You are on page 1of 272

studi e documenti

degli Ann Ali dell A pubblic A i struzione

133/2010

Le vicende del confine orientale


ed il mondo della scuola

A cura della Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici


e per lAutonomia Scolastica

Le Monnier

SDAPI133_0.indd 1 11/01/11 11:03


studi e documenti degli annali
della pubblica istruzione
rivista trimestrale

del ministero dellistruzione, delluniversit e della ricerca

133/2010

Direttore responsabile: massimo zennaro


Coordinamento editoriale: sabrina bono

Segreteria di redazione: Giuseppe zito

Comitato tecnico-scientifico: Giovanni biondi, alberto bottino, pasquale capo, luciano


chiappetta, antonio coccimiGlio, Giuseppe cosentino, silvio criscuoli, Giacomo dutto,
luciano Favini, emanuele Fidora, antonio Giunta la spada, maria Grazia nardiello,
vincenzo nunziata, Germana panzironi, serGio scala, maria domenica testa, tito varrone

Coordinamento redazionale: Giuseppe Fiori

Redazione: Fabrizio Francioni, andrea lo bello e maurizio modica


Articoli, lettere e proposte di contributi vanno indirizzati a: studi e documenti deGli annali della pubblica
istruzione, periodici l e monnier, mondadori education, viale manfredo Fanti, 51/53 50137 Firenze.
Gli articoli, anche se non pubblicati, non si restituiscono.

c ondizioni di abbonamento 2011 (quattro numeri per complessive pagine da 800 a 896)
a nnuale per litalia euro 27,90
a nnuale per lestero euro 38,40

Versamenti sul c/c postale n. 30896864 intestato a mondadori education s.p.a .

Garanzia di riservatezza per gli abbonati


n el rispetto di quanto stabilito dalla l egge 675/96 Norme di tutela della privacy, leditore garantisce la massima
riservatezza dei dati forniti dagli abbonati che potranno richiedere gratuitamente la rettifica o la cancellazione
scrivendo al responsabile dati della mondadori education s.p.a . (c asella postale 202 50100 Firenze).
l e informazioni inserite nella banca dati elettronica mondadori education verranno utilizzate per inviare agli
abbonati aggiornamenti sulle iniziative della nostra casa editrice.

r egistrazione presso il t ribunale di Firenze con decreto n. 2645 in data 28-2-1978

Finito di stampare nel mese di gennaio 2011 presso


l inea g rafica c itt di c astello (perugia)
stampato in italia, printed in italy

tutti i diritti sono riser Vati

SDAPI133_0.indd 2 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La iii

indice
in DiCe

Presentazione Vii
di Massimo Zennaro

Premessa 1
di Antonio Lo Bello

Parte Prima

introduzione

Le vicende del confine orientale: ricordare o dimenticare? 7


di Luciano Favini

inquadramento storico

Dal trattato di Campoformido alla Grande Guerra 27


di Raoul Pupo

Perch il regno di italia abbandon gli italiani da ustria


fino al 1914? 35
di Paolo Radivo

Le foibe e lesodo giuliano-dalmata 39


di Roberto Spazzali

il lungo dopoguerra della Venezia Giulia 51


di Guido Rumici

Le ragioni di una rimozione storica 61


di Giuseppe de Vergottini

SDAPI133_0.indd 3 11/01/11 11:03


iv studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

indice il ruolo di enti, associazioni, istituti di ricerca

il significato del i seminario di formazione sul confine


orientale 73
di Lucio Toth

Viaggio nella civilt istriano-dalmata: unesperienza


progettuale della ssessorato alle Politiche educative e
scolastiche del Comune di roma 77
di Laura Marsilio

storie fuori dalla storia 83


di Viviana Facchinetti

il confine orientale, la scuola e linsm Li 87


di Aurora Delmonaco

il confine orientale: la storia, la memoria, la scuola 93


di Maria Rocchi

Le ragioni di un impegno istoreto 99


di Riccardo Marchis

il Giorno del ricordo nella stampa italiana: dagli anni


n ovanta ai nostri giorni 103
di Patrizia Hansen

Parte se Con Da

Le esperienze delle scuole

Le vicende del confine orientale ed il mondo della scuola.


La rchivio-museo storico di Fiume della societ di studi
Fiumani, laboratorio di storia 125
di Marino Micich

La scuola di Bergamo ricorda 135


di Maria Elena Depetroni

SDAPI133_0.indd 4 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La v

indice
Le associazioni degli esuli e la scuola 139
di Donatella Schurzel

esodanti ed esodi letti da una sezione didattica


di periferia 147
di Dino Renato Nardelli

La didattica del confine orientale al confine orientale 151


di Chiara Vigini

La didattica

insegnare storia 157


di Caterina Spezzano

Da trieste al villaggio san marco: per una didattica


del Giorno del ricordo 161
di Giuliano Albarani, Marzia Luppi, Paolo Davoli

Un progetto per conoscere: le foibe, lesodo


giuliano-dalmata, il Giorno del ricordo: parliamo di uomini,
donne e dolore 165
di Enrica Rauso

Unesperienza didattica: la Giornata del ricordo 169


di Vita Minisci

La storia strappata: quando la madre Patria ha il volto


della madre 171
di Donatella Bracali

Camminare nelle scarpe dellaltro 175


di Daniela Bernardini e Luigi Puccini

Dalla conoscenza di un tessuto storico locale


alla focalizzazione di un problema pi generale,
di portata nazionale ed europea, di storia dimenticata 179
di Angela Crisci

SDAPI133_0.indd 5 11/01/11 11:03


vi studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

indice il Giorno del ricordo a Gorizia 189


di Maria Grazia Ziberna

sulle vicende del confine orientale 193


di Annamaria Brondani Menghini

La questione orientale 197


di Maria Luisa Botteri

Lattualit della questione orientale 201


di Mirella Tribioli

il dramma delle foibe e dellesodo: una storia


da riscrivere 203
di Francesco Casale

il tema generale delle foibe e dellesodo 207


di Maria Rachele Ciancia, Maria Concetta Salerno,
Vincenzo Ciminelli

Le testimonianze

Le storie di renato Ferlin, mario Flego, Benny Pecota 213

Con CLUsioni e Pros Petti Ve

Conclusioni e prospettive 223


di Antonio Lo Bello

a LLeGati

Legge 92 del 30 marzo 2004 227


Programma del seminario 231
Brochure 233
Dispensa istria, Fiume e Dalmazia. Profilo storico 235
a ttestato di partecipazione 255

SDAPI133_0.indd 6 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La vii

pre sent azione


presentazione

Lo scorso 23 febbraio, presso la Sala della Comunicazione del ministero dellIstru-


zione, dellUniversit e della Ricerca, si tenuto il I seminario nazionale dedicato
alle tematiche del Giorno del Ricordo: la memoria delle vittime delle foibe,
lesodo giuliano-dalmata, le vicende del confine orientale.
Il seminario, i cui argomenti sono stati selezionati da un apposito Gruppo di
Lavoro, stato realizzato per sensibilizzare insegnanti e studenti sulla situazione di
degli esuli di Istria, Fiume e Dalmazia. massimo
Lobiettivo era di incoraggiare la partecipazione delle scuole per arricchire la forma- z ennaro
zione dei docenti e rendere la problematica-esuli patrimonio nazionale.
Questo fascicolo degli Studi e Documenti degli Annali della Pubblica Istruzione,
intitolato Le vicende del confine orientale ed il mondo della scuola, raccoglie la
documentazione relativa al seminario e si divide in due sezioni.
La prima fornisce linquadramento storico delle vicende del confine orientale, a
partire dal Trattato di Campoformido (che nel 1797 segn la fine della Repub-
blica di Venezia e linizio della crisi degli Italiani dAdriatico), per giungere alle
vicende del secondo dopoguerra. In questa sezione, inoltre, viene evidenziato il
ruolo che enti, associazioni e centri di ricerca hanno svolto nel tempo per conservare
la memoria di tali vicende storiche, partendo dallanalisi del seminario stesso.
La seconda parte del volume, dopo aver esaminato alcune esperienze provenienti
dalle scuole (comprese quelle di Trieste, citt che ha vissuto direttamente le vi-
cende dei profughi istriani, fiumani e dalmati), raccoglie una serie di articoli
dedicati alla didattica del Giorno del Ricordo. Particolare attenzione viene
riservata alla questione orientale, ponendo laccento sulla necessit di realizzare
in tutta Italia progetti che ne evidenzino lattualit e permettano di storicizzarne
gli avvenimenti rinunciando a qualsiasi condizionamento ideologico.
A conclusione del presente fascicolo, subito prima degli allegati relativi al semina-
rio, vengono presentati i ricordi e le storie di tre esuli, testimonianze concrete di
quanto il Giorno del Ricordo vuole significare.

Il seminario e questo volume, per, non esauriscono gli interventi che il MIUR, il
Gruppo di Lavoro, le Associazioni e le scuole hanno programmato.
La modalit seminariale stata infatti proposta dal Gruppo di Lavoro per la rea-
lizzazione di eventi formativi su base regionale che coinvolgano ancora una volta
le Associazioni, gli Istituti di ricerca, gli USR e il Ministero.
Tali seminari dovranno tenersi in prossimit del 10 febbraio (il Giorno del Ri-
cordo), utilizzando, ove possibile, testimonianze dirette.

SDAPI133_0.indd 7 11/01/11 11:03


SDAPI133_0.indd 8 11/01/11 11:03
preme ssa
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 1

premessa

La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale Giorno del Ricordo al fine di


conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vitti-
me delle foibe, dellesodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel se-
condo dopoguerra e della pi complessa vicenda del confine orientale.
Nella giornata di cui al comma 1 sono previste iniziative per diffondere la cono-
scenza dei tragici eventi presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado. di
altres favorita, da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, a ntonio
incontri e dibattiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende. Tali ini- Lo bello
ziative sono, inoltre, volte a valorizzare il patrimonio culturale, storico, lettera-
rio e artistico degli italiani dellIstria, di Fiume e delle coste dalmate, in partico-
lare ponendo in rilievo il contributo degli stessi, negli anni trascorsi e negli anni
presenti, allo sviluppo sociale e culturale del territorio della costa nord-orientale
adriatica ed altres a preservare le tradizioni delle comunit istriano-dalmate re-
sidenti nel territorio nazionale e allestero (L. 92/2004).
Alla fine del secondo conflitto mondiale la geografia dei confini orientali italia-
ni viene ridisegnata e le ragioni collettive determinano lo svolgersi delle ragio-
ni individuali. La r epubblica
probabilmente preistorica la necessit delluomo di assoggettare lindividuo al- riconosce il 10
la volont del gruppo, sicuramente rintracciabile nelle fonti storiche la docu- febbraio quale
mentazione che la filogenetica dellorganizzazione del vivere collettivo compor- giorno del
ta costi individuali. r icordo al fine
Su invito del Tavolo di Governo istituito presso la Presidenza del Consiglio dei di conservare
Ministri, la Direzione Generale degli Ordinamenti scolastici e per lAutonomia e rinnovare la
scolastica ha costituito un Gruppo di lavoro, composto da rappresentanti delle memoria della
Associazioni degli Esuli e da rappresentanti delle diverse Direzioni generali del tragedia degli
ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca, con lo scopo di indi- italiani e di
viduare una serie di iniziative rivolte alle Istituzioni scolastiche per una miglio- tutte le vittime
re conoscenza delle ragioni storico-sociali che hanno investito il confine orien- delle foibe,
tale dal 1943 al 1947. dellesodo dalle
Numerose sono state le iniziative programmate dal Gruppo di lavoro, tra cui lor- loro terre degli
ganizzazione del I seminario nazionale con lo scopo precipuo di accogliere il det- istriani, fiumani
tato legislativo e favorire la realizzazione di studi, convegni ed incontri da parte di e dalmati e
Enti ed Associazioni per la valorizzazione della cultura istriana, fiumana e dalmata. della complessa
Il presente volume raccoglie la documentazione della giornata seminariale che vicenda
si svolta a Roma presso la Sala della Comunicazione del MIUR il 23 febbraio del confine
2010: Le vicende del confine orientale ed il mondo della scuola. Il lavoro svi- orientale

SDAPI133_0.indd 1 11/01/11 11:03


preme ssa
2 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

luppa un indice in cui si raccolgono la ricostruzione storica degli eventi e i con-


tributi di alcuni rappresentanti delle Associazioni degli Esuli e delle Istituzioni
che in ambito culturale ed educativo hanno sollecitato le attenzioni del mondo
della scuola sulla tematica.
Seguono infine le sintesi proposte dai docenti che hanno animato la sessione del
seminario, esperienze didattiche esemplificative delle modalit con cui i docen-
ti delle scuole dei diversi gradi scolastici propongono lanalisi della ricostruzio-
ne storica garante di un insegnamento della storia al di sopra della lente inter-
pretativa dellaccaduto.
E la Storia si evince dalle progettazioni di alcune Istituzioni scolastiche che rea-
lizzano attivit dedicate al Giorno del Ricordo, diventando storiografia, una
vera e propria antologia di opere di argomento storico realizzata attraverso una
metodologia che adotta materiali storici e documenti del passato.

SDAPI133_0.indd 2 11/01/11 11:03


par te prima

SDAPI133_1.indd 3 11/01/11 11:03


SDAPI133_1.indd 4 11/01/11 11:03
intr oduzione

SDAPI133_1.indd 5 11/01/11 11:03


SDAPI133_1.indd 6 11/01/11 11:03
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 7

inter venti
Le vicende de L
confine orienta Le:
ricordare
o dimenticare?
di
Luciano f avini

Con legge 30 marzo 2004, n. 92 stato istituito il Giorno del Ricordo. Con
la stessa legge stato concesso un riconoscimento ai congiunti degli infoibati.
La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale Giorno del Ricordo al fine di
conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vit-
time delle foibe, dellesodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel
secondo dopoguerra e della pi complessa vicenda del confine orientale. La
scelta della data non certo casuale. universalmente noto che il 10 febbraio
1947 fu firmato il Trattato di Parigi, ai sensi del quale lItalia cedette la Vene-
zia Giulia alla Jugoslavia.
In tale giorno sono previste iniziative per diffondere la conoscenza dei tragi-
ci eventi presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado. altres favorita,
da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e di-
battiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende. Tali iniziative so-
no, inoltre, volte a valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario e arti-
stico degli italiani dellIstria, di Fiume e delle coste dalmate, in particolare po-
nendo in rilievo il contributo degli stessi, negli anni trascorsi e negli anni pre-
senti, allo sviluppo sociale e culturale del territorio della costa nord-orientale
adriatica ed altres a preservare le tradizioni delle comunit istriano-dalmate
residenti nel territorio nazionale e allestero.
Per quanto consta, le scuole hanno fatto e continuano a fare la loro parte. Ov-
viamente, non da sole. Contano infatti sul sostegno e sulla collaborazione non
solo del MIUR, ma anche di Enti e Associazioni che con il MIUR intratten-
gono (o no) rapporti basati su specifiche intese. E benvenuti sono anche gli ap-
porti dei singoli interessati alla conservazione della memoria di quelle vicende.
Particolarmente apprezzati dalle scuole sono gli interventi di coloro che dei fatti
accaduti offrono testimonianze filtrate o sublimate dalla rielaborazione artisti-

SDAPI133_1.indd 7 11/01/11 11:03


8 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti ca o scientifica. Ci senza nulla togliere al valore della semplice testimonianza,
che pur sempre una forma di rinnovamento della memoria.
Il ricordo sottintende la tentazione di dimenticare. A questo proposito, soprat-
tutto in rapporto a vicende di forte connotazione politica, soccorre lesempio
degli antichi. Scrive Senofonte alla fine del secondo libro delle Elleniche, do-
ve tratta della restaurazione della democrazia dopo i Trenta Tiranni1: gli Ate-
niesi elessero poi dei magistrati e ripresero a governarsi da liberi cittadini. Ma
in un secondo tempo, venuti a sapere che a Eleusi si stavano arruolando trup-
pe mercenarie, fecero tutti insieme una spedizione contro questo esercito, e ne
misero a morte i comandanti che erano venuti a parlamentare; agli altri man-
darono amici e parenti e li convinsero a fare la pace. Giurarono cos di non
serbare rancore per i torti subiti (mh; mnhsikakh;sein), e ancor oggi le due parti
si governano nella concordia e il popolo rispetta il giuramento fatto2. Il po-
polo giur che non avrebbe ricordato i mali. In effetti, mnhsikakevw significa
sono memore delloffesa, quindi serbo rancore, penso a vendicarmi, men-
tre il sostantivo mnhsikakiva e laggettivo mnhsi;kako" valgono, rispettivamen-
te, rancore, memoria delloffesa e memore delloffesa, vendicativo, che serba
rancore. Queste parole sono dei composti, perch presuppongono mi-mnhv-skw
(aor. e[-mnh-sa) fo ricordare, mi-mnhv-sko-mai (aor. ej-mnh-s av-mnh (ej-mnhv-s-qh-n))
penso, ho in mente > mi ricordo, mi rammento, sono memore, ho cura di e
agg. kak-ov-" cattivo, malvagio, sost. kak-ov-n male, sventura, oltraggio, cat-
tiveria (donde kak-iva cattiveria, kak-ov-th" cattivezza, male, ecc.. Sar poi
il caso di rammentare che mi-mnhvskw3 (pres. con raddoppiamento mi-) sta alla

1. Senofonte, Elleniche II, 4, 43. Cfr. Aristotele, La costituzione degli Ateniesi, 39-40 e Diodo-
ro, XIV 32-33 (non mette qui conto ricordare altre fonti di minore importanza). Per lamnistia vd.
H. Bengtson (Hg.), Die Staatsvertrge des Altertums, Bd. 2: Die Vertrge der griechisch-rmischen
Welt von 700 bis 338 v.Chr., Mnchen, 1962, nr. 213. Ricostruzioni: K.J. Beloch, Griechische
Geschichte, III/1, Berlin und Leipzig, 19222, pp. 12-15; C. Hignett, A History of the Athenian
Constitution to the End of the Fifth Century B.C., Oxford, 1952, pp. 293-298; N.G.L. Hammond,
A History of Greece to 322 a.C., Oxford, 19672, pp. 446-449; H. Bengtson, Griechische Geschichte
von den Anfngen bis in die rmische Kaiserzeit, Mnchen, 19694, pp. 260-261; D. Musti, Sto-
ria greca. Linee di sviluppo dallet micenea allet romana, Roma-Bari, 1992, pp. 490-491; ecc.
2. Su mh; mnhsihakei'n (espressione ufficiale) e ajmnhstiva (in fonti tarde) cfr. G. Busolt, Grie-
chische Staatskunde, Zweite Hlfte: Darstellung einzelner Staaten und der zwischenstaatlichen Be-
ziehungen, bearbeitet v. H. Swoboda, Mnchen, 1926, p. 917, n. 3.
3. Il gr. mi-mnhvskw presuppone la radice IE *men- denken, geistig erregt sein (J. Pokorny, Indoger-
manisches Etymologisches Wrterbuch, I, Bern, 1959 [= Pokorny IEW], pp. 726-728), einen Gedan-
ken fassen (H. Rix [unter Leintung von]), Lexikon der indogermanischen Verben, Wiesbaden 1998
[= LIV], pp. 391-393), To think; with derivatives referring to various qualities and states of mind
and thought (The American Heritage. Dictionary of Indo-European Roots, rev. and ed. by C. Wa-
tkins, 20002, p. 54), largamente documentata nelle lingue indoeuropee: ai. mnyate pensa, man-
trah lat. memin, mens, mentior, mentio, moneo, monumentum, monstrum, ecc.; gr. mevmona, maivno-
mai, mavnti", mevmnhmai, mnavomai, mnh`s i", ecc.; air. do-moiniur glaube, meine; got. munan geden-
ken; lit. mini gedenken, sich erinnern, ecc. Merita ancora una lettura la dissertazione del grande
A. Meillet, De indoeuropaea radice *men- mente agitare, Lutatetiae-Parisiorum, MDCCCXCVII.

SDAPI133_1.indd 8 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 9

inter venti
base di numerosi derivati. Basti citare mnh`ma, mnhvmh (dor. mnavma), mnaiva, mn-
hvsti", mnhsthvr, mnhsthv, mnhvmwn e Mnhmosuvmh, che, nella mitologia greca, la
madre delle Muse. Non si sbaglier a dire che la radice IE men-, donde deri-
vano le parole greche su menzionate, stata molto produttiva e fa tuttora sen-
tire i suoi effetti. Qualcuno si anzi spinto fino al punto di far derivare da IE
*men- pensare anche le parole per uomo (come essere umano, ma talora
anche come uomo vs. donna) documentate nellarea germanica4 (got. man-
na, an. mar, aingl. man(n), ecc.), slava (asl. ma, russ. mu, pol. ma, ecc.)
e indiana (scr. manu-, manus.(a)-, ecc.). Altri, per salvare la derivazione, appa-
rentemente troppo sofisticata e perci esposta alle critiche di chi pensa stori-
camente, ha ipotizzato per IE *men- un significato meno astratto (e pi arcai-
co), quale respiro, soffio5. Quasi quasi dimenticavo di dire che allarea di gr.
mi-mnhv-skw si riconnette anche amnistia, che viene dal gr. ajmnhstiva (comp.
di a- priv. e di -mnhsti- menzione), propriamente oblio, remissione (cf. it.
amnesia, da gr. ajmnhsiva)6.
Il bisogno di dimenticare e di far dimenticare una costante della vita politica.
Nei tempi a noi pi vicini, invece, non solo il Parlamento italiano, ma anche
altri consessi, tra cui lAssemblea delle Nazioni Unite7, sembrano interessati a
ricordare e a far ricordare. Non certo per alimentare vendette e rivincite ma per:
1) risarcire, almeno sotto il profilo morale, quanti subirono violenze e sopraf-
fazioni indotte da motivi ideologici o politici; 2) indurre i cittadini a pensieri,

il bisogno
di dimenticare
4. F. Kluge, Etymologisches Wrterbuch der deutschen Sprache, berabeit v. W. Mitzka, Berlin-New
York 197521 (= Kluge EWdDS), pp. 459-460 (Unser lteste Zeugnis ist Mannus als Stamm- e di far
vater der Westgermanen bei Tacitus, Germ. 2, dem sich aind. Manu als Stammvater der Men- dimenticare
schen vergleicht. Ihnen am nchsten stehen aind. awest. mnu- Mensch. [] Das Wort fr una costante
Mensch gehrt mglicherweise zur idg. Wurzel *men- denken, geistig erregt sein, jedenfalls della vita
war es in idg. Zeit schon selbstndig.
5. Cfr. C.D. Buck, A Dictionary of Selected Synonyms in the Principal Indo-European Languages, politica
Chicago & London, 1988 (< 1949) (= Buck Selected Synonyms), p. 80. Buck ricorda anche
lipotesi della connessione di *man- uomo con lat. manus. Per una valutazione critica delle eti-
mologie proposte della parola IE per uomo, basti rinviare a M. Mayrhofer, Kurzgefates et-
ymologisches Wrterbuch des Altindischen, II: D-M, Heidelberg, 1963, p. 576 s.v. mnuh. (Um
ein Etymon des idg. Wortes fr Mensch hat man sich frh bemht, doch lt die Vielzahl von
*men-Homonymen keine unbestreitbare Lsung erhoffen.
6. Vd. Cortelazzo-Zolli, pp. 97-98, che non manca di osservare come it. amnistia abbia la
pronunzia bizantina -i- della -h- greca (cf. per contro amnesia). Il Lessico Universale Italiano, I,
A-ANTLIA, Roma 1968, p. 564 attribuisce al gr. ajmnhstiva il significato di dimenticanza. Il
greco moderno ha ajmnhstiva o ajmnhsteiva amnistia, ajmnhsteuvw amnistiare, ajmnhsiva amnesia,
smemoratezza, ajmnhmosuvnh smemorataggine, ajmnhsikakiva il non serbar rancore, ajmnhsivka-
ko" che non serba rancore. Il significato di mnhsteiva fidanzamento, promessa di matrimo-
nio (mnhsthv la fidanzata, promessa sposa). Il gr. antico mnhsthvr, -h`ro" sopravvive nel greco
moderno mnhsthvra" fidanzato, promesso sposo e pretendente, aspirante.
7. Vd. la Resolution Adopted by the General Assembly on the Holocaust Remembrance (A/RES/60/7,
1st November 2005).

SDAPI133_1.indd 9 11/01/11 11:03


10 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti atteggiamenti e comportamenti ispirati al rispetto di alti valori morali e politi-
ci. In Italia, per esempio, si celebrano oggi il Giorno della Memoria (al fine
di ricordare la Shoah [sterminio del popolo ebraico], le leggi razziali, la persecu-
zione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subto la deportazione,
la prigionia, la morte, nonch coloro che, anche in campi e schieramenti diver-
si, si sono opposti al progetto di sterminio e, a rischio della propria vita, hanno
salvato altre vite e protetto i perseguitati), il Giorno del Ricordo (per il fine
menzionato allinizio) e il Giorno della Libert (quale ricorrenza dellabbat-
timento del muro di Berlino, evento simbolo per la liberazione di Paesi oppressi
e auspicio di democrazia per le popolazioni tuttora soggette al totalitarismo).
Com noto, dopo la fine della Seconda guerra mondiale, furono presi in Italia
diversi provvedimenti finalizzati alla pacificazione nazionale. Si cominci con
il DPCM 22 giugno 1946, n. 4 (la cosiddetta amnistia Togliatti), cui fecero
seguito, tra laltro, il DPR 19 dicembre 1953, n. 922 e DPR 4 giugno 1966,
n. 332 (che allargarono i termini temporali e la casistica). Non mancarono le
polemiche, da una parte e dallaltra. A mettersi in mezzo tra i contendenti, si
prendono colpi da ogni parte. I pacificatori sono in fondo sempre sospettati
di coltivare secondi fini. In politica, nessuno appare (o ) disinteressato. Ana-
logamente, non appaiono certo disinteressate le ragioni che inducono i Parla-
menti a fare proclami commemorativi. Le ragioni della polemica politica fini-
scono sempre per prevalere sulle buone ragioni dei politici. Nel caso specifico
del Giorno del Ricordo le contingenze e le convenienze delle parti politiche
n el caso hanno avuto comunque il merito di richiamare lattenzione del pubblico in-
specifico del tellettualmente vigile su vicende solo apparentemente marginali, o epifenome-
giorno del ni, della storia europea.
r icordo le Non tocca a me fare riassunti di storia e di storiografia. Mi limito a fornire
contingenze e qualche spunto di riflessione sul tema dellinsegnamento della storia contem-
le convenienze poranea nelle nostre scuole. Sar costretto a fare qualche esempio.
delle parti Parto dalla Relazione della Commissione mista storico-culturale italo-slovena8.
politiche hanno Leggo: Alla fine di aprile [1945] CLN e Unit operaia organizzarono a Trie-
avuto il merito ste due insurrezioni parallele e concorrenziali, ma ad ogni modo la cacciata dei
di richiamare tedeschi dalla Venezia Giulia avvenne principalmente per opera delle grandi
lattenzione unit militari jugoslave e in parte di quelle alleate che finirono per sovrapporre
del pubblico le loro aree operative in maniera non concordata: il problema della transizione
intellettualmente fra guerra e dopoguerra divenne cos una questione che travalicava i rapporti
vigile su fra italiani e sloveni della Venezia Giulia, come pure le relazioni fra lItalia e la
vicende solo Jugoslavia, per diventare un nodo, seppur minore, della politica europea del
apparentemente tempo. Lestensione del controllo jugoslavo dalle aree gi precedentemente li-
marginali della berate dal movimento partigiano fino a tutto il territorio della Venezia Giulia
storia europea
8. Che si pu leggere, per esempio, al seguente indirizzo Internet: http://www.kozina.com/pre-
mik/indexita_porocilo.htm.

SDAPI133_1.indd 10 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 11

inter venti
fu salutata con grande entusiasmo dalla maggioranza degli sloveni e dagli ita-
liani favorevoli alla Jugoslavia. Per gli sloveni si tratt di una duplice liberazio-
ne, dagli occupatori tedeschi e dallo Stato italiano. Al contrario, i giuliani fa-
vorevoli allItalia considerarono loccupazione jugoslava come il momento pi
buio della loro storia, anche perch essa si accompagn nella zona di Trieste,
nel Goriziano e nel Capodistriano ad unondata di violenza che trov espres-
sione nellarresto di molte migliaia di persone, parte delle quali venne in pi
riprese rilasciata in larga maggioranza italiani, ma anche sloveni contrari al
progetto politico comunista jugoslavo , in centinaia di esecuzioni sommarie
immediate, le cui vittime vennero in genere gettate nelle foibe, e nella de-
portazione di un gran numero di militari e civili, parte dei quali per di stenti
o venne liquidata nel corso dei trasferimenti, nelle carceri e nei campi di pri-
gionia (fra i quali va ricordato quello di Borovnica) creati in diverse zone del-
la Jugoslavia. Tali avvenimenti si verificarono in un clima di resa dei conti per
la violenza fascista e di guerra ed appaiono in larga misura il frutto di un pro-
getto politico preordinato, in cui confluivano diverse spinte: limpegno ad eli-
minare soggetti e strutture ricollegabili (anche al di l delle responsabilit per-
sonali) al fascismo, alla dominazione nazista, al collaborazionismo ed allo Sta-
to italiano, assieme ad un disegno di epurazione preventiva di oppositori rea-
li, potenziali o presunti tali, in funzione dellavvento del regime comunista, e
dellannessione della Venezia Giulia al nuovo Stato jugoslavo. Limpulso pri-
mo della repressione part da un movimento rivoluzionario, che si stava tra-
sformando in regime, convertendo quindi in violenza di Stato lanimosit na- Lesistenza
zionale ed ideologica diffusa nei quadri partigiani. di uno s tato
A proposito dellesodo, ecco le conclusioni della Relazione: Complessiva- nazionale
mente nel corso del dopoguerra lesodo dai territori istriani soggetti oggi alla italiano
sovranit slovena coinvolse pi di 27.000 persone vale a dire la quasi totalit democratico
della popolazione italiana ivi residente, oltre ad alcune migliaia di sloveni, che ed attiguo
vennero ad aggiungersi alla grande massa di esuli, in larghissima maggioran- ai confini
za italiani (le cui stime pi recenti vanno dalle 200 mila alle 300 mila unit), costitu
provenienti dalle aree dellIstria e della Dalmazia oggi appartenenti alla Croa- un fattore
zia. Gli italiani rimasti (l8% della popolazione complessiva) furono in maggio- oggettivo
ranza operai e contadini, specie quelli pi anziani, cui si aggiunsero alcuni im- di attrazione
migrati politici del dopoguerra ed alcuni intellettuali di sinistra. Fra le ragioni per popolazioni
dellesodo vanno tenute soprattutto presenti loppressione esercitata da un re- perseguitate
gime la cui natura totalitaria impediva anche la libera espressione dellidentit ed impaurite
nazionale, il rigetto dei mutamenti nellegemonia nazionale e sociale nellarea,
nonch la ripulsa nei confronti delle radicali trasformazioni introdotte nelleco-
nomia. Lesistenza di uno Stato nazionale italiano democratico ed attiguo ai
confini, pi che lazione propagandistica di agenzie locali filo-italiane, esplica-
tasi anche in assenza di sollecitazioni del governo italiano, costitu un fattore
oggettivo di attrazione per popolazioni perseguitate ed impaurite nonostante

SDAPI133_1.indd 11 11/01/11 11:03


12 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti il governo italiano si fosse a pi riprese adoperato per fermare, o quantomeno
contenere, lesodo. A ci si aggiunse il deteriorarsi delle condizioni di vita, ti-
pico dei sistemi socialisti, ma legato pure allinterruzione coatta dei rapporti
con Trieste che innescarono il timore per gli italiani dellIstria di rimanere
definitivamente dalla parte sbagliata della cortina di ferro. In definitiva, le co-
munit italiane furono condotte a riconoscere limpossibilit di mantenere la
loro identit nazionale intesa come complesso di modi di vivere e di sentire,
ben oltre la sola dimensione politico-ideologica nelle condizioni concreta-
mente offerte dallo Stato jugoslavo e la loro decisione venne vissuta come una
scelta di libert. In una prospettiva pi ampia, lesodo degli italiani dallIstria
si configura come aspetto particolare del processo di formazione degli Stati na-
zionali in territori etnicamente compositi, che condusse alla dissoluzione della
realt plurilinguistica e multiculturale esistente nellEuropa centro-orientale e
sudorientale. Il fatto che gli italiani dovettero abbandonare uno Stato federale
e fondato su di unideologia internazionalista, mostra come nellambito stesso
di sistemi comunisti le spinte e distanze nazionali continuassero a condizio-
nare massicciamente le dinamiche politiche. La stipula del Memorandum di
Londra non risolse tutti i problemi bilaterali, a cominciare da quelli relativi al
trattamento delle minoranze, ma segn nel complesso la fine di uno dei perio-
di pi tesi nei rapporti italo-sloveni e linizio di unepoca nuova, caratterizza-
ta dal graduale avvio della cooperazione di confine sulla base degli accordi di
Roma del 1955 e di Udine del 1962 e dallo sviluppo progressivo dei rapporti
Lesodo culturali ed economici. Nonostante i loro contrasti, gi a partire dalla stipula
degli italiani del Trattato di Pace, i due Paesi, lItalia e la Jugoslavia, avevano avviato rap-
dallistria si porti sempre pi stretti, tali da rendere (a partire dai tardi anni Sessanta) il lo-
configura ro confine il pi aperto fra due Paesi europei a diverso ordinamento sociale.
come aspetto Lapporto delle due minoranze fu a tale proposito del massimo rilievo. Tutto
particolare ci concorse, dopo decenni di accesi contrasti, ad avviare, sia pure fra tempo-
del processo ranee ricadute, i due popoli verso una pi feconda collaborazione.
di formazione La Relazione sulle relazioni italo-slovene (1880-1956) il frutto del lavoro di una
degli s tati Commissione composta da studiosi italiani e sloveni 9. La Commissione venne
nazionali istituita nellottobre 1993 su iniziativa dei ministri degli Esteri di Italia e Slo-
in territori venia. Il 27 giugno 2000 i membri della Commissione la adottarono alluna-
etnicamente nimit. appena il caso di rammentare che la Slovenia divenne indipenden-
compositi

9. Componenti: per lItalia: Sergio Bartole (sostituito da Giorgio Conetti), Elio Apih (sostitui-
to da Marina Cattaruzza), Angelo Ara, Paola Pagnini, Fulvio Salimbeni, Fulvio Tomizza (sosti-
tuito da Raoul Pupo), Lucio Toth; per la Slovenia: Milica Kacin-Wohinz, France Dolinar, Boris
Gombac (sostituito da Aleksander Vuga), Branco Maruic, Boris Mlakar, Nevenka Troha, An-
drej Vovko. Cfr. R. Pupo, Il confine scomparso. Saggi sulla storia dellAdriatico orientale nel Nove-
cento, Trieste, 20082, pp. 181-203.

SDAPI133_1.indd 12 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 13

inter venti
te il 25 giugno 1991. tuttora diffuso il lamento sulla scarsa diffusione della
Relazione, specialmente nelle scuole (diffusione invece caldeggiata dai firma-
tari)10. Mi sembra di poter dire che le relazioni italo-slovene rientrino tuttora
a pieno titolo fra le questioni che la politica non disposta a lasciare del tutto
nelle mani degli studiosi.
Se si deve dare retta a certi esperti, a scuola non si dovrebbe parlare n di storia
n di cultura n di letteratura contemporanea. La grande preoccupazione (degli
esperti e della politica che li fa parlare) che i professori approfittino dellocca-
sione per indottrinare gli alunni o fare propaganda, ovviamente di idee eversi-
ve o non gradite ai familiari degli studenti. In poche parole, c il timore che
si faccia politica a scuola. Questa visione anacronistica. Non possiamo far-
ci condizionare da casi tanto deprecabili quanto sporadici. Gli studenti sono
pi smaliziati di quel che vorrebbero farci credere certi strateghi dellignoran-
za. Con decreto 4 novembre 1996, n. 682 il ministro Berlinguer stabil che i
limiti cronologici fissati dai vigenti programmi ministeriali per la suddivisione
annuale del programma di storia valevole per il quinquennio dei Licei classi-
ci, scientifici, linguistici e degli Istituti tecnici sono modificati secondo le se-
guenti indicazioni di massima:

1 anno: dalla Preistoria ai primi due secoli dellImpero Romano;


2 anno: dallet dei Severi alla met del XIV secolo;
3 anno: dalla crisi socio-economica del XIV secolo alla prima met del Seicento;
4 anno: dalla seconda met del Seicento alla fine dellOttocento; c il timore
5 anno: il Novecento. che si faccia
politica
La norma prende in considerazione i Licei e gli Istituti tecnici. Negli Istituti a scuola.
professionali e darte, ai quali non si applicano le modifiche previste dal decre- Questa visione
to, i docenti nellultimo anno di corso devono comunque ampliare e appro- anacronistica
fondire la conoscenza delle vicende del Novecento.

I programmi vigenti della scuola secondaria superiore sono differenziati e risal-


gono ad epoche diverse. Mi limito a presentare qualche esempio.

10. Vedi linterrogazione a risposta scritta 4-02510 XV legislatura Allegato B ai resoconti se-
duta dell8 febbraio 2007. La commissione sugger: a) una presentazione pubblica ufficiale del-
la relazione nelle due capitali, possibilmente in sede universitaria; b) la pubblicazione del testo
nelle versioni italiana e slovena; c) la raccolta e pubblicazione degli studi di base; d) la diffusione
della relazione nelle scuole secondarie. Linterrogante fece notare, tra laltro, che la commissione
italo-croata non mai stata operativa. Nella risposta scritta si afferma che non appare oppor-
tuna una nuova pubblicazione ufficiale della relazione [pubblicata ufficialmente dalla parte slo-
vena nellagosto 2001], mentre potrebbe essere utile una sua diffusione nel mondo della cultu-
ra e della scuola. Non risulta, peraltro, che alle parole (relative alla diffusione nel mondo della
cultura e della scuola) siano seguiti i fatti.

SDAPI133_1.indd 13 11/01/11 11:03


14 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti Ecco il programma di storia per lultima classe del Liceo classico:

Let contemporanea. La Restaurazione. Contrasti e lotte per la libert e lin-


dipendenza dei popoli. I problemi del Risorgimento. Il 1848 in Europa e in
Italia: guerre e lotte per lindipendenza italiana. Lo Stato unitario italiano:
problemi, contrasti e sviluppi. I grandi problemi mondiali alla fine del seco-
lo XIX: trasformazione e sviluppi nel campo delleconomia e della tecnica; il
travaglio economico-sociale e le lotte di classe; imperialismi e colonizzazio-
ni; i rapporti internazionali e lequilibrio europeo. Le guerre mondiali. La
resistenza, la lotta di liberazione, la Costituzione della Repubblica italiana;
ideali e realizzazioni della democrazia. Tramonto del colonialismo e nuovi
Stati nel mondo. Istituti e organizzazioni per la cooperazione fra i popoli.
Comunit europea.
Dopo lentrata in vigore del decreto n. 682/1996 si deve concentrare latten-
zione sul Novecento. Lo svolgimento del programma dellultimo anno dovr
pertanto essere caratterizzato, oltre che da continuit di sviluppo come negli
anni precedenti, anche da maggiore ricchezza di dati e di riferimenti.

Presento poi, a titolo di esempio, i contenuti del programma dellultimo anno


dellIstituto Tecnico Industriale, indirizzo per lElettrotecnica e lAutomazione:

1. Le forme della societ di massa.


dopo lentrata
in vigore 1.1 Landamento demografico.
del decreto 1.2 Mobilit e questioni sociali: borghesie, classi operaie, gruppi marginali. Il
n. 682/1996 movimento operaio e lo sviluppo dei sindacati. Il socialismo ed il pensie-
si deve ro sociale cattolico. La questione femminile.
concentrare 1.3 Lorganizzazione dei sistemi politici: parlamenti, partiti e riforme elettora-
lattenzione li. Comportamenti collettivi, formazione del consenso; scuola, opinione
sul n ovecento pubblica, legislazione sociale. I movimenti nazionalisti. La crisi di fine se-
colo in Italia e i caratteri dellet giolittiana.
1.4 La crisi del positivismo e la ridefinizione dei paradigmi della scienza. Nuove
tendenze culturali.

2. La dissoluzione dellordine europeo.

2.1 I segni precursori dellinstabilit: competizioni interstatali e imperialismi,


conflitti regionali, ideologie nazionaliste.
2.2 La Prima guerra mondiale.
2.3 Le due rivoluzioni russe e il comunismo di guerra. I movimenti di mas-
sa in Europa e il fallimento della rivoluzione in Occidente. La crisi dello
Stato liberale in Italia.

SDAPI133_1.indd 14 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 15

inter venti
2.4 I trattati di pace e la nuova mappa geopolitica mondiale. I movimenti di
liberazione nel Terzo Mondo e il nodo del Medio Oriente. Le relazioni in-
ternazionali e la Societ delle Nazioni.
2.5 La fabbrica del consenso: la radio, il cinema e i nuovi modelli della vita
privata.

3. Dalla guerra alla guerra. Strategie e tentativi di controllo della crisi.

3.1 Scenari e attori internazionali della crisi. La frammentazione del mercato


mondiale.
3.2 Lemergenza totalitaria: lo Stato fascista in Italia, lascesa del nazismo in
Germania, la diffusione dei regimi autoritari in Asia e in America latina.
3.3 La sfida dellUnione Sovietica e il socialismo in un Paese solo; lindustria-
lizzazione forzata e le basi sociali dello stalinismo; il partito-Stato e il mo-
saico delle nazionalit.
3.4 Crisi economica e risposte delle democrazie occidentali: gli Stati Uniti e il
New Deal, le politiche economiche keynesiane in Francia, Gran Bretagna
e nei Paesi scandinavi.
3.5 Linsicurezza collettiva e lerosione della pace: i fronti popolari e la guerra
civile spagnola. Lespansionismo hitleriano, il riarmo e il fallimento delle
diplomazie.
3.6 La Seconda guerra mondiale come conflitto totale. Le conseguenze politi-
che ed economiche.

4. Il mondo bipolare.

4.1 Lordine delle superpotenze: la conferenza di Yalta e la divisione del Pianeta


in sfere dinfluenza: gli accordi di Bretton Woods e il sistema economico
internazionale; la nascita dellONU. La fine della grande alleanza e la
guerra fredda. Il potere atomico e lequilibrio del terrore.
4.2 I due blocchi tra competizione e distensione: gli USA e la nuova frontie-
ra kennedyana: il processo di unificazione europea; la destalinizzazione in
URSS: le democrazie popolari dellEst.
4.3 LItalia repubblicana: istituzioni, sviluppo economico, lotta politica, squi-
libri sociali.
4.4 Lesplosione della periferia: inflazione demografica e decolonizzazione del
Terzo Mondo; India e Cina, due rivoluzioni a confronto; la crisi del sud-
est asiatico; questione palestinese e conflitti arabo-israeliani; lemancipa-
zione dellAfrica; dipendenza economica e dittature militari in America
latina.
4.5 La Chiesa cattolica e la svolta del Concilio Vaticano II.
4.6 Il Sessantotto.

SDAPI133_1.indd 15 11/01/11 11:03


16 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti 5. Verso il nuovo ordine mondiale.

5.1 Le trasformazioni delleconomia e la societ postindustriale. Lo squilibrio


Nord-Sud e i limiti dello sviluppo. Movimenti demografici e migrazioni
internazionali.
5.2 Il sociale ridefinito: soggettivit emergenti, movimenti collettivi e istitu-
zioni diffuse; il microsistema della famiglia. Le patologie sociali. Il gover-
no della societ complessa.
5.3 Rivoluzione informatica e tecnologica; la diffusione planetaria dei mass
media. Il confronto tra culture. Scienza e nuovi problemi.
5.4 La rivoluzione del 1989; crollo di sistemi, imperialismi e localismi.
5.5 La geopolitica ridefinita: spinte nazionalistiche e identit nazionali.
Comunit sovranazionali. Fondamentalismi, nuove emarginazioni. Uso
delle risorse e ridistribuzione della ricchezza.

Mi sono limitato a riportare i contenuti, senza prendere in considerazione


aspetti legati allo svolgimento dei programmi e alla valutazione degli studenti.
evidente, comunque, che i programmi sono figli di momenti storici diver-
si e quindi di visioni culturali e pedagogico-didattiche diverse. In particolare,
balza agli occhi che uno dei programmi stato compilato dopo lemanazione
del DPR n. 682/1996. Esso molto pi dettagliato di quello previsto per il
Liceo classico, che, compilato nel 1944, stato aggiornato negli anni Sessan-
i programmi ta del Novecento. Pur dettagliato, il programma predisposto per lindirizzo di
sono figli Istituto tecnico nulla dice sulle vicende del confine orientale. In realt, nel
di momenti corso degli anni, con il frequente cambiamento delle mode pedagogiche, i pro-
storici diversi grammi si sono variamente dilatati e ristretti. Oggi, addirittura, non si confe-
e quindi di zionano pi Programmi, ma si propongono delle Indicazioni (nazionali o no):
visioni culturali spetta alle scuole fare i programmi sulla base di queste Indicazioni. Sembra che
e pedagogico- ci sia una delle conseguenze dellattribuzione dellautonomia alle istituzioni
didattiche scolastiche (DPR 8 marzo 1999, n. 275).
diverse Le Indicazioni non sono indici del libro di testo. Al decreto legislativo 17 ot-
tobre 2005, n. 226 furono allegate le Indicazioni nazionali per i piani di studio
personalizzati dei percorsi liceali. Per ragioni che non qui il caso di racconta-
re, queste Indicazioni non sono mai state applicate dalle scuole. In altre paro-
le, da esse non sono mai nati dei programmi scolastici (a parte sporadiche ec-
cezioni). A far data dal 1 settembre 2010, parallelamente allavvio del nuovo
ordinamento della istruzione secondaria di secondo grado, sono entrate in vi-
gore nuove Indicazioni per i Licei e apposite Linee guida per gli Istituti tecnici
e professionali. Per quanto consta, i nuovi documenti si attengono alla regola
di indicare non contenuti programmatici ma temi di ampio respiro. infatti
compito delle scuole trasformare questi temi in conoscenze dettagliate su ar-
gomenti specifici. A titolo di esempio, riporto quanto prevedono le Indicazioni

SDAPI133_1.indd 16 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 17

inter venti
del 2005: La Seconda guerra mondiale. Razzismi e stermini. La Shoah. I mo-
vimenti di liberazione e le nuove democrazie. LItalia dal fascismo alla democra-
zia repubblicana. Le innovazioni politiche e sociali del dopoguerra Democrazia
e comunismo nel dopoguerra. Il bipolarismo USA-URSS e lequilibrio del terrore.
ONU, decolonizzazione e neo-colonialismo. La guerra fredda fino alla caduta del
comunismo. Guerre locali e globali. Evidentemente si ritenuto che le vicen-
de del confine orientale non meritino di essere evidenziate nelle Indicazioni al
pari della Shoah e dei movimenti di liberazione. Ci non toglie che le scuole,
o meglio, i singoli professori possano decidere di attribuire, nellambito del-
lo svolgimento del programma di storia contemporanea, il dovuto rilievo al-
la complessa vicenda del confine orientale. La celebrazione del Giorno del
Ricordo non esonera il professore di storia dal trattare le vicende del confine
orientale in prospettiva sistematica e disciplinare, avvalendosi almeno delle in-
formazioni fornite dai manuali che, negli ultimi anni, forse anche per effetto
della istituzione del Giorno del Ricordo ma soprattutto in conseguenza del
mutato clima politico, nazionale e internazionale, riservano in genere spazi pi
o meno estesi allargomento, non di rado riportando anche passi di opere sto-
riografiche specializzate. Non si pu negare che le vicende del confine orienta-
le fino a pochi anni fa pochissimo interessassero gli autori dei manuali di sto-
ria. Di ci si sono date diverse spiegazioni, per lo pi di matrice socio-polito-
logica: idiosincrasie e preoccupazioni particolari degli autori, in genere prove-
nienti da aree culturali ed ideologiche di sinistra o addirittura (cos si spette-
golava una volta) insediati nelle cattedre universitarie direttamente dal Partito n on si pu
comunista italiano, interessi convergenti del potere politico dominante, orien- negare che
tato a coprire le responsabilit jugoslave nellottica dei blocchi contrapposti le vicende
e della guerra fredda, ecc. Ora, dopo la caduta del muro di Berlino, la fine del confine
del comunismo (o di un certo tipo di comunismo) e della Unione Sovietica, lo orientale fino
sdoganamento della destra, insomma dopo la liberazione da ipoteche ideolo- a pochi anni
giche sacralizzate, persino gli autori di manuali scolastici sentirebbero il dove- fa pochissimo
re di non far chiudere gli occhi dei loro lettori su vicende che comunque evo- interessassero
cano le responsabilit o, se si vuole, la corresponsabilit dei partigiani comu- gli autori
nisti jugoslavi. Comunque sia, oggi si pu tranquillamente affermare che la dei manuali
scuola disponga degli strumenti di studio necessari per introdurre gli studen- di storia
ti alla conoscenza di quelle vicende. Insegnanti e studenti possono poi appro-
fondire largomento con le risorse di cui abbonda il mercato culturale: ope-
re di consultazione, riviste specializzate e libri dedicati di rango universitario.
Per non parlare di Internet, che, a proposito delle vicende del confine orienta-
le, permette laccesso non solo al dilagante ciarpame pseudoculturale, ma an-
che ad affidabili imprese storiografiche. Il Regio decreto 7 maggio 1936-XIV,
n. 762, recante: Approvazione degli orari e programmi per le scuole medie
distruzione classica, scientifica, magistrale e tecnica, prevedeva nella 3 clas-
se del Liceo classico lo studio del nuovo assetto dEuropa in seguito ai trattati

SDAPI133_1.indd 17 11/01/11 11:03


18 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti di pace e i problemi politici ed economici che ne sono derivati. Le condizioni
fatte allItalia; la spedizione di Fiume. Siamo dentro la logica del programma
ideologicamente orientato. Mi pare che sia oggi improponibile tornare a pro-
grammi di questo tipo.
Infine vorrei dire qualche parola sulle cosiddette foibe. Nei dizionari eti-
mologici si trovano spesso notizie di notevole efficacia didattica. Per esempio,
alla voce fiba il Dizionario etimologico della lingua italiana di Cortelazzo-
Zolli, dopo il rinvio dobbligo alla Storia della lingua italiana di Migliorini11,
p. 726, che della parola attesta luso nel 1869, fornisce la seguente spiegazio-
ne: V(o)c(e) friulana e triestina, che continua il lat. fovea(m) fossa. Entrata
in it(aliano) dapprima attraverso opere scientifiche, si diffuse durante la pri-
ma guerra mondiale (V. attest. nel Batt.) e soprattutto dopo la seconda12. A
conferma, il citato Dizionario riporta un passo dal libro di Alberto Menarini,
Profili di vita italiana nelle parole nuove: Vocabolo che ha raggiunto una ben
triste popolarit dopo la Liberazione. Indica una fossa, un burrone, entro il

11. B. Migliorini, Storia della lingua italiana, Firenze, 1960. Nella decima ed. 1991 (con in-
troduzione di G. Ghinassi, Firenze, 1991), p. 651, si legge: Gli scienziati ricorsero al friul. foi-
be (sotto la forma italianizzata foiba), nel senso di cavit carsica. In nota: P. es. Omboni, Geo-
logia dellItalia, Milano, 1869, p. 191. Nella terminologia scientifica fin poi col prevalere, per
influenza della terminologia internazionale (e anche per maggiore facilit strutturale) lo slavo
dolina (cfr. Rodolico, in Lingua nostra, IV, 1942, p. 38, VII, 1946, p. 91). Migliorini tratta
di foiba nella sez. 17. Voci popolari moderne, del cap. XII. Mezzo secolo di unit nazionale (1861-
1915). A p. 665, trattando degli altri forestierismi (oltre ai francesismi) entrati nellitaliano dal
1861 al 1915, Migliorini conferma: dolina piuttosto che direttamente dallo sloveno o dal cro-
ato ci giunge come termine scientifico internazionale. Cortelazzo-Zolli, p. 490, assicura che it.
dolina proviene da slov. e serbo-croato dolina, da d, gen. dela valle, di origine IE, e mostra di
condividere lopinione di F. Rodolico (in Lingua nostra, 7, 1946, p. 91), secondo cui il passag-
gio dal croato allitaliano sarebbe avvenuto attraverso il tedesco (almeno nella letteratura scienti-
fica). Lo slov. e serbo-croato dolina un der. di dol valle, cf. IE *dhel-, *dhol- volta, arcata und
cavit (da curcatura, incurvamento) Pokorny IEW p. 245 in gr. qovlo" [Frisk GEW 1, 1973
[= Frisk GEW 1], p. 677: Technisches Wort ohne sichere Erklrung. Man vergleicht seit Fick
1,466 ein Wort fr Tal usw., das im Germanischen, Slavischen, auch in Keltischen vertreten
ist), qavlamo" [Frisk GEW 1, p. 648: Erinnert der Form, auch dem Sinne nach an qovlo" [],
aber sonst dunkel; vorgriechische Herkunft ist sehr wohl denkbar, qalavmh, ojf-qalmov" [Frisk
GEW 2, p. 453: Die wiederholten Versuche, ojfqalmov" als Kompositum zu erklren, sind alle
verfehlt (Pokorny segue invece Brugmann)], cimr. dol valle; anord. dalr arco, got. dals m. o
dal n. valle, fossa, dalaa abbasso. di sotto, aat. tal n. valle; ted. tal valle (Kluge EWdDS, p.
767, che cita anche asl. dolu Grube, russ. dol Tal, asl. (do) dolu hinunter, doln unten befin-
dlich), ecc.; asl. dol buco/a, fossa, valle, dolu gi, abbasso, dole abbasso, di sotto (Buck Se-
lected Synonyms, p. 27: Words for valley are mostly connected with words applied to curved,
hollow shapes, from a common notion of bend, curve. Other sources are flat surface, low
lying, slope, waterway, beneath the mountains. 1. Group comprising the Gmc. and Slavic
words, namely Goth. dals (also ditch) [] and SCr. dolina, etc. (Chsl. only advs. dole, dolu
below, downward; Boh. [sc. boemo] dol fr. older dol with u near, at). Vd. anche M. Snoj,
Slovenski etimoloski slovar, Lubiana 1997, p. 97 (che non si discosta dalla communis opinio).
12. M. Cortelazzo P. Zolli, Dizionario Etimologico della Lingua Italiana, Bologna, 1999
[= Cortelazzo-Zolli], p. 596.

SDAPI133_1.indd 18 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 19

inter venti
quale a Trieste e nelle regioni confinanti con la Jugoslavia venivano gettate le
vittime delle rappresaglie militari e politiche, durante la guerra. Quanti italia-
ni sono scomparsi in questo modo difficile dire; molti senza dubbio, giudi-
cando dal numero delle fibe che si vanno via via scoprendo. Fiba vocabolo
friulano e triestino che significa fossa, voragine (dal lat. fovea fossa). I maca-
bri ritrovamenti hanno dato origine al verbo infoibare: La famigerata banda di
Villa Segre, durante loccupazione jugoslava di Trieste, si era resa responsabile di
numerosi crimini fra i quali la soppressione di 18 persone, che furono infoibate, e
ad alcuni sostantivi: Rinvenimento di salme di infoibati; Infoibatore condanna-
to a Trieste. Verbo: foibizzare13. Chi vuole leggere qualcosa di pi recente pu
ricorrere a O. Lurati, Toponymie et gologie, Quaderni di semantica, XXIX,
2, 2008, p. 443 n. 14: Foiba (lat. fovea) nom de lieu dramatiquement connu
cause des partisans de Tito14.
Alla ricostruzione del nostro passato non servono solo gli storici, ma anche i
glottologi. Tra i docenti delle nostre scuole se ne trovano molti che sono esper-
ti sia di storia sia di lingue. Se sono esperti solo di lingue o di storia, possono
comunque collaborare per indurre negli studenti ambiti di ricerca interdisci-
plinare. In effetti, non poi proibitivo convincere gli studenti a sfogliare i clas-
sici dizionari etimologici delle lingue romanze, del latino e del greco. Da es-
si (senza troppa fatica) si apprende quanto segue. W. Meyer-Lbke, Romani-
sches Etymologisches Wrterbuch15, Heidelberg, 19353, p. 297, s.v. fovea fossa:
tarent. fogga, milan. foppa, bresc. pofa, logud. foa kleiner See, engad. fopa,
friul. foibe, arag. fobia, asp. fovia (bask. obi), nsp. hoya, pg. fojo, cfr. F. Diez, a lla
Etymologisches Wrterbuch der romanischen Sprachen, mit einem Anhang von A. ricostruzione
Scheler, Bonn, 18784 [= Diez Wrterbuch], pp. 372 e 460. Si pensato16 che del nostro
il lat. fovea stia anche nel lat. volg. *fovja, donde it. foggia (< vuoto usato co- passato non
me forma per gettarvi gesso o bronzo). Cortelazzo-Zolli s.v. fggia p. 595 servono solo
per risolutamente negativo: Etim. sconosciuta: si pensato ad un avvici- gli storici,
namento a forgiare o a una der. dal lat. fovea(m) fossa, incavo (cfr. Paideia IX ma anche i
(1954) 208), ma si tratta di ipotesi poco persuasive. A Meyer-Lbke si rac- glottologi

13. A. Menarini, Profili di vita italiana nelle parole nuove, Firenze, 1951, pp. 73-74.
14. O. Lurati, Toponymie et gologie, cit., p. 437: Il est frappant de constater combien de lieux
enracinent en dernire analyse leur nom dans des faits gologiques. Le noyau de larticle dve-
loppe une nouvelle approche tymologique en essayant de dnicher pourquoi maintes localits
ont une toponymie fortement nigmatique. Avec de rsultats nouveaux, on examine des noms
du type Marlie (Wallonie), Cernobbio, Piarda, Verruca, Medolago, Foiba (Italie), Karst (Slovenie).
15. Per una caratterizzazione dellopera vd. P. Stotz, Handbuch zur lateinischen Sprache des Mit-
telalter [Stotz HdLSdMa], I: Einleitung, Lexokologische Praxis, Wrter und Sachen, Lehnwortgut,
Mnchen, 2002, pp. 245-246. In sintesi: Dieses Nachschlagewerk ist, obwohl mit manchen
Mngel behaftet und inzwischen natrlich veraltet, noch immer von hohem Wert (p. 246).
16. Cfr. Diez Wrterbuch, p. 372. Lipotesi fu gi contestata da O. Pianigiani, Vocabolario eti-
mologico della lingua italiana, I: A-L, Roma-Milano, 1907, p. 546.

SDAPI133_1.indd 19 11/01/11 11:03


20 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti corda, con arricchimenti, Battisti-Alessio, Dizionario Etimologico Italiano,


III, Firenze, 1952, s.v. fiba: f., XIX sec., geogr.; fossa carsica; v. istriana, lat
fovea fossa, forse in rapporto colletr.-lat. favissa, ora darea sett. (a. lomb. fo-
pa, ven. fza) e merid. (tarent. foggia) che continua nello spagn. (hoya) e port.
(foio), ma che un tempo fu diffusa anche in Francia, come dimostrano topo-
nimi del tipo La Fouge e il fatto che la v. pass come prestito anche nel cimr.
ffau caverna17.
Letimo di lat. fovea controverso18. Walde-Hofmann, Lateinisches Etymologisches
Wrterbuch, I, Heidelberg, 19654, p. 538 non esclude origine etrusca, cf. favis(s)
ae19 (sc. Capitolnae) celle (sotterranee dei templi ad uso di ripostiglio) < *fo-
vssae20 con fovea [il suffisso -s(s)a- pare etrusco, ma non detto che la parola

17. Ovviamente, fovea nel latino medioevale, cfr. Stotz HdLSdMa, IV: Formenlehre, Syntax
und Stilistik, Mnchen, 1998, p. 52.
18. Per la semantica di fovea vd. gli articoli del Thesaurus Linguae Latinae, vol. VI, fasc. VI: Fo-
rum frustum, Leipzig, 1922, coll. 1216-8 (favis(s)ae in vol. VI, fasc. 2, Leipzig, 1915, coll.
381-2) e del Forcellini (Furlanetto et alii), Padova, 1940, p. 529. Quanto alletimologia, per fo-
vea il Thesaurus propone: fortasse a fodere ductum; terminationem a cavea accipere potuit. alii
conferunt c. gr. ceivh, ceveia; cfr. Ernout, Les lments dialectaux du vocabulair latin, 172. Forcel-
lini stabilisce: Ratione abita etymi, juxta Dderlein., Latein. Synonym. vol. 6. p. 136, vox hc con-
jungenda est cum favus, faviss [] itemque cum Gr. fuvein. Fovea est fossa brevis, profunda, et in
summo tantum patens: quales sunt, quibus fronde obtectis, feras decipiunt, et quibus sepeliuntur ca-
davera, etc. scrobs, caverna, bovquno" (It. fossa, buca, cava, caverna; Fr. petite fosse; Hisp. foso pequeo;
Germ. die Grube, bes. zum Fangen des Wildes, Fallgrube; Angl. a pitfall, pit). Chiss se gli infoibato-
ri avevano letto il Forcellini.
19. Cfr. G. Breyer, Etruskisches Sprachgut im Lateinischen unter Ausschluss des spezifisch ono-
mastischen Bereiches, Leuven, 1993 [= Breyer Etruskisches Sprachgut], pp. 256-259 e passim.
20. Cfr. Breyer Etruskisches Sprachgut, p. 257: Zwei Tendenzen zeichnen sich in der von der
Verf. eingesehenen Literatur ab: favissae als ganzes Wort (und meist zugleich als zugehrig auf-
gefates fovea) als etruskisch zu betrachten; in favissae, deren Stamm zu IE.-lat. fovea zu stellen
sei, eine lat.-etr. Hybridenbildung sehen zu wollen. Per fov- > fav-, cfr. F. Sommer, Handbuch
der lateinischen Laut- und Formenlehre, Heidelberg, 1948 (= 1914) [= Sommer Handbuch],
p. 109 (p. 91 dellaggiornamento di R. Pfister, Heidelberg, 1977 [nur in vortonigen Silben).
Vd. per M. Leumann, Lateinische Laut- und Formenlehre, Mnchen, 1977 [= Leumann LLu-
FL], p. 49-50 (Die Erklrung ist ganz unsicher, p. 49) e P. Schrijver, The reflexes of the Pro-
to-Indo-European laryngeals in Latin, Amsterdam-Atlanta, GA 1991 [Schrijver PIE laryngeals],
pp. 436-454. Schrijver tratta a pp. 443-444 della relazione tra favis(s)ae e fovea: According
to EM., this word [sc. favis(s)ae] is probably of foreign origin, as is shown by the suffix -is(s)
ae (cf. caris(s)a, matissa [sc. mantsa]), and perhaps has some connection with fovea trap, den,
hole. WH. accepts Solmsens derivation of favssae from *fov-, and the connection with fovea.
In view of the meaning of favissae, however, viz. watertanks or cases, this connection is far
from compelling. Moreover, the etymology of fovea itself is unreliable. There is thus non con-
vincing reason to assume that favissae reflects *fov-. Quindi, passa a fovea: The usual assum-
ption that fovea may be cognate with Gr. ceiav serpents den is unlikely for two reasons: Gr. c- reflects
*gh-, which would yield Lat. h-, not f-. According to Frisk, ceiav reflects * cee(s)-iav, if the form
ceeivai" (Nic. Th. 79) has been interpreted correctly []. If this is correct, the formation of fovea would
diverge considerably from that of ceiav to the point that their connection must be seriously doubted,
p. 448. Conclusione: lat. fovea non ha affidabile etimologia e PIE *ow- > lat. av- (a favore della legge
Thurneysen-Havet e contro la spiegazione di Kretschmer e Solmsen [basata sullaccento storico la-

SDAPI133_1.indd 20 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 21

inter venti
sia etrusca21]. Alternativamente propone derivazione da IE. *gheweja, *ghoweja,
da collegare con gr. omer. ceihv, ceeiva buco/a, grotta, tana, nascondiglio, che,
a sua volta, come *cees-a, dovrebbe riallacciarsi a gr. cavo" n. leerer Raum;
Kluft da *cao"22. Speculazioni? La fantasia dei glottologi, che pure si profes-
sano scienziati rigorosi, non ha nulla da invidiare a quella degli artisti creati-
vi. Vedi anche Ernout-Meillet, Dictionnaire tymologique de la langue lati-
ne, Paris, 19674, p. 250: Le rapprochement avec hom. ceihv trou du serpent,
mdiocre pour le sens, nexplique pas f initiale du latin. Fouea est peut-tre
rapprocher de fauissa; trusque? V. Ernout, Philologica, I, p. 3523. Non stupi-
sce, dunque, che M. De Vaan, Etymological Dictionary of Latin and the Other
Italic Languages, Leiden-Boston, 2008 [= De Vaan], sentenzi (con Schrijver):
The connection with gr. ceiav, H. ceihv serpents den must be dismissed. It is
uncertain that fovea and favsae belong together, as their etymology is unknown.
Fino alla met del XX secolo, lopinione dei glottologi germanici era (quasi)
invariabilmente contestata dai glottologi francofoni e viceversa. Ernout-Meillet
afferma che lat. f- non pu derivare da IE *g/gh-. Walde-Hofmann e seguaci
sanno bene che IE *g/gh- non d lat. f- ma h- (sabell. h, gr. c, ai. gh/h, celt. g,
germ. g, balt. g/, slav. g/z, armen. g/j[dz], itt. k/g, toc. k)24. In effetti, lequa-

tino]). Notizie sulla legge di Thurneysen e Havet in N.E. Collinge, The laws of Indo-European, Am-
sterdam-Philadelfia, PA 1985, pp. 193-195 (The upshot is that the law is usually accepted, at least
as applying to the string /-owV-/ with following stress). Studio specifico: Brent Vine, On <Thur-
neysen-Havet Laws> in Latin and Italic, in Historische Sprachforschung, 119, 2006, pp. 211-249.
21. Pokorny IEW, p. 451 segue Walde-Hofmann mettendo lat. fovea sotto IE *ghewja (*gheweja)
Grube, Hhle? Nur griech. und lat. e precisando che favissae unterirdische Kammern, mit
etrusk. Suffix, kann hybride Bildung sein.
22. Per gr. cavo" (> lat. chaos > it. caos), cfr. Frisk, Griechisches Etymologisches Wrterbuch [= Frisk
GEW] II, Heidelberg, 1973, pp. 1072-1073 e Pokorny IEW, p. 449 s. gheu- sbadigliare, aprir-
si, spalancarsi, con imponente bibliografia.
23. Stuart E. Mann, An Indo-European Dictionary, Hamburg, 1984/87, col. 417 propone
IE *ghewos hollow in arm. dzor, o-st. valley, gr. khei, kheie hole, den, lat. fovea, id., ecc.
24. Cfr. G. Meiser, Historische Laut- und Formenlehre der lateinischen Sprache, Darmstadt, 1998
[= Meiser HLuFLdLS], p. 103. Vd. Leumann LLuFL, pp. 164-5: IE gh in italico c (ach-Laut) >
o.-u. h in tutte le posizioni, ma lat. h in posizione iniziale davanti a vocale (tranne u) e interna-
mente fra vocali (altrimenti > g). Esempi di h-: lat. hiems, gr. ciwvn, avest. zya; lat. holus (antico
pl. helusa), asl. zelije; lat. haedus, got. gaiti-, ted. Gei; lat. homo, got. guma; Esempi di -h- inter-
vocalico: lat. veho, ai. vah, avest. vaz-, ted. be-wege, gr. iter. ojcevomai; IE gh > lat. hostis, got. gasti-,
ted. Gast; lat. hortus, gr. covrto", got. gards. IE *ghu- diventa invece lat. fu-: fundo, got. giuta (ted.
giee), gr. omer. cuv-to, ai. hu, av. zu. Leumann non prende in considerazione fovea. Al contrario
di Sommer Handbuch, p. 196, che presenta fovea tra gli esempi di scambio tra f- e h-, cf. f- : h-
(normale) in foedus, fedus = haedus, fircus = hircus, fordeum = hordeum, fariolus = hariolus, folus
= holus, fostis = hostis; solo f-: in fel- vs. gr. covlo", ted. Galle, fovea vs. gr. ceiav; f- (normale): h- in
haba = faba, hordus = fordus, hebris = febris, horctus accanto a forctus buono (= fortis < IE *dergh-).
Nellaggiornamento del manuale di Sommer, R. Pfister non pu fare a meno di rilevare, per, che
die Herkunf des f in fel, fovea, faux aus unlabialisiertem gh oder gh (velar) ist ganz unsicher (W-H3)
(F. Sommer, Handbuch der lateinischen Laut- und Formenlehre, Vierte, neubearbeitete Auflage, Band
I: Einleitung und Lautlehre von R. Pfister, Heidelberg, 1977, p. 149). Sulla oscillazione h-/f-, cfr. an-

SDAPI133_1.indd 21 11/01/11 11:03


22 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti zione lat. fovea = gr. ceihv insoddisfacente sotto il profilo della formazione e del
significato. Nondimeno pare ineccepibile foneticamente. La spiegazione sarebbe
questa: lat. f = IE gh non dialettale (contro A. Ernout, Les lments dialectaux
du vocabulaire latin, Paris, 1909, p. 172) ma regolare davanti a ou, cf. faveo da
*ghowejo [W-H4 I p. 539]. Questa etimologia di faveo non per pi di mo-
da, cfr. De Vaan, p. 206, che riporta le ipotesi di Schrijver (< PIE *gwhou-eie-
to worship, derivato da PIE *gwhu- to heed, worship) e Lubotsky-Kortlandt
(< *bh2u-io-25). LIV s.r. *dhew- laufen, eilen fa sua (segnando per il punto in-
terrogativo) unipotesi di O. Szemernyi, Scripta Minora, II: Latin, Innsbruck,
1991, pp. 605-60726. In conclusione: non liquet.
Quanto ai normali dizionari linguistici, si sa che conviene non consultarne mai
uno solo, anche se talvolta si ha limpressione che i compilatori si consultino
spesso reciprocamente. Porto solo qualche esempio, cominciando dal Grande
Dizionario italiano delluso, ideato e diretto da Tullio De Mauro, Torino, 2000
III FM-MAN, p. 6: sotto la voce foiba si legge: [1869; dal friulano foibe, dal
lat. fovea fossa, voragine] Depressione carsica a forma di imbuto costituita dalla
fusione di pi doline, al fondo della quale si apre un inghiottitoio, usata anche
come fossa comune per occultare cadaveri di vittime di eventi bellici. Der. in-

che Leumann LLuFL, pp. 168-169 e A.L. Sihler, New comparative Grammar of Greek and Latin,
New York-Oxford 1995 [= Sihler Grammar], p. 141. Su IE *gh-/gh- > lat. g- (o 0) davanti a r e l, cfr.
Leumann LLuFL, p. 166 e Meiser HLuFLdLS, p. 103 (glaber, gramen, ravus (gravastellus), ecc.). Il
passaggio delle medie aspirate da IE a italico e da italico a latino controverso, cfr. K. Brugmann,
Grundriss der vgl. Grammatik der idg. Sprachen, I: Einleitung und Lautlehre, Strassburg, 18972, pp.
668-670; Leumann LLuFL, pp. 163-175 (segue Ascoli); Meiser HLuFLdLS, pp. 101-105 (presenta
in forma tabellare le teorie concorrenti di Ascoli e di Hartmann); M. Meier-Brgger, Indogermani-
sche Sprachwissenschaft, Berlin, 2000, p. 123 (equazioni per IE *gh- e *gh-); Sihler Grammar, pp. 139-
141 (The crux of the problem of the common Italic development of these sounds is the voicing of
the intervocalic reflexes in the history of L and and their subsequent coalescence with voiced stops,
p. 140); J. Clackson, Indo-European Lingustics, Cambridge, 2007, pp. 37 (Table 2.5a Comparati-
ve IE phonology: stops); T.V. Gamkrelidze V.V. Ivanov, Indo-European and the Indo-Europeans, I,
Berlin-New York, 1995 (< ed. originale russa 1984), pp. 23-24 (teoria glottalica); F.R. Adrados
A. Bernab J. Mendoza, Manual de lingstica indoeuropea, I, Madrid, 1995, pp. 202-204; 211-
214 (pp. 204-208: lipotesi glottalica); M. Mayrhofer, Indogermanische Grammatik, I/2: Lautlehre,
Heidelberg, 1986, pp. 107-108 (testimonianze per IE */gh/ e */gh/; O. Szemernyi, Einfhrung in die
vergleichende Sprachwissenschaft, Darmstadt, 19893, pp. 57-58.
25. Lubotsky 1995 [= A. L., Reflexes of intervocalic laryngeals in Sanskrit, in: Kuryowicz Memorial
Volume, Part One, ed. W. Smoczynski, Cracow, 1995, p. 225] points out that the semantics of
*gwhu- hardly compel us to derive faveo from it, and, furthermore, that is not necessary to derive
-ere from a causative verb: it can also be a stative suffix. Lubotsky then supports Kortlandts
suggestion that the original shape of the root of be(come) was actually *bhh2u-, from which
OIr. be profit, beneft can be derived as *bheh2u-io-. This come close to faveo in meaning, as
do, in Lubotskys view, some of the Skr. usages of bhu- and bhus -. Hence, faveo may reflect
*bhh2w-eh1-. Mere speculazioni.
26. Originariamente O. Szemernyi, Ein lateinischer Lautwandel. ow > aw?, in (Kuhns) Zei-
tschrift fr vergleichende Sprachforschung, 70 (1951), pp. 51-76. Ovviamente, altra cosa
lat. foveo riscaladare, fig. nutrire, alimentare, favorire, assecondare, ecc. (e favilla cenere [ancor
calda], favilla, scintilla), da IE *dhegwh- mit Feuer behandeln LIV 115.

SDAPI133_1.indd 22 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 23

inter venti
foibare Sin. dolina a inghiottitoio. Dal Grande Dizionario della lingua italiana
De Agostini, ed. 1990 si ricava che foiba vale dolina sul cui fondo si apre un
inghiottitoio; tipica delle regioni carsiche dellIstria e della Venezia Giulia.
C anche una notizia etimologica: friulano fibe, che il lat. fovea fossa,
p. 817. Prende in considerazione laspetto geografico-geologico Il Vocabolario
Treccani, II: D-K, Roma 20083, p. 487: fiba s.f. [dal lat. fovea fossa] In
geografia fisica, tipo di dolina; in partic., nella regione istriana, grande conca
chiusa (derivante da doline fuse insieme) sul cui fondo si apre un inghiottito-
io. Laspetto storico emerge nella voce infoibare, p. 882: v. tr. [der. di foiba]
(io infibo, ecc.). Gettare in una foiba, e pi in partic. ammazzare una perso-
na e gettarne il cadavere in una foiba, o farla morire gettandola in una foiba (il
verbo nato e si diffuso alla fine della seconda guerra mondiale). I dizionari
cambiano col tempo. interessante seguire i cambiamenti via via introdotti.
Nella ed. 1995 de Il dizionario della lingua italiana di G. Devoto e G.C. Oli,
pubblicato a Firenze, si legge a p. 787: foiba (fi-ba) s.f. Depressione carsica
(tipo di dolina), sul fondo della quale si apre una spaccatura che assorbe le ac-
que; anche come fossa comune delle vittime di lotte civili e di assassini politi-
ci [Dal friulano foibe, lat. fovea fossa. Nelled. 2000-2001 il lemma diventa:
Depressione carsica a forma di grande conca chiusa, derivata dalla fusione di
pi doline, sul fondo della quale si apre una spaccatura che assorbe le acque;
anche come fossa comune delle vittime di lotte civili e di assassini politici.
Non molto. Tanto pi che si resta sul generico a proposito delle lotte civili e
degli assassini politici27. Poi, per, la situazione cambia radicalmente. Il lem- i dizionari
ma ristrutturato. Per esempio, nelled. 2009 si legge come comma 1 la de- cambiano col
finizione geografico-geologica: Depressione carsica a forma di grande conca tempo.
chiusa, derivata dalla fusione di pi doline, sul fondo della quale si apre una interessante
spaccatura che assorbe le acque. Quindi, come comma 2, compaiono notizie seguire i
storico-politiche alquanto esplicite: al pl. Fosse comuni per le vittime di rap- cambiamenti
presaglie militari e di assassini politici, avvenuti ad opera dei partigiani jugo- via via
slavi nellultima fase della Seconda guerra mondiale e nellimmediato dopo- introdotti
guerra. Dal friulano foibe, dal lat. fovea fossa || 1869. Il minimo che si possa
dire che gli autori dei dizionari seguono s levoluzione della ricerca storica
ma ancora meglio si adattano ai mutamenti di clima politico. Notizie esplici-
te si leggevano per gi quarantanni prima nel Grande Dizionario della lingua
italiana di Salvatore Battaglia, VI: FIO-GRAU, Torino, 1970, p. 105: Fiba,
sf. Geol. Tipo di dolina. In partic.: conca chiusa della regione istriana, for-
mata da pi doline fuse insieme e terminante con una voragine, pi o meno

27. Del resto, invano si cerca una voce foiba nella ed. 1976 della Enciclopedia Europea. Biso-
gna cercare sotto la voce carsismo, dove si legge che le acque che penetrano nelle fessure pos-
sono allargarle e dar luogo alla morfologia carsica sotterranea caratterizzata da pozzi, grotte, foi-
be, abissi, percorsi a volte da fiumi in tutto o in parte sotterranei (p. 959 del II vol., bal-car).

SDAPI133_1.indd 23 11/01/11 11:03


24 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

interventi profonda, che smaltisce le acque di superficie (e il termine si riferisce partico-


larmente agli eccidi operati da partigiani comunisti di Tito durante la Seconda
guerra mondiale, le cui vittime vennero gettate in queste conche. Seguono
esempi tratti da opere di Stoppani, G. Marinelli, dAnnunzio, G. Stuparich e
Pasolini. Nella sezione etimologica si legge: Deriv. dal lat. fovea fossa, forse
connesso alletrusco-lat. favissa, attraverso il friulano foibe. Ma davvero di
origine friulana lital. foiba? C ragione di crederlo. Dal Vocabolario friulano
dellabate Jacopo Pirona, pubblicato a Venezia nel 1871, si apprende quanto
segue: Fibe n.f. (Flibe) = Fossa, Caverna, Cava: Scavamento sotterraneo di
terreno, spesso naturale, e talvolta ordinato a ricevere acque, a vallare campi,
castelli ecc. Lat. Fovea, p. 165. Il Tommaseo, ed. 1863 del Vocabolario della
lingua italiana, ancora non riporta la voce foiba.

SDAPI133_1.indd 24 11/01/11 11:03


inqu adr ament o
s t oric o

SDAPI133_2.indd 25 11/01/11 11:03


SDAPI133_2.indd 26 11/01/11 11:03
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 27

inter venti
da L t rattato
di c ampoformido
a LLa Grande Guerra
Prima di iniziare questa rapidissima cavalcata lunga pi di un secolo, ricordia-
mo in due parole qual larea geografica di cui stiamo parlando: il territorio
che dal fiume Isonzo arriva sino alla displuviale alpina orientale, cio fino alla li- di
nea immaginaria che scende dal confine con lAustria tedesca per arrivare al gol- r aoul pupo
fo del Quarnaro, comprendendo quindi la valle dellIsonzo con i suoi affluenti,
il Carso triestino e goriziano e la penisola istriana. A questarea compatta si ag-
giunge la contigua citt di Fiume e poi dopo uninterruzione di alcune decine
di chilometri una lunghissima fascia litoranea consistente nella costa dalmata
fino alle bocche di Cattaro (che attualmente si trovano in Montenegro) e nel-
la miriade di isole prospicienti. Questo il territorio che nella cultura geopoli-
tica italiana viene chiamato Venezia Giulia e Dalmazia e nel quale a partire dal
1797 cio dal trattato di Campoformido che segna la fine della repubblica di
Venezia avvengono quasi simultaneamente due fenomeni: la nascita e la crisi
dellitalianit adriatica.
Vien da domandarsi: ma com possibile? Lo , perch entrambi i fenomeni so-
no conseguenze di un processo pi generale, quello della nazionalizzazione, che
riguarda con ritmi diversi tutti e tre i gruppi linguistici storicamente insediati sul
territorio, vale a dire quello italiano, quello sloveno e quello croato. Ne segue che
quello giuliano-dalmato un caso da manuale di nazionalizzazione competiti-
va di gruppi linguistici diversi residenti nella medesima regione: una situazione
certo non esclusiva dellAdriatico orientale, ma tipica invece di tutta la vastissi-
ma area dellEuropa centro-orientale.
I ritmi della nazionalizzazione sono diversi, perch diverse sono la struttura e la
storia dei tre gruppi. Cominciamo con gli italiani, a proposito dei quali dovrem-
mo meglio dire venetofoni, perch la lingua italiana dellAdriatico quella vene-
ta, non quella toscana con la sola eccezione della repubblica di Ragusa, che nel
Medioevo adott come lingua ufficiale il toscano, in odio ai veneziani ma co-
munque dietro luso linguistico veneto sta tutto lenorme spessore della cultura
italiana. Anche per lepoca prefazionale quindi, legittimo parlare di una civilt
italiana dellAdriatico orientale. Inoltre, tutta la classe dirigente, sia nei territori
che fino al 1797 appartenevano alla Repubblica di San Marco, ed anche in quel-
li che fin dal Trecento appartenevano alla corona asburgica, come ad esempio
Trieste, tutta linguisticamente e culturalmente italiana. Non naturalmente

SDAPI133_2.indd 27 11/01/11 11:03


28 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti italiana dal punto di vista politico, perch la nazione italiana non stata ancora
inventata, e le fedelt quindi vanno a San Marco o agli Asburgo, di solito anta-
gonisti gli uni con gli altri. Parallelamente, la rivalit molto forte anche fra le
lites italiane, ad esempio fra quelle triestine e quelle veneziane.
Dietro invece i gruppi linguistici sloveni e croati non sta una cultura alta ed es-
si non esprimono una classe dirigente, perch ricoprono lultimo gradino della
scala sociale. La conseguenza ovvia: quando dopo la conquista napoleonica, e
poi la restaurazione, comincia a svilupparsi un discorso nazionale, i primi che lo
recepiscono sono gli italiani, perch sono gli unici a disporre di una classe diri-
gente in grado di farlo proprio. Ci avviene nel corso della prima met dellOt-
tocento, con differenze per molto significative, perch nellarea giuliano-dal-
mata possiamo in realt distinguere molto bene tre fasce: la Dalmazia, lIstria e
Trieste, caso al quale assomiglia molto, se pur su scala minore, quello di Fiume.
Somiglianze e differenze le vediamo esprimersi molto bene in quel grande mo-
mento della verit che la crisi del 1848.
In Istria, gi appartenente a Venezia, la tendenza quella risorgimentale, come
nel resto dItalia: non ci sono le condizioni pratiche per fare la rivoluzione, ma
i primi gruppi di patrioti guardano con commozione alla nuova Repubblica di
San Marco, vogliono battersi per lItalia unita e, se non possono fare altro, van-
no a difendere Venezia. A Trieste invece non succede nulla: lunica fra le gran-
di citt dellImpero (Vienna, Budapest, Praga, Venezia, Milano) in cui la rivo-
luzione non scoppia. Soltanto, alcune decine di giovanotti guidati da un giorna-
a t rieste non lista veneziano cercano di inscenare una manifestazione tricolore, ma vengono
succede nulla: dispersi non dalla forza pubblica, ma dai facchini delle ditte di import-export.
lunica fra Dopo di ci, dal momento che in tutta Europa scoppiata la libert e tutti par-
le grandi citt lano di diritti nazionali, gli esponenti pi autorevoli della classe dirigente trie-
dellimpero stina si consultano e dicono: anche noi siamo una nazione, per non siamo n
(v ienna, italiani n tedeschi: siamo cosmopoliti. Vale a dire, siamo una nazione non na-
budapest, zionale, cosa che, fra le varie esperienze del 48 europeo, una delle pi curiose.
praga, Guardate, per, che non si tratta affatto soltanto di una bizzarria, ma anzi di un
v enezia, segnale importante di come, alla met del secolo, i giochi sono in realt ancora
milano) in cui aperti e la traiettoria che avrebbe condotto alla generalizzazione degli Stati nazio-
la rivoluzione nali non per niente scontata. Dietro quella strana affermazione sta infatti uno
non scoppia dei pi potenti gruppi imprenditoriali dellImpero, che a qual tempo ancora la
principale potenza continentale assieme alla Francia; e quel gruppo di impren-
ditori e politici ha un disegno strategico molto chiaro. Si tratta nientemeno
di rispondere allevidente crisi di legittimit del sistema creato dal Congresso di
Vienna, sostituendolo non con una galassia di Stati nazionali, ma con un pro-
cesso di unificazione continentale che parta non dalla politica ma dal mercato.
Usando un termine attuale (allepoca si parlava di Stato commerciale) potrem-
mo chiamarlo un mercato comune europeo comprendente tutta larea tedesca,
i domini asburgici, lItalia e proiettato verso i Balcani. Questa grande area cen-

SDAPI133_2.indd 28 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 29

inter venti
tro-europea da cui il termine di Mitteleuropea si sarebbe dovuta progres-
sivamente unificare secondo quelle che oggi viene chiamata la logica funziona-
lista dellintegrazione europea, senza mettere inizialmente in discussione con-
fini e sovranit. Come dire, lEuropa del mercato contro lEuropa delle patrie.
Questo progetto arriva fino al governo di Vienna e poi fallisce (per varie ragioni,
e con la conseguenza non da poco che lunificazione tedesca si far a guida prus-
siana), ma ricordarlo, anche in sede didattica, non inutile proprio per le con-
siderazioni che consente di formulare sia sui tempi della storia, sia sui caratteri e
sui limiti dellattuale processo di integrazione europea.
Comunque, tornando a Trieste, per tutto il Risorgimento la citt conferma la sua
fedelt allAustria e viene ricompensata con unautonomia enorme: il comune
assume competenze pi ampie di quelle di un attuale regione italiana a statuto
speciale. Ci significa che di fatto i triestini si autogovernano, mentre il governo
di Vienna garantisce i finanziamenti indispensabili per realizzare le infrastrut-
ture e per mantenere il dumping tariffario su cui si fonda leconomia emporiale.
Non un caso che questa sia rimasta nella memoria come let delloro di Trieste.
La terza fascia quella della Dalmazia. Qui la classe dirigente di origini etni-
che molto miste prevalentemente italiani, croati e ungheresi ma cementa-
ta dalluso linguistico veneto, dalla cultura italiana e dallo stile di vita urbano.
Per la Dalmazia non fa parte della penisola italica ed evidente che non potr
venir coinvolta nel processo di unificazione nazionale: ne ben convinto anche
uno dei maggiori patrioti risorgimentali, cio il sebenzano (vale a dire di Sebe-
nico) Niccolo Tommaseo. E allora, llite dalmata elabora il concetto di nazio- La dalmazia
ne dalmata, etnicamente mista ma di cultura italiana, e la sua richiesta politica diventa
quella dellautonomia, che metta la Dalmazia al riparo dalle ipotesi di ristrut- il primo punto
turazione dello spazio asburgico promosse dai croati di Zagabria, che vorrebbe- di crisi
ro inglobare anche la Dalmazia in ununica provincia croata. per litalianit
Questo disegno strategico funziona, ma dura poco ed anzi la Dalmazia diventa adriatica
il primo punto di crisi per litalianit adriatica. La ragione evidente: la nazio-
nalizzazione degli italiani anche se in forme politiche molto prudenti solo
il primo passo di un processo di modernizzazione politica che coinvolge progres-
sivamente non solo i centri urbani, ma tutto il retroterra abitato da popolazioni
rurali di lingua croata. Questo fenomeno presenta due aspetti fra loro collegati:
nazionalizzazione e democratizzazione. Ci significa che dapprima si creano le
lites nazionali croate, poi queste si impegnano a nazionalizzare le masse croatofo-
ne, ci riescono e nel contempo il suffragio si allarga. Il risultato , che quando al
voto arrivano decine di migliaia di elettori che si definiscono politicamente croa-
ti, la nazione dalmata urbana e il suo progetto autonomista vengono spazzati via.
Per la verit, le autorit austriache accelerano il processo, perch dopo tre guerre
di indipendenza in meno di venti anni, non si fidano pi tanto dei loro sudditi
italiani, mentre i soldati croati hanno sempre versato il loro sangue per limpe-
ratore sui campi della Lombardia. Ma anche senza le forzature delle autorit sa-

SDAPI133_2.indd 29 11/01/11 11:03


30 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti rebbe cambiato molto poco e negli anni Ottanta lunico comune ancora ammi-
nistrato dagli autonomisti e non dai croati, rimane Zara.
I casi di Dalmazia lanciano lallarme anche agli altri italiani, che cominciano a
pensare: oggi capitato a loro, domani potrebbe capitare a noi. Certamente, le
situazioni sono diverse, perch in Istria e a Trieste gli italiani sono molti di pi
e per giunta hanno il monopolio del potere locale, per le cose cambiano: lon-
da della nazionalizzazione di massa comincia a coinvolgere tutti, ed assume una
caratteristica molto particolare.
Di solito, quando agli studenti spieghiamo questo problema della nazionalizza-
zione delle masse, facciamo riferimento ad uno schema che va benissimo per gli
Stati nazionali, in cui si dice, ad esempio, fatta lItalia bisogna fare gli italiani,
ed elenchiamo le grandi agenzie della nazionalizzazione dallalto: scuola, eserci-
to, burocrazia, religione della patria. Ma lAustria asburgica non uno Stato na-
zionale, e di conseguenza lo Stato non nazionalizza affatto le masse. Il processo
per si avvia lo stesso, ma non viene gestito dalle istituzioni, bens dalle stesse li-
tes nazionali attraverso una fittissima rete associativa, presente contemporanea-
mente e concorrenzialmente sul medesimo territorio.
Questo accade in molte regioni dellImpero, e nella Venezia Giulia il caso forse
pi emblematico (anche perch meglio studiato) quello di Pisino, piccola cit-
t al centro dellIstria, a maggioranza italiana mentre la campagna croata. Al-
la fine del secolo in quel piccolo borgo di qualche migliaio di abitanti si conta
un centinaio di associazioni dei pi diversi tipi, tutte rigorosamente doppie: una
i movimenti italiana ed una croata.
nazionali Contemporaneamente, a supporto delle pretese nazionali vengono elaborati i mi-
tardo- ti nazionali, che in parte vengono presi in prestito da quelli creati nel cuore del-
ottocenteschi la nazione (Firenze, Roma, Venezia, Zagabria), in parte costruiti in loco. Tutti
non presentano alcune caratteristiche comuni: la rappresentazione mononazionale di
concepiscono una realt plurale ed i concetti di superiorit della propria nazione, di autoctonia
la diversit questultima sempre rivendicata per s e negata agli altri e, conseguentemen-
nazionale come te, di diritto esclusivo al possesso della terra. Si tratta di un passaggio importante,
ricchezza, a livello europeo. I movimenti nazionali tardo-ottocenteschi non concepiscono
ma come limite la diversit nazionale come ricchezza, ma come limite alla piena realizzazione di
alla piena unidentit nazionale, la propria. Il territorio deve sempre appartenere a qual-
realizzazione cuno, cio ad una sola nazione; e se di fatto ospita gruppi nazionali diversi, essi si
di unidentit considerano rispettivamente come ospiti indesiderati, estranei ad un ordine natu-
nazionale, rale delle cose, che va in qualche modo talvolta in qualsiasi modo ristabilito.
la propria Fra le autorappresentazioni degli italiani e degli slavi ci sono per anche alcune
differenze importanti, legate a due diverse idee di nazione. Per gli italiani si trat-
ta di una concezione volontarista, culturalista, inclusiva, che considera naturali
i processi di assimilazione. Gli slavi invece, che mutuano la concezione tedesca
(Blut und Boden), preferiscono una concezione etnicista, naturalista, che meglio
si presta a difendere il corpo della nazione dal rischio dellassimilazione culturale.

SDAPI133_2.indd 30 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 31

inter venti
Questa differenza si somma ad unaltra, legata alle caratteristiche sociali e del po-
polamento. Per gli italiani, che provengono da una civilt urbana, potere e le-
gittimit abitano in citt, mentre le campagne sono considerate semplicemente
lagro dei centri urbani, privo di personalit propria, ed i campagnoli vengono
normalmente irrisi. Per gli slavi, invece, il cuore del popolo batte in campagna,
dove si coltiva la terra che nutre i cittadini parassiti. Combinate queste due con-
cezioni (etnicismo e ruralismo) e trovate un concetto, che nella cultura politica
italiana semplicemente non esiste: il concetto di territorio etnico, vale a dire
del territorio abitato dalla popolazione rurale di una nazione, a prescindere dal
fatto che al suo interno vi siano o meno delle isole urbane di altra nazionalit.
Ecco che in questo modo sono stati costruiti due schemi di lettura della realt
del popolamento nazionale assolutamente incompatibili ed incomunicabili. Li
trovate espressi con grande evidenza nelle cosiddette carte etniche che vengo-
no realizzate dagli intellettuali delle varie nazioni e su questi nodi ruoter buona
parte del dibattito nazionale nel Novecento.
Quindi, nellarea giuliana le nazioni si formano in maniera competitiva, e la prima
conseguenza di questa nuova competizione per la nazionalizzazione delle masse,
che vengono meno i precedenti meccanismi di integrazione. Questi funziona-
vano in una sola direzione e si fondavano sulla modifica degli usi linguistici, che
trascinava con s linserimento in una identit culturale. I poli di questo sistema
erano le citt, che integravano gli apporti esterni. Il caso limite quello dei centri
moderni, Trieste e Fiume, considerati vere fabbriche di italiani. Trieste in due
secoli ha moltiplicato trenta volte la sua popolazione principalmente per via di a partire dagli
immigrazione, talvolta anche alquanto esotica. Tutti i cittadini, sia quelli vecchi anni o ttanta
che parlavano un dialetto friulano, sia quelli nuovi provenienti un po dapper- dello ttocento
tutto dal continente e soprattutto dalle sponde mediterranee attratti dai privilegi accade che
dellemporio, hanno assunto la lingua veneta in quanto lingua degli affari, e sono chi si inurba
divenuti italiani: prima culturalmente e poi, progressivamente, anche da un pun- provenendo
to di vista nazionale. La trasformazione si compiuta di solito in una o al massi- da territori
mo due generazioni, perch di solito viene a coincidere con la promozione sociale. dove si parla
A partire dagli anni Ottanta dellOttocento per accade che chi si inurba prove- sloveno o
nendo da territori dove si parla sloveno o croato sempre meno spinto a rinun- croato sempre
ciare alla propria madrelingua e quindi ad integrarsi in una societ italiana, per- meno spinto
ch esiste un tessuto associativo culturale e scolastico sloveno e croato, che non a rinunciare
solo lo spinge a mantenerla, la sua lingua madre, ma anzi ne fa il perno di una alla propria
nuova identit collettiva, di tipo nazionale. Ci significa che in un breve volge- madrelingua
re di tempo sul medesimo territorio si creano societ progressivamente separate. e quindi ad
Di conseguenza, il numero di coloro che si considerano politicamente slavi cre- integrarsi
sce, mentre si allarga il suffragio. In Istria alla fine del periodo asburgico gli elet- in una societ
tori slavi sono probabilmente maggioranza; a Trieste no, ma le proiezioni sono italiana
molto inquietanti e prefigurano uno scenario in cui, verso la met del secolo, gli
italiani saranno oramai ridotti in minoranza.

SDAPI133_2.indd 31 11/01/11 11:03


32 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti Nasce cos e rapidamente si diffonde fra gli italiani una nuova percezione, quel-
la del pericolo slavo, e si innesca un circolo vizioso. La percezione di perico-
lo acuisce il sentimento nazionale italiano, tanto che ventanni dopo la fine del
Risorgimento, gli italofoni di cultura italiana di Trieste si sentono italianissimi
e minacciati: di conseguenza guardano sempre pi al regno dItalia come unica
protezione e si chiudono nella difesa ad oltranza delle proprie posizioni. A que-
sta chiusura a riccio corrisponde un moltiplicarsi delle rivendicazioni del movi-
mento nazionale sloveno e croato, che chiede parit di diritti nazionali (ad esem-
pio nelluso pubblico della lingua e nellinsegnamento) e proclama apertamen-
te che prima o poi le isole italiane verranno inghiottite dal mare slavo. La risul-
tante la lotta nazionale ad oltranza, che diventa il problema centrale della vita
politica nei territori giuliani, con un progressivo aumento del tasso di estremi-
smo: fortunatamente, in genere si tratta solo di estremismo verbale, ma chiaro
che decenni di proclami incendiari preparano il terreno per esplosioni pi gravi.
E veniamo qui ad un punto fondamentale per la comprensione delle dinami-
che politiche tra fine Ottocento e met Novecento, non solo nellarea giulia-
na, che condensato e simbolo di tendenze generali europee. Qual la posta
del conflitto fra i movimenti nazionali? il controllo delle istituzioni, perch
tutti i gruppi dirigenti hanno compreso benissimo il ruolo strategico che le
istituzioni svolgono nei processi di nazionalizzazione di massa. In questa vi-
sione quindi, che diventa appena possibile pratica politica ed amministrativa,
le istituzioni perdono ogni imparzialit rispetto alle tendenze antagoniste pre-
Le autorit senti nella societ civile, fino a divenire strumenti di sopraffazione di una parte
austriache sullaltra. In epoca asburgica la portata del fenomeno limitata, perch la com-
sono sempre petizione si svolge in genere nelle amministrazioni locali, cui il sistema asbur-
meno gico affida ampie competenze nelle materie nazionalmente calde. Quando
disponibili a per allImpero si sostituiranno, dopo le due guerre mondiali, gli Stati per
farsi carico la nazione, ecco che saranno le istituzioni dello Stato a raccogliere le richie-
della tutela ste di intervento provenienti dalle componenti nazionali antagoniste presenti
degli italiani, sul territorio. Ed a quelle richieste le istituzioni statali risponderanno positiva-
di cui si fidano mente prima lItalia e poi la Jugoslavia lanciando tutta la forza della mac-
sempre meno china dello Stato contemporaneo contro la minoranza nazionale rimasta dalla
parte sbagliata della frontiera.
Tornando a fine Ottocento, nella competizione nazionale a Trieste e in Istria
gli italiani partono in vantaggio, ma rischiano di perderlo rapidamente, perch,
agli elementi di fragilit che abbiamo ricordato, se ne aggiungono altri. In pri-
mo luogo, le autorit austriache sono sempre meno disponibili a farsi carico del-
la tutela degli italiani, di cui si fidano sempre meno, e promuovono una politica
di bilanciamento delle nazionalit che mette in discussione quel monopolio del
potere locale senza il quale gli italiani si sentono perduti. Lo dir esplicitamente
uno degli ultimi governatori asburgici, il principe di Hohenlohe, che avr come
programma quello di trasformare Trieste in una citt delle nazioni.

SDAPI133_2.indd 32 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 33

inter venti
In secondo luogo, lo sviluppo economico modifica i rapporti di potere: fino alla
met dellOttocento nellImpero asburgico esistevano tre grandi piazze finanzia-
rie: Vienna, Praga e Trieste. Trentanni pi tardi, dopo la grande depressione e
la successiva ristrutturazione, ne sono rimaste solo due: Vienna e Praga, Trieste
non c pi. Lo sviluppo economico continua lo stesso, ma oramai finanziato
quasi integralmente o dal capitale austro-tedesco, oppure da quello ceco-slavo.
Per di pi, il capitale ceco non politicamente neutro, perch in tutto lImpero
la borghesia ceca si presenta come lalfiere dei diritti dei popoli slavi, e finanzia
ovunque i movimenti nazionali slavi.
Qual la conseguenza generale? Che lautonomia istituzionale e il predominio
politico degli italiani cominciano a scricchiolare, e senza quella gabbia protet-
tiva gli italiani temono di venir facilmente inghiottiti dalla prevalenza numeri-
ca di sloveni e croati. Per di pi, anche lautonomia politica si sta svuotando di
contenuti, perch la classe dirigente italiana sta perdendo il controllo dei gangli
economici in una fase di trasformazione accelerata. Quel che segue il panico e
la soluzione politica escogitata per bloccarlo si chiama irredentismo, vale a dire
volont di distacco dallAustria e richiesta di annessione allItalia.
Lirredentismo giuliano ha una parabola piuttosto significativa, esemplare dellevo-
luzione del clima politico non solo nella Venezia Giulia: comincia a sinistra e fi-
nisce a destra. Le prime frange irredentiste, che compaiono gi nel corso degli an-
ni Settanta, sono vicine agli ambienti pi radicali del movimento risorgimentale
italiano, cio al garibaldinismo e al mazzinianesimo. a questo filone democra-
tico, in senso risorgimentale, che fa riferimento quello che viene in genere con- a llirredentismo
siderato il primo martire dellirredentismo, Guglielmo Oberdan (la cui vicenda democratico,
meriterebbe un interessantissimo discorso a parte, perch offre moltissimi spunti). che non piace
Poi per allirredentismo democratico, che non piace molto alla classe dirigen- molto alla
te che si definisce liberal-nazionale, si affianca un altro filone, che guarda inve- classe dirigente
ce alle novit del panorama politico italiano, cio al nazionalismo. Questo pia- che si definisce
ce di pi e diventa progressivamente lideologia dominante, di fatto condivisa liberal-nazionale,
e cautamente supportata anche dalla dirigenza politica liberal-nazionale. Tale si affianca un
la versione dellirredentismo che maggiormente si diffonde anche nelle organiz- altro filone,
zazioni di massa su base nazionale create dagli italiani in tutti i territori appar- che guarda
tenenti allAustria, su imitazione del modello creato dal movimento pangerma- invece
nista. Lorganizzazione principe la Lega Nazionale, ma a fianco di essa esiste alle novit
una miriade di altre associazioni, che effettivamente costituiscono un tessuto di del panorama
massa, antagonista a quello slavo altrettanto sviluppato e sempre pi fiera- politico
mente avverso allAustria. italiano, cio
Dal punto di vista del ragionamento politico, lirredentismo deve per risolvere al nazionalismo
un problema di fondo, sentito per la verit molto pi a Trieste che in Istria. Tutti
sanno che dal punto di vista economico Trieste una costruzione assolutamen-
te artificiale dellimpero austriaco, che si regge su di un meccanismo di privile-
gi combinato a investimenti pubblici, sistema che ha come base il controllo del

SDAPI133_2.indd 33 11/01/11 11:03


34 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti retroterra danubiano da parte del medesimo potere statale che gestisce lempo-
rio. Fuori da quel sistema, tutta leconomia giuliana, di cui Trieste il motore,
non ha pi senso: questa lobiezione che agli irredentisti muove il movimento
socialista, che ha dato vita allunico partito austriaco della regione, nel senso che
non ha un riferimento nazionale anche se la sua dirigenza di lingua e cultura
italiana e guarda con favore al mantenimento dellimpero.
unobiezione che viene considerata sensata anche dagli ambienti democrati-
ci, che non a caso, nei loro esponenti pi giovani (Slataper, Stuparich), parlano
di irredentismo culturale (che meriterebbe unaltro discorso a parte). Invece, i
nazionalisti cercano di risolvere il problema rovesciandone i termini. Posto che
economia e nazione sono in contraddizione, Trieste, se vuole rimanere nazio-
nalmente italiana, deve trovarsi un nuovo ruolo: non pi finestra del retroterra
sul Mediterraneo, bens trampolino per lespansione italiana verso il retroterra
danubiano. In altre parole, Trieste non deve pi essere dominata dallentroterra
e dalle sue logiche, ma dominarlo. Questo imperialismo.
Tale purtroppo con le grandi schematizzazioni imposte dai limiti di questo
intervento il panorama alla vigilia della Prima guerra mondiale, e lo scop-
pio del conflitto radicalizza e semplifica le posizioni. Angelo Vivante, sociali-
sta, teorico dellimpossibilit dellirredentismo e dellassurdit di una guerra fra
Austria e Italia, si butta dalla tromba delle scale. Scipio Slataper, alfiere dellir-
redentismo culturale democratico, e Ruggero Timeus, propugnatore del nazio-
nalismo e dellimperialismo italiano, si arruolano entrambi come volontari irre-
t rieste denti nellesercito italiano, assieme ad un buon numero di altri giovani triestini
non deve e istriani, ed entrambi cadono in guerra, medaglie doro alla memoria. Cade in-
pi essere fine anche lImpero, da molti maledetto in vita e rimpianto poi nel mito. Co-
dominata mincia per le terre che si affacciano sullAdriatico orientale una nuova stagione,
dallentroterra sicuramente assai pi sanguinosa.
e dalle sue
logiche, ma
dominarlo.
q uesto
imperialismo

SDAPI133_2.indd 34 11/01/11 11:03


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 35

inter venti
Perch i L r egno
dita Lia abbandon
gLi ita Liani d a ustria
fino a L 1914?
di
Paolo r adivo
Perch il Regno dItalia, cio la madrepatria, abbandon fino al 1914 i suoi fi-
gli trentini, isontini, triestini, istriani, fiumani e dalmati oppressi? Perch non
tent seriamente di liberarli dal dominio asburgico o almeno di tutelarne i dirit-
ti conculcati? Potremmo rispondere: perch, da matrigna, li consider dei fi-
gliastri, perch dubit della propria forza e perch ritenne di avere sempre al-
tro di pi importante da fare. Prima giudic prioritario annettere ci che resta-
va del Regno Lombardo-Veneto e dello Stato Pontificio; poi, temendo che un
nuovo conflitto con lAustria-Ungheria mettesse a repentaglio la sua stessa esi-
stenza, si ritenne paga di quanto ottenuto fino al 1870 e prefer concentrarsi sui
molti problemi interni; infine accett la logica imperialista.
Gli accordi di Plombires fra Cavour e Napoleone III avevano stabilito che il
costituendo Regno dellAlta Italia non avrebbe compreso altri territori asburgi-
ci allinfuori del Lombardo-Veneto, e larmistizio di Villafranca conferm tale
scelta, sebbene con riguardo alla mai attuata Confederazione Italiana. Il 28 di-
cembre 1860 Cavour ordin al commissario sabaudo per le Marche di non fare
dichiarazioni che potessero dare ad intendere la volont di conquistare non so-
lo il Veneto ma altres Trieste collIstria e la Dalmazia. Io spieg non igno-
ro che nelle citt lungo la costa vhanno centri di popolazione italiana per razza
ed aspirazioni. Ma nelle campagne gli abitanti sono di razza slava; e sarebbe ini-
micarsi gravemente i Croati, i Serbi, i Magiari e tutte le popolazioni germaniche
il dimostrare di voler togliere a cos vasta parte dellEuropa centrale ogni sboc-
co sul Mediterraneo.
Nel 1861 il governo di Torino non forn alcun appoggio alla Dieta istriana del
Nessuno, n ai patrioti trentini che avevano disertato le urne allo stesso scopo,
cio lunione al neonato Regno dItalia o quantomeno al Lombardo-Veneto re-
siduo. Furono lasciati soli anche i fiumani, che con un massiccio astensionismo
avevano invocato il distacco dal Regno di Croazia e Slavonia. Eppure proprio
gli emissari di Cavour avevano incitato gli austro-italiani a non eleggere rap-
presentanti al Parlamento di Vienna

SDAPI133_3.indd 35 11/01/11 11:04


36 studi e documenti deg Li anna Li de LLa Pubb Lica istruzione

inter venti Una nuova guerra allAustria divenne sempre meno fattibile tra il luglio 1861
e il dicembre 1865, quando buona parte dellesercito schierato sul Mincio fu
trasferita al sud per reprimere il brigantaggio e tenere a bada i garibaldini. Il
governo Ricasoli pose tra gli obiettivi della Terza guerra dindipendenza anche
Gorizia, Monfalcone, Trieste e lIstria, ma non fu capace di conquistarle; per
giunta imped la sollevazione popolare antiaustriaca nelle alte Valli Giudicarie
e dopo larmistizio di Cormons ritir le truppe sia regolari che garibaldine dai
territori trentini e isontini conquistati; infine, anche a causa della rivolta seces-
sionista di Palermo faticosamente domata nel sangue, accett con il Trattato di
pace di Vienna (3 ottobre 1866) un confine iniquo che perdur fino al 1915.
I governi successivi snobbarono le terre rimaste irredente. Ritennero Trieste dif-
ficilmente acquisibile, vista limportanza decisiva che aveva assunto per lImpero
asburgico dopo la perdita di Venezia. LIstria, poco considerata, ebbe anche lo
svantaggio di non poter essere annessa senza la pi vicina Trieste. La Dalmazia,
giudicata troppo lontana, entr nei piani annessionistici appena dal settembre
1914, ma solo perch necessaria al dominio marittimo dellAdriatico. Fiume in-
vece non vi entr proprio, scontando il suo essere lunico porto dellUngheria.
Maggiore fu linteresse per Trentino, Alto Adige e Isontino occidentale, ma so-
lo per il loro valore strategico-militare.
Proprio durante la Terza guerra dindipendenza era intanto iniziata quellof-
fensiva politico-culturale contro gli italofoni dellImpero asburgico, voluta da
Francesco Giuseppe e condotta da nazionalisti slavi e austriaci ma anche da
Proprio reazionari e clericali, che continuer fino al 1918. Firenze prima e Roma poi
durante la rimasero sostanzialmente inerti di fronte alle violente manifestazioni antiita-
t erza guerra liane del novembre 1866 a Trieste e Pola, del luglio 1868 a Trieste, del luglio
dindipendenza 1869 a Sebenico, del giugno-luglio 1875 a Tra, del novembre 1903 a Inn-
era intanto sbruck, dellagosto-settembre 1906 a Fiume e Zara e del maggio 1914 a Trie-
iniziata ste. E non si scomposero nemmeno di fronte alle espulsioni di regnicoli, alle
quelloffensiva risse fra lavoratori italiani e croati, alle angherie ai pescatori italiani in Dalma-
politico- zia, alle offese al tricolore
culturale Lintervento del premier Crispi nel novembre 1894 presso limperatore tedesco,
contro gli affinch distogliesse il governo austriaco dallimporre tabelle bilingui sui palazzi
italofoni di giustizia istriani o le pressioni del ministro degli Esteri Canevaro nel gennaio
dellimpero 1899 su Vienna e Berlino contro la slavizzazione del Litorale e della Dalmazia
asburgico dimostrarono solo che fare qualcosa a tutela dei diritti dei propri connazionali
che continuer dAustria e dei propri concittadini residenti in quel Paese alleato era possibile.
fino al 1918 Mancava per la volont. Cos fino al 1914 lItalia non sfid pi Vienna, e anzi
le si riavvicin gi dopo la guerra del 1866. Il governo Menabrea fra il 1868 e il
1869 tent persino unalleanza con Austria-Ungheria e Francia contro la Russia
per una guerra comune a favore dellindipendenza polacca, chiedendo in cam-
bio il Trentino, lIsonzo, un porto nellAdriatico sud-orientale, Roma e rettifi-
che sul confine francese.

SDAPI133_3.indd 36 11/01/11 11:04


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 37

inter venti
Invano nel settembre 1877 il presidente del Consiglio Depretis prov ad ottene-
re il Trentino quale compenso per il via libera allespansione asburgica nei Bal-
cani. Lo sconvolgimento dellassetto di quellarea lasci la pavida Italia con le
mani nette ma a bocca asciutta e nel luglio 1878 il ministro degli Esteri Corti,
spaventato dallidea che una guerra con lAustria-Ungheria avrebbe potuto con-
durre il fragile Stato unitario nellabisso, viet agli irredentisti di inscenare tu-
multi a Trieste pro Bosnia-Erzegovina.
Dopo loccupazione francese della Tunisia (maggio 1881) e la firma dellaccor-
do Vienna-Berlino-Mosca (giugno 1881), larrendevole governo Depretis, sen-
tendosi accerchiato, si leg organicamente ad Austria-Ungheria e Germania nel-
la Triplice Alleanza (20 maggio 1882) senza contropartite territoriali. Da allora
contrast ogni iniziativa che potesse dispiacere a Vienna, persegu gli irredenti-
sti, non fece nulla per salvare la vita a Oberdan e anzi represse con durezza sia i
moti antiasburgici suscitati dalla sua impiccagione, sia semplici commemorazioni
private, raccolte di fondi, articoli di giornale, nonch manifesti e volantini in sua
memoria, facendo inoltre processare i suoi due complici e numerosi militanti.
Il Regno dItalia, colpendo gli irredentisti come eversori e ripudiando centi-
naia di migliaia di italofoni dellImpero asburgico, sembr trasformarsi da mez-
zo per realizzare lunit nazionale in compiacente strumento al servizio di Vien-
na per impedirla. I governi Depretis-Mancini completarono tale abdicazione dal
Risorgimento iniziando nel marzo 1882 lavventura coloniale africana, che vio-
l il principio di nazionalit di altri popoli puntando a fare dellItalia un piccolo
impero in competizione con quelli maggiori. Quanto ai Balcani, dal 1896 Ro- il r egno
ma avvi una penetrazione economica in Montenegro, oltre che nellAlbania e ditalia sembr
nella Macedonia ottomane. trasformarsi
Appena dal 1890 i governi italiani cominciarono a mandare sottobanco nelle da mezzo
terre irredente sotto il giogo asburgico finanziamenti alle attivit scolastico-edu- per realizzare
cative private italiane e ai partiti liberal-nazionali. Tali fondi occulti, pur utili, lunit
non bastarono per a contrastare efficacemente loffensiva nazionalista e clericale nazionale in
slavo-germanica, che continu inesorabile malgrado la Triplice Alleanza. Ormai compiacente
era tardi: il disinteresse di Roma per i propri connazionali dAustria era durato strumento al
troppo a lungo e i danni erano gi notevoli specie in Dalmazia, dove litalianit servizio
appariva pi debole e minacciata. di v ienna
per impedirla

SDAPI133_3.indd 37 11/01/11 11:04


SDAPI133_3.indd 38 11/01/11 11:04
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 39

inter venti
Le foibe e Lesodo
giu Liano-da Lmata

Le ondate di violenza dellautunno 1943 e maggio-giugno 1945 hanno con-


notazioni e origini diverse. Le prime colpirono principalmente alcune localit
dellIstria e della provincia di Gorizia, le seconde si concentrarono nei capoluo-
ghi della Venezia Giulia come pure nei piccoli centri abitati. Violenze e delitti di
continuarono poi nei territori sotto il controllo jugoslavo. r oberto
Affermare che lesodo degli Italiani dallIstria, Fiume e Dalmazia stato in gran spazzali
parte indotto dalle autorit italiane significa non ammettere gli abusi perpetrati
dal regime comunista e il ruolo in tal senso dei cosiddetti Poteri Popolari, forma-
ti anche da elementi italiani che cercarono disperatamente la rivoluzione politica
sposando per le tesi dellespansionismo jugoslavo. Nel corso della prima met
del Novecento, la Venezia Giulia ha conosciuto pi volte le ragioni della violenza.
Ha scritto Cesare Pavese nel romanzo La casa in collina:

Guardare certi morti umiliante. Non sono pi faccenda altrui; non ci si sente ca-
pitati sul posto per caso. Si ha limpressione che lo stesso destino che ha messo a a ffermare
terra quei corpi, tenga noialtri a vederli, a riempircene gli occhi. Non paura, non che lesodo
la solita vilt. Ci si sente umiliati perch si capisce si tocca con gli occhi che degli italiani
al posto del morto potremmo essere noi: non ci sarebbe differenza, e se viviamo lo
dallistria,
dobbiamo al cadavere imbrattato. Per questo ogni guerra una guerra civile: ogni
caduto somiglia a chi resta, e gliene chiede ragione.
f iume
e dalmazia
In circostanze come lodierna bisogna esprimere parole chiare: partendo dal prin- stato in
cipio che non possibile imporre una memoria condivisa, poich la Storia gene- gran parte
ra una soggettivit di storie e memorie non sempre conciliabili. Il compito della indotto dalle
scuola un altro: conoscere per comprendere. autorit italiane
significa
non ammettere
Le stragi istriane de LLautunno 1943 gli abusi
perpetrati
Nellautunno del 1943, subito dopo lArmistizio in Istria, ma anche nel Gori- dal regime
ziano lungo le valli dellIsonzo e del Vipacco si verificarono localizzati fatti di comunista
violenza contro la popolazione civile, soprattutto italiana e nei riguardi di slove-
ni assimilati. Avvennero dove i presdi militari e di polizia erano assenti, si era-
no sciolti, oppure erano intercorsi dei rapporti poco chiari tra i comandanti ed
i rappresentanti degli insorti.

SDAPI133_5.indd 39 11/01/11 11:04


40 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti Ma che tipo dinsurrezione era scoppiata soprattutto nellIstria centrale, carat-
terizzata da piccoli centri urbani di popolazione italiana e la campagna a mag-
gioranza croata?
Proprio in Istria si afferm un movimento insurrezionale costituito principal-
mente da nazionalisti e comunisti croati e da comunisti italiani che diedero vita a
Pisino il 13 settembre 1943, ad un Comitato il quale proclam la decadenza del-
la sovranit italiana sullIstria e la sua annessione alla Croazia, espressa dal Con-
siglio Territoriale Antifascista di Liberazione Nazionale, collegato al Consiglio
Antifascista Popolare di Liberazione della Jugoslavia. Un pronunciamento che
avr un valore vincolante per le sorti dellIstria: infatti fu confermato dai massi-
mi organi jugoslavi per ben due volte, tra il 1943 e 1944, e risult lelemento sul
quale Tito fece forza davanti agli Alleati per pretendere tutta la Venezia Giulia.
In passato il problema era stato liquidato come un esempio di rivolta contadina
come di una violenta vendetta verso coloro che, direttamente ed indirettamente,
si erano fatti strumento del regime fascista nella politica di snazionalizzazione e
repressione nella regione di confine; come di una ribellione contro i possidenti
italiani ed i rappresentanti, non necessariamente borghesi, dello Stato italiano,
non pi distinto dal regime fascista.
Fu atto rivoluzionario ma dai forti connotati nazionalisti, con i tratti esteriori
della jaquerie, come la distruzione degli archivi municipali e dellerario, la scom-
parsa degli arrestati, violenze nei riguardi di donne e ragazze, efferate esecuzio-
ni accompagnate e precedute da sevizie fino al vilipendio delle salme oltre che
a llora era il loro occultamento.
assai facile Come ha annotato la scrittrice istriana Lina Galli in quelle notti, lontani fal il-
attribuire ad luminavano le alture; gli armenti erano stati abbandonati nelle campagne; i co-
ogni forma loni erano spariti dalle case perch concentrati dagli agitatori nei boschi, armati
di italianit con gli attrezzi agricoli e pronti a muovere verso paesi e citt, abitati da italiani,
letichetta cio dai signori o meglio dai fascisti. Perch allora era assai facile attribuire
di fascismo ad ogni forma di italianit letichetta di fascismo.
Ci furono casi di vendette immediate e di efferate esecuzioni sommarie, ma la
maggioranza degli arrestati fu concentrata nel castello di Pisino, con lintento ben
chiaro di paralizzare la collettivit italiana e la sua classe dirigente, fino al grado
pi basso di rappresentazione dello Stato italiano; il Comitato insurrezionale li
avrebbe voluti processare, e quindi espellere dalla regione gli italiani giuntivi do-
po il 1918, come nei propositi del proclama lanciato da Pisino.
Per contro i Comitati di Salute Pubblica, sorti dopo la caduta del fascismo e for-
mati da pochi e deboli esponenti della vecchia societ liberale, non furono in gra-
do di affrontare la situazione e cos tra gli italiani prevalsero rassegnazione, fata-
lismo, impotenza raramente gli arrestati opposero resistenza sottovalutando i
fatti e la netta percezione che lintera regione era oramai isolata dal resto dItalia.
Nellottobre 1943 i tedeschi organizzarono unoffensiva sullIstria per assicurar-
si il controllo della regione e sotto lincalzare tedesco il Comitato insurrezionale

SDAPI133_5.indd 40 11/01/11 11:04


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 41

inter venti
decise di eliminare i detenuti nel castello di Pisino proprio per togliere di mez-
zo scomodi testimoni; cos, come tanti altri, furono trucidati nelle cave di bau-
xite, mentre altri furono precipitati nelle sparse cavit carsiche o fatti sparire in
fondo al mare.
Ancora Lina Galli ci riporta unimmagine drammatica del recupero di salme,
dalla foiba di Vines:

Alle 11,45 il primo uomo scese nella voragine. Intorno la tensione dei vivi era ter-
ribile. Verso le 13,55 il cavo dacciaio torn a muoversi e trascin verso lalto il suo
carico di vite spente. Apparvero alla luce quattro corpi che pi non sembravano
umani. Lodore della morte si diffuse acre allintorno. I congiunti dominavano a
stento il loro dolore. Salzarono urla e singhiozzi.
Il cavo dacciaio scese e risal dopo mezzora per riportare alla luce altri quattro ca-
daveri. Quindici furono le salme estratte nella prima giornata, quattordici nella se-
conda giornata e cos per molti giorni finch tutti gli 84 furono tolti dallorrido se-
polcro ed avviati verso la loro pace. Ogni giorno intanto aumentava lafflusso dei
parenti e lincontro dei vivi con i morti allineati sulla nuda terra era di unangoscia
inenarrabile. Urla di dolore e di orrore si alzavano alla visione dei corpi

Si ben lontani da una semplice rivolta contadina e di sola violenza vendicati-


va; c chi decide e organizza i massacri e chi mette in pratica gli ordini ricevu-
ti. Perfino alcune fonti croate ci confermano che le violenze avvennero fuori dal
controllo del movimento partigiano jugoslavo ma allinterno dei poteri popola- ma quanto
ri che si erano insediati in Istria e che applicarono le direttive del partito comu- sappiamo delle
nista croato di ripulire il territorio dai cosiddetti nemici del popolo, ovvero foibe istriane
tutti coloro potevano rappresentare un ostacolo allaffermazione del Movimento del 43?
di liberazione ed alleffettiva presa del potere. In Istria comparvero proclami, co- molto meno
mitati insurrezionali e precisi disegni politici. Il modello era quello della rivolu- degli eccidi
zione bolscevica, della guerra civile russa, della guerra civile spagnola dalle quali perpetrati nel
furono tratte prassi e metodo1. 1945, nel senso
Ma quanto sappiamo delle foibe istriane del 43? Molto meno degli eccidi per- che non ci sono
petrati nel 1945, nel senso che non ci sono documenti che permettono di indi- documenti che
viduare con assoluta certezza responsabili materiali e mandanti e neppure noto permettono
il numero esatto delle vittime. A fronte di cinquecento denunce di scomparsa, i di individuare
Vigili del Fuoco di Pola recuperarono, non senza difficolt, in quattordici mesi con assoluta
di esplorazioni (dallottobre 1943 al febbraio 1945) solo 217 salme; altre fonti certezza
responsabili
materiali e
1. Per una ricostruzione degli avvenimenti e delle dinamiche si vedano soprattutto R. Spazza- mandanti e
li, Foibe: un dibattito ancora aperto, Trieste, 1990; G. La Perna, Pola Istria Fiume. 1943-1945,
neppure noto il
Milano, 1993; R. Pupo (cur.), Foibe ed esodo, all. a Tempi e Cultura, Istituto Regionale per
la Cultura Istriana, Trieste, n. 3, 1998; L. Papo, LIstria e le sue foibe, Roma, 1999; G. Rumici, numero esatto
Infoibati (1943-1945), Milano, 2002. delle vittime

SDAPI133_5.indd 41 11/01/11 11:04


42 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti danno 355 salme, mentre risultano circa 500 le denunce di persone scomparse.
Intorno agli eccidi istriani del 43 si discusso della proporzione numerica e
delleffettiva funzione snazionalizzante degli italiani, perfino di quel tanto di
magico/arcano che ha accompagnato le stragi, ma molto meno si ragionato
del messaggio paralizzante che hanno prodotto, riconducibile ad una progetta-
zione che ha accompagnato, fino dal 1941, linsurrezione in Istria con arresti e
liquidazioni che apparentemente sembrano di carattere arbitrario ma sottendo-
no a un significato politico di consapevole terrorismo, in cui se nellazione pi
violenta non difficile cogliere una primitivit della violenza, nella sua pianifi-
cazione prevale il profilo rivoluzionario professionista, dove lo spontaneismo la-
scia il campo a fasi pi organizzate e finalizzate.
Il sistema adottato nel corso dellinsurrezione del 43 in Istria semplice quan-
to efficace perch gioca sul meccanismo che porta alla paralisi dellavversario. Il
rapimento e la sparizione di tante persone mette la societ colpita nella difficol-
t di individuare una strategia di risposta; nel timore di influenzare la sorte degli
ostaggi ritarda i tempi di reazione, mentre nei congiunti, fin quando non ritorna-
no o non viene trovata la salma, rimane sempre viva la speranza che siano in vita.
Per un fatto indiscutibile: gli eccidi del 43 hanno rappresentato la frattura
pi grave della storia dellIstria: lequilibrio antropologico raggiunto dalla socie-
t istriana l stato bruscamente alterato, introducendo la categoria discrimina-
toria del prima e del dopo la violenza, insinuando in una societ povera, mite e
pacifica, la paura.
gli eccidi del
43 hanno
rappresentato Loccupazione jugos Lava de LLa v enezia giu Lia
la frattura
pi grave Nellautunno 1944 i dalmati di Zara furono costretti abbandonare la loro citt
della storia sotto i bombardamenti alleati dellautunno 44, sollecitati dallo stesso Tito. A
dellistria: quei profughi, i tedeschi negarono il diritto di rifugio a Trieste, temendo che la
lequilibrio loro presenza potesse accentuare il carattere italiano della citt. Nel marzo 1945
antropologico inizi un primo sfollamento di popolazione da Pola che trov rifugio nella cam-
raggiunto dalla pagna friulana2.
societ istriana Nellaprile 1945 la IV Armata jugoslava e il IX Corpus sloveno puntarono con
l stato decisione verso la costa adriatica. I tedeschi avevano deciso di tenere Trieste per
bruscamente permettere la ritirata delle proprie truppe schierate in Istria e intorno a Fiume.
alterato, Il CLN triestino, palesate le intenzioni jugoslave, decise di organizzare linsur-
insinuando rezione e anticipare cos lingresso delle truppe di Tito che, per dovevano es-
in una societ
povera, mite
e pacifica,
2. G.G. Posar, Naufragio in Dalmazia, Monciatti, Trieste, 1956; N. Luxardo De Franchi,
la paura Dietro gli scogli di Zara, Editrice Goriziana, Gorizia, 1992; O. Talpo, Dalmazia, una crona-
ca per la storia (1943-1944), Ufficio Storico dello Stato Maggiore dellEsercito, Roma, 1994.

SDAPI133_5.indd 42 11/01/11 11:04


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 43

inter venti
sere considerate alleate degli anglo-americani che stavano ancora dallaltra parte
dellAdriatico. Solo in quel modo si poteva dimostrare lesistenza di una Resisten-
za democratica che si appellava al movimento di liberazione italiano.
Trieste insorse il 30 aprile 1945, Gorizia si difese dal ripiegamento delle forze col-
laborazioniste slave, ma in poche altre localit istriane, come Isola e Pola, oppu-
re a Fiume si cerc di dimostrare lesistenza di una Resistenza non filojugoslava.
Con la resa tedesca lintera regione fin sotto il controllo delle forze militari ju-
goslave, coabitanti con gli anglo-americani solo a Gorizia, Monfalcone e Trieste.
Appena occupati i capoluoghi dalle truppe jugoslave, si insediarono i Consigli
Popolari di Liberazione che si affrettarono a dichiarare lannessione alla Jugo-
slavia. Nel frattempo erano state preparate delle liste di proscrizione e gli arre-
sti furono eseguiti su mandato della polizia politica jugoslava (Ozna) ed eseguiti
da elementi dei reparti speciali, in molti casi coadiuvati da fiancheggiatori loca-
li. Gli arrestati furono detenuti sotto sorveglianza armata dallesercito jugoslavo
ed a Trieste sinsedi un Tribunale del Popolo con tanto di Pubblico Accusato-
re che spicc mandato di comparizione anche nei confronti di alcuni esponenti
del CLN cittadino. Certamente operarono anche bande incontrollate formate
da delinquenti comuni, ex collaborazionisti dei nazisti e soggetti animati da in-
tenzioni vendicative, al punto che le stesse autorit militari jugoslave dovettero
intervenire, sia pur tardivamente, per far cessare gli abusi.
Una manifestazione popolare italiana a Trieste venne stroncata nel sangue il
5 maggio 1945, alla quale fecero seguito altri arresti per tutto il mese di maggio
e in tutte le localit della regione. Il CLN di Trieste fu denunciato come fasci- a ppena
smo mascherato, alcuni esponenti a Gorizia e Trieste furono arrestati e non occupati
fecero ritorno mentre altri furono costretti alla clandestinit. Fu lunico CLN i capoluoghi
italiano costretto a tornare in clandestinit a guerra finita. dalle truppe
Militari della RSI, delle forze tedesche e delle formazioni slave furono catturati jugoslave,
e passati per le armi, altri furono inviati in campi di concentramento allestiti in si insediarono
Slovenia e Croazia, dove le pessime condizioni di vita ed igieniche provocarono i c onsigli
numerosi decessi. Negli stessi momenti le autorit jugoslave diedero vita soprat- popolari
tutto a Trieste ed a Gorizia ad unondata di arresti 10-12 mila secondo una di Liberazione
stima degli Alleati che provoc il panico: non bastavano pi le carceri a con- che si
tenere tutti, per cui furono rinchiusi in caserme, edifici scolastici e perfino nella affrettarono
Risiera di San Saba, fino a pochi giorni prima utilizzata dai nazisti. a dichiarare
A Basovizza, nei pressi del pozzo della miniera, oper per qualche giorno un tri- lannessione
bunale militare della IV Armata jugoslava che condann a morte, sulla base di alla j ugoslavia
testimonianze dirette, un centinaio di persone, soprattutto agenti della Questu-
ra3. Gli iniziali obiettivi delle retate erano collaborazionisti, esponenti minori del
fascismo repubblicano, sloveni anticomunisti, ma anche i gregari dei corpi di si-

3. E. Apih, Trieste, Laterza, Roma-Bari, 1988.

SDAPI133_5.indd 43 11/01/11 11:04


44 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti curezza se trovati in divisa. A met maggio fu arrestato un gruppo di giovani che
avevano partecipato allinsurrezione ma che si stavano organizzando clandesti-
namente per resistere alloccupazione jugoslava. A Gorizia sparirono due espo-
nenti di primo piano del locale CLN, mentre quelli di Trieste furono costretti a
darsi alla macchia o riparare oltre lIsonzo. Vennero arrestati semplici cittadini
che non avevano ricoperto alcun ruolo specifico sotto il fascismo o durante loc-
cupazione nazista ma dei quali era noto lorientamento italiano, come pure spa-
rirono dei giovani che avevano combattuto con il Corpo Italiano di Liberazione
e che erano rientrati da poco a casa4.
Per quanto riguarda il 1945 evidente che ci fu una presa del potere, preceduta
da unazione di epurazione preventiva in grado di annullare ogni altra forza po-
litica che si fosse opposta al disegno. Ma con una ulteriore variante, dettata dal
fattore territoriale, dove ai nuovi motivi ideologici si aggiunsero a quelli vecchi
etno-nazionali, dove il Partito comunista gioc un ruolo determinante nellaval-
lare proprio lespansionismo di Tito ad occidente, ben superiori alle pretese del
vecchio nazionalismo jugoslavo.
Si detto epurazione, ma su quale base? Lordine impartito era quello della di-
scriminazione politica: eliminare il fascismo, come quando nellIstria del 1943
si tratt di eliminare i nemici del popolo. La discriminazione era politica e po-
neva fascismo ed Italia su un piano di una tragica equivalenza, dal momento che
non era possibile distinguere su un piano strettamente etnico, quanto piuttosto
culturale, affettivo, ideale e politico, litalianit della Venezia Giulia. Poich lIta-
La lia si era affacciata nella Venezia Giulia col volto del fascismo e litalianit subi-
discriminazione to ricondotta allinterno del regime fascista, era buon gioco dichiarare che colo-
era politica ro che erano s antifascisti ma contrari alla rivoluzione comunista ed alla conse-
e poneva guente annessione alla Jugoslavia erano pure tutti fascisti perch italiani. Ne
fascismo ed erano esclusi, invece, quegli italiani, definiti onesti e democratici, ben disposti
italia a passare sotto il nuovo Stato jugoslavo che stava nascendo.
su un piano Un ruolo determinante nellorganizzazione del sistema repressivo spett alle strut-
di una tragica ture informative che facevano capo al Comitato Centrale del Partito comuni-
equivalenza sta. Gli archivi conservano le tracce di una precisa contabilit, con elenchi degli
arrestandi, rapporti giornalieri sullattivit di rastrellamento ed arresto, registri
carcerari, qualche verbale dinterrogatorio, disposizioni sul destino dellarresta-
to, fino alla condanna a morte senza processo5.

4. R. Pupo, Le foibe giuliane: 1943-1946. Interpretazioni e problemi, in Quaderni Giuliani di Sto-


ria, 1991, nn.1-2; F. Salimbeni, Le foibe, un problema storico, Unione degli Istriani, Trieste, 1998.
5. R. Spazzali, Contabilit tragica, in Quaderni Giuliani di Storia, gennaio-dicembre 1991,
nn. 1-2; R. Spazzali, Nuove fonti sul problema delle Foibe, in Qualestoria, aprile 1992, n. 1; R.
Spazzali, Tragedia delle foibe. Contributo alla verit, I-II, Lega Nazionale, Gorizia, 1995; non-
ch il mio contributo in G. Valdevit (cur.), Foibe. Il peso del passato, Marsilio, Venezia, 1997.

SDAPI133_5.indd 44 11/01/11 11:04


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 45

inter venti
Sorte diversa spettava ai detenuti nelle carceri che dipendono dallOZNA, do-
ve sono rinchiusi i politici, non solo fascisti (che furono rilasciati anche dopo
due anni di detenzione, a riprova che non furono eliminati subito) ma anche
antifascisti oppositori allannessione jugoslava. Se nei campi di concentramen-
to si moriva per fame, botte e tentata fuga, dalle carceri si spariva letteralmen-
te stritolati dai meccanismi di repressione. argomento su cui si meno inda-
gato, che mette in luce il sistema repressivo jugoslavo e la diretta responsabilit
dello Stato jugoslavo.
Ci sono molte testimonianze, in gran parte inedite, e diversi documenti che di-
mostrano lintenzione di perfezionare ulteriormente il sistema di reclusione, con
lintenzione di adottare dei campi di concentramento per gli italiani della zona
B riottosi ai poteri popolari e perfino di campi di rieducazione morale per
gli adolescenti. Le proposte rimasero sulla carta, ma furono pensate e discusse.6
Dopo il 1947 tra Jugoslavia ed Italia furono formalizzati gli scambi di detenuti
mentre alcune detenzioni nelle carceri jugoslave terminarono appena nel 1950.
Il numero di coloro che vennero effettivamente eliminati subito e gettati nelle
foibe nel 1945 (morti o vivi che fossero), relativamente basso, probabilmente
inferiore al migliaio. Decisamente superiore invece il numero degli scomparsi
nel corso della prigionia o lungo le marce di trasferimento verso i campi di con-
centramento per molti dei quali manca qualsiasi notizia ma che per conven-
zione vengono anchessi considerati infoibati.
A guerra finita le autorit anglo-americane autorizzarono esplorazioni nellarea
a occidente della linea Morgan e, tra il 1945 e il 1948, furono portate in luce, c i sono molte
anche da fosse comuni, 464 salme, delle quali 217 di civili: un numero meno testimonianze,
basso di quanto possa sembrare, se si pensa che furono effettuate solo 71 esplo- in gran parte
razioni, molte delle quali con esito negativo. inedite,
Furono effettuate altre esplorazioni condotte al di fuori delle indagini giudiziarie e diversi
che scoprirono altre salme, e gli speleologi segnalarono cavit oltre confine con- documenti
tenenti resti umani ed ora le autorit slovene hanno fatto recintare alcune grot- che dimostrano
te del goriziano e recuperare i resti da alcune cavit sulle alture di Capodistria. lintenzione
I dati in possesso degli anglo-americani, nellagosto 1945, riferiti per solo a di perfezionare
Trieste, Gorizia, Monfalcone e la citt di Pola, riferiscono di migliaia darresti: ulteriormente
solo nellarea di Trieste ben 17 mila persone, delle quali 8 mila rilasciate quasi il sistema
subito, 6 mila internate e 3 mila uccise. Questultimo dato sarebbe stato poi ri- di reclusione
dimensionato dalle stesse autorit Alleate che valutarono in 1500 scomparsi da
Trieste, 1000-1500 da Gorizia e dintorni, 500-600 da Pola e 150 da Monfal-
cone. I registri carcerari di Lubiana e di Gorizia, nonch altri elenchi coevi, sco-

6. R. Spazzali, Epurazione di frontiera. 1945-1948. Le ambigue sanzioni contro il fascismo nella


Venezia Giulia. IRCI, Libreria Editrice Goriziana, Gorizia, 2000; O. Moscarda, La giustizia
del popolo: sequestri e confische a Fiume nel dopoguerra (1946-1948), in Qualestoria, n.1, 1997.

SDAPI133_5.indd 45 11/01/11 11:04


46 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti perti e studiati negli anni Novanta, confermano lalta percentuale di deceduti
tra coloro che furono deportati, nei territori jugoslavi. Forse il fatto pi clamo-
roso riguarda la detenzione di oltre 140 prigionieri italiani nelle carceri lubiane-
si dellOZNA, la cui sorte era nota fin dal rientro (1947) di alcuni sopravvissu-
ti: un centinaio furono eliminati, a sei mesi dalla fine della guerra senza proces-
so. Tra questi una ventina di giovani patrioti del Corpo Volontari della Libert.
Nellaprile 1947, lufficio preposto alla ricerca dei dispersi, dipendente dal Gover-
no Militare Alleato di stanza a Trieste, tracci un bilancio sulla base delle proprie
informazioni: risultava in possesso di 3419 segnalazioni di scomparsi in seguito
allarresto jugoslavo (1492 a Trieste, 1100 a Gorizia e 827 a Pola), compresi cir-
ca 1300 militari, mentre nessuna notizia era stata fornita dalle autorit jugosla-
ve insediate nella zona B della Venezia Giulia. I dati, cos, si fermavano alle tre
aree della Zona A, senza ulteriori dettagli, mentre si ammetteva che dalla zona B
(in quel momento da intendersi ancora come tutta lIstria, Fiume compresa) le
autorit militari jugoslave non avevano fornito alcuna notizia, come avrebbero
dovuto fare, nel rispetto degli accordi di Belgrado.
Tirando dunque le somme di una vicenda che non consente ancora certezze, og-
gi si propende ad indicare in 4000-5000 il numero degli scomparsi. I calcoli pi
riduttivi, condizionati per dalla frammentariet delle informazioni fornite dai
parenti nel dopoguerra, limitano a 933 i morti nei territori delle attuali province
di Gorizia e Trieste. Quelli pi ampi, che abbracciano anche Fiume e la Dalmazia
parlano di 10.137 caduti per litalianit, categoria entro la quale possono venire
f ece molta fatti rientrare anche vittime della violenza di guerra, oltre che di quella politica.
impressione
il cambio della
valuta, con esodo
lintroduzione
della jugo-lira Il complesso fenomeno dellesodo stato generato da diversi motivi: dal terrore
e poi la pubblica provocato dalle stragi del 1943 e continuato nel dopoguerra con arresti e spari-
campagna di zioni nei territori sotto amministrazione jugoslava, alle condizioni economiche
demonizzazione e sociali poste dai Poteri Popolari. Inizialmente la popolazione nella sua mag-
dei nemici gioranza era rimasta in fiduciosa attesa delle decisioni della Conferenza di Parigi,
del popolo ritenendosi estranea alle responsabilit di violenze e prevaricazioni passate. Poi,
quando si profil lipotesi di un plebiscito sulla Venezia Giulia, stante la situa-
zione a Trieste, le autorit filojugoslave si adoperarono per semplificare il quadro
di fedelt politica, con lepurazione dei soggetti contrari o solo indifferenti al re-
gime e con mille altri ostacoli alla libera attivit imprenditoriale e professionale.
Fece molta impressione il cambio della valuta, con lintroduzione della jugo-li-
ra e poi la pubblica campagna di demonizzazione dei nemici del popolo. Ben
pi grave era la situazione a Fiume, completamente isolata e non pi compresa
nelle trattative internazionali, dalla quale, tra il 1945 e il 1948 si allontan com-
pattamente quasi tutta la popolazione italiana. Una situazione analoga a quella

SDAPI133_5.indd 46 11/01/11 11:04


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 47

inter venti
di Pola, garantita fino al 1947 dagli angloamericani, ma dalla sorte segnata, so-
prattutto dopo la grave strage di Vergarolla lesplosione di un deposito di resi-
duati su una spiaggia aperta al pubblico e la notizia che la soluzione diploma-
tica la escludeva da qualsiasi restituzione allItalia. Col Trattato di Pace i due ter-
zi della Venezia Giulia furono ceduti alla Jugoslavia (la citt di Gorizia perdette
un terzo del territorio comunale) e il restante fu diviso in due Zone, una anglo-
americana, Zona A e una jugoslava, Zona B, col proposito di dare vita a un
Territorio Libero di Trieste.
La condizione di precariet si protrasse fino al 1954, con un esodo dai territo-
ri ceduti verso lItalia oppure verso Trieste. Agli inizi degli anni Cinquanta le
autorit locali della Zona B accentuarono il carattere persecutorio verso que-
gli italiani ancora tiepidi al regime: chiusura delle scuole italiane, limitazioni ai
passaggi della frontiera, vessazioni tributarie portarono ad un altro esodo che
qualcuno si ostina a chiamare economico maturato nellostilit. Anche i co-
munisti istriani, dopo la crisi tra Stalin e Tito del 1948, conobbero le persecu-
zioni: coloro che non si erano allineati al regime jugoslavo dovettero riparare
in Italia oppure finirono nei gulag titini, come la famigerata Isola Calva (Goli
Otok). Alcuni italiani cercarono di dare vita a forme di opposizione al regime di
Tito, come gli autonomisti di Fiume, o di legittima rappresentanza politica co-
me i socialisti a Rovigno, i repubblicani ed i cattolici a Isola ma furono stronca-
ti con arresti e processi-farsa.
Con le rettifiche confinarie del 1954 e il passaggio della Zona A allammini-
strazione italiana si aggiunse un altro flusso di profughi agli esuli dellimmedia- gli esuli
to dopoguerra. giuliani furono
Circa 80.000 persone si sono fermate a Trieste. Furono costruiti nuovi borghi per accolti in italia
ospitarli, anche in territorio compattamente sloveno, ma ci non provoc alcun con opposti
motivo di scontro. Campi profughi e borghi istriani non divennero covi di ter- sentimenti:
rorismo revanscista grazie allopera educativa condotta dal clero istriano esodato le difficolt
con il suo popolo, alla scuola e alle organizzazioni messe in piedi per coltivare e del dopoguerra
non far cessare le tradizioni. Anzi, si formata una classe dirigente di origine istria- e la povert
na che ha avuto ruolo rilevante a Trieste dagli anni Cinquanta ai nostri tempi. diffusa
Gli esuli giuliani furono accolti in Italia con opposti sentimenti: le difficolt del creava motivi
dopoguerra e la povert diffusa creava motivi di frizione ma anche di grande so- di frizione
lidariet fondata sullidentit patriottica. Da alcuni ambienti comunisti giunse- ma anche
ro attacchi calunniosi: mentre centinaia di operai monfalconesi si recavano vo- di grande
lontari in Jugoslavia ad edificare il socialismo, chi fuggiva davanti a un regime solidariet
popolare non poteva che essere un fascista. fondata
Alla fine la presenza italiana in Istria e Dalmazia stata ridotta cos ai minimi ter- sullidentit
mini, salvaguardata oggi solo da un forte impegno finanziario dello Stato italiano. patriottica
Gli esuli furono sistemati nei Centri Raccolta Profughi, ricavati in scuole e ca-
serme, poi in campi profughi allestiti con baracche di legno e cartone catrama-
to. Una vita difficile e grama segnata dal dolore dei pi anziani, la nostalgia degli

SDAPI133_5.indd 47 11/01/11 11:04


48 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti adulti e la volont dei pi giovani di mettere presto alle spalle quella storia. Ci fu
uno sventagliamento su tutti i cinque continenti di intere comunit, fino ad al-
lora secolarmente legate da tradizione e vincolo parentale, ma anche un pronto
inserimento nella societ ospitante.

conc Lusioni

Se le rivendicazioni territoriali italiane si fondavano su motivazioni storiche e cul-


turali, quelle slovene e croate, allora pi genericamente jugoslave, facevano leva
su argomenti etnico-territoriali, apparentemente primitivi ma di grande presa e
consistenza ma che sfuggivano in buona sostanza agli italiani in quanto conno-
tati da altra percezione culturale del primato nazionale, al punto che perfino i
marxisti-leninisti non furono in grado di comprendere appieno la questione sla-
va e le rivendicazioni slovene e croate. E cos pure lapparente solidit storicista
dei comunisti italiani stata messa in crisi proprio dal conflitto interno che il co-
munismo giuliano ha conosciuto quando venuto alla resa dei conti con la que-
stione nazionale: accaduto intorno al 1943-1944, nei rapporti tra i tre partiti
comunisti (italiano, sloveno e croato), poi tra il 1948 e il 1952 per effetto della
rottura tra Stalin e Tito, ed infine dopo il 1989 in seguito al collasso dellasset-
to jugoslavo che dimostr quanto i sistemi politici di Slovenia e Croazia fossero
gi regimi postcomunisti che si stavano appropriando di vecchie e mai declina-
parlare di te argomentazioni etnocentriche per legittimare questa volta la secessione dalla
foibe significa Federazione jugoslava.
mettere Non dobbiamo farci particolari illusioni sulla capacit di ricordare: nel 1948, ad
in discussione un anno dal Trattato di Pace, il poeta gradese Biagio Marin, rivolgendosi agli esu-
il valore li istriani che vivevano in penose condizioni in un magazzino del porto di Trie-
morale della ste, disse che lItalia si era gi dimenticata della tragedia della Venezia Giulia, in
r esistenza? quanto la perdita della Venezia Giulia era la conseguenza di una guerra sbaglia-
ta, ma pagava pure lipocrisia delle rinate forze politiche italiane di aver preso le
distanze dalle pi gravi responsabilit della sconfitta, lasciandola come uneredi-
t priva di sostanza morale.
Lassenza di sostanza morale stava proprio nel mancato esame di coscienza sul-
le responsabilit prima del fascismo, di non aver compreso la complessit cul-
turale di una regione di confine e di avere agito con intenti razzisti contro le
popolazioni slovena e croata, gli italiani di religione ebraica, ma anche del co-
munismo locale, che ha abbracciato, nel momento pi cruciale della lotta di
liberazione, le tesi annessionistiche jugoslave in cui lasserito internazionali-
smo qui definito come fratellanza italo-slava era in verit lo strumento per
fare breccia nella classe operaia largamente presente nei maggiori centri urba-
ni della regione. Ma parlare di foibe significa mettere in discussione il valore
morale della Resistenza?

SDAPI133_5.indd 48 11/01/11 11:04


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 49

inter venti
C una prima constatazione: tutti coloro i quali, in qualche misura, si sono op-
posti ai progetti politici di annessione jugoslava della Venezia Giulia sono stati
eliminati o minacciati di eliminazione fisica e tra essi pure gli esponenti della Resi-
stenza italiana sul confine orientale che si sono opposti allo sciovinismo jugoslavo!
Non fu dunque lotta di liberazione dai residui del fascismo e dal giogo nazista
quella realizzata tra il 1943 e il 1945?
Evidentemente altri fattori di ordine politico e nazionale si sono intrecciati e so-
vrapposti, fino ad assumere significativa rilevanza: la lotta di liberazione ha as-
sunto, dal punto di vista del nazionalismo slavo carattere di revisione confina-
ria con lItalia, formalmente intesa come strumentale e funzionale allannessione
dellintera Venezia Giulia nella nuova Jugoslavia che il comunismo stava edifi-
cando. Il progetto poteva trovare consenso anche tra la popolazione italiana del-
la Venezia Giulia, non solo per adesione al programma comunista ma anche in
nome di una evidente delusione verso lItalia, soprattutto dopo la scarsa prova
di s che aveva dato sul piano politico-amministrativo. Un atteggiamento di av-
versione che risaliva agli anni del patriottismo asburgico sul quale pure gli occu-
patori nazisti avevano fatto leva.
Per interi decenni la questione delle foibe stata ostaggio della polemica politica,
condotta anche in termini accesi e verbosi, fondata sul mero conteggio dei mor-
ti, sulla descrizione delle atrocit, nellassioma che alle foibe fece seguito lEsodo
della popolazione italiana dai territori ceduti alla Jugoslavia. Spesso sostenitori e
detrattori hanno cercato di scaricare sul proprio vicino rispettivamente italiani
e slavi (sloveni e croati) il peso delle responsabilit nazionaliste in uno specu- u na vera
lare atteggiamento politico e pubblicistico assai diffuso. riconciliazione
Ma una vera riconciliazione sar possibile solo quando ci sar un responsabile, re- sar possibile
ciproco e chiaro riconoscimento delle proprie responsabilit e delle ragioni altrui. solo quando
ci sar un
responsabile,
reciproco
e chiaro
riconoscimento
delle proprie
responsabilit
e delle ragioni
altrui

SDAPI133_5.indd 49 11/01/11 11:04


SDAPI133_5.indd 50 11/01/11 11:04
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 51

inter venti
iL Lungo dopoguerra
de LLa v enezia giu Lia

Con lentrata in vigore del Trattato di Pace che fissava la nuova linea di frontie-
ra tra lItalia e la Jugoslavia (15 settembre 1947) il volto della Venezia Giulia,
regione di confine, cambi radicalmente.
Per una parte della popolazione ivi residente il cambio di sovranit fu traumati- di
co e, su un totale di circa 500.000 persone abitanti allepoca nei territori passati guido r umici
sotto lamministrazione jugoslava, la maggioranza scelse di abbandonare le pro-
prie case per trasferirsi oltre frontiera.
Diversi furono i fattori che orientarono questa scelta: il passaggio alla nuova Ju-
goslavia di Tito comportava infatti tali cambiamenti nel modo di vivere sul pia-
no economico, politico, sociale, religioso e culturale, che moltissime persone pre-
ferirono perdere tutto ci che possedevano pur di fuggire da una realt percepita
molto spesso come ostile e pericolosa. Lo sconvolgimento totale del tessuto so-
ciale, degli usi, delle consuetudini e dei valori consolidati contribu a creare un
senso di completa estraneit nei confronti della nuova e complessa realt che si
stava delineando. Lintroduzione della lingua croata e slovena nella vita di tutti c on lentrata in
i giorni rappresent poi, per lelemento italiano della regione, una difficolt ag- vigore
giuntiva con cui doversi misurare. del t rattato
Importanti furono poi i motivi di ordine economico che influenzarono la deci- di pace
sione di partire: i licenziamenti, i sequestri e le confische dei beni personali ed che fissava
aziendali, il cooperativismo obbligatorio e la politica degli ammassi contribui- la nuova linea
rono a far crollare la base economica di molte persone privandole del necessario di frontiera tra
sostentamento. Per molti lavoratori e studenti venne istituito il lavoro volontario litalia
(che tale non era), che si configurava quasi sempre come un pesante sfruttamen- e la Jugoslavia
to della manodopera; ci fece s che anche buona parte di quegli operai, che nel (15 settembre
1945 avevano confidato nel nuovo regime di Tito per migliorare la loro condi- 1947) il volto
zione di vita, restassero profondamente delusi dalla realt che si era concretizzata. della v enezia
Luso spesso strumentale della giustizia esercitato dai tribunali del popolo e lap- giulia, regione
parato repressivo poliziesco instaurarono inoltre un clima di tensione e di sospet- di confine,
to che port alla negazione delle libert individuali fondamentali. Molte persone cambi
vennero accusate di svolgere attivit antijugoslava o antipopolare. radicalmente
Lintera popolazione giuliana venne spinta ad assumere un comportamento in
linea con le aspettative del regime oppure a scegliere la via dellesilio. Le minac-
ce di sanzioni fisiche o giuridiche contribuirono a creare un clima di inquie-
tudine e di incertezza colpendo non solo quelli che per qualche motivo poteva-

SDAPI133_6.indd 51 11/01/11 11:05


52 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti no apparire critici verso il sistema, ma pure quelli che, per il loro atteggiamento
remissivo, credevano di essere al sicuro.
Linsieme dei fattori sin qui delineati spinse molte persone ad abbandonare la
propria terra e in pochi anni la Venezia Giulia si svuot. Le partenze e le fughe
dalle varie localit dellIstria, di Fiume e della Dalmazia non avvennero tutte nel-
la stessa epoca: lesodo delle genti giuliano-dalmate si differenzi a seconda della
zona geografica, coprendo larco di oltre una quindicina di anni. Al di fuori del
caso specifico di Pola, dove la presenza delle truppe angloamericane permise la
regolare organizzazione delle partenze (oltre 25.000 concentrate in pochi mesi
tra il 1946 e il 1947), per il resto della popolazione giuliana labbandono della
propria terra avvenne quasi sempre individualmente o per nucleo familiare, tra
mille difficolt logistiche e burocratiche.
Dopo lesodo da Zara, colpita da pesanti bombardamenti alleati ancora nel 1943-
1944, la prima citt che vide partire una consistente parte della sua popolazione
fu Fiume. Nel biennio 1947-1948 lesodo assunse un ritmo crescente e dimen-
sioni ingenti anche, ma non solo, in tutta lIstria centromeridionale e nelle isole
(Pola, Pisino, Rovigno, Parenzo, Albona, Cherso, Lussino, Veglia). Dopo len-
trata in vigore del Trattato di Pace venne previsto un periodo in cui era possibi-
le optare per la cittadinanza italiana e, a partire dal marzo 1948, molte persone
presentarono la domanda di opzione e poterono poi partire. Una seconda fase
di opzioni fu poi attuata nel 1951 per coloro che non avevano voluto o potuto
presentare domanda nel 1948.
Lesodo fu NellIstria settentrionale inclusa nella Zona B del TLT, buona parte della po-
determinato polazione decise invece, nello stesso periodo, di restare nei propri paesi nella spe-
da un lungo ranza che lintero territorio sarebbe stato prima o poi restituito allItalia, anche
stillicidio alla luce del panorama politico internazionale che stava velocemente mutando.
di partenze Molti sopportarono perci per anni le angherie e le pressioni delle autorit jugo-
che senza slave che raggiunsero il loro apice in concomitanza con le elezioni amministra-
soluzione tive del 16 aprile 1950 e con le violenze scatenate dal regime nellottobre 1953.
di continuit Quando per, nellottobre 1954, il Memorandum dIntesa di Londra decret la
interess fine del TLT e lestensione dellamministrazione civile jugoslava alla Zona B
lintera regione (nonch ad un piccolo pezzo di Zona A a sud di Trieste, con i monti di Mug-
fino alla fine gia), ogni indugio fu rotto e anche Capodistria, Pirano, Isola, Buie e Umago si
degli anni svuotarono in breve tempo. Anche se il Governo Italiano avrebbe rinunciato al-
c inquanta, in la sovranit italiana sulla Zona B appena nel novembre 1975 con la firma del
certi casi fino trattato di Osimo, gi nel 1954 fu evidente quale sarebbe stato lassetto finale del
agli inizi degli confine e svanirono le speranze di coloro che erano rimasti in attesa degli eventi.
anni s essanta Lesodo fu in tal modo determinato da un lungo stillicidio di partenze che sen-
za soluzione di continuit interess lintera regione fino alla fine degli anni Cin-
quanta, in certi casi fino agli inizi degli anni Sessanta.
Dal punto di vista dellestrazione sociale, lesodo riguard tutte le fasce della po-
polazione, indipendentemente dal ceto e dalla colorazione politica dei singoli.

SDAPI133_6.indd 52 11/01/11 11:05


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 53

inter venti
Uno studio effettuato nel 1958 dallOpera per lAssistenza ai Profughi Giulia-
ni e Dalmati rilev che il 45,6% degli esuli era composto da operai, il 23,4%
da donne ed anziani, il 17,6% da impiegati e dirigenti e solo il 13,4% da com-
mercianti, artigiani e professionisti.
La gran massa dei profughi giunse a Trieste, Gorizia, Udine, Venezia, Ancona
o in altre localit costiere in condizioni estremamente precarie. Molti vennero
assistiti da appositi enti pubblici, quali il ministero per lAssistenza postbellica
(con i suoi Uffici provinciali) e gli Enti Comunali di Assistenza (ECA), che pre-
disposero una prima accoglienza nelle localit di arrivo, salvo poi trasferire una
parte degli esuli in successive strutture ricettive disseminate sullintero territorio
nazionale. Furono oltre 140 le strutture di transito, di smistamento e di perma-
nenza che accolsero, a pi riprese, gli esuli giuliano-dalmati: dai Centri Raccolta
Profughi (CRP) alle caserme dismesse dalle Forze Armate, dalle scuole alle pen-
sioni e agli alloggi requisiti. Gli esuli vi rimasero per lunghi periodi, talvolta an-
che per anni, in condizioni spesso di iniziale promiscuit e di estremo disagio,
in attesa di una dimora pi decorosa.
Una parte dei profughi prefer rimanere nelle zone limitrofe al nuovo confine
(circa 80.000 restarono a Trieste, nellIsontino ed in Friuli), mentre gli altri si
sistemarono nel resto dItalia, soprattutto al Nord. Un numero non indifferente
di loro, forse circa 70.000, dopo un periodo passato in Italia, emigr verso Pae-
si lontani come lAustralia, gli Stati Uniti, il Canada, il Sud America, in cerca di
condizioni di vita migliori.
Il distacco dalla propria terra provoc in molti profughi dolore, nostalgia ed an- il distacco
che amarezza a causa dellincomprensione che trovarono in alcuni luoghi. A Ve- dalla propria
nezia e ad Ancona gli esuli da Pola vennero accolti da insulti, fischi e sputi da terra provoc
parte delle maestranze portuali, mentre a Bologna i ferrovieri della stazione mi- in molti
nacciarono uno sciopero per impedire che ai profughi in transito fosse data as- profughi dolore,
sistenza. Se la solidariet delle popolazioni locali non fu sempre in linea con le nostalgia ed
aspettative, furono invece molte le istituzioni pubbliche e private che si prodiga- anche amarezza
rono per aiutare i profughi, quali lOpera Pontificia, la Croce Rossa e le nume- a causa della
rose associazioni e comitati locali di assistenza. incomprensione
Linserimento nel mondo del lavoro e nel tessuto sociale delle localit dove giun- che trovarono
sero ad abitare fu graduale e, nel tempo, i problemi di integrazione con i locali in alcuni luoghi
vennero sostanzialmente superati.
La perdita di tutti i loro beni immobili, in genere confiscati, sequestrati o nazio-
nalizzati nel dopoguerra dalla Jugoslavia comunista di Tito, rappresent allepo-
ca un danno economico gravissimo, spesso difficile da rimarginare. Il problema
dei beni abbandonati, per i quali molti non hanno ancora ottenuto un equo
indennizzo dopo oltre 60 anni dalla fine della guerra, costitu un ulteriore mo-
tivo di dolore per coloro che lasciarono la propria terra.
Fin dallinizio dellesodo i profughi sentirono il bisogno di dar vita a gruppi, co-
mitati e sodalizi che potessero rappresentarli nelle varie sedi e tutelarne gli in-

SDAPI133_6.indd 53 11/01/11 11:05


54 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti teressi. Era evidente lintento di far conoscere i propri problemi allo Stato, alle
istituzioni locali ed allopinione pubblica nazionale nel tentativo di ottenere la
solidariet indispensabile per la difesa delle legittime aspettative.
Nacquero nel tempo diverse associazioni rappresentative del mondo dellesodo,
tra cui lAssociazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD), lAsso-
ciazione delle Comunit Istriane (erede del Comitato di Liberazione Nazionale
dellIstria), lUnione degli Istriani, il Libero Comune di Pola in esilio, il Libero
Comune di Fiume in esilio, il Libero Comune di Zara in esilio. Parallelamente
sono stati creati importanti istituti culturali, tra cui lIRCI (Istituto Regionale
per la Cultura istriano-fiumano-dalmata di Trieste) e la Societ di Studi fiuma-
ni di Roma, volti soprattutto alla ricerca, allo studio ed alla divulgazione dellin-
gente patrimonio culturale e storico di quelle Terre.
La quantificazione dellesodo fu un problema sul quale si concentr un nutrito
dibattito storiografico, ma la mancanza di una documentazione esaustiva uffi-
ciale ostacol gli studi. Nel 1958 lOpera per lAssistenza ai Profughi Giuliani
e Dalmati riusc a censire in tutto 201.440 profughi, ma tale numero non te-
neva conto delle persone che erano esodate senza ricorrere allassistenza del go-
verno e degli enti preposti. Molti esuli infatti non dichiararono il proprio status
di profugo e non vennero censiti sia perch emigrarono allestero tramite lIRO
(International Refugee Organisation) sia poich si trasferirono in casa di parenti
o conoscenti e non ebbero bisogno di alcun intervento assistenziale o non volle-
ro rivelare la propria condizione. Numerose furono le partenze clandestine che
La avvennero soprattutto dopo la scadenza del periodo delle opzioni sia via mare
quantificazione (dalla costa istriana e dalle isole di Cherso e Lussino) che via terra.
dellesodo Le ipotesi di quantificazione variano tra il valore massimo di 350.000 unit for-
fu un problema nito dalle associazioni degli esuli ed il valore minimo di 190.000/200.000 unit
sul quale dato da alcuni studiosi croati.
si concentr Di rilievo sono, per esempio, gli studi delletnografo Vladimir erjavi che si
un nutrito attestato sulla cifra di circa 235.000 profughi, distinguendo le persone autocto-
dibattito ne esodate (191.421) da quelle giunte in regione dopo il 1918 dal resto dItalia
storiografico, e quindi rientrate dopo il 1945 nei luoghi dorigine (circa 44.000). Da parte ita-
ma la liana diversi studiosi si sono orientati sulla cifra di circa 300.000 persone parti-
mancanza te e tale valore stato ottenuto sia sulla base dellinterpolazione dei dati dei va-
di una ri censimenti eseguiti in epoca austriaca, italiana e jugoslava sia con il confronto
documentazione delle altre fonti italiane, slovene e croate disponibili. Alla luce delle attuali co-
esaustiva noscenze plausibile ipotizzare che il numero degli esuli possa essere stimato su
ufficiale circa 155.000 persone per la provincia di Pola (esclusa la Zona B del TLT),
ostacol su 41.500 unit per la provincia di Fiume, su 17.500 per la provincia di Zara,
gli studi su 2100 profughi giunti dal resto della costa dalmata (Spalato, Veglia, Ragusa),
su 30.000 persone venute via dallentroterra isontino e triestino, su 50.000 esu-
li provenienti dalla Zona B del TLT (30.000 da Capodistria, Isola e Pirano e
20.000 da Umago e Buie) e su ulteriori 3100 esuli partiti dopo la cessione dei

SDAPI133_6.indd 54 11/01/11 11:05


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 55

inter venti
Monti di Muggia (Zona A del TLT), per un totale complessivo valutato at-
torno alle 300.000 unit.
La partenza di una cos grande massa di persone trasform radicalmente lim-
magine e lessenza di una regione ed in pochi anni le principali citt della co-
sta istriana e delle isole del Quarnaro si svuotarono dellelemento italiano, che
allepoca era percentualmente maggioritario. Pola, Fiume, Rovigno, Dignano,
Capodistria, Pirano, Parenzo, Cittanova, Umago, Orsera, Isola, Albona, Cher-
so e Lussino videro partire la gran parte dei propri residenti.
Nellinterno dellIstria, invece, la situazione fu differente sia per la presenza dellele-
mento slavo, concentrato nelle campagne, sia per altri fattori che rallentarono
lesodo degli abitanti, tra cui le difficolt logistiche che ostacolarono i movimenti.
Partirono comunque non pochi giuliani di etnia slovena e croata. Considerando
che alcuni paesi e villaggi dellinterno della Venezia Giulia erano compattamen-
te slavi, si pu ipotizzare che circa 45.000-50.000 persone fossero di nazionali-
t croata o slovena; tra questi ultimi almeno 12.000 provenivano dallIsontino.
I mezzi di trasporto e le vie di comunicazione contribuirono a segnare la geogra-
fia dellesodo: mentre dalla costa istriana e dalle isole del Quarnaro fu relativa-
mente facile partire, le comunicazioni via terra risultarono nel primo dopoguer-
ra quasi subito interrotte e la partenza venne spesso rimandata. Ci rappresent
un deterrente iniziale per parecchie persone, ma non imped comunque che in
seguito si svuotassero i centri maggiori dellinterno dellIstria, come Montona,
Portole, Pinguente e Pisino.
Lesodo dei giuliano-dalmati dopo il secondo conflitto mondiale rientra nel pi La scarsa
ampio contesto storico dei numerosi trasferimenti di popolazioni che caratteriz- sensibilit
zarono il dopoguerra in Europa e che videro protagonisti milioni di persone che verso le
dovettero abbandonare le proprie case a causa delle mutate condizioni politiche. minoranze
Il fenomeno della semplificazione etnica venne attuato soprattutto da quei Paesi linguistiche
che cercarono di ridurre il peso delle minoranze linguistiche presenti allinterno aveva
dei territori nazionalmente misti mediante lespulsione forzata o lassimilazione caratterizzato
graduale dei componenti della minoranza stessa. pure i decenni
La scarsa sensibilit verso le minoranze linguistiche aveva peraltro caratterizzato precedenti
pure i decenni precedenti alla Seconda guerra mondiale e la maggior parte degli alla s econda
Stati europei aveva dimostrato poco rispetto per queste tematiche che venivano guerra
viste con indifferenza se non con fastidio. mondiale e la
Restando ai soli rapporti italo-jugoslavi tra le due guerre, se nella Venezia Giulia maggior parte
vi era stata una violenta snazionalizzazione delle minoranze slovene e croate sot- degli s tati
to il regime fascista, non erano mancate oltre confine vessazioni e ritorsioni ver- europei aveva
so gli italiani di Dalmazia residenti nel territorio passato sotto sovranit jugosla- dimostrato
va dopo il 1920, al punto che in quegli anni si verificarono due esodi di segno poco rispetto
opposto, rispettivamente verso la Jugoslavia e verso lItalia. per queste
Il tratto comune di tutti questi spostamenti di popolazioni fu comunque lenor- tematiche
me sofferenza delle persone interessate e la distruzione, parziale o totale, di di-

SDAPI133_6.indd 55 11/01/11 11:05


56 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti verse di quelle realt secolari plurilinguistiche e multiculturali che avevano con-
traddistinto questa parte dEuropa.
Se la maggioranza degli italiani lasci la Venezia Giulia e la Dalmazia, ci furo-
no per anche coloro che rimasero, volenti o nolenti, ad abitare nella Jugoslavia
di Tito e le motivazioni che spinsero queste persone a non lasciare i propri pae-
si furono molteplici e la scelta deriv spesso dalla concomitanza di pi fattori.
Molti italiani restarono per una precisa scelta ideologica e di campo, giacch si
sentivano comunisti, socialisti o semplicemente antifascisti. Costoro decisero
coerentemente con la propria fede politica di abitare in un nuovo Stato nel qua-
le si sarebbero dovuti realizzare quegli ideali in cui credevano. Tra di loro cera-
no, in particolare, buona parte di coloro che avevano combattuto nelle file par-
tigiane jugoslave o si erano comunque gi schierati con entusiasmo con il nuovo
regime. Soprattutto allinterno della classe operaia cerano notevoli aspettative
di poter concretizzare quegli obiettivi rivoluzionari che erano stati condivisi con
i compagni sloveni e croati durante la lotta di liberazione e non pochi confida-
vano, soprattutto a livello lavorativo, in un miglioramento della propria condi-
zione sociale. Cera per anche una consistente parte della popolazione che non
si era schierata n in termini politici n aveva preso una particolare posizione a
favore dellItalia o della Jugoslavia poich anteponeva convenienze strettamen-
te personali ed affettive a qualsiasi scelta di campo, nazionale o ideologica che
fosse. Per queste persone era pi importante cercare di continuare il tipo di vi-
ta finora condotto anche davanti ad una situazione completamente mutata. Fu-
c infine rono in particolare i contadini che rimasero attaccati al proprio ambiente e alla
il fenomeno propria campagna.
delle domande Rilevanti furono poi i casi delle famiglie lacerate nelle quali alcuni componenti
di opzione poterono esodare mentre altri, vincolati alla cura degli anziani o degli ammala-
respinte: per ti, furono costretti controvoglia a rimanere a casa. Furono in gran parte gli an-
svariati motivi ziani a non voler abbandonare la terra natia e questo fece s che spesso un figlio,
le autorit o molto pi di frequente una figlia, dovesse restare con i genitori per accudirli.
jugoslave C infine il fenomeno delle domande di opzione respinte: per svariati motivi le
decisero di autorit jugoslave decisero di bocciare o di far cadere nel vuoto la domanda di
bocciare o opzione a persone che spesso avevano gi diversi familiari in Italia. Sebbene si
di far cadere trattasse sovente di casi di ricongiungimento, il regime non volle, in determinati
nel vuoto momenti, autorizzare lespatrio di talune persone o categorie di lavoratori, spe-
la domanda cie se ritenuti indispensabili alla produzione.
di opzione In un quadro cos variegato e complesso le persone che rimasero a vivere in Istria
a persone e a Fiume ebbero notevoli difficolt sia dal punto di vista sociale che economico
che spesso e la presenza di coloro che ormai rappresentavano la minoranza italiana nella
avevano gi Jugoslavia di Tito venne a stento tollerata.
diversi familiari La scelta tra il partire o il restare non fu facile e venne decisa spesso da sfuma-
in italia ture che fecero pendere la bilancia da una parte o dallaltra, ma che comunque
crearono traumi indelebili sia in chi se ne and in esilio sia in chi rimase. Il peso

SDAPI133_6.indd 56 11/01/11 11:05


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 57

inter venti
dei vari fattori che influenzarono le decisioni fu estremamente soggettivo e por-
t talvolta a soluzioni diametralmente opposte.
La paura, i dubbi, le minacce, le vessazioni e le ritorsioni, che tanti subirono,
furono patrimonio comune, se cos pu essere definito, sia di buona parte de-
gli esuli che di buona parte dei connazionali rimasti e le sofferenze dei singo-
li continuarono spesso per decenni, anche dopo che la situazione politica si era
ormai stabilizzata.
Lorganizzazione che raggruppava gli italiani rimasti a vivere in Jugoslavia era
lUIIF (Unione degli Italiani dellIstria e di Fiume), che era stata costituita anco-
ra in tempo di guerra, nel luglio 1944, con lo scopo di convogliare tutte le for-
ze antifasciste italiane della Venezia Giulia favorevoli allannessione della regio-
ne alla Jugoslavia. LUIIF nacque dunque grazie alliniziativa ed allappoggio del
Partito comunista jugoslavo (PCJ) che si serv di tale organismo per inquadrare
e controllare buona parte della popolazione istriana di lingua italiana.
LUIIF cerc di svolgere fin dal primo dopoguerra un ruolo attivo per il man-
tenimento della lingua e della cultura italiana nella regione istriana ed a Fiume.
Vennero promosse molteplici attivit artistico-culturali: conferenze e convegni
letterari e di poesia, manifestazioni musicali, spettacoli folkloristici, corali e fi-
lodrammatici, rassegne e mostre di arte e di cultura varia. A livello delle singole
localit ove risiedevano ancora numerosi connazionali, vennero fondati i Circoli
Italiani di Cultura (CIC), subito diretti da intellettuali di provata fede titoista.
Lopera dellUIIF incontr per quasi da subito difficolt ed ostacoli, soprattut-
to dalle autorit della Croazia e della Slovenia, le due Repubbliche cio alle qua- i vari
li erano state annesse lIstria e Fiume. Soprattutto in concomitanza con i mo- censimenti
menti di tensione tra lItalia e la Jugoslavia, dovuti al protrarsi della questione di jugoslavi
Trieste, sui dirigenti dellUIIF caddero minacce e accuse di tradimento e di na- del dopoguerra
zionalismo e diversi di loro vennero epurati per la scarsa affidabilit politica che sancirono
avrebbero dimostrato agli occhi delle autorit superiori jugoslave. il progressivo
Il peso politico di quella che era ormai divenuta la minoranza italiana in Istria calo numerico
e a Fiume diminu anche in conseguenza del peso numerico sempre pi esiguo dellelemento
che i connazionali avevano in regione, dovuto anche alla forte immigrazione di italiano nei
genti provenienti da tutte le altre zone della Jugoslavia. Dopo il 1947 infatti pre- territori ceduti
se avvio un forte flusso migratorio da Sud e da Est, dalla Croazia, dalla Slovenia,
dalla Bosnia, dalla Serbia e dalle altre Repubbliche jugoslave, per colmare, anche
se solo in misura parziale, i vuoti lasciati dagli italiani.
I vari censimenti jugoslavi del dopoguerra sancirono il progressivo calo numeri-
co dellelemento italiano nei territori ceduti. La prima rilevazione ufficiale svol-
ta nel marzo del 1948 nei territori appena annessi alla Jugoslavia registr la pre-
senza di 79.575 persone dichiaratesi italiane, in un periodo in cui molti erano
gi partiti o si stavano accingendo a farlo. Vistosa era poi la diminuzione regi-
strata nel secondo censimento del marzo 1953 che vedeva presenti solo 35.784
italiani. Partirono in quel periodo anche buona parte di quelle persone che era-

SDAPI133_6.indd 57 11/01/11 11:05


58 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti no giunte dallItalia nel dopoguerra in Jugoslavia per simpatia verso il regime di
Tito e che avevano dato vita ad una sorta di piccolo controesodo. Erano giun-
ti soprattutto dallIsontino, dal Friuli, dal Veneto e dalla Lombardia, anche se
non mancarono persone provenienti anche dal Centro e Sud Italia. La maggio-
ranza di loro era rappresentata da operai del Cantiere navale di Monfalcone, per
cui furono spesso etichettati con la qualifica di monfalconesi. Si tratt in tutto
di circa 2800-3000 persone, che si recarono prevalentemente nellarea di Fiume
(circa 2000) e di Pola (circa 500). I monfalconesi restarono in genere fedeli al-
le direttive del Partito comunista italiano e rientrarono in Italia dopo lo strappo
politico consumatosi nel 1948 tra Tito e Stalin.
Negli anni Cinquanta, in un clima di costante pressione, le autorit jugoslave pre-
sero diversi provvedimenti vessatori contro la minoranza italiana. Alcuni giornali
in lingua italiana furono chiusi e si tent pi volte di trasformare in settimanale
il quotidiano fiumano La Voce del Popolo, che in tutti gli anni del dopoguer-
ra aveva rappresentato la principale fonte di informazione del gruppo etnico ita-
liano. Parecchi Circoli Italiani di Cultura vennero chiusi; ci accadde, per esem-
pio, a Lussino, Cherso, Abbazia, Laurana, Zara, Arsia, Fianona, Pisino, Fasana,
Umago e Montona. Una forte spallata contro i nostri connazionali in molte lo-
calit dellIstria, di Fiume e della Dalmazia fu poi rappresentata dalla chiusura di
gran parte delle scuole italiane, avvenuta soprattutto nel periodo della crisi italo-
jugoslava dellottobre 1953. Una disposizione del ministero dellIstruzione del-
la Croazia, il decreto Peruko, stabil il trasferimento immediato e forzoso nel-
La firma le scuole croate di tutti gli allievi considerati di origine slava e, in particolare, di
del t rattato tutti quelli il cui cognome terminava in ich, tipico delle genti istriane. Centi-
di o simo naia di alunni di madrelingua italiana furono cos spostati da un giorno allaltro
scaten nelle scuole croate, mentre quelle italiane vennero gradualmente chiuse a causa
violente della mancanza di un numero sufficiente di allievi.
proteste Divenne cos inevitabile lassimilazione latente e graduale di molti connaziona-
nel mondo li, e, se nel censimento jugoslavo del 1961 il loro numero scese a 24.175 unit,
degli esuli nelle rilevazioni del 1971 e del 1981 si raggiunsero valori ancora pi bassi, con
che vissero rispettivamente 21.791 e 15.132 persone che si definirono italiane.
la rinuncia La firma del Trattato di Osimo (10 novembre 1975) con cui lItalia rinuncia-
italiana come va implicitamente alla sovranit sulla ormai ex Zona B del TLT e la Jugosla-
un tradimento via rispettivamente rinunciava ad ogni ambizione sulla ex Zona A, non port
verso a particolari benefici per la minoranza italiana in Istria ed a Fiume, mentre inve-
le proprie ce scaten violente proteste nel mondo degli esuli che vissero la rinuncia italiana
speranze di un come un tradimento verso le proprie speranze di un diverso esito delle trattati-
diverso esito ve. Durante le prime fasi delle trattative il presidente dellUIIF Antonio Borme,
delle trattative che si era battuto per cercare di ottenere taluni benefici per i connazionali, ven-
ne esonerato dalla sua carica e tale nuova epurazione produsse profonda sfidu-
cia e preoccupazione nella base della minoranza. Molti italiani si chiusero in s
stessi e lattivit dellUIIF si ridusse notevolmente.

SDAPI133_6.indd 58 11/01/11 11:05


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 59

inter venti
In pochi anni la lingua italiana venne soppiantata quasi completamente da quel-
la slovena o croata in tutti i settori della vita pubblica, al punto che si poteva af-
fermare che in quel periodo la presenza italiana in Istria e a Fiume sembrava av-
viata ad uninesorabile scomparsa.
In Italia intanto, a distanza di molti anni dallabbandono delle loro terre, gli esuli
giuliano-dalmati si erano ormai inseriti pienamente nelle nuove realt dove era-
no giunti ad abitare ed i loro figli e nipoti si erano completamente integrati. Le
vicende degli esuli per, dopo la chiusura della questione di Trieste e dopo la
firma del Trattato di Osimo, erano state nel tempo sostanzialmente dimenticate
dallopinione pubblica nazionale e le loro aspettative in massima parte frustrate.
Solo allinizio degli anni Novanta la tematica del confine orientale dItalia e le vi-
cissitudini delle popolazioni giuliano-dalmate sono tornate dattualit, in conco-
mitanza del sanguinoso conflitto che ha coinvolto i territori della ex Jugoslavia.
Nel marzo 2004 lo Stato Italiano, con la Legge 30 marzo 2004 n. 92, ha istitui-
to il Giorno del Ricordo per conservare la memoria delle complesse vicende
avvenute sul confine orientale dItalia ed ha scelto la data del 10 febbraio per ri-
cordare il giorno in cui a Parigi, nel 1947, venne firmato il Trattato di Pace con
cui venne sancita la cessione di buona parte della Venezia Giulia alla Jugoslavia
e labbandono di numerose citt della sponda orientale dellAdriatico da parte
della maggioranza della popolazione residente. Lo scopo della Legge quello di
conservare e rinnovare il ricordo delle dolorose pagine delle vittime delle foibe
e dellesilio dei giuliano-dalmati, inserendole nel pi ampio contesto storico da
cui queste vicende trassero origine, con lintento di contribuire a promuovere lo n el marzo
studio e la conoscenza di queste tematiche, entrate a pieno titolo a far parte del 2004 lo s tato
patrimonio culturale nazionale. italiano, con
la Legge 30
marzo 2004
n. 92,
ha istituito
il giorno
del r icordo
per conservare
la memoria
delle
complesse
vicende
avvenute
sul confine
orientale
ditalia

SDAPI133_6.indd 59 11/01/11 11:05


SDAPI133_6.indd 60 11/01/11 11:05
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 61

inter venti
Le ragioni di una
rimozione storica

Queste mie riflessioni sono state precedute da una serie di interventi dedica-
ti allinquadramento storico delle vicende del nostro confine orientale svolti da
specialisti di questo complesso ma spesso trascurato argomento.
Per quanto mi riguarda il proposito quello di mettere in evidenza la mancata di
conoscenza di un tema che, come abbiamo gi potuto comprendere, riguarda in giuseppe
modo indiscutibile la storia nazionale ma anche quella dei territori dei Paesi a noi de v ergottini
vicini e che quindi si inserisce in modo puntuale nella storia europea dei decen-
ni che ci precedono. In pratica tutta la vicenda dellesodo delle popolazioni giu-
liane stata per molti anni sottoposta a una non casuale procedura di rimozione
dalla storia e quindi dalla memoria degli italiani e soltanto in tempi pi recenti
lItalia ufficiale sembra essersene resa conto. In particolare, lignoranza ufficiale
ha coinvolto il mondo della scuola e oggi lattuale impegno del Ministero inteso
a colmare questa incredibile lacuna appare veramente significativo come indice
della volont politica di voltare finalmente pagina.
Lignoranza
1) La storia dei territori dellIstria, del Quarnero e della Dalmazia e delle loro ufficiale
popolazioni una storia caratterizzata da silenzi e rimozioni. Da una parte le vi- ha coinvolto
cende storiche della fine del secondo conflitto hanno impedito agli italiani di il mondo della
quelle terre di fare sentire la loro voce nel momento in cui iniziata la storia scuola
della nostra Repubblica. E questo per motivi contingenti legati al clima politi- e oggi lattuale
co che si era creato nei rapporti fra potenze vincitrici e fra forze politiche di di- impegno
verso segno che si erano schierate in modo contrapposto nella vicenda italiana. del ministero
Il silenzio delle popolazioni colpite dallesodo era accompagnato da un silenzio inteso a
della politica nazionale sulle stesse vicende. Una vera e propria rimozione dalla colmare questa
memoria nazionale voluta sia dai partiti vicini politicamente alla Jugoslavia co- incredibile
munista che avevano agevolato o comunque accettato la politica annessionisti- lacuna appare
ca jugoslava, sia dalla Democrazia cristiana che doveva assecondare le esigenze veramente
dello schieramento antisovietico che trovava utile appoggiare le pretese jugosla- significativo
ve. Questa rimozione imputabile alla politica ma anche allinsieme degli orga- come indice
ni di informazione, agli studiosi e alla pubblicistica in genere. Nel mondo della della volont
scuola ha avuto una ricaduta micidiale privando per decenni milioni di giovani politica
della conoscenza anche elementare di un dramma nazionale. Una intera regione di voltare
italiana, la sua storia, la sua popolazione, la sua arte, la sua letteratura sono state finalmente
escluse dalla conoscenza nel vuoto pneumatico dei libri di testo che quando han- pagina

SDAPI133_7.indd 61 11/01/11 11:05


62 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti no dedicato qualche pagina allargomento lo hanno fatto con una sorprendente
ed imperdonabile superficialit a volte addirittura sposando tesi offensive per la
memoria delle vittime di eccidi patiti dalla popolazione civile.
Soltanto in tempi recenti, dopo la fine dei due blocchi contrapposti la politica
si liberava del pesante condizionamento che laveva paralizzata per mezzo seco-
lo e si poteva finalmente dibattere a livello nazionale largomento di cui ci occu-
piamo. Si superavano alcune delle antiche contrapposizioni e ci si proponeva di
consolidare una memoria condivisa. Operazione questa in realt di problema-
tico successo in quanto del tutto naturale che il progredire delle indagini su-
gli eventi storici non pu non comportare la messa in evidenza delle pesanti re-
sponsabilit gravanti non soltanto sul fascismo a causa della sua politica di sna-
zionalizzazione della componente slava dei territori orientali, ma anche sul Par-
tito comunista italiano per la sua connivenza con lannessionismo jugoslavo e
sulla Democrazia cristiana per la mancata difesa degli interessi nazionali italiani
sopratutto pensando alla improvvida decisione di chiudere il contenzioso terri-
toriale con linutile trattato di Osimo.

2) Farei una prima riflessione sul significato della Giornata del Ricordo.
Parlare di ricordo mi pare del tutto limitativo e sviante soprattutto pensando al-
le esigenze del mondo della scuola. La didattica implica la diffusione della cono-
scenza e la conoscenza dellesodo giuliano e delle vicende che hanno accompa-
gnato la cessione della quasi totalit di una regione italiana riguarda in genera-
c hi va le tutti i cittadini italiani, anche quelli che non sanno nulla di quei fatti. Quin-
sensibilizzato di chi va sensibilizzato non soltanto chi deve essere aiutato a ricordare ma so-
non soltanto prattutto chi deve essere informato perch non sa. Credo che si debba dire con
chi deve chiarezza che pu ricordare chi gi conosce, non pu ricordare chi non conosce.
essere aiutato abbastanza banale, se volete, come osservazione, ma chiaro che per gli esuli
a ricordare istriani, fiumani, dalmati, non c solo il ricordo, c lincubo di una esperienza
ma soprattutto vissuta direttamente o dalle famiglie di cui fanno parte o facevano parte. Quindi
chi deve essere il ricordo soprattutto il riconoscimento di quella che stata una esperienza vis-
informato suta sia per quanto riguarda il periodo drammatico del 1943-1945, sia il succes-
perch non sa sivo legato allesodo dalle terre di appartenenza. Per chi invece non conosce, pi
che ricordo, direi dovremmo parlare di una sensibilizzazione, di una informazio-
ne il pi possibile documentata, corretta, anche se inevitabilmente problematica.
Se accettiamo questa semplice realt, il tema della conoscenza investe un argo-
mento sconfinato e drammatico su cui credo ci sia non solo ancora moltissimo
da capire, da accertare, da riordinare, ma su cui inevitabile che vi siano anche
delle diversit di valutazione.
Occorrerebbe quindi intenderci su cosa si voglia dire quando si afferma lesigen-
za di raggiungere una memoria condivisa sui fatti storici del recente passato che
hanno in realt visto diversit anche radicali di giudizio. Inutile ricordare come
in questi ultimi tempi, anche su insistente invito delle nostre istituzioni rappre-

SDAPI133_7.indd 62 11/01/11 11:05


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 63

inter venti
sentative, si stiano facendo sforzi notevoli per avviarci verso una memoria con-
divisa. Tuttavia dobbiamo realisticamente prendere atto che un conto supe-
rare una fase di forte antagonismo nella valutazione dei fatti storici, un conto
trovare punti di effettiva convergenza nelle valutazioni. Personalmente credo
che sia importante rimuovere gli sbarramenti ideologici e preconcetti che han-
no impedito di giungere a una piena conoscenza dei fatti di cui oggi ci interes-
siamo. Ma non mi scandalizza il fatto che vi siano diversit di valutazione degli
stessi. Credo che sia inevitabile che ci siano dei dibattiti da cui discendano va-
lutazioni contrapposte.
Per venire specificamente allargomento di oggi, credo che si tratti di un caso in
cui ormai la maggior parte degli eventi che riguardano lesodo sono chiarissimi,
e lo erano per molti di noi fin dal passato. Dopo la decisione quasi unanime del
nostro Parlamento, quello che ormai iprocrastinabile che ci sia veramente
unopera di incentivazione alla conoscenza.
Una conoscenza che non deve essere forzata ma meditata, ragionata, in cui la scuo-
la con lappoggio delle istituzioni, e in particolare del Ministero, avr un ruolo
importantissimo. Ovviamente noi non siamo alla ricerca di una retorica su que-
sti fatti e ci auguriamo che sia possibile una conoscenza approfondita e meditata.

3) Quindi, ripeto, occasioni di ricordo, di memoria, per chi sa, e occasioni di co-
noscenza e di riflessione per chi sa male o non sa.
A questo punto occorre sottolineare che dei fatti di cui parliamo sempre esistita
una conoscenza fra le persone che li hanno vissuti. Esistevano quindi le premes- c una
se per una conoscenza diffusa degli stessi fatti e per la loro diffusione nel mondo traccia storica
della informazione e della scuola. Ma qualcosa successo per cui su questi fatti documentata
intervenuta una rimozione ufficiale. Perch? di questo che occorre ora trattare. che la
C una traccia storica documentata che la consapevolezza di questi fatti ci sia sta- consapevolezza
ta anche in passato, mentre, per i motivi che sono stati ricordati, c stata una fase di questi fatti
molto lunga in cui questi fatti sono stati messi da parte, in quanto considerati nel ci sia stata
mondo dellinformazione e della politica come una memoria scomoda, difficile. anche
Infatti la conoscenza labbiamo fin dal tempo delle prime foibe istriane del set- in passato,
tembre 1943, perch dopo le tre settimane di occupazione dei partigiani comu- mentre c
nisti jugoslavi c stata la riconquista del territorio da parte dei tedeschi e la ri- stata una fase
costituzione dellautorit italiana, anche se sotto forma di protettorato tedesco. molto lunga
Gi a far tempo dallottobre successivo sono stati fatti i primi accertamenti e le in cui questi
prime esumazioni, per cui una certa macabra contabilit delle vittime gi lab- fatti sono
biamo nel periodo che va da fine ottobre a inizio novembre del 1943. Il dramma stati messi da
delle foibe in tutta la sua tragica evidenza gi era presente nei mesi prima della parte, in quanto
fine della guerra quando si diffuse la paura e la premessa dellesodo nella regio- considerati
ne istriana. Tra laltro i mezzi di informazione e la propaganda della Repubbli- come una
ca Sociale fecero conoscere questi fatti. seguito un periodo di un anno e mez- memoria
zo di guerriglia partigiana e al termine della guerra si ebbe la seconda fase della scomoda

SDAPI133_7.indd 63 11/01/11 11:05


64 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti eliminazione fisica degli italiani. Delle foibe del maggio 1945, che interessarono
non solo lIstria, ma il goriziano, larea triestina, il fiumano, la Dalmazia e le iso-
le, una prima conoscenza si avuta soltanto quando, dopo la dipartita degli slavi
da Trieste, dopo i terribili 40 giorni del maggio 45, c stata lesplorazione del-
le foibe Plutone, di Monrupino e di Basovizza. Le ricerche e le esumazioni furo-
no possibili soltanto nei territori in cui cera una autorit di occupazione anglo-
americana, oppure nei territori che poi tornarono sotto il controllo dellItalia.
Mentre per tutto quello che riguarda lesplorazione delle zone che erano sotto
occupazione jugoslava in realt non c mai stata una successiva verifica di quel-
lo che successo. Anche dopo la fine della Repubblica socialista e la formazio-
ne dei nuovi Stati indipendenti di Slovenia e Croazia il potere politico locale ha
ostinatamente impedito ogni forma di indagine e ha continuato addirittura ad
ostacolare la collocazione di qualsiasi forma di segno di riconoscimento e di pie-
t nei luoghi degli eccidi perpretati quasi settantanni fa.

4) Alla nascita della Repubblica il potere politico era a conoscenza dei fatti, con
maggiore o minore livello di informazioni a seconda della autorit interessate.
Ma come ricordato su questi fatti cal il silenzio ufficiale.
Qui avrei una infinit di esempi sulla conoscenza di questi fatti. Per esempio la
lettera di De Gasperi, ministro degli Affari esteri, a Parri, dellottobre del 45,
che descriveva in modo abbastanza fedele le atrocit compiute dagli jugoslavi.
La lettera di De Gasperi al Governo degli Stati Uniti, in cui si davano gli elen-
a lla nascita chi nominativi di 912 deportati da Trieste e di 1455 da Gorizia. La conferen-
della za stampa di Ferruccio Parri del novembre del 45, in cui parla testualmente di
r epubblica 8000 deportati italiani in Jugoslavia. Questo avveniva nel 45, quindi non
il potere che a livello ufficiale non si sapesse. Certo, non si sapeva tutto, per ci si poteva
politico era a rendere conto della entit della tragedia. E poi, soprattutto, va ricordata la docu-
conoscenza mentazione fornita dagli italiani alla Conferenza della pace, in cui fu preparato
dei fatti, con un documento, in inglese e in francese, distribuito ai partecipanti la Conferen-
maggiore o za, quindi siamo nellaprile-maggio del 46 a Parigi, in cui cerano dati, fotogra-
minore livello fie, grafici, statistiche. Cio era un dossier che, tenendo conto di quello che po-
di informazioni teva fare un Governo italiano in quel frangente, era gi un contributo consisten-
a seconda te alla conoscenza dei fatti. Quindi non che allora non si conoscesse. che poi
della autorit pi tardi, dal momento del cambiamento dei rapporti con la Jugoslavia divenuta
interessate. Paese non allineato, ma di fatto utile alla sicurezza verso est del blocco occiden-
ma come tale, per ragion di stato si imposto quel fenomeno della tendenziale rimozione
ricordato dellesodo che ha caratterizzato per decenni la questione giuliana.
su questi fatti
cal il silenzio 5) Una delle componenti dellaccantonamento della questione che stiamo af-
ufficiale frontando data dal fatto che la popolazione dellesodo stata sempre tenuta ai
margini delle decisioni che la riguardavano direttamente. Gli esuli non sono stati
mai arbitri del loro destino. Tutto quello che successo dopo la fase drammatica

SDAPI133_7.indd 64 11/01/11 11:05


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 65

inter venti
delle foibe e dellesodo, ma anche i passi successivi compiuti dal Governo italia-
no per occuparsi del destino dei territori ceduti, avvenuto evitando di coinvol-
gere la rappresentanza degli esuli. Per esempio, gli accordi che hanno decretato la
cessione dei territori rimasti formalmente allItalia dopo le decurtazioni imposte
dal Trattato di Pace, quindi sia il memorandum nel 1954, sia laccordo cosiddet-
to di Osimo del 1975, sono stati negoziati dallItalia ignorando tutto quello che
poteva essere il contributo degli esuli alla conoscenza dei loro problemi. Quindi
gli esuli si sono sempre trovati sulla testa una serie di scelte politiche, anche do-
po il dramma della sconfitta dellItalia e lesodo, che li hanno esclusi, in pratica,
dalla possibilit di interferire o di collaborare con le istituzioni.
Negli anni recenti e in particolare con la legge che ha istituito la Giornata del
Ricordo si aperta la fase che stiamo vivendo, una fase in cui c finalmente
considerazione per chi rappresenta il mondo degli esuli e dei loro discenden-
ti, c considerazione per chi pu dare un contributo anche costruttivo a cer-
te soluzioni.
In questo rinnovato clima che coinvolge le istituzioni centrali e locali, ma so-
prattutto lopinione pubblica, attraverso lintervento generalizzato dei mezzi di
informazione, si finalmente deciso di rendere omaggio ai tanti italiani, soprat-
tutto civili, che furono soppressi dallodio etnico e politico anche a guerra finita.
A questi anche noi oggi rendiamo omaggio con questa iniziativa. In proposito
non vorrei dedicare tempo a ricordare nei particolari la raccapricciante entit dei
fatti su cui ormai, oltre ai lavori approfonditi degli storici, molti libri di informa-
zione sono a disposizione. Vorrei soltanto ricordare come sotto letichettatura or- Quello che
mai diffusa delle foibe ci sia una serie terribile di massacri che hanno coinvol- sappiamo
to una larga percentuale della popolazione autoctona italiana di quelle terre. Io con certezza,
non voglio quindi entrare in una sterile polemica sulla contabilit. I calcoli fatti perch
sono diversi e i risultati spesso discordanti. Quello che certo che fu un feno- ce lo dicono
meno di massa. Dobbiamo infatti fare una valutazione in termini percentuali di le stesse
questo dramma. Perch chiaro che, se facciamo paragoni con lesodo dei te- statistiche
deschi, con otto milioni di rifugiati, il fenomeno potrebbe sembrare irrilevante. jugoslave,
Per, se prendiamo la popolazione complessiva di quei territori alla fine del se- che l83% della
condo conflitto mondiale e facciamo le proporzioni, ci accorgiamo che in pro- popolazione
porzione, praticamente, il numero delle famiglie interessate a questo dramma italiana se n
stato altissimo. Ci sono stati, si ricorda, 350.000 esuli, anche se altre stime pru- andata
denzialmente si attestano su numeri pi contenuti parlando di 270.000. Quello
che sappiamo con certezza, perch ce lo dicono le stesse statistiche jugoslave,
che l83% della popolazione italiana se n andata. Perch se n andata? I moti-
vi li conosciamo. Diciamo, con un eufemismo, che la situazione ambientale non
era particolarmente favorevole. Era in realt una situazione di vero e proprio ter-
rore, che documentatissima non solo nella pubblicistica degli esuli, che poco
conosciuta o conosciuta quasi esclusivamente in certi ambiti sul territorio vici-
no al confine, o negli ambiti dellassociazionismo. Ma oggi abbiamo una serie di

SDAPI133_7.indd 65 11/01/11 11:05


66 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti contributi storici, con una serie ricchissima di dati, che veramente non lasciano
incertezze sulla gravit dei fatti.
Anche sulle cause e ragioni del terrore che si sviluppato in quei territori e sulle
motivazioni dellesodo si sono dette e scritte tante cose. Ma sappiamo che a par-
te le ragioni specifiche di tanti episodi individuali che vanno dal desiderio di ri-
valsa e di vendetta per torti subiti alla supposta spontanea insurrezione contadi-
na contro i proprietari terrieri, le ragioni profonde che hanno spinto al terrore e
quindi allesodo vanno trovate nella pianificazione politica da parte degli annes-
sionisti e nellodio etnico scaturito dallo sciovinismo. C stato sicuramente un
proposito politico lucido diretto a provocare labbandono del territorio da parte
degli italiani. Io mi ricordo che ancora negli anni Ottanta dellOttocento la pa-
rola dordine dei deputati croati nella dieta provinciale della Dalmazia era but-
tiamoli a mare, cio buttiamo gli italiani a mare. Fin da quegli anni i nazionali-
sti croati, incoraggiati dalla politica austriaca che dopo la guerra del 1866 aveva
perso qualsiasi fiducia nel sostegno delle popolazioni italiane e aveva quindi de-
ciso di appoggiarsi a quelle slave, considerate fedelissime alla monarchia asbur-
gica, avevano iniziato la politica di snazionalizzazione soprattutto in Dalmazia.
Quindi questa idea tipicamente slava del controllo totale del territorio e del ri-
fiuto di una presenza articolata multinazionale e la tendenza a occupare il ter-
ritorio, con un indirizzo che ricorda la bonifica etnica di cui purtroppo abbia-
mo avuto una riedizione al momento della frammentazione della Jugoslavia, si
affermata nellOttocento in Dalmazia, e si perfezionata nel 1943-1945, per
La caccia quanto riguarda Fiume, Zara e i territori istriani.
allitaliano Quindi il vero problema sentito alla fine della guerra era il controllo del territo-
che poteva rio, sia per profili ideologici, sicuramente per anche a causa dello sciovinismo
ostacolare nazionale. E la prova determinante del fatto che i motivi ideologici potevano
lannessione, presentarsi addirittura recessivi rispetto a quelli nazionalistici offerta dal fatto
investiva che vero che stata data la caccia al fascista ed anche vero che c stata leli-
chiunque. minazione sistematica dei Comitati di Liberazione. Infatti la storia parla chiaro.
da un punto I membri del Comitato di Liberazione di Gorizia sono stati fucilati a Lubiana,
di vista pratico tra il dicembre del 45 e il gennaio del 46. Erano stati prelevati insieme ad altri
diventavano 1700 cittadini italiani, deportati e in larga parte mai pi tornati, e risultano fu-
tutti potenziali cilati pi di un anno dopo la fine della guerra. I membri del comitato di Pola si
nemici sono salvati in parte perch Pola era sotto occupazione americana fino al febbra-
del popolo io del 47. Quindi o sono scappati in Australia o sono stati ammazzati. Quelli di
Trieste, dopo aver dovuto entrare in clandestinit per sfuggire al terrore instau-
rato in citt nel maggio 45, sono stati in parte eliminati in seguito a delazioni.
In pratica anche gli italiani che si erano schierati col comunismo internaziona-
lista furono perseguitati in quanto non considerati fedeli al regime jugoslavo.
La caccia allitaliano che poteva ostacolare lannessione, investiva chiunque. Da
un punto di vista pratico diventavano tutti potenziali nemici del popolo, sia
che fossero quelli che avevano avuto un ruolo al tempo del fascismo o al tem-

SDAPI133_7.indd 66 11/01/11 11:05


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 67

inter venti
po delloccupazione tedesca, sia quelli che avrebbero potuto avere un ruolo suc-
cessivamente. La persecuzione degli italiani non si fondava unicamente su pre-
supposti di tipo ideologico ma prevalentemente nazionale. Poi c tutto il capi-
tolo delle deportazioni. Particolarmente triste la storia dei deportati nei campi
di concentramento in Slovenia, di cui abbiamo la documentazione. In quello di
Borovnika furono internate pi di 2200 persone. In base ai numeri che abbia-
mo da questo campo ha fatto rientro soltanto il 6,5% dei deportati. La maggior
parte di questi morti erano militari delle formazioni della Repubblica Sociale o
della milizia di difesa territoriale, ma cerano anche molti civili.
Ora, tutto questo rientra nella eliminazione sistematica degli appartenenti al
gruppo nazionale italiano, sia che fossero schierati contro i comunisti jugoslavi,
sia che fossero semplicemente inseriti in un possibile nucleo dirigente italiano
che avesse potenzialmente ambto esercitare un ruolo proprio nel futuro con-
trollo del territorio.
Sulle motivazioni dellesodo non sto a tornare. Sul clima di insicurezza creato-
si per gli italiani e addirittura sulla paura diffusasi nelle nostre comunit credo
che quanto detto sia pi che indicativo. Ci sarebbe molto da dire su quale effet-
to deprimente abbia avuto lattacco alle abitudini, ai costumi, ai modi di vive-
re degli italiani. Ci sarebbe anche da sottolineare leffetto che ebbe lattacco alla
religione e al clero. Fu messa in atto una violenta persecuzione del clero catto-
lico, con quaranta sacerdoti uccisi, laggressione del vescovo di Capodistria del
47, luccisione di don Bonifacio. Alcuni di questi delitti furono compiuti an-
ni dopo la fine della guerra e dopo il Trattato di Pace fino alle soglie degli an- c i sarebbe
ni Cinquanta. In questa situazione, stupirsi che ci sia stato un esodo di massa molto da
penso che sia veramente fuori posto. Per concludere ci sarebbe da dire qualcosa dire su quale
specificamente sul problema dei campi profughi e sul problema della dispersio- effetto
ne. Perch questultima fu una scelta precisa che il Governo fece nel timore che deprimente
lasciando convivere insieme il popolo degli esuli si sarebbe creato un problema abbia avuto
politico evidente. Quindi si decise di sparpagliare gli esuli per lItalia. Molti inol- lattacco
tre andarono a finire in Australia, negli Stati Uniti e in varie parti del mondo. alle abitudini,
Infine c il problema del trattamento che ricevettero gli esuli quando arrivaro- ai costumi, ai
no in Italia, perch erano accompagnati, nella pubblicistica del tempo, dallim- modi di vivere
magine di essere tutti fascisti in quanto avevano inteso con la fuga abbandonare degli italiani
il regime socialista sinonimo di progresso e libert. Per cui ci fu in certe citt un
atteggiamento tuttaltro che ospitale con il triste episodio, purtroppo non edi-
ficante, di Bologna, in cui a un treno con esuli fiumani fu impedito di fermarsi
alla stazione per ricevere alimenti. Anche questo squallido fatto dimostra come
la propaganda comunista avesse scavato nel tempo un fossato tra il mondo de-
gli esuli e lintero Paese.

6) Unultima osservazione che mi pare interessante fare si riferisce al paral-


lelo tra le vicende che riguardano la cessione dei territori italiani del confine

SDAPI133_7.indd 67 11/01/11 11:05


68 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti orientale, in sede di conferenze di Londra e di Parigi, che hanno preceduto
il Trattato di Pace, e le vicende che riguardano lAssemblea costituente ita-
liana, che nel frattempo si era costituita. NellAssemblea costituente italiana
troviamo gi in germe le tesi giustificazioniste o negazioniste che poi saranno
utilizzate in vari momenti nel dibattito politico italiano negli anni successi-
vi. Quindi troviamo, per esempio, Togliatti, Nenni, lo stesso Gronchi, cio
alcuni dei costituenti pi noti che rivolgendosi a De Gasperi sostengono che
quella tragedia che sta succedendo nel confine orientale colpa dei democri-
stiani che si erano accordati con gli Alleati occidentali irritando lUnione So-
vietica. Emerge, anche in questa sede, unidea che port avanti soprattutto
Nenni, che minimizzava il fatto della annessione da parte della Jugoslavia, per-
ch era vero che il Trattato di Pace era estremamente penalizzante per lItalia,
per vi sarebbe stata la possibilit di ridiscuterlo e rinegoziarlo. LAssemblea
in numerose sedute dibatt se lItalia dovesse firmare o meno un trattato pe-
nalizzante come quello. Da parte di costituenti autorevoli quali Croce si fece
presente che, visto che si trattava di un Diktat che non si poteva discutere ma
solo accettare, perch era un trattato fra le potenze alleate che lItalia doveva
solo eseguire, meglio sarebbe stato non metterci la firma. Ma per motivi po-
litici il Governo decise di firmare.
Una puntuale notazione si riferisce a una circostanza di cui nessuno tratta
(anche nei contributi storici pi attenti). Un dettaglio che nessuno ha notato
che lAssemblea costituente italiana, cio la sede della nostra Costituzione,
n on non ha visto la presenza dei costituenti da eleggersi nei collegi di Fiume, Za-
importante ra e Trieste. Quindi sono mancati 13 deputati dei collegi della Venezia Giu-
soltanto lia, che rappresentavano un milione di italiani. In questi territori, nel giugno
prendere 46, a causa della occupazione militare jugoslava, non si poterono fare le ele-
coscienza zioni; come non si poterono fare nella Provincia di Bolzano perch era sotto
della questione occupazione americana e gli americani impedirono la costituzione dei seggi.
nel dibattito Di conseguenza la nostra Costituzione non ha avuto lapporto dei parlamen-
politico e tari di quelle province. Questo per dire come gi prima del Trattato di Pace
storico in italia. ci fosse stata la amputazione del territorio nazionale, con una riduzione degli
o ccorrerebbe spazi di partecipazione e la estraniazione delle nostre popolazioni sia dal pro-
poter giungere cesso costituente sia dalla partecipazione al dibattito sui trattati che le avreb-
a un pacato bero riguardate, come abbiamo sopra ricordato.
confronto
anche con i 7) Accennavo allinizio al tentativo di formare sullargomento una memoria con-
nostri attuali divisa, specificando che in realt lintesa diretta a trattare la questione dellesodo,
vicini sloveni o di per s positiva, non esclude diversit di valutazione e giudizio.
croati Occorre a questo proposito fare una aggiunta. Non importante soltanto pren-
dere coscienza della questione nel dibattito politico e storico in Italia. Occorre-
rebbe poter giungere a un pacato confronto anche con i nostri attuali vicini, slo-
veni o croati che siano.

SDAPI133_7.indd 68 11/01/11 11:05


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 69

inter venti
Gli scarsi esempi di scambi di opinioni fra storici italiani e slavi hanno fatto ba-
lenare lipotesi di giungere a qualche forma di condivisione sugli eventi di cui
parliamo. Indubbiamente qualcosa si mosso anche oltre confine. Specialmen-
te in Slovenia si sono accertate, e se ne data ampia informazione, eliminazio-
ni in grande stile di persone compromesse con gli occupanti italiani e tedeschi o
semplicemente anticomuniste. Ma il nazionalismo viscerale che caratterizza an-
cora oggi lopinione pubblica e anche il mondo della informazione e della ricer-
ca ha preteso approfondire e far conoscere la soppressione dei soli sloveni per
motivi politici, ignorando o minimizzando le stragi di italiani. La possibilit di
estendere la condivisione della memoria ai nostri vicini di oltreconfine appare
quindi del tutto problematica. Anche se in una Unione Europea in cui gi esi-
ste la Slovenia come Stato membro e sta entrando la Croazia, la logica sarebbe
di potere conseguire un rasserenamento dei rapporti e una apertura degli archi-
vi, perch c ancora molto da sapere e molto da conoscere. Occorrerebbe arri-
vare anche a degli scambi critici, di opinione e dibattito in modo che si possa, in
futuro, formare una memoria almeno onestamente confrontabile di entrambe
le parti. quindi apprezzabile che alcuni storici sloveni e in parte croati abbia-
no cominciato a uscire dalla logica della cultura monolitica di regime che nega-
va o ignorava la tragedia delle popolazioni italiane del confine orientale e quin-
di riconosco c qualche timida apertura nelle valutazioni dei fatti storici. Ma
anche vero che esiste ancora un tipo di cultura e una opinione pubblica, non
smentita dagli atteggiamenti dei governi e delle amministrazioni locali, che non
incoraggia un approfondimento. La riprova che c stata fino ad oggi una ne- La condivisione
gazione totale a qualsiasi forma di verifica sul territorio. C ancora un divieto di una memoria
totale a mettere anche una sola croce su una foiba. C un ostruzionismo fortis- fra italiani e
simo, anche se strisciante e non sempre conclamato, a dare un riconoscimento slavi ancora
apparente ai luoghi degli eccidi. Quelle poche volte che sono stati posti dei cip- obiettivamente
pi o delle lapidi sono stati danneggiati o addirittura demoliti. A Parenzo, che cosa tuttaltro
la citt di mia provenienza, per mettere nel locale cimitero la lapide con i nomi che facile
degli 82 infoibati del 1943, pi unaltra ventina del 1945, vi stata una lunga
polemica con la attuale amministrazione che sembrava infine risolta, ma dopo
che stata messa la lapide il Comune la ha sequestrata e ha fatto scalpellare una
frase che era considerata oltraggiosa per il movimento popolare di liberazione
locale. Quindi la condivisione di una memoria fra italiani e slavi ancora obiet-
tivamente cosa tuttaltro che facile.

***

A conclusione di queste riflessioni non possiamo assolutamente dare spazio al


pessimismo. Siamo partiti da una situazione di rimozione e di silenzi e faticosa-
mente abbiamo aperto la strada alla conoscenza dei fatti, alle valutazioni criti-
che, ai giudizi. Largomento troppo carico di responsabilit per i fatti avvenuti

SDAPI133_7.indd 69 11/01/11 11:05


70 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti e per la loro falsificazione, per i silenzi interessati, per essere sempre trattato con
la dovuta serenit. Ma occorre sforzarsi per affrontarlo senza complessi in modo
che la storia non sia alterata o addirittura negata. In questo non facile processo
la scuola ha un ruolo importantissimo e limpegno del ministero per lIstruzio-
ne, luniversit e la ricerca si riveler determinante.

SDAPI133_7.indd 70 11/01/11 11:05


il r uol o di enti,
a s s ociazioni,
is tituti di ricer ca

SDAPI133_8.indd 71 11/01/11 11:05


SDAPI133_8.indd 72 11/01/11 11:05
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 73

inter venti
il significato
del i seminario
di formazione
sul confine
orientale
di
l ucio t oth
Questo Seminario di formazione, voluto dal Ministro Gelmini e organizzato dal-
la Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per lAutonomia Scola-
stica, rappresenta per le associazioni degli esuli giuliano-dalmati e in particolare
per la Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani Fiumani e Dalmati, un
punto di partenza fondamentale.
A sei anni dallapprovazione della legge sul Giorno del Ricordo delle foibe e
dellesodo dagli italiani dallIstria, da Fiume e dalla Dalmazia (Legge n. 92 del
30 marzo 2004) si imponeva una riflessione collettiva tra docenti delle scuole
medie superiori e inferiori della Repubblica per studiare e programmare insieme
le linee direttive di massima sulle quali impostare un lavoro comune, con laiu- l aspetto che
to esterno delle associazioni degli esuli e soprattutto dei centri di ricerca da essi pi ha offeso
attivati a livello scientifico negli ultimi anni. lanimo
Sono qui presenti infatti alcuni docenti che hanno gi sperimentato per ripetu- delle centinaia
ti anni scolastici diversi metodi di approccio alle tematiche che possono forma- di migliaia di
re oggetto di applicazione della legge citata, la cui portata va al di l di schemi di profughi
maniera che rischiano di impoverirne il significato e le potenzialit educative e stata
formative per le giovani generazioni. la mutilazione
Il fatto che per oltre 50 anni di tali eventi sia stato quasi proibito parlare ha co- della loro
stituito per gli esuli e le loro famiglie un ulteriore motivo di sofferenza colletti- storia
va, per non aver loro consentito di condividere ed elaborare il profondo trau- dalla memoria
ma che aveva sconvolto le loro vite, dai giorni delle persecuzioni e delle stragi, al della n azione
dramma dellesodo dalla terra natale, spesso avventuroso e a rischio della vita, al
disagio materiale e morale dei campi-profughi, esposti talvolta anche allo scher-
no e a discriminazioni.
Laspetto che pi ha offeso lanimo delle centinaia di migliaia di profughi stata
la mutilazione della loro storia dalla memoria della Nazione.
Anche quelli di noi che, come me, hanno operato per unintera vita negli am-
bienti che dovrebbero essere i pi avvertiti come la magistratura, la politica,
la diplomazia, linsegnamento universitario, le professioni sempre stata oc-

SDAPI133_8.indd 73 11/01/11 11:05


74 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

inter venti casione di grande amarezza imbattermi nellignoranza generalizzata della realt
di quelle province dello Stato italiano che lesito infausto della Seconda guerra
mondiale ha strappato al territorio nazionale.
Dopo i fatti tragici di Trieste nellautunno del 1953 quando la polizia del Go-
verno militare alleato spar sulla folla uccidendo cinque giovani che manifesta-
vano per litalianit di Trieste e dellIstria, ancora soggette ad occupazione mili-
tare, e il ritorno allItalia del solo capoluogo giuliano nel 1954 loblio pi totale
caduto sulla vicenda delle foibe e dellesodo e sulla perdita di una parte cospi-
cua del territorio nazionale, di quasi unintera regione, la Venezia Giulia, essen-
do rimasta allo Stato italiano un moncone tra Gorizia e Trieste con un confine
che soffocava ogni attivit e prospettiva economica. Perdita che aveva obbligato
allesodo circa 350.000 persone.
I testi scolastici di storia non ne parlarono pi come se quelle province, legittima-
mente riconosciute allItalia nel 1920-1924 (come il Trentino e lAlto Adige nel
1919), non fossero mai appartenute allo Stato italiano. I profughi, migliaia dei qua-
li ancora nei campi di raccolta disseminati in tutta Italia, si sentirono cos stranieri
in patria, malgrado la straordinaria capacit di integrazione per le loro esperien-
ze professionali, la loro onest, la loro conoscenza scorrevole della lingua italiana,
conseguenza diretta del buon dialetto veneto parlato nelle famiglie e della totale
alfabetizzazione anche dei ceti pi umili. Il tasso di criminalit nei campi-profu-
ghi fu praticamente nullo, malgrado le pessime condizioni igieniche e ambientali.
I profughi di allora si sono fatti strada nelle fabbriche, nei cantieri, nella pub-
t utto venne blica amministrazione, nelle forze armate e di polizia, nelle attivit industriali e
dimenticato imprenditoriali in genere, diventando addirittura testimonial di eccellenza del
come se Made in Italy, come gli stilisti Ottavio Missoni e Mila Schn, il violinista Uto
questo Ughi, gli atleti Abdon Pamich e Nino Benvenuti, le attrici Alida Valli e Laura
passato non Antonelli, gli imprenditori Fulvio Bracco, Niccol e Franco Luxardo, i cantau-
appartenesse tori Wilma Goich e Sergio Endrigo.
allitalia Il passato dellIstria e della Dalmazia, profondamente legato alla storia dIta-
e quelle terre lia dai secoli della Repubblica e dellImpero romani ai Comuni del Medioevo,
fossero state allegemonia politica e culturale della Serenissima durata dallXI secolo alla fine
da sempre del Settecento; le lunghe lotte contro il governo austriaco per difendere litalia-
jugoslave, nit delle nostre citt; la partecipazione degli istriani, dei dalmati e dei fiumani
quando al Risorgimento e alla Prima guerra mondiale; limpresa fiumana di dAnnun-
la Jugoslavia zio chiamato nella citt dalla popolazione; laltissimo contributo di caduti e di
nemmeno decorati al valore nella Seconda guerra mondiale; la distruzione di Zara con i
esisteva bombardamenti aerei per cancellarne limpronta italiana: tutto venne dimenti-
cato come se questo passato non appartenesse allItalia e quelle terre fossero sta-
te da sempre jugoslave, quando la Jugoslavia nemmeno esisteva.
Come correttamente recita il testo della legge istitutiva del Giorno del Ricordo
non dobbiamo ignorare la complessa realt delle nostre terre, poste alla con-
fluenza di culture ed esperienze politiche diverse nel corso dei secoli.

SDAPI133_8.indd 74 11/01/11 11:05


l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 75

inter venti
da questa complessit che deriva per gli studiosi la centralit delle tematiche
poste dalla nostra vicenda, che non si esauriscono negli eventi tragici del 1943-
1954 e nemmeno in quelli del periodo fascista e della Seconda guerra mondia-
le. La pulizia etnica subita dalla Venezia Giulia e dalla Dalmazia, con lespul-
sione di gran parte della loro popolazione italiana, la conseguenza di un insie-
me di cause prossime e remote che rivestono per storici, sociologici, linguisti il
massimo interesse.
La diffusione delle lingue romanze autoctone in Istria, Quarnaro e Dalmazia
(tergestino, istrioto, dalmatico, ecc.); il tema della convivenza secolare specie in
Dalmazia tra etnie, culture e religioni diverse (croati, latini, serbi, albanesi) co-
me nella Ragusa del Rinascimento e dellet moderna; linfluenza della cultura
mitteleuropea e soprattutto tedesca a Trieste e a Gorizia, di quella ungherese a
Fiume; il risveglio nazionale della cultura slovena e di quella croata nellOtto-
cento; levoluzione della cartografia e della toponomastica; limportanza del pe-
riodo napoleonico per la diffusione delle idee liberali; il fenomeno dellassimila-
zione linguistica da parte della maggioranza italiana in Istria, a Trieste, Gorizia,
Fiume e Zara e, viceversa, il processo di slavizzazione delle altre citt dalmate al-
la fine del XIX secolo come effetto diretto dellurbanizzazione delle masse rura-
li; la tradizione urbanistica, artistica e letteraria che fa dellIstria e della Dalma-
zia fino alla met dellOttocento una parte integrante dellarea culturale italiana;
lo sviluppo dallautonomismo allirredentismo; lo scontro tra lideologia fasci-
sta e quella comunista e la loro interazione sulle condizioni economiche, sociali
e multietniche dellAdriatico orientale; il movimento operaio tra le due guerre e l incontro
la drammatica esperienza della Resistenza e della Repubblica Sociale Italiana in di oggi
una regione soggetta quasi interamente alloccupazione tedesca; le vicende del- costituisce
le comunit ebraiche della regione, sono tutti temi che richiedono approfondi- unoccasione
mento scientifico e devono essere sottratti alle mode propagandistiche del mo- importante
mento per essere valutati con obiettivit e serenit. perch d
Lincontro di oggi, con le relazioni di studiosi qualificati, che hanno dedicato modo a docenti
alle tematiche dellesodo e della storia degli italiani dellAdriatico orientale anni di istituti medi
e decenni di studio, confrontandosi con i colleghi di altri Paesi che ad esse so- provenienti
no ugualmente interessati, costituisce unoccasione importante perch d mo- da diverse
do a docenti di istituti medi provenienti da diverse regioni italiane di avvicinar- regioni italiane
si a queste problematiche con la massima apertura scientifica, senza preclusioni di avvicinarsi
ideologiche o pregiudizi politici, consentendo a tutti noi e alla cultura del Paese a queste
di uscire da una ingiusta damnatio memoriae che tre Presidenti della nostra Re- problematiche
pubblica hanno coraggiosamente denunciato. con la massima
apertura
scientifica

SDAPI133_8.indd 75 11/01/11 11:05


SDAPI133_8.indd 76 11/01/11 11:05
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 77

inter venti
v iaggio
ne LLa civi Lt
istrianoda Lmata:
unesperienza
progettua Le
de LLassessorato di
Laura marsilio 1

a LLe po Litiche
educative
e sco Lastiche
de L comune di r oma
Le pagine meno gloriose del nostro passato sarebbero
le pi istruttive se solo accettassimo di leggerle per intero.
Tzvetan Todorov

Nellambito della vasta progettualit messa in campo dal nostro Assessorato a be-
neficio degli Istituti scolastici del Comune di Roma, fin dal momento dellinse-
diamento della giunta Alemanno, si inserisce a pieno diritto ed in una posizione
di assoluto rilievo, il Progetto di approfondimento storico Viaggio nella civilt
istriano-dalmata. Un percorso di approfondimento sui temi della storia tragica
e complessa vissuta sul finire ed al termine del secondo conflitto mondiale, nel
confine nord-orientale dItalia.
Il Progetto stato proposto a docenti e studenti degli Istituti Secondari di Se-
condo Grado per gli anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010.
Nel primo anno, ovvero per lanno scolastico 2008/2009, stato effettuato an-
che un esperimento progettuale che ha coinvolto una decina di Istituti Secon-
dari Inferiori e che ha mostrato come il Progetto, opportunamente tarato ed ar-

1. Assessore alla Scuola, alla Famiglia e allInfanzia del Comune di Roma.

SDAPI133_9.indd 77 11/01/11 11:05


78 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti ricchito con un viaggio ad hoc, potr, in futuro, essere proposto anche ai giovani
alunni degli Istituti Scolastici Secondari di Primo Grado.
In questo articolo si affronter lanalisi dei due Progetti strutturati proposti agli
Istituti Scolastici Superiori di Secondo Grado negli ultimi due anni scolastici.
Per lanno scolastico 2008/2009 il Progetto, con il titolo Viaggio nella Civilt
Istriano Dalmata stato proposto come Progetto autonomo, a s stante, otte-
nendo ladesione di 25 Istituti cittadini; allinizio dellanno scolastico 2009/2010,
invece, esso stato inserito nellambito pi vasto e composito del Progetto Ri-
percorrendo la storia del XX secolo Viaggi nella Memoria. Per non dimenti-
care la tragedia del Novecento, rivolto agli Istituti Superiori di Roma.
Questanno i percorsi proposti nellambito dellampio contenitore dei Progetti
Memoria, sono stati per lappunto, Il viaggio nella civilt istriano-dalmata, a cui
hanno aderito 36 Istituti, il tradizionale percorso che comprende il viaggio ad Au-
schwitz, cui hanno aderito 40 scuole, con i sopravvissuti dal campo di concentra-
mento, un terzo percorso, che ha portato una rappresentanza di venti scuole ro-
mane a Berlino, per il ventennale della caduta del muro, ed, infine, il percorso di
Hiroshima, con cinque scuole rappresentate da cinque docenti e dieci studenti
che hanno effettuato un viaggio istituzionale in Giappone, sulle tracce dellimma-
ne tragedia causata dalla esplosione atomica. In ogni caso, a proposito di Viaggio
nella civilt istriano-dalmata, come anche per tutti gli altri percorsi, il Progetto
stato proposto allinterno di una complessa ed articolata serie di attivit struttura-
te e composite formate da tanti momenti ben distinti ma legati tra loro che han-
i progetti no prodotto un itinerario davvero completo e coerente, al culmine del quale av-
della memoria venuto il viaggio vero e proprio che, come detto, ha riguardato e continuer a ri-
seguono guardare, necessariamente, solo una piccola rappresentanza delle scuole coinvolte.
un iter assai Rappresentanza che, per, ha avuto lonere e lonore di riportare ai compagni
preciso e docenti che non hanno avuto lopportunit di parteciparvi, la testimonianza
e strutturato dellesperienza, sempre intensa e toccante, del viaggio.
I Progetti della memoria seguono, dunque, un iter assai preciso e strutturato; ec-
cone, in sintesi, i vari passaggi:

la proposta di ampliamento della didattica stata presentata alle scuole trami-


te una circolare indirizzata al Dirigente scolastico, la circolare stata accom-
pagnata da una lettera dellAssessore che ha richiamato limportanza dellap-
profondimento del tema specifico, ovvero lo studio degli accadimenti che,
sul finire del secondo conflitto mondiale e subito dopo, sconvolsero le terre
dei nostri confini nord-orientali;
le scuole hanno avuto un tempo prestabilito, di alcune settimane, per aderi-
re, dopo il quale si avuto il conteggio delle adesioni.

Come gi accennato, per lanno scolastico 2008/2009 furono 25 le scuole su-


periori ad aderire, per lanno 2009/2010 sono state 36, un incremento conside-

SDAPI133_9.indd 78 11/01/11 11:05


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 79

inter venti
revole, indice, senza dubbio, di una crescente attenzione nei confronti delle te-
matiche trattate.

Ciascuna scuola ha potuto aderire al Progetto con due classi del triennio, i
docenti impegnati sono stati, al minimo, due, con un solo docente referente.
Nel viaggio sono stati coinvolti 8 studenti e due docenti per il primo anno e
6 studenti ed un docente per il secondo anno. Se si considera, invece, il tota-
le di alunni e docenti impegnati nel percorso dellanno 2009/2010, i nume-
ri lievitano, si tratta di due classi per scuola dunque 72 classi in totale per un
numero complessivo di circa 2000 studenti e 80 docenti.
Entro il mese di ottobre 2009 si svolta la giornata di formazione o, come
forse pi opportuno definirla, lappuntamento didattico riservato ai docenti.

Tale evento ha segnato, di fatto, lavvio del Progetto, si svolto per entrambe le
annualit in una location prestigiosa, cio presso la Sala del Consiglio dei Bam-
bini a Villa Torlonia, ed ha previsto la partecipazione di accademici, personali-
t del variegato e composito mondo dellassociazionismo, intellettuali, giorna-
listi e testimoni.
Per far comprendere appieno limportanza di tale giornata si possono in tale se-
de citare alcuni nomi significativi che, in questi primi due anni, si sono alterna-
ti come relatori: innanzitutto il dottor Marino Micich, in qualit di Presidente
dellAssociazione per la Cultura Fiumana, Istriana e Dalmata nel Lazio e Diret-
tore dellArchivio Storico Museo di Fiume, che ha seguito, come consulente, le Le cosiddette
fasi salienti di entrambi i Progetti, dando il suo apporto essenziale anche alla de- giornate
finizione delle tappe del viaggio istituzionale; numerosi docenti accademici, tra i di formazione
quali il professor Giovanni Sabbatucci, ordinario di Storia Contemporanea presso sono state
lUniversit La Sapienza di Roma e illustri nomi dellassociazionismo legato alleso- anche
do, quali il professor Amleto Ballarin, Presidente della Societ di Studi Fiumani. occasione
Le cosiddette giornate di formazione sono state anche occasione di dibattito con di dibattito
i docenti intervenuti che, spesso, hanno posto quesiti importanti anche su come con i docenti
portare avanti, con le loro classi, il discorso storico-didattico sui temi in esame. intervenuti
In occasione di tali giornate formative, stato distribuito, inoltre, materiale, co-
me dispense, cartine, abstract degli interventi, articoli e saggi a tutti i docenti in-
tervenuti che, in tale sede, hanno avuto modo di confrontare metodi didattici e
scientifici, reperire informazioni e sottoporre agli illustri relatori quesiti e dubbi.
Successivamente a tale fondamentale momento di scambio ed incontro si po-
tuto procedere con il lavoro nelle classi, supervisionato, con discrezione e nellas-
soluto rispetto dellautonomia dei docenti, dal Dipartimento dei Servizi Edu-
cativi e Scolastici.
In realt il Dipartimento sempre stato a disposizione per integrare le informa-
zioni, rispondere ad ogni esigenza, ed anche creare contatti importanti tra le scuo-
le ed il mondo accademico e dellassociazionismo giuliano-dalmata.

SDAPI133_9.indd 79 11/01/11 11:05


80 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti Nel mese di gennaio 2010 sono stati richiesti alle scuole i dati riguardanti i
partecipanti al viaggio.

Il viaggio , senza dubbio, il momento culmine e maggiormente atteso dellin-


tero percorso; esso avviene in febbraio a ridosso della data simbolica del giorno
del ricordo, il 10 del mese.
Nel febbraio 2009 il viaggio avvenuto in treno, vi hanno preso parte 50 docen-
ti e 200 studenti prevalentemente del triennio delle Superiori, in rappresentanza
delle 25 scuole aderenti al Progetto.
In qualit di Assessore e promotore del Progetto ho partecipato allintera durata
del viaggio, dividendo in tutto e per tutto litinerario con le scolaresche; assieme
a me vi hanno preso parte il sindaco onorevole Giovanni Alemanno e vari espo-
nenti politici e della municipalit, oltre a esponenti del mondo della cultura e
dellassociazionismo, testimoni dellesodo e giornalisti.
Le tappe sono state: il Sacrario di Redipuglia, il Cimitero Austroungarico, la Foi-
ba di Basovizza, il Museo di Padriciano e, sul finire della prima giornata, la Ri-
siera di san Sabba.
Il secondo giorno, dopo aver pernottato in Slovenia, a Portorose, si passata la
frontiera croata e sono visitate le citt di Rijeka e Pula, gi Fiume e Pola.
Momenti salienti sono state le serate di incontro e riflessione nellhotel, in cui,
dopo la cena conviviale tutti assieme, scolaresche, autorit, storici e testimoni, si
sono confrontati in un dibattito aperto che ha spaziato sui vasti temi affrontati.
s i ritiene Nel mese di febbraio 2010 il viaggio avvenuto in aereo, vi hanno preso par-
importante te 216 studenti e 36 docenti, oltre ad una nutrita rappresentanza di personalit
sottolineare delle Istituzioni e giornalisti.
gli ampliamenti Le tappe italiane sono state le medesime, mentre si preferito concentrare latten-
di prospettive zione del secondo giorno, in Croazia, solo sulla citt di Rijeka (Fiume), creando
tematiche importanti momenti di incontro con la locale Comunit italiana.
aggiunti nel A tale riguardo si ritiene importante sottolineare gli ampliamenti di prospettive te-
secondo anno matiche aggiunti nel secondo anno di Progetto; sostanzialmente essi sono stati due:
di progetto
lincontro e il confronto tra il mondo degli esuli e le comunit di italiani di-
scendenti da coloro che scelsero, per le pi diverse e spesso laceranti motiva-
zioni, di rimanere nelle terre non pi italiane;
lapprofondimento della singolare vicenda storica che ha riguardato la citt
di Fiume, senza omettere un excursus sullesperienza innovativa della carta del
Carnaro e sulla figura del poeta Gabriele dAnnunzio.

Durante questo secondo viaggio, molto intense sono state le testimonianze del-
le sorelle Bucci, sopravvissute allinferno di Auschwitz ed, al tempo stesso, esu-
li fiumane, e della signora Licia Cossetto, sorella di Norma Cossetto, la giovane
donna torturata ed infoibata dai partigiani titini del 1943.

SDAPI133_9.indd 80 11/01/11 11:05


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 81

inter venti
La presenza delle tre anziane e lucidissime testimoni ha rappresentato davvero
un momento di un intensa commozione, attraverso i loro ricordi le tragedie del
Novecento si sono intrecciate andando a fondersi in quella memoria condivi-
sa che oggi, pi che mai unesigenza imprescindibile per un Paese che vuole
leggere la propria storia ed il proprio passato senza essere pi offuscato dai veli
fuorvianti delle ideologie.
Infine, a conclusione del Progetto le scuole aderenti hanno avuto uno spazio par-
ticolarmente ampio nellambito della manifestazione cittadina La Scuola in Fe-
sta, che si svolta sia nel maggio 2009 sia nel maggio 2010 in piazza Vittorio,
allinterno di stand approntati nei Giardini Nicola Calipari.
In quella sede tutti i materiali e gli elaborati della pi varia natura realizzati dalle
scuole, come sintesi creativa, di studio e di ricerca del lavoro svolto dagli studen-
ti in questo importante Progetto, sono stati in Mostra per unadeguata visibili-
t dellimpegno messo in campo dagli Istituti, che hanno potuto cos avere, in
quelle giornate, unulteriore occasione di confronto e di scambio tra loro e con
la cittadinanza, cui la Festa stata offerta.
Gli elaborati proposti dalle scuole gli anni precedenti sono stati estremamente
vari ed interessanti, sculture, realizzazioni grafico-pittoriche e performance tea-
trali e musicali, a riprova della estrema creativit dei giovani che si esplica an-
che su tematiche dolorose; ritengo anzi che limpegno creativo sia utile per su-
blimare e rendere pi percettibili e chiare le emozioni suscitate dal contatto con
il dolore della storia.
Mia sicura intenzione riproporre di nuovo questo Progetto alle scuole, allar- mia sicura
gando lo spettro anche, come detto, agli Istituti di Istruzione Secondaria Infe- intenzione
riore, rassicurata e confermata nella mia volont dal successo crescente del Pro- riproporre
getto, chiaro segno di una volont matura e consapevole, da parte di studenti e di nuovo
docenti, di affrontare con obiettivit e spirito critico una delle pagine fondamen- questo
tali della nostra storia recente. progetto
alle scuole,
allargando
lo spettro
anche
agli istituti
di istruzione
s econdaria
inferiore

SDAPI133_9.indd 81 11/01/11 11:05


SDAPI133_9.indd 82 11/01/11 11:05
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 83

inter venti
storie fuori
da LLa storia

Dedicato a tutti quelli che sono stati tenuti alloscuro della propria storia, ai gio-
vani soprattutto, a cui la scuola ha negato di apprendere drammatiche pagine
di storia italiana.
Ma a me di tutto questo a scuola non hanno mai parlato Lignoranza imposta di
dai programmi scolastici si riassume in questa spontanea uscita di un ventenne v iviana
aiuto operatore, impegnato a collaborare nelle riprese televisive dei Magazzini f acchinetti
del Portovecchio di Trieste, dove tuttoggi sono stivate le masserizie dei profu-
ghi. Le immagini erano destinate al videodocumentario dedicato da chi scrive ai
giuliano-dalmati emigrati in Canada e USA: unaltra pagina del progetto edito-
riale, avviato qualche anno fa con il recupero di ricordi ed emozioni di emigra-
ti giuliano-dalmati in Australia raccontati nel libro Storie fuori dalla storia e
proseguito con la stesura del volume CERA UNA sVOLTA, protagonisti i pro-
fughi ora residenti in Canada.
Cera una volta
Solo le favole possono permettersi di iniziare cos, altrimenti il discorso sa di rinuncia-
tario, di crepuscolare, di rimpianto.
Ed infatti non favole sono quelle raccolte in queste pagine, ma percorsi di vita reale, at-
traversati dai tanti protagonisti di quella storia ingiustamente definita minore, in re-
alt storia subita.
Cera una volta
lincipit del ricordo nelle vicende raccontate.
Quasi sempre era linizio di esistenze comuni, normalmente occhieggianti al diritto ad
un futuro talora semplicemente qualunque, talora posato su fantasie cullate da sogni
infantili o giovanili illusioni.
Poi la tempesta. E come naufraghi nella tempesta, cercarono un approdo. Per mol-
ti il primo fu Trieste, da dove fra mille incertezze si dipan la loro sopravvivenza.
e tanti CERA UNA VOLTA si dovettero trasformare in altrettanti CERA UNA
sVOLTA.

lintroduzione allomonimo volume della sottoscritta, in cui vengono raccontate


oltre 150 biografie. Sono state raccolte dalla viva voce dei protagonisti, nellotti-
ca di collaborare al recupero di una memoria e di un vissuto di cui esiste ridotta
informazione (argomento questo costantemente eccepito dagli intervistati, con
relativa generale delusione per quanto le loro vicende spesso drammatiche
siano rimaste ignorate da tanta parte degli italiani).

SDAPI133_10.indd 83 11/01/11 11:06


84 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti Per la sua unicit temporale e di contenuti, lemigrazione giuliano-dalmata si po-
siziona fuori dai tradizionali schemi dellemigrazione italiana, prodotta dagli an-
ni di contingenza economica del Novecento. E ancora rimane poco conosciuta.
Fu un dopoguerra lunghissimo quello della Venezia Giulia, che origin un dram-
ma in due tempi ed infiniti quadri. Dopo il primo cospicuo esodo conseguente
al trattato di Parigi del 10 febbraio 1947, che aveva ceduto al governo di Tito la
Dalmazia, Fiume e lIstria meridionale, nel 1954 il memorandum di Londra san-
c la fine dellamministrazione anglo-americana sulla Zona A del Territorio Li-
bero di Trieste che pot ricongiungersi allItalia mentre lasci alla Jugoslavia
il rimanente territorio istriano, contrassegnato come Zona B. Per la situazione
venutasi a creare spesso persecutoria che disconosceva la loro identit italia-
na e nazionalizzava i loro averi, anche tantissimi abitanti di quelle terre si trova-
rono nelle condizioni di doversi staccare dalle proprie radici.
I profughi istro-dalmato-quarnerini giunsero in Italia in momenti, modi e con-
dizioni diverse. Ad accomunarli quasi tutti per, fu la sosta nei campi di acco-
glienza, in cui per anni venne allestita la loro sistemazione: o in baracche diver-
se, che separavano uomini da donne e bambini, oppure in grandi cameroni, che
coperte posate su corde stese fra le pareti, trasformavano in un alveare di mo-
novani familiari. I servizi, collettivi e centralizzati.
Ad ogni arrivo a Trieste, si ripeteva anche il triste rituale del deposito, nei ma-
gazzini del porto vecchio, delle masserizie portate in salvo dalla propria casa. Si
sarebbe dovuto trattare di unoperazione provvisoria: sono divenute materiale
il perdurare per il museo dedicato allesodo.
della Il perdurare della provvisoriet di vita nei centri di accoglienza e la generale tre-
provvisoriet mula identit del futuro, associati alla propaganda a favore dellespatrio verso i
di vita Paesi doltreoceano, furono stimolo ad una massiccia emigrazione. Le disposi-
nei centri zioni che la regolamentavano, prevedevano il contingentamento delle ammissio-
di accoglienza ni alle partenze, precedute queste da severe visite mediche di controllo e subor-
e la generale dinate allaccettazione di un contratto di lavoro, che quasi sempre contemplava
tremula mansioni di manovalanza generica o di bracciantato agricolo. Per chi non viag-
identit giava con il supporto dellIRO (International Refugee Organization), nei due
del futuro, anni successivi cera lobbligo del rimborso del biglietto di viaggio.
associati alla Furono in tanti a salpare verso il Canada. Le navi pi frequenti la Vulcania e la
propaganda Saturnia, se il porto dimbarco era Trieste o comunque in Italia. Cospicuo fu in-
a favore fatti anche il numero degli esuli mandati in Germania, nel campo IRO di Bre-
dellespatrio men, ad attendere il trasferimento oltreoceano. Quasi sempre lo sbarco avveni-
verso i paesi va ad Halifax, sul famoso Pier 21, il molo divenuto il simbolo canadese dellim-
doltreoceano, migrazione ed ora museo. Dei primi successivi momenti, due sono le voci che
furono particolarmente emergono come denominatore comune nei ricordi di ogni no-
stimolo ad stro emigrato. Una la deludente scoperta dellunico tipo di pane allora in ven-
una massiccia dita: a cassetta, confezionato, di consistenza stuccosa e dal sapore sgradevole. La
emigrazione seconda lallucinante viaggio di tre giorni per il trasferimento alle localit di

SDAPI133_10.indd 84 11/01/11 11:06


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 85

inter venti
destinazione, fatto su di uno sbuffante treno a vapore, vecchio e degradato, ge-
neralmente paragonato ad un carro bestiame.
incredibile il numero di nostri conterranei che nellultimo dopoguerra si trova-
rono ad attraversare lAtlantico, per continuare altrove il loro futuro. E dellincre-
dibile hanno le vicende che si trovarono ad affrontare. Anni di rinuncia e stenti
sono stati per dignitosa premessa ad una generale conferma nella patria di ado-
zione. Ci sono faticose storie di successo, legate alla terra ed allagricoltura, pa-
rallele a gratificanti percorsi nellimprenditoria e nel mondo culturale canadese.
Ad accomunare quella moltitudine che ha trovato una serenit esistenziale sulle
rive dei grandi laghi americani, il ricordo della terra dorigine, spruzzato di sal-
sedine dellAdriatico.
Oggi nella regione nordamericana sono ancora 250 le famiglie originarie dellIstria.
Al tempo, il gruppo pi consistente fu quello insediatosi a Chatham, cittadina
dellOntario attualmente di 43.000 abitanti a sud-ovest di Toronto. Fu per
potenziare la produzione agricola dellarea nonch la manodopera dello zucche-
rificio e dellindustria del tabacco locali che, negli anni seguenti alla diaspora, i
profughi istriani vennero allettati con seducenti prospettive di benessere, illustra-
te da emissari del governo Canadese, inviati a contattarli di persona nei campi
profughi funzionanti a Trieste.
La sistemazione logistica, una volta arrivati, quasi sempre era unincognita: per
bene che andasse, si risolveva in fatiscenti casolari abbandonati, da risistemare,
lontani da tutto e tutti. Il lavoro nei campi era durissimo, a cottimo e stagiona-
le. Doveva dare remunerazione sufficiente a coprire il periodo di lunghi inver- incredibile
ni, nevosi e freddi, con poche opportunit di un impiego che andasse a sostitui- il numero
re quello estivo. Per alcuni cera la possibilit di occupazione nello zuccherificio di nostri
o nella fabbrica tabacchi, dove dopo il raccolto e lessiccazione cera la fase conterranei
conclusiva della lavorazione delle foglie di tabacco, destinato alla produzione di che nellultimo
sigari. Settore questo che, specialmente allepoca della crisi di Cuba, ebbe note- dopoguerra si
vole impulso. trovarono ad
Le aree da curare si estendevano a perdita docchio. Talvolta in un giorno si riu- attraversare
sciva a stento a coprire due file di zolle: una nel senso dellandata, laltra in quel- la tlantico,
lo del ritorno e con appresso bambini anche molto piccoli. Si cominciava che per continuare
non era ancora giorno, si finiva che il sole era gi tramontato. Da scuro a scuro altrove il
lespressione ampiamente diffusa per riassumere il ricordo di quellesperienza. loro futuro. e
dellincredibile
hanno le
vicende che si
trovarono
ad affrontare

SDAPI133_10.indd 85 11/01/11 11:06


SDAPI133_10.indd 86 11/01/11 11:06
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 87

inter venti
iL confine orienta Le,
La scuo La e Linsm Li
Questo intervento la sintesi di un confronto a pi voci a cui hanno partecipato, ol-
tre allautrice, presidente della Commissione Formazione dellIstituto nazionale per la
storia del movimento di liberazione in Italia, Antonella Braga e Mauro Begozzi (Isti-
tuto storico della Resistenza e della societ contemporanea nel Novarese e nel Verbano
Cusio Ossola Piero Fornara Novara), Enrico Pagano (Istituto per la storia della di
Resistenza e della societ contemporanea nelle province di Biella e Vercelli Cino Mo- a urora
scatelli), Luciana Rocchi (Istituto storico grossetano della Resistenza e dellet contem- delmonaco
poranea), Maria Rocchi (Istituto romano per la storia dItalia dal fascismo alla Resi-
stenza), Fabio Todero (Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nel
Friuli-Venezia Giulia).

Prima che nel 2004 fosse istituito il Giorno del Ricordo, nella rete degli Isti-
tuti della Resistenza e dellet contemporanea facenti capo allInsml I 1 il tema
era stato messo pi volte allordine del giorno dallIstituto di Trieste 2. stato
questo Istituto a produrre fin dagli anni s essanta le ricerche storiografiche pi
serie 3, quelle che hanno contribuito a definire poi la Venezia Giulia un labo- Prima che
ratorio della contemporaneit nellEuropa centrale. In esso hanno lavorato per nel 2004 fosse
anni fianco a fianco docenti delluniversit e della scuola pubblica, gli uni e gli istituito il
altri interessati alla condivisione e allo scambio dei punti di vista. Questa, del re- Giorno
sto, una caratteristica della Rete dellInsml I. del r icordo,
l Istituto ha aperto gli anni Ottanta con Storia di un esodo. Istria 1945-1956 4; nella rete
negli anni n ovanta, con la crisi jugoslava e le guerre che ne sono derivate, ha po- degli istituti
tenziato limpegno nella scuola e per la scuola; il volume Il confine mobile. Atlan- della
te storico dellAlto Adriatico 1866-1992. Austria, Croazia, Italia, Slovenia 5, fu uno r esistenza
strumento preparato da un gruppo di insegnanti per i colleghi e per gli studenti. e dellet
contemporanea
facenti capo
1. Istituto n azionale per la s toria del m ovimento di l iberazione in Italia Ferruccio Parri; la allinsm Li
Rete conta oggi 66 Istituti associati al n azionale, e 9 collegati.
il tema era
2. Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nel Friuli-Venezia Giulia.
3. G. Fogar, Sotto loccupazione nazista nelle provincie orientali, Del Bianco, Udine, 1961; T. stato messo
Sala, La crisi finale nel litorale adriatico: 1944-1945, Del Bianco, Udine, 1962; E. Maserati, pi volte
Loccupazione jugoslava di Trieste: maggio-giugno 1945, Del Bianco, Udine, 1963; E. Apih, Ita- allordine
lia, fascismo e antifascismo nella Venezia Giulia, 1918-1943: ricerche storiche, l aterza, Bari, 1966.
del giorno
4. C. Colummi L. Ferrari G. Nassisi G. Trani, Storia di un esodo. Istria 1945-1956,
IRsml FVG, Trieste, 1980.
5. Edizioni della l aguna, m ariano del Friuli, 1995.

SDAPI133_11.indd 87 11/01/11 11:06


88 studi e documenti de GLi anna Li de LLa Pubb Lica istruzione

inter venti n ellultimo decennio, da un lato il Giorno del Ricordo ha richiamato le scuo-
le al tema, dallaltro limpegno della Rete sulleducazione alla cittadinanza di-
ventato lasse delle convenzioni fra lInsmli e il m PI/m IUR: le vicende del con-
fine orientale laboratorio didattico sulla linea che ha tagliato lEuropa, la vita
delle popolazioni, le memorie, i diritti sono il naturale crocevia di questi due
tracciati. Cos nel 2005 tutta la Rete si incontrata a Torino in un corso resi-
denziale intensivo 6 i cui atti sono nel volume DallImpero asburgico alle foibe 7.
In quel corso furono messe le basi della disseminazione formativa in cui, per
esempio, l uciana Rocchi riconosce lorigine del corposo progetto dellIstituto di
Grosseto da lei diretto. l , ella afferma, si trasse dalla migliore storiografia della Re-
te il modello interpretativo che estese il tempo delle vicende, non pi chiuse tra le
foibe e lesodo, apr la dimensione europea dei confini e degli spostamenti di po-
polazioni, mise a fuoco il tema delle relazioni interculturali nei processi nazionali.
Da quelle categorie, da quelle concettualizzazioni sono nate iniziative di formazio-
ne-aggiornamento per i docenti su tutta la contemporaneit italiana ed europea.
l Istituto di Grosseto giunto al quinto anno delle sue proposte didattiche agli
insegnanti toscani sulla storia del confine orientale grazie a diversi fattori: una
felice consonanza tra lIstituto, la Regione Toscana e lUfficio scolastico regio-
nale, la collaborazione dellIstituto di Firenze 8, il consenso dimostrato dai diri-
genti e dai docenti che ogni anno sono aumentati fino alla partecipazione com-
plessiva, diretta e non episodica, di oltre 500 insegnanti; tutto ci ha permesso
di costruire oggi una rete di docenti-esperti, uno per ogni provincia toscana, in
La convinzione grado di disseminare nella regione il risultato del percorso formativo, rappresen-
degli istituti tando un punto di riferimento per le scuole del territorio sollecitate anche dalla
che questa Giornata del Ricordo.
data, come le l a convinzione degli Istituti che questa data, come le altre del calendario civi-
altre le, debba essere vissuta come tappa di conoscenza, e non come rito celebrativo.
del calendario E tuttavia, interviene Enrico Pagano, esistono evidenti problemi: se le iniziative
civile, debba si accentrano sulla ricorrenza, non possono svilupparsi progetti didattici pi in-
essere vissuta cisivi; lo scarso intervallo temporale rispetto al Giorno della m emoria diventa
come tappa un fattore selettivo; lo sfasamento tra il calendario civile e i programmi di storia
di conoscenza, per gli insegnanti una remora. l interesse delle scuole, infine, soprattutto delle
e non come superiori di primo grado, sono frenate non tanto dal timore di strumentalizza-
rito celebrativo zioni, che pure emerge in alcuni docenti, quanto dalla scarsa conoscenza gene-
rale di un argomento cos complesso.

6. Corso di formazione per insegnanti e formatori sulla s toria della Frontiera Orientale, orga-
nizzato per il 17-20 ottobre 2005 dalllIstituto n azionale per la s toria del m ovimento di l ibe-
razione in Italia, con lIstituto Regionale per la s toria del m ovimento di l iberazione nel Friuli-
Venezia Giulia e con lIstituto piemontese per la storia della Resistenza e della societ contem-
poranea Giorgio Agosti, dintesa con la Regione Piemonte.
7. Bollati Boringhieri, Torino, 2009.
8. Istituto s torico della Resistenza in Toscana.

SDAPI133_11.indd 88 11/01/11 11:06


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 89

inter venti
Che fare, dunque? Da tale realt lIstituto Cino m oscatelli ha ricevuto un for-
te stimolo per rivedere cronologie, temi e metodi delle proposte didattiche, e ci
ha avviato, dopo lunica esperienza del 2005, una progressione che ha coinvolto
il mondo scolastico in diversi incontri e ha consolidato una competenza inter-
na. l Istituto ora possiede risorse proprie che offriranno, a partire dal prossimo
anno, iniziative di pi ampio respiro, con laboratori per studenti protagonisti
del proprio apprendimento.
l esperienza di Antonella Braga e m auro Begozzi segnala che per il Giorno del
Ricordo le richieste delle scuole sono aumentate e, se talvolta sono apparse su-
perficiali o segnate da chiusure preconcette di opposta tendenza, spesso la dispo-
nibilit di studenti e insegnanti ha consentito di passare da letture semplicistiche
a percorsi di pi ampio respiro e profondit.
Dal punto di osservazione triestino di Fabio Todero, lattenzione al calendario
civile nel suo complesso la Grande Guerra, la Giornata della m emoria, il
Giorno del Ricordo, il 25 aprile, il 2 giugno e ai numerosi luoghi della me-
moria sul territorio (Risiera di s an s abba e Foiba di Basovizza in primis) stimo-
lano nei giovani la voglia di conoscere e un sentimento di partecipazione attiva
alla vita delle terre di confine.
Ci apre la riflessione sul rapporto tra memoria, conoscenza storica e i luoghi che
ne offrono le tracce. C il rischio concreto che la visita acquisti la leggerezza di
una gita, oppure che guide improvvisate facciano leva su emozioni superficiali,
seppellendo conoscenza e consapevolezza. Perch siano evitati tali rischi lIstitu-
to di Torino, ad esempio, ha promosso nel 2009 un corso di sette giornate per Perch la
insegnanti, educatori, operatori museali. memoria
m aria Rocchi rimarca: Perch la memoria condensata in un luogo sia decodifi- condensata
cabile, occorre collocarla entro una narrazione storiografica che informa, coglie i in un luogo sia
problemi, restituisce uno sguardo pi distante e complesso delle vicende specifi- decodificabile,
che. Incrociando storia e memoria, anche il luogo ne riceve una sua ridondanza occorre
di senso, coinvolgendo la soggettivit delle ragazze e dei ragazzi che lo frequen- collocarla
tano. Per l uciana Rocchi, quando si propongono da un lato fonti storiogra- entro una
fiche, documenti darchivio, memorialistica e testimonianze orali, e si provoca narrazione
dallaltro un impatto emotivo e intellettuale attraverso lesperienza nei luoghi di storiografica
una memoria ancora bruciante, non conciliata com avvenuto in un viaggio che informa
di studio nelle zone di confine 9 , la complessit di un tormentato segmento di
storia si pu tradurre in opportunit, motivando gli insegnanti a farne un tema
forte del curricolo di storia, utile a comprendere il difficile percorso dellItalia ver-
so la Repubblica e la Costituzione. Il viaggio da Grosseto ai luoghi di memoria
del Confine stato preceduto per quattro anni da lezioni-laboratorio, e lulti-

9. Viaggio di studio (25-29 marzo 2009) a Trieste e zone limitrofe, lIstria, l ubiana; vi hanno
partecipato: quattro docenti degli Istituti di Grosseto e Firenze, dieci insegnanti, uno per cia-
scuna provincia toscana

SDAPI133_11.indd 89 11/01/11 11:06


90 studi e documenti de GLi anna Li de LLa Pubb Lica istruzione

inter venti mo ciclo ha coinvolto tutte le dieci province toscane. s i sono svolti due semina-
ri permanenti con insegnanti di scuola media superiore uno sulla storiografia,
uno sulle fonti per la presenza dei profughi istriano-dalmati in Toscana tutti
finalizzati alla costruzione di percorsi didattici. s i giunti a formare un gruppo
di lavoro che condivide passione per la ricerca e gusto per la didattica, riunito
periodicamente in seminari interdisciplinari sulla storiografia e sulluso didatti-
co delle fonti. l a creazione di una biblioteca specializzata negli istituti di Firen-
ze e Grosseto ha consentito di produrre tre strumenti didattici 10.
s e la storia , in fondo, incontri fra soggettivit di oggi e altre lontane nel tem-
po, i tre assi entro cui si orienta la didattica largamente praticata nella Rete sono
il tempo, lo spazio e, appunto, le soggettivit umane. Ci spiega lattenzione ri-
volta alle storie nella storia, in generale, ma soprattutto per questa storia.
Antonella Braga e m auro Begozzi ricordano il convegno internazionale dellan-
no 2007/2008 Donne, memoria e confine, che lIstituto Piero Fornara or-
ganizz per docenti e studenti delle scuole superiori, in cui furono messe a con-
fronto la memoria e le esperienze di donne di diverse generazioni nate in Istria
e impegnate, da una parte, nella comunit italiana in s lovenia e in Croazia e,
dallaltra, nella comunit di esuli in Italia, che hanno composto un affresco a
pi mani dellesodo giuliano-dalmata. s u questa stessa linea, hanno proposto al-
le scuole superiori, oltre agli strumenti della memorialistica e alle fonti lettera-
rie, il video dellIstituto stesso Profughi a Novara nel dopoguerra e, soprattutto, le
testimonianze offerte da alcuni componenti della comunit novarese di profu-
s e la storia ghi sempre disponibili al confronto e ostili a ogni strumentalizzazione ideologi-
incontri fra ca della loro storia; altro importante supporto didattico la mostra dellIstituto
soggettivit di Torino LIstria, lItalia, il mondo. Storia di un esodo: istriani, fiumani, dalma-
di oggi e altre ti a Torino, inaugurata nel 2005, con sezioni dedicate alle province di n ovara e
lontane di Alessandria, a cura dei rispettivi Istituti. Del resto, lattenzione per larrivo e
nel tempo, linsediamento degli esuli ha avuto nellIstituto piemontese uno degli interpreti
i tre assi entro pi tempestivi attraverso varie iniziative 11.
cui si orienta Tutto ci esplicita anche un altro aspetto proprio del lavoro storico-didattico de-
la didattica gli Istituti, la messa in luce del rapporto fra diversi piani spaziali.
largamente Quando si sono osservate le dinamiche dellesodo nel territorio biellese, vercellese
praticata nella e valsesiano, racconta Enrico Pagano, si colto il rapporto fra le dimensioni na-
r ete sono
il tempo, 10. l . Benedettelli M. Fiorani L. Rocchi (a cura di), Per una storia del Confine orientale.
Fra guerre, violenze, foibe, diplomazia. Materiali didattici, edizione Is GREC, Grosseto, 2007; il
lo spazio e le
documentario, La nostra storia e la storia degli altri. Viaggio intorno al Confine orientale, produ-
soggettivit zione Is GREC-Associazione n On E, Grosseto, 2009; una mostra itinerante (2010).
umane 11. Gli Istriani a Torino. Percorsi tra le memorie e la storia. Per la costruzione di una cit-
tadinanza europea, s eminario di studio e incontri nelle scuole torinesi, Torino, 10 e
11 marzo 2004; Lezioni dallesodo. Giornata di studio. Nuove ricerche, nuovi problemi /
Lesodo istriano e i suoi contesti nei percorsi di formazione della scuola, Torino, 9 febbraio
2005; E. Miletto, Con il mare negli occhi. Storia, luoghi e memorie dellesodo istriano
a Torino, FrancoAngeli, m ilano, 2005.

SDAPI133_11.indd 90 11/01/11 11:06


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 91

inter venti
zionale e locale, e i contenuti generali della comunicazione didattica si sono tra-
sferiti nelle esperienze vissute di unaccoglienza a doppio binario, quello solidale
di istituzioni e associazioni laiche e religiose, quello della diffidenza ideologica e
culturale da parte delle comunit locali, al limite del rifiuto e dellemarginazione.
Ed stimolante anche comprendere come, superando le diffidenze, si sia anda-
ti verso lintegrazione nei luoghi di lavoro e di svago e con i matrimoni misti.
n el confronto a pi voci sorge a questo punto il problema di definire, se esiste,
un metodo specifico nellimpegno degli Istituti.
Una prima singolarit della nostra azione osserva l uciana Rocchi consiste
nel fatto che possiamo fruire delle risorse scientifiche, bibliotecarie, archivisti-
che disseminate in rete, che consentono di dare concretezza al rapporto ricerca-
didattica in cui i principali protagonisti sono i nostri docenti comandati, non fer-
mandoci ad astratte teorizzazioni. Un buon lavoro di formazione/aggiornamen-
to degli insegnanti si fonda su due premesse. l a prima riguarda i contenuti: la
storia-materia ha bisogno dellimmersione nella storia-disciplina, di un rappor-
to diretto fra ricerca e didattica, soprattutto se si tratta di temi esemplari, come
quello del confine orientale, se condividiamo la definizione per esso di laboratorio
della storia del Novecento e se teniamo conto che si tratta di un caso, non unico
ma evidente, di storia e memoria doppiamente negate. n on hanno avuto diffu-
sione gli studi da tempo pubblicati e poco ascolto ha ricevuto il dolore delle vit-
time; ma il rumore di narrazioni pseudo-storiche, prive di rigore metodologico,
ha prodotto semplificazioni e stereotipi. l a seconda premessa riguarda i possibi-
li modelli formativi. Gli esempi proposti, progetti sperimentali di formazione il rumore
in servizio degli insegnanti, puntano alla creazione graduale di piccoli gruppi di di narrazioni
docenti-esperti, che trasmettano ai colleghi conoscenze, competenze, esperienze pseudo-
didattiche realizzate negli itinerari personali e di gruppo. storiche,
s e dagli insegnanti si passa al terreno formativo delle classi, tutte le esperienze prive di rigore
concordano nel disegnare la variet dei modi in cui la Rete rende concreto il suo metodologico,
impegno: laboratori, organizzazione di viaggi di studio, ricerche storico-didatti- ha prodotto
che, raccolte di fonti archivistiche e orali, produzioni multimediali, mostre, in- semplificazioni
contri con i testimoni e anche lezioni frontali, se necessario. e stereotipi
Per facilitare lapprendimento, ricorda Fabio Todero, listituto di Trieste ha pre-
parato un percorso in PowerPoint che comprende carte storico-tematiche 12, con-
sentendo anche esperienze laboratoriali grazie alla presenza di unapposita car-
tografia manipolabile da parte degli studenti. l a proposta offre lopportunit di
inserire i percorsi storici previsti dai docenti su una solida base geografica, con-
sentendo di affrontare riflessioni estensibili a contesti diversi sulla formazione
degli s tati nazionali, sul nazionalismo e sul confronto etnico. l o stesso intento
documentario, volto a costruire validi strumenti a disposizione della scuola,
allorigine dellapplicazione Web LEsodo istriano-fiumano-dalmata in Piemonte.

12. Ricavate dal CDRom Storia del confine orientale italiano 1797-2007 dellIstituto stesso.

SDAPI133_11.indd 91 11/01/11 11:06


92 studi e documenti de GLi anna Li de LLa Pubb Lica istruzione

inter venti Per un archivio della memoria pubblicato nel sito dellIstituto piemontese 13. E
gli esempi potrebbero moltiplicarsi.
Tutto ci indica un percorso di ampio respiro, osserva Antonella Braga, che con-
sente di uscire da una prospettiva puramente retorica ed estemporanea legata al-
la ricorrenza, proponendo una modalit laboratoriale capace di volgere la rifles-
sione anche alloggi, al presente. Ed questo un altro polo che orienta lazione
didattica della Rete.
Conclude Fabio Todero: Alla tragica storia del confine orientale appartengono
pienamente il parossistico susseguirsi di transizioni, il sistematico utilizzo ideologi-
co della categoria della differenza, la negazione anche violenta dei diritti, ma pure
lacquisizione di unidea di cittadinanza aperta e inclusiva che tragga consapevo-
lezza dalla storia, riconoscendo in essa i momenti in cui si lott per i principi ora
sanciti dalla nostra Costituzione. Il lavoro didattico su tali tematiche pertanto
fondamentale per i nuovi cittadini di questo territorio, indipendentemente dalla
loro provenienza, interpretata semmai come un valore positivo di arricchimento
del contesto culturale locale. un contributo alleducazione di generazioni che,
a differenza di quelle che le hanno precedute, possano vivere davvero senza con-
fini, non soltanto quelli che la convulsa storia della frontiera orientale ha creato
in un vortice complesso di trasformazioni e che ora sono finalmente caduti, ma
quelli pi duraturi che possono sussistere nella memoria e negli animi e conti-
nuare a dividere ci che la nuova Europa sta finalmente unendo.

13. Cfr. http://intranet.istoreto.it/esodo/

SDAPI133_11.indd 92 11/01/11 11:06


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 93

inter venti
iL confine orienta Le:
La storia, La memoria,
La scuo La

di
Strutturare un percorso di approfondimento sulle vicende che hanno segnato la maria r occhi 1
storia del confine orientale italiano dal 1943 al 1954 rende necessario interro-
garsi su quali apprendimenti, oltre naturalmente a quelli disciplinari, si intende
mettere in atto nella relazione didattico-formativa.
Listituzione della Giornata del ricordo ha proposto, anno dopo anno, allatten-
zione di studenti e docenti gli eventi che hanno dolorosamente segnato la vita
delle popolazioni di un territorio caratterizzato da sempre dalla difficile convi-
venza di diversit etniche, linguistiche e culturali.
Il pericolo che la ritualit della proposta possa attenuare le valenze educative e
formative sempre in agguato. Allora, in quali cornici inserire la narrazione di
questa storia? s trutturare
Sicuramente dal punto di vista strettamente disciplinare nelle cornici concen- un percorso di
triche della Seconda guerra mondiale, della guerra fredda e, allargando ulterior- approfondimento
mente a ritroso, sino ai conflitti che segnarono la storia dellImpero austro-un- sulle vicende
garico e del nostro Risorgimento. che hanno
Ma necessario individuare anche cornici transtoriche che trasformino quelle segnato
narrazioni in occasioni di riflessione sulle fondamentali parole- chiave che deli- la storia del
neano lagire umano: differenze, diritti, responsabilit, identit, appartenenza. confine orientale
Tali premesse hanno sostanziato i percorsi che lIRSIFAR (Istituto romano per italiano dal 1943
la storia dItalia dal Fascismo alla Resistenza) ha offerto, sulle tematiche in og- al 1954 rende
getto, a docenti e studenti delle scuole di Roma 2. necessario
interrogarsi
1. Responsabile didattica e formazione IRSIFAR (Istituto Romano per la Storia dItalia dal Fa- su quali
scismo alla Resistenza), membro della Commissione Nazionale Formazione INSMLI (Istituto
apprendimenti
Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia).
2. Liceo scientifico M. Malpighi, Nazionalismo e violenze nelle trasformazioni del confine orien- si intende
tale, 10 febbraio 2006; Liceo classico Lucrezio Caro, La questione del confine tra polemica po- mettere in atto
litica e storiografia, 9 febbraio 2007; Liceo classico Aristotele, Foibe, dalluso pubblico alla ricer- nella relazione
ca storiografica, 6-13 febbraio 2007; Liceo scientifico Keplero, Il confine orientale dallImpero
didattico-
austro-ungarico al secondo dopoguerra, 11 febbraio 2008; Liceo scientifico Cavour, Le trasfor-
mazioni del confine orientale: i luoghi, gli eventi, la memoria, 20 febbraio 2009; Convitto nazio- formativa
nale, Storiografia, letteratura e cinema per leggere le trasformazioni del confine orientale, 21 febbraio

SDAPI133_12.indd 93 11/01/11 11:06


94 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti I percorsi si configurano come lezioni-laboratorio in cui la variet delle fonti con-
corre alla creazione di un luogo che possa accogliere la molteplicit, la comples-
sit, le stratificazioni di luoghi, tempi,voci che compongono questa difficile storia.

La storia

La contestualizzazione storica, supportata dalla presentazione in PowerPoint,


affiancata dalla visualizzazione di carte geografiche per offrire, con maggiore ef-
ficacia, il senso delle mutazioni di confini e zone di influenza.
Litinerario nel tempo e nello spazio ha lo scopo di non chiudere lanalisi nel mi-
cro-contesto spaziale e temporale della sola area giuliano-dalmata tra il 1943 e il
1954, ma di ragionare su un arco cronologico e spaziale pi ampio che compren-
da le dinamiche del tardo Ottocento sino alloccupazione dellarea jugoslava da
parte dellesercito dellAsse nel 1941, e, verso il presente, le vicende delle guer-
re degli anni Novanta del secolo scorso che hanno ridisegnato larea balcanica.
Questa scelta permette di avviare la ricostruzione critica delle ferite, dei conflitti
di un territorio fortemente plurale che insieme ad altri territori europei sta-
to segnato dalla tragedia di esodi, massacri, espulsioni forzate. Il percorso nella
Storia chiuso dallanalisi del rapporto finale della commissione storica italo-
slovena per evidenziare il tentativo di ricomposizione del passato nel progetto di
una comune identit europea.
immagini e
testimonianze
possono essere La memoria
utilizzate
per avviare Per dare corpo a ci che avvenuto si propone la visione di due documenti vi-
processi deo e di alcune sequenze di un film prodotto appena terminata la guerra 3. Im-
di riflessione mediatamente luoghi e tempi si popolano di esseri umani, di paesaggi, di og-
che separino getti, di voci. Testimonianze e narrazioni rendono visibili non solo quello che i
la s toria dalla soggetti hanno fatto, ma quello che volevano fare, credevano di fare, le motiva-
strumentaliz- zioni, i giudizi, i ripensamenti, le razionalizzazioni. I differenti vissuti, le scelte
zazione antagoniste offrono limmagine di una umanit offesa che, accanto agli aspet-
del dolore ti peculiari, contiene in s le caratteristiche universali delle vittime dei conflit-
e della morte ti contemporanei.

2009, in preparazione al viaggio-studio organizzato dal Comune di Roma nel territorio delle
foibe; Casa della memoria e della storia, Lesodo degli italiani dallIstria, corso di formazione per
docenti, 25 febbraio 2009; Liceo classico e linguistico Anco Marzio, Il problema del confine
orientale tra storia e memoria, 4 febbraio 2010; Liceo scientifico Amaldi, La tragedia delle foi-
be e lesodo istriano, 23 marzo 2010.
3. Si veda nella bibliografia di riferimento la sezione Film e Video.

SDAPI133_12.indd 94 11/01/11 11:06


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 95

inter venti
Immagini e testimonianze possono essere utilizzate per avviare processi di rifles-
sione che separino la Storia dalla strumentalizzazione del dolore e della morte e
porre in essere ci che auspica Claudio Magris:

[] usare i morti come un manganello sacrilego e blasfemo nei loro confronti;


i morti vanno tenuti sempre presenti nel nostro ricordo, accanto a noi, non disse-
polti per manipolarli 4.

La Letteratura

La fase conclusiva del percorso comprende un viaggio tra i versi di una poe-
sia ormai scomparsa dai programmi scolastici e brani scelti da diari e romanzi 5.
Nella poesia lautore sperimenta, nella Milano del 1845 in piena occupazione au-
striaca, la trasformazione del suo disprezzo e della sua ostilit nei confronti del-
le truppe croate in un sentimento di compassione e di vicinanza che gli restitui-
sce la consapevolezza del comune destino di oppressione. Nelle pagine in prosa
i protagonisti dei tragici eventi del 1943 e del 1947 riattraversano, in diverse et
della loro vita, i ricordi, i sentieri della memoria per cercare di chiarire, prima di
tutto a se stessi, il senso di ci che successo.
La narrazione colma linevitabile silenzio delle fonti, permette di vagare nella
testa della gente e ricostruire la dimensione vissuta del passato, sonda le ragio-
ni profonde dellagire e caccia sullo sfondo le circostanze. Le pagine lette mo- La riflessione
strano gli scontri di culture diverse che alternativamente hanno riservato allAl- pu
tro soprusi, emarginazione, persecuzioni, evidenziano quanto sia difficile entrare concentrarsi
in contatto con la comune umanit di chi connotato come nemico e come su come fare
si rimanga incastrati nel risentimento, nellodio e nella acritica esaltazione della propria
propria appartenenza culturale. la possibilit
Del nemico non si sopporta pi nulla, chi ha perso pu solo andare via, ab- di entrare
bandonare tutto. nei panni
Le sofferenze non finiscono neppure con larrivo in Italia: precariet, diffiden- dellaltro
za, incomprensione segneranno ancora a lungo la vita degli esuli nei luoghi di e trasformare
accoglienza. il senso
Al termine della lettura e dei confronti incrociati su parole e immagini, la rifles- di estraneit
sione pu concentrarsi su come fare propria la possibilit di entrare nei panni nella
dellaltro e trasformare il senso di estraneit nella percezione di una comune ap- percezione di
partenenza al fragile e precario destino umano. una comune
appartenenza
al fragile
e precario
4. Cit. in J. Foot, Fratture dItalia, Rizzoli, Milano, 2009, p. 119. destino umano
5. Si veda nella bibliografia di riferimento la sezione Letteratura.

SDAPI133_12.indd 95 11/01/11 11:06


96 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti La scuo La

Nellultimo decennio la scuola italiana ha visto intensificarsi lattenzione ai te-


mi inerenti la cittadinanza: la sfera dei diritti, il binomio appartenenza/identi-
t, lincontro/scontro delle differenze. Dallo scorso anno scolastico stata intro-
dotta, quale materia di insegnamento, lora di Cittadinanza e Costituzione.
Il percorso di approfondimento sulle vicende del nostro confine orientale pu
essere inserito a pieno titolo nella programmazione didattica di educazione al-
la cittadinanza.
Mantenere viva la memoria degli ambiti in cui i diritti umani sono stati profon-
damente violati, in cui la compresenza di differenti culture ha prodotto trage-
die pone allattenzione delle nuove generazioni la necessit di impegnarsi per la
difesa della dignit umana e della pienezza dei diritti. Solo ricordando e cono-
scendo i momenti del passato in cui le libert sono state negate si pu conferi-
re il giusto e dovuto valore alle conquiste democratiche contenute nella nostra
Carta Costituzionale.
Il passato pu trasformarsi in tessuto connettivo tra le generazioni e la sua inter-
pretazione coniugarsi con la cura per il presente e la progettualit verso il futuro.
La scuola allora si presenta come il luogo privilegiato in cui rafforzare il convin-
cimento che aver cura dei contesti di libert e di rispetto per la dignit umana
compito quotidiano, cui dobbiamo attendere ogni giorno senza mai stancarci.

s olo
ricordando bib Liografia di riferimento
e conoscendo
i momenti del Saggi
passato in cui M. Cattaruzza (a cura di), Nazionalismi di frontiera. Identit contrapposte sullAdriati-
le libert sono co nord-orientale 1850-1950, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2003.
G. Crainz, Il dolore e lesilio, Donzelli, Roma, 2005.
state negate si
G. Crainz R. Pupo S. Salvatici (a cura di), Naufraghi della pace. Il 1945, i profu-
pu conferire
ghi e le memorie divise dEuropa, Donzelli, Roma, 2008.
il giusto e E. Miletto, Istria allo specchio. Storia e voci di una terra di confine, FrancoAngeli, Mi-
dovuto valore lano, 2007.
alle conquiste R. Pupo, Il lungo esodo. Istria: le persecuzioni, le foibe, lesilio. Rizzoli, Milano, 2005.
democratiche G. Oliva, Profughi, Mondadori, Milano, 2005.
contenute nella Relazione della Commissione italo-slovena sui rapporti tra i due paesi, in Storia contem-
nostra c arta poranea in Friuli, a. XXX, n. 31, 2000.
c ostituzionale M. Verginella, Il confine degli altri, Donzelli, Roma, 2008.

Letteratura
E. Bettiza, Esilio, Mondadori, Milano, 1998.
G. Giusti, SantAmbrogio, in Opere, a cura di M.Sabatucci, UTET, Torino, 1976.
M. Madieri, Verde acqua. La radura. (racconti), Einaudi, Torino, 1987.

SDAPI133_12.indd 96 11/01/11 11:06


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 97

inter venti
C. Magris, Microcosmi, Garzanti, Milano, 1997.
A.M. Mori Nelida Milani, Bora, Frassinelli, 1998.
A.M. Mori, Nata in Istria, Rizzoli, Milano, 2006.
F. Tomizza, Materada, Bompiani, Bologna, 1982.
B. Pahor, Qui proibito parlare, Fazi, 2008.

Film e video
A. Bonnard, Nella citt dolente, Italia, 1949.
A.M. Mori, Istria, diritto alla memoria, Rai, 1997.
A. Medved, N. Veluscer, Meja Moja (il mio confine), Kinoatelje, Rai, 2002.

SDAPI133_12.indd 97 11/01/11 11:06


SDAPI133_12.indd 98 11/01/11 11:06
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 99

inter venti
Le ragioni di un
impegno istoreto

Il calendario civile della nostra Repubblica, venuto a conteggiare un cospicuo


numero di date affidate alla scuola per la sua celebrazione, cos come lesistenza
di uno spazio riconosciuto per la contemporaneit hanno sollecitato le scuole,
in numero sempre crescente, a progettare percorsi in grado di attraversare i sin- di
goli eventi inseriti a calendario e di ricollegarli ai processi che in essi si manife- r iccardo
stano. Per dirla in parole diverse, hanno saputo sottrarre unopportunit prezio- marchis
sa di formazione ai rischi di unadesione solo esteriore, presente nella successio-
ne delle ricorrenze, e hanno voluto dotarsi di chiavi interpretative e concettua-
lizzazioni che uniscano le singole tessere in un mosaico costituito, nellinsieme,
dalla storia del secolo passato.
Tale atteggiamento ha accompagnato fin dal loro sorgere le iniziative che han-
no preceduto ed accompagnato listituzione del Giorno del Ricordo delleso-
do istriano e da l sono proseguite di anno in anno lungo linee che scoprivano
nuove ragioni di un impegno.
In queste note mi limiter ad esporre alcune delle rilevanze lungo le quali si sono Le scuole
costruiti i percorsi di ricerca didattica messi a punto a Torino a partire dallan- hanno saputo
no scolastico 2003/2004, consapevole del fatto che si adatterebbero a fotografa- sottrarre
re con fedelt numerose altre situazioni, attive su analoghe coordinate. Per cen- unopportunit
sirle e raccordarle, per, senza incorrere in involontarie omissioni, andrebbero preziosa
individuate le sedi di confronto da pi parti auspicate che riuniscano le voci di formazione
degli autori di tali esperienze a quelle delle agenzie formative loro interlocutrici ai rischi
e dei Testimoni, riferimento essenziale dei lavori didattici. questo un auspicio di unadesione
che ispira anche queste pagine. solo esteriore
Analizzando in controluce i diversi cantieri che si sono realizzati nella realt to- e hanno
rinese emergono con evidenza i seguenti approcci, variamente combinati nelle voluto dotarsi
singole iniziative 1: di chiavi
interpretative
il recupero delle memorie del passato, inteso come doveroso riconoscimen- che uniscano le
to alle vittime dellesodo e delle foibe, due volte penalizzate non solo da- singole tessere
in un mosaico
costituito
dalla storia del
1. Per conoscere i dettagli delle iniziative condotte e delle produzioni realizzate si veda il sito
Istoreto alla pagina http://www.istoreto.it/didattica/1002_home.htm ove sono enumerate per i secolo passato
diversi anni, sino alla.s. 2003/2004.

SDAPI133_13.indd 99 11/01/11 11:07


100 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti gli eventi, ma anche dal silenzio che si stese, al sorgere della guerra fred-
da, sulle tragiche vicende che li avevano visti incolpevoli protagonisti. Un
silenzio animato da diverse e tuttavia convergenti motivazioni, sostenute
dalle forze di governo e di opposizione, e rotto solamente dalle strumen-
tali profferte provenienti dalla destra estrema, attardata in una visione di
nazionalismo esasperato che riportava indietro nel tempo. Solo con la ca-
duta del Muro la situazione venne a modificarsi e la memoria dellesodo,
gelosamente custodita dagli istriani e dalle loro associazioni, ha conosciu-
to una rinnovata attenzione.

Dunque un ricorso doveroso alle testimonianze dei protagonisti, attraverso il con-


corso prezioso dellANVGD del Piemonte, generoso tramite tra le comunit de-
gli esuli e le scuole. Dallinsieme delle memorie emerge il racconto collettivo di
una tragedia troppo presto dimenticata e un rimando essenziale allo studio del
suo significato nella storia del nostro Paese, lungo le linee tracciate da una con-
solidata storiografia, che ne rileva il carattere inequivocabile di conseguenza del-
la sconfitta patita dallItalia in una guerra disastrosa.

Lanalisi dellesodo istriano in relazione ai giganteschi fenomeni di spostamen-


ti di popolazione che caratterizzarono lEuropa al termine del secondo con-
flitto mondiale, dal Mare del Nord allAdriatico, in particolare ai danni del-
le popolazioni legate per loro storia ai Paesi sconfitti. Un tema anchesso
dallinsieme poco studiato e volutamente ignorato a livello dopinione sia nei Paesi che
delle memorie ne furono attori, sia in quelli che ricevettero i flussi di esodanti. Un atteggia-
emerge mento comune che rivelava un rapporto irrisolto con quel passato, che risulta
il racconto oggi necessario conoscere nella prospettiva europea, per la densit di lezioni
collettivo di che contiene sul presente e per le chiavi di lettura che offre sui conflitti che
una tragedia alle soglie del nuovo millennio hanno fatto tristemente riparlare di esodi
troppo presto e persecuzioni contro i civili come strumento feroce della guerra.
dimenticata Lattenzione dedicata ai due termini esodo e arrivo, congiuntamente con-
e un rimando siderati, con lintenzione di analizzare non solo le forme dellesodare ma an-
essenziale allo che quelle dellinserimento nelle nuove realt di approdo, sparse per ci che
studio del suo riguarda lItalia in pi di cento localit, da Nord a Sud.
significato
nella storia del Questo versante di studi ha consentito, ad esempio nel caso di Torino e del Pie-
nostro paese monte, di analizzare litinerario compiuto dalla comunit istriana dai momenti
spaesanti dellarrivo nel campo profughi sino alla laboriosa partecipazione alla sta-
gione della grande trasformazione e del boom economico, momento cruciale
di costruzione di un rinnovato profilo delle nostre regioni e citt, a cui altri mas-
sicci arrivi venivano contribuendo in modo determinante, sospinti questa volta
non dalla coercizione dellesilio senza ritorno, ma dalle dure necessit del bisogno.
Il ricostruire le vicende di questa presenza offre dunque motivi di studio legati

SDAPI133_13.indd 100 11/01/11 11:07


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 101

inter venti
ai decenni dellItalia repubblicana e alle pagine della sua modernizzazione, sol-
cata da fenomeni complessi e da laboriosi itinerari di integrazione come il caso
torinese sta a mostrare.

Un ulteriore motivo che ha percorso alcune significative esperienze il tema


del confronto sui temi dellesodo tra le scuole delle due sponde dellAdriati-
co, nella prospettiva di una comune cittadinanza europea. Le attivit condot-
te per un triennio tra il 2003 e il 2006 da un gruppo di istituti superiori della
provincia di Torino, in unione alle scuole italiane di Pola e Rovigno e al liceo
sloveno di Trieste 2 hanno trovato nel corso del loro sviluppo complementari
ragioni a sostegno nella concomitante iniziativa del Consiglio dEuropa che
proclam il 2005 anno europeo della cittadinanza attraverso leducazione.

Il filo conduttore e la trama sottesa alle varie tappe del progetto sono state iden-
tificate nella genesi e nella fenomenologia dei pregiudizi identitari, nelle dina-
miche dellesclusione-inclusione, considerate una chiave di lettura antropologi-
ca utile per affrontare gli eventi drammatici che contraddistinguono e accomu-
nano spesso le vicende delle regioni confinarie. Le iniziative di studio adottate
di conseguenza e i due seminari di contatto effettuati a Torino e in Istria hanno
consentito larticolazione del lavoro in numerosi ambiti di ricerca didattica im-
pegnando nella loro esecuzione, in particolare, la ricca letteratura di confine
e le complesse identit che vi si rivelano, attraverso le opere di autori come To-
mizza, Pahor, Madieri, Milani, Mori, Bettiza; inoltre i rapporti storia/memoria e s tudiare
storia locale/storia generale, e ancora, con gli strumenti messi a disposizione dalle gli effetti
scienze sociali, lindagine delle antinomie amico/nemico, inclusione/esclusione e delle politiche
lanalisi del particolare confine mobile che si pone tra s e gli altri. di opposte
Studiare gli effetti delle politiche di opposte snazionalizzazioni e di negazione snazionalizzazioni
dellaltro, e collegarli al presente, ha rappresentato ben pi di un richiamo ai me- e di negazione
ditati documenti europei che manifestavano il condivisibile bisogno di rinfor- dellaltro
zare la comprensione reciproca e la fiducia tra i popoli, in particolare attraverso e collegarli
un programma dinsegnamento della storia mirato a eliminare il pregiudizio e a al presente
evidenziare le mutue influenze positive tra differenti Paesi, religioni e idee, nello ha consentito
sviluppo storico dellEuropa 3. Ma ha consentito il realizzarsi di legami e risul- il realizzarsi
tati che si spera possano essere rinnovati in nuove occasioni di lavoro comune. di legami
e risultati che si
spera possano
essere rinnovati
2. Il gruppo di scuole partecipanti comprendeva: Istituti distruzione superiore Roccati di in nuove
Carmagnola, Liceo scientifico Gobetti di Torino, Liceo scientifico Segr, di Torino, Liceo occasioni di
scientifico Juvarra di Venaria, Scuola media superiore italiana di Rovigno, Scuola media su-
lavoro comune
periore italiana Dante Alighieri di Pola, Liceo Preeren di Trieste. Soggetto esterno: Istoreto.
3. Cfr. Conseil de lEurope, Comit des Ministres, Recommandation Rec (2001) 15 relative
lenseignement de lhistoire en Europe au XXIe sicle.

SDAPI133_13.indd 101 11/01/11 11:07


SDAPI133_13.indd 102 11/01/11 11:07
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 103

inter venti
iL Giorno de L
r icordo ne LLa
stampa ita Liana:
da GLi anni n ovanta
ai nostri Giorni
di
patrizia
Hansen

Lesodo cominci quindi sin da allora [si fa riferimento al 1945, NdA], aggra-
vandosi col passare dei mesi: qualcuno ovviamente rimase, ma certo che la
maggioranza degli italiani dellIstria e della Dalmazia con leccezione, fino al
1947, di Pola, che era stata occupata dalle truppe anglo-americane se ne and
da quelle terre per una serie di valide motivazioni. Innanzitutto, fondamentale, il
motivo nazionale: era chiaro che gli jugoslavi avrebbero mirato a snazionalizzare
citt etnicamente italiane in maggioranza (come Fiume, Pola, Zara). Basti pen-
sare che avevano avanzato pretese su Trieste e Gorizia sin dal 1919, alla Confe- La popolazione
renza della Pace []. Esistevano poi motivazioni di carattere socio-politico, dal di lingua e
momento che non solo la borghesia, ma gli operai stessi non desideravano, nella cultura italiane
loro maggioranza, vivere sotto un regime comunista di tipo staliniano, con una dellistria,
economia completamente statizzata e nella totale assenza di libert, quale esiste- della regione
va nel 1945 in Jugoslavia 1. del Quarnero
bene chiarire che la popolazione di lingua e cultura italiane dellIstria, del- con f iume,
la regione del Quarnero con Fiume, e di Zara, era autoctona, ovvero di anti- e di Zara,
co insediamento storico, non dunque importata dallItalia nei primi decen- era autoctona,
ni del Novecento, dopo la Prima guerra mondiale e durante il regime fasci- ovvero
sta, come una determinata versione ha tentato di accreditare presso lopinione di antico
pubblica contemporanea. insediamento
Il lungo, secolare processo di identificazione con la cultura e la lingua della Pe- storico
nisola si aliment degli stretti legami con Venezia e delle intense relazioni con la
sponda occidentale dellAdriatico, dalle Marche sino alla Puglia, in ogni setto-
re e disciplina: dal commercio allarte, dalle reciproche feconde interferenze cul-

1. G. Salotti, Lesodo dallIstria e dalla Dalmazia quarantanni dopo. A colloquio con Leo Valia-
ni, in Tempo Presente, 82-83, ottobre-novembre 1987, p. 55.

SDAPI133_14.indd 103 11/01/11 11:07


104 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istru Zione

inter venti turali alle relazioni diplomatiche fra gli Stati preunitari e le citt dellAdriatico
orientale. Il processo risorgimentale, per altro verso, ha veduto la partecipazione
attiva di molti istriani, fiumani e dalmati a partire dal 1820, nonostante si tro-
vassero soggetti al governo imperiale di Vienna. Le idee risorgimentali furono
veicolate dalle societ segrete costituitesi nei territori adriatici al pari dellItalia
peninsulare: contro il centralismo austriaco i valori liberali recepiti dal cosiddet-
to partito italiano, composto sia dai ceti sociali pi elevati sia da quelli picco-
lo-borghesi sono alla radice di quello che decenni pi tardi sarebbe stato definito
irredentismo, inteso come movimento volto allaffrancamento dei popoli dal
giogo dellimpero asburgico. Il biennio 1848-1849, a Venezia per la Repubbli-
ca di Manin e Tommaseo, a Roma in difesa della Repubblica del Triumvirato
e nelle fila dellesercito piemontese, affluirono volontari istriani e dalmati, a di-
mostrazione di quanto intensa fosse la trama che connetteva la sponda orientale
dellAdriatico alla Penisola italiana 2.
Tornando alle questioni dellesodo, come noto, la legge istitutiva del Giorno
del Ricordo ne definisce chiaramente i contenuti: conservare e rinnovare la
memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dellesodo
dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e del-
la pi complessa vicenda del confine orientale. [] Tali iniziative sono, inoltre,
volte a valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario e artistico degli ita-
liani dellIstria, di Fiume e delle coste dalmate, in particolare ponendo in rilie-
vo il contributo degli stessi, negli anni trascorsi e negli anni presenti, allo svilup-
il processo po sociale e culturale del territorio della costa nord-orientale adriatica []. La
risorgimentale legge, nel 2004 approvata pressoch allunanimit dal Parlamento italiano, da
ha veduto la maggioranza e da opposizione il che le conferisce quel giusto segno di condi-
partecipazione visione che negli intenti di quanti lhanno fortemente richiesta, gli esuli in pri-
attiva di molti mis , sigilla un lungo periodo di gestazione.
istriani, fiumani
e dalmati
a partire La sopravviven Za de LLa memoria
dal 1820,
nonostante In realt, due sono i tempi che hanno scandito, dal secondo dopoguerra, la so-
si trovassero pravvivenza della memoria di quegli eventi: il silenzio politico-mediatico de-
soggetti terminato da un insieme di ragioni di opportunit interna ed internazionale; e
al governo linizio di una inedita riflessione sui maggiori organi di stampa, iniziato al ter-
imperiale mine degli anni Ottanta, con il crollo materiale e ideologico dellordine inter-
di v ienna nazionale sancito dagli accordi di Yalta e dal dibattito avviato, pi recentemen-
te, negli anni Novanta.

2. Cfr. L. Toth, A novantanni dal compimento dellunit dItalia. La partecipazione degli istriani,
fiumani e dalmati al processo risorgimentale, suppl. a Difesa Adriatica, ANVGD, Roma, 2008.

SDAPI133_14.indd 104 11/01/11 11:07


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 105

inter venti
Nel 1980 la Foiba di Basovizza e la Foiba di Monrupino erano state riconosciu-
te monumenti dinteresse nazionale e nel 1991, trascorsi altri 11 anni e solo
allorch si dissolse la Federazione jugoslava, vi rese omaggio lallora presidente
della Repubblica, Cossiga. Un anno dopo il suo successore, Oscar Luigi Scalfa-
ro, visit Basovizza e la dichiar con suo decreto monumento nazionale. Ma
come si era arrivati al riconoscimento delle due foibe ancora in territorio italiano?
Ne scrisse nel 2004 lex deputato Giorgio Tombesi 3, che ricord allora la com-
plessit delliter percorso tra la fine degli anni Settanta e i primi Ottanta insie-
me con le associazioni degli esuli (in prima fila lAssociazione Nazionale Venezia
Giulia e Dalmazia), e il sostanziale basso profilo mantenuto dalle istituzioni e dal
mondo politico nella divulgazione di quei provvedimenti. Era ancora un tema
scabroso, sul quale pesava lipoteca del silenzio e della rimozione di un dramma
trasversale per ceti sociali coinvolti e orientamenti politici dei profughi. Unipo-
teca ancora pi grave in quanto imposta da quel dogma ideologico che ancora
nel 1996 permetteva al responsabile delleccidio di Malga Porzus di confermare
al Corriere della Sera, a proposito degli eccidi in Istria: Io, pensionato delle
foibe, non mi pento, essendo questi titolare allestero di una pensione INPS4.
Pu essere dunque utile ripercorrere levoluzione di quel dibattito scaturito
sulla carta stampata dagli interventi di Claudio Magris nel 1990 dalle colon-
ne del Corriere della Sera e dellallora segretario di Trieste del PDS, Stelio
Spadaro, nel 1996.
Nel suo corsivo dal titolo La coscienza sepolta nelle foibe, apparso ancor prima,
nellagosto del 1990 5, Magris commentava la prima, parziale apertura degli ar-
chivi dellOZNA, la famigerata polizia politica jugoslava, responsabile dei rastrel-
lamenti e delle deportazioni, nonch delleliminazione, di molti esponenti della
resistenza antifascista e non comunista italiana. In quel momento scriveva tra
laltro Magris in cui le forze titoiste miravano non solo alla liberazione della Ju-
goslavia, ma anche e, negli ultimi tempi, soprattutto allannessione dellIstria
e della Venezia Giulia (tanto da occupare Trieste prima di liberare Zagabria dai
tedeschi) era pi opportuno colpire gli italiani antifascisti, che potevano essere
voci autorevoli e credibili dellitalianit delle terre contese. Lo scrittore men-
ziona i nomi di Licurgo Olivi e di Augusto Sverzutti, rappresentanti del Partito
Socialista e del Partito dAzione nel CNL di Gorizia, e gli autonomisti fiumani
Mario Blasich e Giuseppe Sincich, esponenti di punta di quel movimento che
nella fase di preparazione del Trattato di Pace, a Parigi, tent la carta della costi-
tuzione di uno Stato libero di Fiume per sottrarla allannessione alla Jugoslavia.

3. G. Tombesi, Ecco come la Foiba di Basovizza diventata monumento nazionale, in Trieste-


Oggi, 12 novembre 2004.
4. R. Morelli, Io, pensionato delle Foibe, non mi pento, in Corriere della Sera, 30 agosto 1996.
5. C. Magris, Dagli archivi jugoslavi la coscienza sepolta nelle foibe, in Corriere della Sera, 12
agosto 1990.

SDAPI133_14.indd 105 11/01/11 11:07


106 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istru Zione

inter venti estate 1996, La storia e Le po Lemic He

Ma la grande polemica data 21 agosto 1996, a partire dalla diffusione del docu-
mento predisposto da Stelio Spadaro, di origine istriana, sulle responsabilit del-
la sinistra nel silenzio imposto a quelle drammatiche vicende. Una relazione, la
sua, che scuote il suo stesso partito e suscita unampia eco sui maggiori organi di
stampa italiani. La sinistra italiana ha rimosso a lungo la vicenda, ora deve fa-
re i conti con la storia, sosteneva Spadaro. Tre i punti salienti del documento:
uno, la tragedia delle Foibe fu un insieme di azioni terroristico-militari, ese-
guite anche per eliminare quanti erano considerati oppositori allannessione alla
Jugoslavia e al regime; due, lideologia totalitaria del comunismo diede allora
copertura e legittimazione; tre, si tratt di uno dei punti pi acuti delle trage-
die che lEuropa ha conosciuto in questo secolo.
Commenti e prese di posizione si susseguirono quotidianamente, in quellesta-
te: era la prima volta che la pi vasta opinione pubblica nazionale veniva messa
al corrente di quelle vicende. Immediate le reazioni del Manifesto, che il 22 di
agosto titolava: londa lunga dellassoluzione di repubblichini e collaborazio-
nisti 6, confermando con ci lequazione, storicamente infondata, tra profugo
giuliano e fascista. Riconosceva, dalle colonne del giornale comunista lo storico
Galliano Fogar che dal punto di vista umano [] le atrocit commesse so-
no sicuramente da condannare in toto, le foibe essendo una tragedia che nessun
storico metterebbe in discussione, ma non si era ancora giunti, in forza di un
assunto prettamente ideologico, a riconoscere il carattere marcatamente nazio-
nalistico e persecutorio del comunismo titoista e del suo disegno di snazionaliz-
zazione mediante intimidazione, violenza e soppressione. Analoghe prese di po-
sizione vennero allora dagli esponenti di Rifondazione, come il triestino Fausto
Monfalcon che defin le pagine di Spadaro confessioni da ombrellone, altro che
documento politico. Ma nello stesso PDS il documento del segretario triesti-
no cre molti imbarazzi, come rilevava un servizio apparso il 23 agosto 1996 sul
Corriere della Sera 7. Su lUnit intervenne lo storico Nicola Tranfaglia con
il difficile compito di far quadrare il cerchio: La riflessione storica sulla tragedia
della dittatura staliniana stata qui da noi tardiva e insufficiente. [] Ma a mio
avviso non ha senso difendere, come ha fatto se non sbaglio Luciano Canfora
sul Corriere, i massacri inumani compiuti dagli jugoslavi sul territorio italiano.
Sulla Stampa interveniva un altro storico, Gian Enrico Rusconi: La [memo-
ria] delle Foibe rimasta [] latente, intermittente inconciliata. [] Certa-
mente ha subito una rimozione, politicamente manipolata dai comunisti [].
ma come tutte le rimozioni chiosava Rusconi non poteva reggere di fronte

6. M. Moder, Omissioni di storia, in il manifesto, 22 agosto 1996.


7. F. Cavadini, Foibe, il Pds si spacca a Trieste, in Corriere della Sera, 23 agosto 1996.

SDAPI133_14.indd 106 11/01/11 11:07


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 107

inter venti
alla trasformazione e maturazione del movimento post-comunista []. Si po-
sta cos la premessa concludeva per lelaborazione di quella matura memoria
collettiva di cui abbiamo urgente bisogno 8.
Una versione, quella, propagandata sin dai primi esodi dalla Venezia Giulia per
assecondare il disegno annessionistico titoista al quale Togliatti aveva dato for-
malmente il consenso del Partito comunista italiano: una versione che additava
come fascista e nemica del popolo la popolazione civile in fuga, composta da
operai, artigiani, pescatori, impiegati, professionisti, insegnanti, casalinghe, re-
ligiosi, pensionati, studenti e quantaltro: approfittando della dissoluzione del-
le strutture statuali, si colpisce secondo un disegno preciso ha scritto al riguar-
do lo storico Fulvio Salimbeni che quello di decapitare la comunit italiana,
[] diffondendo un clima di terrore, di paura, di depressione psicologica, che
facilitasse laffermazione dei diritti nazionali croati e sloveni su questi territori 9.
Ancora nellestate del 1996 interveniva due volte sul Corriere della Sera Erne-
sto Galli Della Loggia, che metteva chiaramente a fuoco le ragioni della rimozio-
ne, presso la cultura italiana e presso lopinione pubblica, di quegli eventi e del-
le loro premesse, inserendole nella pi ampia cornice, europea e mondiale, del-
le ideologie di massa 10. Daltro canto, le intimidazioni antiitaliane proseguirono
anche dopo la guerra e, in quel piccolo settore dellIstria che con Trieste avrebbe
dovuto costituire il Territorio Libero, fino al 1954 (anno del ritorno della citt
allItalia) caratterizzarono la politica di Belgrado nei confronti della residua mi-
noranza italiana rimasta 11. Milovan Gilas in unintervista a Panorama del 21
luglio 1991 aveva ammesso: Nel 1946 io e Edward Kardelj andammo in Istria t utti
a organizzare la propaganda anti-italiana. Bisognava indurre gli italiani ad anda- conoscono
re via con pressioni di ogni tipo. la figura
Altri quotidiani nazionali come Il Messaggero e la Repubblica ospitarono in di v aliani,
quellagosto del 96 servizi e interventi 12. Ma ancora il Corriere pubblic, il pochi, forse,
21, unintervista ad un noto esponente dellantifascismo, della vita politica ita- ricordano che
liana della seconda met del Novecento, storico e saggista di chiara fama, Leo ebbe i natali
Valiani. Tutti conoscono la figura di Valiani, pochi, forse, ricordano che ebbe i a f iume
natali a Fiume. Non ho mai smesso di deplorare leccidio di italiani nelle Foibe

8. G.E. Rusconi, La storia fuori dallaula, in La Stampa, 26 agosto 1996.


9. F. Salimbeni, La Venezia Giulia e la Dalmazia dal trattato di Roma del 1924 al trattato di pa-
ce del 1947, in Il confine orientale del Novecento, a cura di P. C. Hansen, Atti del Convegno, Isti-
tuto della Enciclopedia Italiana, Roma, 2003, p. 80.
10. E. GalliDellaLoggia, Unaltra memoria cancellata, in Corriere della Sera, 18 agosto
1996; Idem, Il tab storico della sinistra, ivi, 25 agosto 1996.
11. Ne ha trattato G. Radossi nel suo intervento La Comunit Nazionale Italiana in Istria,
Quarnero e Dalmazia, dalla fine delle Seconda guerra mondiale a oggi, in Il confine orientale del
Novecento, cit., pp. 87-118.
12. Cfr. P.M. Trivelli, Foibe, Violante divide gli storici, in Il Messaggero, 27 agosto 1996; R.
BianchinM.Manzin, Dopo le foibe unaltra tragedia, quattromila scomparsi nel nulla, in la
Repubblica, 27 agosto 1996.

SDAPI133_14.indd 107 11/01/11 11:07


108 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istru Zione

inter venti e anche fuori dalle Foibe si leggeva nellintervista citata allinizio []. Tutti
quei morti [] per estirpare litalianit delle citt della Venezia Giulia [] 13.
Con Benedetto Croce, Francesco Saverio Nitti e Vittorio Emanuele Orlando,
lantifascista Leo Valiani aveva votato contro la ratifica del Trattato di Pace che
sanciva la cessione di buona parte della Venezia Giulia e di Zara allex Jugoslavia.
E alla fine di agosto dello stesso 96 si inseriva nel dibattito anche Luciano Vio-
lante, allora presidente della Camera, con una dichiarazione che suscit polemi-
che, sorpresa e perplessit nei diversi ambienti politici e intellettuali. Unautocri-
tica condivisa da Piero Fassino, e confermata dallo stesso Violante nella cornice
di un convegno di studi svoltosi a Roma nel 2000. La storia del sacrificio delle
popolazioni del confine orientale in questo secolo stata [] trattata, a secon-
da dei casi, come storia locale o come oggetto di una censura []. C stata una
dismemoria, un processo consapevole, [] di sradicamento dei fatti dalla memo-
ria nazionale. [] La popolazione di Trieste e dei territori adriatici che appar-
tennero allItalia proseguiva in quella sede lesponente politico stata quella
che ha pagato di pi in termini di vite umane, di violenze subite durante e do-
po la lotta di liberazione. Mentre nel resto dItalia si introduceva la democrazia
[] la liberazione di Trieste si trasform immediatamente in uno scontro []
tra una promessa di democrazia e una negazione della democrazia. E, a corolla-
rio, Violante soggiungeva: mentre nel resto dItalia i cittadini che ebbero i loro
beni distrutti dalla guerra vennero risarciti, quei cittadini italiani non videro ri-
conosciuto il loro diritto ad un equo indennizzo 14: infatti i profughi giuliani e
dalmati pagarono con i loro beni mobili e immobili, espropriati dal nuovo po-
tere jugoslavo, i danni di guerra dovuti dallItalia.
Ma due anni prima, il 14 marzo 1998, in una Trieste che la stampa defin blin-
data, freddina e semivuota 15 per la circostanza, si era svolto un incontro, il pri-
mo, tra lallora leader di Alleanza nazionale, Fini, e il Presidente Violante, dal ti-
tolo Ricuciamo le ferite della storia. Due ore di confronto, nel Teatro Verdi,
che suscit reazioni contrastanti da una parte e dallaltra, sino a suscitare il so-
spetto che si volesse cos sdoganare e legittimare una sinistra ed una destra,
che per ragioni opposte avevano fatto della storia del Novecento un uso politico.
Rispettosa scriveva sul Corriere della Sera linviato Francesco Battistini , la
citt li ascolta ripetere quanto ripetono da mesi. Ma alla fine non si spella le ma-
ni di fronte al simbolico evento: due ore di faccia a faccia, in tutto un minuti-
no dapplausi. [] Vengo con umilt, dice Violante, e per favore non defor-

13. F. Cavadini, Valiani: un ritardo di 50 anni, in Corriere della Sera, 21 agosto 1996.
14. L. Violante, Per una ricomposizione della storia nazionale, in Il confine orientale del Nove-
cento, cit., pp. 119-123.
15. F. Battistini, Violante a Trieste con Fini: foibe dimenticate per convenienza, in Corriere del-
la Sera, 15 marzo 1998.

SDAPI133_14.indd 108 11/01/11 11:07


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 109

inter venti
mate quel che sta accadendo, perch nessuno sta sdoganando nessuno: La le-
gittimazione, ognuno se la conquista per i valori e per il consenso che ha, per le
cose che fa. Non esistono ego te absolvo in politica, n nella storia. []. In
chiusura concludeva il cronista , torna sul tema del giorno: non contrappor-
re, mai pi, la Risiera di San Sabba alle foibe []. Una scintilla, senza Fiamma.
Un incontro che per diversi aspetti ed a molti parve un salto in avanti, un az-
zardo sul quale commentatori e politici si cimentarono con atteggiamenti di
perplessit o di accesa ostilit, particolarmente evidente nei settori estremi dei
due schieramenti.

Lini Zio di nuovi percorsi di ricerca

Dagli anni Novanta al Duemila il confronto sui media, tra storici e polemisti,
si accentua e si dilata. Il faticoso percorso di ripensamento, da parte degli espo-
nenti politici e culturali di sinistra, proseguiva e riusciva a pervenire ad esiti si-
no a pochi anni prima impensabili. Fioriva sul tema, per la prima volta a grandi
tirature, tutta una produzione editoriale che offriva al lettore italiano, prevalen-
temente ignaro, ricostruzioni e analisi dei fenomeni storici: la questione orien-
tale usciva in crescente misura dallangusto spazio della memoria coltivata indi-
vidualmente per offrirsi alla riflessione collettiva, fuori dagli schemi fuorvianti
delle forzature ideologiche.
Il 2001 lanno dellapprovazione, da parte del Parlamento, della Legge 16 marzo, il 2001 lanno
n. 72, Interventi a tutela del patrimonio storico e culturale delle comunit degli dellapprovazione,
esuli italiani dallIstria, da Fiume e dalla Dalmazia 16. Provvedimento conferma- da parte del
to, nel 2004, dalla Legge 28 luglio, n. 193, (recante interventi a tutela del patri- parlamento,
monio storico e culturale delle comunit degli esuli italiani dallIstria, da Fiume della Legge 16
e dalla Dalmazia, e [] recante interventi in favore della minoranza italiana in marzo, n. 72,
Slovenia e in Croazia 17 e dalle successive modifiche e integrazioni. Una legife- interventi a
razione, questultima, che riconosce esplicitamente i due risvolti di un medesi- tutela
mo trauma storico: lesodo, da una parte, e la sussistenza di una comunit italia- del patrimonio
na autoctona, bench decimata, nelle odierne repubbliche di Slovenia e Croazia. storico
Nel 2002 lo storico Giovanni Sabbatucci poteva firmare un commento dal titolo e culturale
significativo Un debito da saldare: Qui si parla di parecchie migliaia di italiani, delle comunit
diversi per et, ceto sociale e opinioni politiche [], caduti vittime di un pro- degli esuli
getto di dominio [] che contemplava fra i suoi strumenti la pratica del terrore italiani
e dello sterminio su larga scala. E proseguiva: Con quei morti, con quei profu- dallistria,
ghi, [] lItalia democratica ha quindi accumulato un debito. [] senza biso- da f iume e
dalla dalmazia

16. Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale, n. 73, 28 marzo 2001.


17. Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale, n. 180, 3 agosto 2004.

SDAPI133_14.indd 109 11/01/11 11:07


110 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istru Zione

inter venti gno di usare le vittime per contrapporle ad altre vittime, di enfatizzare gli orrori
per attenuare il peso di altri orrori: che sarebbe avvertiva Sabbatucci unope-
razione moralmente cinica, oltre che storicamente scorretta 18.
Risale al 2003 la dichiarazione dellallora vicepremier Fini sul silenzio osserva-
to dal Paese sulle vicende del confine orientale. Il governo italiano riportava
la stampa italiana l11 febbraio di quellanno vi chiede ufficialmente scusa per
tutto ci che accaduto e per tutto ci che colpevolmente i libri di scuola non
hanno raccontato e insegnato. Parole che lesponente di governo pronunci a
Roma, nel Quartiere Giuliano-Dalmata, dove la Federazione delle Associazio-
ni degli Esuli aveva organizzato una celebrazione del 10 febbraio che anticipava
listituzione del Giorno del Ricordo. Ancora nel 2002 su Panorama Pierlui-
gi Battista si chiedeva se mai sarebbe stata dedicata una giornata alla memoria di
quegli eventi, segno di unincertezza che ancora condizionava il passo in quella
direzione. [] Non risulta scriveva tra laltro Battista che nelle scuole e sui
giornali ci si stia preparando con corsi e articoli per far conoscere ai giovani una
tragedia che rappresenta un buco nero nella consapevolezza nazionale. [] Una
mostruosit [] dimenticata da tutti: dai governi moderati italiani che non vo-
levano avere altri contenziosi con Tito, e dai comunisti che non volevano che si
tornasse sulle loro accertate complicit. [] 19.

Listitu Zione de L Giorno de L r icordo


il 2004
segnava il n uovi contributi alla ricerca
grande punto
di svolta, Il 2004 segnava il grande punto di svolta, determinato appunto dallapprovazio-
determinato ne, da parte del Parlamento pressoch allunanimit di maggioranza e opposi-
appunto dalla zione, del Giorno del Ricordo, inteso a risarcire un sessantennale silenzio col-
approvazione, lettivo ed a costituire lindispensabile premessa di un inedito percorso conosciti-
da parte del vo. Giungeva insomma a maturazione una complessa e dolorosa gestazione del-
parlamento, la memoria nazionale nellItalia del secondo dopoguerra.
del Giorno In quellanno la stampa nazionale riportava la notizia delle rivelazioni contenute
del r icordo in documenti inediti inglesi e statunitensi sulle stragi nella Venezia Giulia. Gli
alleati sapevano ma non vollero irritare Tito fu il titolo del Corriere della Sera 20.
Stando alle carte conservate a Washington del servizio segreto, gli alleati ebbe-

18. G. Sabbatucci, Un debito da saldare, in Il Messaggero, 5 maggio 2002. Argomentazioni


riprese il 10 maggio 2002, sul Corriere della Sera, da Paolo Mieli nella nota Le vittime dimen-
ticate degli eccidi di quella parte dItalia.
19. P. Battista, La promessa non mantenuta, in Panorama, 25 luglio 2002.
20. E. Caretto, Foibe, gli Alleati sapevano ma non vollero itrritare Tito, in Corriere della Se-
ra, 23 febbraio 2004.

SDAPI133_14.indd 110 11/01/11 11:07


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 111

inter venti
ro notizia delle foibe almeno dalla fine dellestate/inizi dellautunno 1944, ma
non intervennero per non inficiare il rapporto con Tito. E, sempre dalla docu-
mentazione riservata, emergeva che al momento della liberazione di Trieste, nel
1945, sorsero contrasti tra inglesi ed americani sul mancato intervento alleato
contro i partigiani titini. Dai documenti citati, sia pure nella sintesi di articoli di
stampa, appariva evidente come gli alleati fossero ben consapevoli delle violen-
ze esercitate contro la popolazione italiana inerme sia nei territori oltre Trieste,
dallIstria a Zara, sia nella stessa Trieste, durante i famigerati quaranta giorni di
occupazione jugoslava della stessa Trieste, dal 3 maggio al 12 giugno del 45 21.
Particolarmente saliente la pubblicazione, nel febbraio e nel marzo 2004 sulla
rivista Civilt Cattolica, di due contributi storici di padre Giovanni Sale S. J.:
il primo, Il massacro delle Foibe e il silenzio di Stato, apparve sul numero del 21
febbraio, il secondo, Loccupazione di Trieste e il cosiddetto genocidio degli ita-
liani, sul fascicolo del 20 marzo. Gli articoli esaminano, per un verso, le ragio-
ni che per decenni imposero la sordina alla tragedia delle popolazioni giuliana e
dalmata, per laltro loccupazione di Trieste da parte dei partigiani jugoslavi nel
maggio-giugno 1945. Lautore si avvaleva di documentazione inedita dalla qua-
le emergeva tutta la durezza ed anche la crudelt di quelloccupazione militare,
non mancando di denunciare la complicit passiva degli alleati anglo-ameri-
cani nei confronti dei massacri antiitaliani. Lattenzione della storica testata dei
Gesuiti mostrava di interrompere quella linea di prudenza che nel secondo do-
poguerra e fino ad anni recenti la Chiesa aveva mantenuto su quegli argomenti,
forsanche per non nuocere al cattolicesimo sloveno e croato posto sotto il tal-
lone del regime titoista. Si pensi che soltanto nel 2008 si giunti alla beatifica-
zione di don Francesco Bonifacio, sacerdote istriano trucidato da partigiani ju-
goslavi per il quale sin dagli anni Cinquanta lallora vescovo di Trieste, listriano
mons. Santin, aveva istruito la causa.
Nel 2005 il presidente Ciampi, nel primo messaggio agli esuli, ammoniva: que-
sti drammatici avvenimenti formano parte integrante della nostra vicenda nazio-
nale; devono essere radicati nella nostra memoria; ricordati e spiegati alle nuove
generazioni. E soggiungeva: Da allora sono trascorsi sessantanni e si sono av-
vicendate tre generazioni. giunto il momento che i ricordi ragionati prenda-
no il posto dei rancori esasperati. Un auspicio e un impegno che il Capo dello
Stato confermava lanno dopo, con la prima cerimonia di consegna, al Quirina-
le, delle decorazioni ai congiunti di infoibati.

21. Lo storico Paolo Simoncelli ricordava come lambasciatore italiano a Washington, Tarchia-
ni, avesse rilevato, in una comunicazione a De Gasperi, la iniziale non eccessiva apprensione
alleata per loccupazione jugoslava, anche qualora permanente, giocando su un tale elemento
come fonte dirriconciliabile inimicizia tra Italia e Russia, e quindi come antidoto ad una bol-
scevizzazione del nostro Paese. Cfr. P. Simoncelli, Esodo e Foibe, la vergogna dellIstria, in Av-
venire, 31 gennaio 2007.

SDAPI133_14.indd 111 11/01/11 11:07


112 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istru Zione

inter venti Sempre al 2005 data il grande dibattito sulla stampa italiana, segnato tra laltro
dallesame delle responsabilit storiche e politiche della rimozione di quegli ar-
gomenti. Sul Corriere della Sera interveniva Gianni Oliva 22, su Il Messagge-
ro veniva pubblicato un intervento di Walter Veltroni 23 al quale, allora sin-
daco di Roma, si deve linizio dei viaggi della memoria sui luoghi delle trage-
die del Novecento , ancora sul Corriere della Sera Claudio Magris, che met-
teva in guardia dalle possibili e ciniche strumentalizzazioni del tema e poneva
la domanda sulle ragioni di un silenzio osservato non soltanto dalla sinistra co-
munista ma anche dai partiti moderati nellarco di molti decenni 24. Lo storico
Giovanni De Luna recensiva positivamente su La Stampa tre volumi a firma
di altrettanti studiosi (Guido Crainz, Gianni Oliva e Raoul Pupo) e riconosce-
va lorrore delle foibe. Un orrore precisava sottratto alle polemiche che di-
vampano nella grande arena delluso pubblico della storia e che ha trovato la sua
giusta collocazione in un dibattito storiografico e la pianificazione dallalto del
progetto volto alla distruzione del potere italiano sul territorio e alla soppres-
sione anche dei membri delle formazioni armate del CLN arrestati nella pre-
sunzione che si sarebbero opposti con ogni mezzo al disegno annessionistico ju-
goslavo sulla Venezia Giulia 25.
Una nota dissonante venne introdotta da Sergio Romano, ripetutamente espres-
sosi in termini critici rispetto ai giorni della memoria istituiti in Europa e in Ita-
lia, per il timore di cui si leggeva nella sua rubrica sul Corriere della Sera
che ogni giorno delle rimembranze si tiri dietro, insieme a molta retorica, accu-
se, polemiche e recriminazioni 26. Una posizione condivisa nei mesi successivi su
il manifesto da Paolo Pezzini e in sede di intervista dagli storici Enzo Traverso
e Piero Melograni 27. Secondo Traverso lo Stato non ha il compito di prescrive-
re ai cittadini quel che devono ricordare [] Listituzione per legge di momenti
commemorativi, se pu far piacere alle vittime o ai loro discendenti, contribui-
sce ad alimentare il fenomeno delle memorie contrapposte.
LItalia del 1945 rimuove dalla sua memoria tutto ci che riguarda la sconfitta
[]. Non si parla di infoibati e di profughi giuliano-dalmati scriver nel 2007
Gianni Oliva sulla Stampa di Torino perch nessun Paese [] ha migliaia
di concittadini assassinati dopo la fine della guerra e altre centinaia di migliaia

22. G. Oliva, De Gasperi e le foibe, una congiura del silenzio, in Corriere della Sera, 17 gen-
naio 2005.
23. W. Veltroni, In visita alle Foibe, anche l lodio cieco colp gli innocenti, in Il Messaggero,
27 gennaio 2005.
24. C. Magris, Le foibe, silenzio e chiasso, in Corriere della Sera, 1 febbraio 2005.
25. G. DeLuna, LEuropa seppellita nelle foibe, in La Stampa, 5 febbraio 2005.
26. S. Romano, Giorni per ricordare con piet, oppure giorni per odiare?, in Corriere della Se-
ra, 10 febbraio 2005.
27. D. Messina, Foibe e Lager, i rischi della memoria per legge, in Corriere della Sera, 9 apri-
le 2005.

SDAPI133_14.indd 112 11/01/11 11:07


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 113

inter venti
costretti ad abbandonare le loro terre. [] Per molti anni concludeva larti-
colo Oliva le foibe sono state considerate una bandiera della destra e un tab
della sinistra 28.

i presidenti de LLa r epubb Lica

L8 febbraio 2006 il presidente della Repubblica Ciampi consegnava per la pri-


ma volta, nel corso di una solenne cerimonia al Quirinale, le onorificenze a con-
giunti di vittime civili e militari degli eccidi perpetrati dai partigiani di Tito cos
come previsto dalla legge istitutiva del Giorno del Ricordo. giusto rimar-
cava il Capo dello Stato che agli anni del silenzio faccia seguito la solenne affer-
mazione del ricordo. Il riconoscimento del supplizio patito un atto di giustizia
nei confronti di ognuna di quelle vittime, restituisce le loro esistenze alla realt
presente perch le custodisca nella pienezza del loro valore, come individui e co-
me cittadini italiani. Levocazione delle loro sofferenze, e del dolore di quanti si
videro costretti ad allontanarsi per sempre dalle loro case in Istria, nel Quarnaro
e nella Dalmazia, ci unisce oggi nel rispetto e nella meditazione. Questo nostro
incontro non ha valore puramente simbolico; testimonia la presa di coscienza
dellintera comunit nazionale.
Il dibattito riprese vigore nellestate del 2006, esattamente nel mese di luglio, a par-
tire da un intervento a firma di Ignazio Ingrao sul settimanale Panorama 29 che
poneva interrogativi avvalendosi di una serie di documenti conservati nellAr- L8 febbraio
chivio vaticano e, in copia, presso la sede della rivista Civilt Cattolica sul pru- 2006
dente atteggiamento della Chiesa in relazione alle notizie di deportazioni ed ec- il presidente
cidi provenienti dai territori giuliani occupati dai partigiani di Tito e nonostan- della
te le esplicite richieste di aiuto avanzate da eminenti esponenti cattolici, come il r epubblica
vescovo di Trieste mons. Santin, e nonostante le violenze perpetrate contro de- c iampi
cine di singoli sacerdoti, prevalentemente italiani ma anche sloveni e croati. Il consegnava
caso venne ripreso da Dino Messina sul Corriere della Sera 30 cui seguirono le per la prima
repliche di Andrea Tornielli su il Giornale e di padre Giovanni Sale S. J. an- volta
cora sul Corriere 31. le onorificenze
E si giunge al 10 febbraio del 2007, con il primo discorso al Quirinale del pre- a congiunti
sidente Napolitano. Un intervento di grande forza, nitido e inequivocabile, che di vittime
civili e militari
degli eccidi
perpetrati
dai partigiani
28. G. Oliva, Nuova luce sullorrore delle Foibe, in La Stampa, 10 febbraio 2007. di t ito
29. I. Ingrao, Foibe: il Vaticano sapeva tutto, in Panorama, 10 luglio 2006.
30. D. Messina, Foibe, laltro silenzio di papa Pio XII, in Corriere della Sera, 7 luglio 2006.
31. G. Sale, Foibe, il silenzio non fu di Pio XII ma degli Alleati, in Corriere della Sera, 9 lu-
glio 2006.

SDAPI133_14.indd 113 11/01/11 11:07


114 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istru Zione

inter venti ha riempito le pagine dei quotidiani e i notiziari radio-televisivi per giorni, am-
plificato dalla protesta della vicina Croazia.
Quel che si pu dire di certo sono parole del Capo dello Stato italiano
che si consum, nel modo pi evidente con la disumana ferocia delle foibe, una
delle barbarie del secolo scorso. [] Non dobbiamo tacere, assumendoci la re-
sponsabilit dellaver negato, o teso a ignorare, la verit per pregiudiziali ideolo-
giche e cecit politica, e dellaverla rimossa per calcoli diplomatici e convenienze
internazionali. Vi fu dunque proseguiva il presidente Napolitano un mo-
to di odio e di furia sanguinaria, e un disegno annessionistico slavo, che preval-
se innanzitutto nel trattato di pace del 1947, e che assunse i sinistri contorni di
una pulizia etnica 32.
Enorme il rilievo storico e morale di queste parole, che rivestono un significa-
to ancora pi alto non soltanto per i profughi giuliano-dalmati, che ovvio, ma
anche per quanti hanno seguito lo svolgimento del dibattito pubblico degli ul-
timi dieci/quindici anni a questa parte. La commemorazione del 2007 era sta-
ta peraltro largamente trattata dalle testate nazionali: si segnalavano, tra i mol-
ti interventi, quelli di Guido Crainz 33 e di Mauro Manzin 34 su la Repubblica
e i servizi apparsi su Il Giornale. Su questultimo Cristiano Gatti affrontava il
problema dellassenza dai libri scolastici di quella pagina di storia e stigmatizza-
va squilibri e amnesie dei testi pi comunemente in uso 35.
Ma lintervento del Capo dello Stato non manc di suscitare limmediata ed aspra
reazione dellomologo croato Stipe Mesic, che contest con inconsueta durezza
La lintero discorso pronunciato al Quirinale. Il Presidente croato espresse coster-
commemorazione nazione per lintervento di Napolitano nelle cui parole, si lesse nella nota diffusa
del 2007 era da Zagabria, impossibile non intravedere elementi di aperto razzismo, revisio-
stata nismo storico e revanscismo politico. Affermazioni che indussero subito lallora
largamente titolare della Farnesina, Massimo DAlema, ad intervenire con una dichiarazio-
trattata ne e la convocazione dellambasciatore croato. Mesic disse tra laltro il mini-
dalle testate stro DAlema dovrebbe sapere che si rivolge al presidente dellItalia democra-
nazionali tica e antifascista. E proseguiva: LItalia democratica ha pi volte riconosciu-
to quanto sia stato grave ci che ha fatto il fascismo nei Balcani. Parliamo di un
grande Paese che non ha mancato di denunciare gli orrori della guerra fascista
nei Balcani. La dura polemica tra le due Presidenze ebbe naturalmente ampia
eco sui mass media italiani e croati.
32. Un importante commento al pronunciamento del presidente della Repubblica venuto
da Claudio Magris, autore del fondo Il silenzio generalizzato, apparso sul Corriere della Sera
dell11 febbraio 2007.
33. G. Crainz, Foibe, le ferite nascoste, in la Repubblica, 10 febbraio 2007. Lintervento del-
lo storico, sulla prima pagina di cultura, passava in rassegna le testimonianze anche letterarie
dellesodo, enumerando i testi di Fulvio Tomizza, Marisa Madieri, Enzo Bettiza, Anna Maria
Mori e Nelida Milani.
34. M. Manzin, Per gli esuli nazionalit sempre italiana, in la Repubblica, 10 febbraio 2007.
35. C. Gatti, Foibe, la memoria cancellata nei libri di scuola, in Il Giornale, 10 febbraio 2007.

SDAPI133_14.indd 114 11/01/11 11:07


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 115

inter venti
Il giorno 11 febbraio lUnit titolava in prima pagina Foibe, Napolitano denun-
cia Una congiura del silenzio e dedicava tre equilibrate pagine interne ai servi-
zi e ai commenti. Del 12 febbraio linteressante intervista rilasciata al Corrie-
re della Sera da Gianni Cervetti, gi esponente dellala migliorista ed uno dei
responsabili degli Affari esteri del Partito comunista italiano. Ideologia e diplo-
mazia, queste due cause afferm Cervetti in quella intervista portarono ad
un errore gravissimo che fu quello di rimuovere il dramma delle foibe, di stende-
re non un velo ma una vera e propria coperta, per nascondere quello che non si
voleva vedere e non se ne parl pi. La sua opinione era che non si potesse pi
indulgere a giustificazioni di sorta: Il contesto serve per spiegare storicamente
gli avvenimenti nel loro susseguirsi, non per giustificare o dimenticare, chio-
sava in polemica con le posizioni espresse in quei giorni da Enzo Collotti su il
manifesto e dal quotidiano Liberazione 36.
Nei giorni immediatamente successivi la polemica mont rapidamente ed assunse
i connotati di una vicinissima crisi diplomatica, bench come rilevarono alcuni
osservatori non fu mai condotta sino alla rottura, essendosi mantenuti i contatti
tra i due Primi Ministri, litaliano DAlema e il croato Sanader. Vi si aggiunse na-
turalmente la stampa croata, che dette fiato allirritazione dellopinione pubblica
nazionale e della presidenza della Repubblica. In un suo editoriale il quotidiano
Novi List rilanciava le accuse a Napolitano di revisionismo: Napolitano si
legge nella nota di Damir Grubisa del 12 febbraio di quellanno ha presentato
questa tragedia in modo unilaterale. [] In nessun modo Napolitano ha detto
che il problema delle foibe molto pi complesso, e che nonostante il fatto che i
crimini e le uccisioni degli innocenti non si possono giustificare con alcuna ven-
detta, [] il sottacere linsieme del problema porta necessariamente alla sua ri-
duzione e consente la manipolazione politica 37. Nuovo conformismo definiva
larticolista il consenso ricevuto dal Capo dello Stato italiano da tutti gli schiera-
menti politici, ad eccezione di Rifondazione comunista e del Partito dei comuni-
sti italiani. Il discorso di Napolitano non rimarr senza conseguenze anche per il
rapporto croato-italiano preconizzava Grubisa, che calcava ulteriormente sulla
presunta manipolazione politica dei fatti storici frutto, a suo avviso, del seme
del berlusconismo che avrebbe dato dei frutti molto pericolosi cui avrebbero
abboccato anche i membri del centro sinistra, entrati facilmente nello schema
del revisionismo storico che ha loro imposto lex governo Berlusconi.
La Stampa riassumeva la vicenda con la domanda Italiani, che volete da noi?,
titolo del servizio da Capodistria 38. Mesic attacca Napolitano. crisi tra Zaga-

36. G. Fragonara, Cervetti: cos noi del Pci arrivammo al negazionismo, in Corriere della Se-
ra, 12 febbraio 2007.
37. D. Grubisa, Napolitanov revizionistiki govor [Il discorso revisionista di Napolitano], in No-
vi List, 12 febbraio 2007.
38. G. Zaccaria, Italiani, che volete da noi?, in La Stampa, 14 febbraio 2007.

SDAPI133_14.indd 115 11/01/11 11:07


116 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istru Zione

inter venti bria e Roma titolava la Repubblica del 13 febbraio 39 e Croazia, attacco a Na-
politano era lapertura de La Stampa 40, mentre sul Corriere della Sera si leg-
geva Foibe, la Croazia contro Napolitano. Un discorso razzista e revanscista 41. Il
giorno successivo ancora il Corriere della Sera pubblicava lampia cronaca Foi-
be, non si ricuce lo strappo con la Croazia 42. Sul quotidiano milanese un servizio
era dedicato anche alla reazione del Quirinale alle esternazioni di Mesic, Lo sde-
gno di fronte a quelle accuse. Sono contestazioni inconcepibili 43. Dissenso e cri-
tica vennero espressi su il manifesto da Rossana Rossanda, il cui lungo com-
mento si intitolava significativamente Reticenza 44, nel quale la storica esponente
della sinistra comunista contestava, tra laltro, listituzione del Giorno del Ri-
cordo e luso della nozione di pulizia etnica per gli eccidi perpetrati dai parti-
giani di Tito ai danni della popolazione italiana. Lautrice rimproverava al Pre-
sidente di non aver detto tutta la verit, ritenendo che sarebbe stato meglio
dire che era una atroce, ingiustificabile vendetta contro linvasione tedesca e ita-
liana. Non stato un bello spettacolo proseguiva Rossanda [] gli altri ti-
toli [della stampa italiana, ndr] sono soltanto anticomunisti e antitoisti []. Il
fine uno, equiparare comunismo e nazismo.
La polemica sollevata da Mesic non rimase comunque confinata in un ambito bi-
laterale, dal momento che i suoi echi giunsero sino a Bruxelles, alla Commissione
Europea che nel giro di pochi giorni emise una nota nella quale definiva inap-
propriato il linguaggio usato dal presidente della Croazia Stipe Mesic, il quale
a sua volta replicava che la critica della Commissione unilaterale e scorretta 45.
La crisi La crisi tra Italia e Croazia veniva riacutizzata, tra novembre e dicembre del
tra italia e 2007, dalla annunciata emissione, da parte di Poste Italiane, di un francobollo
c roazia veniva ordinario dedicato a Fiume, indicata come Terra orientale gi italiana e raffi-
riacutizzata, gurante il Palazzo del Governo 46.
tra novembre
e dicembre del
2007, dalla 39. M. Ansaldo, Mesic attacca Napolitano. crisi tra Zagabria e Roma, in la Repubblica, 13
annunciata febbraio 2007.
emissione, da 40. P. Passarini, Croazia, attacco a Napolitano, in La Stampa, 13 febbraio 2007.
parte di poste 41. M. Gergolet, Foibe, la Croazia contro Napolitano. Un discorso razzista e revanscista, in
Corriere della Sera, 13 febbraio 2007.
italiane, di un 42. M. Caprara, Foibe, non si ricuce lo strappo con la Croazia, in Corriere della Sera, 14 feb-
francobollo braio 2007.
ordinario 43. M. Breda, Lo sdegno di fronte a quelle accuse. Sono contestazioni inconcepibili, in Corrie-
re della Sera, 13 febbraio 2007.
dedicato a
44. R. Rossanda, Reticenza, in il manifesto, 15 febbraio 2007.
f iume, indicata 45. Cfr. G. Sarcina, Foibe, Bruxelles condanna la Croazia, in Corriere della Sera, 15 febbra-
come t erra io 2007.
orientale gi 46. Gi sede del governatore ungherese in epoca absburgica, ospit dal 17 novembre 1918 il
comando di occupazione interalleato quindi, dal 12 settembre 1919, fu la residenza di Gabrie-
italiana e
le dAnnunzio e la sede del Comando legionario nei mesi dellImpresa. Dopo le elezioni del 24
raffigurante aprile 1921, vi si insedi il governo dello Stato Libero della citt di Fiume. Dal gennaio 1924
il palazzo del sino al 3 maggio 1945 fu sede della Prefettura.
Governo

SDAPI133_14.indd 116 11/01/11 11:07


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 117

inter venti
Con un passo formale presso il ministero degli Esteri italiano, Zagabria accusa-
va lItalia di atteggiamenti revanscisti ed irredentisti ed esprimeva grande disap-
provazione e profonda insoddisfazione per liniziativa. Fu loccasione, per i mass
media nazionali, di tornare sui delicati rapporti bilaterali e, pi in generale, sulle
vicende del confine orientale a pochi mesi dalle polemiche Napolitano-Mesic e
tanto pi in quanto il blocco delle vendite del francobollo arriv dal ministero de-
gli Esteri pochissime ore prima dellapertura degli uffici postali. Il francobollo ven-
ne posto regolarmente in vendita nel mese di dicembre, un rinvio motivato dallo
svolgimento in novembre, in Croazia, delle elezioni legislative, nelle quali spie-
g il governo italiano non si era voluto interferire con unemissione contestata.
Nel 2008 il Capo dello Stato accoglieva nuovamente nel palazzo del Quirinale
i congiunti delle vittime e le rappresentanze delle associazioni degli esuli giulia-
ni e dalmati. Ho espresso con chiarezza il mio pensiero lo scorso anno esord
il Presidente Napolitano . E qualche reazione inconsulta al mio discorso []
non ha scalfito la mia convinzione che fosse giusto esprimermi, a nome della Re-
pubblica, con quelle parole e con quellimpegno []. Ritengo che sia ora giun-
to il momento di interrogarci sul pi profondo significato del ricordo che for-
temente, giustamente ci si rifiutati di veder cancellato. Lomaggio alle vittime
di quegli anni, insieme al doveroso riconoscimento delle ingiustizie subite, del
dolore vissuto dai superstiti, dai loro discendenti e da chi fu costretto allesodo,
non possono e non devono prescindere da una visione complessiva [] serena
e non unilaterale di quel tormentato, tragico periodo storico, segnato dagli op-
posti totalitarismi. [].
Su lUnit dell8 febbraio 2008, Bruno Gravagnuolo dedicava un ampio ser-
vizio alla ricorrenza nel quale riconosceva che [] vi fu il progetto titino di na-
zionalizzazione jugoslava dellIstria, congiunto alla trasformazione collettivista.
Rispetto a cui, come avvisava Kardelij braccio destro di Tito, andava rimosso
ogni ostacolo italiano, fossanche antifascista (perci pi pericoloso). Fu cos che
liniziale collera etnica divenne pulizia politica preventiva. Era un disegno coe-
rente con il ruolo egemone e bolscevico che il comunismo titino si assegnava
in centro-Europa, e che Stalin stesso dovette arginare. Poi per paradosso, pro-
prio la Jugoslavia divenne la faccia antistaliniana e pi tollerante del comunismo
dellest. Ma nel frattempo il dramma sera consumato. [] 47.

iL Rico Rdo e La cu Ltura ita Liana de LLa driatico orienta Le

Lo ribadivano, in un commento apparso sul quotidiano triestino Il Piccolo del 9


febbraio di quellanno, Stelio Spadaro e Patrick Karlsen: [] il nodo delleso-

47. B. Gravagnuolo, Foibe, la tragedia di due popoli contro, in lUnit, 8 febbraio 2008.

SDAPI133_14.indd 117 11/01/11 11:07


118 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istru Zione

inter venti do fu lasciato in bocca solo alle comunit degli esuli, in Italia e allestero. La lo-
ro attivit generosa, intrecciata a quella di alcuni storici, alla base della nostra
possibilit di ricordare. [] E lefferatezza delle foibe. Una violenza non soltan-
to spontanea e reattiva, come per anni una certa accademia ha amato ripetere;
ma pi sostanzialmente politica, pianificata, collegata alla costruzione rivoluzio-
naria dello Stato comunista in Jugoslavia. Nel quale la componente italiana era
vista dai vertici del nuovo potere come un problema, affrontato e risolto in un
mix di ideologia e nazionalismo. Pi di una parola va spesa sulle pesanti com-
plicit del Partito comunista italiano, tanto durante quei terribili eventi quan-
to nel silenziamento e depistaggio della loro memoria. Non solo mancata una
lealt di base verso i propri connazionali uccisi e perseguitati in massa. Non so-
lo si ostentata estraneit per le ferite patite dallItalia al fianco orientale. [].
Prima di tutto proseguivano i due autori , ignorare il dato della distruzione
della Venezia Giulia, dimenticare lesodo ha significato cancellare dalla memo-
ria nazionale la grande civilt marittima di lingua italiana dellAdriatico orien-
tale. Allo stesso modo, ancora oggi negare o sminuire lesodo vuol dire rifiutare
la normalit secolare di quella realt storica. E perpetuare limmagine falsa del-
la Venezia Giulia come invenzione geografico-amministrativa del nazionalismo
italiano. Con lesodo visto addirittura come il rimpatrio, prima o poi inevitabi-
le, dei coloni portati qui in massa dal fascismo. [] 48.
Spadaro tornava sullargomento con un intervento apparso su lUnit lo stesso
10 febbraio del 2008, manifestando ancora una volta lintento di non limitare il
ricordo alle tragedie della Seconda guerra mondiale: Trieste e il confine orien-
tale [] erano pagine in larga misura sconosciute dal Paese, o rimosse []. Del
tessuto sociale e culturale ora va messa in luce la capacit, triestina e giuliana, di
aver prodotto [] una attualissima cultura civile fondata sui valori della tolle-
ranza, della convivenza e dellintegrazione. In una dimensione europea doveva
elaborarsi lesperienza storica dellitalianit adriatica: Nel Secolo degli estremi-
smi, delle intolleranze e delle ideologie assassine che hanno prodotto partico-
larmente nella Venezia Giulia risultati quanto mai laceranti e distruttivi, questa
tradizione espressa dagli intellettuali giuliani in un arco cronologico che si esten-
de lungo tutto il Novecento attesta, invece, la presenza di una tradizione civile
di grandissimo valore dimenticata []. E non temeva infine di stigmatizzare
la colpevole e storica pregiudiziale della sinistra italiana nei confronti dellargo-
mento: Altro nodo da far emergere quanto il rapporto disturbato sinistra-na-

48. P. KarlsenS.Spadaro, Nel segno di un ricordo condiviso, in Il Piccolo, 9 febbraio 2008.


Karlsen e Spadaro sono i curatori di alcuni testi antologici sulla questione orientale, tra i qua-
li Laltra questione di Trieste. Voci italiane della cultura civile giuliana 1943-1955, LEG, Trieste,
2006; La cultura civile della Venezia Giulia: unantologia 1905-2005, a cura di S. Spadaro, LEG,
Trieste, 2008; e L. FelicianF.FortiV.Leschi, La Resistenza patriottica a Trieste 1943-45,
a cura di S. Spadaro, LEG, Trieste, 2009.

SDAPI133_14.indd 118 11/01/11 11:07


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 119

inter venti
zione abbia contribuito ad alimentare gli equivoci fra la cultura democratica e
repubblicana italiana e il confine orientale. Questo vuoto di dialogo fra la Ve-
nezia Giulia e una sinistra incapace di cogliere il significato del messaggio che da
qui veniva, ha rappresentato uno dei fattori che maggiormente hanno ostacola-
to linserimento di questa regione allinterno della coscienza repubblicana, come
presenza accettata e sentita propria. Ci pone al Paese una domanda sulla ferita
causata dalla seconda guerra mondiale e sulla distruzione di una regione avve-
nuta senza che lItalia se ne fosse accorta [] 49.
Sulle molte cause della rimozione operata tornava nel 2009 lo storico Giusep-
pe Parlato sul quotidiano triestino Il Piccolo. Oltre un decennio di progres-
sive aperture verso una piena libert di indagine e di valutazione consentiva fi-
nalmente di affrontare le diverse responsabilit politiche, ideologiche e culturali
che avevano indubbiamente posto la sordina o taciuto del tutto le drammatiche
vicende del confine orientale italiano. Parlato coglieva la causa prima di quella
rimozione, laver operato per decenni in sede politica e storiografica in mo-
do tale da far s che [] tale questione rimanesse circoscritta nei confini loca-
li, che non diventasse cio un problema strettamente connesso con la definizio-
ne dellidentit nazionale nel secondo dopoguerra. []. Ma coglieva anche, lo
storico, i tempi lunghi delleditoria scolastica: [] salvo rare eccezioni, i libri
di testo di storia tendono a ripetere tesi gi consolidate e le innovazioni che la ri-
cerca riporta alla comunit degli studiosi raramente vengono recepite tempesti-
vamente dai manuali. [].
Lo studioso ha individuato dunque nella lenta ricezione degli orientamenti sto- Giuseppe
riografici il motivo primo del ritardo accumulato, con ogni evidenza, dalla ma- parlato ha
nualistica scolastica nella trattazione di un capitolo cos rilevante della storia ita- individuato
liana del Novecento. Rilevante per tragicit degli accadimenti, per lentit del nella lenta
territorio perduto dallItalia a seguito del Trattato di Pace del 1947 e per la radi- ricezione degli
cale trasformazione del tessuto civile, etnico e culturale della Venezia Giulia nel- orientamenti
la cornice del nuovo regime titoista jugoslavo. Pagine sulle quali la didattica del- storiografici il
la storia dovr dora in avanti confrontarsi senza reticenze e timori. motivo primo
Un esempio ne viene dal volume postumo e incompiuto dello storico triestino del ritardo
Elio Apih, Le foibe giuliane, nel quale lautore scandaglia nuove ipotesi di ricerca accumulato
sui totalitarismi del Novecento e, con particolare riferimento ai territori orienta- dalla
li, sulle matrici delle strategie e delle modalit repressive poste in atto dal comu- manualistica
nismo jugoslavo sin dal 1943. La riflessione dello studioso si affranca dai condi- scolastica nella
zionamenti delle interpretazioni prevalse nel passato per impegnarsi su una let- trattazione
tura comparativa delle forme di eliminazione del nemico assunte dai regimi na- di un capitolo
zista e comunista nellEuropa centro-orientale, delle quali le foibe nella loro cos rilevante
specificit si configurano come un derivato. Elaborazioni e prospettive di in- della storia
italiana
del n ovecento
49. S. Spadaro, Laltra Venezia Giulia, in lUnit, 10 febbraio 2008.

SDAPI133_14.indd 119 11/01/11 11:07


120 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istru Zione

inter venti dagine, queste di Apih cos come quelle dovute alla migliore storiografia con-
temporanea, che dovranno necessariamente interessare leditoria e gli autori
per la scuola nellottica come ha scritto Roberto Spazzali sul quotidiano Il
Piccolo di un approccio laico, non pregiudiziale alle complesse vicende
del confine orientale, che non iniziano con il fascismo e non si esauriscono con
la cessione di quei territori allex Jugoslavia.

SDAPI133_14.indd 120 11/01/11 11:07


par te se c ond a

SDAPI133_15.indd 121 11/01/11 11:07


SDAPI133_15.indd 122 11/01/11 11:07
le e sperienze
nelle s c uole

SDAPI133_15.indd 123 11/01/11 11:07


SDAPI133_15.indd 124 11/01/11 11:07
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 125

inter venti
l e vicende del
confine orientale
ed il mondo della
scuola. l a rchivio-
museo storico di
f iume della s ociet di
marino micich

di s tudi f iumani,
laboratorio
di storia

Il presente intervento vuole porre allattenzione del mondo della scuola e dei di-
rigenti ministeriali non solo le attivit promosse e i progetti svolti in campo sco-
lastico, ma anche le linee programmatiche che sono alla base delloperato della
Societ di Studi Fiumani, proprietaria dellArchivio-Museo storico di Fiume, e
dellAssociazione per la Cultura Fiumana Istriana e Dalmata nel Lazio, che dal
1996 opera in stretta comunione dintenti con la Societ di Studi Fiumani 1.
La citt di Fiume, che attualmente si chiama Rijeka e appartiene alla Repubbli-
ca di Croazia, assieme alla regione istro-quarnerina, sono lobiettivo principale
dei nostri studi e delle attivit culturali dei suddetti sodalizi, ma ci non signifi-
ca che non si dedichino spazio e mezzi per approfondimenti culturali sullIstria
e sulla Dalmazia, terre che hanno conosciuto nel corso dei secoli unimportate
presenza culturale e politica di carattere italiano.

1. La Societ di Studi Fiumani, sorta nel 1960, riconosciuta dalla Legge n. 92/2004 Giorno
del Ricordo, mentre lAssociazione per la Cultura Fiumana Istriana e Dalmata nel Lazio ha ot-
tenuto il riconoscimento giuridico dalla Regione Lazio nel 1996. Ambedue hanno sede a Roma
nellambito dellArchivio Museo Storico di Fiume situato in via Antonio Cippico, 10.

SDAPI133_15.indd 125 11/01/11 11:07


126 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

inter venti Fiume, che si affaccia sul Golfo del Quarnaro, tradizionalmente fu sempre una
citt libera e tale peculiarit venne sancita ufficialmente nel 1779 dal rescritto
sovrano di Maria Teresa dAustria. Il diploma teresiano stabil, in modo del tut-
to eccezionale, la posizione politica di Fiume nei termini esatti di Separatum
sacrae Regni Coronae Hungariae adnexum corpus, disponendo cos per lavveni-
re il trattamento della citt quale Corpo separato e autonomo annesso alla co-
rona ungherese, distinto dal distretto della vicina citt di Buccari, appartenente
fin dalle origini alla Croazia. NellOttocento i fiumani riuscirono, nellambito
dellImpero austroungarico, con abili manovre politiche a mantenere inalterata
la propria avita autonomia. Grazie al capitale ungherese Fiume vide ampliato il
suo porto, mentre la sua favorevole posizione geografica e politica favor linstal-
lazione di importanti industrie. Nei primi anni del Novecento il porto di Fiume
era lundicesimo porto europeo per importanza.
Con lo scoppio della Prima guerra mondiale (1914-1918) Fiume si trov coin-
volta, si pu dire, quasi in prima linea. Le sorti del conflitto furono, seppur fa-
ticosamente, favorevoli allItalia. Qualche giorno prima della fine della guerra
la maggioranza dei fiumani, sentendosi italiana, prevedendo lo sfacelo del vec-
chio Impero austro-ungarico e la costituzione del nuovo Stato dei serbi, croa-
ti e sloveni, volle prevenire leventuale assegnazione al nuovo Stato slavo, indi-
cendo un plebiscito col quale fu chiesta lannessione al Regno dItalia (proclama
del 30 ottobre 1918).
Il passaggio allItalia per non avvenne automaticamente. Varie e drammatiche
il passaggio furono le vicissitudini politiche attraversate dai fiumani nel dopoguerra; essi vis-
allitalia non sero limpresa dannunziana a cui fece seguito lesperienza dello Stato libero e in-
avvenne fine la tanto attesa annessione allItalia, avvenuta il 27 gennaio 1924 col Trat-
automaticamente. tato di Roma, stipulato fra i regni dItalia e di Jugoslavia. Fiume, dopo la scon-
v arie e fitta dellItalia nella Seconda guerra mondiale, fu ceduta per effetto del Tratta-
drammatiche to di Pace di Parigi del 1947, assieme allIstria e a Zara (in Dalmazia), dallIta-
furono le lia allallora Repubblica Federale Popolare di Jugoslavia, le cui truppe lavevano
vicissitudini occupata il 3 maggio 1945.
politiche Tuttavia, pur riconoscendo ai partigiani jugoslavi il merito storico di aver lotta-
attraversate to con successo contro il nazifascismo, bisogna anche aggiungere che il nuovo
dai fiumani nel regime comunista jugoslavo dai connotati totalitari, violenti e antidemocratici,
dopoguerra fu mal tollerato dai fiumani i quali nel giro di pochi anni furono praticamente
costretti alla dura via dellesilio. Almeno l88% della popolazione di Fiume la-
sci la citt per recarsi in Italia; molti fiumani emigrarono nel resto del mondo
(Australia, Canada, Argentina, ecc.) 2. Attualmente a Fiume vivono circa 4500

2. Per approfondire la storia fiumana, istriana e dalmata dalla fine dellOttocento al Novecento
vedi fra gli altri: G. Kobler, Memorie per la storia della liburnica citt di Fiume, Mohovich, Fiu-
me, 1896; G. Praga, Storia di Dalmazia, DallOglio, Varese, 1981; AA.VV., Istria una regione
di frontiera, a cura di F. Salimbeni, Morcelliana, Brescia, 1994; R. Pupo, Lesodo degli italiani
da Zara, Fiume e lIstria (1943-1956), in Passato e Presente, n. 40, Giunti, Firenze, 1997;

SDAPI133_15.indd 126 11/01/11 11:07


l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 127

inter venti
italiani, per la maggior parte iscritti alla Comunit degli italiani di Fiume affi-
liata allUnione Italiana 3.
Sempre a Fiume ha sede la casa editrice in lingua italiana Edit, che stampa il quo-
tidiano La Voce del Popolo.
Sin dal 2001 la situazione politica sia a Fiume sia nel resto della Croazia, dopo
il grave conflitto interetnico scoppiato in ex Jugoslavia negli anni Novanta, si
gradualmente stabilizzata grazie soprattutto allintervento congiunto dellOrga-
nizzazione delle Nazioni Unite (ONU), del patto di difesa atlantico (NATO) e
dellUnione Europea. La Slovenia entrata ufficialmente a far parte dellUnio-
ne Europea nel 2004, mentre lingresso della Croazia nella Comunit europea
previsto per il 2012 4.
Dopo questa doverosa premessa storica, risulter molto pi agevole compren-
dere le finalit delle attivit culturali promosse dalla Societ di Studi Fiumani e
dallAssociazione per la Cultura Fiumana, Istriana e Dalmata nel Lazio nel nuo-
vo contesto politico europeo. Ambedue le associazioni hanno per scopo statuta-
rio unicamente lo studio e lillustrazione di Fiume, della Liburnia, delle isole del
Quarnaro e di tutti i territori adriatici di affine cultura, dal pi lontano passato ad
oggi, nonch la raccolta e la preservazione delle memorie e dei documenti che li ri-
guardano. Grazie allimpostazione esclusivamente culturale dello statuto sta-
to possibile iniziare un dialogo con la terra di origine alla vigilia dellultimo con-
flitto in ex Jugoslavia 5. Successivamente le due associazioni hanno fatto propri
i contenuti del Manifesto culturale fiumano, in cui si sottolineava la volont di
abbattere il muro tra la Citt della Memoria e quella del presente, interrotto l a s lovenia
per lunghi anni. entrata
La Societ di Studi Fiumani risorta in esilio nel 1960, pubblica semestralmente ufficialmente
la rivista di studi adriatici Fiume e in base alle proprie risorse pubblica perio- a far parte
dicamente nuovi studi e ricerche a mezzo della Collana di studi storici fiumani dellu nione
e di unaltra collana denominata Sulle tracce della memoria. Ultimamente europea
stata istituita anche la collana Strumenti, con la quale si mette di volta in volta nel 2004,
mentre
lingresso
A. Petacco, Lesodo, Mondadori, Milano, 1999; C. Ghisalberti, Da Campoformio a Osi- della c roazia
mo. La frontiera orientale tra storia e storiografia, Quaderni di Clio, Edizioni Scientifiche
Italiane, Napoli, 2001; G. Rumici, Infoibati (1943-45), Mursia, Milano, 2002; Le vittime nella c omunit
di nazionalit italiana a Fiume e dintorni 1939-47 rtve talijanske nacionalnosti u Rijeci europea
i okolici (1939.-1947.), a cura di A. Ballarini e M. Sobolevski, Ministero per i beni e le at- previsto
tivit culturali, Roma, 2002; R. Pupo, Il lungo esodo. Istria: le persecuzioni, le foibe, lesilio,
per il 2012
Rizzoli, Milano, 2005.
3. LUnione Italiana lorganizzazione unitaria, autonoma, democratica e pluralistica degli ita-
liani delle Repubbliche di Croazia e Slovenia, che si occupa dei loro bisogni politici, economi-
ci, culturali e sociali. Sito ufficiale www.unione-italiana.hr.
4. Cfr. M. Micich, I mutamenti geopolitici in ex Jugoslavia con particolare riferimento allarea
adriatica, in Fiume. Rivista di studi adriatici , n. 4, Roma, 2001.
5. A. Ballarini M. Micich, Guida alla Societ di Studi Fiumani e allAssociazione per la Cul-
tura Fiumana, Istriana e Dalmata nel Lazio, Roma, 2002.

SDAPI133_15.indd 127 11/01/11 11:07


128 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

inter venti in rilievo il patrimonio documentale in possesso del sodalizio (circa 80.000 do-
cumenti storici di varie epoche), che va incrementandosi grazie a continue do-
nazioni. La Societ di Studi Fiumani partecipa attivamente anche al progetto
archivistico nazionale Archivi del Novecento la Memoria in rete promosso
dal consorzio BAICR. La progettualit editoriale si coniuga con altre importanti
attivit, quali la catalogazione del materiale librario e linventariazione dei fon-
di archivistici; presso lArchivio-Museo storico di Fiume vi sono infatti una bi-
blioteca specializzata con oltre 6000 volumi (in fase di inserimento nel sistema
SBN), attinenti alla storia di Fiume, della regione quarnerina, dellIstria e della
Dalmazia, unemeroteca con giornali depoca, un settore filatelico, una fototeca
con oltre 5000 fotografie depoca; una pinacoteca di importanti artisti fiumani
dellOttocento e del Novecento ed infine una mostra permanente sullesodo, sul-
la tragedia delle foibe istriane e sullevoluzione storica della citt di Fiume, che si
sviluppa in unarea di circa 200 metri quadrati con documenti e cimeli originali.
Il centro studi aperto undici mesi lanno al pubblico degli studiosi e dei ricerca-
tori nonch alla cittadinanza per 20 ore settimanali. Al mattino, su appuntamen-
to, si programmano visite guidate per le scuole di ogni ordine e grado al Museo
storico di Fiume e al Quartiere Giuliano-Dalmata (Roma, zona Eur-Laurenti-
na), dove si trova ubicato il centro studi 6.
Che cos il Manifesto Culturale Fiumano, al quale ho fatto cenno pocanzi? Si
tratta di un documento che defin nel 1997 il nuovo corso ideale e culturale del-
la Societ di Studi Fiumani, iniziato in effetti nel 1989 in concomitanza con il
il Manifesto crollo simbolico del Muro di Berlino. Lallora Consiglio Direttivo del sodalizio
Culturale fiumano, presieduto dal generale Vasco Lucci coadiuvato dal dr. Amleto Balla-
Fiumano rini, con presidente onorario il senatore a vita Leo Valiani (nativo di Fiume) 7,
defin nel decise di promuovere unazione molto importante e innovativa per quellepoca.
1997 il nuovo Ancora prima che lex Jugoslavia crollasse, per via dei drammatici conflitti in-
corso ideale teretnici tra i popoli che la componevano, una delegazione della Societ di
e culturale Studi Fiumani guidata da Amleto Ballarini, in accordo con lAssociazione del
della s ociet di
s tudi f iumani
6. Per conoscere la realt dei giuliano-dalmati a Roma e nel Lazio, cfr. M. Micich, I giuliano-
dalmati a Roma e nel Lazio. Lesodo tra cronaca e storia (1945-2004), Associazione per la Cultu-
ra Fiumana Istriana Dalmata nel Lazio, III edizione, Roma, 2004.
7. Leo Valiani, nato Leo Weiczen (Fiume, 9 febbraio 1909-Milano, 18 settembre 1999), stato
un giornalista, storico e politico italiano. Nato a Fiume sotto lImpero austro-ungarico, in una
famiglia di origine ebraica, si chiamava allanagrafe Leo Weiczen e il suo nome fu italianizzato in
Valiani nel 1927. Avverso al fascismo sin da ragazzo, fu mandato al confino (1928) nellisola di
Ponza. Nel 1940, dopo linvasione tedesca della Francia, Valiani riusc ad evadere e rifugiarsi in
Messico. Rientrato in Italia nel 1943, divenne esponente del Partito dazione nel CLNAI, orga-
nizzando, insieme a Sandro Pertini e ad altri esponenti della resistenza antifascista, linsurrezio-
ne dellaprile 1945. Dopo la guerra fu deputato nellAssemblea Costituente e quando il Partito
dazione si sciolse, si ritir dalla politica attiva per dedicarsi allattivit di storico e di giornalista,
collaborando con Il Mondo, LEspresso e in particolare con il Corriere della Sera, di cui
divenne editorialista nel 1970. Fu nominato Senatore a vita nel 1980.

SDAPI133_15.indd 128 11/01/11 11:07


l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 129

inter venti
Libero Comune di Fiume in esilio, si rec a Fiume (Rijeka) per stabilire dei
rapporti ufficiali con le autorit municipali croate e con le istituzioni della mi-
noranza italiana rimasta in citt. Non fu una scelta facile tornare, soprattut-
to dopo la drammatica esperienza dellesodo. Loccupazione militare jugosla-
va della citt e la successiva politica antidemocratica attuata dal regime comu-
nista di Belgrado rimanevano uno sgradevole e tragico ricordo in molti esuli
fiumani. Non tutti gli esuli, in quel tempo, approvarono il ritorno alla citt di
origine e si crearono diverse incomprensioni con alcuni di loro, ma da allora il
dialogo si sviluppato coinvolgendo elementi pi giovani ed proseguito in-
crementando le occasioni di scambi culturali con le istituzioni e le realt asso-
ciative oggi presenti a Fiume.
Nel 1997, a Fiume, il presidente della Societ di Studi Fiumani Amleto Balla-
rini present in pubblico e alla presenza del sindaco croato Slavko Linic il Ma-
nifesto Culturale Fiumano, redatto in italiano e in croato, dove tra le altre cose si
affermava: La Societ di Studi Fiumani ben consapevole dellineludibile identit
storica di carattere croato presente a Fiume, oggi assolutamente prevalente, solleci-
ta la collaborazione di tutti coloro che di tale identit croata si fanno interpreti per
realizzare concretamente, nellambito della cultura europea, il superamento di ogni
anacronistica contrapposizione e ricostruire insieme la storia della citt nel pieno ri-
spetto delle due culture, italiana e croata 8.
Una simile iniziativa poteva realizzarsi solo nellambito della appena costituita
Repubblica di Croazia, che dopo la guerra contro il regime federativo socialista
jugoslavo era divenuta una democrazia parlamentare. Come gi detto, durante durante il
il lungo periodo del regime socialista jugoslavo non vi era mai stato un dialogo lungo periodo
ufficiale tra esuli e autorit jugoslave, soprattutto per le ovvie ragioni legate ai del regime
drammi e alle ingiustizie subite dai fiumani dopo larmistizio. socialista
Tra i risultati del dialogo sicuramente da ricordare il convegno internazionale jugoslavo
di studi organizzato a Fiume dal 23 al 24 aprile 1999 sul tema Fiume nel seco- non vi era
lo dei grandi mutamenti, promosso dalla Societ di Studi Fiumani con il Co- mai stato
mune di Rijeka, lUnione Italiana e la Comunit degli italiani di Fiume, sotto un dialogo
lalto patrocinio del ministero degli Esteri italiano. Fu un convegno molto im- ufficiale tra
portante e per certi versi memorabile, al quale parteciparono studiosi e ricerca- esuli e autorit
tori italiani, croati, ungheresi e sloveni 9. jugoslave
Laltra iniziativa fu la realizzazione di un progetto unico nel suo genere, la ricer-
ca sulle vittime di nazionalit italiana a Fiume e dintorni (1939-1947), promos-
sa col patrocinio dei governi italiano e croato dalla Societ di Studi Fiumani e
dallIstituto Croato per la Storia di Zagabria. I risultati di tale ricerca, iniziata nel

8. Il testo integrale del documento stato pubblicato nella Guida alla Societ di Studi Fiuma-
ni, cit., pp. 32-34.
9. Fiume. Rivista di studi fiumani, n. 37, Roma, 1999; Fiume nel secolo dei grandi mutamenti-
Rijeka u stoljecu velikih promjena, Atti del convegno, Edit, Fiume-Rijeka, 2001.

SDAPI133_15.indd 129 11/01/11 11:07


130 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

inter venti 1998, sono stati pubblicati in un volume, in versione bilingue (italiano e croato),
dal nostro ministero per i Beni e le attivit culturali. Lopera, che ottenne anche
lAlto Patronato del presidente della Repubblica Italiana, fu poi presentata a Ro-
ma e a Zagabria da autorevoli studiosi al cospetto delle autorit governative ita-
liane e croate e di un folto pubblico di studenti e ricercatori 10.
Altre iniziative e collaborazioni si sono svolte fino ai nostri giorni tra cui voglio
ricordare lorganizzazione di un convegno da parte del sodalizio fiumano, in col-
laborazione con studiosi croati e ungheresi, sul tema Fiume, crocevia di popoli
e culture, tenutosi nel 2005 presso lAccademia dUngheria di Roma. Gli Atti,
riportanti anche una significativa premessa dello storico e intellettuale triestino
Claudio Magris, sono stati presentati il 13 dicembre 2006 a Fiume presso la se-
de del museo civico della citt, di fronte a un numeroso pubblico di giovani stu-
denti e operatori culturali 11.
Tuttavia, tornando un po indietro, nel 1990, per sottolineare limportante ruo-
lo svolto dalla scuola pubblica nella societ civile di ogni Paese, i dirigenti del-
la Societ di Studi Fiumani stabilirono dintesa con le istituzioni croate e della
minoranza italiana che una prima iniziativa in citt, dopo tanta storia contro-
versa, si potesse tenere presso la Scuola Media Superiore Italiana. Si pens allora
di istituire un premio letterario per gli studenti delle scuole italiane di Fiume da
conferirsi durante la festivit di San Vito e Modesto, i patroni della citt quar-
nerina. Negli anni successivi la Societ di Studi Fiumani e lAssociazione per la
Cultura Fiumana Istriana e Dalmata nel Lazio, con le proprie modeste risorse,
hanno cercato di promuovere convegni e scambi culturali tra gli studenti delle
scuole italiane di Fiume (Croazia) e gli studenti di Roma e del Lazio. In questo
senso un primo sostegno si ebbe a partire dal 1996 dalla Regione Lazio, con i fi-
nanziamenti resi disponibili dalla L.R. 17/1985, che prevede la concessione di
contributi per gli scambi culturali giovanili.
Ogni iniziativa con il mondo della scuola era corredata anche da un convegno,
che proponeva temi di interesse comune di storia e di attualit. Ad esempio nel
2000, dopo la fine del conflitto in ex Jugoslavia, la Societ di Studi Fiumani e
lAssociazione per la Cultura Fiumana, Istriana e Dalmata nel Lazio organizza-
rono col patrocinio regionale del Lazio uno scambio culturale tra il Liceo italia-
no di Fiume e il Liceo scientifico Aristotele di Roma, che culmin in un con-
vegno dal titolo La questione etnica nei Paesi dellAdriatico Orientale tra pas-
sato e presente. In quella sede vennero trattati sia temi riguardanti lesodo degli
italiani dai territori istriani e dalmati sia quelli riguardanti il conflitto etnico tra
serbi e croati e le problematiche relative al Kossovo.

10. Le vittime di nazionalit italiana a Fiume e dintorni 1939-47 rtve talijanske nacionalno-
sti u Rijeci i okolice (1939.-1947.), a cura di A. Ballarini e M. Sobolevski, Ministero per i beni
e le attivit culturali, Roma, 2002.
11. Fiume crocevia di popoli e culture, Atti del Convegno, Societ di Studi Fiumani, Roma, 2007.

SDAPI133_15.indd 130 11/01/11 11:07


l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 131

inter venti
Fu uniniziativa molto importante perch, partendo dalla storia istriana, fiumana
e dalmata si era riuscito a far comprendere la complessit storica, sociale e politi-
ca di unimportante area geografica come quella balcanica 12. Le proposte cultu-
rali dei due sodalizi hanno pi volte avuto il fine di far comprendere attraverso
lo studio della storia taciuta dellesodo degli italiani dallIstria e dalla Dalmazia
i problemi attuali dellEuropa. La linea culturale perseguita dal sodalizio fiuma-
no anche chiaramente comprensibile dalla dicitura del sito Web della societ,
www.fiume-rijeka.it, e dalla mascherina iniziale riportante il logo Fiume-Rijeka
con il motto Gente dEuropa.
Il museo viene ogni anno visitato anche da gruppi della minoranza italiana pre-
senti a Fiume e in Istria e ultimamente anche da cittadini croati provenienti dal-
la citt di Fiume.
Lesodo degli oltre 300.000 italiani dallIstria, Fiume e Dalmazia, le foibe, la dif-
ficile accoglienza nei campi profughi sono fatti storici di cui purtroppo ancora
oggi si ha scarsa percezione e consapevolezza. La Legge n. 92/2004, che ha isti-
tuito il Giorno del Ricordo, ha contribuito ad abbattere varie resistenze e dif-
fidenze, ma lesatta conoscenza delle vicende giuliane e dalmate stenta ancora a
farsi strada nelle aule scolastiche. Solo in tempi relativamente recenti, possiamo
dire dal 1991 in poi, molti aspetti oscuri della storia italiana del Novecento sono
riaffiorati dal subconscio nazionale, tra cui: lesigenza di storicizzare il fascismo
e la resistenza, la conoscenza della storia, delle regioni vicine al confine orientale
nonch i rapporti dellItalia con i Paesi confinanti.
Con la fine della Guerra Fredda il quadro politico europeo ha subito profondi l a l egge n.
sconvolgimenti spesso drammatici, tra cui la riunione della Germania, la nascita 92/2004,
di nuovi Stati in Europa orientale dopo il crollo dellUnione Sovietica e i nuovi che ha istituito
conflitti interetnici nellex Jugoslavia. Proprio in occasione della crisi in ex Jugo- il giorno del
slavia lopinione pubblica italiana era disorientata, mentre la stessa scuola pub- r icordo,
blica era piuttosto impreparata a far comprendere agli studenti le ragioni dello ha contribuito
scoppio di una nuova guerra, crudele e feroce, dai connotati tribali che si stava ad abbattere
combattendo alle porte dItalia. Le associazioni degli esuli istriani e dalmati die- varie
dero un significativo contributo per la prima conoscenza della problematica resistenze
visto che in Dalmazia le stesse citt di Zara o di Ragusa (in croato Dubrovnik), e diffidenze,
vennero bombardate dallesercito serbo una problematica complessa, che ave- ma lesatta
va unorigine lontana. Lodio etnico e ideologico scoppiato tra serbi e croati, gli conoscenza
esuli italiani lo avevano gi vissuto in quei territori soprattutto durante e dopo il delle vicende
secondo conflitto mondiale, pertanto la loro esperienza, con le dovute differen- giuliane
ze, poteva risultare utile per consentire una pi approfondita comprensione dei e dalmate
problemi sorti in quellarea. stenta ancora
a farsi strada
nelle aule
12. Al convegno presero parte anche i rappresentanti dellAssociazione Italo-Croata di Roma,
il Console generale dItalia a Fiume Mario Musella e il vicepresidente della Camera dei deputa- scolastiche
ti on. Carlo Amedeo Giovanardi.

SDAPI133_15.indd 131 11/01/11 11:07


132 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

inter venti Lorganizzazione scolastica negli anni che vanno dal 1990 al 2000 non era in gra-
do di dare informazioni sufficienti ai docenti, ai vari operatori scolastici e quin-
di agli stessi studenti, che sono lanello debole della catena. La complessit delle
vicende dellesodo dei 300.000 italiani da Fiume, Zara e dallIstria e la tragedia
delle foibe istriane richiedono risposte efficaci, ma il loro collegamento a que-
stioni di ordine politico e diplomatico non ne ha consentito per lunghi anni un
trattamento adeguato.
Si tratta di fatti storici assai problematici che producono ancora oggi una certa
rifrazione nella societ civile e stimolano la nascita di movimenti dopinione che
spesso sfociano in un uso politico e strumentale della storia. Per quanto riguar-
da poi il dramma degli eccidi di italiani nelle foibe si assistito a volte anche a
una contrapposizione violenta tra opposte fazioni studentesche. Per evitare ul-
teriori contrapposizioni ideologiche e politiche occorre produrre buona cultura
ed essere in grado di divulgarla a pi persone possibili. Oltre alla Societ di Stu-
di Fiumani, altre associazioni degli esuli, in particolare lAssociazione Nazionale
Venezia Giulia e Dalmazia, il Coordinamento Adriatico, i Liberi comuni di Za-
ra, Fiume e Pola, lAssociazione delle Comunit Istriane, lUnione degli Istriani
e la Societ Dalmata di Storia Patria, hanno cercato di promuovere alcune ini-
ziative di respiro europeo, mantenendo saldo il compito di difendere la propria
storia dalle strumentalizzazioni. I risultati sono stati soddisfacenti.
Le attivit della maggior parte delle associazioni non intendono provocare nuove
polemiche o addirittura perseguire fini politici anacronistici (ad esempio il risve-
per evitare glio del cosiddetto irredentismo adriatico e la rivendicazione dei territori ceduti),
ulteriori ma cercano di contribuire attraverso la verit storica al dibattito europeo, al rico-
contrapposizioni noscimento dei diritti negati agli esuli e al dialogo con le nuove repubbliche sorte
ideologiche dalla disintegrazione dellex Jugoslavia, dove vive ancora una minoranza italiana
e politiche di circa 25.000 persone. Per fare tutto questo ci vogliono onest intellettuale e
occorre lungimiranza politica, ma se non si parte dallobiettivit storica ben pochi risultati
produrre buona si potranno raggiungere non solo in campo culturale ma anche in quello civile.
cultura ed Ogni anno la Societ di Studi Fiumani e lAssociazione per la Cultura Fiumana
essere in grado Istriana e Dalmata nel Lazio promuovono, nelle scuole che ne fanno richiesta,
di divulgarla una serie di seminari, conferenze, mostre con pannelli didattici adatti ai vari or-
a pi persone dini e gradi scolastici. Ultimamente si sono stampati nuovi libri, opuscoli e sup-
possibili porti informatici didattici. Ad esempio la Societ di Studi Fiumani ha dato alle
stampe un libro, quale ausilio per la scuola, dal titolo Fiume, una citt dimenti-
cata, mentre lAssociazione per la Cultura Fiumana, Istriana e Dalmata nel La-
zio ha pubblicato, con fondi regionali, supporti informatici (Cd-rom) insieme
ad alcuni testi adatti ad orientare quei docenti che volessero inserire la tematica
istriana, fiumana e dalmata nella loro programmazione 13.
13. Cd-rom didattico Il Giorno del Ricordo Istria, Fiume, Dalmazia a cura di M. Micich; M.L.
Botteri P. Pezzini M. Tribioli, Un anno nellAdriatico orientale, Roma, 2009 e sempre a cu-
ra di M.L. Botteri, P. Pezzini, M. Tribioli, La questione del confine orientale, Roma, 2007.

SDAPI133_15.indd 132 11/01/11 11:07


l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 133

inter venti
Si sono attivate negli ultimi due anni interessanti collaborazioni con istituzioni
culturali di altre regioni, nelle Marche con la Casa della Memoria di Servigliano
(provincia di Fermo) e in Umbria con lIstituto di Storia dellUmbria contem-
poranea. A tali iniziative hanno fatto seguito anche le visite al museo fiumano
di studenti dalle Marche e dallUmbria, nonch la pubblicazione di testi e docu-
menti utili per lapprofondimento dei percorsi formativi sulla memoria.
Molto importante, la ormai pluriennale attuazione di seminari di studio sulla ci-
vilt istriana, fiumana e dalmata promossi dallAssociazione per la Cultura Fiuma-
na, Istriana e Dalmata nel Lazio e dalla Societ di Studi Fiumani anche nellam-
bito della Provincia di Roma, in particolare con il liceo statale scientifico Blaise
Pascal di Pomezia e con le scuole dellIstituto Comprensivo di Montecompatri.
A questo punto dobbligo segnalare uniniziativa molto importante e per certi
versi unica nel suo genere in Italia. Si tratta del progetto del Comune di Roma
dal titolo Viaggio nella Civilt istriana e dalmata, giunto alla sua seconda edi-
zione, promosso dallAssessore alle politiche scolastiche ed educative del Comune
di Roma Laura Marsilio. Il progetto ha visto coinvolte oltre a docenti universi-
tari per i corsi di aggiornamento, sia la Societ di Studi Fiumani sia lAssociazio-
ne per la Cultura Fiumana Istriana e Dalmata nel Lazio. Nellambito di questa
iniziativa si svolto anche il viaggio nei luoghi della memoria in Venezia Giu-
lia e nei territori oggi appartenenti alle Repubbliche di Slovenia e di Croazia, tra
cui Fiume e Pola, con la partecipazione di oltre 200 studenti e 50 docenti delle
scuole superiori romane, guidati in primis dal Sindaco di Roma.
Dopo aver elencato le attivit promosse dal centro di studi fiumani per il mon- t rattare
do della scuola utile sottolineare il metodo e le finalit che le due associazio- la storia di una
ni hanno da sempre perseguito per attualizzare e quindi stimolare linteresse dei regione
docenti e degli studenti verso i territori istriani e dalmati. di frontiera
Trattare la storia di una regione di frontiera non impresa facile soprattutto se non
la si propone ad istituti scolastici situati in zone lontane dal confine italiano. La impresa facile
percezione dei problemi storici, politici, culturali e sociali delle zone di confine soprattutto
di solito assai pi forte in regioni come il Veneto, il Trentino-Alto Adige, il se la si
Friuli-Venezia Giulia che non per esempio in Umbria, Molise, Basilicata, Cala- propone
bria e cosi via, se poi non ci fosse Roma (principale centro politico e diplomatico ad istituti
del Paese) potremmo aggiungere anche il Lazio. logico che se il docente viene scolastici
messo in condizione di comprendere il valore nazionale ed europeo di tale storia, situati in zone
in qualunque regione si trovi ad operare ne pu proporre lapprofondimento ai lontane dal
suoi studenti. Pertanto, considerando la nostra collocazione a Roma, il metodo confine italiano
adottato quello di passare da una visuale puramente nazionale a una prospet-
tiva europea, cercando di allargare gli orizzonti della memoria tramite luso e la
consultazione delle fonti, dei documenti e lascolto diretto, o in audiovisivo, di
testimonianze e ricordi degli esuli.
Per quel che riguarda lesodo degli oltre 300.000 istriani, fiumani e dalmati cer-
chiamo di partire dal fatto in s e di spiegarne le motivazioni, ma tendiamo an-

SDAPI133_15.indd 133 11/01/11 11:07


134 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

inter venti che ad universalizzare il fenomeno. La condizione umana del profugo giuliano
ricorda per molti versi quella di tanti altri profughi che attualmente cercano ripa-
ro in Italia e in Europa. Tale condizione viene resa bene dai versi del poeta greco
Seferis il pensiero del profugo, il pensiero del prigioniero, il pensiero delluomo di-
ventato merce anchegli, tu prova a mutarlo: non puoi. Lo studente pi giova-
ne, con scarse conoscenze storiche specifiche, pu attraverso questi parallelismi
arrivare a comprendere meglio il dramma e lestremo disagio che possono colpi-
re ogni essere umano sottoposto a determinati condizionamenti. Lo studio della
storia delle terre istriane e dalmate non deve limitarsi ad analizzare solo gli aspet-
ti politici o bellici, ma necessario che in sintesi comprenda una serie indispen-
sabile di dati sociali, culturali, economici e religiosi che aiutino a comprendere il
trauma dellabbandono del proprio Paese e in definitiva il declino di una civilt.
Lo scopo a cui si tende quello di stimolare linteresse e la conoscenza non solo
delle vicende storiche relative al gruppo nazionale italiano nei territori della fron-
tiera orientale, ma seguendo unottica interculturale anche il cammino dei po-
poli che con esso hanno condiviso nel bene e nel male quel territorio. In defini-
tiva, si tratta di inserire il discorso della Venezia Giulia, visto il momento storico
che lEuropa sta vivendo, in una prospettiva interculturale europea. Seguendo
uno studio il pi possibile comparato, servendosi non solo delle discipline stori-
che ma anche di quelle geografiche, letterarie e artistiche, si pu arrivare a com-
prendere meglio le vicende storiche del nostro confine orientale. La categoria di
confine assieme a quella di cittadinanza sono le parole chiave per la comprensio-
l a categoria ne delle vicende e delle identit dei popoli (austriaci, sloveni, croati, ungheresi),
di confine che vivono lungo quel tipo di territorio, un primo strumento per connettere nel
assieme a percorso didattico storia e geografia.
quella di La storia nazionale dei confini orientali dItalia va inserita nel panorama euro-
cittadinanza peo pi vasto, con lintento certamente di valorizzare le testimonianze di una ci-
sono le parole vilt adriatica di carattere italiano ma senza trascurare le altre specificit etniche,
chiave per la culturali e linguistiche che caratterizzano questo spazio geografico. Pertanto lo
comprensione scopo principale quello di far comprendere la storia di una regione abitata da
delle vicende e pi popoli, senza omissioni ed interpretazioni etnocentriche. In questo ambito
delle identit ci sembra che la sensibilit italiana sia molto pi avanzata di quella presente og-
dei popoli che gi nei Paesi confinanti di Slovenia e Croazia. Tale differenza dovuta a ragioni
vivono lungo storiche, politiche e culturali tipiche della Penisola Balcanica, ma che vanno ri-
quel tipo di cercate e armonizzate nel fluire stesso della storia europea. La storia dellesodo e
territorio, delle foibe istriane non sono altro che la punta di un iceberg e con questa consa-
un primo pevolezza la nostra istituzione si accinge ogni volta a inserirla in un contesto pi
strumento per ampio e quindi anche pi comprensibile ai docenti e agli studenti.
connettere
nel percorso
didattico storia
e geografia

SDAPI133_15.indd 134 11/01/11 11:07


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 135

inter venti
La scuo La
di Bergamo ricorda

Da molti anni ormai, ben prima dellistituzione del Giorno del Ricordo, la cit-
t di Bergamo, il Liceo scientifico Lorenzo Mascheroni in particolare, si occu-
pa di memoria e ne diffonde il doveroso rispetto tra i giovani.
Noi siamo quello che ricordiamo: con queste parole tratte dal pensiero di Norber- di
to Bobbio, il nostro compianto preside, prof. Letterio di Mauro, uomo di gran- maria elena
de cultura ed umanit, ci ha sempre spronato a coltivare negli studenti linteres- depetroni
se per la memoria, il culto del ricordo. Una Commissione nata pi di dieci anni
orsono e composta da docenti dalla formazione eterogenea (storia-filosofia, let-
tere, disegno e storia dellarte) volle offrire una vasta possibilit di iniziative che
potesse coprire linteresse di tutte le 54 classi dellIstituto, in modo da differen-
ziarle, in base anche al target det, e da condividere con i colleghi lavori, espe-
rienze, emozioni. Tale Commissione impresse un modus operandi che ha lasciato
unindelebile traccia in tutto lIstituto e che poi si cercato di allargare ad altre
scuole, ad altri Istituti e che si configura come metodo di lavoro, come didatti-
ca se cos si pu dire del ricordo:

studio ed approfondimento su testi, documenti, immagini documentarie, con


conferenze di storici autorevoli ed accreditati istituti di ricerca. Questa fase
necessaria: senza un corretta contestualizzazione storica gli eventi, qualsia-
si evento ma questo in particolare, corrono il rischio di essere interpretati o
letti in maniera parziale;
interazione degli studenti con la materia trattata e soprattutto con i testimo-
ni, gli esuli a Bergamo.

Una delle esperienze pi significative, in tal senso, nata dalla lettura di Torne-
r limperatore di Alessandra Fusco, uninsegnante bergamasca prematuramente
scomparsa nel 2004. Torner limperatore la storia dellesodo da Pola a Berga-
mo, raccontata al femminile attraverso tre generazioni di donne, Bruna, giova-
ne di 17 anni, sua madre Francesca e sua nonna Maria, della famiglia dellautri-
ce proveniente, appunto dallIstria. Volevo raccontare come la grande storia ha
potuto incidere sulla vita di una famiglia di modeste condizioni, di frontiera, ricca
soltanto di un bagaglio culturale che le veniva dalle diverse culture di cui era frut-

1. Docente di lettere presso il Liceo scientifico Lorenzo Mascheroni di Bergamo.

SDAPI133_16.indd 135 11/01/11 11:07


136 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pu BBLica istruzione

inter venti to indivisibile (da una lettera di Alessandra Fusco ad una profuga polesana)
Lesemplarit di questa testimonianza che si tratta di una storia vera, femmi-
nile, familiare e bergamasca e ci ha consentito ai ragazzi che hanno letto il ro-
manzo di avvicinarsi alle vicende del confine orientale tra il primo e il secondo
dopoguerra con un preciso riscontro anche sul territorio del loro quartiere, della
loro citt e della loro provincia, attraverso il punto di vista della donna, che, ri-
cordiamolo, fu quella a pagare pi duramente il prezzo dellesodo. Nella piccola
sala daspetto della stazione di Treviglio un gruppo di persone infreddolite aspettava
da un paio dore il convoglio proveniente da Venezia, che doveva portare i profughi
polesani [] Nella penombra Bruna guardava i suoi compagni. Si era accorta che
erano le donne, per la gran parte dei casi, ad avere la responsabilit delle famiglie. I
mariti non cerano: deportati, infoibati, morti in guerra, dispersi o ancora in prigio-
nia. Donne con i loro vecchi e i loro bambini. Donne dalle facce dure, senza pi la-
crime, che si sentivano condannate ad essere forti a tutti i costi, perch se avessero ce-
duto, per le loro famiglie non ci sarebbe stato pi un punto di riferimento.
Nel corso del corrente anno scolastico anche una classe terza della scuola media
di Villa di Serio, in provincia di Bergamo, si avvicinata alle pagine di questo
romanzo. I ragazzi hanno avuto la possibilit di ricostruire, con pannelli, cartel-
loni, presentazioni in PowerPoint, un quadro storico-politico-geografico la cui
complessit difficilmente viene loro chiarita sui libri di testo e di incontrare dal
vivo i parenti di quei personaggi della storia raccontata e cos riconosciuta co-
me autentica e reale.
in occasione In occasione della Giornata del Ricordo 2010, la Regione Lombardia ha ban-
della giornata dito un concorso per tutte le scuole medie di primo e secondo grado dal titolo:
del r icordo Laccoglienza degli esuli della Venezia Giulia e Dalmazia in Lombardia. Que-
2010, la sta ulteriore opportunit ha suscitato nei ragazzi dei due licei scientifici cittadini
r egione (classificatisi poi primi sia come lavoro di gruppo sia come lavoro individuale)
Lombardia linteresse e la curiosit di capire dove e come gli esuli si siano inseriti nel tessu-
ha bandito to sociale bergamasco. Ecco lintroduzione scritta dai partecipanti: Dopo un pe-
un concorso riodo di preparazione, per cos dire, scolastica sui libri, sulla documentazione for-
per tutte le nitaci dalle biblioteche, pubbliche e private, sul materiale darchivio e sui rari fil-
scuole medie mati depoca, abbiamo cercato di vivere lo svolgimento del lavoro in maniera perso-
di primo e nale, diretta, partecipata recandoci dai testimoni protagonisti di questa parte di sto-
secondo grado ria o dai loro discendenti e intervistandoli sulla loro esperienza. Abbiamo cos avuto
dal titolo: la possibilit di scoprire un pezzo della storia di Bergamo, dei suoi quartieri, del-
Laccoglienza la sua fisionomia architettonica, della sua gente, delle sue leggende assolutamente a
degli esuli della noi sconosciuto e proprio per questo interessante, coinvolgente, anche se derivante da
v enezia giulia eventi senza dubbio drammatici.
e dalmazia in Lintervista sul campo si rivelato uno strumento didattico effettivamente mol-
Lombardia to efficace, perch rende gli studenti protagonisti e perch riesce a coinvolgere i
testimoni anche pi anziani che, stimolati dai giovani, sentono il desiderio, la vo-
lont, a volte il dovere morale di raccontare e passare cos il testimone. I profu-

SDAPI133_16.indd 136 11/01/11 11:07


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 137

inter venti
ghi dalmati e giuliani vennero raccolti a Bergamo nella Clementina, un centro di
accoglienza per soldati feriti nei pressi dellospedale psichiatrico. I profughi furo-
no sistemati in grandi dormitori. Cos hanno raccontato i ragazzi linizio del loro
incontro con Quelli della Clementina: Ci aspettano per raccontarci il loro eso-
do, in una decina, di prima mattina, in una giornata fredda e livida, proprio come
devessere stato quel triste febbraio del 1947. Solo che allora fioccava anche la neve e,
ad accoglierli, non cera il tepore di una casa o di una famiglia ma un gelido ricove-
ro militare in cui lintimit era divisa da una coperta e il rancio era servito nella ga-
mella. Nel quartiere della Clementina, occupato ora da condomini e abitazioni pri-
vate, si trovava un ricovero militare che, finita la II Guerra Mondiale, fu utilizzato
come punto di smistamento e campo profughi dagli esuli dalmati e istriani. La parte
del ricovero, utilizzata come ospedale militare, divenne il centro di raccolta dei pro-
fughi, i quali, successivamente venivano separati e ospitati in paesi fuori citt, capaci
di offrire un lavoro anche a persone non del luogo. Questa struttura, costruita in ori-
gine come ospedale e caserma, da allora molto cambiata: adesso nel luogo dove sor-
gevano i grandi stanzoni vi si trova un centro commerciale ed alcuni condomini. Di
fronte alla chiesa sorgeva un giardino ben curato, rimpiazzato dai cortili dei palaz-
zi. La chiesa ancora accessibile ed utilizzata: infatti viene celebrata regolarmente la
messa. Anche la scuola frequentata dai giovani profughi di allora ancora operativa.
E ancora una sorpresa: proprio in questa scuola elementare, la scuola primaria
Valli, le classi quarte e quinte hanno svolto un bel lavoro di ricerca, accompa-
gnati dalle maestre e da esuli che avevano frequentato allora lIstituto, sul tema
del ricordo, dellesodo, delle foibe.
Per concludere io credo che vadano sottolineati due aspetti importanti che sa-
rebbe riduttivo tacere: innanzitutto nel mondo della scuola, fino a poco tempo
fa, cera una sostanziale diffidenza sullargomento; non sempre in cattiva fede,
nel senso che forse per taluni si trattato di pregiudizio ideologico, ma per i pi
invece ha influito la non conoscenza, il timore di parlare di un qualche cosa che
non si domina e che quindi ingenera insicurezza. E ci comprensibile. La dif-
fidenza si affronta solo in un modo: presentando degli studi autorevoli da fonti
competenti e in questo senso la collaborazione con gli istituti di storia, della sto-
ria della ricerca e con tutti quegli organismi che lavorano con metodo da tantis-
simi anni deve essere una priorit.
Secondariamente stato senza dubbio un errore tagliare fuori i protagonisti di
questi eventi. Solo ora, ed in un certo senso tardi, vengono invitati esuli o loro
discendenti a parlare e a raccontare la loro storia, le loro memorie. Tale strada
invece la maestra: i miei ragazzi si sono lasciati accompagnare tra i quartieri,
nelle case da persone che hanno riaperto per loro cassetti chiusi da anni e con-
tenenti tesori incredibili, utili per la conoscenza della verit storica ma anche
della realt del territorio in cui gli esuli si sono inseriti.
LAssociazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, che diffusa su tutto il ter-
ritorio nazionale, gi da tempo si resa disponibile a favorire contatti, materiale,

SDAPI133_16.indd 137 11/01/11 11:07


138 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pu BBLica istruzione

inter venti indicazioni, pubblicazioni per lo studio dei giovani e per la preparazione dei do-
centi. Moltissimi soci, esimi professori e studiosi collaborano tutto lanno e non
solo per il 10 febbraio con le scuole, con luniversit, con le istituzioni, desiosi di
dare il loro contributo per costruire una pagina di storia condivisa ma che non
pu pi mancare nella storia della Repubblica italiana.
Un altro punto per me determinante stato incontrare la sensibilit delle Isti-
tuzioni: la Regione Lombardia, la Provincia e il Comune di Bergamo hanno sa-
puto appoggiare, con consapevolezza ed attenzione, il lavoro delle scuole e fa-
vorirne la diffusione.

SDAPI133_16.indd 138 11/01/11 11:07


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 139

inter venti
Le a ssociazioni
deg Li esu Li
e La scuo La
Prima di raccontare la mia esperienza in qualit di docente opportuno che io
spieghi quali sono i fini dellANVGD (Associazione Nazionale Venezia Giulia e
Dalmazia) di cui sono Consigliere nazionale ed in particolare del Comitato Pro- di
vinciale di Roma, di cui da ottobre 2009 sono presidente. donatella
LANVGD ha avuto sin dalla sua costituzione negli anni ormai lontani dellim- schurzel
mediato dopoguerra e soprattutto del dopo esodo per i giuliano-dalmati, lo scopo
primario di assistere, sostenere ed aiutare in ogni modo queste genti sparpagliate
un poovunque in Italia, oltre che, come ben noto, anche in tutto il mondo, nel
ricostruirsi prima di tutto unesistenza degna di essere definita tale, nel riunire fa-
miglie allontanate e disperse, nel trovare nuovamente attivit lavorative qualun-
que esse fossero e indipendentemente, molto spesso, da quelle praticate nei pro-
pri luoghi di origine, dopo i lunghi, tristissimi anni, trascorsi nei campi profughi.
LAssociazione ha cercato anche di rappresentare e difendere dal punto di vi-
sta giuridico quei diritti completamente calpestati e non riconosciuti agli esuli,
ad esempio, persino quelli anagrafici, cercando e riuscendo in varie occasioni a
far emanare leggi che li tutelassero almeno in determinati ambiti della vita civi-
le. Segue poi, da sempre, la questione relativa ai Beni abbandonati degli esu-
li, non ancora chiusa e che forse mai potr davvero giungere a compimento, se-
condo quello che dovrebbe essere il giusto criterio di corrispondenza a quanto
forzatamente perduto.
Da diversi anni, per, gli interessi dellANVGD, per ovvii motivi si sono incen-
trati anche sulla questione culturale che certamente costituisce il nostro futuro.
Inesorabilmente i pi anziani se ne sono gi andati da tempo e molti altri man
mano che si va avanti, ci stanno lasciando tra gli esuli.
Si sta assottigliando, dunque, la rappresentanza di quanti, lasciate le terre dori-
gine, hanno intrapreso con immenso dolore la strada dellesilio. Molti di essi,
per, hanno compreso che solo la nostra cultura italiana potr rappresentare
la chiave di volta per far s che, nel momento in cui saranno scomparsi tutti i
testimoni diretti di questo dramma, la seconda generazione, rappresentata dai
loro figli e nipoti, che in molti casi, come nel mio ad esempio, sono fortissi-
mamente ed intimamente legati alla loro origine e sentono di appartenere
alle terre oggi in Croazia (per la maggior parte) oltre che ai luoghi in cui sono
nati e vivono, si mantenga viva e anzi forse si ripresenti in maniera pi eviden-

SDAPI133_17.indd 139 11/01/11 11:08


140 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti te e sostanziosa in quella regione, oggi avviata, nel progetto europeo, a ritor-
nare finalmente aperta a tutti, europei, italiani in genere, e esuli o i loro di-
scendenti in particolare.
Con questo proposito, dunque, iniziata la mia avventura in ANVGD per fa-
re cultura e soprattutto far conoscere a tutti, in particolare al mondo della scuo-
la, ai giovani e ai loro docenti la millenaria e al tempo stesso attuale e contem-
poranea cultura adriatica orientale, che non si limita alla storia romana, comune
con tutta la penisola italiana, ma alla condivisione e al cammino parallelo del-
la regione orientale a quello di tutte le altre, dal Medioevo con i suoi comuni
al Rinascimento e alla Serenissima Repubblica di Venezia, qui manifestatasi nei
modi migliori ed evidenti perfettamente ancora oggi, allIlluminismo, al perio-
do napoleonico, a quello asburgico, fino allagognato ricongiungimento con la
madrepatria italiana dopo la Prima guerra mondiale e alla dolorosissima separa-
zione dopo la Seconda.
In tutto questo arco di tempo lunghissimo, il mondo culturale adriatico si di-
stinto pure nellattenzione e negli studi sulla questione della lingua. E niente c
di pi evidente nella storia dei popoli e nella loro unione che individuare ununi-
ca lingua comune che tutti li identifichi indipendentemente da qualunque av-
ventura o disavventura sopportino.
cos che sono entrata, in realt sono stata scaraventata, insieme con altri gio-
vani amici dal presidente del Comitato di allora e dallo stesso padre Flaminio
Rocchi nel Comitato romano dellAssociazione.
s i dovuto far Da quel momento ho iniziato in qualit di docente e di rappresentante del Co-
comprendere mitato Provinciale ANVGD di Roma la mia attivit finalizzata alla conoscenza
limportanza nelle scuole delle vicende del confine orientale. Insieme con il Dott. Marino
fondamentale Micich, della Societ di Studi Fiumani, con la quale la collaborazione e lattivi-
della t spesso concordata e parallela continuativa da molto tempo, partecipammo
conoscenza nellanno scolastico 1995 ad un Convegno su Le vie dei traffici, organizzato in
corretta e diverse giornate presso il Liceo scientifico E. Majorana di Roma, con un Semi-
oggettiva di nario dal titolo LAdriatico crocevia di culture.
fatti ed eventi Questo impegno, da allora, non si mai interrotto, anzi proseguito sempre pi
importantissimi intensamente e allargandosi a varie scuole della capitale e della provincia.
della storia Va per chiarito che tale lavoro ha richiesto tantissima fatica, impegno e co-
italiana stanza. Molto spesso anche pazienza nel sopportare i dubbi, lindifferenza, fre-
quentemente pure la mal disposizione generata da motivi ideologici o la diffi-
denza dei dirigenti scolastici che magari temevano si volesse fare attivit politica
con i seminari e i progetti proposti. Si dovuto far comprendere limportanza
fondamentale della conoscenza corretta e oggettiva di fatti ed eventi importan-
tissimi della storia italiana, ahim sconosciuti ai pi o anche conosciuti in mo-
do condizionato dal partitismo. stato fondamentale far accettare il messaggio
che soprattutto le nuove generazioni dovessero sapere ed essere consapevoli del-
la loro storia fino a pochi anni fa completamente mutila di questa parte fonda-

SDAPI133_17.indd 140 11/01/11 11:08


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 141

inter venti
mentale che riguarda le vicende del confine orientale e che cos rilevante non
solo perch si tratta di territori che erano parte dellItalia, ma perch si parla di
una gente, italiana, anzi italianissima evidentemente nel proprio sentire, che ha
pagato per tutta la nostra nazione un gravosissimo debito di guerra. Ma laltro
aspetto fondamentale ed stato, far comprendere perch queste terre sono
state cos importanti e cos ambite da tutti. Ecco il passaggio fondamentale, far
comprendere a giovani, studenti in genere, docenti, dirigenti scolastici e ai cit-
tadini, agli altri cittadini italiani, che se di tutto ci c da parlare perch sicu-
ramente lAdriatico orientale con le sue genti ha saputo sviluppare nel corso dei
secoli e dei millenni una cultura ad ampio raggio ed una struttura sociale parti-
colarmente aperta, agile, disponibile ai contatti, tanto da sviluppare un mondo
ricchissimo di fermenti, di stimoli e di attivit di ogni genere che senza dubbio
ha fatto gola a molti.
Sicuramente la chiave di volta giusta per superare molte diffidenze stata la
cultura.
In tal modo si sono susseguite sul territorio laziale moltissime occasioni che nel
tempo sono divenute sempre pi intense e produttive. Molti Seminari storico-
letterari e Convegni culturali, quindi dalle sfumature pi ampie, sono stati con-
dotti in svariati Licei: Plauto, Aristotele, Kennedy, Giulio Cesare, solo per ci-
tarne alcuni di Roma, nonch il Liceo Cicerone e lIstituto Tecnico di Frascati
(RM), il Liceo di Latina e particolarmente il Liceo Pascal di Pomezia (RM) in
cui svolgo la mia attivit di docente da pi di dieci anni, oramai.
Inoltre, con il Comitato Provinciale dellANVGD di Roma, ho organizzato nel
giugno 2007 il Convegno Venezia Giulia: dalla terra al mare. Dialoghi sulla
frontiera tra passato e presente, presso la LUSPIO (Libera Universit degli Stu-
di S. Pio V), In questa occasione stata intensa la partecipazione di illustri stu-
diosi e nomi importanti tra gli storici e gli accademici che sta a dimostrare quan-
to ormai in maniera chiara, almeno nel Lazio, sia passato il giusto messaggio da
porgere anche ad un pubblico di universitari o di adulti e nei luoghi ritenuti at-
testati per le questioni di tipo culturale. I lavori del Convegno hanno avuto il lo-
ro naturale esito nella successiva pubblicazione degli Atti.
Va riconosciuto che da tempo nella mia regione le Istituzioni sono a fianco della
nostra Associazione (insieme alle altre) e non v ombra di dubbio che il Muni-
cipio di Roma XII allinterno del quale posto il Quartiere Giuliano-Dalmata,
in stretta collaborazione con il Comune di Roma, abbiano stretto un continuati-
vo contatto che determina la loro presenza con noi in occasioni particolarmente
importanti quali il Giorno del Ricordo e altre attivit che non necessariamen-
te siano istituzionali, ma culturali certamente s.
stato inoltre determinante, per aprire maggiormente le porte degli spazi cultu-
rali e delle scuole, listituzione da parte del Comune di Roma, a cura dellAsses-
sorato allIstruzione del Viaggio della Memoria costituito da tre itinerari, uno
dei quali quello che reca a Trieste, a Fiume e in Istria.

SDAPI133_17.indd 141 11/01/11 11:08


142 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti Ci ha fatto s che molti studenti romani e i loro docenti, potessero verificare sul
campo la realt della Venezia-Giulia (ci che ne rimane e ci che oggi Croa-
zia o Slovenia) e rendersi conto di quale e quanta storia e cultura in quei luoghi
vi sia stata e in quale misura soprattutto la storia sia passatasui suoi abitanti.
Il Comune di Roma ha adottato in effetti un sistema molto simile a quello uti-
lizzato da anni da me con il mio Comitato in collaborazione con lAssociazione
per la cultura fiumana, istriana e dalmata nel Lazio. Vale a dire operare sul con-
cetto della formazione di studenti e docenti stessi grazie a progetti ben costruiti
e ponderati da ogni punto di vista, a cominciare da quello storico, a quello let-
terario, artistico, scientifico, ecc.
Difatti quello che mi ha insegnato lesperienza di questi anni che fondamen-
talmente bisogna operare soprattutto nelle scuole e con i docenti, attraverso pro-
getti ben costituiti e che vadano ad avere una ricaduta didattica. Senza dubbio
esempi come quello che ho proposto, per citare il pi recente, nellanno scolasti-
co 2009/2010 nel Liceo Pascal di Pomezia (Roma), lhanno avuta evidentissi-
ma, in particolar modo per gli ultimi anni delle scuole superiori e vanno a coin-
cidere con i programmi di Esame di Stato per numerose discipline, tra cui si di-
stinguono chiaramente la Storia, la Letteratura e la Storia delArte. Se ne visto
anche il risultato attraverso gli studenti che hanno svolto per lo scritto dellEsa-
me di Italiano il tema (mai dato prima) sulle foibe.
Esempio di esperienza didattica svolta e compiuta in ogni sua fase.

bisogna proposta didattica


operare a nno sco Lastico 2009/2010
soprattutto
nelle scuole e Ambito pluridisciplinare: italiano, storia, scienze e storia dellarte.
con i docenti, Collaborazione tra il Comitato Provinciale di Roma dellANVGD, lAssociazio-
attraverso ne per la Cultura Fiumana, Istriana e Dalmata nel Lazio, Societ di Studi Fiu-
progetti ben mani, Archivio Museo Storico di Fiume.
costituiti Progetto: Storia e cultura della frontiera giuliana e dellAdriatico orientale.
e che vadano Oggetto: La letteratura italiana di frontiera. Trieste ancora italiana: la figura e
ad avere lopera di Italo Svevo e Umberto Saba; Fiume una volta italiana: la figura e lope-
una ricaduta ra di Paolo Santarcangeli e Marisa Madieri.
didattica Il paesaggio istriano tra mare e monti, nei racconti di Giani Stuparich e di Ful-
vio Tomizza.
Guide di viaggio: Herman Bahr, Viaggio in Dalmazia
Ore previste 14: tre o quattro incontri durante lanno sc. in sede; altri in sedi
esterne ed orari extracurricolari.
: 6 ore proiezione di filmati

Gli incontri potranno tenersi anche nel pomeriggio.

SDAPI133_17.indd 142 11/01/11 11:08


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 143

inter venti
premessa

Il corso vuole porre in evidenza un aspetto singolare e molto importante della


letteratura italiana, la cosiddetta letteratura di frontiera, un concetto che ha avu-
to molta fortuna critica in questi ultimi anni. La frontiera in questione quella
orientale rappresentata dalla regione del Friuli-Venezia Giulia, che nel 1945 do-
po la sconfitta dellItalia nella Seconda guerra mondiale sub lamputazione di
quasi tutta la Venezia Giulia ad opera dellesercito partigiano jugoslavo del ma-
resciallo Tito. Nel Trattato di Pace di Parigi del 1947 lItalia riusc a mantene-
re solo Trieste e Gorizia, il restante territorio, rappresentato dallIstria, Fiume e
Zara conquistato con molti sacrifici dopo lesito vittorioso dellItalia nella Pri-
ma guerra mondiale, and definitivamente perduto. La conseguenza pi grave
di queste perdite territoriali fu lesodo di circa 350.000 italiani dalle loro terre
di origine. Naturalmente in queste terre di frontiera esisteva un elevato livello di
civilt letteraria e di fermenti culturali. Con questo corso si vuole analizzare at-
traverso la lettura di alcuni importanti scrittori determinati aspetti peculiari del-
la letteratura italiana di frontiera, soffermarsi sulle peculiarit dellarte istriana
e dalmata, ma anche fare luce su fatti storici ancora poco conosciuti in Italia se
non addirittura ignorati. Si prevede, inoltre, lapprofondimento della tematica
attraverso la lettura di una guida di viaggio di un importante autore austriaco di
fine secolo, che descrive in maniera originale luoghi, situazioni e persone ritrat-
te in unepoca che precede le conflittualit del Novecento.

FINALIT
Cogliere il valore della diversit
Rispettare il concetto del pluralismo culturale
Riflettere su aspetti singolari della Storia patria italiana del Novecento poco noti
Potenziare le capacit critiche dello studente

OBIETTIVI
Cogliere i legami tra storia e produzione letteraria, arte e ambiente
Conoscere le caratteristiche della letteratura di frontiera
Potenziare le capacit critiche di analisi, sintesi e giudizio

METODOLOGIA
Lettura di passi letterari e non in classe e a casa
Proiezione di filmati in VHS, DVD
Incontri-conferenze con dibattito
Partecipazione nel corso dellanno ad eventi collegati allargomento

ARTICOLAZIONE DEL PROGRAMMA


Scadenza periodica suddivisa in fasi:

SDAPI133_17.indd 143 11/01/11 11:08


144 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti I fase: Trieste e lIstria


prima met di ottobre 2009
Due incontri propedeutici, uno presso listituto e il secondo presso lArchivio-
Museo storico di Fiume

1 incontro (Istituto scolastico) Conferenza.


Introduzione alla geografia e alla storia degli italiani della Venezia Giulia, di Fiu-
me e della Dalmazia.
Il paesaggio istriano nella narrativa di Giani Stuparich e Tomizza.

2 incontro presso lArchivio Museo di Fiume su temi storici e artistico-letterari.


Inizio lettura di un romanzo di Giani Stuparich e di altri autori.
La letteratura italiana di frontiera. I casi letterari di Italo Svevo e Umberto
Saba.
Appunti di viaggio tratti da opere di Claudio Magris.

II fase Fiume e la Dalmazia


seconda met di gennaio 2010

1 incontro (Istituto scolastico) Conferenza.


Storia e cultura dei fiumani e dei dalmati.
Pittura e architettura del primo Novecento a Fiume e in Istria.

Lettura del romanzo di Italo Svevo La Coscienza di Zeno.


Inizio lettura della guida di viaggio di H. Bahr Viaggio in Dalmazia e riferimen-
ti al Tommaseo.

Celebrazioni ufficiali

Giornata del Ricordo (febbraio 2010)


Si prevede uneventuale partecipazione a iniziative legate alla Giornata del Ri-
cordo e la parte didattica si terr entro la prima met di marzo 2010.

II fase Fiume
Aprile 2010
Letteratura dellesodo.
Lettura dei racconti da Il Porto dellAquila decapitata di Paolo Santarcangeli
e da Verde acqua di Marisa Madieri.
Un poeta dellEsodo a Roma: Bepi Nider.

Conferenza

SDAPI133_17.indd 144 11/01/11 11:08


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 145

inter venti
f iume centro di irradiazione culturale italiano e mitteleuropeo

A completare tutta questa attivit di progetto, gli studenti che vi hanno parte-
cipato, hanno vissuto lesperienza dello scambio culturale con la citt di Rovi-
gno dIstria.
Durante le due fasi dello scambio gli studenti di Rovigno sono stati ospiti a Po-
mezia e hanno conosciuto la realt della condivisione della cultura italica e ita-
liana che possono riscontrare nelle loro citt e in Istria ancora oggi, e quella del
mondo dellEsodo che qui si insediato e integrato pur mantenedo delle pecu-
liarit in cui si sono riconosciuti.
Medesimo percorso hanno compiuto gli studenti di Pomezia quando, recando-
si a Rovigno e visitando lIstria e citt come Pola o Parenzo e poi Fiume, hanno
potuto cogliere gli stessi aspetti inattesi e sorprendenti.
Impegnandomi ormai da diversi anni in questa che ritengo quasi una missio-
ne, posso concludere affermando che labbinamento di simili Progetti agli scam-
bi che poi ne scaturiscono, sempre, dal punto di vista emozionale ed umano,
unesperienza sicuramente unica che riporta di volta in volta a casa da anni, stu-
denti e docenti con un bagaglio di conoscenza e di percezione di ci che signi-
fica essere uniti ed identificarsi in una cultura e in una lingua, anche quando le
frontiere, politicamente, separano.

SDAPI133_17.indd 145 11/01/11 11:08


SDAPI133_17.indd 146 11/01/11 11:08
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 147

inter venti
esodanti ed esodi
Letti da una sezione
didattica
di periferia
Memoria e storia: lungi dallessere sinonime, noi ci rendiamo conto che tutto di
le oppone. La memoria la vita, sempre prodotta da gruppi umani e perci per- dino r enato
manentemente in evoluzione, aperta alla dialettica del ricorso e dellamnesia, in- n ardelli
consapevole delle sue deformazioni successive, soggetta a tutte le utilizzazioni e
manipolazioni, suscettibile di lunghe latenze e improvvisi risvegli. La storia la ri-
costruzione, sempre problematica e incompleta di ci che non c pi. La memoria
un fenomeno sempre attuale. Un legame vissuto nelleterno presente; la storia una
rappresentazione del passato. In quanto carica di sentimenti e di magia, la memoria
si concilia con dettagli che la confortano; essa nutre di ricordi sfumati, specifici o
simbolici, sensibile a tutte le trasformazioni, filtri, censure o proiezioni. La storia
in quanto operazione intellettuale e laicizzante, richiede analisi e discorso critico.
La memoria colloca il ricordo nellambito del sacro, la storia lo stana e lo rende
prosaico. La memoria fuoriesce da un gruppo che essa unifica, ci che equivale a
dire che ci sono tante memorie quanti gruppi; che essa , per sua stessa natura,
molteplice e riduttiva, collettiva, plurale e individualizzata. La storia, al contrario, si
radica nel concreto, nello spazio, nel gesto, nellimmagine, in un oggetto. La storia
si installa nelle continuit temporali, nelle evoluzioni e nei rapporti tra le cose. La
memoria un assoluto mentre la storia non conosce che il relativo.
(Pierre Nora, Entre mmoire et histoire. La problmatique des lieux, in Lieux de la
mmoire, Gallimard, Paris, 1984, I, XIX).

In mezzo ci sta la didattica. Una scienza mediatrice tra discipline e soggetti in ap-
prendimento, che deve tener conto del fatto che questi hanno bisogno, oltre che
di conoscenza storiografica, di criteri ordinatori del loro presente. Sullo sfondo,
luso pubblico della storia che porta ad incrociare la storia insegnata sia con la
memoria sia con le strategie che uno Stato attiva per dare identit ai propri cit-
tadini. Su questultima tessitura di relazioni si innesta la ritualit delle celebra-
zioni che la Repubblica si data, una sorta di calendario laico che comprende tra
le altre il Giorno del Ricordo (Legge n. 92, 30 marzo 2004).
Le sezioni didattiche degli Istituti associali allINSMLI si trovano a questo cro-
cevia per offrire alle scuole dei territori un servizio di orientamento, sostegno alla
progettualit, documentazione, oltre che buona storiografia. Listituto per la sto-

SDAPI133_18.indd 147 11/01/11 11:08


148 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti ria dellUmbria contemporanea (ISUc ) fin dal febbraio 2005 ha cercato di attin-
gere alla buona storiografia, mettendo in rete nel proprio sito (http://isuc.crum-
bria.it/index2.html) una silloge di documenti trattabili dagli studenti con meto-
do laboratoriale (G. Codovini D.R. Nardelli, Le foibe. Una storia dai confini
mobili. Laboratorio sui documenti per la scuola secondaria di secondo grado, 2005).
Buona storiografia la storiografia che serve agli insegnanti. Quella che pone
presto domande agli accadimenti rispetto al loro accadere; che mantiene nella
sua narrazione il nesso tempo-spazio e le sue rappresentazioni; che non si perde
nellautocompiacimento delle specificit del locale ma raggiunge la consapevo-
lezza di appartenere ad un quadro generale dove trovare motivazioni e contesti;
che mantenendo una relazione trasparente e scientificamente corretta con le fon-
ti vicine, sa giungere a sintesi (non si dimentichi che la storiografia, come la di-
dattica, si fa sulle fonti); che confronta e condivide modelli interpretativi consen-
tendo di espandere le tematizzazioni l dove stanno le articolazioni dei problemi;
che esprima una produzione plurima che faccia dialogare gli Istituti storici affi-
liati allINSMLI con le universit, lassociazionismo degli esodanti (per esempio,
lAssociazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia) e quello delle Associazio-
ni dei rimasti, con gli Istituti che riaffermano una presenza cultuale e scientifica
nelle terre dellesodo (per esempio, la Societ di Studi Fiumani di Roma); che
continua il dialogo con gli storici di oltrefrontiera aperto proficuamente in occa-
sione dei lavori della c ommissione italo-slovena, insediata nel mese di ottobre
1993, lavori terminati nel luglio 2000.
s torici e Da tali premesse si mosso, negli anni dal 2006 al 2008, il Progetto dellISUc
studiosi di Istria Fiume Dalmazia Laboratorio dEuropa. Storici e studiosi di letteratura si so-
letteratura no avvicendati in incontri laboratorio con studenti e docenti delle superiori. Lo
si sono spazio che ha definito la riflessione rappresentato da una regione, quella istria-
avvicendati na fiumana e dalmata, ad alta densit di problemi. La storia di queste terre sta-
in incontri ta caratterizzata per almeno due secoli da straordinarie convivenze tra popoli ed
laboratorio con altrettanti drammatici conflitti, in una stagione in cui si andava definendo in
studenti Europa lidea stessa di nazione. Un primo modulo del Progetto, dal titolo Parole
e docenti chiave per la cittadinanza, ha attraversato tali problemi affidando ai relatori e se-
delle superiori lezionando i materiali tramite un alfabeto essenziale di cittadinanza costituito da
concetti come popolo, nazione, Stato, con le idee di consenso/dissenso/conflitto,
identit, inclusione/esclusione, cittadinanza. Gli uomini e le donne esprimono
nel tempo suggestioni, visioni della vita, sentimenti, progetti; da qui il senso del
secondo modulo, Letteratura di frontiera: popoli identit nazioni stati memorie,
durante il quale, tenendo la barra sulle parole chiave del modulo precedente, so-
no state attraversate vicende di scrittori e filosofi che quelle terre hanno espresso,
esperienze di vita il pi delle volte criptate dai manuali scolastici oltre che dalla
cultura corrente. Domande ricorrenti: esiste una sensibilit di confine? Quanto
vi pesa il clima culturale mitteleuropeo? Scrittura di confine una categoria at-
tendibile? Identit autarchiche, bastarde o polifoniche? Gli Atti sono pubblicati

SDAPI133_18.indd 148 11/01/11 11:08


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 149

inter venti
in D.R. Nardelli G. Stelli, Istria Fiume Dalmazia laboratorio dEuropa. Pa-
role chiave per la cittadinanza, Editoriale Umbra, Foligno, 2009.
Levento dellesodo che gli istriani, i fiumani e i dalmati affrontarono, a partire
dal 1945, quando le loro terre furono occupate dalle truppe jugoslave, ha lascia-
to forti tracce anche nei territori italiani di accoglienza. A Roma un centinaio
di loro, nella primavera del 1947, trovarono accoglienza precaria nei sotterranei
della Stazione Termini, per aumentare di numero nellinverno fino a giungere
a circa un migliaio. c ominci allora lo spostamento spontaneo verso quello che
sar poi il Villaggio Giuliano Dalmata. Il sito era occupato dal cos detto Villag-
gio Operaio, collocato alla periferia della capitale tra i possedimenti del princi-
pe Torlonia e dei marchesi del Gallo di Roccagiovine; era sorto negli anni Tren-
ta per alloggiare gli operai preposti alla costruzione degli edifici dellEsposizione
Universale Romana del 1942, ed avviare il completamento dei lavori del nucleo
originario del futuro quartiere romano dellEUR. I lavori erano stati interrotti
a causa degli eventi bellici e le due ali di edifici ad un piano che lo costituivano
furono occupate dagli esuli. Questa situazione di fatto fu riconosciuta ufficial-
mente dalle Autorit il 7 novembre 1948.
Il luogo attualmente conserva tracce evidenti di tali vicende, nella struttura ur-
banistica, nella distribuzione dei servizi e dei luoghi di culto, tracce che se lette
consentono alle studentesse ed agli studenti di ripercorrere la storia dellesodo.
Mostra inoltre segni forti di allestimenti di memoria progettati e realizzati negli
anni per conservare identit, cultura, simboli, tradizioni, la cui interpretazione
permette di percepire lespressione non certo di una particolare inclinazione a perch la
ripercorrere piste nazionalistiche, ma la riaffermazione di una cittadinanza di ti- memoria sia
po culturale nelle terre di provenienza. c ontiene infine, allinterno di una delle decodificabile,
case popolari, lArchivio Museo storico di Fiume, straordinaria raccolta di pub- occorre
blicazioni, documenti, manifesti, oggettistica utile per approfondire le vicende contestualizzarla
di quei popoli. attraverso
Perch la memoria l condensata sia decodificabile, occorre una sua contestua- la narrazione
lizzazione attraverso la narrazione storiografica che informa, problematizza, re- storiografica
stituisce uno sguardo pi distante e complesso delle vicende specifiche. Incro- che informa,
ciando storia e memoria, anche il luogo ne riceve una sua ridondanza di senso, problematizza,
coinvolgendo la soggettivit delle ragazze e dei ragazzi che lo frequentano. Dal restituisce
2009 lISUc , in collaborazione con lArchivio Museo storico di Fiume, gesti- uno sguardo
sce Laboratori sul luogo. Lattivit didattica di ascolto dellinformazione stori- pi distante
ca avviene in classe, organizzata nella prassi curricolare dai docenti; un secondo e complesso
momento viene svolto a Roma, allinterno del Villaggio. Il percorso didattico di delle vicende
D.R. Nardelli, Il villaggio Giuliano-dalmata di Roma un esempio di integrazio- specifiche
ne, sta in Appendice al quaderno di F. Papetti G. Stelli, Le terre adriatiche
perdute dallItalia dopo il secondo conflitto mondiale e lesodo dei giuliano-dalmati,
Editoriale Umbra, Foligno, 2008.

SDAPI133_18.indd 149 11/01/11 11:08


SDAPI133_18.indd 150 11/01/11 11:08
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 151

inter venti
La didattica
del confine
orienta Le
al confine orienta Le
di
La citt e la provincia di Trieste sono state direttamente coinvolte dalle vicende c hiara v igini
che hanno seguito la fine del secondo conflitto mondiale e che le hanno private
di gran parte del loro retroterra, ossia di quella regione che storicamente in Trie-
ste aveva il suo naturale punto di riferimento. Infatti la stragrande maggioranza
degli oltre 300.000 profughi istriani, fiumani e dalmati, esodati dallAdriatico
orientale a causa delloccupazione jugoslava, passata per questa citt e si calco-
la che pi di sessantamila vi si siano stabiliti, accrescendone di un buon terzo la
popolazione e rivitalizzandola.
Se per decenni la diplomazia nazionale e internazionale avevano consigliato
la sordina sulla divulgazione e sulla ricerca storica sul secondo dopoguerra nei
territori orientali della penisola e pertanto nel resto dItalia nulla o ben po- La citt
co si diceva, perch il Paese non sapeva a Trieste, viceversa, quelle vicende e la provincia
hanno continuato a rimanere tanto vive da non lasciare sedimentare la memo- di t rieste
ria. Anche per questo e per la sofferenza e la relativa rimozione che le accom- sono state
pagnavano (e in parte le accompagnano), nessuno ne parlava dentro la scuo- direttamente
la, ma quelle vicende erano relegate al focolare domestico, allambito politico coinvolte
cittadino, o a gruppi di storici appassionati. Diversi, tra questi ultimi, erano dalle vicende
stati incaricati, nel tempo, di compiere ricerche e studi, spesso commissiona- che hanno
ti da quelle associazioni degli esuli che avevano fini culturali pi e/o oltre che seguito la fine
sociali e ricreativi (in primis lIstituto Regionale per la Cultura Istriana poi del secondo
Istriano-fiumano-dalmata IRCI) e che in larga parte si autofinanziavano e conflitto
reperivano fondi per le ricerche che riguardavano la storia dei luoghi da cui i mondiale
loro membri avevano dovuto esodare. Ma pubblicazioni e conferenze non ri- e che le hanno
uscivano a far breccia negli istituti educativi. private di gran
Tuttavia il mondo degli profughi istriani, fiumani e dalmati aveva ben presente parte del loro
la necessit di rivolgersi ai docenti delle scuole affinch la cultura e le tradizio- retroterra
ni delle genti giuliane non andassero perdute, ma venissero trasmesse alle nuove
generazioni. Basti a dimostrarlo il fatto che il Comitato di coordinamento fra le
Associazioni degli istriani, fiumani e dalmati (predecessore dellattuale Federa-
zione delle Associazioni istriane, fiumane e dalmate) aveva chiuso la sua attivit

SDAPI133_19.indd 151 11/01/11 11:08


152 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti nel 1988 con un convegno dedicato a La scuola italiana e la storia recente dei
giuliano-dalmati 1 che era stato il completamento ideale di un arco di manife-
stazioni tenutesi nel triennio precedente, a cui avevano partecipato anche 20.000
esuli da tutto il mondo.
Lapprovazione nel 2004 della Legge sulla Giornata del Ricordo (92/2004)
che nelle scuole di tutta Italia ha dato il via a un fermento di attivit per cono-
scere le vicende che ne sono allorigine, con lezioni, conferenze, raccolta di testi-
monianze nella provincia di Trieste non bastata ad influire significativamen-
te sulla loro divulgazione, e nella citt giuliana e nel suo circondario, la didattica
del confine orientale continua ad essere segnata pi che in qualsiasi altro luogo
da uneredit pesante che ne costituisce la premessa e lineludibile condizione.
Le scuole non si lasciano coinvolgere direttamente, forse per timore, agli occhi
delle famiglie a cui si riferiscono e dellopinione pubblica cittadina, di fare po-
litica; e la politica, in questo caso, sembra essere una cosa sporca pi qui che
altrove. Le iniziative sono lasciate, allora, ai singoli insegnanti, di anno in anno
pi numerosi e interessati (specialmente quelli di nuovo incarico o provenienti
da fuori Trieste) ma ancora da contare sulla punta delle dita.
Alcuni istituti di storia locali hanno svolto e stanno svolgendo la loro la loro at-
tivit quanto a ricerche storiografiche e divulgazione in tutta la penisola (lezioni,
conferenze, incontri, convegni, presentazione di libri, aggiornamento dei docen-
ti), e credo meriti citare, in questo senso, lIstituto Regionale per la Storia del
Movimento di Liberazione nel Friuli-Venezia Giulia (IRSML), che negli ultimi
Lapprovazione lustri sembra essersi affrancato dalle pastoie politiche che forse contrassegnaro-
della Legge no gli inizi dei suoi lavori.
sulla giornata Le tematiche specifiche della Storia dellarte in Istria (1993 e 1999) e della
del r icordo Storia dellIstria dalle origini ad oggi 2 sono state approfondite e divulgate da
non bastata serie di lezioni volute dallIRCI, ma per giungere a un vero e proprio corso di
ad influire aggiornamento per docenti (accreditato dal MIu R) sulla Storia contemporanea,
significativamente bisogna andare a quello intitolato Le vicende della Venezia Giulia e il Giorno
sulla del Ricordo promosso dallAssociazione delle Comunit Istriane, che ha avuto
divulgazione il grande pregio di far sedere allo stesso tavolo, per la prima volta, rappresentan-
e la didattica ti delle diverse forze di governo che giunsero allapprovazione della Legge della
del confine Giornata del Ricordo (92/2004) 3. Gli insegnanti partecipanti sono stati una
orientale trentina, la gran parte dei quali (come volevasi dimostrare), provenienti da fuo-
continua ad ri dalla provincia di Trieste.
essere segnata
da uneredit
pesante che 1. La scuola italiana e la storia recente dei giuliano-dalmati, Atti del Convegno (a cura di Mauro
ne costituisce Vigini), Trieste, 1989.
2. Gli atti sono stati dati alle stampe per i tipi della Morcelliana con il titolo Istria storia di una
la premessa regione di frontiera (a cura di Fulvio Salimbeni), Brescia, 1994.
e lineludibile 3. Ricordiamo che fu una legge bipartisan votata dal Parlamento italiano con la sola astensio-
condizione ne dei gruppi di estrema sinistra allora presenti.

SDAPI133_19.indd 152 11/01/11 11:08


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 153

inter venti
u n secondo corso stato svolto nel marzo di questanno e aveva come tema Le
vicende della Venezia Giulia: strumenti didattici ed editoria 4.
Ma se le istituzioni scolastiche di Trieste sembrano ancora in preda allim-
mobilismo su queste tematiche, ci si augura una pronta ripresa dallimpasse,
poich il tessuto cittadino offre ancora, come da nessuna altra parte dItalia,
variegate possibilit di attingere a risorse umane e materiali. Inoltre, se le pri-
me vanno rapidamente scemando, per ovvi motivi esistenziali, le seconde si
stanno strutturando in modo sempre pi scientifico e culturalmente e didat-
ticamente divulgabile. Mi riferisco alle moltissime valide pubblicazioni e alle
opere anche disponibili on line pensate apposta per e con i ragazzi e allallesti-
mento in fase di avanzata realizzazione del Civico Museo della Civilt Istria-
na Fiumana e Dalmata.
Numerose e forti sono le valenze didattico-educative sottese alle vicende del
confine orientale, importanti di per s e non solo a livello locale. Ne do nota
schematicamente.

a. Lunit storica, culturale e civile determinata dal retaggio della Repubblica


Veneta, che fondeva in unit le due sponde dellalto Adriatico e che stata
radicata profondamente nelle popolazioni che vi si affacciavano.
b. La specificit di una grande esperienza collettiva, di valore nazionale, che con-
siderava la nazione come scelta e non come meccanica derivazione etnica: va
sottolineata la modernit, anzi lattualit, di una tale impostazione.
c. Il rafforzamento della memoria storica collettiva, col superamento delle me- n umerose
morie singole, spesso conflittuali e tenendo conto dei punti di vista. e forti sono
d. Il valore della verit storica da perseguire senza tentennamenti ma anche sen- le valenze
za pretese di esaustivit: tutto si deve poter dire senza timore, ma perfetti- didattico-
bile di ripensamento. educative
e. La presentazione delle vicende storiche come dinamiche complesse che esu- sottese
lano dal dividere fatti e persone (popoli) in buoni e cattivi, e chiudono il alle vicende
passo ai nazionalismi. del confine
f. Lapprezzamento della solidariet nazionale e il valore del ripensamento e orientale,
della rielaborazione di torti fatti e subiti, in ottica unitaria (anche con riferi- importanti
mento allunit europea). di per s
g. Il rinforzo dei legami tra generazioni e tra connazionali (con riferimento al- e non solo
le Comunit italiane ancora esistenti in Istria che, come spesso succede agli a livello locale
italiani allestero, sentono fortemente il legame con la madrepatria).
h. u ltimo, ma non per importanza: la pace come obiettivo e come mezzo per
la convivenza civile negli Stati e tra gli Stati.

4. Gli atti di entrambi questi corsi sono in fase di rielaborazione: informazioni e stralci in ante-
prima di stampa si possono richiedere a Turris.Eburnea@tele2.it.

SDAPI133_19.indd 153 11/01/11 11:08


154 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti Sul piano concreto, ecco alcune proposte di attivit e strumenti didattici legati
alla storia delle vicende del confine orientale, la cui efficacia per raggiungere gli
obiettivi succitati stata pi volte comprovata.
Lezioni-conferenze e interviste a nonni, parenti, conoscenti ancora in grado
di raccontare la propria esperienza o lettura di qualcuno dei loro scritti 5.
Visione di filmati, interviste, opere varie prodotte dalle varie associazioni de-
gli esuli.
Visione di film e cortometraggi depoca, con commento e questionario (per
es.: Addio Pola).
Da vedere on line, commentando, la Storia dellIstria, Fiume, Dalmazia con
disegni dei ragazzi (www.arcipelagoadriatico.it, sezione ragazzi).
Carte storiche tematiche e sommari della storia del confine orientale.
Gite distruzione in Istria, Fiume, Dalmazia.
Scambio epistolare (anche via e-mail con ragazzi/e delle Comunit Italiane
in Istria).
Visite ai luoghi della memoria: Centri Raccolta Profughi, villaggi e quartieri
cittadini
Lettura a pi voci commentata e/o recita di opere teatrali sullargomento o
attinenti (per es.: La Cisterna. Storia istriana in quattro atti di Bruno Car-
ra Nascimbeni, I nobili ragusei di Carlo Goldoni).
Lettura, commento e illustrazioni del Placito del Risano o di altri documen-
ti antichi analoghi, utili a collegare la micro con la macrostoria.
Spettacoli per le scuole con fiabe, racconti, musiche e canti popolari.
Musiche, testi e spartiti di canti popolari, filastrocche, indovinelli.
Fiabe e favole istriane (testi scritti o riproduzioni audio).

5. Sono disponibili griglie di intervista, come anche tutti i materiali citati o le indicazioni per
ottenerli, da richiedere a Turris.Eburnea@tele2.it, che in grado di fornire anche ampia biblio-
grafia o riferimenti su aspetti specifici della tematica.

SDAPI133_19.indd 154 11/01/11 11:08


la did attic a

SDAPI133_20.indd 155 11/01/11 11:08


SDAPI133_20.indd 156 11/01/11 11:08
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 157

inter venti
insegnare storia

Linsegnamento giunge solo ad indicare la via e il viaggio;


ma la visione sar di colui che avr voluto vedere.
(Plotino)
di
Le radici indeuropee della parola storia rimandano a vedere, testimone, colui c aterina
che vede. spezzano
Colui che vede Colui che sa. Storia: vedere e/ sapere.
Non aggiungere ulteriori considerazioni ai significati della parola storia una
scelta che intende favorire lemergere dellunico ambito cui vuole dare luce il
presente contributo al volume: la didattica.
E la didattica rimanda, deve rimandare, a sorgenti squisitamente teoriche se pren-
de impegni di natura formativa.
Perch insegnare storia?
Quali dimensioni culturali, valoriali, formative essa nutre?
Quale il ruolo della storia nel presente? Ed in particolare nel presente della scuola? l a storia: luogo
Diversi autori (Croce, Bloch, Carr) si sono soffermati sui rapporti fra passato e universale
presente, sulle necessarie precauzioni delle analisi interpretative, sulle intercon- delle categorie
nesse influenze delle categorie temporali in termini storiografici. temporali,
Lottica che si intende sottolineare la funzione sociale della storia: la storia rac- la cui
coglie sistematicamente, classificandoli e raggruppandoli i fatti passati, in fun- relazione,
zione dei suoi bisogni presenti [] Organizzare il passato in funzione del pre- nella giostra
sente: tale si potrebbe definire la funzione sociale della storia (L. Febvre 1949). dello studio
Lanalisi del passato, di fatti-cause-conseguenze-bisogni-aspettative-ragioni recen- dello svolgersi
ti/remoti, alla luce dellattualit condiziona le priorit nello svolgersi della rico- del tempo,
struzione ed inevitabilmente fornisce gli accessi ad orizzonti futuribili. assume
Da cui lincompiuta risolvibilit dellobiettivit storica. funzione
La modalit di pesca determina il pescato! pedagogica
Si potrebbero elencare diverse finalit educative della storia, ma una su ognuna
prevale: quella che trascende le obiezioni di significato; che ignora le polemiche
delle posizioni; che risolve lautoreferenzialit degli specialisti. La storia: luogo
universale delle categorie temporali, la cui relazione, nella giostra dello studio
dello svolgersi del tempo, assume funzione pedagogica, configurandosi come tra-
ma per lattribuzione di significati che intendono lasciare il segno, senza cadu-
te catechizzanti.

SDAPI133_20.indd 157 11/01/11 11:08


158 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

inter venti Lessenzialit formativa della storia risiede sostanzialmente nellesercizio delle ca-
pacit critiche finalizzato alla comprensione delle ragioni degli eventi (dominus,
economie, tradizioni, utensili) del passato, favorendo labdicare del giudizio
moraleggiante. Capacit critiche che si alimentano di riflessivit, di introspezio-
ne, di confronti che cullano quellautonomia di pensiero che confina il pregiu-
dizio, garante solo di soggezione eterodiretta.
La storia disciplina di insegnamento, scienza del passato diventa contesto pri-
vilegiato di deutero-apprendimento quando il suo insegnamento si rappresenta
come modalit esaustiva di tecniche, metodi, processi che consentono il conte-
stualizzarsi della capacit di apprendere ad apprendere.
Quale contesto di collezione di eventi organizzati in classi permette infatti, fra le
tante operazioni cognitive possibili, la riduzione dei dati in base a premesse ge-
rarchiche di senso.
Il ricorso sistematico a simili modelli di analisi e sintesi ingenera, nellet evolu-
tiva e quindi a prescindere dai contenuti, la formazione di schemi cognitivi che
progressivamente si costituiscono come lenti metodologiche di approccio alle
discipline in grado di determinare cambiamenti qualitativi nellambito dei pro-
cessi di apprendimento.
La storia sostiene i processi di conoscenza, non solo i prodotti.

Dalla NORMATIVA vigente:

l essenzialit La conoscenza della storia [] aiuta a capire e ad affrontare molte questioni della
formativa della vita sociale odierna. []
storia risiede Obiettivo della storia comprendere e spiegare il passato delluomo [] La cono-
nellesercizio scenza storica si forma e progredisce attraverso un incessante confronto fra punti
di vista [] permette agli allievi di conoscere il processo di formazione della storia
delle capacit
italiana, europea e mondiale e di capire come si sono formati la memoria e il pa-
critiche
trimonio storici nazionali [] Favorisce la formazione di un abito critico []
finalizzato alla La padronanza degli strumenti critici permette di evitare che la storia venga usata
comprensione strumentalmente e in modo improprio. [] La complessit della storia lo sfondo
delle ragioni ineludibile del curricolo [].
degli eventi (Indicazioni per il curricolo 2007)
del passato,
favorendo
labdicare Le competenze relative allarea storica riguardano, di fatto, la capacit di percepire
del giudizio gli eventi storici nella loro dimensione locale, nazionale, europea e mondiale e di
moraleggiante collocarli secondo le coordinate spazio-temporali, cogliendo nel passato le radici
del presente
(Assi culturali - Allegato 1 D.M. 139/2007).

Le suddette competenze contribuiscono a definire, in accordo con le altre com-


petenze delineate per i quattro assi culturali, il peso dellarea di istruzione gene-

SDAPI133_20.indd 158 11/01/11 11:08


l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 159

inter venti
rale nel biennio delle scuole secondarie di secondo grado a conclusione del de-
cennio dellobbligo di istruzione.

[] dimensione significativa per comprendere, attraverso la discussione critica e


il confronto fra una variet di prospettive e interpretazioni, le radici del presente.
(Indicazioni nazionali per i nuovi Licei).

Lasse storico-sociale contribuisce alla comprensione critica della dimensione cul-


turale dellevoluzione scientifico-tecnologica e sviluppa il rapporto fra discipline
tecniche e linsegnamento della storia.
(Linee guida per il passaggio al nuovo ordinamento. Istituti tecnici Istituti pro-
fessionali)

Ci configura la scuola dellautonomia. Essa si delinea come scuola del currico-


lo selezione organica e complessiva di contenuti e di attivit di insegnamen-
to/apprendimento.
Il curricolo dichiara lintegrazione credibile di locuzioni tipiche del principio
della libert di insegnamento complementari alle locuzioni consuete del prin-
cipio della responsabilit collegiale e adotta un criterio dirimente per lorienta-
mento delle scelte: i processi di insegnamento/apprendimento che siano allin-
segna del contenuto e/o del metodo vanno finalizzati a ci che si vuole lalun-
no diventi e non tanto in funzione di ci che si pensa che sia.
la democraticit del fine da raggiungere che consente il realizzarsi dellespe- la
rienza del successo formativo per ognuno e per tutti. democraticit
Linsegnamento della storia un potente strumento per linsediarsi di un cur- del fine da
ricolo unificante che [ ] deve essere il punto di convergenza di tutti gli inse- raggiungere
gnamenti, di tutti i laboratori (L. Lombardo Radice 1978), soprattutto se rica- che consente
va i suoi percorsi privilegiati relativi ai temi di Cittadinanza e Costituzione (L. il realizzarsi
169/2008), alla luce della percezione di un comune destino planetario possibile dellesperienza
solo se costruito su sentimenti di identit e di appartenenza, perseguiti attraver- del successo
so una narrazione che tolleri la ricomposizione delle esperienze. formativo
per ognuno
Luomo non che una canna, la pi debole della natura, ma una canna che pensa. e per tutti
Per schiacciarlo non c bisogno che sarmi luniverso intero. Un vapore, una goccia
dacqua bastano per ucciderlo.
Ma quandanche luniverso lo schiacciasse, luomo sarebbe tuttavia pi nobile di
ci che luccide, perch sa che muore; mentre luniverso che pi potente di lui,
non lo sa.
(B. Pascal, Pensieri)

SDAPI133_20.indd 159 11/01/11 11:08


SDAPI133_20.indd 160 11/01/11 11:08
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 161

inter venti
da t rieste
a L v iLLaggio
san marco: per
una didattica de L
giorno de L ricordo
di
giuliano
a lbarani,
LIstituto dIstruzione Antonio Meucci di Carpi (tecnico e professionale eco- marzia Luppi,
nomico) ha progettato per la.s. 2009/2010 alcune iniziative di sensibilizzazione paolo davoli
degli studenti, in particolare delle classi quinte, sui temi del confine orientale,
delle foibe, dellesodo giuliano-dalmata e pi complessivamente dei movimenti
di popolazione che segnarono il lungo secondo dopoguerra europeo.
Il primo appuntamento stato organizzato in occasione del Giorno del Ricor-
do, e ha coinvolto la biblioteca dellistituto Luigi Einaudi: due docenti della
scuola hanno proposto un invito alla lettura, illustrando i contenuti e leggen-
do alcuni brani del volume di Guido Crainz, Il dolore e lesilio (Donzelli editore),
utile sia per unanalisi del complesso rapporto fra storia e memoria delle profu-
ganze dalle zone della Venezia Giulia, dellIstria e della Dalmazia fra il 1945 e la
met degli anni Cinquanta, sia per una contestualizzazione delle espulsioni de-
gli italiani dalla Jugoslavia nellambito pi complessivo delle migrazioni forzate
delle popolazioni europee dopo il 1945.
Per consentire un approfondimento della tematica dellesodo e per sollecitare un
ancoraggio pi solido di tale questione al vissuto e alla storia delle comunit lo-
cali, si poi tenuto un secondo incontro, dedicato alla vicenda specifica del Vil-
laggio San Marco: con questa denominazione lex campo di prigionia e di smi-
stamento di Fossoli venne riadattato, fra il 1954 e il 1970, con funzione di cam-
po profughi per i giuliano-dalmati di recente immigrazione.
Questo secondo appuntamento, aperto anche agli studenti delle altre scuole su-
periori della citt di Carpi, ha inteso costituire il primo tassello di un percorso,
passibile di sviluppi nei prossimi anni, che dovrebbe portare al diffuso ricono-
scimento e alla fruizione didattica, fra gli studenti superiori di Carpi e poten-
zialmente dellintera provincia, della presenza, nel nostro territorio, di un luo-
go di memoria il campo di Fossoli, ex Villaggio San Marco, appunto parti-
colarmente significativo in funzione della ricostruzione della complessa vicen-
da del dopoguerra italiano, del confine orientale e delle relazioni italo-jugoslave.

SDAPI133_21.indd 161 11/01/11 11:09


162 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti La prospettiva del nostro istituto quella di poter contare sul supporto istituzio-
nale ed organizzativo, dellamministrazione scolastica ed in particolare dellUf-
ficio scolastico provinciale di Modena per poter realizzare, in futuro, a partire
dagli interessi aggregati nel corso della corrente annualit scolastica e potendo
contare sulla consulenza scientifica delle istituzioni culturali che si occupano di
storia del Novecento nel nostro territorio, momenti di formazione e di alta di-
vulgazione in direzione del mondo della scuola collegati allo spettro di vicende
evocato dalla legge istitutiva del Giorno del Ricordo.
Listituto pu contare anche sulla collaborazione dellamministrazione comunale
di Carpi, a maggior ragione in seguito alla recente deliberazione assunta alluna-
nimit dal locale Consiglio comunale, che ha deciso di ricordare la vicenda dei
profughi giuliani ed istriani riparati nel nostro territorio nel corso degli anni Cin-
quanta mediante lapposizione di una targa presso lex campo di concentramen-
to di Fossoli e con interventi di valorizzazione della storia dellesodo rivolti alla
cittadinanza e alle scuole.
Questo gesto, evidentemente, non rappresenta solo un importante tappa nella
ricomposizione della complessa memoria locale del Novecento: in questo pas-
saggio, come in tanti altri, analoghi, che si vanno consumando altrove (valga per
tutte, a titolo esemplificativo, la recente intitolazione, a Modena, di una via in
ricordo dei martiri delle foibe), ravvisabile il segno di una graduale ma rile-
vante modificazione del senso attribuito alle tante memorie marginali, laterali,
di gruppo, che hanno avuto circolazione carsica nel difficile dopoguerra italiano
n ellitalia e fino a tempi relativamente recenti.
del 1946 e La Repubblica uscita dalle macerie della Seconda guerra mondiale e frutto della
dei decenni stagione dellunit antifascista e della Costituente nata infatti anche attraverso
successivi, il doloroso sacrificio di quelle narrazioni (fra le quali il ricordo delle foibe e del-
anche lo svuotamento delle comunit italofone doltre-adriatico) non funzionali alla
attraverso costruzione di una cittadinanza democratica in forte discontinuit sia con i pa-
la presenza radigmi dello Stato liberale sia, ovviamente, con i modelli di partecipazione pas-
capillare, nella siva promossi dal fascismo.
societ e nello NellItalia del 1946 e dei decenni successivi, anche attraverso la presenza capil-
s tato, dei lare, nella societ e nello Stato, dei partiti di massa, si realizzata una straordina-
partiti ria seppur incompleta pedagogia della vita repubblicana, che ha trasformato in
di massa, si soggetti attivi e militanti milioni di uomini e donne abituati, per disagiate con-
realizzata una dizioni socio-economiche, per deprivazioni culturali o semplicemente per una
straordinaria collocazione geografica periferica, ad essere sudditi o, alla meglio, spettatori
seppur della vita politica. Per rafforzare la cultura della partecipazione e della responsa-
incompleta bilit non si poteva non trascegliere, dallesperienza del grande conflitto da poco
pedagogia alle spalle, i modelli che incarnavano la scelta, la dedizione del singolo al collet-
della vita tivo, la consapevolezza politica, limpegno civile, cio, in sostanza, gli straordi-
repubblicana nari modelli offerti dagli antifascisti storici e dai partigiani. Viceversa, nessun
peso e nessuna valenza civica hanno avuto i riferimenti a vicende, pure tragiche

SDAPI133_21.indd 162 11/01/11 11:09


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 163

inter venti
e spesso impressionanti per dimensioni, che parlavano di sofferenze, di resisten-
ze passive, di umile e dolente abnegazione di fronte alla forza degli eventi bellici.
Per questo motivo, a nostro parere, il ricordo degli infoibamenti del 1943 e del
1945, nonch delle migrazioni forzate a cavallo della met del secolo, non ha
avuto ospitalit nel discorso pubblico del nostro Paese: come il racconto delle
vittime dei bombardamenti anglo-americani al Sud, come la memoria delle po-
polazioni rastrellate e spesso brutalizzate dai nazisti lungo la dorsale appennini-
ca, come la testimonianza della desistenza, rispetto ad ogni guerra e soprattutto
rispetto allalleanza italo-tedesca, messa in campo dagli internati militari italiani.
Ad un Paese che voleva sentirsi vincitore e percepirsi diffusamente antifascista
e doveva sentirsi vincitore e percepirsi diffusamente antifascista se voleva da-
re sostanza e alimento alla altrimenti estrinseca forma della costituzione repub-
blicana e alla nuova stagione democratica gli infoibati, i profughi dellIstria e
della Venezia Giulia, nonch, per dirla con il testo istitutivo del Giorno del Ri-
cordo, tutta la complessa vicenda del confine orientale (quello italo-jugosla-
vo, almeno a partire dal primo dopoguerra), rammentavano cose spiacevoli: che
lantifascismo poteva essere anche violento, revanscista e nazionalista, come nel
caso del movimento di liberazione jugoslavo e della sua politica di occupazione
sconfinante nella pulizia etnica; che lItalia la guerra laveva fondamentalmen-
te persa; che gli italiani, presunta brava gente, si erano diffusamente resi com-
plici, nel ventennio mussoliniano di eradicazione dellidentit slava e nel qua-
driennio di occupazione fascista-nazista delle terre della Slovenia e della Croa-
zia, di politiche aggressive e di veri e propri crimini di guerra. Questo dicevano, c rediamo che
e dicono ancora oggi, le storie identificate con la data del 10 febbraio, e i ricor- sia maturo il
di da esse promananti. tempo per una
Rispetto alla lunga stagione del dopoguerra, crediamo che sia maturo, soprat- riconsiderazione
tutto al cospetto delle nuove generazioni e nella concreta pratica didattica, il laica e solidale
tempo per una riconsiderazione laica e solidale di tutte le memorie, anche quel- di tutte
le non eroiche ed esemplari, ma profondamente umane, che il secolo dei to- le memorie
talitarismi e delle distruzioni di massa ci ha lasciato in eredit. Nella speranza
di consegnare alle generazioni emergenti una lettura della storia sfaccettata ed
inclusiva, nella quale tutti possano riconoscersi, e non linsopportabile zavor-
ra di un passato che non passa.

SDAPI133_21.indd 163 11/01/11 11:09


SDAPI133_21.indd 164 11/01/11 11:09
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 165

inter venti
u n progetto per
conoscere: Le foibe,
Lesodo giu Liano-
da Lmata, i L giorno
de L ricordo:
par Liamo di uomini, di
enrica r auso

donne e do Lore
[] quel dolore che S. Quasimodo ha sintetizzato nellimmagine dellurlo nero
della madre che si vede strappare i figli e rimane agghiacciata mentre lei stessa
comincia a non esistere pi!

Il lavoro degli storici, ma soprattutto quello dei docenti che, con i propri alunni, il lavoro
decidono di affrontare una indagine conoscitiva di eventi drammatici, diventa degli storici,
fondamentale affinch le giovani generazioni restituiscano la dignit della giusta ma soprattutto
memoria a migliaia di individui. quello
La Legge n. 92 del 30 marzo 2004, che istituisce il 10 febbraio come Giorno dei docenti
del Ricordo delle vittime delle foibe e dellesodo giuliano-dalmata, gi di per che, con i
s indice di un mutato atteggiamento da parte della comunit nazionale nei con- propri alunni,
fronti di una popolazione violentata dalla storia. decidono
Per tale occasione le istituzioni richiedono alle scuole di preparare un adeguato di affrontare
intervento che valorizzi la giornata e proponga la conoscenza degli eventi. una indagine
A questo punto il primo grosso problema da affrontare riguarda il tentativo di conoscitiva
leggere in modo realistico e critico gli eventi accaduti, quando ancora oggi essi di eventi
possono presentare chiavi di interpretazione diverse. Di certo nel 1941, nel qua- drammatici,
dro di tensione tra italiani e slavi, si intensificarono gli atti di violenza contro diventa
Sloveni e Croati in Istria: infatti la politica di bonifica etnica del confine, cos fondamentale
definita nei documenti fascisti, avviata nel decennio precedente, si affianc alla
repressione dellantifascismo partigiano, con casi di rappresaglie, incendi di vil-
laggi e internamenti della popolazione civile. Nel 1943 la Prefettura del luogo
evidenziava un diffuso senso di paura di vendetta che avrebbe potuto spingere
successivamente le popolazioni slave ad infierire contro gli Italiani dellIstria e

SDAPI133_22.indd 165 11/01/11 11:09


166 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti dall8 settembre iniziano a verificarsi i primi episodi di ostilit antiitaliana, con
un numero imprecisato di vittime.
Nel maggio del 1945 Tito, occupata lIstria, metter in atto una politica di per-
secuzioni, vessazioni ed espropri ai danni degli Italiani che culminer nel dram-
ma delle foibe e nellesodo. Fino al Trattato di Osimo nel 1975 ci saranno con-
tinue tensioni tra i due popoli e oggi per lItalia un problema ancora aperto
tanto che ci si chiede se, a pi di trentanni di distanza, resta ancora infame,
come fu definito allepoca, ovvero: la cessione alla Jugoslavia della Zona B
dellex Territorio libero di Trieste, passate le contrapposizioni del tempo, appar-
tiene alla categoria del cedimento-tradimento o a quella della necessit dolo-
rosa ed inevitabile, secondo lanalisi dei due schieramenti che divisero non so-
lo Trieste, ma lItalia intera?
Su tale argomento si potrebbe ipotizzare una ricerca-azione partendo da posizio-
ni differenti di due storici:
Guardato trentanni dopo, il trattato di Osimo appare un po meno infame e
si conferma un po pi vera la motivazione della dolorosa, ma inevitabile neces-
sit per il tributo da pagare allunit europea e alla pace il giudizio di Corra-
do Belci che, da triestino e da parlamentare dellallora DC, collabor alla defi-
nizione del trattato. Belci, allepoca molto vicino ad Aldo Moro, che volle con
fermezza quellintesa, infatti convinto che senza questo passaggio sarebbe stato
pi difficile costruire la nuova Europa.
Per lo storico Paolo Simoncelli, invece, il Trattato si rivelato un inutile e, al
Largomento tempo stesso, pesantissimo sacrificio a cui non si pu certo attribuire alcun meri-
talmente to nellapertura dellEuropa, avvenuta solo in seguito al crollo del muro di Ber-
vasto da offrire lino e a quanto verificatosi successivamente nellex Jugoslavia.
ampie Largomento talmente vasto da offrire ampie opportunit di valutazioni ve-
opportunit ramente al di l di ogni posizione ideologica per evitare il grande e quanto mai
di valutazioni inopportuno rischio di strumentalizzazione: sempre, nella ricerca storica, linda-
veramente gine sistematica deve essere accompagnata dalla commozione intesa in modo
al di l di ogni dantesco come partecipazione, comprensione degli eventi e della sofferenza, av-
posizione vilimento e angoscia per il dolore di unumanit tutta.
ideologica Da queste premesse si pu sollecitare linteresse dei giovani verso un lavoro per-
sonalizzato di ricerca individuale o di gruppo.
In tal senso si possono indirizzare gli alunni verso la raccolta di testimonian-
ze orali, anche se, in alcune localit, ci pu essere la difficolt oggettiva di re-
perire famiglie di esuli in quanto determinati luoghi furono privilegiati su al-
tri per raccogliere il flusso migratorio; per esempio in Piemonte ci sono forti
presenze di Istriani nel vercellese, nel torinese, nel novarese e in forma mino-
re nelle altre province.
La formula della conferenza di un esperto sempre valida, soprattutto per sti-
molare la curiosit unita ad un aggiornamento costante dei risultati dellindagi-
ne storiografica.

SDAPI133_22.indd 166 11/01/11 11:09


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 167

inter venti
Negli ultimi anni poi Enti ed Istituzioni hanno promosso concorsi finalizzati al-
la produzione di tesine e merita di essere menzionata la Regione Piemonte che
annualmente propone alle scuole superiori dei temi di storia contemporanea da
sviluppare secondo le modalit che si ritengono pi opportune. Mi sembra uti-
le presentare in sintesi i modelli adottati da alunni che sono stati recentemente
premiati per aver sviluppato proprio le problematiche in oggetto con lavori per-
sonali e creativi.

PRIMO MODELLO:
Indice
Introduzione
1. La foiba grande di Carlo Sgorlon (lettura di un testo relativo al problema)
2. Istria e Dalmazia, crogiolo multietnico (analisi sociale dellambiente)
3. Leffetto boomerang del fascismo di confine (analisi storica)
4. Jugoslavia o Italia?
5. Una citt spopolata: Pola
6. La crisi di Trieste, pedina dello scacchiere internazionale
7. Esodo o esodi?
8. Profughi e italiani: una lotta tra poveri
9. Una memoria negata
10. Lesodo e la citt di
11. Intervista a un esule

Cronologia
Bibliografia
Sitografia

SECONDO MODELLO:
Nota metodologica
[]
La ricostruzione di tale evento stata da noi suddivisa in quattro parti: a una bre-
ve introduzione storica, indispensabile a inquadrare la vicenda, segue la tratta-
zione dellitinerario percorso da numerosi esuli di cui abbiamo anche riportato
alcune testimonianze. Successivamente abbiamo ricostruito lesperienza dei pro-
fughi allinterno dei campi di accoglienza e di raccolta disseminati in Piemonte,
in particolare, nella nostra provincia; in conclusione, si affronta lintegrazione,
talvolta difficile e problematica, con cui i 350.000 esuli hanno dovuto rappor-
tarsi una volta giunti in Italia.
Una piccola appendice contiene alcune parole-chiave esemplificative del feno-
meno e costituenti il nucleo intorno al quale ruota la nostra ricerca.

SDAPI133_22.indd 167 11/01/11 11:09


168 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti Abbiamo, inoltre, allegato un Cd multimediale con immagini, fotografie e do-
cumenti significativi per delineare e descrivere in modo pi completo largomen-
to. Passando da alcune cartine che ricostruiscono la realt geografica di Istria e
Dalmazia, alle struggenti immagini della partenza da citt quali Pola e Zara, te-
stimoniata dal film La citt dolente, a fotografie che ritraggono vari momenti
di vita nei campi, lodissea di tutti gli esuli viene presentata sulle note della Sa-
marcanda di Handel.

Introduzione storica
Itinerario
I campi profughi
Lintegrazione
Dizionario
Bibliografia
Sitografia

(lavoro di ricerca condotto da Francesca Capello e alcuni compagni di un Liceo classico)

ancora Qua LcHe ipotesi operativa

In questi ultimi anni la scuola ha cercato di interagire sempre pi spesso con


in questi ultimi lesterno per coinvolgere la cittadinanza locale nelle proprie attivit, soprattut-
anni la scuola to nel momento in cui vi erano precisi obiettivi educativi riguardanti, per esem-
ha cercato pio, la tutela e la difesa dei diritti umani o la libert degli individui. In tal senso
di interagire sono risultati efficaci:
sempre pi allestimento di mostre fotografiche;
spesso con creazione, produzione, stampa e distribuzione di cartoline mirate alla valo-
lesterno rizzazione dellevento;
per coinvolgere proiezione e commento di films;
la cittadinanza stesura e realizzazione di uno spettacolo teatrale con il supporto di esperti;
locale nelle organizzazione di uno spettacolo con il coinvolgimento di gruppi musicali
proprie attivit sempre presenti nelle realt scolastiche;
distribuzione alla cittadinanza e nelle classi di un giornalino con poesie, ri-
flessioni, articoli scritti dai giovani studenti.

Una esperienza altamente significativa stata infine la preparazione e la succes-


siva realizzazione di un viaggio nei luoghi degli eventi (risiera di San Sabba, foi-
be, Istria) dove la sofferenza di molti entra in un crogiuolo per diventare un uni-
co grande dolore della storia.

SDAPI133_22.indd 168 11/01/11 11:09


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 169

inter venti
u nesperienza
didattica:
La Giornata
de L r icordo
di
v ita minisci
Promuovere attivit didattiche che aiutino le nuove generazioni a non dimenti-
care lobiettivo a cui punto in qualit di docente, della scuola secondaria di pri-
mo grado, consapevole di quanto asserito da Cicerone nel De Oratore: Histo-
ria magistrae vitae. Un lavoro il mio che non si esaurisce in classe, ma che ten-
de a coinvolgere tutto lIstituto Comprensivo St. Don G. Bosco di Corigliano
Calabro presso il quale insegno, attraverso attivit comuni proposte nel POF.
Particolarmente significativa stata lattivit didattica relativa al Giorno del Ri-
cordo realizzata nelle classi IA e IB della scuola secondaria di primo grado. Ho
inteso da subito far prendere coscienza agli alunni del periodo storico di riferi-
mento, 1943-1947, del contesto geografico, il Carso, e dellimportanza di non promuovere
dimenticare. Lo studio geologico del territorio e delle sue depressioni carsiche ha attivit
permesso agli alunni di conoscere le foibe, cimiteri a cielo aperto, in cui hanno didattiche
perso la vita un numero di vittime non definito compreso tra 5000 e 11.000, di che aiutino
origine italiana, slovena e croata, la maggior parte delle quali colpevoli di vivere le nuove
in un territorio devastato dalla Seconda guerra mondiale e dai suoi risvolti politi- generazioni
ci. La scelta di una metodologia, molto affine a quella utilizzata dagli storici, che a non
ha proposto la lettura delle fonti e delle testimonianze dei superstiti, mi ha per- dimenticare
messo di indirizzare i discenti a ricercare le cause, remote e politiche, degli eccidi lobiettivo
che avvennero in Venezia Giulia e in Dalmazia, ad opera per lo pi di partigiani a cui punto in
iugoslavi. Questo ha permesso ai discenti di sapere che a seguito dellet napo- qualit
leonica si impose in Europa il concetto di Stato-nazione; allora istriani e dalmati di docente
cominciarono a identificarsi nelle moderne nazionalit: italiana, slovena, serba
e croata. Ciascuna delle fazioni cominci a lottare per riunire le proprie terre al-
le rispettive madrepatrie. Questa contrapposizione etnica fu la causa remota dei
massacri nelle foibe. Attraverso le ricerche, per, agli allievi stato dato di co-
noscere altre cause: cause occasionali; cause vendicative, contro il regime fascista
etnico-anessionistico per eliminare chi ostentava lannessione di queste terre alla
Jugoslavia; cause di carattere etnico-politico per eliminare gli oppositori del re-
gime comunista di Tito. Lattivit, che ha suscitato interesse negli allievi, stata

SDAPI133_23.indd 169 11/01/11 11:09


170 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti finalizzata a ricordare limperdonabile orrore contro lumanit, costituito dalle
foibe, e a smascherare la congiura del silenzio durata 60 anni. Silenzio causato
da tre motivi: intenzionale, dovuto dalla rottura tra Tito e Stalin 1948; dovuto
al comunismo internazionale; dovuto al silenzio dello Stato italiano che voleva
superare il capitolo della Seconda guerra mondiale. Listituzione del giorno del
ricordo, 10 febbraio, attraverso la promulgazione della Legge n. 92 del 30 marzo
2004, ha dato modo ai discenti di verificare un mutamento di atteggiamento da
parte della comunit nazionale italiana nei confronti degli esuli giuliano-dalmati.
La divisione in blocchi dellEuropa aveva reso impossibile il riconoscimento dei
loro diritti agli esuli. La caduta dei blocchi ha permesso che venisse riconosciuta
la loro tragedia. Unesperienza didattica accolta positivamente dagli alunni tan-
to da incidere sul loro percorso di crescita. Non meno significativa dal punto di
vista professionale per un docente che, come me, consapevole dellimportanza
dello studio della storia essendo questa testimone dei tempi, luce della verit,
vita della memoria, maestra di vita, nunzia dellantichit. Formare cittadini at-
tivi lobiettivo della scuola e delleducatore che nella sua azione didattica non
pu ignorare la memoria storica del Paese.

f ormare
cittadini attivi
lobiettivo
della scuola e
delleducatore
che nella
sua azione
didattica non
pu ignorare
la memoria
storica
del paese

SDAPI133_23.indd 170 11/01/11 11:09


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 171

inter venti
La storia
strappata:
quando La madre
patria ha i L vo Lto
de LLa madre
di
donatella
Bracali
singolare la coincidenza: scrivo queste righe in un giorno fatidico per la sto-
ria dItalia: il 25 aprile.
Malgrado lo smorzarsi, negli ultimi anni, di animosit e passioni contrapposte,
non posso non associare il giorno della Liberazione al volto incupito di mia
madre, al greve silenzio che soffocava le sue lacrime e la sua rabbia, alla digni-
t pensosa che ha rafforzato, nel tempo, la sua memoria ferita di esule, anzich
spegnerla nello sbiadito scorrere degli anni. S, mia madre, esule da Zara, la citt
che certo non ha potuto festeggiare la sua liberazione, la Dresda dellAdriati-
co martoriata da ben 54 bombardamenti, la cui italianit stata sacrificata al- La storia della
la ragion di Stato perch ceduta alla Jugoslavia alla fine della Seconda guerra Liberazione
mondiale, insieme alle terre dellIstria e della Dalmazia. ha anche
La storia strappata per me comincia da qui. Mia madre, insegnante elementare il volto
nel quartiere pi periferico e difficile della mia citt (ambiente da Io speriamo che nascosto
me la cavo, per intenderci), ha intrapreso proprio nella scuola la sua battaglia e sofferente
pi coraggiosa e per molto tempo solitaria! Ha insegnato ai suoi giovanissimi di chi
allievi (ed a me, che crescevo con loro), che la storia della Liberazione ha anche con la fine
il volto nascosto e sofferente di chi con la fine della guerra ha vissuto la fine della guerra
di tutto: la perdita della propria casa, della terra, degli affetti, perfino dei propri ha vissuto la
morti! Fu allora che imparai a capire e ad amare le parole di Cesare Pavese: Ogni fine di tutto:
guerra una guerra civile: ogni caduto somiglia a chi resta, e gliene chiede ragione. la perdita della
Nessun altro insegnante, per me che poi sarei passata dallaltra parte della cat- propria casa,
tedra, ha superato in intelligente imparzialit mia madre, che mi ha fatto cono- della terra,
scere ed amare Pavese come dAnnunzio, Slataper come Moravia, Pasolini come degli affetti,
Ungaretti, Sartre come San Girolamo (il Grande Dalmata). Questo stesso entu- perfino dei
siasmo per la cultura, questo stesso forte convincimento che al di sopra del tuo- propri morti!
no dei cannoni come lei ha scritto dobbiamo ascoltare la voce della cultu-
ra e della scienza, lhanno portata ad organizzare i corsi di aggiornamento sulla
Storia dellAdriatico Orientale nel 1998 e nel 1999. Credo siano stati i primi in

SDAPI133_24.indd 171 11/01/11 11:09


172 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pu BBLica istruzione

inter venti Italia rivolti a docenti ed allievi della scuola superiore, negli anni in cui lallora
ministro della Pubblica istruzione Berlinguer, con notevole sensibilit e corag-
gio, invit insegnanti ed autori di manuali scolastici a colmare la grave lacuna
riguardante le vicende storiche delle terre giuliano-dalmate. Qui a Pescara la ri-
sposta fu immediata ed entusiastica, grazie anche al clima di collaborazione e di
simpatia che mia madre ha saputo creare nellambiente cittadino in qualunque
settore, culturale e politico.
Per loccasione si form un affiatato gruppo di lavoro con studiosi di alto pro-
filo, alcuni celebri come Aldo Duro, direttore del Vocabolario della Lingua Ita-
liana per lenciclopedia Treccani, altri, di origine locale abruzzese, che avrebbe-
ro conquistato fama successiva grazie alla profonda conoscenza della questione
adriatica (penso agli amici Fares, Di Cintio, Centorame).
La fine degli anni Novanta, dunque, coincise con lo sdoganamento di quel-
la storia strappata, non senza strascichi di polemiche e di astiosit, addirittu-
ra con lo spettro del negazionismo agitato da storici di parte (lo ha ricordato
Paolo Mieli nellarticolo che citer pi avanti). Eppure in seguito, ancora una
volta, una barriera di indifferenza e di ignoranza ha rinchiuso la scuola nel suo
spazio angusto di non luogo, in cui spesso si muovono giovani ed adulti alla
ricerca della propria identit.
Allora scrivete [] scrivete la vostra storia! Dovete scriverla per farcela conoscere!.
Ho nelle orecchie ancora le parole del prof. Sabbatucci, intervenuto ad un in-
contro presso il Liceo classico di Pescara per presentare il suo ultimo manuale
Lallora scolastico. Con lui proprio mia madre ebbe un vivace scambio di idee in meri-
ministro della to allassenza pi volte da noi rimarcata dellargomento foibe sulle pagine
pubblica dei testi di storia. Ma ancora oggi, a circa 10 anni di distanza da quel dibattito,
istruzione la storia strappata pi o meno la stessa. Eppure, con la Legge del 30 marzo
Berlinguer, 2004 n. 92, si istituito il Giorno del Ricordo per conservare e rinnovare la
con notevole memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe e dellesodo []
sensibilit nel secondo dopoguerra (art. 1), con particolare riferimento proprio ai giovani
e coraggio, delle scuole di ogni ordine e grado (art 2). Eppure ricchissima leditoria sullar-
invit gomento, perch unattivit instancabile, dal dopoguerra ad oggi, ha prodotto
insegnanti libri, articoli, saggi, opuscoli scritti con rigore storico dagli stessi testimoni di
ed autori quelle terribili vicende (Toth, Talpo, De Vergottini); quindi molto prima che il
di manuali prof. Sabbatucci ci esortasse a scrivere!
scolastici a Bruno Vespa, in una delle puntate di Porta a Porta di qualche anno fa, dedi-
colmare la cata proprio al Giorno del Ricordo, si meravigli della ricchezza della pubbli-
grave lacuna cistica proveniente dagli ambienti degli esuli. A ci aggiungo che i nostri veci
riguardante (io appartengo alla seconda generazione), si sono rapidamente adeguati ai tem-
le vicende pi, per cui tutto questo immenso e prezioso materiale oramai disponibile onli-
storiche delle ne attraverso una pluralit di siti in continuo aggiornamento. Fortunatamente,
terre giuliano- per, storici e studiosi di fama, insieme a giornalisti accreditati, si occupano sem-
dalmate pre pi spesso della storia strappata: tra gli ultimi, Polo Mieli ha dedicato un

SDAPI133_24.indd 172 11/01/11 11:09


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 173

inter venti
articolo dettagliato ed illuminante ad una questione dolorosa: la medaglia doro
negata a Zara (Il martirio di Zara italiana e la medaglia che non c, in Corriere
della Sera, 23 marzo 2010).
E la scuola? La scuola, purtroppo, sembra ancora in affanno. Ce lo rammenta il
linguaggio spietato dei numeri: nel corso dellinteressantissimo primo Seminario
Nazionale sul tema organizzato dal MIUR il 23 febbraio scorso, stato stilato un
elenco dei manuali di Storia contemporanea per le scuole superiori, contando le
righe dedicate alle foibe e/o alle vicende dellAdriatico orientale: dalle 10 del
testo a cura di Giardina e Sabbatucci alle 15 di quello di Della Peruta! Che dire
poi, osservo io, dei manuali di geografia per i bienni delle superiori? Stimolanti
nella veste tipografica (e digitale), nonch nei contenuti, ma alla voce Balcani
ricordano Tito come liberatore del Paese dai nazifascismi e citano poi gli ecci-
di obbrobriosi della pulizia etnica degli anni Novanta, ma senza spendere una
sola parola per gli infoibati, per i deportati nei campi di prigionia titini, per gli
annegati con la pietra al collo nel mare di Zara. Perch sugli stessi testi, quando
si parla di crimini contro lumanit o di migrazioni forzate, di sfollati e di
rifugiati, nulla si dice degli italiani dellIstria e della Dalmazia che hanno su-
bito una sorte simile? Eppure ben 350.000 fuggirono da quelle terre illudendosi
di essere accolti da una Madre Patria che presto si sarebbe rivelata matrigna.
Basterebbe sfogliare linteressantissimo manuale di ausilio per la scuola La que-
stione del confine orientale (edito nel 2007 a cura dellAssociazione per la Cultu-
ra Fiumana, Istriana e Dalmata del Lazio) per capire quanto entusiasmo e quan-
ta professionalit abbiano animato delle docenti, come la professoressa Botte- perch sugli
ri, impegnata da sempre sul campo a diffondere (ed a difendere) i valori della stessi testi,
storia giuliano-dalmata. quando
E che dire, poi, della toponomastica? Solo da pochi anni, finalmente, sugli at- si parla di
lanti e sulle carte geografiche, stato recuperato lantico nome italiano, alme- crimini contro
no tra parentesi, perch proprio quello tradizionalmente pi diffuso da secoli lumanit o
nellarea adriatica (Zadar=Zara; Split=Spalato; Dubrovnik=Ragusa; pensare che di migrazioni
le carte nautiche hanno sempre indicato i soli nomi italiani!). forzate,
No, professor Sabbatucci, non manca dunque il materiale per scrivere! Forse man- di sfollati e
ca ancora quella memoria condivisa su fatti tragici e complessi, ma comunque di rifugiati,
appartenenti alla nostra identit di italiani, che proprio il 25 aprile dovrebbe a nulla si dice
tutti ricordare. C bisogno di un miracolo culturale fatto di cuore, ragione, co- degli italiani
scienza! Perch non riprenderci, con coraggio, il nostro ruolo educativo di inse- dellistria e
gnanti quando ci proponiamo di formare luomo e il cittadino? Perch teme- della dalmazia
re di pronunciare parole come appartenenza, identit, privandole del velo di che hanno
ambiguit che le accompagna? Mi piace concludere invocando proprio il pueri- subito una
le ottimismo di mia madre, che nel 1999 cos scriveva: Non si pu morire per sorte simile?
sempre! Se dalla penna di Bettizza sono uscite dopo anni di indifferente silen-
zio le parole che ha riservato alla mia Zara nel suo Esilio (pur colpevolmente
tacendo altrove), forse battendo e ribattendo, dicendo e ridicendo, evocando e

SDAPI133_24.indd 173 11/01/11 11:09


174 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pu BBLica istruzione

inter venti rievocando, anche altre porte ed altre finestre si apriranno sullassassinio di Zara
(cos dice Bettizza) e (dico io) di tutta la gente italiana giuliano-dalmata. Provia-
moci noi! E voi, aiutateci! (Myriam Paparella Bracali, Introduzione a Sto-
ria, Cultura e Attualit dellAdriatico Orientale 2 corso di aggiornamento in
Storia Pescara 1999).
Solo cos rimetteremo la pagina strappata al suo posto

SDAPI133_24.indd 174 11/01/11 11:09


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 175

inter venti
c amminare ne LLe
scarpe de LLa Ltro

La Storia non un patrimonio sociale condiviso. La Storia non considerata la


materia per eccellenza nel comune sentire e, tanto meno, nella scuola. Le diffi-
colt da superare per rendere protagonista questa disciplina nella formazione dei di
giovani sono sempre molte. Con questa consapevolezza ci si avventurati alla ri- daniela
cerca di consensi per elaborare una mappa del tempo costruita sulle date pi si- Bernardini
gnificative per la storia italiana ed europea. e
Nellottobre 2004, durante la seconda riunione collegiale del nuovo anno sco- Luigi puccini 1
lastico, i docenti dellIstituto approvarono allunanimit un calendario laico da
inserire nel Piano dellOfferta Formativa: ogni scadenza avrebbe fissato momen-
ti della ritualit civile finalizzati a recuperare la memoria di eventi passati e, con-
temporaneamente, a stimolare la consapevolezza del presente attraverso la co-
struzione di un sapere storico non appiattito sui luoghi comuni.
Lo stimolo giunse dalla emanazione della Legge 92 del marzo dello stesso anno
con cui veniva istituito il Giorno del Ricordo per conservare e rinnovare la me- La s toria non
moria di tutte le vittime delle foibe e dellesodo giuliano-dalmata. un patrimonio
Il 10 febbraio si aggiungeva alle altre date individuate dal Parlamento, dal Con- sociale
siglio Regionale, dallo stesso Istituto come momenti carichi di alto valore sim- condiviso.
bolico: 27 gennaio (Giorno della Memoria in ricordo delle vittime della Le difficolt
Shoah), 17 marzo (proclamazione dellUnit dItalia), 25 aprile (simbolo della da superare
Resistenza al nazifascismo), 30 novembre (Festa della Toscana in ricordo dellabo- per rendere
lizione della pena di morte), 10 dicembre (anniversario della Dichiarazione dei protagonista
diritti umani). Negli anni avrebbero fatto parte dellelenco il 21 marzo (in ri- questa
cordo delle vittime della mafia), il 9 maggio (in ricordo delle vittime del terro- disciplina
rismo, festa dellEuropa), il 9 novembre (Giorno della Libert, in ricordo della nella
caduta del muro di Berlino). formazione
Si tratta di eventi distanti dal sentire e dal pensare dei giovani, avvolti dalla dei giovani
cultura quotidiana dello stordimento, abituati a vivere il tempo della frenesia sono sempre
e non della storia. In questi giorni dellanno sono invece costretti a fermarsi, molte
a pensare, ad ascoltare, a confrontarsi con fatti, testimoni, luoghi della storia.
il tentativo di uscire da una linea del tempo confusa, centrata su un presen-

1. Docenti di Lettere presso lITIS G. Marconi di Pontedera (Pisa).

SDAPI133_25.indd 175 11/01/11 11:10


176 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pu BBLica istruzione

inter venti te immanente e assoluto dove i giovani si smarriscono e i ricordi, non pi tra-
mandati di generazione in generazione, lasciano vuoti di memoria e relegano i
singoli accadimenti in un magma indistinto. un tentativo, inoltre, per usci-
re dal nichilismo troppo spesso manifestato sui banchi di scuola, per ricercare
valori essenziali alla costruzione della felicit individuale e collettiva.
La sfida si presenta duplice: da un lato evitare il rischio della ritualit che annul-
la la specificit di ogni situazione storica, dallaltro cogliere il rapporto tra storia
e uso pubblico della storia.
In particolare, la celebrazione del Giorno del Ricordo, che recupera eventi to-
talmente rimossi nel dopoguerra, tenta di sottrarre i fatti alle semplificazioni sbri-
gative orientate da una parte a perpetuare loblio, dallaltra a denunciare loblio
solo in funzione di obiettivi politici immediati.
Poich i libri di testo di storia riportano poche righe per spiegare la questio-
ne delle foibe e dellesodo, nel 2004 si avvert lesigenza di reperire materia-
le scientifico da utilizzare per una seria e approfondita formazione storica de-
gli insegnanti. La Regione Toscana rappresent lo stimolo decisivo con il cor-
so daggiornamento Il confine orientale nel Novecento. Tra guerre, violenze,
foibe, diplomazia con il quale un nutrito gruppo di insegnanti veniva forma-
to sui temi dei confini orientali italiani dalla fine dellOttocento al trattato di
Osimo secondo una concezione che vede protagonista della storia la popola-
zione civile. Si tratt di una serie di incontri che sollecitavano la riflessione e
la ricerca al di fuori dellaccademia, in un percorso doveroso verso i numerosi
o gni anno parenti degli infoibati che vivono nella regione e i tanti profughi che negli an-
le classi quinte, ni Cinquanta avevano qui concluso il loro peregrinare. Contemporaneamen-
ma non solo, te, allinterno dellIstituto, prese avvio un lavoro di reperimento e sistematiz-
partecipano a zazione di documenti e video presenti nei vari archivi, in collaborazione con
lezioni le Regioni Veneto, Lazio, Toscana e le Associazioni nazionali e locali di pro-
e conferenze fughi giuliano-dalmati.
tenute da In accordo con i Consigli di classe e attraverso lattivit interdisciplinare dei do-
docenti interni centi di Storia, Lettere, Diritto e Informatica sono state elaborate in questi an-
in collaborazione ni una serie di unit didattiche su confini italiani orientali, foibe e esodo basate
con lu niversit su tre punti forza: percorso di studio, viaggi sui luoghi della memoria e incontri
di pisa, in modo con testimoni, verifica e report dellattivit.
da supportare Ogni anno le classi quinte, ma non solo, partecipano a lezioni e conferenze te-
con lo studio nute da docenti interni in collaborazione con lUniversit di Pisa, in modo da
scientifico supportare con lo studio scientifico la parte emozionale che emerge nei giovani
la parte al momento delle commemorazioni. Le lezioni-incontro vengono generalmente
emozionale realizzate utilizzando supporti multimediali: power point, film, video, e accom-
che emerge pagnate dalla riflessione di esperti e studiosi.
nei giovani al I luoghi della memoria rappresentano laltro elemento indispensabile alla cono-
momento delle scenza in quanto consentono ai giovani, supportati dallo studio e dalla ricerca,
commemorazioni di calpestare la terra dove si sono consumati tanti conflitti e di accogliere i dram-

SDAPI133_25.indd 176 11/01/11 11:10


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 177

inter venti
mi ancora custoditi nelle comunit che la abitano. Gruppi di studenti e docenti
hanno visitato Gorizia, Basovizza, Pisino per rendere omaggio alle vittime del-
le foibe ma, soprattutto, per oltrepassare i confini che in passato hanno deter-
minato desiderio di attraversamento, accoglienza ma anche inospitalit, offesa,
spaesamento, fuga.
I viaggi, cos come gli incontri con i testimoni, fanno oggi parte di video realiz-
zati dagli studenti che rappresentano veri e propri report della ricerca e materiale
da diffondere per moltiplicare lesperienza e fissare la narrazione tra generazioni.
Da uno studente nata lidea di proporre ai compagni di alcune scuole medie
del territorio le conoscenze acquisite, cos i giovani si sono fatti trasmettitori del-
la memoria con delle vere e proprie lezioni ai pi piccoli. Linsegnamento pear
to pear e tutoriale ha offerto occasione di crescita per entrambi.
Da alcuni anni gli Enti locali organizzano insieme agli Istituti scolastici cittadi-
ni il Giorno del Ricordo e, parallelamente alla commemorazione, presentano
allintera cittadinanza il lavoro di ricerca storica effettuato da studenti e docenti.
Lintervento delle istituzioni diventa essenziale in quanto permette a queste ulti-
me di affiancare la scuola nella trasmissione di fatti di un tempo in un altro tem-
po con il fine di costruire una memoria pubblica che trasforma il lutto in lutto
collettivo partecipato. Linterazione fra scuola, istituzioni, territorio consente di
uscire dalla lettura politica di eventi come foibe e esodo per trovare una memo-
ria maggiormente condivisa fra le parti politiche.
Per vivere appieno il Giorno del Ricordo, cos come tutte le altre date com-
memorative, infatti necessario rimuovere, attraverso la conoscenza che viene da alcuni anni
dallo studio della storia, le rigidit e le lacerazioni accumulate a livello indivi- gli enti locali
duale e comunitario. organizzano
Accanto allo studio dei problemi connessi alle foibe e allesodo, nei percorsi degli insieme agli
ultimi due anni, le unit didattiche sul Giorno del Ricordo si sono arricchite istituti
di nuovi contenuti attraverso il recupero degli aspetti positivi presenti sui confi- scolastici
ni orientali: il groviglio di genti, i caff, le forme letterarie italiane di forte inter- cittadini
dipendenza con quelle slave, le famiglie miste, il plurilinguismo. Si tratta di ele- il giorno
menti da evidenziare affinch, accanto alla tragicit dei fatti, siano messi in luce del r icordo e,
i valori condivisi da popolazioni differenti per consentire ai giovani anche una parallelamente
riflessione sulla convivenza fra etnie nellItalia attuale. alla
Camminare nelle scarpe dellaltro una pi belle espressioni della scrittrice commemorazione,
Nelida Milani, che ha vissuto a Pola i drammi dei confini. Disponendosi allo presentano
studio del passato e immergendosi nellesistenza di tante persone, i giovani sono allintera
consapevoli di aver compreso lagire storico e sentono il dovere di divenire co- cittadinanza il
struttori di una nuova umanit. lavoro di ricerca
storica effettuato
da studenti
e docenti

SDAPI133_25.indd 177 11/01/11 11:10


SDAPI133_25.indd 178 11/01/11 11:10
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 179

inter venti
da LLa conoscenza
di un tessuto
storico Loca Le
a LLa foca Lizzazione
di un prob Lema
pi genera Le, di
a ngela c risci 1

di portata naziona Le
ed europea, di storia
dimenticata
o ggi il passato
ipotesi di Lavoro con g Li studenti de L triennio quasi
de LLa scuo La secondaria di secondo grado di Latina buttato via
velocemente,
un dato di fatto che la maggioranza dei nostri studenti avverte una sorta di di- poich si sono
sinteresse nei confronti della storia, e tale situazione sembra spesso annullare tutti ridotte
i tentativi degli insegnanti per attivare processi di conoscenza ed elaborazione del le occasioni
passato. I perch di questi comportamenti vanno individuati in molteplici fatto- della
ri: i profondi mutamenti verificatisi nelle societ industriali del nostro tempo, i trasmissione
cambiamenti delle strutture mentali, del nostro stesso modo di sentire il passato della memoria
e quindi il senso della storia. La cultura delle epoche precedenti nella conservazio- tra le
ne della memoria poggiava sulle famiglie, sulle tradizioni legate a cognomi pi o generazioni
meno famosi, comunque nella societ la trasmissione delleredit del passato av-
veniva di generazione in generazione per contatto diretto, perch nei momenti di
aggregazione piuttosto frequenti, il passato era sempre di scena, attraverso la rie-
vocazione dei parenti morti, o di fatti memorabili che i testimoni trasmettevano.
Oggi, invece, il passato quasi buttato via velocemente, poich si sono ridotte le
occasioni della trasmissione della memoria tra le generazioni, mentre gli stili di

1. Docente di Italiano e Storia presso lITIS G. Galilei di Latina.

SDAPI133_26.indd 179 11/01/11 11:11


180 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti vita nati dalla societ industriale assottigliano notevolmente i tempi della con-
versazione e del dialogare anche tra genitori e figli, poich le urgenze della vita
quotidiana divorano gli spazi della convivenza. E allora si smarrisce lattitudine
a rielaborare ricordi ed esperienze e a pensare il passato come parte viva della vi-
ta presente. Cresce quindi e si diffonde il senso di futilit per tutto ci che non
immediatamente utile e funzionale alle necessit del presente. La storia appare
spesso ai giovani come un grottesco e insensato culto dei morti 2.
Da quest analisi consegue che se vogliamo recuperare il senso della storia per i
nostri studenti dobbiamo promuovere la conoscenza e la comprensione dei fat-
ti salienti che hanno coinvolto il territorio in cui vivono, i loro genitori e nonni,
lasciando tracce indelebili nella struttura dei loro paesi, nei nomi delle persone,
delle strade, nei costumi locali, nei linguaggi. A questo punto si ritenuto op-
portuno formulare un piano di lavoro metodologico, fondato sullacquisizione
di testi, fonti e filmati relativi allesodo a Latina dei giuliano-dalmati e istriani.
Ci siamo avvalsi dei seguenti supporti: Archivio di Stato di Latina; Archivio del
Comune di Latina; Archivio dellIstituto Autonomo delle Case Popolari di La-
tina; Nel prisma della memoria. Riflessioni ed antologia delle esperienze didattiche
di storia del Novecento pontino, a cura di A. Crisci, Provveditorato agli Studi di
Latina, Roma, 2001; Il rumore del silenzio di Ilias Tsilividis, Chieti, 2008; LEso-
do a Latina La storia dimenticata dei Giuliano-Dalmati di Angelo Francesco
Orsini. Infine stato attivato il Laboratorio Multimediale per lelaborazione di
un ipertesto, il cui uso presuppone la padronanza delle tecnologie informatiche,
s e vogliamo lacquisizione di competenze linguistico-comunicative e la capacit di progetta-
recuperare re percorsi storico-letterari. Pertanto, superando il concetto di storia come pura
il senso della narrazione di avvenimenti, si dato spazio alla schedatura di testi, allevidenzia-
storia per i zione di concetti chiave, allindividuazione delle cronologie di sostegno, alluso
nostri studenti corretto delle fonti, al confronto di posizioni storiografiche diverse, affinch gli
dobbiamo studenti si rendessero conto delle molteplicit relazionali e dei differenti piani
promuovere di ricerca che si intersecano al di l di ogni singolo avvenimento. In tal senso la
la conoscenza strumentazione multimediale ha offerto la possibilit sia di disporre contempo-
e la raneamente di documenti qualitativamente diversi, sia di farli interagire secon-
comprensione do percorsi precedentemente programmati, creando legami e rimandi continui,
dei fatti aprendo nuovi scenari e nuove situazioni.
salienti Di particolare interesse stata la documentazione sul Villaggio Trieste, che il
che hanno luogo storico per eccellenza dellarrivo e della permanenza di istriani e giuliano-
coinvolto dalmati a Latina; sul campo profughi, oggi ristrutturato in funzione dellUniver-
il territorio sit. La storia dellesodo dei 350.000 italiani istriani, giuliani e dalmati, ha il suo
in cui vivono momento culminante nel periodo che va dall8 settembre al 13 ottobre del 1943.
Come afferma lo storico G. Oliva 3 nel testo Foibe: le stragi, in un improvviso

2. P. Bevilacqua, Sullutilit della storia per lavvenire delle nostre scuole, Roma, 1997.
3. G. Oliva, Foibe: le stragi negate degli italiani della venezia Giulia e dellIstria, Mondadori, 2002.

SDAPI133_26.indd 180 11/01/11 11:11


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 181

inter venti
vuoto di potere, senza riferimenti ad alcuna autorit costituita civile o militare,
avviene leliminazione brutale di diverse centinaia di italiani bollati come nemi-
ci del popolo, fucilati con processi-farsa o massacrati o fatti sparire nelle foibe.
Sparirono squadristi e gerarchi locali, podest, messi comunali, carabinieri, pos-
sidenti, dirigenti, impiegati e capisquadra di imprese industriali, commercianti,
insegnanti medici. Tutto allinsegna di una selvaggia commistione di odi politi-
ci e personali, di rancori etnici, familiari e di interesse. La persecuzione degli ita-
liani in Istria cessa con loccupazione dellintero territorio da parte dellesercito
tedesco nellottobre 43. Dalla met di ottobre del 43 fino al 1945 furono effet-
tuati i primi recuperi delle vittime delle foibe. Tra i motivi del silenzio sulle foibe
c il fatto che la rottura di Tito con Stalin interessa positivamente i politici ita-
liani che in questo modo non hanno lArmata Rossa a ridosso dei propri confini,
e in questa situazione parlare di foibe e di violenze pu essere considerato poco
opportuno. Forse da qui anche la scelta di disperdere gli esuli su tutto il territo-
rio nazionale rifiutandone la concentrazione in un nuovo centro, come i profu-
ghi insistentemente chiedono, la nuova Pola. LItalia comunque non era prepa-
rata a gestire il problema dellesodo. Inoltre gli esuli sono limmagine della scon-
fitta subita dallItalia, mentre il governo impegnato a rimuovere questo ricordo;
si spiegherebbe cos anche il silenzio dei mezzi di comunicazione di massa, degli
intellettuali e degli storici. In realt solo gli esuli e le loro associazioni conservano
la memoria di quanto accaduto. Con il crollo del comunismo e della Federazione
jugoslava si torna a parlare della situazione dei giuliano-dalmata, la stampa e la te-
levisione si occupano del dramma degli esuli, fioriscono studi sul problema, se ne n el 2000
occupa anche il cinema (Pola Addio a cura di G. Alberto Vitrotti; Foibe: martiri il parlamento
dimenticati a cura di C. Schwarzenberg; Agro Pontino documento bonifica; La c roato
citt dolente, una pellicola sullesodo istriano cui collabor anche F. Fellini) e nel riconosce luso
settembre del 1992 la Foiba di Basovizza dichiarata monumento nazionale. Si della lingua
parla apertamente di genocidio, si arriva in fine nel marzo del 2004 allistituzione italiana
di una giornata destinata al ricordo delle vittime delle foibe e dellesodo giuliano- nel parlamento
dalmata e, nel rinnovato clima culturale della Slovenia e della Croazia, vengono regionale
riaperte alcune scuole italiane; nel 2000 il Parlamento Croato riconosce luso del- istriano
la lingua italiana nel Parlamento regionale istriano e nei tribunali. e nei tribunali
Tornando al nostro territorio, dove hanno trovato sistemazione 300.000 esuli, tra
difficolt di ogni genere, ma comunque accolti meglio che altrove, come dimo-
strano le testimonianze degli stessi esuli che vivono ancora a Latina, anche per-
ch erano molti in questa zona i coloni veneti venuti gi al tempo della bonifica.
A Latina e a Gaeta vengono aperti i campi di raccolta, sono 114 in tutta Italia.
Nel capoluogo pontino viene costruito il Villaggio Trieste ultimato nel 1956
e ricostruito dopo trentanni per ospitare numerose famiglie di esuli. Latina la
settima citt italiana nella graduatoria degli investimenti per ledilizia popolare
destinata ai profughi; il suo campo sar chiuso solo nel 1990, essendo rimasto
aperto per accogliere esodi da altri territori.

SDAPI133_26.indd 181 11/01/11 11:11


182 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti Tuttavia possiamo concludere che, nonostante i molti segnali positivi che emer-
gono dalla riapertura del dibattito sul problema, cui partecipano i vari schiera-
menti politici, mostrando volont di comprensione e conciliazione, molte feri-
te inferte dagli scontri etnici sono ancora aperte e non tutte le controversie so-
no state sanate.

1. presentazione de L Laboratorio muLtimedia Le:


guida a LLuso

Il laboratorio multimediale rappresenta la struttura operativa di progetti nati con


lintento specifico di promuovere la divulgazione e la diffusione delle conoscenze
informatiche applicate allo sviluppo delle varie attivit scolastiche.
Esso, infatti, permette di sviluppare una moderna e valida offerta formativa, se-
condo lo spirito delle pi recenti indicazioni ministeriali riguardanti tutti i livelli
e le diversificazioni dellistruzione. In particolare, allinterno dellattivit di labo-
ratorio multimediale si scelto di operare per la produzione di ipertesti e iper-
media, in quanto tale tecnologia offre diverse possibilit di progettazione e me-
todologia, attraverso accessi lineari e trasversali ai contenuti. La produzione di
ipertesti/ipermedia strumento di notevole qualit per il miglioramento e lin-
nalzamento dei livelli di apprendimento e per lacquisizione di abilit trasversali
complesse, elementi questi ritenuti essenziali anche dallattuale mondo del lavoro.
a llinterno Ne consegue che tale possibilit di pensare ed applicare nel campo professionale,
dellattivit in una prospettiva di globalit, tutto ci che il sapere ci offre nel suo continuo
di laboratorio e rapido aggiornamento, rappresenta non solo un servizio allutenza in questo
multimediale caso agli studenti , ma anche a tutto il territorio. La padronanza delle tecnolo-
si scelto di gie informatiche, lo sviluppo delle competenze linguistico-comunicative e della
operare per capacit di progettare percorsi storici-letterari-artistici sono gli obiettivi primari
la produzione di uno strumento didattico moderno quale il laboratorio multimediale.
di ipertesti e Per superare la considerazione ormai obsoleta della storia come pura narrazione
ipermedia di avvenimenti, introducendo i concetti di complessit-comparazione-interdi-
sciplinarit, sotto il profilo specifico di laboratorio multimediale, le possibilit di
lavoro sono molteplici: schedatura di testi, evidenziazione di concetti chiave con
i loro subordinati, individuazione delle cronologie di sostegno, cause-effetti-svi-
luppi di fenomeni storici, costruzione di griglie di apprendimento. Tali attivit
costituiscono la fase di approccio al lavoro storico, mentre nella fase successiva,
sempre con linsegnante che svolge la funzione di guida, si passa allapprendimen-
to e allampliamento della preparazione storica. Linsegnante deve, caratterizzan-
do in modo scientifico il suo lavoro, suggerire percorsi operativi, individuazio-
ni bibliografiche e storiografiche, uso corretto delle fonti, confronti di posizio-
ni storiografiche diverse per favorire lacquisizione di abilit critiche e capacit
di effettuare le relative sintesi, fondate sui dati rilevati; fermo restando il princi-

SDAPI133_26.indd 182 11/01/11 11:11


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 183

inter venti
pio che lo studente sempre lelemento centrale del processo di insegnamento-
apprendimento, protagonista del percorso lungo la ricostruzione del sapere sto-
rico. Come tale egli deve rendersi consapevole delle molteplicit relazionali e dei
diversi e differenti piani di ricerca che si intersecano continuamente al di l di
ogni singolo avvenimento. In tal senso la strumentazione multimediale offre sia
la possibilit di disporre contemporaneamente di documenti qualitativamente
diversi, che di farli interagire secondo percorsi precedentemente programmati,
creando legami e rimandi continui, aprendo nuovi scenari e nuove situazioni.

2. proposte operative

A titolo orientativo si elencano di seguito alcune proposte operative gi speri-


mentate:
presenza di uno spazio fisico al cui interno vi siano strumenti adatti ad acco-
gliere la documentazione. Nel caso di un laboratorio multimediale hardware
e software;
creazione di una mappa delle risorse bibliografiche, audiovisive, multimedia-
li disponibili allinterno dellistituto e nel territorio;
creazione di un archivio di facile consultazione. Nel caso di un laboratorio
multimediale, utilizzo di un potente database che svolga le funzioni di in-
terattivit tipiche della multimedialit: input, output, navigazione

I ARCHIVIO O

creazione di un archivio e di una banca dati in cui confluiscano i lavori e i


progetti elaborati e realizzati dallistituto. Valorizzazione e diffusione del con-
cetto di work in progress;
ricerche attraverso Internet, visitando siti di interesse storico, sia italiani che
stranieri, si vedano per esempio quelli Universitari Cambridge, Eralngen-
Nrberg, del Michigan, di Bologna;
collegamento in rete, networking, con altre scuole del territorio per un con-
fronto di esperienze didattiche, per la fruibilit delle risorse, per ottenere part-
nership ugualitaria tra scuole e la circolarit delle informazioni.

AllITIS G. Galilei di Latina presente una pagina Web per visionare i pro-
getti e i Cd-rom realizzati dai docenti che operano nellambito del laboratorio
multimediale.

SDAPI133_26.indd 183 11/01/11 11:11


184 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti 3. materia Le di interesse storico prodotto ne L


Laboratorio muLtimedia Le de LLitis g. ga LiLei di Latina

Progetti Strumenti multimediali

Laboratorio di Storia contemporanea: LItalia 1860/1940 La Resistenza


immagini e testi fotografie di documentazione storica prese
dallarchivio Touring Club Italiano e dalla
fototeca storica nazionale.

Prima giornata della famiglia Pagina Web

Il monachesimo nel Medioevo Cd-rom multimediale

Il cinema nelle interrelazioni con il teatro Cd-rom multimediale


e i nuovi media

I partiti politici dalla Rivoluzione francese Cd-rom multimediale


ai nostri giorni

Giuseppe Mazzini nella storia Cd-rom multimediale


culturale italiana,europea ed internazionale

Il Neorealismo natura e variet Cd-rom multimediale


di una frammentaria epopea

Mappe concettuali di storia del Novecento Cd-rom multimediale

11 settembre 2001 attacco terroristico Cd-rom multimediale


alle Twin Towers

I giovani ricordano la Shoah. Cd-rom multimediale


Quando luomo dimentica il diritto.

Si precisa che tutti i progetti, per la loro natura di ricerca e di indagine, hanno
utilizzato il metodo del problem solving e tutte le procedure ad esso collegate
(brainstorming, mappe concettuali, diagrammi di flusso, problem posing, ecc.) co-
me strumenti utili allo studente per formulare un metodo di studio autonomo,
analizzando e verificando in itinere la reale validit delle scelte da lui operate.
Linsieme dei progetti sviluppati si pone come finalit ultima quella di struttura-
re menti flessibili e di proporre attivit che formino gli allievi alla circolarit delle
tre C: conoscenza, competenze (applicative), capacit (critiche elaborative) on-
de pervenire al controllo intelligente di ci che si fa e si sa fare anche in funzio-
ne dellautoapprendimento continuo.
Ipotizzando una serie di aree di competenze e di abilit da conseguire nellarco
dellintero ciclo scolastico si propone la seguente Tabella come unipotesi di la-
voro articolata sullintero quinquennio.

SDAPI133_26.indd 184 11/01/11 11:11


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 185

inter venti
A.s. Aree di competenza ed abilit

1 ANNO Ambiente WINDOWS, WORD,


WORDPROF

2 ANNO Scrivania Multimediale AMICO 4.0


Costruzione di IPERTESTI semplici

3 ANNO Creazione di IPERTESTI complessi


Ambiente TOOLBOOK

4 ANNO Creazione di IPERMEDIA semplici

5 ANNO Creazione di IPERMEDIA complessi


Utilizzo PAGINA WEB

possibile prevedere un riconoscimento (credito scolastico) per gli alunni che


hanno frequentato con impegno ed hanno consolidato nel corso della loro vita
scolastica, specifiche aree di competenza ed abilit.

4. perch Lipertesto

La tecnologia ipertestuale risponde allesigenza di associare elementi differenti


organizzandoli in strutture conoscitive complesse, che possono essere attivate o
consultate sia attraverso percorsi lineari e sequenziali, sia in modo trasversale ed
interdisciplinare.
Un ipertesto uno spazio informativo che utilizza uno specifico software nel qua-
le sono collegati segmenti di informazione di natura diversa, quali testi, tabelle
di dati, grafici, immagini, filmati, suoni, animazioni. I documenti che formano
un ipertesto si chiamano nodi, mentre i collegamenti link. Laccesso alle in-
formazioni avviene cliccando con il mouse su icone, su pulsanti (o bottoni), cio
aree dello schermo rese sensibili allazione del mouse (facendoci clic sopra accade
qualcosa) o su parole calde (hotword) formate da una parola o da gruppi di parole
(facilmente individuabili perch scritte in un carattere particolare, per esempio
grassetto, o in un colore diverso), anchesse sensibili allazione del mouse, che
attivano indici, mappe, glossari a cui sono associate differenti tipologie di infor-
mazioni. Nel caso vi siano inserite anche immagini, suoni e filmati pi esatto
parlare di ipermedia (ipertesto + multimedia).
La particolarit dellipertesto e dellipermedia risiede nelle estese possibilit ap-
plicative e nella loro versatilit, in quanto possibile collegare insieme, associan-
doli, linguaggi diversi dalla scrittura tradizionale. Infatti, le due modalit Auto-
re e Lettore, con cui si presentano in genere i software ipertestuali, permettono:

a. di progettare materiali non strutturati che lo studente organizzer in una


struttura ipertestuale con la possibilit di modificare (ovvero aggiunge-

SDAPI133_26.indd 185 11/01/11 11:11


186 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti re, cancellare, ridimensionare, spostare o mutare funzione) gli oggetti
creati;
b. di leggere gli ipertesti, con la possibilit di costruire percorsi autonomi di ap-
prendimento o seguendo quelli proposti dal docente.

5. La va Lenza didattica

La ricaduta positiva che il sistema di progettazione di ipertesti ha in ambito di-


dattico facilmente intuibile, sia in termini di acquisizioni di abilit e di auto-
nomie di lavoro da parte degli studenti, sia come flessibilit metodologica per gli
insegnanti nellottica di un sapere finalmente interdisciplinare.

La Tabella successiva ne schematizza e puntualizza alcuni aspetti salienti.

lapprendere come work in progress, come costruzione di una rete in


continua e stimolante revisione/sviluppo;
FINALIT
lipertesto come rappresentazione del proprio sapere come strumento di
navigazione/interazione nella e con la complessit reale;

migliorare la capacit di lettura come ricerca di informazioni in vista della


soluzione di problemi;
migliorare la scrittura di testi orientati a uno scopo e collegati in una rete
di rimandi tra loro (riassunti, testi descrittivi, espositivi);
sviluppare lattitudine alla progettazione di percorsi e di reti di concetti e
informazioni;
migliorare la conoscenza e luso di codici diversi, ciascuno con le sue
regole (le sue retoriche) che poi sono i codici di accesso al sapere, un
OBIETTIVI
sapere naturalmente multimediale;
far crescere le abilit di studio, in altre parole imparare a studiare:
imparare a raccogliere le informazioni, a selezionarle e a lavorarci sopra,
a costruire mappe concettuali in unottica pluridisciplinare organizzando
il sapere in forma di rete in funzione delle richieste formative del nuovo
Esame di Stato e del mondo del lavoro;
imparare a lavorare in gruppo e a rispettare ruoli, programmi e tempi di
lavoro: la produzione di un ipertesto , in genere, un lavoro collettivo.

In altre parole occorre vedere lipertesto/ipermedia come ambiente di apprendi-


mento e nella sua valenza epistemologica e metacognitiva.

conc Lusione

Lesperienza svolta nellambito del laboratorio multimediale stata vissuta sia da


me come docente che dagli studenti come una nuova avventura nel mondo del
sapere, sia pure rimuovendo, a volte con qualche timore, antiche certezze legate
ai ruoli docente-discente, ma appunto per questo lavventura ha un suo fascino.

SDAPI133_26.indd 186 11/01/11 11:11


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 187

inter venti
Di fronte al timore di una sorta di inadeguatezza delle conoscenze del docente di-
nanzi agli orizzonti prospettati dallinformatica, evidente la necessaria riqualifi-
cazione professionale del docente come guida, piuttosto che come depositario di
un arido sapere, come progettista e ricercatore di un nuovo sapere insieme ai suoi
studenti. A questo proposito possiamo citare una frase di Margaret Mead siamo
sul punto in cui dobbiamo insegnare ci che nessuno sapeva ieri e prepararci ad
insegnare ci che nessuno sa ancora, ma che alcuni dovranno sapere domani.

SDAPI133_26.indd 187 11/01/11 11:11


SDAPI133_26.indd 188 11/01/11 11:11
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 189

inter venti
iL giorno de L
ricordo a gorizia

Gorizia, la citt dove insegno, solitamente appare sui libri di storia durante la
trattazione di una serie di avvenimenti legati alle due guerre mondiali. sempre
stata terra di confine, di incontro tra la cultura latina, tedesca e slava, ma dopo
il secondo conflitto si trovata proprio sul confine, tagliata in due da un trac- di
ciato che le ha fatto perdere ben due terzi del suo territorio. Altrettanto gravi fu- maria grazia
rono le conseguenze dei tragici episodi avvenuti a guerra finita, quando per 40 z iberna
giorni i cittadini inermi restarono alla merc dei partigiani di Tito, che arrestaro-
no e deportarono in campi di concentramento chiunque rappresentasse un osta-
colo allannessione della citt alla Iugoslavia, compresi i componenti del CLN.
La classe dirigente cittadina venne decapitata: vennero arrestati oltre mille uo-
mini e donne di ogni et e di ogni ideologia politica. Oltre 650 non ritornaro-
no, perch furono fucilati, o infoibati, o morirono di malattie e di stenti. Di lo-
ro per non si seppe nulla, e tuttora il comitato dei loro congiunti, dopo 60 an-
ni, continua a chiederne notizie.
Negli anni successivi la citt ha accolto circa 5 mila esuli istriani, fiumani e dal- gorizia
mati, che oggi costituiscono il 15% dei 37.000 abitanti. Si potrebbe quindi pen- solitamente
sare che qui pi che altrove sia facile parlare di esodo e di foibe. Eppure anche appare sui libri
nella nostra citt largomento fino a pochi anni fa sembrava ancora piuttosto dif- di storia
ficile da trattare, ed effettivamente, fino a quando non stato istituito il Giorno durante la
del Ricordo, pochi insegnanti ne parlavano ai propri allievi, e pochissimi uti- trattazione di
lizzavano i risultati degli studi dei numerosi storici che soprattutto negli ultimi una serie di
ventanni da quando cio sono iniziati mutamenti nellapproccio ideologico e avvenimenti
si cercato un confronto sereno tra le diverse posizioni si sono impegnati nel- legati alle due
la ricerca e nella divulgazione di vicende complesse le cui cause risalgono al XIX guerre mondiali.
secolo. Solo da poco tempo per la storiografia ha iniziato a recepire i risultati sempre stata
di queste e di altre ricerche, che per decenni sono rimaste confinate tra le asso- terra di confine,
ciazioni degli esuli. I manuali di storia erano parecchi lo sono ancora molto di incontro
carenti, quando non addirittura fuorvianti, e molti docenti anche a causa del- tra la cultura
lo scarso tempo a disposizione per svolgere gli argomenti del programma non latina, tedesca
trattavano questi temi o lo facevano molto superficialmente. Da qualche anno, e slava, ma
grazie allistituzione del Giorno del Ricordo, la realt ha iniziato a cambiare, e dopo il secondo
leditoria scolastica ha provveduto a pubblicare schede e approfondimenti sulle conflitto si
vicende del confine orientale, mentre a livello regionale sono stati effettuati cor- trovata proprio
si di aggiornamento per gli insegnanti. Nel nostro Polo Tecnico di cui fanno sul confine

SDAPI133_27.indd 189 11/01/11 11:12


190 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti parte lITG Pacassi, dove insegno Lettere, lITI Galilei e lITC Fermi e
nellITAS DAnnunzio, con il quale ho collaborato in varie occasioni , ab-
biamo cos potuto affrontare largomento in modo sempre pi esauriente, anche
grazie ai DVD messi a disposizione dallAssociazione Nazionale Venezia Giulia e
Dalmazia, che ha pure curato lorganizzazione di conferenze e spettacoli teatra-
li organizzati per le singole scuole o a livello cittadino. Nellintento di far cono-
scere ai giovani la storia di questo territorio dallantichit ad oggi, nel 2006 lAs-
sociazione mi ha inoltre chiesto di scrivere una Storia della Venezia Giulia da
Gorizia allIstria, dalle origini ai nostri giorni, un sintetico testo di sole 70 pagine
ideato come sussidio didattico per gli studenti delle superiori, che stato pubbli-
cato in cinquemila copie e distribuito gratuitamente in tutti gli Istituti della citt
con lautorizzazione della Direzione generale dellUfficio scolastico regionale. In
questo modo i docenti hanno avuto un ulteriore strumento da utilizzare anche
per trattare il tema dellesodo e delle foibe, affrontato in modo approfondito nel-
la pubblicazione. Oltre a ci, come ho gi detto a partire dal 2006 lANVGD ha
organizzato ogni anno delle conferenze a cui hanno partecipato alcune centinaia
di allievi del mio Istituto che hanno potuto ascoltare le relazioni di storici come
il professor Fulvio Salimbeni e il professor Roberto Spazzali, oltre agli interven-
ti del dottor Rodolfo Ziberna, presidente provinciale e vicepresidente nazionale
dellANVGD. Nel 2007, grazie alla collaborazione del gen. Mazzaroli, Sindaco
del Libero Comune di Pola in esilio, un centinaio di studenti del nostro Polo
tecnico e dellITAS dAnnunzio hanno potuto assistere allo spettacolo teatrale
La cisterna allestito a Trieste. Si tratta di unopera particolarmente adatta per un
pubblico di studenti delle Superiori, che narra le vicende accadute in Istria in un
arco di tempo di circa ventanni, dal 1939 al 1959. Visto linteresse e lapprez-
zamento di insegnanti ed allievi, lo stesso spettacolo stato riproposto nel 2008
al Teatro Comunale di Gorizia, con la partecipazione di 300 studenti. Negli ul-
timi due anni io stessa, sempre con il supporto dellANVGD a cui si aggiunta
la UIL Scuola provinciale, ho potuto rivolgermi a circa 900 ragazzi in occasio-
ne delle conferenze organizzate per il Giorno del Ricordo affiancando lanno
scorso il professor Fulvio Salimbeni e questanno, nellincontro rivolto a 400 al-
lievi di tutti gli Istituti cittadini a cui hanno presenziato il Prefetto e lAssessore
provinciale allIstruzione, il professor Roberto Spazzali. I relatori hanno tratteg-
giato il quadro storico generale, mentre io ho presentato testimonianze e mi so-
no soffermata sulle deportazioni, sui drammatici giorni delloccupazione titina
e sulla realt degli esuli a Gorizia. Al termine degli interventi stata proposta la
visione del DVD Esodo: la memoria negata (ANVGD Centro Studi Padre Fla-
minio Rocchi Comitato Regionale di Bologna).
Per motivi didattici, tutte le conferenze non hanno superato la durata di 90-100
minuti (40/50 di lezione frontale con gli interventi dei relatori, 40 di filmati
e 10 di dibattito) che si sono rivelati sufficienti per trattare gli argomenti previ-
sti. Alcune delle mie classi hanno partecipato alle conferenze, mentre nelle altre

SDAPI133_27.indd 190 11/01/11 11:12


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 191

inter venti
ogni anno ho trattato largomento nel corso di due ore di lezione, dedicando la
prima alla sintesi della storia della Venezia Giulia dalla seconda met dellOtto-
cento agli anni Cinquanta del Novecento, la seconda alla visione di uno dei fil-
mati che lANVGD o la Lega Nazionale mettono a disposizione delle scuole.
Ogni anno per iniziare solitamente presento ai ragazzi quattro o cinque doman-
de aperte, chiedendo loro cosa si celebri nel Giorno del Ricordo e perch sia
stata scelta questa data, cosa siano stati lesodo e le foibe, quali ne siano state
le cause e quale sia stato il destino degli esuli. Invito i ragazzi a rispondere sen-
za la preoccupazione di essere valutati, in quanto le loro risposte mi servono sol-
tanto per capire quale livello di conoscenze possiedano. Quando hanno termi-
nato il lavoro, che a volte risulta incompleto per le scarse conoscenze, chiarisco
che proprio a quelle domande intendo dare risposta e che al termine valuter il
loro apprendimento. In questo modo risulta subito chiaro lo scopo dellattivit
didattica, e gli allievi sono pi motivati allascolto. I risultati sono sempre molto
positivi. Naturalmente necessario ripetere ogni anno, approfondendo sempre
di pi mano a mano che i ragazzi crescono, differenziando le attivit e propo-
nendo nuovi stimoli. A seconda dellet degli studenti, leggo e commento insie-
me a loro brani tratti dalle pubblicazioni di storici come Raul Pupo, Diego Re-
divo, Guido Rumici, Fulvio Salimbeni, Roberto Spazzali, oltre alle pagine del
mio testo Storia della Venezia Giulia e dellottimo Istria, Quarnero, Dalmazia-
Storia di una regione contesa dal 1796 alla fine del XX secolo di Cuzzi, Rumici e
Spazzali (IRCI 2009). Ogni anno poi presento testimonianze diverse di esuli e
familiari di infoibati, tratte dalle numerose pubblicazioni delle varie Associazio- o gni anno
ni di esuli. Concludo quindi con la visione di uno dei filmati prodotti dallAN- presento
VDG o dalla Lega Nazionale, al termine del quale ripropongo agli allievi, come testimonianze
momento di verifica, le domande iniziali. In questi ultimi anni, poich tutte le diverse di esuli
classi hanno affrontato largomento pi volte nel corso del ciclo di studi, dalla e familiari
lettura degli elaborati sono emersi una buona comprensione dei temi trattati e di infoibati,
un buon livello di conoscenze. tratte dalle
numerose
pubblicazioni
delle varie
a ssociazioni
di esuli

SDAPI133_27.indd 191 11/01/11 11:12


SDAPI133_27.indd 192 11/01/11 11:12
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 193

inter venti
su LLe vicende de L
confine orienta Le

Ero bambina quando, in ambito familiare, sentii parlare per la prima volta di
foibe: lo trovavo un termine strano, brutto, inquietante, perch mi sembrava
alludesse a qualcosa di oscuro, misterioso e minaccioso, che mi incuteva paura
ed apprensione. Ero ancora bambina quando, a ridosso della linea di ferro spi- di
nato che divideva in due la mia citt, Gorizia, dalla gemella Nova Gorica, creata a nnamaria
artificialmente sul confine proprio a presidio occidentale della neonata Jugosla- Brondani
via, vedevo camminare armate, dalle finestre della mia casa, le guardie jugoslave menghini 1
e sentivo, di tanto in tanto, e particolarmente di notte ed allalba, i colpi secchi
sparati dai fucili contro chi tentava clandestinamente ed arditamente la fuga da
quel socialismo che nel nuovo Stato balcanico non aveva ancora mostrato fino
in fondo gli effetti devastanti e sconvolgenti della sua potenza.
Da adulta, poi, allUniversit degli Studi di Trieste, cominciai a studiare appro-
fonditamente il problema del confine orientale sotto la guida di grandi maestri,
quali i professori Elio Apih, Teodoro Sala e Giovanni Miccoli. Da neolaurea-
ta, successivamente, affrontai il tema dei provvedimenti legislativi a favore degli ero bambina
esuli, emanati dallo Stato italiano nellarco cronologico compreso tra il 1944 ed quando,
il 1958, redigendo uno specifico studio che fa parte del volume Storia di un eso- in ambito
do, Istria 1945-1956, uscito a Trieste nel 1980 a cura dellIstituto Regionale per familiare, sentii
la Storia del Movimento di Liberazione nel Friuli-Venezia Giulia. parlare per la
Furono gli anni universitari, dunque, quelli della reale presa di coscienza e cono- prima volta
scenza dei problemi storici e del dipanarsi dellaggrovigliata matassa che sera an- di foibe:
data formando negli anni precedenti nella mia mente, con laggravante del peso lo trovavo
della snazionalizzazione della famiglia di mia madre, slovena dorigine. un termine
Ecco, io provengo da queste radici, da quello che Pier Paolo Pasolini non esite- strano, brutto,
rebbe a chiamare lutero sozzo della storia, sozzo perch impregnato di tanto inquietante
sangue, dolore, soprusi, abusi, separazioni, vittime, ingiustizie
Ma i giovani studenti delle nostre scuole secondarie superiori, che ne sanno? Fat-
ta qualche debita eccezione, non conoscono ancora bene i tristi fenomeni che ac-
compagnarono la fine della Seconda guerra mondiale sul confine orientale; san-
no molto sulla Shoah, poco, invece, sulle terribili conseguenze dell8 settembre
1943 nella nostra storia locale, sullannessione dellIstria alla futura Jugoslavia,
sul problema dellesodo e dei beni abbandonati dagli esuli nella penisola istriana.

1. Docente di Italiano e Latino al Liceo Classico Dante Alighieri di Gorizia

SDAPI133_28.indd 193 11/01/11 11:12


194 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pu BBLica istruzione

inter venti Per molti anni nelle scuole e nei libri di testo c stata una sorta di rimozione del
problema. Si sono dovuti aspettare gli anni Duemila per vedere in atto una con-
trotendenza; da questo punto di vista indubbio che listituzione del Giorno
del Ricordo abbia avuto il merito di iniziare a svolgere, proprio rispetto al mon-
do della scuola, unopera di sensibilizzazione, che necessaria, ma non certo suf-
ficiente. Si potrebbe dire che lacquisizione dal punto di vista legislativo non si
sia accompagnata ad una concreta e nuova pratica didattica: anche interpellan-
do i miei colleghi di Storia e Filosofia, a tuttoggi poco tempo didattico con-
cesso alla storia del confine orientale, alle foibe, allesodo dei giuliani, fiumani
e dalmati dalle loro terre o alle violenze fasciste nei confronti delle popolazioni
slave. E, se da pochi anni i manuali italiani di storia hanno cominciato a dedica-
re riferimenti pi o meno lunghi a quegli eventi, c da dire che anche gli stori-
ci sloveni hanno cominciato da poco tempo ad indagare con rigore alla ricerca
della verit su quei fatti storici che per tanto tempo sono stati strumentalizzati,
sia da destra che da sinistra.
E se forse difficile come sostiene lo storico Raoul Pupo creare sui fatti del
confine orientale una memoria condivisa, anche perch troppo pesano ancora
le memorie soggettive, credo che alla scuola spetti sicuramente il compito di far
conoscere, capire e comprendere alle giovani generazioni di oggi e di domani le
ragioni storiche che furono, e che per alcuni versi ancora permangono (soprat-
tutto nelle persone della mia generazione postbellica) alla base di un atteggia-
mento di sostanziale incomprensione, diffidenza e chiusura nei confronti degli
a nche altri. Ritengo sia possibile, e doveroso per la scuola, progettare con voci diffe-
gli storici renti e nel reciproco rispetto un futuro comune di pace, sviluppo e serena con-
sloveni hanno vivenza tra diversi, a partire proprio, e fondamentalmente, dalla conoscenza,
cominciato da dallinterazione, e non dallestraneit pregiudiziale, degli altri, delle loro cul-
poco tempo ture, arti, lingue, tradizioni, storie e letterature.
ad indagare Ben vengano, quindi, tutte le iniziative che a tal fine le scuole possano mettere
con rigore alla in atto: progetti transfrontalieri, studio reciproco di lingue, culture, tradizioni,
ricerca della scambi di studenti e di docenti, gemellaggi, iniziative culturali di cooperazione e
verit su quei di sviluppo. Vale forse la pena di citare, a tale proposito, lefficacia dellesperien-
fatti storici za di un progetto di cooperazione transfrontaliero attuato, nel corso dellanno
che per tanto scolastico 2004-2005, nellambito di un programma di iniziativa comunitaria
tempo Italia-Slovenia 2000-2006, da una mia classe di Liceo classico italiano di Gori-
sono stati zia e da altre classi parallele di Istituti superiori italiani e sloveni, con il sostegno
strumentalizzati della Provincia di Gorizia: ragazzi del Liceo classico Dante Alighieri di Gorizia,
del Liceo scientifico Michelangelo Buonarroti di Monfalcone, del Liceo delle
Scienze sociali Simon Gregorcic, del Liceo classico sloveno Primoz Trubar
e del Ginnasio sloveno di Nova Gorica, attraverso incontri comuni periodici,
elaborazione ed interiorizzazione di diverse letture, conoscenze acquisite e me-
morie familiari e sociali, si sono confrontati sul concetto di confine, con il co-
ordinamento dei loro insegnanti e di una mediatrice culturale, maturando una

SDAPI133_28.indd 194 11/01/11 11:12


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 195

inter venti
maggiore consapevolezza di come la presenza di un confine abbia inciso profon-
damente sulla storia del nostro territorio. Ne nato un piccolo libro, Raccontare
il confine / Pripovedovati o meji, che condensa, nei contributi individuali di tan-
ti studenti, il senso del reciproco ascoltarsi, accogliersi, capirsi, attingendo anche
alle memorie pi dolorose, ma senza restarne prigionieri.
Alla luce di quanto detto, sono convinta che il vissuto delle varie generazioni a
partire dal secondo dopoguerra vada indagato, riconosciuto e valorizzato, pro-
prio per riscoprire ci che ci accomuna, pi che esasperare ci che ci divide, nella
prospettiva di una reale ed autentica convivenza di pace e di sviluppo sinergico
delle nostre diversit, premessa fondativa della solidariet e del progresso umano.

SDAPI133_28.indd 195 11/01/11 11:12


SDAPI133_28.indd 196 11/01/11 11:12
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 197

inter venti
La questione
orienta Le

Ai margini del convegno al MIUR che ha aperto il discorso della formazione


degli insegnanti sulla tematica della questione orientale e del modo in cui i pro-
blemi possono essere presentati agli alunni ecco il mio pensiero su quello che si
pu e/o si deve fare. di
Da anni illustri personaggi e testimoni dei fatti frequentano le scuole dItalia maria Luisa
con discreta partecipazione da parte degli studenti alle iniziative e scarsa da par- Botteri
te dei docenti.
In genere i docenti di Lettere e Storia hanno una cultura fortemente orientata,
spesso a sinistra, e hanno una visione distorta delle cause degli eventi dovuti ad
una educazione storica fondata su miti pi o meno condivisibili ma certamen-
te non realistica.
Di conseguenza molto difficile far loro capire la reale portata degli eventi che
hanno colpito ai confini una popolazione italiana inerme abbandonata a se stes-
sa da poteri centrali in fuga o latitanti.
Quello che colpisce noi e i nostri corrispettivi rimasti nelle nostre terre la tota- q uello che
le ignoranza da parte della maggioranza della popolazione italiana della presenza colpisce
di italiani autoctoni soprattutto in Istria. la totale
Posso citare episodi in cui gli italiani di Fiume e Pola si sono sentiti mortalmente ignoranza
offesi dal fatto che i turisti della penisola gli chiedessero Come mai parlate ita- da parte della
liano cos bene?. Non pi tardi di qualche giorno fa la stessa meraviglia lhanno maggioranza
dimostrata gli studenti portati dal sindaco di Roma Alemanno a Fiume. Ed era- della
no stati preparati al Campidoglio da incontri con persone competenti, tra cui la popolazione
stessa preside Ingrid Sever. italiana
Ma tant: 60 anni di disinformazione hanno trasformato Fiume in Rijeka per della presenza
i nostri maggiori giornali sportivi mentre Zagreb resta Zagabria e Beograd re- di italiani
sta Belgrado. autoctoni
Allora cosa bisognerebbe fare nelle scuole? soprattutto
Il mio modesto parere che non bastano incontri, pur prestigiosi, coi ragaz- in istria
zi dellultimo anno di scuola secondaria su foibe, esodo e storia del Novecento.
Quello che opportuno impostare da parte dei nostri gruppi di lavoro in tuttIta-
lia una serie di progetti a tutti i livelli scolastici eseguibili alternativamente nel-
le singole classi, in classi parallele in tutta la scuola.
I progetti devono essere confezionati nei minimi dettagli in modo da po-
ter essere presentati chiavi in mano ai docenti nel periodo marzo-aprile su-

SDAPI133_29.indd 197 11/01/11 11:12


198 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pu BBLica istruzione

inter venti bito dopo le cerimonie dedicate al Giorno del Ricordo quando i docenti e
i dirigenti scolastici sono pi sensibili. In questo periodo i docenti interessati
predispongono le proposte per lanno successivo (di solito le presentano a fi-
ne anno scolastico o ai primi di settembre). Non opportuno predisporre un
solo tema. Le foibe e lesodo sono argomento di un particolare anno scolasti-
co ma i professori interessati al lavoro potrebbero avere una classe che svolge
un altro programma.
E allora?
A seconda del periodo storico trattato nelle classi interessate al lavoro si pu par-
lare di Diocleziano, di Lepanto o delle Crociate ma sempre tenendo presente la
partecipazione delle genti dellAdriatico Orientale agli eventi storici che hanno
vista protagonista la penisola italiana.
Ad un professore di latino si proporr, per esempio, una lettura di Cesare e della
sua guerra civile. La guerra contro Pompeo ha avuto sviluppi importanti in Dal-
mazia con Cesare che attraversa avventurosamente lAdriatico e battaglie che ve-
dono le donne dalmate di Salona tagliarsi le trecce per farne corde da utilizzare
per combattere a favore di Cesare.
Chiaro il possibile aggancio con le nostre barchette che da Rovigno sono an-
date a Fertilia e con la partecipazione delle donne agli eventi tragici dellesodo.
Per il greco, invece, si proporr la lettura di Apollonio Rodio e delle sue Argonau-
tiche negli episodi (per esempio luccisione di Absirto) ambientati nelle isole quar-
nerine. Si potr cos inserire un discorso sulla geografia della regione, nellaspetto
Bisogna scientifico. Qui potr essere coinvolto linsegnante di scienze che potr chiarire
far capire il fenomeno del carsismo (quindi accennare alle foibe).
ai docenti Sono solo esempi di come in tutti gli anni scolastici in ogni materia su qualun-
che parlare que argomento si possa trovare un aggancio alla questione del confine orientale,
di questione chiarendo cos, lentamente nel corso degli anni, a spirale, vari aspetti della no-
orientale non stra tematica.
cos difficile Una classe che, nel corso degli anni, avesse sentito continuamente accenni a una
n tragico e questione orientale sarebbe naturalmente incuriosita di approfondire il tema
che lo si pu con i famosi incontri ormai istituzionali e proposti da una legge ormai acquisita
fare sempre, nella mente dei presidi (un po meno in quella dei docenti).
anche senza Il MIUR dovrebbe proporre ai propri collaboratori di tuttItalia la stesura di que-
interventi sti progetti e nel suo sito avere un archivio facilmente visitabile e copiabile alme-
esterni, no da tutti i docenti. Poich non tutti hanno la capacit di stendere un progetto
nellambito nelle forme richieste da una scuola seria, alcuni potrebbero solo suggerire il te-
della propria ma e i possibili agganci alla nostra questione.
normale Questi suggerimenti potrebbero poi essere elaborati da docenti in servizio nelle
attivit forme canoniche richieste dalle scuole.
didattica Sostanzialmente bisogna far capire ai docenti che parlare di questione orientale
non cos difficile n tragico e che lo si pu fare sempre, anche senza interven-
ti esterni, nellambito della propria normale attivit didattica. Poco alla volta la

SDAPI133_29.indd 198 11/01/11 11:12


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 199

inter venti
diffidenza che molti di noi hanno sperimentato cadr e si potr inserire il tema
nella cultura generale senza colpo ferire.

BiBLiografia essenzia Le

1) Maria Luisa Botteri Patrizia Pezzini Mirella Tribioli, Un anno nellAdria-


tico orientale, Ed. Associazione per la Cultura Istriana fiumana e dalmata nel Lazio, Ro-
ma, ottobre 2009.
Si tratta di un testo di letture per le elementari e le prime classi delle scuole medie dedicato a usi,
costumi, tradizioni e quantaltro possa interessare dei ragazzi sulla questione.

2) Maria Luisa Botteri Patrizia Pezzini Mirella Tribioli, La questione del con-
fine orientale identit culturale italiana in Venezia Giulia, Istria, Fiume e Dalmazia, Ed.
Associazione per la Cultura Istriana fiumana e dalmata nel Lazio, Roma, 2007.
un testo dedicato specificatamente a presidi, docenti e studenti di scuola secondaria Superiore
e presenta schede illustrative di alcuni dei molti temi che possono essere sviluppati i un qualsia-
si anno scolastico oltre qualche saggio dedicato a temi particolari non esaustivi ma esemplificativi
delle mille problematiche collegate alla questione del confine orientale.

3) Maria Luisa Botteri Patrizia Pezzini, A memoria continua nel tempo, Ed. AN-
VGD Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, Roma, 2005.
la raccolta del materiale messo in mostra da una classe di Liceo classico dopo un ciclo di confe-
renze e incontri con esperti. Il materiale stato raccolto con laiuto dei docenti e di Internet, ma
la Mostra stata interamente prodotta dai ragazzi di una classe di Liceo classico.

SDAPI133_29.indd 199 11/01/11 11:12


SDAPI133_29.indd 200 11/01/11 11:12
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 201

inter venti
Lattua Lit de LLa
questione orienta Le

Il problema attuale, come sappiamo, linserimento, nellinsegnamento delle


materie letterarie soprattutto, della tematica oggetto della legge del Giorno del
Ricordo cio la memoria delle vittime delle foibe e dellesodo nel secondo do-
poguerra con la valorizzazione del patrimonio culturale, storico, letterario e ar- di
tistico degli italiani dellIstria, di Fiume e delle coste dalmate. mirella t ribioli
Ci sono atteggiamenti critici da parte di docenti che ricordano lo scarso tempo
a disposizione per svolgere il gi ricco programma di lavoro organizzato in mo-
do, per loro esemplare, da anni e quindi non modificabile con facilit nei suoi
tempi e modi per inserire altri temi.
Ricordiamo che sono molte le tematiche, specie alle scuole medie, che vengo-
no proposte come importanti (leducazione alla salute, leducazione alla legali-
t, leducazione stradale, ecc.) e non tutte possono essere sviluppate convenien-
temente nelle ore di lezione.
La risposta che mi sento di dare, come docente di lettere nelle superiori che or-
mai da anni ha lavorato nella scuola inserendo nei punti giusti alcuni elemen- il problema
ti utili alla comprensione della complessa storia dellItalia orientale, che non ci attuale
vuole molta fatica a trovare un angoletto, un momento, uno spunto da inserire linserimento,
con facilit nel percorso didattico normale. nello
A livello elementare si dovrebbe lavorare in modo soft, leggero, non traumatico insegnamento
per le menti giovanili ancora in formazione, mentre alle medie e poi alle supe- delle materie
riori si dovr entrare maggiormente nei particolari. letterarie
Per esempio, per le elementari, ho contribuito a sviluppare, con due colleghe, soprattutto,
Un anno nellAdriatico Orientale, una Antologia per il secondo ciclo pubblica- della tematica
ta dalla Associazione per la cultura istriana, fiumana e dalmata nel Lazio. un oggetto della
agile opuscoletto chiaramente fruibile anche nelle scuole medie e che abbiamo legge
convenientemente utilizzato anche alle superiori negli incontri dedicati al Gior- del Giorno
no del Ricordo. del r icordo
Abbiamo inserito proverbi, poesie in dialetto, fiabe, tradizioni, usi e costumi e
le feste pi sentite: Natale, Pasqua ma anche Carnevale e il rito delluccisione
del maiale.
Attraverso brani di facile lettura appare chiaramente il substrato della cultura
istriana, fiumana e dalmata precedente la Seconda guerra mondiale e la situa-
zione attuale.

SDAPI133_30.indd 201 11/01/11 11:12


202 studi e documenti de GLi anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti Ci sono indovinelli, scioglilingua, disegni accattivanti per catturare linteresse
dei piccoli lettori, tra scritti di esuli e di discendenti dei rimasti, ragazzi di oggi,
viventi in quelle terre.
Abbiamo individuato un percorso temporale legato al periodo scolastico per ogni
stagione, con brani che mostrano aspetti di quella cultura, legata a tradizioni la-
tine e venete. presente un cenno alla geografia della regione e uno alla storia
dal 1797 che inquadra, sinteticamente, la tematica.
risultato uno strumento utile e finora mancante per far avere ai bambini
un primo approccio con le problematiche del confine orientale.
Qualche lettura in classe, qualche dettato, qualche ricerca pu esser facilmente
presentata e commentata in funzione della legge, senza per questo dover entrare
in dettagli atroci con i pi giovani.
Alle medie, invece, si potrebbe insistere sulla storia culturale partendo dai miti
greci, come il vello doro che ha lambientazione delluccisione di Absirto nelle
isole Absirtidi del Carnaro per la prima media e, poi, la storia medievale in se-
conda media con le Crociate, in particolare la IV che passa per Zara in modo
molto traumatico con il famoso assedio del 1202, come successivamente la bat-
taglia di Lepanto che rappresenta un nodo strategico dei rapporti tra le spon-
de adriatiche, con la partecipazione di innumerevoli equipaggi dalmati e istria-
ni nelle galee veneziane.
Il tutto concluso con qualche incontro, in terza media, con i rappresentanti del-
le Associazioni degli esuli come lANVGD, che sono disponibili a conferenze,
dibattiti e interventi di varia durata in tuttItalia, ovviamente incontri pi pun-
tuali e pi significativi si avranno negli anni successivi, anche per aiutare la pre-
parazione allEsame di Stato.
Alle superiori si potranno investigare elementi pi mirati e potranno essere letti
gli autori di confine come Svevo, Slataper, Saba, Santarcangeli ma anche i pi
antichi Tommaseo e Foscolo legati a questa storia.
E dello stesso dAnnunzio dovrebbe essere investigata, con pi attenzione ai mo-
tivi e agli eventi pregressi, limpresa fiumana.
Non dimentichiamo che il classicismo-romanticismo di Foscolo pu esser mol-
to meglio spiegato ai giovani, con la conoscenza del fatto che lisola di Zante era
territorio veneto allepoca e che Foscolo trascorse gli anni della formazione a Spa-
lato, abitando allinterno del palazzo di Diocleziano e percorrendo giornalmente
le vie lastricate da pietre romane per andare a scuola.
Sono solo degli spunti, c tanto da poter dire e i suggerimenti per la didattica
sarebbero infiniti, ma mi fermo qui.

SDAPI133_30.indd 202 11/01/11 11:12


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 203

inter venti
iL dramma
de LLe f oibe
e de LLesodo: una
storia da riscrivere
di
Accogliendo linvito, come ogni anno, proveniente dal MIUR e muovendo da f rancesco
posizioni non pregiudiziali, con unattenta ed approfondita ricerca delle fonti (la c asale
bibliografia consultata acclusa allindice del lavoro cartaceo) e con lapporto di
testimoni viventi del dramma degli italiani dIstria, Dalmazia e Venezia Giulia,
alcuni dei quali sono venuti anche a Mercato San Severino (SA) negli anni scor-
si, anche questanno lIstituto di Istruzione Superiore Polispecialistico P. Vir-
gilio Marone ha celebrato, il 10 febbraio, il Giorno del Ricordo, istituito con
la Legge 30 marzo 2004 n. 92, ed ha partecipato, conseguendo il primo posto,
con un lavoro di ricerca storico-giuridica, traendone anche una presentazione in
PowerPoint, al Concorso Premio Nazionale Giovanni Palatucci indetto ogni
anno dal CEPIS di Salerno per ricordare e celebrare la figura di Giovanni Pala-
tucci ultimo questore reggente di Fiume italiana, martire a Dachau.
Stimolati dalle chiare ed efficaci, ancorch tardive, affermazioni del presiden-
te della Repubblica: Non dobbiamo tacere, assumendoci la responsabilit di aver
negato o teso ad ignorare la verit per pregiudiziali ideologiche e cecit politica il
dramma del popolo giuliano-dalmata. Una tragedia rimossa per calcoli diplomati-
ci e convenienze internazionali. Essa fu scatenata da un moto di odio e furia san-
guinaria e un disegno annessionistico slavo che prevalse innanzitutto nel Trattato di
Pace del 1947 e che assunse i sinistri contorni di una pulizia etnica (Giorgio Na-
politano, Roma 10 febbraio 2007) abbiamo evidenziato in particolare (data la
brevit dello spazio concesso per il presente contributo) quattro punti sul tema
delle foibe e dellesodo che ci sembrano assolutamente non pi confutabili:

1) il superamento delle tesi giustificazioniste (fu una reazione alloppressione


dellItalia fascista), riduzioniste (si trattato in qualche caso di singoli episodi di
vendetta contro la borghesia italiana) ed, in un primo tempo, addirittura nega-
zioniste (non era possibile che il comunismo si macchiasse di crimini analoghi
in tutto e per tutto a quelli nazisti), ormai appartenenti alla minoranza di stori-
ci il cui giudizio appare ancora fortemente condizionato da cecit politica e pre-
giudiziali ideologiche.

SDAPI133_31.indd 203 11/01/11 11:13


204 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pubb Lica istruzione

inter venti 2) Litalianit delle terre perdute con il Diktat di Parigi (10 febbraio 1947), avver-
sato con forti parole da Benedetto Croce che parl di iniquo castigo e da Vit-
torio Emanuele Orlando che parl di abiezioni fatte per cupidigia di servilit. Es-
se, italiane fin dalla dominazione romana (177 a.C.-476 d.C., circa 7 secoli), poi
della Repubblica Serenissima di Venezia (circa 9 secoli) poi del Regno dItalia, ec-
cettuato la parentesi napoleonica ed asburgica, non furono contese e restituite
alla Federazione jugoslava (che non ne ebbe mai la sovranit n le caratterizz cul-
turalmente) ma strappate alla madrepatria con un iniquo trattato e furono il prez-
zo pagato da una sciagurata scelta di belligeranza prima e da una sciaguratissima
vilt politica dopo, tanto per ragioni interne che internazionali ormai a tutti note.
Infatti se indubbie furono le responsabilit del fascismo nellesasperare la popo-
lazione di etnia e lingua slava presente in Istria e Dalmazia ci non pu in alcun
modo giustificare la reazione assolutamente sproporzionata e disumana degli
slavo-comunisti titini nellattuare scientificamenteun programma di occupa-
zione militare e di pulizia etnica basato sulla violenza e sul terrore nei confron-
ti di civili inermi.
Lerrore pi grave del Governo italiano, entrando in guerra a fianco dellAsse (di
cui dallaprile 1941 faceva parte anche il regno di Jugoslavia poi rovesciato da
un colpo di Stato che diede causa alloccupazione tedesca dei balcani), fu quello
di annettere la Provincia di Lubiana. Cos lItalia fu risucchiata nella guerriglia
presente lungo il confine orientale che non di rado, come tra laltro dimostra la
tragica fine dellultimo questore reggente di Fiume Giovanni Palatucci tradito da
Lerrore pi membri della resistenza antinazista e fatto arrestare dai tedeschi per la sua opera
grave del di salvataggio in favore degli ebrei, ricorreva al doppio gioco in una confusione
governo che si acu tragicamente dopo l8 settembre del 1943.
italiano, Nelle aree suddette, infatti, oltre al Regio Esercito Italiano e ai tedeschi (che ave-
entrando vano costituito lAdriatische Kusterland), operavano gli sloveni (divisi tra filo-
in guerra tedeschi, Belagardiani e Domobranci, e partigiani filocomunisti con sfumatu-
a fianco re nazionaliste conglobate nel IX Corpus, responsabili tra laltro della strage di
della sse, fu Porzus); i croati ustascia di Ante Pavelic (filotedeschi, antiebraici e antiitaliani),
quello i croati filocomunisti (inquadrati nelle forze della Resistenza, presenti in Istria
di annettere la e a contatto con comunisti italiani), i serbi cetnici di Mihajlovic (miranti alla
provincia restaurazione monarchica), le formazioni volontarie slave inquadrate nelle SS
di Lubiana (Bosniaci, Croati, ecc.); i partigiani comunisti di Tito, legati a Mosca, e mi-
ranti allistituzione di uno Stato federativo comunista.
Su questo groviglio di gruppi prevalse lastuzia e la spregiudicatezza di Tito, come
ammetter pi tardi lo stesso Milovan Gilas, suo collaboratore, il quale dichiar:
nel 1945 io ed Edward Kardelj [poi ministro degli Esteri di Tito] fummo mandati
da Tito in Istria con lo scopo di cacciare gli italiani con ogni mezzo; e cos fu fatto.
Dei 1.700.000 morti jugoslavi, che Tito fece pesare poi alla Conferenza della pa-
ce dei Parigi, per annettersi terre italiane, moltissime furono le vittime della spie-
tata guerra civile slava tra ustascia, cetnici, sloveni di opposte fazioni.

SDAPI133_31.indd 204 11/01/11 11:13


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 205

inter venti
Il disegno di genocidio fu condotto senza distinzioni politiche, razziali, econo-
miche, di sesso, di et; furono arrestati, torturati ed uccisi, soprattutto, i servito-
ri dello Stato (carabinieri, finanzieri, ecc.) e coloro che in qualche modo pote-
vano costituire un pericolo per i disegni annessionistici slavi e per il progetto di
una societ comunista. Circa 350.000 furono gli esuli italiani che abbandona-
rono tutto per la democrazia e la loro italianit.

3) La responsabilit politica del PCI fu grave e determinante per il destino di


quelle terre e di quella popolazione e fu una delle ragioni della debolezza politi-
ca dellItalia durante le trattative per il riassetto europeo dopo la guerra; come fu
una delle ragioni del silenzio fino alla caduta del muro di Berlino.

4) Il trattato di Osimo (10 novembre 1975), che segn lepilogo indegno di tut-
ta la vicenda del confine orientale italiano, fu un capolavoro di mostruosit giu-
ridica ed un monumento alla vilt politica dellallora classe dirigente; la ricerca
lascia stupefatti su alcuni punti in particolare:

lincostituzionalit della legge di ratifica (che avrebbe dovuto seguire la pro-


cedura ex art. 138 Cost. in relazione allart. 5 Cost. e non quella ordinaria);
la plausibilit del reato di alto tradimento ex art. 241 c.p.;
il clima di segretezza, frettolosit e pressioni su deputati e senatori.

A tutti i responsabili, a vario titolo, di tale immane tragedia (chi di aver colpito, il disegno
chi di non aver difeso, chi di aver taciuto) suonano monito le parole di mons. di genocidio
Antonio Santin vescovo di Trieste-Capodistria: [] di ci i responsabili non sa- fu condotto
ranno mai assolti. senza
distinzioni
politiche,
razziali,
economiche, di
sesso,
di et; furono
arrestati,
torturati
ed uccisi,
soprattutto,
i servitori
dello s tato

SDAPI133_31.indd 205 11/01/11 11:13


SDAPI133_31.indd 206 11/01/11 11:13
Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 207

inter venti
iL tema genera Le
de LLe foi Be
e de LLesodo
Questo argomento stato preparato e trattato nelle classi terze dellIC Don Bo-
sco di Francavilla In Sinni nellanno scolastico 2007/2008 con un lavoro in-
terdisciplinare che ha visto lo svolgimento di un modulo didattico generale sul- di
la Seconda guerra mondiale e di un secondo modulo, allinterno del primo dal maria r achele
titolo Luci ed Ombre della Resistenza con particolare riferimento alle foibe. c iancia, maria
c oncetta
Le foi Be salerno,
v incenzo
I morti delle foibe non sono pi morti di serie B c iminelli
(testimonianza di Anna Maria Muiesan)
Liter didattico si sviluppato per Obiettivi formativi:
saper distinguere tra storia locale, nazionale,europea e mondiale;
conoscere le motivazioni principali delle guerre mondiali;
saper individuare i problemi conseguenti alle dittature.

Cittadinanza e Costituzione:
Educare alla tolleranza etnica, religiosa e culturale.

Obiettivi specifici:
Conoscere le foibe sia dal punto di vista geologico (collegamento con Scien-
ze) che dal punto di vista storico;
conoscere geograficamente e storicamente i territori interessati: Istria,Venezia
Giulia, Dalmazia (dallepoca romana alla fine della Seconda guerra mondiale);
conoscere le cause remote che portarono agli eccidi etnici;
rivalutare la storiografia degli eccidi nelle foibe.
Contenuti

Le conseguenze dei trattati di pace de LLa prima guerra


mondia Le

LItalia otteneva la Venezia Giulia, ma non Fiume e la Dalmazia (Vittoria Mu-


tilata). I territori annessi erano abitati da minoranze slovene e croate i cui diritti

SDAPI133_32.indd 207 11/01/11 11:13


208 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pu BBLica istruzione

inter venti fondamentali furono rispettati dal Regno dItalia. In seguito avvennero scontri
organizzati tra nazionalisti e il nascente fascismo.
Con laffermazione del fascismo fu annullata lautonomia culturale e linguisti-
ca delle popolazioni slave e si arriv allesasperazione dei sentimenti di inimi-
cizia nei confronti degli italiani. Con loccupazione dei Balcani, la Jugoslavia
fu smembrata e parte dei suoi territori furono annessi agli Stati invasori. La si-
tuazione degener in guerriglia: da una parte ci fu lotta tra le fazioni etniche
e politiche diverse e dallaltra la resistenza contro gli invasori. Da tutte le par-
ti in nome della resistenza furono commessi moltissimi crimini di guerra. Il
regime ustascia (Croazia) effettu una orrenda pulizia etnica e contro di esso
si armarono i partigiani di Tito, comunisti e plurietnici. Anche nella Dalma-
zia (croata e italiana) si scaten una cruenta guerra civile che caus molti mor-
ti per tutto 1942. L8 settembre con larmistizio si verific il completo collas-
so. Le truppe tedesche assunsero il controllo di Trieste, Polo e Fiume. In paesi
dellItalia, dove i tedeschi non erano ancora giunti, si verific un vuoto di po-
tere e in seguito comparvero i comunisti partigiani di Tito che istaurarono i
poteri popolari (CPL). Nello stesso tempo i partigiani della Liberazione Jugo-
slava occuparono altri paesi della penisola istriana per cui la situazione diven-
ne caotica, anarchica. Furono deportate, uccise non solo persone appartenen-
ti alle forze dellordine, ma anche semplici personaggi della comunit italiana.
Le vittime di questo periodo (autunno 1943) si aggirano sulle 600-800 perso-
ne. Dal 1943 e in misura sempre pi ampia, durante la primavera del 1945, le
i primi foibe rappresentarono il simbolo di tutta questa tragedia. Le persone spariva-
ritrovamenti no senza lasciare traccia. I primi ritrovamenti degli infoibati risalgono allini-
degli infoibati zio del 1944 quando furono ispezionate le foibe.
risalgono
allinizio
del 1944, a pprofondimento re Lativo a LLe foi Be
quando furono
ispezionate Una foiba una cavit carsica, di solito di origine naturale (grotta) con ingresso
le foibe a strapiombo. La parola foiba una dialettizzazione del latino fovea che si-
gnifica fossa. Sono diffuse soprattutto nella provincia di Trieste,nelle zone del-
la Slovenia e in molte zone dellItalia e della Dalmazia. Hanno assunto valore
storico per essere state utilizzate per luccisione e per loccultamento di migliaia
di italiani, durante la pulizia etnica antiitaliana dalle truppe titoiste. Moltissimi
venivano buttati vivi e lasciati morire. Sono genericamente indicate come foibe
anche quelle che geologicamente non sono tali, come la foiba di Besovizza, che,
in realt, un pozzo minerario. Queste cavit hanno una forma ad imbuto che
sprofondano verticalmente nel terreno per decine di metri, abissi che compaia-
no sul territorio allimprovviso, di varie dimensioni. Linghiottitoio o bocca del-
la foiba unapertura di pochi metri e quasi sempre nascosta dalla vegetazione,
per cui quasi invisibile. Sotto la bocca si spalanca la voragine di forma irregolare

SDAPI133_32.indd 208 11/01/11 11:13


Le vicende de L confine orient a Le ed i L mondo de LLa s cuo La 209

inter venti
e si allunga in cuniculi inaccessibili allinterno e nel profondo della terra. Nella
sola provincia di Trieste di foibe se ne contano un migliaio circa.

o ccupazione de LLa v enezia giu Lia e nuovi eccidi

Dopo la primavera del 1945 lArmata Jugoslava occup Fiume, lIstria e Trieste
per poi occupare la Venezia Giulia. Il nuovo regime si mosse in due direzioni:
ristabilire la legittimit delloccupazione mentre la polizia segreta jugoslava aveva
il compito di arrestare i componenti del CLN e gli oppositori alla futura annes-
sione della Venezia Giulia alla Jugoslavia. A partire dal 1945, quindi, i massacri
sintensificarono in tutto il territorio (Trieste, Gorizia, Fiume, Istria). I massacri
cessarono solo con larrivo, il 12 giugno, degli alleati. Diverse migliaia di perso-
ne furono uccise, molte delle quali gettate vive nelle foibe.

Gli scopi delloccultamento nelle foibe erano:


1) eliminare chiunque si opponeva alla politica di Tito;
2) terrorizzare la popolazione italiana in quelle zone contese;
3) vendicarsi su nemici personali.

Il governo De Gasperi, avute queste informazioni, chiese spiegazioni a Tito in-


torno alla scomparsa di intere famiglie; Tito conferm lesistenza delle foibe e i
governi jugoslavi successivi non smentirono. Lelenco ufficiale del 2006 riguarda
le vittime di Gorizia: 1048 persone deportate di cui 900 uccise. Il numero degli
italiani uccisi a Fiume 652 fino al 31 dicembre 1947 a cui va aggiunto un altro
numero non esattamente identificabile. Nei decenni successivi non ci sono state
stime scientifiche del numero delle vittime; si pensava ad un numero equivalen-
te da 15.000 a 30.000. Solo dopo gli anni Novanta gli studi effettuati sono sta-
ti pi rigorosi e il numero totale delle vittime viene valutato tra 5000 e 11.000.
Poche furono le persone che si salvarono: importante la testimonianza di Gio-
vanni Radeticchio (sulla cui vicenda stato girato un filmato Il cuore nel pozzo
visto e commentato dagli allievi delle classi terza dellanno scolastico 2007/2008).

iL si Lenzio

stata definita la congiura del silenzio il fatto di aver ignorato, trascurato, per
vari motivi, lesistenza delle foibe. I motivi si possono cos riassumere:
1) la rottura tra Tito e Stalin nel 1948;
2) il Partito comunista italiano non aveva interesse ad evidenziare le proprie con-
traddizioni sulla vicenda;

SDAPI133_32.indd 209 11/01/11 11:13


210 studi e documenti deg Li anna Li de LLa pu BBLica istruzione

inter venti 3) il silenzio dello Stato Italiano che voleva rimuovere la sconfitta nella Secon-
da guerra mondiale.

La giornata de LLa memoria

Con la Legge n. 92 del 30 marzo 2004 stata istituita La Giornata del Ricor-
do della memoria che si celebra il 10 febbraio di ogni anno per ricordare le vit-
time delle foibe.

Le responsa BiLit

Negli ambienti della destra le responsabilit di tali eccidi sono attribuite al co-
munismo e negli ambienti della sinistra sono attribuite alle brutalit fasciste.

SDAPI133_32.indd 210 11/01/11 11:13


le te s timonianze

SDAPI133_33.indd 211 11/01/11 11:13


SDAPI133_33.indd 212 11/01/11 11:13
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 213

inter venti
l e storie

istriano da sempre, esodato a t rieste ed emigrato in a ustralia.


una delle tante storie rimasta fuori dalla storia: r enato f erlin

In un clima di attesa era grande lincertezza che si respirava in Istria dopo la guer-
ra. Pola controllata dagli anglo-americani, il resto della regione occupata dalle trup-
pe jugoslave. Incertezza e terrore, perch dilagava la caccia al vinto. E per lequa-
zione allora imperante, vinto significava italiano, italiano corrispondeva a fascista,
e quindi da malmenare. Anche i bambini risentivano della vibrazione di inquietu-
dine trasmessa dai genitori.
Questo il quadro del Paese che si accingeva ad abbandonare, tracciato nel ricor-
do da Renato Ferlin, nato a Sanvincenti, a 25 chilometri da Pola, esattamente al
centro dellIstria meridionale come precisa. Attualmente residente a Melbourne.
Aveva 19 anni quando decise di portare a compimento il progetto di fuga atteso
da anni. Ero arrivato a quella determinazione gi molto tempo prima racconta
quando mi ritrovai a crescere in un Istria per la maggior parte svuotata della pro-
pria gente, sostituita da una popolazione arrivata da ogni parte della Balcania, un
mondo ed una cultura totalmente estranei ai nostri. Tutti i giorni scappava qualcu-
no. E anchio volli ricongiungermi alla mia identit.
Era lottobre del 1958 e per la prima volta le autorit jugoslave avevano dato il
permesso agli istriani di incontrarsi per mezza giornata al confine di Gorizia con
i parenti residenti in Italia. Soltanto i genitori erano al corrente dei suoi piani; le
sorelline, troppo piccole per comprendere, avrebbero potuto piangere o parlar-
ne a scuola. Renato finse di doversi incontrare con una zia di Trieste. Sul treno
il conduttore, il bigliettaio e il poliziotto che interrogava sui motivi del viaggio.
Cerano stati molti arresti. Finse di essere parte di un gruppo, che peraltro era
alloscuro dei suoi piani. Arrivato al confine goriziano lato jugoslavo sincon-
tr con una coppia di amici incaricati di aiutarlo. Su di una Vespa fecero una
piccola ricognizione lungo la linea confinaria, per individuare il sito pi adegua-
to alla fuga. Studiati i turni di sorveglianza della milizia, la sera saranno state
le 21.30 attraverso i campi riusc a guadagnare il territorio italiano. Nel timo-
re di sbagliare percorso, decise di non avventurarsi pi oltre nella notte. Prima
di addormentarmi in un campo di granoturco, recitai un Padrenostro, ringrazian-
do Dio per essere riuscito ad attraversare il confine con la pelle intera. Lunica cosa

SDAPI133_33.indd 213 11/01/11 11:13


214 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

inter venti che aveva portato con s era una borsa di pelle, conservata tuttora. Dentro cera-
no un cambio di biancheria pulita ed un litro di grappa. Ne bevve un lungo sor-
so e si mise a dormire. Allalba, dopo aver fatto lautostop, trov un passaggio.
Il signore che lo aveva preso a bordo cap che si trattava di un fuggitivo. Portami
indietro e andiamo fuori strada la reazione di Ferlin. Ma non cerano proble-
mi, quelluomo voleva aiutarlo. Dopo una sosta a Gorizia dagli amici incontrati
il giorno prima, and a Trieste. Chiesto asilo politico, venne sistemato al cam-
po profughi di San Sabba. Fece sapere ai genitori del buon esito della vicenda.
I miei erano voluti rimanere sulla terra che da sempre era della famiglia; non pensa-
vano potesse durare quelloccupazione balcanica dellIstria, che non aveva preceden-
ti nella storia. Pensavano ad una burrasca passeggera. E poi cerano i vecchi, difficili
da muovere; mia nonna per esempio era immobilizzata.
Renato sarebbe voluto rimanere in Italia, ma non cerano possibilit di lavoro co-
s ader al programma IRO (International Refugee Organization) di emigrazio-
ne. Gli diedero una valigia ed un vestito lo chiamava il vestito delle ortiche per
tanto era ruvido. Ma sente di dover ringraziare anche per quello. E nellaprile del
1959, a Napoli, simbarc sulla Fairsea alla volta dellAustralia, dove arriv il 10
maggio. Nel campo di raccolta di Bonegilla rimase quasi tre mesi, impegnando-
si seriamente nello studio dellinglese e frequentando le lezioni per quattro ore al
giorno. Uscito dal campo, trov lavoro come imbianchino e sistemazione presso
unanziana coppia di australiani. Non pu che avere un buon ricordo della gran-
de ospitalit ricevuta dal popolo australiano. Linserimento nel nuovo tessuto non
in istria fu difficile. racconta Istriano, appartenente ad una cultura veneta, fino allan-
r enato f erlin no prima avevo subito limposizione di una realt in cui non mi riconoscevo. Quin-
ritornato dopo di quella australiana fu molto pi facile e gradevole da accogliere. In Australia mi
dieci anni rendevo conto di non essere a casa mia e in tal senso dovevo adeguarmi, imparando
ad accettare usi e regolamenti.
La prima vacanza la trascorse a Natale, in campeggio a Sorrento (localit turisti-
ca del golfo di Melbourne), portato da una famiglia con cui aveva fatto amici-
zia. Cerano zanzare, le bull-ants (le formiche-toro) che quando pizzicavano fa-
cevano male per tre giorni per ricorda tutto molto volentieri, era tutto bel-
lo. Non ha brutti ricordi dellAustralia. Dopo due anni da dipendente, riusc a
mettersi in proprio e ad avviare una ditta di pitturazioni che ancora oggi gestisce
con molta soddisfazione. Nel 1985 fu presidente della Famiglia Istriana, fonda-
ta precisa Ferlin da un gruppo di coraggiosi istriani, allora senza una sede; og-
gi conta 180 soci.
Sua moglie, originaria di un paesino della provincia di Potenza, Viggiano, gli ha
dato due figli, entrambi laureati ed in carriera, il maggiore addirittura in Cali-
fornia. In tutti questi anni a casa sua, la lingua dobbligo sempre stata la lingua
italiana, arricchita magari da qualche bella parola istriana.
In Istria Renato Ferlin ritornato dopo dieci anni. Fu una grande emozione ri-
trovarsi ancora nella sua terra. Non dimenticher mai quelle strade bianche, il pol-

SDAPI133_33.indd 214 11/01/11 11:13


l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 215

inter venti
verone, la prima boccata daria di casa, quando intravidi da lontano il mio Sanvin-
centi. Mi fermai a trecento metri dal paese, con il cuore che martellava. indimen-
ticabile lagitazione che provai nel momento in cui scorsi il campanile, il castello, le
mura, le campagne che avevano visto la mia infanzia, dove avevo pascolato le capre,
dove andavo a rubare luva
Riabbracci i genitori, in tutti quegli anni sempre vissuti al paese. La gente istria-
na ha saputo soffrire puntualizza sia andati che rimasti.
Con sua grande soddisfazione, Renato Ferlin ha rivisto i suoi genitori anche in
Australia, dove gli fecero visita nel 1971.

Conclude con qualche appunto lesposizione della sua esperienza. Noi Istriani
siamo un po risentiti nei confronti delle autorit governative italiane. Ci sembra di
esser considerati degli emarginati, perch per esser riconosciuti come italiani, dopo
che abbiamo dato tutto per conservare la nostra identit, per riacquistare la cittadi-
nanza italiana, dobbiamo dimostrare di essere stati italiani.
Dopo il crollo della Jugoslavia, in Australia con una procedura molto semplice
sono stati rivisti i suoi antichi documenti di entrata che lo qualificavano come
jugoslavo. E la stessa cosa lhanno potuta fare anche i suoi figli, che hanno avuto
corretto il certificato anagrafico, ora attestante lorigine italiana del loro padre.
Come mai le autorit australiane sono intervenute cos velocemente e con quelle ita-
liane invece dobbiamo subire tanta burocrazia? lappello di Ferlin, raccolto du-
rante lintervista avvenuta a Melbourne nel 1998.

Dal libro Storie fuori dalla Storia (2001)


di Viviana Facchinetti

il ricordo ad a delaide di un istriano strappato bambino dalle sue radici:


mario f lego

Optare per lItalia equivalse a scegliere la strada dellesilio racconta Mario Flego,
nativo di Orsera, che abbandon assieme a genitori e fratelli a bordo di un tra-
baccolo, il 21 ottobre 1948. Fu una decisione difficile e sofferta dei miei familia-
ri, non disposti ad essere fagocitati dalle trasformazioni subite dal loro paese. Io non
avevo ancora compiuto nove anni.
Alla ferita nellanima, si accompagnarono anche le privazioni nel fisico di Mario,
colpito da pleurite durante il periodo di accoglimento al silos di Trieste. Non
ancora guarito, la famiglia venne trasferita al centro di accoglienza di Laterina in
provincia di Arezzo. Ancora oggi quel campo ricordato come il peggiore della pe-
nisola spiega. In una valle attraversata dallArno, vennero alloggiati in baracche
spesso senza porte o, quando cerano, con ampie fessure aperte agli spifferi umidi
e freddi che salivano dalle campagne lungo il fiume. Per la struttura gracile e ca-

SDAPI133_33.indd 215 11/01/11 11:13


216 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

inter venti gionevole del giovane Flego si apr il Collegio di Colle Val dElsa, in provincia di
Siena. Ma cerano 150 bocche giovani da sfamare. Per carenza di generi alimen-
tari, dopo due anni il ragazzo dovette riunirsi ai genitori nel campo di Marina
di Massa, accompagnato per dalla tubercolosi. Un riposo forzato di circa nove
mesi gli restitu finalmente la salute. Era il 1952. Il sussidio governativo di 110
lire al giorno per persona non consentiva di sopravvivere; trovare lavoro era im-
possibile. Il pap, contadino forte e sano, accettava qualsiasi lavoro, anche quelli
rifiutati dagli altri. Dopo una parentesi di un anno nel collegio Zandonai di Pe-
saro, dove Mario riprese i suoi studi commerciali, nellestate del 1953 giunse la
notizia della chiusura del comprensorio di Marina di Massa e del conseguente
passaggio dei profughi a Torino. Ci fu festa nel campo, doverano note le pos-
sibilit di lavoro nella citt piemontese. Il giorno di San Giovanni, patrono di
Torino, fu festa anche per la famiglia Flego traslocata di alloggio: al levar del sole
mio padre era nei campi a tagliare lerba per 2200 lire pi due litri di vino ricor-
da Mario che, nella nuova sede pot tornare ancora ai suoi studi commerciali.
La sistemazione della famiglia era sempre in un centro di accoglienza, comunque
pi accettabile delle precedenti e poi in citt cera il lavoro. Dopo la scuola Ma-
rio aiutava don Giuseppe Macario, il cappellano, a compilare le liste dei disoc-
cupati e a preparare i pacchi di generi alimentari per la distribuzione alle fami-
glie disagiate. Nel 1954 un intervento chirurgico piuttosto serio convinse pap
Flego a raggiungere gli altri due figli gi emigrati ad Adelaide. La famigliola non
poteva per accedere alle agevolazioni dellIRO e non era in grado di sostenere
la quota del viaggio. Ma con un po di fortuna, il 28 febbraio 1955 part con la
motonave Surriento, grazie ad un prestito della Croce Rossa, che si attiv anche
per accogliere adeguatamente i Flego al loro arrivo a Melbourne e per farli arri-
vare opportunamente ad Adelaide. Dopo i primi giorni di assestamento, ebbe-
ro la sensazione di essere arrivati su di un altro pianeta. Il pap fu assunto dalla
locale Centrale Elettrica, Mario si iscrisse ad un corso serale dinglese. Gli inse-
gnanti per erano gentili e niente pi. Sarebbe stato molto pi semplice stare a casa
ed ascoltare la radio per imparare la lingua. Allora era pi utile andare a lavorare.
Dopo due esperienze negative, Mario decise di fare il manovale in una ditta di
legname. Il suo lavoro consisteva nel segare tavole per dei cassoni. Il rumore, as-
sordante, era duro da sopportare, ma la paga era buona. Nei quattro anni in cui
rimase in quella segheria, segu i corsi per corrispondenza della Scuola Radio
Elettra di Torino. Pass poi ad una ditta distributrice di prodotti elettrici e di
elettrodomestici. Era il 1959 e cominciava a diffondersi luso della televisione.
Dapprima assegnato a curare lesposizione dei prodotti ed a seguire il magazzi-
no ricambi, dopo due anni gli venne offerta lopportunit di assumere la rappre-
sentanza della ditta per la fornitura di strumenti elettronici e ricambi presso le
Istituzioni governative. Affermatosi nel settore, ora titolare di unazienda che
oltre a commercializzare gli apparecchi televisivi, si occupa anche della loro ma-
nutenzione e riparazione.

SDAPI133_33.indd 216 11/01/11 11:13


l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 217

inter venti
Dal 1972 attivamente coinvolto nellassociazionismo istriano di Adelaide e col-
labora alle trasmissioni della Radio Televisione Italiana e di Radio Istria.
Realizz la sua prima visita in Italia nel 1968, ma per Mario Flego indimentica-
bile fu il ritorno con i genitori nel 1970, a bordo della Galileo Galilei al suo ul-
timo viaggio, per drammatica coincidenza come suo padre. In quelloccasione
infatti si ripresent il brutto male per cui era stato operato prima della partenza
per lAustralia. La trasferta italiana dur sei mesi, per la maggior parte trascorsi
a Torino. Di quel tempo sono forti le emozioni che Mario rivive nel ricordo di
suo padre: Con tutto il male che ormai avanzava velocemente, non perdeva loccasio-
ne di scendere i quattro piani dellappartamento dove abitavamo e con il suo bastone
si avviava verso gli amici, che lo aspettavano per una chiacchierata o per comperare
il giornale. Quelle furono le giornate pi belle della sua vita. Lemozione di rivedere
i paesani che abitavano nella zona o quelli che venivano a trovarlo dagli altri rioni
fu veramente sentita. Aveva 72 anni, per la maggior parte forse trascorsi con la spe-
ranza mai esaudita di ritornare per sempre al paese natio.
Significativa anche la visita ad Orsera nei mesi successivi: Mentre lauto filava ve-
loce verso est, sentivo gli stessi discorsi che mio padre e mia madre si erano fatti nei
trenta giorni di traversata fra Australia e Italia. Le stesse domande e le stesse risposte:
come sar la casa, i poderi che curavamo avranno ancora le stesse viti, gli stessi cilie-
gi? sar ancora l quel grande albero davanti alla casa dove sono nato?. Pi che ci si
avvicinava al paese, le domande e le risposte diventavano meno ansiose e meno frivole.
Passammo davanti alla casa costruita da mio nonno materno, dove nacqui e dove
abitammo prima dellesodo: uno sguardo furtivo e nientaltro. Nessuna emozione.
Il mattino seguente mia zia, residente ad Orsera, mi indic una persona in cima ad
un monticello: era mio padre. Guardava il mare blu che bagnava gli scogli e le isole
che incoronano il porto. Queste uscite mattutine, anche se eravamo in un paese che
forse non ci apparteneva pi, probabilmente accendevano tutte quelle emozioni, che
non aveva osato liberare prima dal suo cuore.
Nei giorni successivi i nuovi padroni di quella che era stata la nostra vecchia casa ci
permisero di entrare da loro. I miei si complimentarono per il modo in cui la cura-
vano e diedero anche qualche suggerimento per valorizzarla o per renderla pi sicu-
ra. Altre volte misero nelle tasche dei bambini dei soldi per i bomboni, allinsapu-
ta dei genitori.
I miei non hanno mai odiato coloro che si erano stabiliti nel paese come emigranti
o per matrimonio. A nessuno dei due piaceva il regime.

Dal libro Storie fuori dalla Storia (2001)


di Viviana Facchinetti

SDAPI133_33.indd 217 11/01/11 11:13


218 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

inter venti Quando il destino riesce ad essere beffardo sceneggiatore delle umane
esistenze: benny pecota

A volte il destino riesce ad essere beffardo sceneggiatore delle umane esistenze.


E talora in maniera paradossale. Come nel caso di Benny Pecota, profugo zara-
tino a Toronto.
con il nome di Beniamino, che il 16 gennaio 1932 venni registrato nel libro delle
nascite di Castel Venier, lodierna Vinjerac, nel Canale della Morlacca, vicino Zara
si presenta. Da cinquantadue anni faccio lemigrante in Canada.
Laffetto che ancora lo lega alla sua terra natale, percepibile anche nella descrizio-
ne del paese delle sue radici: un piccolo paesello di 120 abitanti a ridosso dei monti
Velebit, le cos dette Alpi Dinariche, nel golfo che anticamente si chiamava Canale di
Venezia, in epoca austro-ungarica canale della Morlacca e oggi canale di Novigrad.
Castel Venier porta il nome di un famoso ammiraglio veneto, col stabilitosi costruen-
dovi un castello, da cui la derivazione del toponimo. Un paese di ottimi navigatori in
ogni tempo, da quelli della Repubblica Veneta a quelli della Marina Austroungarica.
Orfano di padre fin dallet di due anni, gi dalla pi tenera infanzia trov sup-
porto e ospitalit a Zara, presso lo zio Luigi Zaric. Era questi un gran bravuo-
mo, a suo tempo direttore delle poste austroungariche e possidente, sposato alla
sorella di sua madre. Fu con lui che il giovane Pecota intraprese la via dellesilio
nel giugno del 1948, dopo un precedente vano tentativo di fuga dalla Jugoslavia
alcuni mesi prima. In quelloccasione Benny era stato catturato al confine pres-
so Sezana. Racconta: avevo con me una bandiera italiana e una preghiera affida-
tami da mio zio Gigi. La porto con me da 55 anni. Quasi con devozione estrae il
prezioso santino, conservato da allora in una custodia confezionata con la tela di
una federa. Poi continua: La bandiera italiana me la strapparono via sputandoci
sopra. Passai sei mesi in galera. Presi il tifo, la scabbia, la pleurite; una volta libera-
to tornai a Zara e finalmente il 17 giugno, tramite lopzione esercitata da zio Gigi,
potei venire in Italia.
Dopo un breve periodo nel campo di smistamento a Udine, ci fu la sistemazio-
ne nel campo profughi di Servigliano, in provincia di Ascoli Piceno. Era un vec-
chio campo di concentramento ancora dai tempi della Prima guerra mondiale:
una sequenza di vecchie baracche numerate, con allinterno un lungo corridoio,
divisorio fra due file di camere. Il tetto era praticamente un optional: sganghera-
to per gli anni, non riusciva ad ottemperare alle sue funzioni di copertura. Un
capanno, allesterno fra due baracche, era adibito ad uso di bagno e servizi igie-
nici. Riscaldamento naturalmente inesistente, refettorio comune in una grande
baracca: e l a fare la fila con la gamella prosegue Pecota. Il vitto prevedeva alla
mattina il caff dorzo, a mezzogiorno e alla sera pasta e fagioli o piselli, la domenica
penne con conserva di pomodoro ed una fetta di lesso. Per noi, reduci dalla Jugosla-
via e abituati solo alla polenta, un lusso. Ricordo comunque la risposta di zio Gigi a
chi non poteva sottrarsi allumano vizio di protestare: signori miei di cosa vi lamen-

SDAPI133_33.indd 218 11/01/11 11:13


l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 219

inter venti
tate? Abbiamo voluto la guerra, abbiamo fatto la guerra, abbiamo perso la guerra.
Questo il prezzo che paghiamo.
Bisogna considerare lo spirito con cui affrontavamo tutto ci: di fronte al male che
avevamo lasciato alle spalle, dove eravamo oppressi e tacciati tutti di fascisti, solo per-
ch italiani, dove non si poteva esprimere le proprie idee, dove ci si vedeva denigrati
di fronte a tutti e dove ci imponevano di imparare slavo e russo Una volta in Ita-
lia, per noi anche i sacrifici significavano libert. Ma non si stendeva la mano chie-
dendo carit Cera la speranza.
Una speranza coltivata per due anni nel campo: speranza di un lavoro, di una
qualunque via duscita. Ma erano i difficili anni del dopoguerra.
Mi ricordo che allepoca si scendeva al paese per andare in chiesa. Quelli del villag-
gio erano vestiti a festa, noi non potevamo permettercelo. Andavo al bar a vedere co-
me si mangiava il panettone, ad annusare il caff, laroma delle paste. Traevo sollie-
vo e speranza da quellodore che mi faceva auspicare un domani migliore E quel
domani io lha trovato in Canada.
Benny Pecota intraprese per la seconda volta la via dellesilio: dopo vari spo-
stamenti in pi campi profughi fra Italia e Germania, simbarc su una delle
tante navi Liberty costruite quasi a catena durante la guerra e successivamen-
te utilizzate per il trasporto degli emigranti e finalmente sbarcai ad Halifax
l11 settembre1951.
Non furono inizi facili quelli della nuova vita in Canada: dalla miniera al bo-
sco, dalla strada ferrata alla manovalanza nelle costruzioni. Finch arrivarono
i momenti dellintraprendenza e delle grandi decisioni. Convinto sostenitore benny pecota
delliniziativa e della cultura italiana, Pecota fu il primo ad introdurre in Cana- intraprese per
da luso delle macchine espresso, passando successivamente ai macchinari indu- la seconda
striali per macelli. volta la via
Ed in quel futuro trovato oltreoceano, qualche decennio pi avanti cera ad aspet- dellesilio:
tarlo un incontro del tutto imprevisto ed imprevedibile. Per motivi di lavoro Pe- dopo vari
cota si trovava a Green Bay, piccolo centro statunitense del Wisconsin. Calata spostamenti
da poco lombra di una serata di pioggia, entr nel ristorantino in cui era solito in pi campi
cenare durante le trasferte. Cerano pochi avventori. Avvi la conversazione con profughi fra
quello del tavolo a fianco al suo. Era un anziano, presentatosi come colonnello italia
dellAeronautica USA a riposo. Il discorso cadde sulla guerra e sulle missioni a e germania,
suo tempo effettuate nei Balcani nel 1943. Benny si sent rabbrividire, mentre simbarc su
rendeva partecipe il suo interlocutore di alcune date drammaticamente custodi- una delle tante
te nella sua memoria: 2, 16, 28 novembre i bombardamenti a tappeto su Za- navi l iberty
ra. La moviola del ricordo torn alle 11 in punto di quella lontana domenica di
fine novembre, alla deflagrazione che gli strapp sua madre, ai corpicini dilania-
ti dei bimbi, sorpresi dalle bombe a giocare nel parco pubblico, schiacciati sotto
le macerie o scaraventati sugli alberi. Il giovane capitano di un tempo impallid.
Guardandomi in faccia mi prese la mano, stringendola forte e supplicando il mio
perdono prosegue il racconto di Pecota. Lo guardai negli occhi grigi velati di la-

SDAPI133_33.indd 219 11/01/11 11:13


220 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

inter venti crime, dicendogli di non nutrire n rancori n odio: sono sentimenti sterili che divi-
dono le genti. In nome del dolore provato, rivolsi al Cielo una preghiera per ottenere
la forza di un perdono, che rischiarasse il resto dei miei giorni. Il volto del colonnel-
lo si rasseren e ci lasciammo con una promessa di pace. Era la tarda sera del 28 no-
vembre 1986 erano passati esattamente 43 anni.

Il suo pensiero di riconciliazione ha per un risvolto di amarezza, quando con-


sidera quanto il dramma di Zara sia rimasto fuori dalla storia: Guernica, Dresda,
tutti conoscono quelli eventi apocalittici. Di quanto accaduto a Zara, distrutta per
l83% dai bombardamenti del 43, si ignora e si tace, forse nella speranza che il tem-
po cancelli questo orrendo delitto.

Dal libro CERA UNA sVOLTA


di Viviana Facchinetti

SDAPI133_33.indd 220 11/01/11 11:13


c oncl usioni
e pr o spettive

SDAPI133_34.indd 221 11/01/11 11:13


SDAPI133_34.indd 222 11/01/11 11:13
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 223

inter venti
conclusioni
e prospettive

Leggere sempre, o scrivere, e conoscere, noi uomini moderni,


gli antichi fatti, parlare con i posteri come fossimo presenti, e di
cos far nostra ogni epoca, passata e futura. a ntonio
(Pier Paolo Vergerio,
l o Bello
Sui liberi costumi e gli studi liberali delladolescenza).

Che siano fatti recenti, antichi o molto antichi la Storia dellUomo fatta dagli
Uomini, lunica discriminante non dimenticare.
Il Gruppo di Lavoro congiunto MIUR Associazioni degli Esuli continua il la-
voro di programmazione di iniziative rivolte alle Istituzioni scolastiche affinch il
Ricordo diventi parte integrante delle conoscenze che la scuola offre ai suoi alunni.

SDAPI133_34.indd 223 11/01/11 11:13


SDAPI133_34.indd 224 11/01/11 11:13
alle gati

SDAPI133_35.indd 225 11/01/11 11:14


SDAPI133_35.indd 226 11/01/11 11:14
alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 227

legge 92 del
30 marzo 2004

Legge 30 marzo 2004, n. 92 ste dalmate, in particolare ponendo in


Istituzione del Giorno del Ricordo rilievo il contributo degli stessi, negli
in memoria delle vittime delle foibe, anni trascorsi e negli anni presenti, allo
dellesodo giuliano-dalmata, delle vi- sviluppo sociale e culturale del territo-
cende del confine orientale e concessio- rio della costa nord-orientale adriatica
ne di un riconoscimento ai congiunti ed altres a preservare le tradizioni del-
degli infoibati le comunit istriano-dalmate residen-
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale ti nel territorio nazionale e allestero.
n. 86 del 13 aprile 2004 3. Il Giorno del Ricordo di cui al
comma 1 considerato solennit civi-
Art. 1. le ai sensi dellarticolo 3 della legge 27
1. La Repubblica riconosce il 10 feb- maggio 1949, n. 260. Esso non deter-
braio quale Giorno del Ricordo al mina riduzioni dellorario di lavoro de-
fine di conservare e rinnovare la me- gli uffici pubblici n, qualora cada in
moria della tragedia degli italiani e di giorni feriali, costituisce giorno di va-
tutte le vittime delle foibe, dellesodo canza o comporta riduzione di orario
dalle loro terre degli istriani, fiumani e per le scuole di ogni ordine e grado, ai
dalmati nel secondo dopoguerra e del- sensi degli articoli 2 e 3 della legge 5
la pi complessa vicenda del confine marzo 1977, n. 54.
orientale. 4. Dallattuazione del presente articolo
2. Nella giornata di cui al comma 1 non devono derivare nuovi o maggiori
sono previste iniziative per diffondere oneri per la finanza pubblica.
la conoscenza dei tragici eventi presso
i giovani delle scuole di ogni ordine e Art. 2.
grado. altres favorita, da parte di isti- 1. Sono riconosciuti il Museo della ci-
tuzioni ed enti, la realizzazione di stu- vilt istriano-fiumano-dalmata, con se-
di, convegni, incontri e dibattiti in mo- de a Trieste, e lArchivio museo stori-
do da conservare la memoria di quelle co di Fiume, con sede a Roma. A ta-
vicende. Tali iniziative sono, inoltre, le fine, concesso un finanziamen-
volte a valorizzare il patrimonio cultu- to di 100.000 euro annui a decorre-
rale, storico, letterario e artistico degli re dallanno 2004 allIstituto regionale
italiani dellIstria, di Fiume e delle co- per la cultura istriano-fiumano-dalmata

SDAPI133_35.indd 227 11/01/11 11:14


alle gati
228 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

(IRCI), e di 100.000 euro annui a de- congiunti dei cittadini italiani che per-
correre dallanno 2004 alla Societ di sero la vita dopo il 10 febbraio 1947,
studi fiumani. ed entro lanno 1950, qualora la mor-
2. Allonere derivante dallattuazione te sia sopravvenuta in conseguenza di
del presente articolo, pari a 200.000 torture, deportazione e prigionia, esclu-
euro annui a decorrere dallanno 2004, dendo quelli che sono morti in com-
si provvede mediante corrispondente battimento.
riduzione dello stanziamento iscrit- 3. Sono esclusi dal riconoscimento co-
to, ai fini del bilancio triennale 2004- loro che sono stati soppressi nei modi e
2006, nellambito dellunit previsio- nelle zone di cui ai commi 1 e 2 men-
nale di base di parte corrente Fondo tre facevano volontariamente parte di
speciale dello stato di previsione del formazioni non a servizio dellItalia.
Ministero delleconomia e delle finan-
ze per lanno 2004, allo scopo parzial- Art. 4.
mente utilizzando laccantonamen- 1. Le domande, su carta libera, dirette
to relativo al medesimo Ministero. alla Presidenza del Consiglio dei mini-
3. Il Ministro delleconomia e delle fi- stri, devono essere corredate da una di-
nanze autorizzato ad apportare, con chiarazione sostitutiva di atto notorio
propri decreti, le occorrenti variazioni con la descrizione del fatto, della loca-
di bilancio. lit, della data in cui si sa o si ritiene sia
avvenuta la soppressione o la scompar-
Art. 3. sa del congiunto, allegando ogni docu-
1. Al coniuge superstite, ai figli, ai ni- mento possibile, eventuali testimonian-
poti e, in loro mancanza, ai congiunti ze, nonch riferimenti a studi, pubbli-
fino al sesto grado di coloro che, dall8 cazioni e memorie sui fatti.
settembre 1943 al 10 febbraio 1947 2. Le domande devono essere presen-
in Istria, in Dalmazia o nelle provin- tate entro il termine di dieci anni dalla
ce dellattuale confine orientale, so- data di entrata in vigore della presen-
no stati soppressi e infoibati, nonch te legge. Dopo il completamento dei
ai soggetti di cui al comma 2, con- lavori della commissione di cui allar-
cessa, a domanda e a titolo onorifico ticolo 5, tutta la documentazione rac-
senza assegni, una apposita insegna colta viene devoluta allArchivio cen-
metallica con relativo diploma nei li- trale dello Stato.
miti dellautorizzazione di spesa di cui
allarticolo 7, comma 1. Art. 5.
2. Agli infoibati sono assimilati, a tutti 1. Presso la Presidenza del Consiglio
gli effetti, gli scomparsi e quanti, nello dei ministri costituita una commis-
stesso periodo e nelle stesse zone, sono sione di dieci membri, presieduta dal
stati soppressi mediante annegamen- Presidente del Consiglio dei ministri
to, fucilazione, massacro, attentato, in o da persona da lui delegata, e compo-
qualsiasi modo perpetrati. Il ricono- sta dai capi servizio degli uffici storici
scimento pu essere concesso anche ai degli stati maggiori dellEsercito, della

SDAPI133_35.indd 228 11/01/11 11:14


alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 229

Marina, dellAeronautica e dellArma 2. La commissione di cui allarticolo


dei Carabinieri, da due rappresentanti 5 insediata entro due mesi dalla da-
del comitato per le onoranze ai cadu- ta di entrata in vigore della presente
ti delle foibe, da un esperto designa- legge e procede immediatamente al-
to dallIstituto regionale per la cultu- la determinazione delle caratteristiche
ra istriano-fiumano-dalmata di Trie- dellinsegna metallica in acciaio brunito
ste, da un esperto designato dalla Fe- e smalto, con la scritta La Repubblica
derazione delle associazioni degli esuli italiana ricorda, nonch del diploma.
dellIstria, di Fiume e della Dalmazia, 3. Al personale di segreteria della com-
nonch da un funzionario del Mini- missione provvede la Presidenza del
stero dellinterno. La partecipazione Consiglio dei ministri.
ai lavori della commissione avviene a
titolo gratuito. La commissione esclu- Art. 7.
de dal riconoscimento i congiunti del- 1. Per lattuazione dellarticolo 3, com-
le vittime perite ai sensi dellarticolo ma 1, autorizzata la spesa di 172.508
3 per le quali sia accertato, con sen- euro per lanno 2004. Al relativo one-
tenza, il compimento di delitti effera- re si provvede mediante corrispondente
ti contro la persona. riduzione dello stanziamento iscritto, ai
2. La commissione, nellesame delle fini del bilancio triennale 2004-2006,
domande, pu avvalersi delle testi- nellambito dellunit previsionale di
monianze, scritte e orali, dei supersti- base di parte corrente Fondo specia-
ti e dellopera e del parere consultivo le dello stato di previsione del Mini-
di esperti e studiosi, anche segnalati stero delleconomia e delle finanze per
dalle associazioni degli esuli istriani, lanno 2004, allo scopo parzialmente
giuliani e dalmati, o scelti anche tra utilizzando laccantonamento relativo
autori di pubblicazioni scientifiche al medesimo Ministero.
sullargomento. 2. Il Ministro delleconomia e delle fi-
nanze autorizzato ad apportare, con
Art. 6. propri decreti, le occorrenti variazioni
1. Linsegna metallica e il diploma a di bilancio.
firma del Presidente della Repubblica 3. Dallattuazione degli articoli 4, 5 e 6
sono consegnati annualmente con ce- non devono derivare nuovi o maggiori
rimonia collettiva. oneri per la finanza pubblica.

SDAPI133_35.indd 229 11/01/11 11:14


SDAPI133_35.indd 230 11/01/11 11:14
alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 231

ministero dellistruzione, delluniversit e della r icerca


dipartimento per listruzione
direzione generale per gli o rdinamenti scolastici
e per la utonomia scolastica
- Ufficio II-
SEMINARIO NAZIONALE
LE VICENDE DEL CONFINE ORIENTALE
ED IL MONDO DELLA SCUOLA
Seminario di formazione sulle tematiche collegate al Giorno del Ricordo delle
foibe e dellesodo giuliano-dalmata (Legge n. 92/2004)
SALA DELLA COMUNICAZIONE
23 FEBBRAIO 2010
ORE 9.00 Registrazione dei Partecipanti Apertura dei lavori
Ore 9,30 SALUTI ISTITUZIONALI
Introduzione
Ispettore Luciano Favini
Laltra storia Video

Prof. Raoul Pupo Dal Trattato di Campoformio (1797) alla Grande


Guerra
Prof. Giuseppe Parlato Dalla Grande Guerra al Trattato di pace del
1947
Ore 11.00 Coffee Break Sala Ovale del C.N.P.I.

Prof. Roberto Spazzali Le foibe e lesodo giuliano-dalmata (1943-


1954)
Prof. Giuseppe de Vergottini Le ragioni di una rimozione storica

Conclusioni Direzione Generale per gli Ordinamenti


Scolastici e per lAutonomia scolastica

Ore 13.00 Brunch Sala Ovale del C.N.P.I.

Ore 14.30 Interventi dei docenti


Moderatore: Dott. Sergio Tazzer

Dott. Marino Micich Prof.ssa Donatella Schurzel


Prof.ssa Maria Elena Depetroni Prof. Dino R. Nardelli
Prof. Mauro De Luca Prof.ssa Chiara Vigini

Ore 16.00 Dibattito


Ore 17.00 Consegna Attestati di Partecipazione

SDAPI133_35.indd 231 11/01/11 11:14


SDAPI133_35.indd 232 11/01/11 11:14
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 233

SDAPI133_35.indd 233 11/01/11 11:14


SDAPI133_35.indd 234 11/01/11 11:14
alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 235

SDAPI133_35.indd 235 11/01/11 11:14


alle gati
236 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

SDAPI133_35.indd 236 11/01/11 11:14


alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 237

SDAPI133_35.indd 237 11/01/11 11:14


alle gati
238 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

SDAPI133_35.indd 238 11/01/11 11:14


alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 239

SDAPI133_35.indd 239 11/01/11 11:14


alle gati
240 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

SDAPI133_35.indd 240 11/01/11 11:14


alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 241

SDAPI133_35.indd 241 11/01/11 11:14


alle gati
242 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

SDAPI133_35.indd 242 11/01/11 11:14


alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 243

SDAPI133_35.indd 243 11/01/11 11:14


alle gati
244 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

SDAPI133_35.indd 244 11/01/11 11:14


alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 245

SDAPI133_35.indd 245 11/01/11 11:14


alle gati
246 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

SDAPI133_35.indd 246 11/01/11 11:14


alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 247

SDAPI133_35.indd 247 11/01/11 11:14


alle gati
248 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

SDAPI133_35.indd 248 11/01/11 11:14


alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 249

SDAPI133_35.indd 249 11/01/11 11:14


alle gati
250 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

SDAPI133_35.indd 250 11/01/11 11:14


alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 251

SDAPI133_35.indd 251 11/01/11 11:14


alle gati
252 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

SDAPI133_35.indd 252 11/01/11 11:14


alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 253

SDAPI133_35.indd 253 11/01/11 11:14


alle gati
254 studi e documenti degli annali della pubblica istruzione

SDAPI133_35.indd 254 11/01/11 11:14


alle gati
l e vicende del c onfine orient ale ed il mondo della s cuola 255

ministero dellistruzione, delluniversit e della r icerca


dipartimento per listruzione
direzione generale per gli o rdinamenti scolastici
e per la utonomia scolastica
- Ufficio II-

ATTESTATO

Si attesta che

.......

ha partecipato al Seminario

LE VICENDE DEL CONFINE ORIENTALE


ED IL MONDO DELLA SCUOLA

il giorno 23 febbraio 2010

MIUR
Sala della Comunicazione

IL DIRIGENTE
Antonio LO BELLO

SDAPI133_35.indd 255 11/01/11 11:14


SDAPI133_35.indd 256 11/01/11 11:14
SDAPI133_35.indd 257 11/01/11 11:14
SDAPI133_35.indd 258 11/01/11 11:14
SDAPI133_35.indd 259 11/01/11 11:14
SDAPI133_35.indd 260 11/01/11 11:14
SDAPI133_35.indd 261 11/01/11 11:14
SDAPI133_35.indd 262 11/01/11 11:14
SDAPI133_35.indd 263 11/01/11 11:14
SDAPI133_35.indd 264 11/01/11 11:14