Formulario

sin x 1 ¡ cos x 1 ¡ cos x 1
lim =1 lim =0 lim 2
=
x!0 x x!0 x x!0 x 2
Limiti notevoli
µ ¶x
1 ln(1 + x) ex ¡ 1
lim 1+ =e lim =1 lim =1
x!§1 x x!0 x x!0 x
Derivate
Potenze di x Funzioni goniometriche
D(k) = 0 D(sin x) = cos x
D(x® ) = ®x®¡1 ^ ®2R D(cos x) = ¡ sin x
D(x) = 1 1
D(tan x) = = 1 + tan2 x
cos2 x
p 1 1
D( n x ) = p
^ x>0 ^ n2N D(cotan x) = ¡ = ¡1(1 + cotan2 x)
n xn¡1
n
sin2 x
p 1
D( x ) = p ^ x>0
µ ¶ 2 x
1 ¡ ¢ 1
D = D x¡1 = ¡ 2
x x

Funzioni logaritmiche ed esponenziali Inverse delle funzioni goniometriche
x x
D(a ) = a ln a ^ a>0 1
D(arctan x) =
1 + x2
D(ex) = ex 1
D(arccotan x) = ¡
1 + x2
1 1
D(log a x) = loga e ^ x>0 D(arcsin x) = p
x 1 ¡ x2
1 1
D(ln x) = ^ x>0 D(arccos x) = ¡ p
x 1 ¡ x2

Regole di derivazione
D[k ¢ f (x)] = k ¢ f 0 (x)
D[f (x) + g(x)] = f 0 (x) + g 0 (x)
D[f (x) ¢ g(x)] = f 0 (x) ¢ g(x) + g 0 (x) ¢ f (x)
D[f (x) ¢ g(x) ¢ z(x)] = f 0 (x) ¢ g(x) ¢ z(x) + f (x) ¢ g 0 (x) ¢ z(x) + f (x) ¢ g(x) ¢ z 0 (x)
D[f (x)a ] = a[f (x)]a¡1 ¢ f 0 (x) ^ a 2 R
f 0 (x)
· ¸
1
D =
f (x)a f 2 (x)
f 0 (x) ¢ g(x) ¡ f (x) ¢ g 0 (x)
· ¸
f (x)
D =
g(x) g 2 (x)
D [f (g(x))] = f 0 (x) ¢ g 0 (x) ^ z = g(x)
D [f (g(z(x)))] = f 0 (u) ¢ g 0 (t) ¢ z 0 (x) ^ t = z(x); u = g(t)
g(x) ¢ f 0 (x)
µ ¶
D[f (x)]g(x) = [f (x)]g(x) = g0 (x) ln f (x) +
f (x)
1
D[f ¡1 (y)] = 0 ^ x = f ¡1 (y)
f (x)

e la variabile x variabile di integrazione. Si danno ora le proprietà dell’integrale indefinito: Z Z k ¢ f (x) dx = k f (x) dx (Proprietà del prodotto per una costante) Z Z Z (f (x) + g(x)) dx = f (x) dx + g(x) dx (Proprietà della somma) Integrali immediati delle funzioni fondamentali Z x®+1 Z x® dx = +c ^ ® 2 R ¡ f¡1g cos x dx = sin x + c ®+1 1 1 Z Z dx = ln jxj + c 2 dx = tan x + c Z x Z cos x 1 ex dx = ex + c 2 dx = cotan x + c sin x ax 1 Z Z ax dx = +c p dx = arcsin x + c _ ¡arccos x + c ln a 1 ¡ x2 1 Z Z sin x dx = ¡ cos x + c dx = arctan x + c _ ¡arccotan x + c 1 + x2 Integrali la cui primitiva è una funzione composta [f (x)]®+1 f 0 (x) Z Z ® 0 dx = tan f (x) + c [f (x)] f (x) dx = +c ^ ® 2 R ¡ f¡1g ®+1 cos2 f (x) Z 0 f (x) f 0 (x) Z dx = ln jf (x)j + c dx = ¡cotan f (x) + c f (x) sin2 f (x) Z f 0 (x) Z f 0 (x)ef (x) dx = ef (x) + c p dx = arcsin f (x) + c _ 1 ¡ [f (x)]2 = ¡arccos f (x) + c af (x) f 0 (x) Z Z f 0 (x)af (x) dx = +c dx = arctan f (x) + c _ ln a sin2 [f (x)] = ¡arccotan f (x) + c Z f 0 (x) f (x) Z f 0 (x) sin f (x) dx = cos f (x) + c p dx = arcsin +c _ a2 ¡ [f (x)]2 jaj f (x) = ¡arccos +c jaj (a 2 R ¡ f0g) Z f 0 (x) 1 f (x) Z f 0 (x) sin f (x) dx = cos f (x) + c 2 2 dx = arctan +c _ a + [f (x)] a a 1 f (x) = ¡ arccotan +c a a (a 2 R ¡ f0g) . e la sua derivata coincide con f (x). Se una funzione f (x) ammette una primitiva F (x). di f (x) e si indica con la scrittura f (x) dx. allora ammette infinite primitive del tipo F (x) + c . b] se F (x) risulta derivabile in tut- to l’intervallo. Si chiama integrale indefinito R della funzione f (x) l’insieme di tutte le primitive F (x) + c . La funzione f (x) viene detta funzione integranda. con c numero reale qualunque.Integrali Una funzione F (x) si dice primitiva di una funzione f (x) nell’intervallo [a.

Sostituiamo nell’integrale dato R t dt e troviamo le primitive t2 (3x2 ¡4)2 + c .Integrazione per sostituzione Il metodo di sostituzione permette di semplificare il calcolo dell’integrale effettuando una sostituzione del tipo x = g(t). Sostituiamo nell’integrale dato R t dt e troviamo le primitive t2 (3x2 ¡4)2 + c . . Integrazione per parti La formula di integrazione per parti è la seguente Z Z 0 f (x)g (x) dx = f (x) ¢ g(x) ¡ f 0 (x)g(x) dx (Integrazione per parti) Esempio: calcolare per sostituzione l’integrale (3x2 ¡ 4)6x dx. calcoliamo dt = 6x dx. cioè un cambiamento di variabile: Z Z f (x) dx = f (g(t))g 0 (t) dt (Integrazione per sostituzione) Esempio: calcolare per sostituzione l’integrale (3x2 ¡ 4)6x dx. R Poniamo t = 3x2 ¡ 4 . e infine sostituiamo al posto di t la funzione 3x2 ¡ 4 : (3x2 ¡ 4) ¢ 6x dx = R R t dt = 2 2 + c. e infine sostituiamo al posto di t la funzione 3x2 ¡ 4 : (3x2 ¡ 4) ¢ 6x dx = R R t dt = 2 2 + c. calcoliamo dt = 6x dx. R Poniamo t = 3x2 ¡ 4 .

b] in n parti u- guali. La funzione f (x) è detta funzione inte- granda. la funzione integrale definita anch’essa per x 2 [a. a Si danno ora le proprietà dell’integrale definito: Z c Z b Z c f (x) dx = f (x) dx + f (x) dx se a < b < c a a b (Additività dell’integrale rispetto all’intervallo d’integrazione) Z b Z b Z b [f (x) + g(x)] dx = f (x) dx + g (x) dx (Somma di funzioni continue) a a a Z b Z b k ¢ f (x) dx = k f (x) dx (Prodotto di una costante per una funzione continue) a a Z b Z b f (x) · g(x) =) f (x)dx · g(x)dx (Confronto degli integrali di due funzioni) a a ¯Z b ¯ Z b ¯ ¯ ¯ ¯ f (x)dx¯¯ = jf (x)j dx (Integrale del modulo di una funzione) a a Z b k dx = k(b ¡ a) (Integrale di una costante) a Il teorema fondamentale del calcolo integrale Z funzione continua nell’intervallo [a. e consideriamo dei rettangoli aventi per base un segmento di suddivisione. b] chiamiamo integrale definito esteso all’intervallo Z b [a.Integrali indefiniti L’area di un trapezoide può essere approssimata nel modo seguente: dividiamo l’intervallo [a. il volume del solido che si ottiene ruotando il trapezoide attorno l’asse x di un giro completo è: V = ¼ f 2 (x) dx. dall’asse x e dalle rette x = a e Z b x = b . £ Esempio: 4x dx = 4 2 2 2 Applicazioni Dato il trapezoide ABCD all’intervallo [a. b] è Se f è una x F (x) = f (t) dt. se '(x) è una primitiva qua- a Z b lunque di f (x). allora f (x) dx = ['(x)]ba = '(b) ¡ '(a). 4 ¸a4 x2 Z · ¤4 = 2x2 2 = 2 ¢ 42 ¡ 2 ¢ 22 = 32 ¡ 8 = 24. Ne deriva che per calcolare l’integrale definito si ha che. Per convenzione. b]: f (x) dx = lim sn = lim Sn = S . b estremo superiore. delimitato dal grafico y = f (x) (positiva o nulla). b]. che permette di calcolarlo anche quando f (x) è negativa. Abbiamo anche fornito una definizione più generale di integrale definito. indichiamo con Sn la somma delle aree dei rettangoli con altezza corrispondente al valore massimo della fun- zione in ognuno degli intervalli. si pone: Z b Z a se a > b f (x) dx = ¡ f (x) dx. a Z a b se a = b f (x) dx = 0. b]. a . Se f (x) è positiva (o nulla) e continua nell’intervallo [a. indichiamo con sn la somma delle aree dei rettangoli con altezza corrispondente al valore minimo della funzione in ognuno degli intervalli. a n!+1 n!+1 Il numero a viene chiamato estremo inferiore.