You are on page 1of 4

Problema 1 PNI esame di stato 2008 pag.

1 di 4 © Giancarlo Albricci2008
























• Prendo C sulla retta data → ( ) x x C 2 ; ( ) 0 ; 1 A ( ) 0 ; 3 B
• 2 = AB ( ) 1 2 5 4 1
2 2 2
+ − = + − = x x x x AC ( ) 9 6 5 4 3
2 2 2
+ − = + − = x x x x BC
• Teorema del coseno applicato all’angolo α :
4
cos 2
2 2 2 π
⋅ ⋅ ⋅ − + = BC AC BC AC AB
2
2
9 6 5 1 2 5 2 9 6 5 1 2 5 4
2 2 2 2
⋅ + − ⋅ + − ⋅ − + − + + − = x x x x x x x x da cui:
( ) ( ) ( ) 3 4 5 2 9 6 5 1 2 5 2
2 2 2
+ − ⋅ = + − ⋅ + − ⋅ x x x x x x (i polinomi in parentesi sono positivi R x ∈ ∀ )
( ) ( ) ( )
2
2 2 2
3 4 5 2 9 6 5 1 2 5 + − ⋅ = + − ⋅ + − x x x x x x ottengo infine l’equazione di 4° grado:
0 9 24 30 40 25
2 3 4
= + − + − x x x x usando il metodo di Ruffini trovo ( ) 0 1 = P e quindi la prima
soluzione 1
1
= x corrispondente al punto ( ) 2 ; 1
1
C
Svolgo la divisione: ( ) ( ) 1 : 9 24 30 40 25
2 3 4
− + − + − x x x x x ottenendo il quoziente che uguaglio a
zero per trovare le altre soluzioni:
0 9 15 15 25
2 3
= − + − x x x → ( ) ( ) 0 3 5 3 3 5 5
2
= − + − x x x → ( ) ( ) 0 3 5 3 5
2
= + ⋅ − x x
Il 2° fattore non si annulla mai, annullando il 1° fattore ottengo la seconda soluzione
5
3
2
= x che
corrisponde al punto
|
.
|

\
|
5
6
;
5
3
2
C . Quindi i punti
1
C e
2
C sono gli unici con le proprietà stabilite.
…………………………………………………………………………………………………………………
Problema 1 punto 1) Posizioni sulla retta x y 2 = per cui
4
ˆ
π
= B C A
Problema 1 PNI esame di stato 2008 pag.2 di 4 © Giancarlo Albricci2008
























• L’altezza relativa al lato AB definisce la retta CH con equazione h x = con 0 ≠ h perché altrimenti il
triangolo ABC è degenere

• L’altezza relativa al lato BC definisce la retta AK :
o coefficiente angolare di BC :
3
2
3
0 2

=


=
h
h
h
h
m
BC
(il caso 3 = h lo tratto oltre)
o per la perpendicolarità:
h
h
m
m
BC
AK
2
3 1 −
= − =
• equazione di AK :
o ( ) 1
2
3
− ⋅

= x
h
h
y per 3 0 ≠ ∧ ≠ h h che corrisponde comunque a 0 = y per 3 = h
• Coordinate dell’ortocentro P come intersezione tra CH e AK:

( )
¦
¹
¦
´
¦
− ⋅

=
=
1
2
3
x
h
h
y
h x
→ ( ) 1
2
3
− ⋅

= x
x
x
y →
x
x x
y
2
3 4
2
− + −
= →
x
x y
2
3
2
2
1
− + − =
• Il luogo dei punti cercato è un’iperbole con asintoti di equazioni 0 = x e 2
2
1
+ − = x y
• Interseca l’asse delle ascisse nei punti A e B
• Per trovare i punti di massimo e minimo calcolo la derivata prima e la uguaglio a zero:
2
2
3
2
1
'
x
y + − =
• 0
2
3
2
1
2
= + −
x
→ 0 3
2
= + − x → 3
2 , 1
± = x ricavo le ordinate:
2 3
2
3
2
2
3
3 2
3
2
2
3
2 , 1
− = − = − = y
I punti estremanti sono quindi: ( ) ( ) 3 2 ; 3 3 2 ; 3
2 1
+ − − P P
Problema 1 punto 2) Luogo geometrico dell’ortocentro P del triangolo ABC

Problema 1 PNI esame di stato 2008 pag.3 di 4 © Giancarlo Albricci2008
Grafico del luogo dei punti
x
x y
2
3
2
2
1
− + − =













………………………………………………………………………………………………………………………….


• Coefficiente angolare retta tangente in A: ( ) 1
2
3
2
1
1 ' = + − = = y m
• Equazione tangente in A: ( ) 1 1 0 − ⋅ = − x y → 1 − = x y
• Coefficiente angolare retta tangente in B: ( )
3
1
6
1
2
1
18
3
2
1
3 ' − = + − = + − = = y m
• Equazione tangente in B: ( ) 3
3
1
0 − ⋅ − = − x y → 1
3
1
+ − = x y
• Intersezione tra le due tangenti:
¦
¹
¦
´
¦
+ − =
− =
1
3
1
1
x y
x y
→ 1 1
3
1
− = + − x x → 2
3
4
− = − x
2
3
= x
2
1
1
2
3
= − = y Punto di intersezione:
|
.
|

\
|
2
1
;
2
3
W












Problema 1 punto 3) Area della regione
L’area della regione si può calcolare
tramite gli integrali definiti della
funzione e delle due rette tangenti:
+
|
.
|

\
|
+ − + − =
í

2
3
1
2
3
2
2
1
1 dx
x
x x S
=
|
.
|

\
|
+ + − + + − +
í
3
2
3
2
3
2
2
1
1
3
1
dx
x
x x

Problema 1 PNI esame di stato 2008 pag.4 di 4 © Giancarlo Albricci2008
= + − + + − =
|
.
|

\
|
+ − +
|
.
|

\
|
+ − =
í í

3
2
3
2
2
3
1
2
3
2
3
2
3
1
ln
2
3
12
1
ln
2
3
3
4
3
2
3
1
6
1
2
3
3
2
3
x x x x x x dx
x
x dx
x
x S
=
|
.
|

\
|
− + − + − +
|
.
|

\
|
− + − + − =
2
3
ln
2
3
2
3
48
9
3 ln
2
3
3
12
9
0 3
4
3
2
3
ln
2
3
2
9
16
27

= + − + + − − =
2
3
16
3
3 ln
2
3
4
3
4
3
2
9
16
27
= + − = + − 3 ln
2
3
3
2
3
3 ln
2
3
2
6
16
24
( ) 1 3 ln
2
3

………………………………………………………………………………………………………………………….




• Dato che
í
=
3
1
1
3 ln dx
x
approssimo l’integrale definito come calcolo dell’area compresa tra la funzione
( )
x
x f
1
= e l’asse delle ascisse utilizzando il metodo dei trapezi.












= ∆ ⋅
+
+ ∆ ⋅
+
+ ∆ ⋅
+
+ ∆ ⋅
+
≅ =
í
x
EJ DI
x
DI CH
x
CH BG
x
BG AF
dx
x 2 2 2 2
1
3 ln
3
1

= ∆ ⋅
|
|
.
|

\
|
+ + +
+
= x DI CH BG
EJ AF
2
= ⋅
|
|
|
|
.
|

\
|
+ + +
+
2
1
5
2
2
1
3
2
2
3
1
1

= ⋅
|
.
|

\
|
+ + +
= ⋅
|
.
|

\
|
+ + + =
2
1
30
12 15 20 20
2
1
5
2
2
1
3
2
3
2
12 , 1
60
67


Una calcolatrice scientifica fornisce come confronto il valore : 10 , 1 3 ln ≅




Problema 1 punto 4) Approssimazione numerica di 3 ln
In figura ho diviso l’intervallo [ ] 3 ; 1
in quattro parti uguali di ampiezza
5 , 0 = ∆x utilizzando i cinque punti
A, B, C, D, E.
La somma delle aree dei 4 trapezi
ottenuti approssima per eccesso il
valore di 3 ln .
Volendo approssimazioni migliori è
necessario usare un numero maggiore
di intervalli.