VERBALE DI ACCORDO

II giorno 12 agosto 2010, in Roma, presso il Ministero delle Sviluppo Economico (Mi.S.E.), alia presenza della Dott.ssa Flavia Di Mario del Ministero stesso nonche del Sindaco del Comune di Trezzano sui Naviglio, Avv. Giorgio Tomasino, del Dott. Carlo Bianchessi, Dirigente dell'Agenzia Regionale per l'Istruzione, la Formazione e il Lavoro (ARIFL) della Regione Lombardia e del Dott. Manuele Meneghini della Provincia di Milano, si sono incontrate Ie seguenti "Parti":

• MAFLOW SPA in Amministrazione Straordinaria, di seguito per brevita "MAFLOW" 0 "Cedente", rappresentata dai Commissari Straordinari, Avv.ti Stefano Coen, Francesco Pensato e Prof. Vincenzo Sa nasi d'Arpe, di seguito per brevlta i "Commissari", assistiti dagli Avv.ti Luca Iacopini e Rosario Salonia nonche dai Sigg.ri Ing. Carlo Bertone, Dott. Duilio Trove e Dott. Marco Frittoli;

• MAN SERVIZI S.r.i., con socia unico, in Amministrazione Straordinaria, di seguito per brevita

"MAN SERVIZI" 0 "Cedente", rappresentata dai Commissari Straordinari, Avv.ti Stefano Coen, Francesco Pensato e Prof. Vincenzo Sa nasi d'Arpe, di seguito per brevlta i "Commissari", assistiti dagli Avv.ti Luca Iacopini e Rosario Salonia

Boryszew S.A., di seguito per brevita "BORYSZEW" 0 "Cessionaria", rappresentata dal Dott. Stefano Namari, assistito dagli Avv.ti Jacek Bieniak, Milena Prisco, Maria Teresa Sini e Giuseppe Pisanti;

Organizzazioni Sindacali e RSU/RSA degli stabilimenti di Trezzano sui Naviglio e di Ascoli Piceno, di seguito per brevlta "OO.SS.", cosl rappresentate:

• FIOM CGIL di Milano, nelle persone dei Sigg. Marcello Sclpionl, Anna Ida Concolio e Antonio Luongo;

• UILM UIL di Milano, nelle persone dei Sigg. Lorenzo Sartoris e Donato Lagrasta;

• FLMU UNITI - CUB, nelle persone dei Sigg. Walter Montagnoli, Lorenzo Del Vecchio, Pietro Monticelli e Massimo Lettieri;

• FEMCA CISL di Ascoli Piceno, nelle persone dei Sigg. Marsilio Antonucci e Igino Lupini;

• FILCEM CGIL di Ascoli Piceno, nelle persone dei Sigg. Ubaldo Falciani, Alessio Simonetti e Antonio Vellei;

• UILCEM UIL di Ascoli Piceno, nelle persone dei Sigg. Floriano Canali e Alessandro Marini; neWambito della procedura di consultazione sindacale avviata, ai sensi dell'art. 47 della 428/90 e dell'art. 63 del D.Lgs. 8 luglio 1999, n. 270, dalle suddette socteta con lettera del 20 luglio 2010,

riguardante la cessione dei complessi aziendali e partecipazioni sociali, ivi indicati, cosl come identificati dalle secreta stesse ai sensi deWart. 2112, comma 5, cod. civ. e per gli effetti di cui a lI'a rt. 47, comma 4-bis, della legge 428/90;

PREMESSO CHE

a) la consultazione sindacale e iniziata iI giorno 27 luglio ed e proseguita il 4 agosto 2010;

b) la MAFLOW, con sede legale in Trezzano sui Naviglio (MI) e stabilimenti, in Italia, in Trezzano sui Naviglio ed in Ascoli Piceno, opera nel settore della progettazione, produzione e vend ita di componenti e attrezzature per autoveicoli, ivi compresi i veicoli industriali e, in modo particolare, i componenti per I'industria automobilistica, assumendo un posto di rilievo nel mercato mondiale ed, attualmente, occupa complessivamente n. 362 dipendenti;

c) il Tribunale di Milano, con sentenza n. 260/09 dell'll maggio 2009, depositata in Cancelleria in pari data, ha dichiarato 10 state di insolvenza, ex art. 3 D.Lgs. 270/99, della MAFLOW e, contestualmente, ha nominato Commissari Giudiziali gli Avv.ti. Stefano Coen, Francesco Pensato e il Prof. Vincenzo Sanasi D'Arpe;

d) i Commissa rio Giudiziali, in data 25 giugno 2009 hanno depositato la relazione redatta ai senSi~

dell'art. 28 D.Lgs. 270/99 presso il Tribunale di Milano ed il Ministero dello Sviluppo Economico, <::

in data 13 luglio 2009, ha espresso parere conforme ai sensi dell' art. 29 del menzionato decreto legislativo;

e) con provvedimento del 30-31 luglio 2009, di arnrrussrone alia procedura di amministrazione

~ straordinaria della MAFLOW, il Tribunale di Milano ha rilevato che, ai sensi dell'art. 27, comma 2

\ ¥ lettera a) del D.Lgs. n. 270/99). '~!i.!:!SSistono concrete possibittts di recupero dell'equi/ibrio

~~ \lJJ )I ...

1

~

!

p) in data 2 luglio 2010, il Ministero della Sviluppo Economico - Dipartimento per I'impresa e I'internazionalizzazione - Direzione generale per la politica industriale e la cornpetttivlta, can il positivo parere del Comitato di Sorveglianza, ha autorizzato i Commissari a selezionare I'offerta

vincolante della Boryszew quale offerta vincente ai sensi e per gli effetti delle Condizioni Generali; \

I'efficacia della stipulando contratto preliminare di cessione dei complessi aziendali e delle partecipazioni sociali e stata subordinata al verificarsi delle seguenti condizioni sospensive: a~\' stipula dell'Accordo sindacale ai sensi dell'articolo 63 del D.Lgs. 270/99; b) ottenimento delle

necessarie autorizzazioni antitrust; c) approvazione da parte del Ministero dello Svilupp

Economico; ~

q) in data 26 luglio 2010, tra la MAFLOW e MAN SERVIZI (di seguito "Cedenti") e la Boryszew (di ~ seguito "Cessionaria") e stato sottoscritto, in Milano, il contratto preliminare di cessione dei

complessi aziendali e partecipazioni sociali descritti nella ricordata lettera di avvio della presente

procedure: la ~Ui effieaela ~ stata subordinata al verifiearsl delle condizloni sospensive suddette; 6L

economico delle ettivite imprenditoriafi, attraverso fa cessione dei compfessi aziendafi sulla base di un programma di prosecuzione dell'esercizio dell'impresa di durata non superiore ad un anno";

f) in data 7 agosto 2009, i Commissari della MAFLOW, socia unico della MAN SERVIZI, can sede legale in Torino, ed iI Liquidatore della stessa, hanna depositato ricorso per la dichiarazione di insolvenza della secreta, ex art. 3 e segg. ex art. 82 del D. Lgs. 8 luglio 1999, n. 270;

g) vista il parere favorevole all'accesso alia procedura, espresso dal Ministero della Sviluppo Economico, il Tribunale di Torino, con sentenza n. 3/09 del 26 ottobre 2009, ha dichiarato 10 stato di insolvenza della MAN SERVIZI ed ha nominata, ai sensi degli artt. 8 e 15 del D.Lgs. 270/99, i

Commissari della MAFLOW qua Ii Commissari giudiziali;

h) can accordo del 5 agosto 2009, sottoscritto presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, e state convenuto, ai sensi dell'art. 7, comma 10ter, della legge 236/93, il ricorso alia CIGS, a far data dall'l1 maggio 2009 e per la durata dell'attlvlta dei Commissari, per tutti i lavoratori della MAFLOW stessa, nel numero massimo di 389 dipendenti; il ricorso alia CIGS e state autorizzato can Decreta Direttoriale del Ministero stesso n. 48340 del 26.11.2009, per il periodo 11/5/2010 - 10/5/2011, can pagamento diretto da parte dell'INPS; successivamente, can Decreta Direttoriale, n. 52798 del 24 giugno 2010, detto periodo e stato prorogato sino all'8 aprile 2011;

can accordo del 16 novembre 2009, sottoscritto presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, e state convenuto, ai sensi dell'art. 7, comma 10ter, della legge 236/93, il ricorso alia CIGS a far data dal 26 ottobre 2009 e per la durata dell'attlvita dei Commissari, per tutti i lavoratori della MAN SERVIZI, nel numero massimo di 62 dipendenti; il ricorso alia CIGS e stato autorizzato con Decreta Direttoriale del Ministero stesso n. 50032 del 15 febbraio u.s., per il periodo 26/10/2009 - 25/10/2010, con pagamento diretto da parte dell'INPS;

attualmente la MAFLOW ha aile proprie dipendenze n. 362 lavoratori, di cui n. 265 in forza presso 10 stabilimento di Trezzano sui Naviglio e n. 97 presso quello di Ascoli Piceno;

k) attualmente la MAN SERVIZI ha aile proprie dipendenze n. 45 lavoratori, di cui n. 34 in forza presso 10 stabilimento di Trezzano sui Naviglio e n. 11 presso quello di Ascoli Piceno;

I) i Commissari, al fine di salvaguardare I'occupazione dei dipendenti di tutti i complessi aziendali della MAFLOW e della MAN SERVIZI, hanno previsto, nel programma di cessione di cui al D.Lgs. 270/99, un peri metro di acquisto "obbligatorio" costituito dai complessi aziendali di Trezzano sui Naviglio e di Ascoli Piceno;

m) in data 9 aprile 2010 il programma di cessione presentato dai Commissari e stato approvato dal Ministero della Sviluppo Economico;

n) come evidenziato nella ricordata lettera del 20 luglio 2010, da intendersi qui integralmente richiamata, i Commissari, all'esito della disamina delle offerte valide pervenute, sulla base dei criteri di valutazione previsti dall'Allegato 9 delle Condizioni Generali, hanna ritenuto che I'offerta di Boryszew e quella migliore sotto ogni profilo, ovvero in relazione al prezzo offerto, agli impegni occupazionali ed al piano industriale;

0) analogamente, iI curatore fallimentare di Maflow Polska Sp.zo.o. ha comunicato ai Commissari stessi di aver aggiudicato la procedura di vend ita per I'acquisizione dei Complessi Aziendali Polacchi alia Boryszew;

2

u) Ie OO.SS. hanno avanzato la richiesta di assunzione da parte della BORYSZEW di tutto il personale oggi a carico della procedura di A.S. ad esclusione dei lavoratori che volontariamente accettassero incentivi all'esodo 0 fossero coinvolti da percorsi di accompagnamento alia pensione da quantificare attraverso appositi accordi sindacali. D'altronde, a causa delle scelte operate da BMW AG, gli attuali volumi produttivi non consentono, per il momento, I'occupazione full-time per tutti gli attuali dipendenti. Pertanto Ie OO.SS hanno dichiarato la dtsponibtllta, a fronte dell'assunzione come sopra indicato, a concordare I'utilizzo di ammortizzatori socia Ii (Cigs e/o CdS) per I'impiego part-time (verticale a rotazione, od orizzontale) di tutti i lavoratori, fermo restando I'impegno assunto dall'acquirente nel contratto preliminare di cessione dei complessi aziendali di Trezzano sui Naviglio e di Ascoli Piceno di incrementare I'occupazione in modo proporzionale all'aumento di nuovo fatturato. Inoltre hanno anche chiesto di valutare la posslblllta di localizzare sui sito di Trezzano adeguati volumi produttivi, "intra-gruppo", di altri committenti oggi non presenti;

v) la Cessionaria, inoltre, subordinatamente alia sottoscrizione deWaccordo sindacale, ha prospettato la posslblllta di assumere, ai sensi dell'art, 47, comma 6, della legge 428/90, dal 1 dicembre 2010 al 31 dicembre 2011, con la qraduallta correlata aile proprie esigenze produttive ed organizzative 0 della Newco, ove costituita, ulteriori n. 30 lavoratori, in possesso delle necessarie qualifiche e professlonallta, da individuare nell'arnblto del bacino di quelli non trasferiti e da occupare, previe lora dimissioni e/o collocamento in mobil ita, presso 10 Stabilimento di Trezzano sui Naviglio eio, se disponibili al trasferimento in loco, presso quello di Ascoli Piceno; precisando che tale "occupazione aggiuntiva" non rientra tra quella prevista dall'offerta vincolante, dal contratto preliminare del 26

luglio 2010 nonche al punto n. 4 della lettera di avvio della presente procedura;

w) sempre subordinatamente alia sottoscrizione dell'accordo sindacale ed ai sensi deWart. 47, comma 6, della legge 428/90, la Cessionaria si e dichiarata disponibile a garantire ai lavoratori stessi,

purche in possesso delle necessarie qualifiche e professlonaltta, il diritto di precedenza, per 1~. . mesi decorrenti dal 1 gennaio 2011, in caso di eventuali assunzioni correlate aile esigenze produttive ed organizzative suddette; precisando che dette ulteriori assunzioni sarann strettamente correlate all'incremento di fatturato in misura pari ad una nuova assunzione per ogni

€ 200.000,00 di "fatturato incrementale" oltre la soglia di € 5mln/anno e che non sara considerato -

tale I'incremento di fatturato derivante dal trasferimento di produzione eto di volumi produttivi dalla Maflow Polska Sp.zo.o. eto da altre socleta del Gruppo ex Maflow;

x) II Ministero dello Sviluppo Economico, in accordo con Ie Regioni interessate (Lombardia e Marche),

ha ribadito il proprio impegno a promuovere azioni di sensibilizzazione nei confronti dei

produttive di Maflow in Italia, tali da de rm are ricadute occupazionali oltre quelle gia assicurate /

dalla Cessionaria.

r)

3 nel corso dei precedenti incontri del 27 luglio e del 4 agosto 2010 ed in quello odierno, Ie Cedenti e la Cessionaria hanno confermato i motivi del programmato trasferimento dei complessi azlendali e partecipazioni sociali in questione, riportati nella ricordata lettera di avvio, che devono intendersi qui integralmente trascritti, nonche hanno descritto la composizione dei complessi e partecipazioni stessi, come identificati dalle medesime, ai sensi dell'art, 2112, comma 5, cod. civ.;

in particolare, il contratto preliminare di cessione dei complessi aziendali di Trezzano sui Naviglio e di Ascoli Piceno prevede, tra Ie altre cose, il trasferimento delle strutture e attrezzature ad essi riferite nonche dei rapporti giuridici che ad essi ineriscono; ivi compresi n. 186 contratti di lavoro subordinato, cos] suddivisi tra Ie due secreta Cedenti:

~~

)

,.... _,_

"-~~~

MAFLOW n. 154, di cui n. 58 riguardanti lavoratori in forza presso 10 stabilimento di Trezzano sui Naviglio e n. 96 presso quello di Ascoli Piceno;

~.

t)

MAN SERVIZI n. 32, di cui n. 21 riguardanti lavoratori in forza presso 10 stabilimento di Trezzano sui Naviglio e n. 11 presso quello di Ascoli Piceno;

la Cessionaria ha comunicato che i complessi aziendali di Trezzano sui Naviglio e di Ascoli Piceno verranno acquisiti da una costituenda societe di capitali di diritto italiano, di seguito la "Newco", da essa interamente controllata ai sensi dell'art, 2359, primo comma, paragrafo 1), del cod. civ., ovvero dalla Cessionaria stessa nell'lpotesi in cui la Newco non fosse costituita in tempo utile e che, al fine di attuare il necessario contenimento dei costi di struttura, il relativo stabilimento potra essere trasferito, entro un raggio di circa 30km, rispetto all'attuale ubicazione. II Sindaco del Comune di Trezzano sui Naviglio si e dichiarato disponibile a collaborare per favorire il nuovo insediamento nel territorio comunale;

4 Tutto cia premesso e ritenuto, Ie Parti, dopo am pia discussione, ai sensi degli artt. 63 del D.Lgs. 270/99 e 47, comma 4bis, della legge 428/90, dichiarano di aver raggiunto il seguente

ACCORDO

3.

Le Premesse formano parte integrante e sostanziale del presente accordo.

Le Parti si danno reciprocamente atto che e obiettivo comune e condiviso garantire la massima occupazione e la ricollocazione al lavoro di tutti i dipendenti della Maflow e della Man 5ervizi.

Le 00.55., preso atto dei motivi del programmato trasferimento, dello stato di insolvenza delle Cedenti e delle ragioni illustrate dalla Cessionaria, hanno convenuto sull'opportunlta di procedere alia cessione alia Boryszew eto alia costituenda Newco, che sara dalla medesima interamente controllata, dei complessi azlendall di Trezzano sui Naviglio e di Ascoll Piceno con il parziale mantenimento dell'occupazione, nelle quantlta indicate al successivo punto n. 4.

I contratti di lavoro subordinato che, unitamente al resto, compongono i complessi aziendali

oggetto di trasferimento, di seguito i "rapporti di lavoro trasferiti", saranno complessivamente n. -f 186, cosl suddivisi per secreta e per unita produttiva:

• MAFLOW n. 154, di cui n. 58 riguardanti lavoratori in forza presso 10 stablllmento di Trezzano ~.

sui Naviglio e n. 96 presso quello di Ascoli Piceno; r ~

MAN 5ERVIZI n. 32, di cui n. 21 riguardanti lavoratori in forza presso 10 stabllirnento di ~

Trezzano sui Naviglio e n. 11 presso quello di Ascoli Picerio;

La scelta dei lavoratori da trasferire, nelle suddette quantita, sara strettamente correlata aile esigenze tecnico, organizzative e produttive della Cessionaria ed in coerenza all'attuazione del piano industriale predisposto dalla medesima e allegato, sub. n. 6, all'offerta vincolante dell'l1 giugno 2010. Ferma restando la prlorlta di tale criterio di scelta, in caso di mansioni fungibili, a partta di inquadramento e di qualiflca, concorreranno, in analogia a quanto previsto dall'art. 5 della legge 223/91, i criteri dei carichi di famiglia e dell'anzlanlta di servizio che verranno valorizzati sulla base di punteggi ponderati. Le Parti espressamente convengono che i criteri di scelta si applicheranno aile coppie di lavoratori, legalmente rlconosclute eto di fatto, in modo tale da limitare I'assunzione di un solo coniuge per coppia.

5. AI fine di favorire il trasferimento e/o I'eventuale successiva assunzione dei lavoratori, attualmente in forza presso 10 5tabilimento di Trezzano sui Naviglio, non prossimi al collocamento in pensione, la Cessionaria e/o la costituenda Newco, in deroga ai criteri indicati al punto n. 4, potra non procedere al trasferimento e/o all'eventuale assunzione dei lavoratori stessi che:

a) matureranno i requisiti di accesso alia pensione di anzlanlta e/o di vecchiaia nell'arco di tempo di fruizione degli strumenti di integrazione e di sostegno al reddito gia attivati e/o da attivare dalle Cedenti;

b) e che non si opporranno al collocamento in mobillta a fronte della corresponsione di un incentivo all'esodo.

La somma disponibile per I'incentivo all'esodo e di complessivi lordi € 210.000,00, con una previsione di:

a) lordi € 3.000,00 per coloro i quali matureranno iI requisito pensionistico entro 24 mesi dalla data del trasferimento;

b) lordi € 6.000,00 per coloro i quali matureranno il requisito pensionistico tra 24 e 36 mesi dalla data del trasferimento;

c) lordi € 9.000,00 per coloro i quali matureranno il requisito pensionistico oltre 36 mesi dalla

data del trasferimento.

Qualora la previsione suddetta risultasse inferiore al costo massimo di € 210.000,00, la somma residua verra proporzionalmente redistribuita tra gli aventi diritto.

La corresponsione dell'incentivo all'esodo nella misura suddetta e subordinata alia preventiva sottoscrizione, in sede sindacale, di apposito verba Ie di conciliazlone, ai sensi deqli artt. 2113 c.c. e 410 c.p.c., contenente, ora per allora, la non opposizione al collocamento in rnobtllta alia data prevista e la rinuncia, nei confronti dell edenti e della Cessionaria ad ogni e qualsiasi pretesa ricollegata eto ricollegabile alia sospe ione CIG5 ed allo svolgimento e cessazione del rapporto

UJ)tI1S~\ ~'- ~

,/

.P

La Cessionaria si obbliga, inoltre, ad assumere, ai sensi dell'art. 47, comma 6, della legge 428/90, dal 1 dicembre 2010 al 30 giugno 2011, con la qraduallta correlata aile proprie esigenze produttive ed organizzative 0 della Newco, ove costituita, ulteriori n. 44 lavoratori, in possesso delle necessarie qualifiche e professlonahta, di cui n. 30 da individuare nell'ambito del bacino di quelli non trasferiti e da occupare, previe lora dimissioni elo loro collocamento in rnobltlta, presso 10 5tabilimento di Trezzano sui Naviglio; precisando che tale "occupazione aggiuntiva" non rientra tra .,:::=~=--quella prevista dall'offerta vincolante e dal contratto preliminare del 26 luglio 2010, ed in essa devono intendersi ricomprese Ie n. 14 unlta lavorative previste, con asterisco, ai punti nn. 4 e 5c) della lettera di avvio della presente procedura. AII'esito delle assunzioni suddette e dei rapporti di lavoro trasferiti, il numero complessivo di lavoratori interessati dall'operazione sara di 230.

La Cessionaria, sempre ai sensi dell'art. 47, comma 6, della legge 428/90, si obbliga a garantire I r per tutto il periodo di permanenza in CIG5 e, successivamente in moblllta, il diritto di precedenza, ~ nelle assunzioni correlate aile proprie esigenze produttive ed organizzative 0 della Newco, ove

costituita, ai lavoratori, in possesso delle necessarie qualifiche e professlonallta ed attualmente in ,.-

forza presso 10 5tabilimento di Trezzano sui Naviglio, che non passeranno aile proprie dipendenze. --=::::::--

Dette ulteriori assunzioni avverranno previe dimissioni e/o collocamento in rnoblllta dei lavoratori ~_ ) .. individuati dalla Cessionaria e saranno strettamente correlate all'incremento di fatturato in misura

pari ad 1,2 unlta lavorative per ogni € 200.000,00 di "fatturato incrementale" oltre la soglia di €

5mln/anno; non e considerato incremento fatturato quello derivante dal trasferimento di

produzione e/o di volumi produttivi dalla Maflow Polska 5p.zo.o. eio da altre socleta del Gruppo ex ...

Maflow.

8. II trasferimento dei complessi aziendali verra effettuato al verificarsi delle condizioni sospensive suddette, prevedibilmente entro il 15 ottobre 2010. I rapporti di lavoro trasferiti, unitamente ai complessi aziendali, proseguiranno con la Cessionaria 0 con la Newco ove costituita, senza soluzione di contlnulta e saranno regolati dai c.c.n.1. e degli accordi aziendali attualmente applicati presso Ie rispettive Unita produttive, con il mantenimento delle attuali condizioni normative e retributive ed anzlanlta, anche convenzionale.

5 di lavoro. Durante il periodo di CIG5, al personale sospeso, potranno essere erogati acconti mensili dell'importo concordato a titolo di incentivo all'esodo e nei limiti di capienza dello stesso.

A tal fine tutti i lavoratori, attualmente in forza presso 10 5tabilimento di Trezzano sui Naviglio, dovranno presentare, entre e non oltre il 15 settembre 2010, all'Ufficio del Personale delle Cedenti, il proprio estratto contributivo.

9. In deroga a quanto previsto dall'art. 2112 c.c., gli accantonamenti delle quote di T.F.R., relativi ai rapporti di lavoro trasferiti e maturati al 31 dicembre 2006 e/o alia data della dichiarazione dello state di insolvenza delle Cedenti, gia stati ammessi in privilegio allo state passivo delle rispettive procedure di amministrazione straordinaria, nonche quelli maturati, dai lavoratori trasferiti, successivamente alia data di dichiarazione dello state di insolvenza e sino a quella del trasferimento che, su istanza dei lavoratori, trasferiti saranno ammessi in prededuzione allo stato passivo delle rispettive procedure di amministrazione straordinaria, non saranno trasferiti alia

Cessionaria 0 alia Newco, ove costituita. Analogamente e con gli stessi criteri sono stati e saranno ~\

ammessi, allo state passlvo delle rispettive procedure di amministrazione straordinaria, gli accantonamenti maturati dai lavoratori che dovessero essere successivamente assunti dalla ~ Cessionaria 0 dalla Newco, ove costituita. ~~~

10. I lavoratori non ricompresi, ex art. 47, comma 4bis, della legge 428/90, nel trasferimento d~ J

complessi aziendali di Trezzano sui Naviglio e di Ascoli Piceno, sono stati eto saranno collocati in ~

CIG5, gia autorizzata con i Decreti Direttoriali richiamati nelle Premesse.

11. Per i lavoratori dell'Unlta produttiva di Trezzano sui Naviglio, che non matureranno i requisiti di accesso alia pensione di anzlanlta eto di vecchiaia nell'arco di tempo, sommato al periodo di preavviso, di fruizione degli strumenti di integrazione e di sostegno al reddito gia attivati e che verranno attivati dalle Cedenti prima e dopo la cessazione dei rapporti di lavoro nelle rispettive amministrazioni straordinarie e di cui al punto n. 5 del presente accordo, Ie Istituzioni presenti attiveranno, entre il 30 settembre 2010, un Gruppo di lavoro a livello regionale, composto da

Regione Lombardia (ARIFL), Provincia di Milano, i rappresentanti delle 00.55., firmatarie del presente accordo, nonche dai rappresentanti delle Cedenti e della Cessionaria. II Gruppo di lavoro cosl costituito avra I'obiettivo di rnettere u ampo azioni di politica attiva finalizzate alia

V£tG ;~TaslSa~

~AA-- NJ1

6 Ai lavoratori che parteciperanno a tali corsi di formazione verra erogato, da parte delle Cedenti, un sostegno al reddito complessivo di lordi € 900,00 per ciascun lavoratore, che verra corrisposto con Ie modallta stabilite nell'ambito del Gruppo di lavoro nonche voucher individuali, a carico della Regione Lombardia, nelle misure previste dalla normativa di riferimento e strettamente connessi alia frequenza.

12. AI fine di favorire la sottoscrizione del presente accordo e di ristabilire la normale aqlblllta dello Stabilimento di Trezzano sui Naviglio, con la cessazione dello stato di agitazione e di presidio sindacale dell'unlta produttiva stessa, la Cessionaria provvedera a versare aile Cedenti la somma di € 200.000,00 con Ie rnodallta che verranno individuate con i Commissari entro il 30 settembre 2010.

13. La Cessionaria si impegna ad incontrare Ie 00.55., entro 60 gg. dalla data di efficacia del trasferimento, per una verifica del processo organizzativo dei complessi aziendali di Trezzano sui Naviglio e di Ascoli Piceno, oggetto del trasferimento stesso. Saranno, inoltre, organizzati incontri periodici, di norma alia fine di ogni trimestre, per esaminare I'evoluzione dei rapporti con la committenza e gli incrementi di fatturato utile a favorire la ricollocazione al lavoro dei lavoratori rimasti inoccupati. II primo di questi incontri e previsto entro il mese successivo a quello dell'intervenuta cessione.

14. II Ministero dello 5viluppo Economico rlfertra i risultati della propria iniziativa in apposito incontro da tenersi entro il mese successivo a quello dell'intervenuta cessione.

15. Gli oneri economici previsti dal presente accordo, a carico delle Procedure, saranno sostenuti previo parere consultivo del Comitato di Sorveqllanza.

16. Le 00.55. di Trezzano sui Naviglio sottoporranno il presente accordo all'Assemblea dei lavoratori

per la relativa approvazione, del cui esito sara data tempestiva comunicazione.

Le Parti si danno atto reciprocamente che la procedura di consultazione sindacale, avviata ai sensi dell'art. 47 legge 428/90, e stata regolarmente esperita e conclusa con la sottoscrizione del presente accordo.

~SUJ·~\

UILM UIL di Milano (>J