You are on page 1of 35

Tecnologia Meccanica Proff.

Luigi Carrino Antonio Formisano

Struttura e geometria cristallina


Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

RETICOLO SPAZIALE E CELLE UNITARIE


Gli atomi, disposti in configurazioni ripetitive 3D, con ordine
a lungo raggio (LRO), danno luogo alla struttura cristallina
Le propriet dei solidi dipendono dalla struttura cristallina e
dalla forza di legame
Una rete immaginaria di linee, con atomi allintersezione delle
linee, che rappresentano la disposizione degli atomi, detto
reticolo spaziale
Reticolo spaziale
La cella unitaria quel blocco
di atomi che si ripete per
formare il reticolo spaziale
I materiali con disposizione di
ordine a corto raggio sono
detti materiali amorfi
Cella unitaria
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

SISTEMI CRISTALLINI E RETICOLI DI BRAVAIS

Solo sette diversi tipi di celle unitarie sono necessarie per


formare tutti i reticoli (cubico, tetragonale, ortorombico,
romboedrico, esagonale, monoclino, triclino)
In accordo con Bravais (1811-1863), 14 celle unitarie
possono descrivere tutte le possibili reti di reticolo
cristallino
I quattro tipi fondamentali di celle unitarie sono:
Semplice
A corpo centrato
A facce centrate
A basi centrate
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

TIPI DI CELLE UNITARIE


Cella unitaria cubica
a=b=c
= = = 900

Semplice A corpo centrato

A facce centrate

Tetragonale
a =b c
= = = 900

Semplice A corpo centrato


Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

TIPI DI CELLE UNITARIE


Ortorombica
a b c
= = = 900

Semplice A basi centrate

A facce centrate A corpo centrato

Romboedrica
a =b = c
= = 900
Semplice
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

TIPI DI CELLE UNITARIE

Esagonale
a= b c
= = 900 e =120
Semplice

Monoclina
a b c
= = 900 e b 90
Semplice A basi centrate

Triclina
a b c
900
Semplice
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

PRINCIPALI STRUTTURE CRISTALLINE METALLICHE

Il 90% dei metalli ha struttura cristallina Cubica a Corpo


Centrato (CCC), Cubica a Facce Centrate (CFC) o
Esagonale Compatta (EC)
La struttura EC la versione pi densa della semplice
struttura cristallina esagonale

Struttura CCC Struttura CFC Struttura EC


Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

POLIMORFISMO O ALLOTROPIA
I metalli esistono in pi forme cristalline. Questo detto
polimorfismo o allotropia
La temperatura e la pressione provocano cambiamenti
nelle forme cristalline
Esempio: Il ferro esiste sia nella forma CCC che CFC in
funzione della temperatura

Ferro
liquido

-2730C 9120C 13940C 15390C

Ferro- Ferro- Ferro-


CCC CFC CCC
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

NUMERO DI COORDINAZIONE E
FATTORE DI IMPACCHETTAMENTO
Il termine numero di coordinazione viene
utilizzato per indicare il numero di atomi
direttamente adiacenti ad un singolo atomo,
nell'ambito di una definita struttura cristallina

Numero di coordinazione: 6

Fattore di impacchettamento atomico = Volume di atomi nella cella unitaria


Volume di cella unitaria
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

STRUTTURA CUBICA A CORPO CENTRATO (CCC)


Rappresentata da un atomo ad ogni spigolo di un cubo ed
uno al centro del cubo
Ogni atomo ha 8 atomi vicini, quindi il numero di
coordinazione 8
Esempi :
Cromo (a = 0.289 nm)
Ferro (a = 0.287 nm)
Sodio (a = 0.429 nm)
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

STRUTTURA CUBICA A CORPO CENTRATO (CCC)

Ogni cella unitaria ha 8(1/8 di atomo) atomi agli spigoli


e 1 atomo al centro
Quindi, ogni cella unitaria ha
(8 x 1/8) + 1 = 2 atomi
Gli atomi sono in contatto tra loro
lungo la diagonale del cubo;
quindi, la costante di reticolo :
4R
a= 3
4 3 4 3
2 pR 2 pR
Fattore di impacchettamento atomico: 3 3 = 3 3 = 0.68
a 4R

3
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

STRUTTURA CUBICA A FACCE CENTRATE (CFC)

Rappresentata come un singolo atomo ad ogni spigolo


del cubo ed uno al centro di ogni faccia del cubo
Ogni atomo ha 12 atomi vicini, quindi il numero di
coordinazione 12
Esempi :
Alluminio (a = 0.405 nm)
Oro (a = 0.408 nm)
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

STRUTTURA CUBICA A FACCE CENTRATE (CFC)

Ogni cella unitaria ha 8(1/8 di atomo) atomi agli spigoli


e 6( di atomo) al centro delle sei facce
Quindi, ogni cella unitaria ha
(8 x 1/8) + (6 x ) = 4 atomi
Gli atomi sono in contatto tra loro
lungo la diagonale della faccia del
cubo; quindi, la costante di reticolo :
4R
a=
2 4 3 4 3
4 pR 4 pR
Fattore di impacchettamento atomico: 3 3 = 3 3 = 0.74
a 4R

2
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

STRUTTURA ESAGONALE COMPATTA (EC)

La struttura EC rappresentata da un atomo in ognuno dei


12 angoli di un prisma esagonale, 2 atomi sulla faccia
superiore ed inferiore e 3 atomi allinterno tra la faccia
superiore ed inferiore
Gli atomi possiedono maggiore APF avendo una struttura
EC anzich una semplice struttura esagonale
Il numero di coordinazione 12, APF = 0.74
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

POSIZIONI ATOMICHE
NELLE CELLE UNITARIE CUBICHE
Il sistema di coordinate cartesiane usato per individuare gli
atomi
In una cella unitaria cubica
lasse x la direzione che esce dal foglio
lasse y la direzione verso destra
lasse z la direzione verso lalto
le direzioni negative sono in
direzione opposta a quelle positive
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

POSIZIONI ATOMICHE
NELLE CELLE UNITARIE CUBICHE
Le posizioni atomiche sono individuate utilizzando le distanze
unitarie lungo gli assi
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

DIREZIONI NELLE CELLE UNITARIE CUBICHE


Spesso nei reticoli cristallini necessario far riferimento a
specifiche direzioni: ci particolarmente importante per
i metalli e le leghe con propriet che variano con
lorientazione cristallografica
Nei cristalli cubici, gli indici di direzione sono componenti
di vettori di direzione scomposti lungo ciascun asse, ridotti
ai minori interi
Gli indici di direzione sono coordinate di posizione di cella
unitaria dove il vettore di direzione emerge dalla
superficie della cella, convertita ad interi
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

INDICI DI DIREZIONE - PROCEDURA


Produrre il vettore di direzione finch
z
emerga dalla superficie della cella cubica
(1,1/2,1) - (0,0,0)
(1,1/2,1)
Determinare le coordinate del punto = (1,1/2,1)
di arrivo e di origine y
(0,0,0) 2 x (1,1/2,1)
Sottrarre le coordinate del punto di x = (2,1,2)
origine da quelle darrivo
Gli indici di direzione sono [212]
Sono tutti NO Convertirli allintero
interi? pi piccolo possibile
SI moltiplicando per
Ci sono vettori di un intero
direzione negativi?
NO
SI
Rappresentare gli indici in Rappresentare gli indici in
parentesi quadre senza virgole parentesi quadre senza virgole
con un sullindice negativo (Es: [121]) (Es: [212])
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

FAMIGLIA DI DIREZIONI EQUIVALENTI


Direzioni parallele hanno gli stessi indici di direzione
Due direzioni sono cristallograficamente equivalenti se la distanza tra
gli atomi lungo di esse la stessa famiglia di direzioni equivalenti

Per esempio, le seguenti linee degli spigoli del cubo, sia nella struttura
CCC che in quella CFC, sono direzioni cristallograficamente equivalenti:

[100], [010], [001], [100], [010], [001] 100

Usata per indicare collettivamente le direzioni corrispondenti agli spigoli


di un cubo; altre famiglie di direzioni sono le diagonali del cubo <111> e
le diagonali delle facce del cubo <110>
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

INDICI DI MILLER
Gli indici di Miller vengono utilizzati per riferirsi a piani di
atomi di uno specifico reticolo cristallino
Sono i reciproci delle frazioni delle intercette del piano con
gli assi cristallografici x, y, z dei tre spigoli non paralleli
della cella cubica unitaria

z
Indici di Miller =(111)

x
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

INDICI DI MILLER - PROCEDURA


Scegliere un piano che non passa
per lorigine

Determinare le intercette x, y, z
del piano

Trovare i reciproci delle intercette


SI
Frazioni ? Eliminare la frazione
NO moltiplicando per un intero
Mettere una barra per determinare il minore set
sugli indici negativi di numeri

Mettere in parentesi (hkl) dove h, k, l


sono gli indici di Miller del piano
cristallino cubico per gli assi x, y, z. Es: (111)
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

FAMIGLIA DI PIANI

Piani paralleli hanno gli stessi indici di Miller


Quindi se il piano cristallografico che stiamo considerando passa
per lorigine, il piano deve essere spostato nella stessa cella
elementare parallelamente a se stesso, in una posizione
equivalente
Due piani sono cristallograficamente equivalenti se la densit atomica
planare su di essi la stessa famiglia di piani equivalenti
Per esempio, i piani delle superfici delle facce delle celle CCC e
CFC sono cristallograficamente equivalenti:

(100), (010), (001) {100}


Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

INDICI DI MILLER - RELAZIONE

Per il sistema cubico, gli indici di direzione di una direzione


perpendicolare ad un piano cristallografico sono gli stessi degli
indici di Miller di quel piano.

Esempio: (100)
[100]

la direzione[100] perpendicolare al piano (100)

La distanza interplanare tra piani paralleli vicini con gli stessi


indici di Miller data da:
a
d hkl
=
+ +
2 2 2
h k l
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

DENSIT DI VOLUME
Densit di volume del metallo = rv = Massa della cella unitaria
Volume della cella unitaria

Esempio : il rame (CFC) ha massa atomica 63.54 g/mol e


raggio atomico pari a 0.1278 nm.
4R 4 0.1278nm
a= = = 0.361 nm
2 2
Volume di cella unitaria = V= a3 = (0.361 nm)3 = 4.7 x 10-29 m3
La cella unitaria CFC ha 4 atomi
( 4atomi )(63.54 g / mol ) 10 -6 Mg
Massa di cella unitaria = m = = 4.22 x 10-28 Mg
6.02 10 atomi / mol
23
g

rv =
m
=
4.22 10-28 Mg
= 8.98
Mg
= 8.98
g

V 4.7 10-29 m3 m3 cm3


Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

DENSIT ATOMICA PLANARE


Numero equivalente di atomi i cui centri
Densit atomica planare = r =
p
sono intersecati dallarea in esame
Area selezionata

Esempio : Nel ferro (CCC, a = 0.287nm), il piano (110)


interseca il centro di 5 atomi (quattro e 1 atomo intero).
Numero di atomi equivalente = (4 x ) + 1 = 2 atomi
Area del piano (110) = 2a a = 2a 2

r
2
=
2 (0.287 )
p 2

17.2atomi 1.72 1013 atomi


= 2
=
nm mm 2
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

DENSIT ATOMICA LINEARE


Numero di atomi i cui diametri atomici
sono intersecati da una linea di lunghezza
Densit atomica lineare = r l
=
nota in una direzione di interesse
Lunghezza della linea selezionata

Esempio : Per un cristallo di rame CFC (a = 0.361nm), la


direzione [110] interseca 2 semi-diametri ed un diametro intero.
Quindi, interseca + + 1 = 2 diametri atomici.

Lunghezza di linea = 2 0.361nm

r l =
2atomi
=
3.92atomi 3.92 106 atomi
=
2 0.361nm nm mm
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

INDICI DI DIREZIONE - ESEMPIO

Determinare gli indici di direzione di un dato


vettore.

Le coordinate di origine sono ( , 0 , )

Le coordinate di arrivo sono (, , )

Sottraendo le coordinate di origine da quelle


di arrivo:(, , ) - ( , 0 , ) = (-, , )

Moltiplicando per 4 per convertire tutte le


frazioni in numeri interi:

4 x (-, , ) = (-2, 2, 1)

Quindi, gli indici di direzione sono [221]


Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

INDICI DI MILLER - ESEMPI

z
Le intercette del piano con gli assi x,
(100)
y, z sono 1, e
y
Prendendo i reciproci, si ottiene
(1,0,0)
Gli indici di Miller sono (100) x

***********************
Le intercette sono 1/3, 2/3 e 1
Prendendo i reciproci, si ottiene (3,
3/2, 1).
Moltiplicando per 2, si ottiene (6,3,2)
Gli indici di Miller sono (632)
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

INDICI DI MILLER - ESEMPI

Rappresentare il piano (101)


Prendendo i reciproci degli indici,
si ottiene (1 1).
Le intercette del piano sono
x = 1, y = (parallelo a y) e z = 1.

Rappresentare il piano (2 2 1)
Prendendo i reciproci degli indici,
si ottiene ( 1).
Le intercette del piano sono
x = , y = e z = 1.
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

INDICI DI MILLER - ESEMPI

Diagrammare il piano (110)

(110) z
I reciproci sono (1, -1, )
Le intercette sono
x = 1, y = -1 e z = (parallela allasse z)

Per mostrare questo piano


di una singola cella unitaria, y
si sposta lorigine lungo la
direzione negativa dellasse y
di 1 unit x
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

PIANI E DIREZIONI NELLE


CELLE ELEMENTARI ESAGONALI
Piani cristallini:
si utilizzano quattro indici,
denominati indici di Miller-
Bravais (hkil)
NB: h+k=-i

Piani di base (a) e prismatici (b)


Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

PIANI E DIREZIONI NELLE


CELLE ELEMENTARI ESAGONALI

Direzioni:

si utilizzano quattro indici


[uvtw] che rappresentano
le coordinate di posizione
lungo le direzioni a1, a2, a3
ec
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

ANALISI DELLA STRUTTURA CRISTALLINA

Diffrazione dei raggi X:


Raggi X Lunghezza donda compresa tra 0.05 e 0.25 nm (valori
confrontabili con le distanze tra i piani cristallini)
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

ANALISI DELLA STRUTTURA CRISTALLINA

Diffrazione dei raggi X:


Si genera un fascio rinforzato
quando le varie onde che
lasciano i piani sono in fase tra
loro. Tale condizione si verifica
se:

n=2dhklsen (Legge di Bragg)

n=ordine di diffrazione
=lunghezza donda raggi X
dhkl=distanza interplanare
=angolo di incidenza
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano

ANALISI DELLA STRUTTURA CRISTALLINA

Diffrazione dei raggi X con il metodo delle polveri


Campione ridotto in polvere, al fine di avere orientamento casuale dei
cristalli
Combinando lequazione di Bragg e lequazione della distanza interplanare,
attraverso la conoscenza dei piani principali di diffrazione per i diversi
reticoli, dalla interpretazione di diagrammi di diffrazione si pu risalire alla
struttura cristallina