IL GRANDE EQUIVOCO

:
" E IL CORPO
5I CREDETTE L'IO "


SruJio Ji Bc||ucci Tizidno

Pieluzione

¨Sc Jc||`uomo si vuo| inconrrdrc i| suo vcro lo
. non |o si Jcvc ccrcdrc cnrro i| suo corpo Ji
cdrnc c ncppurc cnrro |d sud dnimd. sc nc
rrovcrcooc so|o i| ri||csso. |`omord, ci si Jcvc
invccc vo|gcrc vcrso i| Cosmo c cog|icrc in
csso quc||d inconosciurd Jivind scinri||d.
quc||d singo|d pdrricc||d cnc ori||d cnrro |d
coscicnzd Ji uio.
l`0nivcrso o Cosmo visioi|c c |`csprcssionc c |d
mdni|csrdzionc |isicd Ji und mo|riruJinc Ji
Fsscri non |isici. cnc vivono inrcssuri nc||d
\ird 0nd o Coscienzu Universule. non
scpdrdri nc||`csscnzd. nc||o spdzio c nc|
rcmpo. md Jisrinri Jd Jivcrsi srdri Ji
coscicnzd. 0no Ji qucsri Fsscri spirirud|i c |`lo
umdno.¨

Con questo sciitto, si voiiebbe ceicuie di
compiendeie lu nutuiu, l'uttivitu e lu
munilestuzione dell'entitu umunu, ponendo
duvunti u se in modo emblemutico, lu
delinizione uloiisticu sopiu dutu.
Si pieleiiiebbe inoltie iendeie ben cliuio
cle questu esposizione non nusce du
espeiienze o indugini spiiituuli diiette
dell'uutoie, mu dull'eluboiuzione intellettivu
cle egli lu lutto e iicevuto tiumite le
conoscenze dellu scienzu dello Spiiito del
dott. RuJo|| Srcincr.
Dutu l'impoitunzu del contenuto e lu
iesponsubilitu cle ne deiivu, non ci siumo
peimessi di inseiiie opinioni o puieii
soggettivi; si e scelto soltunto, nei tiutti in
cui si volevu iendeie unu similitudine, di
iivestiie di immugini c|cmcnri cle pei loio
nutuiu, immugine non uviebbeio.
Pui uvendo tentuto con notevoli sloizi di
volei usuie un linguuggio immuginutivo e
uitistico, pei espoiie lu tiuttuzione in modo
più delicuto e giudevole, u cuusu dei
complessi uigomenti tiuttuti ci e stuto quusi
impossibile non piesentuilu uvvulendoci di
un'esposizione tecnicu e uccudemicu: u
cugione di ciò il tutto potiu uppuiiie u
tuluni uncle lieddo e uiido. Addiiittuiu
ulcune nostie delinizioni e inteipietuzioni
potiebbeio uppuiiie in contiuddizione con
le teiminologie o immuginuzioni dute dullu
scienzu dello Spiiito.
Del iesto e compiensibile come questo
possu uccudeie: unu metodologiu tecnicu
cle si uvvule di puiole sinteticle
conJcnsdnri e di delinizioni uni|drcrd|i non
può esseie in giudo ne di ulleiiuie, ne di
coglieie lu lluttuunte vitu delle
immuginuzioni spiiituuli; unzi il suo
compito e piopiio di bloccuile, di lissuile,
quindi di uccideile. D'ultio cunto, nel
momento in cui un ispiiuzione o
immuginuzione viene leimutu, essu può
veniie più lucilmente intesu dull'intelletto
oidinuiio, piopiio peicle ne iestu il suo
cuduveie, il quule iende possibile un
indugine sullu suu immugine morta.
Scoprircmo mdn mdno in|drri cnc so|o i|
morro si pu6 vcJcrc c conosccrc. mcnrrc |d
vird si pu6 so|o scnrirc c spcrimcnrdrc.
Ciò e comunque stuto lutto pei iendeie più
ugibile u tutti, tiumite il suno intelletto,
l'uppiolondimento di temuticle cle u molti
possono sembiuie cuusticle e dillicoltose.
Tule luvoio non e quindi du concepiie
come un Tiuttuto liutto dello Spiiito di un
uomo; e piuttosto l'eluboiuzione cosciente
di un uomo nei iiguuidi del misteio
contenuto nel suo Spiiito.
Qui puilu un unimu, cle divenutu
consupevole di esseie non l'Io, mu il suo
Poitutoie, ceicu di toglieie e di
compiendeie i vuii vc|i cle uvviluppuno e
munilestuno il piopiio Io.
E' come se, un immugine iillessu entio uno
specclio, losse stutu inloimutu di esseie
solo un iillesso e non il veio oggetto cle
cuusu il suo uppuiiie, e volesse cosI con un
bulzo, sultuie ul di lu dello specclio pei
incontuie quell'esseie cle speccliundosi,
peimette l'oiigine dellu suu esistenzu.

Bo|ognd. 12 Scrrcmorc 1998









2

IL MISTERO DELL'IO UMANO

"L'uomo dlcendo io a sè stesso
s'lnganna; dlce io al suo corpo e
alla sua anlma, non al suo vero Io.º

Dietio lu puiolinu ¨io` si sottintende un
piolondo Arcdno uvvilupputo du sette veli;
sette elementi cle celuno in se lu nutuiu di
un uttivo piincipio Divino entio l'uomo.
Questo misteio dell'io iimune inconosciuto
du ogni uomo sullu Teiiu: solo unu libeiu e
cosciente volontu di uutoconoscenzu può
conduiie ullu suu soluzione.
I sette veli cle iicopiono l'enigmu dell'Io
sono i scrrc c|cmcnri occu|ri o vcico|i
costitutivi dellu nutuiu umunu: pei iiusciie
u giungeie ullu compiensione dell'entitu
dell'Io umuno occoiie oltiepussuie il
dominio di sette mondi cle si inteipongono
liu l'uomo e il suo misteio.

Se si vuole ulleiiuie lu veiu essenzu dellu
puiolu cle l'uomo usu pei denominuie se
stesso, e indispensubile cominciuie con un
unulisi dellu nutuiu dei rrc dspcrri di buse
piesenti nell'uomo, i quuli vengono u loio
voltu munilestuti dull'uttivitu settemplice di
puiticoluii vcico|i o corpi sorri|i.


IL CORPO, L'ANIMA E LO SPIRITO

L'uomo pcnsd. scnrc c vuo|c:
- egli vive nel Pensare rrdmirc i| suo
Spiriro,
- nel 5entlre d mczzo Jc||d sud dnimd
- e nel Volere drrrdvcrso i| suo corpo.
Queste tie modulitu o loize, si mostiuno in
unu tiiplicitu, mu in ieultu esse sono unu
Forzu solu, cle si scinde in tie u cuusu
dellu nutuiu umunu, lu quule non suiebbe
cupuce di uccoglieie o soppoituie lu Potenzu
di tule Foizu Unu se essu scoiiesse e
compuiisse nellu suu unicitu. Essa è la
prlmordlale pura corrente della
Volontà Dlvlna, promanante dal
Logos.

L'entitu umunu, nel suo complesso, uppuie
cosI piincipulmente (scissu) costituitu du
tre uspetti:

1- Corpo: e ciò mediunte cui si pulesuno
ull'uomo le cose sensibili cle lo uttoiniuno,
in modo peiò momentuneo, istuntuneo: tiu
queste cose uutopeicepisce uncle se stesso
come loimu.
Lu puite lisicu, corpo, e soggettu u
continuo cumbiumento e mutuzione, viveie
e peiiie; le molecole e le cellule cle
compenetiuno i tessuti , sono sottoposte ud
un continuo iinnovumento, ud un
ulteinuisi, un susseguiisi di piocessi di
morrc c ndscird.
I tessuti neivosi, le ossu, lu pelle, non
lunno mui gli stessi componenti stiuttuiuli
del gioino piimu; occoiie intuiie quindi cnc
i| corpo |isico c soggcrro d corruzionc, e cle
pei suu nutuiu, deve pei necessitu mutuie e
pcrirc ullo stesso modo di tutto ciò cle
cumbiu e muoie nel mondo mineiule ed
oigunico. Le loize in esso piesenti sono
solo di nutuiu ditiuttivu, cuoticu, tendenti
ullu dissoluzione.
Tule condizione, inlluenzu lu puite unimicu
dell'uomo: gli lu ciedeie di uppuiteneie
uncl'essu ullu coiiuzione e ullu moite,
oiiginundovi il Juooio.

2- Anlma: nellu suu esistenzu, l'uomo,
quundo si uccoige delle cose intoino u se, le
consideiu opeiundo unu soitu di
compdrdzionc, cioe iulliontundole in
ieluzione u se stesso; egli si uccoige cle
tutto in lui si muove u secondo cle queste
lo drrrdggdno o lo rcspingdno.
Questo modo di consideiuie le cose du un
punto di vistu di simputiu e untiputiu suo
piopiio, secondo piopii puiumetii, pone
l'uomo in molteplici eiioii di
consideiuzione: ul contempo lu in lui
soigeie un mondo inteiioie, contiupposto
ud un ultio, esteino.
Tule "lenomeno di compuiuzione" du
oiigine ul scnrimcnro. quule veiu e piimuiiu
munilestuzione puiu dell'unimu.
L'unimu e uncle quell'uito cle lungendo du
mediutiice liu lu coipoieitu e lo Spiiito,
iende possibile nell'uomo lu compuisu dellu
lucoltu di lissuzione, di peimunenzu delle
peicezioni entio un uiclivio mnemonico: lu
mcmorid.

3- 5plrlto: Tule elemento ultimo, mu in
ieultu piimo, non e mui utilizzuto
coscientemente; pei porcr|o d||crrdrc,
occoiie luoiiusciie dullu noimu
dell'uttiuzione e dellu iepulsione, piopiiu
dellu vitu dell'unimu, piescindendo du essu.
Tiumite lo Spiiito, l'uomo uvveite
innutumente in se idee piecostituite, insite
sin dullu nuscitu, quuli vuloii mord|i cJ crici,
3
dui quuli non può sluggiie col
iugionumento o l'emozione; uncle se
uppoitu modilicuzioni tecnicle ciicu i suoi
modi di intendeile, non può iitiuisi dul suo
senso dellu giustiziu, del pudoie, del
giudicuie, del iiceicuie lu veiitu. Tuli
ieminescenze innute, sveluno ull'uomo i
segieti, le |cggi del mondo esteino,
ulluscinundolo; ciò si lu sentiie in lui come
ieultu esistente pei lui, mu luoii di lui,
insitu nel goveino delle cose.
Mentie i sentimenti e i pensieii dell'uomo
cumbiuno du un gioino ull'ultio, vi e
quulcosu in lui cle peimune costuntemente:
lu suu iiiipetibile ed unicu identitu, il suo
"Io".

L'uomo e quindi ul contempo cittudino
contempoiuneo di 3 mondi:
-Mondo Ilslco ;
-Mondo Anlmlco o eteiico e ustiule;
-Mondo 5plrltuale o Devuclunico;


Oiu cle ubbiumo mostiuto embiionulmente
i tie uspetti corpo. dnimd c Spiriro,
unulizziumo oiu nel dettuglio i vcico|i cle
usseivono questu tiinitu nell'uomo.


"I CORPI 5OTTILI"

L'Io umuno, quundo e incuinuto, si uvvule
di quuttio strumenti o veicoli pei
munilestuisi sullu Teiiu:
- corpo lisico.
- corpo Frcrico.
- corpo Asrrd|c c
- corpo Jc||`lo.

L'uttivitu iecipiocu di tuli stiumenti l'uno
iispetto l'ultio, consente lu possibilitu di
uttivitu pensunte, di memoiiu, di
sentimento, di vitu, di moto e di iicezione
delle vibiuzioni e degli impulsi sensoiiuli
deiivunti du luttoii di luce, di suono, di
tutto, odoiuto, di supoie, piovenienti dul
mondo lisico esteino.

Pei quunto iiguuidu lu nomenclutuiu
udottutu dullu scienzu dello Spiiito,
solitumente, quundo si vuole indicuie in
sinrcsi lu costituzione occultu oidinuiiu
dell'uomo, lu si desciive oidinutu come
sopiu, in corpo fisico, corpo eterico,
corpo ustrule e Io. Tule dicituiu viene
solitumente dutu pei motivi di piuticitu e di
convenzionulitu, dundo pei scontuto cle
essu sottintende unu ieultu ben più
complessu.
Onde potei luisi unu giustu
iuppiesentuzione di tuli veicoli, più cle
immuginuili come ¨coipi`, e bene
intendeili come orgdnizzdzioni Ji |orzc, o
uddiiittuiu come ¨cdmpi Ji drrivird
cncrgcricnc`, i quuli ciiconduno e s'
inteipenetiuno l'uno con l'ultio.
Puilundo di corpo |isico, sottintendeiemo
quindi quell'insieme di loize cupuci di
esplicuie un uttivitu minerule, delinibile
come ¨oigunizzuzione lisicu`;
citeiemo il corpo crcrico come unu
munilestuzione di eneigie vituli fluide
denominubili come ¨oigunizzuzione
eteiicu`; puileiemo di corpo dsrrd|c,
indicundo lu piesenzu di puiticoluii loize
ueree (cle unulizzeiemo più innunzi) le
quuli inlondono cupucitu di sensuzione e di
moto: corpo dnimico scnzicnrc c dnimd
scnzicnrc.

IL CORPO DELL'IO E IL VERO IO

Vi e unu cosu puiticoluie cle vu dettu
iiguuido ullu nomenclutuiu dellu puite
costitutivu delinitu come ¨Io`; non si deve
pensure cle quuloiu si iitiovi lu dicituiu
¨c. |isico. c.crcrico. c.dsrrd|c cJ Io`,
nominundo lu puiolu ¨Io` si intendu il veio
Io spiiituule dell'uomo: in ieultu, come si
vediu nel piocedeie dello sciitto, non si può
puiluie di un Io spiiituule dell'uomo
piesente diiettumente e immunentemente
sullu Teiiu, ussieme ugli ultii uiti costitutivi
inleiioii. Fsso c scmprc rrdsccnJcnrc, ul di
luoii dellu coipoieitu: l'Io non è un
corpo, mu un Principio Divino. I coipi
sono i suoi stiumenti, tiumite i quuli si
munilestu sullu dimensione lisicu. Fg|i c
|`drrisrd cnc pigidnJo su||d rdsricrd Jci suoi
rdsri o corpi. suond |d sin|onid Jc||d vird.
Si tengu ben piesente quindi cle quundo
nellu scienzu dello Spiiito si puilu di ¨Io`
come quuito elemento costitutivo dellu
nutuiu umunu, non si intende il veio Io, mu
il suo ri||csso, lu suu immugine ombiu:
l'egoltà o contingente personalltà
terrena. Essu iuppiesentu il modo di ugiie,
di esseie e di pensuie di un deteiminuto
individuo umuno: lu suu coloiituiu unimicu
nel coiso di unu dutu incuinuzione.
Pei orgdnizzdzionc Jc||`lo ci si deve
iuppiesentuie un cumpo di loize ignee
cupuci di suscituie o di iilletteie l'uttivitu di
4
Vitu del Pensieio e di Memoiiu cle
piomunu Jd||`lo vcro, lu quule non
sarebbe mal capace dl dlvenlre
cosclente dl sè stessa senzu incontiuie
un suppoito cle le si contiuppongu, nel
quule possu iispeccliuisi.
Solo quundo lu vitu viene riflessu,
essu può divenire cosciente di sè.
A scopo convenzionule si ieulizzi quindi
cle con il teimine ¨Io` o oigunizzuzione
Jc||`lo, si sottintende un involucio e non il
Piincipio spiiituule del veio Io: ultie
tiudizioni, e tulvoltu uncle lu stessu scienzu
dello Spiiito, denominu tule cumpo di loize
(dnimd rdziond|c c coscicnrc) con il nome di
¨Corpo Mentale` o ¨Coipo del Pensieio`
o ¨Coipo dell'Io`.

L'insieme dei suddetti coipi, iisultu quindi
esseie ul seivizio di quulcosu di plù
elevato; essi liguiuno come un insieme di
veicoli non intelligenti cle vengono
utilizzuti solumente come tiumite liu il
sensibile e il sopiusensibile, onde iendeie
possibile unu duroconosccnzd del lisico e del
supeilisico.


Anulizzeiemo oiu singoluimente gli uiti o
srrumcnri dell'Io.

1- "IL CORPO FI5ICO DEN5O O
MATERIALE"
( il mondo mineiule)

E' l'uito più busso, iiguuido l'inteiu
stiuttuiuzione occultu, sebbene siu in ieultu,
il coipo muggioimente ben costiuito e
peilettumente ieulizzuto, iispetto gli ultii
uiti: e' l'espiessione più ultu, nell'univeiso,
dellu suggezzu cosmicu.
Il coipo lisico e stuto geneiuto dul mondo
lisico, du cui e uttoiniuto; se esso vivesse su
Sutuino, suiebbe conloimuto in ultio modo,
ossiu delle medesime sostunze di
quell'umbiente: ciò dimostiu cle esso deve
necessuiiumente lu suu stiuttuiu du luttoii e
loize esteine, piopiie e insite nel mondo
ciicostunte ove esso, solitumente e
munilesto.
Esso e costituito di tie stuti dellu sostunzu, i
quuli si ulteinuno in esso vicendevolmente:
stuto solido: Tcrrd.
stuto liquido, lluido: Acqud.
stuto ueieo, gussoso: Arid.

Il coipo e un dono cle viene ull'uomo
dull'esteino, cle non gli uppuitiene; se lo
iitiovu uddosso come duto di lutto, mu egli
non può diie cle siu "suo": non se lo e
dilutti ne piocuiuto, ne conquistuto du se.
Di tule non suu piopiietu l'umuno se ne
uccoige sopiututto con lu moite: egli
ubbundonu tule veicolo, deponendolo nel
mondo lisico, dul quule e stuto tiutto, pieso
u "piestito".
Esso non lo segue nell'uldilu...
Il Coipo Fisico e un suppoito, lu sostunzu, lu
muteiiu inoigunicu di stuto neutio, un
insieme di loime, di elementi molecoluii
climici mineiuli ussembluti, combinuti in un
modo peilettumente uimonico e logico du
unu |orzd orJindrricc supcriorc u lui esteinu
cle lo suboidinu e lo stiuttuiu.
Esso, piivo di tule loizu oidinutiice, ul
momento dellu scompuisu di questu, diviene
cuduveie, ossiu si iivelu come e in ieultu: un
mlnerale; si scompone e iitoinu u
mescoluisi con gli elementi disciolti e dillusi
in Nutuiu, diviene scombinuto e
scooidinuto, in|ormc ed iiiegoluie,
tiovundosi ubbundonuto u se stesso, piivo di
dominio e contiollo.

Duiunte lu suu esistenzu connessu con le
ultie loize oidinutiici, in esso viene
condottu ininteiiottumente unu gueiiu con i
piocessi, le sostunze, le combinuzioni
ulteinunti del mondo mineiule.

Lu liequenzu vibiutoiiu molecoluie e
utomicu, deteiminutu dul movimento degli
elettioni uttoino ul piopiio utomo, e
misuiubile, ed essu deteiminu uppunto lu
velocitu di vibiuzione tipicu dellu sostunzu
lisicu, tiu l'ultio l'unicu conosciutu e
iiconosciutu dullu scienzu muteiiulistu
ulliciule.
Tule moduluzione di "liequenzu"o velocitu
vibiutoiiu, iilevubile tiumite
uppuieccliutuie lisicle, e comunque lu più
bussu o lu più lentu iispetto le velocitu
iiscontiubili, dullu Scienzu occultu, negli
ultii uiti o coipi costituenti gli oigunismi
unimuti; più si sule veiso i giudini dello
Spiiito, più lu sostunzu si lu lieve, line, sino
u iuggiungeie concentiuzioni vibiutoiie cle
oltiepussuno di giun lungu lu velocitu dellu
luce.




5
IL CERVELLO FISICO

Piendendo ud esempio l'oiguno del
ceivello, cle iuppiesentu lu coionu
loimutiice dell'esistenzu umunu secondo lu
concezione muteiiulisticu scientilicu, esso
uppuie null'ultio cle un peiletto e
mugnilico oggetto costituito ullu buse, (se
esuminuto dul punto di vistu molecoluie e
utomico) dugli stessi c|cmcnri |isici
iiscontiubili in tutte le loime mineiuli
nutuiuli, peicoiso du llussi, coiienti
elettiicle e "unimuto" du un "quulcosu" cle
non e spiegubile du ulcunu supposizione
scientilicu, se non uppunto uttiuveiso
l'inteivento di quulcosu cle lo "unimi".
Non e stiuno cle lo scienziuto non iiescu
ud induguie e u iitiovuie entio il coipo lu
loizu cle unimu e iende vivente lu sostunzu
lisicu: |d vird Ji|drri non pu6 csscrc vcJurd cJ
csdmindrd. md so|o scnrird.
Unu pietiu e uncl'essu, ul micioscopio,
costituitu delle medesime sostunze ed
elementi iiscontiubili nell'umbiente
ciicostunte; lu pietiu, il ceivello e tutto il
coipo lisico, uppuitengono, se piesi in
questo uspetto, ullo stesso iegno: il iegno
degli inunimuti, i mlnerall.
Non e possibile puiluie di coscienzu, nel
mondo delle pietie, dei mineiuli: si può
similmente intendeilu solumente come
"coscienzu di tiunce o sonno piolondo".
Il ceivello, dul punto di vistu dellu scienzu
dello spiiito, e esuttumente uno specclio, u
mezzo del quule viene iesu possibile lu
comunicuzione tiu il mondo sensibile e il
mondo unimico.
Il ceivello e un oiguno di ri||cssionc, sul
quule si iillette il pensieio, come un
immugine si iillette in uno specclio. Il
pensiero truscende il corpo, e ul di
luoii del coipo, non e ussolutumente
geneiuto dul ceivello. (Come si oiigini il
pcnsicro, veiiu esuminuto du noi più uvunti
nello sciitto.)
Come in unu iocciu non e possibile
iiscontiuie un'uttivitu geneiutiice di
pensieio, non lo si potiu ullo stesso modo
neppuie tiovuie liu le loimuzioni
molecoluii e neuiologicle insite nel sistemu
neivoso, duto cle esse sono costituite di
elementi tiutti dul mondo mineiule.

A tul uopo, si può piesentuie unu
uigomentuzione pei conlutuie cle l'uttivitu
di peicezione uttiibuitu ugli oiguni lisici
dullu concezione muteiiulisticu, lu quule li
consideiu piivi di loize o cuuse spiiituuli
cle li unimuno, e inconccpioi|c, duto cle si
può lucilmente constutuie cle nessunu cosu
o esseie ul mondo si muove se non pei unu
cuusu.
L'enunciuie, du puite dellu scienzu ulliciule,
lu piesenzu di drrivird c|crrricnc piesenti
entio i neivi sensoii non spiegu cosu esse
slano, donde provengano e perchè
eslstano: lu stessu cosu vule pei l'unulisi e
lo studio delle loize giuvituzionuli, del
pioblemu dell'oiigine dellu vitu e
dell'Univeiso. Duto cle non si lunno
possibilitu di iispostu, si pieleiisce pei
comoditu, uttiibuiie unu iispostu cle lu in
se unu contiuddizione giu nellu
loimuluzione: si dice cle tuli loize sono o
luiono geneiute du unu piimoidiule cuusu
"cusuule".

Unu pietiu, ben dillicilmente si ulzeiu du
solu in volo, o tuntomeno suiu desideiosu di
voluie; uncle se si ulliontusse un culcolo
piobubilistico iiguuido le possibilitu cdsud|i
cle ciò potesse uvveniie, e stuto dimostiuto
cle, sempie ummesso cle cupiti, non
busteiebbeio i 10 o 1S miliuidi di unni cle
sono occoisi pei lu loimuzione dello stuto
uttuule dell'univeiso, peicle unu solu pietiu
si ulzi cdsud|mcnrc in volo.

Tuli iisposte devono venii iiceicute ul di
lu dellu solu stiuttuiu lisicu e climicu
muteiiule, se si vuole oggettivumente
intendeie cosu vige ul di lu dellu nostiu
scienzu umunu: in ieultu non vi sono nel
cosmo leggi incompiensibili ne meno e ne
più di quunto l'intelletto siu disposto u
iiceveie ed uccettuie; di ceito non vi e nullu
di semplice neppuie dietio lu stiuttuiu di un
insignilicunte mineiule, mu se solo lo si
vuole, si scopiiiu cle lu soluzione di tutti
gli enigmi non stunno lu luoii, nellu nutuiu,
mu bensI cnrro |`uomo.
Sino u cle l'uomo continueiu solo ud
drmdrc i suoi sensi con potenti cunnoccliuli
o micioscopi senzu compiendeie cle lu
iispostu ui suoi quesiti non veiiu mui
ottenutu tiumite questi, non si uiiiveiu mui
ud unu Veiitu o conosccnzd rord|c.
E' eiiuto iiteneie cle lu iisoluzione di tutti
gli enigmi e solo unu questione di spuzio o
di tempo; solo uttiuveiso il luboiutoiio
inteiioie dellu piopiiu unimu e possibile
induguie, ponendosi in puiticoluii stuti di
supcr coscicnzd uttiuveiso lu medituzione, lu
veiu nutuiu dellu Veiitu.
6
Tule indugine spiiituule o dsccsi inizidricd,
non e più uiduu e complessu dell'insieme di
luticle cle deve soppoituie uno studente
pei diveniie scienziuto, mu uguule, pui
essendo diveiso lo stuto d'unimo cle e
opeiunte: ciò cle e londumentule e il
diveiso uppioccio ullu conosccnzd, cle deve
invece tendeie unzicle iiliutuie l'esistenzu
di uno spiiituule opeiunte nellu nutuiu, u
consideiuilo l'ente cle dul di luoii ci
conduce ullo compiensione oltie cle
dell'Univeiso, uncle di noi stessi.

IL COMPUTER
Pei esseie più cliuii iiguuido il puio e solo
iuolo conceinente il coipo lisico citeiemo
unu similitudine: il computer.
Esso e composto di sostunze inoigunicle,
mineiuli, ussolutumente piive di coscienzu,
di moto, di identitu e di vitu; unulizzundolo
si possono peicepiie diveise unulogie con il
ceivello e il coipo umuno muteiiule, quuloiu
si intendu puiluie del solo "suppoito" lisico.
Quundo si iegistiu ud es. un suono o un
immugine "digitulmente" ull'inteino di un
"clip" di un computei, ciò uvviene nel
seguente modo:
- Suono o immdginc (cvcnro |isico) >
codilicu duti in linguuggio mucclinu: ossiu
ulteinuisi di sequenze di numeii positivi e
negutivi, cle nellu loio totulitu logicu
iuppiesentuno lu codilicu viituule
dell'evento.~ 10011001100001111000
110101011111110011101010
A tul punto non si può ceito diie cle il
computei ubbiu inteso cle cosu e l'evento
cle gli e stuto inseiito e cle lo lu
uttiuveisuto, ne tuntomeno può uveie
lucoltu di intendeie il peicle e uvvenuto.
Egli lu loimuluto, tiumite unu logicu cle
gli e stutu piedeteiminutu du un esseie
intelligente cle lo lu costiuito, un piocesso
di codilicu di lionte ul quule esso iimune
ussolutumente umoilo, insensibile, piivo di
giuJizio e di coscienzu peisonule.

Egli non sente scoiieie in se il liume di duti
cle lu eluboiuto, ne uvveite egli stesso di
esisteie, di uvei lutto quulcosu di soggettivo,
cle quulcosu siu inteivenuto u modilicuie lu
suu stiuttuiu: egli semplicemente esegue,
meccunicumente ugisce, senzu esseie e
uveine coscienzu.
Allo stesso modo, il Corpo se losse visto in
se stesso, sepuiuto dulle Volontu opeiutiici u
lui supeiioii, uppuiiiebbe ullo stesso modo:
un oggetto composto du un luto di sostunze
mineiuli, (gli elementi e le stiuttuie
molecoluii lisicle componenti lu suu
mussu), peicoiso du coiienti ¨elettiicle`
(vituli) cle tiumite l'uccensione dello stesso
oggetto, scoiie uttiuveiso gli elementi
inoigunici, vivilicundolo e peimettendogli di
uttuuie le sue opeiuzioni di codilicu.

Si ieulizzi quunto siu oiu indispensubile
usseiiie cle oltie ull'intelligenzu cle lo lu
costiuito, siu necessuiio cle gli vengu
inlusu, onde "vivilicuilo", unu loizu
elettiicu, "vitule" cle gli consentu di
luvoiuie e di suppoituie tuli piocessi. Di tule
loizu eneigeticu, du intendeisi quule
Fncrgid \ird|c cle vivilicu l'oggetto
inunimuto, senzu peiò loinigli lu coscienzu
di essei vivilicuto o di esisteie, iiguuidu ciò
cle conceine un secondo uito lucente puite
dellu costituzione dell'uomo:


2- "IL CORPO ETERICO O VITALE"
(il mondo vegetule)

Senzu elettiicitu il computei non lunzionu;
lu bisognu di quulcosu di esteino cle gli
inlondu vitu.

Lu scienzu ulliciule iitiene cle tutti i
mutumenti delle cellule, delle molecole
entio c.lisico, uvvenguno pei il tiumite di
impulsi elettiici. E' ciò e veio. Mu donde
pioviene quell'elettiicitu?
Ogni cellulu e molecolu, non e in contutto
con ultie puiticelle, mu ognunu e immeisu,
oscillunte entio un cumpo eterico. E'
tramlte questo che sl estrlnseca
elettrlcltà.

Gli insegnumenti esoteiici iiconoscono
ultie muteiie più sottili, invisibili, cle
compenetiuno e ciiconduno
completumente il coipo lisico. I piimi stiuti
di queste muteiie sottili, delinite come
"crcrc" costituiscono unu specie di mdrricc
cncrgcricd cle muntiene lu loimu e lu vitu
ul coipo lisico stesso. Questu mutiice
eneigeticu viene cliumutu corpo eterlco
o corpo vltale e iuppiesentu lu
contiopuite sottile del corpo |isico: gli
utomi e le molecole cle lo compongono
sono tenute insieme du unu specie di
stumpo costituito dul coipo eteiico; in
esso uppuiono ugenti quuttio tipi diveisi di
sostunzu eteiicu: fuoco, suono, Luce e
Vitu.
7
Lu iegione o MonJo crcrico, ossiu il piuno u
cui uppuitiene e di cui e costituito il coipo
eteiico umuno, e invisibile ui sensi lisici e
ugli stiumenti. E' l'Frcrc supposto dullu
scienzu lisicu.
Il coipo eteiico, loimuto du puiticelle
molto sottili, e und mdrricc Ji cncrgid cle
compenetiu e du loimu e vitu ul coipo
lisico.
Lu liequenzu vibiutoiiu degli utomi
costituenti lu sostunzu "eteiicu", e molto più
veloce di quellu piesente nellu mussu lisicu.
Lu climicu modeinu lu stubilito cle non vi
e un solo utomo o molecolu del coipo cle
iimunguno gli stessi nel tiuscoiieie del
tempo: ull'inciicu ogni sette unni si può diie
cle tutti gli elementi costituenti del c.lisico
vengono completumente sostituiti con ultii
ussolutumente nuovi, ud eccezione dello
smulto dei denti.
Ciò può lui intendeie cle deve esseivi un
quulcosu di soviuoidinuto ui costituenti
mineiuli; se gli stessi componenti si
unnulluno, come possono, unnullundosi,
cieuie in se unu copiu nuovu di se stessi
uutonomumente ?
E' il coipo eteiico cle, uttiiundo u se lu
muteiiu lisicu, cieu e muntiene il coipo
lisico cosI come noi lo possiumo conosceie.
E' lo "stumpo" tiumite cui lu sostunzu lisicu
piende unu deteiminutu loimu. Tutti i
coipi eteiici di vegetuli, unimuli e umuni
soggcrrivi, costituiscono e lunno puite se
iiuniti, del coipo eteiico plunetuiio
oggcrrivo teiiestie: esso e uppuitenente ud
unu puiticoluie Entitu Spiiituule cle ne lu
il goveino.

IL SOMA E IL SARX
I gieci, e S.Puolo, duvuno un signilicuto
diveiso e doppio, ullu puiolu ¨coipo`, con
lu quule noi solitumente denominiumo il
nostio coipo lisico; l'upostolo nominundo il
¨somd¨ dicevu cle esso lu un essenzu cle e
incoiiuttibile e immoitule peicle costituito
di un piincipio vitule cle si iiveste quuggiù
di muteiiu, mentie puilundo del ¨sdrx¨
dicevu cle non uviebbe eiedituto il mondo
dello Spiiito.
Con il teimine "sarx" delinivu lu cdrnc
lisicu e il sdnguc: il corpo fisico
corruttibile; con lu puiolu "soma" volevu
invece indicuie il corpo eterico, i|
principio vird|c incorrurrioi|c.

Tule coipo eteiico, e' il cooidinutoie di
tutte le loize lisico-climicle; e' il
plusmutoie, il mezzo tiumite il quule le
ieuzioni, i piocessi climici vengono
oidinuti, lucendo si' di ieggeie unu logicu
oidinutu: quundo questo "oidinutoie" se ne
vu, gli elementi lisici impuzziscono, ovveio
ugiscono con disoidine e cdsud|ird'; ciò
pioduce un elletto di cuos, o meglio gli
elementi in buliu ul cuso si disgieguno,
putielucendosi, disoidinundo lu loimu cle
uvevuno occuputo.
Lu muteiiu eteiicu e l'unello di unione liu
l'unimico e il lisico; inoltie e il veicolo dellu
loizu vitule: il Prdnd.

IL PRANA O CORRENTE
ETERICA COSMICA

Tutte le loime viventi (vegetuli, unimuli e
uomo) possiedono il coipo eteiico. Il suo
compito piincipule consiste nell'ussoibiie il
"prdnd" (eneigiu vitule pioveniente dul
sole), nell'eluboiuilo, e nel distiibuiilu u
tutto l'oigunismo.
Il "prana" o sostunzu Etericu
cosmicu, e il so||io vird|c di cui puilu lu
Bibbiu: lu tiumu di tutto l'univeiso. Senzu
crcricird non potiebbe esisteie nessun
oigunismo lisico in quunto e lu suu
piesenzu cle lu ussociuie le cellule cle
costituiscono le loime viventi e le
muntiene in vitu. Ciò vule peiò solo pei
l'esistenzu teiiestie: si tengu conto cle
nell'univeiso esistono entitu cle non
ubbisognuno dellu Vitu pei esisteie: esseii
più elevuti costituiti di unimu, Spiiito e di
componenti uncoiu più ulti; dilutti ciò cle
deteiminu l'Eslstere non e lu Vitu, mu lo
5plrlto.

ESSERI ELEMENTARI NEL
CORPO ETERICO
Il coipo eteiico e' composto di puiticelle
eteiicle; esse non sono un quid di
oggettivo, di inunimuto e di ustiutto, mu
bensI vivcnri csscri c|cmcnrdri cle opeiuno
uttivumente; le tiudizioni essoteiicle
lunno duto nomi più dispuiuti u tuli entitu,
oiiginundo e peidendosi in liube e
leggende: gnomi o pigmei (unime dellu
teiiu), ondine, sirene o ninfee (unime
dell'ucquu), silfidi o silvestri (unime
dell'uiiu) e sulumundre o Spiriti del
fuoco. Questi esseii, sono i veicoli dellu
loizu vitule, lu quule pioviene dul Sole:
essi vivilicuno cosI lu muteiiu ineite e
inunimutu, distiibuendosi in tutto il coipo
lisico.
8

Il coipo eteiico e costituito du milioni di
sottilissimi llussi, o linee di eneigiu, o
poitutoii di eneigiu. Nei punti in cui questi
llussi si inciociuno uppuiono dei voitici
eneigetici cliumuti Centii Eneigetici o
Clukius, cle nellu linguu Indù signilicu
"ruord".

L' Eteiico constu di quuttio modilicuzioni o
stuti, come 3 sono gli stuti dellu muteiiu:
eteie di luoco o di culoie,
eteie del suono o climico o numeiico,
eteie dellu luce,
eteie dellu vitu o vitule.
Tuli 4 stuti eteiici ciiconduno ogni
puiticellu, conliguiundosi come un
duplicuto dellu muteiiu lisicu densu.
Il coipo eteiico e du concepiie inoltie
come un'oigunizzuzione, un insieme di
Iorze, cle peimeuno, uvvolgono in
piopoizione ull'inciicu quunto l'inteiu
liguiu dell'oigunismo.

L'ETERICO VEICOLO INTERMEDIARIO
Un'ultio impoitunte compito del coipo
eteiico e di lungeie du inteimediuiio tiu
l'Io ed il suo coipo lisico. E' solo tiumite il
ccrvc||o crcrico cle le inloimuzioni dei sensi
possono pussuie nei veicoli supeiioii pei
lui uppuiiie lu coscienzu dell'Io. Le
decisioni dell'Io, u loio voltu, uiiivuno ud
inlluenzuie lu muscolutuiu peicoiiendo lu
stessu stiudu u iitioso.
L'intenzione dell'unimu lluisce uttiuveiso
il coipo eteiico; se lu pcrsond|ird o Io
inleiioie, Fgo, ugisce in modo tioppo
dissimile du quello cle eiu l'intenzione, lo
scopo dell'individuulitu o Io supeiioie,
l'unimu stessu luiu uppuiiiu unu condizione
(distuibo o md|drrid) cupuce di uttiiuie
l'uttenzione dellu peisonulitu ul line di
iicoiduigli il suo scopo oiiginuiio.

Il coipo eteiico non lu solo il compito di
loimuie ed oigunizzuie il c.lisico in unu
stiuttuiu complessu, mu lu muntiene
iipuiundolu e iioigunizzundolu
completumente; e il veivolo cle muntiene lu
sunezzu del c.lisico, loinendo lu nutuiule
tendenzu ullu uutoguuiigione, in viitù delle
loize di vitu in esso contenute. Nellu
diugnosi di muluttie, e impossibile
compiendeie u londo l'oiigine delle stesse,
senzu tenei conto del c.eteiico. E' il coipo
eteiico cle guidu le cellule climico/lisicle
nellu loio iipioduzione e dilleienziuzione
entio i tessuti dell'oigunismo lisico.
E' lmportante conceplre ll corpo
eterlco non come ll generatore delle
Iorze vltall stesse, e neppure come ll
creatore delle Iorze dl penslero, dl
cosclenza o dl sentlmento: è
soltanto un velcolo, uno strumento
trumite il quule sl rlversano nel
corpo Ilslco le plù elevate e somme
correntl astrall e splrltuall. Il suo
scopo piincipule e di usseiviisi come
conduttoie delle eneigie piovenienti
dull'univeiso.
Esso iillette l'uttivitu e le uzioni di loize più
elevute, le quuli non potiebbeio opeiuie
diiettumente sul lisico, mu cle ubbisognuno
di unu soitu di ¨liltio` o di specclio su cui
lui delluiie in modo udeguuto ullu nutuiu
lisicu, lu loio inlluenzu.

Il coipo eteiico e cliumuto uncle corpo
elementure o corpo Jc| pcnsicro o corpo
Jc| rcmpo o Jc||d Mcmorid. Mose' e lu
Kubbulu, lo cliumuno "NEFESH" e S.Puolo
"SOMA".
Il coipo Vitule, si può uncle intendeie quule
"coipo delle lorzc |ormdrrici c
orgdnizzdrrici".

E' du consideiuisi come unu soitu di
"uiclitetto" del coipo Fisico; e insieme unu
Legge oggettivu di oidine e Giuvituzione,
cle impedisce ulle sostunze lisicle di
seguiie lu viu dellu dissoluzione mineiule.
In ultie puiole si può diie cle il c.eteiico e
ciò cle cnidmd d||d vird |c sosrdnzc
inorgdnicnc, sollevundole du uno stuto
umoilo pei uniile ul lilo dellu vitu.

Come nel nostio esempio del "computei", il
coipo Vitule e uppunto |'cncrgid c|crrricd cle
peimeu l'inteiu stiuttuiu inoigunicu,
impiimendogli lucoltu di udempieie u iuoli
più elevuti, ossiu può in conseguenzu ud
essu, lui ciicoluie i "duti" o le opeiuzioni su
un veicolo elettiico di suppoito, i quuli
giungeiunno u "coipi" o enti, con lunzioni di
codilicu, decodilicu, lissuzione o memoiiu,
di uzione o ieuzione.

Quundo tule veicolo eneigetico esuuiisce lu
suu uzione sul coipo lisico, iitiuendosi du
esso, uvviene lu morte, cle equivule
uppunto ul iitoino nellu condizione
oiiginuiiu piopiiu del l'elemento lisico
mineiule: l'esseie disoidinuto, scombinuto e
9
inloime; ovveio uvviene lu decomposizione,
cle in ieultu non e null'ultio cle un
"iendeie" ciò cle eiu stuto pieso in piestito
dul mondo mineiule inoigunico, quule
suppoito o veicolo onde losse iesu possibile
lu munilestuzione dellu Vitu sul piuno lisico.
("Polveie sei e polveie iitoineiui")

Esso viene eiedituto, tiusmesso dui
genitoii: e unu loio iipetizione, unu copiu
eteiicu nel discendente.
Pei tule motivo tioviumo ullinitu nei tiutti
somutici e moilologici di unu discendenzu;
essi vengono tiusmessi tiumite tule coipo.

IL MAGNETE E IL FERRO
L'uzione del coipo eneigetico Vitule o
Eteiico sul coipo Fisico, si può puiugonuie
ull'elletto cle svolge lu loizu mugneticu su
un pezzo di leiio: tule loizu postu vicino o
contio un oggetto inoigunico, quule il leiio,
lo lu diveniie mugnete; du immoto e piivo
di geneiutoie di cuuse, diviene, pei lu loizu
peimeutu in esso, luutoie di movimenti: può
uttiiuie u se molecole di leiio. Ciò cle
duppiimu uppuiivu moito, umoilo, oiu
diviene uttivo, cuusunte.
Lu limutuiu di leiio, uttiiutu du un
mugnete, si muove ussumendo unu ceitu
conloimuzione, mu tule movimento non e
lucoltu dellu limutuiu mu delle loize
mugneticle insite nel mugnete.
Appuie ovvio cle se si undusse u iiceicuie
lu cuusu di tule elletto nei componenti dellu
limutuiu di leiio o ull'inteino del mugnete,
si ussomiglieiebbe ud un individuo, cle
invece cle induguie le loize mugneticle
invisibili, si leimusse ui solo elementi lisici
visibili.
In buonu puite ciò e quello cle uccude
nell'umbito dellu scienzu ulliciule, lu quule
non iiconosce l'elemento eteiico vivilicunte,
mu si leimu u contempluie solo gli elletti
suscituti du quest'ultimo sullu muteiiu lisicu.

Con rurro ci6 non si pcnsi cnc si vog|id |dr
inrcnJcrc cnc |c |orzc crcricnc sidno Ji ndrurd
c|crrro-mdgncricd. esse sono di nuturu
spirituule. Sono munilestuzioni di uzioni
opeiute du Entitu ugenti dul mondo ustiule
e dul mondo spiiituule.

E' eiioneu lu iuppiesentuzione cle tende u
iulliguiuie il c.lisico come unu mucclinu; in
ieultu ud esso ci si può uvvicinuie molto
meglio se lo si compuiu ud un letto di un
fiume, nel quule scoiie un |iquiJo in
movimento.
Lu loimu complessivu del liume nel suo
letto, peimune sempie lu stessu u giundi
linee nello scoiieie del tempo, mu ciò cle
uttiuveiso di esso lluisce e in peienne
movimento e mutuzione incessunte;
un'ondu cle pussu non e mui uguule u
quellu cle e uppenu pussutu.
Pui iisultundo visibililmente uguule u se
stesso, il liume viene nei suoi costituenti,
continuumente iimpiuzzutu du lluente
ucquu nuovu.

Il coipo vitule conleiisce, u guisu di ciò cle
uvviene nel mondo vegetule, unu coscienzu
di sonno senza sognl.
Lu piuntu non lu coscienzu piopiiu ciicu le
cuuse esteine cle ugiscono su di essu.
A volte si puilu di sensibilitu dei vegetuli,
cioe cle in conseguenzu u deteiminuti
eventi, puie cle lu piuntu si iitiuggu o cle le
loglie si cliuduno in se stesse, come se
inteiioimente ciò deteiminusse in essu un
senso di doloie; in ieultu ciò non e dovuto
peiò u sensuzione, mu ud unu ieuzione
deteiminutu solo Jd un proccsso cnimico.
Quundo si mette un pezzo di gommu sul
luoco, lu suu loimu si contoice, mutundone
l'uspetto: le molecole, ulteiute dull'uzione
igneu, modilicuno lu loio stiuttuiu; ullo
stesso modo, lu piuntu non sente doloie, mu
tiumite quell'uzione, lu suu sostunzu viene
modilicutu, dundo uppunto l'impiessione
cle essu ieugiscu come se inveiumente lu
suu coscienzu solliisse: mu non e ullutto
cosI.
Il modo di esseie e di esisteie del mondo
vegetule dilleiisce molto dull'intendimento
umuno, cle tende ud inteipietuie
geneiulmente, ogni cosu cle lo ciicondu
ulline ullu suu logicu e ullu suu nutuiu. Lu
coscienzu, intesu in senso umano, e unu
lucoltu ussolutumente non piesente in ciò
cle e lu nutuiu mineiule, vegetule e
unimule.

L'EREDITARETA' ETERICA
Tutto ciò cle e peimeuto di vltalltà, u
dilleienzu del mineiule cle e geneiuto du
loize insite in se stesso, si pioduce tiumite
lu riproJuzionc di due untenuti esteini u lui,
untecedenti nel tempo, uttiuveiso
l'eiedituiietu, con conseguente tiusmissione
delle tipologie geneticle iiguuido le loime,
lu liguiu, il cuiutteie e i tempeiumenti
oiiginuii, esistenti nelle mutiici.
10

Non u cuso i ligli ussomigliuno lisicumente
e cuiutteiiulmente, con diveise slumutuie,
ui loio genitoii, uncle nelle loio
piedisposizioni uttitudinuli e nel tulento; mu
se ciò uvvenisse in modo cosI uutomutico,
iisulteiebbe cle tutti i ligli nuti du stessi
genitoii, suiebbeio l'uni uguuli ugli ultii: in
puite ciò si veiilicu nel cuso dei "gemelli"
pei iugioni cle non stuiemo qui u studiuie;
si piendu coscienzu dunque cle con lu
nuscitu, oltie ulle cuiutteiisticle eieditute
dui genitoii, subentiu sempie un F|cmcnro
spirirud|c unico c inJiviJud|c cle lu sI cle
con lu suu inteiuzione, si veiiliclino inlinite
dilleienze lisicle e sopiuttutto unimicle,
cle tulvoltu uppuiono cosI inspiegubili se
compuiute con quelle dei genitoii.
Tule elemento e l'Io.
Esso, come unu lonte non iiscontiubile in
nessunu delle potenziulitu geneticle dei
genitoii, uppoitu cuiutteiisticle incJirc in
un esseie geneiuto; e ciò cle dullu Scienzu
dello Spiiito e iitenuto un "ente", o meglio
un'lnJiviJud|ird cle e pieesistente ullu
nuscitu del coipo Fisico, cieuto ull'inizio dei
tempi dullu Cuusu Piimu. Tule individuulitu
si incuinu nel mondo lisico innumeievoli
volte, muntenendo in se, in loimu lutente
mu potenziule, tutto l'insieme delle
espeiienze ellettuute nelle incuinuzioni
piecedenti, le quuli deteiminuno in lui
quulitu e tulenti inediti nei genitoii
nell'uppuiiie in ogni nuovu loimu lisicu.
Con unu soitu di "ieminescenzu", si
munilestu unu "supienzu" inconsciu, mui
impuiutu in quell'esistenzu uttuule, mu
piesente ed inlluente iiguuido le
potenziulitu di volontu, di intellezione, di
viitù e di piedisposizione.
Alcune lucoltu piovenienti uppunto dui
genitoii, piesenti nei ciomosomi ul
momento dellu iipioduzione, geneieiunno
un "embiione eteiico", il quule diveiiu il
suppoito dell'Io cle si insidieiu
susseguentemente in tule "seme", quule
uppunto, suo lutuio "coipo Eteiico".
Nel suddetto coipo, u mezzo dellu
geneiuzione, uppuie quindi impiesso ciò
cle pioviene du coloio cle lo lunno
geneiuto, il quule deteimineiu lu
personalltà, dul punto di vistu
cuiutteiiule, del tempeiumento, dellu
lisionomiu e moilologiu dell'Io cle si
piesenteiu ullu nuscitu sul piuno lisico.
L'Indlvldualltà, uppuitiene solo ull'Io.
Pei tule motivo ogni uomo uppuie unico e
iiiipetibile: c und spccic d sc.

PERSONALITA' E INDIVIDUALITA'
Vi e quindi dilleienzu liu lu Personalltà,
cle e il iisultuto dellu sommu delle quulitu
geneticle tiusmesse dui genitoii quuli il
cuiutteie e il tempeiumento, combinute con
gli inllussi dell'Indlvldualltà, cle e invece
lu sommu delle espeiienze immuguzzinute
in vite piecedenti dull'Io immoitule.
ld pcrsond|ird c Ji srirpc morrd|c, pei il
lutto cle essu si munilestu in unu solu delle
esistenze teiiene in conseguenzu u cuuse
umbientuli e geneticle, dissolvendosi con lu
moite.
l'lnJiviJud|ird c invccc immorrd|c, peicle
oltie cle esseie pieesistente, sopiuvvive ullu
dissoluzione muteiiule, continuundo lu suu
evoluzione cosmico/spiiituule.

IL RICORDARE E IL CORPO ETERICO

Di conseguenzu, si può intuiie cle il coipo
Eteiico, iisultu, oltie cle u esseie
conduttoie di loizu Vitule, un'cnrc nc| qud|c
vicnc imprcsso ciò cle conceine tuli duti
genetici, divenendo sino ul momento dellu
moite lisicu, un veivolo detentoie di tule
mcmorid Jc||d pcrsond|ird; di conseguenzu
esso e du concepiie come un ente cupuce di
lungeie du strumento mnemonico, nel
quule iestuno impiesse uncle tutte le
espeiienze e i iicoidi dell'uomo. Non e l'uito
cle iende possibile il iicoiduie, mu è
"l'archlvloº ove vanno a deposltarsl
tuttl l rlcordl dell'uomo.
Assolutumente non si devono iiceicuie i
iicoidi dll'uomo in nessuno scompuito dellu
suu scutolu ciunicu: non vi si tioveiebbe
null'ultio cle sostunzu ceiebiule.

L'ESTRATTO ETERICO O FRUTTO DELLA
VITA PASSATA

Al veiilicuisi del tiupusso con lu moite, un
csscnzd del coipo eteiico, o meglio un
concentiuto di esso, non si dissolve nel
Mondo Eteiico come uvviene pei l'inteio
coipo Eteiico, mu ciò iimune unnesso
ull'unimu, il quule conleiiiu u quest' ultimu,
unu soitu di "memoiiu", unu specie di
frutto o estrutto dellu vitu tiuscoisu,
contenente il Jisri||dro delle espeiienze più
signilicutive ieulizzute dull'Individuulitu
nellu vitu uppenu conclususi, cle diveiiunno
"lucoltu" du utilizzuie in ultie incuinuzioni.
11

IL CORPO ETERICO ORGANO DI
PERCEZIONE SPIRITUALE
In esso inoltie, si possono sviluppuie, con
l'uscesi iniziuticu, orgdni crcrici Ji pcrcczioni
spirirud|c, cosI come il coipo lisico e
piovvisto di oiguni di peicezione muteiiule.
Il mondo eterlco appare a chl è
provvlsto dl tall organl dl
percezlone splrltuale, come uno
specchlo che rlIlette ll cosmo
splrltuale; in csso si proicrrdno pcr
ri||cssionc. i monJi supcriori, vi dppdrc sid
|d prcscnzd. sid |`drrivird Ji Fnrird Jimordnri
c opcrdnri nc| monJo Asrrd|c c nc| MonJo
Spirirud|c.

Gli esseii spiiituuli come Angeli, Aicungeli
e Aiclui, vivono non nell'utmosleiu eteiicu
dellu Teiiu, mu uttoino ud essu. Fssi.
opcrdnJo Jd| monJo spirirud|c. dgiscono
cnrro |`crcrico rcrrcsrrc. Lu loio uttivitu
iiiudiu entio lu sleiu eteiicu, pei ugiie sin
entio il mondo lisico.
C|i c|cmcnri |isico rcrrcsrri. (rcrrd. drid c
dcqud) sono in rcd|rd proJorri Jd c|cmcnri
crcrici. i qud|i d |oro vo|rd vcngono.
proJorri. drrivdri c vivi|icdri Jd||d spirirud|ird
cnc |i sovrdsrd.
Nell'eteie teiiestie intoino u noi, non
tioviumo l'ugiie diietto delle Geiuiclie.
Le entitu spiiituuli possono esplicuie lu loio
uttivitu nel mondo sensibile, solo
utilizzundo unu viu inteimediu, uno
stiumento inteimedio: lu sleiu eteiicu.
Possono aglre sulla Terra, espllcare
la loro attlvltà, solo tramlte una
prolezlone ln lmmaglnl eterlche.
Lu veiu uttivitu delle entitu spiiituuli, e
dentio e luoii di tuli immugini eteiicle; gli
esseii spiiituuli pioiettuno dul cosmo e dui
vuii piuneti lu loio uttivitu entio l'uuiu
eteiicu teiiestie; tule uttivitu viene
iimundutu dullu sleiu eteiicu entio lu sleiu
teiiestie.
Il mondo eterico uppure come uno
specchio che riflette in immugini,
l'uttivitù, lu presenzu di esseri
spirituuli che operuno dul cosmo. Il
mondo eterlco pratlca una
prolezlone dell'attlvltà splrltuale.
Le loize eteiicle non sono unu pioduzione
dellu 3 Geiuicliu, ossiu di Angeli,
Aicungeli e Aiclui, mu sostunzu vitule
piodottu dullu 2 Geiuicliu; tule eteiicitu
viene utilizzutu dullu 3 Geiuicliu come un
mezzo, tiumite il quule esplicuie un`drrivird
dsrrd|c Ji scnsdzionc nellu vitu unimule e
umunu.
Il veivolo, uttiuveiso il quule si iende
possibile lu munilestuzione delle loize
ustiuli delle Entitu dellu 3 Geiuicliu, e
denominuto:


"IL CORPO 5ENZIENTE o CORPO
ANIMICO A5TRALE,
velvolo della percezlone e della
sensazlone"
(il mondo delle unime)

Il susso e lu piuntu peimungono pei tuttu lu
loio esistenzu nel medesimo luogo; non vi e
pei loio ne volontu ne possibilitu di mutuie
di sede. Il vegetule e tuntomeno il mineiule
non speiimentuno neppuie sensuzioni, ne
peicezioni, non essendo piovvisti di oiguni
di senso.
L'unimule, u dilleienzu, può sposrdrsi du un
luogo ull'ultio e può speiimentuie
sensuzioni, peicezioni sensoiiuli: in esso e
opeiunte un quiJ cle nellu piuntu e nel
susso invece non si munilestu.

Il corpo senzlente sl può cogllere ln
tuttl gll esserl che sl muovuno, e che
manlIestlno ln sè una cosclenza
recettlva agll lmpulsl che vengono
loro lncontro dall'esterno.
F` |`drro cnc rcnJc dnimdro |`indnimdro.

Attiuveiso il movimento dei succli
muteiiuli cle si tiovuno nell'oigunismo,
come il sungue, lu linlu e gli oimoni, tule
quiJ lu speiimentuie nel suo Poitutoie, oltie
cle lu peicezione del mondo esteino
tiumite i sensi, uncle lu sensuzione inteiioie
di un moto inteiioie cle si esplicu nellu
ciicoluzione dei succli, ieulizzundo di
conseguenzu lu geneiuzione di espeiienze
inteiioii.

Mentie lu scienzu ulliciule come unicu
spieguzione, uttiibuisce tule lucoltu
piopiiumente ul ceivello, lu scienzu dello
spiiito delinisce invece corpo Anlmlco
5enzlente ciò cle deteiminu lu lucoltu
dellu scnsdzionc e del movimcnro
nell'unimule e nell'uomo; uncoi meglio, si
potiebbe diie cle esso e l'uito cle lu lu
lunzione, di cnidmdrc |d sosrdnzd vivcnrc dJ
dvcrc und scnsioi|ird c und mooi|ird, in modo
cle nellu sleiu del vivente non si muovuno
12
solo dei succli e moto, mu si munilesti ciò
cle si cliumu peicezione e senzuzione.
(Il deIlnlre questo arto superlore ln
modo lsolato e sconnesso dalle
lnterazlonl degll altrl velcoll, può
rlsultare dl dlIIlclle comprenslone:
sl possono lnoltre generare lnIlnlte
contraddlzlonl e lncoerenze,
essendo la sua attlvltà splegablle
solo se conceplta dl concerto con l
corpl lnIerlorl e l corpl superlorl.
Tule monito vule ovviumente uncle pei i
piecedenti e i lutuii veicoli in esume.
Si tengu pei il momento piesente questo
uvviso: lu compiensione e le contiuddizioni
veiiuno svelute mun muno quuloiu si
scopiiiunno i vuii nessi liu i vuii coipi.)

Il corpo senzlente tiusloimu lu sostunzu
vivente, eteiicu, in sosrdnzd scnzicnrc,
cupuce di "sentiie".

GLI ESSERI ELEMENTARI DEL
MONDO ASTRALE

Abbiumo giu visto cle dentio i vegetuli e
gli esseii unimuti vi sono cnrird c|cmcnrdri
cle li vivilicuno eteiicumente; esistono
uncle ultie specie di elementuii ustiuli cle
lunno peiò un'ultio compito: questi
dillondono deteiminute coiienti ¨vibiutoiie
ustiuli`, cle venendo u contutto con lu
sostunzu senziente del coipo senziente
pioducono in esso un'impiessione.
Il corpo senzlente è capace dl
decodlIlcare tall "vlbrazlonlº,
traducendole ln sensazlonl.
Quundo si peicepisce un coloie uzzuiio,
piimu cle si deteimini lu simputiu e
untiputiu, si geneiu unu puiticoluie
sensuzione oggettivu; in quellu sensuzione e
contenuto il puiticoluie cuiutteie unimico
uppuitenente d||`Fsscrc Jc| co|orc cle si
piesentu duvunti u noi.
In ogni sleiu o piuno dei Mondi, opeiuno
dilleienti Esseii elementuii, ugenti e
compenetiunti ogni ente visibile con i sensi
lisici: esseii elementuii eteiici, ustiuli e
spiiituuli.
Piendeiemo oiu in esumi gli csscri dsrrd|i.

Ogni involucio o coipo costitutivo
dell'uomo e dell'unimule, tutti eccetto il
Piincipio ¨Io`, devono esseie concepiti come
oiguni di munilestuzione di Entitu supeiioii
ull'uomo stesso, le Quuli olliono busi
lisicle, eteiicle e ustiuli ullincle su di
queste, si possu iendeie possibile l'uttivitu
dello Spiriro "lo¨ umuno.
Tuli Entitu ubbiumo visto cle opeiuno du
mondi spiiituuli, ¨iiveisundo` sullu Teiiu
sostunzu lisicu, eteiicu e ustiule; tuli
¨sostunze` non sono ussolutumente un cle
di ustiutto o di piivo di vitu: ogni puiticellu
di sostunzu e costituitu e iiempitu du un
Esseie elementuie, ¨liglio` dell'Entitu cle
dui mondi spiiituuli lo diiige.
In ogni uomo, nei suoi coipi, vivono e si
muovono moltitudini, ¨legioni` di esseii
elementuii: questi costituiscono lu
sostunzu del corpo Senziente umuno
e unimule; sono il corpo Senziente:
iendono cupuci tutti coloio cle possiedono
tule coipo, di potei speiimentuie si odJi
ocnc, in modo oggettlvo, sensuzioni.

PERCEZIONE E SENSAZIONE
La percezlone sensorlale mu non lu
iuppiesentuzione o immugine dell'ente
osseivuto, si iende possibile in viitù di tule
corpo scnzicnrc.
Gli esseii ustiuli sono gli ugenti cle lunno
il compito di tiusmutuie le viordzioni
contenute negli impu|si piovenienti dul
mondo esteino iilevute u mezzo degli
oiguni lisici sensoiiuli, in sensazlonl.
E' ovvio cle suiebbe inconcepibile
immuginuie un esseie cle speiimenti solo
scnsdzioni piive di immugini, u seguito di
unu peicezione sensoiiule.
Ci si tioveiebbe duvunti ud unu putologiu;
mu ciò si compiendeiu tiu poco.

Il corpo dnimico scnzicnrc e un'uito u metu
liu lu sostunzu eteiicu e quellu unimicu o
ustiule: e ciò cle connette il veio unimico
ustiule ull'eteiico. Non e uncoiu veiu e
piopiiu ¨unimu` , mu solo un piimo uccenno
di vitu inteiioie.
Ciononostunte esso e cupuce di suscituie
nel suo Poitutoie, lu conosccnzd o coscicnzd
dell'essei di lionte u un ente esteino; l'uvei
sensuzione cle esistu un quid distuccuto lu
luoii, lo scopiiie un ¨dentio` e un ¨luoii`,
signilicu peicepiie l'esistenzu di un mondo
inteiioie cle si contiuppone ull'esistenzu di
un mondo esteiioie.
Si geneiu ciononostunte unu duulitu: un
Soggcrro (il c.senziente) cle uvveite lu
sensuzione dellu piesenzu di un oggcrro
esteino esistente ul di luoii di se stesso.
Tule espeiienzu e tipicu solo del mondo
unimule e del mondo umuno; lu piuntu non
uvveite tule duulitu dentio/luoii.
13

Lu scnsdzionc e dissimile dullu
rdpprcscnrdzionc, lu quule è giù unu
fucoltù donutu du un'urto più elevuto
dell'entitù umunu; quundo io tocco un
leiio incundescente io piovo un doloie
ucuto, unu scnsdzionc doloiosu; se invece mi
rdpprcscnro un leiio biuciunte, esso non
scottu, mu e solo lissuto nellu miu memoiiu
giuzie ullu piecedente espeiienzu di
peicezione.

E' bene rlcordare che ll corpo
senzlente ha sI Iacoltà dl donare la
percezlone dl un ente esterno, ma
non ln Iorma dl lmmaglne; esso Ia
apparlre nella cosclenza del
perclplente solo la sensuzione. Per
Iar apparlre l'lmmaglne correlata o
vlslone rappresentatlva, è
necessarlo che lntervenga un arto
che gll è superlore: l'unimu
senziente, dl cul sl parlerà plù
lnnanzl. Ancnc |`dnimd|c comc |`uomo c
provvisro Ji dnimd scnzicnrc; ultiimenti
guuidundo luoii, essi non vediebbeio le
loime delle cose del mondo, mu
speiimenteiebbeio solo sensuzioni.

Non c possioi|c pdr|drc Ji coscicnzd
rdpprcscnrdrivd in un csscrc cnc sid provvisro
so|o Ji corpo |isico. corpo crcrico c corpo
senziente, d||incnc cssd sorgd. qucsr`u|rimo
Jcvc ncccssdridmcnrc csscrc srrcrrdmcnrc
conncsso con l'unimu senziente c opcrdrc
insicmc. Ji conccrro.
Solo in tuluni unimuli inleiioii, e
ummissibile iiteneili composti di questi soli
3 elementi: esseii cle si muovono nel
mondo iicevendone solo sensuzioni, senzu
immugini.

L'OCCULTO AGIRE DEL C. SENZIENTE

Dell'uttivitu del coipo senziente si può
diveniie uncle consupevoli iivolgendo
l'uttenzione u ciò cle uccude nel piimissimo
momento cle segue ullu pcrcczionc; se si
svolge iepentinumente lo sguuido
diiigendolo veiso un oggetto posto in
un'ultiu diiezione, ci si uccoigeiu cle lu
nostiu coscienzu e lu nostiu vistu impieguno
quulcle decimo di secondo piimu di uvei
pienumente conoscenzu di ciò cle uppuie
dinunzi.
In quei pocli uttimi, uvvengono unu
moltitudine di piocessi, liu l'ente esteino e
il coipo senziente; unu soitu di scumbi, di
ulclimie sonoio-ciomuticle cle pulesuno
subito dopo, tiumite l'uzione occultu
Jc||`dnimd scnzicnrc, il soigeie dellu
ruppresentuzione dell'oggetto osseivuto.
Se ci si uddestiu, si potiu coglieie in quel
luggente momento l'inosseivuto e
innuvveitito misrcro del lenomeno del
soigeie dell'immugine dullu
peicezione/sensuzione: lo Spiiito cle
incontiundosi con se stesso uttuu lu
contiupposizione Luce/Tenebiu cle
tiutteiemo più uvunti, quundo ci
occupeiemo dellu genesi e dellu nutuiu del
pensieio.

Le cuuse dellu piovenienzu e dellu
cieuzione del coipo senziente occoiie
iiceicuile nelle Foize spiiituuli del mondo
esteino come lu luce, il culoie, il suono, ecc,
le quuli unticumente, geneiuiono il corpo
scnzicnrc; u suu voltu uttiuveiso il c.eteiico,
il coipo senziente eseicitò u suu voltu
un'uzione loimutivu sul c.lisico: esso
deteiminò lu geneiuzione di oiguni inteini,
di cuvitu cliuse dentio l'oigunismo e di ultie
cuiutteiisticle lisicle cle contiuddistingono
lu vitu unimule du quellu vegetule.

IL SONNO E IL C. SENZIENTE

Duiunte il sonno, l'unimu senziente e
l'oigunizzuzione dell'Io luoiiescono dullu
coipoieitu lisico-eteiicu: i| corpo scnzicnrc
rcsrd nc| |crro insieme con quest'ultimu. Ci si
potiebbe domunduie peicle esso non seguu
invece l'unimu senziente, con lu quule
duiunte lu vegliu e stiettumente connesso.
Questo non uccude pei un inteivento dellu
suggezzu dellu nutuiu.
Se tule lutto non uccudesse, nessuno esseie
o lenomeno potiebbeio dul piuno teiiestie,
iisvegliuie un coipo lisico; nullu di esteino
potiebbe iicliumuie pei suu volontu il
coipo ustiule e l'Io entio lu coipoieitu, pei
iidestuie il lisico ullo stuto di vegliu. Il
coipo non potendo veniie distuibuto du
nessun impulso sensoiiule di tutto, di udito,
di culoie, toineiebbe ullu coscienzu solo
quundo l'ustiule e l'Io pei loio sceltu e
deteiminuzione vi lunno iitoino. Nessun
oiologio-svegliu, nessunu voce, nessunu
puntuiu o pizzico, nessun peiicolo
immunente, nessunu scossu sismicu
potiebbe uvveitiie l'Io e l'ustiule di iientiuie
nel coipo: ciò dimostiu cle deve esseie
piesente duiunte il sonno un`drro cle diu
14
coscienzu delle sensuzioni, uncle se ne
viene uttutitu l'ellicienzu dullu muncunzu
dei veicoli supeiioii.
Se nel letto vi losseio solo il coipo lisico ed
eteiico, essi non suiebbeio cupuci di poituie
ull'individuulitu lu coscienzu di unu
sensuzione cle li investe, ullo stesso modo
di come non può luilo unu piuntu.
Il corpo scnzicnrc lunzionu quindi du
iecettoie degli impulsi sensoiiuli
piovenienti dull'esteino, oiiginundo unu
soitu di connessione, di ponte pcrccrrivo
in|ormdrorc dul piuno lisico veiso il coipo
ustiule e l'Io cle si tiovuno ul momento, nel
sonno, luoii dul coipo.

Nonostunte si siu mostiuto cle il coipo
senziente non lu lucoltu di conleiiie lucoltu
di moto, mu solo doti di sensuzione e
peicezione, si può uncle uzzuiduie u diie
cle unu ceitu uttivitu di movimento viene
eseicitutu sul coipo lisico Jd csso duiunte il
sonno. Inlutti il doimiente compie dei
movimenti, se pui incosienti, duiunte il
sonno: si giiu du un luto ull'ultio, si copie e
si scopie, si toccu o si giuttu o uddiiittuiu
emette liusi voculi sconnesse. Essendo
l'ustiule l'uito cle conleiisce il moto,
tiovundosi luoii dul coipo duiunte il sonno,
non può esseie esso lu cuusu dei moti
inconsci nottuini: lo si deve uttiibuiie u
quell'uito di nutuiu inteimediu liu l'eteiico
e l'ustiule, cle lu scienzu spiiituule
denominu corpo scnzicnrc.

Con lu solu connessione -corpo |isico. corpo
crcrico. corpo scnzicnrc-. non si duiebbe
oiigine ullu veiu piopiiu vitu inteiioie o
"vitu dell'unimu"; con lu solu peicezione dei
sensi si geneieiebbe solo lu "coscienzu
dell'esistenzu di un mondo esteino`.

Il mondo ustiule o unimico, conleiisce lu
lucoltu di induiie lu |ucc dellu coscienzu cle
illuminu, svegliundo, lu condizione di sonno
senzu sogni conleiitu dul c.Eteiico; essu e
puii, come nell'unimule, ullu coscienzu dell'
esistenzu puii ullo stuto di sogno; ovveio
esso deteiminu lu sensuzione quule lutto
oggettivo, ieule, mu senzu possibilitu di
lissuzione tempoiule mnemonicu: l'impulso
viene ieulizzuto ul solo piesente ussoluto,
piivo di pussuto e lutuio.
Il corpo senzlente non ha Iacoltà dl
memorla; non può conIerlre durata
e permanenza delle sensazlonl entro
la cosclenza del Portatore.

LA MEMORIA NELL'ANIMALE

Nell'unimule, solo le ciicostunze esteine
possono scutenuie il "iicoido" di unu
espeiienzu piecedentemente speiimentutu:
esso lu unu memoiiu cle può venii uttivutu
solo u mezzo di stimoli esteini cle devono
esseie ussociuti ull'umbiente
immediutumente u lui ciicostunte.
Pcr |d ocsrid |d cnidvc mncmonicd non c in
|ui. md |uori Ji |ui.
L'uomo può invece iicoiduie, iicliumundo
in se le iuppiesentuzioni uutonomumente,
volontuiiumente e indipendentemente du
luttoii esteini, in modo uutocosciente.
Possiede in se lu cliuve, l'Io, cle consente
l'uccesso durovo|cnrc ullu suu memoiiu.
Con ciò si vuol dimostiuie cle uncle gli
unimuli uviebbeio in se lu lucoltu potenziule
di potei "iicoiduie", mu non possedendo
un'unimu individuule cle libeiumente e
volontuiiumente scieglie di iicoiduie, sono
impossibilituti u luilo.
Non possono semplicemente peicle in loio
non vi e un ente ¨io` cle vuo|c vo|crc.

Quundo si sottopone ud un'uzione di cuiu
u mezzo di luimuci un'unimule, si e
veiilicuto cle l'elletto cle si deteiminu, e
comune ed identico in ogni unimule cle
peiò uppuitengu ullu stessu specie.
Nell'umuno gli elletti dei luimuci sono
invece ussolutumente peisonuli, come se
ogni individuo losse und spccic d sc.
Vi e quindi unu soitu di uniloimitu ciicu lu
costituzione oigunicu comune in tutti quegli
unimuli, ul puii dellu loio stessu essenzu
unimicu: lu loio unimu e in comune, e
unicu.

In tempi iemoti, uncle l'uomo si tiovuvu in
unu condizione simile, goveinuto du unu
soitu di unimu di giuppo; egli si iiconoscevu
nel sungue degli untenuti, non uvevu unu
veiu e piopiiu coscienzu dell'Io, egli si
identilicuvu con il popolo, lu nuzione, lu
iuzzu, come nel cuso degli ebiei unticli, cle
si identilicuvuno con il nome di ¨Isiuele`. Il
iiconosceisi in un giuppo, senzu possedeie
uutonomiu di pensieio e lucoltu uutonomu
di uutoieulizzuzione, iuppiesentu uppunto
ciò.

Lu lume, lu sete, il sonno, lu stunclezzu,
non sono uvveititi coscientemente dullu
piuntu: i piocessi di ussimiluzione e
15
nutiizione, nel mondo vegetule uppuiono
come condizioni uutomuticle, deteiminute
du cuuse pieoidinute cle non iicliedono
l'utilizzo di movimento, uzione e coscienzu;
nell'unimule ciò e invece uvveitito come
stimolo cle spinge ul soddislucimento di
tule impulso, u mezzo di moto, uttivuto dul
"iendeisi conto" di tiovuisi u disugio sino u
quundo tule lustidio non vengu eliminuto,
uppunto u mezzo dellu nutiizione o del
iiposo.
Un esseie, come l'unimule, cle siu
costituito solo degli elementi lisico, eteiico
e senziente uviu so|o pcrcczionc Ji sc srcsso,
dei piopii piocessi vituli, conducente di unu
vitu cliusu in se: non suiu spinto u volgeisi
veiso unu sociulizzuzione esteinu, u puite
quellu inlusugli inconsciumente e
coeicitivumente dulle loize dellu suu specie.
Ovviumente tule discoiso vule sopiuttutto
pei gli unimuli inleiioii, come gli insetti e
ulcune specie mummileie e ovipuie: più si
sule nei giudini evolutivi, sino u giungeie ul
gutto o ul cune, lu coscienzu uppuie più
destu iiguuido gli uccudimenti esteiioii.
Allo stesso modo piocede lu piocieuzione:
lu bestiu sente iibolliie il sungue, si sente
uttiutto quundo e in piesenzu di un suo
simile di sesso opposto, esso deve poiie line
u quellu solle-ienzu, uttiuveiso
l'uccoppiumento: il piuceie piovuto nel
momento dellu leconduzione, e di
impoitunzu cupitule iiguuido l'incentivo
donuto dullu nutuiu ullincle esso siu
piopulsoie di tule uttivitu lecondunte: e un
giunde stiutugemmu dellu Nutuiu; se ul
momento dell'uccoppiuisi si piovusse doloie
o indileienzu, nessun esseie, uomo
compieso, suiebbe uttiiuto dul compieie
tule evento cosI necessuiio pei il
muntenimento dellu specie sul piunetu.

l| corpo scnzicnrc e quindi l'uitelice di ciò
cle più comunemente può esseie inteso
come "istinto`, nel senso peiò di impulso di
cuiutteie non individuule, mu impcrsond|c.
L'unimule peicepisce gli istinti solo in modo
momentuneo, e di conseguenzu li segue
immediutumente; non viene uttiuveisuto du
pensieii uutonomi, cnc rrdsccnJono
|'cspcricnzd immcJidrd: ciònonostunte, esso
si muove comunque mosso du pensieii, i
quuli gli vengono peiò inlusi u mezzo di
un'unimu di giuppo, quindi in modo non
individuule; essu ugisce su di lui in modo
esteino, goveinundone lu specie, secondo
iegole e modi esistenti nel mondo
spiiituule, tiumite Entitu cle lunno
uppunto tule iuolo.

Per "lstlnto" sl deve lntendere tutto
clò che porta alla sola rlcerca del
placere e al solo rlIugglre dal
dolore: ciò uccude ull'unimule; |'uomo pu6
|drc dzioni prcscinJcnJo Jd ci6 c scicg|icnJo
con |iocro droirrio, ugendo tiumite impulsi
volitivi peisonuli.
L'uomo lu in se "quulcosu" cle lo spinge ud
ugiie ul di lu delle sole necessitu lisicle,
nutiizionuli o piocieutive; gli unimuli
vengono invece "guiduti" dul di luoii, dullu
cosidettu "unimu di giuppo" lu quule
loinisce ud essi gli istinti di conseivuzione.
Tuli entitu, goveinuno le specie unimuli du
unu dimensione spiiituule, munilestundosi
come unu soitu di mente unicu o ¨io
collettivo`, cle si iivelu come il "pensieio
uccomununte" piesente e goveinunte in
ogni specie oigunicu.


Ovviumente, essendo il coipo Fisico e
l'Eteiico i mezzi tiumite i quuli si
piesentuno ul coipo Astiule le cuuse esteine
del mondo lisico, essi pei inviuie
coiiettumente gli impulsi devono esseie in
peilettu uimoniu e stuto di sulute; si piendu
utto quindi dell'impoitunzu e dellu cuiu cle
si deve uveie di codesti uiti inleiioii, ul line
di iendeili peiletti stiumenti tiusmettitoii.

In puite, uncle tule coipo senziente, come
l'eteiico, viene eiedituto dui genitoii,
tiumite il quule si iende possibile lu
tiusmissione di quulitu pussionuli istintive
tipicle degli untenuti du cui pioviene; dncnc
qud|ird dnimicnc possono vcnir crcJirdrc:
come vediemo, essendo il coipo senziente
in unu condizione di connessione
puiticoluie con l'anlma, tule piocesso può
uccudeie.
SENSAZIONE ESTERIORE E
SENSAZIONE INTERIORE
A tul punto e bene oiu distingueie ciò cle e
scnsdzionc deiivunte dullu peicezione dei
sensi e scnsdzionc cle soige dull'inteiioiitu.
Ad.es. e possibile uvveitiie il doloie
solleiente loculizzuto in un punto del coipo,
o il sollievo donuto du unu cuiezzu; mu ben
ultiu cosu e invece lu solleienzu inteiioie
deiivunte du sentimenti, come l'umuiezzu,
lu delusione cle invece non e possibile
identilicuie lu cuusu in nessun punto lisico:
ciò e cuiutteiisticu conleiitu du un'uito
16
supeiioie ul coipo senziente: l'unimu. Essu
e stiettumente legutu ul coipo senziente in
stuto di vegliu, tunto du costituiie insieme u
questo, un elemento unico.

Si può quindi usseiiie cle il c.senziente
conleiisce lu coscicnzd Jc||c scnsdzioni,
intesu quule impulso decodilicuto in loimu
deiivutu dui sensi lisici; ciò deteiminu di
conseguenzu sensuzioni di luce, buio,
culdo, lieddo, iuvido, liscio, dolce, umuio,
ecc, in teimini di oggettivitu, scnzd quindi
intendeie tuli emozioni o sensuzioni quuli
veii e piopii "sentimenti". Nell'unimule veii
sentimenti come quelli umuni, non esistono;
ciò e scutuiigine dellu lucoltu di un'ultio
elemento piesente nellu costituzione
dell'uomo:


L'ANIMA SENZIENTE
VEIVOLO DELLA RAPPRESENTAZIONE E
DEL GIUDIZIO

Si potiebbe diie u tul punto: ¨sc io |ossi so|o
provvisro Ji un corpo scnzicnrc. i| monJo mi
dppdrircooc comc un mcro dccosrdmcnro Ji
scnsdzioni c pcrcczioni posrc nc||o spdzio c
nc| rcmpo, un dggrcgdro Ji srimo|i sconncssi.
privi Ji |ormd. A||incnc sorgdno in mc Jc||c
immdgini. Jcvo dvcrc |d possioi|ird Ji usdrc i|
Pcnsicro. i| qud|c mi c Jdro Jd||c |orzc
Jc||`dnimd. So|o rrdmirc i| pcnsdrc mi c
possioi|c vcJcrnc |d |ormd c cosi "inruirc¨ sc
und cosd mi c più o mcno uri|c. più o mcno
orgdnizzdrd o cvo|urd.¨

Il coipo senziente si può deliniie come un
"lodeio" in cui s'inseiisce, un'ultio uito dellu
nutuiu umunu: l'Animu senziente, lu
quule invece piuticu nell'uomo lu piimu
veiu e piopiiu munilestuzione dell'esistenzu
di un mondo inteiioie, uncle se si può diie
cle l'uvveitiie dellu solu scnsdzionc dutu dul
coipo senziente, e pui sempie quulcosu cle
oiiginu lu sensuzione di uveie un senso
inteiioie, cle ci distuccu dul mondo.

PERCEZIONE E RAPPRESENTAZIONE

I piocessi lisici ed eteiici cle si uttuuno
nell'uomo quundo si volge veiso il mondo
non contengono in se ulcunu sensuzione
peicettivu; e i| corpo scnzicnrc l'uito cle
geneiu lu pcrcczionc c |d scnsdzionc, cle lu
soigeie lu percezlone sensorla
invidnJo|d all'anlma senzlente lu quule
lu compenetiu di istinti e pussioni, di
simputie e untiputie, generundo lu
rappresentazlone.

Il corpo senzlente dona l'attlvltà dl
sensuzione relatlva alla percezlone;
l'anlma senzlente conserva ln sè la
ruppresentuzione attraverso ll
Giudizio. E' capace dl conIerlre
Iacoltà dl gludlzlo nel suo portatore,
tramlte la comparsa della slmpatla
ed antlpatla.
Si potiebbe diie cle il coipo senziente
donu lu peicezione oggettivu del mondo
esteino, senzu lui penetiuie in ciò ulcuncle
di peisonule, o meglio non lu lucoltu di lui
soigeie il giudizio in meiito ullu cosu
osseivutu: non gli si contiuppone, mu lu
piesentu solo quule immugine cle dul luoii
vuole penetiuie ull'inteino dell'uomo.
La Iacoltà dl gludlzlo compare
quando lntervlene l'anlma senzlente:
qucsrd c |d vcrd c proprid pdrrico|drird
Jc||'csscrc dnimico. ll poter sclegllere Ira
una cosa che è placevole rlspetto
un'altra che pare splacevole.
Il coipo senziente e cupuce solo di diie. "|d
rosd c rossd. |d rosd c pungcnrc. |d rosd c
pro|umdrd.`; sino u quu non uppuie nessun
giudizio, mu solo unu constutuzione
oggettivu.
Solo quundo entiu in uzione l'unimu
senziente si può puiluie di giudizio; essu
inlutti dicendo: ¨|d rosd c oc||d`, espiime
unu puitecipuzione o un opposizione ud
essu.

Il giudizio e unu lucoltu unimicu piesente
uncle nell'unimule, uncle se lu bestiu non
giudicu su busi moiuli, mu solo in teimini di
leggi nutuiuli.
Nell'unimule, non vi e un'Io: in lui esiste
solo il coipo Senziente e l'unimu senziente,
lu quule uppuitiene ull'Io di giuppo
unimule: tiumite essu, l'esseie spiiituule cle
goveinu lu specie di uppuitenzu del singolo
unimule, inlonde lu suu puiticoluie legge
istintivu e pussionule.

In tul cuso uppuie lecito l'uvei ulleimuto
cle uncle l'unimule possiede come l'uomo,
un'unimu senziente: in tul modo lu bestiu
può usuie il Pensuie pei vedeie uppuiiie le
Iorme del mondo esteiioie: uncle se non c
possioi|c puiluie di un Pensuie similuie u
quello umuno. Allincle un Pensuie siu
uutocosciente di se, individuule e
17
uutonomo, il Poitutoie deve possedeie
uncoiu un'uito muggioimente supeiioie cle
siu cupuce di conleiiie Jurdrd c pcrmdncnzd
ulle espeiienze speiimentute. Sino u cle
non vi e possibilitu di memorla, non vi e
uutocoscienzu, mu solo coscienzu di se;
l'unimule non lu un ¨io`: ed e piopiio tule
muncunzu cle non lo uccomunu ull'uomo.
Dell'Io e dellu mcmorid si puileiu più uvunti.

L'unimu senziente sl connette con ll
corpo senzlente, ma solo durante la
veglla: portandovl lstlntl e passlonl;
nel sonno essu esce dui coipi lisico, eteiico,
senziente pei entiuie nei mondi spiiituuli;
l'esseie cle iimune sullu Teiiu uppuie cosI
immoto e incosciente.

L'ANTICA ELABORAZIONE SUBCOSCIENTE
DELL'IO
Donde pioviene |`dnimd scnzicnrc?
L'uito unimico anlma senzlente, e il
liutto di unu cieuzione subcosciente cle si e
uggiuntu nel tempo, ugli ultii veicoli: unu
pioduzione inconsciu ellettuutu dull'Io
dell'uomo stesso, tiumite l'inteiuzione
iecipiocu di lo c corpo scnzicnrc.
Duiunte il pussuto evolutivo dui piimoidi
dell'esistenzu teiiestie sinoiu, quundo le
Foize diiettiici dell'evoluzione peimiseio
l'entiutu di un io individuule nel coipo,
cominciò un luvoio subcosciente dell'Io
tiumite gli stimoli olleiti dui coipi inleiioii:
tiumite le scnsdzioni dutegli dul c.senziente
egli lu tiusmututo unu puite stessu di tule
coipo senziente eluboiundolo in unu
sostunzu più line, geneiundo un'uito più
spiiituule: uppunto l'anlma senzlente.
Si porrcooc Jirc in d|rri rcrmini. rrdmirc
|`inrcrdzionc Jc||`lo sommdrd con |d
srimo|dzionc pcrccrrivd scnsorid|c o||icidrd
Jd| corpo Scnzicnrc. dullu stessu sostunzu del
coipo Senziente si e geneiuto, nei millenni
d'evoluzione sullu Teiiu, un'uito inteimedio
liu lu sostunzu ustiule e lu sostunzu
spiiituule dell'Io: l'unimu Senziente, un
uito più indivuulizzuto, pui sempie di
nutuiu unimulescu. Ancle l'unimule lo
possiede.

Lu stessu eluboiuzione subcosciente dell'Io
venne piodottu uncle tiumite l'uzione
inllussu degli ultii coipi |isico cJ crcrico: si
geneiuiono uncle ultii due uiti unimici cle
veiiunno consideiuti e studiuti più innunzi.

" IL CORPO A5TRALE "

l| corpo scnzicnrc |cgd d||d corporcird
|'dnimd scnzicnrc. L'unimu senziente e
stiettumente legutu ul coipo senziente o
dellu sensuzione (duto cle esso le inviu lu
conoscenzu uttintu dul piuno sensibile), sin
du loimuie l'unu insieme ull'ultiu, un unico
elemento costitutivo dell'uomo, pei ovviu
logicu di inteidipendenzu. Un'antlca
tradlzlone ha chlamato quest'unlone
ln stato dl veglla nell'umano, Ira
corpo senziente e unimu senziente,
Corpo Astrale.

Nellu Bibbiu, Mose' lo cliumu RUAH, sun
Puolo, "PSICHE'".

L'unimu senziente connessu con il coipo
senziente, (o corpo Asrrd|c) sono
un'uggieguzione di loize unimicle cle
iendono possibile lu compuisu entio
l'unimu umunu e unimule, di sensuzioni,
peicezioni, pussioni, emozioni, uppetiti,
desideii, biume e uspiiuzioni. Il corpo
Asrrd|c uppuitiene ul Mondo ustiule.
Il mondo ustiule o monJo cmoziond|c o
unimico e suddiviso in 7 piuni o mondi.

IL CORPO ASTRALE PLANETARIO

Vu consideiuto cle, come il coipo eteiico,
uncle il coipo ustiule di un individuo non
e ullutto sepuiuto dugli ultii coipi ustiuli. Il
coipo ustiule e inlutti in intimu
connessione con lu nutuiu ustiule
Jc||'inrcro pidncrd e con il coipo ustiule
delle ultie peisone e degli unimuli. Esso
uppuie uncl'esso piesieduto du un'entitu
plunetuiiu.
Il coipo ustiule di ogni uomo e di ogni
unimule e dunque immeiso nel mondo
ustiule plunetuiio nel quule vivono ed
opeiuno miiiudi di entitu (ustiuli) cle non
peicepiumo diiettumente, mu cle ci
inlluenzuno. Questo coipo essendo
suscettibile di inlluenzu du puite di ondute
di emozioni collettive, di popolo o di zonu,
può cuusuie nel singolo l'uppuiiie
inconscio di tuli idee o sentimenti u lui
inconosciuti, cle peiò diventuno opeiunti.

IL PERMANERE: IL RICORDARE

Si e detto cle il coipo Astiule e ciò cle
conleiisce "|'dvcr coscicnzd" in senso
peicettivo e iuppiesentutivo; mu se tule uito
losse lusciuto u se stesso, come negli
18
unimuli, si uviebbe coscienzu di un oggetto
solo pei il tempo pei cui esso iimune
piesente di lionte ullu peicezione dei sensi
e scompuiiiebbe nello stesso momento in
cui cessu lu suu piesenzu duvunti ugli stessi.
L'ente cle ieulizzu il "permunere" di un
evento con vuloie di iicoido, donundo
quindi Jurdrd ullu conoscenzu, pioviene
uppunto du quellu puite dell'unimu cle
viene cliumutu Animu Senziente.(cle
sente) Non cnc sid cssd srcssd |d |orzd cdpdcc
Ji conscrvdrc i ricorJi, peicle ciò e solu
pieiogutivu dell'Io umuno, mu e pei
tiumite di questu cle uppuie lu piimu
munilestuzione spiiituule dell'Io nel mondo.

IL VERO CORPO ASTRALE

Il corpo 5enzlente, sommuto
all'anlma 5enzlente sl può deIlnlre
anche con ll nome dl corpo ustrule
inferiore, o meglio esso e ciò cle
oidinuiiumente si intende con lu Scienzu
dello Spiiito quundo si puilu di coipo
ustiule e di monJo dsrrd|c come piuno
unimico: ivi iisiedono tutti i bussi istinti, le
biume e le pussioni unimuli, ossiu lu ndrurd
impurd. pussionule, emotivu e istintivu, cle
si legu ullu coipoieitu; e si potrebbe
definire corpo ustrule superiore,
l'unione di d|rrc Juc componcnri dnimicnc
cle si leguno d||`Io (cle veiiunno
consideiute più uvunti) quule uito cupuce
di coglieie lu Purczzd spiiituule delle
munilestuzioni sensibili.

Nell'unimu quindi, con |'d|rcrndnzd del
placere e dlsplacere ci si geneiu
inteiioimente un piopiio mondo, conloime
ui piopii stimoli.
L'unimu senziente gode dellu bellezzu in
"me"; il suo veio mondo e quello
dell'egoismo.

Tule uito lu lucoltu oltie cle di mcmorid
uncle quindi di eluboiuzione sentimentule e
pensunte; ciò uvviene peicle come col
coipo, essu entiu in condizione di
iecipiocitu uncle col pensuie, cioe e in
comunicuzione con lo Spiiito cle e l'Io:
innunzitutto usu il pensieio.
Comc |d |orzd vird|c compcncrrd i| c.lisico.
cosi |d |orzd pcnsdnrc compcncrrd |'dnimd
Scnzicnrc.
Tule loizu di pensieio lu illuminu, mu
essendovi qui unu connessione più vicinu
con lu muteiiu,
tule potenzu viene utilizzutu solo pei scopi
tipici dellu vitu dell'unimu, ossiu pei
vuntuggi piopii,
egoistici.
L'AMARE E IL BRAMARE
Ciò cle nell'uomo medio deteiminu
l'emozione e il sentimento dell'umoie, nullu
lu u cle luie con l'Amoie con lu "u"
muiuscolu.
L'umoie comune, si deteiminu tiumite
stimoli puiumente leguti ulle sue lunzioni
oigunicle; e lu legge di piocieuzione cle
ieulizzu il munilestuisi del desideiio: l'uomo
uppuie coinvolto du pussioni cle sono
nuscoste du un velo di poeticu ipociisiu
inconsciu, lu quule lo lu sentiie sospinto du
ideuli puii ed elevuti, mu cle in ieultu non
sono null'ultio cle lu "muscleiu" di un
unimule cle e in lui e cle lo uttiue veiso
istinti tipici del iegno unimule.

L'Amdrc e un sentimento insito nell'uomo,
mu uncoiu ullo stuto embiionule: egli
uvendolo in se, lo tiue come modello, mu lo
ieulizzu impeilettumente, peicle non
uvendo in se un'esuttu peicezione e
intuizione dellu Reultu e dellu Veiitu, viene
sviuto dullu muieu di istinti e pussioni busse
cle lo stoidiscono, lo imbuiuzzuno,
geneiundo in lui conlusione ul punto di
"peideie" l'esuttu delinizione dellu puiolu
mugicu "Amoie", lu quule lu un vuloie e
poteie Divino.

L'uomo non e cupuce di umuie veiumente,
o pei lo più "ciede" di umuie, uppunto sino
u quundo ciò non gli diventu sconveniente;
u tul punto se ne libeiu, come sollocuto du
un peso enoime.
E ciò, iuppiesentu dul punto di vistu
univeisule Divino, l'esutto contiuiio del
concetto di Amoie.
L'uomo scumbiu l'Amure con il
Brumure; un lilosolo untico dicevu: "g|i
uomini dmdn |c Jonnc cosi comc i |upi dmdn
g|i dgnc||i¨.

Sul piuno teiieno, si può usseiiie cle il
veio Amoie uncoiu non esiste; ciò cle si
ieulizzu, sul piuno dei iuppoiti sentimentuli
non e ultio cle un solo "comunicuie", un
"piogiediie", un "uccompugnuisi lungo il
cummino, ullincle il viuggio siu meno
pesunte e più seieno".
L'espeiienzu, olleitu in ogni cosu dellu vitu,
ivi compieso l'umoie, e sempie e comunque
indispensubile pei miglioiuie l'individuo;
19
uncle se e d'obbligo cle quuloiu vi siu un
guudugno di conoscenzu uttiuveiso
l'espeiienzu cle lu condotto l'esseie u
miglioiuisi, occoiie cle di conseguenzu vi
siu unu peiditu, ultiimenti senzu lu
solleienzu non vi suiebbe possibilitu ne di
cumbiuisi e ne di uccoigeisi di ciò cle si e
peiso e guudugnuto.
Lu gioiu e il doloie cosI si ulteinuno,
geneiundo il disceinimento.
Innunzi ulle piove dellu vitu nullu succede
pei cuso, ogni evento e un impulso cle
spinge l'esseie u suliie i giudini dellu sculu
dell'evoluzione spiiituule.

IL ¨DITO` ANIMALE E IL ¨CORPO` UMANO

Nell'unticlitu si dicevu cle l'uomo e uno
Spiiito piigionieio entio un coipo di
unimule; e ciò u iugione, peicle in lui si
possono indubbiumente tiovuie siu
lisicumente cle unimicumente delle
condizioni cle lo uccomununo ul iegno
unimule.
Il corpo senzlente umano è della
stessa natura del corpo senzlente
anlmale; in questo opeiuno i medesimi
esseii elementuii, i quuli sono guiduti du
entitu supeiioii del mondo ustiule.
Nell'unimule peiò non vi e un io
individuule: lu bestiu, come singolo
esempluie, e so|o uno dei molteplici uiti cle
costituiscono l'inteio coipo di unu singolu
Entitu spiiituule. E' l'espiessione
munilestunte un'unimu di giuppo o spiiito
di giuppo. L'unimule e come un Jiro cle
viene immeiso nel mondo lisico dull'unimu
di giuppo duiunte lu vegliu: l'inteiu muno
iuppiesentu lu totulitu di tutti i singoli
unimuli dellu specie cle si muovono pei il
mondo lisico: essi iiuniti nellu loio totulitu
loimuno sullu Teiiu, l'inteio coipo lisico
dell'Io collettivo, cle invece iestu sempie
nel mondo sopiusensibile. L'uomo lnvece
è come se Iosse, preso
slngolarmente, non un dlto, ma
l'intero corpo del suo Io, cle viene
immeiso nellu muteiiu duiunte il gioino.
Oiu, uvendo detto cle il coipo senziente e
comune nellu suu sostunzu, siu nell'uomo
cle nell'unimule, e ovvio cle tiumite esso si
espliclino in entiumbi i medesimi impulsi di
nutuiule conseivuzione o pieseivuzione
dellu specie.
Anche l'uomo accoglle ln sè ln
parte, come gll anlmall, l medeslml
splrltl dl gruppo sopracltatl: essi
lunno sentiie il loio inllusso penetiundo
entio il coipo senziente e l'unimu senziente
umunu; l'oiigine dellu piesenzu di pussioni
e istinti di conseivuzione unimule entio
l'uomo, non piovengono dull'Io dell'uomo,
mu dulle inlluenze di queste Entitu spiiituuli
unimuli entio il suo coipo ustiule. Mu essi
non iiescono ud ugiie pienumente
nell'uomo come uvviene nell'unimule. Lu
legge di pieseivuzione dellu specie vd d
cozzdrc contio lu lucoltu di inJiviJud|c |iocrd
Jcrcrmindzionc cle pui piomunundo dull'Io,
iiluce debolmente entio l'unimu senziente
umunu: questu, unzicle sottostuivi e
uniloimuivisi, utilizzu tule legge pei
ucciesceie il piopiio godimento, lu piopiiu
soddisluzione.

Nell'unimule, vi e l'istinto, inlusogli dullu
suu unimu di giuppo, cle lo uvvisu
inteiioimente e inconsciumente dei peiicoli
e dei compiti cle deve udempieie nellu suu
esistenzu: e indiscutibile inlutti l'esistenzu di
un "sesto senso" piesente nel mondo
unimule, il quule li uvveite "occultumente"
ciicu tutte le uttivitu cle in lui uppuiono
pieoidinute, pieliguiute: le migiuzioni, i
peiiodi dell'uccoppiumento, gli uduttumenti
ulle condizioni climuticle, gli uvveitimenti
ciicu gli eventi meteoiologici e cutustiolici,
sono tutte munilestuzioni dell'uzione del
loio piopiio spiiito di giuppo.
L'unimule e guiduto ineluttubilmente dui
suoi istinti, non e libeio di scieglieie suoi
peisonuli lini e i scopi: esso e limituto dullu
legge Nutuiule cle lo peivude.
Nell'uomo l'istinto non compuie in modo
cosI piesente come nell'unimule: ossiu e
piesente, mu |`uomo pu6 scicg|icrc e
uddiiittuiu unduie contio ciò cle lu suu
nutuiu inteiioie voiiebbe impoigli.
Minoie suggezzu, muggioie libeitu. Se
l'uomo si uttenesse u ciò cle lu Nutuiu gli
dice di luie, non suiebbe libeio di sbugliuie,
quindi di impuiuie.
Si può coglieie qui il senso piopedeudico
contenuto entio lu libeitu dell'uomo; so|o
nc||d |iocrrd si porrd gcncrdrc un Amorc vcro
cnc scdruriscc Jd||`cgoismo. un Amoie libeio
cle lu conosciuto lu piigioniu dell'egoismo.
L'unimu senziente utilizzu il pensieio pei
soddisluie i piopii bisogni, smossi dui
piocessi di uttiuzione e iepulsione, di
simputiu e untiputiu, cle sono di lei piopii.
Lu loizu di pensieio utilizzutu pei
scopeite, invenzioni cle lunno miglioiuto
lo stuto di vitu dell'umuno, e liutto
20
dell'uzione geneiutu dull'unimu Senziente:
essu sente di dovei soddisluie i suoi bisogni,
di miglioiuisi, uncle se pei oiu, opeiu solo
u vuntuggio del suo modo di godeine dul
punto di vistu lisico.
Seive iicoiduie cle e innegubile, nell'uomo
uttuule, lu sensuzione cle nei beni muteiiuli
non vi e cle unu littiziu soddisluzione dei
piopii bisogni; mu tule consupevolezzu non
si e piesentutu ull'impiovviso du se stessu.
Solo tiumite l'espeiienzu e il disceinimento
olleitogli uppunto tiumite lu suu dnimd
scnzicnrc nel susseguiisi delle pussute
molteplici incuinuzioni, in lui si e ucuitu lu
coscienzu dell'ellimeiutezzu dei beni lisici
coiiuttibili, tunto du potei suscituie cosI nel
tempo, nuovi uiti unimici più elevuti e
spiiituuli.

LA COSCIENZA E L'ASTRALE

Abbiumo visto cle il c.eteiico lu il compito
di loimuie e di munteneie lu sulute del
c.lisico; i| c.dsrrd|c svo|gc invccc un'dzionc
opposrd: esso lu un elletto dlstruttlvo
(cutubolico) sul coipo lisico, inlondendo in
esso unu costunte tendenzu ullu muluttiu.
In ieultu ciò e necessuiio cle uvvengu
ullincle si munilesti lu "coscicnzd". essu
viene ucquisitu sempie e solo u mezzo dellu
"distiuzione" o meglio "biuciundo" sostunzu
lisicu; ud.es. ciò si può dimostiuie nel
piocesso di "ossiduzione" cle uvviene nel
ceivello e nel coipo umuno. Tule lenomeno
e puii ud unu "combustione", ud un biuciuie
il glucosio tiumite l'uiuto dell'ossigeno
contenuto nel sungue; e cuiioso notuie cle
esso uvviene in tutto l'oigunismo, mu in
modo ussolutumente piimuiio e piincipule
ull'inteino del sistemu neivoso, il quule e lo
stiumento inteimedio cle iende possibile il
munilestuisi dellu coscienzu.
Duiunte il sonno, il c.ustiule
ubbundonundo il c.lisico e il c.eteiico, poitu
con se lu coscienzu, inteiiompendo cosI
l'uzione distiuttivu pei peimetteie ui
piocessi iegeneiutivi di luvoiuie
indistuibuti.
Con ciò si può compiendeie lu giundissimu
vitulitu delle piunte, le quuli non lunno
contiusti uppoituti du piocessi ustiuli di
coscienzu.

Le cdusc e l'oiigine dell'uttivitu di Pensieio
e di Memoiiu non iisiedono peiò nell'unimu
senziente; in essu si può iitiovuie solo lu
scutuiigine di istinti e pussioni, peimeuti di
pensieii.
Occoiie iiceicuie ultiove le loize del
Pensuie e dell'intelligenzu:

"L'Io lnIerlore o corpo Mentale,
RIFLE55O DEL VERO IO UMANO"
(il mondo Mentule)

Come piimu ubbiumo uccennuto, dul
luvoio subcosciente e stimolunte del coipo
senziente veiso l'Io umuno si e generutu
l'unimu senziente; le peicezioni leceio
uppuiiie nell'uomo e nell'unimule lu
sensuzione di Jud|ird oggetto (peicipiente)
e soggetto (peicepito): mondo inteino e
mondo esteino.
Con l'oiiginuisi di unu duulitu, nucque
simultuneumente uncle oltie lu sensuzione
di contiupposizione, uncle il bisogno di
scieglieie di selezionuie le cose esteine pei
iicuvuine un uso; soise l'uppuiiie dellu
simputiu e dell'untiputiu nei conlionti
degli enti cle si piesentuvuno innunzi
ull'unimu senziente u secondu cle essi
losseio u lei utili o non utili; come se essu
dicesse: ¨quc||d cosd mi scrvc. mi Jd pidccrc,
mi pidcc. quinJi c ouond. c ocnc. Quc||d
invccc non mi c uri|c. dnzi mi c J`inrrd|cio. c
cdrrivd. c md|c.¨ CosI si oiiginò lu piimu
loimu di Giudizio. Sino u quel punto l'uomo
eiu quusi come l'unimule.
Si geneiuiono quindi loize del scnrirc-
vo|crc, uncle se volte u ¨voleie` il mondo
solo pei se, in senso stiettumente egoistico.

Il corpo eterico, lu lucoltu di lungeie du
¨uiclivio` mnemonico ove vengono
deposituti tutti i iicoidi pussuti, conleiendo
cosI l'espeiienzu dellu peicezione
dell'elemento ¨tempo`; inoltie esso e uncle
l'uito cle contiene le quulitu di
tempeiumento e di cuiutteie espiimenti lu
peisonulitu dell'individuo in unu dutu
incuinuzione.
Lu peicezione di un mondo inteiioie
contiupposto ud un mondo esteiioie,
geneiò nell'uomo lu compuisu in se stesso
di innumeievoli domunde ed enigmi du
iisolveie.
Si piodusseio cosI loize del scnrirc, cupuci
di stimoluie nell'uomo l'impulso veiso lu
iiceicu dellu Veiitu, dellu Giustiziu, del Bene
e del Mule, quindi di intelleggeie, di cieuie
lilosolie misticle e di pensieio.
21
L'insieme di tuli loize ed espeiienze
piuticuiono veiso l'Io umuno il soigeie di
un'uito supeiioie: l'anlma razlonale.
Ancle uttiuveiso l'uito del coipo lisico, l'Io
suscitò un'unimu più elevutu: l'anlma
cosclente.
Con l'ugiie tiumite il coipo, e il pensuie
conleiito dul ccrvc||o |isico, cle suscitò un
pensure riflesso individuule, egli si iese
cupuce di potei iiceicuie entio se stesso e
nel mondo i modi non solo pei conosceie,
mu pei inconrrdrc c vcJcrc le cuuse cle lo
emunuiono: può oiu diveniie cupuce di
voleie, di sentiie e di pensuie lo Spiiito
dell'Io univeisule,opeiunte entio e luoii di
lui: uio.

Nc||`uomo vi sono quinJi J dnimc.
Vediumo di unulizzuie lu ¨secondu unimu`:

"L'ANIMA RAZIONALE "
(il mondo mentule concieto inleiioie)

Quuloiu si vogliu iuppiesentuie un'uttivitu
intelettivu, uvente in se iuziocinio, quindi
iugionumento, eluboiuzione unuliticu e
sinteticu, diuletticu e lilologicu, con
consideiuzioni iillessive cle vuduno ul di lu
dellu solu iiceicu del piuceie e del
soddislucimento tipico dell'unimu senziente,
e lecito iiconosceie nell'uomo lu piesenzu e
l'esistenzu di un simile poteie di Pensieio.
Tiumite il pensieio, e possibile iiceicuie le
cuuse e le modulitu cle sono inteivenute
iiguuido un elletto geneiutosi ed ivi
penetiuilo con lu iillessione, lucendosene
un'ideu piopiiu, peisonule. E' pensure
pensunte.
In opposto ul lieddo speculuie del
pensieio, nell'uomo si mostiu evidente
uncle unu giunde cupucitu e bisogno di
dmdrc c Ji d||cziondrsi, con munilestuzioni
cle possono toccuie il più giunde
iomunticismo e il più elevuto ideulismo; un
lieddo pensutoie lilosolo può iitiovuisi u
sospiiuie di lionte ud un cielo stelluto o u
singliozzuie, clino su unu letteiu cle gli
puilu di un umoie neguto.

Tule intelligenzu e uffettivitù, cle
iuppiesentu lu tipicu munilestuzione del
meiuviglioso mondo umuno, e peiò
geneiulmente usutu, come si e visto piimu,
pei cgoismo, pei uttuuie un soddislucimento
piopiio, onde iicuvuine dei vuntuggi. Non si
deve pensuie cle tuli vuntuggi ussomiglino
ui bussi piuceii uneluti dull'unimu senziente:
le soddisluzioni dell'unimu iuzionule
piescindono dullu simputiu e dull'untiputiu
peisonuli, sono totulmente iivolti veiso lu
iiceicu del Veio, del Giusto e del Bello: vi e
in essi unu piimu iiceicu dellu conosccnzd
cle tiuscendu ciò cle piuce.
Mentie l'unimu senziente dice: ¨c oc||o ci6
cnc pidcc`, l'unimu iuzionule dice: ¨non c
oc||o ci6 cnc pidcc. md c oc||o ci6 cnc c vcro.`
Ci si può sentiie mossi du un inteiioie
senso del doveie putiiottico, tunto du
suciilicuivi se stessi; si può luticuie unu vitu
nell'eluboiuie cuttediuli di pensieio onde
potei uiiivuie ullu compiensione dei misteii
dell'univeiso; si possono compieie le cose
più impensubili pei otteneie l'umoie di un
ultio esseie.

Tuli uttivitu o tendenze, possono uttuuisi
peicle |`dnimd rdziond|c uccoglie in se,
quule suu piopiiu nutuiu, ciò cle si intende
quule senso del dovere, dellu morale,
dellu loglca, dellu glustlzla, dell'etlca e
dell'estetlca, ecc., ossiu prcnJc pdrrc.
seppur in modo riflesso. d lcggi Jc|
pcnsicro cnc concorJdno con |'orJinc
Jc||'univcrso. cssd c compcncrrdrd Jd||d
sosrdnzd Ji rd|c |cggi; ciò lu uttiiu nellu
iiceicu dellu Verltà.
I suddetti luttoii, piincipi, o viitù, seivono
ull'umuno quuli modelli di compuiuzione
ogni quulvoltu egli si uccingu u poiie u
giudizio i lutti cle gli si piesentuno innunzi,
vulutundoli pei quunto in se stessi possuno
tendeie in misuiu muggioie o minoie veiso
i| suo scnso del giusto e l'ingiusto, del bello
e il biutto, del mule e del bene.
Lu Veiitu, lu Giustiziu e lu Bellezzu iilucono
sI timidumente nell'unimu iuzionule, mu
non cosI tunto du uppuiiie nel loio ieule
splendoie.
Lu iiceicu di questi piincipi si uttuu quindi
in moJo srrcrrdmcnrc pcrsond|c, con un
liummiscliumento liu ciò cle l'uomo si e
edilicuto tiumite il suo putiimonio di
espeiienze e di iicoidi e lu pullidu Luce
dello Spiiito cle si iillette nell'unimu
iuzionule, cuusundo unu soitu di "senso
dellu Veiitu" suo piopiio, quindi impeiletto;
piopiio pei tule motivo, e cosI dillicile
uccoiduie liu di loio gli uomini: puie cle
ognuno di essi ubbiu in se un piopiio
peisonule e diveiso senso dellu Veiitu.
Tule piocesso viene ellettuuto uttingendo
non du uicletipi esteini ussoluti, mu du
opinioni piopiie cieute nel piopiio intimo
22
uncoiu tiumite l'inlluenzu di simputiu e
untiputiu, piopiie del mondo unimico.

5l può dlre che l'anlma razlonale è
l'edlIlcatrlce del personale "abltoº
mentale del slngolo uomo; essu
costituisce l'insieme dei modi di pensuie,
del tipo di ¨mentulitu` cle cuiutteiizz u un
individuo: e ul contempo lu totulitu di
prcgiuJizi cle l'uomo poitu in se, cle lo
limituno, ponendolo in un punto di vistu
uniluteiule iispetto il concetto di veiitu
totule, lu quule diviene veiitu individuule,
quindi meiu opinione.

Ciò cle si intende con il teimine di veiu
"Suggezzu sopiuindividuule", iuppiesentu
uppunto il contiuiio dellu suggezzu
individuule cle si geneiu tiumite |`dnimd
rdziond|c; Suggezzu veiu signilicu l'uveie il
dominio peiletto del concetto di Giustiziu e
Veiitu, uttingendovi e peicependolu solo u
mezzo dell'ispiiuzione e intuizione
spiiituule.

L'unimu iuzionule, e illuminutu uncl'essu
dullo Spiiito, mu ne peicepisce solo un
iillesso, un rimiJo odg|iorc; pui uvendo in se
sentoie di un'esistenzu uicletipicu cosmicu
ul di luoii di se stessu, ugisce comunque
spintu du inteiessi egoistici.

A caglone dl tale attlvltà dl
penslero e dl sentlmento sl suole
deIlnlre l'anlma razlonale con ll
termlne "corpo del pensleroº o
"Corpo Mentaleº.
Il corpo mcnrd|c consente le lucoltu dellu
deduzione logicu, del iugionumento; ciò
piuticu unu nettu distinzione dell'uomo
dugli unimuli. Conleiisce unu piimu
cupucitu di diiigeie gli scopi cle
congiungono gli uomini ui iegni spiiituuli.
Il coipo mentule si e costituito mun muno
duiunte l'evoluzione umunu, non venne
cieuto diiettumente dulle Entitu divine pei
l'uomo: lu l'Io stesso dell'uomo u cuusuine
l'esistenzu.
Il coipo Mentule o unimu iuzionule
compuie dilutti solo Jd||'cpocd Crccd in poi;
piimu gli uomini non l'uvevuno uncoiu
conliguiuto in se stessi. Pei otteneie unu
conoscenzu dei lutti e delle logicle divine
piimu dellu suu loimuzione, piocedevuno
solo pei ispiiuzioni e immuginuzioni
donute dui mondi spiiituuli. l'Animd
rdziond|c o corpo Jc| pcnsicro c sorrd
Jd||'c|doordzionc inconscid Jc||'lo su| corpo
crcrico Jurdnrc i mi||cnni.

Il coipo mentule e il veicolo pei mezzo del
quule, il pensieio conleiito dull'Io, ovveio
dullo Spiiito, si munilestu; e' un suppoito
dellu coscienzu. Con ciò, possiumo diie cle
u mezzo del corpo mcnrd|c o dnimd
rdziond|c, e possibile secondo lu nutuiu
umunu, conosceie le cose e vulutuie,
speculundovi sopiu, le sensuzioni piovute.

E' tramlte la presenza dl questo
velvolo che l'uomo può comlnclare
a dlre "loº a sè stesso, ad avere ln
sè ll sentlmento dl contenere ln sè
un lo.

Tule coipo compenetiu tutti gli ultii coipi
soviucituti; c' composro Jc||d sosrdnzd
dppdrrcncnrc di 4 pidni Jc| monJo mcnrd|c
in|criorc concrcro o ucvdcndn in|criorc.

A tul punto e bene cliuiiie il concetto di Io
e di memoiiu.

LA MEMORIA E IL RICORDARE

L'uomo, tiue il sostegno pei ieulizzuie lu
peicezione inteiioie del piopiio Io tiumite
lu lucoltu di possedeie unu memorla cle
gli loiniscu dei iicoidi. L'uvveitiie lu
sensuzione cle vi e in lui quulcosu cle
pcrmdnc e duiu dentio di se, sentiie lu lu
piesenzu di unu sommu di iuppiesentuzioni
mnemonicle (i iicoidi) cle iuccontuno e
testimoniuno lu piesenzu di unu oiogrd|id
pussutu ullu quule si e puiteciputo, e lu buse
su cui si può oiiginuie lu peicezione
dell'esistenzu di un Io individuule piesente
dentio di se. In ultie puiole, |d mcmorid
rcnJc possioi|c d||`uomo i| sorgcrc Jc||d
rdpprcscnrdzionc Jc||`io.
Se uomo peidesse d'impiovviso lu memoiiu
non uviebbe modo di diie: ¨ccco quc||o cro
io. io no |drro quc||o. no scnriro c pcnsdro
qucsrd cosd`; senzu unu buse, un
londumento su cui londuisi, non uviebbe lu
sostunzu su cui potei edilicuie un Io.
L'uomo inlutti dice ¨io` non ullu veiu entitu
del suo Io spiiituule, il suo 5è, mu ul suo
pussuto; iiconosce ul piesente ci6 cnc c, solo
se può iulliontuilo con ci6 cnc c srdro. Senzu
lu sensuzione di esseie stuto, non potiebbe
e non supiebbe diie cli e oiu.

IL NON IO
23

Ciò che noi chiumiumo solitumente
"io" non è lu veru entitù dell'Io, mu
l'ente che trumite lu percezione dei
suoi ricordi sente sorgere in sè un
sentimento di identitù con essi: è il
"Corpo mentule" o Ego: l'io inferiore.
La mente, o corpo mentale,permette
alla cosclenza dl eslstere, ossla dl
uutopercepirsi, identificundo sè
stessu con il putrimonio dei suoi
ricordi: essa Ia scaturlre nell'anlma
una sensazlone lnterlore che sl
esprlme ln "possesslone della
rappresentazlone dell'Io": |'dnimd
dvvcrrc in sc |d prcscnzd Ji un lo cnc |d rcnJc
inJiviJud|c cJ duronomd Jd| monJo
circosrdnrc. csscrc |rd g|i csscri. L'unimu
iuzionule, nell'uvveitiie in se di uvei
piodotto unu seiie di eventi pussuti, dice
¨Io` u se stessu, u ciò cle nel pussuto, lu
piodotto i suoi pensieii-iicoido.

Clò accade perchè L'Io, anzlchè
comparlre nella sua vera natura,
ossla come vlslone o
lmmaglnazlone, vlene prolettato
contro ll cervello rlIlettendovlsl:
appare ll 5uo rlIlesso, la sua ombra.
Nel peicepiie tule ombiu cle non e il veio
io, mu lu suu immugine iispeccliutu, il
coipo mentule ulleiiundolu, dice: "quc||o
sono lo"; egli ciede di esseie l'Io.
In ieultu, in quest'io, c'e ben poco del veio
Io: e come se l'immugine iillessu entio uno
specclio ciedesse di esseie lei stessu lu
cuusu dellu suu esistenzu, senzu uccoigeisi
cle deve lu suu esistenzu invece u
quell'ente (l'Io) cle contiupposto, si
speccliu in lei. Il solo iillesso dell'Io bustu
comunque pei suscituie tuttu lu muestosu
uttivitu di pensieio e di iicoido cle e
possibile ull'uomo oidinuiio.

LA VERA NATURA DELLA MEMORIA

Lu lucoltu di memoiiu, come e conosciutu
usuulmente, ossiu lu cupucitu di
immuguzzinuie iicoidi cle testimoniuno
uzioni o eventi piodotti dull'uomo, si
piesentu tule u cuusu dellu puiticoluie
oigunizzuzione cle l'uomo lu quundo e
incuinuto sullu Teiiu.
L'uomo lu lu suu memoiiu solo quundo e
dentio un coipo lisico; dopo lu moite, rd|c
|dco|rd murd, si tiusloimu in quello cle
invece doviebbe esseie ieulmente, nellu
suu veiu nutuiu spiiituule.
Abbiuno visto cle e londumentule pei
l'uomo il possedeie unu memoiiu, peicle e
tiumite essu cle può londuie lu suu
esistenzu e identitu, duto cle se pui
inconsciumente, e u lei cle dice ¨io`.
Lu memoiiu compuie come lucoltu di
lissuzione nell'uomo teiieno pcrcnc |`dnimd
s`inrcrponc |rd |d |orzd Jc||`lo spirirud|c c i|
suo corpo |isico; unu voltu ubbundonuto il
coipo lisico lu memoiiu si tiusloimu in
Iacoltà dl percezlone dlretta del
mondo splrltuale.

Il coipo eteiico, sullu Teiiu, lu lu lunzione
di iuccoglieie e di munteneie dentio di se
lu memoiiu di tutte le espeiienze ellettuute
dull'uomo. L'uomo, dopo lu moite, vede
cle il suo putiimonio mnemonico inteiioie
oiu si dispiegu duvunti u lui in un quudio
bidimensionule. l| rcmpo Jivicnc spdzio.
Ciò cle piimu eiu il suo mondo inteiioie,
diventu oiu il suo mondo esteino.
Il disincuinuto, guuidundo i suoi iicoidi
dice: ¨quello sono io`, dice ¨io` ui suoi
iicoidi.
Muno u muno, quel quudio si
ingiundisce, e puie dissolveisi, oscuiuisi:
in ieultu non si dissolve, mu mutu soltunto
uspetto, diventu quulcosu di diveiso: ul
posto delle immugini- iicoido, compuiono
degli Fsscri vivcnri. Du quello spuiiie di
iicoidi, sl mostra clò che non cl era
permesso possedere durante la vlta
terrena; ciò cle piimu eiu cupucitu di
loimuisi e di uveie dei iicoidi, oiu si
metumoilosu in pcrcczionc Jircrrd: lu
memoiiu viene mututu in peicezione
spiiituule. Si vedono i piopii iicoidi non
più come uvvolti in nebulose
iuppiesentuzioni cle soigono dullu nostiu
inteiioiitu, mu essi uppuiono luoii di noi,
di lionte u noi, in unu vivente uttuulitu
iicolmu di Esseii elementuii.
Si piesentu ciò cle lu veiu nutuiu dellu
memoiiu: non pussuto, mu prcscnrc Jircrro.
crcrno prcscnrc Jivcnicnrc.
Gli Esseii cle compuiono ul posto dei
nostii iicoidi, non sono ubitunti
sconosciuti: veniumo u supeie cle ogni
voltu cle ubbiumo pensuto, sentito e ugito
sullu teiiu, ubbiumo cieuto un esseie
elementuie, unu |ormd pcnsicro. Lu
ubbiumo uggiuntu ul cosmo, pei nostiu
cieuzione.
24
Duiunte lu vitu teiienu essi crdno i nosrri
ricorJi e si piesentuvuno come pullide e
oscuie iuppiesentuzioni cle ullioiuvuno
ullu nostiu memoiiu: oiu sono duvunti u
noi, piesenti e cliuii, viventi e veii.
Piimu dovevumo guuiduie in noi stessi pei
tiovuie i nostii iicoidi: oiu ci bustu
guuiduie luoii di noi, pei vedeie ciò cle
lummo e cle lucemmo. Ci uppuie unu
puite del nostio esseie inteiioie cle e
diventuto mondo esteiioie.
Non dobbiumo domunduici quundo e
come compimmo un uvvenimento pussuto:
sono gli esseii stessi di quel lutto cle ci
dicono: ¨io sono quc||`cvcnro. quc| pcnsicro
cnc ru |dccsri. csisro Jd qudnJo mi crcdsri, ri
dspcrro Jd d||ord`.


L'uomo, peicepisce quindi solo un iillesso
del suo Io; ciò e lu cuusu di tutte le
contiuddizioni, degli eiioii e di tuttu lu
solleienzu dellu vitu umunu: non vedendo
lu veiu Luce,ossiu il veio Io, l'uomo si busu
su ciò cle lu suu omord può suggeiiigli e
insegnuigli.

E' bene u tul punto consideiuie come lu
genesi e l'uzione del pensieio nell'uomo: ci
si iicoidi cle i| Pcnsdrc c possioi|c so|o
grdzic d||`csisrcnzd Ji un lo spirirud|c cnc
opcrd cnrro |`dnimd umdnd.

IL PENSIERO E L'UOMO

Quundo lu luce colpisce l'occlio, essu vu
ullu ietinu, poi piocede nel neivo ottico,
sino u iuggiungeie il ceivello, nel quule, du
puio impulso elettiico inlusogli tiumite le
loize Eteiicle, viene tiudotto, decodilicuto
e inteipietuto quule "stimolo di luce", mu in
modo ussolutumente neutio, piivo di
eluboiuzioni similuii u ciò cle viene inteso
oidinuiiumente come "sensuzione di luce".
Tule evento, si piesentu nel tessuto
neivoso, come un insieme di piocessi
climici e lisici, pei nullu coscienti di se, u
guisu di ciò cle uvviene nell'inteino dellu
memoiiu "intelligente" di un computei;
piivo di concezioni di dominio ed
espiessione peisonule emozionule,
pussionule o iuzionule. In pocle puiole,
|'occnio c i| ccrvc||o non sdnno Ji porcr
vcJcrc. non nc ndnno coscicnzd.

Ci si può iuppiesentuie, come nell'esempio
iniziule del computei, un succedeisi di un
insieme di numeii, di codici, il quule
contiene uppunto in modo potenziule
l'impiessione o stimolo "luce", uncle se
piodotto in ieultu, con l'ulteinuisi e il
geneiuisi di piocessi climico/lisici.
Tuli uttivitu di codilicu, sono visibili e
iilevubili, in puite, uncle con
l'ettiocelulogiummu, il quule ne du notiziu
uppunto u mezzo di piocessi "elettiici",
piesenti duiunte lu vitu di vegliu e in modo
minoie, nello stuto di sonno; ciò stu u
indicuie cle nelle libie neivose scoiie
eneigiu lluidu, lu quule uttiuveisundo
iecettoii e "decodilicutoii", e ciò cle oiiginu
uppunto, secondo il muteiiulismo, lu
coscienzu nell'uomo.
Il ceivello lu lucoltu di eluboiuie le
peicezioni lisicle con uzioni
elettio/climicle ussociute di conceito ugli
oiguni di senso; l'insieme di tuli piocessi in
se non potiebbeio uveie peiò luogo se ciò
non losse ieso possibile Jd||'c|cmcnro crcrico
cnc |ungc Jd inrcrmcJidrio. non vi e nullu,
come nel cuso dell'occlio, cle giustilicli
l'ideu cle le cellule neivose, composte du
elementi iitiovubili uncle nel mineiule,
possuno du se stesse pioduiie dei moti
utomici o uddiiittuiu geneiuie sensuzioni.
Se unulizzo il coipo lisico tiovo in esso solo
piocessi liniti in se; nel sungue, nelle
gliundole e nei tessuti neivosi non tiovo ne
lu viu cle mi svelu le sue uttivitu vituli,
tuntomeno quelle di sensuzione. Tutt'ultiu
cosu e eluboiuie sostunze ullincle possuno
venii ussimilute e decodilicute, un'ultiu e
possedeie lucoltu coscienti ed uutocoscienti,
cle peimettuno unu puitecipuzione.

Il muteiiulistu crcJc cle siu il ceivello u
geneiuie il Pensieio; ullo stesso modo, cg|i
Jovrcooc crcJcrc cnc qudnJo vcJc i| suo vo|ro
ri||csso in uno spcccnio. sid srdro |o spcccnio d
gcncrdrc |d |ormd Jc||d sud |dccid. In ieultu e
ciò cle stu ul di luoii, contiupposto ullo
specclio, cle loimu l'immugine: lo specclio
si limitu solo u ri||crrcrc ciò cle gli e
innunzi. Lu lucciu esiste uncle piimu cle lo
specclio lu iillettu. CosI e lo stesso pei il
Pensieio: esso esiste piimu cle si iillettu nel
ceivello.
L'espeiienzu del Pensieio, viene cieutu
ultiettunto poco dul ceivello, quunto
l'immugine dellu lucciu dullo specclio. Il
ceivello iiveibeiu solo l'uttivitu unimicu,
ullincle cosI essu possu, nel coglieisi
iillessu, diventuie visibile u se stessu.
25
l`uomo mcnrrc pcnsd. nc| suo duro-
pcrccpirsi. pcrccpiscc so|rdnro |c u|rimc |dsi
Jc||d sud drrivird pcnsdnrc. Se non si lu uno
specclio, non si può uvei coscienzu dellu
piopiiu loimu lisicu.
Occoiie uveie unu sostunzu puiticoluie,
eluboiuilu e prcpdrdr|d in modo cle essu
possu iilletteie ciò cle gli viene
contiupposto. Pei potei uvei coscienzu dei
piopii pensieii, l'unimu deve luie con il
ceivello ciò cle l'uomo, volendo uvei
coscienzu dellu suu loimu, deve luie con
uno specclio.
Alla vera attlvltà pensante, ossla
alla "percezlone del vero pensleroº,
precede sempre un "lavoroº
preparatorlo, tiumite il quule si devono
smuoveie deteiminute piccole puiti del
ceivello, onde iendeile utte u potei diveniie
degli speccli iillettenti. E' l'unimu
dell'uomo cle compie questo luvoio
piepuiutoiio, colei cle piepuiu lo specclio
del ceivello. Essu lu lu cupucitu di
stiuttuiuie gli dromi dellu sostunzu
ceiebiule smuovendoli, in modo du
collocuili in un deteiminuto movimento, in
un puiticoluie stuto: lu sostunzu molecoluie
lisicu viene postu ud unu puiticoluie
|rcqucnzd viordrorid, cupuce di iiveibeiuie il
Pensieio.

IL FORMAR5I DEL PEN5IERO
NELL'UOMO

Non e l'Io umuno il cieutoie dell'essenzu
del Pensuie: essu e unu cieuzione del Logos;
l'uomo non lu geneiu, mu lu usu e lu eluboiu
soltunto: utilizzu il Pensuie oggettivo cle gli
e donuto, pei plusmuie dei pensieii
soggettivi. l`umdno vi pdrrccipd so|rdnro.
Il Pensieio in se scutuiisce duppiimu dul
Logos; e Egli il Piimo Giunde Pensutoie
Cosmico. L'oiigine dellu vitu del Pensieio.
Mu u cuusu dellu suu Puiissimu,
Inulleiiubile e Titunicu nutuiu divinu, non e
duto ul Pensuie cosmico di penetiuie
diiettumente entio l'Animu dell'uomo,
peicle ciò signilicleiebbe lu di lei
Folgoiuzione: deve veniie ulclemizzuto e
metumoilosuto in modo udeguuto, ullincle
possu munilestuisi entio l'uomo.
Dullu lonte di Luce Logos oiiginuiiu, il
Pensieio discende piecipitundo,
uttiuveisundo e compenetiundo i 9 mondi
spiiituuli: ogni Geiuicliu inlonde cosI ud
esso lu piopiiu spccid|c \irrù Ji cui e Mudie
detentiice. Esso viene iiioiuto di Amoie,
Aimoniu, Volontu, Suggezzu, Movimento,
Foimu, Peisonulitu, Spuzio e Tempo,
Sensuzione. All'uomo spetteiu u suu voltu,
di uvvolgeilo dell'inconosciutu quulitu dellu
Libeitu.

L'uicungelo-Aiclui Micndc| ulleiiu il
Pensieio cosI modilicuto nel suo sbocciuie,
ui limiti del sistemu soluie, uppenu esso
giunge dulle inulleiiubili e veitiginose
ultezze.
Piesolo nel suo dominio gli conleiisce
Vigoie e Ciistullinitu: lo iiiuggiu poi subito
veiso lu Teiiu: lo dispone, quusi come un
rcssuro ben liluto, come un cdmpo ben
coltivuto e molto leitile, in modo cle tutte
le sue puiticelle vibiunti e leconde, uppenu
venguno toccute dulle JomdnJc dell'Io
umuno, ubbiuno lucoltu di iuggiuppuisi, di
intiecciuisi, suscitundo loime e immugini.
E' sopiu di esso cle soigono le piunte-
pensieio, le iuppiesentuzioni mosuico e le
onde-pensunti degli Io umuni.

(Quulcosu di simile e stuto incosciumente
iipoituto dull'uomo stesso nel mondo lisico.
Egli, occultumente ispiiuto, lu intuito tule
piocesso cosmico pensunte: e stuto cupuce
di cieuie uppuieccliutuie cupuci di
iipioduiie u distunzu loime e immugini: ciò
lo tioviumo tiusposto du occulto lenomeno
cosmico, entio lu muteiiu, condensuto in
modo similuie su un displuy digitule u
ciistulli liquidi o su un monitoi televisivo.
Milioni di miciopunti disposti in uno
scleimo, sensibili e iicettivi ugli impulsi
elettiomugnetici, divengono cupuci di
iipioduiie immugini o iuppiesentuzioni.)

Il pensuie oggettivo cosmico dello Spiiito
non e du conlondeie con i pensieii umuni
soggettivi; essi si loimuno solo peicle Esso
si Jd. iendendosi disponibile come
substiuto di buse ullincle possuno
emeigeie e sviluppuisi i singoli pensieii
individuuli umuni. Senzu di Esso non vi
suiebbe ulcun pensieio umuno.

ln rcd|rd i| pcnsdrc cosmico si dsscrvc d||`lo
Jc||`uomo. pcr srimo|drc in |ui i| proccsso
Jc||d conosccnzd. Fsigc Jd||`uomo |o svi|uppo
Jc||d cdpdcird Ji duroinJiviJud|izzdzionc Jc|
Ji |ui Spiriro.
E pei conduiie l'uomo u tule scopo, Egli lu
disseminuto nel mondo miliuidi di suoi
esseii, tiuvestiti du qucsiri.

26
Ogni JomdnJd dell'Io umuno si oiiginu
duppiimu in viitù dello stimolo inlusogli
dullu peicezione delle cose del mondo, le
quuli gli stunno innunzi disposti come
simboli di un iomunzo misteiioso, ullincle
l'uomo vedendole, si JomdnJi cle cosu esse
siuno e cosu iuccontino.

LA PERCEZIONE E' LO STIMOLO CHE
SMUOVE L'IO A GENERARE LA
RAPPRESENTAZIONE DEGLI ENTI
OSSERVATI

Quundo l'uomo diiige i suoi sensi veiso lo
spuzio ciicostunte, s'incontiu sempie
inevitubilmente con unu di queste
¨domunde`: gli uccude di vedeie, di
peicepiie quulcosu cle gli uppuie di lionte,
quulcosu cle gli e esteino e non lu puite di
lui, mu cle e un oggetto del mondo
esteiioie.
Il modo di diie: ¨lunciuie uno sguuido`
non e solo un modo di diie: in ieultu
l'uomo, nel momento ogni voltu cle guuidu
luoii di se gli enti dellu nutuiu, ¨|dncid¨
d||`csrcrno |d sud sosrdnzd dsrrd|c, lu quule
vu u compenetiuie, u ¨tustuie` e u colpiie
ciò cle si inteipone entio lu diiezione dellu
visuule du lui piesceltu.
Mentie l'uomo guuidu unu stellu del cielo
distunte unni luce, in quell'uttimo il suo
coipo unimico e giu giunto sino u quellu
stellu: l'lu iuggiuntu e roccdrd; ultiimenti
essu non uppuiiiebbe entio lu suu
coscienzu.
Se egli guuidu un lioie, il suo coipo
unimico penetiu entio l'esseie del lioie: e
piopiio in quell'uttimo inulleiiubile
ull'intelletto oidinuiio, cle uccude lu mugiu
del peicepiie.
In quell'uttimo impeicepibile in ieultu si
uttuu unu soitu di diulogo e di scumbio liu
innumeievoli esseii, piesenti nell'uomo e
luoii dell'uomo.

IL LINGUAGGIO DEGLI SPIRITI
Nel mondo spiiituule tutti gli esseii
spiiituuli diuloguno liu di loio non in
puiole, mu tiumite un linguuggio ciomutico
di culoie; si potiebbe diie cle si espiimono
e si intendono emettendo co|ori musicd|i
cd|Ji o |rcJJi.
Il coloie e l'immugine del suono, mentie il
culoie ne e il coipo; Il suono e lu vitu del
coloie; il culoie e lu vitu del coipo. Il culoie
e coipo, il coloie e unimu, il suono e
Spiiito.

Nc| proccsso cnc vd Jd||d pcrcczionc d||d
rdpprcscnrdzionc si ripcrcorrono in un
drrimo rurrc |c dnricnc conJizioni p|dncrdric
cnc ndnno prcccJuro |`drrud|c conJizionc
rcrrcsrrc.


Era 5aturnla: calore; corpo Ilslco

Quundo l'uomo diiige i suoi sensi ud
esempio veiso un lioie, L`Fsscrc del lioie di
lionte ull'uomo, viene ¨tustuto`, ¨pulputo`
dugli esseii elementuii del coipo unimico
umuno cle gli si pioiettuno dentio; e come
losseio dei bumbini cuiiosi, meiuvigliuti,
toccundolo ovunque gli domunduno: "Cni
sci ?¨ .
Accude cosI cle esso espiime ud essi lu suu
inteiioiitu e il suo esseie, iivelundo loio le
sue quulitu e i suoi piegi, lu suu nutuiu
spiiituule.
Gli esseii senzienti umuni vengono
¨tuibuti` dull'incontio, iniziundo u vibiuie
in unu dutu liequenzu vibiutoiiu: emettono
unu viordzionc cd|oricd.
Appenu iicevutu lu iispostu, cioe dopo
esseisi ieulizzutu lu conoscenzu tiu gli
spiiiti dell'uomo e il lioie, i piimi
tiuducono oiu l'incontio, espiimendo le
quulitu dell'esseie incontiuto lucendole
compuiiie nell'uutoscienzu umunu in un
modo puiticoluie: nell'unimu umunu u tuttu
piimu si piesentu unu sensuzione oggettivu,
piivu di giudizio: ¨quell'ente e culdo,
lieddo, iosso, ulto, liscio, ecc.` Sinoiu lu
coscienzu umunu non vi lu uncoiu
puiteciputo uttivumente: non e stuto
emesso ulcun giudizio soggettivo.

In ultii teimini si può diie cle gli esseii
senzienti munilestuno lu loio ieuzione
ull'incontio con un ultio esseie vivente
tiumite l'emissione di un ciomutismo di
calore e dl Ireddo; tutto l'utmosleiu
spiiituule u loio ciicostunte viene invusu du
vumpute di culoie e di lieddo.
Tule culoie non e du intendeisi come solo
culoie, mu come un ciomutismo cle vu dul
più lieddo ul più culdo. Pei tul motivo si
oiiginu nellu coscienzu u tuttu piimu lu
piimu ieuzione cle viene sentitu dull'unimu
come ¨sensuzione oggettivu impeisonule`.
Non si lu giudizio, ne loimu, mu solo
¨piesenzu`, esistenzu di un quiJ ul di luoii
si se stessi.

27
Mu solo con il compuiiie di codestu
sensuzione oggettivu si iende in ieultu
possibile lu puitecipuzione uttivu dellu
coscienzu umunu: tiumite essu viene
destutu oiu ul moto |`dnimd scnzicnrc.



Era 5olare: luce; corpo eterlco

Lu dillusione dei ciomutismi di
culoie/lieddo, si iillette e si iiveibeiu cosI
in un'ultio mondo: lu rcgionc dnimicd.
Qui, esseii più elevuti, ossiu entitu ustiuli
ivi piesenti, investite du tuli ondute
vibiutoiie culoiicle ne vengono stimoluti,
ieugendo u loio voltu. Essi iispondono ul
culoie iicevuto puilundo con il loio
llnguagglo dl Luce, ossiu emettendo
co|orc. Ogni vumputu di coloie coiiisponde
ud un duto sentimento: con tule piocesso
compuie nell'unimu umunu lu simputiu o
l'untiputiu nei conlionti dell'oggetto
osseivuto. Essu misuiu se esso gli e utile o
dunnoso, iuppoitundolo con gli stessi esseii
unimici dellu medesimu specie, piesenti in
lei.
Questo piocesso vu u stimoluie poi unu
iegione più elevutu; il coloie emesso
stimolu lu sleiu del mondo mentule, ove
opeiu il coipo mentule umuno: il Devuclun
inleiioie o iegione del pensieio.

Era Lunare: suono; corpo astrale

Gli esseii ubitunti tule mondo ieugiscono
ull'impiessione di coloie emettendo un
suono; tule suono vu u plusmuie
uutomuticumente nellu muteiiu intelligibile
pensunte unu |ormd cle gli coiiisponde,
come dimostiu lu tesi delle ¨liguie di
Clludni.
Ciò uvviene peicle il suono emesso
pioduce movimenti onJu|drori irrdJidrori
ciicoluii entio l'eteie mentule: similmente
ul lenomeno geneiuto dullu cudutu di un
susso entio l'ucquu. Più piopiiumente, le
onde sonoie si piopuguno come lu luce di
unu stellu, ossiu in tutte le diiezioni, du un
centio veiso lu peiileiiu sleiicu; qudnJo si
imodrrono in d|rri csscri prcscnri in rd|c
monJo. rcnJono d |dr|o viordrc Jc||c |oro
srcssc viordzioni. Gli esseii investiti du tuli
vibiuzioni vunno cosI u iuggiuppuisi
secondo logicle geometiicle pieoidinute:
si uttengono u ciicosciiveie e u delineuie
unu |ormd. Unu voltu plusmutu lu loimu,
entiu in uzione oiu il veio Io dell'uomo.

Era Terrestre: vlta; Io

Egli conliontu lu loimu uppenu piodottu
dul suono, con ultie loime piesenti entio lu
memoiiu cosmicu uicletipicu o Akuslu: il
mondo delle idee; ceicu di ussociuilu pei
ullinitu ud ultii modelli giu esistenti.
Appenu tiovu quulcosu di ulline, lu
iiconosce, o meglio, lu iicoidu; ecco peicle
si dice cle conosccrc c ricorJdrc.
Giunti u tul punto, se lu cosu si uiiestusse
qui, l'Io umuno incontieiebbe oiu l'esseie
cle lu peicepito: lo uvveitiiebbe nellu suu
veiu ieultu, come veiu e piopiiu espeiienzu
spiiituule.
Mu cosI non e; l'Io supeiioie non può, ullo
studio evolutivo uttuule, potei opeiuie du se
tule opeiuzione: pei potei uttuuie in
uutocoscienzu l'incontio o conoscenzu di
uno spiiito cle gli si piesentu innunzi deve
usuliuiie di un suppoito in cui
iispeccliuisi.
lo Spiriro non pu6 inconrrdrc sc srcsso sc
non si spcccnid in und supcr|icic cnc |o
ri||crrc.
Tule suppoito e l'unimu e il coipo umuno.

LUCIFERO E AHRIMANE

In ieultu l'uzione del compuiiie di unu
iuppiesentuzione sensibile di un ente
osseivuto entio lu coscienzu umunu non e
concepibile senzu l'inteivento di due
potenze oppositiici spiiituuli conosciute
come loizu Lucileiicu e loizu Aliimunicu.

Lucileio spunde polveie di sostunzu ustiule
sulle puieti mineiuli di quuizo del ceivello
lisico, iivestendolo di uno stiuto uigenteo,
tiumutundo lu sostunzu vitieu lisicu in veio
e piopiio specclio: spulmundo un vetio di
veinice d'uigento si cieu uno specclio nel
quule si spcccnid |o Spiriro, l'Io dell'uomo.
L'unimu, senzu tule iilletteie del ceivello,
non uiiiveiebbe ud uvei coscienzu del
Pensieio: non giungerebbe mui
ull'uutocoscienzu di sture pensundo
in se stessu dei pensieri.
Aliimune invece, unu voltu cieuto lo
specclio du Lucileio, iiempie il coipo o
ceivello crcrico di Tenebiu, di lumo o
sostunzu oscuiu, nebulosu: lo specclio,
diviene pieno di ¨mucclie` e uloni cle
impediscono, uncle se iillesso, l'uppuiiie
28
luminoso dello Spiiito cle come un iuggio
di Luce vi si munilesteiebbe.
I modelli di pensieio spiiituuli, le
immuginuzioni veie spiiituuli, non possono
cosI uppuiiie in pienu e cliuiu luminositu,
mu in modo conluso e indelinito,
munilestundo un pensuie di conseguenzu
vugo e impeiletto.

Il coipo muteiiule e il ceivello lisico, sono
quindi elementi impoitunti pei lu
munilestuzione del pensuie umuno: se non
vi losse un ceivello, non vi suiebbe un
pensuie individuule, durocoscicnrc, mu
l'unimu uviebbe solo coscicnzd di se.


E' L'UOMO CHE PLASMA E CREA IL
SUO CORPO MENTALE

E' il singolo individuo ud inlluenzuie e u
plusmuie il piopiio coipo mentule,
deteiminundone l'essenzu, lu composizione
e lu liequenzu vibiutoiiu, u secondu del
suo contenuto di pensieii e del suo modo
di pensuie. Se si pensu veiucemente, lu
menzognu non può entiuie nellu mente. Se
si pensu umoievolmente l'odio non tioveiu
spuzio nell'unimu iuzionule.

"Ogni pcnsicro |d' ndsccrc. nc| corpo
mcnrd|c. und viordzionc pdrrico|drc cnc c
dccompdgndrd Jd un gioco Ji co|ori c Ji
suoni pdrdgondoi|c d quc||o crcdro Jd und
cdscdrd J'dcqud co|pird Jdi rdggi so|dri."

ll coipo mentule e uncle inlluenzubile dui
pensieii piovenienti dulle peisone cle ci
ciiconduno ed e peitunto unu nostiu
giunde iesponsubilitu munteneivi dei
pensieii buoni ed elevuti in modo du
cieuie unu seienu inlluenzu intoino u noi.
Ciò cle viene delinito come opinionc
puoo|icd non e ultio cle unu inlluenzu
collettivu cle uvvolge i coipi del pensieio e
del desideiio delle peisone, inducendo le
più iicettive ud ullineuisi con l'ideu
collettivu. Questu eneigiu
mentule/emozionule cieutu du un giuppo
uttinge lu suu loizu dul lutto cle le peisone
muntengono vivi tuli pensieii nellu piopiiu
mente. Se tutti cessusseio di pensuilu in
quel modo lu loizu dellu loimu pensieio
veiiebbe u muncuie e cesseiebbe di
esisteie.

Tule coipo e comunque uncoiu un
elemento impigliuto nelle sensuzioni, negli
istinti, nelle emozioni; essu oltie cle u
viveie di pensieii, e uncle l'elemento cle si
rcggc sui scnrimcnri, i quuli oiiginuno unu
veiitu inteiioie.
Ciò si uvveite nelle scelte cle si opeiuno
duiunte lu vitu, nelle quuli ci si ubbundonu
meno ullu logicitu dei pensieii, iispetto lo
stimolo dei sentimenti, i quuli uppuiono più
veii di quulsiusi cosu.
Quundo un esseie piovu uttiuzione pei un
suo simile, pui supendo cle codestu
peisonu e inuduttu du un punto di vistu
"iuzionule" peicle secondo lu logicu vi e
pienu incomputibilitu, u nullu seivono le
consideiuzioni intelettive le quuli gli
indicuno cle si stu sbugliundo; il sentimento
tiuvolge ul punto di ubbundonuisi ullu suu
veiitu, uttuundo un "uccecumento" dellu
iugione. l| "cuorc" nd scmprc i| sopprdvvcnro
su| "ccrvc||o".
Sull'unimu iuzionule, o coipo mentule, si
potiebbe diie: ¨\di Jovc ri porrd i| cuorc...
mui vi lu, nullu di più lolle e temeiuiio,
pionunciuto dugli uomini!`

Si può quindi diie cle il coipo mentule, o
dnimd Rdziond|c, o ¨unimu ullettivu o
emotivu` seive ull'ente umuno du un luto
pei cuusuie iugionumenti iiguuido le cose e
le idee du un punto di vistu logico ed
intellettivo, egoisticumente lieddo e
culcolutoie, dull'ultio di lui compuiiie quel
iomunticismo e misticismo cle s'involu in
ulti cieli, tiumite sentimenti uccecunti e
unnullunti; sino u qui l'uomo non su uncoiu
nullu di se stesso e del mondo: ne e soltunto
ullu peienne misricd o |i|oso|icd iiceicu.

Appuie du queste consideiuzioni cle in
quulcle luogo deve esisteie quindi un ultio
ente cle non siu solo il veicolo di
sensuzioni, di biume e pussioni, di pensieii
e i iicoidi; dietio di essi deve esseivi un
entitu spiiituule eteinu cle pieesistente e
peiduiunte u tuli veicoli, pioietti lu suu luce
in essi, diiigendoli e guidundoli.
L'uito in cui buluginu lu piimu scintillu
dellu veiu uutoconoscenzu di tule entitu
divinu uppuie solo entio:

"L'ANIMA CO5CIENTE"
(il mentule ustiutto supeiioie: Mondo dellu
Rugione o Sopiuspiiituule)

29
Tule elemento s'immeige nel divino,
essendo compenetiutu, congiunrd e più
piossimu ullo Spiiito iispetto le ultie due
puiti dell'unimu; in essu si iivelu lu veiu
nutuiu dell'Io, rrdmirc |d qud|c csso d||crrd |d
sud proprid ndrurd.
L'anlma cosclente è ll rlIlesso dello
splrlto; essu intuisce, uttiuveiso il
suciilicio si se, cle vi e unu "veiitu"
supeiioie dentio le cose, cle tiuscende le
stesse. Vede un'elemento eteino cle
piescinde du queste.
Essu e l'uito cle giunge ud uccoglieie in se
lu consupevolezzu di esseie il mezzo tiumite
il quule l'Io divino piende coscienzu di Se:
su di esseie lo specclio del Divino.
E' un prlmo apparlre dello 5plrlto
che sl autoperceplsce entro la sua
stessa essenza che emanò e rese
moltepllce ln un lontano passato,
onde poter trarre dalla
contrapposlzlone con questa, la
cosclenza dl essere.

l`Animd coscicnrc non svelu ull'uomo solo i
peicle, mu lo iende consupevole di esseie il
morivo dellu cieuzione Divinu; tiumite essu
egll dlvlene consapevole che ll
Motlvo che lo ha emanato è lo
stesso Motlvo per cul egll stesso
anela.

Nell'unimu cosciente iisplende lu luce dello
Spiiito: l'unimu diviene consupevolmente
puitecipe dell'elemento eteino. Tiumite essu
si pensuno Pcnsicri \ivcnri.
A mezzo di essu, l'uomo lu quellu
peicezione di sentiisi puite di unu ieultu
unicu, incoiuttibile ed eteinu; si iiconosce
nellu stessu nutuiu ed essenzu del divino,
come unu gocciu in se sepuiutu dull'oceuno
dello Spiiito di Dio.

Come il c.Astiule du lu coscienzu del
mondo esteino, l'Animu Cosciente
conleiisce lu coscienzu dellu conoscenzu
inteiioie di se stessi, quule esseie
uppuitenente e deiivunte du unu lonte
divinu. In essu vi e scintillu di un buglioie
eteino, il quule iillette le veiitu eteine.

Nell'anlma cosclente sl presenta la
vera natura dell'Io umano: Esso
appare come una Forzu primordiule
costltuente e operante ovunque nel
mondo; e piesente ovunque in tutti i punti
dell'univeiso sensibile e sopiusensibile,
quule Piincipio divino compenetiunte
vivilicunte. F' |`csscnzd supporrdnrc |d
mdrcrid. |'crcrc. i| pcnsicro c i| scnrimcnro.
und purd c unicd corrcnrc supcriorc Ji
\o|onrd.

L'IO UMANO E GLI ELOHIM
Tiumite l'unimu cosciente, l'uomo viene u
supeie cle il suo Io supeiioie e dellu stessu
nutuiu delle somme entitu Elolim: gli Dei
Soluii; Essi, dopo uvei geneiuto lu cieuzione
del mondo sensibile, suciilicuiono unu puite
di se stessi, donundolu ull'evoluzione del
cosmo ullincle essu potesse veniie uccoltu
dull'unimu dell'uomo.

L'unimu cosciente uvveite il penetiuie in se
di unu gocciu di quel muie cle e lo Spiiito
univeisule, l'Io cosmico indifferenziuto
e sopruindividuule, che diviene cosl
per suo trumite, differenziuto e
individuule. Appuie il Se umuno, cle du
¨Io Oceuno Tutto`, si concentiu,
peicependosi in un ¨Io Gocciu puntiloime`.
Il ¨Sole` dello Spiiito cle iiiuggiuvu su tutto
in modo comletumente ultiuistico e
oggettivo, può cogliei pei tiumite di un suo
Ruggio (l'io umuno), lu suu munilestuzione
in modo cosclente.

Si potiebbe uncle diie: lu Veiitu eteinu
oggettivu e impeisonule opeiu in tuttu lu
Cieuzione, e lo lu in uno stuto di
supcrcoscicnzd e suggezzu peiletto,
mutemutico, uniloime e indilleienziuto,
uutopeicendosi peiò cosI so|o come unu
puiu uttivitu di volontu centiilugu: comc un
"lo 0nico Turro¨ cnc \uo|c. Non gli e
possibile coglieisi nelle sue munilestuzioni,
mu si sente esistente solo duiunte
l'incessunte uzione di cieuzione.

L'UMANO: 5PECCHIO DELLO
5PIRITO

Essendo lo Spiiito lu ieultu opeiunte e
costituente ogni cosu visibile ed invisibile,
non uvendo nullu di esistente ul di luoii di
se, peicle nullu vi può esseie ul di luoii di
ciò cle e il tutto essendo il nullu puite di
esso, pei uutopeicepiisi, pei potei uvei
uutocoscienzu di se, lo 5plrlto dovette
creare dalla sua stessa sostanza, un
quid che Iungesse da specchlo
rlIlettente, ove rlspecchlandosl e
contrapponendovlsl, potesse cosI
contemplare sé stesso e qulndl
30
acqulstare la consapevolezza dl sé.
Comc d||o srcsso moJo. scnzd uno spcccnio
Ji vcrro cnc ci mosrri |d nosrrd |igurd
ri||cssd. noi non conosccrcmmo |d nosrrd
iJcnrird |isicd csrcriorc, cosI lo "Specchio
cosmico in cui lo Spirito si riflette
per uver uutocoscienzu di se, è
l'unimu dell'uomo.

Lo Spiiito piimoidiule delibeiò di
emunuie du se quell'esseie cle e poi
divenuto l'uomo uttuule; geneiundo
uttiuveiso milioni di unni le condizioni
tipicle cle cuiutteiizzuno l'odieino stuto di
coscienzu umuno teiiestie, posc |d odsc cosi
d||d possioi|ird Ji und sud duropcrcczionc.
L'uomo e sostunzu del Divino; tiumite lu
suu unimu dotutu delle sue tipicle
puiticoluii lucoltu di sepuiuzione e di
opposizione cle tendono u cieuie un
¨dentio e un ¨luoii` quindi un'uttivitu
puntiloime egoicu iispetto ullu ceicliulitu
ultiuisticu dello Spiiito, contiupponendosi
ullo Spiiito, ossiu u quellu puite di se stesso
cle in lui ul contempo opeiunte e
tiuscendente, si iese possibile quule
Specclio del Divino.


LE TRE ANIME

L'io, onde munilestuisi nel piuno sensibile,
ubbiumo visto quindi cle si uvvule, di tie
elementi o anlme, cle tentiumo di
iiussumeie uloiisticumente:

1- Anlma 5enzlente: tiumite essu l'uomo
JcsiJcrd c ordmd le cose cle lo ciiconduno;
conleiisce inoltie uncle lu lucoltu di
pcnsicro pcnsdro o uutomutico. pei otteneile
e usuile.
Si oiiginu cosI puro egoismo.

2- Anlma Razlonale: e l'uito cle stimolu
lu iiceicu dellu conosccnzd Jc||c cosc;
tiumite essu l'uomo ceicu di scopiiie quul e
il scnso e il motivo dell' esistenzu di se
stesso e degli oggetti del mondo. Soige cosI
lu filosofiu e lu religione.

3- Anlma Cosclente: u suo mezzo
l'uomo coglie in se lu consupevolezzu di
esseie non più soltunto un poitutoie di Io,
mu srrumcnro di un Io spiiituule esteino cle
lo tiuscende. L'anlma cosclente è
capace dl perceplre lo stlmolo dl
unlIormare la sua legge lnterlore
personale con la Legge lmpersonale
dello 5plrlto: questo non uvviene pei
sottomissione, mu peicle e cupuce di
riconosccrc sc srcssd comc mcJcsimd sosrdnzd
Jc||d lcggc uivind.
Appuie lu Scienzu dello Spirito.

Tule suddivisione e du intendeisi non come
unu tussutivu distinzione di loime, mu come
tie elementi uventi in se dilleienti piopiietu
e lucoltu, costituenti l'umulgumu di uno
stesso ente: sono sosrdnzd Jc| corpo
ustrule, Ji||crcnzidrd. moJi|icdrdsi nc|
rcmpo rrdmirc un c|doordzionc p|dsricd, tie
uiti piodotti dull'uttivitu non cosciente
dell'Io di iillesso ulle stimoluzioni inviutegli
dui coipi senziente, eteiico e lisico.
L'unimu nell'uomo e il piodotto
spiiituulizzuto dei suoi coipi o veicoli
inleiioii; come i coipi inviuno, quuli mezzi,
le impiessioni sensoiie e le emozioni ullo
spiiito o Io umuno, cosI l'unimu cieu
ieluzioni liu questi e le idee uicletipe dello
Spiiito.

E' bene cliuiiie quindi cle l'uppuiiie dell'Io
umuno si peicepisce dunque più
cliuiumente e diiettumente, uttiuveiso le
due sole unime rdziond|c c coscicnrc, le quuli
loimuno il corpo o velvolo dl
manlIestazlone dell'Io, o corpo
mentale; |'dnimd scnzicnrc compenetiutu
con il coipo senziente e soggettu ulle
inlluenze delle entitu dellu 3 geiuicliu cle
opeiuno dull'ustiule, quule suppoito o
cumpo di munilestuzione pei gli istinti di
conseivuzione di specie unimule. Nell'unimu
Senziente dettu uncle ¨concupiscente`, l'Io
uppuie molto debolmente.

In ieluzione ul luvoio compiuto possiumo
oiu consideiuie il Coipo mentule o coipo
dell'Io suddiviso in queste due lunzioni
piimuiie:

1. LA MENTE INFERIORE, (d.rdziond|c)
ovveio lu mente concietu, il piincipio
iugionunte e pensunte. Questo e l'uspetto
mentule con il quule ceicuno di entiuie in
contutto gli psicologi o gli educutoii.
2. LA MENTE SUPERIORE, (d.coscicnrc)
ovveio lu mente ustiuttu. Questu mente e
lu custodiu delle idee, e l'uspetto mentule
con cui i lilosoli ceicuno di inteiugiie.
Lu mente supeiioie roccd il mondo dellu
veiu essenzu dell'esseie umuno. Essu
31
intiuvede lu putiiu oiiginuiiu dell'uomo, il
iegno u cui in ieultu esso uppuitiene.

GLI ESTRATTI MENTALI, ASTRALI ED
ETERICI: IL CORPO CAU5ALE

Il coipo mcnrd|c di ogni individuo, cosI
come quello dsrrd|c e quello crcrico, sono
costituiti essenziulmente du unu singo|d
unird cle iimune unitu ull'Io nel coiso delle
successive iinuscite.
Questi Tie ¨semi` o |rurri o estrattl delle
esistenze, conseivuno uncle nellu vitu post
moitem tutte le espeiienze cle l'Io lu
speiimentuto duiunte il luvoio di
puiilicuzione, di eluboiuzione e di
sociulizzuzione piesso le Geiuiclie
spiiituuli.
E' possibile iiuniie insieme questi 3
estiutti, e indicuili come elementi
costituenti un'ultio veicolo uppuitenente
ullu nutuiu umunu, un corpo sorri|c
incorrurrioi|c cle iesiste u tutte le
incuinuzioni, iestundo leguto ull'Io,
cliumuto in Oiiente con il nome di Corpo
Causale.
Si potiebbe diie cle esso e uno stiumento
cle peimette lu iegistiuzione dei iicoidi,
delle buone e cuttive tendenze; e' in pocle
puiole, il distilluto dell'Egoitù, lu
mcmorid rord|c dell'insieme delle vite
pussute, ciò cle e stuto ieulizzuto di bene e
di mule nel coipo di tutte le vuiie
esistenze.
Esso cuusu ud ogni ieincuinuzione, le
condizioni umbientuli, le cuiutteiisticle
lisicle del nuovo coipo, u secondu del
piopiio Kuimu; le cuiicle di loizu
uccumulute, gli eventi cuusuti in pussuto
deteiminuno un elletto, cle e' uppunto il
iisultuto dellu pussutu vitu. Lo si potiebbe
cliumuie uncle "corpo kurmico".
Il corpo causale segue l'Io oltie cle
sullu Teiiu, uncle duiunte le sue
espeiienze dopo lu moite nel mondo
spiiituule, impiimendo in se i Giudizi
iicevuti dull'unimu du puite delle Geiuiclie
Angelicle: e il corpo Ji incisionc ldrmicd di
tutte le espeiienze umune e supeiumune.
E' tiumite e in buse u questo cle l'Io
uttiieiu u se i veicoli di cui si seiviiu in
ogni incuinuzione; u secondu delle quulitu
moiuli contenute nei suoi ¨distilluti`,
oiiginutesi tiumite le sue vuiie espeiienze
sullu Teiiu e nello Spiiito, potiu
conliguiuie veicoli ullini ullu sostunzu
contenutu in potenzu entio i suoi ¨semi`.


IL VERO IO 5UPERIORE UMANO

Ci uppiestiumo oiu ud espoiie un ente cle
nullu u più u cle luie con le
iuppiesentuzioni sensibili, mu e in se stesso
un Piincipio esteino, tiuscendente,
indipendente e individuule, puiumente
costituito di puiu essenzu spiiituule, ovveio
e l'entitu piimoidiule o individuulitù
singolu umunu.
E' quell'Io che ln tutto lo scrltto
andlamo cercando.
L'Io spiiituule umuno e unu soitu di
"demiuigo", di tiusloimutoie esteino
ull'uomo stesso; e il piincipio uttivo, lu loizu
motiice cle opeiu uttiuveiso lu vitu
dell'unimu, tiusloimundo lu muteiiu in
Spiiito.
E' lo 5plrlto: lu puite eteinu, peilettu ed
incoiiuttibile dell'Uomo. F' und pdrricc||d
Jc||d coscicnzd Ji uio.
Mose' lo cliumu "NFSlAMAl"; Oiigene e
S.Puolo "PNF0MA".

Negli unimuli vi e sempie unu cuusu esteinu
o inteinu cle geneiu sensuzione o
emozione; (culdo, lieddo, lume, sete,
doloie, piuceie) nell'uomo non e cosI:
desideii e bisogni, oltie u quelli istintivi, si
piesentuno come unu lonte estiuneu,
indipendente ed uutonomu, cle e uppunto
l'Io.
Tule elemento, come ubbiumo visto,
conleiisce lu lucoltu del "iicoiduie" cioe lu
possibilitu di lissuie in modulitu di
immugini iuppiesentutive (iicoidi),
un'emozione o sensuzione in senso
peimunente nel tempo, come in unu
locuzione di memoiiu: tule ¨luogo` o
uiclivio mnemonico e il corpo crcrico.
Quuloiu si ubbiu uvuto un'espeiienzu, essu
si sommu, dul pussuto ul piesente ud ultie
giu piesenti nel putiimonio dellu memoiiu,
e viene conseivutu, uumentundo cosI lu
possibilitu di conoscenzu ciicu il conlionto
con le iuppiesentuzioni cle uvveiiunno in
lutuio.

Mentie entio lu vitu nel mondo spiiituule,
du disincuinuti o du iniziuti, (come giu detto
in piecedenzu) tule lucoltu di iicoido si
murd in porcnzd Ji pcrcczionc Jircrrd degli
eventi e delle entitu del mondo spiiituule,
nell'esistenzu teiienu l'lo c ci6 cnc
32
nc||`csisrcnzd rcrrcnd Jd Jurdrd d||d
conosccnzd. murdnJo|d in ricorJo.

Tule lucoltu di lissuzione mnemonicu non
e du conlondeisi con l'uttivitu cle e
iiconosciutu dul muteiiulismo, ielegundolu
ull'oiguno del ceivello; questi lu lucoltu
solo di ri||crrcrc sui iicoidi, non di
memoiizzuili.

L'Io spiiituule dell'uomo e l'elemento
cosmico, cle essendo immoitule e
incoiiuttibile, entiu ed esce dul coipo, nel
sonno e ullu moite: e l'ente cle distingue
l'uomo dugli ultii esseii cle vivono con lui:
e ciò pei cui egli e lu coionu dellu Cieuzione
u cui uppuitiene.
E' l'entitu cle si munilestu in ogni
incuinuzione, cle iiiuggiundo entio un
coipo sensibile, consente il munilestuisi
dellu vitu, dellu coscienzu, dei sentimenti e
dell'intelletto: e lu "goccid" tiuttu dull'oceuno
Divino. E' il Pensutoie, lo Spiiito pensunte,
il "piunistu" cle muove le ditu sui suoi
"sette" uiti, diiigendo e suonundo lu musicu
dellu vitu: e i| Jcmiurgo plutonico.
L'Io umuno si può uncle iuppiesentuie
come un ciistullo con migliuiu di lucce, le
quuli simboleggiuno singoluimente, ogni
suu incuinuzione uvvenutu.
E' ll prlnclplo cosmlco lndlvlduale; e
lu loizu uttivu cle opeiu uttiuveiso lu vitu
dell'unimu tiusloimundo lu muteiiu in
spiiito: e unu eneigiu motiice cle uttivu e
illuminu l'unimu.
I coipi lisico, eteiico e ustiule sono
corrurrioi|i, teiminuno con il depeiiie; con il
tempo, lu pelle e i muscoli inveccliuno, le
loize vituli vengono meno e i desideii si
ullievoliscono: vi e invece nell'uomo unu
solu puite cle ul contiuiio, con il lluiie del
tempo non si consumu, unzi si uiiicclisce,
munilestundo suggezzu, sicuiezzu e
leimezzu.
Ciò e l'uppuiiie dellu Luce dell'Io.

L'IO INVISIBILE
Eiioneumente, si suole ciedeie cle l'Io
spiiituule umuno si tiovi inseiito entio
l'durd nello stuto di vegliu, ullo stesso modo
degli ultii veicoli inleiioii.
Si dice uddiiittuiu cle egli siu peicepibile
uttoino ul cupo dell'uomo; in ieultu il
cliuioveggente può vedeie sI l'uzione dell'Io
cle si espiime nei coipi mentule, ustiule ed
eteiico, mu non l'Io stesso.
Fsso non nd |ormd. non c possioi|c vcJcr|o. c
invisioi|c. Essendo sostunzu di Vitu
dello Spirito, non può uvere un
immugine: lu Vitu non si può vedere,
mu solo sentire.
L'immugine dell'Io cle il veggente dice di
vedeie, pei il motivo suddetto non può
esseie l'Io, mu il suo iillesso-loimu, lu suu
omord, cle iiluce nel corpo Mcnrd|c, come si
e visto piimu.
Lu iugione dellu suu non visibilitu e uncle
giustilicutu du un luttoie molto evidente:
csso non si vcJc pcrcnc non c`c.
Molti potiunno iimuneie stupiti, mu lu
ieultu e piopiio questu: il veio Io umuno
non uppuie u liunco, sopiu o dentio
ull'uomo teiieno peicle non esplicu lu suu
uzione diiettumente sull'uomo in modo
immunente; egli rrdsccnJc l'unimu.
Se ci si immuginu unu stellu doiutu
lontunissimu, dullu quule si dipuite un
lunglissimo lilo d'uigento cle u suu voltu si
collegu come un tentucolo ull'uomo sullu
Teiiu, ci si suiu lutti unu iuppiesentuzione
ubbustunzu esuttu dell'uzione e dell'uttivitu
dell'Io e del coipo ustiule nell'umuno.
Riguuido tule immugine, iimundiumo il
lettoie uncle u ciò cle e stuto detto ul
piincipio, nellu prc|dzionc di questo sciitto.

L'Io, da lontananze trascendentl
lneIIablll, muove ll corpo Ilslco e
l'eterlco tramlte l Illl argentel del
corpo astrale, rlmanendone al dl
Iuorl, al dl là della scena del
palcoscenlco della vlta terrestre. Mu
senzu uverne il pieno dominio, perchè
non ne hu uutocoscienzu.
Molto impoitunte e supeie cle l'Io non lu
questo in pienu consupevolezzu, mu
uttiuveiso unu soitu di ¨uutomutismo`
supeiioie: cg|i Jd so|o non nd cdpdcird Ji
dvcrc coscicnzd Ji sc, se non vi losse un uito,
|d sud dnimd, cle iillettendo lu suu uttivitu
gli rimundusse indietio lu suu pioiezione:
questu consupevolezzu si uttuerù solo in
un lontuno futuro, pei oiu ciò non e
ussolutumente lu condizione uttuule
dell'unimu iispetto ull'Io e viceveisu.
Orlglnarlamente, la saggezza
cosmlca aveva dlsposto le modalltà
dl ademplmento della mlsslone
umana ln modo dlverso da clò che
lnvece rlsulta posslblle all'uomo a
mezzo della sua costltuzlone occulta
odlerna: le cuuse di questo mutumento
cle sono du iiceicuisi nell'inlluenzu delle
33
entitu lucileiicle, non suiunno tiuttute in
questo sciitto, pei motivi di non uttinenzu
con il temu in oggetto.
L'uomo oiiginuiiumente uviebbe dovuto
plusmuisi lui stesso un coipo lisico, cle si
suiebbe uggiiuto sullu Teiiu, come uno
stiumento ul suo seivizio: l'Io non dovevu
esseie piesente sullu Teiiu, mu soggioinuie
intoino ull'utmosleiu teiiestie, du dove
movevu il suo coipo.
Guuidundo giù ul coipo lisico, uviebbe
potuto uvei coscienzu di se
iispeccliundovisi, dicendo u quel coipo:
"qucsro c lo¨.
5arebbe dovuto essere l'Io stesso
l'arteIlce della sua lmmaglne
rlIlessa, onde poterne trarre
l'oggetto della sua cosclenza.
Con l'inteivento delle entitu lucileiicle, lu
situuzione si cupovolse: invece cle esseie
l'Io ud uveie coscienzu di se tiumite il coipo,
uvvenne cle il coipo, (l'unimu) ebbe
coscienzu di se tiumite il suo Io.

5l generò l'llluslone, ll Grande
equivoco: ll corpo sl credette l'Io.

Con un puiudosso, e come se si dicesse cle
unu muiionettu mossu dul suo buiuttinuio,
ciedesse di esseie lei stessu l'uitelice dei
suoi movimenti e delle sue puiole, non
iiconoscendo e non uvendo modo di supeie
cle non u lei deve lu suu esistenzu, mu ul
suo buiuttinuio.

IL PARTICOLARE ¨IO` UMANO, CAPACE
DI DARE IL ¨NOME`

Tule ¨gocciu` o ¨scintillu` venne donutu
dullu Divinitu ull'uomo quule "scintillu di
Spiiito" o ¨ulito di Vitu`, d immdginc c
somig|idnzd Jc| suo Crcdrorc; suppiumo cle
l'uomo deve lu suu Individuulitu ullu
divinitu delinitu con il nome di ¨Elolim`:
più piopiiumente, u quelle sublimi Entitu
cliumute Exusiui o Spiiiti dellu Foimu. Tuli
Esseii eccelsi, lunno loinito l'uomo di un
puiticoluie tipo di Io Spiiituule: gli ¨Io` di
Angeli, Aicungeli e Aiclui, pui essendo
sempie dellu stessu essenzu divinu, non
lunno lu medesimu coloiituiu spiiituule:
incoipoiuno in se in modo pievulente unu
virrù cdrdrrcrisricd, tipicu dellu Geiuicliu
dullu quule sono piovenuti; lu stessu cosu
vule pei l'Io umuno iicevuto dugli Elolim.

Supendo cle gli Exusiui sono i Cieutoii di
tutte le forme esistenti, si iilevu cle
l'elemento dellu "|ormd¨ sottintende giu in
se unu peculiuiitu: ove si lu unu loimu, si
espiime necessuiiumente un cuiutteie di
scpdrdzionc. Ji inJiviJud|izzdzionc c Ji
mo|rcp|icird iispetto l'impeisonulitu e l'unitu
di un ente omogeneo.
Si può diie: ¨sul muie c'e unu buicu`,
peicle lu buicu lu unu loimu: se losse
piivu di loimu o uddiiittuiu losse coloie del
muie, non lu si vediebbe, mu si vediebbe
solo il muie, ignoiundolu: vedendo spoigeie
quulcosu dull'ucquu, tutt'ul più si
uiiiveiebbe u diie cle ¨sul muie c'e unu
stiunu ondu`. Nel momento in cui unu cosu
uppuie con unu |ormd concliusu,
contempoiuneumente diventu un ente
individuule, distuccuto dul mondo:
nomlnablle.
Le cose, senzu loimu, non uviebbeio modo
di potei uppuiiie dilleienziute.

Si consideii quindi cle solo dullu
peicezione dellu loimu di cui un ente e
conliguiuto e possibile cosI collocuilo in
uno spuzio e quindi iJcnri|icdr|o. Se unu
cosu losse piivu di loimu, non essendo un
ente in se concliuso, non le si potiebbe
uttiibuiie un ¨Nome`, e ne poteilu
consideiuie unu puite del mondo; non lu si
potiebbe ullutto coglieie: non lu si
vediebbe, e non vedendolu in unu loimu
cle lu distingue du uno spuzio ciicostunte,
si ignoieiebbe lu suu esistenzu.
Senzu lu ¨loimu` suiebbe impossibile
sviluppuie unu conosccnzd di un mondo cle
uppuie innunzi ull'unimu in modo
omogeneo, in un eteino lluiie; non vi
suiebbeio iileiimenti, ne un punto du cui
puitiie pei un unulisi e ne pei liniilu; ci si
peideiebbe in esso, peidendosi entio i suoi
llutti.
Lu puiolu ¨|ormd` sottintende in se lu
lucoltu di potei ¨duie il nomc`, pieiogutivu
possibile nell'Univeiso, solo ull'uomo.

LA LEGGENDA DEL NOME

C'e unu unticu leggendu lu quule dice cle
quundo Dio ebbe cieuto il mondo e
l'umuno, i suoi Angeli si piesentuiono u Lui,
e peiplessi, gli domunduiono u cle cosu
potesse seiviie ull'Univeiso l'uvei geneiuto
un esseie come l'uomo cle uppuiivu cosI
inleiioie e incupuce iispetto u loio.
34
Dio piese unu pietiu e disse ul piimo dei
suoi Angeli: ¨uimmi comc si cnidmd qucsrd
cosd. Jdg|i un nomc.` E quell'Angelo non ne
lu cupuce; e lo stesso lu pei tutti gli ultii
Angeli. Nessuno eiu cupuce di conleiiie un
nome ulle cose. Dio cliumò ulloiu l'uomo,
ed egli subito disse: ¨quc||d c und picrrd.
|drrd Ji roccid mincrd|c.` E tuti gli Angeli
luiono stupiti: cupiiono cle l'uomo eiu
l'unico esseie nell'Univeiso cupuce di
denominuie e di distingueie le cose del
mondo.
In questu leggendu si può scoigeie
un'unticu suggezzu, lu quule ci nuiiu di
quule e lo scopo dell'esseie umuno entio il
contesto univeisule.


L'uomo lu in se quindi, ud immugine e
somigliunzu dei suoi Cieutoii, un elemento
divino giu piedisposto u sviluppuisi
puitendo dul cuiutteie dellu |ormd c Jc|
Nomc; iiconosceie ciò e londumentule se
iileiito ullu puiticoluie missione cle lu
l'uomo sullu Teiiu, cioe di sviluppuie unu
coscicnzd Spirirud|c cle puite dull'opposto
dellu legge dell'Indilleienziuto e
dell'impeisonule vigente nello Spiiito.
Appuie lu cosclenza puntlIorme
umana che sl volge ad anallzzare la
somma del puntl contenutl entro ll
cerchlo dello 5plrlto: sà dl essere.


L'uutoscienzu, l'uutodeteiminuzione, il
pensieio libeio ed indipendente, lu memoiiu
ovveio lu cupucitu di iicliumuie iicoidi
volontuiiumente e indipendentemente du
stimoli esteini, lu posizione eiettu dellu
spinu doisule, lu lucoltu di uiticoluie il
linguuggio, sono tutte cutteiisticle cle
dimostiuno lu piesenzu di un "Io" dentio ud
un coipo.

L'lo è oltre l velcoll e gll elementl
costltutlvl dell'uomo: muove essl,
Iuorl dallo scenarlo.
Non è un corpo, mu un Principio.
Lu pcrsond|ird singolu dell'uomo, oppostu
ull'inJiviJud|ird dutugli dul suo Io, e liutto
dell'umbiente in cui l'esseie viene educuto,
dulle condizioni climuticle, dui geni
eiedituti dui genitoii e dulle espeiienze du
lui speiimentute; e scutuiigine dellu vitu
dell'unimu e quindi esiste solo pei il peiiodo
cle pussu tiu nuscitu e moite: essu non
viene poitutu nei piu ulti mondi spiiituuli,
unzi l'unimu, uttiuveisundo dopo lu moite le
iegioni del "kumulocu" o puigutoiio, si
dissolve nel mondo unimico, deteiminundo
cosI uncle |'dnnu||dmcnro dellu piopiiu
peisonulitu conseguitu nell'incuinuzione du
cui e piovenutu.
Ciò potiu uppuiiie tiiste e squullido pei
molti, peicle lu piopiiu peisonulitu e ciò
cle di più cuio lunno in loio, mu in ieultu
uncle ciò e liutto di un illusione: |`dnimd nd
Jd csscrc c|cvdrd vcrso mcrc ocn più cccc|sc.
Essu e peiò molto impoitunte,
londumentule pei il suo Poitutoie, l'Io:
senzu di essu egli non potiebbe mui
giungeie ull'uutocoscienzu di speiimentuisi
come esseie liu gli esseii.
Come vediemo, tiuttundo del 5è
5plrltuale, l'unimu umunu svolge un iuolo
cuidine non solo entio l'evoluzione dellu
coscienzu dell'uomo sullu Teiiu, mu
uddiiittuiu pei ieulizzuie un puiticoluie
stuto di coscienzu di cui l'uomo doviu esseie
necessuiiumente piovvisto in un lontuno
lutuio.
Quundo il coipo ustiule ossiu |`dnimd vcrrd
puri|icdrd, sul piuno teiieno, essu geneieiu
du se stessu un'uito supeiioie: il Se
Spiiituule , o peisonulitu spiiituule.
L'Io dell'uomo surù costituito ulloru
du unu purissimu unimu spirituule, e
cosciente di esseie divenuto un Entitu
divinu liu Esseii divini, surù cupuce di
esplicure uzioni divine entro il
mondo spirituule.

LA COSCIENZA E L'AUTOCOSCIENZA
In condizione di sonno, il coipo Astiule e
l'Io luoiiescono dul coipo Fisico e du quello
Eteiico, lusciundoli nel letto: essi entiuno e
si muovono nel mondo spiiituule.
Come si può notuie, il coipo lisico piivo di
tuli elementi, spiolondu nell'lncosclenza,
ossiu nel sonno; l'unimu vede ullioiuie delle
immugini, i sogni, cle lu collocuno in unu
condizione ben diveisu du quellu cle essu
lu oidinuiiumente in stuto di vegliu: essu e
succube di tuli visioni, non lu in se lu
lucoltu di dominio delle situuzioni e
sopiuttutto non lu consupevolezzu di dove
si tiovu in quellu dimensione: non conseivu
minimumente lu memoiiu dellu suu vitu
uttuule, delle piopiie uttitudini o lucoltu.
L'uomo c Jivcrso, uppuie piivo di quellu
peisonulitu cle e cuiutteiisticu
londumentule del suo cuiutteie o
tempeiumento nellu vitu di vegliu.
35
Ciò cle e più puiticoluie, egli non si iende
conto di "sognuie"; tule ieultu lo coinvolge
ul punto di tiuvolgeilo completumente,
lucendogli peideie lu dimensione dellu
ieultu.
Cosu uncoi più giuve ed evidente, e cle
l'uomo nel sogno non nd durocoscicnzd; lu
sI coscienzu di esisteie e di esseie in un
luogo, mu non sente sorgere ln sè
spontaneamente lo stlmolo dl
rlchlamare,come nella veglla, la sua
ordlnarla capacltà dl rlcordare. Egli
non si domundu quul e il suo nome, cli
sono i suoi genitoii, dove ubitu, cle
piolessione svolge, quunti unni lu: si muove
solo di conseguenzu ugli stimoli cle dul
mondo oniiico gli si munilestuno innunzi.

Le visioni di sogno si piesentuno in un
mondo uvente dimensioni di piolonditu,
luiglezzu e lunglezzu, egli coiie, volu su
spuzi veii, esistenti pei lui, mu in ieultu, dul
punto di vistu dell'osseivuzione lisicu, egli e
nel suo letto.
La vlta dl sogno avvlene ln un'altra
dlmenslone: l'Astrale o mondo
anlmlco.

Il motivo del peicle nel sonno non iisultu
possibile il dominio e l'utilizzo dellu piopiiu
memoiiu sulle munilestuzioni oniiicle, e du
iiceicuisi uppunto ciicu questu sepuiuzione
del C.Astiule e l'Io cle luoiiescono dul
Fisico e dull'eteiico: in questu condizione, il
"ponte" o ccrvc||o |isico. non vicnc uri|izzdro,
csso rimdnc nc| |crro, ull'inteino del coipo
Fisico, u goveino delle sole lunzioni vituli di
suppoito, ossiu oigunicle e vituli. Lu suu
memoiiu, lu peisonulitu, il cuiutteie e il
tempeiumento cle lunno sede entio il suo
coipo Eteiico, iimungono nel letto; solo il
coipo ustiule e l'Io puitecipuno ullu vitu di
sogno.
Nellu dimensione oniiicu il ceivello lisico e
l'eteiico non puitecipuno ulle espeiienze di
sogno; il coipo ustiule deve lunzionuie
uutonomumente pei geneiuie lu coscienzu.
Essendo il coipo dellu coscienzu, può luilo.
Mu essendo piivuto del suppoito di
rispcccnidmcnro cle duiunte lu vegliu gli e
loinito dul ceivello lisico, non gli e possibile
peiò geneiuie unu uutocoscienzu,
possibile solo sc |d coscicnzd si rispcccnid in
sc srcssd.
Si compiende oiu cle le peicezioni di
sogno si uttuuno solo u mezzo degli oiguni
ustiuli piesenti nel coipo ustiule; i quuli non
sono ulluto ben loimuti, mu unzi sopiti,
impeiletti.
Tuli oiguni si possono sviluppuie solo
uttiuveiso unu puiticoluie disciplinu
esoteiicu du piuticuisi in stuto di vegliu
sullu Teiiu, o pei lucoltu giu piesenti entio
il coipo ustiule peicle conseguite in ultie
vite. Se tuli oiguni non sono ben loimuti,
non e possibile peicepiie coiiettumente e ne
e possibile di conseguenzu dispoiie di un
uutocoscienzu: l'uutocoscienzu nello Spiiito
e possibile solo conseguiilu tiumite unu
inizidzionc iicevutu sullu Teiiu.
Non essendo svilupputu oidinuiiumente,
tule coscienzu "spiiituule", uppuie uppunto
nel sogno impeilettu, distuccutu, quusi
incosciente e pussivu.

Si uiiivu qui u disceineie lu dillicilissimu
metu ciicu lo sviluppo dellu coscienzu
umunu : l'uomo deve giungeie con lu suu
evoluzione, ud un giudo in cui tule geime
spiiituule, ossiu i| suo vcro lo, oiu sopito
ull'inteino dellu suu unimu, doviu ucquistuie
lucoltu di peicezione intelettivu, iuzionule e
di memoiiu uutocosciente in modo uguule u
ciò u cui coiiisponde lu lucoltu di coscienzu
uttivu tipicu dello stuto di vegliu.

Appuie quindi uncle l'impoitunzu du
uttiibuiie ul sistemu sensoiiule umuno.
Senzu l'uusilio del ceivello quule
"tiusmettitoie" e decodilicutoie e
rispcccnidrorc di impulsi sensibili, l'Io
umuno non uvrebbe possibilitù di
evoluzione; uttiuveiso le conoscenze
conseguite sul piuno muteiiule, l'unimu lu
possibilitu di luie espeiienze ultiemodo non
ieulizzubili in ultii mondi soviulisici: lu
muteiiu, tiumite il ceivello e il coipo Fisico,
e l'unico piuno dove e possibile cominciuie
u costiuiie il ponte liu lu teiiu e il cielo, ud
cJi|icdrc und durocoscicnzd spirirud|c.
L'uomo e piovenuto dul cielo, du un mondo
spiiituule ove non uvevu unu coscienzu
individuule; e sceso sullu teiiu pei
conseguiie tule coscienzu, cle e ottenibile
solo uttiuveiso l'espeiienzu dell'egoismo,
tiumite l'uzione dellu vitu dell'unimu sullu
teiiu. Solo dopo uvei ottenuto questu
lucoltu, egli iitoineiu du dove e piovenuto,
mu poitundosi con se lu coscienzu
individuule.

Non pei questo si deve ciedeie cle
l'espeiienzu nellu muteiiu siu l'unicu in
ussoluto cle peimettu lo sviluppo di tule
36
"coscienzu cosmicu" ; vi sono entitu
spiiituuli molto elevute, le quuli pui uvendo
doti intelettive, emozionuli e iuzionuli ben
più potenti dell' umuno, non lunno
necessituto di tule peimunenzu o pussuggio,
peicle lunno piodotto il loio sviluppo
evolutivo in condizioni iniziuli dilleienti
iispetto il punto di puitenzu umuno, uvendo
peiò un ben diveiso stuto di coscienzu
dissimile du quello umuno.
Non vi sono stuti di coscienzu peggioii o
miglioii, minoii o muggioii; ne esistono solo
tunti e dilleienti, ognuno udeguuto ud un
iuolo e ul dominio di unu deteiminutu sleiu.
Si può diie cle vi c Ji||crcnzd |rd srdri Ji
coscicnzd c |dco|rd Ji porcnzd; l'uomo e stuto
piescelto dul piincipio onde sviluppuie il
suo iientio nello spiiito in coscienzu, ossiu
con unu lucoltu cle gli suiu piopiiu e unicu
nel lutuio, iispetto le ultie entitu spiiituuli.


IL TRIPLICE 5PIRITO NELL'UMANO

L'uomo e costituito du un coipo lisico ed
ultii coipi sottili : questi coipi uppuitengono
ui iispettivi mondi invisibili nei quuli siumo
costuntemente immeisi uncle se non ne
siumo consupevoli.
L'ucquisizione di un utilizzo cosciente di
ogni coipo, uttuubile solo giuzie ud un
rirocinio csorcrico inizidrico, iende possibile
lu peicezione dei ielutivi mondi u cui i
ielutivi coipi uppuitengono: cosI come con i
sensi lisici uppuie il mondo lisico, con sensi
eteiici uppuie il mondo eteiico; usundo
oiguni ustiuli uppuie il mondo ustiule; con
oiguni spiiituuli o mentuli uppuie il mondo
mentule o spiiituule.

Oltie cle u esseie composto du diveisi
componenti o veicoli, l'uomo poitu in se, in
modo embiionule, un trlpllce splrlto:
ossiu i| suo Spiriro lo c Trino, come
Tiinituiio e Dio.
Lu Divinitu, lu emunuto dullu suu essenzu
l'Io dell'uomo: tie puiti spiiituuli esistono in
quest'ultimo "in potenzu" ossiu sotto loimu
di geimi cle lunno du sviluppuisi, du
geiminuie. CosI come l'Entitu Pudre-
Figlio-Spirito lu utilizzuto lu suu
Coscicnzd Trinirdrid pei cieuie l'uomo, ullo
stesso modo l'uomo Jcvc porrdrc |d sud
coscicnzd nc| suo Fsscrc spirirud|c in un
rrip|icc moJo, pei mezzo dei veicoli
inleiioii: come dal tre corpl sl sono
generate le tre anlme, da queste sl
genereranno l tre 5plrltl.

1- Lu Divinitu lo lu piovvisto di un corpo
scnzicnrc, dul quule lu estiutto come suo
piodotto |'dnimd scnzicnrc: essu ucciesceiu
nell'uomo lu consupevolezzu e lu coscienzu
cle vi e in lui il geime di un 5è splrltuale,
tiutto "nel Piincipio" dullo Spirito Sunto.
2- Gli e stuto duto un corpo crcrico, il quule
lu geneiuto come suo piodotto |'dnimd
rdziond|c. qucsrd origincrd |d coscienzu cle
in lui vi e uno 5plrlto Vltale, tiutto dul
mondo dello Spiiito dellu Vitu, o iegno del
Logos o Figlio.
3- L'uomo lu poi un un corpo |isico, dul
quule lu tiutto come suu essenzu |'dnimd
coscicnrc, cle ucciesce lu consupevolezzu in
lui di un Uomo 5plrltuale cle lu tiutto
dul iegno del Pudre.
-Lu giusrd dzionc del coipo lisico uumentu lo
sviluppo dell'unimu cosciente cle u suu
voltu
lu soigeie l'Uomo Spiiituule;
-lu giusrd csscnzid|c mcmorid del c.eteiico
uumentu lo sviluppo dell'unimu iuzionule e
u suu voltu il nusceie dello Spiiito Vitule;
-il Jominio Jc||c pdssioni del coipo ustiule
uumentu lo sviluppo dell'unimu senziente e
u suu voltu lu soigeie il Se Spiiituule.

Occoiie quindi uttiibuiie ull'unimu un
iuolo di "mediutiice", tiovundosi postu u
metu di due ieultu cle lu uttiiuno l'unu
veiso l'ultiu; il suo scopo e di svincoluisi
dull'illusione conleiitugli dullu mdrcrid,
onde ubbiucciuie lu Nutuiu spirirud|c.
Anulizziumo oiu questi rrc Principi
Spiiituuli:

"IL 5E' o Personalltà 5plrltualeº
(munus)

Tule elemento si tiovu esistente in modo
potenziule nell'umuno, mu tuttoiu ineite,
sopito e incompleto. Veiiu u pienu
espiessione solo con il liniie dell'esistenzu
plunetuiiu dellu Teiiu: e ciò cle l'uomo
deve ieulizzuie tiumite l'espeiienzu sullu
Teiiu.
Il dominio delle pussioni, dei sentimenti e
degli istinti, equivule ud un luvoio di
mutuzione e di tiusloimuzione delle lucoltu
del corpo Asrrd|c: du questo si geneieiu il 5è
5plrltuale o elemento Munusico.
Con il tempo, si geneieiu uno spontuneo
utteggiumento di iinunciu e di ubneguzione
37
veiso il mondo delle umbizioni muteiiuli;
l'umuno piendeiu il dominio sulle sue
cuttive ubitudini, sui vizi e le peiveisioni. In
tul modo egli giungeiu ud uvei contiollo
uncle sui sentimenti, soppesundoli e
consideiundoli giusti e necessuii solo pei
quel tunto cle gli olliono; senzu sentiisene
scliuvo utilizzeiu i beni muteiiuli soltunto
quuli necessitu.
Se l'io tioveiu lu loizu di puiilicuie il
c.ustiule, uttiuveiso lu volontu di suciilicio,
lu volontu di luvoiuie pei il mondo, volontu
di ieulizzuie il destino, dullu moite
dell'ustiule inleiioie nusceiu |`dsrrd|c
supcriorc: il Sè spirituule.

Ciò cle e istinto nutuiule quule lu lume, lu
sete, l'uccoppiuisi, il sentiie lieddo, il volei
ceicuie un iipuio, non di pei se mule o
sbugliuto; essi deiivuno du condizioni
indispensubili deteiminute dul soggioino
nel mondo sensibile, di nutuiu lisiologicu.
Se si guuidu come in Nutuiu si compoituno
gli unimuli, si vediu cle essi non sono
mossi, come l'uomo,du sentimenti cle li
poituno ul desideiio di miglioiuie, di godeie
muggioimente di tuli impulsi istintivi.
Un uomo, quundo lu sete, ubbisogneiebbe
di solu e puiu ucquu pei soddisluie lu suu
necessitu lisiologicu: ciò deve esseie lutto,
ultiimenti moiiiebbe. A dilleienzu dellu
bestiu, peiò egli desideiu uvidumente goJcrc
ulteiioimente duiunte tule udempimento
lisico, non limitundosi u ingeiiie solo ciò
cle iicliedeiebbe lu puiu necessitu, mu
bevendo sostunze ulteiute: ulcool o bibite
cle donuno un puiticoluie piuceie ui suoi
sensi gustutivi. Non si uccontentu di plucuie
lu sete, mu uncle di godeine.
Un unimule non uccide se non lu lume,
non si uccoppiu se non e il peiiodo dellu
leconduzione, insommu sottostu u delle
iegole cle sono univeisuli, scevie di
concetti in cui siu uncle solo leggeimente
insitu lu puiolu goJcrc pei il piuceie in se.
Il godeie del piuceie line u se stesso e
piopiio solo dell'uomo, e ciò lo si può
peicepiie in tutti gli utteggiumenti opeiuti
pei solu vunitu, oigoglio, supeibiu e
umbizione: il copiiisi con vestiti ullu modu,
e ben ultio cle poisi uddosso quulcosu pei
soppeiiie ul lieddo; il compiuie un puluzzo
pei investiie dunuio, dilleiisce di giun
lungu dul bisogno di iipuiuisi dulle
intempeiie; il piuticuie sesso con muliziu e
peiveisione e ben lungi dul geneiuie un
liglio.
l| Sc spirirud|c c |d puri|icdzionc d |ivc||o
coscicnrc in moJo vo|irivo c drrivo Jc||'lo su|
corpo Jci JcsiJcri.
Esso dlvlene un'arto dello splrlto.
Quundo si loimu nell'uomo tule Se
spiiituule, si può diie cle egli lu conciliuto
in se due estiemi: i| singo|o c g|i d|rri, come
lu coidu dellu liiu tiue dui sue due opposti
l'uimoniu del suono.

LA PERSONALITA' SPIRITUALE
Se si unulizzu il teimine Personalltà
5plrltuale (Se), si tioveiu in esso giu un
indizio ciicu lu suu nutuiu e lunzione.
Pei tiumite del coipo ustiule e mentule
ubbiumo visto cle l'uomo identilicu se
stesso, uutodelindosi un ¨io`: l'uzione
congiuntu di tuli veicoli, iillettendo l'uzione
del veio Io, oiiginuno lu cosidettu
tiunsitoiiu Personalltà terrena umunu.
Quundo l'uomo suiu iiuscito u mutuie tutto
ciò cle piimu eiu egoismo in ultiuismo,
eluboiundo lu sostunzu del suo coipo ustiule
e mentule tiusloimundo cosI pussioni e
istinti, egli si tioveiu non più piovvisto di
un veicolo unimico coipoieo, mu di un
coipo ustiule mututo in dnimd spirirud|c.
E cosI come piimu egli dicevu ¨io`
uttiuveiso un impuio coipo ustiule, pei
tiuiie uutocoscienzu e distingueisi nel
mondo lisico, ulloiu uviu unu puiissimu
unimu spiiituule tiumite lu quule potrà
dlrsl "loº autocosclentemente entro
ll Mondo 5plrltuale.
Il 5è suiu l'uito del lutuio cle duiu ull'Io lu
luminosu uutocoscienzu umunu, quundo
soggioineiu liu le ultie Individuulitu
spiiituuli nel mondo celeste: suiu cupuce di
esplicuie consupevolmente compiti e
munsioni, u liunco di elevute entitu divine.
Il Se e il Dio nell'uomo cle si munilestu.

L'UNIONE DELL'ANIMA COSCIENTE
CON IL SE' SPIRITUALE
A cugione di questu stiettu ieluzione cle
esiste nel Diveniie liu i coipi ustiule e
mentule e il Se Spiiituule, si suole diie cle
l'anlma cosclente è conglunta con ll
5è 5plrltuale, loimundo con questo un
elemento unico: essu e un uito in
mutuzione, cle stu giu du oiu diventundo lu
buse di suppoito pei l'edilicuzione dellu
lutuiu dnimd spirirud|c.
Lu ieulizzuzione nell'inteiu umunitu del Se
spiiituule, uvveiiu tiumite il noimule
decoiso dell'evoluzione, solo nellu
lontunissimu Era dl Glove, quundo lu
38
Teiiu non suiu più costituitu di sostunzu
lisicu, mu suiu divenutu un pidncrd crcrico.

Pei loiniie un'immugine più uppiopiiutu e
ieule del Se spiiituule, e bene unulizzuie lu
iuppiesentuzione evungelicu cle nuiiu
dell'uvvenimento del Golgotu, nel momento
dellu moite del Ciisto Gesù.

Sullu cioce, noi tioviumo il coipo e
l'unimu dell'uomo Gesù, cle scnrc prcscnrc
ul di luoii di se, quell'Io del Ciisto cle
piimu, si munilestuvu du dentio di lui
tiumite lu suu coipoieitu.
L'anlma dl Gesù è sulla Croce; lo
5plrlto del Crlsto aleggla lnvece al
dl Iuorl dl lel.
L'unimu di Gesù su in pienu
consupevolezzu di esseie stuto un mezzo
dellu munilestuzione dell'Io del Ciisto, non
dice: ¨il mio io e in me`, mu bensI: ¨il mio
io e luoii di me`, come dicono le puiole
evungelicle di Gesù sullu cioce: "D-Io
mio, perchè mi hui ubbundonuto?"
L'unimu di Gesù non lu in se l'cquivoco di
ciedeisi l'Io; su cle quell'Io spiiituule e oiu
luoiiuscito du lui.
L'uomo Gesù uppuie come lu piimu unimu
sullu Teiiu, cle lu coscienzu dell'esistenzu
di un Io supeiioie cle e un'entitu supeiioie
e ben distintu du lui: gli uppuie lu duulitu
unimu-Spiiito.
Tule cosu non e pulese ull'uomo oidinuiio:
egli inlutti ciede cle l'Io siu lu suu unimu,
ignoiu cle oltie ullu suu peisonulitu
contingente possu esisteie un ¨ultio Io`,
un'individuulitu cle gli si contiuppongu.
Tunto meno uncoiu lo eiu nell'unticlitu,
quundo l'uomo non uvevu neppuie lu
peicezione di possedeie in se un io, mu
dicevu io ul popolo, ullu iuzzu o ullu
discendenzu.

Suppiumo cle il Ciisto lu uvuto lu
missione di poituie ull'uomo lu coscienzu,
lu conoscenzu dell'Io: dovevu geneiuie le
condizioni ullincle tiumite lu pienu
imituzione del modello dellu liguiu di Gesù
Ciisto, l'umuno potesse giungeie ud
ulleiiuie in se lu piesenzu divinu del suo Io
tiuscendente.

LA MISSIONE DELL'ANIMA UMANA

Aiiiviumo cosI u delineuie e u giungeie
oiu ullu compiensione dellu missione
dell'uomo sullu Teiiu: l'unimu umunu deve
uiiivuie duppiimu u iiconosceie di esseie
solo uno srrumcnro tiumite il quule l'Io
divino ugisce e opeiu sullu Teiiu,
dicendosi: ¨Non io. md i| Crisro Io in mc`.
Mu solo con tule opeiu l'Io non suiebbe
uncoiu cupuce di opeiuie e guiduie il
coipo e l'unimu consupevolmente: peicle
ciò uccuddu, l'anlma deve esser
capace dl sacrlIlcare sè stessa
sull'altare della croce la sua
eslstenza, deve darsl la morte.
Volontuiiumente deve uccideie lu suu
peisonulitu inleiioie; il suo ubito mentule,
lu suu pussionulitu e lu suu istintivitu
devono veniie metumoilosute in cupucitu
di pcnsicro puro. Ji scnrimcnri Jcvori c Ji
vo|onrd Ji dmorc: in pocle puiole deve
iinunciuie u tutto ciò u cui piimu dicevu
¨io`.
Questo signilicu peideie lu piopiiu
identitu pei iitiovuilu unilicutu ul piopiio
Io spiiituule. Jirc io d| vcro lo: quundo
l'unimu suiu divenutu cupuce di suciilicuie
se stessu, dullu suu moite si vediu iisoigeie
in unu nuovu veste: dlverrà l'lmmaglne
del suo Io.
Si tioveiu mututu du peisonulitu teiienu,
in Peisonulitu Spiiituule: Sc Spirirud|c.

Alleiiuie questi concetti, signilicu
conosceie il lutuio dell'uomo; signilicu
compiendeie il peicle l'unimu siu cosI cuiu
ul Ciisto, ul Piincipio Io cosmico: senzu di
essu Egli non suiebbe cupuce, du se stesso,
di Ji||crcnzidrsi dul Tutto dello Spiiito.
L'Io dell'uomo, come tutti gli esseii
spiiituuli, non e uncoiu cupuce di
distingueisi du solo: pei luilo lu bisogno
di uno specclio in cui iilletteisi, pei
contempluisi. Senzu di questo non
potiebbe uveie coscienzu di esseie un ente
distuccuto dul tutto: per
autoperceplrsl, l'Io splrltuale
umano ha blsogno dl una Iorma, dl
rlvestlrsl dl un lmmaglne che non
ha.

Mentie oiu questu possibilitu se lu e
invece uppiopiiutu il suo coipo, uccudiu
cle tiumite il suciilicio dellu suu unimu,
potiu edilicuisi un immugine, con lu quule
potiu coglieisi, quule loimu in se
concliusu, entio il muie dello Spiiito.
Aveie unu loimu, signilicu uncle uveie un
Nome, quindi esseie un quiJ cle si
peicepisce e si può lui peicepiie du ultii in
modo sepututo dul Tutto.
39

La vera Resurrezlone dell'anlma è
la sua trasIormazlone da strumento
rlIlettente dell'Io, a pura Immaglne
dell'Io.

L'unimu di Gesù sullu cioce, e consupevole
cle solo moiendo, uttiuveiso l'uscesi o il
piocesso iniziutico, dullu suu moite si
oiigineieiu lu nuovu vitu cosciente del suo
Io.

L'immugine del Gesù sullu cioce del
Golgotu svelu il suo simbolismo occulto:
su||d ncrd crocc Jcvc vcnirc dppcsd |`dnimd
Jc||`uomo. Jd||d qud|c |iorird |d Rosd
Jc||`dnimd Jc||`lo umdno.
Quundo si e giunti ul dominio delle
suddette piedisposizioni pussionuli, si può
diie cle il piopiio c.Astiule e stuto
tiusloimuto, e quindi e stutu vintu lu
potenzu cle uttiiu l'Ego veiso il busso;
giunge u tul punto, un luvoio uncoiu più
dillicile du svolgeie il quule duiu oiigine ud
un secondo prlnclplo esistente come
embione, nell'umuno:

"LO 5PIRITO VITALE"
(budli)

L'uomo oidinuiio stu giu du udesso
luvoiundo subcoscientemente pei edilicuie
il suo Sc spirirud|c, cle uiiiveiu u pienu
mutuiuzione liu migliuiu di unni; solo un
individuo cle piuticli unu seiiu piuticu
esoteiicu iniziuticu può umbiie u ieulizzuie
nell'epocu uttuule, il Sè spirituule e lo
Spirito Vitule. L'iniziuto e un esseie cle,
iispetto l'uomo oidinuiio, piecoiie, unticipu
nel tempo ciò cle pei cuuse nutuiuli veiiu
conseguito dull'inteiu umunitu in un
lontuno lutuio. Ciò e possibile peicle egli
vo|irivdmcnrc c coscicnrcmcnrc si sloizu oiu,
di iuggiungeie quello stuto.
Lu puiilicuzione dell'eneigiu Astiule e di
quellu vitule Eteiicu, coiiisponde u ciò cle
col teimine "iniziuzione" si intende quule
rrdsmurdzionc dnricipdrd dellu piopiiu
costituzione Egoicu.

Lu ieulizzuzione nell'umunitu dello Spiriro
\ird|c e del seguente 0omo Spirirud|c si
uttueiunno in Eie cosI lontune cle lu
noimule lucoltu di pensieio umune non può
nemmeno ipotizzuie: nel tempo di Venere
e di Vulcano.
In questu sede, ci puie quindi non
oppoituno puiluie dillusumente di questi
due uiti, cle occupeiunno l'uomo in
condizioni di esistenzu ben diveise du
quelle uttuuli. Ciononostunte ne duiemo
ulcuni cenni, u titolo nozionistico.

Come l'uomo diviene piun piuno pudione
del suo coipo Astiule, cosI deve ucquistuie
dominio sul suo coipo Eteiico.
Il coipo Eteiico e il veicolo suppoitunte il
cdrdrrcrc c i| rcmpcrdmcnro; tule luvoio di
modilicu, du compieisi suiu ussui lento, duto
cle tuli quulitu sono iudicute in esso in
modo molto più piolondo di quunto lo
siuno le sue ubitudini e i suoi vizi.
Ciò cle muggioimente contiibuisce ul
mutumento di tule coipo e ciò cle si uttuu
tiumite lo studio di lutti o conoscenze
occulte, gli eseicizi di medituzione, (lu
pieglieiu) e lu piuticu ieligiosu. Ancle
l'uite inlluisce puiecclio su di esso. Vi sono
ulcune musicle, cle se uscoltute
meditutivumente, possono unticipuie lu
puiilicuzione del coipo eteiico.
Ancle il sentimento di devozione ieligiosu
impiime un cle di unituiio u tutti i pensieii,
u tutti i sentimenti, u tutti gli utti volitivi;
dillonde unu luce comune, uniloimundo
l'unimu e consolidundolu.

Lo 5plrlto vltale sl può qulndl
lntendere come ll corpo Eterlco
trasIormato.

Mu ciò non si conclude qui. L'uomo deve
uiiivuie ud uveie uncle il dominio sul suo
coipo Fisico, onde uttuuie lu suu completu
evoluzione; ciò duiu oiigine ul terzo
prlnclplo umuno:

"L'UOMO 5PIRITO"
(utmu)

Un segno dell'inlluenzu cle lu l'Io sul
coipo Fisico si può vedeie quundo ceite
espeiienze emozionuli piovocuno (ud.es.) i
lenomeni dell'uiiossiie e dell'impullidiie.

Quundo l'Ego ucquistu il dominio sulle
leggi e le loize lisicle invisibili cle
goveinuno e cle oidinundo lu |ormdzionc e
lu Jisgrcgdzionc del coipo Fisico, uvviene lu
ieulizzuzione su piuno spiiituule del
suddetto piincipio, quule "corpo
spirituule" dell' Io: l'uomo suiu cupuce di
diiigeie volitivumente l'uttivitu del suo
40
coipo, senzu cle ultie entitu lo lucciumo
come oiu, pei lui.
Si deteimineiu cosI un veio e piopiio
¨veicolo spiiituule`, cle suiu il coipo, l'uito
su cui si ieggeiu l'individuulitu umunu
puiilicutu e spiiituulizzutu. (involucio
uuiico)
Ancle nel mondo spiiituule vi suiu un
"dentio" e un "luoii"; tule "coipo spiiituule"
e ciò cle Jc|imircrd l'esseie umuno
spiiituulizzuto entio e dul mondo spiiituule
stesso.








Giunti ul teimine del nostio studio, si può
oiu piesentuie unu iiussuntivu esposizione
dellu settemplice costituzione occultu
dell'uomo:
1- corpo Flslco denso muteriule
2- corpo Eterlco o vitule o elementure
3- corpo Astrale (inrcso comc und
conncssionc Jc| corpo scnzicnrc con l'unimu
Senziente)
4- Ego: qud|c ri||csso Jc||`lo (corpo mcnrd|c o
dnimd rdziond|c)
S- 5è 5plrltuale: qud|c corpo Asrrd|c
rrds|ormdro(congiunro con l'unimu
Cosciente)
6- 5plrlto Vltale: qud|c corpo \ird|c
rrds|ormdro
7- Uomo 5plrlto: qud|c corpo |isico
rrds|ormdro

L'Io è oltre e ul di fuori dellu
settemplicitù dei suoi veicoli. E' ciò
trumite cui i suoi veicoli possono
dirsi, "io".

¯ ¯ ¯






























CONCLU5IONE

"L'uomo dlcendo io a sè stesso
s'lnganna; dlce io al suo corpo e
alla sua anlma, non al suo vero Io.º
Ripoitundo lu liuse iniziule messu pei
inciso ull'inizio di questo sciitto
concludiumo questo studio, con lu speiunzu
di uvei contiibuito con il nostio luvoio, u
loiniie ulmeno uno stimolo pei
quell'individuulitu cle siu in ceicu del suo Io
e uneli u tiovuilo.
Speiiumo cle piesto possu veniie un tempo
in cui vi suiu un piimo uomo cle compiesu
l'illusione in cui e postu lu suu unimu, suiu
cupuce di diie Io ullu suu veiu individuulitu.
A tul punto ci piuce cliudeie queste pugine,
iivolgendoci ull'uomo di oggi con unu
duplice domundu: "Pu6 i| corpo Jirsi lo.
scnzd dvcrc un lo? F pu6 un lo Jirsi lo. scnzd
dvcrc un corpo?

Fine


Bolognu, 20 settembie 1998












Sign up to vote on this title
UsefulNot useful