You are on page 1of 28

PICCOLO UOMO (B.

Lauzi) Re Magg

(lei) DUE MANI FREDDE NELLE MIE


BIANCHE COLOMBE DELL'ADDIO
CHE GIORNO TRISTE QUESTO MIO
SE OGGI TU TI LIBERI DI ME
DI ME CHE SONO TANTO FRAGILE
E SENZA TE MI PERDERÒ
PICCOLO UOMO NON MANDARMI VIA
IO PICCOLA DONNA MORIREI
È L'ULTIMA OCCASIONE PER VIVERE
VEDRAI CHE NON LA PERDERÒ NO
È L'ULTIMA OCCASIONE PER VIVERE
AVRÒ SBAGLIATO SÌ LO SO
MA INSIEME A TE CI RIUSCIRÒ E SÌ
PERCIÒ TI DICO

PICCOLO UOMO NON MANDARMI VIA


IO PICCOLA DONNA SOLA MORIREI

ARIA DI PIOGGIA SU DI NOI


TU NON MI PARLI PIÙ COS'HAI
CERTO SE FOSSI AL POSTO TUO
IO SO GIÀ CHE COSA MI DIREI
DA SOLA MI FAREI UN RIMPROVERO
E DOPO MI PERDONEREI

PICCOLO UOMO NON MANDARMI VIA


IO PICCOLA DONNA SOLA MORIREI
È L'ULTIMA OCCASIONE PER VIVERE
VEDRAI CHE NON LA PERDERÒ
IO POSSO
IO DEVO IO VOGLIO VIVERE
INSIEME A TE CI RIUSCIRÒ
È L'ULTIMA OCCASIONE PER VIVERE
VEDRAI CHE NON LA PERDERÒ
PERCHÉ IO POSSO IO DEVO IO VOGLIO VIVERE
CI RIUSCIREMO INSIEME
PICCOLO UOMO NON MANDARMI VIA
IO PICCOLA DONNA SOLA MORIREI
UN GIORNO DOPO L’ALTRO

(lui) UN GIORNO DOPO L’ALTRO IL TEMPO SE NE VA


LE STRADE SEMPRE UGUALI LE STESSE CASE

UN GIORNO DOPO L’ALTRO E TUTTO È COME PRIMA


UN PASSO DOPO L’ALTRO LA STESSA VITA

E GLI OCCHI INTORNO CERCANO


QUELL’AVVENIRE CHE AVEVANO SOGNATO
MA I SOGNI SONO ANCORA SOGNI
E L’AVVENIRE È ORMAI QUASI PASSATO

UN GIORNO DOPO L’ALTRO LA VITA SE NE VA


DOMANI SARÀ UN GIORNO UGUALE A IERI

strumentale……………………………………….

LA NAVE HA GIÀ LASCIATO IL PORTO


E DALLA RIVA SEMBRA UN PUNTO LONTANO
QUALCUNO ANCHE QUESTA SERA
TORNA DELUSO A CASA PIANO PIANO

UN GIORNO DOPO L’ALTRO LA VITA SE NE VA


E LA SPERANZA ORMAI È UN’ABITUDINE
IL MIO MONDO

(lui) IL MIO GIORNO È COMINCIATO IN TE


LA MIA NOTTE MI VERRÀ DA TE
UN SORRISO ED IO SORRIDERÒ
UN TUO GESTO ED IO PIANGERÒ

(lei) LA MIA FORZA ME L’HAI DATA TU


OGNI VOLTA CHE HAI CREDUTO IN ME
TU M’HAI DATO QUELLO CHE
IL MONDO NON MI HA DATO MAI

(insieme) IL MIO MONDO È COMINCIATO IN TE


IL MIO MONDO FINIRÀ CON TE
E SE TU MI LASCERAI
IN UN MOMENTO IO MORIRÒ

strumentale……………………………………...

(lei) TU MI HAI DATO QUELLO CHE


IL MONDO NON MI HA DATO MAI

(insieme) IL MIO MONDO È COMINCIATO IN TE


IL MIO MONDO FINIRÀ CON TE
E SE TU MI LASCERAI
IN UN MOMENTO COSÌ
TUTTO PER ME
FINIRÀ CON TE
LA MUSICA CHE GIRA INTORNO

(lui) PER NIENTE FACILI UOMINI COSÌ POCO ALLINEATI


LI PUOI CHIAMARE AI NUMERI DI IERI
SE NELLA NOTTE NON LI AVRANNO CAMBIATI
PER NIENTE FACILI UOMINI SEMPRE POCO ALLINEATI
LI PUOI PENSARE NELLE STRADE DI IERI
SE NON SARANNO RIENTRATI

SARÀ POSSIBILE SÌ INCONTRARLI IN AEREO


AVRANNO MANI E AVRANNO FACCIA DI CHI
NON FA PER NIENTE SUL SERIO

PERCHÉ L’AMERICA COSÌ COME ROMA GLI FA PAURA


E IL MEDIO-ORIENTE CHE QUI DA NOI
NON RISCUOTE NESSUNA FORTUNA

SARÀ LA MUSICA CHE GIRA INTORNO QUELLA CHE NON HA FUTURO


SARÀ LA MUSICA CHE GIRA INTORNO SAREMO NOI CHE ABBIAMO NELLA
TESTA UN MALEDETTO MURO

………………...strumentale……………………………….

MA UNO CHE TIENE I SUOI ANNI AL GUINZAGLIO


E CHE SI FERMA ANCORA AD OGNI LAMPIONE
O FA UNA MUSICA SENZA FUTURO O
NON HA CAPITO MAI NESSUNA LEZIONE

SARÀ CHE L’ANIMA DELLA GENTE


FUNZIONA DAPPERTUTTO COME QUI
SARÀ CHE L’ANIMA DELLA GENTE
NON HA IMPARATO A DIRE ANCORA UN SOLO SÌ

SARÀ LA MUSICA CHE GIRA INTORNO QUELLA CHE NON HA FUTURO


SARÀ LA MUSICA CHE GIRA INTORNO SAREMO NOI CHE ABBIAMO NELLA
TESTA UN MALEDETTO MURO
PER NIENTE FACILI UOMINI SEMPRE POCO ALLINEATI
LI PUOI CERCARE AI NUMERI DI IERI
SE NELLA NOTTE NON LI AVRANNO CAMBIATI

PER NIENTE FACILI UOMINI SEMPRE POCO AFFEZIONATI


LI PUOI TENERE FRA I PENSIERI DI IERI SE NON CI AVRANNO SCORDATI

SARÀ LA MUSICA CHE GIRA INTORNO QUELLA CHE NON HA FUTURO


SARÀ LA MUSICA CHE GIRA INTORNO SAREMO NOI CHE ABBIAMO NELLA
TESTA UN MALEDETTO MURO

(lentamente) SARÀ LA MUSICA CHE GIRA INTORNO QUELLA CHE NON HA


FUTURO
SARÀ LA MUSICA CHE GIRA INTORNO SAREMO NOI CHE ABBIAMO NELLA
TESTA UN MALEDETTO MURO
LA GATTA

(lui) ERA QUI IN CASA MIA ORAMAI NON C’È PIÙ

È SPARITO IL MIO FANTASMA BLU


ERA LUI CHE PORTAVA ALLEGRIA ERA LUI CHE MI DAVA POESIA
CHI LO INCONTRA GLI DICA DA PARTE MIA CHE RITORNI IL MIO FANTASMA
BLU

(lei) C’ERA UNA VOLTA UNA GATTA CHE AVEVA UNA MACCHIA NERA SUL MUSO

E UNA VECCHIA SOFFITTA VICINO AL MARE CON UNA FINESTRA A UN


PASSO DAL CIELO BLU
SE LA CHITARRA SUONAVO LA GATTA FACEVA LE FUSA ED UNA
STELLINA SCENDEVA VICINA VICINA POI MI SORRIDEVA E SE NE TORNAVA SU

ORA NON ABITO PIÙ LÀ TUTTO È CAMBIATO NON ABITO PIÙ LÀ


HO UNA CASA BELLISSIMA BELLISSIMA COME VUOI TU

MA IO RIPENSO A UNA GATTA CHE AVEVA UNA MACCHIA NERA SUL MUSO
A UNA VECCHIA SOFFITTA VICINO AL MARE CON UNA STELLINA CHE ORA
NON VEDO PIÙ

(lui) E PUÒ DARSI CHE TORNI ANCHE TU SE RITORNA IL MIO FANTASMA BLU

SE RITORNA IL MIO FANTASMA BLU


 ÇÍMMA (De Andrè) Do Magg

(J=SG)
(lui) TI T'ADESCIÉ 'NSCE L'ÉNDEGU DU MATIN
CH'Á LÛSJA A L'À 'N PÉ 'N TÈRA E L'ÁTRÙ I MÀ
TI T'AMMIÉ OU SPÉGIU DE 'N TIANIN
OU ÇÉ OU S'AMNIÀ OU SPEGIU DÂ RUZÀ
TI METTIÉ OU BRÛGGU RÉDDENUINTE 'N CANTÙN
CHE SE D'Â CAPPA A SGÛGGIA 'N CUJIN-A Á STRIA
JEA DE CUNTÀ 'E PÁGGE CHE GHE SUN
'A SIMMA A L'È ZA PINN-A L'È ZA CÛJIA

SÉ SERÉN TÈRA SCÛA CARNE TÉNIA NU FÂTE NÉIGRA NU TURNÂ DÛA

BELL'OUEGGÉ STRAPUNTA DE TÛTTU BOUN


PRIMA DE BATTEZÁLA 'NTOU PREBUGGIUN
CUN DUI AGUGGIUÎN DRITU IN PÚNTA DE PÉ
DA SÚRVIA 'N ZÛ FITU TI 'A PUNZIGGÈ
ÀIA DE LÛN-A VÉGIA DE CIÊU DE NÉIGIA
CH'OU CÉGU OU PÈRD 'A TESTA L'ÂSE OU SENTÉ
OUDÚ DE MÀ MISCIÓU DE PÈRSA LÉGIA
COS'ÂTRU FÂ COS'ÂTRU DÀGHE A OU ÇÉ

SÉ SERÉN TÈRA SCÛA CARNE TÉNIA NU FÂTE NÉIGRA NU TURNÂ DÛA


E INT'U NÚMÉ DE MARIA TÛTTI DIAÌ DA STA PÛGNATTA ANÈNE VIA

strumentale…………………………………………………………….

POI VEGNAN NA PIGIÀTELA I CÂMÉ


TE LASCIAN TÛTTU U FÛMMU DU TÊU MESTÉ
TOCCA A OU FANTIN À PRIMA CUTELÀ
MANGÈ MANGÈ NU SÉI CHI VE MANGIÀ

SÉ SERÉN TÈRA SCÛA CARNE TÉNIA NU FÂTE NÉIGRA NU TURNÂ DÛA


E INT'OU NÚME DE MARIA TÛTTI DIAÌ DE STA PÛGNATTA ANÈNE VIA

strumentale…………………………………………………………….
FIUME SAND CREEK (De Andrè) La Magg

(lei) SI SON PRESI IL NOSTRO CUORE SOTTO UNA COPERTA SCURA


SOTTO UNA LUNA MORTA PICCOLA DORMIVAMO SENZA PAURA
FU UN GENERALE DI VENT'ANNI OCCHI TURCHINI E GIACCA UGUALE
FU UN GENERALE DI VENT'ANNI FIGLIO D'UN TEMPORALE
C'È UN DOLLARO D'ARGENTO SUL FONDO DEL SAND CREEK

I NOSTRI GUERRIERI TROPPO LONTANI SULLA PISTA DEL BISONTE


E QUELLA MUSICA DISTANTE DIVENTÒ SEMPRE PIÙ FORTE
CHIUSI GLI OCCHI PER TRE VOLTE MI RITROVAI ANCORA LÌ
CHIESI A MIO NONNO È SOLO UN SOGNO MIO NONNO DISSE SÌ
A VOLTE I PESCI CANTANO SUL FONDO DEL SAND CREEK

strumentale……………e corale……………………….

SOGNAI TALMENTE FORTE CHE MI USCÌ IL SANGUE DAL NASO


IL LAMPO IN UN ORECCHIO NELL'ALTRO IL PARADISO
LE LACRIME PIÙ PICCOLE LE LACRIME PIÙ GROSSE
QUANDO L'ALBERO DELLA NEVE FIORÌ DI STELLE ROSSE
ORA I BAMBINI GIOCANO NEL LETTO DEL SAND CREEK

strumentale……………e corale……………………….

QUANDO IL SOLE ALZÒ LA TESTA TRA LE SPALLE DELLA NOTTE


C'ERANO SOLO CANI E FUMO E TENDE CAPOVOLTE
TIRAI UNA FRECCIA IN CIELO PER FARLO RESPIRARE
TIRAI UNA FRECCIA AL VENTO PER FARLO SANGUINARE
LA TERZA FRECCIA CERCALA SUL FONDO DEL SAND CREEK

strumentale……………e corale……………………….

SI SON PRESI I NOSTRI CUORI SOTTO UNA COPERTA SCURA


SOTTO UNA LUNA MORTA PICCOLA DORMIVAMO SENZA PAURA
FU UN GENERALE DI VENT'ANNI OCCHI TURCHINI E GIACCA UGUALE
FU UN GENERALE DI VENT'ANNI FIGLIO D'UN TEMPORALE
ORA I BAMBINI DORMONO NEL LETTO DEL SAND CREEK

strumentale……………e corale……………………….
SE STASERA SONO QUI

(lei) SE STASERA SONO QUI È PERCHÉ TI VOGLIO BENE


È PERCHÉ TU HAI BISOGNO DI ME ANCHE SE NON LO SAI
SE STASERA SONO QUI È PERCHÉ SO PERDONARE
E NON VOGLIO GETTAR VIA COSÌ IL MIO AMORE PER TE

(lui) PER ME VENIRE QUI È STATO COME SCALARE


LA MONTAGNA PIÙ ALTA DEL MONDO
E ORA CHE SON QUI VOGLIO DIMENTICARE
I RICORDI PIÙ TRISTI GIÙ IN FONDO

(lei) SE STASERA SONO QUI È PERCHÉ TI VOGLIO BENE


È PERCHÉ TU HAI BISOGNO DI ME ANCHE SE NON LO SAI

strumentale…………………………...

(insieme) SE STASERA SONO QUI È PERCHÉ TI VOGLIO BENE


È PERCHÉ TU HAI BISOGNO DI ME ANCHE SE NON LO SAI
SE STASERA SONO QUI
RITORNERAI (B. Lauzi) FA Magg

DO7/4 FA7+ DO7/4 Fa7+

(lui) RITORNERAI LO SO RITORNERAI


E QUANDO TU SARAI CON ME

RITROVERAI TUTTE LE COSE CHE


TU NON VOLEVI VEDERE INTORNO A TE

E SCOPRIRAI CHE NULLA È CAMBIATO


CHE SONO RESTATO L’ILLUSO DI SEMPRE

E RIDERAI EH QUEL GIORNO RIDERAI


MA NON POTRAI LASCIARMI PIÙ

TI SENTI SOLA CON LA TUA LIBERTÀ


ED È PER QUESTO CHE TU
RITORNERAI RITORNERAI

strumentale……………………..

TI SENTI SOLA CON LA TUA LIBERTÀ


ED È PER QUESTO CHE TU
RITORNERAI RITORNERAI
RITORNERAI RITORNERAI
MIO FRATELLO CHE GUARDI IL MONDO

(lei) MIO FRATELLO CHE GUARDI IL MONDO


E IL MONDO NON SOMIGLIA A TE
MIO FRATELLO CHE GUARDI IL CIELO
E IL CIELO NON TI GUARDA

SE C’È UNA STRADA SOTTO IL MARE


PRIMA O POI CI TROVERÀ
SE NON C’È STRADA DENTRO IL CUORE DEGLI ALTRI
PRIMA O POI SI TRACCERÀ

SONO NATO E HO LAVORATO IN OGNI PAESE


E HO DIFESO CON FATICA LA MIA DIGNITÀ
SONO NATO E SONO MORTO IN OGNI PAESE
E HO CAMMINATO SU OGNI STRADA DEL MONDO CHE VEDI

MIO FRATELLO CHE GUARDI IL MONDO


E IL MONDO NON SOMIGLIA A TE
MIO FRATELLO CHE GUARDI IL CIELO
E IL CIELO NON TI GUARDA

SE C’È UNA STRADA SOTTO IL MARE


PRIMA O POI CI TROVERÀ
SE NON C’È STRADA DENTRO IL CUORE DEGLI ALTRI
PRIMA O POI SI TRACCERÀ
SE NON C’È STRADA DENTRO IL CUORE DEGLI ALTRI
PRIMA O POI SI TRACCERÀ

(lentamente) SE NON C’È STRADA DENTRO IL CUORE DEGLI ALTRI


PRIMA O POI SI TRACCERÀ

a tempo………………………………………………………
VIA DEL CAMPO (De Andrè) Lam - Dom

(lui) (la min) VIA DEL CAMPO C'È UNA GRAZIOSA GLI OCCHI GRANDI COLOR DI FOGLIA
TUTTA NOTTE STA SULLA SOGLIA VENDE A TUTTI LA STESSA ROSA

VIA DEL CAMPO C'È UNA BAMBINA


CON LE LABBRA COLOR RUGIADA
GLI OCCHI GRIGI COME LA STRADA
NASCON FIORI DOVE CAMMINA

(lei) (do min) VIA DEL CAMPO C'È UNA PUTTANA GLI OCCHI GRANDI COLOR DI FOGLIA
SE DI AMARLA TI VIEN LA VOGLIA BASTA PRENDERLA PER LA MANO

E TI SEMBRA DI ANDAR LONTANO LEI TI GUARDA CON UN SORRISO


NON CREDEVI CHE IL PARADISO FOSSE SOLO LÌ AL PRIMO PIANO

(lui) (la min) VIA DEL CAMPO CI VA UN ILLUSO A PREGARLA DI MARITARE


A VEDERLA SALIR LE SCALE FINO A QUANDO IL BALCONE HA CHIUSO

(insieme) AMA E RIDI SE AMOR RISPONDE PIANGI FORTE SE NON TI SENTE


DAI DIAMANTI NON NASCE NIENTE DAL LETAME NASCONO I FIOR
DAI DIAMANTI NON NASCE NIENTE DAL LETAME NASCONO I FIOR

strumentale…………………………………………………
I TRENI A VAPORE

(lei) IO LA SERA MI ADDORMENTO


E QUALCHE VOLTA SOGNO PERCHÉ VOGLIO SOGNARE
E NEL SOGNO STRINGO I PUGNI
TENGO FERMO IL RESPIRO E STO AD ASCOLTARE

QUALCHE VOLTA SONO GLI ALBERI D’AFRICA A CHIAMARE


ALTRE NOTTI SONO VELE PIEGATE A NAVIGARE

SONO UOMINI E DONNE E PIROSCAFI E BANDIERE


VIAGGIATORI VIAGGIANTI DA SALVARE
DELLE CITTÀ IMPORTANTI IO MI RICORDO MILANO
LIVIDA E SPROFONDATA PER SUA STESSA MANO

E SE L’AMORE CHE AVEVO NON SA PIÙ IL MIO NOME


E SE L’AMORE CHE AVEVO NON SA PIÙ IL MIO NOME

COME I TRENI A VAPORE COME I TRENI A VAPORE


DI STAZIONE IN STAZIONE E DI PORTA IN PORTA
E DI PIOGGIA IN PIOGGIA E DI DOLORE IN DOLORE
IL DOLORE PASSERÀ
COME I TRENI A VAPORE COME I TRENI A VAPORE
E IL DOLORE PASSERÀ

…………………………………….iia ieia…………………………………….

IO LA SERA MI ADDORMENTO
E QUALCHE VOLTA SOGNO PERCHÉ SO SOGNARE
E MI SOGNO I TAMBURI DELLA BANDA CHE PASSA
O CHE DOVRÀ PASSARE

MI SOGNO LA PIOGGIA FREDDA E DRITTA SULLE MANI


I RAGAZZI DELLA SCUOLA PARTONO GIÀ DOMANI

MI SOGNO I SOGNATORI CHE ASPETTANO LA PRIMAVERA


O QUALCHE ALTRA PRIMAVERA DA ASPETTARE ANCORA
FRA UN BICCHIERE DI NEVE E UN CAFFÈ COME SI DEVE
QUEST’INVERNO PASSERÀ

E SE L’AMORE CHE AVEVO NON SA PIÙ IL MIO NOME


E SE L’AMORE CHE AVEVO NON SA PIÙ IL MIO NOME

COME I TRENI A VAPORE COME I TRENI A VAPORE


DI STAZIONE IN STAZIONE E DI PORTA IN PORTA
E DI PIOGGIA IN PIOGGIA E DI DOLORE IN DOLORE
IL DOLORE PASSERÀ

COME I TRENI A VAPORE COME I TRENI A VAPORE


DI STAZIONE IN STAZIONE E DI PORTA IN PORTA
E DI PIOGGIA IN PIOGGIA E DI DOLORE IN DOLORE
IL DOLORE PASSERÀ

…………………………………….iia ieia…………………………………….
DOLCENERA (De Andrè) Sol min

(coro) AMÌALA CH'Â L'ARÌA AMÌA CUM'Â L'É CUM'Â L'É


AMÌALA CUM'Â L'ARIA CH'Â L'È LÊ CH'Â L'È LÊ
AMÌALA CUM'Â L'ARIA AMÌA AMIA CUM'Â L'È
AMÌALA CH'Â L'ARÌA AMIA CH'Â L'È LÊ CH'Â L'È LÊ

(lui) NERA CHE PORTA VIA CHE PORTA VIA LA VIA


NERA CHE NON SI VEDEVA DA UNA VITA INTERA COSÌ DOLCENERA NERA
NERA CHE PICCHIA FORTE CHE BUTTA GIÙ LE PORTE

(coro) NU L'È L'AEGUA CH'À FÁ BAGGIÁ IMBAGGIÂ IMBAGGIÂ

(lui) NERA CHE IN MALASORTE CHE AMMAZZA E PASSA OLTRE


NERA COME LA SFORTUNA CHE SI FA LA TANA DOVE NON C'È LUNA LUNA
NERA DI FALDE AMARE CHE PASSANO LE BARE

(coro) ÂTRU DA STRAMIRÂ Â NU N'Á Â NU N'Á

(lui) MA LA MOGLIE DI ANSELMO NON LO DEVE SAPERE


CHÉ È VENUTA PER ME È ARRIVATA DA UN'ORA
E L'AMORE HA L'AMORE COME SOLO ARGOMENTO
E IL TUMULTO DEL CIELO HA SBAGLIATO MOMENTO

strumentale………………………………………………...

(lui) ACQUA CHE NON SI ASPETTA ALTRO CHE BENEDETTA


ACQUA CHE PORTA MALE SALE DALLE SCALE SALE SENZA SALE SALE
ACQUA CHE SPACCA IL MONTE CHE AFFONDA E TERRA E PONTE

(coro) NU L'È L'AAEGUA DE 'NA RAMMÂ 'N CALABÀ 'N CALABÀ

(lui) MA LA MOGLIE DI ANSELMO STA SOGNANDO DEL MARE


QUANDO INGORGA GLI ANFRATTI SI RITIRA E RISALE
E IL LENZUOLO SI GONFIA SUL CAVO DELL'ONDA
E LA LOTTA SI FA SCIVOLOSA E PROFONDA

strumentale………………………………………………...

(coro) AMÌALA CUM'Â L'ARIA AMÌA CUM'Â L'È CUM'Â L'È


AMÌALA CUM'Â L'ARIA AMÌA CH'Â L'È LÊ CH'Â L'È LÊ
(lui) ACQUA DI SPILLI FITTI DAL CIELO E DAI SOFFITTI
ACQUA PER FOTOGRAFIE PER CERCARE I COMPLICI DA MALEDIRE
ACQUA CHE STRINGE I FIANCHI TONNARA DI PASSANTI

(coro) ÂTRU DA CAMALLÂ Â NU N'À Â NU N'À

(lui) OLTRE IL MURO DEI VETRI SI RISVEGLIA LA VITA


CHE SI PRENDE PER MANO A BATTAGLIA FINITA
COME FA QUESTO AMORE CHE DALL'ANSIA DI PERDERSI
HA AVUTO IN UN GIORNO LA CERTEZZA DI AVERSI

strumentale………………………………………………...

(lui) ACQUA CHE HA FATTO SERA CHE ADESSO SI RITIRA


BASSA SFILA TRA LA GENTE COME UN INNOCENTE CHE NON C'ENTRA NIENTE
FREDDA COME UN DOLORE DOLCENERA SENZA CUORE

(coro) ATRU DA REBELLÂ Â NU N'À Â NU N'À

(lui) E LA MOGLIE DI ANSELMO SENTE L'ACQUA CHE SCENDE


DAI VESTITI INCOLLATI DA OGNI GELO DI PELLE
NEL SUO TRAM SCOLLEGATO DA OGNI DISTANZA
NEL BEL MEZZO DEL TEMPO CHE ADESSO LE AVANZA
COSÌ FU QUELL'AMORE DAL MANCATO FINALE
COSÌ SPLENDIDO E VERO DA POTERVI INGANNARE

strumentale………………………………………………...

(coro) AMÌALA CH'Â L'ARÌA AMÌA CUM'Â L'É CUM'Â L'É


AMÌALA CUM'Â L'ARIA CH'Â L'È LÊ CH'Â L'È LÊ
AMÌALA CUM'Â L'ARIA AMÌA AMIA CUM'Â L'È
AMÌALA CH'Â L'ARÌA AMIA CH'Â L'È LÊ CH'Â L'È LÊ
LA DONNA DEL SUD (B. Lauzi) Sib Magg – Si Magg – Do Magg

(lui) UNA DONNA DI NOME MARIA


È ARRIVATA STANOTTE DAL SUD
È ARRIVATA COL TRENO DEL SOLE
MA HA PORTATO QUALCOSA DI PIÙ

(lei) HO PORTATO DUE LABBRA CORALLO


E I MIEI OCCHI SON GRANDI COSÌ
MAI NESSUNO CHE MI ABBIA BACIATO
A NESSUNO HO MAI DETTO DI SÌ

(coro) AHI MARIA, AHI MARIA, AHI MARIA

+ HA POSATO LA CESTA D'ARANCE


E MI HA DATO LA MANO PERCHÉ
LA PORTASSI LONTANO PER SEMPRE
LA TENESSI PER SEMPRE CON ME

(lei) IO GLI HO PRESO LA MANO RIDENDO


E NON GLIEL'HO LASCIATA MAI PIÙ
POI SIAM CORSI VELOCI NEL VENTO
PER NON FARCI TROVARE QUAGGIÙ

(coro) AHI MARIA, AHI MARIA, AHI MARIA

+ strumentale………………………………..

(lui) UNA DONNA DI NOME MARIA


È ARRIVATA STANOTTE DAL SUD
È ARRIVATA COL TRENO DEL SOLE

(lento) MA HA PORTATO QUALCOSA DI PIÙ

(a tempo poi rall) (coro) AHI MARIA, AHI MARIA, AHI MARIA
UNA NOTTE IN ITALIA

(lui) È UNA NOTTE IN ITALIA CHE VEDI QUESTO TAGLIO DI LUNA


FREDDO COME UNA LAMA QUALUNQUE
E GRANDE COME LA NOSTRA FORTUNA
LA FORTUNA DI VIVERE ADESSO QUESTO TEMPO SBANDATO
E LA NOTTE CHE CORRE E IL FUTURO CHE ARRIVA
CHISSÀ SE HA FIATO

È UNA NOTTE IN ITALIA CHE VEDI QUESTO DARSI DA FARE


QUESTA MUSICA LEGGERA COSÌ LEGGERA CHE CI FA SOGNARE
QUESTO VENTO CHE SA DI LONTANO E CHE CI PRENDE LA TESTA
IL VINO BEVUTO E PAGATO DA SOLI ALLA NOSTRA FESTA

È UNA NOTTE IN ITALIA ANCHE QUESTA


IN UN PARCHEGGIO IN CIMA AL MONDO
IO CHE CERCO DI COPIARE L’AMORE MA MI CONFONDO
E MI CONFONDONO PIÙ I SUOI SENI PUNTATI DRITTI SUL MIO CUORE
O SARANNO LE MIE MANI CHE SANNO COSÌ POCO DELL’AMORE

MA TUTTO QUESTO È GIÀ PIÙ DI TANTO PIÙ DELLE TERRE SOGNATE


PIÙ DEI BIGLIETTI SENZA RITORNO
DATI SEMPRE ALLE PERSONE SBAGLIATE
PIÙ DELLE IDEE CHE VANNO A MORIRE SENZA FARTI UN SALUTO
DI UNA CANZONE POPOLARE CHE IN UNA NOTTE COME QUESTA
TI LASCIA MUTO

È UNA NOTTE IN ITALIA SE LA VEDI DA COSÌ LONTANO


FRA QUELLA GENTE COSÌ DIVERSA IN QUELLE NOTTI
CHE NON GIRANO MAI PIANO
IO QUI HO UN PALLONE DA TOCCARE COL PIEDE
NEL VENTO CHE TOCCA IL MARE È TUTTA MUSICA LEGGERA
MA COME VEDI LA DOBBIAMO CANTARE
È TUTTA MUSICA LEGGERA MA LA DOBBIAMO IMPARARE

È UNA NOTTE IN ITALIA CHE VEDI QUESTO TAGLIO DI LUNA


FREDDO COME UNA LAMA QUALUNQUE
E GRANDE COME LA NOSTRA FORTUNA
CHE È POI LA FORTUNA DI CHI VIVE ADESSO
QUESTO TEMPO SBANDATO QUESTA NOTTE CHE CORRE
E IL FUTURO CHE VIENE A DARCI FIATO

QUESTA NOTTE CHE CORRE E IL FUTURO CHE VIENE A DARCI FIATO

QUESTA NOTTE CHE CORRE E IL FUTURO CHE VIENE A DARCI FIATO


LONTANO LONTANO

(lei) E LONTANO LONTANO NEL TEMPO


QUALCHE COSA NEGLI OCCHI DI UN ALTRO
TI FARÀ RIPENSARE AI MIEI OCCHI
I MIEI OCCHI CHE T’AMAVANO TANTO

+ E LONTANO LONTANO NEL MONDO


IN UN SORRISO SULLE LABBRA DI UN ALTRO
TROVERAI QUELLA MIA TIMIDEZZA
PER CUI TU MI PRENDEVI UN PO’ IN GIRO

+ E LONTANO LONTANO NEL TEMPO


L’ESPRESSIONE DI UN VOLTO PER CASO
TI FARÀ RICORDARE IL MIO VOLTO
L’ARIA TRISTE CHE TU AMAVI TANTO

+ E LONTANO LONTANO NEL MONDO


UNA SERA SARAI CON UN ALTRO
E AD UN TRATTO CHISSÀ COME E PERCHÉ
TI TROVERAI A PARLARGLI DI ME

DI UN AMORE ORMAI TROPPO LONTANO


TI RICORDI, NO NON MI RICORDO

LUI:
TI RICORDI IL SOLE NELLA CASA AL MARE?
TI RICORDI I FIORI CHE CURAVI TU
I SORRISI ROSSI DEI GERANI APPESI
SALE SOPRA I VETRI E SUOI TUOI CAPELLI

LEI:
TI RICORDI IL VENTO NELLA CASA AL MARE
QUANDO C’ERA FREDDO E NON LO SENTIVI

LUI:
NON RICORDO NIENTE DI QUELLO CHE È STATO
MI RICORDO SOLO CHE ERO INNAMORATO

LEI:
QUEL CHE C’ERA INTORNO NON CONTAVA NIENTE
C’ERA SOLO AMORE C’ERI SOLO TU

strumentale…………………………….

LUI:
TI FACEVI BELLA PER USCIRE INSIEME

LEI:
FINIVAMO SEMPRE PER RESTARE A CASA

LUI:
A GUARDAR LA LUCE CHE ACCENDEVA IL CIELO

LEI:
ORA QUELLE STELLE SONO ANCORA LÌ

LUI:
NON SO CHI PER PRIMO SE N’È ANDATO VIA
LEI:
NON SO QUANDO HO PIANTO L’ULTIMA BUGIA

LUI:
I RICORDI SONO COME DEI BAMBINI
CHE SANNO INVENTARE QUELLO CHE GLI VA

LEI:
E SULLO SCOGLIO SARÀ PIÙ LA STESSA
SARÀ UN’OMBRA AZZURRA CHE CI SEGUIRÀ

strumentale…………………………….

LUI:
NON SO CHI PER PRIMO SE N’È ANDATO VIA

LEI:
NON SO QUANDO HO PIANTO L’ULTIMA BUGIA

LUI:
TI RICORDI IL SOLE

LEI:
“TI HO DETTO
CHE PIOVEVA SEMPRE IN QUEL POSTO”

LUI:
TI RICORDI I FIORI

LEI:
“MI MORIVANO TUTTI I FIORI MI MORIVANO PERCHÉ COL VENTO”

LUI
TI RICORDI IL VENTO?

LEI:
MI RICORDO IL VENTO IL VENTO C’ERA!”
LEI:
TI FACEVI BELLA PER USCIRE INSIEME

LUI:
“E IO TI ASPETTAVO E NON ARRIVAVI MAI”

INSIEME:
NON SO CHI PER PRIMO SE N’È ANDATO VIA

LUI:
TI RICORDI IL VENTO NELLA CASA AL MARE

LEI:
QUANDO C’ERA FREDDO E NON LO SENTIVI
IL POETA (B. Lauzi) La min

(lui) ALLA SERA AL CAFFÈ CON GLI AMICI

SI PARLAVA DI DONNE E MOTORI


SI DICEVA SON GIOIE E DOLORI
LUI PIANGEVA E PARLAVA DI TE
SE SI ANDAVA IN PROVINCIA A BALLARE
SI CERCAVA DI AVER LE PIÙ BELLE
LUI RESTAVA A CONTARE LE STELLE
SOSPIRAVA E PARLAVA DI TE
ALLE CARTE ERA UN VERO CAMPIONE
LO CHIAMAVANO IL RAS DEL QUARTIERE
MA UNA SERA GIOCANDO A SCOPONE
PERSE UN PUNTO PARLANDO DI TE

ED INFINE UNA NOTTE SI UCCISE


PER LA GRAN CONFUSIONE MENTALE
UN PECCATO PERCHÉ ERA SPECIALE
PROPRIO COME PARLAVA DI TE
ORA DICONO FOSSE UN POETA

CHE SAPESSE PARLARE D’AMORE


COSA IMPORTA SE IN FONDO UNO MUORE
E NON PUÒ PIÙ PARLARE DI TE
FINGERE DI TE

(lui) NON SO COSA M'È PRESO QUESTA SERA


TI PARLO COME FOSSI ANCORA QUI
MI VOLTO E SEI SEDUTA VICINO ALLA FINESTRA
SORRIDI COME TANTO TEMPO FA

E' VERO NON SI PUÒ FERMARE IL TEMPO


MA PUOI FERMARE I SOGNI INTORNO A TE
E DENTRO AI MIEI PENSIERI I SOGNI SONO VERI
E QUELLI IL TEMPO NON LI CAMBIERÀ

(lei) LE STORIE CHE NON VIVI RIMANGONO NELL'ARIA


COME FARFALLE AL SOLE UBRIACHE DI LUCE
E TORNANO A VOLARE APPENA TU LE TOCCHI
TI TORNAN NELLE MANI RITORNANO NEGLI OCCHI

(insieme) L'AMORE NON È MAI QUELLO CHE SEMBRA


È SPESSO QUEL CHE SEMBRA MA NON È
(lei) MA SE TI PARLO ANCORA ADESSO COME ALLORA
DIVENTA VERO FINGERE DI TE

strumentale………………………………….

(lei) LE STORIE CHE NON VIVI RIMANGONO NELL'ARIA


COME FARFALLE AL SOLE UBRIACHE DI LUCE
E TORNANO A VOLARE APPENA TU LE TOCCHI
TI TORNAN NELLE MANI RITORNANO NEGLI OCCHI

(insieme) L'AMORE NON È MAI QUELLO CHE SEMBRA


È SPESSO QUEL CHE SEMBRA MA NON È

(lui) MA SE TI PARLO ANCORA


ADESSO COME ALLORA DIVENTA VERO FINGERE DI TE
LA LUCE IN UN CANTO (Alloisio - Bindi)

(lui) PERCHÉ MI PERDO ANCORA DIETRO A CHI NON CREDE IN ME


A CHI NON SA DONARMI UN PO’ DI VERITÀ
CHE SERVE AL CUORE PER NON MORIRE

PERCHÉ CHIEDIAMO AMORE SEMPRE A CHI NON SA COS’È


BUSSIAMO A PORTE CHE NESSUNO CI APRIRÀ
DOV’È IL CONFINE FRA IL BENE E IL MALE

DOV’È IL MATTINO DOV’È CHE INCENDIA LA NOTTE


DIMMI DOV’È CHE SORGE L’ALBA PER TE

IO VOLEREI LEGGERO IN UN SOGNO


DIMMI DOV’È UN’ALTRA VITA PER ME

TU NON MI APPARTIENI COME UN GIORNO AL SOLE


COME GLI ANNI AI MIEI RICORDI COME IL PIANTO AI MIEI

PERCHÉ SEMBRA CHE IL SOGNO NON RISPETTI LA MIA ETÀ


AVREI BISOGNO DI FERMARE LA REALTÀ
COME L’AZZURRO CHE FERMA IL MARE
COME IL SILENZIO FRA NOI CHE FERMA CHI AMA
E CHE MI FA SENTIRE UN UOMO A METÀ
IO SEGUIREI LA LUCE DI UN CANTO
DIMMI SE MAI ESISTE UN TEMPO PER NOI

SE TU CAPIRAI CHE TUTTA LA VITA È UN LUNGO GIORNO


E SE MI MANCHI TU SE MANCHI TU IO AFFONDO

strumentale……………………………….

PERCHÉ CHIEDIAMO AMORE A CHI NON SA PERCHÉ


IL NOSTRO CONCERTO

(lei) OVUNQUE SEI SE ASCOLTERAI


ACCANTO A TE MI TROVERAI
VEDRAI LO SGUARDO CHE PER ME PARLÒ
E LA MIA MANO CHE LA TUA CERCÒ

(lui) OVUNQUE SEI SE ASCOLTERAI


ACCANTO A TE MI RIVEDRAI
E TROVERAI UN PO’ DI ME
IN UN CONCERTO DEDICATO A TE

strumentale…………………………………...

(lei) OVUNQUE SEI SE ASCOLTERAI


ACCANTO A TE MI RIVEDRAI

(lui) E TROVERAI UN PO’ DI ME


IN UN CONCERTO DEDICATO A TE

strumentale……………………………………

(insieme) OVUNQUE SEI OVUNQUE SEI


DOVE SARAI MI TROVERAI
VICINO A TE
GENOVA PER NOI

CON QUELLA FACCIA UN PO' COSÌ QUELL'ESPRESSIONE UN PO' COSÌ


CHE ABBIAMO NOI PRIMA DI ANDARE A GENOVA
E BEN SICURI MAI NON SIAMO
CHE QUEL POSTO DOVE ANDIAMO NON C'INGHIOTTE E NON TORNIAMO PIÙ

EPPUR PARENTI SIAMO UN PO' DI QUELLA GENTE CHE C'È LÌ


CHE IN FONDO IN FONDO È COME NOI SELVATICA
MA CHE PAURA CHE CI FA QUEL MARE SCURO
CHE SI MUOVE ANCHE DI NOTTE NON STA FERMO MAI

GENOVA PER NOI CHE STIAMO IN FONDO ALLA CAMPAGNA


E ABBIAMO IL SOLE IN PIAZZA RARE VOLTE E IL RESTO È PIOGGIA CHE CI BAGNA
GENOVA DICEVO È UN' IDEA COME UN'ALTRA AH RA RA RA RA RA

MA QUELLA FACCIA UN PO' COSÌ QUELL'ESPRESSIONE UN PO' COSÌ


CHE ABBIAMO NOI MENTRE GUARDIAMO GENOVA
ED OGNI VOLTA L'ANNUSIAMO CIRCOSPETTI CI MUOVIAMO
E UN PO' RANDAGI RITORNIAMO NOI

MACAIA FIGLIA DI LUCE E DI FOLLIA


FOSCHIA PESCI AFRICA SONO NAUSEA E FANTASIA
E INTANTO NELL'OMBRA DEI LORO ARMADI
TENGONO LINI E VECCHIE LAVANDE
E LASCIACI TORNARE AI NOSTRI TEMPORALI
GENOVA HAI I GIORNI TUTTI UGUALI

IN UN' IMMOBILE CAMPAGNA CON LA PIOGGIA CHE CI BAGNA


E I GAMBERONI ROSSI SONO UN SOGNO
E IL SOLE È UN LAMPO GIALLO AL PARABRISE

CON QUELLA FACCIA UN PO' COSÌ QUELL'ESPRESSIONE UN PO' COSÌ


CHE ABBIAMO NOI CHE ABBIAMO VISTO GENOVA
AH AH AH AH AH
CON QUELLA FACCIA UN PO' COSÌ QUELL'ESPRESSIONE UN PO' COSÌ CHE
ABBIAMO NOI CHE ABBIAMO VISTO GENOVA AH AH AH AH

LA RA LA RA…………………………………………………………...