You are on page 1of 15

CICLO INVERSO A COMPRESSIONE DI VAPORE

Impianti frigoriferi
A seconda delleffetto utile
Pompe di calore
T Q&1 2
3
Evaporatore Q& 2 4
L&
Fluido da
raffreddare
5 5 1
Q& 2
Valv. Compressore 1
Laminaz. L& s
M Q&1
log p 3
4 4 2
Condensatore
3 2 L&
Q&1
5 & 1
Fluido da
Q2
riscaldare
h
1
ANALISI ENERGETICA DEL CICLO FRIGORIFERO /1

Primo principio per sistemi aperti H = Q L

Potenza termica scambiata al condensatore


Q&1 = m& R (h4 h2 ) Q&1
log p 3
4 2
Potenza termica scambiata allevaporatore
Q& = m& (h h )
2 R 1 5

5 & L&
Q2 1
Potenza meccanica fornita al compressore
L& = m& R (h1 h2 ) h

Relazione valida alla valvola di laminazione


h4 = h5

2
ANALISI ENERGETICA DEL CICLO FRIGORIFERO /2

COEFFICIENTE DI EFFETTO UTILE

COPF = =
(h1 h5 )m& R per limpianto frigorifero
(h2 h1 )m& R
COEFFICIENTE DI MOLTIPLICAZIONE TERMICA

COPPdC = r =
(h2 h4 )m& R
per la pompa di calore
(h2 h1 )m& R

per lo stesso ciclo tra le stesse temperature vale la relazione COPPdC = COPF + 1

Per i cicli di Carnot inversi i coefficienti di prestazione sono esprimibili


con il solo ricorso alle temperature assolute alle quali avviene lo
scambio termico
Q&1 Tsuperiore
COPPdC = r = =
& & L& Tsuperiore Tinferiore
Q2 Q2 Tinferiore
COPF = = = =
L& Q&1 Q& 2 Tsuperiore Tinferiore
3
FLUIDI REFRIGERANTI Il Diagramma log p - h

log p s = cost
C
isobara

v = cost

x = cost
T = cost

isoentalpica h
R11, R12, R22, R134a, R407c, R404a, R410a, R502, CFC (clorofluorocarburi),
HCFC (idroclorofluorocarburi), HFC (idrofluorocarburi) e fluidi ecologici, NH3,
CO2
Vengono scelti in base alle loro propriet fisiche e in base allapplicazione per la quale
dovranno essere impiegati (corrispondenza di pressioni e temperature di lavoro,
compatibilit con i materiali, tossicit, prestazioni) 4
5
6
7
8
9
Rendere possibili gli scambi
termici senza superfici di T 2
scambio infinite Temperature
4 3 delle
Temperature di applicazioni
lavoro del
fluido evolvente
Temperature
delle 5
applicazioni
1

T s

2
POMPA DI
4 3
CALORE

1 IMPIANTO
5 s
FRIGORIFERO
10
SUL DIAGRAMMA log p - h
log p

4 3 2
Temperature
delle
applicazioni

5 1
log p

h
POMPA DI
4 3 2 CALORE

IMPIANTO
1 FRIGORIFERO
5
11
h
VARIAZIONI SUL CICLO A T 2
COMPRESSIONE DI VAPORE /1
4 3
SOTTORAFFREDDAMENTO 4'
A pari lavoro di compressione salgono le
quantit di calore scambiate e per questo
migliorano sia lefficienza del ciclo, sia il 5' 5 1
coefficiente di moltiplicazione termica Il
sottoraffreddamento si ottiene con una s
maggiore superficie di scambio al
condensatore
NOTA:
Possono esistere cicli a compressione
di vapore che vedano entrambe le
log p 4 3
4' pratiche di surriscaldamento e di
2 sottoraffreddamento

COPF = =
(h1 h5' )m& R
(h2 h1 )m& R
5' 1 COPPdC = r =
(h2 h4 ' )m& R
5
(h2 h1 )m& R
12
h
VARIAZIONI SUL CICLO A 2'
COMPRESSIONE DI VAPORE /2 T 2

SURRISCALDAMENTO 4 3
Il lavoro di compressione aumenta,
aumentano anche le potenze termiche 1'
scambiate, ma lefficienza e il
coefficiente di prestazione non 5 1
migliorano. Lo scopo principale la
difesa del compressore dalla presenza s
di liquido.

log p 4 3 2
2'
COPF = =
(h1' h5 )m& R
(h2' h1' )m& R

COPPdC = r =
(h2' h4 )m& R
5 1 1' (h2' h1' )m& R

13
h
VARIAZIONI SUL CICLO A COMPRESSIONE DI VAPORE/3
Scambiatore interno sottoraffreddamento e surriscaldamento

Si difende il compressore, ma il
Q& 2
lavoro di compressione aumenta, Evaporatore Fluido da
migliora la sola e non r. Si possono raffreddare
oltrepassare i limiti di temperatura 6
delle pratiche di sottoraffreddamento
e surriscaldamento descritte prima. Valvola di
laminazione
(h4 h5 )m& R = (h1 h7 )m& R 7 Compressore
1
Scambiatore
4
interno M
log p 3
2
5 4 3 Q&1 Condensatore
2
COPF = =
(h7 h6 )m& R
(h2 h1 )m& R Fluido da
riscaldare

6 7 1 COPPdC = r =
(h2 h4 )
(h2 h1' )
h 14
CICLO REALE A COMPRESSIONE DI VAPORE

log p 2 2'
3
4
2' '

h2 h1
,C =
1 i
h2 ' h1

SEDI O MOTIVI DELLE PERDITE


Variazioni di sezione, attraversamento di condotte da parte di un fluido reale, possibile
temperature glide, apertura e chiusura valvole, trafilamenti, regolazione e variazione
delle condizioni di funzionamento, perdite termiche dal mantello del compressore,
perdite termodinamiche durante la compressione.
15