You are on page 1of 32

Quindicinale

Anno XXXIX Editrice Pro Loco Fener


Quindicinale
Anno
AnnoXXXVIII
XXXIX
06.04.2017
06.04.2017
28.09.2016
Numero
Numero
683
674
683 Il Tornado
PERIODICO DI ATTUALIT DEI COMUNI DI ALANO DI PIAVE, QUERO VAS, SEGUSINO
PERIODICO DI ATTUALIT DEI COMUNI DI ALANO DI PIAVE, QUERO VAS, SEGUSINO

Quero Vas: due appuntamenti importanti - pag. 1-2


Aria di Irlanda a Quero - pag. 3
Una alanese alla notte degli oscar - pag. 4
Il programma 2017 dei Fanti - pag. 9

http://digilander.libero.it/tornado
Cava
ChiusoCol di Roroila27.03.2017
in redazione Campo, laProssima
societchiusura
rinuncia - pag. 12
il 10.04.2017

Chiuso in redazione il 27.03.2017 - Prossima chiusura il 10.04.2017


Tassa Pagata/Taxe Perue/Ordinario Autorizzazione Tribunale BL n. 8 del 18/11/80 Poste Italiane s.p.a. Spedizione in A.P. D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB BL
http://digilander.libero.it/tornado
Tassa pagata/Taxe Perue/Ordinario Autorizzazione Tribunale BL n. 8 del 18/11/80 Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in A. P. - D.L. 353/2003 - (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.1, comma 1, DCB BL
AL MOLIN TABACCHERIA
RISTORANTE - PIZZERIA
EDICOLA

Pagamenti imposte con F24


Bolli auto e moto

Ricariche telefoniche

SPECIALIT PESCE Cambio pile ad auricolari


orologi e telecomandi
ALANO DI PIAVE
PIAZZA DEI MARTIRI, 13 - TEL. 0439.779129
- CHIUSO IL MARTED -

32031 ALANO DI PIAVE (BL) - Via Antonio Nani, 14


E-mail: termoidraulica.gierre@vodafone.it

Per rinnovare la tua casa

TODOVERTO di Todoverto Paolo & C.


S.N.C.

imbiancature interni - esterni


termocappotti - spatolati
ALANO DI PIAVE Via Caduti e Dispersi in Russia ONORANZE
FUNEBRI
Tel. 0439.779208 - Cell. 348.7346084
IL TORNADO Sede: Via J. Kennedy - 32031 FENER-ALANO di PIAVE (BL). DIRETTORE RESPONSABILE: Mauro Mazzocco. REDATTORI: Sandro Curto, Silvio Forcellini. COLLABORATORI: Ales-
sandro Bagatella, Ivan Dal To, Antonio Deon, Foto Comaron, Fotocolor Resegati, Ermanno Geronazzo, Cristiano Mazzoni, Sergio Melchiori, Andrea Tolaini.
ABBONAMENTI: ITALIA Abbonamento annuale (18 numeri) 25,00 ESTERO Abbonamento annuale (18 numeri) 50,00.
LABBONAMENTO PU ESSERE SOTTOSCRITTO O RINNOVATO NEI SEGUENTI MODI: 1- versando la quota sul c/c postale n. 10153328 intestato alla PRO LOCO di FENER; 2- con bonifico
sul c/c Banco Posta intestato alla PRO LOCO di FENER, IBAN: IT49 M076 0111 9000 0001 0153 328; 3- pagando direttamente ad uno dei nostri seguenti recapiti: NEGOZIO DA MILIO - Alano;
BAR JOLE - Fener; MAURO MAZZOCCO - Quero; ALESSANDRO BAGATELLA - Quero; BAR PIAVE Carpen - LOCANDA SOLAGNA - Vas; ANTONIO DEON - Vas; BAR BOLLICINE - Scalon;
BAZAR di A. Verri - Segusino.
1 CRONACA

Due appuntamenti importanti


hanno vivacizzato la vita associativa del volontariato di Quero Vas
nello scorso mese di Marzo
a cura di Alberto Coppe
Il mondo associativo quero vassese ha dato esempio, con la partecipazione a due importanti appuntamenti nel mese di
marzo, di essere quanto mai vivo e ben organizzato. Due sono state le ricorrenze che vorremo raccontare, grazie alla
disponibilit delle pagine del Tornado.
La prima: la pizza con le associazioni organizzata venerd 10 marzo dallAmministrazione Comunale presso la pizze-
ria alla Miniera di Scalon. La serata conviviale, le cui spese sono state totalmente a carico degli amministratori comu-
nali, servita oltre che per mangiare una pizza in compagnia, anche per fare il punto sullimportanza degli eventi socio
ricreativi e culturali che grazie alla collaborazione delle Associazioni vengono organizzati durante lanno. E stato vi-
sionato anche il filmato delle feste paesane che hanno caratterizzato il nostro territorio nel 2016. Oltre a tutto ci, dopo
un breve saluto da parte del sindaco Ing. Bruno Zanolla, i responsabili di ogni sodalizio presente alla serata si sono
presentati e hanno spiegato gli aspetti e gli obiettivi pi importanti che caratterizza lassociazione che presiedono. E
stata una interessante serata, trascorsa in compagnia con lo spirito di far squadra tutti assieme nellinteresse della
Comunit a cui apparteniamo.
Il secondo appuntamento stato la giornata ecologica di domenica 12 marzo. Hanno partecipato allincirca una
cinquantina di persone suddivise in due gruppi. A Vas presso la pizzeria alla Miniera si sono ritrovati i volontari delle
associazioni vassesi e un folto gruppi di pescatori del bacino di pesca n. 10 acque feltrine (allincirca una trentina di
persone) sotto la direzione del consigliere Cristian Corr. A dispo-
sizione il camion del Comune con un operatore e alcuni autocarri La lettera di Federico DInc
privati dei volontari. E stata ripulita la zona che dalla passerella Egregio Dott. Alberto Coppe
sul Piave giunge fino allabitato di Marziai, passando per il parco Assessore al Comune di Quero Vas
del Piave di Caorera. Sono stati raccolti oltre 40 grandi sacchi di Con la presente sono a ringraziare quanti la
bottiglie di plastica e di vetro, un camion di copertoni abbandonati scorsa domenica, si sono rimboccati le maniche
nei pressi della passerella sul Piave. Lungo la spiaggia del Piave ed hanno dedicato il loro tempo alla cura
stata raccolta ferraglia varia e nelle scarpate che delimitano la dellambiente e alla cultura della solidariet, ri-
strada provinciale Madonnna del Piave molti sacchetti di im- pulendo aree verdi e zone che troppo spesso
mondizia. Dallaltra parte del sacro Fiume il gruppo querese con i vengono scambiate per discariche. Un particola-
volontari delle associazioni Protezione Civile, Alpini, Pro Loco, re ringraziamento va quindi ai volontari del Ba-
Amici di Carpen (circa 20 persone), coordinati dallassessore Al- cino di pesca numero 10, agli Alpini, alla Pro
berto Coppe e con a disposizione il camion del comune e un ope- Loco, alla Protezione Civile e allassociazione
ratore hanno ripulito le cunette stradali ed alcune scarpate lungo Amici di Carpen. Vedere che oltre cinquanta
la strada comunale di Schievenin, un tratto della zona industriale, cittadini hanno risposto attivamente al Vostro
la Calnova e la Moscheta, la zona dellincrocio con il Ponte del appello, per me sempre motivo di grande sod-
Fante e lincrocio di via Piave. Inoltre le piazzole sosta lungo la disfazione. Questa la societ che vorremmo:
Feltrina da Carpen a Quero Vas e la zona del Piave dalla Passe- attiva, solidale, con una sana cultura
rella allimpianto di ghiaia Vidori. Anche in queste zone sono stati dellambiente e consapevole del ruolo che gioca
raccolti una sessantina di grandi sacchetti con vetro e bottiglie di laggregazione. Spero che lesempio di questi
plastica, alcuni copertoni e moltissimi sacchetti di immondizia ab- volontari induca altri ad abbandonare
bandonati incivilmente lungo le scarpate stradali. A conclusione
latteggiamento dello stare a guardare e si
della mattinata, grazie alla collaborazione di Paolo Berra, gestore
passi ad una condivisione dei problemi, con fare
della pizzeria alla Miniera di Scalon, stata offerta da Paolo una
propositivo, volto alla risoluzione degli stessi.
pastasciutta per tutti coloro che sono intervenuti alla giornata de-
Colgo loccasione per darvi fin da ora, la mia di-
dicata alla pulizia ambientale del nostro territorio.
sponibilit a partecipare, insieme a voi, alla
Un sincero ringraziamento a quanti hanno partecipato volontaria-
prossima giornata ecologica. Con la speranza
mente a questi importanti appuntamenti, e un sollecito a quanti lo
che un giorno non sia pi necessaria, sintomo di
vorranno fare il prossimo anno.
buona educazione, al fine di far apprezzare a
tutti, ancora di pi il nostro bel paese. Quindi
sforziamoci tutti a tenere i nostri Comuni puliti
come fossero la nostra casa.
Cordialmente Federico DInc

In foto: gruppo di volontari nella base allestita nei locali di Paolo


Berra, a Scalon.
2 CRONACA

La giornata ecologica: reportage fotografico


3 CRONACA

Aria di Irlanda a Quero


Erika Dalla Piazza Pro Loco Quero
Nelle serate di Venerd 17 e Sabato 18 marzo in Piazza
Marconi si tenuta la terza edizione della Festa di San Pa-
trizio voluta e organizzata dalla Pro Loco di Quero.
Per loccasione stato proposto un men tipico con stufato
alla Guinness e birre irlandesi.
La prima serata stata accompagnata da musica popolare
italiana con il gruppo degli Orsi Popolari.
Nella serata di Sabato la festa si immersa completamen-
te nello spirito irlandese con musica tipica e sport. Infatti,
dalle 19:00 si svolta la prima Staffetta di San Patrizio
organizzata dal gruppo sportivo Astra con la collaborazione
della Protezione Civile, che ha visto gli atleti correre per le
vie del centro.
La gara iniziata con le categorie pi giovani divise per
anni, per poi proseguire con le categorie adulti divisi tra
maschile, femminile e mista. I vincitori della categoria ma-
schile sono stati: Cesare Franceschin e Simone Zancaner,
nella categoria femminile Hoda Belkarroumia e Saida Nas-
sib, e nella categoria mista Loris Mazzocco e Serena
Schievenin. Conclusasi la competizione e relative premia-
zioni, lattenzione si spostata davanti al Comune illumina-
to di verde, dove i presenti sono stati intrattenuti dalle can-
zoni celtiche proposte dal gruppo Celtic Pixie e dallo spet-
tacolo di danza irlandese dei ballerini Morrigan Irish Dan-
cers.
Il direttivo della Pro Loco si ritiene molto soddisfatto della
partecipazione e del successo della manifestazione, e rin-
grazia i volontari e le associazioni che hanno contribuito a
queste serate ricche di musica, sport e divertimento.
Vi aspettiamo numerosi alle prossime manifestazioni.
4 CRONACA

Una alanese a Los Angeles


per la Notte degli Oscar
di Silvio Forcellini
Una alanese a Los Angeles in occasione della ottantanovesima Notte degli
Oscar, andata in scena lo scorso 26 febbraio. Si tratta di Rossella Codemo,
volata in California con il compagno Giuseppe Del Volgo, aiuto-regista del
film/documentario Fuocoammare diretto da Gianfranco Rosi, pellicola che
ha per oggetto lisola di Lampedusa e i continui sbarchi di migranti, gi pre-
miata al Festival del Cinema di Berlino con lOrso doro e inserita nella cin-
quina dei candidati allOscar come miglior documentario.
Rossella figlia di due alanesi doc, trasferitisi prima a Mogliano Veneto e poi
a Zero Branco: Giovanni Codemo (deceduto pi di dieci anni fa in seguito a
un incidente stradale) e Vilma Trivellotto. Ha una sorella, Silvia, che vive a
Londra, mentre ad Alano conta ancora numerosi parenti (tra laltro, tutti nostri
affezionati lettori): dalla parte di pap Giovanni (a sua volta figlio di Cristiano
Codemo Menoli), gli zii Doimo e Amalia; dalla parte di mamma Vilma (a sua volta figlia di Primo Trivellotto), le zie Secon-
da (che ora abita in provincia di Pordenone) e Lilli. Rossella attualmente risiede proprio a Lampedusa, dove gestisce con
Giuseppe, lampedusano doc, La Casa Al Mare, uno dei pi suggestivi bed&breakfast dellisola. Isola dove stato ap-
punto girato Fuocoammare e dove la troupe si trasferita.
Infatti, il regista Gianfranco Rosi, seguendo il suo metodo di totale immersione, ha dimorato per pi di un anno a Lampe-
dusa per rendersi cos conto di persona di cosa vuol dire vivere sul confine pi simbolico dEuropa e per poter raccontare
poi i diversi destini di chi sullisola ci abita da sempre, i lampedusani, e di chi ci arriva per andare altrove, i migranti. Da
questa immersione nato il film-documentario Fuocoammare. Racconta di Samuele che ha 12 anni, va a scuola, ama
tirare con la fionda e andare a caccia. Gli piacciono i giochi di terra, anche se tutto intorno a lui parla del mare e di uomini,
donne e bambini che cercano di attraversarlo per raggiungere la sua isola. Ma non unisola come le altre, Lampedusa,
approdo negli ultimi 20 anni di migliaia di migranti in cerca di libert. E Samuele e i lampedusani sono i testimoni, a volte
inconsapevoli, a volte muti, a volte partecipi, di una tra le pi grandi tragedie umane dei nostri tempi.
Il film-documentario, giustamente osannato dalla critica e dal pubblico, oltre ad essere segnalato o premiato nelle maggio-
ri rassegne cinematografiche internazionali, il 26 settembre 2016 era stato scelto come film rappresentante lItalia per
lOscar al miglior film straniero 2017, per poi essere escluso dalla cinquina il 16 dicembre. Tuttavia il 24 gennaio 2017
riceveva la nomination allOscar nella sezione miglior documentario. E anche se, alla fine, non stato premiato, per
Rossella e Giuseppe (nella foto), e per il resto della troupe, si trattata comunque di una esperienza indimenticabile.
La trama di Fuocammare Un ragazzino, Samuele Pucillo, taglia da un pino un rametto biforcuto per ricavarne
una fionda. Con il suo amico Mattias Cucina si diverte poi a intagliare occhi e bocca su alcune pale di fico dIndia e a tirar
loro pietre con la fionda, come contro un esercito nemico. Tutto questo succede sullisola di Lampedusa, mentre gli uomi-
ni dellufficio circondariale della Marina, ricevuta via radio una richiesta di soccorso, attivano le ricerche in mare con unit
navali ed elicotteri della guardia costiera. Intanto la vita sullisola prosegue. Una casalinga, Maria Signorello, mentre pre-
para il pranzo, ascolta la radio locale condotta da Pippo Fragapane che manda in onda musica e canzoni a richiesta e d
notizie su avvistamenti e salvataggi in mare. Profughi e migranti provenienti dal Nordafrica su barconi stracarichi vengono
imbarcati sulle navi della Guardia costiera e poi, trasbordati su lance e motovedette, sono condotti a terra. Qui trova-
no Pietro Bartlo, il medico che dirige il poliambulatorio di Lampedusa e che da anni compie la prima visita ad ogni mi-
grante che sbarca nellisola. Vengono quindi trasferiti in autobus al centro di accoglienza, perquisiti e fotografati. Samuele
parla con Francesco Mannino, un parente pescatore che gli racconta di quando faceva il marinaio sulle navi mercanti-
li vivendo sempre a bordo per sei, sette mesi, tra cielo e mare. Un sub, Francesco Paterna, si immerge a pesca di ricci
nonostante il mare mosso. A casa, durante un temporale, Samuele studia e poi ascolta la nonna, Maria Costa, che gli
racconta di quando, in tempo di guerra, di notte passavano le navi militari lanciando i razzi luminosi in aria e il mare diven-
tava rosso, sembrava ci fosse il fuoco a mare. Maria Signorello chiama la radio per dedicare al figlio pescato-
re Fuocoammare, un allegro swing, con laugurio che il brutto tempo finisca presto e si possa uscire in barca a lavorare. Il
brano va in onda. Intanto, nel centro daccoglienza un gruppo di profughi intona un canto accorato accompagnato dal rac-
conto delle loro peripezie: Non potevamo restare in Nigeria, molti morivano, cerano i bombardamenti. Siamo scappati
nel deserto, nel Sahara molti sono morti, sono stati uccisi, stuprati. Non potevamo restare. Siamo scappati in Libia, ma in
Libia cera lISIS e non potevamo rimanere. Abbiamo pianto in ginocchio: cosa faremo? Le montagne non ci nascondeva-
no, la gente non ci nascondeva, siamo scappati verso il mare. Nel viaggio in mare sono morti in tanti. Si sono persi in ma-
re. La barca aveva novanta passeggeri. Solo trenta sono stati salvati, gli altri sono morti. Oggi siamo vivi. Il mare non un
luogo da oltrepassare. Il mare non una strada. Ma oggi siamo vivi. Nella vita rischioso non rischiare, perch la vita
stessa un rischio... Siamo andati in mare e non siamo morti. Il medico, mostrando la foto di un barcone con ottocento-
sessanta persone, racconta di quelli che non ce lhanno fatta. Soprattutto di quelli che per giorni navigano sottocoperta,
stanchi, affamati, disidratati, fradici e ustionati dal carburante. Commosso e sconvolto, il dottore racconta di quanti ne ha
potuti curare e di quanti, invece, ne ha dovuto ispezionare i cadaveri recuperati in mare, tra cui tante donne e bambini, fa-
cendo molta fatica ad abituarsi. Cos, mentre Samuele cresce e affronta le sue difficolt per diventare marinaio perch a
Lampedusa tutti lo sono, in mare prosegue la tragedia dei migranti e limpegno dei soccorritori.
5 ATTUALIT

Biblioteche di Alano di Piave e Quero Vas Unione Sette Ville

Euklidea
Un salto nella scienza, nella natura, nell'avventura.
Alano di Piave e Quero Vas 12 aprile - 13 maggio 2017
Euklidea un progetto ideato e sostenuto dall'AIB Veneto che vuole promuovere la
cultura scientifica a partire dai bambini. Il progetto stato accolto con favore in tutto il
Veneto e, in particolare, dalle Biblioteche bellunesi che si sono attivate per proporre, a
bambini e adulti, itinerari di conoscenza e riflessione sulle tematiche scientifiche,
naturalistiche, tecnologiche, convinti che la cultura scientifica sia fondamentale per
stimolare la curiosit, la creativit, la logica, la conoscenza e la consapevolezza
necessarie per avere degli strumenti in pi per "stare al mondo" nel migliore dei modi.
mercoled 12 aprile in Biblioteca ad Alano di Piave ore 20.30
La conquista: in bilico sulla vetta senza nome
Presentazione del libro di Orazio Longo
che racconta l'avventura di Antonio Capassi in una spedizione italiana
sul Karakorum nel 1986.
Saranno presenti Orazio Longo, autore e Antonio Capassi, alpinista e viaggiatore.
domenica 23 aprile dalle 9 in poi
Un salto in Garzaia, FESTA delle Oasi Lipu
una giornata di racconti e lezioni di Natura lungo il sentiero naturalistico della Garzaia di Pederobba.
Per scoprire libellule, pipistrelli, segreti delle piante, giochi per bambini, sicurezza in montagna e molto, molto altro.
Dalle ore 9 alle 15,30 i visitatori potranno scegliere la tematica naturalistica da approfondire, con la guida di un
particolere esperto e all'ora che preferiscono. Alle ore 14,30 verranno rilasciati dei rapaci riabilitati dal Centro Recupero
della Fauna Selvatica della Provincia di Treviso.
La Garzaia facilmente raggiungibile in treno, un mezzo sostenibile tutto da riscoprire!
E' una proposta della Lipu Pedemontana Trevigiana.
Info: www.lipupedemontanatrevigiana.it email trevigiana@lipu.it tel 339.4683136
venerd 28 aprile ore 20.30 Centro Culturale a Quero
Le farfalle di Schievenin un mondo straordianario da conoscere.
Presentazione dello studio sulle farfalle presenti nell'ecosistema della Valle di Schievenin
realizzato dal dott. Timossi e promosso dal Museo di Storia Naturale e Archeologia di Montebelluna
dal 5 al 13 maggio in Biblioteca ad Alano di Piave
Mostra dei libri di divulgazione scientifica
con la libreria "Il Treno di Bogot" di Vittorio Veneto
orari di apertura luned 15-19, mercoled 9-13 e 15-19, venerd 15-19, sabato 10-12.30
per tutto il periodo della mostra si pu fare
un salto in Euklidea, lo scaffale scientifico della tua Biblioteca
visite per piccoli gruppi e per le classi su prenotazione nelle Biblioteche di Alano, Quero e Vas.
venerd 5 maggio ore 17 in Biblioteca ad Alano di Piave
Guarda qua che libri!
Percorsi e letture per adulti e bambini per tuffarsi dentro ai libri che soddisfano le curiosit
sulla scienza, la natura, le cose, l'universo
a cura di Vera Salton, libraia appassionata.
gioved 11 maggio ore 17.00 in Biblioteca ad Alano di Piave
Giocosamente chimica
Un laboratorio alla scoperta dell'infinitamente piccolo con Sabina di Barchetta Blu
per i bambini dai 5 agli 8 anni (massimo 16)
La partecipazione gratuita, necessario segnalare la presenza alla Biblioteca di Alano 0439.778718
alle ore 14.30 in Biblioteca a Quero il laboratorio sar proposto alla classe 2a della scuola Primaria di Quero.
E' una proposta delle Biblioteche di Alano di Piave e Quero Vas Unione Sette Ville
con l'Aib Veneto, la Regione Veneto e le Biblioteche Bellunesi.
Info:
Biblioteca di Alano di Piave 0439.778718 biblioteca.alano@feltrino.bl.it
orari: lened 15-18.30, mercoled 9-12.30 e 15.18.30, venerd 15-18.30
Biblioteca di Quero 0439.787097 biblioteca.querovas@feltrino.bl.it
orari: marted 9.30-12.30 e 16-19, gioved 14.30-18.30, sabato 10.30-12.30
Biblioteca di Vas 0439.780270 biblioteca.querovas@feltrino.bl.it
orari:luned 16-18.30, mercoled 16-18, sabato 9-10.30
La foto "Idea!" di Cristian Carrara da Flikr.
6 ALPINI

GruppoAlpiniValderoa
ADUNATANAZIONALEALPINI

Treviso13,14maggio2017

ILGRUPPOALPINI,INOCCASIONEDELLADUNATA,
ORGANIZZASERVIZIOPULLMANEDALLOGGIO

PROGRAMMA:

Sabato13,ore08.00
partenzainpullmandallaSededelGruppo
di Alano di Piave, arrivo e sistemazione
presso il centro parrocchiale in localit ex
FieraTreviso.

Domenica14ore20.00
al termine della sfilata, rientro in pullman
adAlanodiPiave

DARELAPROPRIAADESIONEENTROIL30APRILE2017
ATTUALIT

Conservare i documenti
Non si tratta solo di ordine ma anche un modo per evitare di pagare una multa due volte. Tenere in ordine tutti i do-
cumenti, dalla dichiarazione dei redditi, fino alla multa per divieto di sosta fondamentale. Nel caso arrivasse la ri-
chiesta di pagamento per una contravvenzione gi saldata, riuscire
ad avere a portata di mano la ricevuta di pagamento diventa basi-
lare. Bollettini di pagamento, multe, ricevute dalla banca, sono
tutti documenti che vanno archiviati seguendo un determinato or-
dine. Tenere tutto archiviato, in cartelline dedicate, pu anche di-
ventare un rischio. Il passo per trasformasi in accumulatori seriali
breve, quindi vediamo quanto tempo vanno conservati i diversi
tipi di documenti.
Iniziamo dalla dichiarazione dei redditi: 5 anni. Il fisco ha tempo
fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello della pre-
sentazione della dichiarazione per effettuare controlli e contestare
quanto dichiarato. Stesso arco di tempo anche per larchiviazione
delle multe. Per le violazioni al codice della strada che non sono
state accertate dai Comuni, ma dalla polizia stradale, ad esempio,
il termine di prescrizione di 5 anni. Per le multe iscritte a ruolo dal Comune, il termine di 2 anni. La richiesta di de-
trazioni per le ristrutturazioni edilizie e per interventi di risparmio energetico de-
ve essere documentata. La rateazione delle agevolazioni arriva a dieci anni, tutta
la documentazione va conservata per 15 anni.
LImu e la tassa dei rifiuti hanno la prescrizione fissata a 5 anni: dopo questo
lasso di tempo il Comune non pu pi chiedere nulla riguardo queste imposte. Le
bollette relative alle utenze di acqua, luce, gas e telefono vanno conservate per 5
anni dalla data di scadenza. Stesso discorso temporale anche per documenti di
pagamento delle spese condominiali. E lo scontrino per il nuovo smartphone?
Solitamente 26 mesi, in modo da poter far valere i diritti previsti dalla garanzia, in
caso di guasto o malfunzionamento.
Yahoo Finanza 8 marzo 2017
https://it.finance.yahoo.com/notizie/documenti-in-ordine-per-quanto-tempo-vanno-conservate-le-bollette-152355062.html
7 LETTERE AL TORNADO

Amerigo Schievenin ringrazia


Gentilissimo Direttore de "Il Tornado",
mi permetta attraverso le pagine di questo giornale di ringraziare personalmente alcune persone e associazioni locali.
Sono Amerigo Schievenin e abito lungo la strada che da Schievenin sale alla localit di Prada.
Nel lontano 13 luglio 1997, durante la manifestazione "ape cross" in valle di Schievenin svolgevo attivit di volontariato
per conto dell'associazione Pro Schievenin. Purtroppo a seguito di un sinistro, che procurava lesioni personali ad una
nostra concittadina, mi sono trovato coinvolto in un'azione giudiziaria. Oggi dopo ben 20 anni dall'episodio spero di aver
chiuso questa triste vicenda giudiziaria, nel frattempo ho per sostenuto molte spese legali per difendermi. Molti amici,
privati cittadini, Associazioni di volontariato e l'Amministrazione Comunale di Quero Vas mi hanno dimostrato la loro
solidariet e non mi hanno mai lasciato solo nell'affrontare le principali spese legali e giudiziarie che negli anni ho dovuto
affrontare personalmente.
L'impegno e la collaborazione che tutti Voi mi avete dimostrato con "il progetto solidariet" mi riempie il cuore di felicit e
mi fa sentire fiero di appartenere a questa Comunit.
Devo per ringraziare alcuni di Voi: in primis gli assessori comunali Alberto Coppe e Cristina Dalla Rosa che si sono spesi
organizzando gli incontri e le riunioni con le Associazioni del territorio per mettere in piedi il "progetto di solidariet" (una
specie di pozzo di san Patrizio) che mi ha permesso il rientro di una buona parte delle spese legali che nel frattempo
avevo sostenuto. L'associazione Protezione Civile di Quero che si fatta garante per la raccolta fondi tramite l'apertura di
un conto corrente specifico per quest'opera di solidariet.
Le seguenti Associazioni che hanno contribuito al progetto con donazioni volontarie oppure organizzando attivit ri-
creative con lo scopo di raccogliere fondi per questo obiettivo.
Nel particolare ritengo giusto ringraziare oltre alla Protezione Civile di Quero, la Pro Loco di Quero, la Pro Loco di
Caorera, il Coro Polifonico Nuovo Rinascimento, il Gruppo Amici di Carpen, il Gruppo Alpini Quero, l'Associazione Fanti
Alano-Quero Vas, il Gruppo Sportivo Astra, l'Auser Circolo il Caminetto Alano-Quero Vas, il Comitato Festeggiamenti
San Valentino.
Inoltre un grande abbraccio lo devo anche agli Amici Vespisti, agli Amici del Bar-H Area Pic Nic di Schievenin, agli Amici
della frazione di Campo e alla Giunta Comunale di Quero Vas e a molte altre persone che singolarmente mi hanno
aiutato. Spero di non aver dimenticato nessuno ...
Se vero che il volontario un bene inestimabile, allora altrettanto vero che la solidariet che mi avete dimostrato un
investimento che non fallisce mai.
E di questo ve ne sar sempre grato.
Un grande abbraccio a tutti e ... grazie per non avermi lasciato solo ... Amerigo Schievenin

Porte aperte
Caro Direttore,
A nome e per conto del nostro Signor (maiuscolo) Berto Ti prego di
dare il giusto rilievo sul Tornado a queste due righe di denun-
cia/appello. Forte della massima non mai troppo tardi e dallalto
della comprovata capacit lavorativa, curricula e credenziali a richie-
sta, il Nostro si offre per qualsiasi attivit lavorativa, manuale, con-
cettuale o di relazione possibilmente cash, in alternativa accetta an-
che voucher. Per supportare questo suo desiderio/necessit di lavo-
ro si voluto far fotografare nellatto di accedere l dove ritiene ci sia
possibilit dimpiego e laria compunta sta a dimostrare che non
scherza. Chi vuol sentire senta! Ho una grande simpatia per Berto
(Bronche), lo conosco da sempre e da ragazzi era un po il nostro
modello se non altro per il suo modo scanzonato di concepire la vita,
per le sue vere o presunte mitiche avventure, specialmente femmini-
li. Non lho mai visto di cattivo umore e sono sicuro che la sua empa-
tia sia frutto di un concetto fatalistico della vita. Se avessi il potere
proporrei il buon Berto a beneficiare della legge Bacchelli. Caro Di-
rettore, nella speranza che quella porta si apra, Ti prego di dare la
meritata evidenza alla foto del nostro Beneamato, anche un po
vanitoso e vorrei sollevargli il morale. Eventuali contatti si possono
avere di persona presso il bar ex al sole orario ufficio.
Da Loreo il 15/3/2017 Polloni Giovanni

RINNOVO Controlla il numero di scadenza del tuo


abbonamento. Lo trovi sulletichetta.
ABBONAMENTI Eviterai di perdere qualche numero della rivista.
8 CRONACA

Incontro con Maria Geronazzo


Incontro con Maria Geronazzo
Cela, classe 1922
Cela, classe
di Sandro Curto 1922
e Silvio Forcellini
Era il 1928 quando la di Sandro
famiglia Curto e Silvio
Geronazzo si tra-Forcellini
sferiva da Valdobbiadene a Fener per aprire in via
Era ilVittoria,
della 1928 quando la famiglia
negli spazi Geronazzo
oggi occupati si tra-
da Schie-
sferiva da Valdobbiadene a Fener per
venin Fiori, lattivit di commercio di vini e bibite aprire in via
della Vittoria, negli spazi oggi occupati
che sarebbe poi continuata fino agli anni 80. Dei da Schie-
venin figli
cinque Fiori,avuti
lattivit di commercio
da Mano Cela (Angelodi vinidetto
e bibite
Ni-
no, Maria, Cesarina, Luigina e Giorgio) lunica Dei
che sarebbe poi continuata fino agli anni 80. vi-
cinque figli
vente Mariaavuti
cheda abbiamo
Mano Cela avuto(Angelo detto Ni-
loccasione di
no, Maria,diCesarina,
incontrare Luigina 1922,
recente. Classe e Giorgio) lunicavita
una lunga vi-
vente
non Maria
priva che abbiamo
di momenti difficili. avuto loccasione
Nel 1942, in piena di
incontrare
guerra di recente.
mondiale, sposaClasse
Onorino 1922, una lunga
Mantoet vita
e si tra-
non priva
sferisce di momenti
a Bigolino dove,difficili.
negli anniNelsuccessivi,
1942, in piena la coppia ha due figlie; nel 1960 Ma-
guerra
ria rimane mondiale,
vedova a sposa
soli 38Onorino
anni e Mantoet e si tra-la famiglia si trova un lavoro, poi
per mantenere
la pensione e negli ultimi anni la perdita sferisce a Bigolino
per malattia delledove,
amate negli anniAttualmente
figlie. successivi, vive,la coppia ha due
sempre figlie; nelcol
a Bigolino, 1960 Ma-
genero
Pino Verri, originario di Segusino, moltorianoto rimane
nellavedova
nostraazona soli 38
peranni e per
le sue mantenere
poesie e per la la sua
famiglia si trova
simpatia. un lavoro,i poi
Nonostante 95
anni Maria lucida
la pensione e neglidiultimi
mente e gode
anni di buona
la perdita salute. Segue
per malattia i telegiornali,
delle amate parla di politica
figlie. Attualmente vive, esempre
si preoccupa del suo
a Bigolino, paese
col genero
invaso dal traffico
Pino Verri, e dove
originario i negozi chiudono.
di Segusino, molto notoEnella
statonostra
un piacevole
zona perincontro e le diamo
le sue poesie e pergi la appuntamento per il secoloi 95
sua simpatia. Nonostante di
vita.
anni Maria lucida di mente e gode di buona salute. Segue i telegiornali, parla di politica e si preoccupa del suo paese
invaso dal traffico e dove i negozi chiudono. E stato un piacevole incontro e le diamo gi appuntamento per il secolo di
vita.
POESIA
Le poesie di Pino Verri
Le poesie di Pino Verri
di Sandro Curto e Silvio Forcellini
Di seguito proponiamo altre due poesie dellamico Pino Verri, segusinese trapiantato a Bigolino e nostro
diL
affezionato lettore, tratte dal suo libro Sandro Curto
quasi e Silvio Forcellini
sera.
Di seguito proponiamo altre due poesie dellamico Pino Verri, segusinese trapiantato a Bigolino e nostro
affezionato lettore, tratte dal suo libro L quasi sera.
Elo poc bel Che rive!
I veci disea: Stramare l un bel stare Cl da Vent a Segusin
case rote en campanil da fare.
Elo poc bel casa grande senza cusin.
Che rive!
Ora tu viandante, cheta al pas Poc distante dala cesa
I veci disea:
fermete Stramare
a rimirar l un
sti quatro sas.bel stare seClriva,
da Vent a Segusin
par grassa ascesa.
case rote en campanil
Casete petade in ten fasolet da fare. casa grande
Si entra col segno senzadelacusin.croce
Oraan
cof tu nit
viandante, cheta al pas
coi so oselet. Poc distante dala cesa
e distinto se parla soto voce.
fermete a rimirar
Cascatele d'acqua canta sti quatro
e lasas.
val de fioret incanta. Anse mar
riva,de
parfior
grassa
e tutoascesa.
tace
Casete
Par magia, petade
senzainneole
ten fasolet
ne ton eSituti
entra
qucol segno
riposa dela croce
in pace.
cof an
sgorga nit coi dan
lacqua so oselet.
fontanon. e distinto
Foto tante, se
deparla
amighi soto voce. santo
al campo
Cascatele
Ceseta, perlad'acqua canta e la val de fioret incanta.
incastonada eAn namar de fior
farfala me evolatutoacanto.
tace
alPar magia,
santo senza dedicada.
dei moros neole ne ton e tuti qu
Lapide riposa
bianca rideinunpace.
tosatel
sgorgacea
Tonda, lacqua
e bassadan fontanon. tFoto
sicurotante, de amighi
coi Santi al campo santo
in ciel.
Ceseta,
che ndar perla
entro incastonada
anca el ceo se sbassa. e na farfala
Femene me vola
carghe acanto.
de dolor
Seal bevi
santoala deifontanela miracolosa
moros dedicada. aiLapide
suoi cari porta
bianca fior.
ride un tosatel
enTonda,
principe ceao enabassa
regina tu sposa. Int te na tomba
sicuro amate
coi Santi spoglie
in ciel.
Sot
cheanndar
portego
entrodorme
anca el naceo
falcese sbassa. de me mama con
Femene carghe de dolor me moglie.
e Se
quibevi
c una dolce pace.
ala fontanela miracolosa Anca
ai suoi par mi porta
cari l quasi
fior.sera e balbette na preghiera.
Intra viotoi a ogni
en principe o na pasreginana tu
storia
sposa. Co lagrema torne
In te na tomba amate co quei che vive
spoglie
che
Sottuti
aniportego
boce savea dorme a memoria.
na falce mede gire e dighecon
me mama Tegn duro che rive.
me moglie.
Co neveghea
e qui c unaedolce tut imbianca,
pace. no tu me cret Anca par mi l quasi sera e balbette na preghiera.
tuIntra
tocaviotoi
el cielo con pas
a ogni det. na storia Co lagrema torne co quei che vive
Certe noti sogne
che tuti me mare
boce savea a memoria. me gire e dighe Tegn duro che rive.
laComeneveghea
sussurra e Elo
tut poc bel ... Stramare.
imbianca, no tu me cret
tu toca el cielo con det.
Certe not sogne me mare Stramare, 14 febbraio 2011 Bigolino, 1 ottobre 2013
la me sussurra Elo poc bel ... Stramare.

Stramare, 14 febbraio 2011 Bigolino, 1 ottobre 2013


9 LETTERE AL TORNADO

Fener, una nuova discarica?


Fener,
Alcuni nostri lettoriuna
residenti nuova
in zona ci hannodiscarica?
segnalato una forma di
malcostume
Alcuni nostri che si residenti
lettori ripete pressoch
in zona ciquotidianamente:
hanno segnalatolutilizzo
una formasiste-
di
matico, come contenitori per
malcostume che si ripete pressoch quotidianamente: lutilizzo siste-
qualsiasi
matico, come tipo di contenitori
rifiuto, delleper fi-
nestre (e delle relative inferriate)
qualsiasi tipo di rifiuto, delle fi-
posizionate
nestre (e delle sulrelative
retro dello stabi-
inferriate)
le che un sul
posizionate tempo
retro ospitava
dello stabi- la
banca, in piazza Dante
le che un tempo ospitava la a Fener.
Nelle
banca,foto, una visione
in piazza Dante di assie-
a Fener.
me della stradina alle
Nelle foto, una visione di assie- spalle
dellex banca, interessata
me della stradina alle spalle da
questo tipo di malcostume,
dellex banca, interessata da e un
particolare di una delle tre finestre adibite a cestino. Gi ledificio, ora di
questo tipo di malcostume, e un propriet
di unimmobiliare,
particolare in evidente
di una delle stato
tre finestre di abbandono,
adibite compresa
a cestino. la parte
Gi ledificio, oraesterna; se poi ci aggiungiamo anche questo
di propriet
di unimmobiliare, in evidente stato di abbandono, compresa la parte esterna; se poi ci aggiungiamo anche questo

Il programma 2017 dei Fanti di Alano-Quero Vas


Il programma 2017
Lo scorso 12 febbraio deilannuale
si svolta Fantiriunione di
per il Alano-Quero Vas
tesseramento della nostra sezione, Alano -
Quero Vas,12nella
Lo scorso qualesiil Presidente
febbraio Cav. Claudio
svolta lannuale riunioneCarelle ha illustrato ledella
per il tesseramento attivit svolte
nostra duranteAlano
sezione, lanno-
2016 ed esposto il nutrito programma di appuntamenti che ci attendono per il 2017.
Quero Vas, nella quale il Presidente Cav. Claudio Carelle ha illustrato le attivit svolte durante lannoAlla riunione era-
no
2016 ed esposto il nutrito programma di appuntamenti che ci attendono per il 2017. Alla riunione era-il
presenti, assieme a una ventina di soci, il Sindaco di Alano di Piave, Amalia Serenella Bogana,
quale ha ringraziato
no presenti, assieme la nostra
a una associazione
ventina di soci, il per limpegno
Sindaco di Alano nelle attivit Amalia
di Piave, svolte Serenella
nel nostroBogana,
territorio.il
Lincontro terminato con una convivale bicchierata e con lauspicio che
quale ha ringraziato la nostra associazione per limpegno nelle attivit svolte nel nostro territorio. alle attivit svolte
dallassociazione siano partecipi un maggior numero di associati. Di seguito
Lincontro terminato con una convivale bicchierata e con lauspicio che alle attivit svolte il programma dettagliato
delle attivit 2017 siano
dallassociazione dei Fanti della sezione
partecipi di Alano
un maggior - Quero
numero Vas:
di associati. Di seguito il programma dettagliato
delle attivit 2017 dei Fanti della sezione di Alano - Quero Vas:
marted 25 aprile, partecipazione alla cerimonia per la festa della liberazione a S. Maria di Quero Vas;
marted 2518
domenica aprile, partecipazione
giugno, alla alla
partecipazione cerimonia per commemorativa
cerimonia la festa della liberazione a S.
in loc. Val Maria di Quero
Magnaboschi Vas;
ad Asiago;
18 luglio,
domenica 16 giugno,partecipazione
partecipazioneallannuale
alla cerimonia commemorativa
cerimonia in loc.inVal
commemorativa Magnaboschi
loc. Domador adad Asiago;
Alano di Piave;
16agosto,
domenica 6 luglio, partecipazione allannuale cerimonia
alla cerimonia commemorativa
commemorativa in CimainGrappa;
loc. Domador ad Alano di Piave;
domenica
marted 156agosto,
agosto,partecipazione
partecipazionealla
allafesta
cerimonia
della commemorativa in Cima
Madonna del Piave Grappa;
a Caorera di Quero Vas (questanno la S.
Messa dedicata allArma della Fanteria);
marted 15 agosto, partecipazione alla festa della Madonna del Piave a Caorera di Quero Vas (questanno la S.
Messa dedicata
domenica allArmacerimonia
10 settembre, della Fanteria);
di commemorazione presso larea monumentale del Monte Cornella a Quero
Vas;
domenica 10 settembre, cerimonia di commemorazione presso larea monumentale del Monte Cornella a Quero
Vas;
domenica 29 ottobre, annuale incontro di gemellaggio, con visita al monumento intitolato a Ugo Bartolomei ad
Alano di Piave, con lassociazione
domenica 29 ottobre, Cravatte
annuale incontro Rosse del 1con
di gemellaggio, Reg. S. Giusto
visita di Trieste;
al monumento intitolato a Ugo Bartolomei ad
Alano di Piave,
domenica con lassociazione
5 novembre, cerimoniaCravatte Rosse
per la giornata del 1 Reg.
dellunit S. Giusto
nazionale delle di Trieste;
Forze Armate, ad Alano di Piave.
Nelle domenica
giornate 5 novembre,
del 17-18-19 cerimonia
novembre, per la giornata con
in collaborazione dellunit nazionale
il Gruppo Alpini,delle Forze
la Pro LocoArmate, ad Alano
e il Comune di Piave.
di Quero Vas, tre
giorni di manifestazioni per i 100 anni della ricorrenza della battaglia del Monte Cornella. Da non dimenticare
Nelle giornate del 17-18-19 novembre, in collaborazione con il Gruppo Alpini, la Pro Loco e il Comune di Quero Vas, che la nostra
tre
associazione sempre impegnata, con la convenzione stipulata con il Comune di Quero Vas, per la pulizia e
giorni di manifestazioni per i 100 anni della ricorrenza della battaglia del Monte Cornella. Da non dimenticare che la nostra gestione del
parco giochi allincrocio
associazione tra via Roma
sempre impegnata, conelavia Spaloa, e per
convenzione la manutenzione
stipulata con il Comunedeldimonumento
Quero Vas,alperFante presso
la pulizia il ponte del
e gestione sul
Piave, oltre alla collaborazione con altre associazioni locali nellorganizzazione e realizzazione di altre
parco giochi allincrocio tra via Roma e via Spaloa, e per la manutenzione del monumento al Fante presso il ponte sulmanifestazioni.
Piave, oltre alla collaborazione con altre associazioni locali nellorganizzazione e realizzazione di altre
Il Presidente manifestazioni.
Cav. Claudio Carelle
Il Presidente Cav. Claudio Carelle

In ricordo
di Bepi Carta
di Alessandro Bagatella
Con questa foto gli amici di Carpen di Bepi Carta
vogliono ricordarlo, quando Bepi era a Malga
Paoda, a pascolare la sua mandria, sempre ospita-
le nonostante le precarie condizioni della malga,
che non era ancora rimessa nuovo, sempre pronto
ad offrire a quanti passavano di l per salire sul
Tomatico, oppure che ne scendevano, quel che
aveva a disposizione. Grazie Carta per le ombre
bevute assieme e i boni caff co la sgnapa!
In foto: Bepi al centro, sollevato dagli amici.
10 CRONACA

Bocciofila Ponte Tegorzo


A Cadorin-Carrer-Tolaini G. la sociale di Pasqua
di Sandro Curto
Ventiquattro giocatori suddivisi in otto terne hanno partecipato alla gara sociale, denominata di Pasqua, organizzata
dalla Bocciofila Ponte Tegorzo e conclusasi domenica 26 marzo. A vincere la terna composta da Cadorin-Carrer-
Tolaini G. che, dopo una finale dominata, ha superato Franceschini-Sbizzera-Tolaini A.; al terzo posto De Faveri-Licini
P.-Schievenin D. davanti a Faoro-Franceschin-Pasa. Da segnalare come curiosit la vittoria, praticamente al debutto,
di Gianluca Tolaini subentrato nellultima giornata a Sergio Faccinetto in tempo per battere il fratello Andrea in finale
impedendo la prima affermazione del presidente. Al termine premi in natura per le prime quattro coppie distribuiti dal
presidente Tolaini e dal direttore tecnico Carrer e rinfresco con spaghettata preparata da Armando Gerlin.
Prossimo appuntamento il 7 maggio per la selezione dei campionati italiani.
In foto, da sinistra: primi e secondi classificati. Sotto, da sinistra: terzi e quarti classificati.

Ricordando Gilberto Zanella


di Alessandro Bagatella
Ha raggiunto i suoi cari, dopo una vita dedicata al lavoro ed alla famiglia, Gilberto Za-
nella, di anni 86. La settimana scorsa mi giunta la triste notizia della scomparsa di
Gilberto. Originario di Santa Maria di Quero, Gilberto stato poi emigrante in Australia,
a Griffith, con i genitori: Napoleone e Florinda Bagatella.
Da giovane lavor in Comune di Quero, poi segu i genitori nella terra promessa. Spo-
satosi con Genny, ebbe due figlie: Antonella e Mirella.
Dapprima lavor nella farma agricola, poi apr una tipografia assieme a due soci.
Tent anche di produrre pasta in casa: ravioli ed altro, acquistando le macchine a Por-
denone, per il grande caldo e la tanta umidit non gli permettevano di conservarli.
Gilberto era molto affezionato al sua paese natio ed di due anni fa la sua ultima visita
con le figlie. Santa Maria perde un altro suo emigrante, sacrificatosi in paesi lontani.
Lascia tra noi un grande ricordo.
Alla moglie, figlie, generi e nipoti sincere condoglianze.
11 CRONACA

Amatori Tegorzo: a cena dopo 17 anni


segnalazione di Pergentino Dallo
Il ventisei febbraio scorso si sono ritrovati alla trattoria Al Pescatore di Pederobba i componenti della ex squadra du
calcio Amatori Tegorzo, per passare una allegra serata in compagnia, ricordando i bei tempi passati e con laugurio di
ritrovarsi ancora. La
prossima volta in tempi
pi rapidi per. La ce-
na tenutasi questanno
si doveva fare nel
2000! Ci sono voluti 17
anni di preparativi!
Scherzi a parte un rin-
graziamento particola-
re va rivolto agli orga-
nizzatori i questo mo-
mento di ritrovo: Italo
Rizzotto e Danillo Gal-
lina.

Data leccezionalit dellevento non poteva mancare la foto


ricordo. Questi gli atleti: in alto, da sinistra Pergentino Dal-
lo, Remigio Furlan, Danillo Gallina, Sandro Mazzocco, Da-
nilo Piccolo, Elvio Damin, Giuseppe Matiazzo, Carlo Burlo,
Ezio Dal Fabbro. In basso, da sinistra: Gerardo Pillon, Ita-
lo Rizzotto (allenatore), Gianfranco Coppe, Ettore Bignotto.
Nella foto piccola, da sinistra: Ettore Bignotto, Italo Rizzotto, Gianfranco Coppe.

ASTERISCO

Seminario Fiori di Bach a Quero Vas


5 maggio 2017 Presentazione corso dalle ore 16 alle 19
6 e 7 maggio 2017 Seminario teorico e pratico dalle ore 10 alle 18 (pausa dalle 13 alle 15)
Organizzato e proposto da "Il Giardino di Amanda" di Nicoletta Puppo
a cura di Roberta Medda Farris
Master in Floriterapia descrittiva con il metodo del dr. Ricardo Orozco
I fiori di Bach sono 38 e ciascuno interessa un particolare
stato danimo o emozione. Sono semplici fiori dei campi dove
tutto in armonia ed entrando in risonanza con noi ci
riportano in contatto con la nostra anima. Trasformare i nostri
difetti e le nostre debolezze in virt con i fiori di Bach
Programma:
5 maggio dalle ore 16 alle ore 19: Presentazione del corso
6 maggio dalle ore 10 alle ore 18: Teoria in aula
7 maggio dalle ore 10 alle ore 18 : Teoria e pratica
(pausa pranzo dalle 13 alle 15)
Verranno analizzati i ritratti di tutti i fiori di Bach e di altri fiori
facilmente reperibili nel territorio italiano
-propriet riconosciute di ogni singolo fiore per carattere o
stato emotivo
-riconoscimento della pianta -preparazione dellessenza
floreale secondo il metodo Bach
-Aspetti simbolici di ogni fiore
-Che fiore siamo noi?
-Che lezione dobbiamo imparare?
Escursione per lezione sul campo per la preparazione delle
essenze floreali (condizioni climatiche permettendo)
Contatti per informazioni e adesioni : 3920138372 ilgiardinodiamanda@gmail.com
12 RASSEGNA STAMPA

La Cementi Rossi ha comunicato il suo ritiro. Il sindaco: Ottima notizia, ambiente salvato

Cava di Col del Roro a Campo, la societ rinuncia


ALANO DI PIAVE. LIndustria Cementi Giovanni Rossi spa di Piacenza, che ha una delle sue sedi anche nella vicina Pede-
robba, nei giorni scorsi ha ufficialmente comunicato di rinunciare definitivamente al progetto di escavazione presentato anni
fa riguardante la concessione mineraria di Col del Roro a Campo, in frazione di Alano di Piave. La scrivente - si legge nella
missiva datata 22 febbraio 2017 e indirizzata alla Regione Veneto - titolare della concessione mineraria per marna da ce-
mento denominata Quero Miniera 177, dichiara di rinunciare alla suddetta concessione richiedendo al contempo lo svinco-
lo del deposito cauzionale fidejussorio. Con questa comunicazione - tiene a sottolineare il sindaco Amalia Serenella Bo-
gana - stata finalmente posta la parola fine a un problema che gravava sul nostro territorio da decenni e, al contempo,
stato scongiurato un grosso problema ambientale. Siamo consapevoli - prosegue il primo cittadino - che la concessione re-
sta ma riteniamo che, se non pi di interesse di una societ che ha una sede molto vicina in termini chilometrici al sito,
appare quantomeno remota la possibilit che altre aziende del settore, tenuto conto anche della sfavorevole congiuntura
economica nel campo delledilizia, possano mostrare interesse per la concessione e presentare nuovi progetti. La comuni-
cazione era gi stata annunciata da un contatto informale durante il quale lazienda piacentina ci preannunciava di essere in
procinto di ufficializzare questa decisione che, di fatto, chiude questa tormentata vicenda. Pertanto - conclude Bogana - non
possiamo che ritenerci soddisfatti. Il progetto di coltivazione mineraria della Cementi Rossi era stato presentato il 3 agosto
del 2006, periodo nel quale il mondo delledilizia si trovava al culmine della crescita. Contemporaneamente altre societ del
settore avevano presentato progetti di escavazione nel Basso Feltrino facendo nascere un forte movimento di protesta al cui
apice si era collocato il Comitato Col del Roro che, allo scopo di contrastare lavvio delle escavazioni, aveva organizzato
svariate iniziative volte alla salvaguardia dellambiente. Tale attivit, culminata con una marcia a Venezia, unita al crollo del-
la domanda di prodotti per ledilizia, aveva di fatto posto in stallo la questione che, dopo quasi 11 anni, riporta la situazione a
comera prima della presentazione del progetto.
da Il Gazzettino dell 11 marzo 2017

Lannuncio del pediatra Toffol in una lettera alle famiglie

Cementi Rossi, dossier dei medici contro il progetto


PEDEROBBA. Il pediatra non si arrende e invita i genitori dei suoi piccoli assistiti a non rinunciare a opporsi al progetto del-
la Cementi Rossi di utilizzare plastica della raccolta differenziata come combustibile. Dopo quella con cui aveva chiamato le
famiglie a essere presenti gioved scorso alla presentazione del nuovo progetto della Cementi Rossi, ha ora mandato
unaltra comunicazione per illustrare loro una presa di posizione del comitato scientifico di Medici per lAmbiente e far sape-
re che anche la sezione di Treviso presenter unosservazione al progetto sottoposto a valutazione di impatto ambientale.
Dato che non credo che lincontro pubblico di gioved scorso con la Cementi Rossi abbia cancellato i dubbi sull'innocuit
del progetto presentato, ha scritto alle famiglie dei suoi assistiti il pediatra Giacomo Toffol, vorrei segnalarvi unintervista
rilasciata dal coordinatore del comitato scientifico dei Medici per lAmbiente in cui vengono spiegati i rischi legati allutilizzo
di CSS ovvero di Combustibile Solido Secondario (nome elegante per chiamare i rifiuti) nei cementifici. E riporta alcuni
passi di tale intervista: I cementifici sono impianti industriali altamente inquinanti e utilizzarli per bruciare rifiuti non un
vantaggio per laria che respiriamo. Per gli inquinanti gassosi i limiti di emissione dei cementifici sono da 2 a 9 volte maggiori
rispetto a quelli degli inceneritori classici mentre per i microinquinanti (diossine e metalli pesanti) i limiti sono gli stessi. Que-
sto significa, a detta del pediatra, che i cementifici inquinano molto di pi. Bruciare Css nei cementifici non conviene n
allambiente n alla salute e le motivazioni che si forniscono per giustificare questa pratica sono inconsistenti. Per non
parlare del problema di fondo, aggiunge, ovvero del continuare a considerare lincenerimento come unico possibile solu-
zione al problema dei rifiuti, orientamento completamente contrario ad una loro buona gestione. E annuncia che anche la
sezione di Treviso di Isde, la rete dei medici per lambiente, presenter unosservazione al progetto: Il settore ecologia del-
la Provincia potrebbe non concedere lautorizzazione a fronte di documentate osservazioni presentate entro la met di apri-
le, e lAssociazione Medici per lAmbiente Isde Treviso sta preparando una relazione a tale proposito. AriaCheVoglio, il
coordinamento delle associazioni ambientaliste e dei gruppi di opposizione, ha definito lincontro pubblico per una controre-
lazione al progetto presentato una settimana fa dalla Cementi Rossi: si terr venerd 17 marzo alle 20.45 in palestra a Oni-
go, interveranno Gianni Tamino, ricercatore sui rischi delle applicazioni biomolecolari, Stefano Luciani, esperto di impianti
industriali, Francesco Miazzi del comitato Lasciateci respirare Monselice.
da La Tribuna di Treviso del 10 marzo 2017

Raccolta firme per un monitoraggio prima di autorizzare a bruciare plastiche

Cementificio di Pederobba, analisi sulla salute


PEDEROBBA. Lanciata una raccolta di firme in calce a una petizione che chiede che venga effettuata una indagine epide-
miologica sulla popolazione di Pederobba e della Pedemontana prima di dare qualsiasi autorizzazione a utilizzare altri com-
bustibili alla Cementi Rossi. Dallassemblea tenuta laltra sera alla palestra di Onigo partita questa iniziativa che vuole che
prima si conosca lo stato di salute della popolazione dopo che per trentanni si bruciato petcoke e per ventanni anche
pneumatici triturati nei forni del cementificio. La proposta stata lanciata dal coordinamento AriaCheVoglio e parte dal pro-
getto della Cementi Rossi di utilizzare anche le plastiche della raccolta differenziata come combustibile. Questo viene ri-
chiesto dai firmatari della petizione: Considerato che larea di Pederobba e comuni limitrofi interessata da unattivit di
incenerimento industriale di petcoke, da 30 anni, e di pneumatici fuori uso, da 20 anni, rivolgendosi a tutte le autorit prepo-
ste al presidio e alla tutela della salute e, in particolare, alla Regione Veneto, alla Provincia di Treviso e al Comune di Pede-
robba chiedono che per il principio di precauzione posto a cardine del diritto ambientale europeo, prima di ogni altra auto-
rizzazione a incenerire altri materiali e rifiuti, si verifichi scientificamente quale impatto ha avuto ed ha lattivit di inceneri-
13 RASSEGNA STAMPA

mento sulla salute della popolazione residente nel comune di Pederobba e nei comuni limitrofi, mediante unapprofondita
mento sulla
analisi salute della
epidemiologica sulpopolazione residente
campo, realizzata da nel comune
studiosi di Pederobba
titolati e autorevolieenei concomuni limitrofi, amediante
fondi pubblici, garanziaunapprofondita
di indipenden-
analisi epidemiologica sul campo, realizzata da studiosi titolati e autorevoli
za. Ora AriaCheVoglio intenzionata a mobilitare la popolazione di Pederobba e dei comuni e con fondi pubblici, a garanzia
limitrofi,di forte
indipenden-
anche
delladesione di gruppi come il Gasolo e altri gruppi spontanei di cittadini e di genitori nati attorno al problema, per laanche
za. Ora AriaCheVoglio intenzionata a mobilitare la popolazione di Pederobba e dei comuni limitrofi, forte diffu-
delladesione
sione di gruppi
della petizione al come
fine diil sensibilizzare
Gasolo e altri tutte
gruppile spontanei
autorit e di le cittadini
categoriee economiche.
di genitori natiE attorno
intanto alhaproblema,
lanciato un perappello
la diffu-
a
sione della petizione
partecipare al fineassemblea
a una ulteriore di sensibilizzare
che si tutte
terrlea autorit
fine mese e le categorie
proprio suglieconomiche. E intanto
aspetti sanitari ha lanciato
della questione. un appello a
Nellinteresse
partecipare
generale a una
prima perulteriore
importanzaassemblea
viene lache si terr
salute e poiasemmai
fine mese proprio esugli
il cemento aspetti sanitari della questione. Nellinteresse
la plastica.
generale prima per importanza viene la salute e poi semmai il cemento e la plastica.
da La Tribuna di Treviso del 19 marzo 2017
da La Tribuna di Treviso del 19 marzo 2017
Benazzi (Usl 2) promette lavvio di verifiche epidemiologiche a Pederobba e nei comuni contermini.
Benazzi (Usldieci
Serviranno 2) promette lavvio
anni, per, perdi verifiche
avere epidemiologiche
risposte a Pederobba
certe. Presenti e nei comuni
anche i rappresentanti contermini.
del comitato.
Serviranno dieci anni, per, per avere risposte certe. Presenti anche i rappresentanti del comitato.
Caso
Caso Cementi
Cementi Rossi
Rossi in
in consiglio
consiglio comunale:
comunale:
effetti
effetti sulla
sulla salute,
salute, lindagine
lindagine si
si fa
fa
PEDEROBBA. Porte aperte da parte del direttore generale
PEDEROBBA.
dellUsl trevigiana,Porte aperte da
Francesco parte del
Benazzi, ad direttore
una indagine generale
epi-
dellUsl trevigiana,
demiologica Francesco Benazzi,
sulla popolazione di Pederobba ad una eindagine dei comuniepi-
demiologica
della sulla popolazione
Pedemontana. Solo che per di avere
Pederobba
una indagine e dei comuni
scienti-
delladegna
fica Pedemontana.
di tale nome Solo questa
che perdeve avereprotrarsi
una indagine in un scienti-
arco di
dieci anni e quindi non pu certo essere pronta in
fica degna di tale nome questa deve protrarsi un arco
prima di
che la
dieci anni e quindi non pu certo essere
commissione VIA si pronunci sulla richiesta della Cementi pronta prima che la
commissione
Rossi VIA si
di utilizzare pronunci
anche sulla richiesta
la plastica della Cementi
come combustibile nei
Rossiforni.
suoi di utilizzare
Laltra sera anche la plastica
in consiglio come acombustibile
comunale Pederobba era nei
suoi forni.
stato Laltra
invitato sera in consiglio
il direttore generalecomunale dellUsl 2a aPederobbaparlare dellaera
stato invitato
sanit il direttore
nel territorio generale
e dei futuro dellUslerogati
dei servizi 2 a parlare della
dalle Opere
sanit nel territorio e dei futuro dei servizi
Pie, ma era facile immaginare che pi che del San Valentino erogati dalle Opere
Pie,
e delma
Sanera facile immaginare
Giacomo e delle Opere chePie pieche del del San Valentino
poliambulatorio si
e del Sanparlato
sarebbe Giacomo di equesto
delle Opere
progetto Pie della
e del Cementi
poliambulatorioRossi sie
sarebbe
della parlato
richiesta di questo
di una indagine progetto della Cementi
epidemiologica per la Rossi
quale sie
della richiesta di una indagine epidemiologica
stanno anche raccogliendo firme in calce ad una petizione. per la quale si
stanno
Era anche raccogliendo
talmente facile immaginarlo firme inche calcein ad sala unacerano
petizione.
sia
Era talmente facile immaginarlo che
esponenti di AriaCheVoglio sia il direttore della Cementi in sala cerano sia
esponenti
Rossi di AriaCheVoglio
di Pederobba Gennarosia il direttore
Verbaro. Francescodella Benazzi,
Cementi
Rossirichiesta
alla di Pederobba Gennaro
di effettuare unaVerbaro.
indagineFrancesco epidemiologica Benazzi,
nel
territorio ha dato immediatamente la disponibilit dellUsl e dell'Arpav. alla richiesta Madihaeffettuare
anche voluto una indagine
precisareepidemiologica
che una indagine nel
territorio ha dato immediatamente la disponibilit dellUsl e dell'Arpav. Ma ha anche voluto
scientifica richiede un arco di tempo di una decina di anni. E nel frattempo? Ci sono a disposizione i dati comparati sulle ma- precisare che una indagine
scientifica
lattie e sulle richiede
causeun di arco di tempo
decesso, di unadati
gli stessi decina
chedilaanni. E nelRossi
Cementi frattempo?
avevaCiillustrato
sono a disposizione i dati comparati
in fase di presentazione delsulle ma-
progetto
lattie e sulle cause di decesso, gli stessi dati che la Cementi Rossi aveva illustrato in
soggetto a valutazione di impatto ambientale, che non evidenziano particolari scostamenti tra i dati della Pedemontana e fase di presentazione del progetto
soggetto a valutazione
quelli di altri territori. Che di poi
impatto ambientale,
tutti dicano s ad che
una non evidenziano
indagine particolari
epidemiologica giscostamenti
acquisito: tra i dati della
la vogliono sia Pedemontana
la maggioranza e
quelli
che lediopposizioni
altri territori. Che la
e pure poiCementi
tutti dicano
Rossisad una indagine
disposta a dare epidemiologica
il suo contributo. Magari
gi acquisito:
poi ci sonola vogliono
diversit siadilavedute
maggioranza
su cau-
che
se dileun
opposizioni
eventuale einquinamento
pure la Cementi Rossi disposta
atmosferico: da valutarea dare il suo contributo.
in rapporto a tutte leMagari
attivit poi
checivengono
sono diversitsvolte di vedute su cau-
a Pederobba per
se di un eventuale inquinamento atmosferico: da valutare in rapporto a tutte le attivit che vengono
la maggioranza, da focalizzare soprattutto sulla Cementi Rossi per gli ambientalisti. In ogni caso, con il via libera dellaltra svolte a Pederobba per
la maggioranza, da focalizzare soprattutto sulla Cementi Rossi per gli ambientalisti. In
sera dato dal direttore generale dellUssl trevigiana Francesco Benazzi, questa indagine epidemiologica a Pederobba e neiogni caso, con il via libera dellaltra
sera
comuni dato dal si
vicini direttore
far. E generale dellUssl
tra dieci anni trevigiana Francesco
si conosceranno Benazzi,Quanto
gli esiti definitivi. questaallaindagine
sanitepidemiologica
e allassistenzaa sociosanitaria
Pederobba e nei sul
comuni
territorio,vicini si far. generale
il direttore E tra diecihaanni si conosceranno
illustrato gli obiettivi gli
di esiti definitivi. Quanto
specializzare alla sanit
i vari ospedali dellae provincia
allassistenza sociosanitaria
trevigiana, ha parlatosul
territorio,
dellarrivo ildello
direttore
IOV generale ha illustrato
a Castelfranco, gli obiettivi
ha garantito di specializzare
la permanenza i vari attualmente
dei servizi ospedali della provincia
erogati dalletrevigiana,
opere Pie ha e dalparlato
suo
dellarrivo
Centro ServizidellocomeIOV a Castelfranco,
pure ha garantito
del poliambulatorio attivolapresso
permanenza dei servizi attualmente erogati dalle opere Pie e dal suo
lex ospedale.
Centro Servizi come pure del poliambulatorio attivo presso lex ospedale.
da La Tribuna di Treviso del 24 marzo 2017
da La Tribuna di Treviso del 24 marzo 2017
14 CRONACA

In ricordo di Silvano Sbrovazzo


(M.M.) Una vita impegnata, quella di Silvano Sbrovazzo, recentemente
scomparso, a pochi giorni dalla dipartita della moglie Giuseppina Case,
di cui abbiamo pubblicato nei numeri scorsi il necrologio. Silvano stato
per lunghissimi anni il perno dellufficio servizi demografici del Comune
di Quero, A lui tutti coloro che avevano un problema, anche non stret-
tamente legato alle vicende burocratiche dellufficio di reggenza, si ri-
volgevano per avere un consiglio, una prospettiva, per capire come re-
golarsi nellaffrontare il problema. Era un uomo che ispirava fiducia e
pronto ad aiutare il prossimo. Lo ha fatto come impiegato pubblico, co-
me uomo impegnato nel sociale partecipando alla fondazione
dellAssociazione dei Donatori Volontari di Sangue Feltrini, come dona-
tore lui stesso, segretario della sezione di Quero e, infine, come attore
nella vita sociale del paese, sostenendo, ancora come segretario, le ini-
ziative dellAssociazione Ex-Partigiani: lANPI. Il suo impegno verso il
prossimo si anche dispiegato come punto di riferimento del patronato
Acli, attraverso il quale ha licenziato una mole notevole di pratiche bu-
rocratiche, per fare in modo che in tanti potessero accedere a prestazioni pensionistiche giuste ed adeguate. E un
riassunto, questo, che non d la giusta dimensione del suo impegno, perch la costanza di ogni giorno speso in questa
direzione non si pu descrivere attraverso una pur ricca elencazione di cose fatte. Era un pragmatico, cui piaceva tro-
vare soluzioni. Per questo, forse, la sua esperienza di politica attiva stata breve. Troppi lacci e lacciuoli non facevano
per lui. Nel giorno del suo compleanno, il 21 marzo scorso, Silvano ha rincorso Giuseppina, la sua compagna di una vi-
ta, raggiungendola in una nuova dimensione, preferendo non lasciarla sola nemmeno in questo cruciale frangente.

ASTERISCO

La Madonnina di ghiaccio
che scalda il cuore
fotosegnalazione
di Ornella Carelle
La segnalazione ci giunge dalla
nostra lettrice Ornella Carelle, di
Alano di Piave, che durante una
passeggiata ha avuto la buona sorte
di notare una strana formazione
dovuta allo stillicidio di acqua dai
massi di un anfratto roccioso.
Ornella procedeva in direzione della
localit Roncadel, sulla strada per
Madal, appena dopo la nevicata dei
primi giorni di Febbraio, quando il
suo sguardo si fermato su questa
composizione di ghiaccio che subito
le ha fatto pensare ad una statua
della Madonna, attorniata, poi, da
numerosi fedeli in atteggiamento di preghiera. Come darle torto? Valutate voi
stessi queste singolari immagini, per la cui condivisione ringraziamo Ornella.
(Foto di Ornella Carelle)

La foto di copertina
(M.M.) Favorevoli o contrary, con lEuropa bisogna fare i conti e questa copertina la dedichiamo
al 60 anniversario dei trattati di Roma, celebrato il
25 marzo scorso. Proponiamo anche, a sinistra, il lo-
go dellevento e lidea che lo ha generato, qui bre-
vemente riassunta: Il logo dedicato ai 60 anni dei
Trattati di Roma stato scelto dal Dipartimento Poli-
tiche Europee e dal Ministero dell'Istruzione, dell'Uni-
versit e della Ricerca attraverso un concorso che ha
visto la partecipazione delle scuole di ogni ordine e
grado. Rappresenta il numero 60 che si fonde alla
forma dell'ovale aperto che richiama il gesto di un
abbraccio, la comunit, e lo sviluppo del cerchio che
rimanda all'aula del Parlamento europeo, simbolo
della rappresentanza dei cittadini dell'Unione.
Foto copertina tratta da: https://europa.eu/european-union/index_it
15 ATTUALIT

La piaga dei contratti attivati e non richiesti, un fenomeno in aumento


di Alex De Boni
Da quando entrato in vigore il mercato libero per la fornitura di energia elettrica e gas sono
aumentate esponenzialmente le truffe a persone ed aziende, tanti anche i bellunesi che si
ritrovano, loro malgrado, a far fronte a spiacevoli situazioni di questo tipo. C' una vera e propria
battaglia commerciale in questo settore che utilizza mezzi differenti per raggiungere l'utente
finale, spesso poco esperto della tematica e quindi facilmente ingannabile. Alcune societ di
vendita, per poter essere pi efficienti utilizzano anche ditte esterne alle quali appaltano il
servizio per la vendita di offerte commerciali ai cittadini, tramite dei venditori. Come in ogni
realt, sono una minima parte coloro che adottano pratiche commerciali "scorrette", ma il loro
agire, oltre che a penalizzare l'utente finale, arreca danni anche alle societ che operano
correttamente, con i loro agenti che si vedono sbattere le porte in faccia o addirittura si sentono
insultare a causa di questi fatti. A confermare questi dati anche un esperto del settore, Elvis
Ferraresso (in foto), titolare della Plaviservizi.com di Santa Giustina, realt bellunese che sulla
trasparenza e la lotta alle truffe ha basato la propria attivit e che sta ottenendo ottimi riscontri ben oltre il territorio
provinciale. Le truffe nel settore sono tante, racconta Ferraresso, si parte dalle cosiddette truffe legalizzate come le
attivazioni di servizi non richiesti a modifiche contrattuali effettuate dufficio, ci sono poi i finti tecnici di Enel e Tim porta
a porta, i call-center che si spacciano per il fornitore del cliente solo per cambiargli il contratto oppure compagnie
telefoniche che asseriscono di avere la fibra ottica in zone dove non nemmeno presente un collegamento ADSL a
banda larga. Il titolare della Plaviservizi.com sottolinea come siano sempre di pi i soggetti che vengono truffati e
quotidianamente viene contattato da clienti disperati che hanno sottoscritto un contratto al telefono oppure da un
incaricato porta a porta, riscontrano disagi come l'aumento dei costi esorbitante o linee internet non funzionanti. La
nostra missione, afferma Ferraresso, quella di fornire alle attivit del territorio "unazienda partner" che si prenda
cura dei costi aziendali relativi ai servizi da noi gestiti fornendo loro un unico interlocutore che duri nel tempo e un
valido supporto in merito a quesiti o problematiche alle quali si sottopongono i nostri clienti. La nostra forza lavorare
bene sul territorio facendoci conoscere per il nostro modus operandi ma soprattutto per la nostra onest e
professionalit rispondendo sempre al telefono e risolvendo ogni qualsivoglia problematica del cliente non lasciandola
pendente. Inoltre vogliamo fornire una tutela per quanto riguarda le frodi che, soprattutto in questi tempi, sono sempre
dietro langolo sotto forma di offerte convenienti che vengono proposte al telefono o porta a porta. Elvis Ferraresso
non ha dubbi su cosa bisogna fare in questi casi: si deve diffidare soprattutto dai contratti fatti al telefono, non
lasciando i propri dati o quelli aziendali, oppure non facendo entrare in casa persone che si spacciano per incaricati
dellEnel o qualche altra compagnia. Altra cosa importante quella di non firmare nulla se prima non stato letto o
valutato da qualcuno esperto del settore. Infatti tutte le offerte proposte vanno verificate e valutate sotto forma scritta e
mai a voce. Come si dice verba volant e scripta manent.

Villa Infantil Messico


Le prime notizie della volontaria querese Emanuela
Cari Don Alessio, Comunit di Quero e Associazione di
Volontariato San Girolamo. A nome dei 37 bambini di cui ci
prendiamo cura a Villa Infantil, un immenso grazie per due regali molto significativi.
Il primo - la meravigliosa missionaria Emanuela - che amiamo e apprezziamo cos tanto.
Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a rendere possibile la presenza di Emanuela nel nostro orfanotrofio: un dono
del cielo e una benedizione e lei stessa si buttata nella cura dei bambini in modo sorprendente e generoso.
Il secondo - il dono finanziario di 1.000 - che stato utilizzato per il completamento del muro di sicurezza lungo il
perimetro nord di Villa Infantil. Vi siamo molto grati perch ci ricordate nelle vostre preghiere e per la vostra
partecipazione nella nostra missione.
Che Dio benedica tutta la vostra comunit.
Padre Basilio (Missionario e responsabile della gestione di Villa Infantil)
Per tutti coloro che volessero approfondire la conoscenza di Villa Infantil, la nostra parrocchiana Emanuela ci ha
segnalato il profilo Facebook Villa Infantil Guadalupe y San Jos e il sito internet www. villainfantil.com.mx
Foto tratte dal sito. Don Basilio con una religiosa nella missione. (dal foglio parrocchiale di Quero di met marzo)
16 CRONACA

Paolo Specia da 110 e lode


Dottore in scienze e tecnologie di alimentari
Il giovane querese Paolo
Specia ha concluso il se-
condo passaggio scola-
stico universitario conse-
guendo il titolo finale al
Corso di laurea magistra-
le in scienze e tecnologie
alimentari, frequentato
allAlma Mater Studiorum,
Universit di Bologna,
Campus di Cesena. La
sua tesi stata sviluppata
presso lUniversit KU
Leuven, in Belgio, ed
aveva un forte indirizzo di
ricerca, tanto da meritargli, dopo lesposizione davanti alla
Commissione desame, un meritato 110 e lode.
Lillustrazione della tesi comporterebbe conoscenze tecni-
che di livello superiore e per questo ci siamo fatti riassu-
mere da Paolo le finalit del suo lavoro di laboratorio, rac-
chiuso nel titolo della tesi: Preliminary characterization of
E. Coli Mrr protein interaction partners by mass spectro-
metry. Un argomento del settore della microbiologia delle
fermentazioni, avanzata e predittiva. Lo scopo della tesi,
in parole povere, secondo quel che ci dice Paolo, era quello di capire meglio come la tecno-
logia innovativa basata sull'utilizzo delle alte pressioni idrostatiche possa essere applicata in
modo mirato per portare sulla nostra tavola prodotti alimentari commercializzati sempre pi
sicuri. Da Quero una comitiva ha raggiunto Cesena per sostenere Paolo in questo ultimo
passo e godere, di riflesso, delle sue fatiche in laboratorio. Al termine della discussione fe-
sta per tutti e giusto orgoglio per i genitori Mirta Mazzocco e Nevio Specia, per il fratello
Damiano, il nonno Paolo, che adesso potrebbe anche fregiarsi del titolo di dottore consegui-
to da Paolo Junior. In foto: il laureato Paolo e al momento della incoronazione da parte di nonno Paolo!
17 RASSEGNA STAMPA

#ACQUAPROTAGONISTA
CONCORSO
FOTOGRAFICO
Acqua, fonte di vita, bene esauribile,
#ACQUAPROTAGONISTA
CONCORSO
di tutti, preziosa, fresca, di rubinetto,
da bere, pura.
FOTOGRAFICO
Ogni giorno abbiamo questo e
moltoAcqua,
altro,fonte di vita,
ma non bene esauribile,
sempre
di tutti, preziosa,
ne siamo consapevoli. fresca, di rubinetto,
da bere, pura.
Aiutaci a rendere
Ogni giorno abbiamo questo e
l#AcquaProtagonista
molto altro, ma non sempre
ne siamo consapevoli.
Aiutaci a rendere
l#AcquaProtagonista

I gestori pubblici del


I gestori pubblici
servizio deldel Veneto,
idrico
servizio idrico
riuniti neldel Veneto, Viveracqua,
consorzio
riuniti nel consorzio Viveracqua,
lanciano il concorso fotografico
lanciano il concorso fotografico
a premi,
a premi, aperto
aperto a tuttiai tutti i residenti
residenti in Veneto
in Veneto

Inviaci
Inviaci da unada auna a treafoto a
tre foto
concorso@viveracqua.it
concorso@viveracqua.it
entro il 30ilaprile
entro 2017 2017
30 aprile

Info e regolamento:
Info e regolamento:
www.viveracqua.it
www.viveracqua.it
18 CRONACA

Inter Club Fener


Festeggiati i 321 soci con Nicola Berti
Super giornata calcistica per i soci dell'Inter Club Fener quella di Domenica 12 Marzo presso lo stadio Giuseppe Meaz-
za di Milano, oltre ad aver visto otto gol, 7 dei quali segnati dalla squadra neroazzurra, i partecipanti alla gita hanno
potuto festeggiare assieme a Nicola Berti il record di soci affiliati al sodalizio Fenerese. Infatti la campagna tessera-
mento si conclusa con la quota record di 321 soci.
La foto ritrae la comitiva a bordo campo all'interno del "tempio del calcio".

LIBRI
19
20

ASSOCIAZIONE FELTRINA DONATORI


VOLONTARI DI SANGUE
LE SEZIONI DI
ALANO DI PIAVE, QUERO,
MARZIAI-CAORERA-VAS
Organizzano per donatori di sangue, familiari e simpatizzanti tutti

VIAGGIO A MILANO
36a GIORNATA NAZIONALE
DEL DONATORE DI SANGUE
DOMENICA 30 APRILE 2017
Programma:
Partenza con pullman della ditta Baratto: dalla piazza di Quero ore 4,00
da Foro Boario Feltre c/o Pasticceria Piaser ore 4,20

Si prosegue per la ValSugana verso autostrada. Breve sosta lungo il percorso.


Ore 09.00 circa: arrivo a Milano Bastioni Porta Venezia e ammassamento ai Giardini Intro Montanelli
(area retrostante Museo Storia Naturale).
Ore 09.30: Celebrazione della Santa Messa.
Ore 10.30: Saluto dei Presidenti Nazionale, Regionale e delle Autorit presenti.
Ore 11.00: Ammassamento dei partecipanti in Via Palestro.
Ore 11,15: Partenza del corteo per la sfilata dei donatori.
Ore 12.15: Arrivo in Piazza della Scala, scioglimento corteo. Pranzo libero. Tempo libero.
Ore 16.30: Partenza da Milano per il rientro con sosta lungo il percorso e arrivo a casa alle ore
21.00 circa.
Quota di iscrizione 30,00 da versare allatto delliscrizione entro
SABATO 15 APRILE 2017
La quota comprende: La quota non comprende:
viaggio in CORRIERA Gran Turismo; assicurazione medico-bagaglio tutto quanto non menzionato nella quota comprende
N.B. I posti in corriera sono assegnati in ordine darrivo delle
iscrizioni

Iscrizioni:
Alano: Carelle Ornella (0439.779930)
Quero: Susanetto Silvano tel 0439 787592; Cartolibreria Schievenin Albertina -
Via XXXI Ottobre tel 0439.787012
Marziai-Caorera-Vas: Deon D'Orazio Annita (0439.788124)
ORGANIZZAZIONE TECNICA PIAZZA TIZIANO VIAGGI SRL PIEVE DI CADORE

Nota Bene: possibilit di visita libera alla citt di Milano per chi non intendesse partecipare alla sfilata. Di rilievo le
mostre ospitate a Palazzo Reale (di fianco al Duomo): KeithHaring. About art, Manet e la Parigi
moderna, I Santi dItalia. La pittura devota tra Tiziano, Guercino e Carlo Maratta per citare le
principali, visitabili nel tempo libero a disposizione.
21 LIBRI

Nellanima un addio
Gli artisti raccontano le dolomiti in guerra
Racconti dalle zone di guerra delle Dolomiti Orientali: li propone Antonella For-
nari in Nellanima un addio, fresco di stampa per Edizioni DBS. 184 pagine a
colori in cui i protagonisti sono artisti e letterati: dai notissimi Carducci e Ungaretti
a nomi meno conosciuti come Curzio Malaparte, Piero ed Enrico Jahier, Corrado
Govoni, Luis Trenker, Cesco Tomaselli, Renzo Boccardi, Ubaldo Riva, Edgaro
Rossaro, Giovanni Fabbiani. Per ciascuno di essi lautrice, scrittrice ed alpinista
cadorina dadozione, racconta la storia di un legame con i Monti Pallidi diventato
durante la Grande Guerra testimonianza viva damore per il proprio Paese. Un
sentire che documenta Fornari va ben oltre le vicende di vita di questi uomini
e che le montagne resero a loro modo immortale. Basti pensare a Giosu Car-
ducci, innamorato delle Dolomiti ma scomparso ben prima dellinizio del Conflitto.
Sar per proprio la piramide a lui dedicata sul Monte Piana a divenire nella
Grande Guerra un simbolo per le forze
tricolore. Soprattutto, con Carducci na-
sce la poesia legata alle Dolomiti,
espressione di un amore per le alte ci-
me capace di andare oltre la stessa
brutalit della guerra. Ne sono un
esempio i fratelli Piero ed Enrico Jahier,
un unico cuore e due battaglioni come
li definisce Fornari, o il ribelle Curzio
Malaparte, testimone dellorrore che si consumer su Col di Lana. Nessuno di
questi e simili carneficine baster a spegnere in loro lincanto delle Dolomiti.
E quando, con Caporetto, arriver il momento di lasciarle tutti soffriranno il di-
stacco e la nostalgia. Non ci sarebbe stato nulla di quello splendore nelle trin-
cee del Grappa e del Piave. Da qui il titolo del libro, Nellanima un addio:
tutti gli uomini di cui racconto spiega Fornari - videro la morte in faccia, ma
ci nonostante restarono innamorati delle montagne. E abbandonarle fu dolo-
roso, perch l lasciarono un po del proprio cuore. Un caso a parte quello di Giuseppe Ungaretti, che sulle Dolomiti
in guerra non giunse mai. La forza della sua arte racconta Fornari - fu per cos potente da far s che le truppe stan-
ziate sulle Tofane gli attribuissero le parole che ancor oggi leggiamo sulla targa allingresso della galleria di mina del
Castelletto: tutti avevano la faccia del Cristo / nella / livida aureola dellelmetto, / tutti portavano linsegna del supplizio /
nella / croce della baionetta / e nelle tasche il pane dellultima cena / e nella gola il pianto dellultimo addio. Questi e
molti altri sono episodi di vita che narrano una guerra brutale in cui larte trov comunque spazi per portare umanit e
bellezza. Un modo per affermare una volta in pi il valore straordinario della passione umana, capace di far sentire la
propria voce anche oltre il freddo e il dolore dellinferno.
Antonella Fornari, Nellanima un addio, Edizioni DBS, 2017. EAN 9788899369750 10
www.edizionidbs.it - info@edizionidbs.it cell. 328.6823330

LETTERE AL TORNADO

Ad un anno
dalla
scomparsa di

Antonio
Billo
i nipoti e i
parenti tutti lo
ricordano con
affetto.
22 ATTUALIT

Dj Fabo, perdonaci per quello


che non abbiamo fatto
lettera di Roberto Saviano - segnalazione di Silvio Forcellini
E la seconda volta che faccio pubblicamente un invito a chiedere scusa. La prima
volta fu per Beppino Englaro. Per la gogna alla quale una parte esigua ma urlante
del nostro Paese lo costrinse. Oggi chiedo scusa a Fabiano Antoniani, a Dj Fabo, e
gli chiedo scusa a nome di tutti gli italiani, per non essere riusciti a esaudire il tuo ul-
timo desiderio. Perdonaci per non essere riusciti a occupare, con il tuo appello, ogni
spazio disponibile. Perdonaci per non aver ascoltato la tua legittima richiesta di una
morte dignitosa. Perdonaci per essere andati oltre. Perdonaci per aver vissuto
camminando, parlando, guardando senza pensare che tu questo non potevi pi farlo
da molto tempo, dallincidente che ti ha reso tetraplegico e cieco, ma lucido nel voler
scegliere la morte a una vita di dolore, di dolore, di dolore. Perdonaci per non
essere riusciti a farti lasciare questa vita in una condizione per te umana, non do-
vendo affrontare un viaggio faticoso e assurdo per ottenere in Svizzera quello che
avresti avuto diritto ad avere a casa tua. Perdona questa politica bellicosa e questo
Paese distratto e incattivito che cerca e trova ormai solo nemici, nemici ovunque e antagonisti, che non ha pi voglia e
strumenti per trovare alleati, per intraprendere battaglie legittime. Che non si rende pi conto che un diritto negato
allaltro un diritto negato a se stessi, alle persone che amiamo, a quelle che ci sono vicine. Viviamo tutti come
se fossimo invulnerabili, eppure abbiamo costantemente paura, ma ci sfuggono gli strumenti che avremmo a disposi-
zione per mettere al riparo le nostre vite. Crediamo che erigere muri tra noi e le persone che non ci somigliano sia ga-
ranzia di tranquillit e non ci rendiamo conto che ci stiamo condannando da soli. Che stiamo condannando la nostra
generazione e quelle che verranno dopo. Perdonaci Fabo, per aver perso rispetto per chi soffre, per le minoranze,
perdonaci per ritenere futili le istanze di chi mostra il proprio lato umano, la propria vulnerabilit, perdonaci per non
avere pi orecchio per ascoltare chi ha bisogno di aiuto. Mala tempora currunt Fabo, ma da molto tempo, da troppo.
Tempi cattivi in cui pubblicamente ci si professa pro vita, religiosi osservanti, cattolici ferventi e invece nel privato sia-
mo esseri umani incolpevolmente carichi di dissidi e debolezze, di dubbi e di rimorsi. Beppino Englaro ha lottato in Ita-
lia facendo del proprio corpo campo di battaglia. Sua figlia Eluana ha vissuto in stato vegetativo per 17 anni: i danni
subiti a seguito dellincidente erano anatomicamente irreversibili eppure Beppino ha dovuto intraprendere un cammino
giudiziario per provare a ottenere legalmente in patria ci che allestero avrebbe potuto avere con notevole risparmio
di tempo ed energie. Al fianco di Beppino i soliti Radicali, quelli che stanno sempre dalla parte dei freak, degli strambi,
di chi non accetta lo status quo e si batte per leutanasia legale, per la legalizzazione della cannabis, per condizioni
pi dignitose nelle carceri italiane. Accanto a Beppino qualche scrittore tuttologo che Hai perso una buona occasione
per tacere, Se parli di mafie sei pi credibile. Accanto a Beppino tanti altri, ma assente la politica: quella era contro
o taceva. La Regione Lombardia nel 2016 stata condannata a un risarcimento di 143mila euro per il decreto emana-
to da Roberto Formigoni che vietava la sospensione delle terapie a Eluana. Questo fu il ruolo della politica nel caso
Englaro. Ma vuoi sapere, Fabo, cosa cambiato dal 2009? Dalla morte di Eluana? E cambiato che la politica ha de-
ciso che questi non sono pi affari suoi. Ha deciso che pu rimandare la discussione in Parlamento sul fine vita ad libi-
tum e pu farlo perch stata pi brava di noi, ed riuscita a far passare ladagio che in tempo di crisi non esistono
altre priorit diverse da quelle economiche. E fa nulla che nemmeno quelle si riescano a risolvere: ci che ormai
chiaro che le minoranze non ci interessano. Che siano gay, diversamente abili, stranieri, coppie impossibilitate a
procreare, persone che hanno subito abusi dalle forze dellordine o essere umani rinchiusi in corpi, come gabbie, che
vorrebbero essere liberi di lasciare. Questo il nostro Paese. Un Paese in cui la vita deve scorrere senza impedimenti
di sorta, senza intoppi apparenti. Tu Fabo hai potuto chiederlo con la tua voce. Ti abbiamo sentito chiedere una morte
dignitosa. Non esiste giustificazione possibile al silenzio che hai ottenuto in risposta. Non esiste giustificazione e ur-
genza possibile per la mancanza di empatia, di attenzione e di umanit del Parlamento e del Paese in cui ti toccato
in sorte di nascere e dal quale sei stato costretto ad autoesiliarti per morire. Perdonaci per aver reso la religione
che crediamo di osservare talmente vuota da non saper pi riconoscere un Cristo quando lo abbiamo di fron-
te.

Il Mercatino del Tornado


Negozio di alimentari di Fener, in via Dante, cerca aiuto-commessa per (al massimo) 15 ore settimanali. Per infor-
mazioni chiamare il 346.3120720 (Gabriele) o passare in negozio.
A Fener, in localit Fornaci, affittasi locale ad uso artigianale di circa 260 mq su due piani con ampio parcheggio
esterno. Per informazioni chiamare il 328.8957930.
A Quero, in piazza Marconi, affittasi (affitto dazienda) il bar Centrale. Per informazioni chiamare il 335.6044454
(Fabrizio).
Vendesi, anche separatamente, mobili da ufficio in ottimo stato e della stessa linea (colore bianco): una scrivania,
una poltrona da ufficio, tre sedie, varie mensole, otto mobiletti (sei bianchi e due grigi). E possibile visionare il tutto a
Fener, in localit Faveri, chiamando lo 0439.779461 oppure il 329.2978378 (Luigi).
23 ATTUALIT

Agonistica Sportmarket ASD


organizza

iniziato il
CORSO DI ROLLER
pattini in linea

Il corso rivolto a bambini e ragazzi e sar tenuto il mercoled pomeriggio


dalle 17,30 in via Case Sparse a Vas (area ex cartiera).

Prima lezione gratuita

Se hai i tuoi pattini, il tuo casco e le tue protezioni, portali;


se non li hai te li prestiamo noi,
ma prenota lattrezzatura con almeno una settimana danticipo!

Per informazioni ed iscrizioni telefonare al 392 6578209


o scrivere a lorenzo.rover@gmail.com
24 ATTUALIT

La conquista: in bilico sulla vetta senza nome


Presentazione del libro di Orazio Longo
Mercoled 12 aprile ore 20.30 in Biblioteca ad Alano
Realt e finzione. La scalata di una montagna.
La conquista di una vita. una docufiction il libro
di Orazio Longo dal titolo La conquista.
In bilico sulla vetta senza nome (2016, Edizioni Efesto, pagg. 244, con la prefazione
di Stefano Ardito) che sar presentato mercoled 12 aprile alle 20.30
in Biblioteca ad Alano di Piave nell'ambito di
Euklidea: un salto nella scienza, nella natura, nell'avventura, un percorso che vuole
promuovere la cultura scientifica cos importante
per la vita quotidiana di ognuno di noi.
La Conquista racconta la storia vera di un'impresa alpinistica. il 1986 quando un
gruppo di rocciatori abruzzesi parte per il massiccio del Karakorum in Asia. L con una
missione scientifica internazionale, dopo numerosi problemi, gli alpinisti raggiungono la
cima di un settemila mai scalato prima. Cima che fu perci chiamata Abruzzo Peak.
Nella ricostruzione dell'impresa, Orazio Longo (giornalista, alla sua seconda prova
letteraria) ha costruito un doppio binario: da un lato il diario originale di Antonio Capassi,
uno degli alpinisti arrivati in vetta; diario che ripercorre passo passo tutti i momenti della
missione, compreso il grave incidente che ne condizion le fasi finali. Dall'altro lato la storia immaginaria di un uomo
che rimane appeso nel vuoto e che in quei momenti finali ripercorre la sua vita per riappropriarsene nuovamente. Il
tutto corredato da quaranta fotografie a colori all'interno del volume. Alla serata di mercoled saranno presenti l'autore,
Orazio Longo, e l'alpinista Antonio Capassi. Durante l'incontro saranno proiettate le immagini originali girate durante la
missione del 1986. Modera il dibattito Paolo Rech.
E' una proposta delle Biblioteche di Alano di Piave e Quero Vas Unione Sette Ville
info: 0439.778718-787097-780270

e - dist ribuzione
AVVI SO
si avvisa la gentile clientela che nel periodo
DALL08 MARZO AL 31 MAGGIO 2017
verr effettuato il taglio delle piante che si trovano in prossimit delle linee
elettriche a 20.000 V nelle seguenti localit:
Valle di Schievenin, Colmirano, Alano di
Piave, Quero, Campo, Fener, Vas, Cilladon,
Val de Prada, Sorgenti, San Lorenzo, San
Vittore, Ponte Cagnin, Campagna Nord.
in Comune di: QUERO-VAS ed ALANO DI PIAVE
Tutti gli operatori della ditta incaricata del taglio piante, la European
Global Service, sono dotati di cartellino identificativo. Il legname tagliato e
sezionato verr lasciato a bordo taglio a disposizione dei proprietari dei
fondi. Tutti gli impianti devono ritenersi sempre in tensione
e-distribuzione Vi ringrazia per la collaborazione.
PER EVENTUALI INFORMAZIONICONTATTARE IL N 0439/884811
FELTRE: 08/03/2017
25 BOCCE

Diego Schievenin: Campione di bocce!

Il 2016 stato un anno ricco di successi per il


nostro atleta querese, militante con i colori
della societ di Cavarzano (Bl). In queste foto
alcuni momenti di gioco e di premi vinti. Fra
questi citiamo: oro ai campionati regionali individuali Cat. B, a Fossalta di Portogruaro in giugno; bronzo ai campionati
italiani individuali categoria B, a Biella in luglio. Una stagione da incorniciare!

LETTERE AL TORNADO
26 ASTERISCO

Comunicato stampa 17 febbraio 2017

La 12a edizione della maratona di


lettura sar dedicata ai Wu Ming
La maratona di lettura di quest'anno, che si terr sabato 20 maggio 2017, dedicata per la prima volta ad un
collettivo di scrittori: i Wu Ming. Il gruppo ha esordito sotto lo pseudonimo Luther Blisset con il romanzo Q, ha poi
cambiato il nome in Wu Ming pubblicando una serie di libri di successo quali 54, Manituana, Crimini italiani, Altai,
Previsioni del tempo, L'armata dei sonnambuli, L'invisibile ovunque, Cantalamappa. I componenti dei Wu Ming hanno
anche un'attivit come solisti, si ricordano tra i libri pi recenti: Wu Ming 1 (Centanni a Nordest, 2015 Un viaggio che
non promettiamo breve. 25 anni di lotte No Tav in Val di Susa, 2016), Wu Ming 2 (Il sentiero luminoso, 2016), Wu Ming
4 (Il Piccolo regno, 2016). In varie fasi della sua storia questo collettivo ha contato quattro, cinque e di nuovo quattro
membri. Dal 2015 un trio composto da Wu Ming 1, Wu Ming 2 e Wu Ming 4. Una rappresentanza dei Wu
Ming sar presente a Feltre sabato 20 maggio 2017, data della dodicesima edizione della Maratona di lettura,
seguitissima manifestazione di promozione dei libri e della lettura che nel 2011 ha regalato a Feltre uno dei titoli di
Citt del Libro, premio organizzato dall'ANCI, dall'Associazione Forum del Libro e dal Ministero per i Beni e le Attivit
Culturali. La manifestazione organizzata dal Comune di Feltre, grazie alla collaborazione di numerosi volontari, lettori
e musicisti non solo feltrini, e di diverse associazioni tra cui il CILP, che presente fin dalla prima edizione. All'appello
dell'Ufficio Cultura, che sta organizzando l'evento, hanno gi risposto pi di una ventina di lettori e molte sono le
formazioni musicali e corali che hanno offerto la loro partecipazione a titolo gratuito. L'ufficio cultura sta lavorando per
vagliare l'intensa produzione dei Wu Ming e trovare la location adatta per ogni libro che, data la variet di argomenti,
consentir sicuramente di riscoprire e approfondire alcuni luoghi insoliti di Feltre e dintorni. La formula della
manifestazione comunque ormai consolidata e propone nella giornata di sabato una ventina di incontri di lettura,
spesso accompagnati da interventi musicali. Gli appuntamenti si susseguono dall'alba al tramonto, in vari luoghi di
Feltre fino all'incontro finale con gli autori che avr luogo alle 21. Anche quest'anno verr proposta una serata di
anteprima venerd 19 e vi saranno anche digressioni e approfondimenti tematici sui tanti argomenti toccati dalla
produzione dei Wu Ming. Si prospetta quindi una manifestazione di sicuro interesse che sapr coinvolgere i numerosi
appassionati della lettura e incuriosire chi non si ancora avvicinato all'universo letterario e culturale di questo
collettivo. Non uno ma ben 5 sono gli autori a cui dedicata la maratona di lettura di quest'anno, che per la prima volta
si incentra su un collettivo di scrittori racchiuso sotto l'ormai celebre nome di Wu Ming (che in cinese significa senza
nome oppure "cinque nomi", a seconda di come viene pronunciata la prima sillaba). Dal grande successo di libri quali
Q e 54 sono usciti dalla penna del collettivo una serie di romanzi storici fino al 2014. Altri due sono poi i filoni esplorati
dai Wu Ming, l'uno quello della non-fiction che si muove tra inchiesta, letteratura di viaggio, storia, intervento critico
su ambiente e paesaggio (tra gli ultimi libri ricordiamo, Centanni a Nordest, 2015, e Un viaggio che non promettiamo
breve. 25 anni di lotte No Tav in Val di Susa, 2016) e l'altro quello della letteratura fantastica, mito e letteratura per
ragazzi (tra gli ultimi Cantalamappa, 2015 e Il Piccolo regno, 2016).

Benvenuto Liam!
Cinque anni fa, ad allietare la famiglia Rizzotto
Campana di Quero, sono nati Iago e Vera ed ora,
a far compagnia ai gemelli, arrivato Liam, il
26.12.1016, cui auguriamo un mondo di bene,
tanta felicit e grandi soddisfazioni.
Ai genitori i nostri rallegramenti, da estendere ai
nonni Arnaldo e Anita di Quero, Ranieri e Laura
di Lamon, agli zii Alessia e Francesco ed ai bis
nonni Bortolo e Aurelia, Romana e Fernanda.
Come vediamo dalla foto, Iago e Vera, soddisfatti
del loro fratellino, lo presentano cos agli amici de
Il Tornado, tenendolo stretto fra le loro braccia!!!

27
28
Zona industriale - 31040 Segusino (TV)
Tel. 0423.979282

DUE ESSE s.n.c.


di Stramare Nicola e Oscar
Via S. Rocco, 39 - 31040 SEGUSINO (TV)
Telefono e Telefax 0423.979344
Via della Vittoria - 32030 FENER (BL)
Telefono 0439.789470

grafica - stampa
editoria - libreria

z.i. RASAI di Seren del Grappa (BL)


Via Quattro Sassi
DBS TIPOGRAFIA - EDIZIONI DBS
Tel. e Fax. 0439 44360 - 0439 448300
OCCHIO - Tel. 0439 44111
LIBRERIA QUATTRO SASS
Tel. 0439 394113
commerciale@tipografiadbs.it
www.tipografiadbs.it

di Ferdinando Carraro
PITTORE RESTAURATORE
Via F.lli Agrizzi - FENER - ALANO di PIAVE (BL)
Cell. 339.2242637
Azienda Agricola
SIMIONI DAVIDE
VENDITA ORTAGGI
E FRUTTI DI BOSCO
Via della Vittoria, 15 - FENER CONSEGNA A DOMICILIO
Cell. 392.6391164
seguici anche su facebook Via F. De Rossi, 16/C - ALANO DI PIAVE (BL)
Tel. 0439 776002 - 349 1466314

ONORANZE FUNEBRI SPADA VIVAIO - PIANT E


MARMI E BRONZI
VALENTINO

SPADA
CIMITERIALI
TRASPORTI NAZIONALI
ED ESTERI di Mondin Duilio
CREMAZIONI
SERVIZIO 24 H
Realizzazione e Manutenzione Giardini
TEL. 0423 69054 - 348 5435137 Prati - Irrigazione - Potature
SERVIZI FUNEBRI A PARTIRE DA 1.800
CON POSSIBILIT DI RATEIZZAZIONE
ACCORDI CON VISITE A DOMICILIO SU VOSTRA Via Feltrina - 32038 QUERO (BL) - Cell. 338.1689292
RICHIESTA CON GARANZIA DI CONVENIENZA, E-mail: mondingiardini@gmail.com - mondingiardini.blogspot.com
SERIET E PERSONALE QUALIFICATO

Related Interests