You are on page 1of 24

IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:30 Pagina 1

Associazione Culturale
Librerie Storiche e antiquarie dItalia
FONDATA a milano NEL 2004
E kecheiria
P E R I O D I C O D I I N F O R M A Z I O N E D E L L A S S O C I A Z I O N E
Anno X - Numero 13
maggio 2017

Ekecheiria organo dinformazione dellAssociazione Culturale Librerie Storiche e Antiquarie dItalia a diffusione gratuita - Registrazione Tribunale di Milano n. 9098 del 31/3/2004
Direttore: Giorgio Bagnobianchi - Progetto grafico: Donatella Bertoletti - Sede: Galleria Vittorio Emanuele II, 12 - 20121 Milano - e.mail: giac.lodetti@gmail.com

Sergio Dangelo
intervistato da Andrea Bondanini

Il prestigiatore e lincredulo, (Philippe Daverio e Sergio Dangelo, Mudima, Milano 1999). Foto di Orazio Bacci

Lirrazionale applicato sar la salvezza del mondo


Per il realismo nella vita e nella letteratura
siamo alla lenta agonia
a mio parere da troppo tempo durevole
IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:30 Pagina 2
IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:31 Pagina 3

3 ekecheiria n. 13

IL TRIANGOLO SUGGESTIVO
LE COLLEZIONI DI FERRI ANTICHI
te collegato queste sue due realt musea- produrre, scambiare Velio Ortolani ama
li, artistica luna e scientifica laltra, questul- il bello e lo trova manifesto anche nei dis-
tima arricchita di interessanti e puntuali sup- positivi meccanici, tuttaltro che vili e bana-
porti didattici, stabilendo un unico bigliet- li. In questa sua ricerca nel mondo dellan-
to dingresso per entrambe. LItalia ricca tiquariato stato attratto, oltre che dalle
di esperienze mirabili che nascono dal con- bilance, anche dalla straordinaria bellezza
giunto impegno di Enti pubblici e di priva- delle serrature che ha cos costituito unal-
ti cittadini. Lincredibile patrimonio cultura- tra interessantissima collezione ospitata a
le, che abbiamo ereditato dai nostri ante- Sansepolcro nel Museo Piero della France-
nati, non concentrato solo nelle grandi sca (via Aggiunti 65 - tel. 0575732218) do-
citt, nei musei pi famosi, ma diffuso su ve possiamo ammirare tante diverse decli-
Come inizia una collezione? Le possibili ri- tutto il territorio nazionale e pervade, co- nazioni della bellezza dovute allingegno e
sposte sono tante quanti sono i collezioni- me linfa vitale, anche i piccoli borghi pi bel- alla creativit non solo di grandi maestri, ma
sti ma in alcuni casi la risposta semplice li dItalia! Ricchi di storia, di storie e di pic- anche di oscuri artigiani che hanno reso mi-
e non chiede motivazioni psicoanalitiche. rabili semplici oggetti duso comune.
Velio Ortolani, droghiere in Monterchi da Sansepolcro e Monterchi distano pochi chi-
generazioni, ha collezionato bilance, uno dei lometri da Anghiari, il borgo noto oltre che
suoi principali strumenti di lavoro, per tut- per la famosa battaglia tra milanesi e fio-
ta la vita e continua ancora a raccogliere e rentini del 28 giugno 1540, rappresentata
curare le sue creature. Le ha cercate nei da Leonardo da Vinci nellaffresco andato
mercatini e nelle botteghe antiquarie ac- tragicamente perduto, anche per il poema
quistandone centinaia, di tutte le dimensio- eroicomico Catorcio di Anghiari o
ni e atte ai pi svariati usi. Catorceide. Il poema in versi fu scritto
Il Comune di Monterchi ha sposato que- nel 1685 da Federigo Nomi per racconta-
sta sua passione e, grazie anche al sostegno re il furto del chiavistello della porta prin-
finanziario della Regione Toscana, ospita, nel- cipale di Anghiari da parte degli abitanti di
lantico Palazzo Massi, il Museo delle Bilance Sansepolcro. Il catorcio fu poi restituito ad
onorando cos la bellissima collezione del Anghiari per disposizione del Governo
concittadino e offrendo a tutti noi unoc- Fiorentino e attualmente fa bella mostra di
casione unica di godimento. Monterchi la s nel Museo della Battaglia di Anghiari
citt natale di Monna Romana di Perino, la (Piazza Mameli 1 - tel. 0575787023) dove,
madre di Piero della Francesca. Fu l che il quasi a completare idealmente, questo
grande Maestro realizz, nella chiesetta di coli musei incastonati, come gioielli, tra mu- triangolo magico e suggestivo delle col-
Santa Maria in Silvis, in localit Montione ra e palazzi dove hanno vissuto e operato lezioni di antichi ferri, accanto a quella di
luogo legato fin dallantichit ai culti pagani uomini di ingegno e di potere. antiche armi da fuoco prodotte da otto-
della fertilit, laffresco La Madonna del Parto, Il borgo di Monterchi uno dei tanti luo- centeschi artigiani locali, verr esposta la
che dopo il restauro, stato collocato in ghi che meritano una visita per scoprire ac- Collezione di forbici di Giorgio Bagno-
un museo che lo valorizza e ne esalta la sua canto al Museo della Madonna del Parto, il bianchi. Ecco che nel raggio di 10 km, tro-
stupefacente sinergia estetica tra sentimen- Museo delle Bilance (via XX settembre 22 viamo questi tre musei.
ti personali e maestria pittorica. - tel. 057570713), trionfo razionale della mi- Il design italiano viene proprio da lontano!
Il Comune di Monterchi ha intelligentemen- sura e dellumana capacit di quantificare, Giorgio Bagnobianchi

e-mail: giac.lodetti@gmail.com - cell. 3396859871


IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:32 Pagina 4
IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:33 Pagina 5

ROBERT MAPPLETHORPE. MEMORIE DEL VASO BLU LE REGARD OBLIQUE


PHOTOGRAPHIES Fotografie di Luigi Spina
A cura di Paul Martineau Testo di Valeria Sampaolo Questo volume di fotografie
e Britt Salvesen di Luciano Romano
Testi di Paul Martineau Il vaso blu un piccolo si concentra su un
e Britt Salvesen capolavoro conservato soggetto architettonico
Philip Gefter tra i tanti tesori del Museo particolarmente
Jonathan D. Katz, Nazionale Archeologico emblematico: le scale
Ryan Linkof, Richard Meyer di Napoli 49,00
e Carol Squiers 22,50
60,00

LALIQUE
8 libri monografici raccolti in un elegante
cofanetto celebrano lartista francese
Ren Lalique noto soprattutto
per le sue creazioni in vetro e cristallo,
ispirate agli elementi naturali, agli animali
e ai nudi femminili.
Di pagina in pagina, la bellezza dei gioielli,
boccette di profumo, vasi e elementi
di arredo si svela ai nostri occhi
e ci lascia meravigliati.
120,00
IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:33 Pagina 6
IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:33 Pagina 7

7 ekecheiria n. 13

ELOGIO DEL COLLEZIONISMO PRIVATO


A LA SPEZIA E A LOSANNA
Nel corso della sua storia di antica tradi- Bambino e San Giovannino di Vittore Carpac- presente il prestito di nuovo eccellente:
zione, il collezionismo si manifestato con cio (Staedelsches Kunstinstitut di Franco- provenienti dalla Collezione Brle di Zurigo
tante facce diverse, specialmente a secon- forte) e il Cristo portacroce di El Greco si trovano ora a Losanna circa 60 capola-
da delloggetto artistico collezionato. (Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid): al vori di quei maestri che non ci stanchiamo
Nellet moderna, dalla passione colta e pri- nominarli vengono le vertigini allidea di po- di ammirare, anzi davanti ad alcune delle
vata di un singolo immutato motore di terli osservare da vicino. loro tele restiamo di nuovo muti, commos-
ricerca si perviene allat- si, laicamente devoti. Anche
teggiamento di condivisione in questo caso nessun elen-
con la collettivit, spesso vei- co; la selezione va da Ingres
colato da occasioni di mo- e Corot a Modigliani e Pi-
stre, che hanno la funzione casso (con apertura affida-
di incuriosire il neofita e sod- ta al competente pennello
disfare il desiderio di rappor- di F. Hals in un bellissimo Por-
to ravvicinato con lopera da trait dhomme a ideale con-
parte di chi gi conosce e fronto con il Portrait dAlfred
vuole di pi. Questo il mo- Sisley di Renoir), ma lascia-
dus operandi che caratteriz- teci almeno citare Monet,
za anche le due mostre cui Champ de coquelicots prs
facciamo cenno nelle righe de Vtheuil;Van Gogh Le se-
seguenti. Al ricchissimo Museo Civico Lia Soddisfatti e felici gi della mostra, lappa- meur, soleil couchant; Czanne Le garon au
di La Spezia (Lelogio della bellezza, fino al gamento intellettuale e spirituale pieno gilet rouge. Il 28 maggio 2012 un accordo
25 giugno) venti prestiti davvero eccellen- di fronte ai Fondi oro della sala IV: incom- conclusivo stato siglato tra la Socit zu-
ti festeggiano i primi venti anni di una rac- mentabili, poich oltre ogni banalizzante richoise des beaux-arts e la Fondation
colta darte costituita da Amedeo Lia (in- espressione linguistica. In quel di Losanna Collection Brle: esso prevede il prestito a
gegnere navale appassionato di arte anti- sul Lago Lemano, meritevolissima lazio- lungo termine alla Kunsthaus di Zurigo di
ca) con lintenzione che essa venga amo- ne della Fondation de lHermitage (Chefs- circa 200 tra dipinti e sculture; la collezio-
revolmente e scientificamente accresciuta duvre de la Collection Brle, fino al 29 ot- ne sar trasferita in una sezione dellesten-
nel tempo e che il luogo in cui conserva- tobre), che dal 1984 promuove la cono- sione progettata dallarchitetto David Chip-
ta divenga spazio di incontro e di crescita scenza dellarte soprattutto prodotta in perfield con apertura al pubblico nel 2020.
culturale. Non ci piacciono gli elenchi, sic- Francia in area davanguardia dalla met Nel novembre dello stesso anno i cittadi-
ch ci limitiamo a citare lo Statuto della dellOttocento in avanti, tramite mostre mi- ni di Zurigo accordano al progetto un so-
Societ dei Drappieri (codice miniato) di rate che esplorano il periodo e sono orga- stegno finanziario di ottantotto milioni di
Giovanni da Modena (Museo Civico nizzate con prestiti importanti, oltre a pos- franchi svizzzeri.
Medievale di Bologna), la Madonna col sedere una propria collezione. Nel caso Paola Rapelli

IL MUSEO A CIELO APERTO


A centocinquantanni dallinau- Butti, Alik Cavaliere plici resti, semmai dei nuclei per una banca
gurazione del Cimitero Monu- Una storia nella storia: dati di idee, di imprese, di progetti. Se la
mentale di Milano Carla De citt e cimitero sono memoria ci che pi distingue lessere uma-
Bernardi, presidente dellAsso- come vasi comunican- no dagli altri animali, allora un cimitero non
ciazione Amici del Monu- ti, cos come lo sono la un santuario, non parla solo di morte e,
mentale di Milano, con Lalla vita e la morte, o me- commemorando, diventa un luogo del
Fumagalli, propone il volume glio come dovrebbero pensiero, linfa vitale, deposito di energie per
La piccola citt il Monumentale essere. Scrisse Carlo il presente. Come giustamente citato dalla
di Milano, edito da Jaca Book. Maria Mar tini: ...que- De Bernardi esiste ancora una lapide allin-
Un libro snello e di facile let- sta spietata censura di gresso della sezione ebraica del Fopponino
tura, che raccontando questo fronte allimminenza di Porta Vercellina che dice: quel che sa-
luogo, racconta anche molto della mor te, questo rete voi, noi siamo adesso. Chi si scorda di
di questa citt. Comerano e continuo fare come noi, scorda se stesso. Una breve bibliogra-
doverano prima del 1866 i se luomo non moris- fia chiude il volume, per chi a fine lettura
luoghi di sepoltura a Milano, come e per- se mai, non tutto questo la radice pro- sentir ancora fame di approfondimenti.
ch nacque il progetto di questo grande ci- fonda di ogni solitudine e di ogni separa- Mi permetto di aggiungere il titolo di una
mitero (il primo Cimitero della Libert), con zione?. Questo libro ci spinge ad anda- bel saggio di Philippe Aris, Storia della mor-
uno sguardo illuminante sulla vita politica e re a conoscere quel luogo, a passeggiarci, te in occidente, Bur Rizzoli 1998 e lo scritto
sociale sotto la Madonnina. prima il mio consiglio senza ordine, sen- di Michele Petrantoni La lunga strada per la
Una corposa sezione del libro si occupa za una precisa meta. E poi con la guida in sepoltura civile in Il Monumentale di Milano.
degli artisti che hanno lavorato al Mo- mano, cercando personaggi illustri, scultu- Il primo Cimitero della Libert Comune di
numentale, con schede monografiche ben re magnifiche, architetture geniali e in ogni Milano, Electa 1992, con foto di Gianni Be-
fatte anche delle opere, a cura di diversi dove anche storie di persone a noi scono- rengo Gardin.
studiosi. Da Vedani a Lucio Fontana, Wildt, sciute eppure importanti. Non sono sem- Fede Lorandi

e-mail: giac.lodetti@gmail.com - cell. 3396859871


IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:34 Pagina 8
IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:34 Pagina 9

9 ekecheiria n. 13

ERCOLE PIGNATELLI IL RAGAZZO RONDINE


In una notte di plenilunio, quando il mare il- sto mondo magico unendo contempora- t(da Le citt invisibili - Smeraldina).
lumina tutto con la sua luce riflessa, puoi en- neamente verosimile e fantastico, cosicch Pignatelli ha inverato, con la sua traiettoria
trare in uno spazio dove germinano piante la sua creativit ha composto un universo, artistica, la profezia (ora possiamo chiamar-
lussureggianti e immagini di donne mediter- apparentemente di facile lettura, in realt la profezia e non denotazione!) di Raffaele
ranee che emanano una magica attrazio- Carrieri. Una parabola che non ha inter-
ne erotica. Sei avvolto da una grande ener- secato ismi dove nidificare, ha racconta-
gia, percepisci una forza profonda, sei nel to un mondo possibile di masserie, di
mondo di Ercole. Nomen omen. donne acrobate, di vegetazioni e di pae-
(da Epoca) Raffaele Carrieri. saggi rigogliosi che si intercalano con ar-
Tutti viviamo qui ed ora ma tutti sognia- sure desolate e nature melanconiche.
mo un altrove nello spazio o nel tempo Tutto, per, prorompente di forza e di
o in entrambi! Eppure, questo sogno, energia. Ercole lo ha realizzato concen-
che si annida nel profondo della nostra trandosi sulla potenza comunicativa sen-
identit, molto spesso, non riusciamo a za correr dietro ai dettagli! come
dirlo nemmeno a noi stessi. Cova silen- ha evidenziato la brava nipotina Beatrice.
te, senza parole. Talvolta abbiamo paura In alcuni quadri della mostra, tuttavia, si
del nostro sogno. Ercole Pignatelli ha avu- nota un nuovo scarto, un inaspettato e
ta la grande fortuna di riconoscere que- imprevisto guizzo della traiettoria, pro-
sto sogno e la capacit di raccontare, nel- fortemente strutturato su di un personale prio come una rondine che risalga a
loperare artistico di una vita, il suo perso- linguaggio fiabesco che ci svela il suo sogno spirale rasente un pinnacolo la costru-
nale altrove. Il suo altrove, il mondo dove segreto. Una realt altra da quella che sem- zione del quadro sospesa, evoca un
ritrovarsi ed essere se stessi, lui lo conosce, bra o meglio che racchiude in s le sue con- equilibrio precario, instabile, forse provvi-
lo riconosce e riesce a raccontarlo! Anche traddizioni, le sue ambiguit. Come un ser- sorio! Larchitettura dellimmagine, cos, co-
noi, spettatori dei suoi lavori, abbiamo im- pentello che evochi, contemporaneamen- munica unemozione nuova: una precarie-
parato ad apprezzarlo attraverso un gran- te, vita e morte e trasformazione e muta- t sospesa. Questo laspetto pi coinvol-
de e coerente mosaico fatto con quadri zione. Calvino scrive: Pi difficile fissare gente e intrigante del fare arte: lasciare noi
che raccontano, ciascuno, i luoghi dei desi- sulla carta le vie delle rondini, che tagliano spettatori nel dubbio e nellincertezza pur
deri, della vita, dei ricordi e la potenza ge- laria sopra i tetti, calano lungo le parabole consapevoli dellemozione ma incapaci di
neratrice della materia. Quadri esuberanti invisibili ad ali ferme, scartano per inghiot- leggere fin in fondo tutta la poesia che ci
percorsi da unaura vitalistica e potente che tire una zanzara, risalgono a spirale rasen- proviene da una tela coperta da pigmenti
mescola materie, cromosomi, simboli e real- te un pinnacolo, sovrastano da ogni punto colorati.
t. Ercole ha saputo costruire negli anni que- dei loro sentieri daria tutti i punti della cit- Giorgio Bagnobianchi

FUORI TEMPO MASSIMO


I LIBRI DARTISTA DI PAOLA SCIALPI
va. Ed ecco dunque come queste pub-
blicazioni dautore, diventano non so-
lo un grido dallarme rivolto a quanti
si impegnano ogni giorno nel sociale
e desiderino il bene della nostra co-
munit mondiale, ma soprattutto un
Ombre diario per immagini che deve scuote-
re le coscienze forse un po troppo
addormentate di noi abitanti del pianeta
terra. Dichiara lartista: Ho scoperto che
i libri costruiti e realizzati con le mie mani,
Fuori tempo massimo mi hanno emozionata e coinvolta forse an-
Donne
ti Mare: dalla pro- che di pi dei dipinti da me eseguiti su te-
Ci che avviene intorno a noi che riguardi stituzione alla vio- la. Man mano che realizzavo le immagini di-
i capricci della natura o lesistenza delluo- lenza, dalla deten- pinte mi sentivo partecipe di quelle vite che
mo nelle sue infinite sfaccettature si ma- zione ai conflitti raccontavo, di quelle esistenze sconvolte,
terializzato nei quattro libri dartista che interiori Donne. dei rivolgimenti della terra che hanno mie-
Mare
Paola Scialpi con la sua sensibilit pittorica, Non ha tralascia- tuto vittime su vittime, e per scrivere i rac-
che da sempre cromaticamente la contrad- to di affrontare anche gli eventi tragici che conti non ho voluto servirmi del compu-
distingue nel panorama dellarte contem- la natura ci riserva: terremoti, scioglimento ter anzi tutto calligraficamente di mio pu-
poranea, ha voluto rivolgere verso i debo- dei ghiacciai, inquinamento Fuori tempo mas- gno. Questo rafforzava la traiettoria del
li e gli emarginati, realizzando dei veri e pro- simo. Insieme alle tavole pittoriche tre dei messaggio e lo impregnava di un intimismo
pri libri darte di grande pregio. quattro libri contengono dei racconti toc- che come ha commosso me spero faccia
Un lavoro insolito nella sua carriera pitto- canti scritti dallautrice densi di emozioni e con chi legger le mie storie e guarder le
rica quarantennale. che scavano nella psicologia della societ mie immagini.
I suoi libri parlano del dramma dei migran- contemporanea oggi pi che mai alla deri- Stefano Donno

e-mail: giac.lodetti@gmail.com - cell. 3396859871


IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:35 Pagina 10

10 ekecheiria n. 13

IL GIARDINO LALLA ROMANO


Lelegante palazzina ove abitava Lalla quattro abbattuti perch oggetto di peri- alberi, in Un sogno del Nord, Einaudi, 1989).
Romano non visibile dalla strada: ne- colose raccolte abusive. Il 22 aprile del 2013 stato inaugurato il
cessario attraversare lampio cortile al giardino e nel 2014 la Sala Lalla Romano
numero diciassette di via Brera per ac- alla Biblioteca Braidense.
cedervi; coloro che desiderano visitar- Antonio Ria lha progettata con larchi-
la si radunano ogni ultimo sabato del tetto Jacopo Gardella che ha realizza-
mese, davanti al cancello antistante la to la sistemazione dei volumi dellautri-
dimora, presso uno spazio verde do- ce, le foto di famiglia, molti suoi impor-
minato da un ciliegio e una targa che tanti quadri, le gigantografie delle co-
riporta la scritta: Negli anni, ho visto pertine dei suoi libri, lo scrittoio e alcu-
ridursi a uno da quattro che erano ni mobili del suo studio. Lalla nata a
i ciliegi, amati gelosamente, sul praticel- Demonte (Cuneo) nel 1904, si laura in
lo davanti a casa, fuori dalla cancellata, lettere a Torino dove segue anche i cor-
verso via Brera (). il giardino de- si di pittura di Felice Casorati. Coltiva,
dicato alla scrittrice. Antonio Ria, suo in contemporanea, la passione per la
compagno di vita negli ultimi ventan- scrittura e la pittura. Si era trasferita a
ni, mi riceve con grande cortesia, lieto di Ho preferito un ricordo continua An- Milano negli anni Cinquanta seguendo lat-
mostrarmi la casa, parlarmi di lei e di que- tonio Ria che rimarr sempre: un pun- tivit del marito, funzionario della Banca
sto giardino motivo dellincontro. Le pare- to di riferimento esterno e mette in evi- Commerciale. La sua attivit pittorica, in-
ti dellappartamento sono completamente denza la vicinanza di Lalla alla natura e alle terrotta durante guerra, stata riproposta
tappezzate dai suoi quadri e dai suoi dise- sue bellezze, come le piante di cui cono- da Antonio Ria che ha organizzato mostre
gni, numerose scaffalature custodiscono i sceva tutti i nomi lei dialogava con gli albe- a Roma, Torino, Milano e pubblicazioni da
circa 6000 volumi della sua biblioteca e cir- ri. Scriveva Lalla Romano: Il terzo albero lui curate e corredate da importanti testi
ca 6000 sono conservati alla Biblioteca non mi domandai chi fosse. Troppo lonta- critici di Federico Zeri e Maurizio Calvesi.
Braidense. Tutto rimasto fermo nel tem- no perch potessi riconoscere le foglie. Ma Vittorio Sgarbi ha esposto alcune sue ope-
po (), questa casa non un monumen- quelle foglie mi parlarono. Mi accorsi di lui re alla mostra Il Tesoro dItalia, Padiglione di
to, va salvata cos com, aveva scaraboc- che gi cera unintesa, quasi unintimit, mi- Eataly, a Expo 2015. Nel 2005 stata isti-
chiato su un foglio prima di morire.Trascorsi steriosa e intensa come uno sguardo. tuita lAssociazione Amici di Lalla Romano
dieci anni dalla scomparsa della scrittrice, il Sovrastava tetti e terrazze, suppongo radi- per favorire la conoscenza e la conserva-
Comune di Milano ha proposto di intito- cato nellOrto Botanico. Solo la sua persi- zione del lavoro letterario e artistico del-
larle una strada e di mettere una lapide: ma stenza denunciava radici; era l come da lautrice con convegni, conferenze, mostre.
non si poteva porre sulla casa ottocente- sempre. Nella mia solitudine a tavola alza- Lattuale Presidente Gabriella DIna, esper-
sca esterna cos Antonio Ria ha propo- vo verso la finestra gli occhi dal piatto o dal ta deditoria e docente alla Universit IULM
sto di dedicarle il giardino descritto nei li- libro. Incontravo la sua mole leggera, che di Milano,Vicepresidente e rappresentante
bri di Lalla. Tutto lo spazio verde di piazza senza parole mi rispondeva. Quando spa- legale, Antonio Ria, che di recente ha fon-
Brera, non solo il triangolo che ospita la tar- r, mi sono trasportata dallaltro lato del ta- dato il Centro Studi Lalla Romano.
ga e il ciliegio collocato in sostituzione dei volo. Per non vedere quel vuoto (da Tre Silvia Venuti

BENI CULTURALI DELITTO PERFETTO


Il fiume carsico delle normette, delle furbate sta o quella lobby, render la Costituzione Codice dei Beni culturali. Ma perch gioca-
parlamentari, degli accordi nemmeno tanto un bel ricordo del tempo che fu. E potr, re a nascondino, quando esiste sulla carta
segreti con questa o quella lobby, render la finalmente, governare indisturbato il dio dei una commissione per il riesame del Codice,
Costituzione un bel ricordo del tempo che fu. nostri giorni, il mercato. istituita dal ministro Bray (governo Letta),
Il cantiere di smontaggio della Costituzione Il segreto agitare una bandiera che paia confermata da Franceschini, e mai pi riuni-
continua alacremente nei palazzi del pote- innocua, e piantarla su un pacco di dinami- ta? Io lo so bene, perch di quella Com-
re. Fallito il disegno di consegnare lItalia in te. I pi guarderanno la bandiera, letichet- missione sarei (ero? fui? sognavo?) il presi-
ceppi, via plebiscito, nelle capaci mani di ta, la versione ufficiale; e quando la dinami- dente. Perch smantellare il Codice pezzo
Matteo Renzi, non si rassegna la pattuglia te esplode, sar gi troppo tardi per rime- per pezzo, anzich intervenirvi organica-
sperduta dei suoi ministri, recapitati in bloc- diare ai guasti. A tutti piace la semplificazio- mente? Perch fingere di non sapere che
co nel nuovo governo come saldi di fine ne, parola magica che apre tutte le porte; le varie norme del Codice formano un tut-
stagione. E lordine di scuderia sembra es- ad altri, specialmente ad Al Bab con la sua to organico, e che sgonfiarle a una a una
sere: la Costituzione resti pure la stessa, ma banda, piace anche la concorrenza, un apri- delegittima linsieme, cio quella tutela del
costruiamole intorno una muraglia cinese ti Sesamo che dischiude i paradisi del mer- paesaggio e del patrimonio storico e arti-
di leggi e leggine, approvate alla spicciolata, cato (ma anche gli inferni dellausterit). stico della Nazione prescritta dalla Co-
nascoste in commi e codicilli: impossibile Ed ecco arrivare al Consiglio dei ministri un stituzione in poche righe inequivoche (art.
creare per ogni norma una mobilitazione ddl sulla concorrenza, che dovrebbe parla- 9), che paiono ormai destinate a passare in
come quella del referendum, e dunque gut- re di energia, assicurazioni e cos via, ma co- soffitta? Il fabbricante di trappole che ha
ta cavat lapidem. va al suo interno unescrescenza impropria, scritto lart. 68 sa bene che pochi andran-
Il fiume carsico delle normette, dei trucchi lart. 68, che disciplina la semplificazione no a leggersi il Codice.
di corridoio, delle furbate parlamentari, de- della circolazione internazionale dei beni Salvatore Settis
gli accordi nemmen tanto segreti con que- culturali, intervenendo pesantemente sul Il Fatto Quotidiano, 5 Aprile 2017

e-mail: giac.lodetti@gmail.com - cell. 3396859871


IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:35 Pagina 11
IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:35 Pagina 12

Sergio Dangelo
Intervista nello studio del Maestro
gioved 3 marzo 2016
di Andrea Bondanini

B: Non ti chieder nel nostro dialogo della tua storia artistica, gi ampiamente nota, specie dopo il libro a te
dedicato Le altre facce della Medaglia edito da Mudima nel 2004. Ti propongo invece di indagare
il tuo pensiero e la tua esperienza sul mondo della cultura artistica, che poi quella attinente alle nostre emozioni
e ai nostri sentimenti. Sei un artista, un po particolare, non ti sei chiuso nel tuo immaginario, hai sempre cercato
il contatto col mondo reale e hai certamente contribuito al brain storming permanente che agita larte nel suo
divenire pi innovativo. Riesci in poche parole a sintetizzare in un concetto ci che caratterizza,
oserei dire plasma, questo fare arte?
D: Il surrealismo.

B: Ma non ti pare un po riduttivo?


D: Assolutamente no. Il surrealismo origine dei tempi umani. Al di l della vita corrente, il continuatore
del romanticismo eterno collegato alla memoria. Nel Novecento, un secolo non pittorico, anche stato
un modo di esistere. Segni preistorici, Villa dei Misteri e Pompei, Bosch, Blake mostrano quanto antico.

B: Bene, prima di affrontare il tema del destino dei libri, tema obbligato della nostra intervista, visto che sar
pubblicata su Echekeria rivista dellAssociazione Librerie Storiche, puoi commentare qualche immagine?
D: Vai.

B: Hai fatto un piccolo collage ironico-erotico Morandi indigesto (vedi p. 106 del libro sopra citato).
Rappresenta una Maddalena seicentesca nuda con i bei capelli biondi che ha un vaso di Morandi sullo stomaco.
un giudizio su Morandi?
D: Maddalena soffre per il peso del vaso di Morandi sullo stomaco. Lascio libero chi vuole di interpretarlo
come pi piace, ma la luce di Morandi il nulla della materia.

B: E con la serie Le luci di Isaotta cosa intendevi?


D: Non rispondo.

B: Una fotografia pubblicata sul Sole 24 Ore rappresenta i ministri di economia dei paesi UE tutti vestiti in blu
con minime varianti e cravatte uniformemente scure (tranne una chiara) allineati su due file come nelle foto
scolastiche di fine anno. Sembrano scolari messi in riga col sorriso anonimo delle occasioni rituali. Cosa ti evocano?
D: il colmo della banalit rappresentata dalla politica.

B: Vorrei passare ai libri. So che sei un grande lettore e un cliente della Libreria Bocca la quale oltre ad essere
specializzata in pubblicazioni sulla pittura lei stessa opera darte. Non solo perch espone lavori di artisti
nei suoi spazi, ma ha anche sei quadri che coprono il soffitto, di cui due tuoi. Ancora pi innovativo ha il pavimento
interamente coperto di dipinti sovrastati da un vetro sul quale si cammina.
Ognuno di un artista e viene periodicamente sostituito. Una dinamica che permette di seguire
le nuove tendenze del gusto. Ma veniamo ai libri quanti libri hai? Ovviamente circa.
D: 21.000 volumi.

B: un numero che indica una dipendenza. Meglio questa che altre. Viviamo in un periodo di sconvolgenti
trasformazioni tecnologiche, cosa pensi dellavvenire dei libri stampati a fronte dellinvadenza dei testi digitali?
D: Saranno sgominati, soppressi.

B: Mi sembri eccessivo.
D: Rester la serie Harmony Hot (porno) i cui autori hanno abbattuto la barriera tra il testo erudito
IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:35 Pagina 13

e la scrittura a sfondo sessuale, un tempo riservata a Sade.

B: Non per remore morali, ma la lettura di testi come Sade o Lhistoire dO dove al sesso si aggiunge
la provocazione del dolore non ti indigesta?
D: Prendo atto del fatto che qualcuno si occupato di queste problematiche.

B: Per quanto tempo ancora avremo una produzione di libri e la loro conservazione in biblioteche?
D: Fino a quando una nuova dittatura non legittimer lennesimo incendio di carte e parole.

B: Quali sono i tuoi autori preferiti?


D: Sono principalmente di lingua francese, incluso il Brasile, tutti indistintamente.
Passati oltre in transito sulla terra e future nuvole.

B: Puoi fare qualche nome?


D: Baudelaire, Breton, Miller (Tropici), Jean Ferry, Boris Vian, Andr Malraux, Alain Jouffroy, Alberto Savinio,
Pierre Restany (La part des anges), Ren Char.

B: Cosa il libro oggetto?


D: Qualunque libro contenga una dedica, una firma, un segno, un inserto gi un libro oggetto.

B: Hai creato libri oggetto?


D: S, parecchi. Una maratona di Clarissa, Basllell con Barbieri e Landi editori, Caduta di stile (11 poesie cretinizzanti)
editore Severgnini, nonch 52 titoli col Pulcinoelefante di Casiraghy.

B: Per concludere dove va il mondo nel suo groviglio?


D: Lirrazionale applicato sar la salvezza del mondo. Per il realismo nella vita e nella letteratura siamo
alla lenta agonia, a mio parere da troppo tempo durevole.

I l prestigi atore e l i nc redu lo, ( Ph i li pp e Daveri o e Sergio D an gel o, Mudi ma, Mi l an o 19 99 ). Foto di O razi o Bacc i
IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:35 Pagina 14
IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:35 Pagina 15

15 ekecheiria n. 13

AL CARO WALTER VALENTINI


premiarmi per aver collezionato sue
opere, una delle quali Le misure e il cie-
lo, il bozzetto della fontana di Loano,
una fusione in bronzo lucido e patina-
to, diamante tra le non poche opere
della collezione della mia famiglia. Lo
ringrazio ancora per avermela ceduta,
facilitandomi nel pagamento. Oggi la cit-
t di La Spezia, nei luminosi ambienti
del CAMeC, Centro Arte Moderna e
Contemporanea, gli rende omaggio al-
la soglia del suo 90 compleanno, (na-
sce nel 1928) con una mostra antolo-
gica Il rigore della geometria, le fratture
I coniugi Valentini, Rita e Walter
dellarte 1973-2017 aperta fino ad ot-
alla Libreria Bocca
tobre, accompagnata da un esaustivo
Dalla porta della storica libreria Bocca so- catalogo edito dalla casa editrice Silvana.
no passati molti personaggi famosi nei ri- Occasione davvero speciale che con-
spettivi campi, dalla letteratura, tra tutti pri- siglio di non perdere, io lho visitata po-
meggiano Manzoni e Pellico, alla politica, ri- co prima di Pasqua, per ripercorrere gli
cordo Andreotti e Spadolini, alla musica, il oltre quarantanni della sua intensa e
soprano giapponese Kazue Morinaga e il affascinante produzione. Se Urbino,
musicista Herbert Handt, allarchitettura, con la storica Scuola del Libro, che gli
larchistar Daniel Libeskind. Nel campo del- trasmette il gene del Rinascimento ita-
Bozzetto fontana di Loano, bronzo in scala 1 a 10
larte quasi tutti, artisti e critici e grande tra liano, deve la sua ispirazione concettua-
i grandi Francis Bacon.Tra i tanti artisti ami- le a Milano in cui si forma la sua cultura so dinamismo delluniverso Possiamo am-
ci ha varcato pi di una volta quella porta, astratto-concreta, il suo specifico interesse mirare ben oltre 130 opere in cui si rivela
capolavoro scultoreo di Nico de Sanctis, il per le superfici come evento pittorico. la costante prodigiosa maestria esecutiva
grande conterraneo di mia madre, Walter Valentini nel panorama italiano un caso a di Valentini e il suo linguaggio, unico e ori-
Valentini. Quellamicizia andata consolidan- s stante, per originalit e coerenza del lin- ginale. Infine per ovvi motivi professionali
dosi nel tempo ha consentito di produrre guaggio Le opere esposte vanno dalle sto- mi piace segnalare la sezione dedicata ai
insieme uninterpretazione moderna di un riche tavole della met degli anni Settanta, suoi famosi amati libri, presenti anche nel-
leggendario libro cinese del XII secolo, il Campo orizzontale A, 1975; Omaggio a Paolo la Libreria Bocca per chi li volesse collezio-
Classico dei tre caratteri. Il tempo ha voluto Uccello, 1975; Io e te, 1974, segue la serie nare, quella che ovviamente pi mi ha co-
delle superfici incise dal involto. Ha mostrato un Valentini sensibile
tempo. Ed proprio en- interprete di poeti del presente e del no-
trando nel museo che si stro illustre passato. Da Giacomo Leopardi,
viene stupiti da La stanza Quattro canti, quattro incisioni, 1988, a Mario
del tempo opera che si Luzi, La notte viene col canto, 1993 e Vola al-
impone al visitatore coi ta, parola, 1994. Di Giacomo Oreglia, Nella
suoi oltre cinque metri di volta celeste ora appare una gran mano dis-
larghezza. Si prosegue fi- piegata, 1998, di Luciano Caprile, Nel cer-
no agli inediti gessi del chio che racchiude il sole, 2001, di Guido
2016, passando fra scul- Ballo, Gherba, 2004 e ultimo capolavoro, di
ture, incisioni, disegni e Sebastiano Grasso, Lettere da Nowy Swiat,
terrecotte. Capolavori in 2005, tutti editi da Egidio Fiorin leggenda-
cui si riconoscono i carat- rio fondatore della Colophon Arte.
teri genetici della sua poe- Giacomo Lodetti
tica che trovano origine
nella cultura artistica del
Rinascimento, fatta di ar-
Catalogo mostra, SilvanaEditoriale

monia e di equilibrio; nel


senso dello spazio e del-
le proporzioni, proprio
dellarchitettura, nelle ri-
cerche astratte dei co-
struttivisti russi e dei mae-
stri dellastrazione e del-
lo spazialismo. La dimen-
sione di crisi e le incertez-
ze del presente, agitano
le superfici delle sue tavo-
le, caratterizzate dai segni
Heze II, 2003, tecnica mista su tavola, cm 108 x 80 del tempo e dal misterio-

e-mail: giac.lodetti@gmail.com - cell. 3396859871


IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:36 Pagina 16

16 ekecheiria n. 13

OMAGGIO A RENATO VOLPINI


Vi in lui linvenzione di un grafismo li-
neare e raffinato, un ritmico innestarsi nel-
la composizione, la creazione di masse
cromatiche che fanno di ogni suo lavoro
unicona immediatamente identificabile,
volpiniana. Considerato tra i massimi pein-
tre-graveur contemporanei, pittore e scul-
tore, ha alternato la sua vita artistica con
quella di stampatore a Urbino e a Milano,
unattivit che lo ha portato a sperimen-
tare diverse tecniche. Presente alla Bien-
nale di Venezia nel 1962, partecipa a si-
gnificative mostre in Italia e allestero alla
I coniugi Volpini, Paola e Renato Philadelphia Art Alliance nel 1967 con
davanti alla vetrina della Libreria Bocca Bonfanti, Cappello, Nangeroni e Scanavino.
Quando il caso entra in gioco accade che infine possibile individuare una terza fa-
sulle pagine dello stesso numero di se nel suo percorso artistico. Dopo un
Ekecheiria io debba scrivere di due ami- lungo periodo di silenzio, nuovamente
ci artisti entrambi di formazione urbina- presente sulla scena artistica nazionale, San Zi Jing, Classico dei tre caratteri
te entrambi importanti per la storia del- con una mostra a Palazzo Ducale di Settantatreesima rima
larte italiana del dopoguerra. Urbino, allo Studio Ghiglione di Genova, re, tecniche miste su tela, tra le quali ri-
Tuttavia uno,Walter Valentini, sta per com- allesposizione Un Secolo Arte Italiana - Lo cordo con particolare interesse unorigi-
piere 90 anni e li celebra con unantolo- sguardo del collezionista - Opere dalla nale composizione realizzata con un di-
gica che ricorda la sua Piramide di Cheope, Fondazione VAF al MART di Rovereto. pinto, tempera su cartone, usato come
laltro Renato Volpini che ha compiuto per Segue la pubblicazione dei volumi mono- fondo, sormontato da unastronave in le-
lultima volta gli 83 e non ne compir pi, grafici Volpini anni Sessanta e Renato Volpini go, in fase di decollo, il tutto chiuso in una
dopo un lungo silenzio che lo aveva fat- anni Sessanta...e oltre. scatola di legno grigio e vetro, a lungo
to dimenticare, stava ritornando alla ribal-
ta. Renato Volpini napoletano di nascita,
classe 1934, urbinate di formazione e mi-
lanese di adozione, si diploma nel capo-
luogo marchigiano presso il Magistero
Artistico cittadino nel 1957 e dallanno
seguente si trasferisce a Milano dove vi-
ve, lavora e muore. Inizialmente si acco-
sta alla pittura informale, esordendo sul-
la scena artistica alla met degli anni
Sessanta, con una mostra alla Galleria
Profili, entrando a far parte dellambiente
artistico milanese insieme ai protagonisti
della Pop Art e dellImmagine Critica che
hanno caratterizzato quella stagione e che
oggi viene sempre pi riproposta allat-
tenzione del pubblico. In quegli anni si con-
solidava lamicizia con Baj e Dangelo, altri
amici frequentatori e sostenitori della
Libreria Bocca. Alla base della sua opera,
si avverte lintenzione di trasferire un mon- Renato e Paola Volpini, Adalberto Borioli e Sergio Dangelo alla Libreria Bocca
do psichico in una realt fenomenica, ci Insieme, per loccasione aveva dipinto 4 esposta in libreria e ora nella collezione
che rappresenta una differente ed origi- tavolette di cm 30 x30, e con la collabo- familiare. Conservo anche una copia del
nale interpretazione della figurazione, del razione di Dangelo e Bacci, ho realizzato libro Il Classico dei tre caratteri edizione
colore e dello spazio. nel 2002, la prima mostra di un ciclo di 5, Libreria Bocca di soli 20 esemplari su car-
dedicata alle Indagini neocostruttivite a te speciali, con la copertina dipinta da lui
Milano. Successivamente, ma la memoria e la rima 73 sempre dello stesso volume,
potrebbe tradirmi, ho pubblicato uno de- ma nelledizione coeditata boccapulcinoe-
gli strappi multipli, in 100 esemplari, dedi- lefante illustrata da 33 suoi OM firmati.
cato a Rita Hayworth, ultra esaurito, non Qui sta la fermezza dellimpegno di Volpini,
ho conservato nemmeno la copia dar- lestrema perizia espressiva, testimoniata
chivio e adesso me ne pento. In quei tem- dalle sue incisioni tecnicamente singolari,
pi Renato lavorava sugli OM originali mul- per efficacia di resa, qui spicca la piena evi-
tipli che realizzava in una tipografia-galle- denza del suo mondo poetico. La critica
ria aperta a Milano in via Manzoni e chiu- pi autorevole lha consacrato tra i gran-
sa poco dopo. Nei tanti anni di frequen- di artisti italiani degli anni 60/80.
tazioni e amicizia ho collezionato sue ope- Giacomo Lodetti

e-mail: giac.lodetti@gmail.com - cell. 3396859871


IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:36 Pagina 17

Quintessenza del vignaiolo,


Annibale Alziati
ha costruito la sua propriet, parcella dopo
parcella, raggiungendo oggi una superficie
di 18 ettari. Appezzamenti selezionati negli anni
e collocati sui crinali delle colline
dellOltrep Pavese,
tutti in posizioni vocate alla viticoltura
il Gaggiarone: una vigna posta in forte pendenza
con inserti di tufo e gesso a contraddistinguere i suoli.
Vinificazioni manuali senza luso di solfito aggiunto
e tantomeno lieviti selezionati,
per liquidi estirpati dal territorio.

Frazione Scazzolino, 55, 27040 Rovescala PV


Telefono: 0385 75261
IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:36 Pagina 18

18 ekecheiria n. 13

LIBRERIA PREGLIASCO DI TORINO


CARDUCCI GIOSU costi della stampa. Destinati alla vendita fu- copie nominative previste su carta distinta
Rime rono 500 esemplari non numerati su car- e il poeta ne commission almeno altre 5
San Miniato, Tipografia Ristori, 1857 ta comune, mentre alcuni dei 20 numerati ad personam su carta normale, sempre con
6.800 ad personam in carta distinta furono forse brossura mattone, delle quali non si trova
destinati ai dedicatari di Sonetti e Canti con- menzione in alcun repertorio letterario o
in-16, pp. (8), 93, (3), straordinario esem- tenuti nelle Rime (tralasciando i defunti bibliografico. Esemplare eccezionale in quan-
plare ad personam n. xxv per Atto Vannucci, Metastasio, Goldoni, Parini, Alfieri, Monti e to presenta la brossura originale di colore
in brossura color mattone chiaro: inquadra- Dante): Chiarini,Tribolati, Niccolini, Mamiani mattone anzich verzolina e al verso del
ta, come quella usuale su carta verzolina, della Rovere (n.VI),Targioni Tozzetti, Partenio primo foglio (bianco negli esemplari nor-
da bordura che con- mali) reca la numera-
tiene titolo, dati tipo- zione e la dedica a
grafici e prezzo e in- stampa: n. xxv ad
dirizzo alla copertina Atto Vannucci.
posteriore. Prima edi- Al di sotto di questa
zione dellopera pri- giustificazione della ti-
ma di Carducci, com- ratura venne appo-
posta negli anni del suo sta la firma autogra-
insegnamento presso il fa del poeta su un
Ginnasio di San Mi- tassello cartaceo.
niato al Tedesco. Atto Vannucci fu sto-
In questa fase il poe- rico e filologo (1810-
ta si inser nella pole- 1883) insegn a Pra-
mica a favore e con- to e dal 1859 dires-
tro Manzoniani, fon- se la Biblioteca Ma-
dando con gli amici gliabechiana di Firen-
Chiarini, Gargani e ze. La sua opera mag-
Tozzetti la Societ de- giore la Storia d'Italia
gli Amici Pedanti, de- dall'origine di Roma al-
dicata alla difesa del linvasione dei Longo-
classicismo e ai suoi bardi (1861). Non si
esponenti italiani. sono riscontrati altri
Di questi ideali portatrice la sua opera e Pazzi tra i viventi. Non esistendo un cen- esemplari come il presente, con numera-
prima, dedicata non a caso a Giacomo simento, per noto che alcuni andarono zione superiore al XX: allo stato attuale ri-
Leopardi e a Pietro Giordani, alla memo- a Gusalli, Paolina Leopardi, Barsottini, e sulta dunque un unicum.In ottimo stato (pic-
ria di voi grandissimi io piccolissimo. Tommaseo. Il n. XIX, stampato alla cara cola mancanza al margine esterno della
Questa rara edizione si compone di 25 so- fanciulla Elvira Menicucci, la quale divenne brossura posteriore), comprende un ritrat-
netti e 13 canti e venne tirata in 520 esem- moglie del Carducci nel 1859, l'unico cen- to fotografico di Carducci allalbumina (cm
plari a spese dell'autore, il quale manifesta- sito che conservi le copertine mattone, 11 x 6) realizzato proprio nel 1857 pres-
va al Chiarini non tanto la preoccupazione mentre il n. VI, anch'esso presso la Casa so lo studio fiorentino Hauptmann e C.
di non riuscire a estinguere i debiti passati, Carducci, ne privo. probabile che le de- Parenti, Rarit, II p. 58 (rarissima); Barbieri,
ma di garantirsi almeno il pagamento dei diche necessarie fossero superiori alle XX Le editiones principes delle poesie di G.C.

DELAUNAY SONIA ti da disegni di Sonia Delaunay che rappre-


Tableaux vivants sentano costumi realizzati dallartista negli
Milano, Edizioni del Naviglio, 1969 anni Venti per varie occasioni come Costu-
2.400 mes per Tristan Tzara, Dame en blu, Costume
pour Carnavale de Rio,
Jazz, La Triangulaire. Solida
legatura editoriale in le-
gno rivestito in tela blu
con applicata la brossu-
ra editoriale figurata.
Prima (ed unica) edizio-
ne a tiratura limitata di
650 esemplari di cui 150
numerati e firmati e 500
numerati. Introduzione di
Jacques Damase; testo in
francese di Guillaume
Apollinaire, Pome di
Blaise Cendrars.
Esemplare n. 273 della ti-
Raro libro dartista a leporello (mm 285 x ratura di 500 copie sur velin Aussedat.
200) con 27 pochoirs a piena pagina, trat- In perfetto stato di conservazione.

e-mail: giac.lodetti@gmail.com - cell. 3396859871


IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:36 Pagina 19

19 ekecheiria n. 13

LIBRERIA PARAVIA DI TORINO


La Libreria, nata nel 1802 in Piazza palazzo Leditore Franco Maria Ricci ci introduce il persone sono analizzati attraverso il patri-
di Citt, si era stabilita al civico 23 di via nuovo catalogo relativo allesposizione aper- monio dellAssociazione Archivio Storico
Garibaldi nel 1863, sopravvivendo anche ai ta fino al 21 maggio. Si chiamano Nature Olivetti di Ivrea. Il testo propone uninter-
violenti bombardamenti della seconda pretazione dello Stile Olivetti, palesandone
Guerra Mondiale. Da giugno 2015, le tito- la matrice di un pensiero unitario, dal qua-
lari Sonia e Nadia Calarco continuano a le nascono Congegni sapienti; essi condu-
svolgere lamata professione nella nuova se- cono il lettore verso la scoperta delliden-
de di Piazza Arbarello, a seguito del man- tit culturale della Olivetti che rappresen-
cato rinnovo del contratto di locazione. ta, per molti versi, quello straordinario la-
Gli alti scaffali di legno hanno lasciato spa- boratorio che la realt italiana.
zio ai moderni telai che lasciano filtrare la Oltre duecento immagini straordinarie e
luce della spaziosa piazza, ma latmosfera e inedite che raccontano la storia di uno sti-
la dedizione al libro e alla cultura vogliono le unico.
essere le medesime. Congegni sapienti.
Per continuare ad essere un tassello di quel- Stile Olivetti: il pensiero che realizza
la storia collettiva di Torino, cui dimostra di Caterina Cristina Fiorentino
essere legato anche Giuseppe Culicchia in pp. 192, ill. bn/col.
Torino casa nostra, prenderanno infatti cor-
po diverse attivit volte ad avvicinare alla morte perch gli oggetti quotidiani raffigu-
lettura tutti i clienti; la nuova sistemazione rati sono inanimati: fiori recisi, clessidre or-
consentir infatti lo svolgersi di attivit per mai vuote, teschi, conchiglie, minerali, ma
bambini, chiacchierate con gli autori, espo- anche oggetti quotidiani come pentole, va-
sizioni ed eventi artistici meno canonici, nel- si, alimenti. Le foto di Mauro Davoli sono
la declinazione a tutto tondo di uno spazio pi di un semplice trompe lil perch ci
culturale. ingannano tre volte. Sono foto che fingo-
no altre foto, le quali fingono quadri del
Seicento olandese, che fingono a loro vol-
ta degli oggetti della realt. Davoli ci affa-
scina con la sua abilit di trasformare lo scat-
to fotografico in luce e rende omaggio ad
uno dei maestri del Seicento olandese,
Adriaen Coorte, artista poco noto, di pro-
duzione esigua ma di grandissima intensit Il volume offre una chiave per la lettura del-
ed eleganza. Laccesso alla mostra inclu- la citt e ci racconta, attraverso i disegni di
so nel biglietto al Labirinto della Masone e Francesco Corni, la storia di Torino dalla
consente di visitare anche le collezioni per- fondazione in epoca romana al periodo di
manenti e il parco. prima capitale dItalia. Il disegno ricostrutti-
Mauro Davoli, Nature vive vo fotografa levoluzione urbanistica nelle
Catalogo mostra sue fasi pi significative. Ogni capitolo pre-
pp. 25 ceduto da una veduta complessiva della cit-
Fontanellato, Labirinto della Masone t seguita dalle principali strutture, piazze,
fino al 21 maggio chiese, palazzi pubblici e privati relativi a
quel momento storico, descrivendo poi nel
dettaglio ci che avviene, che viene costrui-
to o abbattuto per ogni epoca. Il disegno
Questo nuovo catalogo lesito di oltre prospettico e la tecnica dello spaccato con-
sette anni di ricerca, attraverso unattenta sentono al lettore di valutare immediata-
analisi del nuovo materiale raccolto e di mente le proporzioni di ogni soggetto, il
ogni singola opera rinvenuta. dentro e il fuori assai meglio di una lunga
Nel centenario della morte dellartista, il descrizione mentre il testo si limita a spe-
grande numero di opere venute alla luce cificare lepoca e la funzione. Utili sono inol-
in questi ultimi decenni ha reso necessaria tre le tavole in cui si evidenzia ci che di
una compilazione aggiornata del catalogo ogni epoca possibile ancora visitare.
generale dellopera di Umberto Boccioni. Anche i particolari sono risolti a disegno,
Infatti, la recente riscoperta presso gli ar- infatti, lartista si ispirato alla secolare tra-
chivi della Biblioteca Civica di Verona del- dizione degli illustratori sabaudi che hanno
lalbum contenente numerose riproduzio- trasmesso limmagine di Torino in Europa,
ni di opere darte, raccolte da Boccioni pri- facendone una delle citt pi disegnate.
ma della svolta futurista, rivela quanto sia Torino Capitale
uno studio tuttora stimolante. Una chiave per la lettura della citt
Umberto Boccioni Il nuovo volume di Hapax ci propone un attraverso i disegni di Francesco Corni
M. Calvesi e A. Dambrouso punto di osservazione sullo Stile Olivetti, Francesco Corni
pp. 572, ill. bn/col tramite immagini inedite. pp. 280, ill. bn
Allemandi, 2016 Mostre, negozi, film, manifesti, prodotti e Tipografia Parena Editrice, 2012

e-mail: giac.lodetti@gmail.com - cell. 3396859871


IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:37 Pagina 20

20 ekecheiria n. 13

UN PATRIMONIO ITALIANO
Giuseppe Volpe un ottimista della ragio- leggiare una rinnovata volont di cambia- sistema dei Beni Culturali la stessa classifi-
ne e un intellettuale entusiasta. Docente di mento che denota quei territori e che con- cazione che lo psicoanalista ha introdotto
archeologia e Presidente del Consiglio trasta con una narrazione mediatica spes- per il sistema scolastico: gestione/Edipo ge-
Superiore del MIBACT, dal suo privilegiato stione/Narciso, gestione/Telemaco.
punto di osservazione, ha voluto affronta- Ne risulta cos una fotografia illuminante sia
re lo scottante problema del Patrimonio del passato che del presente della gestio-
culturale Italiano nellottica di fornire esem- ne dei Beni Culturali ma ne scaturisce an-
pi ed idee per una gestione pi proficua che una ipotesi, condivisibile, di una futura
dello stesso. Il suo recente libro Un Patri- evoluzione. Il focus di questa prima parte
monio italiano. Beni culturali, paesaggio e cit- prevalentemente incentrato sulla mission di
tadini evidenzia le numerose sfaccettature estendere la partecipazione dei cittadini al-
della sua poliedrica personalit, la sua gran- la gestione dei Beni Culturali e sulle oppor-
de professionalit e il sincero impegno ci- tunit che si avranno dal porre gli stessi al
vile. Volendo sinteticamente definire il suo centro del sistema. Il prof. Volpe ritiene, inol-
lavoro, potremmo denotarlo come un lu- tre, assai utile che la gestione dei problemi
cido, razionale grido o chiamata ad un dif- del patrimonio culturale venga ricondotta
fuso e coinvolgente interesse verso il ad un unicum. La storia ha lasciato tracce
Patrimonio Culturale Italiano. Il cuore del che affiorano stratificate, diversificate, per
libro racchiude le descrizioni di 23 gestio- questo la gestione del patrimonio deve es-
ni dal basso di Beni Culturali che Volpe pro- sere unica e non frazionata tra competen-
pone come esempi di interventi da diffon- ze diverse e tra varie professionalit. Alcune
dere e reiterare pur con le declinazioni op- appendici analizzano poi la disamina dei cor-
portune legate ad altri casi e ai diversi ter- si di laurea afferenti ai Beni Culturali, inte-
ritori. Lautore sottolinea come: In tutti ressanti considerazioni sullArcheologia e la
(questi) casi emergono alcune costanti: le so riduttiva se non addirittura ostile verso frammentazione nonch, tenendo conto
straordinarie potenzialit che dimostrano quelle stesse realt. Il quadro che ne emer- delle ultime delibere del Consiglio superio-
le varie forme innovative di gestione in ter- ge un affresco dove si mescolano elemen- re, il problema della riproducibilit dei Beni
mini di miglioramento della cura dei mo- ti diversi: pubblico e privato, professionali- Culturali. Il libro si chiude, idealmente, con
numenti e dei servizi per i fruitori, di incre- t e volontariato, ricerca e divulgazione, edu- la potente citazione di Orhan Pamuk:
mento dei visitatori e delle possibilit di oc- cazione e intrattenimento Un posto par- Siamo stati abituati ad avere i monumen-
cupazione. Il caso della Cooperativa so- ticolare lo occupa, in questa galleria, il FAI ti, ma quello che ci serve sono le case. Nei
ciale La Paranza, al Rione Sanit di Napoli , che svolge il ruolo di motore di buone pra- musei avevamo la storia, ma quello che ci
forse, il pi emblematico. don Antonio tiche nella gestione dei Beni Culturali an- serve sono le storie. Nei musei avevamo le
Loffredo ha creato questa dinamica realt che per merito del presidente prof. Andrea nazioni, ma quello che ci serve sono le per-
culturale, che anche fonte di occupazio- Carandini e del vicepresidente Marco Ma- sone. Grazie professore per il suo lavoro
ne per ben 20 giovani, riqualificando un be- gnifico. Il libro presenta, altres, una prima che indica la strada per: uscire dalla pa-
ne culturale, Le Catacombe di San Gennaro, parte dove il prof. Volpe, acutamente, par- lude immobile nella quale si a lungo im-
allinterno di un quartiere di Napoli carico la della riforma in atto nel Ministero dei pantanato il mondo dei Beni Culturali nel
di problemi. Esempio importante di come Beni Culturali ed esamina le ricadute della nostro Paese, da tempo bloccato in una
si possano mutare le difficolt in opportu- Convenzione di Faro, emanata dalla UE, sul malintesa, cieca, fedelt alla tradizione, di cui
nit. I casi analizzati sono scelti tra le varie sistema italiano. Inoltre, prendendo spunto si adorano le ceneri piuttosto che ravvivar-
regioni italiane, forse, con una leggera pre- da una fulminante intuizione di Maurizio ne il fuoco. Grazie!
ponderanza nel meridione, quasi a simbo- Recalcati nel libro Lora di lezione, applica al Giorgio Bagnobianchi

MARIO DONDERO
UN UOMO UN RACCONTO
A poco pi di un anno dalla scomparsa di Mario Dondero, la mostra ha proposto un viaggio nella
poetica e nelluniverso di storie raccontate da questo fotografo, inguaribile freelance che ha da sem-
pre rifiutato il legame stabile con un giornale per viaggiare e raccontare il mondo in totale libert.
Nato a Milano nel 1928, legato a Genova, citt paterna dove trascorre lunghi periodi dellinfanzia e
delladolescenza, ma soprattutto cittadino del mondo, Mario Dondero stato uno dei protagonisti
di quellet delloro del fotogiornalismo italiano in cui una generazione di giovani usciti dalla guerra
scopriva la fotografia come straordinario bagno di realt e strumento di democrazia dopo la reto-
rica e la propaganda del fascismo, autori come Ugo Mulas, Carlo Bavagnoli, Carlo Cisventi, Giulia
Niccolai che sincontrano al bar Jamaica nel quartiere di Brera a Milano e si formano nel clima di idea-
lit, di ricostruzione morale, civile e culturale che attraversa gli anni Cinquanta.Trasferitosi a Parigi nel
1954, irriducibile interprete della fotografia umanista del secondo Novecento, per oltre sessant'an-
ni. Catalogo in galleria, testi di Walter Guadagnini e Tatiana Agliani Lucas.

Galleria Ceribelli Via San Tomaso 86 24121 Bergamo tel.035 231332


www.galleriaceribelli.com info@galleriaceribelli.com

e-mail: giac.lodetti@gmail.com - cell. 3396859871


IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:37 Pagina 21
IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:37 Pagina 22

22 ekecheiria n. 13

LIBRERIE STORICHE DITALIA


Lobbiettivo dellAssociazione non solo fermare lemorragia delle librerie, piuttosto trovare un modo
per promuovere e mantenere il mercato indipendente. Bene il modello del Comune di Milano, Amministrazione
Giuliano Pisapia, che ha deliberato per le librerie storiche il vincolo dellattivit, canoni di locazione sostenibili e
promozione dellattivit in collaborazione tra pubblico e privato. A seguito del contatto con il Ministro dei Beni e
delle Attivit Culturali e del Turismo, la Direzione Generale Biblioteche ha proposto disposizioni fiscali agevolate,
agevolazioni finanziarie attraverso listituzione, presso il Ministero, di un fondo per contributi e una
Giornata delle librerie storiche da tenersi annualmente con un programma volto alla promozione della lettura
ed alla conoscenza del patrimonio bibliografico italiano.
Libreria Antiquaria Bourlot, Torino dal 1848 Libreria Antiquaria Soave, Torino dal 1937 Libreria Cesaretti, Roma dal 1888
Via Po, 7 - 10124 Torino Via Po, 48 - 10123 Torino Via Pi di Marmo, 27 - 00186 Roma
Marco Birocco Elena Mdail Saverio Lefevre
tel. 011.537405 tel. 011.8178957 - e.mail: info@libsoave.com tel. 06.6786264
e.mail: email@bourlot.it - (solo censita) www.libsoave.com - (solo censita) e.mail: libreriacesaretti@yahoo.it

Libreria Antiquaria Gonnelli, Firenze dal 1875 Libreria Alterocca, Terni dal 1890
Corso Tacito, 27-29 - 05100 Terni Libreria del Teatro, Reggio Emilia dal 1907
Via Ricasoli, 6/14/r - 50122 Firenze Via Crispi, 6 - 42121 Reggio Emilia
Marco Manetti Giovanna Durastanti
tel. 0744.409201 Nino Nasi
tel. 055.216835 - fax 055.2396812 tel. 0522.438865 - e.mail: pattynare@tiscali.it
e.mail: info@gonnelli.it - www.libreria-gonnelli.it e.mail: libreria.alterocca@gmail.com

Libreria Arnoldi, Bergamo dal 1913 Libreria Di Pellegrini, Mantova dal 1920
Libreria Antiquaria Gozzini, Firenze dal 1850
Piazza Giacomo Matteotti, 12 - 24122 Bergamo Via Marangoni, 16 - 46100 Mantova
Via Ricasoli, 49 e 103r - 50122 Firenze
Pier Paolo Arnoldi Marina ed Ebbi Diego
Francesco Chellini
tel. 035.243462 - fax 035.235423 tel. 0376.320333
tel. 055.212433 - fax 055.211105
e.mail: info@arnoldilibreria.it - www.arnoldilibreria.it e.mail: info@libreriadipellegrini.it
e.mail: info@gozzini.it - www.gozzini.it
www.libreriadipellegrini.it
Libreria Bocca, Milano dal 1775
Libreria Antiquaria Malavasi, Milano dal 1940 Galleria Vittorio Emanuele II, 12 - 20121 Milano
Largo Schuster, 1 - 20122 Milano Giorgio e Monica Lodetti Libreria Docet, Bologna dal 1952
Maurizio Malavasi tel. 02.86462321 - 02.860806 - fax 02.876572 Via Galliera, 34/a - 40121 Bologna
tel. 02.804607 - fax 02.864002 e.mail: libreriabocca@libreriabocca.com Loris Rabiti
e.mail: malavasi@libreriamalavasi.com www.libreriabocca.com tel. 051.255085
www.libreriamalavasi.com e.mail: libreriadocet@tin.it
Libreria Bozzi, Genova dal 1810
Libreria Antiquaria Mediolanum Via San Siro, 28/r - 16124 Genova Libreria Fissore, Alessandria dal 1951
Milano dal 1928 Tonino Bozzi Piazza della Libert, 26 - 15100 Alessandria
Via del Carmine, 1 - 20121 Milano tel. 010.2461718 - fax 010.2461652 Francesca Orzalesi
Luca Pozzi e.mail: info@libreriabozzi.it - www.libreriabozzi.it tel. 0131.252768
tel. 02.86462616 - fax 02.45474333 e.mail: libreria96@libreriafissore.191.it
e.mail: mediolanum@ibreriamediolanum.com Libreria Car, Gallarate dal 1942
www.libreriamediolanum.com Piazza Garibaldi, 6 - 21013 Gallarate (VA)
Anna Car Libreria Galla,Vicenza dal 1880
tel. 0331.792508 - 0331.776122 - fax 0331.791071 Corso Palladio, 11 - 36100 Vicenza
Libreria Antiquaria Peyrot, Torino dal 1954
e.mail: libri@caru.com - www.caru.com Alberto Galla
Piazza Savoia, 8/g - 10122 Torino
tel. 0444.225200 - 0444.225252 - fax 0444.225210
tel. 011.4369654 - e.mail: Libreria Casa del Libro, Siracusa dal 1930 e.mail: info@galla1880.com - www.galla1880.com
books@libreriapeirot.com - (solo censita) Via Maestranza, 20/22 - 96100 Siracusa
Lorenzo Mascali Libreria Giovannacci,Vercelli dal 1907
Libreria Antiquaria Prandi tel. 0931.65186 - e.mail: lorenzo.mascali@tin.it
Reggio Emilia dal 1926 Via Laviny, 10 - 13100 Vercelli
Viale Timavo, 75 - 42100 Reggio Emilia Libreria Casa del Libro, Taranto dal 1936 Caterina Giovannacci
Paolo Prandi Via DAquino, 142 - 74100 Taranto tel. 0161.250432 - e.mail: info@libreriagiovannacci.it
tel. 0522.434973 - e.mail: libreria@prandi.info Nicola Mandese www.libreriagiovannacci.com
www.libreriaprandi.it tel. 099.4520504
e.mail: libronic@libero.it - storicamandese@tele2.it Libreria Goggia, Asti dal 1850
Libreria Antiquaria Pregliasco,Torino dal 1912 Corso Alfieri, 299 - 14100 Asti
Via Accademia Albertina, 3/bis - 10123 Torino Libreria Casa del Libro, Torino dal 1926 Luigi Doano
Umberto Pregliasco Galleria Subalpina, 24 - 10123 Torino tel./fax 0141.592804
tel. 011.8177114 - e.mail: preglias@fileita.it Giancarlo e Cecilia Bonadio e.mail: libreria.goggia@fastwebnet.it
www.preliber.com tel. / fax 011.543966 www.libreriagoggia.it
e.mail: lacasadellibro1926@tiscali.it - (solo censita)
Libreria Antiquaria Rappaport, Roma dal 1906 Libreria Cattaneo, Lecco dal 1930 Libreria Hoepli, Milano dal 1870
Via Sistina, 23 - 00187 Roma Via Roma, 52 - 23900 Lecco Via Ulrico Hoepli, 5 - 20121 Milano
Bernardo e Marlis Seacomb Tina Cattaneo tel. 02.864871 - e.mail: info@hoepli.it
tel. 06.483826 - fax 06.4818079 tel. 0341.286323 - fax 0341.285189 www.hoepli.com - (solo censita)
e.mail: info@rappaport.it - www.rappaport.it e.mail: libreria@cattaneolecco.it
Libreria La Toletta,Venezia dal 1933
Libreria Antiquaria Regina, Napoli dal 1880 Libreria Cavallotto, Catania dal 1954 Dorsoduro, 1213 - 30123 Venezia
Via S. M. di Costantinopoli, 51/103 - 80138 Napoli Corso Sicilia, 91 - 95131 Catania Giovanni Pelizzato
Luigi Regina Anna Cavallotto, Adalgisa DAmbra tel. 041.5232034 - fax 041.2415371
tel./fax 081.459983 - 081.290925 tel. 095.310414 - 095.320431 e.mail: toletta@libreriatoletta.it
e.mail: info@libreriaregina.it - www.libreriaregina.it e.mail: info@cavallotto.it - www.cavallotto.it www.libreriatoletta.it

e-mail: giac.lodetti@gmail.com - cell. 3396859871


IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:37 Pagina 23

23 ekecheiria n. 13

Libreria Lapaglia, Catania dal 1906 Libreria Paravia, Torino dal 1802 Libreria Sforzini, Roma dal 1958
Via Etnea, 391/3/5 - 95125 Catania Piazza Vincenzo Albarello, 6 - 10122 Torino Via Michele di Lando, 54 - 00162 Roma
Enrico e Stefano Morgano Sonia e Nadia Calarco Mario Magistrelli
tel. 095.446640 tel. 011.540608 - fax 011.5184475 tel. 06.6789170
e.mail: librerialapaglia@ibrerialapaglia.com e.mail: libreria.paravia@tenet.it cell. 3341035948 - (solo censita)
www.librerialapaglia.com www.libreria-paravia.it
Tarantola 1899, Brescia dal 1899
Libreria Laterza, Bari dal 1896 Libreria Prampolini, Catania dal 1894
Via fratelli Porcellaga, 4 - 25122 Brescia
Via Sparano da Bari, 136 - 70121 Bari Via Vittorio Emanuele, 333 - 95124 Catania
Marco Serra Tarantola
Giovanna Gennari Laterza,Alessandro e Maria Laterza Luigi Calabrese
tel. 030.49300 - fax 030.3772569
tel. 080.5211780 - fax 080.5243767 tel. /fax 095.321099
e.mail: info@tarantola.it
e.mail: alaterza@laterza.it e.mail: prampolinilibreria@tiscali.it
www.tarantola.it
www.laterza.it www.prampolinilibreria.it

Libreria Lotti, Fabriano dal 1735 Libreria Resola, Brescia dal 1948 Libreria Tarantola, Sesto S. Giovanni dal 1859
Corso Repubblica, 42 - 60044 Fabriano (AN) Corso Garibaldi, 39/b - 25122 Brescia Piazza Martiri di via Fani, 15
Giovanni Sciamanna Gianfranco Resola 20099 Sesto S. Giovanni (MI)
tel. 0732.22931 - (solo censita) tel. 030.42476 - fax 030.3756090 Giorgio Tarantola
e.mail: libreria.resola@tin.it tel. 02.2621696
Libreria Luxeburg, Torino dal 1872
Via Cesare Battisti, 7 - 10123 Torino Libreria Riminese, Rimini dal 1931 Libreria Tombolini, Roma dal 1885
tel. 011.5613896 Piazzetta Gregorio da Rimini, 13 - 47900 Rimini Via 4 Novembre, 146 - 00187 Roma
e.mail: bookslux@libero.it (solo censita) Mirco Pecci Daniele Brisigotti, Vincenzo Orieti
tel. 0541.26417 - fax 0541.26246 Carla Tombolini
Libreria Nanni Arnaldo, Bologna dal 1825 e.mail: libreria.riminese@bero.it tel. 06.6795719 - 06.6785925
Via de Musei, 8 - 40124 Bologna
fax 06.69941790
Nerio Nanni Libreria Rotondi, Roma dal 1936
e.mail: libreria.tombolini@iol.it
tel. 051.221841 - fax 051.279198 Via Merulana, 82 - 00185 Roma
www.tombolini.net
e.mail: libreria66@libreriananni.it Aldo, Barbara e Francesco Rotondi
www.libreriananni.it tel. 06.70453459 - (solo censita)
Libreria Zanichelli, Bologna dal 1859
Libreria Paolino, Ragusa dal 1953 Libreria Umberto Saba, Trieste dal 1919 Piazza Galvani, 1/h - 40124 Bologna
Corso Vittorio Veneto, 144 - 97100 Ragusa Via San Nicol, 30 - 34100 Trieste tel. 051.23999
Salvatore Paolino Mario Cerne e.mail: libreria.zanichelli@librerie.coop.it
tel. 0932.626260 tel./fax 040.631741 - e.mail: mario.cerne@iol.it (solo censita)

IL RITORNO DEL MAESTRO


DEL TERZO FUOCO PARTENOPEO A GUBBIO
Museale Diocesano e del Museo del-
la Ceramica a Lustro di Gubbio.
Maestro di chiara fama, Solaris lau-
reato in sociologia con indirizzo an-
tropologico, inizia a modellare la cre-
ta in modo spontaneo, verso la me-
t degli anni 60. Si trasferisce a Roma
e frequenta la facolt di psicologia.
In quegli anni incomincia a dipingere
ed espone in numerose gallerie ro-
mane, frequentando le avanguardie
dellarte della seconda met degli an-
ni 70. Ritornato a Napoli lavora di
nuovo la creta e realizza lavori per nu-
merosi Musei della Ceramica tra i
quali il M.I.C. Museo Internazionale
delle Ceramiche di Faenza (RA), il
Museo Diocesano di Gubbio Palazzo
Giancarlo Ianuario Solaris di origini napoletane, specia- dei Canonici (PG), il MAV Museo
lizzato nella creazione di opere uni- Archeologico Virtuale di Ercolano, il
Solaris che e pregevoli di ceramiche a terzo Museo darte contemporanea di
in mostra alla Chiesa fuoco e raku, tecniche antiche e com- Cerreto Sannita (BN), il Museo della
plesse. Torna avendo intrecciato una Ceramica Donato Massa Pietrastor-
dei Laici e al Museo proficua amicizia con il derutese Fran- nina (AV). Per la Libreria Bocca ha
della Ceramica a Lustro co Cocchi. La mostra Percorsi di luce: realizzato una ceramica raku installa-
la terra, il fuoco e il sole, organizzata ta permanentemente sul pavimento
Ritorna a Gubbio dopo tre anni, il e promossa dallAssociazione Cultu- e lillustrazione della rima 68a de Il clas-
maestro ceramista Giancarlo Ianuario rale La Medusa, ente gestore del Polo sico dei tre caratteri.

e-mail: giac.lodetti@gmail.com - cell. 3396859871


IMPAGINATO 2017 OK_IMPAGINATO 2009 OK 04/05/17 20:37 Pagina 24