You are on page 1of 1

I fluidi: descrizione macroscopica e microscopica Le equazioni di bilancio

La descrizione microscopica Le equazioni di bilancio

La descrizione di un fluido (in quiete o in moto) da un punto di vista macroscopico consiste nella
rappresentazione delle propriet`a del fluido attraverso funzioni del punto nello spazio oltre che del Per un sistema meccanico isolato qualsiasi, insieme di punti materiali, sono valide le leggi di
tempo. conservazione delle grandezze meccaniche microscopiche massa, quantit` a di moto ed energia.
f (x, t) (1)
N
X
Ai fondamenti della descrizione macroscopica c`
e , per`
o, la descrizione di un fluido in base alle
mi = M (2)
a meccaniche delle singole molecole che lo compongono: si parla in questo caso di
propriet`
i=1
descrizione microscopica.
N
X
o, possiamo tener conto di ogni molecola ?
Per`
mi vi = Q (3)
o vuol dire che dal moto di un gran numero di molecole devono emergere dei comportamenti
Ci` i=1
collettivi che prescindono dalla esatta posizione e velocit`
a di ciascuna molecola. N
!
X v2
mi i + eipot =E (4)
I due livelli, macroscopico e microscopico sono uniti da un legame di i=1
2
tipo statistico, o probabilistico.
Ci`
o comporta che in un sistema non isolato, ma composto da un gran numero di particelle, queste
In un sistema costituito da N molecole, una particolare molecola, grandezze anche se non pi`u costanti varieranno lentamente, e tanto pi`
u lentamente quanto pi`
u
indicata con il suffisso i, si caratterizza anzitutto mediante la sua massa grande `
e il numero delle particelle.
mi , ed energia potenziale epot .
Questa osservazione ` e la base per lidentificazione dei parametri macroscopici che
Le equazioni che secondo la meccanica classica governano il moto delle caratterizzano il movimento collettivo di un fluido proprio nelle grandezze meccaniche che, se il
molecole sono le equazioni di Newton, che descrivono la molecola i-esima sistema fosse isolato, sarebbero conservate.
mediante la sua posizione xi e velocit`
a vi .

Le equazioni di bilancio Le equazioni di bilancio


Jan Pralits (University of Genoa) Hydrodynamic stability 2014 4 / 20 Jan Pralits (University of Genoa) Hydrodynamic stability 2014 5 / 20

Volume di controllo e medie statistiche I flussi

Per rendere quantitativa lanalisi occorre identificare in qualche modo parti diverse del fluido. Le grandezze massa, quantit`a di moto ed energia costituiscono gli invarianti meccanici additivi in
quanto grandezze, additive rispetto al volume, che se il volume dato fosse isolato resterebbero
Lunica possibilit`
a`e quella di identificare a priori un volume (volume di controllo) costanti.
geometricamente definito, e far riferimento alla massa, energia e quantit` a di moto delle
molecole che, in un dato istante, si trovano nel volume dato. Una variazione di una grandezza deve essere attribuita ad una interazione con lesterno:
Occorre inoltre ragionare su quantit`
a medie in senso statistico. localmente attraverso la superficie (flusso)
a distanza per intervento di campi di forza (gravit` a, campo elettrico)
Si pu`o immaginare di eettuare un gran numero di esperimenti identici nei vincoli esterni e poi
`
E possibile rendere tale concetto quantitativo scrivendo delle equazioni di bilancio, che collegano
fare la media.
le variazioni temporali degli invarianti meccanici nel volume V al loro flusso attraverso la
Le grandezze medie cosi ottenute hanno limportante caratteristica di essere additive rispetto al superficie @V.
volume. Flusso: come mostrato in figura associabile alla superficie
Ne consegue che queste grandezze possono essere rappresentate come integrali. di separazione, con la propriet`a fondamentale che il flusso
da una parte allaltra `
e uguale ed opposto a quello dalla
Per un volume infinitesimo dV, abbiamo: seconda alla prima.
dM = dV massa (5) Indipendentemente dalla scelta della superficie di
separazione.
dQ = QdV quantit`
a di moto (6)
Il flusso totale di una grandezza additiva.
dE = EdV energia (7)
Scrivibile come integrale di superficie di una
dove , Q e E sono densit`
a di massa, quantit`
a di moto ed energia opportuna densit`a di flusso.