AL TA F R E Q U E N Z A

a cura di Antonello Giovannelli*

Alcune considerazioni
sulle antenne 2 parte a

Continuiamo le dissertazioni sulle antenne iniziate in una precedente puntata, questa volta illustrando
alcune interessanti questioni sui lobi secondari irradiati dalle antenne a schiera in disposizione collineare.

*Ing. e Prof. Incaricato schiera” costante). Nel caso più iniziale sostituendo i radiatori perdite nel sistema siano nulle,
Compatibilità Elettromagnetica comune la schiera è effettivi con altrettanti radiatori può essere calcolata, nell’ipotesi
Università di Ferrara unidimensionale e lineare, ovvero isotropici a parità di tutte le altre che N sia abbastanza grande e
giovannellia@libero.it gli elementi radianti si estendono caratteristiche (alimentazione, che la distanza d tra gli elementi
in un’unica dimensione, per distanza tra gli elementi, ecc.). Il sia inferiore alla lunghezza
Si definisce schiera un insieme di l’appunto lineare. In altri casi termine di fondamentale d’onda, con l’espressione:
radiatori disposti con un certo potremmo avere schiere circolari importanza all’interno del fattore
ordine nello spazio, al fine di (con radiatori disposti lungo una di schiera è il coefficiente di
ottenere un sistema radiante circonferenza), conformi (con alimentazione. Senza scendere
caratterizzato da una certa radiatori disposti secondo un nei dettagli matematici possiamo
direttività o da un particolare particolare profilo). fornire alcuni dati, validi in prima
diagramma di radiazione. Le Se la schiera (che quindi approssimazione, che ci Entro certi limiti, il prodotto tra il
schiere più utilizzate sono le “end supponiamo broadside, consentono di prevedere alcune guadagno e l’angolo di apertura a
fire” e le “broadside”. Nel primo unidimensionale, lineare, di proprietà basilari della schiera –3 dB è una costante data da (se
caso la direzione di massimo elementi simili ed equispaziati) uniforme. Possiamo intanto gli angoli sono espressi in gradi):
guadagno è ricavare l’ampiezza massima
Figura 1
coincidente con quella Spaziatura = 1,7 lunghezza d’onda dei lobi secondari nell’ipotesi
di allineamento degli che N, che rappresenta il numero
elementi radianti mentre degli elementi radianti, sia molto
nel secondo risulta grande, mentre m rappresenta E’ interessante altresì notare che
ortogonale. In l’ordine del generico “massimo” all’aumentare del numero degli
quest’ultima categoria di lobo secondario (m può elementi radianti, N, l’ampiezza
rientrano i sistemi raggiungere il numero totale massima dei lobi secondari
“collineari”, largamente degli elementi radianti “meno 2”: diminuisce fino ad un valore
utilizzati sia nel broadcast ad esempio, se N vale 8 m vale 6); limite al di sotto del quale non si
Tv che FM e che sotto queste ipotesi si ha: può scendere.
tratteremo più Se ad esempio consideriamo il
dettagliatamente in primo lobo secondario (m=1), al
questa puntata. crescere di N si ha:
Introduciamo
l’argomento enunciando
un teorema di validità L’angolo di apertura sul
generale: “la funzione di direttività prevede una potenza di piano verticale, ovvero
di una schiera di radiatori simili è il alimentazione identica per tutti l’angolo in corrispondenza del
prodotto della funzione di direttività gli elementi radianti, allora si dice quale la potenza irradiata subisce In altre parole, il primo lobo
del radiatore singolo per la funzione anche uniforme. In questo caso è un’attenuazione di 3 dB, vale: secondario presenterà
di direttività della corrispondente possibile estrapolare dalla un’ampiezza, all’aumentare di N,
schiera di radiatori isotropici” espressione generale del campo non inferiore a 0.21 volte il lobo
(principio o teorema di elettrico da essa generato in principale, ovvero –13.5 dB.
composizione dei diagrammi condizioni di campo lontano il Abbiamo fino ad ora ipotizzato
d’irradiazione). Tale teorema è coefficiente A, detto coefficiente di Da quest’ultima relazione si nota che la distanza d tra gli elementi
valido, si noti, solo se i radiatori alimentazione, che rappresenta il come l’angolo di apertura radianti sia inferiore ad una
sono simili tra loro (è il caso valore comune assunto da tutti i diminuisce in modo lunghezza d’onda.
comune di sistema collineare). coefficienti di alimentazione Ai proporzionale all’aumentare del Cosa succede al variare della
Il modello che utilizziamo relativi a ciascun dipolo i-esimo. numero N degli elementi della distanza (passo della schiera) tra
prevede, inoltre, che gli elementi Si definisce fattore di schiera il schiera, e della loro distanza d. gli elementi? Quale valore
radianti, oltre che simili, siano diagramma di radiazione della La direttività, che coincide con adottare?
anche equispaziati (“passo della schiera che si ottiene da quella il guadagno nel caso in cui le Naturalmente, il passo della

22 B R O A D C A S T & P R O D U C T I O N • F E B B R A I O / M A R Z O 2 0 0 3

0.5 lunghezze d’onda. 1. problemi di “inquinamento elettromagnetico”.5. Figura 3 Spaziatura = 0. In corrispondenza di una spaziatura pari ad una lunghezza d’onda si ottiene il massimo guadagno. costituito da una collineare possono produrre elevati valori di 8 dipoli. una Spaziatura = 1 lunghezza d’onda riduzione dell’ampiezza dei lobi secondari.8 lunghezza d’onda schiera influenza in modo piccolo valore di angolo di significativo il diagramma di apertura verticale del lobo radiazione verticale. il principale e lobi secondari comportamento da evitare è piuttosto pronunciati. notevole ampiezza (“grating 1. ■ di campo nelle Figura 4 immediate Spaziatura = 0. In queste condizioni. In effetti. Nelle immagini 1. rispettivamente. oltre che sottrarre Il sistema di antenna simulato è potenza dal lobo principale. il più F E B B R A I O / M A R Z O 2 0 0 3 • B R O A D C A S T & P R O D U C T I O N 23 . Il valore di d tradizionalmente considerato un buon compromesso è pari a 0. 2. un aumento originano dei lobi secondari di dell’angolo di apertura verticale Figura 2 del lobo principale. lobes”) i quali. in certi casi.8 lunghezze d’onda. Al quello che si presenta quando d è diminuire della spaziatura si ha maggiore di una lunghezza una leggera diminuzione del d’onda.5 lunghezza d’onda vicinanze del sistema d’antenna ad altezza del suolo. si guadagno. 3 e 4 sono riportati i diagrammi di radiazione sul piano verticale per d che vale. causando.8 e 0.