You are on page 1of 2

Riccardo Rollo 4Als

SCHEDA DEL FILM

DATI GENERALI

TITOLO DEL FILM: LOVING VINCENT


REGISTA: „Dorota Kobiela, Hugh Welchman “
PAESE DI PRODUZIONE: Polonia-Regno Unito
ANNO: 2017

GENERE
giallo – animazione – biografico

TRAMA
Durante l’estate del 1891 Vincent Van Gogh muore per un apparente suicidio, sparandosi in un campo di
grano. Il postino Roulin, unico amico di Van Gogh, non convinto del suicidio dell’artista, incarica il figlio
Armand, un giovane senza aspirazioni, a cercare il fratello Theo Van Gogh per recapitarli una lettera di
Vincent. Il giovane non è contento della missione affidatagli soprattutto perché è perplesso dell’amicizia
che lega suo padre a un pittore straniero che si è tagliato l’orecchio ed è stato internato in un manicomio
locale, comunque si mette in viaggio. La ricerca condurrà Armand da Père Tanguy, mercante di colori da
cui apprenderà che Theo, dispiaciuto per la scomparsa del fratello, è venuto a mancare pochi mesi dopo il
doloroso suicidio. Armand si domanderà se si è trattato realmente di suicidio e per scoprirlo si recherà nel
villaggio di Auvers-Sur-Oise per cercare di capire cosa ha spinto il pittore a questo gesto disperato
muovendosi tra un Campo di grano con volo di corvi e una Notte stellata. Interrogherà coloro che hanno
conosciuto Van Gogh e gli sono stati vicino nelle ore più drammatiche come il dottor Paul Gachet che si
occupò di Vincent nelle sue ultime settimane di vita. Visiterà la locanda Ravoux dove Vincent soggiornò
nelle ultime settimane e dove morì per un proiettile nell’addome. Qui incontrerà anche la figlia del
proprietario della locanda, Adeline, la domestica e la figlia del dottore mentre, presso il fiume incontrerà il
barcaiolo che accompagnava Vincent durante le sue giornate passate a dipingere nella natura.
Questo viaggio porterà Armand a scoprire ed apprezzare la vita e la straordinaria opera di Vincent Van
Gogh. Un povero emarginato, preso in giro dai bambini che gli tireranno i sassi, a volte odiato per il suo
talento, a volte ignorato per le sue stranezze.

I FATTI SONO NARRATI: con alternanze di piani temporali. Il flashback- narrazione è realizzato in bianco
e nero che contrasta con i colori brillanti della storia.

PERSONAGGI: Dietro i protagonisti nel lungometraggio si celano volti noti del mondo del cinema, abbinati
ai dipinti che essi stessi rappresentano.
MESSAGGIO
La riscoperta della vita di Van Gogh apparentemente sgradevole e inutile, porta attraverso le sue opere, a
riflettere su cosa c’è realmente nel cuore dell’artista così come lui stesso affermò “Non possiamo che
parlare con i nostri dipinti”.

LINGUAGGIO

Ogni fotogramma del film è realizzato a mano frutto della elaborazione di 94 quadri dipinti del pittore, di
migliaia di immagini create nello stile di van Gogh e realizzate da un team di 125 artisti

GIUDIZIO PERSONALE
Si tratta del primo lungometraggio completamente dipinto su tela. Lo spettatore entra ne quadro e si perde
nelle pennellate delle immagini e come un protagonista del quadro, si ritrova dentro il Caffé di notte, nel
Campo di grano e in tutti i dipinti che si susseguono. Il risultato è originale e di impatto. I personaggi, gli
alberi, le case si muovono e prendono vita e voce, il film lascia semplicemente senza fiato.