Confini e frontiere: Distinzione, relazione, sconfinamenti e ibridazioni

Author(s): Valerio Antonietti and Barbara Caputo
Source: La Ricerca Folklorica, No. 53, Intorno ai confini (Apr., 2006), pp. 7-21
Published by: Grafo s.p.a.
Stable URL: http://www.jstor.org/stable/30033308 .
Accessed: 01/05/2011 09:18

Your use of the JSTOR archive indicates your acceptance of JSTOR's Terms and Conditions of Use, available at .
http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp. JSTOR's Terms and Conditions of Use provides, in part, that unless
you have obtained prior permission, you may not download an entire issue of a journal or multiple copies of articles, and you
may use content in the JSTOR archive only for your personal, non-commercial use.

Please contact the publisher regarding any further use of this work. Publisher contact information may be obtained at .
http://www.jstor.org/action/showPublisher?publisherCode=grafo. .

Each copy of any part of a JSTOR transmission must contain the same copyright notice that appears on the screen or printed
page of such transmission.

JSTOR is a not-for-profit service that helps scholars, researchers, and students discover, use, and build upon a wide range of
content in a trusted digital archive. We use information technology and tools to increase productivity and facilitate new forms
of scholarship. For more information about JSTOR, please contact support@jstor.org.

Grafo s.p.a. is collaborating with JSTOR to digitize, preserve and extend access to La Ricerca Folklorica.

http://www.jstor.org

1990. sta un aspetto a nostro avvisocruciale:e cio&. le A tale scopo. i fenomeni di ibridazio. che nel concreto confini e frontiere tierasenzaconfonderli.contiguitY.Anche laddovei due concetti convi. configurareuna coesistenza. fine e della frontiera.quando non apertamentecriti. ignorando.la versimodi.al tuttavia non deve diventarecostitutivo (Fabietti punto che confine e frontierafiniscono ormai con 2000: 61).e la for- ne tragruppiumani che si consideranodistinti tra mulazione del concetto di contact zones (Pratt 1992). detto altrimenti.Proceden- dei due terminicorrispondenti.co- sibilitadi pensare. Remotti 1989. sta analitico.da un lato. te.il confine e la fron. si vuole evidenziarecome essi siano in cese e in italiano(cfr.ma spesso attribuendovaloreeuri. la . Cib che si vuole proporree formarequi &dun- randolicome due aspettinon solo di un medesimo que un concetto ampio. Distinzione.infatti.al piu.che vono. una svolta:il riavvicinamentodei due concetti. con la messa in evidenza della funzione delle sto termine alla interconnessione costante turali. guitasemanticadi questiconcettiha facilmentein- dotto ad unaloro confusionecaratterizzata dall'uso che questasecondaipotesi sia possibile. noi note di confine e frontieraappaiono e scom- prenderee metterein gioco.e come la loro contrapposi- antropologia. maggiormentein evidenzapratichedi distinzione stico ad uno solo dei due.quasisi trattassedi do ad una sinteticaricostruzionedell'usodi questi sinonimi ad indicareun medesimo referenteem. e alla cir. Percontro. La tesi che qui si vuole sosteneree. glianze discontinue (cfr. a seconda che si vogliano mettere lo separandoli. sconfinamenti e ibridazioni BARBARA CAPUTO Introduzione loro. ria. relazione. un'operazionedi indubbio valore regolativo. cente sviluppodel dibattitosullafrontiera. che scaturisceda un fascio concetto ampio. A nostro avviso.o. termini kantiani. La reificazionedell'opposizioneche ne l'apparirecome situazioniincompatibili.Si trattadi com.ma conside. e dall'altrola relazione'.incontro tra gruppi diffe.essi sono stati analizzatitendendo a zione possa.da somi- renti. Non si trattasolo di una meraquestionedi sot. l'uno o l'altro. risultareutile da un punto di vi- privilegiare.Volendo esprimersiin do poco rilevante. e del loro funzionamento in situazioni pirico. colazionesuampiascaladi significaticul.non so. attraversouna messa paiono. Differenzeche nelle molteplicisituazionia tigliezzeanaliticheo semantiche. o dinamichedi ibridazione. temi come la separazione.rischiadi farperderedi vi- Qui ci si vuole dunque chiederese esistala pos. come testimonia l'uso che se ne fa in fran. 7 VALERIO Confini e frontiere ANTONIETTI.secondo i casi. appunto. 2000).consideran. tratticostitutiviche si ricombinanoin di- a fuoco dei termini. si trovanospessoa conviveree interagire. cercandodi comprenderese le primepossibi- E opportuno porre una contrapposizionetra litkrescludano le seconde o se invece e possibile "confini"e "frontiere"? In qualche caso la conti.e quasiinconsapevolmen- 1 Amselle (2001) fa riferimento con que.o ripensare. ne o incorrerenell'incompatibilitai.sempreesistitanellacorsadellasto. l'altro. appareutile in particolareil re- "connessioni"l'incontro. me si &detto. ma anche di situazioniconcretedi di possibilithiinsite nelle differentifigure del con- distinzione. concetti.senzaricorrereall'esclusio. "zone di contatto" il dibattito apparegiunto ad delle culture su scala planetaria. concrete. questa convivenza appareproblematica. distinzione. puo conseguire. in realthcomplementari.la separazionedei due concetti & cando.Zanini 1997).

sognodi cib.Zanini op.piUche a sta- bilire un nome. Lanozione che qui si cercadi met- congiungimento concettuale. .ed.e serve. il confine e sono sufficienti le analisi semanticheo i concetti la frontiera.scomponibile cora.che qui riguarda cento sull'ideadi frontieracome zona di ibridazio- specificamentela ragione.mente valido.delle possibiliforme del confine (Barth 1994).rispettoad un concetto di confine inteso ciata.il con. il confine sta e disgiungedue gruppi. materiale o mentale.rispettoallavariethdellesue pos- sibili declinazioni. comportail rischioche l'attenzionenel cor- "spazio"interno che la possibilithdi un'apertura so dell'analisidelle interazionipossa esseresbilan- esterna.a voltee esso stessouno spazio.e Ora.11segno di con- finee sempreincluso nello spaziodellafrontiera. e viceversa.Da una partequin- poreo. e tuttavia anche essae unospazio)[. Prenderemoin esame. presenteallamente dell'individuo. la superficiee il limitedellospaziocor. paesaggistico.Allo stesso tempo.due possibilithattualizzabilidel "limi.i zione.al numero cinquantasette.Il limite e non solo strutturato(De Certeau1983).secondo quale fun. cosi inteso.Un 255).ognilimiteimplicaancheun elementopositi- vo (peres.contiene allora in se la possibilitaidell'attraversa- no assumeredifferentiaspetti. se non raramente.nelle praticheo negli scopi di chi spaziova analizzatocome luogo praticato. Lo zioni simboliche. nella disamina del ricercatore. i confini territorialicostituiscanosolo una ga in situazionicircostanziateo nelle rappresenta.masonodellesemplicinegazioniche si pub trattaredi un confine materiale.agito e agisce. nei fatti. vita dei gruppiumani". porre l'ac- Il concetto di limite kantiano.8 ANTONIETTJ.6 noto. I confiniinvecenonhannobi. segno. ed e pensabilecome cibche allo stessotempo acco. nel senso in cui lo intende Kant. a formareun concetto euristica- 1. come nografiche.l'umanitaiappareimpegnataa "costruireconfini" te".ma anche dalle narrazionidi azioni. (magariattraversabili). linguistico. BARBARA CAPUJTO V. Confine e frontiera: storia di un'opposi. Meglioan- dunque. 1948: reo (abbigliamento. la confini posti nello spazio."Se". di senso all'interno.essoacostituitonon solo da elementimateria- nelle figuredel confine e dellafrontiera.].da sempre profondamentelegati nel storici elaboratinel corso del tempo. Allo stesso tempo in cui distingue.l'attraversamento. sia essa la distinzione.come dice Fabietti(2005: 179) due aspetti.ERIO frontierache torna ad essereconfine.AL.Ma questafigurasembra to ma trascurandoquegli abitualielementi e ope- applicabileanche alla concretezzadelle situazioni razioniche consentono il mantenimentodi distin- culturali. cit. zioni..cosi come spessolo si intende. in E aggiunge. scaturito e al tempo stesso utile a zione confrontarsicon la molteplicitaidellesituazioniet- Confine e frontieraappaiono. apparelimitativa. dunque. come confine cognitivo.focalizzandosisulle dinamichedi mutamen- come semplicenegazione.egli af.poco oltre: quest'ultimaaccezione. li e tangibili.sembraquindi prestarsi ne.Possiamoconsiderarecon- ferma: fine e frontieracome due categorieche sono po- tenzialmentedestinatea confondersinella concre- I limitipresuppongono sempre(negliesseriestesi) tezza delle situazioni.cognitivo. corpo- un'assoluta compiutezza (Kant:1783.per quanto.architetto- riguardano unagrandezza in quantoessanonabbia nico.e le cui relazioniposso.di l'ideadi confine come linea (cfr. di sospensione delle regole (cfr. Perdefinirecosa siano questidue concetti non Lungi dall'elidersia vicenda.) fineindicainveceunasemplicenegazione(ivi:261). pur nella sua ambivalenza. inteso.preval.una linea conti- luogoe lo racchiuda.gesti).. it. Lattimore a conteneresiala possibilithdelladistinzionedi uno 1972). sembranoormai pronti anche ad un ri. tere a fuoco e antropologica.ornamento. dunque.mento.il compito dell'antropolo- Nei Prolegomena ad ognifuturametafisicaKant gia consiste nello studio di comecib avvengae di effetti la presenzadi tali confini abbiaper la operauna netta distinzionefrai limiti ed i confini. ci tornanoutili. quali In particolare.a titolo di esempio. anche se essi fattuale.come ormai costituzionedi connessionio l'ibridazione.11limite. Da questo punto di vista il uno spazioche si ritrovifuoridi un determinato confine non e.habitus.nua di separazione.

politici.CONFINIE FRONTIERE 9 dallasommadegli atti e dallaloro memoriao anti. se viaggio. uomini-frontiera. bari. dieuxou lesdemi-dieux. delimitazionee appropriazionedei luoghi. un certo punto della storia grecatra Greci e Bar.E in taluni mo- teriali. L'esperienzadel schio.di Cibele tragli Sciiti gli valela morte.voluta.] (ivi: 14). .siasi "mescolanza". E il condurrelo e dellapermeabilitaN del confinecontenutonellanar. II suo tentativo di introdurreil culto praticati.l'at- giatorigreci.mai garantiti.E il confine. anche nel territorio. l'Ntranger mento stessoin cui giustificaun insediamentopo- nendo un confine. pub configurarsicome un ri- come li definisce Hartog (1996).cib che conta.liti della frontierasia sempreinclusa.veri e propriatti di fonda. d'une identitigrecque(Hartog.."sono".sguardosull'altroche mette alla prova il proprio razione. allo stessotempo.Un "viaggio". ache in tale ambivalenzala possibi- nel momento in cui. uomini-frontiera. iscritti zione.delinea- saggioo meglio la sua possibilitai.Nella nostraprospettiva. viaggi destinati a lasciare tracce.Qualunquesiala ont-ilsdcoupeetclassifil'alterite? Ily a les autresnon-humains: plus qu'humains.e costitutivo dell'essere:i "viaggia- non si esaurisceIidovesi attestanoi suoi confinima. proprioper definireta- namento.ma si estendefin dove arrivanole gestamiti.Tali confini.definendoneal limite" tracciano un confine fra loro stessi e l'alte- fra e rita. stesso tempo uomo-frontiera. non sia mai per certo garantita.definireun'identita: la l'ambivalenzache gli e propria. la possibilitadell'aperturae chiusura.se possibile. sono necessaria replicae documentodelleope'rations de bornage.nel mentresi tracciaun confine.definita.atto di trasgressione.il confine si pub tradurre Ulysse. chiararela legittimitaidel possesso. presupponegia in se il pas- E si trattadell'identithgreca. e quindi a di. Ma. greci non-greci: contempol'estensione. Comment mento dei confinidel luogo stesso. profonde e duraturenelle societh di provenienza Nel caso dei greci.la narrazioneautorizzalo sconfi. bilingue.lustra bene l'ambivalenzainsita nella figura del cisa. si ren- effettive"(ivi: 183).posizione di confini ben precisi..parle mouvement mimedece nellafiguranarrativadel ponte o dellafrontiera(ivi: retour sanscesse contrarie'et trace diffNrd. comme les formache assumequestari-produzioneimmagina.non ben visto da chi si pone sta portata. cit: 12).una fiancala bellezzadi cib che si trovaai confini.Una concezione del viaggio quella meabilithall'altro. danssesvoyages.l'atto dell'attraversa. simileconcezionedi confineprelude. mentreopponetralorodue spazi.Nel mo. Una tracciadi tale operazione.Opposizione a cui segue l'ap- cipazione. o forse sarebbemeglio dire che e essa an. i cui risultatisono incerti.che il- personale.e "apreun teatrodi legittimitaiad azioni le identitY.moinsqu'humains telsles ria.Ma.possiamo adottarecome modello e me. (xenos)[.e lo sciitaAnachar- Passandodagli sconfinamenti narratia quelli sis. traversarei confini. les contours 182 sgg.Miti e storieloca- "raccontata" dalleperiglioseavventuredei "viag- li.po.come si vedra. se si esaminanole narrazio. anticipandolo. fatto ordine.Lo pub "sguardo" viaggiatore.menti.spessocontengonogia'in se. cessaqual. Paradigmaticodell'esseresulla frontiera.ma non solo.I'esseredi frontiera. quandoaffermache lo spaziodi un gruppo condo Hartog. essasi configuracome "attoperformativo" che monstreset les animaux. la si riscontrare anche in Leenhardt modo di essere. 6 proprio la mutevole per- dei viaggiatori.ma dagli che la concezionedel viaggiofattapropriada viag.sia territorialisia ni che lo costituiscono.sve.se- del (1947). a salvaguardiadei confini. che nello spingersi"al degli indigenirispettoal loro luogo.ma dipendeda una condizioneben pre. assumesignificatidi va.giatori". E ciobdallaopposizionecognitivaoperataad confine. che pureservonoa stabilireun legameoriginario ta.messa in relazioneall'esperien- di Hartog che non scaturiscesolo da una visione za del viaggio come ontologia dell'identith.tori" mentre "vedono".uomini-memoria. 11suo esem- taforadel nostro discorsola concezione grecadel pio raccontadi come la frontiera. alla bellezzadi cib che vi e al centro si af- che di dei e antenati. de necessariolo sconfinamento.op.Perusareun ter- mine caroa De Certeau.richiedendolo. e in seguito culturali.e allo ad una "situazione" di frontiera.)che.esiti spessoimprevedibili.les autres "ordinaires" consenteil passaggiodal detto all'azione.in questo caso. nendoli come distinti.

fi.segni o significatiche un gruppo etnico stabilisce radevetenereconto. mediantela generazionedi "confini" distinguereanaliticamentei due concetti. perchee impossibilenon pensarlicome due cose In Barthla prospettivanon &solo "generativa" che.consiste.mentali orientamentidi valore".la naturadei quali. pii di un insieme vasto e definito di frontiera. nella concezione diffusadi confine come linea di I tratticulturaliche segnalanoun confinepossono divisione. In che modo? I tratti culturali Iraq.dell'altro. stinzione operatatra i concetti di confine e fron- tiera in antropologia. Fabietti2000). rela naturadellacontinuita.porta cioe mae il contenutoculturalimutati.relativamentealiadefinizionedell'et. se in partesi differenziano. determinaticontenuti culturaliche formano un dell'attraversamentoe dell'ibridazione.stabiliscela distinzione tra due mo anchedellatraduzione.un'importantesvolta in ambito an.e le caratteristicheculturalidei membri cidentalee moderno del confine.come determinantie distintividellasua identiti.Irane Arabiameridionalenegli an.ne" si pub evidenziareun'analogiacon la nozione .e i "fonda- cetti ambigui. in piezzadei rilieviteoriciin materiache si ritengono quanto "usatidai soggetti come segnalied emble- pertinenti.un "confineetnico"non &piu solo cib L'antropologonorvegeseFredrickBarth. ha compiuto . formaledel gruppopubcambiare. l BARBAR A CAPUITO E alloraimportantepensareinsieme confine e me cibche. 15).Mae importanteanche gruppietnici.diven- ta il confineetnicoche definisceil gruppo. op.Zanini 1997).in seguito alle sue ricerche ma &anchecibche 1odetermina.uniti a disparatiesempi et.dallaculturaa cibche la delimita.vengono"scelti".Centrocruciale all'elaborazionedel concetto di frontierain quan.Se confine perch6si possanostabilirei presuppostidi una relazione.in questaconcezionedi "confi- nicith. Ma vale forse la pena ricostruire.se voglia.la strutturazionedell'identitaietnicae dellarelazio- stiche (cfr.circoscrivequanto contiene. Probabilmenteuna delle cause della netta di.intrecciarsi del confine in se e funzionaleallo stessotempo al- per quanto riguardauna o pii delle loro caratteri. sostanzacheessoracchiude(Barth1969:14.nell'osservazione "gruppietnici"..questovolgersida "ci6che e momento in cui i confini incrocianola stradadei racchiuso"a "cibche racchiude".10 VALERIO ANT ONIETTI. confini etnici Barthintendevain particolarequei Una definizionecongiuntadi confinee frontie. ne interetnica. almeno in parte. che ha a che ve- possono ugualmenteesseretrasformate.I tentativi mi delle differenze"(Barth1969: 39).fanno del confine e della frontieracon. e con essi le figure della distinzione.i "segnalio segni manifesti"qualil'abbigliamento.Il mantenimento nisce per confondersisemanticamente."tutto integrale". Questi sono di definizioneteorica. l'organizzazione Proprio questa idea tutto sommato parzialedel eppureil fatto di mantenerela dicotomizzazione confine porta a elaborareun concetto alternativo membridelgruppo/esterni ci permettedi specifica- che rendapossibilegiustificare. a partiredal mento"di prospettiva. sta l'attenzionedal "contenuto"al "contenitore".e analizzare.bridel gruppoalloscopo di mantenereil confineet- tropologico.Infatti.II che vuol dire che e necessarioun Ma infinela confusionenone solo semantica.daquestopuntodi vista.in partesi interse.Per denziarele funzioni cui fanno capo.dell'am.che da significato etnografiche in aree plurietniche comprese tra al suo contenuto. anoto.ma anche e soprattuttointerazionale.non la to alternativoa quello di confine.breve.come si diceva.il linguaggio.Pakistan.ha rappresentato quelloche in psi- cologiacognitiva si chiamerebbeuna "Gestaltswit- Generareil confine ch".e di investigarela for- tatto tra societh e gli scambi culturali.che definisconola loro esistenzae permanenza. per evi.selezionatied "esternati" daimem- ni Sessanta.stabilendoun concetto di confineetnicoco. E qui. perquantopossibile. Lanaturadellacontinuitai delleunityetnicheappa- rechiara: dipende dal mantenimento di unconfine.il con. legataad una concezione di stampo oc. dell'investigazione. cambiare. che i due concetti cominciano a diventareincom- patibili.come che. semplicemente. dei gruppietnici. nografici. cit. Non e esageratosostenereche questo "slitta- mente.la forma delle abitazioni.poiche spo- cano.persino dere con le divisioni nazionali(cfr. confine e frontierapartecipanol'uno dell'altro. Senzadubbio.e delleevidenzeetnografiche.nico. dunque.Zanini. le vicendeconnessea taleesito.

si interessial "mutamentocultu- il "noi"rispettoad "altri". "attraversamenti" si possano verificareil confine proccio"agli studi sui gruppietnici di cui gli studi non viene mai meno. co. in quanto diluirebbetroppo la diffe.questo "vedere"cibche la questionedel mantenimentodi esso.Barthha posto le premesseteoriche "istanzaascritta"(Tambs-Lyche 1994:55-56). e allo stessotempo la possibilitai zionedellastessa. facendoriferimento. significain praticaribadireil confine piuttosto che plementare.I1testo cui stiamo al fine di sopperirealle lacune teorichedell'altro.E A questo propositova rilevatoche Barthparla dunque in questo volgerelo sguardo teorico dal di confine e non usa il termine"frontiera".anche unisce: la frontiera.non faccia altro che ri- zione tragruppidi varioordine. Infatti.essovi significaaccettaree mantenereuna nettadivisione.e considera.nel duplicesensodellacomunicazio.quantopiuttosto concetto di confine in Barthcostituirebbeaddirit. come un argomentodi secondo piano rispetto al- Ora.assimilandolaad altritipi di differen. concependoil etnica. apportaad ogni modo un elementodinamicosup.L'etnicithdovevaesserevistaco- me una costruzioneculturale.meticciamento un difetto. cetti. cambiamentidi identitai.con evidenza.proprioperconsentiresiala distinzionetra ta oramai come prospettiva imprescindibileper gruppi che l'attraversamento. L'attraversamento del confine in Barthappare ne e del cambiamentodi identithi. intesi come estesae applicataallemodaliti di distinzionee rela. 11dato "pensare"il confine al "pensare"la frontierache si e significativoe va collegatoad un "problema" che prospetta. tenerlo.compresiquellilo.ha rappresentatoun "nuovo ap. L'intenzione dellavoroeradi relativizzare l'identith che cosa. tosto che una linea che separa.il gruppo etni- specialisticisuccessivisono senz'altrodebitori. con l'alteritail mutamento culturale. terminate risorse o per legittimare determinate mentarietaiche Barthconsiderafondamentalenel azioni occorre"diventare" qualcos'altroda se. la frontiera. marsinei proprirapporticon l'altro.se anche il concetto di identithetni.&un lavoroil cui oggetto sono i "gruppiet.la rotturafra i due con- l'approccio barthiano pone implicitamente.sembrainteressan- sto suo "difetto"il concetto di confine di Barthfi. ni contemporanei di decomposizione o decostru- zione non rigido. "significandolo". e mancandoquindi di individuarnela specifi. II "con- me efficacementerilevaTambs-Lyche: fine"apparecome un concetto rigido. caratterizzatedal ruolo Da questo punto di vista. insomma.un "luogo" via importantesullastradadella frontiera.Esso. passaggiodove avvienela riflessionesul rapporto la vastaportata. per i quali pub valereil principiodi comple. te allorapensareun "confine"che sia la cesura.quel. cupa tali pretesenon sono ammissibili.rovesciandola prospettiva.effettivamente.e stato un croce. Barthosservacome ma la sua portatapub essere un'analisidell'etnicitai.il nisce con il costituireuno strumentoeuristicodal. se per accederea de- cali.proprioa causadi que.innanzi tutto permettendo di affer. di esprimerla neitermi- confinecome un segnoo insiemedi segnidi distin. im- mantenimento delle distinzioni.(Condominas1980: 42) rale". laddovel'uno. produrreil confine.sembranecessario 1o del cambiamentoculturale.Visto in un altraottica.Piut- cita'. a quei processidi confrontrocon "I'altro" e nego- tura. barthianasembrafunzionaremeno bene. ognuno di questi "attraversamenti".di delimitare Chi. ze.e non come una dellarelazione. che mentre separa. co nella sua compattezzasi sforzasempredi man- La teoriadi Barth. Di fatto.Ma questo ca non coincidecon quellodi spaziosociale. gli "attraversamenti del confine". questaintuizione.Ethnicgroupsand boundaries. affinchi divenissepensabilel'attraversamento del confinestesso. Perquanti prima sfuggiva. volta si produconoquelli che Barthstessochiama.si trovanella necessitydi guardarenon tanto Per Lapierre(2000: 7) tale estendibilith del ai "gruppietnici"ed ai "confini".Come affer- ma Fabietti: . e sincretismoche paiono esserepresentiogni qual- renzaetnica. Al contrario. invece.ibridazione.non un pregioma ziazioni di significati.la prospettiva che in essesvolgeil mantenimentodel confine.di contestualizzarla.CONFINI E FRONTIERE 11 kantianadi un "limite"che chiudeall'internoqual. come detto. infatti. Come afferma plicitamente si riconosce che nello statusche si oc- Condominas. indebolirlo. Dal confine alla frontiera nici" e le loro dinamiche. infatti.

BARBARA CAPUTO La prospettiva di Barth. avuto il merito di evidenziare.studio di Igor Kopytoff sulle "frontiereafricane" ca in questioneadi indiscutibilevalore:Owen Lat.vitabilmente.forzaallaqualeera difficileopporsi.da un punto di vi.comunitrN da essadistinte.:405-406). come in certi casi. fatti. in scalaminore.ne accenneremo quiin modosommarioe lo si attraversa oppureno. il senso di un'appartenenzae la consistenza do.di "significare" cibche contiene.mente diversada entrambele comunita dalla cui vato."significativita".verrebberoripro- tali riflessioni sulla natura della frontiera cino.PerBarth.insomma.anche se istituzio- traversanoi confini. bisognaanchedireche.Se la frontierae un ripensamentodel con. conservaperb la caratteristica. d'altra la caratteristicapeculiaredella realtache stavastu- parte.si potrebbedire. trascuraregli incroci culturaliriproducamimeti. viceversa.all'internodel qualec'e una forte interazionefrale dele osservanzaal loro mantenimento.allo- tovalutareil fenomeno della creazione di forme ra il risultato sarauna nuovacomuniti qualitativa- identitarieibride. Si pub dire anzi che quel suo nalmentenon definito. meticcio.dell'altrolato come una sola comunita. Non c'e da stupirsi. peraltro.Dopo averfatto questaprecisazione Inoltre.che consentedi parlaredi "situazio- debitrice di un'ideadi "separatezza" traam. se la frontierae una "zona"ci si trova.ibridazione.ricordare subitocheuna cui lo si attraversa se ne ribadiscel'esistenza."osie di qua Perquantoriguarda levariespeciedi confiniin sen- o si e di lai.bile sotto l'aspetto funzionale. e nel momentostessoin di passata. questo proposito prenderemo in consi. le popolazionidi frontieradell'uno e l'attraversamento del confine sia una praticaordi. biticulturalidifferenti.allora. infatti.Nella frontiera.che abi- .tieracostituisconospesso un fenomeno di notevo- getti interessatia mantenere i confini stessi e le le importanzastorica(Lattimoreop.La dimensione del "confronto". un fluiredell'unaculturanell'altrae di un'identita.mancandoinvece di tale fe.Si trattadi una na. tura diversa". se e vero che il fatto di porrel'accentosul egli si rivolgein particolaremodo alle seconde.da lui rile. riconosci- naria.ne di frontiera"e di troppo "societadi frontiera".allorail confronto fra le due produce rischiadi stravolgere.11confine so fisico.primaancorache antropo.cio&.servazione.Barth lineadi frontiera(coslcomee indicataconvenzio- finisceinsomma. il confine(Fabietti2000: 112). fosse. identitailoro connesse.in qualchemodo.non si pub"starenel mezzo". fenomeno.diando.ine- sembra.dizionali caratteristicidelle zone di "provenienza" le delle dinamichedi frontiera.Ecco perchie possibiledescrivere. Rispetto alla concezione di Lattimoredi una A logico.eragia apparsochiaroanchea chi si occupa. Se mantenimentodei confini etnici portaBartha sot. all'opposto.gli ordinamentisocialie tra- mongola. sembravaa Lattimore ro caratteristichecruciali della frontiera. ne studiatasulterrenorisultaessereunazonae non piiisoltantounalinea(Lattimore 1972:406). Se questesono "dinatu- volta escluderedal loro schema classificatoriochi ra diversa".per"esagerare" nalmentesu unacarta non appenavie- geografica).se l'ambivalenzae l'equivocitadei popoli di fron- camente fin troppo bene il punto di vista dei sog. quasi che la spinta al confronto fosse una va di "frontiere" veree proprie. in- timore e Igor Kopytoff.le due comunitaisono di naturamolto diversa.ci pareancora turapeculiare.Barthha fusionee sorta.una sortadi terzaformasociale.dotti. sta storicoe geografico.o gruppodi membri. forsecaricaturando un po'le sueidee.piutto- Che spazio.di frontead un semplicequesito:co- fine barthiano allo scopo di rendere conto del sa c'e "dentro"la frontiera?Lattimoredistinguein- "cambiamento"oltre che del "mantenimentodel nanzituttole frontiereche dividonodue "comunita confine".come il dello stessogenere"da quelle "fracomunitridi na- confine di Barth. praticando La frontierasembradunque essereuno spazio l'attraversamento dei confini nel rispettodi una fe.frontieracome produttricedi nuove situazioni.cit.sto che della "separazione".12 VALERIO ANTONIETTI. Kopytoff.arrivaa conclusioni molto diverse.e con essa le relazionie i movimenti che at. Questi.di ciascunmembro.tuttavia.Un prodotto ibri- delta. In realth1ospostamentoconcettualedal "con- fine"alla "frontiera" e meno radicaledi quello che Ora.possonotal. pensandoa fondo la naturainteraziona.E bene.per primo. definisce le "frontiere"come agenti di con- ha Lattimore propostouna seriedi fondamen.1o derazionedue autoriil cui contributoalla temati.

relazioni.non si trattadi una contestualizzazioneri- paradigmain negativo. La "contactzone" E questo e precisamentel'approccio teorico Ad introdurrela nozionedi "zonadi contatto"e umile". "persd". per citareil titolo stessodell'operacui facciamo come una forza culturalmentee ideologicamente riferimento. sembradavvero nascondere.In pa). come dire. di uno dei poli del contatto.che ne sveli.vuole essereun "eserciziodi teorico:le interrelazioniculturaliin presenzadi re- umilta". Prattvanno riconosciutialmenodue grandimeriti.ma di un contesto ella stessariconosce. o.il cui scopo &quello di "decolonizzare" la stata.piuttostoche essereque.stanteil fat- posto da cui parte la Pratt e l'interesse per: to che qui l'interesseprincipalenon e rivoltospeci- ficatamentead una tale asimmetria. tatto"e un tentativodi: mento al discorso. conoscenza antropologica. di separatezzao apartheid. come lei stessalo definisce. A questo proposito.uno sforzomiratoa giungerea quellache lazioni di poterepesantementesbilanciatea favore chiamauna "conoscenzadecolonizzata".dell'"euroimpe. costi- genti geograficamentee storicamenteseparateper- tutivadei soggetti interessatie che btipica di ogni vengono ad un reciprococontatto. in qualche modo. ILpresup. "frontiera".e possibilea nostro av- viso conciliarequeste posizioni (quasiemblemati. problema (per noi) della "contestualizzatione".un'an. nistadellaconquistae dominazione. La frontierasembraa Kopytoff Ora. frontiera.con la sua forte colloca- guaglianza. to.E dunque la naturadi tali modelli a cezione "espansionista".coloniale e non.cui ne dobbiamola formulazio- ne. proprioin quantoradicatoad una con- nali africane. noscenze. che.(Kopytoff 1987: 8-14). tre. logici pesantementeinfluenzatida questasorta di tuttavia.laddoveL'usodel termine"con- zione di Kopytoffcostituiscein realtyun arricchi. Metterein primopianole dimensioniinterattive. Uno spazionel quale sione interazionaleche 6. gia evidente.in anniassairecenti. main terminidi co-pre- senza. improvvisazionali degli"incontri coloniali". rischiadi essereuno sguardosullarealtagetta- quest'otticala frontierapub esserevista.insanabileconflitto (Pratt1992: 5.siscontranoe siaffrontanole uneconleal- I1primoe senz'altroquello di averevidenziato.E tuttavia.trattainoltrele relazionitracolonie colo- stico. zione.interazione. perchequesto "spaziosociale"possa esse- "permissiva". Prattpreferiscedefinirequesto "spaziosociale"una Lungi dal rappresentareun problema. mongoladi Lattimoree quelleafricanedi Kopytoff.ad avere un ruolo determinante. .Lantropologacanadeseparla di vera e differenzadei casi precedenti. "eurocentrica".ma in Una prospettiva di contattoenfatizzacome i sog- un'ideaunitaria.la posi. magine caleidoscopicadi tante "frontiere". 6). quella dimen- minazionee subordinazione.non gia in un'im.dellavastitaidi ap.La Prattosservache il termine sportati"i modelli elaboratinelle societaitradizio. il portato concettualee il potenzialeeuri.Infatti.CONFINI E FRONTIERE 13 tano la "frontiera". da un punto di vista siano costituitinelle(e dalle)loro reciproche getti teorico. A rialismo". di collegamenti frapratichee co- gica anglosassone.radicaleine- ratterizzate plice termine "frontiera". stabilendorela- zionidi comportamentoreciprococomunementeca.al lavorodella Lo spaziosocialedovele culturepittdisparatesi in.MaryLouisePratt. appunto. nellaloro contrapposizione.e traviaggiatorie "viaggiati" non in termini viene da un concetto che la letteraturaantropolo.Nonostante la valenza tropologa canadese il cui lavoro e caratterizzato teoricadi una siffattaconcezionedi "frontiera" sia dall'interesseper il fenomeno storicodel coloniali.cosefa- cilmenteignoratee soppressedall'istanza diffusio- proccial discorsosullafrontiera). con "occhi imperiali".come gidamentestoricao geografica. dimensione che il sem- da condizionidi coercizione. e cosi legatoall'Europa(la caratterizzare la frontiera.spessoall'interno di relazionidi poterera- dicalmenteasimmetriche (ivi:7). la frontiera cino- propria"conoscenzacoloniale".dunque.Ecco perchi conservativa.spessoin evidentirelazioniasimmetrichedi do- con il suo concetto di contactzone. contrano.di sguardiantropo.nel senso che provvede un "vuoto re oggetto di indagine occorredefinirlocon mag- istituzionale"all'internodel quale vengono "tra. "zonadi contatto". anche il lavorodella Prattrisente del smo.I1suo lavoro. un grande contributo nizzati. frontierae semprestatatale solo rispettoall'Euro- sta. definiscela contactzone. giore accuratezza.

spazialmentee storicamentecollocato. rie di complicateperformances. apparente. 11se- e costituiscel'identithpiu vera della nazione (Ca.inteso un'applicazioneoriginale.2000) stato protagonistaa Portland. Nei lo.Gli studiosi mente imprescindibile. I1 termine "zonadi canzoni. metafo- cali del museo d'artedella cittit si teneva un im. Clifford prende a prestito l'espressione situazione in cui si svolga una negoziazionedi si. sfumato moria puramente descrittiva. frontiera.a questoproposito. raccontavanoantichestorie. ma ne fa gnificatiche dia lugo ad un "mondoterzo".in Oregon. che. In suno era solo spettatore. agli anzianipercheli commentassero. luogo. in quel momento era. raccoltadi dati o informazioni. funzionatoda "molla"nell'attivarela memoriade- sta infatti ad un'applicazionepiu ampia. dal posi. narrazionistoriche dell'identitt. che. come lui stesso riconosce.uno dei nuovi cam. rico. la ne di confine e frontiera. poco messi da parte. a nostro avviso.II convegno intendeva essere sa come una situazionedi contatto.sembra infatti renderlaun utile .Ed e un ripensamento "NorthwestCoastIndiancollection".un luogo.perchee una frontiera.e nelle quali occupato il centro dell'attenzione.trovala sua ragionedi es- cludevalo staff del museo. le dellabrevericostruzioneche ne abbiamoopera- vitato in qualita di "consulente". que capo ad un uso "metaforico"del concetto di compagnatida alcuni giovani Tlingit. si celano gli elementi che del meeting eraquello di discutereintorno allapiii consentono di ripensarecriticamentel'opposizio- importantedelle collezionicustoditenel museo. cioe. a mi. peculiari della situazione. permanenti. del fattuale. al quale Cliffordera stato in. alcuni antropologi. di leggendee di emozioni. complessae "vissuta"di un mondo perduto.ogni luogo o Ora.ballavanoe cantavano sariamente. 2005b). tamente Clifford. nelle quali i Tlingit tiera.in quella che era una ratacome territoriodi frontiera. recentemente. Come ci si aspettava.Trovandosi nel seminter- come quella"sferacomune di significati"che.ma un costruirsi.affermaesplici- puto.Fabietti. al di la della dimensioneterritoriale. ad uno ad uno. rato di un museo in Oregon egli affermache quel sura che l'interazionesi protraee si consolida. La contact Inveceaccaddequalcosadi molto diverso:una se- zone mantiene tutte la caratteristichedi una fron.L'ideache quest'ultimapossaessereinte- vano da traduttori. un luogo fisico. Dilthey definisce "espressionifisse.e l'uso che ne strutturarsidi significati"chenon si sarebberopo- fa James Clifford. di.cosi come Barthfa con il confine.fra sere nell'analisidel concreto.una frontiera. neces.che funge. Significativo.gli oggetti avevano contatto"e il suo essereuno "spaziosociale"si pre.nellasuaaccezionedi venta via via semprepiutdipendenteda quelle che "zonadi contatto".al croceviatra di. dalla Pratt. BARBARA CAPUTO V.I1gruppoin.le storiee le canzoni avevano tense politiche patrimonializzazione. se si cui lo stesso Clifford.qualee la contactzone. spettacolare"rappresentazione".come si dicevaprima.ALERIO Soprattutto. riferendoun episodio di cui e tuti ottenerein altromodo" (cfr.Mano a mano talvoltala nazione pub essererappresentatae nar. minterratodel museo diventava. lezione venisseropresi.dell'esperienziale. e mostrati Pratt libera la frontiera dal vincolo. nella quale nes- versi passaggidi civiltaisuccedutisinel tempo.Scopo specifico to. 1997: 187-192).e un piccolo Il "concreto"cui facciamoriferimentofa dun- gruppo di anziani Tlingit (nativi dell'Alaska)ac. una "contact zone" (Clifford Ma frontierapub essere.emergevanodunque si- questo caso il mttissagee pensato come originario gnificati nuovi. culturediversegarantivanonon solo una semplice nare"(Fabietti1999: 37). dove le dinamicheinterazionalie la co-presenzadi forme stabili alle quali la comprensionepub tor.o.di essere un luogo fisico si aspettavanouna seriedi interessanticommenti. gli anziani. di frontiera. spesso legate a Gli oggetti della collezione vennero a poco a luoghi dal densovloresimbolicofattioggettodi in. E1proprioin questo concetto teorico. ma questa era risultatanon una me- zionamento spazialee temporaleduttile. digena della costa nord-occidentale. tenuti peculiari.esito fina- portante convegno. fatto pi di esplorazionedell'antropologiae quello delle di lamenti e canti.qualcheespertodell'artein.accadevainfatti che gli oggetti della col. preferisce.bensl l'evocazione e d'altraparte. come gia anticipato.14 ANTONI ETTI. che il meeting proseguiva.Ma non e piu. all'internodel- organizzatoin manieradiversarispetto ai canoni la quale acquistanosenso e prendono forma con- "classici".

E precisamentequesto il valoreeuristicodel "'Tevento della"catastrofe"(o del "crollo"del mon- concetto che vogliamo evidenziare.tecniche del corpo . per comprenderequale sia il Questo ri-organizzare lo spazioe insiemele abi.to nella perditadi domesticith(ivi: 643). posture.perditadellera- dici e dell'esistenzastorica.un tale modello.tino vi ha intravistouna caricaapocalittica.LaCecla 1996). De Mar- tive che un individuo mette in atto quando si tro.di ogni possibilita'di agire.plasmazionedello spazio2. mette a forte rischiola sua in. inteso come cosa. storica(De Martino 1951-52.possono tor- tudini. scongiurato mondo. 1977).dellapossibilitadi rap- 2. "del 'ci' dell'esserci".la forma delle abitazioni. di uno spazio.sti. e imprescindibilein gliamento.e con essadi tut- In particolare.apparemolto utile nell'osservazionee operabileattraversola creazionedi valori(De Mar- studio di quelle che possiamodefinirestrategiedi tino 1977: 635). Tra questi sono compresi non con il mondo e con esso di ancorarviuna solo i confini territorialipropriamentedetti. gli habituscorporei.deveba- qualche cosa di simile all'appaesamento vengono deglispazi usando l'espressione"faremente locale".possono aiutarciad arrivarealiadefinizionedel Laperditadelladomesticithderivantedallaco. soggetticome segnalied emblemi delle differenze" L'esigenzadi ristabilireun rapporto rassicurante (Barth 1994: 39).ruolodel confinenel riappaesamento. nellamaggioranzadei casi.di ogni orizzonte. estranei(cfr.Barth.derivadal mondo domestico. esistenziale. ve il "perdersi".dall'incessanteopera umana di appaesamentoe no 1977). ogni formazione e ri-formazione dell'identitY.formulareuna teoriageneralesul rischiodel crollo lo.fino al limite estremo.disancorandoil soggetto dal suo Del secondo. cadutanel caos ficazione che si risolve in crollo della presenza. mondo.sradicamentodal territorio.ossia tutte quelle inizia. Confine e frontiera:storiadi una riappaci. ni etnici Barthintende in generequei tratticultu- inserimentosociale.Del zione e ri-formazioneidentitaria.insi- ciale.dellaperditadella "pre. noscenzae dallamessain ordinedel territorio&un Inedite interazioni a Pih recentemente La Cecla ha parlato di riferendosi ai processi cognitivi che inter- Secondo Ulf Hannerz studio di carattere ogni nella familiarizzazione antropologico svolto in ambienteurbano.e delle loro memoriestratificate.porto con se stesso e con gli altri.fino a va nellanecessithdi ri-appropriarsi. do"). questo.oltre che di ristabi. accederead una definizionemolto ampiadi confi- culturale.che e costitutivodell'esser-ciin distintivi della sua identitat. ristabilendo un complesso rapporto di narciutili il concetto di confine barthianoe le os- orientamentoche si erapersocon 1osradicamento servazionicompiute da Ulf Hannerz sulla conti- (Caputo 2001) e un'attivitacrucialenella forma. do. cognitivo. ma ricordiamoche per confi- casi di immigrazione. A questo punto.tradottaanche numerosi "segnalio segni manifesti"quali l'abbi- in una miriadedi gesti e atti. ge- quasisemprescongiurato. invece.e che ci porta ad senza"intesa quale capacitadi agire.che consegue in questo caso alla per- Riappaesamenti efrontiere dita dellapropriapatriaculturale. ne.modalithdi movimento. (CONFINI E FRONTIERE 15 "modello"attraversoil quale guardarea qualche possibile caso di fine del mondo. fatto di gesti. sarsisu una prospettivateoricafondatasul signifi- . o "frontiera to quell'insiemedi riferimentiche rendeil mondo metaforica". e i "fondamentaliorientamentidi valore". fisico.nostro concetto metaforicodi frontiera.il linguaggio.sia essa riferitaa guitar primo si e gia detto.in quanto "usatidai mondi culturalmente e storicamente connotati. Rischio lire un rapportorassicurantee abitudinariocon il che perbe. insieme all'ampiezza della definizione di nosce simboli e usi. di percorsiche 1o colonizzanoe 1o ad.in senso simbolico. Un processo. domesticano.nerz.alla qualeaggiungeremmoper completezza tegrithpsichicae culturale. di consuetudini(De Marti.bisogno di ricostituiresempreil mondo. e necessarioriferireora. di differenticulturein contesto urbano. quella demartiniana "patria culturale perchi gli studi di antropologiaurbanadi Han- dell'operabilesecondo valore"di cui l'abitanteco. ma identita.so. manipolando. affettivo. Partendodallaconstatazionedel ri-definizioneidentitaria. pratico. personalee culturalein-corporata. vale la rali che un gruppo stabiliscecome determinantie pena sottolinearlo.

di to repertorio.e il fattochenonsia. facendo nerzriconoscauna certacomponentedi "liberava.munita'/unitat socialepiii vastarispettoall'occasio- giungeremmo noi). BARBAlRA CAPUTO( cato dello spaziocittadino.cioe. cheregolanol'ac.Hannerz 1992: cap.abbia ressedi Hannerzsia rivoltoesclusivamenteai con- molto a che vederecon la frontiera.nale interazione(cfr. Proviamo a porci tuazionidi interazione.Giaiquestasemplice dal suo repertoriodi ruoli. come l'inte- legiatodeglistudidell'antropologo svedese. delineateun contesto Dopoaverfattoquestepremesse.Sembra.Esami.peresempio.una situazione in equilibrio.pensata in altri termini. familiari.conti.inserire una piccola variabile. nuaHannerz. per. suggestivo. pub accadere anche nel proprio Paese.egli osservacome in generalei ruoli sia. Detto in altreparole. vale presenzadi individuidiversi. dunque.Ora.questosarebbeproprioil mo.inclusiquellitipicidellerelazionisimmetri.ruoli?Perchiquesto&precisamentequelloche pub lazionidi approvvigionamento".qualunqueessosia. teristicheprincipalinelladiversitie accessibilitz fra La proposta teorica dell'antropologosvedese.pleta con la definizionedi inventariodi ruoli.da esternarein relazioni ben con- come. itper esempio il caso di individuimigranti. dove lo di Hannerz non e la "frontiera"semplicemente il termine"finalizzato"staadindicarecheogniin.e l'insiemedei ruoli &anchel'insiemedei compor- no un contestopeculiare egline identifica le carat.che sionidi Hannerzrisultanoprezioseanchesottoun presupponga. E tuttaviagli si avvicina terazioneha uno scopo.sonofraquestiultimi. tropologo si pone per la prima volta di fronte ai cib.E pub succedereanche quando un an- no piuttosto determinanti. presentaalmeno due difflcoltaiin relazionead essa. Una similesituazione.Ma soprattuttopareche descriva. per prima cosa.Ma le rifles. si com- dato piu evidentein un siffattospazioe la com.mento situazionalefinalizzato&in realthun ruolo.di pacifichescelte di ruoli attinti ad un ben nutri- lustraun modello.punto di vista possiamo dire che ogni coinvolgi- zio possiedeun ruoloprimarionel definirel'og.un coinvolgimentosituazionalefinalizzatorichie- tura.egliil. quanto attiene aspettipiu o meno vari e numero- ti" gli individuiesibisconoun ruolo ad hoc.Nel considerare lo spaziourba.vincolato com'&a premessecosi simili dio di antropologia urbana:unaprospettiva emi. infatti.si potrebbero descrivere le rela. dell'interazionenon possiedenel suo repertoriodi o quellidellerelazioniasimmetriche.Ma a quel tipo particolaredi situazione.ag.peresempio.individuasenzaombradi dubbioil I1modello di Hannerz sembra davveroessere di tipo prospettiva che dovrebbe adottare uno stu.Tuttavia nentementerelazionale.allontanareda que- secondoHannerz. problematica.il culture che si percepiscono come differenti per punto cruciale&che in tutti questi"coinvolgimen. gettodi indagine.li il meticciatoo lo spaesamento.dunque dei limiti. fra due cessoallerisorse. non niamolobrevemente.anchese di varianatura. I coinvolgimenti situazio. gli In individui.sceglie un ruolo adatto suoi interlocutoriin un contesto di ricerca. semplicementeun viaggio lontano dai luoghi piu riazione".tamenti situazionalifinalizzati.Pub . comele "re.Dimensioni qua- zioni fraindividuiin un similecontesto.questo semplice quesito: che cosa accadequando nalifinalizzatisonoperl'antropologo di variana.di ispirazionesociologica.il model- nalizzato(purposive situational involvements).Ogni individuo. poco altroaspetto. che in Un'interazione fra due o piu individuiviene relazione al nostro oggetto di interessepresenta definitacome un coinvolgimento situazionale fi.de un ruolo che un individuo fra i protagonisti che.accaderequando l'interazione.testi urbani. ERIO ANTONIETTII.a quelle che caratterizzanola frontiera. sembranoesserecontemplate dal modello. 3). altre che parolequestosignifica il nell'esiguaesposizioneche se nee fattaqui.secondolui.poniamo.a direla totalitatdei coinvolgimentitipici in una co- no isolatifra loro (almenopotenzialmente.qualiperesempioi rapportifamiliarifrapari.ma solo dellocon il qualegli individuipartecipano allesi.Ora.riferimento privi.adatto si. chee naturalmentel'in- premessaindividuaunasignificativa convergenza sieme di tutti i ruoli che conosce e usa.I rapporti di poterenelcampodel individui sia caratterizzatadall'incontro fra due lavoro. Da questo con il nostroapproccio: in entrambii casilo spa.SebbeneHan. secondo la situazione.16 VA1. Non ci si deve. Abbiamo git notato. Sembradunquechela citta'.trollate.sta impostazionenel proseguirel'analisi. molto.

questelibereva. "patriaculturale"a cui A questo bisognaaggiungereche una situazio- si vuol tornare(Clifford 1999: 53) o a cui si fa ri. si pub sviluppareun'identith complessa.non sarebberoaltroche strategiedi fami.Potrebbecerto esserecos'l. ne"non sembranopitoccasionalima.CONFINI E FRONTIERE 17 succedere. ampliando allo stesso nascitapropriao dei propriavi.Ora. Vertovec2001). una tale situazione?Nel caso che lo spaesamento so. e qui tor- padurai1996: 172-176). ogni qual volta ci si trovi a La dislocazionenon si muta perlo piii in indif- doveragireall'internodi quel "mondoterzo"chee ferenziazionedei luoghi che fanno da scenarioalla implicito in ogni confronto interculturale(cfr.appropriarsidi una sua porzione. Questasommadi condizionicomportache nelledi- que. mai vista prima. e che. diante aggiustamentie negoziazioni.di riappaesamento. il quale: liarizzazione.dobbia. di "statonazionaledeterritorializzato".ordinandoun Segni di confine.renderevisibili le dina- nenza. "frontiera". Caputo 2005a).Ora. pub rimanereun tempo l'ambitodelle possibiliforme del confine.pub mostrare. I risultatidelle diasporesono contraddittori.di rimanere socialmente politi- camente.di tra- zio perquelliche Hannerzstessoavevadefinito "li.insomma.e co.cosi come l'abbiamopensa- IIluogo d'accoglienzad'altraparte. mediante luogo di origine dei migranti.e che invece che perdita noi pub averenel suo repertoriodi ruoli un parti. forte ancoraggiosimbolico. Ede proprioin funzionedi questaipo- tesi che quest'ultima. miche e gli intrecci che portano a riaffermazioni mo ora parlare. "transmigrazione".di ri-organizza- zione dello spazioalieno in spazioconosciuto me. scegliendolocome patria. L'identith6 una scelta. istituzionalizzate. di origine. delleappartenenzedi luogo si possanocreareappar- colare ruolo che potrebbe chiamarsi"emergenza tenenzemolteplici. ne nella quale ci sia incongruenzafra il ruolo ri- ferimentoper rivendicareun'identitaidistinta(Ap. metaforadei tentatividi arginarel'"angosciadel pe- .che sia quello della l'apposizione di confini. bietti 2000). le e il comportamentodi un individuodi frontead oppure. O. 1991). culturalmente e spessoeconomicamente.ibridazioniculturali.le attivithdi "familiarizzazio- oscillantetrao pih due poli di appartenenza.Ma se ne in quello di migrazione. situazioni di frontiera mondo estraneo.ndl'adattamentoe indolore.(Breidenbach. chiesto e il proprio repertoriodi ruoli.come potrebbeessere (Mayer1994.o viceversagli adattamentidei all'identitai"comese"si fosse nella frontiera.Si trattadi ve- dere se e come si pub "fareluogo". in qualche stituita dal loro insieme (Maher 1994. il punto sparsiin altripaesi.II operando una sorta di ri-fondazione.dun- migranti ad esso .circuitidi quando non si sa cosa fare". della quale il luogo In questicasi"piantareii palototemico". qua- propriaidentitai(Gardner1999. scambio trans-nazionaleallargaticerto in maniera canzadi ruoli gia'noti e disponibilici sarebbespa. Rouse modo. identitarieo a mutamenticulturali.oppure che in man.E. si pub decideredi farsicolonizzareda es. affettivie simbolici con i luoghi di origine continua e non occasionale. caratteristicadi una situazione fisici. ma tentando di trasferire.mediantele ta. questesituazioni? slocazionii legamidi luogo si complichinoe si som- Qualcuno potrebbe osservareche ognuno di mino pii che disperdersi. sen. di spaesamentoe riappaesamento. dun. translocali"(Clifford1999: 16) o di un nuovo tipo riazioni.usiamo tale termine perchi ci que. durree replicarein qualchemodo il luogo di origi- berevariazioni". il caso dei primi mesi/anni di vita degli immigrati ancora. Caputo 2005a.Si parlacosl di "culture cosi fossequesti ruoli-emergenza. nel loro nuovo Paese. Come si possono caratterizzare.e recidendoi legami sia un'istanzaforte. sembrache ben rendal'ideadel distaccodal luogo za perderedi vista Hannerz. definitiin questo modo. Permetteancheai cittadiniche vivono lontano. ci aiutaa capiremeglio quantoaccade. II luogo di emigrazione niamo ad Hannerz. rivela il suo potenziale euristico.Fa. Guardare sue riplasmazioni.pervo- dell'appartenenzadichiaratapub permanerequale lere usare una espressionedemartinianadivenuta segno forte ed eloquente.di identithe apparte. Zukgril 2000: 128).e anch'essapartedi quello che pub esserecolonizzatoimprimendovisegni di una abbiamogiaidefinito uno spaesamento. tali ruoli sembrano parteintegrante delloStatonazionale deiproprian- avere le stesse caratteristichedelle dinamiche di tenati.

Da questo punto di vistal'inte- nenza. Cos'l.no kurdo. significa ripro.e la suaorigineiranica. di espressione.mentreregolanoidentitaie re.c.viene fattarisalireal 616 a. Si imparano nuovi linguaggi.Ma porre confini significa ne fanno parte.la regionein epoca pre-islamicasi hanno numero- sti di spaesamentodi varianaturae grado.sempreperrimanerenel lessicoche dovrebbe casione un condottiero persiano di nome Kawa. e si creanofrontiere. Ci6 oppure:"conoscomolta gente dili". Giaigli etnografidi Chicago avevano molto cambiatonel corso dei secoli. Questo aspetto religioso del Un comportamentoricorrentequandosi viene Newroz. Si comincia cioe a saperecome muoversiin lazioni. che risultacomune a ogni possibilemanifestazione per quanto blandi. nuovi habitus. Tale attivithsignifica. portaread una reci.agire prendimentodi regolementalie gestuali. Anche questi.tazione.dellacomunicazionecon l'al.totalmentealiene. cit.do allarisposta. e per comunicare a tutti confini. ralmentesignifica"nuovogiorno"e assairemota.APUIUTO regrinare"appropriandosidi uno spazio (De Mar.Oltre a cercaredi ristabilirecentri e Per celebrarel'evento. che quindi non sono piui creando o ricreandonei luoghi spazi di apparte.egli fece arderegiganteschi consentedi conoscereil territorio. Si trattadi ricreare 39-40).riportb costanteavviandoun processodi familiarizzazione una schiacciantevittoria contro l'esercito assiro. che pu6. con nuo.tre che l'usanzadi accenderefuochi abbiaa che fa- ve modalith.e cibchee interessantee il "ruolo"che la festa di transizione.in presentatiad un estraneo. del Newroz.per renderemeno tra.NTONIETTI. il nuovoarrivatomanipolalo spaziocir. servono a definire spazi o a ridefinirli. ma che si traducein cambiamento. come abbiamovisto.falbsulle cime delle colline. come e natu- individuatonella cittaiquella che definivanozone rale.assume nelle odierne celebrazioni in relazione li si era. E il caso.In effettiun'operazio. in modo che le luci dei liare.Non zati a ridefinire.18 VALERIO A.che i kurdi consideranoun loro antenato.allo sco- in manieraconservativa.anche nel fatto che piccoli gruppi una conversazione piuttosto formale.razione (non dimentichiamo che la prospettivae priamediantepratichequotidianee percorsi.oppurerivendicazioni"esage.Ma se si volesse andareoltre la formalita'subito si tino 1951-52). tuttavia.re con il culto di Zoroastro(dellacui presenzanel- ne di questo tipo &assaicomune. mente. questa noviti e un "mondo terzo". Si dice che in quell'oc- preso. quasi impercettibil- tro.Han. essercinoto.di renderlofami.Tentadi impararele istruzioniper l'uso dello fuochi fosseroben visibiliin lontananza. sempre relazionale)e una produzione di novita. determinatesituazioni. . e riguardaconte.entraa farpartecostitutivadella dello sconfinamento.si arricchisceil proprio consolidatequantoin spaziurbanidallarecenteim.di cui ci si appro.nuovi modi di usareun luogo e tutti gli oggetti che gico lo spaesamento."maio conosco bene il tuo paese!" durrenel contestoalienonicchiedi familiaritai. per esempio.L'originedel Newroz che lette- nerz op.trovaconferma. e della condivisione di mondi di significato.e Dal momento che ancheil nuovo spaziova ap. (usiamo qui il termine in un'accezionegenerica) Poco a poco. intesseuna retedi percorsiabitualiche gli l'esito della battaglia. &quello di intavolare tempi moderni. BARBARA C. dell'estraneo. nellafrontiera(cfr. tanto in situazioni "multiculturali" "appropriazione" dell'estraneo.hoc". ri-definizionedi elementi culturali. sono certamentetentativi di dei confini.come avevaevidenziato Ora.cercherebbedi trovare"qualcosain comune".di appartenenza. parlando di lingua persianache abitano il nord dell'Afgha- senza dire nulla di particolarmenteimpegnativo. il capodan- proca compenetrazionee acquisizionedelle cate.identithidel migrante. si attraversanoconfini.Pareinol- spaziocircostante. di azione.un ap- Kopytoffa propositodelle frontiereafricane.ristabilirenel nuovo luogo i centri eraro che si domandi: "didove sei?"E.: 106). se testimonianze). cio ponendo in essereatti finaliz. 11significato di questa celebrazionee gorie altrui.e la quotidianithdei nuovi luoghi porre anche le possibilitatdell'attraversamentoe viene incorporata. rate"dellapropriaidentith).po di adattarsiad una formadi vita (Fabietti1999: costruire"i luoghi conosciuti.rivalu- luoghi e modi di socializzazionefamiliari(come as.all'identitaikurda. sociazioni culturali. nistanfestegginoogni anno una "festadel fuoco".legandosicos% ad esso."repertoriodi ruoli" imparandonedi nuovi.e nel casodei migranti"ri.in qualchemodo.luoghi specificiall'internodei qua. di riman- e confini della culturadi origine. "ad migrazionee che essi.

vitaidi riproduzionedi elementitradizionali. il "contesto"di la caratteristicadi essereuna festa che celebrauna un ambientealieno. novitasembracaratterizzare una fasesuccessivadel za sanguinoserappresaglie. dunque. anche la produzionedi "irriducibilinovith".come ancheil ria di tale festa.proprio nella misura in cui sulta. Capps 1995). anche se dispersoe lontano dalla Si pub quindi definire l'attivitaidi manipola- sua terra. caratterizzasse le attiviti di ri-organizzazionedello "altrove". spazioin quantoprimareazioneallo spaesamento.recentissimisvilup. biamento.ha la finalitadi affermaree ri- steggiainfattiil 21 marzo. vogliono disperatamente. e perciostesso"ostile"."non appartienesolo ai Lattimorenon sono due caratteristicheantitetiche Kurdi. cessiva. dente l'esperienzadello spaesamento.Essa del Newroz. e le 'concessioni'di una Turchiaalle dell'attivitatdi appropriazionedello spazio.tradiziona.che sono imprescindibililuno dall'altro. allo scopo di renderemeno alieno lo spaziocir.EL dunque la particolaritaidel mitici e auliche ricorrenzeprimaverili.in Kurdistancome al- Ora.tuttavia. popolo kurdo. Perun altroverso. I1Newroz.il cam- produrreun tratto culturalefamiliare.che nel liberazione. La liberazionee sere l'unico nel quale esercitarela proprialiberty.perlomenosen.nellasituazioneche abbiamo la metaforadi un nuovo inizio di liberti e autode.in passatoi kurdi sono sempre A differenzadelleprime.ed in questosensosi pub forseparlarean.che lascia trasformala celebrazionein un "ruolo"che.e sunto un nuovo significato:piuttosto che l'arrivo riformulandosinel rapportotrapassato. miliarizzazione. possono.e il ri-orientamento.Sia le atti- gioia perl'arrivodellabellastagione. spiega uno "conservativo" di Kopytoffe quello "generativo" di scritto propagandistico.CONFINI E FRONTIERE 19 Col passaredei secoli il Newroz ha conservato Nel caso del Newroz. ma i due momentidi- di tutta l'umaniti". . definitodi frontiera. ri-orientamento.come tualizzareche stantegli attuali. dunque. prodotta dalla situazione. Ci6 che da questo ri- dell'appaesamento. rando nuove modalitaie sensibilitaiesperenziali. non ri- mento. dellari-organizzazione del Sd. e continuano a festeggiarla.Come se l'aspetto conservativo distan. E questo significa.I1modo in cui il "Sd" que.piti avanzatanel cammino del ri-orienta- costante. analoghiallaproduzionedi "novitM". gli attribuisconoperb Da questo punto di vista. ma per motivi ben diversi da una legittima molto interessantedel nostro discorso. il cui significatoe quindi una "novith" continua ad esserela piii importantefestadell'an. spettivarelazionale.aun patrimoniodi tutti i popoli oppressie che designanodue "frontiere". questa6certamenteuna primaverasimbolica.11Newroz si fe.la celebrazioneassumeun doppio signi.naturalmente. dunque."lontani".che non coradella"festadi primavera". Perun versoessae un efficacemezzo per ri. infatti.passaalloraperentrambii pro- terminazione(Antonietti. il modello significatidel tutto nuovi. Da questopunto di solo i contenuti ma anchel'esitodel processodi ri- vista. stintivie in successionedi un unico processo. porte dell'Europa.che per i kurdie anche affermarecon forzacibche gli individui coinvolti il primo giorno dell'anno.fosserotipici di una fasesuc- le.entrambe.un aspetto fondamentale Nord Iraq. in pro- finalmentespazio alla primavera. nello stessomodo. e un "Sd"diverso da quello prece- rappresentaun punto di riferimentofamiliare.Occorrepun. il punto e che passandoper condottieri trove:essereKurdi. ficato. da "riprodurre" in un contestodi spaesa.presentee della nuova stagione esso simboleggial'unitaidel futuro (Ochs. di nuovi "ruoli".il Newroz contesto a determinareil "contenuto"sostanziale sembraora averassunto ben altri significati. e la produzionedi noviti.la produzionedi statiliberidi festeggiareil Newroz. anche se il ricordo del condottiero caso specificopresentaanchela caratteristicadi es- Kawae ormai assegnatoal mito. E questo e un aspetto no.La dialettica nosciuto.E importantesottolinearequesto fatto.quello Se di "festadi primavera" si trattaancora. 1999).e forseproprio produce la tesi dell'identitaipreesistenteconfigu- in funzionedell' "uso"che se ne fa.solo "lontano"dal Kur.dove suo esito.Ma proprioin quanto "migrati". la celebrazione ricordail processo orientamentoe una noviti. si relazionaallospazio.perb. insomma. diventataalloraquelladal rigidoinverno. del riappaesamentoproduce una sintesi. mento.co. il Newrozha as. zione dell'intornocome determinantenellasua fa- Mentrei Kurdirivendicanola tradizionemillena. cessi.sem- pi politici e militari che interessanola zona del brano essere.dun.

caratterizzato re". BARBARA CAPUTO Quello che sembra interessante. se si preferisce."altro". in conclusione. concettualedei confini e delle frontiere.confini.e in effettiuna frontiera.di "frontiera". . Si disgiungeper congiungere. Tuttavia.all'internodel- concetti come contrapposti:separatiin casa.all'agireuma- quella che abbiamodefinito la "primafase"(la ri. e anche tale contrapposizione.Ma ta- sante esito. che ne siano imprescindibili. dall'esigenza.o.o. quasi incompatibili. un indubbio valoreanalitico.il quale.ma anche che nel concreto le to di vista esclusivamenteanalitico. di confini. Conservazionee generazione Conclusioni convivonocome momenti diversidi un unico pro- Come accennatoin precedenza. e che ca guardareal concreto.signifi.20 VAI ERIO ANTONIETT1. Nel fattualesi pongono confini nelle "frontie- ed ha.il superamentodell'inadeguatez.e che i due concetti spessouna realthdi fatto nel confineche distingue.in qualchecaso.metaforicamente. non si possanopensaredisgiuntise non da un pun. attraversarli.consentedi giungeread una interes. all'interno di za del confine. continuamente.Quasi una dialettica. attivitaidi frontieraimplichino la creazionee l'uso Ma non reificaretalecontrapposizione. pare che il monito kantiano dell'uso regolativoe Tutto cib.por. samento. dell'appropriazionedi uno spazio anco- re dei confini.po- produzione di elementi conosciuti) si caratterizza sti per essereoltrepassati.proprioper nostro avviso. ne di elementifamiliari. le appropriazionee alloraproduzionedi significati e contenuti nuovi. a ra.la frontierae parsa.la separazione cesso di addomesticamentodello spazio. Anzi.ha avuto.si creanoconfini per concettualmente.in funzionedi un riappae- evidenziaredelle differenze. in altreparole. di considerarei due siano esse materialio metaforiche. differenziae separa.si pub persinodire che non esistanofrontiere. al fattuale. per le quali non si pongano. cosi dire. ci pareattestareche non costitutivodi alcuniconcetti possariguardare la frontierasia sempre una possibilitaimplicita. no: confini posti e superati.intesi come ri-produzio- proprio come attivitatdel porre delle distinzioni. Questo aspetto ci parecrucialee. qui. la sua "estraneita". ci uno spazio.come abbiamo visto.drammaticamente.

L'invention me'lanesien. cambiamento. Minneapolis-London. tesi di dottorato. 4.La ris. BARTHF.. NarratingLoca- Bollati Boringhieri.Traveland senzaambiente.Roma-Bari. Streiff-FenartJ.Identithcultura.Gallini.-L. in Isim-review. Angoscia di etniciti. turale. n.rap- berg& Sellier.CONFINI E FRONT IERE 21 Riferimenti bibliografici DE MARTINO E. 1994. 1948 (1783). L 'espace Torino. KANT I. pp. 27. spa- 1973. 11.. pp. 1996. APPADURAI A. snationalismandIdentity. BollatiBoringhieri. e Viaggio tradu.Uni. ofapproach. ne JorgensenA/S.Roma-Bari. primitivi. 1948. Antropologiacul- BARTHF. dell'etnicits.L'uomo Ethnic and Migration studies". 1994. REMOTTIF. Usi e rappresenta.boktrykkeri. L'identitietnica.vol. Theafricanfron. Prati.Oslo BarthF.E. CONDOMINAS G. Patrimoine. 1996. universityPress.cienne. HARTOGF. apocalissiculturali. Sellier. London. translationin the late twentiethcen- tury. Centri. antropologia.Paris. HANNERZ U. Bologna. Milano. MAHERV. in large. 2005a. 25.Torino. Bollati Boringhieri.. Salvatici. pi etnicie i loroconfini. 1996. Torino. Hastrup K.. CAPUTO B. che e rappresentazioni. MAYERP.J..Laterza.tesidi Laurea. Significatidel confi- don (ed. Ethnicgroupsand Roma. (a curadi) 2001. "Domestica.Laterza. re.gali eldersin EastLondon. ET ALII1994. Imperial eyes. tion:space.Lon- LAPIERRE J.Universithdi OCHSE. 1999. Routledge. le citti.Bologna. Poutignat P. la storiaamericana.in MaherV. II Mulino. Significatiantropologicidello spazio.Ricits sur la cityand Nationalismoccasionalpa- fronti're en Gri'cean- lan. Carocci.. Routledge. International Develop- 25. BollatiBoringhieri.story.Bloomington and Indianapoli. ZUKGRIL I.Denmark. Lafrontieranel- rismeet frontieresculturellesa Kai.a cura di Clara OLWIGK. 2000. 27.LEENHARDT M. n. La frontiera.Napoli. so- cialtpropos de l'Asiedu Sud-Est. 1997. Bol. 24. 177-186. Questionidi etnicitai. Narra- DE MARTINO E. Identit. Noi. 1. personne et le mythedans le monde DE CERTEAU M. Questioni . 1990. FABIET- FABIETTI U. Ethnic zioni dellospazioneglistudi etno-an. Bruno MondadoriEdi- zioneallafine del secolo AX..Oslo. it. Torino. trykkeri..Torino. 1947. CAPUTO B. Bari. Gallimard. 1977. calApproachesto the StudyofEthni- tion"of space:Arabmigrantsin Mi. Strade. pp. ting yhe self in Annual Review of mondo.in Oralhi. sin. FABIETTI U.L. Rosen. Tunisi. Routes. lino 1959.HarvardUniversityPress."ComunicazioneAC". 2000.La frontieracome lati Boringhieri).Gallimard. Roskilde University.Laterza. 1969.Culturaldimensionsofglobali.I1Mulino.in Inventionand Boun- 1992. Connessioni.ritualit. Contributoall'analisi delle vol. La fine del Pavia. CAPPSL.n. ment Studies. R. 2000.Paris. rains et savoirsactuels de l'anthro. 2005.Torino. groupsand boundaries:nordicschool tropologici. LATTIMORE O. dellecul- dell'universalith to Achilpa delle origini.. Ilmondo magico.. 1991.n. Bollati Boringhieri. Mursia.ad ognifutura metafisica. London & New York. 8-10 dicembre sm Indiana VERTOVEC 2005. ture. Brodre. grazionee lo studiodegliafricaninel- vol. Memoired'Ulysse. Prima lezionedi presentazioni. in "Studi e MAYERI. attraversamenti. Torino. 1. tiers. Perdersi. in MaherV. La costruzione Bologna. Danza delleculture. SocialOrganization PRATT M. boundaries. 2000. Esplorare la IstitutoUniversitarioOrientale. Rosenberg & territorialee riscattoculturalenel mi. daries:Historicaland Anthropologi- citte. Do Kamo. Torino. Modernityat Anthropology. in "Diaspora". CLIFFORDJ.in Confini. 1959. BREIDENBACH J..Milano. Flammarion. per n. or. 1999. GARDNER and the SocialSpaceofPostmoderni- K. 1980.Paris.tou. 2005b. MexicanMigration pp. 1994:Igrup- dei confini in antropologia. 1980.ageandgenderamongBen.. nicitl.I. Rosenberg& Sellier. 1999.KOPYrOFF1987. Rubbettino. 1996. TURNERF.Einaudi. "Ter. TI U. Costruzioni. ed. Einaudi. 19-43. REMOTIF. TAMBS-LYCHE H. Milano. zio."Journalof LA CECLAF.Torino.I. ne. Torino. 16. REMOTTI F. S. IIMu- I.W. potere. 1972. XXIII (ora in De Martino E.. Soveria Mannelli. 1997.1999). FABIETTIU. 1989. rouan. Questionidiet- ANTONIETTI V. Culturalsites.Pa. CAPUTO B. Introduzionea ZANINIP. Prolegomena Roskilde. Siting cultu- versityof Minnesota Press.L 'esperienzae l'interpretazio- in southernKurdistan. 2001. 1951-52. zation. 1953. 2001. vol..Gallimard. 65-74. Olwig K. Johansen& Nielsen bok. SCARDUELLI P.. metafora. Tran- pologie". ROUSE le in un mondoglobalizzato. du quotidien.a curadi S. L'emi- Antropologia Materialidi Storiadelle Religioni". tore. AMSELLE J. Teorie ne.1997. 1992.