You are on page 1of 11

Leggere Ibn ʿArabī in italiano.

Quando il sufismo diventa affare di stato 189

LEGGERE IBN ʿARABĪ IN ITALIANO.


QUANDO IL SUFISMO DIVENTA AFFARE DI STATO
Claudio Marzullo
Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”
190 Claudio Marzullo | El Azufre Rojo III (2016), 189-199. | ISSN: 2341-1368

Una serie di articoli in italiano dedicati a Ibn ʿArabī (1165-1240) e al Sufismo apparve, nella prima
decade del secolo scorso, sul periodico italo-arabo “Il Convito-Al-Nādī”, fondato dal Dottor Enrico
Insabato (1878-1963) al Cairo nel 1904. Tali pagine, al netto d’ogni giudizio sul valore culturale,
scientifico o spirituale, sono uno curiosissimo caso, forse unico, in cui gli scritti del Sommo Maestro
assumono un così gran rilievo nella politica estera di un paese, al punto da divenire “affare di Stato”.

Ma se quest’affermazione ha dello stupefacente, a fortiori lo stupore accrescerà se diciamo che lo Stato


è l’Italia di Giolitti1 – dove Ibn ʿArabī era allora pressoché uno sconosciuto – e che la posta in gioco,
sul piano dei rapporti esteri, è la penetrazione coloniale nel Nord Africa, e in generale nel mondo
musulmano, ai danni di Francia e, soprattutto, Gran Bretagna. Tale penetrazione, si sarebbe avvalsa,
in primo luogo, della ricerca di consenso presso le élites religiose tradizionali dell’Impero Ottomano:
l’Italia, unica potenza in Europa a considerare la civiltà islamica, nel dialogo intellettuale e morale,
su un piede di parità; una nazione che non vuole “macchiarsi le mani di sangue musulmano” per im-
porsi in Oriente. Quale che sia il giudizio sulla bontà d’ideali e sincerità d’intenti, e cioè se, in questo
momento storico, l’Italia intendesse le relazioni con l’Oriente anche in maniera differente dall’ordi-
naria politica degl’imperi coloniali – argomento interessantissimo ma che va ben al di là del nostro
intervento – fatto è che questa fase si svolse nel primo decennio del ventesimo secolo, e cioè prima
della guerra di Libia (1911).

E se a queste considerazioni aggiungiamo che a scrivere tali articoli su Ibn ʿArabī non fu un italiano,
né un madrelingua italiano, bensì il pittore svedese John Gustav Agelii (1869-1917), ci si chiederà
allora come sia stato possibile tutto questo e perché. Per rispondere a queste domande è necessario
fare un passo indietro ed esaminare la figura di Insabato il quale, come abbiamo accennato, fondò “il
Convito” al Cairo nel 1904; parleremo poi della rivista in generale e passeremo infine a parlare degli
articoli su Ibn ʿArabī e del loro autore.

Figlio di un ferroviere, Enrico Insabato frequentò dapprima la Facoltà di Lettere di Bologna, en-
trando in contatto con circoli anarchici nel 1898; nel 1900 era a Parigi, per la “École Supérieure de
Medécine Coloniale”. Forse fu in questo soggiorno parigino che conobbe il pittore, anarchico anch’e-
gli, Agelii, di cui parleremo più avanti. Ottenne il diploma prima di dicembre 1902, poiché in quella
data si trasferì al Cairo. La motivazione ufficiale dell’arrivo in Egitto fu la partecipazione al primo
Congresso medico internazionale tenutosi al Cairo il 16 di quello stesso mese2. Non un semplice

1 Ci riferiamo, in particolar modo, al secondo e terzo mandato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri (1903-
5; 1906-9).
2 Le nostre fonti principali su Insabato sono: C. Gotti Porcinari, Rapporti Italo-Arabi (1902-1930) dai documenti di
Enrico Insabato, E.S.P., Roma, 1965, pp. 17-23; Anna Baldinetti, Orientalismo e Colonialismo. La ricerca del consenso in
Egitto per l’impresa in Libia, Istituto per l’Oriente “C. A. Nallino”, Roma, 1997, pp. 33-70. Entrambi gli autori,
sebbene con maggior rigore storico e scientifico nel secondo caso, citano documenti d’archivio, tra cui l’Archi-
vio Centrale di Stato e l’Archivio storico-diplomatico del Ministero degli Affari Esteri di Roma. Per un’inter-
pretazione più recente della politica italiana nel Vicino Oriente e la funzione de “Il Convito”: Meir Hatina,
Leggere Ibn ʿArabī in italiano. Quando il sufismo diventa affare di stato 191

medico e simpatizzante anarchico, Insabato fu soprattutto agente del Governo, in costante e diretto
contatto col Primo Ministro Giolitti, durante il secondo e terzo mandato di questi3. Si può affermare
con sicurezza che il progetto di lavorare come agente del Governo al Cairo fosse già stato ideato o
pianificato prima dell’arrivo in Egitto poiché, lo stesso Insabato, in una lettera diretta al presidente
del Consiglio, non datata, afferma:

«Sin dal 1901 ebbi l’onore di presentare a S. E. Giolitti, allora presidente


del Consiglio, il progetto di stabilirmi in Cairo d’Egitto, di iniziarvi la pub-
blicazione di un giornale e di far sì che la redazione di questo periodico
divenisse centro di tutte quelle informazioni d’indole politica e di quelle
iniziative che non avessero potuto, come ben si comprende, essere assunte
dalla R. Legazione di Cairo […] La scelta, da parte mia, del Cairo era stata
determinata dall’essere questa città il centro vitale, direi quasi il cervello di
tutto il mondo musulmano»4.

Giunto al Cairo, Insabato fondò dapprima la rivista Il Commercio italiano, nel 1903, la quale ebbe du-
rata breve, poiché già l’anno successivo terminò la pubblicazione5. Essere direttore di un periodico in
lingua italiana in Egitto agli inizi del XX secolo non era certo un fatto eccezionale né particolarmente
originale: gli ultimi anni dell’Ottocento, infatti, testimoniarono un fiorire straordinario di pubblica-
zioni in italiano – molte delle quali a carattere effimero e temporaneo – dal taglio più disparato – po-
litico, economico, artistico, sportivo o umoristico – a cadenza quotidiana, settimanale, quindicinale
o mensile – ad Alessandria, il Cairo e Port Said6. Ciò non deve stupire essendo quella italiana, dopo
quella greca, la comunità di espatriati più numerosa in Egitto.

Originalissima e forse unica nel suo genere, invece, fu la creazione de “Il Convito-Al-Nādī” nel 1904.
Il pubblico della stampa occidentale in Egitto era, come è ovvio, la comunità di espatriati alla quale
era diretta la singola testata, e raramente questi limiti venivano superati. Poteva circolare liberamente
in tutto il Vicino Oriente perché non attaccava le autorità ottomane.

Where East Meets West: Sufism, Cultural Rapprochement, and Politics, International Journal of Middle East Studies,
Vol. 39, n. 3 (Agosto 2007), pp. 389-409. Tuttavia, per quel che riguarda le fonti storiche, lo studio si basa sui
fondamentali lavori sopra citati di Gotti Porcinari e Baldinetti.
3 Che Insabato fosse in contatto con Giolitti dall’Egitto almeno fin dal 1903 è un fatto dimostrato, con rife-
rimento preciso a dati dell’Archivio storico-diplomatico del Ministero degli Affari Esteri di Roma, da Anna
Baldinetti (Orientalismo e Colonialismo: p. 35).
4 Gotti Porcinari, Rapporti Italo-Arabi, p. 17.
5 Alessandra Marchi, La presse d’expression italienne en Égypte. De 1845 à 1950, Rivista di Storia dell’Istituto dell’Eu-
ropa Mediterranea (RiMe), no. 5, dicembre 2010, 107-8. L’autrice afferma che la testata fu fondata nel 1902.
Tuttavia, stando ai dati biografici in Gotti Porcinari e Baldinetti, Insabato sarebbe arrivato in Egitto a dicembre
1902, dunque il primo numero sarebbe uscito, verosimilmente, nel 1903. In realtà, quasi nulla si conosce di
questa rivista, oltre al nome.
6 Marchi, La presse: pp. 102-6.
192 Claudio Marzullo | El Azufre Rojo III (2016), 189-199. | ISSN: 2341-1368

«Pensai allora di ampliare la mia sfera di azione e, presi opportuni accordi,


mutai il periodico “Il Commercio italiano” in un periodico bilingue, italia-
no-arabo, “Il Convito” (maggio 1904) […] Il mio periodico non attaccando
il governo del Sultano circolò liberamente in tutto l’Impero turco».

“Il Convito”, essendo scritto in italiano e arabo e, per un periodo limitato, anche in turco, si rivolge-
va non soltanto agli italiani che erano in rapporto costante con l’Egitto e l’Oriente islamico, ma in
primo luogo alle élites intellettuali musulmane tradizionali, egiziane e non, le quali erano in modo
diretto o meno legate al Sufismo; non agli egiziani occidentalizzati, i quali, al contrario, erano for-
temente influenzati da idee nazionalistiche e moderne e che spesso profittavano, per lo stile di vita
“all’occidentale” al quale erano adusi, dello statu quo, il protettorato britannico in Egitto; parimenti, la
testata era contraria in modo chiaro e deciso al modernismo/riformismo islamico della Ṣalafiyya – cui
corifeo era Rašīd Riḍā (1865 – 1935). Tale movimento, agli occhi sia di Insabato che di Agelii, non
rappresentava lo spirito genuino della tradizione islamica, bensì il semplice reagire alla decadenza del
mondo islamico rivivificandone i dogmi in una forma mentis occidentale moderna; la qual cosa avreb-
be così ridotto una tradizione spirituale e religiosa, come quella islamica, i cui principi si traducono
anche nell’ordine sociale e nelle istituzioni – e la cui applicazione è però da moderare in modo saggio
e opportuno a seconda del contesto storico e culturale – in un’ideologia politica totalitaria: il precetto
de “l’ordinare il bene e proibire il male” in uno Stato di polizia. La rigidità mentale e la ristrettezza
di vedute di questo movimento avrebbe reso i suoi adepti particolarmente vulnerabili a ogni retorica
manipolatrice delle potenze coloniali. L’unica forma di colonialismo accettabile, secondo quanto
affermato dal periodico, avrebbe potuto essere soltanto la presenza pacifica a scopo commerciale.7

La creazione de “Il Convito” rientrava in un progetto lucido e articolato di penetrazione italiana nel
Vicino Oriente, sviluppato da Insabato, e che, almeno in una prima fase, avrebbe dovuto essere di
carattere pacifico attraverso la ricerca di consenso nelle società islamiche tradizionali per la politica
estera italiana. Tale consenso, lo si sarebbe ottenuto attraverso atteggiamenti concreti filo-islamici
dell’Italia. Tali linee guida sono state sintetizzate da Anna Baldinetti8. Non ci soffermeremo più di
tanto su questo, ma diremo soltanto che il piano avrebbe previsto: l’istituzione al Cairo di una scuola
per l’insegnamento dell’italiano e diffusione dell’influenza italiana; la fondazione di un giornale italo-
arabo; ottenere l’appoggio di confraternite sufi, in particolar modo la Senussia in Tripolitania, la qua-
le controllava sia l’opinione pubblica che le piste carovaniere in quell’area; finanziare pubblicazioni
in italiano e arabo; non contrastare l’applicazione delle norme sciaraitiche nelle colonie italiane; la
costruzione a Roma di una moschea da parte del governo italiano; chiedere all’Impero Ottomano
sia l’impiego d’italiani nell’amministrazione turca che permettere ai sudditi dell’Impero la frequen-

7 Si veda l’analisi delle posizioni teoriche e dell’orientamento politico della rivista fatta da Angelo Scarabel, Una
rivista italo-araba d’inizio secolo: AN-NĀDĪ (IL CONVITO), Oriente Moderno, Anno 58, Nr. 1/3 (Gennaio-Marzo
1978), pp. 51-67.
8 Baldinetti, Orientalismo e Colonialismo, pp. 35-70.
Leggere Ibn ʿArabī in italiano. Quando il sufismo diventa affare di stato 193

tazione di scuole italiane; imprese commerciali e un servizio di trasporto per il viaggio dei pellegrini
alla Mecca. Quello che in concreto fu realizzato sia dal Governo italiano che dalla libera iniziativa
di Insabato fu, oltre alla creazione de “il Convito”, la costruzione di una moschea al Cairo dedicata
alla memoria di Re Umberto I nel 1906-79; dal 1908 a 1912, fu sovvenzionato l’insegnamento dell’i-
taliano in una scuola cairota; la costruzione, nel 1912, dopo l’invasione della Libia, di un alloggio per
gli studenti (riwāq) somali ed eritrei e l’elargizione di sussidi per gli studenti tripolini della prestigiosa
università religiosa di al-Azhar, sempre al Cairo.

Ritornando a “il Convito”, esso raggiunse un bacino di circa 5.000 lettori, e fu distribuito in tutto il
Vicino Oriente, Egitto, Tripolitania e Cirenaica in particolare10. La pubblicazione tuttavia continuò,
con varie interruzioni e riprese, soltanto fino al 191011, a causa del ritorno in Italia di Insabato nel
maggio di quell’anno; ma non è chiaro se vi fece ritorno spontaneamente ho fu obbligato a farlo.
Insabato era stato già stato richiamato dal Governo italiano nel 1907-9, poiché, a causa della pub-
blicazione di alcuni articoli su “Il Convito” in cui apertamente criticava Lord Cromer, le autorità
britanniche ne avevano chiesto l’allontanamento dall’Egitto12. Ritornò dunque in Egitto dopo due
anni, non più come agente del Governo, ma come agente del Ministero dell’Interno e alle dipenden-
ze dell’agente diplomatico. Insabato però agì di sua iniziativa – in particolar modo stringere relazioni
con i Senussi in Tripolitania in vista dell’invasione italiana della Libia – la qual cosa avrebbe ulterior-
mente infastidito le autorità anglo-egiziane13.

Gli avvenimenti successivi della biografia di Insabato sono poco rilevanti per il nostro tema; diremo
soltanto che Insabato ritornò al Cairo nel 1911, per informare il Governo italiano dell’impatto della
guerra di Libia sull’opinione pubblica egiziana; tuttavia, egli continuò ad agire di sua iniziativa, so-
prattutto per le trattative dell’Italia con i capi senussi, spesso sovrapponendosi all’operato dell’agenzia
diplomatica. Fu inviato a Istanbul nel 1914 dal Ministero degli Esteri14.

Ibn ʿArabī su “Il Convito”

In questo contesto, la pubblicazione di articoli sul Sufismo assunse una valenza politica molto chiara.
Nel primo numero del periodico, il 22 maggio 1904, Insabato scriveva:

9 Ritorneremo più avanti su questo fatto.


10 Gotti Porcinari, Rapporti Italo-Arabi, p. 17, il quale riporta le parole dello stesso Insabato.
11 Secondo quanto riportato da Gotti Porcinari (Rapporti Italo-Arabi, pp. 22-23), sembrerebbe che nel 1912 la
rivista fosse ancora pubblicata, dopo un’interruzione nel 1911; per Baldinetti (Orientalismo e Colonialismo, p. 38),
l’esperienza de “Il Convito” si concluse nel 1910. Tuttavia, Baldinetti, a pagina 65 dello stesso studio, accenna
a un «supplemento al numero del gennaio-febbraio 1912 della rivista Il Convito».
12 In particolare, un articolo in arabo (n. 2, giugno 1907, pp. 40-42); v. Baldinetti, Orientalismo e Colonialismo, pp. 57-58.
13 Baldinetti, Orientalismo e Colonialismo, pp. 54-61.
14 Baldinetti, Orientalismo e Colonialismo, pp. 68-70.
194 Claudio Marzullo | El Azufre Rojo III (2016), 189-199. | ISSN: 2341-1368

«Le due grandi civiltà: l’Araba e l’Europea, possono avere dei punti di
partenza diversi; ma hanno lo stesso scopo, poiché esse sono parallele o
meglio convergenti. […] Il vero nemico della fede religiosa è lo scetticismo;
d’altra parte il vero nemico di una civiltà antica quale la latina è l’invidia
e l’ambizione personale. Questi due nemici sono solo in apparenza diver-
si; hanno un solo ed unico rimedio: l’idealismo, la cui forma orientale si
chiama: “el Tasawuf ”. Lo spiritualismo è la sola cosa che possa impedire
la decomposizione di una società o di una religione, cosi come l’anima e
la vita impediscono la decomposizione del corpo. […] Noi daremo dun-
que, in questo giornale largo spazio alle manifestazioni del “sufismo” […]
Noi vogliamo ugualmente combattere la maldestra e ridicola imitazione
dell’Europa, poiché la troviamo nocevole tanto all’Oriente che all’Occi-
dente […]. Per essere progressisti in Oriente bisogna cominciare ad essere
intelligentemente reazionari […] Perché il futuro sia grande e realizzabile è
necessario che esso abbia le sue radici nella coscienza del passato»15.

A curare gli articoli sul Sufismo e Ibn ʿArabī fu John Gustav Agelii (1869-1917) – chiamato “Ivan
Aguéli” e, in seguito alla conversione all’Islam, “ʿAbd al-Hādī” – pittore svedese di rilievo16. Da gio-
vane egli si trasferì a Parigi dove, nell’ultima decade dell’Ottocento, frequentò ambienti culturali,
artistici e politici più disparati: caffè letterari, atelier, circoli di occultisti, teosofisti17 e anarchici. Fu
probabilmente in ambienti anarchici che conobbe Enrico Insabato. Allo stesso tempo s’immerse nello
studio di lingue e culture orientali, tra cui: arabo, ebraico, ge’ez e malese. Questo interesse sembra
sia stato alimentato da due viaggi che fece in questi anni (in Egitto, 1894-5; a Ceylon, 1899). Punto
di partenza fu il misticismo di Swedenborg, ma anche l’occultismo e il teosofismo18. Il suo interesse
non era alimentato da desiderio d’erudizione, né da velleità accademiche, né da un fatuo esotismo,
bensì da un’intensa ricerca spirituale. In seguito a tali studi e ricerche abbracciò l’Islam e, in particolar
modo, la sua attenzione fu rivolta all’esoterismo islamico.

Si trasferì quindi in Egitto nel 1902. Al Cairo fu iniziato al Sufismo dallo šayḫ ʿAbd al-Raḥmān
ʿIllīš (ʿIlīš, ʿIlayš ovvero ʿUlayš) al-Kabīr (circa 1845 - 1922), un influente maestro della confraternita

15 Gotti Porcinari, Rapporti italo-arabi, p. 19.


16 Abbiamo ricavato le informazioni sulla vita di Agelii principalmente da Scarabel (Una rivista italo-araba) e
dall’introduzione a ‘Abdul-Hâdî (John Gustav Agelii, dit Ivan Aguéli), Écrits pour La Gnose comprenant la traduction
de l’arabe du Traité de l’Unité, Archè, Milano, 1988. Non abbiamo potuto consultare le due biografie in svedese:
Van Hausen, Minnen fran samvaron med Gustav Agelii i Paris och Cairo 1894-1895, in Ord och Bild, Årg 35, 1926, n.
608; Axel Gauffin, Ivan Aguéli. Människan, mystikern, målaren, Stockholm, 1940-41.
17 Fu legato in qualche modo alla Società Teosofica, o comunque ebbe simpatie teosofiste, almeno fino al 1907,
poiché in questa data scrisse un necrologio dal tono fortemente encomiastico per il Colonnello Olcott.
18 Queste considerazioni sono basate sui libri che Agelii portò con sé nel suo primo viaggio in Egitto (1894-5);
v. ʿAbdul-Hâdî, Écrits pour La Gnose, introduzione, pp. X-XI.
Leggere Ibn ʿArabī in italiano. Quando il sufismo diventa affare di stato 195

Šāḏilita, professore di diritto Malikita all’università di al-Azhar al Cairo. Lo šayḫ, molto influente an-
che sul piano politico, era stato coinvolto assieme a suo padre nella rivolta di ʿUrabī Paša nel 1882 in
Egitto ed aveva vissuto alcuni anni in esilio in Siria e a Istanbul. A breve parleremo di questa persona.

Agelii fu il principale collaboratore di Insabato per la rivista “Il Convito”; dopo l’esperienza del perio-
dico italo-arabo, e avendo fatto ritorno in Europa, collaborò con la redazione della rivista francese La
Gnose, scrivendo articoli sull’esoterismo islamico tra il 1910 e il 1911. Il metafisico e studioso di simbo-
lismo francese René Guénon (1886-1951), il quale pure scriveva per la Gnose, fu molto probabilmente
influenzato dalla personalità e dalle concezioni di Agelii. Non ci dilungheremo oltre sulla biografia di
Agelii; diremo soltanto che gl’ultimi anni della sua vita furono segnati da gravi problemi finanziari e
mancanza di mezzi di sussistenza; morì a Barcellona investito da un treno nel 1917.

Per quel che riguarda “il Convito”, Agelii scrisse articoli sul Sufismo sia nella sezione italiana che
araba. Nella parte italiana curò una rubrica chiamata “El Akbariya”, con riferimento alla corrente
spirituale dello Šayḫ al-Akbar, “il Sommo Maestro” del Sufismo Muḥyī l-Dīn Ibn al-ʿArabī. Nelle
intenzioni di šayḫ ʿIllīš e di Agelii, la “El Akbariya” avrebbe dovuto essere anche un’organizzazione –
non si sa fino a che punto assimilabile a una confraternita sufi, a una loggia massonica ovvero a una
élite puramente intellettuale – il cui obbiettivo avrebbe dovuto essere la diffusione del Sufismo – ma,
soprattutto, una rinascita spirituale – in Occidente.

Quel che si sa con certezza è che šayḫ ʿIllīš collaborò coscientemente con Enrico Insabato e il Go-
verno italiano, almeno fino alla guerra di Libia nel 191119, cercando forse nell’alleanza con l’Italia di
limitare l’ingerenza britannica nei paesi del Vicino Oriente. In questo contesto rientrava la costru-
zione della moschea dedicata alla memoria di Re Umberto I nei pressi di al-Azhar al Cairo, voluta
da šayḫ ʿIllīš e appoggiata dal Governo italiano. La questione della liceità nel dedicare una moschea
a un non-musulmano provocò forti critiche; in particolare Rašīd Riḍā definì il fatto un’innovazione
bizzarra (e deprecabile) senza precedenti; šayḫ ʿIllīš veniva accusato di ricevere denaro dall’Italia e l’i-
niziativa veniva presentata come un’operazione funzionale alla strategia politica del Governo italiano
in Egitto20. Riportiamo dei passi dell’articolo apparso su “Il Convito”, 1907, n. 3-4, firmato da Agelii,
dal titolo La moschea ‘Umberto’ (in faccia a ‘El Azhar’), a proposito della vicenda:
«Uno degli uomini più celebri dell’Islam, figlio del restauratore del rito
Malekita e lui stesso profondo sapiente21 […] un’autorità incontestabile
dell’Islam essoterico ed esoterico, giuridico e politico, ha fatto costruire a
sue spese, su un terreno adiacente alla casa da lui abitata a El Azhar stesso,
una moschea di cui ha fatto dono all’Italia e che ha dedicato al defunto re

19 Tuttavia, ci sarebbe stato già nel 1909 un avvicinamento dello šayḫ alla Francia (v. Écrits pour la Gnose, p. XIV, nota 6).
20 Articoli di Rašīd Riḍā su al-Manār, 10, luglio 1907, pp. 398-400; 10, ottobre 1907, pp. 637-38. Baldinetti,
Orientalismo e Colonialismo, pp. 43-44.
21 Si riferisce a šayḫ ‘Illīš.
196 Claudio Marzullo | El Azufre Rojo III (2016), 189-199. | ISSN: 2341-1368

Umberto. È la prima volta, dopo molti secoli, che un simile fenomeno si


produce: e noi ne dobbiamo ai lettori nostri la spiegazione. Poi che il fatto
è non solo della più grande importanza per la civiltà in generale ed il pro-
gresso italiano in Oriente in particolare, ma ci permette esso di vedere l’I-
slam sotto la sua vera luce: come la Religione ch’è al di sopra delle religioni
e come fede veramente universale non occupantesi delle ostilità di lingue,
di popoli e di razze, ma riunente la umanità tutta in un solo sistema com-
pleto e generale di organizzazione spirituale e di ordine ieratico e mistico».

La redazione de “Il Convito”, come ovvio, difese lo šayḫ sia trovando appoggio nelle fonti islamiche
che criticando l’impostazione “protestantesca” e modernista di Rašīd Riḍā, la cui rigidità avrebbe
portato al fanatismo. La vicenda della moschea Umberto però rese impopolare šayḫ ʿIllīš.

Veniamo ora agli articoli su Ibn ʿArabī. Nella rubrica “El Akbariya”, Agelii tradusse alcuni estratti
delle Futūḥāt al-makkiyya, “Le Rivelazioni mecchine”; vi erano poi articoli in cui Agelii presentava la
dottrina di Ibn ʿArabī raggruppata in grandi temi. Ecco le dichiarazioni programmatiche al termine
del primo numero della rubrica:

«Noi parleremo delle rivelazioni “del più grande degli sceikhs” in una serie
di capitoli, ciascuno dei quali tratterà dell’uno o dell’altro mistero: i misteri
Dominicali, profetici, biblici, angelici e celesti; quelli del culto, della glo-
rificazione, dell’amore, della fede, della carità; quelli dell’uomo e del suo
“io,” della creazione, del tempo, dell’eternità, del fato, della vita e della
morte; quelli delle prove, delle tentazioni, dei peccati, del perdono e della
vita nuova. All’ultimo noi parleremo della vita dello Sceikh, dei partigiani e
detrattori ch’egli ebbe e diremo delle sue analogie ed armonie celesti, cioè
del suo sistema d’occultismo»22.

La scelta delle “Rivelazioni”, che è senza dubbio l’opera massima di Ibn ʿArabī, a discapito di altre
opere, sia pur famose e notevoli come Fuṣūṣ al-ḥikam, “I Castoni della saggezza”, venne motivata da
Agelii in questo modo:
«Questa opera rimane sempre non solo il più nel monumento della let-
teratura mistica islamo-araba, ma ben anche il libro nel quale lo Sceikh
rivela la propria personalità, così profonda, lucida e possente. Essa, alme-
no secondo la nostra modesta opinione, è più improntata dell’anima dello
Sceikh, che i suoi «Divani» (raccolta di poesie) ed i suoi Aforismi sui profeti,
intitolati. Fusûs el Hikami»23.

22 Il Convito, 1907, n. 2, p. 55.


23 Il Convito, 1907, n. 3-4, p. 90.
Leggere Ibn ʿArabī in italiano. Quando il sufismo diventa affare di stato 197

Tuttavia, dal secondo numero della rubrica, Agelii modificò un poco la modalità di esposizione, ve-
nendo incontro alle difficoltà dei lettori italofoni, per i quali doveva essere il primo incontro con Ibn
ʿArabī, e forse con il Sufismo tutto:

Molti lettori però mi hanno fatto intendere che, data la novità del sog-
getto, io farei meglio esponendo le teorie e la lor influenza logica e mora-
le, innanzi all’analisi dei sentimenti. Io aveva creduto il contrario; m’ero
detto ch’era più facile di comunicare per mezzo di un sentimento che di
un pensiero e che una emotività è la chiave di un sistema filosofico o reli-
gioso. […] Innanzi dunque di toccare al programma annunciato alla fine
dell’articolo «El Akbariya» del numero precedente, io farò alcuni articoli
nei quali esporrò, con un ordine arbitrario in apparenza, le teorie generali
del misticismo arabo, così come Mohhyi ed Din le ha formulate; e ciò allo
scopo di giungere poco per volta all’esposizione della di lui personalità»24.

Per nostra somma sfortuna i numeri del periodico non sono di facile reperimento, almeno in Italia: la
chiusura al pubblico della biblioteca dell’IsIAO (Istituto italiano per l’Africa e l’Oriente) a Roma, la
quale è l’unico luogo dove c’è –o dovrebbe esserci – l’intera raccolta in Italia, rende particolarmente
onerosa la ricerca e l’analisi sistematica e complessiva di questi primissimi e originalissimi studi su
Ibn ʿArabī in italiano. Alla luce di questi problemi di accesso alle fonti, non possiamo avere un’idea
precisa dell’insieme dei concetti dottrinali affrontati.

È tuttavia sufficiente aver letto qualche articolo per farsene un’idea piuttosto nitida del taglio; non
è certo quello dell’Orientalismo classico, né pura ammirazione per l’esotico. In quanto convertito
all’Islam, e ricollegato al sufismo, Agelii intendeva la dottrina akbariana come la più pura “espres-
sione della verità” in accordo alla saggezza islamica, non un comune sistema filosofico. Sebbene
fosse formatosi anche in ambienti teosofisti e occultisti della Parigi di fine Ottocento, per i quali – ci
scusiamo per l’eccessiva semplificazione – sarebbe stato possibile accedere, con positivistica sicurezza,
a “discipline occulte” e a una “saggezza primordiale” anche con mezzi e approcci moderni, Agelii
invece intendeva rendere il lettore occidentale consapevole delle enormi differenze tra la saggezza
delle civiltà orientali e l’esoterismo moderno.

La terminologia di Agelii era spesso fumosa, incerta, bizzarra, quasi naïf; non ci sembra che vi fosse
rigore e né una piena consapevolezza nella traduzione del vocabolario tecnico del Sufismo in italiano;
ciò fu dovuto senza dubbio in parte al fatto che Agelii non fosse madrelingua italiano, ma soprattutto
al fatto che la sua fu un’opera davvero pioneristica. Il lessico utilizzato per descrivere il Sufismo, e in
generale le dottrine orientali, si sarebbe poi, nel corso del Novecento, specializzato nella direzione

24 Ibidem.
198 Claudio Marzullo | El Azufre Rojo III (2016), 189-199. | ISSN: 2341-1368

dell’Orientalismo ufficiale25 che in quella degli studi non-accademici, fornita da autori non-accade-
mici, in cui un ruolo rilevantissimo ha giocato, in primis, la lettura degli scritti di René Guénon e, in un
secondo momento, anche di autori come Titus Burckhardt, Michel Vâlsan, e altri ancora. Per dare
un esempio, prendiamo una nota a piè pagina riferitesi a un passo26 in cui Agelii affrontò la questione
della conoscenza di Dio da parte dell’uomo:

«La subcoscienza, in sufismo, è una delle forme della coscienza, talora una
delle sue forme più elevate».

La “subcoscienza” di cui parlava certo non era una categoria psicoanalitica, non era “sotto” lo stato
cosciente, bensì “sopra”: l’intuizione è inesprimibile non perché il soggetto non ne sia capace, ma per-
ché l’oggetto stesso di tale coscienza non è manifestabile. Una terminologia impropria può dare adito
a spiacevoli confusioni. In altri casi, tuttavia, Agelii fu ben consapevole nell’uso di termini e categorie
filosofiche occidentali; ad esempio, con grande anticipo rispetto a molti orientalisti della prima metà
del Novecento, distinse senza indugi la concezione di “panteismo” dalla dottrina di Ibn ʿArabī:

«La parola “panteismo” è un termine assai vago per indicare una cosa
assai vaga anch’essa. È perciò che i musulmani, che hanno un misticismo
lucido, han distinto due cose affatto differenti nello insieme delle opinioni
che gli occidentali designano con quella sola parola. L’una di queste cose si
chiama in arabo: “Wahhdatul-wugiûd” (l’unità dell’esistenza, cioè l’identi-
tà della creazione col Creatore). Qui è il panteismo quale domma definiti-
vo, religioso e filosofico, e che noi non accettiamo. L’altra è il monoteismo
vivente: l’unità nella pluralità e la pluralità nell’unità. […] La differenza
tra il monoteismo ch’è vivente e quello ch’è morto è la stessa ch’esiste tra
la luce bianca del sole ed una macchia di gesso, bianca anch’essa; soltanto,
l’una contiene tutti i colori e l’altra non ne ha alcuno»27.

Tuttavia, nei suoi articoli vi erano delle concezioni ed affermazioni che lasciano perplessi. Ad esem-
pio, in un articolo della fine del 190728, Agelii, avendo ritrovato dei manoscritti inediti del Sommo
Maestro, volle comunicare la sua scoperta al pubblico, scrisse:

25 Anche se, a dire il vero, nel caso di Ibn ʿArabī le pubblicazioni in italiano, quanto a numero, sono del tutto
irrilevanti; diremo dunque che la terminologia orientalista non si distanzia molto da quella da essa sviluppata
per l’ambito teologico-filosofico islamico.
26 Il Convito, 1907, n. 3-4, p. 92.
27 Ibidem, pp. 101-2.
28 Il Convito, (n. ?), p. 195, non sono riuscito a reperire il numero della rivista, ma è probabile che sia uno degli
ultimi mesi del 1907.
Leggere Ibn ʿArabī in italiano. Quando il sufismo diventa affare di stato 199

«Ibn Arabi evoluzionista. Egli, nelle sue più importanti opere d’occultismo
e di simbolismo, dice testualmente: «… Le cose create si combinano fra di
loro; il loro abbassarsi consistè nel loro elevarsi, e l’elevarsi nell’abbassarsi.
I minerali si trasformarono in piante, le piante in animali, gli animali nel
genere umano e questo in minerali. Tutto fu moltiplicato con tutto, la forza
si manifestò con l’azione…» Ecco l’espressione più semplice della teoria
dell’evoluzione e della circolazione della materia. E fu emessa or sono sette
secoli e solo ai nostri giorni, questo secolo di Saturno, fu sviluppata ampia-
mente da qualche sommo naturalista, Darwin fra i primi. Ora ò appunto
parlando di Saturno, del suo ufficio e delle sue influenze, che il gran mae-
stro ha detto quelle parole profonde che abbiamo riportato».

Queste affermazioni non devono tuttavia stupire più di tanto, data la formazione eclettica di Agelii.
Sempre nel 1907, il pittore svedese curò il testo arabo e la traduzione italiana (parziale, poiché la pub-
blicazione de “Il Convito” s’interruppe in quell’anno) del trattato al-Sayr wa-l-sulūk ilā malik al-mulūk
di Qāsim ibn Ṣalāḥ al-Dīn al-Ḫānī di Aleppo (1619-1697), tradotto da Agelii “Il progredire verso il
Re dei Re”29.

29 Il Convito, 1907, n.1, pp. 11 e ss.; n. 2, pp. 53 e ss.; n. 3-4, pp. 79, n. 5-6, pp. 143 e ss. Per informazioni sul
trattato, si veda D. Giordani, Le metamorfosi dell’anima e gli stadi della vita spirituale, pp. 117-134.