You are on page 1of 85

DST2600

Manuale Tecnico
Nome File: Rev. 04 ID Documento
EAAM016204IT.doc Data: 11/04/2008 EAAM0162

Prodotto:
DST2600
EAAM016204IT

Revisione
Revisione Data Pagine Commento

00 25/01/2006 66 Prima stesura

01 31/07/2006 66 Corretti o aggiornati par. 1; 4.1; 4.4; 4.5; 4.11; 8.2.1;


8.2.3; 8.2.5; 8.3.1; 8.3.2; 8.4.1; 8.4.2.1; 8.4.2.2;
8.4.2.3; 9; 9.1; 9.3; 9.4; 10.2; 10.3; 10.4; 10.5;
10.5.1; 10.5.2; 10.8.1; 10.10; 10.11; 10.12; 10.13.1;
11; 12; 13.2; 15.3 007; 15.3 044; 16; 17; 17.2.2; 18;
19.2; 20; 21.1
02 30/03/2007 68 8,1; 8.3.2; 8.3.3; 8,4; 8.4.2.1; 8.4.2.2; 14.1.1

03 17/12/2007 68 Aggiornato par. 14.2

04 11/04/2008 71 Aggiornato a rev. 00.06 della scheda.


1, 2.2, 4.8, 4.9.2, 4.9.4, 4.10, 4.11, 8.2.1, 8.4.2.1,
8.4.2.3, 8.4.2.4, 9, 10, 10.3, 10.4, 10.5, 11.3, 11.4,
11.5.1, 11.6, 11.7, 11.9, 11.10, 11.11, 11.12,
11.13.1, 11.13.2, 12, 13, 14.2, 16, 16.1, 16.2, 17,
19, 19.1, 19.3, 20, 22, 23.1
Modificata struttura documento

2 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

Sommario
1. Generalit sul dispositivo ..................................................................................................... 8
2. Validit del manuale .............................................................................................................. 8
2.1 REVISIONI FIRMWARE ........................................................................................................ 8
2.2 DEFINIZIONI ...................................................................................................................... 9
2.3 NOTE SULLA SICUREZZA .................................................................................................... 9
3. Vista dispositivo .................................................................................................................. 10
4. Connessioni......................................................................................................................... 11
4.1 APERTURA QUADRO ........................................................................................................ 11
4.2 VISTA INTERNA ................................................................................................................ 13
4.3 ALLACCIAMENTO ALLA TERRA DI SICUREZZA ...................................................................... 13
4.4 ALLACCIAMENTO DELLE LINEE DI POTENZA ALLA RETE ........................................................ 14
4.5 ALLACCIAMENTO DELLE LINEE DI POTENZA AL GENERATORE ............................................... 14
4.6 ALLACCIAMENTO UTENZE ................................................................................................. 15
4.7 ALLACCIAMENTO PRERISCALDO MOTORE .......................................................................... 15
4.8 COLLEGAMENTI DI POTENZA AL MOTORE ........................................................................... 15
4.9 COLLEGAMENTI INGRESSI/USCITA ..................................................................................... 16
4.9.1 Connessione eccitazione alternatore di ricarica batterie (+D) .................................... 17
4.9.2 Connessione ingressi digitali configurabili .................................................................. 17
4.9.3 Connessione uscita ausiliaria .................................................................................... 18
4.9.4 Connessione due uscite opzionali .............................................................................. 18
4.10 CONNESSIONE PULSANTE DI EMERGENZA ......................................................................... 18
4.10.1 Arresto con diseccitazione o eccitazione dellelettrovalvola combustibile ............... 20
4.11 CONNESSIONE STRUMENTI MOTORE ................................................................................. 20
5. Mantenitore di carica della batteria.................................................................................... 21
6. Protezioni e fusibili interni.................................................................................................. 21
6.1 PROTEZIONI A TENSIONE DI BATTERIA ............................................................................... 21
6.2 PROTEZIONI SULLE TENSIONI DI FASE................................................................................ 22
7. Preriscaldo .......................................................................................................................... 23
8. Descrizione pannello comandi ........................................................................................... 23
8.1 VISTA PANNELLO FRONTALE ............................................................................................. 23
8.2 SPIE LED ....................................................................................................................... 23
8.2.1 Spie modalit di funzionamento del gruppo elettrogeno ............................................. 24
8.2.2 Spie modalit di visualizzazione e segnalazione preallarmi/blocchi ........................... 24
8.2.3 Spia presenza rete (MAINS LIVE) ............................................................................. 24
8.2.4 Spia presenza generatore / motore avviato (GENERATOR/ENGINE) ....................... 25
8.2.5 Spie di stato della commutazione (KM/KG) ................................................................ 25
8.3 PULSANTI ....................................................................................................................... 25
8.3.1 Tasti cursore (frecce SU e GIU) ................................................................................ 25
8.3.2 Tasto MODE/ACK...................................................................................................... 27
8.3.3 Tasto AUX/PROGRAM .............................................................................................. 27
8.3.4 Tasto selezione commutazione KM/KG ..................................................................... 28
8.3.5 Tasto di avviamento START ...................................................................................... 28
8.3.6 Tasto di arresto STOP ............................................................................................... 28

Manuale Tecnico DST2600 3


EAAM016204IT

8.4 DISPLAY MULTIFUNZIONALE.............................................................................................. 29


8.4.1 Illuminazione interna .................................................................................................. 29
8.4.2 Modalit di visualizzazione ........................................................................................ 30
9. Orologio ............................................................................................................................... 36
10. Test (avviamento in prova del motore) .............................................................................. 36
10.1 COMANDO MANUALE ........................................................................................................ 37
10.2 COMANDO DA INGRESSO DIGITALE .................................................................................... 37
10.3 PROVA PERIODICA ........................................................................................................... 37
10.4 COMANDO DA PORTA SERIALE .......................................................................................... 38
10.5 COMANDO VIA SMS......................................................................................................... 38
11. Sequenze di funzionamento ............................................................................................... 38
11.1 PROTEZIONI GRUPPO ....................................................................................................... 38
11.2 DISABILITAZIONE PROTEZIONI ........................................................................................... 38
11.3 MODALIT DI FUNZIONAMENTO ......................................................................................... 38
11.4 RETE .............................................................................................................................. 39
11.5 GENERATORE ................................................................................................................. 41
11.5.1 Frequenza ............................................................................................................. 41
11.5.2 Tensioni ................................................................................................................. 42
11.6 MASSIMA CORRENTE ....................................................................................................... 44
11.7 INIBIZIONE ALLINTERVENTO AUTOMATICO DEL GENERATORE .............................................. 45
11.8 MOTORE ......................................................................................................................... 46
11.8.1 Riconoscimento dello stato di motore avviato / fermo ............................................ 46
11.9 COMANDI MOTORE .......................................................................................................... 47
11.10 AVVIAMENTO MANUALE .................................................................................................... 48
11.11 ARRESTO MANUALE ......................................................................................................... 48
11.12 AVVIAMENTO AUTOMATICO............................................................................................... 49
11.13 ARRESTO AUTOMATICO.................................................................................................... 50
11.13.1 Arresto automatico standard .................................................................................. 50
11.13.2 Arresto automatico di emergenza .......................................................................... 51
12. Logica di commutazione..................................................................................................... 51
13. Gestione del carico ............................................................................................................. 52
13.1 BASSO CARICO................................................................................................................ 52
13.2 ALTO CARICO .................................................................................................................. 53
14. Inizializzazione allaccensione ........................................................................................... 53
15. Programmazione dei parametri .......................................................................................... 54
15.1 ORGANIZZAZIONE DEI PARAMETRI..................................................................................... 55
15.2 ACCESSO E MODIFICA DEI PARAMETRI............................................................................... 55
15.3 IMPOSTAZIONE PASSWORD .............................................................................................. 57
15.4 CARICAMENTO VALORI DI DEFAULT DEI PARAMETRI ............................................................ 57
16. Configurazione ingressi / uscite ........................................................................................ 57
16.1 CONFIGURAZIONE INGRESSI ............................................................................................. 57
16.1.1 Inserimento di un testo associato ad un ingresso................................................... 59
16.2 CONFIGURAZIONE USCITE ................................................................................................ 59
17. Segnalazione anomalie ....................................................................................................... 60
17.1 GENERALIT ................................................................................................................... 60
17.2 ORGANIZZAZIONE DELLE SEGNALAZIONI DI ANOMALIE ........................................................ 61

4 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

17.3 ELENCO ANOMALIE .......................................................................................................... 62


001 Minima tensione generatore ............................................................................................ 62
002 Massima tensione generatore.......................................................................................... 62
003 Minima frequenza generatore .......................................................................................... 63
004 Massima frequenza generatore ....................................................................................... 63
005 Rottura cinghia ................................................................................................................ 63
006 Massima corrente ............................................................................................................ 63
007 Stop manuale in automatico ............................................................................................ 64
008 Condizioni di regime non raggiunte.................................................................................. 64
012 Scheda bloccata .............................................................................................................. 64
015 Sovraccarico (da contatto) ............................................................................................... 64
016 Corto circuito ................................................................................................................... 65
017 Sovravelocit (da contatto) .............................................................................................. 65
019 Sovravelocit (da frequenza generatore) ......................................................................... 65
021 Mancato arresto............................................................................................................... 66
022 Mancato avviamento........................................................................................................ 66
025 Minimo livello combustibile (da contatto).......................................................................... 66
026 Minimo livello combustibile (da sensore analogico).......................................................... 66
027 Basso livello combustibile (da contatto) ........................................................................... 67
028 Basso livello combustibile (da sensore analogico) ........................................................... 67
029 Alto livello combustibile (da contatto) ............................................................................... 67
030 Alto livello combustibile (da sensore analogico) ............................................................... 68
031 Alta temperatura liquido di raffreddamento (da contatto) ................................................. 68
032 Alta temperatura liquido di raffreddamento (sensore analogico) ...................................... 68
033 Massima temperatura liquido di raffreddamento (da contatto) ......................................... 69
034 Massima temperatura liquido di raffreddamento (s. analogico) ........................................ 69
037 Bassa tensione batteria davviamento ............................................................................. 69
038 Alta tensione batteria davviamento ................................................................................. 69
039 Richiesta manutenzione .................................................................................................. 70
041 Minima pressione olio (da contatto) ................................................................................. 70
042 Minima pressione olio (da sensore analogico) ................................................................. 70
043 Bassa pressione olio (da contatto)................................................................................... 71
044 Bassa pressione olio (da sensore analogico) ................................................................... 71
048 Stop demergenza ........................................................................................................... 71
049 Alta potenza .................................................................................................................... 71
053 Asimmetria correnti .......................................................................................................... 72
057 Orologio non valido.......................................................................................................... 72
063 Batteria scarica o non collegata ....................................................................................... 72
067 Anomalia generica da ingresso digitale 1......................................................................... 73
068 Anomalia generica da ingresso digitale 2......................................................................... 73
069 Anomalia generica da ingresso digitale 3......................................................................... 73
070 Anomalia generica da ingresso digitale 4......................................................................... 73
071 Anomalia generica da ingresso digitale 5......................................................................... 73
18. Intervallo manutenzione gruppo ........................................................................................ 73
19. Strumenti motore ................................................................................................................ 74
19.1 CONFIGURAZIONE HARDWARE DEI SENSORI ...................................................................... 74
19.2 CONFIGURAZIONE DEI PARAMETRI PER I SENSORI .............................................................. 74
19.2.1 Configurazione sensore di pressione ..................................................................... 75
19.2.2 Configurazione sensore di temperatura ................................................................. 75
19.2.3 Configurazione sensore di livello............................................................................ 76
19.3 CONFIGURAZIONE DELLE SOGLIE SULLE MISURE STRUMENTI MOTORE ................................. 76

Manuale Tecnico DST2600 5


EAAM016204IT

20. Contatori .............................................................................................................................. 76


21. Procedure speciali .............................................................................................................. 77
21.1 ATTIVAZIONE DI UNA PROCEDURA SPECIALE ...................................................................... 78
21.2 TARATURA SENSORE DI LIVELLO COMBUSTIBILE ................................................................. 78
21.3 SELEZIONE LINGUA .......................................................................................................... 80
21.4 AZZERAMENTO CONTATORI .............................................................................................. 81
22. Comunicazione seriale ....................................................................................................... 81
23. Note tecniche....................................................................................................................... 81
23.1 DATI GENERALI ............................................................................................................... 81
23.2 ASSORBIMENTO DI CORRENTE .......................................................................................... 82
23.2.1 Assorbimento da batteria in mancanza rete ........................................................... 82
23.2.2 Assorbimento da rete ............................................................................................. 82
24. Dimensioni e installazione.................................................................................................. 83

6 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

INDICE UTILIZZO PARAMETRI

P.001 ........................................... 47 P.312 ........................................... 55


P.101 ........32; 34; 46; 52; 53; 55; 61 P.317 ........................................... 61
P.102 32; 34; 35; 36; 46; 52; 53; 55; 61 P.318 ........................................... 61
P.105 ....................33; 34; 46; 53; 55 P.323 ............................... 35; 53; 55
P.106 ..............36; 43; 46; 53; 55; 61 P.331 ..................................... 34; 55
P.112 ......................... 46; 60; 63; 64 P.335 ..................................... 58; 64
P.113 ....................46; 58; 59; 63; 64 P.337 ............................... 58; 59; 64
P.114 ....................46; 56; 57; 63; 64 P.339 ............................... 60; 61; 64
P.115 ....................10; 38; 39; 46; 53 P.341 ..................................... 60; 64
P.119 ........................................... 12 P.343 ..................................... 57; 64
P.202 ....................32; 34; 35; 52; 53 P.345 ..................................... 57; 64
P.203 ........................................... 32 P.347 ..................................... 56; 64
P.204 ........................................... 32 P.349 ........................................... 53
P.205 ........................................... 33 P.350 ........................................... 61
P.206 ........................................... 33 P.351 ........................................... 61
P.209 ...................................... 39;41 P.352 ........................................... 61
P.210 ........................................... 41 P.362 ..................................... 59; 62
P.211 ..................................... 41; 56 P.418 ............................... 29; 37; 62
P.212 ........................................... 41 P.419 ..................................... 29; 30
P.214 ......................... 12; 40; 42; 56 P.420 ..................................... 29; 30
P.215 ........................................... 42 P.424 ....................26; 59; 62; 63; 65
P.217 ..................................... 41; 54 P.425 ..................................... 59; 62
P.218 ........................................... 43 P.481 ........................................... 43
P.219 ........................................... 43 P.482 ........................................... 44
P.226 ......................... 34; 35; 38; 39 P.483 ..................................... 43; 44
P.227 ......................... 34; 35; 38; 39 P.484 ..................................... 43; 44
P.228 ......................... 33; 34; 38; 39 P.485 ..................................... 43; 44
P.229 ......................... 33; 34; 38; 39 P.486 ........................................... 44
P.232 ..................................... 38; 39 P.491 ........................................... 51
P.301 ............................... 34; 35; 52 P.492 ........................................... 22
P.302 ............................... 34; 52; 53 P.507 48; 54; 55; 56; 57; 58; 59; 60; 62
P.303 ..................................... 35; 53 P.508 48; 54; 55; 56; 57; 58; 59; 60; 62
P.304 ........................................... 53 P.509 ............................... 48; 49; 62
P.305 ............................... 33; 34; 53 P.581 ..........................43; 44; 49; 50
P.307 ..................................... 34; 53 P.601 ........................................... 50
P.309 ............................... 36; 53; 54 P.602 ..................................... 50; 51
P.310 ..................................... 36; 53
P.311 ........................................... 55

Manuale Tecnico DST2600 7


EAAM016204IT

1. Generalit sul dispositivo


Il quadro DST2600 un dispositivo integrato in grado di comandare e controllare l'intervento
automatico di un gruppo elettrogeno, di eseguirne la sorveglianza durante il periodo di
funzionamento e di mantenerlo nelle condizioni migliori durante il periodo in cui esso rimane
inattivo, al fine di garantirne un sicuro e rapido intervento in caso di mancanza della rete. E
inoltre comprensivo di una sirena interna per la segnalazione di eventi, e di un caricabatteria
che consente di mantenere la carica nei periodi di non utilizzo del gruppo elettrogeno.

La commutazione delle utenze dalla rete al gruppo elettrogeno integrata ed avviene


mediante teleruttori monofase o trifase (secondo la versione) meccanicamente interbloccati.

DST2600 effettua la misura delle grandezze elettriche fondamentali (tensioni, correnti,


frequenza), della potenza attiva, reattiva ed apparente erogata dal gruppo elettrogeno;
comprende i contatori di numero avviamenti, ore di funzionamento del motore, energia attiva
e reattiva, lindicazione del fattore di potenza, del senso di rotazione della terna delle fasi ed
altre indicazioni sul funzionamento dellalternatore e del motore.

Le misure di tensione e di corrente del generatore sono effettuate a vero valore efficace; la
misura delle tensioni di rete avviene a valore medio.

Il dispositivo fornito in due versioni distinte, per sistemi trifase o monofase, ma la versione
trifase pu essere facilmente trasformata in monofase; pu inoltre essere eventualmente
equipaggiato con una o pi fra le seguenti opzioni:

Sezionatore batteria.

Interruttore preriscaldo motore.

Interruttore di macchina.

Due uscite a rel aggiuntive

Modem GSM.

Il dispositivo da impiegarsi unicamente su sistemi funzionanti a 12V.

Alcune immagini o disegni nel seguito del documento possono riferirsi a versioni dotate di
una o pi di queste opzioni.

2. Validit del manuale


2.1 Revisioni firmware
Il presente manuale ha validit a partire dalla revisione 00.04 del firmware del dispositivo.
Lindicazione della revisione firmware ottenibile in due modi:

Sul dispositivo presente unetichetta che ne identifica la matricola, le opzioni


installate ecc.. Su questa etichetta inoltre presente la revisione del software
identificata dalla dicitura SW o FW seguita dal codice numerico 0085XXYY o
141XXYY.

Nellistante in cui si alimenta il dispositivo, sul display multifunzionale appare per


circa tre secondi la seguente scritta:

SICES s.r.l.
DST2600 revXX.YY

8 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

In entrambi i casi, il valore XX corrisponde alla revisione principale del software mentre
YY la revisione secondaria.

In alcuni punti del manuale potr essere fatto riferimento alle revisioni software del
dispositivo, utilizzando il codice SICES a loro assegnato. La scheda DST2600 esiste in due
versioni e pu avere quindi due differenti codici:

EB0220085XXYY.

EB0220141XXYY.

Quindi il codice EB02201410006 si riferisce alla revisione 0.06 del software del dispositivo.

Allinterno del manuale, sono evidenziate con una barra verticale posta alla destra dei
paragrafi le modifiche rispetto alla versione precedente dello stesso. Le modifiche sui campi
di una tabella sono evidenziate con un colore di sfondo grigio. Lelenco delle revisioni
riportato a pag. 2.

S.I.C.E.S s.r.l. profonde un notevole impegno nel mettere a disposizione dellutente tutte le
informazioni per agevolare limpiego dei propri dispositivi, aggiornando costantemente la
documentazione ad essi allegata. Tuttavia, nellottica del continuo sviluppo dei dispositivi e
del miglioramento delle loro caratteristiche, si riserva di apportare su di essi modifiche senza
alcun preavviso. Per quanto non contemplato nel presente documento, per informazioni
aggiuntive, o per qualunque segnalazione, S.I.C.E.S. s.r.l. invita a servirsi delle opportunit
di contatto indicate nel propri siti internet http://www.sices.eu/ e www.sices.biz ; se
richiesto supporto tecnico, si prega di scrivere allindirizzo techelp@sices.eu .

2.2 Definizioni
In questo documento la parola BLOCCO usata per indicare unanomalia che rende
impossibile la funzione di generazione, e causa lautomatico spegnimento del generatore
con procedura demergenza (saltando la fase di raffreddamento).

La parola DISATTIVAZIONE usata per indicare unanomalia che rende impossibile la


funzione di generazione, e causa lautomatico spegnimento del generatore con procedura
standard (con la fase di raffreddamento).

La parola PREALLARME usata per indicare unanomalia che richiede una manovra
delloperatore ma che non richiede lautomatico spegnimento del generatore.

2.3 Note sulla sicurezza

Il simbolo indica una prescrizione particolare riguardante la sicurezza di


impiego del dispositivo.

Leggere attentamente il presente manuale prima di procedere allinstallazione o


alluso del dispositivo.

Il dispositivo deve essere posizionato ed installato in modo da poter smaltire il calore


da esso generato; evitare di ostruire le feritoie di aerazione.

Non deve essere esposto direttamente ad intemperie o ad ambienti saturi di umidit


atmosferica o salini.

Durante il funzionamento automatico, il gruppo elettrogeno pu avviarsi


automaticamente in qualsiasi momento.

Manuale Tecnico DST2600 9


EAAM016204IT

3. Vista dispositivo

10 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

4. Connessioni
La connessione al gruppo elettrogeno delle linee di potenza e di controllo del motore e
lallacciamento alla rete di distribuzione di energia sono a carico dellutente; nei paragrafi
seguenti viene descritto come effettuare le connessioni per il funzionamento monofase o
trifase, la configurazione per motori con arresto in eccitazione o in diseccitazione e per
laggiunta di un pulsante di emergenza esterno.

Allinterno del quadro non vi sono regolazioni da eseguire a carico dellutente.

4.1 Apertura quadro


Il quadro composto da uno scatolato in alluminio; la parte inferiore della pannellatura
frontale rimovibile per consentire il cablaggio della rete e del gruppo elettrogeno. Per
guadagnare laccesso occorre rimuovere le due viti ai lati del pannello.

Attenzione: per evitare rischi di folgorazione, la


rimozione del pannello frontale ed ogni operazione allinterno
di esso deve essere effettuata esclusivamente dopo aver
sezionato la tensione di rete, con gruppo elettrogeno fermo e
batteria di avviamento scollegata.
Linterno del quadro si presenta come segue (versione trifase con interruttore di macchina e
Interruttore preriscaldo motore):

Manuale Tecnico DST2600 11


EAAM016204IT

Connessioni
ingressi/uscite
digitali

Interfaccia per
comunicazione
seriale

Connessione
strumenti
motore

Connessioni di
potenza al
motore

Interruttore di
macchina e
connessione di
potenza al
Teleruttore di generatore
generatore e Connessione
connessione alla rete
dellutenza

Teleruttore di Interruttore
rete preriscaldo
Connessione terra
di sicurezza
12 Manuale Tecnico DST2600
EAAM016204IT

4.2 Vista interna


Il disegno seguente mostra sinteticamente la scheda principale del dispositivo; nel seguito
del documento ci si riferir ad esso per le connessioni e la disposizione dei componenti.

4.3 Allacciamento alla terra di sicurezza

La connessione alla terra di sicurezza OBBLIGATORIA


e necessaria al corretto funzionamento del dispositivo; essa
deve essere eseguita PRIMA di ogni altra connessione;
SICES s.r.l. non risponde di danni a cose o persone derivanti
dal mancato allacciamento a terra.
La connessione effettuata mediante un bullone 6MA posto sul fondo del quadro,
evidenziato da un adesivo con il simbolo:

Il cavo di terra deve avere sezione minima uguale o maggiore di quella dei cavi di
potenza.

Manuale Tecnico DST2600 13


EAAM016204IT

4.4 Allacciamento delle linee di potenza alla rete


La connessione delle linee di potenza alla rete avviene sulla morsettiera gialla montata su
guida DIN, posta a destra nella parte bassa del quadro. Essa pu essere a quattro o ad otto
poli (dipende dalla presenza o meno dellinterruttore di macchina opzionale): i terminali per
la connessione della rete sono i quattro pi a destra (versione senza interruttore, morsettiera
con otto poli) o gli unici quattro (versione con interruttore, morsettiera con quattro poli).
Esaminando i terminali da sinistra a destra abbiamo nellordine: N (neutro), L1, L2 e L3; sulla
morsettiera sono comunque univocamente identificate le funzioni dei singoli terminali.

Per un allacciamento trifase, collegare il neutro e le tre fasi della rete rispettivamente ai
terminali N , L1, L2 e L3 della morsettiera. Per un allacciamento monofase, collegare il
neutro di rete al morsetto N e la fase al morsetto L1.

NOTA: negli allacciamenti trifase indispensabile la connessione del neutro di rete al


morsetto N, per il corretto funzionamento dellinterruttore KM e del caricabatteria
interno.

NOTA: non possibile configurare il quadro come trifase se stato ordinato


come monofase (ci sono due ponticelli interni che cortocircuitano i terminali N e L2
della morsettiera). Se invece si desidera collegare come monofase un quadro ordinato
come trifase, occorre inserire un ponticello direttamente in morsettiera tra i terminali
N e L2.

Linterruttore magnetotermico o i fusibili di sicurezza sulla tensione di rete sono


obbligatori e sono a cura dellinstallatore del sistema

NOTA: la sezione raccomandata dei cavi da utilizzare 16 mm opportunamente


terminati. Per la versione da 40kVA impiegare esclusivamente cavi da 16 mm .

4.5 Allacciamento delle linee di potenza al generatore


La connessione delle linee di potenza al generatore varia in funzione della presenza o meno
dellinterruttore di macchina nel quadro:

Con interruttore di macchina: le linee di potenza del generatore devono essere


collegate direttamente sullinterruttore di macchina. Linterruttore quadripolare:
osservandone i terminali da sinistra a destra, si hanno nellordine: N (neutro), L1, L2
e L3

Senza linterruttore di macchina: le linee di potenza del generatore devono


essere collegate alla morsettiera gialla posta a destra nella parte bassa del quadro.
La morsettiera a otto poli: devono essere utilizzati i quattro terminali di sinistra.
Osservando i terminali da sinistra a destra si hanno nellordine: N (neutro), L1, L2,
L3. Sulla morsettiera sono comunque univocamente identificate le funzioni dei
singoli terminali.

Linterruttore magnetotermico o i fusibili di sicurezza sulla tensione di


generatore nelle versioni prive di interruttore di macchina interno sono obbligatori e a
cura dellinstallatore del sistema.

14 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

Per un allacciamento trifase, collegare il neutro e le tre fasi del generatore rispettivamente ai
terminali N, L1, L2 e L3 della morsettiera o dellinterruttore di macchina. Per un
allacciamento monofase, collegare il neutro al terminale N e la fase al terminale L1.

NOTA: non possibile configurare il quadro come trifase se stato ordinato


come monofase (ci sono due ponticelli interni che corto-circuitano i terminali N e L2
della morsettiera o dellinterruttore di macchina). Se invece si desidera collegare
come monofase un quadro ordinato come trifase, occorre inserire un ponticello
direttamente in morsettiera (o sullinterruttore di macchina) tra i terminali N e L2.

NOTA: negli allacciamenti trifase indispensabile la connessione del neutro del


generatore al morsetto N, per il corretto funzionamento dellinterruttore KG.

NOTA: la sezione raccomandata dei cavi da utilizzare 16 mm opportunamente


terminati. Per la versione da 40kVA impiegare esclusivamente cavi da 16 mm .

4.6 Allacciamento utenze


Lallacciamento della linea di utenza deve essere effettuato sulluscita del teleruttore pi a
destra (KG, quello in corrispondenza delletichetta LINEA UTILIZZO LOAD LINE), in
parallelo ai cavi che arrivano dallaltro teleruttore. I morsetti del teleruttore, da sinistra a
destra sono: N (neutro), L1, L2 e L3.

Per un allacciamento trifase, collegare il neutro e le tre fasi dellutenza rispettivamente ai


terminali N, L1, L2 e L3 del teleruttore. Per un allacciamento monofase, collegare il neutro al
terminale N e la fase al terminale L1.

NOTA: la sezione minima dei cavi da utilizzare 16 mm

4.7 Allacciamento preriscaldo motore


Se lopzione installata, collegare i cavi del resistore di preriscaldo ai morsetti
dellinterruttore magnetotermico di inserimento: il neutro il morsetto pi a sinistra, la
fase il morsetto pi a destra.

Assicurarsi che la sezione dei cavi sia adeguata alla potenza assorbita (di norma
lassorbimento 100-500W, secondo il resistore impiegato).

NOTA: lassorbimento massimo del resistore non pu superare i 500 W.

4.8 Collegamenti di potenza al motore


I collegamenti di potenza al motore (positivo e negativo batteria, comando elettrovalvola
combustibile, comando motorino di avviamento) sono realizzati mediante connettori
FASTON. Essi sono posizionati in verticale sul lato inferiore sinistro della scheda principale
(rif. paragrafo 0) e ripresi qui di seguito:

Manuale Tecnico DST2600 15


EAAM016204IT

Le indicazioni sono serigrafate anche sulla scheda stessa.

Le connessioni sono:

FAS301 (GND): negativo batteria .

FAS300 (+BATT.): positivo 12V batteria.

FAS302 (START): uscita per comando motorino di avviamento.

FAS303 (FUEL): uscita per comando elettrovalvola combustibile (vedere anche


paragrafi 4.10 e 4.10.1).

La batteria di avviamento del gruppo elettrogeno (12V) deve essere connessa tra +BATT. e
GND; questa connessione assicura lalimentazione del quadro in mancanza di rete e a
gruppo fermo. Assicura inoltre lalimentazione delle uscite di potenza al motore e la carica
della batteria stessa mediante il caricabatteria integrato nel quadro. In alcune versioni, al
posto dellinterruttore magnetotermico per il preriscaldo del motore pu essere presente un
sezionatore della batteria: in questo caso, il positivo della batteria deve essere collegata sul
lato entrante di questo sezionatore (unipolare), mentre laltro lato risulta gi cablato su
FAS300.

Le uscite START e FUEL, quando attivate, si portano alla tensione di batteria (12V
nominali); sono comandate mediante due rel con portata in corrente sufficiente a
comandare direttamente lelettromagnete del motorino di avviamento e il solenoide
dellelettrovalvola combustibile e pertanto di norma non pertanto richiesto limpiego di rel
di rilancio esterni aggiuntivi. Sono protette da un fusibile a lama da 30A, comune ad
entrambe (F300).

Assicurarsi che la sezione dei cavi impiegati sia adeguata alle correnti
circolanti.

4.9 Collegamenti ingressi/uscita


Il dispositivo DST2600 dotato di sei ingressi digitali, dei quali cinque sono configurabili
come funzione ed indicazione di intervento, e di una uscita anchessa configurabile. La
connessione realizzata mediante il connettore ad estrazione a sette morsetti J200,
posizionato sul lato sinistro della scheda principale (si veda il disegno di paragrafo 0,
riportato in sintesi qui di seguito):

16 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

La numerazione dei morsetti serigrafata anche sulla scheda principale.

4.9.1 Connessione eccitazione alternatore di ricarica batterie (+D)


Il morsetto 6 del connettore J200 riservato al comando di eccitazione per lalternatore
caricabatteria del gruppo (comando +D, se presente). Quando viene comandato
lavviamento del motore, esso si porta alla tensione di batteria (12V) attraverso un apposito
circuito e fornisce la corrente necessaria alleccitazione dellalternatore di ricarica. La
tensione di eccitazione viene rilevata dalla scheda ed utilizzata sia per il riconoscimento
dello stato di motore avviato/fermo che per il riconoscimento dellavvenuta rottura della
cinghia di trascinamento dellalternatore.

Se il motore non dotato di alternatore o ha un alternatore a magneti permanenti, lasciare


libera la connessione e disabilitare le funzioni relative (impostare 0-No nel parametro
P.115, vedi paragrafo 15).

4.9.2 Connessione ingressi digitali configurabili


Gli ingressi da IN 1 a IN 5 (terminali 1-5 di J200) sono configurabili come funzione, come
tipo di intervento (preallarme, blocco, disattivazione, si veda paragrafo 16.1), come
indicazione alfanumerica e come tempo di intervento. Ogni ingresso viene attivato mettendo
a massa (negativo batteria) il morsetto corrispondente.

La configurazione di default del dispositivo assegna agli ingressi le seguente funzioni:

J200-1: ingresso per il contatto di massima temperatura del liquido


refrigerante del motore. Se attivato, esegue il blocco per massima temperatura.

J200-2: ingresso per il contatto di minima pressione dellolio di lubrificazione


del motore. Se attivato, esegue il blocco per minima pressione.

J200-3: ingresso per blocco ausiliario. Se attivato, esegue un blocco generico.

J200-4: ingresso per il contatto di basso livello combustibile / combustibile


esaurito Se attivato esegue il preallarme per basso livello combustibile.

J200-5: ingresso per inibizione avviamento. Se attivato simula la presenza della


rete elettrica; di conseguenza quando questo contatto attivo il gruppo non sar mai
avviato automaticamente, ad esclusione degli avviamenti periodici programmati per
mantenere il gruppo in efficienza.

Manuale Tecnico DST2600 17


EAAM016204IT

NOTA: la descrizione delle funzioni precedente solamente indicativa in quanto pu differire


secondo la programmazione e le esigenze specifiche dellinstallazione. Su un impianto gi
configurato, verificare lassegnamento degli ingressi come descritto in paragrafo 16.1 e la
tabella dei parametri di funzionamento (documento EAAM0147XX).

4.9.3 Connessione uscita ausiliaria


Il morsetto 7 del connettore ad estrazione J200 un uscita configurabile (vedere paragrafo
16.2): quando luscita attivata il morsetto viene portato alla tensione di batteria (+12V).
Luscita realizzata mediante rel; la corrente massima prelevabile di 3A. Rispettare
questo valore limite: luscita protetta da un fusibile auto-ripristinante, comune
allalimentazione a 12V del quadro; se viene prelevata una corrente superiore al consentito,
in condizioni di mancanza rete lintervento del fusibile di protezione provoca lo spegnimento
dellintero quadro.

4.9.4 Connessione due uscite opzionali


Su richiesta la scheda pu essere fornita con due ulteriori uscite a rel, delle quali reso
disponibile il contatto pulito normalmente aperto. I due contatti sono raggiungibili su un
connettore multiplo ad inserimento di tipo faston, posizionato in basso a sinistra nel quadro
(il connettore non saldato sulla scheda base ma risulta collegato ad essa tramite fili).

4.10 Connessione pulsante di emergenza


Il quadro DST2600 fornito comprensivo di pulsante di arresto di emergenza; in aggiunta ad
esso pu essere connesso un pulsante esterno, ad esempio montato direttamente sul
gruppo elettrogeno oppure come ulteriore sicurezza in una zona distante dal quadro.

Il pulsante di emergenza interrompe il comando del motorino di avviamento ed interviene


sullelettrovalvola combustibile per comandare limmediato arresto del motore. Per
questultima ragione, la connessione e la configurazione del pulsante cambiano secondo il
sistema di arresto del motore (con diseccitazione o con eccitazione dellelettrovalvola
combustibile, vedere paragrafo 4.10.1).

Il pulsante di emergenza interno collegato al connettore ad estrazione a quattro morsetti


J207, sulla sinistra della scheda principale a met altezza (vedere il disegno al paragrafo 0):

Se il pulsante interno dovesse non essere presente, il quadro viene fornito con un
connettore che ponticella i morsetti J207_1 e J207_2. Per aggiungere eventualmente il
pulsante in un secondo tempo, estrarre il connettore presente ed inserire quello connesso al
pulsante. Il pulsante interno presenta due contatti in scambio. La connessione da realizzare
la seguente:

18 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

Il doppio contatto in scambio consente di operare indifferentemente dal sistema di arresto


del motore (in diseccitazione o in eccitazione, vedere paragrafo 4.10.1).

Un eventuale pulsante esterno deve essere connesso al connettore a cinque poli J205 (in
basso a sinistra sulla scheda), rappresentato nel disegno seguente:

Le connessioni in questo caso cambiano secondo il sistema di arresto del motore e in


funzione della presenza o meno del pulsante interno; si ha:

- solo pulsante interno: sono ponticellati tra loro i pin J205_1 e J205_2.

- pulsante esterno e sistema con arresto in diseccitazione (indipendentemente dalla


presenza o meno del pulsante interno): il pulsante esterno deve avere un contatto
normalmente chiuso e va collegato tra i pin J205_1 e J205_2 come nel disegno
seguente:

- pulsante esterno e sistema con arresto in eccitazione (indipendentemente dalla


presenza o meno del pulsante interno): il pulsante esterno deve avere due contatti in
scambio; il contatto normalmente chiuso va collegato tra i pin 1 e 2 ed il normalmente
aperto tra i pin 2 e 3 di J205; ponticellare inoltre i pin 4 e 5. Lo schema il seguente:

- nessun pulsante, n interno n esterno (se ad esempio il motore incorpora gi un


fungo di emergenza): ponticellare i pin 1 e 2 di J205; con arresto in eccitazione
ponticellare anche i pin 4 e 5 di J205.

Manuale Tecnico DST2600 19


EAAM016204IT

4.10.1 Arresto con diseccitazione o eccitazione dellelettrovalvola combustibile


Il quadro DST2600 viene normalmente fornito configurato per impianti con arresto del
motore in diseccitazione (la tensione al solenoide dellelettrovalvola sulluscita FUEL viene
fornita per mantenere acceso il motore e viene tolta per fermarlo). Il quadro pu essere
tuttavia configurato per impianti con arresto del motore in eccitazione (la tensione
allelettrovalvola assente con motore in moto e viene attivata per un tempo configurabile
con il parametro P.214 per arrestarlo).

In entrambi i casi la tensione di comando del solenoide dellelettrovalvola presa dalluscita


FUEL; per cambiare la configurazione occorre modificare il parametro P.119 ed adeguare
le connessioni per il pulsante di emergenza se presente, sia interno sia esterno (vedere
paragrafo 4.10).

4.11 Connessione strumenti motore


DST2600 dotato di serie di alcuni ingressi analogici per la misura di alcune grandezze
analogiche del motore (temperatura liquido refrigerante, pressione olio di lubrificazione e
livello del combustibile). Per ulteriori informazioni e per la configurazione del tipo di sensori
impiegabili vedere il paragrafo 19. Per la taratura del sensore di livello combustibile vedere il
paragrafo 21.2.

Il connettore ad estrazione a 5 morsetti (J403) per i segnali dei sensori posizionato sulla
scheda principale, in basso a sinistra.

Segue la descrizione dei terminali del connettore (da sinistra a destra):

J403-1 Massa di riferimento: connettere alla massa comune dei sensori (vedere
nota nel seguito del paragrafo).

J403-2 Livello combustibile: connettere al sensore di livello. Nei galleggianti dotati


sia di sensore di livello sia di contatto di riserva, prestare attenzione a non invertire
la connessione.

J403-3 Pressione olio: connettere al sensore di pressione dellolio lubrificante.

J403-4 Temperatura liquido refrigerante (VEGLIA): connettere al sensore di


temperatura liquido refrigerante. In questo caso il dip switch S400-1 deve risultare
aperto - OFF (si trova nei pressi di J403).

J403- 5 Temperatura liquido refrigerante (VDO): connettere al sensore di


temperatura liquido refrigerante. In questo caso il dip switch S400-1 deve risultare
chiuso - ON (si trova nei pressi di J403).

NOTA: Il terminale J403-1 serve per indicare a DST2600 quale la vera massa di ritorno dei
sensori. Normalmente i sensori sono avvitati direttamente nel motore, il quale connesso al
negativo di batteria. In certe situazioni (cavi di connessione lunghi, forte corrente di carica
nella batteria), pu comunque accadere che vi sia una differenza di potenziale tra il negativo
di batteria allinterno del quadro e il motore (cio il ritorno dei sensori). Questo pu provocare
errori di misura. Per ovviare a ci, DST2600 rileva direttamente quale il potenziale del
ritorno dei sensori attraverso il terminale J403-1, da connettere direttamente ad un bullone
del motore, evitando cos imprecisioni nelle misure.

Lo stesso discorso vale per il galleggiante del serbatoio: se il serbatoio in materiale


plastico, prestare attenzione alla presenza del collegamento di massa tra esso ed il motore.

20 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

5. Mantenitore di carica della batteria


DST2600 dotato internamente di un sistema di mantenimento della carica della batteria di
avviamento del motore. Il sistema alimentato a 230V dalla tensione di rete, precisamente
dalla fase L1, pertanto per il suo funzionamento la connessione del neutro nei sistemi trifase
indispensabile. Il suo funzionamento corretto segnalato dallaccensione del LED verde
CHARGER ON, allincirca al centro della scheda principale (vedere disegno di paragrafo
0).

Il sistema, in presenza di rete, alimenta anche lo stesso DST2600. In condizioni ottimali


(nessun rel a lavoro, lampada del display multifunzionale spenta), in grado di erogare alla
batteria una corrente massima di circa 650mA.

Nonostante il sistema debba essere inteso come un mantenitore di carica e non un


caricabatteria, esso prevede la carica a corrente costante fino al raggiungimento della
tensione di mantenimento, che di 13.5V.

Se a DST2600 viene connessa una batteria estremamente scarica (sotto a 7-8V) oppure
internamente in cortocircuito, pu verificarsi lo spegnimento dellintero dispositivo. Lo stesso
se, con batteria scollegata, vengono per un qualche motivo a trovarsi in cortocircuito i
collegamenti sui morsetti +BATT e GND; questo comunque non comporta danneggiamenti
del dispositivo.

Il mantenitore dotato di una protezione termica interna, che lo spegne in caso di


funzionamento con batteria molto scarica e con temperatura ambientale al di l dei limiti
nominali. Esso si riattiva conseguentemente al raffreddamento.

DST2600, oltre alla misura ed alla visualizzazione della tensione della batteria, prevede una
segnalazione di preallarme in caso di tensione di batteria troppo bassa o troppo alta. Inoltre
periodicamente verifica la presenza e la correttezza della connessione alla batteria: ogni 5
minuti la tensione del mantenitore si abbassa per 12 secondi a 9.5V. Se la batteria non
correttamente connessa viene generato un apposito preallarme.

Lalimentazione a 230V del mantenitore protetta dal fusibile in vetro F203, 2A 5X20mm;
luscita protetta da due fusibili autoripristinanti, uno da 2.5A sulluscita del trasformatore ed
uno comune alluscita a rel del quadro da 3A.

6. Protezioni e fusibili interni


DST2600 dispone di fusibili di protezione sia per le connessioni a tensione di batteria che
per le connessioni di misura delle tensioni di rete e gruppo.

Prima di sostituire i fusibili, accertarsi di non operare in presenza di tensioni di


rete o gruppo e scollegare la batteria dal motore. Sostituire i fusibili esclusivamente
con altri identici a quelli sotto indicati.

6.1 Protezioni a tensione di batteria


Si hanno:

- Un fusibile ATO (o AL) a lamella da 35A (F300, vedi paragrafo 0): connesso tra la
batteria e le uscite di potenza START e FUEL (motorino di avviamento ed
elettrovalvola combustibile). Si interrompe in caso di guasti su di esse.

Manuale Tecnico DST2600 21


EAAM016204IT

- Un fusibile auto-ripristinante da 5A tra batteria ed alimentazione quadro: interviene in


caso di guasto allinterno del quadro o di scambio della polarit della batteria; protegge
anche luscita ausiliaria a rel (J200-7). In presenza della rete, anche se il fusibile
interviene, il quadro alimentato dal mantenitore di carica; in assenza di rete lintervento
del fusibile provoca lo spegnimento del quadro. Rispettare il limite sulla massima
corrente prelevabile dalluscita ausiliaria (3A).

- Un fusibile auto-ripristinante da 2.5A a protezione del circuito del mantenitore di carica.


Interviene in caso di guasto su di esso.

I fusibili auto-ripristinanti funzionano come interruttori termici e non richiedono nessun


intervento: una volta rimossa lorigine dellanomalia che ha generato la loro apertura, dopo
breve tempo ritornano a funzionare regolarmente.

6.2 Protezioni sulle tensioni di fase


Sebbene i circuiti di misura siano ad alta impedenza e pertanto il loro lassorbimento in
corrente sia estremamente ridotto (circa 200 A,), ogni ingresso di fase, sia di rete che di
generatore protetto da un fusibile 5x20mm standard in vetro da 1A, a protezione di
eventuali guasti interni al dispositivo. Uniche eccezioni: il fusibile F203 sulla fase L1 della
rete, poich da esso prelevata lalimentazione per il teleruttore KM e per il mantenitore di
carica, ed il fusibile F200 sulla fase L1 del generatore, poich da esso prelevata
lalimentazione per il teleruttore KG. Questi due fusibili sono da 2A ed effettuano anche la
protezione in caso di guasto di uno di questi dispositivi.

In dettaglio si hanno:

4 fusibili 5x20mm da 1A: F201, F202, F204, F205

2 fusibili 5x20mm da 2A: F200, F203

Linterruzione di uno di questi fusibili provoca un errore nella misura delle tensioni, sia di rete
che di generatore, analogo alla mancanza di una fase (es. per sistemi a 400V, verranno
visualizzate una tensione a 400V e due tensioni a 230V).

In modalit automatica linterruzione di uno dei fusibili a protezione della tensione di rete
F203; F204 e F205 provoca lintervento del gruppo elettrogeno per anomalia sulla rete;
linterruzione del fusibile F203 provoca inoltre lo spegnimento del mantenitore di carica e
limpossibilit di alimentare le utenze da rete perch il teleruttore KM non viene pi
alimentato.

Linterruzione di uno dei fusibili a protezione della tensione di generatore F200, F201 e
F202 provoca in modalit automatica lattivazione di una anomalia sulle condizioni del
generatore (mancate condizioni di regime, sottotensione o sottofrequenza secondo
quale il fusibile interrotto e quando ci si verifica); in modalit manuale non vi la
segnalazione di anomalie ma viene impedita la commutazione delle utenze sul generatore
poich il generatore non entra nella finestra di erogazione.

22 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

7. Preriscaldo
DST2600 pu opzionalmente essere dotato di un interruttore magnetotermico con curva C
con portata massima di 3 ampere che consente lallacciamento di un riscaldatore monofase
alimentato dalla tensione di rete. Esso mantiene perennemente riscaldato il liquido di
raffreddamento del motore in modo da facilitarne la partenza in presenza di temperature
ambientali particolarmente rigide. Linserimento ed il disinserimento del preriscaldo avviene
agendo sullinterruttore stesso.

In caso di intervento della protezione termica, verificare la correttezza dei collegamenti,


lintegrit del resistore e che lassorbimento del resistore non sia superiore alla portata
dellinterruttore stesso.

Non collegare resistori che assorbano pi di 500 W.

8. Descrizione pannello comandi


8.1 Vista pannello frontale

La parte superiore frontale del quadro costituita da un pannello in policarbonato, resistente


ad olio e solventi sul quale sono riportati simboli e diciture didentificazione. Essa comprende
tutti i comandi, le indicazioni alfanumeriche e le spie di indicazione; questi sono descritti in
dettaglio nei paragrafi seguenti.

Il pannello pu differire nellaspetto grafico rispetto al disegno qui riportato; tuttavia le


funzioni dei tasti, delle spie e del display rimangono invariate.

8.2 Spie LED


DST2600 dotato di undici spie per la segnalazione di stati, eventi e per le varie modalit di
funzionamento e di visualizzazione.

In modalit OFF_RESET (vedi11.3), premendo il tasto STOP si accendono tutte le spie


(LAMP TEST) permettendo di verificare il loro funzionamento.

Manuale Tecnico DST2600 23


EAAM016204IT

8.2.1 Spie modalit di funzionamento del gruppo elettrogeno

Sono tre spie gialle a fianco dei tasti cursore. Segnalano la modalit di lavoro del dispositivo
(per la descrizione delle modalit vedere il paragrafo 11.3). La terza spia segnala tutte le
modalit automatiche: AUTO e AVVIAMENTO REMOTO (se accesa fissa) e TEST (se
lampeggiante).

8.2.2 Spie modalit di visualizzazione e segnalazione preallarmi/blocchi

Sono quattro spie gialle, poste sulla destra del display multifunzionale. Indicano quale la
visualizzazione corrente del display stesso (vedere paragrafo 8.4). Utilizzando il pulsante
MODE/ACK, si scandiscono le quattro modalit.

La spia MODE 2 WARNING, inoltre, lampeggia in caso sia sopraggiunto un preallarme,


cio una anomalia che non causa larresto del motore; la spia MODE 3 ALARM invece
lampeggia in caso sia sopravvenuto un blocco o una disattivazione. Per le definizioni di
preallarme, blocco e disattivazione vedere paragrafo 2.2. Quando sopraggiunge una
nuova anomalia (di qualunque tipo) la visualizzazione del display multifunzionale forzata a
MODE 1 per consentire la visualizzazione della descrizione dellanomalia. E comunque
poi possibile selezionare le altre modalit, anche con una o pi anomalie attive.

8.2.3 Spia presenza rete (MAINS LIVE)

La spia MAINS LIVE (verde) mostra lo stato della rete. Assume i seguenti significati:

Spenta: la rete non presente.

Lampeggiante: la rete presente ma la tensione su una o pi fasi non


allinterno delle soglie di tolleranza programmate (oppure lo ma da un tempo
inferiore a quello configurato): se le utenze sono commutate sul generatore,
devono rimanere commutate su di esso. La spia svolge, inoltre, la
segnalazione dello stato di inibizione al funzionamento gruppo (vedere
paragrafo 11.7). Se lo stato inibizione attivo, la spia lampeggia anche in
presenza di rete.

Accesa fissa: la rete presente stabilmente allinterno delle soglie di tolleranza


programmate e quindi le utenze possono essere commutate su di essa.

24 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

8.2.4 Spia presenza generatore / motore avviato (GENERATOR/ENGINE)

La spia GENERATOR/ENGINE (verde) mostra lo stato del motore e del generatore.


Assume i seguenti significati:

Spenta: se il dispositivo diagnostica lo stato di MOTORE FERMO (vedere


paragrafo 11.8.1)

Lampeggiante: se il dispositivo diagnostica lo stato di MOTORE AVVIATO (vedere


paragrafo 11.8.1) ma la frequenza e/o le tensioni del generatore sono al di fuori della
finestra di tolleranza.

Accesa: se la frequenza e le tensioni del generatore sono stabilmente allinterno


della finestra di tolleranza.

8.2.5 Spie di stato della commutazione (KM/KG)

Le due spie (verdi) indicano se lutenza connessa alla rete (KM) o al generatore (KG).

8.3 Pulsanti
Il dispositivo dotato di sette pulsanti; ad ognuno di essi corrisponde una o pi funzioni,
secondo il contesto.

8.3.1 Tasti cursore (frecce SU e GIU)

Mediante i tasti SU e GIU possibile selezionare la modalit di funzionamento del


gruppo elettrogeno (OFF_RESET, MAN, AUTO). Ogni modalit segnalata mediante
laccensione della spia LED gialla corrispondente. Per passare da una modalit allaltra
occorre tenere premuto il tasto freccia per circa un secondo; per passare da OFF_RESET
a AUTO e viceversa necessario il passaggio per MAN.

Manuale Tecnico DST2600 25


EAAM016204IT

In dettaglio si ha:

a) OFF_RESET: in questa modalit la scheda accesa ma sono escluse tutte le


funzioni di controllo e di gestione del gruppo elettrogeno. E da utilizzarsi in tutti i
casi in cui non sia ritenuto necessario l'intervento del gruppo elettrogeno (ad
esempio, per impedire interventi automatici inutili durante i periodi di chiusura di
una fabbrica ecc.), e soprattutto come posizione di sicurezza in caso di
manutenzione. Quando selezionata la modalit OFF_RESET il gruppo
elettrogeno non pu quindi intervenire in caso danomalia della tensione di rete. Il
contattore di rete forzato a lavoro e perci le utenze sono alimentate dalla rete
stessa (se la rete presente). Rimane in ogni caso abilitata la sorveglianza dello
stato della rete, del motore e del generatore, e le segnalazioni del display
multifunzionale rispecchiano tali stati. Nel momento in cui si seleziona la modalit
OFF_RESET sono eseguite le seguenti operazioni:

1) Forzatura del comando derogazione da rete (se lerogazione era da


generatore).

2) Attivazione della sequenza darresto del motore (se in moto).

3) Reset delle eventuali anomalie memorizzate che hanno generato larresto


del gruppo elettrogeno.

In questa modalit il caricabatteria interno comunque attivo.

In modalit OFF_RESET (e solo in essa) possibile visualizzare e modificare i


parametri programmabili del dispositivo.

b) MAN (MANUALE): in questa modalit la scheda predisposta per gestire un


funzionamento manuale del gruppo elettrogeno. Sinteticamente:

1) Sono abilitate le procedure per lavviamento e larresto manuale del motore


mentre sono disabilitate le procedure davviamento e darresto automatico
(quindi il motore non sar mai avviato automaticamente dalla scheda).

2) E possibile commutare le utenze sul generatore del gruppo con comando


esplicito delloperatore (solo se il generatore in finestra di erogazione). La
commutazione non sar mai fatta automaticamente dalla scheda (eccetto la
commutazione su rete in caso di un blocco o di una disattivazione).

Nel momento in cui si passa da AUTO a MAN, non viene intrapresa alcuna
azione sul motore e sulla commutazione: il motore mantiene il suo stato
(avviato/fermo) e le utenze restano commutate dove sono (rete/gruppo). E
solamente interrotto leventuale tentativo davviamento in corso.

c) AUTO (AUTOMATICO): la normale modalit di funzionamento della scheda. In


questa modalit il motore avviato/arrestato automaticamente in seguito ad
anomalie della rete o ad intervalli regolari per mantenerlo in efficienza. Allo
stesso modo le utenze sono automaticamente commutate su rete o sul
generatore in base alle condizioni di entrambi.

Attenzione: quando selezionata questa modalit assolutamente


vietata qualunque forma di manutenzione sul gruppo elettrogeno.

In questa modalit inoltre possibile eseguire un TEST manuale (vedere


paragrafo 8.3.5), cio una prova manuale di funzionamento del gruppo, oltre che
la prova periodica automatica (vedere paragrafo 10).

26 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

8.3.2 Tasto MODE/ACK

Il tasto MODE/ACK permette il passaggio tra le varie modalit di visualizzazione del


display multifunzionale (vedere paragrafo 8.4.2). Ad ogni pressione si passa da una modalit
alla successiva in maniera ciclica (da MODE 4 premendo il tasto MODE/ACK si ritorna a
MODE 1).

Se premuto insieme al tasto AUX/PROGRAM, consente di regolare il contrasto del display


multifunzionale (questa regolazione disponibile solo per alcuni tipi di display e solo dalla
revisione 00.03 del firmware della scheda; con le versioni precedenti la pressione
contemporanea dei due tasti bloccava la scansione delle fasi del generatore sulla fase
correntemente visualizzata sul display).

Esso consente inoltre il riconoscimento (acknowledgement) delle anomalie da parte


delloperatore, tacitando la sirena interna. NOTA: la sirena viene silenziata quando il
tasto rilasciato.

Durante la programmazione dei parametri (vedere paragrafo 15) il tasto svolge la funzione di
ENTER: consente di entrare allinterno dei sottomen, di iniziare loperazione di modifica
di un parametro e di confermare il nuovo valore impostato.

8.3.3 Tasto AUX/PROGRAM

Il tasto AUX/PROGRAM permette il passaggio tra le varie finestre di cui composta la


modalit di visualizzazione del display multifunzionale attualmente selezionata (vedere
paragrafo 8.4.2). Ad ogni pressione si passa alla finestra successiva in maniera ciclica.

Se premuto insieme al tasto MODE/ACK, consente di regolare il contrasto del display


multifunzionale (questa regolazione disponibile solo per alcuni tipi di display e solo dalla
revisione 00.03 del firmware della scheda; con le versioni precedenti la pressione
contemporanea dei due tasti bloccava la scansione delle fasi del generatore sulla fase
correntemente visualizzata sul display).

Se selezionata la modalit di visualizzazione MODE 1 (che composta da una sola


finestra) ed il dispositivo non in OFF_RESET, permette di nascondere la descrizione
delleventuale anomalia presente, per consentire la visualizzazione delle misure di potenza
anche in presenza di anomalie.

Se selezionata la modalit di visualizzazione MODE 1 ed il dispositivo in


OFF_RESET, permette di accedere alla procedura di programmazione dei parametri.

Durante la programmazione dei parametri (vedere paragrafo 15) il tasto svolge la funzione di
EXIT: consente di uscire dai sottomen per tornare ai menu di livello superiore;
premendolo dal menu principale si esce dalla programmazione. Consente inoltre di abortire
la modifica in corso di un parametro (il parametro conserver il suo valore originale).
Consente infine, se utilizzato insieme ai tasti START e STOP di modificare il valore di un
parametro di 10 unit per volta (SHIFT)

Manuale Tecnico DST2600 27


EAAM016204IT

8.3.4 Tasto selezione commutazione KM/KG

Durante il funzionamento del gruppo elettrogeno nelle modalit MAN o TEST, il tasto
KM/KG permette, se le condizioni del generatore lo consentono, di commutare le utenze
dalla rete al gruppo elettrogeno e viceversa. Non ha effetto durante il funzionamento in
modalit AUTO.

Durante la programmazione dei parametri (vedere paragrafo 15) il tasto utilizzato per
spostare il cursore durante limpostazione di stringhe alfanumeriche. Ad ogni pressione, il
cursore viene spostato verso destra di un carattere (dallultimo carattere si torna sul primo).

8.3.5 Tasto di avviamento START

In MAN il tasto comanda lavviamento del motore del gruppo elettrogeno; occorre
tenerlo premuto fino a che il motore non sia avviato. Lo sgancio del motorino di
avviamento automatico, al riconoscimento delle condizioni di motore avviato.

Durante il funzionamento in AUTO, la pressione del tasto fa passare il sistema in


modalit TEST manuale (vedere paragrafo 10.1). Questo possibile solo a motore
fermo con la rete presente o il contatto di inibizione attivo.

Durante la programmazione dei parametri (vedere paragrafo 15) il tasto utilizzato


per scorrere le voci dei menu in senso crescente. Durante la modifica di un
parametro esso esegue la funzione INCREMENTA: ad ogni pressione il valore
aumenta di una unit. Tenendolo premuto, i valori incrementano automaticamente,
fino a ricominciare dal minimo una volta raggiunto il loro massimo. Usato insieme al
tasto AUX/PROGRAM (premere e tenere premuto prima AUX/PROGRAM e poi
START), ogni incremento diviene di 10 unit.

8.3.6 Tasto di arresto STOP

In OFF_RESET la pressione del tasto causa laccensione di tutte le spie a LED


(LAMPTEST), al fine di diagnosticare eventuali guasti.

In MAN la pressione del tasto esegue larresto immediato del motore; se il carico
era commutato sul generatore, viene commutato sulla rete immediatamente prima di
comandare lo spegnimento. Non necessario tenere il tasto premuto fino allo
spegnimento del motore.

In modalit TEST la pressione del tasto comanda la fine del test, cio comanda lo
spegnimento del motore eventualmente dopo il raffreddamento se il carico era
commutato sul generatore, ed il ritorno alla modalit AUTO.

28 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

In modalit AUTO, premendo il tasto si ha un arresto di emergenza del motore,


segnalato tramite il blocco A007-Stop manuale in automatico (vedere lelenco
segnalazioni, paragrafo. 17.3).

Durante la programmazione dei parametri (vedere paragrafo 15) il tasto utilizzato


per scorrere le voci dei menu in senso decrescente. Durante la modifica di un
parametro esso esegue la funzione DECREMENTA: ad ogni pressione il valore
diminuisce di una unit. Tenendolo premuto, i valori decrementano
automaticamente, fino a ricominciare dal massimo una volta raggiunto il loro minimo.
Usato insieme al tasto AUX/PROGRAM (premere e tenere premuto prima
AUX/PROGRAM e poi STOP), ogni decremento diviene di 10 unit.

8.4 Display multifunzionale

Il display multifunzionale il mezzo attraverso il quale possono essere visualizzate misure,


indicazioni di stato, segnalazioni alfanumeriche di anomalie. La visualizzazione su due
righe e sedici colonne.

E possibile modificare il livello del contrasto premendo contemporaneamente i tasti


MODE/ACK e AUX/PROGRAM: in base a quale tasto si preme per primo il contrasto
aumenta o diminuisce. Il livello di contrasto conservato in memoria non volatile e quindi
mantenuto anche se si toglie alimentazione alla scheda. NB: la regolazione manuale del
contrasto disponibile solo dalla revisione 00.03 del firmware delle schede. Su alcune
schede montato un display con la regolazione automatica del contrasto, in questo caso i
due tasti non operano alcuna variazione.

Tutte le scritte che appaiono sul display (anomalie, selezione e denominazione dei
parametri, indicazioni) sono nella lingua correntemente selezionata (vedere paragrafo
21.3). Negli esempi che seguono le indicazioni sono riportate in lingua inglese.

8.4.1 Illuminazione interna


Il display dotato di lampada interna, che consente la lettura delle indicazioni anche in
ambienti scarsamente illuminati o nottetempo.

La lampada interna si accende appena viene premuto un tasto. lo spegnimento pu essere


configurato mediante il parametro P.492: esso rappresenta il tempo massimo di accensione
della lampada dal rilascio dellultimo tasto premuto (in secondi). Impostando il parametro a
zero, la lampada resta sempre accesa.

NOTA: la pressione di un qualunque tasto a lampada spenta provoca solo laccensione di


questultima e non comporta lesecuzione dellazione predefinita del tasto stesso: per
ottenere questa azione il tasto deve essere nuovamente premuto.

Durante la fase davviamento del motore, la lampada automaticamente spenta per ridurre i
consumi della scheda, al fine di rendere disponibile maggiore autonomia alla scheda stessa
in caso di condizioni critiche della batteria dalimentazione. Quando il motore avviato, la
lampada sempre mantenuta accesa per favorire la leggibilit del visualizzatore (NB: il
motore deve essere stato avviato da DST2600 e non da dispositivi esterni).

Manuale Tecnico DST2600 29


EAAM016204IT

8.4.2 Modalit di visualizzazione


Il display prevede quattro modalit di visualizzazione, comandate dal tasto MODE/ACK ed
evidenziate dalle quattro spie a LED alla destra del display. Ad eccezione della modalit
MODE 1, sono previste pi pagine per ciascuna modalit: possibile selezionare tali
pagine con il tasto AUX/PROGRAM. Quando si passa da una modalit di visualizzazione
ad unaltra, viene mostrata lultima pagina precedentemente selezionata in quella modalit.

8.4.2.1 MODE 1

L1 400 10.1 50.0


6.97 0.0 1.00i

In questa modalit sono normalmente visualizzate le grandezze elettriche fondamentali del


generatore.

Fase: a sinistra della prima riga si ha lindicazione della fase (PHASE, L1 nel
disegno) cui si riferiscono la tensione e la corrente visualizzate nel resto della riga.
Con sistemi monofase la fase indicata sempre L1. Con sistemi trifase la fase
visualizzata varia ciclicamente secondo lordine L1, L2 e L3. NB: solo con versioni
firmware inferiori alla 00.03 possibile forzare la visualizzazione di una fase
premendo contemporaneamente i tasti AUX/PROGRAM e MODE/ACK
(nellordine): si blocca la rotazione e quindi resta visualizzata la fase attuale. In
questa situazione lindicazione della fase lampeggia.

Tensioni generatore: sempre sulla prima riga visualizzata la tensione del


generatore espressa in volt. Le tensioni sono visualizzate con al massimo tre cifre,
senza decimali. Sotto a 10V (cio sotto al 2% del valore massimo di fondo scala,
che di 525 V) la visualizzazione forzata a zero.

Per sistemi trifase viene visualizzata la tensione concatenata:

o L1-L2 se attualmente visualizzata la fase L1

o L2-L3 se attualmente visualizzata la fase L2

o L3-L1 se attualmente visualizzata la fase L3

Per sistemi monofase si visualizza invece la tensione tra fase e neutro.

Correnti generatore: nella prima riga al centro riportata la misura di corrente della
fase correntemente visualizzata, espressa in ampere. E visualizzata con due cifre
decimali se inferiore a 10 ampere, altrimenti con una sola cifra decimale. Sotto a
0.66A per la versione da 20kVA o sotto 1.2A per la versione da 40kVA (cio sotto al
2% dei rispettivi valori massimi, 33A e 62A) la visualizzazione forzata a zero.

Frequenza generatore: nella prima riga a destra indicata la frequenza della


tensione di generatore, relativa sempre alla fase L1 del generatore. E espressa in
hertz ed visualizzata con una cifra decimale.

30 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

Potenza attiva: nella seconda riga a sinistra vi lindicazione della potenza attiva
complessiva in kW erogata dal generatore. In caso di inversione di energia, la
potenza attiva assume il segno negativo. Se le correnti (o le tensioni) scendono fino
a non essere pi visualizzate (vedere sopra) la visualizzazione della potenza attiva
forzata a zero.

Potenza reattiva: nella seconda riga al centro vi lindicazione della potenza


reattiva complessiva in kvar erogata dal generatore.

Fattore di potenza: nella seconda riga a destra indicato il fattore di potenza


complessivo del carico connesso al generatore. A destra di esso compare una
lettera, che pu essere una i se il carico presenta caratteristiche
complessivamente induttive, una c se il carico presenta caratteristiche
complessivamente capacitive. Lindicazione normalmente ad un intero e due
decimali; al di sotto di 1/10 del valore di corrente massimo (cio sotto a 3.3A o a
6.2A rispettivamente per la versione a 20kVA o a 40kVA) la visualizzazione del
fattore di potenza forzata a uno. In caso di inversione di energia lindicazione
preceduta da un segno meno e non viene visualizzata la cifra degli interi.

Se il motore in una fase transitoria (avviamento, arresto, raffreddamento, cio non n


nello stato di avviato n nello stato di fermo), la prima riga alterna la visualizzazione delle
grandezze elettriche descritte sopra con la descrizione dello stato attuale del motore. Le
indicazioni possibile sono:

"CICLO DI ARRESTO ": ciclo di arresto in corso.

"INTERRUZ. ARRESTO ": il ciclo di arresto viene interrotto per un nuovo


avviamento.

"MOTORE NON FERMO ": il motore non si arrestato in seguito ad un ciclo di


arresto.

"PRERISCALDO ": e attivo il comando per il preriscaldo candelette per i motori


diesel, in attesa dellavviamento effettivo.

"VALVOLA COMB. ON": stato attivato il comando FUEL, ma non ancora il


comando START.

"TENT. AVVIAMENTO.": attivo il comando motore START (motorino


avviamento).

"PAUSA AVVIAMENTI ": fallito un tentativo davviamento ed in corso la pausa


prima del prossimo.

"VERIFICA IN MOTO ": stato rilasciato il tasto START (in MAN) senza che il
motore fosse riconosciuto avviato; si attende per qualche secondo per vedere se si
avvia o si spegne.

"ATTESA A REGIME ": il motore avviato; si attende che le grandezze elettriche


del generatore entrino nella finestra di tolleranza.

"RAFFREDDAMENTO ": ciclo di raffreddamento in corso

"LAVAGGIO": ciclo di lavaggio in corso.

ATTESA ARRESTO: ciclo di arresto in corso, ma terminato il tempo per larresto in


eccitazione.

"VELOCITA RIDOT.": il motore avviato ma attivo il comando di riduzione


velocit.

Manuale Tecnico DST2600 31


EAAM016204IT

In questa situazione, tenendo premuto il tasto AUX/PROGRAM si nascondono gli stati del
motore e tornano visibili le misure elettriche del generatore.

Alcuni degli stati descritti si verificano solo se sono stati appositamente programmati (es.
lavaggio o velocit ridotta).

Se attiva una qualsiasi anomalia, la seconda riga visualizza la descrizione della/e anomalie
attive. La descrizione visualizzata facendo ruotare il testo sulla seconda riga; se sono
attive pi anomalie sono visualizzate ciclicamente. In questa situazione, tenendo premuto il
tasto AUX/PROGRAM si nascondono le anomalie e tornano visibili le misure di potenza.

Soltanto se il dispositivo in OFF_RESET, premendo il tasto AUX/PROGRAM si accede


alla programmazione dei parametri.

Qualunque sia la modalit di visualizzazione, al sopraggiungere di unanomalia la


visualizzazione forzata su MODE 1.

8.4.2.2 MODE 2
In modalit MODE 2, premendo pi volte il tasto AUX/PROGRAM, possibile
visualizzare quattro differenti pagine contenenti misure relative al generatore ed alla rete:

Pagina 1:

Total kVA: 10.1


Phase sequ.: ---

Nella prima riga visualizzata la potenza apparente complessiva in kVA. Nella


seconda riga, con sistemi trifase, appare la dicitura CW (orario) o CCW
(antiorario) che indica il senso di rotazione della terna delle fasi del gruppo. Se il
sistema configurato come monofase, la dicitura sostituita da trattini (come
nellesempio).

Pagina 2:

1 0.0kVA 1.00i
0.0kW 0.0kvar

Questa pagina mostrata solo su sistemi trifase. Mostra le potenze relative alle
singole fasi, ciclicamente. Nella prima riga a sinistra visualizzata la fase attuale (1
nellesempio), seguita dalla potenza apparente di fase (in kVA), dal fattore di
potenza e dalla segnalazione del tipo di carico (i se induttivo, c se capacitivo). La
seconda riga mostra invece la potenza attiva (in kW) e la potenza reattiva (in kvar).
Se la potenza attiva e il fattore di potenza hanno segno negativo, siamo in presenza
di una inversione di energia sulla fase.

32 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

NB: se si blocca la rotazione delle fasi nella modalit MODE 1 (vedi 8.4.2.1),
risulter bloccata anche in questa pagina.

Pagina 3:

kWh: 13
kvarh: 1

Nella prima riga visualizzata lenergia attiva totale prodotta dal generatore in kWh.
Nella seconda riga visualizzato il contatore dellenergia reattiva complessiva
erogata dal generatore in kvarh. Entrambi i contatori sono azzerabili (vedere
paragrafo 21.4).

Pagina 4:

MAINS R S T Hz
399 398 396 50.0

Sulla seconda riga sono visualizzate le tre tensioni concatenate di rete, L1-L2, L2-
L3, L3-L1. Lindicazione in volt senza decimali. Se il sistema monofase la
seconda e la terza misura sono sostituite da trattini, mentre la prima indica la
tensione tra fase e neutro. Sulla destra visualizzata la frequenza della rete, in hertz
con un decimale.

8.4.2.3 MODE 3
In modalit MODE 3, premendo pi volte il tasto AUX/PROGRAM, possibile
visualizzare tre differenti pagine contenenti misure relative al motore:

Pagina 1:

START#/ BATTERY
224 13.4Vdc

Sulla seconda riga vengono visualizzati il numero complessivo di avviamenti del


motore (azzerabile, vedere paragrafo 21.4) andati a buon fine, sia manuali che
automatici, e la tensione della batteria di avviamento in volt con un decimale.

Manuale Tecnico DST2600 33


EAAM016204IT

Pagina 2:

HOUR ABS/PAR/MIS
51 48 -------

Nella seconda riga sono visualizzati tre contatori relativi alle ore di funzionamento
del motore. A sinistra il contatore delle ore complessive di funzionamento (ore
assolute, non azzerabile), al centro il contatore delle ore di funzionamento parziale
(come il precedente ma azzerabile, vedere paragrafo 21.4) e a destra il numero di
ore di funzionamento mancanti alla manutenzione (se impostate tramite il parametro
P.424, altrimenti sono visualizzati dei trattini).

Pagina 3

Bar C Lev%
3.8 82 32

Nella seconda riga sono visualizzati nellordine: la pressione dellolio lubrificante del
motore (in bar con un decimale), la temperatura del liquido refrigerante (in C senza
decimali) ed il livello del combustibile (come percentuale sul serbatoio pieno).

Queste misure sono disponibili solo se sono stati opportunamente configurati gli
ingressi analogici di misura (vedere paragrafo 19). Se una o pi misure non sono
disponibili poich non configurate, lindicazione sostituita con dei trattini.

8.4.2.4 MODE 4
In modalit MODE 4, premendo pi volte il tasto AUX/PROGRAM, possibile
visualizzare quattro differenti pagine:

Pagina 1

STATUS
Inhib. from I/O

34 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

Sulla seconda riga possono essere visualizzati alcuni stati. Se nessuno stato
attivo, la seconda riga risulta vuota. Se sono attivi pi stati, essi vengono alternati
ciclicamente ogni 2 secondi. Questa pagina disponibile solo dalla revisione 00.06
della scheda e gli stati visualizzabili sono:

o Inibizione allintervento automatico del generatore richiesta tramite ingresso


digitale.

o Inibizione allintervento automatico del generatore in determinate fasce


orarie preconfigurate.

o Generatore forzato a lavoro anche in presenza di rete (modalit


AVVIAMENTO REMOTO, vedere nel seguito).

Pagina 2

BOARD H.: 135


SN: 000009FBF4F9

Sulla prima riga indicato il numero complessivo di ore di funzionamento di


DST2600 (quando cio alimentato), sulla seconda riga indicato un codice
alfanumerico a 12 cifre univoco per ogni dispositivo (serial number).

Pagina 3

CLOCK 08:29:57
31/01/2008 ]

In questa pagina visualizzato lorologio della scheda (vedi 9). La data ora
lampeggia per indicare che lorologio non ancora stato configurato da
quando DST2600 stato acceso.

Pagina 4

GSM: idle
Vodafone [### ]

Manuale Tecnico DST2600 35


EAAM016204IT

La prima riga mostra la risorsa di comunicazione attualmente collegata alla porta


seriale. Pu essere:

- RS232: si sta utilizzando un collegamento RS232 o RS485.

- Modem: alla porta seriale collegato un modem analogico. Il resto della riga
mostra lo stato del modem (a riposo, chiamata entrante, chiamata uscente ecc.)

- GSM: alla porta seriale collegato un modem gsm. Il resto della riga mostra lo
stato del modem (a riposo, chiamata entrante, chiamata uscente ecc.). La
seconda riga mostra loperatore gsm su cui registrato il modem e il livello di
segnale attuale (da una a quattro tacche).

9. Orologio
DST2600 gestisce al suo interno un orologio / calendario. Attenzione: non esiste un vero
orologio hardware interno, quindi quando si toglie alimentazione alla scheda, alla successiva
ri-accensione sar il 01/01/2000, alle ore 00:00:00. In questo caso la data/ora
considerata non valida (e in certi casi questa situazione comporta lattivazione di un
preallarme). La data/ora considerata valida solo quando si modifica lorologio (anche solo
per confermare la data/ora attuale). Questa operazione pu essere fatta tramite la porta
seriale (tramite il programma SicesSupervsor) o manualmente tramite la procedura di
programmazione (vedi 15): lanno, il mese, il giorno ecc. sono infatti dei normali parametri di
configurazione di DST2600.

Lorologio utilizzato per due funzioni fondamentali:

La prova periodica.

Linibizione dellintervento automatico del motore in determinate fasce orarie.

Entrambe saranno descritte nel seguito.

10. Test (avviamento in prova del motore)


DST2600 permette di eseguire delle prove di avviamento del gruppo elettrogeno (TEST), in
modo da verificarne lefficienza e di garantire che le parti interne del motore rimangano
correttamente lubrificate. La prova pu essere effettuata:

Su comando diretto delloperatore.

Su comando da ingresso digitale.

Automaticamente (prova periodica).

Su comando da porta seriale.

Su comando da SMS.

Per eseguire la prova, DST2600 deve essere in modalit AUTO.

Il comando di inibizione allavviamento non influenza lo svolgimento della prova.

Se durante il test la rete viene a mancare e sussistono le condizioni di frequenza e tensione


del gruppo, il dispositivo effettua la commutazione dei carichi, e ritorna al normale
funzionamento automatico.

Durante il TEST, se le condizioni di erogazione del gruppo lo consentono, premendo il tasto


KM/KG le utenze vengono commutate dalla rete al gruppo e viceversa.

36 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

10.1 Comando manuale


Premendo il tasto START con DST2600 in AUTO il motore inizia la sequenza di
avviamenti automatici. Premere il tasto STOP per terminare la prova e ritornare al normale
funzionamento automatico.

10.2 Comando da ingresso digitale


E identico alla prova da comando manuale salvo che il comando dato mediante
lattivazione di un ingresso digitale appositamente configurato (un ingresso deve essere
configurato come 26-richiesta avviamento in prova, vedere paragrafo 16.1). In questo caso,
per interrompere la prova necessario disattivare lingresso (la pressione del tasto STOP
provoca lattivazione di un blocco sul dispositivo).

10.3 Prova periodica


Per attivare la prova periodica occorre configurare alcuni parametri sulla scheda. La
procedura cambiata dalla versione 00.06 della scheda.

Fino alla versione 00.05: occorre impostare i parametri P.419 e P.420. Il parametro
P.419 un tempo in ore: lintervallo tra una accensione in prova e la successiva. Il
tempo calcolato dal momento in cui il parametro impostato; per le prove
successive calcolato dallinizio del prova precedente (cio la durata della prova
non influenza il periodo di ripetizione della stessa). Il parametro P.420 un tempo in
minuti: la durata della prova stessa.

Dalla versione 00.06: i parametri da impostare diventano 3:

o P.418: permette di selezionare uno o pi giorni della settimana nei quali


deve essere effettuata la prova (ovviamente se il parametro a zero la
prova non viene mai fatta). A ciascun giorno della settimana associato un
valore: in P.418 si deve impostare la somma dei valori associati ai giorni di
interesse.

Giorno Valore

Domenica 1

Luned 2

Marted 4

Mercoled 8

Gioved 16

Venerd 32

Sabato 64

Impostando per esempio 42 la prova verr fatta il luned, il mercoled ed il


venerd (42 2 + 8 + 32)

o P.419: permette di impostare un orario (tra le 00:00 e le 23:59) al quale


deve cominciare la prova.

o P.420: permette di indicare la durata della prova in minuti (se 0 la prova non
viene mai fatta).

Manuale Tecnico DST2600 37


EAAM016204IT

10.4 Comando da porta seriale


E identico alla prova da comando manuale salvo che il comando dato attraverso la porta
seriale (da un PC o da altri dispositivi). Per interrompere la prova necessario dare il
comando opposto attraverso la porta seriale (la pressione del tasto STOP provoca
lattivazione di un blocco sul dispositivo). Se il collegamento seriale si interrompe durante la
prova, la scheda torna al normale funzionamento automatico.

10.5 Comando via SMS


Loperatore pu attivare una prova inviando uno SMS contenente un testo specifico (vedi
documento EAAS0180xx). Allo stesso modo pu interrompere la prova. NB: la prova pu
essere avviata in questo modo solo se il parametro P.420 (durata prova) ha un valore
diverso da zero: infatti, non essendoci la certezza che arrivi lo SMS per interrompere la
prova, necessario utilizzare questo parametro come tempo massimo, oltre il quale la prova
comunque interrotta.

11. Sequenze di funzionamento


11.1 Protezioni gruppo
DST2600 dispone di numerose protezioni, a salvaguardia sia del generatore sia del motore.
Alcune protezioni sono definite come valore limite della grandezza alla quale si riferiscono,
altre sono invece espresse come percentuale rispetto ad un valore nominale. Lelenco
completo dei parametri di gestione delle protezioni contenuto nel documento EAAM0147xx
(xx il numero di revisione del documento), allegato al dispositivo. Nel seguito del manuale
verranno trattate le protezioni fondamentali (par. 17).

11.2 Disabilitazione protezioni


Secondo limplementazione del tipo di intervento che esse presentano, le modalit per
disabilitare le protezioni cambiano: pu essere necessario impostare un particolare valore di
una soglia oppure semplicemente deselezionare la protezione stessa. Nel documento
EAAM0147xx (tabella parametri) contenuta una tabella dettagliata con i parametri ed i
valori da inserirvi per disabilitare ogni singola protezione (Valori per disabilitare le
protezioni).

11.3 Modalit di funzionamento


DST2600 prevede cinque modalit di funzionamento, selezionabili con i tasti cursore
(paragrafo 8.3.1) e con i tasti START e STOP:

OFF_RESET: il gruppo fermo (o in fase darresto), le anomalie sono tutte


annullate ed possibile accedere alla programmazione per modificare i parametri.

MAN: lavviamento del gruppo e la commutazione delle utenze sul generatore sono
a carico delloperatore (la scheda non esegue automaticamente queste operazioni).
Larresto del gruppo e la commutazione delle utenze sulla rete sono normalmente a
carico delloperatore; siccome le protezioni sono attivate, la scheda pu in ogni caso
commutare automaticamente le utenze sulla rete se il generatore non in tolleranza
e allo stesso modo pu arrestare il motore se insorge qualche anomalia che lo
richiede.

AUTO: lavviamento e larresto del gruppo, oltre alla commutazione delle utenze,
sono gestiti della scheda (loperatore non pu intervenire). Tutte le protezioni sono
abilitate.

38 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

TEST: questo modo di funzionamento pressoch identico al AUTO. Differisce


nel fatto che il motore in ogni caso avviato (automaticamente) anche in presenza
della rete. In ogni caso, loperatore ha la facolt di commutare manualmente le
utenze. La scheda passa automaticamente da TEST ad AUTO se si verificano le
condizioni per un intervento automatico del gruppo. Per i dettagli sulla modalit
TEST vedere paragrafo 10).

AVVIAMENTO REMOTO: questo modo di funzionamento pressoch identico al


AUTO. Differisce solo nel fatto che il motore in ogni caso avviato
(automaticamente) anche in presenza della rete. Le utenze sono automaticamente
commutate sul generatore e loperatore non ha la facolt di commutarle
manualmente sulla rete. La modalit di avviamento remoto pu essere attivata solo
con la scheda in AUTO, senza blocchi e con la rete presente. E attivabile in due
modi:

o Configurando un ingresso con la funzione 17 Richiesta avviamento


remoto. Quando lingresso va a lavoro, si attiva la modalit avviamento
remoto, quando lingresso va a riposo la scheda torna in AUTO.

o Tramite comando da porta seriale o da SMS. In questo caso, il comando


viene accettato solo se esiste un ingresso digitale configurato con la
funzione 29 Abilitazione avviamento remoto e se attivo (non appena
tale ingresso si disattiva, la scheda torna in AUTO anche se non ha ricevuto
il comando opposto dalla porta seriale o via SMS).

La modalit di AVVIAMENTE REMOTO prioritaria rispetto al TEST (cio


interrompe un eventuale prova in corso). La scheda comunque torna in AUTO se
manca rete.

11.4 Rete
DST2600 acquisisce la tensione di rete dellimpianto (monofase o trifase), al fine di
comandare avviamenti e arresti automatici del motore (e commutazione delle utenze) in
caso danomalie sulla rete stessa (AMF Automatic Mains Failure). La misura delle tensioni
concatenate di rete effettuata a valore medio in quanto sulla rete la distorsione sulla forma
donda in linea di massima trascurabile. La scheda esegue anche una misura della
frequenza di rete al solo scopo di visualizzazione.

Ci sono vari parametri che influenzano la gestione della tensione di rete:

P.101: indica se la rete ed il generatore sono trifase (3) o monofase (1).

P.102: tensione nominale di rete e generatore (in volt). Occorre impostare la


tensione nominale concatenata per sistemi trifase, quella di fase per sistemi
monofase. Le soglie sono espresse in percentuale rispetto ad essa. Le misure
vengono comunque effettuate e visualizzate, qualunque sia il valore di P.102.

P.202: isteresi applicata a tutte le soglie associate alla tensioni di rete e generatore.
E un valore percentuale rispetto a P.102.

P.203: soglia (percentuale rispetto a P.102) di bassa tensione di rete (sotto la quale
la rete considerata anomala e viene acceso il gruppo).

P.204: soglia (percentuale rispetto a P.102) dalta tensione di rete (sopra la quale la
rete considerata anomala e viene acceso il gruppo).

Manuale Tecnico DST2600 39


EAAM016204IT

Facciamo un esempio pratico sulle varie soglie utilizzate, con i valori di default per i
parametri sopra citati. Consideriamo una tensione nominale (P.102) di 400 V. La minima
tensione di rete in volt relativa al valore di default (80) per P.203 di 320V. La massima
tensione di rete in volt relativa al valore di default (110) per P.204 440 V. Listeresi relativa
ad un valore di 2.5 per P.202 10V. Considerando questi valori sidentificano le seguenti
fasce:

0 V .
Fascia A: assente
70 (80-10) V .
Fascia B: isteresi
80 V .
Fascia C: bassa
320 V .
Fascia D: isteresi
330 (320+10) V .
Fascia E: in tolleranza
430 (440-10) V .
Fascia F: isteresi
440 V .
Fascia G: alta
xxx V .

Si utilizza una soglia fissa di 80V (non configurabile) per definire quando la tensione di rete
considerata presente o assente, con unisteresi fissa di 10 volt verso il basso. In pratica la
rete presente se la tensione supera gli 80 V, assente se la tensione inferiore ai 70 V,
mantiene lo stato precedente tra le due soglie. Inoltre, alle due soglie configurabili (320V e
440V) si applica listeresi configurata interamente nella direzione per lingresso in soglia.
Questo significa che la tensione fuori tolleranza se esterna alle soglie P.203 e P.204, in
tolleranza se interna alle soglie P.203+isteresi e P.204-isteresi, altrimenti mantiene lo stato
precedente.

Se la tensione si trova nelle fasce B,D,F mantiene lo stato che aveva in precedenza
(isteresi). Per esempio se la tensione si trovava in fascia E ed ora si trova in fascia D,
considerata comunque In tolleranza. Se invece si trovava in fascia C ed ora si trova in
fascia D, considerata Bassa.

Tali stati sono gestiti a livello di singola fase. Per un sistema trifase, al fine di diagnosticare
lo stato globale della rete si utilizzano i seguenti algoritmi, computati nellordine con cui
sono presentati:

se tutte e tre le fasi sono nello stato di Assente, anche lo stato globale Assente.

se tutte e tre le fasi sono nello stato di In tolleranza, anche lo stato globale In
tolleranza.

se almeno una fase nello stato Alta, anche lo stato globale Alta.

se nessuna delle condizioni precedenti verificata, lo stato globale Bassa.

Ai fini della gestione automatica del generatore, landamento della rete pu essere descritto
in tre fasi:

a) Stabilmente fuori tolleranza: lo stato globale della rete deve essere diverso da In
tolleranza consecutivamente per il tempo configurato in P.206 (se il generatore non
in tolleranza, altrimenti per due secondi fissi). Se DST2600 in AUTO, la scheda
provvede ad avviare il motore e a commutare le utenze sul generatore. La spia
MAINS LIVE spenta se la tensione Assente, altrimenti lampeggia.

40 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

b) Stabilmente presente: lo stato globale della rete deve essere In tolleranza


consecutivamente per il tempo configurato in P.205 (se il dispositivo in modalit
AUTO, altrimenti immediatamente). Se il dispositivo in modalit AUTO, la
scheda provvede a commutare le utenze sulla rete e a spegnere il motore (con ciclo
di raffreddamento). La spia MAINS LIVE accesa fissa.

c) Transitorio: si sta passando dalla fase a alla fase b o viceversa. La spia MAINS
LIVE lampeggia.

Sul pannello frontale sono visualizzate solo le fasi a, b e c utilizzando la spia MAINS
LIVE. Non sono invece visualizzati in alcun modo gli stati Assente ecc. globali e per le
singole fasi: sono comunque leggibili con il protocollo ModBus dalla porta seriale (solamente
se lopzione porta seriale presente).

11.5 Generatore
DST2600 esegue la misurazione delle tensioni concatenate e delle correnti di gruppo a vero
valore efficace (true RMS o TRMS). Le potenze sono calcolate di conseguenza.

Il valore indicato pertanto indipendente dalla forma donda effettiva della tensione e della
corrente. In caso di misure effettuate con strumenti esterni su forme donda particolarmente
distorte, specialmente per quanto riguarda le correnti, se lo strumento impiegato non esegue
la misura a vero valore efficace ma a valore medio lindicazione che esso d pu differire
anche notevolmente.

Se il valore di una o pi correnti superiore al valore nominale dei TA interni, cio


maggiore di 60A o di 30A rispettivamente per la versione da 40 e 20kVA, il o i corrispondenti
segnali sinusoidali nella catena di elaborazione di DST2600 possono arrivare a saturare ad
un valore limite e pertanto essere tosati dei valori di picco. DST2600 in questa situazione
non esegue pi per esse la misura TRMS ma passa ad un algoritmo che, sebbene a spese
della precisione di misura, consente di calcolare comunque il valore della corrente. Questo
avviene ad esempio in caso di forte sovraccarico o di cortocircuito di una o pi fasi del
generatore, situazioni in cui scorrono violente correnti. Il metodo di calcolo utilizzato
consente comunque la misura e lintervento delle relative protezioni di DST2600 a
salvaguardia del generatore.

DST2600 acquisisce la tensione (monofase o trifase) e la frequenza del generatore al fine di


proteggere le utenze e il generatore stesso da funzionamenti al di fuori delle soglie di
tolleranza. Per le connessioni riferirsi al paragrafo 4.5. Per sistemi trifase la misura della
frequenza effettuata sulla tensione concatenata L1-L2.

11.5.1 Frequenza
Ci sono vari parametri che influenzano la misura della frequenza:

P.105: frequenza nominale del generatore. Le soglie sono espresse in percentuale


rispetto ad essa.

P.228: soglia (assoluta in Hz) sotto alla quale si considera che il motore sia fermo.

P.229: soglia (assoluta in Hz) sopra la quale si considera che il motore sia avviato.

P.305: soglia (percentuale rispetto a P.105) di bassa frequenza (sotto alla quale le
utenze non possono essere collegate al generatore).

P.307: soglia (percentuale rispetto a P.105) dalta frequenza (sopra la quale le


utenze non possono essere collegate al generatore).

Manuale Tecnico DST2600 41


EAAM016204IT

P.331: soglia (percentuale rispetto a P.105) di massima frequenza (sopra la quale il


motore deve essere fermato perch si rischia di danneggiare sia esso sia
lalternatore).

Facciamo un esempio pratico sulle varie soglie utilizzate, con i valori di default per i
parametri sopraccitati. Consideriamo una frequenza nominale (P.105) di 50 Hz. La soglia
relativa al valore di default (90) per P.305 di 45Hz. La soglia relativa al valore di default
(110) per P.307 55 Hz. La soglia relativa al valore di default (120) per P.331 60 Hz. Per
default i parametri P.228 e P.229 contengono zero (per disabilitare il riconoscimento del
motore avviato da frequenza). Per completezza, in questesempio consideriamo per che la
soglia per riconoscere il motore avviato sia 10 Hz e quella per riconoscere il motore fermo
sia 5 Hz. Considerando questi valori sidentificano le seguenti fasce:

0 Hz .
Fascia A: assente
5 Hz .
Fascia B: isteresi
10 Hz .
Fascia C: bassa
45 Hz .
Fascia D: in tolleranza
55 Hz .
Fascia E: alta
60 Hz .
Fascia F: Massima
xxx Hz .

Come si vede, lunica fascia disteresi gestita quella per diagnosticare gli stati di motore
fermo o in moto. Le fasce E ed F sono indifferenti; sono implementate per semplificare gli
algoritmi di gestione.

Le soglie P.305, P.307 e P.331 sono utilizzate anche per gestire le protezioni
generatore/motore sulla frequenza. Il ritardo di intervento delle protezione di minima
frequenza impostabile con P.302. Il ritardo per la massima frequenza impostabile con
P.0304. Il ritarto per la sovravelocit da frequenza fisso. Le protezioni sono disabilitabili
impostando rispettivamente la soglia P.305 a 0% e le soglie P.307 e P.331 al 200%.

11.5.2 Tensioni
Ci sono vari parametri che influenzano la misura delle tensioni del generatore:

P.101: indica se il sistema trifase (3) o monofase (1). NB: seleziona anche il
numero di fasi della rete.

P.102: tensione nominale generatore e rete. Occorre impostare la tensione nominale


concatenata per sistemi trifase, quella di fase per sistemi monofase. Le soglie sono
espresse in percentuale rispetto ad essa. NB: seleziona anche la tensione nominale
della rete.

P.202: isteresi applicata a tutte le soglie associate alla tensione di generatore e rete.
E un valore percentuale rispetto a P.102. NB: seleziona anche listeresi per la
tensione della rete.

P.226: soglia (assoluta in volt) al di sotto della quale si considera che il motore sia
fermo.

P.227: soglia (assoluta in volt) al di sopra della quale si considera che il motore sia
avviato.

P.301: soglia (percentuale rispetto a P.102) di bassa tensione generatore (al di sotto
della quale le utenze non possono essere commutate sul generatore).

42 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

P.303: soglia (percentuale rispetto a P.102) dalta tensione generatore (al di sopra
della quale le utenze non possono essere commutate sul generatore).

Facciamo un esempio pratico sulle varie soglie utilizzate, con i valori di default per i
parametri sopraccitati. Consideriamo una tensione nominale (P.102) di 400 V. La minima
tensione in volt relativa ad un valore di 75 per P.301 di 300V. La massima tensione in volt
relativa ad un valore di 112.5 per P.303 450 V. Listeresi relativa ad un valore di 2.5 per
P.202 10V. I valori di default per P.226 e P.227 sono rispettivamente 70 e 80 V.
Considerando questi valori sidentificano le seguenti fasce:

0 V .
Fascia A: Assente
70 V .
Fascia B: Isteresi
80 V .
Fascia C: Bassa
300 V .
Fascia D: Isteresi
310 (300+10) V .
Fascia E: In tolleranza
440 (450-10) V .
Fascia F: Isteresi
450 V .
Fascia G: Alta
xxx V .

Alle due soglie configurabili (300V e 450V) si applica listeresi interamente nella direzione
per lingresso in soglia. Questo significa che la tensione fuori tolleranza se esterna alle
soglie P.301 e P.303, in tolleranza se interna alle soglie P.301+isteresi e P.303-isteresi,
altrimenti mantiene lo stato precedente.

Se la tensione si trova nelle fasce B,D,F mantiene lo stato che aveva in precedenza
(isteresi). Per esempio se la tensione si trovava in fascia E ed ora si trova in fascia D,
considerata comunque In tolleranza. Se invece si trovava in fascia C ed ora si trova in
fascia D, considerata Bassa.

Tali stati sono gestiti a livello di singola fase. Per un sistema trifase, al fine di diagnosticare
lo stato globale della tensione si utilizzano i seguenti algoritmi, computati nellordine con cui
sono presentati:

se tutte e tre le fasi sono nello stato di Assente, anche lo stato globale Assente.

se tutte e tre le fasi sono nello stato di In tolleranza, anche lo stato globale In
tolleranza.

se almeno una fase nello stato Alta, anche lo stato globale Alta.

se nessuna delle condizioni precedenti verificata, lo stato globale Bassa.

Le soglie P.301 e P.303 sono utilizzate anche per gestire le protezioni generatore sulla
tensione. Tali protezioni possono essere disabilitate singolarmente ponendo rispettivamente
P.301 allo 0% e P.303 al 200%.

Manuale Tecnico DST2600 43


EAAM016204IT

11.6 Massima corrente


DST2600 realizza una protezione in corrente tempo-dipendente (che interviene perci tanto
pi velocemente quanto pi alto il sovraccarico in corrente). La curva utilizzata
2
denominata EXTREMELY INVERSE con funzione I t. Si configura come protezione
generatore perch in realt pone un limite allaccumulo termico del generatore in fase
derogazione. Come protezione motore si utilizza quella sulla potenza massima, che
indipendente dalla tipologia del carico.

Lintervento della protezione genera lanomalia 06-Massima corrente, configurabile come


blocco o come disattivazione utilizzando il parametro P.323.

Si definisce un valore massimo di corrente e un tempo massimo sopportabile dal generatore


per questa corrente. Se la corrente resta sotto la soglia stabilita, la protezione non interviene
mai. Se sale sopra alla soglia, scatta con un tempo inversamente proporzionale allentit del
superamento. Per stabilire le soglie occorre cos procedere:

Stabilire la corrente nominale del sistema. Essa ricavabile dalla potenza nominale
(P.106) e dalla tensione nominale (P.102) del sistema:

P.106
o Sistema monofase: I nom =
P.102

o Sistema trifase: I nom =


(P.106 3 )
P.102

3
Per esempio su un sistema trifase a 400V da 20 kVA, la corrente nominale
risulta circa 29A.

Impostare la soglia massima di corrente con il parametro P.309, come percentuale


rispetto alla corrente nominale. Nellesempio precedente, volendo impostare 40 A
come soglia massima, dovremmo scrivere 137 (%) in P.309.

Impostare un tempo per lintervento in P.310: la protezione scatter nel tempo


indicato se la corrente costantemente pari alla soglia P.309 moltiplicata per 2 .
Impostando per esempio 10 s, nellesempio di cui sopra la protezione scatter in 10
secondi se la corrente 56 A circa, scatta pi velocemente se la corrente
maggiore, pi lentamente se minore, non scatta se inferiore ai 40 A.

Per calcolare il tempo dintervento con una determinata corrente, utilizzare la seguente
formula:

P.310
tI = 2
I
1
P.309
Dove I rappresenta la corrente che circola nel circuito.

44 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

E da tenere presente che la protezione realizzata effettuando lintegrale del valore della
corrente nel tempo, per cui tutti i valori di corrente sopra la soglia nominale concorrono a
determinare il tempo dintervento, con il loro peso istantaneo dato dalla relazione riportata
sopra. La relazione perci verificabile sperimentalmente passando istantaneamente da
una condizione di carico normale alla condizione di sovraccarico.

Segue un grafico che mostra la curva utilizzata dalla scheda per attivare la protezione con
un valore di P.310 pari a 60 secondi (I indica la corrente massima):

Tempo intervento

1000
Tempo
intervento

100
Tempo intervento secondi

10

0,1
1 10
Multipli di I

Questa protezione abilitata solo se il motore stato avviato dalla scheda (comando
elettrovalvola combustibile attivato) ed disabilitata nelle fasi di avviamento e arresto del
motore.

11.7 Inibizione allintervento automatico del generatore


E possibile impedire lintervento automatico del gruppo elettrogeno per mancanza rete in
due modi differenti:

Configurando un ingresso digitale con il codice 25-Inibizione allavviamento (vedi


paragrafo 16.1): quando lingresso attivato, il motore non verr avviato neanche in
caso di anomalia sulla tensione di rete; se attivato con gruppo in moto per
mancanza rete, viene eseguito il ciclo di arresto. In pratica esso corrisponde ad una
simulazione della presenza della rete.

Configurando dei giorni della settimana e delle fasce orarie (fattibile solo dalla
versione 00.06 della scheda). In questo caso, quello che si configura sono i giorni e
le fasce orarie in cui il generatore pu intervenire in caso di mancanza rete:
linibizione sar attiva fuori dalle fasce orarie e nei giorni non indicati. La funzione si
configura con 3 nuovi parametri:

Manuale Tecnico DST2600 45


EAAM016204IT

o P.0421 - Calendario di lavoro settimanale. Permette di selezionare uno o


pi giorni allinterno della settimana: nei giorni non selezionati non sar
consentito lintervento automatico del gruppo (vedi 10.3 per il valore del
parametro uguale a P.418). I valori 127 e 0 abilitano lintervento
automatico in tutti i giorni della settimana (negli orari configurati).

o P.0422 Orario di inizio lavoro.

o P.0423 Orario di fine lavoro.

Nei giorni selezionati con P.0421, lintervento automatico del generatore consentito
solo allinterno dalla fascia oraria configurata da P.0422 e P.0423.

Se i due orari sono impostati allo stesso valore (tipicamente 00.00), lintervento
automatico del generatore consentito per tutta la giornata.

Se lorario P.0422 maggiore di P.0423, significa che la fascia oraria di abilitazione


a cavallo della mezzanotte.

Quando lintervento automatico inibito da questa funzione, un chiaro messaggio


mostrato in una delle pagine della modalit MODE 4.

Questa funzione pu essere utilizzata quando si vuole impedire che il gruppo si attivi in
mancanza di rete, ed gestita solo nella modalit AUTO

Il comando non ha effetto in modalit MAN e non impedisce gli avviamenti in prova e per
AVVIAMENTO REMOTO; la sua attivazione segnalata dalla spia MAINS LIVE,
lampeggiante anche in presenza della rete.

11.8 Motore
DST2600 in grado di avviare, arrestare e proteggere il motore con una serie di soglie sulle
misure acquisite (pressione, temperatura, velocit ecc.). Prima di descrivere le sequenze di
gestione del motore stesso, necessario definire in che modo la scheda determina lo stato
di motore avviato.

11.8.1 Riconoscimento dello stato di motore avviato / fermo


DST2600 utilizza fino a quattro possibili modi per determinare se il motore avviato:

Attraverso il segnale D+ di eccitazione dellalternatore caricabatteria del motore.


DST2600 verifica se la tensione su questo segnale superiore ad una soglia interna
(non configurabile). Questo controllo non utilizzato se il segnale D+ non
disponibile (parametro P.115 a zero) oppure se non impiegato per il
riconoscimento del motore avviato (par. P.115 a 2).

Se i contatti di bassa e/o minima pressione olio non sono attivi. Questo controllo non
utilizzato se il parametro P.232 a zero (cio se si configura esplicitamente di non
usarlo in quanto abilitato per default, vedere la nota seguente) oppure se nessun
ingresso digitale configurato per acquisire i contatti di bassa e minima pressione
olio.

Se la tensione misurata su almeno una fase del generatore superiore alla soglia
P.227. Questo controllo non utilizzato se questa soglia o la soglia P.226 sono a
zero.

Se la frequenza misurata sul generatore superiore alla soglia P.229. Questo


controllo non utilizzato se questa soglia o la soglia P.228 sono a zero.

46 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

Per considerare il motore in moto, a DST2600 basta che almeno una delle condizioni
precedenti sia verificata consecutivamente per 0,2 secondi. La scheda disattiva il comando
del motorino davviamento (e ne impedisce una nuova attivazione) se diagnostica il motore
in moto. Le condizioni sono singolarmente disabilitabili; prestare attenzione che almeno una
delle condizioni resti attiva. Inoltre:

NOTA IMPORTANTE: nei dispositivi dotati di interruttore di macchina o se presente


un interruttore esterno, se esso viene lasciato aperto non si ha pi il rilevamento del
motore avviato da tensioni e frequenza. Pertanto, per evitare potenziali danni al
motorino di avviamento durante il funzionamento automatico in questa situazione
(possibile ad esempio per dimenticanza o per un precedente intervento della
protezione termica dellinterruttore per sovraccarico), assolutamente necessario
abilitare il riconoscimento del motore avviato anche da segnale +D o dai contatti di
pressione dellolio (il D+ a questo scopo abilitato di default).

Allo stesso modo le condizioni per dichiarare il motore fermo sono:

La tensione del segnale D+ dellalternatore caricabatteria del motore inferiore ad


una soglia interna (non configurabile). Questo controllo non utilizzato se il segnale
D+ non disponibile (parametro P.115 a zero) oppure se non impiegato per il
riconoscimento del motore avviato (par. P.115 a 2).

Se i contatti di bassa e/o minima pressione olio sono attivi. Questo controllo non
utilizzato se il parametro P.232 a zero (cio se si configura esplicitamente di non
usarlo) oppure se nessun ingresso digitale configurato per acquisire i contatti di
bassa e minima pressione.

Se la tensione misurata su almeno una fase del generatore inferiore alla soglia
P.226. Questo controllo non utilizzato se questa soglia o la soglia P.227 sono a
zero.

Se la frequenza misurata sul generatore inferiore alla soglia P.228. Questo


controllo non utilizzato se questa soglia o la soglia P.229 sono a zero.

Il motore considerato fermo se tutte le condizioni precedenti sono verificate (tutte quelle
non disabilitate) consecutivamente per cinque secondi.

11.9 Comandi motore


Il dispositivo gestisce due comandi diretti e separati per la gestione del motore:

START: comando per il motorino davviamento.

FUEL: comando per lelettrovalvola combustibile. Pu essere configurata per


sistemi con arresto in diseccitazione o in eccitazione (vedere paragrafo 4.10.1).

Altri due comandi sono gestiti solo se una delle uscite ausiliarie a rel configurata
appositamente (vedere paragrafo 16.2). Tali comandio sono:

PREHEAT: comando per il preriscaldo candelette.

ENABLE: simile al comando FUEL (quando configurato larresto in


diseccitazione), ma pu essere ritardato da esso.

Manuale Tecnico DST2600 47


EAAM016204IT

11.10 Avviamento manuale


La descrizione seguente relativa a sistemi con arresto in diseccitazione. La
descrizione degli stati analoga anche per i sistemi con arresto in eccitazione salvo
che il comando FUEL dato solo durante il ciclo di arresto.

Con il dispositivo in MAN, tenendo premuto il tasto START sul pannello sinizia un ciclo di
avviamento manuale. Durante tutto il ciclo di avviamento valgono le seguenti regole:

Se insorge una richiesta darresto il ciclo di avviamento viene interrotto e viene


avviato un ciclo di arresto automatico.

Se si rilascia il tasto START prima che sia stato diagnosticato lo stato di motore
avviato, il dispositivo attende per 10 secondi con il comando FUEL attivato per
vedere se il motore si avvia. Dopo 10 secondi, se il motore fermo, il comando
FUEL viene tolto.

Se si diagnostica lo stato di motore avviato il ciclo termina.

Allinizio del ciclo, viene attivato il comando FUEL ed il comando ENABLE senza il
comando START. Questo perch alcune elettrovalvole presentano un problema meccanico
per il quale si bloccano se c flusso di combustibile (dovuto allazione del motorino
davviamento) durante lapertura, problema che in questo modo viene evitato.

Se configurato il ciclo di preriscaldo (P.209 diverso da 0) questa situazione viene


mantenuta per il tempo impostato (durante questo tempo se configurato il comando
PREHEAT, esso viene attivato NB: il ciclo di preriscaldo viene gestito anche se non
configurato il comando PREHEAT). Se invece P.209 impostato a zero, allora questa
condizione dura per circa 0,2 secondi, tempo necessario ad impedire il problema
sullelettrovalvola.

Dopodich, viene disattivato leventuale comando PREHEAT e vengono attivati


contemporaneamente i comandi START, FUEL e ENABLE (gi presenti) per procedere
allavviamento del motore. In questa fase la scheda sorveglia lo stato di motore avviato (vedi
paragrafi precedenti) al fine di disattivare il prima possibile il comando START, per evitare
che il motorino davviamento venga trascinato dal motore.

NB: se nellistante in cui si preme il tasto START il motore gi in moto (se stato avviato
da un altro dispositivo o se non si fermato al precedente ciclo di arresto possibile solo
con sistema di arresto in eccitazione o se lelettrovalvola non chiude correttamente), la
scheda non attiva i comandi START e PREHEAT ma attiva solo i comandi FUEL e
ENABLE, e il ciclo di avviamento termina immediatamente.

11.11 Arresto manuale


Con il dispositivo in MAN, premendo il tasto STOP sul pannello, sinizia un ciclo di arresto
manuale. NB: il ciclo di arresto viene eseguito anche se si preme STOP a motore gi
fermo.

Durante questo ciclo, se presenti, vengono tolti i comandi START e PREHEAT. Per
sistemi con arresto in diseccitazione viene tolto anche il comando FUEL, mentre per
sistemi con arresto in eccitazione esso viene attivato. Il comando ENABLE resta attivo.

A questo punto si attende larresto del motore. La durata di questa attesa configurabile con
il parametro P.214 (durata ciclo di arresto). NB: per i sistemi con arresto in eccitazione, il
comando FUEL viene mantenuto per il tempo configurato con P.214, anche se il motore si
ferma prima. Al termine del tempo P.214 viene tolto il comando ENABLE.

48 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

Se durante la fase di arresto si preme nuovamente START, vengono disattivati tutti i


comandi motore per circa 0,2 secondi, quindi si procede ad un nuovo ciclo di avviamento
manuale.

11.12 Avviamento automatico


La descrizione seguente relativa a sistemi con arresto in diseccitazione. La
descrizione degli stati analoga anche per i sistemi con arresto in eccitazione salvo
che il comando FUEL dato solo durante il ciclo di arresto.

La gestione automatica del motore utilizzata nelle modalit AUTO e TEST e


AVVIAMENTO REMOTO. Non esiste alcuna differenza nella sequenza del motore tra le tre
modalit: le differenze sono nella gestione delle protezioni e della commutazione.

Il motore avviato automaticamente se non ci sono blocchi o disattivazioni e se si verifica


almeno una di queste condizioni:

Se la tensione di rete fuori tolleranza e non attiva linibizione allavviamento da


contatto (vedere paragrafo 11.7).

Se si attiva la modalit di TEST.

Se attiva la modalit AVVIAMENTO REMOTO

Durante tutto il ciclo di avviamento valgono le seguenti regole:

se insorge una richiesta darresto si interrompe il ciclo di avviamento e si esegue un


ciclo di arresto automatico.

se cessa la richiesta di avviamento, si interrompe il ciclo di avviamento e si esegue


un ciclo di arresto automatico.

Allinizio del ciclo, viene attivato il comando FUEL ed il comando ENABLE senza il
comando START. Questo perch alcune elettrovalvole presentano un problema meccanico
per il quale si bloccano se c flusso di combustibile (dovuto allazione del motorino
davviamento) durante lapertura, problema che in questo modo viene evitato.

Se configurato il ciclo di preriscaldo (P.209 diverso da 0) questa situazione viene


mantenuta per il tempo impostato (durante questo tempo se configurato il comando
PREHEAT esso viene attivato NB: il ciclo di preriscaldo viene gestito anche se non
configurato il comando PREHEAT). Se invece P.209 impostato a zero, allora questa
condizione dura per circa 0,2 secondi, tempo necessario ad impedire il problema
sullelettrovalvola.

Dopodich, viene disattivato leventuale comando PREHEAT e vengono attivati


contemporaneamente i comandi START, FUEL ed ENABLE per procedere
allavviamento del motore. In questa fase la scheda sorveglia lo stato di motore avviato (vedi
paragrafi precedenti) al fine di disattivare il prima possibile il comando START, per evitare
che il motorino davviamento venga trascinato dal motore. Nel ciclo automatico, questa fase
ha una durata massima configurata con il parametro P.210: se dopo questo tempo il motore
ancora fermo, viene fatta una pausa e poi si fa un nuovo tentativo di avviamento.

La durata della pausa tra due avviamenti configurata con il parametro P.212. Durante la
pausa sono attivi i comandi FUEL, ENABLE e PREHEAT (se configurato) mentre non
attivo il comando START. Al termine di questa fase viene ripetuto il tentativo di avviamento
come descritto al passo precedente (saltando la eventuale fase di preriscaldo). Possono
essere effettuati al massimo P.211 tentativi di avviamento: se al termine di essi il motore non
avviato la scheda attiva il blocco 22-Mancato avviamento: questo impedisce ulteriori
avviamenti allo scopo di non scaricare la batteria con troppi ed inutili tentativi di avviamento.

Manuale Tecnico DST2600 49


EAAM016204IT

Se il motore si avvia, il dispositivo verifica che entro il tempo P.217 le tensioni e la frequenza
del generatore entrino allinterno delle soglie di tolleranza. Se ci non avviene, la scheda
attiva il blocco 08 Mancate condizioni di regime e di conseguenza il motore viene
arrestato. Se invece in questa fase il motore si arresta, la scheda si comporta come se non
si fosse proprio avviato: fa una pausa e ripete il tentativo di avviamento (fino al numero
massimo di tentativi).

NB: una volta che la tensione e la frequenza del generatore sono entrate nelle soglie di
tolleranza lavviamento considerato avvenuto e uneventuale successivo spegnimento
sintomo di anomalie gravi sul gruppo, e sar segnalato dai blocchi 01-minima tensione
generatore o 03-minima frequenza generatore

Al termine della procedura di avviamento abilitata la commutazione delle utenze sul


generatore. In questa fase sono attivi i comandi FUEL e ENABLE, e tale resteranno fino
allattivazione della sequenza di arresto.

11.13 Arresto automatico


In automatico il motore pu essere arrestato in due modi:

a) Con procedura normale. Questa procedura consiste nelleffettuare un ciclo di


raffreddamento del motore (solo se il carico stato collegato al generatore),
mantenendolo in moto con le utenze commutate sulla rete. Questa procedura si applica
se:

o Non esiste pi alcuna richiesta di avviamento automatico (vedi sopra)

o Si attivata unanomalia qualificata come disattivazione (unanomalia


tipicamente pericolosa per le utenze ma non per il motore).

b) Con procedura di emergenza. Essa prevede larresto immediato del motore, senza il
ciclo di raffreddamento. Si applica se

o Si seleziona la modalit di funzionamento OFF_RESET.

o Si attiva una qualunque anomalia qualificata come blocco. NB: in automatico


premendo il tasto STOP si attiva il blocco 07 - arresto manuale in automatico.

11.13.1 Arresto automatico standard


La procedura standard darresto consiste nelleffettuare un ciclo di raffreddamento per il
motore (durante il quale la scheda commuta le utenze sulla rete) . Il ciclo effettuato solo se
durante il periodo in cui il motore rimasto in moto le utenze sono state collegate al
generatore. Durante questo ciclo, sono attivi i comandi FUEL (nei sistemi con arresto in
diseccitazione) ed ENABLE. La durata del ciclo di raffreddamento configurabile con il
parametro P.215 Il ciclo pu essere interrotto se cessano le richieste di arresto ed
presente almeno una richiesta di avviamento (per esempio si era in questo stato in seguito al
rientro della rete, ma durante questo stato la rete manca nuovamente). Il ciclo pu essere
interrotto anche se insorge una richiesta di arresto demergenza (un blocco o si seleziona la
modalit OFF_RESET). In questo caso, o comunque al termine del tempo P.215, si
prosegue con il ciclo di arresto demergenza.

50 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

11.13.2 Arresto automatico di emergenza


La procedura consiste nellarrestare il motore senza eseguire il ciclo di raffreddamento.
Questa procedura comune anche allarresto normale, dopo appunto il ciclo di
raffreddamento. In questa fase vengono tolti i comandi FUEL, START e PREHEAT (se
configurato), mentre rimane il comando ENABLE. Per i sistemi con arresto in eccitazione il
comando FUEL viene attivato per fermare il motore. La durata di questa fase
configurabile con il parametro P.214. Al termine viene tolto il comando ENABLE. Il ciclo
pu essere interrotto se cessano tutte le richieste di arresto ed presente almeno una
richiesta di avviamento, e solo ed unicamente se il motore gi stato diagnosticato fermo.
Non infatti possibile interrompere lo spegnimento del motore, perch possono presentarsi
situazioni in cui risulta difficile riavviare il motore se non era spento.

Se al termine del ciclo il motore non si fermato, viene attivato il blocco 21 - Mancato
arresto .

12. Logica di commutazione


Le utenze possono essere commutate sul generatore solo se tutte le seguenti condizioni
sono verificate:

o Se le tensioni e la frequenza del generatore sono nella fascia di tolleranza da un


tempo opportuno (vedere la descrizione della sequenza per il generatore, paragrafo
11.5).

o Se il motore stato avviato dalla scheda (deve essere attivo il comando per
lelettrovalvola combustibile).

o Se non sono presenti blocchi o disattivazioni.

Nella modalit OFF_RESET, le utenze sono sempre commutate sulla rete (e quindi
portandosi in questa posizione la scheda eseguir una commutazione automatica se le
utenze erano collegate al generatore).

Nella modalit MAN normalmente le utenze sono commutate sulla rete. Utilizzando il tasto
KM/KG, possibile invertire lo stato della commutazione (la commutazione verso il
generatore accettata solo se le condizioni di cui sopra sono verificate). NB: possibile solo
invertire lo stato, non possibile lasciare aperti entrambi i teleruttori. Passando da AUTO a
MAN, lo stato della commutazione rimane invariato.

Nella modalit AUTO le utenze sono commutate sul generatore (nel rispetto delle
condizioni di cui sopra) solo quando la rete al di fuori dalle soglie di tolleranza. Appena la
rete torna in tolleranza (con opportuni tempi di ritardo, vedi descrizione sequenza della rete)
le utenze sono nuovamente commutate sulla rete. Passando da una qualunque altra
modalit di funzionamento ad AUTO, le utenze sono forzate come descritto, effettuando se
serve una commutazione. Il tasto KM/KG ignorato. Questo stato utilizza unulteriore
temporizzazione: per chiudere le utenze sul gruppo deve essere trascorso il tempo P.218
dallavviamento del gruppo, o meglio da quando le grandezze del generatore sono entrate in
fascia di tolleranza. Questo ritardo serve soprattutto per dare un minimo di tempo al motore
per riscaldarsi prima di prendere il carico.

Nella modalit TEST le utenze sono normalmente commutate sulla rete. Passando da una
qualunque altra modalit di funzionamento in TEST, le utenze mantengono il loro stato.
Utilizzando il tasto KM/KG, possibile invertire lo stato della commutazione (la
commutazione verso il generatore accettata solo se le condizioni di cui sopra sono
verificate). NB: possibile solo invertire lo stato, non possibile lasciare aperti entrambi gli
interruttori. Anche per questo stato si applicano i ritardi configurati con P.218. Si ricorda che
la scheda passa automaticamente in AUTO (abortendo la modalit di TEST) se ne
richiesto lintervento automatico.

Manuale Tecnico DST2600 51


EAAM016204IT

Nella modalit AVVIAMENTO REMOTO le utenze sono sempre commutate sul generatore
(nel rispetto delle condizioni di cui sopra). Passando da una qualunque altra modalit di
funzionamento ad AVVIAMENTO REMOTO, le utenze sono forzate come descritto,
effettuando se serve una commutazione. Il tasto KM/KG ignorato. Si ricorda che la
scheda passa automaticamente in AUTO se ne richiesto lintervento automatico.

E possibile utilizzare il parametro P.219 per configurare il tempo in cui entrambi i teleruttori
restano aperti durante la commutazione.

13. Gestione del carico


Questa funzione permette di monitorare landamento della potenza attiva nel tempo al fine di
diagnosticare:

Una condizione di basso carico.

Una condizione di alto carico, per attivare una segnalazione ed eventualmente


sganciare una parte dei carichi.

Occorre effettuare una scelta a priori sulla condizione che sintende monitorare, utilizzando il
parametro P.481: impostandolo a zero si seleziona la sorveglianza sul basso carico, a uno si
seleziona lalto carico.

La funzione attivabile/disattivabile mediante un ingresso digitale appositamente configurato


(codice 33-abilitazione funzione del carico) ed indipendente dallo stato del contattore KG;
se nessun ingresso configurato con il codice 33, la funzione sempre attiva.

13.1 Basso carico


Scopo di questa funzione diagnosticare uno stato di basso carico, in uno scenario di pi
gruppi in parallelo, al fine di disattivare quelli che non servono. Per
lattivazione/disattivazione dei gruppi si utilizza una delle uscite configurabili della scheda,
per la quale sia stato configurato il codice 04 (funzione del carico) nel parametro P.581 (o
seguenti). Se nessuna uscita configurata in questo modo la funzione non disponibile.

La scheda sorveglia la potenza attiva totale erogata, confrontandola con due soglie (che
stabiliscono quindi una fascia di isteresi): luscita attivata (richiedendo quindi la
disattivazione di qualche gruppo) se la potenza resta sotto alla soglia inferiore per il tempo
configurato. Allo stesso modo luscita disattivata se la potenza sale sopra alla soglia
superiore per il tempo configurato. Tali soglie e ritardi sono configurate con i seguenti
parametri:

P.483: soglia inferiore (percentuale rispetto alla potenza nominale P.106).

P.484: ritardo associato alla soglia inferiore (in secondi).

P.485: soglia superiore (percentuale rispetto alla potenza nominale P.106).

P.486: ritardo associato alla soglia superiore (in secondi).

Se le soglie P.483 e P.485 sono a zero o sono incongruenti, la funzione disabilitata. Se


esiste un ingresso configurato con la funzione 33, nellistante in cui si attiva si inizia una
temporizzazione (la cui lunghezza configurata con il parametro P.482), durante la quale
luscita mantenuta bassa indipendentemente dalla potenza. Questo tempo serve per dare
modo al sistema di stabilizzarsi prima di cominciare ad osservare le potenze.

52 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

La sequenza normale sar quindi:

Avviamento del gruppo, attesa generatore a regime e consenso allerogazione: in


questa fase luscita non attiva.

Attesa della abilitazione con ingresso digitale (questa fase saltata se nessun
ingresso configurato con la funzione 33): in questa fase luscita non attiva.

Attesa della tempo configurato in P.482: in questa fase luscita non attiva.

Sorveglianza della potenza: se scende per P.484 secondi sotto la soglia P.483
luscita si attiva, se sale per P.486 secondi oltre la soglia P.485 luscita si disattiva,
negli altri casi rimane invariata (isteresi).

13.2 Alto carico


Scopo di questa funzione diagnosticare uno stato di alto carico al fine di sganciare una
parte dei carichi meno prioritari. Per laggancio/sgancio dei carichi si utilizza una delle uscite
configurabili della scheda, per la quale sia stato configurato il codice 04 (funzione del carico)
nel parametro P.581 (o seguenti). Se nessuna uscita configurata in questo modo la
funzione lavora comunque, solo attivando la segnalazione.

La scheda sorveglia la potenza attiva totale erogata, confrontandola con due soglie (che
stabiliscono quindi una fascia di isteresi): la segnalazione e luscita sono disattivate se la
potenza resta sotto alla soglia inferiore per il tempo configurato. Allo stesso modo la
segnalazione e luscita sono attivate se la potenza sale sopra alla soglia superiore per il
tempo configurato. Tali soglie e ritardi sono configurate con gli stessi parametri della
funzione di segnalazione di basso carico (vedi paragrafo precedente).

Luscita quindi attivata in una situazione di massima potenza, e pu quindi essere utilizzata
direttamente come comando per lo sgancio dei carichi. Anche qui occorre prestare
attenzione alle soglie: nel momento in cui si sgancia una parte dei carichi, la potenza
diminuir. Se la soglia inferiore troppo alta, questo comporter la disattivazione delluscita,
che a sua volta potrebbe portare allaggancio dei carichi e quindi ad un effetto
pendolamento.

14. Inizializzazione allaccensione


Quando DST2600 viene alimentato, esso compie diverse operazioni:

LAMP TEST: durante questa fase accende tutte le spie del pannello frontale, la luce di
illuminazione del display e comanda per circa mezzo secondo la sirena interna.
Questoperazione dura due secondi, ed ha lo scopo di permettere alloperatore di
identificare eventuali guasti sul pannello frontale o sulla sirena che potrebbero
comportare la mancata segnalazione di unanomalia.

Verifica se deve essere attivata una delle funzioni speciali (vedere paragrafo 21)

Controlla la sua memoria non volatile interna.

Visualizza il livello software. Sul visualizzatore multifunzionale mostrato il messaggio


revXX.YY (revisione). Tutte le spie del pannello frontale sono spente. Questa fase
dura un secondo.

Manuale Tecnico DST2600 53


EAAM016204IT

SICES s.r.l.
DST2600 rev00.01

Terminata lesecuzione di queste operazioni, la scheda comincia ad eseguire le sequenze di


lavoro.

NOTA: in caso derrori riscontrati sui dati contenuti nella memoria non volatile, il
visualizzatore multifunzionale mostra subito dopo il messaggio:

MEM. ERRORS 0040


PRESS MODE

Lindicazione 0040 nellesempio la zona della memoria non volatile che differisce dal
valore per essa atteso; in questo caso lindicazione di errore comparsa poich, a seguito
della sostituzione del firmware nel dispositivo, sono variati il numero o la tipologia dei dati
che vengono memorizzati nella memoria non volatile (ad esempio stato variato il numero
dei parametri impostabili). In questo caso il dispositivo ricarica automaticamente i valori di
default per tutti i parametri; premendo il tasto MODE la segnalazione dellanomalia
scompare.

Se lindicazione diversa da 0040 e non avviene a seguito di una sostituzione del firmware
(a meno di indicazioni specifiche da parte di SICES) il dispositivo presenta un anomalia
nella memoria non volatile e necessita di assistenza.

IMPORTANTE: la procedura di sostituzione del firmware del dispositivo riservata a


SICES, richiede un apposita apparecchiatura e non necessaria se non per adeguare dei
dispositivi gi prodotti a specifiche funzioni richieste da particolari applicazioni.

15. Programmazione dei parametri


DST2600 dispone di numerosi parametri che permettono di adeguarne il funzionamento a
molteplici situazioni di impiego. Laccesso alla procedura di modifica dei parametri pu
essere protetto da una password, impostabile dallutente.

Lelenco completo dei parametri si trova sul documento EAAM0147XX.

54 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

15.1 Organizzazione dei parametri


Limpostazione dei parametri organizzata a men. Ogni men principale pu contenere
altri sottomen. Ogni sottomen contiene un gruppo di parametri logicamente correlati, ad
esempio quelli relativi al solo motore oppure al solo generatore.

Ogni parametro identificato, oltre che da una stringa che ne sommarizza la funzione, da un
numero univoco di tre cifre. La prima cifra indica quale il men principale di appartenenza
del parametro; ci utile perch partendo dallelenco completo dei parametri si identifica
immediatamente quale il men da scorrere per rintracciare il parametro. NB: ci sono
alcune eccezioni a questultima regola.

15.2 Accesso e modifica dei parametri


Per accedere alla modalit di programmazione (PROGRAM) occorre selezionare la
modalit di funzionamento OFF_RESET con il tasto SU, selezionare la modalit di
visualizzazione MODE1 con il tasto MODE/ACK e quindi premere il tasto
AUX/PROGRAM.

Appare lelenco dei men principali:

[1 SYSTEM ]
2 SEQUENCE

Complessivamente sono presenti 5 men principali:

1 SISTEMA

2 SEQUENZA

3 PROTEZIONI

4 FUNZIONI AUSILIARIE

5 INPUT/OUTPUT

Il men 1-SISTEMA permette innanzi tutto di indicare come la scheda collegata al motore
ed al generatore: collegamento monofase o trifase (P.101), leventuale presenza ed il tipo
dei trasduttori di pressione olio, temperatura liquido di raffreddamento e livello combustibile
(P.112, P.113 e P.114) ed infine leventuale presenza del segnale D+ (P.115). Permette
inoltre di impostare le caratteristiche nominali delle grandezze elettriche: tensione (P.102),
frequenza (P.105), potenza (P.106) ecc. . E fondamentale impostare correttamente questi
parametri perch quasi tutte le soglie per lattivazione delle protezioni sono espresse in
percentuale rispetto ad essi.

La configurazione della sequenza di funzionamento modificabile tramite il menu 2-


SEQUENZA.

La gestione delle protezioni invece accessibile dal menu 3-PROTEZIONI. Si rimanda al


capitolo dedicato alle anomalie, che descrive per ciascuna la modalit di disabilitazione.

Manuale Tecnico DST2600 55


EAAM016204IT

Il menu 5-INPUT/OUTPUT permette di indicare alla scheda come sono utilizzati i suoi
ingressi e la sue uscite configurabili. NB: unerrata configurazione delle funzioni
associate agli ingressi pu comportare (nel caso peggiore) lattivazione di false
anomalie e quindi il mancato intervento del gruppo. Lerrata configurazione delle
uscite, invece, potrebbe anche causare danni. Fare attenzione alla configurazione.

Tutto ci che non rientra in configurazione del sistema, della sequenza e delle protezioni
configurabile dal menu 4-FUNZIONI AUSILIARIE

La selezione del men di interesse avviene con i tasti START e STOP (funzioni
INCREMENTA e DECREMENTA); le parentesi quadre indicano quale il men selezionato.

Per selezionare (entrare) in un men occorre premere il tasto MODE/ACK, che durante la
modalit PROGRAM funge da ENTER, sia per i sottomenu sia per i valori da immettere
nei parametri.

Se sono presenti sottomen, vale la stessa procedura.

I parametri di un men o di un sottomen si scorrono anchessi con i tasti START e


STOP. Essi si presentano come segue:

301-MIN.
VOLTAGE

Il valore attuale del parametro visualizzato tra le parentesi quadre. Per modificarlo,
premere il tasto MODE/ACK (le parentesi quadre lampeggiano); con i tasti START e
STOP si aumenta o diminuisce il valore di una unit (con continuit se mantenuti pigiati).
Premendo e tenendo premuto il tasto AUX/PROGRAM (funzione SHIFT) prima dei tasti
START o STOP si aumenta o diminuisce il valore di dieci unit per volta. Per confermare
e memorizzare il nuovo valore premere il tasto MODE/ACK, per annullare la modifica
premere e rilasciare il solo tasto AUX/PROGRAM: in entrambi i casi la parentesi quadre
smettono di lampeggiare (modifica terminata).

In nessun modo possibile inserire valori non accettabili dal dispositivo per un parametro
(ad esempio non possibile impostare un valore negativo di un tempo); comunque
compito dellutente verificare che limpostazione di ogni parametro sia coerente; ad esempio
ovviamente possibile impostare un valore valido qualsiasi per una soglia che per sua
natura deve essere inferiore ad unaltra; lutente deve accertarsi che la logica di
funzionamento sia rispettata.

Per alcuni parametri occorre effettuare una selezione fra alcune alternative.

Scorrendo i parametri o i sottomen, in ogni momento premendo il tasto AUX/PROGRAM


si risale al men precedente; premendolo dal men principale esce dalla modalit
PROGRAM e si ritorna al normale funzionamento.

E possibile uscire dalla modalit PROGRAM anche passando in MAN.

Ad ogni successivo accesso alla modalit PROGRAM il display visualizzer il men o il


parametro visualizzato la volta precedente.

56 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

15.3 Impostazione password


La modifica dei parametri pu essere impedita impostando nel parametro P.001 -password
per programmazione un numero compreso tra 1 e 9999.

In questo modo sar possibile scorrere i parametri ma non sar possibile cambiarne il valore
(il valore attuale dei parametri sar racchiuso tra i simboli < e > invece che tra parentesi
quadre per indicare limpossibilit di modifica); una segnalazione indicher la mancanza dei
diritti di accesso se si preme MODE/ACK.

Per effettuare modifiche sar infatti necessario inserire il valore della password numerica nel
parametro P.000-Codice di accesso. Esso contenuto nel men 1 SISTEMA, ed
visualizzato immediatamente dopo lingresso nel men.

Una volta inserita, la password ha validit per 10 minuti, in modo da poter effettuare pi
modifiche ai parametri. Scaduto il tempo, necessario reintrodurla.

Nota importante: si raccomanda vivamente di prendere nota della password inserita


poich se essa venisse smarrita si renderebbe necessario linvio del dispositivo a
SICES s.r.l. per lo sblocco. Per lo stesso motivo si consiglia di impostare subito una
password, in modo che non possa essere modificata da personale esterno o
introdotta per sbaglio.

15.4 Caricamento valori di default dei parametri


Nel caso in cui si ha il dubbio di avere alterato dei parametri per errore o comunque si vuole
ripartire dalla condizione di origine si possono caricare i valori di default nei parametri.
Attenzione: con questa procedura vengono ad essere ricaricati i valori di tutti i parametri;
non possibile ricaricare il valore di default di un solo parametro. Occorrer pertanto
impostare nuovamente tutti i parametri che si vogliono personalizzare.

Per caricare i valori di default occorre entrare in modalit PROGRAM e quindi tenere
premuti contemporaneamente per 5 secondi i tasti START e STOP. A conclusione
delloperazione appare la scritta VALORI PREDEF.

Lelenco dei valori di default di tutti i parametri si trova sulla tabella parametri, documento
EAAM00147XX.

16. Configurazione ingressi / uscite


16.1 Configurazione ingressi
DST2600 dotato di sei ingressi digitali, dei quali cinque (vedere paragrafo 4.9) sono
configurabili utilizzando i parametri di programmazione.

In via generale, un ingresso pu essere utilizzato per attivare unanomalia, per acquisire
degli stati o per acquisire dei comandi. I parametri per la configurazione si trovano nel men
5 INPUT/OUTPUT, sottomen 5.1 INGRESSI.

Ad ogni ingresso configurabile sono associati tre parametri (di seguito saranno portati ad
esempio solo quelli relativi allingresso 1; per gli altri ingressi la configurazione analoga e
cambiano solo i parametri su cui agire):

P.507 o corrispondente per gli altri ingressi: consente di specificare la funzione


da associare allingresso tra quelle elencate nelle tabelle nel seguito.

P.508 o corrispondente per gli altri ingressi: permette di definire un tempo


(espresso in secondi) da associare allingresso. Lutilizzo di questo tempo dipende
dalla funzione selezionata con il parametro precedente.

Manuale Tecnico DST2600 57


EAAM016204IT

P.509 o corrispondente per gli altri ingressi: permette di associare un testo


(lungo al massimo 23 caratteri) allingresso. E utilizzato solo per le funzioni che
configurano lingresso per generare delle anomalie generiche: questo testo sar
mostrato sul visualizzatore multifunzionale come messaggio per lanomalia.

Le tabelle seguenti mostrano le possibili funzioni, indicando per ciascuna se e come


utilizzato il parametro P.508 e se il testo personalizzabile oppure fisso.

La prima tabella elenca i codici per configurare lingresso per segnalare delle anomalie. Per
tutte queste funzioni, il parametro P.508 (o corrispondente) definisce il tempo minimo
consecutivo dattivazione dellingresso affinch la scheda attivi lanomalia (vedere paragrafo
17)

Cod. Descrizione Anomalia Testo personalizzabile


generata
01 Preallarme generico W67..W71 S
02 Disattivazione generica D67..D71 S
03 Blocco generico A67..A71 S
04 Blocco generico con copertura olio A67..A71 S
08 Blocco per minimo livello combustibile A25 No
09 Preallarme per basso livello W27 No
combustibile
12 Preallarme per alto livello combustibile W29 No
13 Blocco per minima pressione olio A41 No
14 Preallarme per bassa pressione olio W43 No
15 Preallarme per alta temperatura acqua W31 No
16 Blocco per massima temperatura acqua A33 No
17 Blocco per sovraccarico A15 No
18 Blocco per sovravelocit A17 No
19 Preallarme generico con copertura olio W67..W71 S
23 Preallarme generico con copertura W67..W71 S
valvola combustibile
24 Blocco generico con copertura valvola A67..A71 S
combustibile
31 Preallarme con copertura KG W67..W71 S
32 Blocco con copertura KG A67..A71 S

Codici per acquisire dei comandi esterni. Per essi non possibile inserire un testo
personalizzato poich lattivazione del comando provoca un cambiamento di stato e non una
segnalazione alfanumerica.
25 Inibizione Vedere paragrafo 11.7
26 Richiesta avviamento in prova Vedere paragrafo 10.2
27 Richiesta avviamento remoto Vedere paragrafo 11.3
29 Abilitazione avviamento remoto Vedere paragrafo 11.3
33 Abilitazione funzione del carico -

Il codice 00-Non usato non assegna nessuna funzione allingresso corrispondente.

Per default, gli ingressi sono configurati come indicato in paragrafo 4.9.2

58 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

16.1.1 Inserimento di un testo associato ad un ingresso


Nella prima tabella di paragrafo 16.1, ove indicata la possibilit di inserire un testo
personalizzato, esso deve essere scritto nel parametro P.509 per lingresso 1 o nei
parametri equivalenti per gli altri ingressi. Linserimento simile alla modifica di ogni altro
parametro: con il tasto MODE/ACK si entra nel testo da modificare (lampeggiano le
parentesi quadre), con i tasti START e STOP (eventualmente insieme al tasto
AUX/PROGRAM per velocizzare) si modifica il carattere attualmente selezionato dal
cursore (sono presenti tutti i caratteri ASCII standard), con il tasto KM/KG si passa al
carattere successivo (si sposta il cursore; premendolo pi volte si ritorna al primo carattere),
con il tasto MODE/ACK si conferma linserimento. Si ricorda che premendo il tasto
AUX/PROGRAM prima di confermare, si annulla la modifica in corso.

16.2 Configurazione uscite


Le uscite a rel ausiliarie possono essere configurate per attivarsi secondo linsorgenza di
eventi, secondo lo stato di funzionamento del motore, secondo la modalit di impiego di
DST2600 e altro ancora.

La configurazione delle uscite avviene mediante il parametro P.581 (per luscita 1, o


equivalenti per le altre uscite), contenuto nel sottomen 5.2 USCITE del men 5-
INPUT/OUTPUT. Non sono previste temporizzazioni da assegnare alle uscite.

Nella tabelle seguenti sono indicate le scelte possibili per il parametro P.581 (il codice 00-
Non usato non assegna nessuna funzione alluscita).

Codici per associare luscita ai comandi ausiliari per il motore

Cod Descrizione
02 Comando preriscaldo candelette per motori Diesel.
25 Abilitazione motore

Codici per associare luscita a funzioni di segnalazione remota di stati.

Cod Descrizione
04 Stato funzione del carico
05 Segnalazione di TEST in corso (vedere paragrafo11.3)
06 Segnalazione di misure della rete in tolleranza (vedere paragrafo11.4).
07 Segnalazione di misure del generatore in tolleranza (vedere paragrafo11.5).
08 Segnalazione di motore avviato.
09 Segnalazione cumulativa delle anomalie del generatore: D01, A02, A06, A08, A15,
A16.
10 Segnalazione cumulativa delle anomalie del motore: A05, A21, A22, W31, W32,
A33, A34, W37, W38, X39, A41, A42, W43, W44, W49.
11 Segnalazione cumulativa delle anomalie del regolatore di giri: D03, A04, A17, A19.
12 Segnalazione cumulativa delle anomalie combustibile: A25, A26, W27, W28, W29,
W30.
17 Segnalazione cumulativa delle anomalie classificate come preallarmi.
18 Segnalazione cumulativa delle anomalie classificate come blocchi e disattivazioni.
19 Modalit di funzionamento MAN o AUTO.
20 Modalit di funzionamento AUTO.
21 Sirena esterna
22 MAPPATO A BIT

Manuale Tecnico DST2600 59


EAAM016204IT

Il codice 22 configura luscita per una segnalazione generica di stati interni. Sono state
definite 128 condizioni, che comprendono tutti i blocchi ed i preallarmi e una serie di stati
quali la rete, il generatore, il motore, la commutazione, ecc.. Ad ogni uscita si possono
associare da una a 128 condizioni, e l'uscita sar attivata se almeno una delle condizioni
verificata (quindi con una logica di OR). NB: fattibile una logica di AND selezionando tutte
le condizioni tranne quelle desiderate, ed invertendo lo stato delluscita. Nel documento
EAAM0147XX (tabella parametri), presente una tabella che mostra tutte le possibili
condizioni, numerate da 0 a 127. Non tutte le condizioni sono assegnate: ci sono scorte
previste per aggiunte future. In particolare, le condizioni da 0 a 95 sono riservate per
preallarmi e blocchi.

Le condizioni possono essere configurate sulla scheda utilizzando i parametri di


programmazione. Le 128 possibili condizioni sono state divise in due blocchi da 64. Esistono
due parametri per ciascuna uscita che permettono di impostare i due blocchi da 64 bit (
P.601 e il P.602 per luscita 1). Ciascun parametro, consente di impostare lo stato di 64
bit sottoforma di stringa esadecimale (per rappresentare 64 bit occorrono otto byte e quindi
16 caratteri esadecimali). Delle 16 cifre esadecimali, quella pi a destra la meno
significativa. Inoltre, tra i due parametri associati a ciascuna uscita, quello di indice inferiore
configura le condizioni numerate da 0 a 63, quello di indice maggiore configura le condizioni
64..127. Facendo un esempio pratico, supponiamo che il parametro P.601 contenga la
stringa 0000000000000001 e che il P.602 contenga 0100000400000000 (occorrer prima
impostare 22 nel parametro P.581). Nella stringa di P.601 attivo il bit 0 che corrisponde
alla condizione 0 (blocco per mancato avviamento). Nella stringa P.602 sono attivi i bit 34 e
56 che corrispondono alle condizioni 64+34=98 (cumulativo blocchi) e 64+56=120 (motore in
moto). L'uscita si attiver quindi se almeno una delle tre condizioni precedenti si verifica
(l'esempio non ha alcun significato, serve solo a mostrare il legame tra i parametri e le
condizioni per le uscite).

Ricordiamo che una cifra esadecimale ha valori compresi tra 0 e 9 e tra A e F per un totale
di 16 valori differenti. I 16 valori sono dati dalla combinazione di 4 bit; per questa ragione
sono necessari 16 caratteri per esprimere 64 bit. Quindi per individuare la posizione nella
stringa di una funzione, dato il numero della stessa, agire nel seguente modo

La prima cifra a destra contiene i bit (funzioni) da 0 a 3 o, se il parametro pi alto


(esempio P.602), le funzioni da 64 a 67.

Per ogni cifra di spostamento verso sinistra, incrementare il contatore di 4 fino ad


individuare la cifra che contiene il bit (funzione desiderata).

In alternativa dividere per 4 il numero della funzione e cominciare a contare da sinistra fino a
raggiungere il risultato della divisione: ricordarsi che la prima cifra a sinistra ha indice 0.

La funzione 25-Abilitazione motore permette di sfruttare il sistema di arresto in eccitazione


contenuto nella scheda, ed avere contemporaneamente un segnale con la logica dellarresto
in diseccitazione per altri scopi.

17. Segnalazione anomalie


17.1 Generalit
DST2600 dispone di numerose segnalazioni alfanumeriche per evidenziare linsorgere di
anomalie.

Quando si verifica una anomalia durante il funzionamento normale, cio con selezionate le
modalit di funzionamento MAN o AUTO (non in OFF_RESET), la modalit di
visualizzazione passa automaticamente a MODE 1, qualunque sia la visualizzazione
corrente.

60 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

Lindicazione appare come segue:

STOP CYCLE
A048-EMERGENCY S

Sulla prima riga, se lo stato del motore viene ad essere modificato (esempio si ferma a
seguito dellinsorgenza di un blocco) appare lindicazione di stato; per i preallarmi permane
lindicazione delle grandezze elettriche di MODE 1 come descritto in paragrafo 8.4.2.1.

Sulla seconda riga viene evidenziata lanomalia; le scritte scorrono da destra verso sinistra.
Se lanomalia un preallarme, cio non comporta lo spegnimento del motore, la spia
MODE2 WARNING lampeggia; se un blocco lampeggia la spia MODE 3 ALARM.

La sirena interna viene attivata automaticamente e resta attiva per il tempo configurato con il
parametro P.491 (pu essere disabilitata impostando a 0 questo parametro). Il silenziamento
ed il riconoscimento dellanomalia avviene premendo il tasto MODE/ACK.

La segnalazione di un preallarme termina dopo il riconoscimento se le cause che lo hanno


generato vengono meno; la segnalazione di un blocco, che impedisce pertanto lutilizzo del
gruppo elettrogeno, deve essere resettata dalloperatore portando il dispositivo in modalit
OFF_RESET con i tasti cursore.

In modalit OFF_RESET ogni segnalazione inibita.

17.2 Organizzazione delle segnalazioni di anomalie


Ogni segnalazione di anomalia composta da un codice alfanumerico e da una scritta.

Il codice alfanumerico composto da una lettera ed un numero a tre cifre. La lettera


identifica il tipo di anomalia secondo la seguente convenzione:

- Wxxx identifica un preallarme (warning), cio un anomalia che non richiede larresto
del gruppo

- Dxxx identifica una disattivazione, cio una anomalia che richiede larresto del gruppo
con ciclo di arresto standard

- Axxx identifica un blocco (alarm), cio una grave anomalia che ferma istantaneamente
il gruppo elettrogeno

Per alcune anomalie possibile configurarne la categoria, cio possibile qualificarle come
preallarme, blocco o disattivazione.

I preallarmi possono essere attivati sempre. Possono esserci pi preallarmi attivi


contemporaneamente.

Le disattivazioni possono essere attivate solo se nellistante in cui insorge la causa non
presente nessuna disattivazione e nessun blocco, mentre possono essere presenti uno o pi
preallarmi. Non ci possono essere due disattivazioni attive contemporaneamente.

I blocchi possono essere attivati solo se nellistante in cui insorge la causa non presente
nessun blocco, mentre possono essere presenti disattivazioni e/o preallarmi. In linea di
principio non ci possono essere due blocchi attivi contemporaneamente, anche se ci sono
alcune eccezioni.

Manuale Tecnico DST2600 61


EAAM016204IT

Poich le scritte per gli ingressi digitali configurabili possono essere personalizzate ed inoltre
alcune scritte possono essere comuni a diverse anomalie (ad esempio la scritta per il blocco
per alta temperatura identica sia se generata da contatto che da sensore analogico), ci
che identifica univocamente lanomalia il numero a tre cifre.

17.3 Elenco anomalie


Di seguito la descrizione in dettaglio di tutte le anomalie. Si utilizzeranno le parole
abilitazione ed attivazione: per abilitazione di unanomalia sintende linsieme delle condizioni
minime necessarie affinch la scheda possa osservare la causa che pu generare
lanomalia (cio possa essere pronta per ricevere lanomalia). Per attivazione di
unanomalia sintende il verificarsi della causa generante lanomalia stessa, dopo lavvenuta
abilitazione.

Nota: di norma (salvo alcune eccezioni) le protezioni sono attive se il motore stato
avviato da DST2600, cio se il comando elettrovalvola combustibile attivato. Nel
caso che il motore sia gi in moto, sufficiente far s che la scheda comandi
lavviamento (in MAN premere START, per esempio): il motorino davviamento
non sar comandato, ma il dispositivo si comporter come se avesse effettuato
lavviamento.

001 Minima tensione generatore


Tipologia: Disattivazione
Categoria: Protezione generatore
Parametri collegati: P.101 P.102 P.202 P.301 P.302
Per disabilitare: P.301=0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se il motore stato avviato dalla scheda ed disabilitata
nelle fasi di avviamento e arresto del motore. Si abilita alla prima entrata (dallavviamento del
motore) di tensioni e frequenza del generatore nella fascia di tolleranza (vedi descrizione
sequenza generatore). In manuale abilitata solo se linterruttore KG chiuso. Si attiva se
nelle condizioni precedenti almeno una delle tensioni del generatore scende sotto la soglia
P.301 consecutivamente per il tempo P.302.

002 Massima tensione generatore


Tipologia: Blocco
Categoria: Protezione generatore
Parametri collegati: P.101 P.102 P.202 P.303 P.304
Per disabilitare: P.303=200
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se il motore stato avviato dalla scheda ed disabilitata
nelle fasi di avviamento e arresto del motore. Si attiva se nelle condizioni precedenti almeno
una delle tensioni del generatore sale sopra alla soglia P.303 consecutivamente per il tempo
P.304.

62 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

003 Minima frequenza generatore


Tipologia: Disattivazione
Categoria: Protezione generatore
Parametri collegati: P.105 P.305 P.302
Per disabilitare: P.305=0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se il motore stato avviato dalla scheda ed disabilitata
nelle fasi di avviamento e arresto del motore. Si abilita alla prima entrata (dallavviamento del
motore) di tensioni e frequenza del generatore nella fascia di tolleranza (vedi descrizione
sequenza generatore). In manuale abilitata solo se linterruttore KG chiuso. Si attiva se
nelle condizioni precedenti la frequenza del generatore scende sotto la soglia P.305
consecutivamente per il tempo P.302.

004 Massima frequenza generatore


Tipologia: Blocco
Categoria: Protezione generatore
Parametri collegati: P.105 P.307 P.304
Per disabilitare: P.307=200
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se il motore stato avviato dalla scheda ed disabilitata
nelle fasi di avviamento e arresto del motore. Si attiva se nelle condizioni precedenti la
frequenza del generatore sale sopra alla soglia P.307 consecutivamente per il tempo P.304.

005 Rottura cinghia


Tipologia: Blocco
Categoria: Protezione motore
Parametri collegati: P.115 P.349
Per disabilitare: P.349=0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se la scheda configurata per utilizzare il segnale D+


(P.115 <> 0) e se questo segnale fisicamente collegato. La protezione abilitata se il
motore stato avviato dalla scheda. Si attiva se la tensione sul segnale D+ scende sotto
una soglia interna non configurabile consecutivamente per il tempo P.349.

006 Massima corrente


Tipologia: Configurabile
Categoria: Protezione generatore
Parametri collegati: P.101 P.102 P.106 P.309 P.310 P.323
Per disabilitare: P.309=200
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Vedere paragrafo11.6

Manuale Tecnico DST2600 63


EAAM016204IT

007 Stop manuale in automatico


Tipologia: Blocco
Categoria: Generico
Parametri collegati: -
Per disabilitare: -
Abilitato in: AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione sempre abilitata e non disabilitabile. Si attiva se in AUTO o TEST o


AVVIAMENTO REMOTO si preme sul tasto STOP del pannello frontale oppure sinvia un
comando di arresto dalla porta seriale o via SMS (opzionali).

008 Condizioni di regime non raggiunte


Tipologia: Blocco
Categoria: Generico
Parametri collegati: P.217
Per disabilitare: P.217=0
Abilitato in: AUTO, TEST, AVV.REMOTO

La protezione abilitata se il motore stato avviato dalla scheda. Questa protezione si attiva
se le tensioni e la frequenza del generatore non entrano stabilmente in fascia di tolleranza
entro il tempo P.217 dal riconoscimento del motore avviato.

012 Scheda bloccata


Tipologia: Blocco
Categoria: Generico
Parametri collegati: -
Per disabilitare: -
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione si abilita quando si riceve lapposito comando da porta seriale o via SMS
(da un modem GSM). Serve per impedire lutilizzo del gruppo. Pu essere utilizzato per
esempio in scenari di noleggio dove lutilizzo del gruppo permesso solo nel fine settimana:
il noleggiatore pu comunque lasciare il gruppo dal cliente ma impedirgli di usarlo durante la
settimana. Per sbloccarlo necessario inviare il comando opposto da porta seriale o via
SMS. La protezione non pu essere disabilitata disalimentando il dispositivo.

015 Sovraccarico (da contatto)


Tipologia: Blocco
Categoria: Protezione generatore
Parametri collegati: P.507 P.508 (per lingresso 1, parametri equivalenti per gli altri
ingressi)
Per disabilitare: nessun ingresso associato a sovraccarico, oppure il tempo di
ritardo relativo allingresso = 0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione si abilita solo se uno degli ingressi digitali della scheda configurato per
acquisire il contatto esterno di sovraccarico (codice 17 nel parametro P.507 o negli
equivalenti per gli altri ingressi) e se stato impostato un tempo diverso da zero per questo
ingresso (parametro P.508 o equivalente per gli altri ingressi). Si attiva se lingresso
configurato resta attivo consecutivamente per il tempo associato.

64 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

016 Corto circuito


Tipologia: Configurabile
Categoria: Protezione generatore
Parametri collegati: P.101 P.102 P.106 P.311 P.312 P.323
Per disabilitare: P.311=999
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Oltre alla protezione da massima corrente, DST2600 realizza anche una protezione da
cortocircuito, in modo da intervenire quanto pi velocemente possibile e non dipendere dalle
temporizzazioni della curva descritta per la protezione di massima corrente. La protezione si
configura impostando una soglia (P.311) espressa come percentuale della corrente
nominale del sistema (vedere protezione di massima corrente al paragrafo11.6 per la
determinazione della corrente nominale dai parametri P.101, P.102 e P.106). E abilitata solo
se il motore stato avviato dalla scheda (comando elettrovalvola combustibile attivato) ed
disabilitata nelle fasi di avviamento e arresto del motore. Si attiva quando la corrente su
almeno una fase resta superiore alla soglia P.311 consecutivamente per il tempo P.312.
Utilizzando il parametro P.323 (comune alla protezione di massima corrente) si configura la
protezione come blocco o come disattivazione.

017 Sovravelocit (da contatto)


Tipologia: Blocco
Categoria: Protezione motore
Parametri collegati: P.507 P.508 (per lingresso 1, parametri equivalenti per gli altri
ingressi)
Per disabilitare: nessun ingresso associato a sovravelocit, oppure il tempo di
ritardo relativo allingresso = 0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione si abilita solo se uno degli ingressi digitali della scheda configurato per
acquisire il contatto esterno di sovravelocit (codice 18 nel parametro P.507 o negli
equivalenti per gli altri ingressi) e se stato impostato un tempo diverso da zero per questo
ingresso (parametro P.508 o equivalente per gli altri ingressi). E abilitata solo se il motore
stato avviato dalla scheda ed disabilitata nelle fasi di avviamento e arresto del motore. Si
attiva se lingresso configurato resta attivo consecutivamente per il tempo associato.

019 Sovravelocit (da frequenza generatore)


Tipologia: Blocco
Categoria: Protezione motore
Parametri collegati: P.105 P.331
Per disabilitare: P.331=200
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se il motore stato avviato dalla scheda ed disabilitata
nelle fasi di avviamento e arresto del motore. Si attiva se la frequenza del generatore diviene
superiore alla soglia P.331 per un tempo superiore a 0.5s. NB: P.331 espresso in
percentuale rispetto a P.105.

Manuale Tecnico DST2600 65


EAAM016204IT

021 Mancato arresto


Tipologia: Blocco
Categoria: Generico
Parametri collegati: P.214
Per disabilitare: P.214=0
Abilitato in: AUTO, TEST, AVV.REMOTO

La protezione abilitata se il motore stato avviato dalla scheda. Si attiva se il motore non
diagnosticato fermo entro il tempo configurato in P.214 (dal comando di arresto). NOTA:
questo blocco si attiva anche se presente un altro blocco.

022 Mancato avviamento


Tipologia: Blocco
Categoria: Protezione batteria
Parametri collegati: P.211
Per disabilitare: -
Abilitato in: AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Si attiva dopo che la scheda ha effettuato P.211 tentativi consecutivi di avviamento del
motore (avviamenti automatici) senza esito. Non disabilitabile.

025 Minimo livello combustibile (da contatto)


Tipologia: Blocco
Categoria: Generico
Parametri collegati: P.507 P.508 (per lingresso 1, parametri equivalenti per gli altri
ingressi)
Per disabilitare: nessun ingresso associato a minimo livello combustibile, oppure il
tempo di ritardo relativo allingresso = 0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione si abilita solo se uno degli ingressi digitali della scheda configurato per
acquisire il contatto di minimo livello combustibile del galleggiante (codice 8 nel parametro
P.507 o negli equivalenti per gli altri ingressi) e se stato impostato un tempo diverso da
zero per questo ingresso (parametro P.508 o equivalente per gli altri ingressi). Si attiva se
lingresso configurato resta attivo consecutivamente per il tempo associato.

026 Minimo livello combustibile (da sensore analogico)


Tipologia: Blocco
Categoria: Generico
Parametri collegati: P.114 P.347
Per disabilitare: P.347=0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se la scheda configurata per utilizzare il sensore


analogico di livello combustibile (P.114 diverso da zero), e se questo sensore fisicamente
collegato. Si attiva se la misura del livello resta inferiore o uguale alla soglia P.347
consecutivamente per 20 secondi

66 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

027 Basso livello combustibile (da contatto)


Tipologia: Preallarme
Categoria: Generico
Parametri collegati: P.507 P.508 (per lingresso 1, parametri equivalenti per gli altri
ingressi)
Per disabilitare: nessun ingresso associato a basso livello combustibile, oppure il
tempo di ritardo relativo allingresso = 0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione si abilita solo se uno degli ingressi digitali della scheda configurato per
acquisire il contatto di basso livello combustibile del galleggiante (codice 9 nel parametro
P.507 o negli equivalenti per gli altri ingressi) e se stato impostato un tempo diverso da
zero per questo ingresso (parametro P.508 o equivalente per gli altri ingressi). Si attiva se
lingresso configurato resta attivo consecutivamente per il tempo associato.

028 Basso livello combustibile (da sensore analogico)


Tipologia: Preallarme
Categoria: Generico
Parametri collegati: P.114 P.345
Per disabilitare: P.345=0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se la scheda configurata per utilizzare il sensore


analogico di livello combustibile (P.114 diverso da zero), e se il sensore fisicamente
collegato. Si attiva se la misura del livello resta inferiore o uguale alla soglia P.345
consecutivamente per 2 secondi

029 Alto livello combustibile (da contatto)


Tipologia: Preallarme
Categoria: Generico
Parametri collegati: P.507 P.508 (per lingresso 1, parametri equivalenti per gli altri
ingressi)
Per disabilitare: nessun ingresso associato ad alto livello combustibile, oppure il
tempo di ritardo relativo allingresso = 0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione si abilita solo se uno degli ingressi digitali della scheda configurato per
acquisire il contatto di alto livello combustibile del galleggiante (codice 12 nel parametro
P.507 o negli equivalenti per gli altri ingressi) e se stato impostato un tempo diverso da
zero per questo ingresso (parametro P.508 o equivalente per gli altri ingressi). Si attiva se
lingresso configurato resta attivo consecutivamente per il tempo associato.

Manuale Tecnico DST2600 67


EAAM016204IT

030 Alto livello combustibile (da sensore analogico)


Tipologia: Preallarme
Categoria: Generico
Parametri collegati: P.114 P.343
Per disabilitare: P.343=150
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se la scheda configurata per utilizzare il sensore


analogico di livello combustibile (P.114 diverso da zero), e se il sensore fisicamente
collegato. Si attiva se la misura del livello resta superiore o uguale alla soglia P.343
consecutivamente per 2 secondi

031 Alta temperatura liquido di raffreddamento (da contatto)


Tipologia: Preallarme
Categoria: Protezione motore
Parametri collegati: P.507 P.508 (per lingresso 1, parametri equivalenti per gli altri
ingressi)
Per disabilitare: nessun ingresso associato ad alta temperatura liquido di
raffreddamento, oppure il tempo di ritardo relativo allingresso = 0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione si abilita solo se uno degli ingressi digitali della scheda configurato per
acquisire il contatto esterno di alta temperatura liquido di raffreddamento (codice 15 nel
parametro P.507 o negli equivalenti per gli altri ingressi), e se stato impostato un tempo
diverso da zero per questo ingresso (parametro P.508 o equivalente per gli altri ingressi). E
abilitata solo se il motore stato avviato dalla scheda ed disabilitata nelle fasi di
avviamento e arresto del motore. Si attiva se lingresso configurato resta attivo
consecutivamente per il tempo associato, ma solo dopo che trascorso un tempo fisso di 15
secondi dallavviamento del motore. In questo modo si maschera la temperatura nella fase di
appena avviato per evitare blocchi e preallarmi inutili, nel caso in cui il motore fosse
appena stato spento senza ciclo di raffreddamento (condizione in cui tende a riscaldarsi).

032 Alta temperatura liquido di raffreddamento (sensore analogico)


Tipologia: Preallarme
Categoria: Protezione motore
Parametri collegati: P.113 P.335
Per disabilitare: P.335=150
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se la scheda configurata per utilizzare il sensore


analogico di temperatura liquido refrigerante (P.113 diverso da zero). E abilitata solo se il
motore stato avviato dalla scheda ed disabilitata nelle fasi di avviamento e arresto del
motore. Si attiva se la misura della temperatura resta superiore o uguale alla soglia P.335
consecutivamente per 2 sec, ma solo dopo che sono trascorsi 15 secondi (copertura olio)
dallavviamento del motore (vedi nota anomalia 031).

68 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

033 Massima temperatura liquido di raffreddamento (da contatto)


Tipologia: Blocco
Categoria: Protezione motore
Parametri collegati: P.507 P.508 (per lingresso 1, parametri equivalenti per gli altri
ingressi)
Per disabilitare: nessun ingresso associato a massima temperatura liquido di
raffreddamento, oppure il tempo di ritardo relativo allingresso = 0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione si abilita solo se uno degli ingressi digitali della scheda configurato per
acquisire il contatto esterno di massima temperatura liquido di raffreddamento (codice 16 nel
parametro P.507 o negli equivalenti per gli altri ingressi) e se stato impostato un tempo
diverso da zero per questo ingresso (parametro P.508 o equivalente per gli altri ingressi). E
abilitata solo se il motore stato avviato dalla scheda ed disabilitata nelle fasi di
avviamento e arresto del motore. Si attiva se lingresso configurato resta attivo
consecutivamente per il tempo associato, ma solo dopo che sono trascorsi 15 secondi
(copertura olio) dallavviamento del motore (vedi nota anomalia 031).

034 Massima temperatura liquido di raffreddamento (s. analogico)


Tipologia: Blocco
Categoria: Protezione motore
Parametri collegati: P.113 P.337
Per disabilitare: P.337=150
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se la scheda configurata per utilizzare il sensore


analogico di temperatura liquido refrigerante (P.113 diverso da zero). E abilitata solo se il
motore stato avviato dalla scheda ed disabilitata nelle fasi di avviamento e arresto del
motore. Si attiva se la misura della temperatura resta superiore o uguale alla soglia P.337
consecutivamente per 2 sec, ma solo dopo che sono trascorsi 15 secondi (copertura olio)
dallavviamento del motore (vedi nota anomalia 031).

037 Bassa tensione batteria davviamento


Tipologia: Preallarme
Categoria: Protezione batteria
Parametri collegati: P.362
Per disabilitare: Bit 1 di P.362=0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

E sempre abilitata tranne quando attivo il comando per il motorino di avviamento. Si attiva
se la tensione della batteria resta inferiore a 11.6V consecutivamente per 40s.

038 Alta tensione batteria davviamento


Tipologia: Preallarme
Categoria: Protezione batteria
Parametri collegati: P.362
Per disabilitare: Bit 2 di P.362=0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

E sempre abilitata tranne quando attivo il comando per il motorino di avviamento. Si attiva
se la tensione della batteria resta superiore a 15V consecutivamente per 40s.

Manuale Tecnico DST2600 69


EAAM016204IT

039 Richiesta manutenzione


Tipologia: Configurabile
Categoria: Generico
Parametri collegati: P.424 P.425
Per disabilitare: P.424=0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Si attiva dopo P.424 ore di funzionamento del motore da quando stato impostato lultima
volta il parametro P.424 stesso. NB: le ore sono conteggiate anche se il motore non
avviato dalla scheda. Quando si attiva, si comporta da preallarme, disattivazione o blocco in
base a quanto configurato con P.425. Non annullabile neanche togliendo lalimentazione
alla scheda. E annullabile solo impostando nuovamente P.424, ponendolo a zero per
disabilitare la funzione oppure confermando il valore corrente o impostandone uno diverso.
Utilizzando la password per laccesso alla modifica dei parametri e configurandolo come
blocco, si impedisce lulteriore utilizzo del gruppo elettrogeno. Pertanto questa funzione
risulta utile ai noleggiatori di gruppi elettrogeni nella stipulazione di contratti ad ore, per
bloccare il motore allo scadere delle ore pattuite.

041 Minima pressione olio (da contatto)


Tipologia: Blocco
Categoria: Protezione motore
Parametri collegati: P.507 P.508 (per lingresso 1, parametri equivalenti per gli altri
ingressi)
Per disabilitare: nessun ingresso associato a minima pressione olio, oppure il
tempo di ritardo relativo allingresso = 0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione si abilita solo se uno degli ingressi digitali della scheda configurato per
acquisire il contatto esterno di minima pressione olio (codice 13 nel parametro P.507 o negli
equivalenti per gli altri ingressi) e se stato impostato un tempo diverso da zero per questo
ingresso (parametro P.508 o equivalente per gli altri ingressi). E abilitata solo se il motore
stato avviato dalla scheda ed disabilitata nelle fasi di avviamento e arresto del motore. Si
attiva se lingresso configurato resta attivo consecutivamente per il tempo associato, ma solo
dopo che sono trascorsi 15 secondi (copertura olio) dal riconoscimento dello stato di motore
avviato (serve per ignorare il normale stato di bassa pressione allavviamento).

042 Minima pressione olio (da sensore analogico)


Tipologia: Blocco
Categoria: Protezione motore
Parametri collegati: P.112 P.341
Per disabilitare: P.341=0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se la scheda configurata per utilizzare il sensore


analogico di pressione olio (P.112 diverso da zero). E abilitata solo se il motore stato
avviato dalla scheda ed disabilitata nelle fasi di avviamento e arresto del motore. Si attiva
se la misura della pressione resta inferiore o uguale alla soglia P.341 consecutivamente per
2 secondi, ma solo dopo che sono trascorsi 15 secondi (copertura olio) dal riconoscimento
dello stato di motore avviato (serve per ignorare il normale stato di bassa pressione
allavviamento).

70 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

043 Bassa pressione olio (da contatto)


Tipologia: Preallarme
Categoria: Protezione motore
Parametri collegati: P.507 P.508 (per lingresso 1, parametri equivalenti per gli altri
ingressi)
Per disabilitare: nessun ingresso associato a bassa pressione olio, oppure il
tempo di ritardo relativo allingresso = 0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione si abilita solo se uno degli ingressi digitali della scheda configurato per
acquisire il contatto esterno di bassa pressione olio (codice 14 nel parametro P.507 o negli
equivalenti per gli altri ingressi) e se stato impostato un tempo diverso da zero per questo
ingresso (parametro P.508 o equivalente per gli altri ingressi). E abilitata solo se il motore
stato avviato dalla scheda ed disabilitata nelle fasi di avviamento e arresto del motore. Si
attiva se lingresso configurato resta attivo consecutivamente per il tempo associato, ma solo
dopo che sono trascorsi 15 secondi (copertura olio) dal riconoscimento dello stato di motore
avviato (serve per ignorare il normale stato di bassa pressione allavviamento).

044 Bassa pressione olio (da sensore analogico)


Tipologia: Preallarme
Categoria: Protezione motore
Parametri collegati: P.112 P.339
Per disabilitare: P.339=0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se la scheda configurata per utilizzare il sensore


analogico di pressione olio (P.112 diverso da zero). E abilitata solo se il motore stato
avviato dalla scheda ed disabilitata nelle fasi di avviamento e arresto del motore. Si attiva
se la pressione misurata resta uguale od inferiore alla soglia P.339 consecutivamente per 2
secondi, ma solo dopo che sono trascorsi 15 secondi (copertura olio) dal riconoscimento
dello stato di motore avviato (serve per ignorare il normale stato di bassa pressione
allavviamento).

048 Stop demergenza


Tipologia: Blocco
Categoria: Generico
Parametri collegati: -
Per disabilitare: -
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione sempre abilitata e non disabilitabile. Si attiva quando premuto il


fungo di arresto di emergenza, sia interno che esterno (vedere anche paragrafo 4.10)

049 Alta potenza


Tipologia: Configurabile
Categoria: Protezione motore
Parametri collegati: P.350 P.351 P.352
Per disabilitare: P.350=200
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Manuale Tecnico DST2600 71


EAAM016204IT

La protezione abilitata se il motore stato avviato dalla scheda. Si attiva se la potenza


attiva totale ha segno positivo e resta sopra alla soglia P.350 consecutivamente per il tempo
P.351. Con il parametro P.352 si configura il tipo di protezione che si vuole implementare.
Sono disponibili i seguenti codici:

01: preallarme.

02: disattivazione.

03: blocco.

053 Asimmetria correnti


Tipologia: Blocco
Categoria: Protezione generatore
Parametri collegati: P.317 P.318
Per disabilitare: P.318=0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questa protezione abilitata solo se il motore stato avviato dalla scheda ed disabilitata
nelle fasi di avviamento e arresto del motore. E abilitata solo su sistemi trifase e solo se
linterruttore KG chiuso. Si attiva se la differenza tra due correnti qualsiasi supera in
modulo la soglia P.317 consecutivamente per il tempo P.318. NB: P.317 espresso come
percentuale della corrente nominale del sistema (vedere protezione di massima corrente al
paragrafo 11.6 per la determinazione della corrente nominale dai parametri P.101, P.102 e
P.106).

057 Orologio non valido


Tipologia: Preallarme
Categoria: Generico
Parametri collegati: P.411 P.417
Per disabilitare: Impostare uno dei parametri P.411-P.417
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Questo preallarme segnala la condizione di orologio non ancora impostato da quando la


scheda stata alimentata. Si attiva solo se in base ai parametri P.418-P.423 lorologio
risulta essere utilizzato.

063 Batteria scarica o non collegata


Tipologia: Preallarme
Categoria: Protezione batteria
Parametri collegati: P.362
Per disabilitare: Bit 0 di P.362=0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Ogni 5 minuti DST2600 effettua un controllo per verificare la connessione e lo stato di carica
della batteria di avviamento; la tensione del caricabatteria si porta a 9.5V per 0.2 secondi.
Lanomalia generata se viene riscontrato un difetto di connessione oppure la tensione della
batteria estremamente bassa (sotto a 9V).

72 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

067 Anomalia generica da ingresso digitale 1


068 Anomalia generica da ingresso digitale 2
069 Anomalia generica da ingresso digitale 3
070 Anomalia generica da ingresso digitale 4
071 Anomalia generica da ingresso digitale 5
Queste anomalie sono tutte identiche ma sono attivate da un ingresso digitale differente (la
67 attivata dallingresso 1, , la 71 dallingresso 5). La descrizione sar comune a tutte e
si far riferimento ai parametri P.507, P.508 e P.509 che sono quelli legati allingresso 1.
Naturalmente occorrer considerare quelli relativi a ciascun ingresso.

Tipologia: Configurabile
Categoria: Generico
Parametri collegati: P.507 P.508 P.509 o equivalenti per gli altri ingressi
Per disabilitare: nessun ingresso associato allanomalia, oppure il tempo di ritardo
relativo allingresso = 0
Abilitato in: MAN, AUTO, TEST, AVV.REMOTO

Il testo associato a queste anomalie inseribile dallutente tramite il parametro P.509 per
lingresso 1 o equivalente per gli altri ingressi. Per la configurazione degli ingressi vedere
paragrafo 16.1.

18. Intervallo manutenzione gruppo


DST2600 in grado di segnalare automaticamente alloperatore la richiesta di effettuare la
manutenzione periodica. Questa funzione configurabile con i parametri P.424 e P.425. In
particolare, in P.424 si configurano le ore di lavoro oltre le quali richiesta la manutenzione.
In P.425 si configura invece che tipo di segnalazione da attivare alla scadenza: un
preallarme, una disattivazione o un blocco (il codice dellanomalia W039 o D039 o A039).

La funzione abilitata se il parametro P.424 contiene un valore diverso da zero. Il conteggio


parte nel momento in cui si imposta questo parametro. Quando sono passate le ore
configurate. la scheda memorizza nella memoria non volatile lo stato di richiesta della
manutenzione. In questo modo, anche togliendo lalimentazione alla scheda non si perde e
soprattutto non si pu annullare questa segnalazione. Se poi con P.425 si selezionata la
segnalazione tramite blocco, allora il gruppo non potr pi essere utilizzato. Questo,
unitamente allinserimento della password sullaccesso ai parametri di programmazione,
permette di utilizzare questa funzione nella gestione di contratti di noleggio ad ore.

Per annullare la richiesta di manutenzione (e quindi anche la relativa segnalazione) occorre


impostare nuovamente il parametro P.424: lo si pu impostare a zero per disabilitare la
funzione, lo si pu semplicemente confermare per richiedere la prossima manutenzione
dopo lo stesso numero di ore della precedente, oppure si pu impostare il nuovo intervallo
richiesto.

Manuale Tecnico DST2600 73


EAAM016204IT

19. Strumenti motore


DST2600 dotato di serie di un circuito per la misura di alcuni parametri di funzionamento
del motore (temperatura liquido di raffreddamento, pressione olio lubrificante, livello
combustibile). Per le connessioni ed altre note, riferirsi al paragrafo 4.11.

La configurazione dei sensori deve essere eseguita sia agendo direttamente sulla scheda
base che per mezzo dei parametri P.112, P.113 e P.114, rispettivamente relativi a
temperatura refrigerante, pressione olio e livello combustibile.

Possono essere impiegati i sensori VDO 120, VDO 150, VEGLIA e BERU per la
temperatura del refrigerante,VDO 5bar, VDO 10bar e VEGLIA per la pressione olio, VDO e
VEGLIA per il livello combustibile.

Per la visualizzazione delle misure vedere il paragrafo 8.4.2.3

19.1 Configurazione hardware dei sensori


Il dispositivo viene fornito configurato secondo lesigenze del cliente (per sensori di
pressione e temperatura VDO oppure per sensori VEGLIA); comunque possibile cambiare
la configurazione agendo su un microswitch (S400) doppio situato vicino al connettore di
ingresso ai sensori. Per agevolare loperazione, sdraiare il quadro su di una superficie
orizzontale ed aiutarsi con un piccolo cacciavite.

Eseguire loperazione a dispositivo disalimentato e non connesso alla rete e al


generatore.

Per il sensore della pressione dellolio non necessaria alcuna configurazione elettrica: il
circuito di ingresso gestisce sia i sensori VDO che i sensori VEGLIA.

Per utilizzare un sensore di temperatura VEGLIA, collegarlo al terminale 4 del connettorer


J403 e lasciare aperti entrambi i microswitch del banco S400. Per usare un sensore VDO,
collegarlo al terminale 5 del connettorer J403 e lasciare chiusi entrambi i microswitch del
banco S400.

Il sensore di livello non configurabile; previsto limpiego di sensori compatibili VDO


(0..180 ohm), ma con loperazione di taratura (vedere paragrafo21.2) possono essere
impiegati praticamente tutti i sensori, anche con scala invertita. Se la resistenza del sensore
dovesse essere superiore a 200 ohm, aggiungere in parallelo ad esso un resistore di valore
adeguato (ad esempio per sensori VEGLIA occorre di norma mettere in parallelo un
resistore da 390 ohm).

19.2 Configurazione dei parametri per i sensori


Per abilitare e configurare i sensori occorre impostare i parametri P.112 per la pressione
olio, P.113 per la temperatura del refrigerante, P.114 per il sensore di livello combustibile.

74 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

19.2.1 Configurazione sensore di pressione


La seguente tabella riporta i valori da impostare in P.112 per i vari sensori di pressione:

Valore Marca Scala Caratteristiche agli


di sensore estremi della scala
P.112

0 Nessuno - -

1 VDO 10 Bar 0..10 Bar 10..180 Ohm

2 VEGLIA 0..8 Bar 300..20 Ohm

3 VDO 5 Bar 0..5 Bar 10..180 Ohm

La selezione facilitata poich oltre al valore numerico vi lindicazione del tipo di sensore.

19.2.2 Configurazione sensore di temperatura


La seguente tabella riporta i valori da impostare in P.113 per i vari sensori di temperatura:

Valore Marca Scala Caratteristiche agli


di sensore estremi della scala
P.113

0 Nessuno - -

1 VDO 120C 40..120 C 288..10 Ohm

2 VEGLIA 40..150 C 1185..39 Ohm

6 BERU 40..120 C 1382..107 Ohm

7 VDO 150C 45.. 150 C 390..18 Ohm

La selezione facilitata poich oltre al valore numerico vi lindicazione del tipo di sensore.

Il sensore VDO 150C a volte utilizzato per misurare la temperatura dellolio lubrificante nei
motori raffreddati ad aria. Se selezionato, la temperatura minima indicata 45C.

Manuale Tecnico DST2600 75


EAAM016204IT

19.2.3 Configurazione sensore di livello


La seguente tabella riporta i valori da impostare in P.114 per i vari sensori di livello:

Valore Marca Scala Caratteristiche agli


di sensore estremi della scala
P.114

0 nessuno - -

1 VDO/VEGLIA 0..100 % 180..10 Ohm

Per sensori particolari si veda in fondo al paragrafo 19.1.

19.3 Configurazione delle soglie sulle misure strumenti motore


Se i sensori sono presenti e configurati, possibile impostare dei valori di soglia oltrepassati
i quali vengono generati preallarmi o blocchi. Si ha:

- Temperatura refrigerante: P.335 soglia alta temperatura (preallarme); P.337 soglia


massima temperatura (blocco); valori in C

- Pressione olio: P.339 soglia bassa pressione (preallarme); P.341 soglia minima
pressione (blocco); valori in bar

- Livello combustibile: P.343 soglia alto livello (preallarme); P.345 soglia basso livello o
riserva (preallarme); P.347 soglia minimo livello (blocco); valori in %.

Tutte le anomalie generate per mezzo delle soglie sono singolarmente disabilitabili.

20. Contatori
DST2600 gestisce internamente i seguenti contatori:

1. Energia attiva (kWh), azzerabile

2. Energia reattiva (kvarh), azzerabile

3. Numero di avviamenti del motore (effettuati da DST2600), azzerabile

4. Ore di funzionamento del motore (anche se non avviato da DST2600), azzerabile.

5. Ore assolute di funzionamento del motore (anche se non avviato da DST2600, non
azzerabile).

6. Ore di funzionamento con KG chiuso (non azzerabile).

7. Ore mancanti alla manutenzione (non azzerabile).

8. Ore assolute dalimentazione della scheda (non viene visualizzato a display, non
azzerabile).

Per lazzeramento dei contatori (quelli che lo consentono) vedere il paragrafo 21.4

76 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

Tutti i contatori sono leggibili attraverso la porta seriale (con il protocollo ModBus). Alcuni di
questi contatori possono essere azzerati dalloperatore con unopportuna procedura oppure
attraverso la porta seriale: non possono essere azzerati in nessun modo il contatore dore
alla manutenzione, quello delle ore con KG chiuso, quello assoluto dore funzionamento
motore ed il contatore assoluto dore dalimentazione della scheda. Tutti questi contatori
sono salvati in una memoria non volatile e quindi mantengono il loro valore anche togliendo
alimentazione alla scheda. Siccome le memorie non volatili si consumano scrivendole,
necessario ridurre al minimo le scritture. Per questo motivo, non sempre un contatore
immediatamente salvato al variare del proprio valore, ed quindi importante sapere quando
sono salvati e come essere sicuri che lo siano prima di togliere lalimentazione al dispositivo.

I contatori sono salvati (tutti assieme e contemporaneamente) nelle seguenti condizioni:

immediatamente dopo ogni avviamento (ad avviamento avvenuto, non dopo ogni
tentativo di avviamento).

Immediatamente dopo ogni arresto del motore (quando diagnosticato lo stato di


motore fermo, non quando si comanda larresto).

Ad ogni incremento del contatore di ore di funzionamento del motore.

Ad ogni incremento del contatore assoluto di ore di funzionamento del motore.

Ad ogni incremento del contatore di ore di funzionamento del motore a KG chiuso.

Ogni volta che si seleziona la modalit OFF_RESET.

Ad ogni ora di alimentazione della scheda.

Quando si modifica il parametro P.424 (intervallo manutenzione).

Sono inoltre salvati quando essi sono azzerati con la relativa procedura speciale o dalla
porta seriale. Occorre tenere presente che alcuni contatori hanno una parte decimale (per
esempio i conta-minuti associati ai conta-ore), anchessa salvata in memoria non volatile.
Togliendo alimentazione al dispositivo in maniera incontrollata, si rischia di perdere proprio
questa parte decimale. E comunque sufficiente selezionare la modalit OFF_RESET per
forzare un salvataggio, prima di togliere lalimentazione.

21. Procedure speciali


Oltre alla normale sequenza di funzionamento, DST2600 prevede sei procedure speciali che
devono essere attivate in un modo particolare. Alcune di queste procedure sono riservate a
S.I.C.E.S. s.r.l. e quindi non sono descritte nel presente documento. Altre invece possono
essere utilizzate anche dallinstallatore.

Quando eseguita una di queste procedure speciali, la normale sequenza di funzionamento


non eseguita ed il gruppo elettrogeno indisponibile. E quindi opportuno eseguire queste
procedure speciali in fase dinstallazione o di messa in servizio dellimpianto. Se
necessario eseguirle in un secondo tempo, assicurarsi che le utenze possano essere
alimentate da altra fonte durante questa procedura.

Di seguito lelenco delle procedure speciali implementate da DST2600. Quelle evidenziate in


corsivo sono riservate a S.I.C.E.S. s.r.l. poich necessitano di apparecchiature apposite per
essere eseguite.

RESERVED: (riservato).

TEST: (riservato)

CALIBRAT.: (riservato).

Manuale Tecnico DST2600 77


EAAM016204IT

FUEL LEV.: taratura sensore di livello.

LANGUAGE: selezione della lingua.

COUNTERS: azzera i contatori.

Le operazioni necessarie per attivare le procedure speciali sono comuni a tutte e sono
descritte nel seguito. NB: tutte le procedure speciali sono protette da password. In questo
documento sono fornite le password per le sole procedure disponibili per loperatore. Non
possibile modificare tali password: evitare quindi di fornirle ad operatori non interessati alle
procedure speciali.

21.1 Attivazione di una procedura speciale

Operare con gruppo fermo e senza tensione di rete

Per attivare il men di selezione delle procedure speciali occorre:

Spegnere il dispositivo scollegando la batteria (basta scollegare il terminale +BATT).

Premere contemporaneamente e mantenere premuti i tasti START e STOP.

Riaccendere il dispositivo collegando la batteria

Il display multifunzionale mostra una serie di punti interrogativi lampeggianti; alla fine di
questa fase appare lindicazione:

Special function
Func: [Language]

Rilasciare quindi i tasti START e STOP. Se lattivazione non riesce perch si sono lasciati
i pulsanti troppo presto, ripetere da capo.

La selezione delle procedure avviene esattamente come la programmazione dei parametri


(tasto MODE/ACK come ENTER, STOP e START per scorrere la scelta).

Subito dopo occorre inserire la password richiesta dalla funzione (vedere il paragrafo
relativo). Se la password inserita errata appare la scritta lampeggiante Wrong password
ed occorre ripetere loperazione.

Per uscire dal men delle funzioni speciali, togliere e rimettere lalimentazione al dispositivo.

21.2 Taratura sensore di livello combustibile


La calibrazione del sensore di livello permette di adattarne la misura alle effettive posizioni di
pieno e vuoto che il galleggiante assume allinterno del serbatoio. La forma del serbatoio
infatti influenza leffettiva escursione del galleggiante.

Il senso di incremento/decremento del valore di resistenza del sensore (minimo quando il


serbatoio vuoto o viceversa) non influenza loperazione di taratura, che consente di
adattare praticamente tutti i sensori VDO compatibili. Per gli altri sensori vedere nota nel
paragrafo 19.1.

78 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

Per la calibrazione occorre selezionare la funzione speciale FUEL LEV. (vedere paragrafo
21.1); la password da inserire 135.

Dopo una segnalazione di conferma che dura circa un secondo, il display si presenta come
segue:

ENTER TO START
: 0.0 %: 0

Per eseguire la calibrazione occorre:

Premere il tasto MODE/ACK; il display mostra una schermata simile alla seguente
(i valori sono solo come esempio):

MOVE TO MIN LEV.


: 10.8 %: 2

Muovere il galleggiante del sensore fino a posizionarlo al livello in cui il serbatoio


effettivamente vuoto. Attendere qualche secondo, fino a quando la misura in ohm
del sensore riportata sulla seconda riga stabile, quindi premere il tasto
MODE/ACK.

Ora il display mostra:

TYPE THE MEASURE


[0]

Occorre impostare (funziona come per i parametri, con MODE/ACK come ENTER
e STOP e START per cambiare il valore) il valore percentuale che si vuole
visualizzare a serbatoio vuoto, cio con il galleggiante nella posizione attuale
(tipicamente 0%, ma non necessariamente). Attenzione: anche se si vuole impostare
0 occorre premere MODE/ACK due volte (la prima volta per entrare nella modifica
del valore, la seconda per confermare).

Manuale Tecnico DST2600 79


EAAM016204IT

Quando viene confermato il valore con il tasto MODE/ACK, appare la schermata


seguente (i valori sono solo di esempio):

MOVE TO MAX LEV.


: 174.2 %: 97

Muovere il galleggiante del sensore fino a posizionarlo al livello in cui il serbatoio


effettivamente pieno, attendere qualche secondo per stabilizzare la misura e
premere il tasto MODE/ACK. Appare la scritta seguente:

TYPE THE MEASURE


[100]

Come prima, impostare (funziona come per i parametri, con MODE/ACK come
ENTER e STOP e START per cambiare il valore) il valore percentuale che si
vuole visualizzare a serbatoio pieno (tipicamente 100%, ma non necessariamente).
Attenzione: anche se si vuole impostare 100 occorre premere MODE/ACK due
volte (la prima volta per entrare nella modifica del valore, la seconda per
confermare).

Dopo aver confermato il valore, riappare la prima finestra della calibrazione e la


procedura completata. Per uscire dalla funzione speciale, togliere e rimettere
lalimentazione al dispositivo.

I dati di calibrazione vengono salvati nella memoria non volatile di DST2600; pertanto la
procedura deve essere eseguita una sola volta.

21.3 Selezione lingua


Occorre selezionare la funzione speciale [LANGUAGE] (vedere paragrafo 21.1); la
password da inserire 1. Dopo una scritta di conferma appare lindicazione:

LANGUAGE:
[ENGLISH]

La selezione identica allimpostazione dei parametri. Al momento le lingue selezionabili


sono Italiano ed Inglese.

80 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

21.4 Azzeramento contatori


I contatori azzerabili sono (vedere anche paragrafo 20):

- Energia attiva (kWh)

- Energia reattiva (kvarh)

- Numero di avviamenti del motore (effettuati da DST2600)

- Ore di funzionamento del motore (parziale)

Possono essere azzerati solo tutti insieme. Per fare questo occorre selezionare la procedura
speciale [COUNTERS] (vedere paragrafo 21.1); la password da inserire 274.

Appena inserita la password appare una scritta di conferma dellavvenuta cancellazione.

Togliere e ridare alimentazione al dispositivo per ritornare al funzionamento standard.

22. Comunicazione seriale


DST2600 dotato di serie di una interfaccia per la comunicazione seriale che pu essere
utilizzata per dialogare con esso e ricavarne tutti i parametri, gli stati e le grandezze, e per
dare comandi.

Tramite essa possibile impiegare un modem GSM per ottenere informazioni sullo stato del
gruppo ed inviargli alcuni comandi.

Si faccia riferimento al documento EAAS0180xx, che descrive in dettaglio lutilizzo della


porta seriale.

23. Note tecniche


23.1 Dati Generali
Di seguito un riassunto dei dati tecnici fondamentali di DST2600:

Rete

o Misure Tensioni: L1-L2, L2-L3, L3-L1, misure a valor medio

o Massima tensione fase-neutro: < 300Vac cat. IV

o Frequenzimetro: risoluzione = 0.1 Hz.

Generatore

o Tensioni: L1-L2, L2-L3, L3-L1, misure a vero valore efficace.

o Massima tensione fase-neutro: < 300Vac cat. IV

o Correnti: L1, L2, L3, misure a vero valore efficace

o Massima corrente nominale: 58Aac

o Misura di corrente in sovraccarico: fino 4 x Imax (con forma donda


sinusoidale)

o Frequenzimetro: risoluzione = 0.1 Hz.

Manuale Tecnico DST2600 81


EAAM016204IT

Tensione ausiliaria di alimentazione (batteria): 7,515 Vdc

Misura Tensione Batteria: risoluzione = 0.1V

Misura pressione olio: VDO 0-10 Bar, VDO 0-5 Bar, Veglia 0-8 Bar

Termometro acqua: VDO 120, VDO 150, VEGLIA, BERU

Misura livello combustibile: VDO, Veglia

Corrente massima contattori:

o 2 contattori interbloccati per commutazione: 4 poli, fino a 63A AC1


nominali.

o Interruttore automatico (opzionale) per protezione generatore: 63A


nominali.

Temperatura operativa: da -20 C a 60 C

Peso: 8.3 Kg con interruttore di macchina

Dimensioni totali: 460X345X140 mm (HxLxP) (P=165mm con fungo di emergenza)

Grado di protezione: IP30

23.2 Assorbimento di corrente


23.2.1 Assorbimento da batteria in mancanza rete
o A motore fermo con luce display spenta: 150mA @ 12.6V

o A motore fermo con luce display accesa: 320mA @12.6V

o A motore avviato: 440mA @ 12.5V

23.2.2 Assorbimento da rete


Lassorbimento di corrente sostanzialmente funzione dello stato di carica della batteria. In
linea generale lassorbimento medio con motore fermo di circa 110-130 mAac @ 230Vac,
indipendentemente dalla modalit di funzionamento; con motore in moto e alternatore
caricabatteria funzionante lassorbimento si riduce praticamente a quello del teleruttore attivo
(rete o gruppo).

82 Manuale Tecnico DST2600


EAAM016204IT

24. Dimensioni e installazione


Dimensioni totali di ingombro: 460X345X140 mm (HxLxP) (P=165mm con fungo di
emergenza)

Il quadro DST2600 pu essere appeso a parete utilizzando le cave sul pannello posteriore.

Manuale Tecnico DST2600 83


Il presente documento di propriet della SICES s.r.l. che si riserva tutti i diritti.
SICES s.r.l. si riserva inoltre il diritto di apportare modifiche al documento senza preavviso.
Vietata la trasmissione con qualsiasi mezzo a terzi del presente documento.
S.I.C.E.S. S.r.l.
Via Molinello 8/B - 21040 Jerago (VA) - ITALY
PHONE +39 0331 212941 FAX +39 0331 216102
Web: http://www.sices.eu
e-mail: techelp@sices.eu