Prevedere quando e quanto spesso le persone si innamorano

Andrew Galperin, Dipartimento di Psicologia, Università della California, Los Angeles.

Martie Haselton, Studi di Comunicazione e Dipartimento di Psicologia, Università della California, Los Angeles.

Traduzione di Valerio Biscione

Sommario:

La teoria guida dell amore romantico suppone che la sua funzione sia quella di far sentire l innamorato impegnato verso il proprio amato e di segnalare all amato il proprio impegno (Frank, 1988). Poiché le donne tendono a sentirsi scettiche verso l impegno maschile, questa teoria implica che gli uomini si sono evoluti per innamorarsi prima proprio per mostrare il loro impegno verso la donna. Usando un campione di partecipanti online di un ampia gamma d età, questo studio testa la suddetta differenza sessuale e diverse differenze individuali ad essa connesse: solo alcune delle nostre misurazioni indicano che l uomo è generalmente più incline all innamoramento della donna. Abbiamo anche trovato che gli uomini sono più inclini ad innamorarsi se tendevano a sovrastimare l interesse sessuale della donna e a dare alto valore alla loro attrattiva fisica. Le donne sono più inclini ad innamorarsi se hanno una forte pulsione sessuale (sex drive). Questi risultati forniscono un modesto supporto all esistenza di differenze sessuali nell innamoramento, nonché la prova iniziale per un collegamento tra differenze individuali e la propensione ad innamorarsi.

Parole chiave: amore romantico, amore passionale, differenze sessuali, attrattiva fisica, percezione sessuale errata.

Introduzione Fino a poco tempo fa molti sociologi ritenevano che l amore romantico fosse una stranezza della cultura occidentale (Jankowiak, 1995). L amore romantico è da molto tempo considerato un marchio di raffinatezza culturale, un intricata emozione che può essere provata solo dalle persone più educate e illuminate. Comunque, gli studi hanno documentato in maniera crescente l esistenza della passione romantica attraverso diverse culture (Buss, 1989; Jankowiak, 1995; Jankowiak e Fischer, 1992), dando supporto alla teoria che l esperienza dell amore è universale (Buss, 1988, 2006; Diamond, 2003, 2004; Frank, 1988). Per esempio, Jankowiak e Fischer (1992) hanno condotto uno studio nel quale persone appartenenti a 148 su 166 culture campionate descrivono una esperienza che si inserisce nel quadro della passione romantica. Perciò l amore sembra essere un carattere specie-specifico. Sebbene la capacità di amare sembra essere universale, l amore può manifestarsi in modi diversi tra gli individui in varii modelli adattativi. Tali differenze individuali possono essere radicate nel sesso biologico, in altre caratteristiche del sé, o nelle caratteristiche del target amoroso. Questi differenti fattori individuali sono nel mirino degli studi correnti, i quali verificano l ipotesi di derivazione evoluzionista dell associazione tra la suscettibilità ad innamorarsi e il sesso biologico, la libido, la percezione dell interesse dell altro e l attrattiva fisica dell altro.

Perché gli uomini potrebbero essere più inclini all innamoramento Gli psicologi evoluzionisti hanno pensato a molte possibili funzioni adattative cui l amore potrebbe servire. Queste funzioni vanno dal

segnalare fedeltà o investimento parentale all ostentazione di risorse materiali attraverso lo scambio di regali (Buss, 1988, 2006). Le ipotesi testate in questo saggio fanno emergere una teoria guida dell amore come dispositivo d impegno (Frank, 1988). Questa teoria stipula che il soggettivo sentimento dell amore motiva le persone a focalizzarsi su un particolare partner e ad evitare proposte alternative, restando in tal modo monogami per un esteso periodo di tempo. La monogamia è adattativa in molte circostanze perché la prole umana ha un non usualmente lungo periodo di maturazione che è molto facilitato dall avere cure da due genitori (Buss, 2006; HurtadoeHill, 1992). Un aspetto chiave di questa teoria, comunque, è che l amore serve come potente motivazione che guida gli individui nel fare una visualizzazione di costi (costly displays) al loro partner. Le persone innamorate tendono ad investire una grande quantità di tempo e risorse verso la persone di loro interesse tempo e risorse che non possono essere date ad altri potenziali compagni. Questa costosa natura dell essere innamorati permette una funzione che Zahavi (1975) chiama segnale onesto . L amore segnala onestamente un impegno perché è difficile fingere amore, quindi l individuo che è oggetto d amore può essere ragionevolmente sicuro che l altro partner è impegnato nella relazione. Nell ultima decade, la teoria di Frank ha ricevuto supporto empirico (Gonzaga, Haselton, Smurda, Davies,ePoore 2008; Gonzaga, Keltner, Londahl,eSmith, 2001; Maner, Rouby,eGonzaga, 2008). Per esempio, individui cui si è chiesto di rivivere un episodio d amore con il loro partner riescono meglio nella soppressione di altri pensieri verso l altro sesso (Gonzaga et al., 2008) ed è meno probabile che notino visivamente un individuo attraente dell altro sesso (Maner et al., 2008).

La combinazione della teoria dell impegno d amore di Frank con le affermate differenze sessuali nelle preferenze d accoppiamento ci guida verso l ipotesi di una differenza sessuale nell innamoramento. Mentre sia uomini che donne apprezzano l impegno dei loro partner, gli uomini sono più inclini a cercare opportunità sessuali con partner multipli (BusseSchmitt, 1933) e per questo le donne tendono a essere scettiche sull impegno maschile (HaseltoneBuss, 2000). Inoltre, le donne devono

affrontare alti livelli di investimento nella prole (es. periodo di gravidanza, allattamento; Trivers, 1972), e le donne nelle società di cacciatoriraccoglitori spesso dipendevano dai loro partner maschili per il cibo e per l assistenza ai bambini (HurtadoeHill, 1992; Marlowe, 2001). Questi alti costi associati con la riproduzione impongono una pressione particolarmente forte nelle donne per identificare se un uomo è impegnato nella loro relazione (Pillsworth e Haselton, 2006). In più, gli uomini hanno un incentivo per ingannare le donne sul loro livello di impegno, e le donne hanno una reazione negativa molto forte a tali inganni (Haselton, Buss, Oubaid e Angleitner, 2005). Dunque, nel corteggiamento c è generalmente un grande onere dell uomo nel dimostrare il suo impegno, il quale potrebbe essere accompagnato da segnalazioni che è innamorato. La nostra prima ipotesi deriva da questa logica.

Ipotesi 1: Gli uomini si innamorano più facilmente delle donne

Ci sono state relativamente poche ricerche sulle differenze sessuali nell innamoramento, e la letteratura esistente fornisce prove contrastanti per quanto riguarda l ipotesi che l uomo si innamori più facilmente della donna. Una parte delle prove a sostegno di differenze sessuali fu trovata in un iniziale studio nel quale studenti universitari maschi riportavano più delle donne sentimenti di amore nella loro relazione più recente (Kanin, Davidson,eScheck, 1970). Nello studio il 27% dei maschi ma solo il 15% delle donne affermavano di aver provato amore durante i loro primi quattro appuntamenti. Non sono state comunque riscontrate differenze sessuali per quanto riguarda i casi di amore a prima vista . In uno studio seguente su 231 coppie di studenti universitari (Rubin, Peplau,eHill, 1981), i ricercatori somministrano una scala di credenze romantiche ai partecipanti, trovando che gli uomini delle coppie hanno punteggi maggiori su item che valutano la credenza nell amore a prima vista e la credenza che l amore può superare barriere ideologiche ed economiche . Più di quanto non facciano le donne, questi uomini elencano il desiderio di innamorarsi come una importante ragione per

far loro iniziare una relazione. Più recentemente Sprecher e Metts (1989) sviluppano una nuova versione della scala delle credenze romantiche e riportano simili risultati in un campione di 730 studenti universitari. Per esempio, gli uomini sono più inclini a credere all amore a prima vista rispetto alle donne. Montgomery (2005) replica ancora questi risultati in una popolazione di adolescenti, trovando anche che i maschi adolescenti riportano di essersi innamorati più volte che le donne adolescenti. In contrasto con quanto affermato sopra, due studi che usano partecipanti internazionali (Sprecher et al. 1994) e studenti universitari americani (HendrickeHendrick, 1986) trovano che una più alta percentuale di donne rispetto agli uomini riportano di essersi innamorate durante l età da studentesse. Un altro studio interculturale trova che non ci sono differenze nella probabilità di innamorarsi durante il periodo degli studi (Dohery, Hatfield, Thompson,eChoo, 1994). Molto di questi studi precedenti, comunque, hanno come campione una popolazione molto giovane e tendono a chiedere ai partecipanti cose che riguardano più le loro credenze romantiche che le loro effettive esperienze amorose. Quando viene loro chiesto cose che riguardano le loro esperienze, queste normalmente consistono in una singola misurazione per ogni ricerca. Così, il primo obiettivo degli studi correnti era di chiarire ed estendere i risultati di cui sopra tramite la distribuzione di misure differenti sull inclinazione ad innamorarsi. Se gli uomini si innamorano più facilmente delle donne ciò potrebbe manifestarsi in termini di innamoramento in un periodo di tempo molto breve (all estremo nell innamoramento a prima vista), o nell innamorarsi prima che i loro partner si innamorino di loro. Questa tendenza degli uomini ad innamorarsi più velocemente delle donne potrebbe poi condurre gli uomini ad innamorarsi di più individui rispetto alle donne, cosa che potrebbe condurre ad un maggior numero di amori non corrisposti (nei quali il maschio si innamora ma la donna non ricambia il sentimento). Perciò, basandoci sul questa cornice teorica, abbiamo sviluppato le seguenti previsioni:

Previsione 1A (tempismo): Gli uomini, rispetto alle donne, riferiranno più facilmente di essersi innamorati per primi rispetto alle loro partner.

Previsione 1B (frequenza): Gli uomini, rispetto alle donne, riferiranno di essere stati innamorati con più individui durante la loro vita.

Previsione 1C (frequenza): Gli uomini, rispetto alle donne, riferiranno di aver avuto più episodi di amore a prima vista .

Previsione 1D (reciprocità): Gli uomini, rispetto alle donne, riferiranno una più alta percentuale di individui verso i quali provavano amore ma con cui non hanno mai avuto una relazione.

All interno di un contesto evoluzionistico abbiamo anche identificato diverse differenze individuali che potrebbero essere associate con l innamorarsi più facilmente. In particolare, abbiamo esaminato che le persone si innamorano più facilmente nel caso che: (i) tendono a sovrastimare il grado di interesse dell altro; (ii) considerano l attrattiva fisica come un tratto particolarmente importante nel partner; a (iii) hanno una forte pulsione sessuale. Comparato alle donne, gli uomini sembrano sovrastimare l interesse del partner potenziale (Haselton e Buss, 2000), danno molta importanza all attrattiva fisica (LieKenrick, 2006) e hanno una forte pulsione sessuale (Baumeister, Catanes, e Vohs, 2001; Peplau, 2003). Noi pensiamo che se l ipotesi delle differenze sessuali nell innamoramento sono state trovate in questi studi, questi tre fattori potrebbero agire come mediatori nelle differenze sessuali, come noi elaboreremo in seguito.

Ipotesi 2: Gli individui che sovra-percepiscono l interesse sessuale dell altro riferiranno di innamorarsi più frequentemente.

Nel nostro passato ancestrale, gli uomini probabilmente acquisivano vantaggi di fitness tramite la ricerca di opportunità sessuali con più partner (BusseSchmitt, 1993; Trivers, 1972; Symons, 1979). Questa strategia contribuisce al fitness perché, in contrasto con le donne, gli uomini possono riprodursi con successo con poco investimento parentale perciò, ogni nuovo partner sessuale rappresenta una opportunità di riproduzione. Comunque, gli uomini si confrontarono con il problema di identificare se una donna era sessualmente interessata a lui. Questo giudizio doveva essere fatto considerando una certa incertezza, rendendo gli errori probabili. In generale, due tipi di errori erano possibili: un falso positivo (pensare che una donna fosse interessata quando non lo era) e un falso negativo (non capire che una donna è interessata). Secondo la teoria di gestione degli errori (Haseltonand Buss, 2000), ogni volta che ricorre una asimmetria nella fitness del costo degli errori, la selezione che mira all adattamento dei giudizi si sposterà verso l errore meno costoso. In questo caso, il costo in termini di opportunità di riproduzione per l uomo in caso di mancanza di perseguimento di una occasione sessuale praticabile era probabilmente maggiore delle conseguenze di fitness nel caso si assumesse erroneamente interesse femminile quando questo non c era. Perciò, gli uomini sono inclini a sovra-inferire l interesse sessuale delle donne perché questo in media1 era, tra i due errori, il meno costoso all interno dell ambiente ancestrale. Diversi studi usando diversi metodi hanno trovato che gli uomini tendono a sovrastimare il grado nel quale le donne sono sessualmente interessati
Abbiamo enfatizzato in media giacché in molti contesti dell ambiente ancestrale le asimmetrie nei costi potrebbero essere sistematicamente differenti. Per esempio, sovra inferire l interesse di una donna che è già accoppiata potrebbe comportare un alto costo di fitness, come una ritorsione del di lei partner. Vedi Haselton e Nettle (2006) per una ampia discussione di come la gestione degli errori dei pregiudizi si evolve differentemente in base al contesto.
1

a loro. Per esempio, gli uomini interpretano lo stesso comportamento reale (Abbey, 1982) e ipotetico (Haselton e Buss, 2000) intrapreso dalla donna come indicativo di più interesse sessuale di quanto non facciano le donne. Le donne, più degli uomini, richiamano casi nel quale il loro interesse sessuale veniva sovrastimato (Haselton, 2003). Gli uomini, ma non le donne, stimano che l interesse sessuale dei loro conoscenti dell altro sesso è più grande di quanto non sia in realtà (Koenig, Kirkpatrick, e Ketelaar, 2007) e inferiscono interesse sessuale in volti neutrali dell altro sesso dopo essere stati cognitivamente sottoposti a priming con un item a ricerca di accoppiamento (mate-search goal) (Maner et al., 2005) Date queste inclinazioni maschili, non sarebbe sorprendente se gli uomini si innamorassero più facilmente a causa dell idea che apprezzare qualcuno porterà ad un apprezzamento reciproco (Kenny, 1994). Perciò, quando un uomo sovrastima l interesse di una donna per se stesso, può sentirsi più attratto da lei che se stimasse accuratamente il suo vero interesse. Inoltre questa logica non è limitata per un solo sesso: membri di entrambi i sessi che percepiscono di più l attrazione degli altri si aspettano di sentirsi più attratti da questi ultimi. (?!) Tenendo fermi gli altri fattori, questi individui si innamorano più frequentemente. Questa ipotesi dà luogo a due previsioni:

Previsione 2A: Individui che sovra-percepiscono l interesse sessuale degli altri riferiranno un maggior numero di esperienze amorose durante la loro vita

Previsione 2B: Individui che sovra-percepiscono l interesse sessuale degli altri riferiranno un maggior numero di episodi di amore a prima vista durante la loro vita.

Ipotesi 3: Individui che danno un maggior valore all attrattiva fisica dei partner potenziali si innamoreranno più facilmente

Giacché l attrattiva fisica è un attributo facilmente osservabile, gli individui dell altro sesso che la valutano di più possono stimare più velocemente la desiderabilità del partner. Comparato alle donne, per gli uomini il peso dell attrattiva fisica ha una importanza maggiore nella valutazione di storie a lungo termine (Li e Kenrick, 2006). Perciò, è possibile che se gli uomini si innamorano più velocemente delle donne, questa differenza sessuale potrebbe essere almeno in parte attribuibile all importanza che gli uomini danno agli attributi fisici. Diverse ricerche hanno suggerito questa possibilità (Buss, 2006, p.69; Jankowiak, 1995, p.10, Kanin et al, 1970, p.71), sebbene nessuno l abbia testata empiricamente. Uno studio ha trovato che l attrattiva del partner predice la probabilità che il soggetto si innamori a prima vista con il partner (Sangrador e Yela, 2000), ma questo studio non tiene conto delle differenze sessuali e non misurava quanto importante fosse l attrattiva fisica per i partecipanti. Perciò, la terza ipotesi, che la valutazione dell attrattiva fisica facilita l innamoramento, ci porta alle seguenti previsioni:

Previsione 3A: Individui che valutano di più l attrattiva fisica riferiranno un maggior numero di esperienze amorose durante la loro vita.

Previsione 3B: Individui che valutano di più l attrattiva fisica riferiranno un maggior numero di episodi di amore a prima vista durante la loro vita.

Previsione 3C: Gli intervistati che valutano di più l attrattiva fisica si saranno più probabilmente innamorati prima del loro partner più recente, particolarmente se il partner viene giudicato molto attraente.

Noi pensiamo che se in questo studio è stata trovato una differenza sessuale complessiva, come che gli uomini si innamorano più facilmente delle donne, allora a mediare questa differenza sessuale sarà la maggior importanza che gli uomini attribuiscono all attrattiva fisica. Inoltre notiamo che quando la variabile dipendente è il tempo di innamoramento, l ipotesi predice una interazione (Previsione 3C): una maggior valore assegnato all attrattiva fisica porterà ad innamorarsi più velocemente nella misura in cui l obiettivo dell amore è più fisicamente attraente.

Ipotesi 4: Individui con una forte pulsione sessuale sono più soggetti ad innamorarsi

Un altro importante fattore che potrebbe influire sulla facilità di innamoramento è la pulsione sessuale. Ci sono prove irresistibili che le due cose sono almeno in parte fenomeni distinti. Per esempio, l amore promuove un legame alla pari con un individuo specifico, dove invece il desiderio sessuale motiva un comportamento di tipo prettamente sessuale (Gonzaga, Turner, Keltner, Campos e Altemus, 2006). Amore e desiderio sessuale possono anche essere orientati verso differenti individui o differenti generi sessuali (Diamond, 2003, 2004). Tuttavia, ricerche precedenti ci hanno mostrato una parziale sovrapposizione nella manifestazione di sentimenti e comportamento associati con l amore e il desiderio sessuale, ed è ancora motivo di dibattito nella letteratura scientifica quanto questi due fenomeni sono connessi tra loro (Hatfield e Rapson, 2009). Noi pensiamo che gli individui con una forte pulsione sessuale potrebbero essere in genere più in sintonia con potenziali partner sessuali o romantici, in tal modo incrementando le loro chance di innamorarsi in un dato momento. In altre parole, più è forte la pulsione sessuale, più si è motivati alla ricerca di interazioni con partner dell altro sesso e più ci sarà opportunità di innamorarsi. Comunque, la connessione tra la pulsione sessuale e l innamoramento potrebbe essere più forte per le donne che per gli uomini. Le donne più degli uomini provano desideri sessuali nel contesto di una relazione, e più

degli uomini sono in disaccordo con l affermazione Il sesso senza amore è OK , e così via (Diamond, 2003; Hatfield e Rapson, 2009; Oliver e Hyde, 1993). Questa stretta connessione tra amore e sesso potrebbe portare le donne che provano un desiderio sessuale per un uomo ad innamorarsi più facilmente di quest uomo. Che sia o no così, gli effetti della pulsione sessuale nell innamoramento sono una questione empirica che non è stata verificata. Per riassumere, sulla base della letteratura esistente sulla pulsione sessuale, facciamo la seguente previsione:

Previsione 4A: Gli individui che hanno una forte pulsione sessuale riferiranno di innamorarsi più frequentemente, e questa associazione sarà più forte per le donne che per gli uomini.

Da notare che questa non è in contraddizione con la logica dell Ipotesi 2, la quale afferma che gli individui che sovra-percepiscono l interesse sessuale dell altro si innamoreranno di più, semplicemente perché la percezione di piacere porta al piacersi reciprocamente. Invece l Ipotesi 4 postula una connessione attraverso l interesse sessuale proprio di una persona e l innamoramento. Questa connessione esiste per differenti ragioni, ossia per più frequenti contatti sessuali con l altro sesso e (per le donne) per una maggior connessione psicologica tra amore e desiderio sessuale.

Materiali e Metodi

Partecipanti Un questionario è stato somministrato ad un insieme di partecipanti eterosessuali oltre i 18 anni usando il sito di sondaggi online SurveyMonkey (http://www.surveymonkey.com). I partecipanti erano individui che hanno cliccato sul link del sondaggio posto nelle pubblicità

sul sito web di annunci craigslist.com. Complessivamente 375 partecipanti hanno completato il sondaggio. Due partecipanti sono stati esclusi dall analisi perché hanno indicato di star partecipando al sondaggio più di una volta, e altri otto sono stati esclusi perché erano sotto i 18 anni d età. Per di più, otto altri partecipanti hanno dato risposte numeriche estremamente anomale sul significato di diverse variabili, così come le misure del numero di amore a prima vista (oltre sei deviazioni standard sopra la media) e sovra percezione sessuale (oltre che quattro deviazioni standard sopra la media) suggeriscono errori tipografici o risposte gonfiate. Perciò, abbiamo 357 partecipanti (191 donne, 166 uomini) inclusi nell analisi. Nel campione, gli uomini erano all incirca più vecchi di due anni (M2=32.2 , SD3= 9.8 anni) che le donne (M=29.9, SD=8.8 anni), la quale è una differenza statisticamente significativa (t(349)=2.33, p<.03).

Definizione di amore Giacché questo studio si interessa dell innamoramento, abbiamo chiesto ai partecipanti di riferire il tipo di amore che caratterizza il corteggiamento e la prima fase della relazione chiamata amore passionale (Hatfield, 1988; Hatfield e Walster, 1978). Alcune delle caratteristiche principali dell amore passionale sono un forte desiderio di unione esclusiva con l amato, sentimenti di tenerezza e un potente senso di empatia e preoccupazione per il benessere dell amato, un senso di ansietà di essere respinto. Questo è in contrasto con l amore sereno , il quale è un tipo di amore calmo associato con una relazione consolidata che ha un alto grado di intimità e di impegno ma non necessariamente un alto grado di passione (Hatfield, 1988). Dopo aver cercato nella letteratura, non abbiamo trovato una soddisfacente definizione di amore passionale che potrebbe essere usata da un ampio pubblico. Perciò, abbiamo sviluppato una nuova definizione che incorpora tutte le sfaccettature della Scala dell Amore Passionale di Hatfield e Sprecher (1986) in una affermazione comprensibile anche da profani. Per tutte le questioni relative all amore del sondaggio abbiamo
2 3

Media (N.d.T) Standard Deviation: Deviazione Standard (N.d.T)

fornito ai partecipanti la seguente definizione, che cattura il costrutto dell amore che ci interessa:

Una emozione molto potente che potrebbe includere eccitamento e ansietà, sentimenti di tenerezza e attrazione fisica verso una persona particolare, costanti pensieri rivolti alla persona e un intenso desiderio di esserle accanto

Misure Dipendenti Le nostre quattro misure dipendenti di primario interesse erano: (1) il tempo impiegato dal partecipante ad innamorarsi con il suo più recente obiettivo amoroso, stabilendo se è stato l intervistato ad innamorarsi per primo o il partner (o se è accaduto simultaneamente) a condizione che l amore fosse ricambiato; (2) numero totale di esperienze amorose, contate chiedendo ai partecipanti di elencare le iniziali di ogni persona con la quale sono stati in rapporti amorosi, secondo la definizione di cui sopra; (3) numero di episodi di amore a prima vista , per i quali non sono state fornite definizioni addizionali; e (4) una variabile di reciproco (reciprocation variable) definita come la proporzione tra tutti gli amori elencati che si sono verificati all interno di una relazione o che hanno portato ad una relazione, contati chiedendo ai partecipanti di cerchiare le iniziali di quegli individui con i quali sono mai stati in una relazione . Ai partecipanti viene inoltre chiesto di dare un voto all attrattiva fisica dei loro target amorosi più recenti, allo scopo di testare le interazioni della Previsione 3C.

Misure predittive Abbiamo scelto le nostre misure predittive per testare le 4 ipotesi delineate sopra. Queste misure sono (1) il sesso del partecipante; (2) una misurazione della sovra percezione sessuale dell interesse dell altro verso di sé ( Hai mai pensato erroneamente che qualcuno volesse fare sesso con te, senza che lui/lei lo volesse davvero? Se sì, con quante persone è

capitato, approssimativamente? ); (3) 10 item della scala Importanza dell Attrazione Fisica sviluppata da Bailey, Gaulin, Agyei e Gladue (1994; vedi Appendice); e (4) 4 item per misurare la pulsione sessuale (Ostovich e Sabini, 2004; vedi Appendice). Entrambe queste scale sono state aggregate calcolando la media aritmetica degli item singoli.

Misure di Controllo Abbiamo anche misurato due cruciali variabili di controllo: l età dei partecipanti e il grado di contatto sociale con l altro sesso. L età era importante da controllare perché partecipanti vecchi hanno avuto più occasioni di innamorarsi durante la loro vita, quindi per esempio qualsiasi differenza nell età media tra uomini e donne in questo campione deve essere tenuta costante. I contatti sociali con l altro sesso, composto da 3 domande, sono stati controllati per una ragione simile: intervistati che hanno molti amici e conoscenti dell altro sesso hanno più possibilità di innamorarsi o di sovra percepire gli interessi degli altri verso se stessi. Le tre domande sono state misurate su una scala 1-7 e sono le seguenti: Rispetto alla media delle altre persone della tua età e del tuo sesso, con quante persone diverse hai avuto un appuntamento durante la tua vita? Rispetto alla media delle altre persone della tua età e del suo tesso, quante relazioni romantiche a lungo termine hai avuto nella tua vita? Rispetto alla media delle persone della tua età e del tuo sesso, quanto interagisci con i membri del sesso opposto? L affidabilità di questa scala ( ) per questi tre item è di .604, e sono stati combinati calcolando la loro media aritmetica.

Risultati Le correlazioni tra i predittori maggiori, controlli e esiti delle variabili sono presentati nella Tabella 1. Queste correlazioni mostrano diversi pattern di base che ci aspettavamo: per esempio, sia per gli uomini che per le

donne, il numero totale di esperienze amorose nell arco di una vita è positivamente correlato con le età e il numero di contatti con membri dell altro sesso. Analisi preliminari replicano alcune consolidate differenza già individuate dalla letteratura. Per esempio, il punteggio degli uomini è maggiore rispetto alle donne nella Scala dell Importanza dell Attrazione Fisica (M=4.39, SD=.83 per gli uomini e M=4.05, SD=.83 per le donne, t(349)=3,77, p<.001), risultato teoricamente in linea con Li e Kenrick (2006) e che replica i risultati di Bailey et al. (1994). Gli uomini inoltre riferiscono più episodi di sovrastima dell interesse dell altro sesso rispetto alle donne (M=.99, SD=1.80 per gli uomini e M=.35, SD=,74 per le donne, t(349)=4,45, p<.001), in linea con Haselton e Buss (2000) e Haselton (2003). Le replica di questi risultati indicano che il nostro campione è comparabile con quelli usati nella letteratura esistente. La Tabella 1 inoltre prefigura risultati rilevanti per le ipotesi ottenuti tramite l analisi regressiva multivariata presente sotto, come anche la significativa correlazione tra il numero totale di esperienze amorose e la pulsione sessuale per le donne ma non per gli uomini.

Tabella 1 . Sommario della correlazione binaria tra i predittori delle ipotesi rilevanti, variabili di controllo e variabili risultato.

Verifica delle Ipotesi Ipotesi 1: Gli uomini si innamorano più facilmente delle donne L Ipotesi 1 è stata parzialmente confermata, così come due delle quattro previsioni mostrano pattern previsti. La previsione 1A non è sostenuta dalle prove: non ci sono differenze sessuali su quanto l intervistato si innamorasse per primo (27% degli uomini si innamorano per primi contro il 32% delle donne, 2(3) = 4.82, p = ns). Queste percentuali sono relativamente basse perché diversi partecipanti hanno riferito che loro e i loro partner si sono innamorati allo stesso tempo (vedi Figura 1). La Previsione 1B diceva che gli uomini, rispetto alle donne, avrebbero riferito di essersi innamorati di più persone durante la loro vita. Neanche questa previsione è supportata dalle prove: non c è differenza sessuale sul numero di innamoramenti riferiti (M=4.44, SD=4,44 per gli uomini e M=4,57, SD=3,43 per le donne, t(349)=.29, p=ns), anche quando l età e i

contatti con l altro sesso vengono inclusi come covarianti in ANCOVA 4 (F(3, 347)=.21, p=ns). Due previsioni sono supportate da prove. La Previsione 1C diceva che gli uomini avrebbero riferito un maggior numero di episodi di amore a prima vista delle donne. Coerentemente con la previsione, gli uomini riportano un gran numero di tali esperienze (M=.67, SD=1.18 per gli uomini e M=.40, SD=.67 per le donne; t(349)=2.62, p<.01), anche controllando l età e contatti con l altro sesso (F(3, 347)=7.30, p<.01). Comunque, quando la pulsione sessuale è aggiunta come covariante addizionale, la differenza sessuale non è più significativa, sebbene si può ancora notare una certa tendenza verso la previsione (F(4, 346)=2.70, p=.10). Infine, la previsione 1D che gli uomini, rispetto alle donne, riporteranno un maggior numero di amori non corrisposti è anch essa corroborata da prove. Gli uomini hanno avuto un numero di relazioni con una bassa percentuale dei loro target amorosi rispetto alle donne (69% degli uomini e 80% delle donne). Giacché il nostro era un rapporto di reciprocità, abbiamo usano il il test U di Mann-Whitney non parametrico (Corder e Foreman, 2009) invece che i t-test standard con campioni indipendenti. Questo test indica che la differenza sessuale era significativa (z=2.73, p<.01). Anche se questo testo non controlla le covariabili, abbiamo confermato questo risultato con ANCOVA nelle quali le covariabili sono state controllate (F(3, 347)=10.9, p<.001).

4

Analysis of covariance (N.d.T)

Figura 1: La percentuale di maschi e femmine che riferiscono di essersi innamorati prima, dopo o simultaneamente del loro partner più recente.

Ipotesi 2: Gli individui che sovra-percepiscono l interesse sessuale dell altro riferiranno di innamorarsi più frequentemente. Questa ipotesi è stata parzialmente confermata. La Previsione 2A diceva che gli intervistati che sovra percepiscono gli interessi sessuali degli altri avrebbero riferito di essersi innamorati di più individui. Per testare se la sovra percezione è associata ad una frequenza di innamoramento che va al di sopra o al disotto degli altri fattori, abbiamo seguito due separate analisi di regressione lineare (una per gli uomini, una per le donne) sul numero totale di innamoramenti come misura risultante e sovra percezione, importanza dell attrattiva, pulsione sessuale, età, e altri contatti sessuali come predittori. I risultati supportano l ipotesi per gli uomini, ma non per le donne (vedi Tabella 2). Gli uomini che tendevano a sovra stimare l interesse sessuale dell altro nei loro confronti si innamoravano più frequentemente, ma questo effetto non vale per le donne. Come si può vedere nella Tabella 2, le due variabili di controllo (anni e altri contatti sessuali) sono significative o marginalmente significative per entrambi i sessi, illuminando l importanza della loro inclusione nella nostra analisi. Gli intervistati più vecchi, come ci si potrebbe aspettare, riferiscono più episodi amorosi, e lo stesso fanno gli

intervistati che riferiscono di avere più contatti con l altro sesso. All interno del gruppo degli uomini, la sovra percezione predice una maggior frequenza di innamoramento anche dopo il controllo di queste due variabili. La Previsione 2B è simile: ci si aspetta che gli intervistati che sovra percepiscono di più riferiranno un maggior numero di episodi di amore a prima vista . Comunque, questa previsione non è stata supportata. Per verificarlo, abbiamo di nuovo tracciato due analisi di regressione lineare separate per gli uomini e per le donne prevedendo amore a prima vista ma per il resto uguale all analisi svolta sopra. Sebbene c è una tendenza verso la direzione della previsione per gli uomini, la sovra percezione sessuale non è risultata (significativamente) associata con il numero di innamoramenti a prima vista né per gli uomini ( = .12, p < .14) né per le donne ( = .02, p = ns).

Tabella 2: Sommario della regressione lineare per le variabili predittive della frequenza di innamoramento

Ipotesi 3: Individui che danno un maggior valore all attrattiva fisica dei partner potenziali si innamoreranno più facilmente Delle tre previsioni derivate da questa ipotesi, una è stata marginalmente supportata dalle prove. Noi abbiamo previsto che chi valuta di più l attrattiva fisica riferirà di innamorarsi più frequentemente (3A) e di aver avuto più esperienze di amore a prima vista (3B). Queste previsioni sono state testate con la stessa analisi di regressione lineare riportata nella Tabella 2 ma non sono state supportate l effetto dell importanza dell attrattiva non sembra significativa per nessuno dei due sessi. Per testare la previsione 3C che gli individui che danno maggior valore all attrattiva fisica e hanno partner attraenti si sono innamorati più velocemente [del loro partner] abbiamo tracciato una analisi di regressione ordinale separatamente per maschi e femmine (vedi Tabella

3). I risultati misurano il tempo di innamoramento verso il proprio partner. Questa variabile può assumere tre valori diversi: -1 (l intervistato si innamora dopo [il proprio partner]), 1 (l intervistato si innamora prima), e 0 (l intervistato si innamora allo stesso tempo). I predittori erano il sesso, l importanza dell attrattiva, l attrattiva del partner, e le interazioni tra le due ultime variabili5. La previsione è stata marginalmente verificata, così come le interazioni sono risultate positive e si avvicinano alla significatività per gli uomini (p=.06). Ad un maggior livello dell importanza dell attrattiva per l intervistato e l attrattiva del partner (secondo l intervistato) , gli uomini sono più inclini ad innamorarsi per primi. In altre parole, gli uomini che danno importanza all attrattiva del partner sono più inclini ad innamorarsi quando il loro partner è più attraente.

Tabella 3: Riassunto dell analisi di regressione ordinale delle variabili predittive della velocità di innamoramento

Gli altri predittori usati nelle precedenti analisi di regressione per prevedere la frequenza di innamoramento (sovra percezione, età, altri contatti sessuali, pulsioni sessuali) non sono inclusi nei risultati riportati qui perché ci aspettavamo che influenzavano le persone nella loro totalità e non nella velocità con le quali si innamoravano. Nondimeno, includere questi perditori non cambia i risultati dei pattern riportati.

5

Ipotesi 4: Individui con una forte pulsione sessuale sono più soggetti ad innamorarsi La singola previsione generata da questa ipotesi che gli individui, particolarmente le donne, che hanno una forte pulsione sessuale riferiranno di innamorarsi più frequentemente è stata già testata nell analisi regressiva nella Tabella 2. Come predetto, la pulsione sessuale predice la frequenza di innamoramento nelle donne. Comunque, questa associazione non è stata trovata negli uomini.

Discussione Riassunto dei risultati Questo studio aveva due obiettivi primari. Il primo obiettivo era tentare di replicare le precedenti scoperte sulle differenze sessuali nell innamoramento. Abbiamo ipotizzato che gli uomini avrebbero

dimostrato una maggiore inclinazione ad innamorarsi rispetto alle donne, giacché pensiamo che l amore è un segnale d impegno cui le donne danno un alto valore durante la fase del corteggiamento. Diversi fattori supportavano questa ipotesi: laddove donne e uomini non differiscono nel numero di esperienza amorose della loro vita o nella probabilità di innamorarsi per primi, gli uomini riferiscono un maggior numero di amore a prima vista , nonché una maggiore percentuale di innamoramenti non corrisposti, che indicano una maggior disponibilità degli uomini ad innamorarsi durante la fase di corteggiamento. Il nostro secondo obiettivo era testare le ipotesi precedentemente inesplorate sulle differenze individuali e cioè che la sovra percezione dell interesse sessuale altrui, il dare un gran valore all attrattiva fisica e avere una forte pulsione sessuale sono associate con una grande inclinazione all innamoramento. Queste ipotesi sono state parzialmente corroborate. La sovra percezione è stata associata con l innamorarsi più frequentemente solo negli uomini. La valutazione dell attrattiva fisica è stata associata con l innamorarsi più facilmente con un partner attraente, ancora una volta solo per gli uomini. Infine, una forte pulsione sessuale è stata associata con l innamoramento, ma stavolta solo per le donne, come ci aspettavamo.

Implicazioni delle differenze sessuali trovate E possibile che le vere differenze sessuali nell innamoramento sono più facili da trovare usando certi tipi di misurazioni. La differenza sessuale che abbiamo trovato nel numero degli episodi di amore a prima vista (che gli uomini riferiscono di aver provato in misura maggiore) è discutibilmente un indicatore che gli uomini sono più inclini delle donne ad innamorarsi prima. Comunque, come notato sopra, questo effetto diventa non significativo se si controlla la variabile della pulsione sessuale, suggerendo che alcuni uomini potrebbero riferire gli stessi episodi di puro desiderio sessuale come amore a prima vista . In più, abbiamo trovato che, relativamente alle donne, una bassa percentuale dell amore maschile era ricambiato. Questo supporta l idea che per gli uomini innamorarsi potrebbe essere un segnale di impegno che convince qualche

donna ad entrare in una relazione e qualche altra no. Comunque, una spiegazione alternativa e più banale è che gli uomini sono più disponibili delle donne ad etichettare i loro sentimenti come amore , mentre questi sentimenti non sono sufficienti per instaurare una relazione. Una possibile ragione del perché non abbiamo osservato una differenza sessuale nella tempistica dell innamoramento è che gli intervistati hanno una forte tendenza a riferire che loro e il loro più recente partner si sono innamorati nello stesso tempo (vedi Figura 1). Quest idea di amore simultaneo potrebbe essere stata esagerata, riflettendo una idea romantica dell amore piuttosto che l effettiva esperienza all interno della relazione. E possibile che l idea romantica è più forte negli uomini che nelle donne, dato che il loro punteggio nella Scala sulle Credenze Romantiche (Sprecher e Metts, 1989) è maggiore di quello delle donne. È anche allo stesso modo possibile che gli intervistati che tendono ad innamorarsi prima sono i più motivati a categorizzare erroneamente il loro amore come simultaneo, giacché è più piacevole per loro credere che il loro partner è stato innamorato sin dall inizio. Se la categoria simultaneo ha davvero attratto i numeri dalle due altre categorie, allora ognuno di questi problemi può aver oscurate delle differenze sessuali nella velocità di innamoramento in una relazione. Alternativamente, le differenze sessuali nell innamoramento potrebbero non essere così forti.

Implicazioni delle differenze individuali trovate Il secondo risultato dello studio ci fornisce risultati notevoli e inaspettati. Giacché la percezione di esser piaciuto porta a piacersi reciprocamente, abbiamo ipotizzato che sovra percepire l interesse che l altro prova verso di sé potrebbe essere associato ad innamorarsi più spesso. Questa ipotesi è stata verificata, ma solo per gli uomini. Perché si verifica ciò, quando la logica dell ipotesi sembrerebbe prevedere lo stesso effetto per ogni sesso? Una possibilità è che le donne sono maggiormente avvezze ad avere un uomo che le approcci ed esprima il suo interesse che il contrario (Finkel e Eastwick, in stampa). Dunque, la percezione che un uomo è interessato è relativamente più comune e psicologicamente potente per diverse donne. Dando alle donne un numero relativamente maggior di

compagni potenziale, c è una minor ragione per le donne di innamorarsi con qualcuno semplicemente se questa persona appare essere sessualmente interessata. Le nostre scoperte che la sovra percezione prevede risultati amorosi solo se l uomo è interessato è altresì interessante da una prospettiva evoluzionistica, giacché suggerisce che per gli uomini la percezione che una donna è sessualmente attratta da lui potrebbe essere sufficiente per indurlo a farsela piacere a sua volta, mentre per una donna la semplice percezione di attrazione non è abbastanza. Nei fatti, per le donne, innamorarsi con un uomo che ha mostrato semplice interesse sessuale ma nessun impegno potrebbe spesso essere associato con un costo in termini di fitness (Haselton e Buss, 2000). Questa interpretazione si accorda con la letteratura che mostra che gli uomini tendono ad essere più opportunisti delle donne nel cercare opportunità di accoppiamento (Buss e Schmitt, 1933). Giacché i dati correlano, ci sono altre interpretazioni dei risultati. E possibile, per esempio, che l inclinazione all ad innamorarsi porti alla sovra percezione anziché il contrario. In altre parole, quando le persone sono innamorate, potrebbero essere più inclini alla false credenza che il loro target amoroso sia attratto da loro, romanticamente o sessualmente. Ipotizziamo anche che la forza con cui qualcuno valuta l attrattiva fisica nei partner potenziali sia positivamente associata con l inclinazione ad innamorarsi, giacché gli individui che mettono molta enfasi sugli attributi fisici possono individuare più facilmente partner che gli sono desiderabili. Abbiamo trovato una interazione marginalmente significativa che fornisce prove suggestive a questa ipotesi: più è grande l importanza dell aspetto fisico per l intervistato e più è grande l attrattiva del loro partner, più facilmente riferiranno di essersi innamorarti prima del loro partner. Contrariamente alle aspettative, questa tendenza si verifica solo per gli uomini. Un recente studio potrebbe fornire una spiegazione per questo risultato inaspettato: Buss e Shackelford (2008) hanno mostrato che le donne che hanno degli alti standard nel giudicare l attrattiva fisica negli uomini tendono ad avere alti standard anche per altre importanti qualità, come quelle associate a buone capacità genitoriali. Perciò, per le donne più che per gli uomini, alti livelli di attrattiva fisica possono essere

necessari ma non sufficienti per ritenere qualcuno un partner desiderabile ed innamorarsi di tali persone. Infine, abbiamo ipotizzato e trovato che una forte pulsione sessuale predice la frequenza di innamoramento per le donne, ma non per gli uomini. La logica dietro questa ipotesi è che una forte pulsione sessuale potrebbe portare ad un maggior contatto con l altro sesso e in tal modo a più opportunità di innamorarsi. Comunque, giacché l amore e il desiderio sessuale sono più interconnessi per le donne che per gli uomini, abbiamo previsto una più forte associazione per le donne che per gli uomini. La nostra previsione è stata verificata: le donne che hanno una maggior pulsione sessuale riferiscono di innamorarsi più spesso. Lo stesso non vale per gli uomini.

Solidità dei risultati, limiti e direzioni future Questo è uno dei primi studi che applicano un approccio evoluzionistico alle differenze sessuali nell innamorato. È verificata l ipotesi che gli uomini sono più inclini ad innamorarsi delle donne usando diverse misure delle esperienze amorose individuali rispetto al resto della letteratura esistente. Studi passati, come quelli che usano varie scale di credenze romantiche , hanno solitamente focalizzato l attenzione sui giudizi ipotetici intorno all amore anziché su esperienze naturalistiche. Ricerche passate hanno anche usato quasi esclusivamente campioni di studenti universitari, mentre noi abbiamo anche campioni online più vecchi che hanno più probabilmente avuto diverse relazioni e esperienze amorose. Nonostante questi punti di forza, questo studio ha anche diverse limitazioni, le quali combinati con i nostri risultati fanno emergere nuove questioni indirizzate alle ricerche future. Nelle analisi di due delle quattro misure, abbiamo trovato che gli uomini si innamorano più facilmente delle donne. Le altre due mostrano una mancanza di differenze sessuali. Per chiarire questi risultati ulteriormente, futuri studi dovrebbero migliorare la misurazione del tempo di innamoramento all interno di una coppia corroborando i risultati di ogni intervistato con quello del proprio partner o degli amici in comune della coppia. La misurazione del tempo di innamoramento

potrebbe essere migliorato chiedendo ai partecipanti di indicare la lunghezza in termini di mesi o settimane che hanno impiegato per innamorarsi, per poi chiedere la stessa cosa al partner. Questo dovrebbe minimizzare le occasioni che gli intervistati possano gonfiare le loro dichiarazioni di essersi innamorati simultaneamente. Insieme al tempo di innamoramento, non abbiamo trovato differenze nella frequenza di innamoramento. Sebbene queste misure nell inclinazione all innamoramento non sono state usate prima in letteratura, ci aspettavamo di trovare delle differenze sessuali basate sulla teoria di Frank (1988) dell impegno e basate su prove evidenti che gli uomini hanno un punteggio maggiore nelle credenze romantiche. La mancanza di significative differenze sessuali potrebbe riflettere una limitazione delle misure che si basano sul richiamo retrospettivo degli episodi amorosi. In particolare, gli intervistati potrebbero focalizzarsi sulle esperienze sessuali più forti ed omettere gli amori minori (esempio, le cotte ) che sono concettualizzate nella mente dell intervistato come una categoria differente a quella dell amore , anche se sono psicologicamente dei fenomeni simili6. Se gli uomini hanno avuto più cotte delle donne ma entrambi i sessi non le riportano, le differenze registrate mancheranno di essere registrate. Le ricerche future dovrebbero esaminare questa possibilità. Importante, i nostri studi sono anche stati i primi a verificare l associazione delle importanti variabili di differenza individuale nella inclinazione ad innamorarsi. Abbiamo trovato associazioni largamente in linea con le previsione e abbiamo iniziato a stabilire che la sovra percezione sessuale e il dare una grande importanza all attrattiva sono associati con una maggior tendenza ad innamorarsi negli uomini, e che le pulsioni sessuali sono associate con una maggior tendenza ad innamorarsi nelle donne. Uno dei limiti potenziali era nell uso dei misure auto riferite dagli stessi intervistati nella sovra percezione delle esperienze passate , piuttosto che delle misurazioni con compiti (task measures) (es. Haselton
Abbiamo provato a minimizzare questo problema fornendo ai partecipanti una definizione di amore che si applica sia all amore passionale che alle cotte. Comunque, è possibile che qualche partecipante fosse più restio nell applicare l etichetta amore alle sue esperienze.
6

e Buss, 2000) che si sarebbero basate sulla consapevolezza dei partecipanti o sui loro pregiudizi. Futuri studi potrebbero includere entrambi questi tipi di misurazioni. Futuri studi potrebbero anche esplorare come le altre importanti caratteristiche individuali, come l attrattiva fisica di qualcuno o l inclinazione verso incontri per relazioni a breve termine (Simpson e Gangestad, 1991), influiscono sulla tendenza ad innamorarsi. Gli uomini che hanno un seducente aspetto fisico sono più probabilmente in cerca di relazioni a breve termine e meno facili ad impegnarsi in relazioni a lungo termine (Gangestad e Simpson, 2000), e perciò potrebbero non innamorarsi così tanto come gli altri uomini. Alternativamente, questi uomini potrebbero usare le esperienze amorose di breve durata come uno strumento per attrarre le donne (Haselton et al., 2005), in qual caso questi uomini potrebbero effettivamente innamorarsi più spesso e più velocemente degli altri uomini. Ci sono alcune prove coerenti con quest ultima ipotesi, e cioè che gli uomini che perseguono strategie di accoppiamento tendono a perdere presto il loro interesse verso il loro partner di una relazione a breve termine dopo il primo caso di rapporto sessuale (Haselton e Buss, 2001). Questo spostamento affettivo in negativo potrebbe diminuire l impegno di questi uomini e motivarli a cercare nuovi partner.

Segnalazione onesta e inganno Una questione cruciale per la teoria di segnalazione dell impegno amoroso riguarda cosa caratterizza un onesto segnale d impegno. Il nostro studio non può rivolgersi verso questo problema direttamente, ma assumiamo che molti dei comportamento che accompagnano l amore passionale sono troppo costosi per poter essere simulati. Per esempio, all interno di una esperienza di amore passionale, le persone si concentrano intensamente sui loro partner e investono molto tempo sviluppando o tentando di sviluppare una relazione con il target dell amore (Buss, 1988; Hatfield, 1988). Questi comportamenti fanno necessariamente diminuire lo sforzo disponibile per sviluppare altre relazioni e possono essere visibili nei diversi legami con altri. In pratica,

dunque, le persone innamorate bruciano i ponti dietro di loro, dimostrando il loro impegno per perseguire il proprio target amoroso (Frank, 1988; vedi anche Gonzaga et al., 2008). Questi comportamenti valgono il loro costo solo se il soggetto è genuinamente interessato in una relazione a lungo termine. Nondimeno, non escludiamo l idea che alcune persone possano impegnarsi in una professione d amore a basso costo ingannevole (es. Haselto et al., 2005; O Sullivan, 2008). In questi studi, abbiamo messo da parte il problema chiedendo agli intervistati solo dei casi nei quali loro si sono davvero innamorati dei loro partner e non nei casi nei quali hanno finto di esserlo. Future ricerche dovrebbero investigare il continuum dei segnali d amore che vanno dalle professioni d amore ingannevoli a basso costo a segnali onesti ad alto costo. Seguendo la teoria dell impegno d amore (Frank, 1988) noi ci aspettiamo che questi ultimi tipi di segnali sono i più convincenti per il target d amore e forse saranno la connessione per affascinanti differenze sessuali del genere che abbiamo ipotizzato.

Conclusioni In questo studio abbiamo verificato l ipotesi derivata dalla teoria dell impegno dell amore passionale combinata con le conoscenze esistenti riguardanti le differenze sessuali nel campo dell accoppiamento. Usando nuove misure, abbiamo trovato modeste prove che gli uomini si innamorano più facilmente delle donne, e non abbiamo trovato alcuna prova del contrario. Queste differenze sessuali sono largamente in accordo con i precedenti studi. In più, la nostra scoperta che la pulsione sessuale predice la frequenza di innamoramento nelle donne ma non negli uomini ci fornice maggiori evidenze per la già ben provata visione che l amore e il desiderio sessuale, considerati distinti fenomeni con distinte funzioni adattative, sono nondimeno collegate maggiormente per le donne che per gli uomini. Dato che le donne sono più inclini degli uomini a sentirsi impegnate con i loro partner sessuali, anche questo potrebbe fungere da supporto alla teoria del dispositivo d impegno nell amore. Complessivamente, sebbene sono richieste ancora molte

ricerche su questo argomento, le nostre scoperte sono coerenti con la teoria che l amore serve come funzione di segnalazione d impegno. Questi risultati illustrano come questa teoria può essere usata per verificare nuove ipotesi sulle differenze sessuali nell innamoramento.

Ringraziamenti: Ringraziamo Anne Peplau per i suoi consigli durante la pianificazione dello studio, e ringraziamo anche David Frederick, Kelli Gildersleeve, Christina Larson, Tyler Moore e Joshua Poore per i loro commenti editoriali sulla bozza dell articolo.

Ricevuto il 3 Settembre 2009, Revisione mandata il 24 Dicembre 2009, Accettato il 24 Dicembre 2009.

Riferimenti Bibliografici:
Abbey, A. (1982). Sex differences in attributions for friendly behavior: Do males misperceive females' friendliness? Journal of Personality and Social Psychology, 42 , 830-838. Bailey, J. M., Gaulin, S., Agyei, Y., and Gladue, B. A. (1 994). Effects of gender and sexual orientation on evolutionarily relevant aspects of human mating psychology. Journal of Personality and Social Psychology, 66, 1081-1093. Baumeister, R. F., Catanese, K. R., and Vohs, K. D. (2001). Is there a gender difference in strength of sex drive? Theoretical views, conceptual distinctions, and a review of relevant evidence. Personality and Social Psychology Review, 5, 242-273. Buss, D. M. (1988). Love acts: The evolutionary biology of love. In R. J. Sternberg and M. L. Barnes (Eds.), The psychology of love (pp. 100-118). New Haven, CT: Yale University Press. Buss, D. M. (1989). Sex differences in human mate preferences: Evolutionary h ypotheses testing in 37 cultures. Behavioral and Brain Sciences , 12, 1-49. Buss, D. M. (2006). The evolution of love. In R .J. Sternberg and K. Weis (Eds.), The new psychology of love (pp. 65-86). New Haven, CT: Yale University Press. Buss, D. M., and Schmitt, D. P. (1993). Sexual Strategies Theory: An evolutionary perspective on human mating. Psychological Review, 100 , 204-232. Buss, D. M., and Shackelford, T. K. (2008). Attractive women want it all: Good genes, economic investment, parenting proclivities, and emotional commitment. Evolutionary Psychology, 6, 134146. Corder, G. W., and Foreman, D. I. (2009). Nonparametric statistics for non-statisticians: A step-bystep approach. Hoboken, NJ: John Wiley and Sons. Diamond, L. M. (2003). What does sexual orientation orient? A biobehavioral model distinguishing romantic love and sexual desire. Psychological Review, 110 , 173-192. Diamond, L. M. (2004). Emerging perspectives on distinctions between romantic love and se xual desire. Current Directions in Psychological Science , 13, 116-119.

Doherty, W. R., Hatfield, E., Thompson, K., and Choo, P. (1994). Cultural and ethnic influences on love and attachment. Personal Relationships, 1, 391-398. Finkel, E. J., and Eastwick, P. W. (in press). Arbitrary social norms influence sex differences in romantic selectivity. Psychological Science. Frank, R. H. (1988). Passions within reason: The strategic role of the emotions . New York: W.W. Norton and Company. Gangestad, S. W., and Simpson, J. A. (2000). The evolution of human mating: Trade-offs and strategic pluralism. Behavioral and Brain Sciences, 23 , 573-644. Gonzaga, G. C., Haselton, M. G., Smurda, J., Davies, M. S., and Poore, J. C. (2008). Love, de sire, and the suppression of thoughts of romantic alternatives. Evolution and Human Behavior, 29 , 119-126. Gonzaga, G. C., Keltner, D., Londahl, E. A., and Smith, M. D. (2001). Love and the commitment problem in romantic relations and friendship. Journal of Personality and Social Psychology, 81 , 247-262. Gonzaga, G. C., Turner, R. A., Keltner, D., Campos, B., and Altemus, M. (2006). Romantic love and sexual desire in close relationships. Emotion, 6, 163-179. Haselton, M. G. (2003). The sexual overpercept ion bias: Evidence of a systematic bias in men from a survey of naturally occurring events. Journal of Research in Personality, 37, 34-47. Haselton, M. G., and Buss, D. M. (2000). Error management theory: A new perspective on biases in cross-sex mind reading. Journal of Personality and Social Psychology, 78 , 81-91. Haselton, M.G., and Buss, D.M. (2001). Emotional reactions following first -time sexual intercourse: The affective shift hypothesis. Personal Relationships, 8, 357-369. Haselton, M. G., Buss, D. M., Oubaid, V. and Angleitner, A. (2005). Sex, lies, and strategic interference: The psychology of deception between the sexes. Personality and Social Psychology Bulletin, 31, 3-23. Haselton, M. G., and Nettle, D. (2006). The paranoid optimist: An integ rative evolutionary model of cognitive biases. Personality and Social Psychology Review, 10 , 47-66. Hatfield, E. (1988). Passionate and companionate love. In R. J. Sternberg and M. L. Barnes (Eds.), The psychology of love (pp. 191-217). New Haven and London: Yale University Press. Hatfield, E., and Rapson, R. (1987). Passionate love/sexual desire: Can the same paradigm explain both? Archives of Sexual Behavior, 16, 259-278. Hatfield, E., and Rapson, R. (2009). The neuropsychology of passionate love and s exual desire. In E. Cuyler and M. Ackhart (Eds.), Psychology of relationships . Hauppauge, NY: Nova Science. Hatfield, E., and Sprecher, S. (1986). Measuring passionate love in intimate relationships. Journal of Adolescence, 6, 383 410. Hatfield, E., and Walster, G. W. (1978). A new look at love: A revealing report on the most elusive of all emotions. Reading, MA: Addison -Wesley. Hendrick, C., and Hendrick, S. (1986). A theory and method of love. Journal of Personality and Social Psychology, 50, 392-402. Hurtado, A. M., and Hill, K. R. (1992). Paternal effect on offspring survivorship among Ache and Hiwi hunter-gatherers: Implications for modeling pair-bond stability. In Father-child relations: Cultural and biosocial contexts (pp. 31-55). Hawthorne, NY: Aldine de Gruyter. Jankowiak, W. R. (1995). Introduction. In W.R. Jankowiak (Ed.), Romantic passion: A universal experience? (pp. 1-19). New York: Columbia University Press. Jankowiak, W. R., and Fischer, E. F. (1992). A cross -cultural perspective on romantic love. Ethology, 31, 149-155. Kanin, E. J., Davidson, K. R., and Scheck, S. R. (1970). A research note on male -female differentials in the experience of heterosexual love. The Journal of Sex Research, 6, 64-72.

Kenny, D. A. (1994). Using the social relations model to understand relationships. In R. Erber and R. Gilmour (Eds.), Theoretical frameworks for personal relationships (pp. 111-127). Hillsdale, NJ: Erlbaum. Koenig, B. L., Kirkpatrick, L. A., and Ketelaar, T. (2007). Misperception of sexual and romantic interests in opposite-sex friendships: Four hypotheses. Personal Relationships, 14, 411-429. Li, N. P., and Kenrick, D. T. (2006). Sex similarities and differences in preferences for short -term mates: What, whether, and why. Journal of Personality and Social Psychology, 90 , 468-489. Maner, J. K., Kenrick, D. T., Neuberg, S. L., Becker, D. V., Robertson, T., Hofer, B., et al. (2005). Functional projection: How fundamental social motives can bias interpersona l perception. Journal of Personality and Social Psychology , 88, 63-78. Maner, J. K., Rouby, D. A., and Gonzaga, G. C. (2008). Automatic inattention to attractive alternatives: The evolved psychology of relationship maintenance. Evolution and Human Behavior, 29, 343-349. Marlowe, F. (2001). Male contribution to diet and female reproductive success among foragers. Current Anthropology, 42 , 755-760. Montgomery, M. J. (2005). Psychosocial intimacy and identity: From early adolescence to emerging adulthood. Journal of Adolescent Research, 20 , 346-374. Oliver, M. B., and Hyde, J. S. (1993). Gender differences in sexuality: A meta -analysis. Psychological Bulletin, 114, 29-51. Ostovich, J. M., and Sabini, J. (2004). How are sociosexuality, sex drive, and lifetime number of sexual partners related? Personality and Social Psychology Bulletin, 30 , 1255-1266. Peplau, L. A. (2003). Human sexuality: How do men and women differ? Current Directions in Psychological Science, 12, 37-40. Pillsworth, E. G., and Haselton, M. G. (2006). Women s sexual strategies: The evolution of long term bonds and extra-pair sex. Annual Review of Sex Research, 17, 59-100. Rubin, Z., Peplau, L. A., and Hill, C. T. (1981). Loving and leaving: Sex differences in romantic attachments. Sex Roles, 7, 821-835. Sangrador, J. L., and Yela, C. (2000). What is beautiful is loved : Physical attractiveness in love relationships in a representative sample. Social Behavior and Personality, 28 , 207-218. Simpson, J. A., and Gangestad, S. W. (1991 ). Individual differences in sociosexuality: Evidence for convergent and discriminant validity. Journal of Personality and Social Psychology, 60 , 870-883. Sprecher, S., Aron, A., Hatfield, E., Cortese, A., Potapova, E., and Levitskaya, A. (1994). Love: American style, Russian style and Japanese style. Personal Relationships, 1 , 349-369. Sprecher, S., and Metts, S. (1989). Development of the Romantic Beliefs Scale and examination of the effects of gender and gender-role orientation. Journal of Social and Personal Relationships, 6, 387-411. Symons, D. (1979). The evolution of human sexuality. New York: Oxford University Press. Trivers, R. L. (1972). Parental investment and sexual selection. In B. Campbell (Ed.), Sexual selection and the descent of man: 1 871-1971 (pp. 136-179). Chicago, IL: Aldine. Zahavi, A. (1975). Mate selection a selection for a handicap. Journal of Theoretical Biology, 53, 205-214.

Appendice Scala dell importanza dell Attrattiva Fisica (indicare il grado di accordo da 1: Fortemente in disaccordo a 7: Fortemente d accordo)

1) E facile immaginare di essere romanticamente coinvolto con qualcuno che sentivo inizialmente come poco attraente, con il crescere della mia conoscenza sulla sua personalità. 2) L aspetto non è così importante per me.

3) Nel passato, solitamente, sono stato interessato romanticamente a qualcuno principalmente per le sue caratteristiche fisiche 4) E più importante per me quanto un potenziale partner è simpatico rispetto a quanto bello appare. 5) Non mi lascerei coinvolgere in una situazione romantica con qualcuna in sovrappeso. 6) E difficile per me essere coinvolto in una relazione con qualcuno con un evidente problema alla pelle. Se attualmente non hai un partner, rispondi alle domande 7-10 come se si riferissero ad un ipotetico partner 7) Mi piace che il mio partner si vesta in maniera attraente, anche se questo gli/le richiede qualche sforzo. 8) Mi arrabbierei se il mio partner non tentasse di mantenere il suo aspetto fisico.

9) Se il mio partner diventa meno attraente fisicamente, sarebbe difficile per me continuare a stare con lui/lei. 10) Sarei felice se il mio partner fosse più sessualmente attraente di me.

Scala delle Pulsioni Sessuali 1) Quanto spesso provi desiderio sessuale? (Mai Meno di una volta al mese All incirca una volta al mese All incirca una volta a settimana Diverse volte a settimana Giornalmente Diverse volte al giorno) 2) Quanto spesso hai un orgasmo in un mese, mediamente? (Mai Meno di una volta al mese All incirca una volta al mese All incirca una volta a settimana Diverse volte a settimana Giornalmente Diverse volte al giorno)

3) Quante volte di masturbi in un mese, mediamente? (Mai Meno di una volta al mese All incirca una volta al mese All incirca una volta a settimana Diverse volte a settimana Giornalmente Diverse volte al giorno) 4) Come compari il tuo livello di pulsione sessuale rispetto alla media delle persone del tuo sesso e della tua età? (Molto più bassa Intorno alla media Molto più alta)