You are on page 1of 15

Sonata per pianoforte n.

8 (Beethoven)

La Sonata per pianoforte n. 8 Op. 13 di Ludwig van Beethoven è anche nota con il titolo
di Patetica. Questo appellativo non fu coniato da Beethoven, bensì dal suo editore per motivi
commerciali. Il compositore tuttavia lo riconoscerà come esatto riferendosi al termine "patetico"
come lo intendeva il poeta Friedrich Schiller.
Composta negli anni 1798 e 1799 e pubblicata per la prima volta da Hoffmeister nel dicembre del
1799 con dedica al principe Karl von Lichnowsky, quest'opera segna un punto di svolta per la
musica di Beethoven.

Struttura

L'Op. 13 è suddivisa in tre movimenti:

1. Grave - Allegro di molto e con brio


2. Adagio cantabile (in La bemolle maggiore)
3. Rondò: Allegro

Analisi del Primo movimento


La struttura della sonata è finalizzata a concentrare la maggior carica espressiva nel primo dei tre
movimenti (Allegro di molto e con brio); in questo caso il primo movimento è organizzato in
modo da esaltare il tessuto musicale e il materiale tematico presente. La forma è quella della
“forma sonata”, preceduta da un’introduzione in tempo ”Grave”: Esposizione (due temi) –
Sviluppo (del primo tema) – Ripresa (o Ricapitolazione) e Coda finale. Il tempo indicato
è ”Allegro molto e con brio” in quattro quarti. La tonalità di base è do minore.
In generale la sonata Patetica è caratterizzata da una forte unicità tematica, grazie alle "cellule
tematiche” che fungono da legame tra le varie parti e tra i movimenti:

 il nucleo tematico del grave (battuta 5) si presenta un po' ovunque nel corso del
movimento:
(1) nelle battute iniziali della codetta del tema principale (batt. 27);
(2) nell'accompagnamento del secondo tema (batt. 51);
(3) come elaborazione del primo tema (batt. 141).

 il secondo tema (battute 51-52) si presenta nell'incipit del rondò (Vedi analisi
del terzo movimento - batt. 1-2).

Anche i ponti modulanti sono creati dalle frasi del primo tema.

Introduzione
L'introduzione è caratterizzata da una forte instabilità tonale, accentuata in questo caso dal profilo
ritmico irregolare e dall'indicazione Grave, che preclude un'intonazione solenne. Da Charles
Rosen leggiamo: «Ritmicamente si può definire come un levare su grande scala». I collegamenti
interni sono tutti basati sull'accordo del VII grado diminuito, come l'inizio della seconda semifrase
(vedremo come questo accordo della quinta specie sarà largamente usato per la maggior parte di
tutto il primo movimento). Il tema di questa introduzione può essere definito ”un tema in
divenire”, un palpito spirituale in ascesa che per tre volte cerca di realizzarsi senza riuscirvi
(realizzazione che riuscirà solamente nella Ripresa – battute 298 e seguenti).[4]Questo tema è
formato da due semifrasi e una codetta. Le idee musicali delle prime due battute (prima e seconda
semifrase) potrebbero essere indicate come incisi (una frase normalmente ha 4-8 battute di
sviluppo con una cadenza finale, mentre un inciso è più breve e si compone di poche note); in
realtà entrambe terminano con una cadenza (sulla dominante la prima semifrase e sulla tonica la
seconda), conclusione tipica di una frase musicale completa. Il tema si chiude con una codetta
[bb.1-4]:
La codetta in realtà è un ponte di collegamento che partendo dalla sottodominante (fa minore)
modula alla mediante (mi bemolle maggiore) attraverso una rapidissima scaletta discendente
di semibiscrome (e oltre). Inizia così un breve sviluppo del tema ”Grave” dove la cellula del tema
viene presentata alternativamente in piano e fortissimo. L'ambiente tonale di questo sviluppo (mi
bemolle) preannuncia quello analogo dell'Esposizione (il secondo tema è costruito su questa
tonalità). Anche questa fase è costruita sulla costante ascesa del materiale musicale fino alle ultime
battute (8-10) che risolvono tramite una modulazione e una rapidissima scaletta
cromatica discendente nel tema principale del movimento preparato dall'ultima nota dopo
la corona: si bequadro (sensibile della tonica). Questa nota può essere intesa come nota iniziale del
tema seguente (in posizione di anacrusi) oppure come nota di trapasso fra i due andamenti [bb.9-
10]:

Esposizione

Primo tema
Il tema del primo movimento (”Allegro molto e con brio”) è un periodo formato da due
classiche frasi di 8 misure ciascuna (domanda e risposta o antecedente e conseguente) esposte
entrambe nella tonica (pedale di ottave spezzate sul do minore della mano sinistra) e terminanti la
prima nella tonica e la seconda nella dominante (sol maggiore). Oltre ad essere un elemento unico
perché caratterizza la sonata rispetto alle altre, il primo tema ha lo scopo di definire e chiarire la
tonalità d'impianto (Do minore) attraverso l'uso della triade di tonica e dei gradi strutturali della
tonalità stessa. Inoltre se si vuole trovare un collegamento con il tema del ”Grave” iniziale, questo
è nel movimento ascendente di entrambe le frasi musicali ma con ben altro spirito (più ardente e
con determinata manifestazione) [bb. 11-19]:
Possiamo paragonare la prima frase (11 - 16) della Patetica con la prima frase (batt. 1 - 5) della
sonata n. 12 K 332 di Wolfgang Amadeus Mozart:

 entrambe le frasi sono costruite su un pedale di tonica;


 utilizzano la dominante secondaria per raggiungere il IV grado con la funzione di
rafforzare l'immediato ritorno in tonica.
La forza tensiva del tema della Patetica è maggiore rispetto a quella della K 332, a causa di una
maggiore densità armonica. Beethoven conclude con una cadenza IV - V - I, a differenza di
Mozart che usa una cadenza plagale IV - I.
Segue la codetta del tema (battute 27 – 35), tutta impostata sulla dominante (sol maggiore), che si
riallaccia direttamente al ponte modulante (battute 35 – 50) di collegamento tra il primo e il
secondo tema. Il cosiddetto ponte modulante è così definito per il suo scopo di collegare il primo
tema al secondo, modulando dalla tonalità d'impianto a quella del contrapposto. È perciò
caratterizzato da instabilità tonale che, nel caso dell'Op. 13, deriva dall'accordo diminuito nella
progressione; nel dettaglio questo inizia con un pedale di dominante che, dopo vari passaggi,
conclude su un pedale di si bemolle, sensibile di do minore, ma anche dominante di mi bemolle
minore, tonalità del secondo tema.
Secondo tema[
Il secondo tema è in mi bemolle minore (mediante rispetto a do minore). Anche questo ha uno
sviluppo ascendente, quindi è imparentato con il ”Grave” iniziale. Ma l'analogia non si ferma qui:
questa seconda idea, che parte dal profondo, pur librandosi gioiosamente in modo lirico, conserva
la sua origine affannosa. Più che una seconda idea è una conseguenza, una trasfigurazione lirica
del motivo generatore dell'introduzione. Anche la scelta del modo minore è significativa in tal
senso: secondo la norma della forma-sonata la tonalità del secondo tema sarebbe dovuto essere il
mi bemolle maggiore.[8] Sia il primo tema che il secondo tema è in minore; la monotonia viene
superata da un equilibro superiore derivato da una intuizione inscrutabile. Il tema si compone di
due frasi di 8 misure ciascuna, a loro volta divise in due semifrasi [bb. 51-59]:
La caratteristica di questo secondo tema è data dall'uso dell’armonia in modo fluido, evitando
cadenze forti con il basso e rendendo così scorrevole l’accompagnamento. Il secondo tema,
presenta un carattere più melodico ed espressivo rispetto al primo – pur rimanendo nella stessa
graduazione di colore – spostandosi alla tonalità relativa di Mi bemolle minore e rafforzando l'idea
d'introspezione di tutto il movimento. In generale in tutti e tre i movimenti si può notare questa
"uniformità di colore" prevalendo il modo minore.
A battuta 67, fino a battuta 88, si entra nella codetta (che possiamo considerare anche un breve
sviluppo del tema). Siamo ancora nel modo minore; solamente nella seconda parte di questa
fase Beethoven modula al modo maggiore (battuta 80), dimostrando ancora una volta la serietà di
questo lavoro.
Coda esposizione
A battuta 89 inizia la coda dell'Esposizione, dopo una cadenza (si bemolle maggiore – mi bemolle
maggiore) impostata dalle ultime battute del secondo tema. Qui appare una figurazione di più
ampio respiro [bb. 87-94]:

che ripetuta due volte conduce, dopo una frenetica corsa di quartine di crome, ad una breve ripresa
del tema principale nella stessa tonalità del secondo tema, per chiudersi in una fase altamente
drammatica di ottave disgiunte sorrette da una basso discendente. Tramite alcuni accordi di
settima la tonalità si risolve sulla tonica (do minore) la prima volta, e sulla dominante minore (sol
minore), tonalità dello sviluppo, la seconda volta. L'accordo di chiusura di questa parte è di sesta
eccedente italiana, accentuando maggiormente il carattere tensivo della composizione.[bb. 121-
132]:

Sviluppo
Lo Sviluppo (sezione in cui il compositore prende gli elementi dell'esposizione, li rielabora e li
contrappone secondo vari procedimenti costruttivi) riparte con il tema del ”Grave” in ambiente
tonale della dominante (sol minore). Ciò dimostra l'importanza di questa introduzione: non una
preparazione al tema principale, ma elemento generatore di tutte le idee del movimento e quindi
essenziale nello Sviluppo. Dopo sole quattro misure (da battuta 135 a battuta 138) appare il tema
fondamentale (battuta 139 e seguenti), unico protagonista di questo Sviluppo. La tonalità nella
quale viene presentato il tema è il mi (mediante). La modulazione dal sol minore al mi minore,
non usuale a quei tempi, indica ancora una volta lo spirito rivoluzionario di questa composizione.
In questo Sviluppo si sente ”quel largo respiro beethoveniano e quell'impetuosità nell'ascesa che
lo differenzia da tutti gli altri”. Interessante è, nella fase finale di questa parte, l'insistenza di
un pedale sulla dominante (sol) da battuta 169 a battuta 189 realizzato prima con delle quartine di
crome e poi delle minime sincopate; preparazione armonica alla riesposizione del tema
fondamentale alla tonica (do minore). Procedura derivata e consolidata dalla struttura della parte
finale della fuga:
Ripresa
La Ripresa (a battuta 197) inizia, come previsto dalle norme della forma-sonata, con il tema
fondamentale nella tonalità di base (do minore). Al tema del ”Grave” saranno riservate le misure
finali del movimento. La conclusione della Ripresa del primo tema sulla dominante (do) dà la
possibilità a Beethoven di presentare il secondo tema in fa minore (sottodominante) e non nella
prevista tonalità di base (do minore) [bb. 221-227]:

In realtà la tonalità d'impianto (do minore) si presenta subito dopo (a battuta 239) e il tema
acquista così un più grande significato. La Coda Finale (da battuta 255 fino alla fine) inizia con
una cadenza forte: IV grado con la sesta eccedente "italiana", I in quarta e sesta, V. Viene ripetuto
il materiale usato nella coda dell'esposizione, ma con una maggiore intensità e in ambiente tonale
do minore (tonica). Una prima conclusione di questa parte ci fa risentire il tema (battute 287 e
seg.) a cui fa seguito il”Grave”, ma in forma di progressione e con alcune dissonanze quindi con
un ultimo guizzo ritorna per l'ultima volta il tema principale. Alcune forti cadenze chiudono
definitivamente il movimento. Si può paragonare questa coda alla sonata n. 2 dove, nella coda
della ripresa, l'autore inserisce una cadenza virtuosistica, restituendo un effetto ancora maggiore
che nel caso della patetica.

Analisi del Secondo movimento


La tensione drammatica del primo movimento si placa nel più tradizionale ”Adagio cantabile”,
ma pur sempre ”una linea adamantina che non si piega a nessuna tendenza contingente e che
s'erge pura nell'eterna giovinezza dello spirito”. Questo secondo movimento in tempo “Adagio” è
in due quarti nella tonalità del sesto grado (rispetto alla tonalità di base del primo movimento e
della sonata: do minore), ossia la bemolle maggiore (la nuova tonica per questo movimento). La
struttura formale può essere interpretata sia come una forma tripartita oppure anche come
un Rondò con tre presentazioni del tema. Questa diversa interpretazione della struttura formale del
brano dipende dalla prospettiva di partenza: quello teorico-didattico oppure estetico. Nel primo si
privilegiano, tramite una dettagliata analisi, i processi variativi della composizione; nel secondo il
procedere temporale dei materiali musicali esposti. Nella nostra esposizione ci appoggiamo alla
prima prospettiva; anche perché essendo l'ultimo movimento già un Rondò, è poco probabile
che Beethoven si sia così “maldestramente” ripetuto.

Prima parte
Il tema - che ricorda molto da vicino quello del secondo movimento (Adagio) della Sonata per
pianoforte n. 14 in Do minore K457 di Wolfgang Amadeus Mozart - è una semplice ma intensa
melodia molto “sentita” da Beethoven se, in forma variata, viene ripresa in altri due lavori più o
meno contemporanei (il Quartetto in sol maggiore op. 18 n. 2 e il Settiminio). Si tratta di una
classica frase di 8 battute con la parte iniziale e finale nella tonica (la bemolle maggiore) e con
una cadenza intermedia a battuta 4 sulla dominante (mi bemolle maggiore) [bb. 1-8]:[

Questo tema viene ripetuto all'ottava superiore con un'armonizzazione più ricca
(le quartine di semicrome sono raddoppiate e si trovano sia nella mano destra che nella sinistra) e
appare più spiritualizzato. Segue nella tonalità non preparata della sopradominante (fa minore) un
nuovo elemento modulante: una curva melodica ascendente e poi discendente che si placa alla fine
sulla dominante (mi bemolle) [bb. 16-23]:
Una codetta (o ponte modulante o fase cadenzale) di sei misure (battute 23 – 28) in ambiente
tonale della dominante (mi bemolle) riconduce il discorso musicale al tema principale (battute 29 -
36) a chiusura di questa prima parte nella tonalità d'impianto (la bemolle maggiore).

Seconda parte
A battuta 37 appare un nuovo tema (o tema secondario), che in parte è derivato dal tema principale
ma nel contempo ha due nuove caratteristiche: il dialogo tra la voce superiore e quella inferiore e
un incessante movimento di terzine di biscrome ribattute che introduce un nuovo vigore al
movimento. La frase di questo nuovo tema si compone di due semifrasi di 4 misure: entrambe
iniziano sulla tonica minore (la bemolle minore), ma mentre la prima si conclude sulla dominante
(mi bemolle), la seconda modula sul mi maggiore [bb. 41-44]:

Le ultime 6 misure di questa fase (battute 45 - 50) hanno la funzione di preparare il ritorno del
tema fondamentale, ma soprattutto di ripristinare l'ambiente tonale iniziale approdando
alla dominante (mib) della tonalità della tonica (la bemolle maggiore).

Terza parte
Ritorna il tema fondamentale nella tonica (la bemolle maggiore) con la doppia esposizione
(un'ottava sopra nella seconda esposizione). Il tema è lo stesso, ma qui Beethoven invece di
abbellire la linea melodica, prosegue l'accompagnamento di terzine della parte centrale,
modificandone così la trama musicale invece che la melodia [bb. 51-54]:
La coda finale del movimento inizia a misura 66. Fondamentalmente consiste in un lungo pedale
di 4 misure sulla dominante (mi bemolle) che conduce alle penultime tre misure cadenzali dove
l'accordo di dominante ripetuto successivamente in tre posizioni diverse verso il registro grave si
chiude secondo norma sulla tonica (la bemolle maggiore) [bb. 68-73]:

Analisi del Terzo movimento


Il terzo movimento è un Rondò in Quattro quarti tagliato, in tempo di “Allegro” e nella tonalità di
base (do minore). La struttura formale è quella tipica di un Rondò con quattro esposizioni del tema
e tre episodi intermedi (l'ultimo episodio è in realtà una ripetizione variata del primo). Questo
finale è indubbiamente meno “impegnato” e senz'altro inferiore all'altezza spirituale degli altri due
movimenti; in definitiva è più vicino ad una certa grazia settecentesca che non all'impeto,
all'ascesa spasmodica del tema del primo movimento. Viene meno anche l'approccio serio dei
primi due tempi: anche se la tonalità di base è quella drammaticamente minore (do minore), al suo
interno ci sono molte aree in tonalità maggiori. Un'ultima considerazione sul termine Rondò. In
realtà questo movimento è un Rondò-sonata (termine che comunque non esisteva ai tempi
di Beethoven.) Questo per la presenza di idee secondarie che possono essere considerate dei
secondi temi, per gli episodi intermedi assimilabili “quasi” a degli sviluppi e per l'ultima
esposizione del tema che dà una forte sensazione di ripresa.

Prima esposizione del tema


Le prime 18 misure del movimento sono dedicate al tema fondamentale. Tema che è sviluppato
nelle classiche 8 misure (in una struttura chiamata “frase quadrata”) Al suo interno si individuano
tre incise: il primo si chiude sulla tonica (do minore), il secondo sulla dominante (sol maggiore); il
terzo (come nella norma) sulla tonica (do minore). Tutti gli incisi iniziano in modo anacrusico
(sulla parte debole della misura accentuando ancor di più il ritmo di danza di questo Rondò [bb. 1-
9]:

Il carattere della melodia del Rondò, sotto certi aspetti, è in linea con i temi ascendenti del primo
tempo: infatti i primi due incisi mantengono questa spinta verso l'alto. Addirittura possiamo notare
come le prime quattro note del primo inciso del Rondò sono le stesse del secondo tema (fatta la
debita trasposizione dal mi bemolle minore al do minore):

Qualche critico (D’Indy e Reineke) ha voluto vedere in questa analogia (tra i due temi) una certa
ciclicità in embrione (un metodo compositivo molto usato nella seconda metà dell'Ottocento che
collega i vari tempi di una sonata o di una sinfonia tramite un tema conduttore presente in tutti i
movimenti). In realtà sembra che questo movimento sia stato creato prima degli altri per una
composizione strumentale secondaria, smentendo così questa opinione.
Il terzo inciso che viene ripetuto con alcuni raddoppi di note (la bemolle e sol) conduce alla
codetta del tema, 6 misure (battute 13 -18). Questa può essere vista divisa in tre parti (2 + 2 + 2).
Le prime due parti consistono fondamentalmente in una scaletta discendente di crome (ripetuta
due volte); l'ultima è una cadenza perfetta (dominante – tonica).

Primo episodio intermedio


Il primo episodio (in mi bemolle maggiore – mediante di do) occupa 43 battute ed è preceduto da
7 misure dedicate al ponte modulante di collegamento tra l'esposizione del tema e il primo
episodio intermedio. Questo ponte modulante è diviso i due parti (4 + 3; la seconda parte è elisa
per collegarsi direttamente all'episodio vero e proprio) ed è caratterizzato fondamentalmente da
due cadenze per portare l'ambiente tonale dal do minore al mi bemolle maggiore passando
dalla sottodominante (fa) e quindi alla sensibile (si bemolle) essendo quest'ultima sia
la sottodominante di fa ma anche la dominante di mi bemolle [bb. 19-26]:[

Il primo episodio intermedio può essere approssimativamente suddiviso in quattro parti (battute
26-34, 34-44, 44-52 e 52-62). Interessante è la prima parte dove a battuta 31 c'è una modulazione
al mi bemolle minore (mantenuta però per poche misure) [bb. 31-34]:

La terza parte ha un carattere più affermativo introducendo tra l'altro una nuova idea (più
accordale a semiminime ribattute) nella tonalità di si bemolle maggiore (dominante di mi bemolle
maggiore – tonalità di base dell'episodio) [bb. 44-51];
L'ultima parte ha la funzione di codetta e si conclude su un accordo di settima di dominante (sol
maggiore settima) in preparazione al ritorno del tema alla tonica (seconda esposizione del tema
fondamentale).
Seconda esposizione del tema
La seconda esposizione del tema (misure 62 – 79) è identico alla prima senza nessuna variazione.

Secondo episodio intermedio


Questo secondo episodio comprende le battute da 79 a 121 ed è impostato sulla
tonalità sopradominante (la bemolle maggiore). Può essere grosso modo diviso in due parti: prima
parte battute 79 – 107; seconda parte battute 108 – 121. La prima parte inizia subito in
modo anacrusico (la terzina iniziale ricorda chiaramente la terzina iniziale del tema fondamentale
del Rondò) nella tonalità dell'episodio senza nessuna preparazione armonica in quanto la bemolle
maggiore è la relativa maggiore di do minore ed ha un carattere più contrappuntistico accentuato
anche da alcune battute con andamento sincopato [bb. 79-89].
La seconda parte è basata su veloci terzine di semicrome ma il carattere maggiore è dato
dall'ambiente armonico: tutta questa parte si appoggia su un pedale di sol (dominante della tonalità
di base – do minore) per concludere su una accordo finale in sforzato sulla settima di dominante
(sol maggiore settima) preparazione alla terza entrata del tema fondamentale del Rondò [bb. 108-
115]:

Terza esposizione del tema


Le prime 8 misure del tema sono invariate. La seconda parte (da misura 129) è variata e
accorciata: una prima variante si ha nello spostamento della melodia alla mano sinistra, mentre la
destra produce degli accordi arpeggiati; il finale inoltre modula verso la settima di dominante di do
maggiore (il do maggiore è l'ambiente tonale del prossimo episodio) [bb. 129-135]:

Terzo episodio intermedio


Il terzo episodio in realtà è il primo episodio variato. La prima variazione è nella tonalità: da mi
bemolle maggiore a do maggiore. Nella prima parte le modifiche non sono molto evidenti; ma è la
terza parte (battute 44-52 nella versione iniziale; battute 154-171 ora) che viene dilatata soprattutto
in fase modulante (anche con diversi cromatismi per portare l'ambiente armonico al do minore
(penultima riesposizione del tema del Rondò) [bb. 162-172]:
Riesposizione del tema e coda finale
A battuta 172 si ripresenta il tema del Rondò. Anche questa volta accorciato. Ad esso si aggancia
direttamente la coda del movimento (battute 179 -211) che può essere divisa in tre parti: prima
parte battute 179 -194; seconda parte battute 194 -203; terza parte battute 203 -211. Gli elementi
tematici di questa coda sono ovviamente ripresi dalle fasi precedenti del movimento; come pure
l'ultima esposizione del tema del Rondò (terza parte della coda finale) con alcune differenze
importanti: innanzitutto la tonalità è quella del secondo movimento (la bemolle maggiore). Infatti
l'accordo dell'ultima battuta della seconda parte della coda finale – battute 202-203 – è in mi
bemolle maggiore – dominante di la bemolle maggiore. Ma quello che cambia è anche l'anacrusi:
non inizia sulla sesta croma della misura, ma sull'ultima semiminima; alterando così radicalmente
il carattere del tema, più esistente e frammentario.

Quest'ultimo cambiamento del fraseggio del tema del Rondò (che lo avvicina ulteriormente al
secondo tema del primo movimento), insieme all'ambiente tonale del secondo movimento (la
bemolle maggiore), rappresenta una magistrale sintesi di tutta la sonata proprio nelle ultime
battute di chiusura. Ed è proprio questo principio di ciclicità la novità più importante introdotta
da Beethoven nel campo delle sonate per pianoforte.