You are on page 1of 2

Gmail - Parole maestre https://mail.google.com/mail/u/0/?ui=2&ik=2155d91d73&view=pt&q...

Paolo Maria Grossholz <baden2005@gmail.com>

Parole maestre
1 messaggio

Paolo Grossholz <baden2005@gmail.com> 15 dicembre 2015 20:09


A: Caterina Grimaldi <kathe.grima@gmail.com>

Cosa saranno mai le Parole Maestre? In parte, senza tante riflessioni filosofiche, lo dicono i termini stessi:

Parole, perch sono frasi, in particolare brevi estratti dal Libro della Giungla di Kipling, una vera e propria
miniera di detti e pillole di "moralit" adattate ad un ambiente fantastico che pur non essendo "umano", rispecchia
i suoi caratteri assegnando ad ogni animale o elemento della giungla caratteristiche positive o negative
Maestre, nei sensi pi estesi del termine, dall'originale "magister" col senso di "governatore, capo, figura
principale" (motivo per cui ancora oggi si parla di "albero maestro" di una nave, ovvero quello che porta la vela pi
importante), passando poi per la designazione di "esperto" da cui deriva l'attuale "insegnante". Insomma sono
frasi principali, all'interno del racconto, che racchiudono in s esperienza, concetti importanti e che quindi
insegnano ai lupetti senza stare a fare moralit spicciola.

Le Parole Maestre spesso sono assegnate ad uno specifico personaggio, a volte perch detta da lui, oppure
perch rispecchia la caratteristica fondamentale di quel personaggio. Ufficialmente l'assegnazione data a soli 5
personaggi:

Akela: Buona caccia a tutti coloro che rispettano la Legge della Giungla!

Akela la figura che per i lupetti rappresenta il capo, colui che veglia sul rispetto delle regole e quindi sulla buona
crescita di ogni lupetto come "buon lupetto" (o pi in generale, durante il cammino scout, "buon cittadino"),
dunque il suo un augurio di buona riuscita a patto che si abbiano sempre a mente le indicazioni della Legge
(scout e non).

Bagheera: Zampe che non fanno rumore, occhi che vedono nell'oscurit, orecchie che odono il vento delle tane,
denti bianchi e taglienti

La pantera nera il simbolo della forza fisica, della pulizia, del risultato che si ottiene quando si cura la propria
persona nell'igiene e nell'esercizio fisico, ecco dunque un invito a migliorare le proprie abilit, allenando il proprio
corpo, i propri sensi e mantenendosi puliti.

Kaa: Un cuore leale e una lingua cortese ti porteranno lontano nella giungla

Kaa la pi vecchia creatura della giungla e quindi anche la pi saggia, nel racconto decide di aiutare Mowgli
durante le sue avventure perch coraggioso (leale da interpretare come coraggioso, nel senso che non bara
perch consapevole delle proprie abilit... chi bara, infatti, solitamente ha paura di perdere) e perch lo chiede
con gentilezza, senza pretendere con prepotenza.

Baloo: La giungla grande e il Cucciolo piccolo. Che faccia silenzio e mediti.

Baloo, come maestro della legge, anche lui vecchio e saggio, sa che i lupetti sono piccoli in un mondo molto pi
grande di loro. Devono quindi ascoltare e pensare, prima di lanciarsi in qualunque impresa, progettare, prepararsi
(come quando preparano una specialit, chiedono la promessa e via dicendo). Soprattutto Baloo insegna che se i
lupetti sono piccoli, a maggior ragione devono aiutarsi a vicenda e aiutare tutte le persone che hanno bisogno.

Chil: Siamo dello stesso sangue, tu ed io!

L'avvoltoio, che nel racconto svolge la funzione di messaggero, insegna la parola maestra della fratellanza, che
permette a Mowgli (un uomo) di essere amico di altri animali come uccelli, serpenti e cos via...

Altri personaggi sono richiamati da particolari frasi in via ufficiosa:

Fratel Bigio: La tua pista la mia pista, la tua tana la mia tana, la tua preda la mia preda [la tua lotta mortale
sar la mia lotta mortale]

Trattandosi del fratello di tana di Mowgli (uno dei figli naturali di Mamma Lupa), la sua la parola della

1 di 2 22/05/2016 11:18
Gmail - Parole maestre https://mail.google.com/mail/u/0/?ui=2&ik=2155d91d73&view=pt&q...

condivisione e dell'amicizia, della fedelt e l'aiuto nella necessit.

Raksha (Mamma Lupa): La forza del Branco nel Lupo, la forza del Lupo nel Branco

Proprio come una mamma, Raksha ci ricorda il valore della comunit... come gruppo il nostro valore non mai
minore della somma di quello di tutti i lupi (ma pu esserlo molto pi della somma delle abilit individuali), ma
ovviamente dipende dalla presenza di tutti i lupi... un Branco di 15 lupi potr fare molto meno di 35.
Allo stesso modo un lupo da solo potr essere il pi bravo del mondo, ma finch rimane da solo non riuscir mai
a superare alcuni ostacoli (come cercare di fare da solo una cosa che si pu fare solo in due...) e quindi la sua
forza consiste nell'avere amici che possano aiutarlo, sia aggiungendo una mano in caso di bisogno, sia colmando
le lacune nelle sue abilit.

Molte altre Parole Maestre sono assegnate ad alcuni personaggi a seconda dei gruppi, o non sono assegnate
affatto:

Conoscete la legge: Guardate, guardate bene, o Lupi!


Come la liana cinge il tronco d'albero, cos la Legge tutti ci cinge...
La legge della giungla non ordina nulla senza una ragione
Sii pulito perch la forza del cacciatore si riconosce dalla lucentezza della pelle
Datemi il permesso di cacciare qui, poich ho fame; caccia dunque per sfamarti ma non per divertimento
Siamo tutti sotto una stessa legge
Ogni giorno bisogna lavarsi dalla punta del naso fin gi alla punta della coda
Ricorda che il lupo un cacciatore: vai per la giungla e da solo conquista la tua preda
Il diritto del branco il diritto del pi debole
Essere informati sempre bene
E' duro spogliarsi della pelle
Non far vanto, come il bandar, della tua abilit
Non lasciare che richiamo o canto o segnale ti distolgano dal sentiero di caccia
Boschi e acque, venti e alberi, saggezza forza e cortesia, il favore della giungla ti accompagna
Questa la Legge della Giungla, vecchia e vera come il cielo: e il Lupo che l'osserva vivr lieto, ma il Lupo che
la infrange morir
Il rimorso non sostituisce la punizione
La punizione salda tutti i conti
Se un cucciolo pu farlo, non c' niente da temere
Nella Giungla, la vita e il cibo dipendono dal saper mantenere la calma
Le macchie sono la gioia del Leopardo, le corna sono l'orgoglio del bufalo (essere fieri della propria uniforme e
distintivi)
Adagio! Adagio! La fretta uccise il serpente giallo che voleva mangiare il sole...

2 di 2 22/05/2016 11:18