You are on page 1of 1

Segnalo al seguente link un articolo de Il Sole 24 Ore di ieri in cui si descrive

chiaramente come la strategia della grandi multiutility (A2A, HERA, IREN E ACEA)
sia indirizzata esclusivamente verso "piccole" operazioni di fusione/aggregazione che
non destano clamore mediatico ma che consentono un progressivo rafforzamento sui
propri territori di competenza.

L'obiettivo rimane lo stesso che denunciamo ormai da anni: inglobare tutte le societ
di gestione dei servizi idrici, ambientali ed energetici, divenendo i campioni
nazionali in grado di competere sul mercato globale.

La strategia si fatta pi raffinata e non punta direttamente al grande "risiko"


dell'acqua, bens a piccole acquisizioni e "joint venture".

Di fatto, si tratta della mera applicazione di quella che Noam Chomsky ha definito
"la strategia della gradualit": per far accettare una misura inaccettabile, basta
applicarla gradualmente, a contagocce, per anni consecutivi.