUR SHOES

CHANGE
YOUR SHOES

CHANGE YOUR SHOES un progetto promosso da 15 organizzazioni europee e 3 asiatiche. Alcune organizzazioni sono anche membri
o partner della Clean Clothes Campaign (in Italia Campagna Abiti Puliti). CHANGE YOUR SHOES e Clean Clothes Campaign hanno
collaborato alla stesura di questo rapporto nella convinzione che nella regione oggetto dellindagine le violazioni dei diritti umani e del
lavoro sono presenti in eguale misura tanto nellindustria dellabbigliamento quanto nellindustria del cuoio e delle calzature.

Questa pubblicazione stata realizzata con il sostegno economico dellUnione Europea. I contenuti della pubblicazio-
ne sono responsabilit esclusiva delle organizzazioni partner del progetto Change Your Shoes e non riflettono in alcun
modo lopinione dellUnione Europea.