You are on page 1of 2

DIRITTO CANONICO (6 crediti) [primo semestre]

Dr. Cristiana Cianitto (Lettere M-Z)


Dipartimento Cesare Beccaria - Sezione di Diritto ecclesiastico e Diritto canonico

Contenuto e finalit del corso


Anche le religioni producono diritto e mai come oggi le religioni pongono ai diritti
secolari richieste ed esigono regimi di tutela in molti ambiti della vita civile.
Obiettivo del corso illustrare gli elementi fondamentali posti a fondamento dei
diritti religiosi, evidenziandone analogie e differenze in particolare rispetto al diritto
della Chiesa cattolica e agli ordinamenti civili. Senza tralasciare la trattazione
classica degli istituti fondamentali del diritto canonico, il corso affronter i problemi
posti dallappartenenza religiosa in prospettiva cristiana e non cristiana; proporr
quindi alcune parti monografiche: le problematiche poste da blasfemia e apostasia nei
diritti religiosi nella particolare prospettiva dei diritti umani; langlicanesimo; il
sikhismo.

In considerazione delle connessioni culturali e tecnico-giuridiche tra Diritto


ecclesiastico e Diritto canonico (facenti parte del medesimo settore scientifico-
disciplinare: IUS/11), gli studenti che hanno sostenuto lesame di Diritto ecclesiastico
e volessero scegliere Diritto canonico quale materia affine o integrativa da 9 CFU (IV
anno), o quale materia affine o integrativa o libera da 6 CFU (V anno) concorderanno
il programma desame con il docente di riferimento.

Programma del corso


Saranno trattati in particolare i seguenti argomenti:
I diritti religiosi: nozione e caratteri
Lappartenenza religiosa
I matrimoni misti
Le fonti del diritto canonico: diritto divino, diritto umano, certezza del diritto ed
esigenze di giustizia
Il popolo di Dio: chierici, laici, religiosi
Il governo della Chiesa: potest dordine e potest di giurisdizione
Il matrimonio canonico: principi generali e cause di nullit. Spunti di
comparazione.
Blasfemia, incitamento allodio e libert di magistero
Langlicanesimo
Il sikhismo

Risultati di apprendimento secondo il sistema dei descrittori di Dublino.


Conoscenza e capacit di comprensione. Lo studente deve dimostrare di avere
acquisito una conoscenza di base dei caratteri fondamentali dei diritti religiosi e
dei principali istituti dell'ordinamento canonico, nonch dei rapporti fra diritti
religiosi e diritti secolari. richiesto un livello di cultura generale e di cultura
giuridica sufficiente per comprendere le nozioni proprie del diritto canonico e per
cogliere, in particolare, specificit e differenze dei diritti religiosi rispetto a quelli
secolari.
Capacit applicative. Lo studente deve dimostrare di saper applicare i concetti
appresi ai casi posti dallevoluzione della societ in senso multiculturale e
multireligioso, anche in chiave interdisciplinare.
Autonomia di giudizio. Lo studente deve acquisire una consapevole autonomia di
giudizio nell'analisi dei concetti trattati e nellindividuazione delle soluzioni
preferibilmente applicabili ai singoli casi.
Abilit nella comunicazione. Lo studente deve dimostrare di saper esprimere le
nozioni acquisite con coerenza argomentativa, rigore sistematico e propriet di
linguaggio.
Capacit di apprendere. Lo studente deve dimostrare di aver acquisito la capacit
di adeguare le proprie conoscenze in relazione ai contesti studiati, agli istituti
giuridici affrontati e al modo in cui questi si pongono in relazione con gli altri
diritti vigenti, in particolare, quelli degli ordinamenti secolari.

Testi per lesame


Studenti frequentanti: i testi da portare allesame verranno concordati a lezione. Tutte
le informazioni e i materiali relativi al corso saranno reperibili sulla piattaforma Ariel
del sito dAteneo. E prevista una prova intermedia.

Studenti non frequentanti:


G. Feliciani, Le basi del diritto canonico, il Mulino, Bologna, 2002.
Gli studenti dovranno poi prepararsi su uno dei seguenti testi a scelta:
S. Ferrari (a cura di), Introduzione al diritto comparato delle religioni. Ebraismo,
islam e induismo, il Mulino, Bologna, 2008;
E. Vitali S. Berling, Il matrimonio canonico, Milano, Giuffr, 2017.