You are on page 1of 84

SCUOLA PARITARIA DANTE ALIGHIERI

_____________________________________________________
ISTITUTO

PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA FORMATIVA
_____________________________________________________
DOCUMENTO

SCUOLA PRIMARIA
SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO
SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO – LICEO LINGUISTICO
_____________________________________________________________________________________________

GRADI DI ISTRUZIONE

2018 - 2020
_________________________________________________________________________________

PERIODO
Indice

Sezione / Area tematica Pagina
Scheda di presentazione 5
Calendario scolastico anno 2018 australe 6
1. Premessa 7
1.1. Quadro normativo 7
1.2. Identità della Scuola Paritaria Dante Alighieri 8
1.2.1. Nascita e formazione della Scuola Paritaria Dante Alighieri 8
1.2.2. La Scuola Paritaria Dante Alighieri, oggi 9
2. Curricolo 10
2.1. Principi che regolano l’offerta formativa 10
2.2. Offerta formativa Scuola Primaria 11
2.2.1. Finalità specifiche della Scuola Primaria 12
2.2.2. Progetti 13
2.2.3. Attività extracurricolari 14
2.2.4. Libri di testo in adozione e sussidi didattici 14
2.2.5. Tutoraggio 14
2.2.6. Certificato delle competenze al termine della Scuola Primaria 15
2.3. Offerta formativa Scuola Secondaria di Primo Grado 18
2.3.1. Finalità specifiche della Scuola Secondaria di Primo Grado 18
2.3.1.1. Obiettivi cognitivi 19
2.3.1.2. Obiettivi educativi 19
2.3.2. Sussidi didattici 20
2.3.3. Esame di Stato Conclusivo del Primo Ciclo di Istruzione 20
2.3.3.1. Ammissione all’Esame di Stato Conclusivo del Primo Ciclo 21
2.3.3.2. Sede d’esame e commissioni 21
2.3.3.3. Le prove d’esame 22
2.3.4. Certificato delle competenze 23
2.3.5. Iniziative e progetti 25
2.3.5.1. Attività extracurricolari 26
2.3.6. Rapporti scuola – famiglia 26
2.4. Offerta formativa Scuola Secondaria di Secondo Grado 26
2.4.1. Liceo Linguistico (ordinamento italiano) – Curricolo integrato 27
2.4.2. Il progetto educativo 27
2.4.3. Finalità specifiche della Scuola Secondaria di Secondo Grado 27
2.4.3.1. Obiettivi educativi 28
2.4.3.2. Obiettivi generali delle aree disciplinari 29
2.4.3.2.1. Area linguistica 29
2.4.3.2.2. Lingue straniere 29
2.4.3.2.3. Area storico-sociale 30
2.4.3.2.4. Area scientifica 31
2.4.3.2.5. Area artistica 32
2.4.3.2.6. Area di educazione motoria e sportiva 32
2.4.4. Il curriculum 32
2.4.5. Profilo dell’alunno indirizzo linguistico – umanistico 33

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 2
2.4.6. Esame di Stato Conclusivo del Secondo Ciclo di Istruzione 34
2.4.7. Sussidi didattici 35
2.4.8. Interventi programmati 36
2.4.9. Iniziative e progetti 36
2.4.9.1. Attività extracurricolari 36
3. Qualità della didattica 37
4. Ambiente d’apprendimento 38
4.1. Edilizia scolastica e contesto fisico dell’Istituto 38
4.2. Ambiente d’apprendimento: profilo degli studenti e contesti di
Appartenenza 39
5. Valutazione 40
5.1. Principi che regolano la valutazione 40
5.2. Tipologie di valutazione 41
5.3. Operazioni di scrutinio 41
5.4. Valutazione nella Scuola Primaria 42
5.4.1. Criteri di valutazione per la Scuola Primaria 42
5.4.2. Valutazione degli alunni con disabilità 42
5.4.3. Valutazione degli alunni con difficoltà specifiche di apprendimento 43
5.4.4. Scheda di valutazione 43
5.5. Verifica e valutazione nella Scuola Secondaria di Primo Grado 44
5.5.1. Gli esiti 44
5.5.2. La valutazione del comportamento 47
5.5.3. Interventi programmati 48
5.6. Verifica e valutazione nella Scuola Secondaria di Secondo Grado 48
5.6.1. Gli strumenti di verifica 49
5.6.2. Programmazione delle verifiche scritte e orali 50
5.6.3. Definizione dei criteri comuni per la corrispondenza tra voti e
livelli di apprendimento, impegno e interesse 50
5.6.4. Voto di condotta 52
5.6.5. Criteri generali per la valutazione negli scrutini finali 53
5.6.5.1. Per le classi dalla 1° alla 3° 54
5.6.5.2. Per le classi 4°: Ammissione all’Esame di Stato Conclusivo del
Secondo Ciclo di Istruzione 54
5.6.5.3. Griglie di valutazione Esame di Stato Conclusivo del Secondo
Ciclo di Istruzione 55
5.6.5.4. Per lo scrutinio supplementare di febbraio 59
5.6.5.5. Attribuzione dei crediti scolastici 60
5.6.5.6. Criteri in deroga ai termini di assenze per la validazione
dell’anno scolastico 62
6. Assetti organizzativi 62
6.1 Organizzazione delle classi 62
6.2. Orario scolastico 63
6.2.1. Scuola dell’Infanzia (non paritaria) 63
6.2.2. Scuola Primaria 63
6.2.3. Scuola Secondaria di Primo Grado 65
6.2.4. Scuola Secondaria di Secondo Grado 67
6.3. Gli organi collegiali 67

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 3
6.3.1. Rappresentanza 67
6.3.2. Collegio dei Docenti 68
6.3.3. Consiglio di Intersezione 69
6.3.4. Consiglio di Classe 69
6.3.5. Principali compiti e funzioni 69
7. Formazione e aggiornamento 69
7.1. Aggiornamento: finalità e inquadramento istituzionale 69
7.2. Corsi e proposte di aggiornamento 70
8. Gestione delle risorse 71
8.1. Risorse della Scuola Paritaria Dante Alighieri 71
8.1.1. Risorse interne: strutture e servizi 71
8.1.2. Criteri, modalit{ e regolamento per l’utilizzo degli spazi e delle risorse 71
8.2. Risorse umane interne 72
8.2.1. Team direttivo 72
8.2.1.1. Direttrice Didattica Generale 73
8.2.1.2. Direttori 74
8.2.1.3. I coordinatori d’area 74
8.2.1.4. Altri collaboratori 74
8.2.2. Responsabili di laboratorio 75
8.2.3. Responsabili di amministrazione e segreteria 75
8.2.4. Equipe psicopedagogica 76
8.2.5. Docenti 76
8.3. Organico delle risorse umane 77
9. Monitoraggio e autovalutazione 79
9.1. Linee guida per il monitoraggio e l’autovalutazione 79
9.2. Piano di Miglioramento 79
9.2.1. Nucleo Interno di Valutazione 79
9.2.2. Articolazione del Piano di Miglioramento 80
9.2.2.1. Priorità di miglioramento e traguardi 81
9.2.2.2. Azioni specifiche per la realizzazione delle priorità 81

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 4
Scheda di presentazione

Scheda informativa
Denominazione: Scuola Paritaria “Dante Alighieri”
Ordine, grado e tipo legale: Scuola dell’infanzia
Scuola Primaria
Scuola Secondaria di Primo Grado
Scuola Secondaria di Secondo Grado – Liceo Linguistico
Indirizzo: José Javier Díaz 481 – Quartiere Iponá – Córdoba, Arg.
Telefono / Fax: 0351-4618556
Sito internet: www.escueladantecordoba.edu.ar
Indirizzo e-mail: info@escueladantecordoba.edu.ar

Consiglio direttivo
Presidente: Badino, Sergio
Vicepresidente: Ghislieri, Víctor
Segretario: Berrondo, Aldo
Tesoriere: Figueroa, Marcelo
Consigliere titolare: Jozami, Jorge
Consiglieri supplenti: Calzada, Julio
Calzada, Julián
Pizzolato, Sonia

Team di direzione
Coordinazione didattica generale: Prof.ssa Mgter. Claudia Zannier

Direzione Scuola argentina:
Scuola dell’infanzia: Prof.ssa Ana Suau (direttrice)
Scuola Primaria: Prof.ssa Andrea Morello (direttrice)
Prof.ssa Silvia Álvarez (vicedirettrice)
Scuola Secondaria: Prof.ssa Claudia Zannier (direttrice)
Prof.ssa Viviana Carrera (vicedirettrice)

Segretaria docente: Trad. Patricia Corigliani

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 5
Calendario Scolastico
(valido per l’anno scolastico 2018 australe)1

Anno Scolastico: 2018 Australe
Data di apertura: 15/02/2018
Data di chiusura: 21/12/2018
N. giorni di lezione: 199

Calendario delle festività e del periodo di chiusura per le vacanze estive
Data Ricorrenza
29/03/2018 Giovedì santo
30/03/2018 Venerdì santo
02/04/2018 Festa nazionale argentina
30/04/2018 Ponte
01/05/2018 Giorno del lavoro
25/05/2018 Festa nazionale argentina
20/06/2018 Festa nazionale argentina
06/07/2018 Ricorrenza della fondazione della città di Córdoba
09/07/2018 Inizio vacanze invernali
20/07/2018 Fine vacanze invernali
20/08/2018 Festa nazione argentina
11/09/2018 Festa nazionale argentina
21/09/2018 Festa nazionale argentina
15/10/2018 Festa nazionale argentina
19/11/2018 Festa nazionale argentina
08/12/2018 Festa liturgica dell’Immacolata

Premessa

1 Da aggiornare ogni anno in sede di revisione del Piano Triennale dell’Offerta Formativa

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 6
In ottemperanza al Decreto Legislativo del 13 aprile 2017, n. 64, che disciplina e
regola il funzionamento della scuola italiana all’estero a norma dell’articolo 1, commi 180
e 181, lettera h), della legge del 13 luglio 2015, n. 107, la Scuola Paritaria Dante Alighieri di
Córdoba (Argentina) presenta il P.T.O.F. (Piano Triennale dell’Offerta Formativa) per il
triennio 2016-2019.
Il P.T.O.F. è il documento di presentazione delle attività didattiche ed organizzative
della Scuola. È stato concepito ed elaborato dal Collegio dei Docenti sulla base dell’atto di
indirizzo della Dirigente scolastica, Dott.ssa Claudia Zannier, e costituisce la carta
fondamentale della Scuola, che ne esplicita il profilo identitario dal punto di vista culturale
e progettuale, da un lato, e ne traccia l’orientamento curriculare, extracurriculare,
educativa ed organizzativa.
Ai fini della redazione del Piano, la Dirigente scolastica ha preso in considerazione
le proposte ed i pareri espressi dai Dipartimenti, dalle associazioni dei genitori e degli
studenti. Ha promosso e stabilito, inoltre, proficui rapporti di collaborazione con l’Istituto
Italiano di Cultura di Córdoba, la Comunità italiana di Córdoba, Organizzazioni non
governative e con le diverse realtà istituzionali, culturali, sociali ed economiche presenti
sul territorio.
Sulla base della normativa vigente, il P.T.O.F. è, dunque, un documento dinamico,
che definisce un orientamento e una direzione, disegna un percorso evolutivo
dell’istituzione scolastica. Marca il perimetro educativo in cui è possibile realizzare una
scuola aperta, intesa come una fucina di pensiero critico e di idee, di innovazione didattica
e di partecipazione attiva, capace di formare gli alunni con un profondo senso civico e
dunque come cittadini responsabili. Coerente con gli obiettivi fondamentali educativi
dell’Istituzione, il P.T.O.F. riflette le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico
della realtà locale ed esprime la sua capacità di integrazione nel territorio.

1.1. Quadro normativo
Nell’elaborare il documento, recepita la normativa ministeriale in materia, si è
fatto riferimento principalmente a:
Decreto Legislativo del 13 aprile 2017, n. 64, che disciplina e regola il funzionamento
della scuola italiana all’estero a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera h;
Decreto Legislativo del 13 aprile 2017, n. 62, che stabilisce le norme in materia di
valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed Esami di Stato, a
norma dell’art. 1, commi 180 e 181, lettera i, della legge 13 luglio 2015, n. 107;

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 7
art. 1, commi 2, 3, 12, 13, 14, 17, 93 della Legge 13 luglio 2015, n. 107, recante la
“Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino
delle disposizioni legislative vigenti”. La legge 107 comma 14 e seguenti, dichiara:
“Ogni istituzione scolastica predispone, con la partecipazione di tutte le sue
componenti, il piano triennale dell’offerta formativa, rivedibile annualmente. Il piano
è il documento fondamentale costitutivo dell'identità culturale e progettuale delle
istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare,
educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell'ambito della loro
autonomia”.
DPR 8 marzo 1999, n. 275 “Regolamento recante norme in materia di curricoli
nell’autonomia delle istituzioni scolastiche”, così come novellato dall’art. 14 della
Legge n. 107 del 13.07.2015. IL DPR 275/99 all’articolo 1 dichiara: “L’autonomia delle
istituzioni scolastiche è garanzia di libertà di insegnamento e di pluralismo culturale e
si sostanzia nella progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione,
formazione e istruzione mirati allo sviluppo della persona umana, adeguati ai diversi
contesti, alla domanda delle famiglie e alle caratteristiche specifiche dei soggetti
coinvolti, al fine di garantire loro il successo formativo, coerentemente con le finalità e
gli obiettivi generali del sistema di istruzione e con l’esigenza di migliorare l’efficacia
del processo di insegnamento e di apprendimento”.
Piano della Performance per il triennio 2018/2020 del MIUR adottato ai sensi dell’art.
15, comma 2, lettera b), del D.L. 27 ottobre 2009, n. 150;
Patto educativo di corresponsabilità scuola – famiglia – studenti (DPR 235 del
21/11/2007);
Indicazioni nazionali degli obiettivi specifici di apprendimento per i licei e per gli
istituti tecnici;
DM n. 9 del 27 gennaio 2010 ai sensi dell’art. 4, comma 3, del DPR 139/2007 sulla
certificazione delle competenze al termine dell’obbligo scolastico.

1.2. Identità della Scuola Paritaria Dante Alighieri
1.2.1. Nascita e formazione della Scuola Paritaria Dante Alighieri di Córdoba
La scuola bilingue Dante Alighieri è nata nel 1961 dall’impulso di un gruppo di
ingegneri di origine italiana, venuti in Argentina per aprire una fabbrica di automobili
FIAT. Per non far perdere ai propri figli la continuità educativa in lingua italiana,
fondarono la scuola Dante Alighieri. In essa si sviluppava il programma del sistema
nazionale argentino d’istruzione e di formazione con 5 ore settimanali di lingua italiana. La
richiesta, sempre crescente negli ultimi decenni, da parte della comunità italiana di

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 8
Córdoba di poter contare su una scuola bilingue e biculturale, ha spinto nell’anno 2003,
con l’avvio e supporto dell’Ufficio Scuola del Consolato Generale d’Italia, alla creazione del
progetto della Scuola Bilingue-Biculturale, in cui gli alunni ricevessero l’istruzione
d’obbligo argentina ed italiana. La finalit{ della scuola bilingue-biculturale è quella di
sviluppare armoniosamente la personalit{ dell’alunno, sia a livello psicologico, sia
cognitivo, sia relazionale; di educare alla tolleranza ed al confronto critico, di promuovere
le capacità di orientarsi e radicarsi in una realtà bilingue, in modo che gli alunni e le alunne
possiedano adeguatamente gli strumenti linguistici e culturali necessari alla comprensione
di entrambe le realtà. Il coronamento di questo profondo e lungo percorso di crescita
istituzionale della scuola è stato sancito in due occasioni: nel settembre 2010, con il
Decreto MAE 267/4845, la Scuola ha conseguito la parità per la Scuola Secondaria di I
grado, e a questo importante traguardo, con il Decreto MAE 3515/4439, nell’Ottobre 2013,
si è aggiunto il conseguimento della Parità Scolastica per la Scuola Secondaria di II grado.
La Scuola, pertanto, è sede dell’Esame di Terza Media e dell’Esame di Stato secondo il
calendario australe.

1.2.2. La Scuola Paritaria Dante Alighieri, oggi
Il prestigio guadagnato in questi ultimi anni dalla Scuola con il suggello della
Parità, da parte del Ministero degli Affari Esteri, è il riconoscimento istituzionale del
lavoro profuso e svolto da tutto il corpo docente. In questo contesto, occorre fare
menzione dell’eccellente risultato ottenuto dalla Scuola nell’ambito della valutazione
“Aprender” (svolta nell’Ottobre 2016) della qualit{ educativa del livello secondario,
proposta dal Ministerio de Educación de la Nación Argentina. Gli ottimi risultati degli alunni
hanno collocato, infatti, la Scuola Dante Alighieri al vertice della graduatoria delle scuole
secondarie comprese nell’area Sud della citt{ di Córdoba e ai primi posti in ambito
nazionale. L’alto livello educativo della Scuola, dunque, non è altro che il riflesso della
peculiare cifra ‘filosofica’ che contraddistingue l’istituzione. Grazie alla presenza di docenti
argentini, formatisi in lingua e letteratura italiana presso l’Universidad Nacional de
Córdoba, e di docenti di madrelingua italiana, l’educazione bilingue e biculturale, nel
contesto della scuola argentina, proietta, infatti, la formazione degli alunni su un piano di
elevata mobilit{ culturale, che promuove e favorisce un’apertura mentale e una
maturazione personale di straordinario valore. Instillare e promuovere negli alunni il
senso di un pensiero critico votato al dialogo costruttivo, allo scambio di idee e al
confronto stimolante con altre persone costituisce il cardine intorno al quale ruota
l’assetto educativo della Scuola e dal quale tutti docenti delle distinte materie disciplinari
traggono ispirazione per dare corso ai rispettivi e peculiari programmi di contenuti.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 9
Ispirandosi ai valori fondanti delle carte costituzionali democratiche della Repubblica
Argentina ed Italiana, la Scuola si propone, pertanto, di declinare ed applicare in ambito
pratico il patrimonio dello scibile impartito. Formare alunni pensanti e critici si configura,
dunque, come il terreno fertile in cui si possono attecchire e prosperare solidi principi
quali quelli di solidarietà, responsabilità e di coscienza civica.

Curricolo

2.1. Principi che regolano l’Offerta Formativa
Il P.T.O.F. elaborato dalla scuola e contenente scelte educative e organizzative,
nonché i criteri per l’uso delle risorse, costituisce un impegno per l’intera comunit{.
Stando alle priorit{ politiche del Ministero dell’Istruzione, Universit{ e Ricerca della
Repubblica Italiana, stilate per l’anno 2016, la Scuola Paritaria Dante Alighieri profila la
propria offerta formativa secondo i seguenti principi cardine:
La scuola eroga i propri servizi senza effettuare nessuna discriminazione di sesso,
razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psico-fisiche.
La scuola si impegna a favorire l’accoglienza dei genitori e degli alunni in ingresso
alle classi iniziali. Particolare attenzione deve essere presentata alla soluzione
delle problematiche, eventualmente presenti, relative agli alunni in situazione di
handicap.
La scuola, in quanto centro culturale, sociale e civile e in collaborazione con gli enti
locali e con le associazioni culturali legalmente riconosciuti non di lucro, si
impegna a favorire le attività extrascolastiche, consentendo l’uso degli edifici e
delle attrezzature fuori dall’orario del servizio scolastico.
La scuola, al fine di promuovere ogni forma di partecipazione, s’impegna a
semplificare le procedure, a rimuovere eventuali ostacoli, a offrire un’informazione
completa e trasparente.
La scuola si impegna a realizzare attività di aggiornamento e formazione di tutto il
personale scolastico attraverso interventi organici e regolari, favorendo anche la
partecipazione alle iniziative svolte da altri enti e istituzioni.
Nel rispetto della libert{ d’insegnamento dei docenti, la scuola persegue la
formazione e lo sviluppo armonico della personalit{ dell’alunno, attraverso
l’elaborazione di percorsi educativo - didattici.
La scuola è responsabile della qualità delle attività educative e si impegna, con
l’apporto delle competenze professionali del personale e con la collaborazione
delle famiglie, delle istituzioni e della societ{ civile a garantire l’adeguatezza alle

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 10
esigenze culturali e formative degli alunni nel rispetto delle finalità dei programmi
vigenti. Nel perseguimento degli obiettivi di efficienza e qualità del servizio
scolastico, il Team di direzione:
a) assicura la gestione dell’istituzione scolastica che rappresenta;
b) promuove il P.T.O.F.;
c) garantisce un’efficace comunicazione tra i docenti e tra scuola e utenti;
d) facilita l’uso delle risorse nel rispetto delle delibere degli organi collegiali;
e) promuove ed anima l’innovazione.
Il personale docente, nel rispetto dell’autonomia culturale e professionale, elabora
e predispone il piano delle attività didattiche. I genitori offrono interventi di
specifica competenza in relazione ai progetti elaborati. Il personale ausiliario
contribuisce alla vigilanza ed assistenza degli alunni durante la permanenza nei
locali scolastici.
I docenti assegnano i compiti da svolgere a casa tenendo presente la necessità di
rispettare razionali tempi di studio degli studenti.
La scuola si impegna a potenziare l’offerta formativa con riguardo alle competenze
linguistiche, all’arte, all’educazione motoria e alle nuove alfabetizzazioni nei modi
e coi mezzi di cui dispone; promuovendo inoltre l’uso critico e responsabile dei
media e del pensiero computazionale.
Il Team di direzione, in collaborazione con il corpo docenti, promuove una politica
di abbattimento della dispersione scolastica mediante l’utilizzo integrato di
strumenti come la presente offerta formativa, l’alternanza scuola-lavoro,
l’innovazione didattica e la diversificazione di tecniche e metodologie di lavoro
consoni alle esigenze e bisogni degli studenti.
Ai fini di colmare il cosiddetto divario digitale, la scuola si impegna a portare
avanti piani di digitalizzazione amministrativa attraverso piattaforme di
comunicazione fra insegnanti, studenti e le loro famiglie; nonché di intraprendere
progetti strutturali di innovazione degli ambienti e della didattica.
La scuola, consapevole dell’importanza di una proposta formativa aperta alla
comunità, avvia percorsi di alternanza scuola-lavoro per il biennio della Scuola
Superiore di II Grado (in ottemperanza alle norme argentine vigenti), al tempo che
progetta percorsi di orientamento indirizzati all’interazione tra scuola, universit{ e
mondo del lavoro.

2.2. Offerta Formativa Scuola Primaria

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 11
La Scuola Primaria ha il compito fondamentale di favorire l’alfabetizzazione
culturale e l’educazione alla convivenza democratica con il fine di garantire, in stretta e
permanente collaborazione con la famiglia e gli altri ordini di scuola, la continuità nella
formazione personale, sociale e culturale dei suoi alunni. In armonia con la proposta delle
Nuove Indicazioni per il Curricolo, l’intento è quello di favorire tanto l’aspetto educativo
quanto quello formativo. Pertanto, la Scuola Primaria si impegna a:
Sviluppare le competenze adeguate alle diverse età e portare gli alunni a riflettere
sulle proprie esperienze.
Fomentare l’interesse alla lettura e all’acquisizione delle conoscenze.
Stimolare la creativit{, l’autonomia, la capacit{ d’iniziativa e l’indipendenza di
giudizio.
Invogliare il bambino a partecipare attivamente alle diverse proposte di lavoro.
Indurre il bambino a cogliere diversi punti di vista a tenerne conto con il fine di
evitare pregiudizi e stereotipi.
Favorire il rispetto verso gli altri e la cura dell’ambiente.
Far comprendere l’importanza delle regole di convivenza sociale e seguirne
l’adempimento.

2.2.1. Finalità specifiche della Scuola Primaria
La Scuola Primaria Dante Alighieri promuove
l’alfabetizzazione culturale, che consiste nel:
o fornire gli strumenti mentali per conoscere la realtà e per organizzarla in
un sapere sistematico e significativo;
o introdurre i bambini nel “mondo della cultura”, cioè nel “mondo dei
simboli”, attraverso le discipline scolastiche, intese come sistemi simbolici
organizzati in modo adeguato all’insegnamento/apprendimento;
l’educazione alla convivenza democratica, che si fonda sul principio sancito dalla
Costituzione dell’uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge, sostenendo
l’alunno:
o Nella progressiva conquista dell’autonomia di giudizio, di scelte e di
assunzione di impegni;
o nell’ inserimento attivo nel mondo delle relazioni interpersonali, sulla base
di:
 ascolto
 comprensione
 accettazione e rispetto dell’altro

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 12
 partecipazione al bene comune;
la socializzazione, consistente nell’accompagnare gli alunni alla scoperta degli
altri e all’apprezzamento del loro valore in quanto persone con le quali interagire
positivamente, in uno scambio arricchito e fecondo;
l’accoglienza, l’inserimento, l’integrazione degli alunni, con particolare
attenzione alle situazioni di:
o handicap
o disagio
o svantaggio
o diversità;
la creatività del bambino, come:
o consapevolezza delle proprie possibilità;
o capacità autonoma di utilizzare le conoscenze sul piano personale e sociale.

2.2.2. Progetti
Biblioteca in aula, lettura di testi autentici e racconti vari.
o Destinato a: tutte le classi.
Partecipazione ai giochi della Gioventù CONI: Buenos Aires – Italia.
o Destinato a: 5ª classe.
Progetto Mostra di Scienze aperta a genitori e comunità educativa.
o Destinato a: tutte le classi.
Progetto Fiera del Libro: mostra di lavori e testi scritti dagli alunni.
o Destinato a: 4ª e 5ª classe.
Progetto Io scrivo... racconti scritti dagli alunni ed inseriti nella pagina web della
scuola.
o Destinato a: 2ª classe
Settimana della cultura italiana: attività culturali aperte alla comunità.
o Destinato a: tutte le classi.
Viaggi Educativi nella Provincia di Córdoba.
o Destinato a: tutte le classi.
Progetto “Colonia Caroya”: viaggio per conoscere le tradizioni degli immigranti
italiani presso Colonia Caroya.
o Destinato a: 2ª classe.
Progetto “Buona Alimentazione e comportamento a tavola”
o Destinato a: tutte le classi.
Progetto “Raccolta differenziata”

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 13
o Destinato a: tutte le classi.
Progetto “Giochi educativi nell’intervallo”
o Destinato a: tutte le classi.
Progetto “Dante al natural” Campeggio e Natura
o Destinato a: tutte le classi.
Progetto “Scambio culturale Scuola Bilingue di Salta”
o Destinato a: 5ª classe.

2.2.3. Attività extracurriculari
Al di fuori dell’orario curricolare, la scuola offre le seguenti attivit{ facoltative:
sport (judo, pallavolo, hockey, calcio, pallacanestro, acrobazie, tennistavolo ecc.)
scacchi
corso di italiano per adulti
attività culturali gratuite

2.2.4. Libri di testo in adozione e sussidi didattici
Essendo una Scuola Paritaria all’estero, e viste le difficoltà a reperire i materiali
didattici prodotti dall’editoria italiana, il corpo docenti della Scuola Primaria compila, sulla
base delle indicazioni nazionali per il curricolo e i diversi programmi scolastici, una
raccolta di materiali elaborati ad hoc, puntando anche sull’importanza dello sviluppo di
competenze non solo disciplinari ma anche linguistiche in studenti e studentesse che, nella
maggior parte, sono alle prese con l’acquisizione di una lingua straniera.
La realizzazione delle dispense mira inoltre a permettere i genitori di fare fronte,
senza grandi difficolt{, ai costi che comporta l’acquisizione dei materiali didattici, i quali
sarebbero elevatissimi qualora si dovessero comprare manuali importati dall’Italia.

2.2.5. Tutoraggio
Con il termine tutoraggio s’intende oggi un approccio complesso ed articolato che
prevede l’inserimento della figura “dei tutors” e tramite loro degli interventi personalizzati
di orientamento e accompagnamento dei bambini con difficoltà ai fini di rafforzare i
legami dei minori con la famiglia e di sostenere le loro motivazioni allo studio e alla
formazione.
Il tutor, lavorando con il gruppo di alunni che gli sono affidati, esercitando la
propria sensibilità educativa e didattica, deve capire ciò che ogni allievo necessita in
termini di compensazione e di sviluppo delle conoscenze e delle abilità, delle articolazioni,
delle opportunit{ formative; quindi, come membro attivo dell’equipe pedagogica deve

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 14
operare in maniera tale che l’offerta formativa della scuola costituisca un’effettiva risposta
ai bisogni di formazione di ogni alunno.
Nell’ambito delle scuole la funzione tutoriale di guida e di supporto allo studente
sta ad indicare come fa notare Enrico M. Salati “una strategia di interventi non solo in
senso riparatorio, e neppure solo preventivo, ma un senso evolutivo, vale a dire come
supporto continuativo dello sviluppo delle personalit{” (E.M. Salati, “Il tutor: ruoli,
funzioni e prospettive di una figura formativa”, in Professionalit{ Formativa per dirigere,
Brescia, La Scuola, 2002, pag.103).
I compiti del docente Tutor sono così indicati:
Guidare, stimolare ed esercitare i bambini che gli sono affidati;
consigliarli e orientarli nella risoluzione dei loro problemi e nella corretta
esecuzione dei loro impegni;
abituare i bambini ad identificare i propri punti di forza e di debolezza
imparando a conoscere meglio se stessi;
ricercare con i colleghi e con i bambini le strategie metodologiche e didattiche più
efficaci nei confronti di coloro che presentano difficoltà di apprendimento e di
comportamento;
curare i rapporti con le famiglie;
compilare ed aggiornare mediante il coinvolgimento dei bambini, dei docenti e
delle famiglie il portfolio delle competenze individuali.
Nella nostra scuola questi compiti vengono svolti da diversi docenti Tutor: uno per
la scuola primaria e due per la scuola secondaria (tanto di Primo Grado quanto di Secondo
Grado). I docenti Tutor sviluppano le loro mansioni dentro l’orario complessivo della
maestra di classe e in collaborazione con tutto il corpo docenti. Da rilevare, inoltre, la
stretta cooperazione del docente Tutor con il Dipartimento di Orientamento
Psicopedagogico della Scuola e viceversa.
Infine, non è difficile comprendere che quella del “Tutor” è un’importante azione di
orientamento e di accompagnamento di ogni alunno sostenendone la motivazione e
l’apprendimento, valorizzandone le potenzialit{, facilitandone l’impegno.

2.2.6. Certificato delle Competenze al termine della Scuola Primaria
Soltanto per gli alunni della quinta classe della scuola primaria promossi alla prima
media, Scuola Secondaria di Primo Grado, sar{ predisposto e distribuito alla fine dell’anno
scolastico anche il documento per la Certificazione delle Competenze al termine della
Scuola Primaria. La Certificazione rivela il livello di acquisizione raggiunto dagli alunni
nelle diverse discipline, quali: italiano, inglese, musica, arte e immagine, corpo movimento

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 15
e sport, storia, geografia, matematica, scienze e lingua spagnola. Inoltre, verranno fornite
indicazioni relative al profilo delle competenze chiave dello studente: imparare ad
imparare, competenze sociali e civiche, spirito d’iniziativa, consapevolezza ed espressione
culturale.

Discipline Competenze raggiunte al termine della Scuola Primaria
Ascolta e comprende testi orali di diverso tipo.
Si esprime oralmente in modo corretto, utilizzando registri linguistici
di diverso tipo, dalla letteratura per l’infanzia ai testi di studio.
Formula messaggi chiari e pertinenti in un registro il più possibile
adeguato alla situazione.
Italiano Produce testi scritti di diverso tipo, in relazione ai differenti scopi
comunicativi.
Riconosce le strutture della lingua e rispetta le sue regole nella
produzione orale e scritta.
Capisce e utilizza nell’uso orale e scritto i vocaboli fondamentali e
quelli ad alto uso.
Ascolta e comprende brevi messaggi orali relativi ad argomenti
familiari, formulati mediante termini, espressioni e frasi di uso
quotidiano.
Legge testi molto brevi e ne ricava informazioni specifiche.
Inglese
Si esprime oralmente in modo comprensibile, utilizzando termini ed
espressioni di uso quotidiano in relazione ad aspetti del proprio
vissuto e degli ambienti di vita.
Effettua confronti tra la propria cultura e quella anglosassone.
Ascolta, analizza e rappresenta fenomeni sonori e linguaggi musicali.
Musica
Si esprime con il canto e con semplici strumenti musicali.
Arte e Produce messaggi con l’uso di linguaggi, tecniche e materiali diversi.
immagine Legge e comprende immagini di diverso tipo.
Padroneggia abilità motorie di base in situazioni diverse.
Corpo,
Partecipa alle attività di gioco e di sport rispettandone le regole.
movimento e
Utilizza in forma originale e creativa differenti modalità comunicative
sport
attraverso il corpo.
Comprende che il passato può essere ricostruito e raccontato.
Individua cronologie e periodizzazioni relative a quadri storico-
Storia sociali esaminati.
Individua trasformazioni avvenute nelle strutture delle civiltà nella
storia, nel paesaggio e nelle società.
Si orienta nello spazio e nel tempo e riconosce le trasformazioni
dovute all’interazione uomo-ambiente.
Geografia Conosce e descrive gli aspetti fisici, antropici ed economici delle
diverse realtà geografiche.
Utilizza gli strumenti della disciplina.
Risolve problemi utilizzando strategie differenti e riconoscendo che
in diversi casi possono esistere più soluzioni.
Effettua, con sicurezza, calcoli a livello scritto e mentale ed esegue
Matematica
operazioni scritte con i numeri naturali.
Descrive e classifica figure geometriche.
Effettua misure e stime utilizzando le principali unità di misura.
Conosce e osserva fatti e fenomeni individuandone gli elementi
Scienze
significativi e comprendendo relazioni e modificazioni.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 16
Formula ipotesi plausibili e le verifica.
Ha una visione della complessità del sistema dei viventi e delle loro
caratteristiche in ambito fisico e biologico.
Riconosce nel proprio organismo strutture e funzionamenti a livelli
macroscopici e microscopici. È consapevole delle sue potenzialità e
dei suoi limiti.
Ascolta e comprende testi orali di diverso tipo.
Si esprime oralmente in modo corretto, utilizzando registri linguistici
adeguati alle diverse situazioni.
Legge e comprende testi di tradizione sia orale che scritta, dalla
Spagnolo letteratura per l’infanzia ai testi di studio.
Produce testi scritti di diverso tipo, in relazione ai differenti scopi
comunicativi.
Riconosce le strutture della lingua e rispetta le sue regole nella
produzione orale e scritta.
Competenze Competenze dal Profilo dello studente
chiave europee al termine della Scuola Primaria
Comunicazione Possiede un patrimonio organico di conoscenze e nozioni di base ed è
nella allo stesso tempo capace di ricercare e di organizzare nuove
lingua di informazioni.
istruzione Si impegna in nuovi apprendimenti in modo autonomo.
Possiede un patrimonio organico di conoscenze e nozioni di base ed è
Imparare ad allo stesso tempo capace di ricercare e di organizzare nuove
imparare informazioni.
Si impegna in nuovi apprendimenti in modo autonomo.
Ha cura e rispetto di sé e degli altri come presupposto di uno stile di
Competenze vita sano e corretto. È consapevole della necessità del rispetto di una
sociali e civiche convivenza civile, pacifica e solidale. Si impegna per portare a
compimento il lavoro iniziato, da solo o insieme ad altri.
Ha spirito di iniziativa ed è capace di produrre idee e progetti creativi.
Si assume le proprie responsabilità, chiede aiuto quando si trova in
Spirito di
difficoltà
iniziativa
e sa fornire aiuto a chi lo chiede. È disposto ad analizzare se
stesso e a misurarsi con le novità e gli imprevisti.
Riconosce ed apprezza le diverse identità, le tradizioni culturali e
religiose, in un’ottica di dialogo e di rispetto reciproco.
Consapevolezza
Si orienta nello spazio e nel tempo e interpreta i sistemi simbolici e
ed espressione
culturali della società.
culturale
In relazione alle proprie potenzialità e al proprio talento si esprime
negli ambiti che gli sono più congeniali: motori, artistici e musicali.
L’alunno/a ha inoltre mostrato significative competenze nello svolgimento di attività
scolastiche e/o extrascolastiche, relativamente a:

Per ognuna delle competenze chiave, va indicato il livello conseguito:
Avanzato: L’alunno/a svolge compiti e risolve problemi complessi, mostrando
padronanza nell’uso delle conoscenze e delle abilit{; propone e sostiene le
proprie opinioni e assume in modo responsabile decisioni consapevoli.
Votazione 10/10 o 9/10

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 17
Intermedio: L’alunno/a svolge compiti e risolve problemi in situazioni nuove,
compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le
abilità acquisite.
Votazione 8/10 o 7/10
Base: L’alunno/a svolge compiti semplici, mostrando di possedere conoscenze
e abilità fondamentali e di saper applicare basilari regole e procedure apprese
sotto la guida dell’insegnante.
Votazione 6/10

2.3. Offerta formativa Scuola Secondaria di I Grado
La Scuola Secondaria di Primo Grado, oltre ad elevare il livello di educazione e di
istruzione di ciascun alunno, potenzia la capacità di partecipare alla cultura e alla civiltà,
promuove le competenze necessarie ad apprendere con successo, forma in quanto aiuta ad
acquisire una visione sempre più chiara della realtà sociale in cui l’alunno vive,
orientandolo allo sviluppo armonico della sua personalità, alla coscienza della propria
identit{ ed all’autonomia.

2.3.1. Finalità specifiche della scuola secondaria di I grado
La programmazione d’istituto e l’organizzazione curricolare dei contenuti
dell’insegnamento sono strutturate in modo da mirare al raggiungimento, nell’arco del
triennio, degli obiettivi finali riguardanti competenze complesse (“saper fare” e “sapere”)
che mettano lo studente in grado di affrontare con serenità la scuola media, di acquisire
motivazione allo studio, di sviluppare le proprie attitudini e di orientarsi nella società e nel
territorio in cui vive (“saper essere”).
Inoltre, la programmazione si caratterizza per l’attenzione alla comunicazione in
tutte le sue forme, soprattutto per ciò che attiene al profilo dell’acquisizione e dello
sviluppo di molteplici strumenti espressivi: la creativit{ artistica, l’espressione musicale, il
linguaggio informatico, le tecniche operative e le lingue straniere.
In coerenza con le finalità e i metodi didattici, opera nella scuola un gruppo di
lavoro formato dal team di direzione di entrambi i livelli di istruzione (scuola primaria e
scuola superiore), e dal corpo docenti delle varie discipline della scuola secondaria di I e II
grado, nonché dai professionisti del servizio di orientamento pedagogico. Il gruppo
pluridisciplinare di lavoro si confronta, progetta e organizza, in collaborazione con i
consiglieri eletti dai genitori della scuola, sulla base delle specifiche competenze e
necessità degli alunni.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 18
Il Collegio dei docenti, in armonia con le linee curriculari e con le Carte
costituzionali delle due nazioni a cui la nostra scuola fa riferimento, si propone di
raggiungere i seguenti obiettivi cognitivi ed educativi generali, che saranno i principi
cardine della programmazione annuale dei Consigli di classe.

2.3.1.1. Obiettivi cognitivi
acquisire conoscenze fondamentali delle singole discipline;
sviluppo della capacità di comprendere e usare i diversi linguaggi verbali e non
verbali;
sviluppo della capacità di analisi e di sintesi;
sviluppo della capacità di ricerca, di valutazione e di critica.

2.3.1.2. Obiettivi educativi
Autonomia: prendere consapevolezza di sé e del proprio operato; essere capace di
organizzare tempi e spazi.
Interesse: partecipare alla vita di classe in modo attivo, collaborativo e proficuo.
Impegno: eseguire in modo costante, soddisfacente e autonomo il lavoro
assegnato, domestico e non domestico; sviluppare la capacità di portare a termine
un compito assumendo la propria parte di responsabilità.
Comportamento: convivere nel rispetto degli altri e delle loro idee; rispettare gli
accordi scolastici di convivenza (in ottemperanza alle disposizioni in materia di
cittadinanza e convivenza della Scuola Argentina, con il documento “Acuerdos
Escolares de Convivencia”).
Metodo di studio: acquisire abitudini miranti allo sviluppo di un metodo di studio
efficace e all’organizzazione ottimale dei tempi di lavoro.
Profilo interculturale: Utilizzare la pluralità di linguaggi come approccio
interculturale. Conoscere le diverse modalità di relazione e interazione tra culture,
per costruire dinamiche relazionali lontane da stereotipi e pregiudizi.
Ogni Consiglio di Classe definisce metodi, strumenti e contenuti, tenendo conto
della realtà specifica di ogni singola classe e delle risorse della scuola, ricordando che:
le nozioni non sono il fine dell’insegnamento ma strumento per l’acquisizione di
abilità;
le proposte curricolari di entrambe le nazioni rappresentano un riferimento
all’interno del quale ogni docente effettua scelte funzionali al raggiungimento degli
obiettivi prefissati;

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 19
ogni docente deve elaborare una propria ipotesi di lavoro, strutturata per obiettivi
generali e specifici, metodologie, contenuti e strumenti di valutazione, armonica
con la programmazione generale del Consiglio di Classe;
la verifica annuale finale si riferisce all’efficacia dell’intero processo di interazione
insegnamento- apprendimento.

2.3.2. Sussidi didattici
Ispirati soprattutto dall’attenzione ai “saperi”, all’”interazione” e allo “scambio”
sottesi all’impegno interculturale della scuola, i diversi Consigli di Classe, a livello
collegiale, hanno proposto l'educazione alla lettura di testi narrativi in italiano,
coinvolgendo in una linea di continuità tutte le classi.
Oltre a questo, si considera pure rilevante la preparazione di materiale ad hoc da
parte di ogni insegnante (dispense, schede, sussidiari, presentazione in power point, Prezi)
ed uso di mezzi audiovisivi quali, CD, CD ROM, diapositive, fotografie, video, aule virtuali,
affinché agli alunni risulti più accessibile la comprensione del materiale di studio.

2.3.3. Esame di Stato Conclusivo del Primo Ciclo di Istruzione
Il primo ciclo di istruzione, di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 20
marzo 2009, n. 89, si conclude con un esame di Stato, il cui superamento costituisce titolo
di accesso alla scuola secondaria di secondo grado.
L’Esame di Stato, che si svolge al termine del primo ciclo di istruzione, è un
traguardo fondamentale del percorso scolastico dello studente ed è finalizzato a valutare
le competenze acquisite dagli studenti al termine del ciclo. Ai sensi dell'articolo 1 del
decreto legislativo n, 62/2017. la valutazione ha per oggetto il processo formativo e i
risultati di apprendimento delle alunne e degli alunni. concorre al miglioramento degli
apprendimenti e al successo formativo. documenta lo sviluppo dell'identità personale e
promuove l'autovalutazione in relazione all'acquisizione di conoscenze. abilità e
competenze.
Per sostenere l’Esame di Stato lo studente deve essere preventivamente ammesso
con una decisione assunta dal consiglio di classe nello scrutinio finale dell’ultima classe del
percorso di studi.
L’Esame di Stato si articola in più prove scritte e in un colloquio. In particolare per
il primo ciclo le prove scritte sono quattro, predisposte dalle singole commissioni d’esame.
Agli scritti segue un colloquio a carattere pluridisciplinare.
AI fine di garantire equità e trasparenza, il collegio dei docenti delibera i criteri e le
modalità di valutazione degli apprendimenti e del comportamento che vengono inseriti

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 20
nel presente P.T.O.F. e resi pubblici, al pari delle modalità e dei tempi della comunicazione
alle famiglie. In particolare, considerata la funzione formativa di accompagnamento dci
processi di apprendimento e di stimolo al miglioramento continuo, il collegio dei docenti
esplicita la corrispondenza tra le votazioni in decimi e i diversi livelli di apprendimento.
Definisce, altresì. i criteri generali per la non ammissione alla classe successiva e all'esame
di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione nel caso di voto inferiore a 6/10 in una o
più discipline

2.3.3.1. Ammissione all’Esame di Stato Conclusivo del Primo Ciclo di Istruzione
Gli articoli 6 e 7 del decreto legislativo n. 62/2017 individuano le modalità di
ammissione all'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione delle alunne e degli
alunni frequentanti scuole statali e paritarie. In sede di scrutinio finale, presieduto dal
dirigente scolastico o da suo delegato, l'ammissione all'esame di Stato è disposta, in via
generale, anche nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in
una o più discipline e avviene in presenza dei seguenti requisiti:
a) aver frequentato almeno tre quarti del monte ore annuale personalizzato, fatte
salve le eventuali motivate deroghe deliberate dal collegio dci docenti;
b) non essere incorsi nella sanzione disciplinare della non ammissione all'esame di
Stato prevista dall'articolo 4. commi 6 c 9 bis. del DPR n. 249/1998;
A partire dall’anno scolastico 2019 australe, nel caso di parziale o mancata
acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline, il consiglio di classe può
deliberare, a maggioranza e con adeguata motivazione, tenuto conto dei criteri definiti dal
collegio dei docenti, la non ammissione dell'alunna o dell'alunno all'esame di Stato
conclusivo del primo ciclo, pur in presenza dei due requisiti sopra citati.
In sede di scrutinio finale il consiglio di classe attribuisce, ai soli alunni ammessi
all'esame di Stato, sulla base del percorso scolastico triennale da ciascuno effettuato e in
conformità con i criteri e le modalità definiti dal collegio dei docenti e inseriti nel presente
P.T.O.F., un voto di ammissione espresso in decimi, senza utilizzare frazioni decimali. Il
consiglio di classe, nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento
in una o più discipline, può attribuire all'alunno un voto di ammissione anche inferiore a
6/10.

2.3.3.2. Sede d’esame e commissioni
È sede d’esame la Scuola Paritaria Dante Alighieri, in quanto organizza corsi di
Scuola Secondaria di Primo Grado.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 21
Nell’Istituto, viene costituita una commissione d'esame, composta da tutti i docenti
assegnati alle terze classi, che si articola in tante sottocommissioni quante sono le classi
terze. Si precisa che fanno parte della commissione d'esame tutti i docenti delle classi
terze cui è affidato l'insegnamento delle discipline indicate nel DPR n. 89/2009, art. 5
(commi 5 e 8), compresi eventuali docenti di sostegno e di strumento musicale, mentre
non ne fanno parte i docenti che svolgono attività nell'ambito del potenziamento e
dell'arricchimento dell'offerta formativa. Le sottocommissioni sono composte dai docenti
dei singoli consigli di classe. I lavori della commissione e delle sottocommissioni si
svolgono sempre alla presenza di tutti i loro componenti. Eventuali sostituzioni di
componenti assenti sono disposte dal Presidente della commissione tra gli altri docenti in
servizio presso l'istituzione scolastica.

2.3.3.3. Le prove d’esame
Le prove scritte relative all'esame di Stato, predisposte dalla commissione, sono tre:
1) prova scritta di italiano o della lingua nella quale si svolge l'insegnamento;
2) prova scritta relativa alle competenze logico-matematiche;
3) prova scritta articolata in una sezione per ciascuna delle lingue straniere studiate.
Per ciascuna delle prove scritte il decreto ministeriale n. 741/2017 individua le
finalità e propone diverse tipologie; la commissione sceglie le tipologie in base alle quali
definire le tracce, in coerenza con le indicazioni nazionali per il curricolo.
Per la prova di italiano, intesa ad accertare la padronanza della lingua, la capacità
di espressione personale e la coerente e organica esposizione del pensiero da parte delle
alunne e degli alunni, si propone alle commissioni di predisporre almeno tre terne di
tracce con riferimento alle seguenti tipologie:
1. Testo narrativo o descrittivo
2. Testo argomentativo
3. Comprensione e sintesi di un testo.
La prova scritta di italiano può anche essere strutturata in più parti riferibili alle
diverse tipologie proposte, che possono anche essere utilizzate in maniera combinata tra
loro all'interno della stessa traccia. Nel giorno calendarizzato per l'effettuazione della
prova. la commissione sorteggia la tema di tracce che sarà proposta ai candidati. Ciascun
candidato svolge la prova scegliendo una delle tre tracce sorreggiate.
Per la prova scritta relativa alle competenze logico-matematiche, intesa ad
accertare la "capacità di rielaborazione e di organizzazione delle conoscenze, delle abilità e
delle competenze acquisite dalle alunne e dagli alunni", tenendo a riferimento le aree

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 22
previste dalle indicazioni nazionali, le commissioni predispongono almeno tre tracce,
riferite ad entrambe le seguenti tipologie:
l. Problemi articolati su una o più richieste
2. Quesiti a risposta aperta
Nel caso in cui vengano proposti più problemi o quesiti, le relative soluzioni non
devono essere dipendenti l'una dall'altra, per evitare che la loro progressione pregiudichi
l'esecuzione della prova stessa. Nella predisposizione delle tracce, la commissione può fare
riferimento anche ai metodi di analisi, organizzazione e rappresentazione dei dati,
caratteristici del pensiero computazionale qualora sia stato oggetto di specifiche attività
durante il percorso scolastico. Nel giorno calendarizzato per l'effettuazione della prova, la
commissione sorteggia la traccia che sarà proposta ai candidati.
Per la prova scritta relativa alle lingue straniere, che si articola in due sezioni
distinte ed è intesa ad accertare le competenze di comprensione e produzione scritta
riconducibili al Livello A2 per l'inglese e al Livello B2 per la seconda lingua europea
(spagnolo), come previsto dalle indicazioni nazionali, le commissioni predispongono
almeno tre tracce, costruite sulla base dei due livelli di riferimento, scegliendo tra le
seguenti tipologie, che possono essere anche fra loro combinate all'interno della stessa
traccia:
1. Questionario di comprensione di un testo
2. Completamento, riscrittura o trasformazione di un testo
3. Elaborazione di un dialogo
4. Lettera o email personale
5. Sintesi di un testo.
La scelta della seconda lingua straniera, nonché del livello di acquisizione richiesto,
risponde a motivi comunitari in quanto, trattandosi di una Scuola Paritaria all’estero, il
nostro istituto è frequentato nella maggior parte da studenti e studentesse di madrelingua
spagnola.
Nel giorno calendarizzato per l'effettuazione della prova, la commissione sorteggia
la traccia che sarà proposta ai candidati riferita sia all'inglese che allo spagnolo.
Attraverso il colloquio, la commissione valuta il livello di acquisizione delle
conoscenze, abilità e competenze descritte nel profilo finale dello studente previsto dalle
Indicazioni nazionali per il curricolo.
Il colloquio è condono collegialmente da parte della sottocommissione e si sviluppa
in modo da porre attenzione soprattutto alle capacità di argomentazione, di risoluzione di
problemi, di pensiero critico e riflessivo, di collegamento organico tra le varie discipline di
studio.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 23
2.3.4. Certificato delle Competenze
In ottemperanza alle disposizioni del decreto MIUR 3.10.2017, protocollo n. 742;
insieme al diploma finale del I ciclo verrà rilasciata una Certificazione delle competenze
con riferimento alle competenze chiave europee: comunicazione nella madrelingua,
comunicazione nella lingua straniera, competenza matematica e competenze di base in
scienza e tecnologia, competenze digitali, capacità di imparare ad imparare (intesa come
autonomia negli apprendimenti), competenze sociali e civiche, spirito di iniziativa,
consapevolezza ed espressione culturale.
Per ognuna delle competenze chiave, va indicato il livello conseguito:
Avanzato: L’alunno/a svolge compiti e risolve problemi complessi, mostrando
padronanza nell’uso delle conoscenze e delle abilit{; propone e sostiene le
proprie opinioni e assume in modo responsabile decisioni consapevoli.
Votazione 10/10 o 9/10
Intermedio: L’alunno/a svolge compiti e risolve problemi in situazioni nuove,
compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le
abilità acquisite.
Votazione 8/10
Base: L’alunno/a svolge compiti semplici anche in situazioni nuove,
mostrando di possedere conoscenze e abilità fondamentali e di saper
applicare basilari regole e procedure apprese.
Votazione 7/10
Iniziale: L’alunno/a, se opportunamente guidato/a, svolge compiti semplici in
situazioni note.
Votazione 6/10
Il dirigente scolastico ed il presidente di commissione certificano i livelli di
competenza nelle summenzionate aree, tenuto conto del percorso scolastico e delle prove
d’esame.
In merito ai livelli di competenza, si fa riferimento alla seguente legenda:
Competenze Competenze dal Profilo dello studente
chiave europee al termine del primo ciclo di istruzione
Ha una padronanza della lingua italiana che gli consente di
Comunicazione comprendere
nella e produrre enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le
lingua di proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle
istruzione diverse
situazioni.
Comunicazione È in grado di esprimersi in lingua inglese a livello elementare (A2 del
nelle lingue Quadro Comune Europeo di Riferimento) e, in una seconda lingua
straniere europea,

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 24
di affrontare una comunicazione essenziale in semplici situazioni
di vita quotidiana. Utilizza la lingua inglese anche con le tecnologie
dell’informazione e della comunicazione.
Utilizza le sue conoscenze matematiche e scientifico-tecnologiche per
Competenza
analizzare dati e fatti della realt{ e per verificare l’attendibilit{ di
matematica e
analisi
competenze
quantitative proposte da altri. Utilizza il pensiero logico-scientifico
di base in
per affrontare problemi e situazioni sulla base di elementi certi. Ha
scienza e
consapevolezza dei limiti delle affermazioni che riguardano questioni
tecnologia
complesse.
Utilizza con consapevolezza e responsabilità le tecnologie per
Competenze ricercare,
digitali produrre ed elaborare dati e informazioni, per interagire con altre
persone, come supporto alla creatività e alla soluzione di problemi.
Possiede un patrimonio organico di conoscenze e nozioni di base ed è
Imparare ad allo stesso tempo capace di ricercare e di organizzare nuove
imparare informazioni.
Si impegna in nuovi apprendimenti in modo autonomo.
Ha cura e rispetto di sé e degli altri come presupposto di uno stile di
vita sano e corretto. È consapevole della necessità del rispetto di una
Competenze
convivenza civile, pacifica e solidale. Si impegna per portare a
sociali e civiche
compimento
il lavoro iniziato, da solo o insieme ad altri.
Ha spirito di iniziativa ed è capace di produrre idee e progetti creativi.
Si assume le proprie responsabilità, chiede aiuto quando si trova in
Spirito di
difficoltà
iniziativa
e sa fornire aiuto a chi lo chiede. È disposto ad analizzare se
stesso e a misurarsi con le novità e gli imprevisti.
Riconosce ed apprezza le diverse identità, le tradizioni culturali e
religiose,
in un’ottica di dialogo e di rispetto reciproco.
Consapevolezza Si orienta nello spazio e nel tempo e interpreta i sistemi simbolici e
ed espressione culturali
culturale della società.
In relazione alle proprie potenzialità e al proprio talento si esprime
negli
ambiti che gli sono più congeniali: motori, artistici e musicali.
L’alunno/a ha inoltre mostrato significative competenze nello svolgimento di attivit{
scolastiche e/o extrascolastiche,
relativamente a:

2.3.5. Iniziative e progetti
Tenendo conto di quanto sia necessario e valido il completamento e
potenziamento delle attività curricolari, è stato deliberato dal Collegio dei docenti che gli
alunni della scuola secondaria di primo grado possano partecipare ai progetti indicati di
seguito, ai fini di ottimizzare la loro formazione culturale e migliorare il loro livello di
socializzazione
● Seminario sul metodo di studio organizzato dal Dipartimento di Psicopedagogia.
● Partecipazione ai Giochi sportivi studenteschi (CONI) nazionali ed internazionali.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 25
● Stesura e partecipazione alla rivista scolastica: Ciao.
● Progetto di educazione sessuale
● Settimana della lingua e la cultura: mostre ed attività culturali e ricreative
organizzate dal Dipartimento d’italiano e di lingue straniere della scuola.
● Partecipazione ai tornei di calcio, pallamano, atletica, scacchi organizzati dalla
Provincia di Cordoba.
● Prove di evacuazione per la prevenzione in caso di calamità naturali.
● Gite guidate a musei, mostre d’arte e scienze, organizzate dal Governo della
Provincia di Cordoba.
● Partecipazione a diversi festival di teatro organizzati da enti privati italiani ed
ufficiali della Provincia di Cordoba.

2.3.5.1. Attività extracurricolari
In orario extracurricolare la scuola secondaria di primo grado offre le seguenti
attività:
Sportive: Calcio – Nuoto – Pallamano – Pallavolo – Atletica – baseball.
Culturali: Coro - Laboratorio artistico – Scacchi - Laboratorio di scrittura -
Laboratorio di musica - Teatro - Corsi di Lingua e cultura italiana per docenti e
genitori dell’istituzione.

2.3.6. Rapporti scuola – famiglia
Il conseguimento dell’alto livello di preparazione, che costituisce una delle nostre
finalità, è raggiungibile solo in presenza di una proficua collaborazione tra scuola e
famiglia; pertanto la scuola ha cura di attivare tutti i canali che consentano un frequente
interscambio di informazioni con le famiglie e stimola il coinvolgimento dei genitori alla
vita scolastica, attraverso le seguenti modalità:
colloqui di ogni docente con le famiglie che ne facciano richiesta (ora di
ricevimento settimanale su appuntamento),
comunicazione alle famiglie dei risultati delle prove disciplinari, attraverso la
consegna a casa delle verifiche e la comunicazione delle valutazioni sul libretto
dello studente mensile
colloqui con le famiglie di ogni alunno, in sede di consegna delle schede di
valutazione quadrimestrale,
coinvolgimento attivo dei genitori nei Consigli di Classe, nelle attività della scuola
attraverso diverse commissioni e/o comitati: di mensa, sportivo, corsi di lingua per
i genitori, di educazione sessuale.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 26
comunicazione e convocazione delle famiglie degli alunni in difficoltà da parte
della Preside e/o del Consiglio di Classe.

2.4. Scuola secondaria di II grado
A partire dall’anno scolastico australe 2014, è entrata a regime la parità per la
Scuola Secondaria di II grado, anche se, già dall’A.S 2011, si era dato avvio al curricolo
integrato, che si inserisce con le seguenti equivalenze nel sistema scolastico argentino
della Provincia di Cordoba:

Secundario Argentino Scuola Sec. di II grado
3° año 1° Liceo
4° año 2° Liceo
5° año 3° liceo
6° año 4° liceo

Il quadro delle equivalenze tiene conto del decreto del 4 agosto 2010, emanato dal
M.A.E. secondo il quale (art.1) a decorrere dall’anno scolastico 2010/2011 tutti i licei
statali italiani all’estero hanno durata quadriennale.

2.4.1. Liceo Linguistico (ordinamento italiano) – curricolo integrato italiano-argentino
Il Piano dell'Offerta Formativa, per ciò che attiene alla sezione della Scuola
Secondaria di II grado, si ispira al D.P.R. 15 marzo 2010, n. 89 -Regolamento recante
revisione dell'assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei Licei- ed è coerente con il
profilo del Liceo Linguistico. Il riordino determinato dal Regolamento n. 89, si integra, in
questa sede, con le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà
locale.

2.4.2. Il progetto educativo
Il progetto didattico del Liceo prevede quattro anni di corso – come tutti i licei
italiani all’estero – così distribuiti:
un monoennio
un triennio
Il Liceo, in accordo con i dettami delle Carte costituzionali, si impegna a
promuovere la formazione alla legalità, alla cittadinanza responsabile ed alla mondialità, i
cui valori insistono sull’uguaglianza, il rispetto e la valorizzazione delle differenze, la
libert{ e il pluralismo, l’accoglienza e l’integrazione; lo sviluppo della persona e della

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 27
coscienza critica; la centralità dello studente, attuando strategie che favoriscano il
successo scolastico e la piena realizzazione del diritto allo studio.

2.4.3. Finalità specifiche della scuola secondaria di II grado
Il Liceo della Scuola Dante Alighieri di Cordoba, nel rispetto dei Documenti
Curriculari e delle Carte Costituzionali dei due governi ai quali fa riferimento, ritiene
fondamentale in ogni rapporto educativo:
garantire la libertà di espressione nel rispetto degli altri;
promuovere e valorizzare la pluralità in tutti i campi;
promuovere la crescita culturale;
rendere coscienti gli studenti sulla responsabilità personale della propria
formazione umana.
Il Liceo persegue inoltre le seguenti finalità espresse dal Regolamento recante
Revisione dell’assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei (art. 2 comma 2
D.P.R. 89 del 15 marzo 2010): “I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti
culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché egli si
ponga, con atteggiamento razionale, creativo, progettuale e critico, di fronte alle situazioni,
ai fenomeni e ai problemi, ed acquisisca conoscenze, abilità e competenze sia adeguate al
proseguimento degli studi di ordine superiore, all’inserimento nella vita sociale e nel mondo
del lavoro, sia coerenti con le capacità e le scelte personali”.
Il Liceo, articolato nell’ indirizzo di studio linguistico, pone al centro della sua
azione educativa la persona dello studente e si propone, pertanto, di sviluppare le seguenti
finalità educative:
Autonomia: la capacità di pensare e agire in maniera indipendente e critica
nell’ambito dello studio scolastico, nel processo di crescita personale e nel contesto
sociale e culturale.
Interesse: la capacità di mantenere vivi, nel percorso formativo, l’attenzione, la
curiosità e gli stimoli creativi verso la conoscenza esterna ed interiore.
Impegno: la capacità di accettare ed assumere la responsabilità verso lo studio, se
stessi e gli altri e, inoltre, di sfruttare appieno le proprie abilità, attitudini e
competenze.
Collaborazione: la capacità di partecipare alle attività scolastiche e alla vita sociale
con apporti personali seri, critici e produttivi e mediante comportamenti corretti e
rispettosi.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 28
Metodo di studio: la capacità di costruire, attraverso l’esperienza e le conoscenze
acquisite, strumenti pratici ed intellettuali volti ad affrontare con successo lo
studio scolastico e interagire correttamente con la realtà circostante.
Le suindicate finalità educative costituiscono i principi guida delle proposte
didattiche formulate annualmente dai Consigli di Classe e delle varie aree disciplinari nelle
riunioni di programmazione.

2.4.3.1 Obiettivi educativi
L’azione pedagogica, all’interno delle varie discipline e delle attivit{ formative
trasversali, è volta ad educare alla cittadinanza europea e mondiale, obiettivo che si
intende raggiungere tramite:
la conoscenza e la comprensione degli eventi passati e contemporanei, che possa
orientare nell’interpretazione della complessit{ del presente;
la riflessione sulla cultura, sulla comunicazione e sui fatti, che permetta la
costruzione di un’identit{ moderna e aperta alla innovazione e alla diversit{;
lo sviluppo della capacità di affrontare problemi e prospettare soluzioni, ma
soprattutto di progettare il proprio futuro e di essere autonomi;
la comprensione e l’assunzione personale dei valori della responsabilità e del
rispetto, verso se stessi, verso la comunità civile e l'ambiente.

2.4.3.2. Obiettivi generali delle aree disciplinari
2.4.3.2.1. Area linguistica:
Letteratura Italiana e Lingua Spagnola
Nello specifico linguistico:
Educare all’ascolto, alla lettura, alla scrittura nei diversi contesti e registri
linguistici.
Promuovere la conoscenza del testo letterario in prosa e in poesia e la sua analisi.
Acquisire consapevolezza dell’importanza della comunicazione nella vita sociale e
dell’uso della lingua nelle sue diverse funzioni.
Conoscere la derivazione dell’italiano e dello spagnolo dal latino e il concetto di
storicità della lingua.
Promuovere l’uso responsabile del dizionario e della correzione.
Rafforzare la competenza linguistica per una corretta gestione del periodo scritto e
orale.
Stimolare una presa di coscienza sulla lingua vista come un sistema dinamico.
Saper fruire dei linguaggi specifici.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 29
Nello specifico letterario:
Acquisire la consapevolezza delle specificità e complessità del fenomeno letterario
come espressione e prodotto compiuto, ma non unico di una civiltà (in
connessione quindi con altri prodotti artistici).
Conoscere i testi più rappresentativi delle letterature italiana e spagnola.
Attraverso la letteratura ed in particolare attraverso la lettura diretta dei testi
letterari, sviluppare la capacità di analisi, di riflessione autonoma sui testi, di
rielaborazione creativa e, infine, di contestualizzazione di autori e fenomeni
letterari.

2.4.3.2.2. Lingue straniere:
Inglese e Portoghese
Promuovere l’apprendimento e l’interiorizzazione delle lingue straniere.
Consolidare la coscienza linguistica affinché gli studenti usino le lingue straniere in
maniera adeguata a livello grammaticale, sintattico, morfologico e semantico.
Stimolare lo studio e l’analisi delle culture straniere con lo scopo di conoscere i
loro aspetti storici, sociali e culturali.
Promuovere, tramite lo studio delle lingue straniere, la formazione di una
comunità pluriculturale in cui s’integrino armoniosamente persone dagli ampi
orizzonti, che possano comprendere ed arricchire con altre prospettive tanto la
cultura italiana quanto quella argentina.
Attraverso lo studio delle lingue e delle culture straniere, rafforzare negli studenti
la costruzione della propria identità culturale e stimolare il rispetto verso i diversi
modi di pensare e di esprimersi.

2.4.3.2.3. Area storico-sociale:
Storia e Geografia
Ricostruire la complessit{ del fatto storico attraverso l’individuazione di
interconnessioni, di rapporti tra particolare e generale, tra soggetti e contesti.
Consolidare l’attitudine a problematizzare, a formulare domande, a riferirsi a
tempi e spazi diversi, ad ampliare il campo delle prospettive, ad inserire in scala
diacronica le conoscenze acquisite in altre aree disciplinari.
Riconoscere e valutare gli usi sociali e politici della storia e della memoria
collettiva.
Scoprire la dimensione storica del presente.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 30
Affinare la sensibilità alle differenze, con particolare riferimento alla realtà
biculturale della scuola.
Acquisire consapevolezza che la fiducia d’intervento nel presente è connessa alla
capacità di problematizzare il passato.
Saper orientarsi criticamente dinanzi alle principali forme di rappresentazione
cartografica, nei suoi diversi aspetti geografico - fisici e geopolitici.
Acquisire un’adeguata consapevolezza delle complesse relazioni che intercorrono
tra le condizioni ambientali, le caratteristiche socio-economiche e culturali e gli
assetti demografici di un territorio.
Saper descrivere e inquadrare nello spazio i problemi del mondo attuale, mettendo
in relazione le ragioni storiche di “lunga durata”, i processi di trasformazione, le
condizioni morfologiche e climatiche, la distribuzione delle risorse, gli aspetti
economici e demografici delle diverse realtà in chiave multisecolare.
Filosofia
Stimolare l’attitudine a problematizzare conoscenze, idee e credenze, mediante il
riconoscimento della loro storicità.
Favorire la maturazione di soggetti consapevoli delle loro autonomia e del loro
situarsi in una pluralità di rapporti naturali ed umani, implicante una nuova
responsabilità verso se stessi, la natura e la società.
Sviluppare la capacità di esercitare la riflessione critica sulle diverse forme del
sapere, sulle loro condizioni di possibilità e sul loro senso, cioè sul loro rapporto
con la totalit{ dell’esperienza umana.
Fomentare l’esercizio del controllo del discorso, attraverso l’uso di strategie
argomentative e di procedure logiche.
Sviluppare la capacità di pensare per modelli diversi e di individuare alternative
possibili, anche in rapporto alla richiesta di flessibilità nel pensare, che nasce dalla
rapidità delle attuali trasformazioni scientifiche e tecnologiche.
Fomentare la presa di coscienza dei problemi connessi alle scelte di studio, di
lavoro e di vita a l’approccio ad essi di tipo storico- critico- problematico.

2.4.3.2.4. Area scientifica:
Matematica, Fisica, Biologia, Chimica, Scienze della Terra
Lo scopo primario ed ultimo dell’intera area scientifica sta nell’indurre gli studenti
alla costruzione critica e autonoma delle proprie conoscenze all’interno del metodo
scientifico, stimolando l’uso della creatività come strumento dinamico nell'acquisizione e
nell'elaborazione dei concetti proposti, attraverso i seguenti obiettivi:

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 31
Far comprendere i procedimenti caratteristici dell’indagine scientifica, il continuo
rapporto tra costruzione teorica ed attività sperimentale, la potenzialità ed i limiti
delle conoscenze scientifiche.
Sviluppare negli studenti l’uso rigoroso del linguaggio scientifico specifico.
Rendere gli studenti capaci di reperire ed utilizzare, in modo il più possibile
autonomo e finalizzato, le informazioni e di comunicarle in forma chiara e logica.
Rendere gli studenti capaci di saper inquadrare le varie teorie matematiche
studiate nel contesto storico entro cui si sono sviluppate e comprendere il
significato concettuale.
Acquisire una visione storico-critica dei rapporti tra le tematiche principali del
pensiero matematico e il contesto filosofico, scientifico e tecnologico.
Portare gli studenti a porsi domande significative e ricercarne le risposte.
Sviluppare l’abitudine al rispetto dei fenomeni.
Rendere gli studenti capaci di saper effettuare connessioni logiche, di riconoscere o
stabilire relazioni, classificare, formulare ipotesi in base ai dati forniti, trarre
conclusioni basate sui risultati ottenuti e sulle ipotesi verificate, di risolvere
situazioni problematiche utilizzando linguaggi specifici, di applicare le conoscenze
acquisite a situazioni della vita reale, anche per porsi in modo critico e consapevole
di fronte ai problemi di attualità di carattere scientifico e tecnologico della società
moderna.

2.4.3.2.5. Area artistica:
Disegno, Storia dell’Arte
Sviluppare la capacità di conoscere e comprendere il passato, nelle sue molteplici
relazioni, da un punto di vista estetico, per favorire nuove visioni, relazioni e
proiezioni con l’ambiente circostante.
Acquisire confidenza con i linguaggi specifici delle diverse espressioni artistiche ed
essere capace di coglierne e apprezzarne i valori estetici.

2.4.3.2.6. Area di Educazione Motoria e Sportiva:
Migliorare il lavoro di gruppo con il rispetto delle regole di convivenza e le regole
specifiche di ogni attività sportiva.
Sviluppare le qualità fisiche di base (velocità, resistenza, forza, coordinazione,
equilibrio) facendo anche riferimento alla struttura del corpo umano (apparati:
scheletrico, articolare, cardiocircolatorio, respiratorio, nervoso. muscolare)

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 32
Fomentare l’abitudine all’attivit{ fisica e sportiva considerandola parte della vita
quotidiana che può aiutare l’allievo ad allontanarlo da abitudini poco salutari
(sedentarietà, fumo, alcool, droga).
Migliorare le qualità fisiche e sportive degli allievi.
Offrire tempi e spazi per poter conoscere e praticare alcune attività sportive, con
l’obiettivo di apprendere e migliorare le tecniche individuali e di squadra,
rispettando le regole di gruppo e quelle specifiche dello sport in programma.

2.4.4 Il Curriculum
Sulla base della riforma dei nuovi licei, l’Istituto ha costruito la sua identit{
formativa su un impianto linguistico e interculturale. Il Liceo conforma il suo percorso
secondo il piano di studi allegato al decreto ministeriale 4 agosto 2010 e si attiene alle
Indicazioni nazionali in merito agli obiettivi specifici di apprendimento.
L’Indirizzo Linguistico fornisce non solo una formazione umanistica, attraverso lo
studio di Italiano, Storia e Geografia, Filosofia, Storia dell’Arte, di tre Lingue straniere e
delle relative letterature, ma anche scientifica, grazie allo studio della Matematica, della
Fisica e delle Scienze.
Si tratta quindi di un curriculum che attiva competenze culturali finalizzate alla
formazione universitaria in ambito linguistico-letterario, della comunicazione, della
formazione, senza trascurare la possibilità di accedere a studi di ambito scientifico.
Nello specifico, le lingue moderne sono studiate non solo nella loro dimensione
culturale peculiare, ma soprattutto come mezzo di espressione e comunicazione per
allargare l’esperienza degli studenti in un’ottica multiculturale. “Il percorso del liceo
linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. Guida lo studente ad
approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità, a maturare le competenze necessarie
per acquisire la padronanza comunicativa di tre lingue, oltre l’italiano e per comprendere
criticamente l’identità storica e culturale di tradizioni e civiltà diverse” (art. 6 comma 1del
Regolamento del 15 marzo 2010).

2.4.5. Profilo dell’alunno indirizzo linguistico-umanistico – Competenze specifiche
La fisionomia formativa del discente, al termine degli studi, risulterà quella di una
persona consapevole della propria identità culturale, curiosa nei riguardi di altre culture e
disponibile a confrontarsi con esse.
In particolare, alla fine del corso di studi, gli studenti devono essere in grado di:
Comunicare in modo efficace in tre lingue straniere, utilizzando registri diversi;

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 33
operare comparazioni tra le lingue che hanno studiato, considerando differenti
aspetti quali la morfologia, la sintassi, il lessico, la fonetica;
riflettere in modo critico sui fenomeni culturali mostrando sensibilità nei confronti
degli usi e funzioni della lingua in ambiti e contesti diversi;
operare collegamenti e confronti tra le varie lingue, cogliendone somiglianze e
differenze a vari livelli;
interagire con parlanti nativi e non;
avere accesso ai sistemi culturali dei relativi paesi, conoscendone i tratti
significativi della vita quotidiana, delle istituzioni, della produzione letteraria,
anche se in misura variabile a seconda delle varie lingue;
cogliere il valore delle culture europee e non europee. Tale competenza sarà
sviluppata mediante l’analisi testuale (di genere vario: letterario, artistico, storico,
scientifico) e mediante esperienze quali gli scambi culturali e progetti in
partenariato con scuole straniere, i viaggi di istruzione e i soggiorni linguistici
all’estero;
avvalersi, nel corso di studi universitari e in ambiente di lavoro, delle competenze
acquisite.
possedere una formazione con un alto livello di competenze linguistiche, di uso dei
mezzi multimediali e di strumenti cognitivi - operativi (capacità di analisi, di
sintesi, di elaborazione di materiale nuovo e di autonoma organizzazione
concettuale) per poter interagire, in modo libero, autonomo, critico e responsabile,
nelle varie situazioni che presenta la realtà contemporanea;
evidenziare una preparazione propedeutica agli studi universitari con
specialistiche competenze linguistiche di ricezione, di interazione, di produzione
orale e scritta in ambiti e contesti d’uso differenziati e con le conoscenze ed abilità
necessarie per esercitare le future professioni con autonomia di pensiero, capacità
di progettazione e creatività;
possedere conoscenze scientifiche adeguate, alla luce della necessità di un´
equilibrata misura tra ambito umanistico e scientifico;
possedere una formazione globale consapevole del complesso rapporto di
continuità tra innovazione e passato;
mostrare una preparazione complessiva che permetta una discreta capacità di
interazione e di collaborazione con l’accettazione della diversità, anche di genere e
di adattamento attivo ad un contesto estremamente dinamico come quello odierno.

2.4.6. Esame di Stato Conclusivo del Secondo Ciclo di Istruzione

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 34
È la tappa conclusiva della Scuola Secondaria di II grado e ha come fine l’analisi
della preparazione di ciascun candidato in relazione agli obiettivi generali e specifici
propri dell’indirizzo di studio. L’esame di Stato prevede due prove scritte ed un colloquio.
In relazione al profilo educativo, culturale e professionale specifico di ogni
indirizzo di studi, l'esame di Stato tiene conto anche della partecipazione alle attività di
alternanza scuola-lavoro, dello sviluppo delle competenze digitali e del percorso dello
studente di cui all'articolo 1, comma 28, della legge 13 luglio 2015 n. 107.
L'esame di Stato tiene altresì conto delle attività svolte nell'ambito di «Cittadinanza
e Costituzione», fermo quanto previsto all'articolo 1 del decreto-legge 1° settembre 2008,
n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169.
L’Esame di Stato prevede due prove a carattere nazionale e un colloquio.
La prima prova scritta, predisposta dal Ministero degli Affari Esteri e della
Cooperazione Internazionale (d’intesa, per le Scuole Italiane all’Estero, con il Ministero
dell’Istruzione, Universit{ e Ricerca), si propone l’accertamento della padronanza della
lingua italiana e degli strumenti di analisi testuale, nonché le capacità espressive, logico-
linguistiche e critiche del candidato. Essa consiste nella redazione di un elaborato con
differenti tipologie testuali in ambito artistico, letterario, filosofico, scientifico, storico,
sociale, economico e tecnologico. La prova può essere strutturata in più parti, anche per
consentire la verifica di competenze diverse, in particolare della comprensione degli
aspetti linguistici, espressivi e logico-argomentativi, oltre che della riflessione critica da
parte del candidato.
La seconda prova scritta, anch’essa predisposta dai suddetti Ministeri, ha per
oggetto una o più discipline caratterizzanti il corso di studio ed è intesa ad accertare le
conoscenze, le abilità e le competenze attese dal profilo educativo culturale e professionale
della studentessa o dello studente dello specifico indirizzo.
Il colloquio verte sulle materie dell’ultimo anno di corso ed ha carattere
pluridisciplinare. Ha la finalità di accertare il conseguimento del profilo culturale,
educativo e professionale della studentessa o dello studente. A tal fine la commissione,
tenendo conto anche di quanto previsto dall'articolo 1, comma 30, della legge 13 luglio
2015, n. 107, propone al candidato di analizzare testi, documenti, esperienze, progetti,
problemi per verificare l'acquisizione dei contenuti e dei metodi propri delle singole
discipline, la capacità di utilizzare le conoscenze acquisite e di collegarle per argomentare
in maniera critica e personale anche utilizzando la lingua straniera. Nell'ambito del
colloquio il candidato espone, mediante una breve relazione e/o un elaborato
multimediale, l'esperienza di alternanza scuola-lavoro svolta nel percorso di studi.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 35
A conclusione dell’esame di Stato, a ciascun candidato è attribuito un voto finale
complessivo espresso in centesimi, che è il risultato della somma del punteggio assegnato
dalla commissione d’esame alle prove scritte e al colloquio e del punteggio relativi al
credito scolastico acquisito da ciascun candidato per un massimo di quaranta punti.

2.4.7. Sussidi didattici
Ispirati soprattutto dall’attenzione ai “saperi”, all’”interazione” e allo “scambio”
sottesi all’impegno interculturale della scuola, i diversi Consigli di Classe, a livello
collegiale, hanno proposto l'educazione alla lettura di testi narrativi in Italiano,
coinvolgendo in una linea di continuità tutte le classi.
Oltre a questo, si considera pure rilevante la preparazione di materiale ad hoc da
parte di ogni insegnante (dispense, schede, sussidiari, presentazione in power point) ed
uso di mezzi audiovisivi quali, CD, CD ROM, diapositive, fotografie, affinché agli alunni
risulti più accessibile la comprensione del materiale di studio.

2.4.8. Interventi programmati
Recupero: Gli interventi di recupero verranno effettuati nelle ore curricolari di
ogni disciplina, in cui saranno organizzate attivit{ individualizzate; nell’ambito
delle attività di laboratorio, in cui la classe potrà più facilmente essere divisa in
gruppi, per il recupero di abilit{ trasversali, come l’ascolto e l’osservazione.
Potenziamento: Gli interventi di potenziamento verranno effettuati nell’ambito
delle uscite e visite di istruzione programmate dal Consiglio; e nell’ambito di tutte
le attivit{ di laboratorio inserite nell’orario, in particolare: scienze naturali ed
informatica.

2.4.9. Iniziative e progetti
Tenendo conto quanto sia necessario e valido il completamento e potenziamento delle
attività curricolari, è stato deliberato dal Collegio dei docenti che gli alunni della scuola
secondaria di II grado possano partecipare ai progetti indicati di seguito, ai fini di
ottimizzare la loro formazione culturale e migliorare il loro livello di socializzazione:
Seminario sul metodo di studio organizzato dal Dipartimento di Psicopedagogia.
Partecipazione ai Giochi sportivi studenteschi (CONI) nazionali ed internazionali.
Redazione della rivista della scuola: Ciao.
Progetto di educazione sessuale
Settimana della lingua e la cultura: mostre ed attività culturali e ricreative
organizzate dal Dipartimento d’italiano e di lingue straniere della scuola.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 36
Partecipazione ai tornei di calcio, pallamano, atletica, scacchi organizzati dalla
Provincia di Cordoba.
Prove di evacuazione per la prevenzione in caso di calamità naturali.
Gite guidate a musei, mostre d’arte e scienze, organizzate dal Governo della
Provincia di Cordoba.
Partecipazione a diversi festival di teatro organizzati da enti privati italiani ed
ufficiali della Provincia di Cordoba.
Olimpiadi di storia per gli studenti e le studentesse della Scuola Secondaria di
Secondo Grado.
Certamen Formando Emprendedores, giornate di interscambio didattico in ambito
economico-amministrativo fra studenti delle diverse scuole di Córdoba.

2.4.9.1. Attività extracurricolari
In orario extracurricolare, il Liceo offre le seguenti attività:
Sportive: Calcio – Nuoto – Pallamano – Pallavolo – Atletica – Baseball
Culturali: Coro - Laboratorio artistico – Scacchi - Laboratorio di scrittura -
Laboratorio di musica - Teatro - Corsi di Lingua e cultura italiana per docenti e genitori
dell’istituzione.

Qualità della didattica

La lingua italiana assume un ruolo fondamentale nella formazione degli studenti
della Scuola Dante Alighieri. Frequentare questa scuola implica infatti far parte di un
contesto di apprendimento formale caratterizzato dalla costante attenzione verso la
diversit{ e la pluralit{ linguistica e culturale, a cominciare dall’italiano in quanto lingua e
dall’italianit{ in quanto cultura.
Il progetto paritario prevede, inoltre, che lo studente raggiunga alti livelli di
competenza culturale e pluridisciplinare sia in lingua spagnola che in lingua italiana
(lingua di istruzione per i diversi insegnamenti), nonché provate competenze tecnologiche
applicate alla ricerca e gestione delle informazioni.
Da queste doverose premesse, prendono spunto e motivazione le molteplici
tecniche e metodologie didattiche che stanno alla base della prassi quotidiana e che
regolano l’intera offerta formativa della Scuola.
Per quanto riguarda l’insegnamento della lingua italiana e delle materie
umanistiche, l’approccio integrato e l’educazione alla comprensione e alla produzione
linguistica fungono da cardine per lo sviluppo di competenze linguistiche e culturali in

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 37
lingua italiana. Al momento di far lezione, però, confluiscono diverse tecniche ed approcci
glottodidattici, anche di stampo laboratoriale, che consentono il continuo aggiornamento
sia da parte degli insegnanti che da parte degli studenti e delle studentesse.
Le conoscenze e le competenze nelle diverse discipline e la capacità di esprimersi
in lingua italiana costituiscono un intreccio che rende complesso il processo di
apprendimento, per cui diventa necessaria la messa in pratica di altre teorie, metodi e
approcci che arricchiscono le modalità di lavoro e le proposte didattiche. In particolare,
l’approccio CLIL (content and language integrated learning) per le diverse discipline di
ogni ambito (siano umanistico che matematico o scientifico) rappresenta un supporto
validissimo per lo sviluppo dei contenuti e per l’arricchimento tanto disciplinare quanto
lessicale e specialistico. Altri elementi alla base della prassi didattica nelle diverse
discipline sono il metodo esperimentale, l’apprendimento attraverso mezzi virtuali e le
proposte mirate allo sviluppo della comprensione e produzione di testi di diverso tipo e
ambito.
Uno degli aspetti chiave per migliorare gli esiti di apprendimento degli studenti è
intervenire sulle modalità di insegnamento, motivo per cui non va assolutamente
trascurato l’aspetto tecnologico e l’importanza delle risorse a disposizione nella Scuola
messe al servizio dell’apprendimento. A questo proposito, gli insegnanti si impegnano ad
essere aggiornati delle modalit{ di lavoro “con” e “su” le tecnologie, nonché a proporre
proposte che tengano conto delle nuove forme di approccio ai contenuti e ai testi, in modo
multidimensionale e puntando sullo sviluppo della cosiddetta cittadinanza digitale.
L’apprendimento cooperativo, le nozioni e contributi della lezione capovolta,
l’assegnazione di ruoli di responsabilit{ e il lavoro mirante la didattica inclusiva sono altri
elementi di grande rilevanza che vanno a intrecciarsi con le metodologie didattiche in atto.
Attraverso quest’inquadramento di riferimento per l’insegnamento della lingua
italiana e delle diverse discipline, ci si propone di ripensare la mediazione didattica e di
sviluppare percorsi innovativi, che mettano al centro del processo l’allievo stesso ai fini di
coinvolgerlo in modo attivo.
Le attività e i progetti scolastici verranno affiancati da proposte di orientamento e
di accesso al lavoro quotidiano attraverso modalità idonee a sostenere anche le eventuali
difficoltà e problematiche degli studenti e delle studentesse, puntando dunque sulla
didattica individualizzata e personalizzata. Le attività di recupero, rinforzo e
potenziamento (spiegate in precedenza e differenziate per gradi di istruzione) ne sono un
chiaro esempio e costituiscono un traguardo nella prassi didattica nella nostra scuola.

Ambiente di apprendimento

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 38
4.1. Edilizia scolastica e contesto fisico dell’Istituto
La Scuola Paritaria Dante Alighieri, situata in via José Javier Díaz 481, nel quartiere
Iponá, vicino al centro della città e nei pressi della zona universitaria, dispone, fra le sue
diverse risorse fisiche, di un vasto edificio proprio in cui si svolgono la maggior parte delle
attività didattiche, fatta eccezione per il campo sportivo, situato a pochi metri dal plesso,
sempre nello stesso quartiere. Data la sua collocazione strategica, la scuola serve un vasto
bacino d’utenza ubicato nella zona sud di Córdoba.
Il bacino d’utenza della scuola è molto ampio, in quanto gli studenti provengono
non solo dal quartiere Iponá, in cui è ubicata la scuola, ma anche da altre parti della città.
Negli anni la scuola è divenuta uno spazio di grandi dimensioni. L’edificio, costruito
nel 2001, è disposto su tre piani (pianoterra e due piani); è infatti dotato di grandi spazi
coperti e all’aperto. La struttura è composta da un atrio-salone, una vasta mensa con
cucina in cui sono elaborati quotidianamente i pasti, un laboratorio di scienze, tre
laboratori mobili d’informatica, comprendenti 90 personal computer (netbook), 20
lavagne interattive, 5 proiettori, impostazione wifi in tutta la scuola, una biblioteca dotata
di 10.750 volumi cartacei, 375 volumi digitalizzati e 2 computer, un’aula per arte e 3 spazi
comuni (SUM) con proiettori. Per l’area sportiva, la scuola è dotata di una grande palestra
con pavimento di parquet, con 2 spogliatoi comprendenti 5 docce ciascuno. A 200 metri
funziona il campo sportivo dove si realizzano altre attività sportive quali calcio e nuoto.
Locali adeguati sono adibiti a infermeria, un servizio di psicopedagogia, cartoleria e
vendita di divise della scuola.
La scuola dell’infanzia è provvista di 6 aule, con 2 bagni e lavandini privati
ciascuna. Possiede anche cortile proprio. La scuola primaria è provvista di 15 aule, 10
servizi. La scuola secondaria è provvista di 24 aule e 14 servizi.
È disponibile un altro spazio con diverse sezioni che funzionano come aule per
attività specifiche della scuola e per i corsi per adulti (genitori e docenti della scuola).

4.2. Ambiente d’apprendimento: profilo degli studenti e contesti di appartenenza
La scuola è un punto di riferimento essenziale per la comunità italiana presente in
città, ma anche per quella comunità argentina che ha sempre dimostrato profondo
interesse ed ammirazione per il patrimonio culturale italiano, nei suoi vari aspetti. È
l’unica scuola Paritaria della Provincia di Córdoba.
Gli alunni appartengono in genere a famiglie di classe media o medio - alta; nella
maggior parte dei casi i genitori hanno un livello di istruzione medio - superiore e spesso
universitario. Per la quasi totalità degli alunni la lingua madre è lo spagnolo: la

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 39
percentuale dei discendenti di italiani è di circa il 70%, ma in genere si tratta di italiani di
terza generazione. Le famiglie italiane che si trasferiscono a Córdoba inseriscono i loro
figli presso la scuola. La maggior parte degli studenti frequenta la scuola sin dalla scuola
dell’infanzia. Tra le motivazioni che spingono i genitori argentini a scegliere la nostra
scuola, per i propri figli, c’è la consapevolezza dei vantaggi che l’educazione bilingue
biculturale sviluppa il concetto di “formazione globale”, di “metodo di studio”, di “metodo
d’indagine”, tutti elementi sottesi all’offerta formativa che arricchisce il nostro curricolo.
L’apertura culturale che offre un’educazione bilingue porta molte famiglie a considerare la
nostra scuola come punto di riferimento della citt{. Inoltre, l’Istituto tende allo sviluppo
della loro personalità critica e dei loro valori umani, nel rispetto della diversità culturale e
dello sviluppo di atteggiamenti e competenze miranti la multiculturalità a tutti gli effetti.
La lingua e la cultura italiana godono in Argentina di un forte prestigio ed attorno
ad esse c’è, da sempre, grande attenzione, grazie a un interesse crescente, da parte dei
numerosi immigrati di origine italiana, che hanno alimentato i legami linguistico - culturali
con l’Italia.
Gli argentini ammirano l’italiano come “lingua di cultura” che, al di l{ di fini
meramente pratici, contribuisce alla costruzione di una “forma mentis” sulla quale,
successivamente, inserire ulteriori apprendimenti ed esperienze. L’interesse per la nostra
istituzione scolastica è dimostrato dal numero delle iscrizioni di alunni, che è stato sempre
crescente.
La scuola ha stabilito rapporti continuativi di collaborazione con istituzioni italiane
ed argentine quali l’Istituto Italiano di Cultura, la Comunit{ Italiana, le Organizzazioni non
Governative e governative locali e italiane presenti sul territorio. Si è curata anche la
proiezione dell’Istituto Scolastico verso il territorio, con attivit{ culturali, sportive e
spettacoli che hanno richiamato un numeroso pubblico, e l’apertura della scuola verso le
problematiche sociali, ambientali, politiche ed economiche.
I nostri allievi si aspettano un insegnamento qualificato, secondo le più moderne
metodologie, in cui esista integrazione dei sistemi scolastici italiano e argentino, sotto il
profilo didattico dei programmi, della valutazione e della metodologia. Si conta, per
soddisfare queste aspettative, su un personale docente qualificato e motivato ad
aggiornarsi.

Valutazione

5.1. Principi che regolano la valutazione

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 40
La valutazione riguarda l’intero progetto educativo. Ha il compito di interpretare le
misure, di attribuire loro dei significati presupponendo uno o più criteri valutabili, i quali
permetteranno di esprimere il giudizio valutativo, coinvolgendo dati oggettivi con fattori
che possono includere aspetti sociologici e psicologici del discente.
In questo senso la valutazione è un’operazione soggettiva che fa tesoro di dati
oggettivi soggettivizzandoli nell’atto del giudizio valutativo. Consente, perciò una
revisione costante e continua del progetto curricolare, tramite le interpretazioni delle
informazioni che provengono dagli alunni costituendo indici di modificazione delle
modalità di conduzione di quanto si sia svolto e a sua volta, rendendo il discente conscio
dei propri errori e lo aiuta a riflettere sui suoi processi d’ apprendimento.
Nella valutazione l’approccio psicologico è altamente tenuto conto, dato che
l’allievo deve essere valorizzato perciò che sa fare, per le sue potenzialit{ e per i
componenti multifattoriali dell’intelligenza messi in atto.
Quindi non basta la valutazione come strumento che rispecchi soltanto quanto e
come si sia appreso. Per garantire la sua autenticità gli alunni sono messi a contatto con un
apprendimento genuino, fondato su una comprensione profonda che racchiude certe
abilità quali: spiegare idee e concetti, comprendere, applicare, interpretare e avere
consapevolezza del proprio modo di pensare, di elaborare e di affrontare le nuove sfide e
conoscenze in modo articolato.

5.2. Tipologie di Valutazione
La valutazione degli alunni viene effettuata in diversi momenti: all’inizio dell’anno,
con la somministrazione di test d’ingresso, per accertare il possesso dei prerequisiti
trasversali (prove di competenza linguistica, di conoscenze previe di ogni disciplina, di
procedure ed atteggiamenti). I dati ricavati dalla valutazione di diagnostico serviranno
come base per elaborare le programmazioni e gli obiettivi trasversali
Periodicamente saranno proposte anche delle verifiche scritte e orali per rilevare
la preparazione acquisita dai singoli alunni (valutazione di processo).
Le prove, diversificate e adeguate alla specificità delle varie discipline, saranno
costituite da: prove oggettive e non oggettive; questionari; composizioni; problem solving,
relazioni; traduzioni; disegni e prove grafiche; prove di tipo psico-motorio; prove di
carattere artistico, prove finali come sintesi del processo di apprendimento (valutazione
sommativa).

5.3. Operazioni di scrutinio

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 41
L’équipe, nella fase di valutazione di ogni trimestre, sarà presieduta dal Preside o
dal docente coordinatore che avrà anche il compito di sottoscrivere, a nome e per conto
dell’intero gruppo la nota informativa e si rende garante della correttezza formale della
procedura valutativa nella sua fase finale (presenza dei docenti al momento della
valutazione e collegialità della valutazione).
La partecipazione alle operazioni di scrutinio è un obbligo di servizio per tutti i
docenti dell’équipe ed è prioritaria rispetto ad ogni altro impegno istituzionale. Le assenze
dovranno essere giustificate con un documento valido ed è compito del Dirigente
Scolastico nominare un sostituto per coprire l'eventuale assenza di un docente.
Per la valutazione delle discipline verranno utilizzati i voti in decimi. Il giorno dello
scrutinio i docenti non solo daranno il loro parere in base alla griglia contenente i criteri di
valutazione legati alla condotta, ma valuteranno inoltre la possibilità di adeguare le
decisioni o riformularle totalmente in presenza di situazioni specifiche.
Il voto per ogni disciplina insieme alla valutazione (voto o giudizio, a seconda del
grado di istruzione) di condotta saranno elementi indispensabili per arrivare al giudizio
globale di ogni alunno.

5.4. Valutazione nella Scuola Primaria
Se valutare vuol dire "prendere coscienza dei percorsi" è importante saper
coinvolgere in questo processo tutti i soggetti protagonisti dell’azione formativa: alunni,
docenti, genitori. La programmazione collegiale dei docenti, in orizzontale e in verticale,
scandita settimanalmente, sintonizzata con il dialogo, l’osservazione, le mappe prodotte
dagli alunni e i riferimenti del piano di lavoro annuale presentato ai genitori è il primo
importante momento del processo valutativo. Ad essa si affiancano l’osservazione e
l’autovalutazione individuale e collegiale dei soggetti interni al percorso, attraverso
modalità partecipative e consapevoli attivate anche da momenti di socializzazione delle
conoscenze, di valutazione e strumenti.
La valutazione accompagna i processi di insegnamento/apprendimento e consente
un costante adeguamento della programmazione didattica in quanto permette ai docenti
di:
offrire a ogni alunno la possibilità di aiuto per favorire il superamento delle difficoltà
che si presentano in itinere;
predisporre collegialmente piani individualizzati per i soggetti in situazione
d’insuccesso.

5.4.1. Criteri di valutazione per la scuola primaria

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 42
Gli alunni saranno valutati dall’insegnante unico di riferimento o collegialmente
dai docenti contitolari della classe.
La valutazione terrà conto del livello di conoscenza e del rendimento scolastico
complessivo degli alunni nelle singole materie.
La valutazione nelle singole materie sarà espressa in voti numerici, prendendo
in considerazione gli indicatori e i giudizi stabiliti dal Collegio dei Docenti ed
esplicitati nelle griglie di valutazione, allegate al presente P.T.O.F.
Il voto di condotta sarà espresso attraverso un giudizio del docente o dei
docenti contitolari.
I voti numerici attribuiti, nella valutazione periodica e finale, sono riportati anche
in lettere nei documenti di valutazione degli alunni.

5.4.2. Valutazione degli alunni con disabilità
Per la valutazione degli alunni con disabilità si dovrà tener conto, oltre che del
comportamento, anche delle discipline e delle attività svolte sulla base del piano educativo
individualizzato. Inoltre, si prevede, per gli alunni disabili, la predisposizione di prove di
esame differenziate, corrispondenti agli insegnamenti impartiti e idonei a valutare il
progresso dell’alunno in rapporto alle sue potenzialit{ e ai livelli di apprendimento iniziali.

5.4.3. Valutazione degli alunni con difficoltà specifica di apprendimento-DSA
Per gli alunni in situazione di difficoltà specifica di apprendimento debitamente
certificate per la prima volta viene dettata una disciplina organica, con la quale si prevede
che, in sede di svolgimento delle attività didattiche, siano attivate adeguate misure
dispensative e compensative e che la relativa valutazione sia effettuata tenendo conto
delle particolari situazioni ed esigenze personali degli alunni.

5.4.4. Scheda di valutazione
La valutazione degli alunni è resa nota ai genitori attraverso una pagella con voti
parziali ogni due mesi e anche in forma trimestrali con i voti definitivi.
La scheda di valutazione trimestrale è composta da:
una parte relativa all’apprendimento delle singole materie (Lingua Italiana, Lingua
Spagnola, Matematica, Scienze, Storia-Geografia italiana, Studi Sociali argentina,
Musica, Arte e immagine, Corpo Movimento Sport, Inglese).
una seconda parte, relativa a un giudizio sintetico sul comportamento, il quale
verrà espresso secondo gli indicatori stabiliti dal Collegio dei Docenti e specificato
nelle griglie di valutazione del comportamento, allegate al presente P.T.O.F.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 43
5.4.5. Scheda di valutazione del comportamento della Scuola Primaria
La valutazione relativa al comportamento sarà espressa con un giudizio sintetico che
trarrà i suoi criteri esplicitati nella scheda di seguito proposta, approvata dal Collegio dei
docenti.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 44
Descrittori
Criteri di Raggiungimento Raggiungimento Scarso
Pieno raggiungimento Raggiungimento degli
relativo degli obiettivi sufficiente degli raggiungimento degli
valutazione degli obiettivi socio- obiettivi socio-
socio- obiettivi socio- obiettivi socio-
comportamentali comportamentali
comportamentali comportamentali comportamentali
Fatica ad accettare le
Riconosce le regole
Osserva le regole date Rispetta in modo Generalmente regole della
Rispetto delle della comunità ma
e condivise con consapevole le regole rispetta le regole comunità e le rispetta
regole mostra fatica a
consapevolezza. condivise. condivise. solo se guidato
rispettarle.
dall’adulto.
Collabora
Collabora in modo Generalmente
positivamente e Partecipa alle attività Collabora solo in
positivo, seguendo gli collabora con i
partecipa sempre in solo se sollecitato e situazione di
accordi condivisi e compagni e partecipa
maniera attiva alla collabora in modo interesse personale e
partecipa in maniera alle attività in modo
Partecipazione vita della classe, generalmente partecipa in modo
attiva e propositiva positivo, anche se si
contribuendo in modo positivo, pur episodico con
alla vita della classe e limita all’ esecuzione
determinante al limitandosi a seguire contributi poco
alle attività di quanto concordato
raggiungimento degli gli accordi comuni. pertinenti.
scolastiche. nel gruppo di lavoro.
obiettivi comuni.
Rispetta i ruoli altrui,
ascolta i diversi punti Rispetta Non riesce ancora a
Conosce e rispetta Non sempre rispetta i
di vista e li utilizza saltuariamente i socializzare senza
Socializzazione sempre i diversi punti diversi punti di vista e
per arricchire le diversi punti di vista e l’intervento
di vista e i ruoli altrui. i ruoli altrui.
proprie conoscenze e i ruoli altrui. dell’adulto.
opinioni.
Assume e porta a
termine con
Supportato da Non sempre porta a
Responsabilità autonomia e Assume gli impegni Assume semplici
indicazioni, assume e termine i compiti
e responsabilità i affidati e li porta a incarichi ma solo se
porta a termine richiesti affidati e
organizzazione compiti affidati, termine con sollecitato li porta a
incarichi e ruoli di l’esecuzione deve
del lavoro portando anche un responsabilità. termine.
responsabilità. essere controllata.
contributo di
miglioramento.
Manifesta capacità
Interesse e Manifesta capacità
argomentative In occasioni è riuscito
sviluppo del argomentative Non riesce ancora ad argomentare le proprie
generando nuove ad argomentare le
pensiero generando nuove opinioni.
proposte originali e proprie proposte.
critico proposte.
creative.

5.5. Verifica e valutazione nella Scuola Secondaria di Primo Grado
5.5.1. Gli esiti
La valutazione verificherà se e quali obiettivi sono stati raggiunti e sarà strutturata,
in ottemperanza alla normativa vigente, sulla base dell’espressione di un voto numerico
per ciascuna disciplina, accompagnata da un giudizio globale che metterà in evidenza,
secondo parametri concordati collegialmente, la preparazione iniziale, e la socializzazione,
l'attenzione e la partecipazione, l'impegno, il metodo di studio, i progressi effettuati, e il
grado di raggiungimento degli obiettivi.
La valutazione degli alunni viene comunicata in diversi momenti:
In itinere attraverso osservazioni sistematiche relative al conseguimento degli
obiettivi educativi e la somministrazione di verifiche disciplinari scritte e orali i cui
esiti vengono comunicati alle famiglie tramite il libretto dello studente;
a luglio i genitori degli alunni che evidenziano difficoltà specifiche verranno
convocati dalla Direttrice per un colloquio allo scopo di attivare strategie comuni
per risolvere i problemi;

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 45
alla fine di ogni trimestre attraverso la compilazione della scheda di valutazione
dell’alunno.
Nella valutazione finale per l’ammissione alla classe successiva si terr{ conto degli
obiettivi fissati dai consigli di classe e dei progressi compiuti da ogni ragazzo rispetto ai
livelli di partenza.
La valutazione delle singole verifiche relative alle conoscenze trarrà i suoi criteri
dalle fasce di seguito esplicitate, come pure la quantificazione dell’impegno ed interesse. A
questa classificazione si farà riferimento in occasione di ogni Consiglio di Classe e nella
valutazione trimestrale e finale.

Griglia di valutazione Italiano e Spagnolo - Scritto
Indicatori Voto Descrittori
4 Presentazione grafica poco leggibile
5 Presentazione insufficiente
6 Presentazione grafica leggibile
Presentazione
7 Presentazione grafica abbastanza curata
grafica
8 Presentazione grafica curata
9 Presentazione grafica molto curata
10 Presentazione grafica eccellente
4 Presenza di numerosi errori ortografici e morfosintattici
5 Presenza di errori ortografici e morfosintattici
6 Lavoro sufficiente
Ortografia e Presenza di qualche errore ortografico e morfosintattico e di qualche
7 improprietà lessicale
morfosintassi
8 Errori sporadici e non pregiudizievoli
9 Correttezza generale
10 Lavoro eccellente
4 Contenuto non attinente alla traccia
5 Traccia sviluppata parzialmente, incoerente
6 Traccia sviluppata parzialmente, ma coerente
7 Traccia sviluppata in modo adeguato, coerente, con lessico idoneo
Contenuto 8 Traccia sviluppata in modo completo, logico e con buona proprietà lessicale
Traccia sviluppata in modo ampio, presenza di elementi di creatività e
9 originalità.
Traccia sviluppata in modo ampio, con lessico ricco ed articolato, presenza di
10 elementi di creatività e originalità
4 Periodi involuti e/o di scarsa comprensibilità
Esposizione semplice con qualche carenza nella strutturazione corretta della
5 frase e del periodo
Esposizione organica, ma lineare, strutturazione corretta della frase e del
6 periodo
Organizzazione Esposizione organica, logica, coerente e strutturazione discreta della frase e
7 del periodo
del testo
Esposizione organica, logica, coerente e buona strutturazione della frase e
8 del periodo
9 Esposizione completa, strutturazione corretta della frase e del periodo
Esposizione completa, ampia, ben articolata, strutturazione corretta della
10 frase e del periodo

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 46
Griglia di valutazione Italiano e Spagnolo – Orale
Indicatori Voto Descrittori
4 Lettura insufficiente
5 Lettura stentata
6 Lettura lenta, ma corretta
Lettura e comprensione

Qualità della
7 Lettura corretta
lettura
8 Lettura corretta e veloce
9 Lettura sicura
10 Lettura sicura ed espressiva
4 Gravi carenze nella comprensione
5 Comprensione parziale del contenuto
6 Comprensione sufficiente
Comprensione 7 Comprensione discreta dei contenuti
8 Comprensione analitica dei contenuti
9 Comprensione critica dei contenuti
10 Comprensione critica e rielaborazione dei contenuti
4 Conoscenza parziale e scarsa
5 Conoscenza parziale
6 Conoscenza adeguata, ma poco approfondita
Contenuto
7 Buona conoscenza
dell’esposizione
8 Conoscenza distinta
9 Conoscenza completa
10 Conoscenza approfondita
Lingua orale

4 Esposizione scorretta, frammentaria, confusa.
Esposizione scorretta che evidenzia carenze nella
5 strutturazione della frase e/o nell’uso del lessico
Esposizione semplice, sostanzialmente corretta;
6
Organizzazione strutturazione sostanzialmente corretta della frase
espositiva ed Esposizione lineare, con lessico adeguato; strutturazione
7 corretta della frase e dei periodi
efficacia della Esposizione logica, coerente organica, con una buona
comunicazione 8 proprietà lessicale, precisione nella comunicazione
Esposizione, coerente, ben articolata, ampia, con
9 padronanza lessicale, comunicazione efficace
Esposizione logica, coerente, ben articolata, ampia, con
10 utilizzo di un lessico ricco, capacità di stabilire relazioni
Griglia di valutazione – Matematica
Voto Descrittori
La stesura dell’elaborato è molto ordinata e completa in ogni sua parte. Si evidenzia una
10 / 9 profonda preparazione, una sicura padronanza dei procedimenti logico-operativi e del
linguaggio specifico.
La stesura dell’elaborato è ordinata e completa in ogni sua parte. Si evidenzia una buona
8 preparazione, una corretta applicazione dei procedimenti logico-operativi e un uso
corretto del linguaggio specifico.
La stesura dell’elaborato è ordinata e completa in ogni sua parte. Si evidenzia una discreta
7 preparazione, una discreta applicazione dei procedimenti logico-operativi e un uso
discreto del linguaggio specifico.
La stesura dell’elaborato è abbastanza ordinata, ma non sempre precisa e completa. Si
evidenzia una preparazione superficiale. I procedimenti di calcolo sono applicati in modo
6 abbastanza corretto, ma accompagnati da qualche incertezza nell’elaborazione del
procedimento logico. Il linguaggio specifico utilizzato è semplice ma corretto.
La stesura dell’elaborato non è ordinata, è confusa e incompleta. Si evidenziano diffuse
5 lacune nella conoscenza dei contenuti e dei procedimenti logico-operativi. Il linguaggio
specifico è carente.
La stesura dell’elaborato è incompleta. Si evidenziano lacunose e inesistenti conoscenze
4 della materia e dei procedimenti logico-operativi e un uso improprio del linguaggio
specifico.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 47
5.5.2. La valutazione del comportamento
Per quanto riguarda la valutazione del comportamento, la proposta viene fatta con
particolare riferimento ai seguenti parametri relativi al Regolamento di Istituto.
Frequenza assidua, compatibilmente allo stato di salute dell’allievo e/o a
comprovate esigenze familiari;
Attenzione e concentrazione durante le lezioni;
Puntualità, interesse e diligenza nell’espletamento dei lavori assegnati, in
classe e a casa;
Puntualità e tempestività nel giustificare le assenze e i ritardi;
Disponibilità a partecipazione al dialogo e nella collaborazione con docenti e
compagni;
Rispetto delle persone e delle cose in ogni momento della vita scolastica ed
extrascolastica;
Adozione di un linguaggio e di un atteggiamento consoni all’ambiente e alla vita
scolastica;
Rispetto dei valori fondamentali della convivenza civile, della cittadinanza e della
solidarietà;
Rispetto dei divieti riportati dagli accordi scolastici di convivenza
Stando alle disposizioni del decreto legislativo del 13 aprile 2017, n. 62, nonché dal
decreto MIUR 3 ottobre 2017, protocollo n. 742, la valutazione relativa al comportamento
sarà espressa con un giudizio sintetico che trarrà i suoi criteri esplicitati nella scheda
allegata, approvata dal Collegio dei docenti. In ottemperanza al suddetto decreto, il
giudizio sul comportamento non comporta la non ammissione alla classe successiva nei
casi in cui esso risultasse insufficiente. Resta invece confermata la non ammissione per
coloro a cui è stata irrogata la sanzione disciplinare di esclusione dallo scrutinio. Di seguito
la griglia contenente le linee guida per la stesura dei giudizi sintetici sul comportamento
degli studenti.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 48
Indicatori Descrittori
Eccellente Ottimo Buono Discreto Sufficiente Non sufficiente
Rispetto dei
Mantiene in tutte
doveri formali:
le discipline con Li rispetta in
puntualità,
tutti i docenti un modo autonomo,
frequenza
comportamento c non è necessario
regolare alle Generalmente li Nonostante i
orretto e diligente, alcun invito a
lezioni, rispetto rispetta; se c’è ripetuti richiami,
d’esempio per la farlo; mantiene Sono presenti
delle consegne, stato qualche permane la
classe. questo sanzioni per
rispetto di spazi richiamo, si è necessità di
Collabora con i comportamento responsabilità Il giudizio
ed attrezzature trattato di un sollecitare il
docenti ed i senza sostanziali gravi. insufficiente è
della scuola, episodio rispetto di tali
compagni per differenze fra le attribuibile solo
giustificazione circoscritto. doveri.
migliorare gli diverse discipline se esiste una
delle assenze,
aspetti quotidiani ed i diversi sanzione
comportamento
della vita docenti. disciplinare che
e linguaggio
scolastica abbia comportato
adeguati
l’allontanamento
In tutte le
Generalmente è È spesso distratto dalle lezioni e
discipline Alterna periodi
attento ed e si comporta in se non ci sia stato
Interesse, partecipa e/o discipline in
interessato alle modo da un netto
attenzione, attivamente cui dimostra
attività didattiche, disturbare i Disturba le lezioni cambiamento di
partecipazione impegnandosi in coinvolgimento ed
anche se non compagni ed in modo non comportamento a
alle attività modo costruttivo interesse ad altri
sempre vi ostacolare il sostenibile. seguito di un
didattiche ed per il lavoro della in cui è poco
partecipa o lo fa in normale sincero
educative classe con le attento e non
modo diverso in andamento delle ravvedimento.
modalità proprie partecipa.
diverse discipline. lezioni.
del suo carattere.
Cura per il
È diligente ed
lavoro didattico Svolge sempre il Generalmente Nonostante i
accurato in questo
personale: lavoro assegnato esegue i lavori ripetuti richiami, Rifiuta
lavoro che svolge
svolge i compiti dal docente, ma assegnati, anche permangono regolarmente di
correttamente ed
assegnati, ne non sempre in se non sempre in comportamenti svolgere il lavoro
arricchisce con
segue la modo autonomo modo autonomo assegnato.
correzione in
contributi
e/o accurato. e/o accurato. negligenti.
personali.
classe

5.5.3. Interventi programmati
Rinforzo: Gli interventi di rinforzo verranno effettuati nelle ore curricolari di ogni
disciplina, in cui saranno organizzate attivit{ individualizzate; nell’ambito delle
attività di laboratorio, in cui la classe potrà più facilmente essere divisa in gruppi,
per il rinforzo di abilit{ trasversali, come l’ascolto e l’osservazione.
Potenziamento: Gli interventi di potenziamento verranno effettuati nell’ambito
delle uscite e visite di istruzione programmate dal Consiglio; nonché nell’ambito di
tutte le attivit{ di laboratorio inserite nell’orario, in particolare: scienze naturali ed
informatica.
Recupero: Richiesto dal docente della materia e opportunamente documentato e
verbalizzato nelle riunioni del consiglio di classe, con l’indicazione precisa delle
modalità e dei tempi di svolgimento. Esso è comunicato alle famiglie si svolge in
orario extrascolastico.

5.6. Verifica e valutazione nella Scuola Secondaria di Secondo Grado
La valutazione accompagna la programmazione didattica nell’arco di tutto il suo
sviluppo in quanto è presente:
1. Nella fase iniziale, come valutazione diagnostica che:

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 49
-definisce il livello di partenza per avviare il processo formativo del singolo allievo
e della classe;
-definisce il percorso didattico più utile all’interno di ogni area disciplinare o di
ogni Consiglio di classe, mediante test di ingresso che diano le informazioni necessarie
sulle competenze ed abilit{ gi{ in possesso dell’alunno.
2. Nella fase intermedia, in itinere, come valutazione formativa, che:
-indica il grado di assimilazione delle conoscenze;
-registra il ritmo dell’apprendimento;
-individua le lacune e gli ostacoli del percorso didattico;
-permette di apportare le dovute modifiche al programma di insegnamento
mediante l’uso di tutti gli strumenti di verifica che l’insegnante riterr{ opportuni ed idonei.
3. Nella fase finale, come valutazione sommativa, che:
-si colloca al termine del processo di apprendimento;
-evidenzia gli effettivi risultati conseguiti dallo studente;
-costituisce il bilancio della programmazione didattica mediante la valutazione del
profitto, del comportamento di ogni singolo alunno, del suo inserimento nell’attivit{
scolastica, fornendo in tal modo anche la verifica dell’efficacia del programma educativo
svolto.
La valutazione, dunque, è un’operazione complessa perché porta a formulare un
giudizio globale comprensivo delle qualità degli apprendimenti di ciascun allievo e del suo
livello di integrazione nella struttura scolastica.
Si ritiene inoltre di prendere in considerazione tutti gli elementi che concorrono al
progresso generale dell’allievo, con particolare riferimento al miglioramento in corso
d’anno dell’impegno e dell’applicazione. Non sar{ trascurata la valutazione di eventi e
situazioni particolari che possano influenzare il rendimento di ogni singolo allievo.

5.6.1. Gli strumenti di verifica
A partire dalla 2º Liceo, si cercherà di offrire, attraverso esercitazioni e vere e
proprie simulazioni programmate, un panorama ampio sulle tecniche di scrittura rispetto
alla prima e alla seconda prova dell’Esame di Stato Conclusivo del Secondo Ciclo di
Istruzione.
Ancora a partire dalla 2º Liceo, i docenti di tutte le aree disciplinari proporranno
inoltre esercitazioni e simulazioni programmate, finalizzate alla terza prova dell’Esame di
Stato, somministrando varie tipologie di verifica tra quelle consentite, per poi insistere su
una in particolare nel corso dell’ultimo anno.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 50
Le simulazioni, diversificate, di volta in volta, in modo da valorizzare il livello di
preparazione degli studenti, saranno organizzate con il coinvolgimento di quattro
discipline, La durata prevista per ciascuna prova sarà approssimativamente di 2 ore e 40
minuti.
Per ciò che attiene alle diverse fasi della valutazione, sopra descritte, i docenti
somministreranno prove diversificate e adeguate alla specificità delle varie discipline:
prove oggettive e non oggettive;
questionari;
composizioni;
relazioni;
traduzioni;
disegni e prove grafiche;
prove di tipo psico-motorio;
prove di carattere musicale.
Per quanto riguarda, invece, lo sviluppo delle abilità orali, si terranno in
considerazione le differenti modalità di esposizione e la capacità di interazione. Si farà
riferimento, in particolare, allo sviluppo delle abilità di tipo argomentativo, in modo da
preparare gli alunni all’esposizione e alla difesa di una tematica disciplinare, come nel caso
della “Tesina” che i candidati propongono alla Commissione nel corso del Colloquio,
durante l’Esame di Stato.

5.6.2. Programmazione delle verifiche scritte e orali
Il Consiglio di Classe si impegna a non creare sovrapposizioni nella
programmazione delle verifiche scritte, non superando il numero di una prova al giorno,
salvo casi eccezionali in particolari periodi dell’anno. A questo scopo verr{ affisso in classe
un calendario.
I docenti delle materie che prevedono verifiche scritte (Italiano, Spagnolo, Inglese,
Portoghese, Latino, Matematica) proporranno una prova scritta e una verifica orale al
mese.
Le verifiche orali possono avvenire anche in concomitanza di una verifica scritta.
Non è prevista la programmazione delle verifiche orali. Gli studenti dovranno
essere sempre preparati e potranno essere interrogati in ogni lezione. Potranno essere
sottoposti a più verifiche orali, nelle diverse discipline, nel corso della stessa giornata.
I docenti delle materie che prevedono solo verifiche orali (Storia, Filosofia, Storia
dell’Arte, Fisica, Scienze - proporranno almeno una verifica al mese.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 51
5.6.3. Definizione dei criteri comuni per la corrispondenza tra voti e livelli di apprendimento,
impegno e interesse
Si adottano i criteri di corrispondenza di seguito riportati e approvati dal Collegio
dei Docenti in sede di elaborazione del Piano Triennale dell’Offerta Formativa d’Istituto:
Valutazione degli apprendimenti
Giudizio Apprendimento Impegno Interesse
Pieno raggiungimento degli obiettivi
previsti.
Impegno assiduo.
Completa padronanza dei contenuti e Partecipazione
Puntualità e
totale capacità di elaborazione autonoma attiva e
10 (dieci) delle conoscenze applicate a situazioni
precisione
propositiva.
nell’adempimento
note. Forte motivazione.
dei dover scolastici.
Completa padronanza nell’uso dei
linguaggi specifici delle discipline
Pieno raggiungimento degli obiettivi
previsti.
Completa padronanza dei contenuti e Impegno costante.
Partecipazione
totale capacità di elaborazione autonoma Continuità
9 (nove) delle conoscenze applicate a situazioni nell’adempimento
attiva.
Forte motivazione.
note. dei doveri scolastici.
Competenza nell’uso dei linguaggi specifici
delle discipline.
Raggiungimento degli obiettivi previsi.
Discreta capacità di elaborazione Impegno costante. Partecipazione
autonoma delle conoscenze applicate a Puntualità sufficientemente
8 (otto) situazioni note. nell’adempimento attenta.
Uso corretto dei linguaggi specifici delle dei doveri scolastici. Forte motivazione.
discipline.
Impegno
Raggiungimento degli obiettivi previsti. Partecipazione
generalmente
Capacità di elaborazione autonoma delle attiva, ma solo se
costante.
7 (sette) conoscenze non pienamente sviluppate.
Discreta puntualità
sollecitata.
Discreto uso dei linguaggi specifici delle Discreta
nell’adempimento
discipline. motivazione.
dei doveri scolastici.
Conseguimento, in linea di massima, degli Impegno
Partecipazione
obiettivi prefissati. superficiale.
discontinua.
6 (sei) Mnemonica e meccanica applicazione delle Incostanza
Motivazione
conoscenze. nell’adempimento
scarsa.
Uso di un linguaggio semplice, ma corretto. dei doveri scolastici.
Raggiungimento parziale degli obiettivi. Impegno limitato. Scarso
Conoscenze lacunose. Incostanza coinvolgimento.
5 (cinque) Utilizzo di termini generici, spesso dell’adempimento Motivazione
impropri. dei doveri scolastici. insufficiente.
Raggiungimento parziale di alcuni Scarso impegno. Scarso
obiettivi. Incostanza coinvolgimento.
4 (quattro) Conoscenze lacunose e inesistenti. nell’adempimento Motivazione
Utilizzo di termini impropri. dei doveri scolastici. inesistente.
Scarso impegno Scarso
Obiettivi non raggiunti.
Incostanza coinvolgimento.
3 (tre) Conoscenze lacunose o quasi inesistenti.
nell’adempimento Motivazione
Utilizzo di termini impropri.
dei doveri scolastici. inesistente.
Impegno nullo. Coinvolgimento
Obiettivi non raggiunti.
Incostanza nullo.
2 (due) Conoscenze inesistenti.
nell’adempimento Motivazione
Utilizzo di termini impropri.
dei doveri scolastici. inesistente.
Impegno nullo Coinvolgimento
Obiettivi non raggiunti.
Mancato nullo.
1 (uno) Conoscenze inesistenti.
adempimento dei Motivazione
Scena muta.
doveri scolastici. inesistente.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 52
5.6.4. Voto di condotta
Il comportamento degli studenti, valutato collegialmente dal Consiglio di Classe,
concorrerà alla valutazione complessiva dello studente e determinerà, se insufficiente, la
non ammissione all’anno successivo di corso o agli Esami di Stato. In tal senso, la proposta
di voto di condotta viene fatta con particolare riferimento ai seguenti parametri relativi
agli Accordi Scolastici di Convivenza:
Frequenza assidua, compatibilmente allo stato di salute dell’allievo e/o a
comprovate esigenze familiari;
attenzione e concentrazione durante le lezioni;
puntualit{, interesse e diligenza nell’espletamento dei lavori assegnati, in classe a
casa;
puntualità e tempestività nel giustificare le assenze e i ritardi;
disponibilità a partecipazione al dialogo e nella collaborazione con docenti e
compagni;
rispetto delle persone e delle cose in ogni momento della vita scolastica ed
extrascolastica;
adozione di un linguaggio e di un atteggiamento consoni all’ambiente e alla vita
scolastica;
rispetto dei valori fondamentali della convivenza civile, della cittadinanza e della
solidarietà;
rispetto dei divieti riportati dal Regolamento di Istituto
La valutazione relativa al comportamento trarrà i suoi criteri dalla seguente
scheda, approvata dal Collegio dei docenti.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 53
Descrittori
Indicatori Non sufficiente:
Eccellente: Ottimo: Buono: Discreto: Sufficiente:
5 (cinque)
10 (dieci) 9 (nove) 8 (otto) 7 (sette) 6 (sei)
4 (quattro)
Rispetto dei
Mantiene in tutte
doveri formali:
le discipline con Li rispetta in
puntualità,
tutti i docenti un modo autonomo,
frequenza
comportamento c non è necessario
regolare alle Generalmente li Nonostante i
orretto e diligente, alcun invito a
lezioni, rispetto rispetta; se c’è ripetuti richiami,
d’esempio per la farlo; mantiene Sono presenti
delle consegne, stato qualche permane la
classe. questo sanzioni per
rispetto di spazi richiamo, si è necessità di
Collabora con i comportamento responsabilità Il giudizio
ed attrezzature trattato di un sollecitare il
docenti ed i senza sostanziali gravi. insufficiente è
della scuola, episodio rispetto di tali
compagni per differenze fra le attribuibile solo
giustificazione circoscritto. doveri.
migliorare gli diverse discipline se esiste una
delle assenze,
aspetti quotidiani ed i diversi sanzione
comportamento
della vita docenti. disciplinare che
e linguaggio
scolastica abbia comportato
adeguati
l’allontanamento
In tutte le
Generalmente è È spesso distratto dalle lezioni e
discipline Alterna periodi
attento ed e si comporta in se non ci sia stato
Interesse, partecipa e/o discipline in
interessato alle modo da un netto
attenzione, attivamente cui dimostra
attività didattiche, disturbare i Disturba le lezioni cambiamento di
partecipazione impegnandosi in coinvolgimento ed
anche se non compagni ed in modo non comportamento a
alle attività modo costruttivo interesse ad altri
sempre vi ostacolare il sostenibile. seguito di un
didattiche ed per il lavoro della in cui è poco
partecipa o lo fa in normale sincero
educative classe con le attento e non
modalità proprie
modo diverso in
partecipa.
andamento delle ravvedimento.
diverse discipline. lezioni.
del suo carattere.
Cura per il
È diligente ed
lavoro didattico Svolge sempre il Generalmente Nonostante i
accurato in questo
personale: lavoro assegnato esegue i lavori ripetuti richiami, Rifiuta
lavoro che svolge
svolge i compiti dal docente, ma assegnati, anche permangono regolarmente di
correttamente ed
assegnati, ne non sempre in se non sempre in comportamenti svolgere il lavoro
arricchisce con
segue la modo autonomo modo autonomo assegnato.
correzione in
contributi
e/o accurato. e/o accurato. negligenti.
personali.
classe

5.6.5. Criteri generali per la valutazione negli scrutini finali
In ottemperanza all’articolo 4, commi 5 e 6 del DPR 122/09, verranno ammessi alla
classe successiva gli studenti e le studentesse che in sede di scrutinio finale “conseguono
un voto di comportamento non inferiore a sei decimi e, ai sensi dell'articolo193, comma 1,
secondo periodo, del testo unico di cui al decreto legislativo n. 297 del 1994, una votazione
non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con
l'attribuzione di un unico voto secondo l'ordinamento vigente. La valutazione finale degli
apprendimenti e del comportamento dell'alunno è riferita a ciascun anno scolastico”.
Nello scrutinio finale il consiglio di classe sospende il giudizio degli alunni che non
hanno conseguito la sufficienza in una o più discipline, senza riportare immediatamente
un giudizio di non promozione. A conclusione dello scrutinio, l'esito relativo a tutte le
discipline è comunicato alle famiglie. A conclusione degli interventi didattici programmati
per il recupero delle carenze rilevate, il consiglio di classe, in sede di integrazione dello
scrutinio finale, previo accertamento del recupero delle carenze formative, procede alla
verifica dei risultati conseguiti dall'alunno e alla formulazione del giudizio finale che, in
caso di esito positivo, comporta l'ammissione alla frequenza della classe successiva e
l'attribuzione del credito scolastico.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 54
5.6.5.1. Per le classi dalla 1° alla 3°
Fermo restando la competenza dei C.d.C. si danno le seguenti indicazioni generali:
Per lo scrutinio ordinario di fine anno:
a. Sono ammessi alla classe successiva gli studenti che conseguono una
valutazione non inferiore a 6 in ciascuna disciplina e in condotta.
b. Non sono ammessi alla classe successiva gli studenti i quali, pur avendo
usufruito delle opportunità di recupero (corsi, tutorati, pause didattiche)
offerte dalla scuola, abbiano riportato quattro insufficienze di cui due gravi
(fino al voto 4) oppure tre insufficienze gravi (fino al voto 4).
c. Non sono ammessi alla classe successiva o sono sospesi nel giudizio gli
studenti che, al di fuori del caso precedente, abbiano riportato tre
insufficienze, sulla base dei seguenti criteri:
 possibilità di recupero delle valutazioni non sufficienti attraverso le
attività di recupero estivo;
 impegno e progressi dimostrati nel corso dell’anno scolastico;
 frequenza e partecipazione al dialogo didattico ed educativo.
d. Sono ammessi alla classe successiva o sospesi nel giudizio gli studenti che
abbiano riportato una o due insufficienze sulla base dei seguenti criteri:
 possibilità di recupero delle valutazioni non sufficienti attraverso lo
studio autonomo (nel caso di ammissione alla classe successiva) e
attraverso la frequenza dei corsi di recupero offerti dal Liceo dopo
gli scrutini finali (nel caso di sospensione del giudizio);
 risultati ottenuti nelle discipline del curricolo, con particolare
considerazione per la media del profitto;
 impegno e progressi dimostrati nel corso dell’anno scolastico;
 frequenza e partecipazione al dialogo didattico ed educativo.

5.6.5.2. Per le classi 4°: Ammissione all’Esame di Stato Conclusivo del Secondo Ciclo di
Istruzione
Nel rispetto delle disposizioni del Decreto Legislativo 62 del 13 aprile 2017, art. 13,
comma 2, l'ammissione all'esame di Stato è disposta, in sede di scrutinio finale, dal
consiglio di classe, presieduto dal dirigente scolastico o da suo delegato. È ammesso
all'esame di Stato, salvo quanto previsto dall'articolo 4, comma 6, del decreto del
Presidente della Repubblica del 24 giugno 1998 n. 249, la studentessa o lo studente in
possesso dei seguenti requisiti:

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 55
a) aver frequentato per almeno tre quarti del monte ore annuale personalizzato,
fermo restando quanto previsto dall'articolo 14, comma 7, del decreto del Presidente della
Repubblica del 22 giugno 2009, n. 122;
c) aver recuperato tutti i debiti scolastici entro e non oltre l’inizio dell’anno
scolastico in cui lo studente o la studentessa sosterr{ l’Esame di Stato Conclusivo del
Secondo Ciclo di Istruzione;
b) aver svolto l’attivit{ di alternanza scuola-lavoro secondo quanto previsto
dall'indirizzo di studio nel biennio. Nel caso di candidati che, a seguito di esame di
idoneità, siano ammessi al penultimo o all'ultimo anno di corso, le tipologie e i criteri di
riconoscimento delle attività di alternanza scuola-lavoro necessarie per l'ammissione
all'esame di Stato sono definiti con il decreto di cui all'articolo 14, comma 3, ultimo
periodo;
c) aver preso una votazione non inferiore ai sei decimi in ciascuna disciplina o
gruppo di discipline valutate con l'attribuzione di un unico voto secondo l'ordinamento
vigente e un voto di comportamento non inferiore a sei decimi. Nel caso di votazione
inferiore a sei decimi in una disciplina o in un gruppo di discipline, il consiglio di classe
può deliberare, con adeguata motivazione, l'ammissione all'esame conclusivo del secondo
ciclo.

5.6.5.3. Griglie di valutazione Esame di Stato Conclusivo del Secondo Ciclo di Istruzione
Vengono di seguito riportate le griglie relative alle prove dell’Esame di Stato
Conclusivo del Secondo Ciclo di Istruzione.
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA
TIPOLOGIA DELLA PROVA A – ANALISI DEL TESTO

Macroindicatori Indicatori Descrittori Punti
Capacità di Appropriato / Corretto 4
Si esprime in modo

esprimersi
Competenze Sostanzialmente Corretto 3
(punteggiatura,
linguistiche di
ortografia, Impreciso o scorretto 2
base
morfosintassi e
proprietà lessicale) Gravemente scorretto 1
Argomenta in modo

Ricco e articolato 3
Capacità di
Efficacia formulare le
Schematico 2
argomentativa proprie
argomentazioni
Poco Coerente 1
Analisi dei nodi Sa analizzare e interpretare 4
Capacità di analisi e
concettuali e
di interpretazione Sa solo individuare 3
delle strutture

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 56
formali Individua in modo incompleto 2
Individua in modo errato 1
Capacità di Critico / Personale 4

Rielabora in modo
rielaborare, di
Rielaborazione, Essenziale 3
effettuare
collegamenti e
collegamenti e fare Parziale 2
riferimenti
riferimenti, di
contestualizzare Non rielabora 1
Totale punteggio

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA
TIPOLOGIA DELLA PROVA B – SAGGIO BREVE O ARTICOLO DI GIORNALE

Macroindicatori Indicatori Descrittori Punti
Capacità di Appropriato / Corretto 4
Si esprime in modo

esprimersi
Competenze Sostanzialmente Corretto 3
(punteggiatura,
linguistiche di
ortografia, Impreciso o scorretto 2
base
morfosintassi e
proprietà lessicale) Gravemente scorretto 1
Chiaro e ordinato 4
Argomenta in modo

Capacità di
formulare una tesi Schematico 3
Efficacia
e/o di sviluppare le
argomentativa Poco coerente 2
proprie
argomentazioni Inconsistente 1

Capacità di Rispetta consapevolmente le consegne 4
Competenze rispettare Rispetta le consegne 3
rispetto al consapevolmente i
genere testuale vincoli del genere Rispetta in parte le consegne 2
testuale Non rispetta le consegne 1
Capacità di Critico / Personale 3
Rielabora in

Originalità e rielaborare critica e
modo

Essenziale 2
creatività personalmente i
documenti e le fonti Non rielabora 1
Totale punteggio

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 57
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA
TIPOLOGIA DELLA PROVA C – TEMA STORICO

Macroindicatori Indicatori Descrittori Punti
Capacità di Appropriato / Corretto 4

Si esprime in modo
esprimersi
Competenze Sostanzialmente Corretto 3
(punteggiatura,
linguistiche di
ortografia, Impreciso o scorretto 2
base
morfosintassi e
proprietà lessicale) Gravemente scorretto 1
Chiaro e ordinato 3

Argomenta in modo
Capacità di
formulare una tesi Schematico 2
Efficacia
e/o di sviluppare le
argomentativa Poco coerente 1,5
proprie
argomentazioni Inconsistente 1
Pertinente ed esauriente 5
Conosce e sviluppa in

Conoscenza degli Pertinente e corretto 4
Pertinenza e eventi storici.
modo

conoscenza Capacità di Essenziale 3
dell’argomento sviluppare in modo
pertinente la traccia
Poco pertinente e incompleto 2
Non pertinente 1
Capacità di Critico / Personale 3
Rielabora in

rielaborazione
Originalità e
modo

critica e personale Essenziale 2
creatività
delle proprie
conoscenze storiche
Non rielabora 1

Totale punteggio

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA
TIPOLOGIA DELLA PROVA D – TEMA DI ORDINE GENERALE

Macroindicatori Indicatori Descrittori Punti
Capacità di Appropriato / Corretto 4
Si esprime in modo

esprimersi
Competenze Sostanzialmente Corretto 3
(punteggiatura,
linguistiche di
ortografia, Impreciso o scorretto 2
base
morfosintassi e
proprietà lessicale) Gravemente scorretto 1
Chiaro e ordinato 4
Argomenta in modo

Capacità di
formulare una tesi Schematico 3
Efficacia
e/o di sviluppare le
argomentativa Poco coerente 2
proprie
argomentazioni Inconsistente 1
Pertinenza e Capacità di Pertinente ed esauriente 4
Conosce

svilupp

modo

conoscenza sviluppare in modo
a in
e

dell’argomento esauriente e Pertinente 3

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 58
pertinente la traccia Essenziale 2
Poco pertinente / Incompleto 1
Capacità di Critico / Personale 3

Rielabora in
rielaborazione
Originalità e

modo
critica e personale Essenziale 2
creatività
delle proprie
conoscenze
Non rielabora 1

Totale punteggio

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA
COMPRENSIONE
Criteri di valutazione Indicatori Punti
Comprensione nulla 0-1
Comprensione scarsa 2
Comprensione del Comprensione parziale/frammentaria 3
contenuto Comprensione frammentaria 4
(massimo 8 punti) Comprensione sufficiente 5-6
Comprensione completa 7-8
Comprensione completa e con inferenze
Esposizione non organica e mnemonica 0-1
Capacità di rielaborazione
Sintetizza i concetti essenziali 2
del testo e di sintesi
Sintetizza in modo organico 3
(massimo 4 punti)
Rielabora e sintetizza in modo organico 4
Scarse/frammentarie 0-1
Commette errori e/o usa terminologie non
Competenze linguistiche 2
sempre appropriate
(massimo 3 punti)
Si esprime in modo sostanzialmente corretto e con
3
linguaggio appropriato
Totale punteggio

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA
PRODUZIONE
Criteri di valutazione Indicatori Punti
Produzione nulla 0-1
Produzione scarsa 2
Produzione parziale/frammentaria 3-4
Produzione dei contenuti
Produzione appena sufficiente 5
(massimo 8 punti)
Produzione sufficiente 6
Produzione completa 7
Produzione completa e approfondita. 8
Esposizione non organica e mnemonica 0-1
Capacità di rielaborazione
Sintetizza i concetti essenziali 2
del testo e di sintesi
Sintetizza in modo organico 3
(massimo 4 punti)
Rielabora e sintetizza in modo organico 4
Scarse/ frammentarie 0-1
Competenze linguistiche Commette errori e/o usa terminologie non
2
(massimo 3 punti) sempre appropriate
Si esprime in modo sostanzialmente corretto e con 3

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 59
linguaggio appropriato
Totale punteggio

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA
Criteri di valutazione Indicatori Punti
Conoscenza nulla 0-1
Conoscenza scarsa 2
Conoscenza dei contenuti
Conoscenza parziale / frammentaria 3-5
(massimo 7 punti)
Conoscenza sufficiente 6
Conoscenza completa / approfondita 7
Esposizione non organica e mnemonica 0-1
Capacità di rielaborazione
Esposizione non organica e mnemonica 0-1
e di sintesi
Sintetizza i concetti essenziali 2-3
(massimo 4 punti)
Rielabora e/o sintetizza in modo organico 4
Scarse/ frammentarie 0-2
Commette errori e/o usa terminologie non
Competenze linguistiche 3
sempre appropriate
(massimo 4 punti)
Si esprime in modo sostanzialmente corretto e con
4
linguaggio appropriato
Totale punteggio

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO

Fasi Indicatori Punti
Capacità espositiva
1° FASE
Capacità di sintesi (individuazione dei punti nodali)
(7 punti)
Capacità di approfondire aspetti particolari e significativi degli ____/7
Argomento a
argomenti
scelta del
Capacità di collegamento tra argomenti
candidato
Utilizzo delle conclusioni
Qualità degli strumenti e del percorso di ricerca
2° FASE Possesso e utilizzo conoscenze
(20 punti) Competenza linguistica e comunicativa
Argomenti Capacità di collegamento tra argomenti ____/20
scelti dalla Capacità di analisi e di approfondimento degli argomenti
commissione Capacità di valutazione
3° FASE
Motivazione delle scelte e/o delle procedure adottate
(3 punti)
Comprensione degli eventuali errori segnalati e riformulazione
Discussione ____/3
corretta
elaborati
VALUTAZIONE COMPLESSIVA ….…./30

5.6.5.4. Per lo scrutinio supplementare di febbraio
L’ammissione alla classe successiva viene deliberata dal Consiglio di classe sentita
la proposta del/i docente/i della/e disciplina/e oggetto delle prove supplementari.
Si considerano quali elementi prevalenti di valutazione:
i progressi dimostrati rispetto allo scrutinio ordinario;

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 60
la frequenza e la partecipazione al dialogo didattico-educativo durante i corsi
offerti dal Liceo dopo gli scrutini finali.
Al fine di favorire la proficua ripresa delle attività didattiche nel successivo anno
scolastico, il Consiglio di Classe ha in ogni caso facoltà di integrare il giudizio di
ammissione con una comunicazione scritta alla famiglia relativa a singole lacune su
argomenti che potranno costituire oggetto di studio autonomo.

5.6.5.5. Attribuzione dei crediti scolastici
I crediti scolastici sono attribuiti dal Consiglio di Classe sulla base delle tabelle di
cui al DM 99/09 (fino all’anno scolastico 2018 australe) e al Decreto Legislativo n. 62 del
13 aprile 2017, art. 15 per gli studenti e le studentesse che sostengono l’esame a partire
dall’anno scolastico 2019 australe, anche secondo il regime transitorio per le classi 2° e 3°.
La media si ottiene dalle valutazioni di tutte le discipline. Anche il voto di condotta
viene considerato ai fini della media. Inoltre, per l’attribuzione del punteggio più alto della
fascia di oscillazione occorrono, oltre al punteggio ottenuto, almeno 1 dei seguenti
indicatori:
I crediti formativi: "Le esperienze che danno luogo all'acquisizione dei crediti
formativi, (…) sono acquisite, al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e
settori della società civile legati alla formazione della persona ed alla crescita
umana, civile e culturale quali quelli relativi, in particolare, alle attività culturali,
artistiche e ricreative, alla formazione professionale, al lavoro, all'ambiente, al
volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione, allo sport." (D.M. 452/1998). I
crediti formativi sono valutati in base agli obiettivi formativi ed educativi propri
dell’indirizzo di studio. Il credito formativo sarà attribuito con estremo rigore, solo
in presenza di attività certificate da Enti riconosciuti, con la frequenza di almeno
30 ore, che abbiano prodotto risultati positivi documentati. L’attestazione
proveniente da Enti, Associazioni, Istituzioni presso i quali lo studente ha
realizzato l’esperienza deve contenere, a norma della disposizione ministeriale
(DM 49/2000), una descrizione, seppure sintetica, dell’esperienza stessa, dalla
quale si evinca non trattarsi di un'esperienza episodica o momentanea, ma tale da
incidere sulla “formazione personale civile e sociale dello studente”. Potranno
essere riconosciuti i crediti formativi acquisiti con la partecipazione a:
o esperienze lavorative volte all’acquisizione di specifiche competenze e
partecipazione ad attività di ordine culturale che abbiano carattere di
continuità;

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 61
o partecipazione a progetti extracurriculari, approvati dal Collegio di Docenti
nell’ambito del Piano Triennale dell’Offerta Formativa, con frequenza di
almeno ¾ delle lezioni/incontri e partecipazione a specifiche
attività/iniziative formative attestate dai responsabili di progetto;
o frequenza di corsi di lingua straniera o di altre organizzazioni ufficialmente
riconosciute, che attestino il “livello” raggiunto e la frequenza di almeno ¾
della durata del corso;
o stage linguistici all’estero;
o Intercultura: anno scolastico frequentato all’estero o esperienza di più
mesi;
o pratica sportiva o coreutica a carattere professionistico o
semiprofessionistico (ivi compresa la danza e la scuola di arbitraggio);
o forme motivate di volontariato presso ONG ed associazioni riconosciute
(parrocchiali, Hospital de niños) certificate nei tempi, nelle modalità e nella
frequenza;
o studio della musica con carattere di continuità e durata in Istituti statali o
equiparati ed anche presso professori privati, che rilascino una
dichiarazione giurata sulle presenze dell’alunno/a;
o stage formativi presso istituzioni universitarie o istituti di ricerca;
o viaggi d’istruzione e culturali volti alla formazione linguistica e
all’ampliamento dell’orizzonte culturale e cittadino degli studenti.
Partecipazione alla vita scolastica (progressione e consolidamento degli
apprendimenti; assiduità della frequenza; partecipazione al dialogo educativo,
impegno e interesse; partecipazione ad attività programmate dal Consiglio di
Classe).
Per i candidati che sostengono l’esame a partire dall’anno scolastico 2019 australe,
il consiglio di classe attribuisce, in sede di scrutinio finale, il punteggio per il credito
scolastico maturato triennio, fino ad un massimo di quaranta punti, di cui dodici per il
secondo anno, tredici per il terzo anno e quindici per il quarto anno. Partecipano al
consiglio tutti i docenti che svolgono attività e insegnamenti per tutte le studentesse e tutti
gli studenti o per gruppi degli stessi.
Con la tabella di seguito riportata viene stabilita la corrispondenza tra la media dei
voti conseguiti dalle studentesse e dagli studenti negli scrutini finali per ciascun anno di
corso e la fascia di attribuzione del credito scolastico.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 62
Attribuzione credito scolastico
Fasce di credito
Media dei voti
II Liceo III Liceo IV Liceo
M<6 - - 7-8
M=6 7-8 8-9 9-10
6< M ≤ 7 8-9 9-10 10-11
7< M ≤ 8 9-10 10-11 11-12
8< M ≤ 9 10-11 11-12 13-14
9< M ≤ 10 11-12 12-13 14-15

5.6.5.6. Criteri in deroga ai termini di assenze per la validazione dell’anno scolastico
Il DPR 122/2009 relativo alla valutazione, ai fini della validit{ dell’anno scolastico
e perché si possa procedere alla valutazione finale di ciascuno studente, prevede la
frequenza per almeno i tre quarti dell’orario annuale personalizzato.
Il nostro Istituto ha stabilito, per casi eccezionali, che in deroga ai termini di
assenze previsti per la validit{ dell’anno scolastico, lo stesso potr{ essere validato nel caso
di alunni i quali abbiano superato il numero di assenze massimo consentito dalla norma
vigente, per:
● gravi situazioni di salute (ad esempio disturbi alimentari) e /o con
ricoveri ospedalieri documentabili;
● prolungate e/o reiterate cure e/o terapie in centri specialistici e
riabilitativi documentabili;
● gravidanza e allattamento;
● viaggi promossi dall’Istituzione (Nord/Sud - Argentina, Italia, Brasile);
● progetti istituzionali;
● provenienza da altri paesi in corso d’anno o frequenza presso una scuola
all’estero per un periodo dell’anno scolastico con documentazione attestante il
percorso scolastico;
● particolari condizioni socio-ambientali documentabili dell’alunno e della
famiglia;
● partecipazione ad attività sportive e agonistiche organizzate da
federazioni riconosciute;
● partecipazione ad attività artistico – culturali.
N.B. ¾ delle assenze dovranno essere giustificate dal padre o da chi ne fa le veci

Assetti organizzativi

6.1. Organizzazione delle classi

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 63
Vengono di seguito riportate le classi dei diversi ordini di istruzione attivi
nell’Istituto per l’anno scolastico 2018 australe. È previsto inoltre, in ottemperanza al
Decreto Presidenziale n. 81, art. 15, commi 2 e 3 a art. 9, commi 2 e 3 del 20 marzo 2009, la
formazione di nuove sezioni qualora il numero di studenti superasse quanto previsto dalla
normativa in atto.
Grado d’istruzione Tipologia Classi Sezioni
3 anni Sez. A Sez. B Sez. C Sez. D
Scuola dell’infanzia Bilingue 4 anni Sez. A Sez. B Sez. C Sez. D
5 anni Sez. A Sez. B Sez. C Sez. D
1° Classe Sez. A Sez. B Sez. C Sez. D
Triennio 2° Classe Sez. A Sez. B Sez. C Sez. D
Scuola
Paritaria 3° Classe Sez. A Sez. B Sez. C Sez. D
Primaria
Biennio
4° Classe Sez. A Sez. B Sez. C
5° Classe Sez. A Sez. B Sez. C
1° Media Sez. A Sez. B Sez. C
Scuola Secondaria di
Paritaria 2° Media Sez. A Sez. B Sez. C
Primo Grado
3° Media Sez. A Sez. B Sez. C
Monoennio 1° Liceo Sez. A. Sez. B. Sez. C
Scuola
2° Liceo Sez. A Sez. B Sez. C
Secondaria di Paritaria
Triennio 3° Liceo Sez. A Sez. B
Secondo Grado
4° Liceo Sez. A. Sez. B

Sezioni attive nell’anno scolastico 2018 australe
Sezioni da aprire negli anni scolastici 2019 australe
Sezioni da aprire nell’anno scolastico 2020 australe

6.2. Orario scolastico
6.2.1. Scuola dell’infanzia (Non Paritaria)
La Scuola dell’Infanzia è parte integrante del progetto educativo istituzionale
bilingue e biculturale. Pertanto:
- per le due sezioni di 3 anni è previsto un monte ore settimanale di 5
unità didattiche (una al giorno) di 60 minuti di italiano;
- per le tre sezioni di 4 anni è previsto un monte ore settimanale di 10
unità didattiche (due al giorno) di 60 minuti di italiano;
- per le tre sezioni di 5 anni è previsto un monte ore settimanale di 20
unità didattiche (4 al giorno) di 60 minuti di italiano.

6.2.2. Scuola Primaria
La giornata scolastica della Scuola Primaria inizia alle 7:45 e finisce alle ore 15:45.
Il corpo docenti dovrà di regola essere a scuola. Il mercoledì, la giornata scolastica per gli
studenti finisce alle ore 12:45, dato che nel pomeriggio gli insegnanti dedicano due ore alla
riunione di coordinamento delle attività didattiche. Le ore di lezione sono di 60 minuti, e

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 64
vengono distribuite, a seconda della classe e delle materie svolte, secondo le griglie di
seguito presentate:
PRIMA CLASSE
MATERIE SVOLTE MONTE ORE SETTIMANALE
MATEMATICA 6
LINGUA ITALIANA 5
LINGUA SPAGNOLA 5
STORIA – GEOGRAFIA 3
STUDI SOCIALI IN SPAGNOLO 2
SCIENZE 2
SCIENZE IN SPAGNOLO 1
ARTE E IMMAGINE 1
MUSICA 2
EDUCAZIONE MOTORIA 2
LINGUA INGLESE 4
SUBTOTALE 33
MENSA 1
TOTALE 34

SECONDA CLASSE
MATERIE SVOLTE MONTE ORE SETTIMANALE
MATEMATICA 6
LINGUA ITALIANA 5
LINGUA SPAGNOLA 5
STORIA – GEOGRAFIA 3
STUDI SOCIALI SPAGNOLO 2
SCIENZE 2
SCIENZE SPAGNOLO 1
ARTE E IMMAGINE 1
MUSICA 2
EDUCAZIONE MOTORIA 2
LINGUA INGLESE 4
SUBTOTALE 33
MENSA 1
TOTALE 34

TERZA CLASSE
MATERIE SVOLTE MONTE ORE SETTIMANALE
MATEMATICA 6
LINGUA ITALIANA 5
LINGUA SPAGNOLA 5
STORIA – GEOGRAFIA 3
STUDI SOCIALI SPAGNOLO 2
SCIENZE 2
SCIENZE SPAGNOLO 1
ARTE E IMMAGINE 1
MUSICA 2
EDUCAZIONE MOTORIA 2
LINGUA INGLESE 4
SUBTOTALE 33

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 65
MENSA 1
TOTALE 34

QUARTA CLASSE
MATERIE SVOLTE MONTE ORE SETTIMANALE
MATEMATICA 6
LINGUA ITALIANA 5
LINGUA SPAGNOLA 5
STORIA – GEOGRAFIA 4
STUDI SOCIALI SPAGNOLO 2
SCIENZE 3
ARTE E IMMAGINE 2
MUSICA 2
EDUCAZIONE MOTORIA 2
LINGUA INGLESE 5
SUBTOTALE 36
MENSA 1
TOTALE 37

QUINTA CLASSE
MATERIE SVOLTE MONTE ORE SETTIMANALE
MATEMATICA 6
LINGUA ITALIANA 5
LINGUA SPAGNOLA 5
STORIA – GEOGRAFIA 4
STUDI SOCIALI SPAGNOLO 2
SCIENZE 3
ARTE E IMMAGINE 2
MUSICA 2
EDUCAZIONE MOTORIA 2
LINGUA INGLESE 5
SUBTOTALE 36
MENSA 1
TOTALE 37

6.2.3. Scuola Secondaria di Primo Grado
Alle ore 7.25 tutti gli insegnanti in servizio alla prima ora di lezione raggiungono le
rispettive classi. L’ingresso degli alunni è previsto per le ore 7:30.
Le lezioni continuano durante il pomeriggio con orari di uscita che variano a
seconda della classe e del giorno della settimana. Generalmente l’orario di uscita è alle ore
15:55.
La pausa pranzo, prevista per le classi che continuano le lezioni durante il
pomeriggio, è di 20 minuti.
Le attività didattiche (organizzate per unità di apprendimento) sono strutturate
sulla base del monte ore del curricolo e delle discipline, previsto dall’ordinamento della
scuola italiana, nel pieno rispetto della normativa argentina in vigore.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 66
Il monte ore delle prime classi (sezioni A, B e C) è di 39 ore settimanali. Per le
seconde e le terze classi (sezioni A, B e C) è di 51 ore settimanali.
In ottemperanza al Decreto MAE 267/4845 del 20 ottobre 2010, le unità didattiche
delle diverse discipline nelle classi della Scuola Secondaria di Primo Grado sono state
organizzate secondo il seguente cronogramma di monte ore settimanale.

Prima Media (Sez. A, B e C)
Curricolo bilingue-biculturale scuola paritaria Unità di apprendimento
Italiano 6
Storia e geografia 4
Matematica 6
Scienze 3
Spagnolo 5
Inglese 4
Arte e Immagine 2
Tecnologia 2
Musica 2
Educazione Motoria 2
Geografia (in spagnolo) 1
Historia 2

Seconda Media (Sez. A, B e C)
Curricolo bilingue-biculturale scuola paritaria Unità di apprendimento
Italiano 7
Storia e geografia 6
Matematica 6
Scienze 6
Spagnolo 5
Inglese 3
Arte e Immagine 3
Tecnologia 3
Musica 2
Educazione Motoria 2
Attività di approfondimento in materie letterarie 3
Geografia (in spagnolo) 5

Terza Media (Sez. A, B e C)
Curricolo bilingue-biculturale scuola paritaria Unità di apprendimento
Italiano 7
Storia e geografia 6
Matematica 6
Scienze 6
Spagnolo 5
Inglese 3
Arte e Immagine 2
Tecnologia 3
Musica 3
Educazione Motoria 2

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 67
Attività di approfondimento in materie letterarie 3
Historia 5

6.2.4. Scuola Secondaria di Secondo Grado
Alle ore 7.25 tutti gli insegnanti in servizio alla prima ora di lezione raggiungono le
rispettive classi. L’ingresso degli alunni è previsto per le ore 7:30.
Le lezioni continuano durante il pomeriggio con orari di uscita che variano a
seconda della classe e del giorno della settimana. Generalmente l’orario di uscita è alle ore
16:35.
La pausa pranzo, prevista per le classi che continuano le lezioni durante il
pomeriggio, è di 20 minuti.
Le attività didattiche sono strutturate sulla base dell’unit{ oraria di 40 minuti,
mantenendo il monte ore del curricolo previsto dall’ordinamento della scuola italiana, nel
pieno rispetto della normativa argentina in vigore.
Il Collegio dei Docenti delibera di adottare un tempo prolungato dalle ore 7:30 alle
ore 16:35; che l’unit{ oraria di lezione di 40 minuti per il Liceo e che il recupero (per
arrivare a 60 minuti) viene fatto aumentando la quantità di ore di lezione nel corso
dell’anno.
In ottemperanza al Decreto MAE 3515/4439 del 3 ottobre 2013, le unità didattiche
delle diverse discipline nelle classi della Scuola Secondaria di Secondo Grado sono state
organizzate secondo il seguente cronogramma di monte ore settimanale.

INSEGNAMENTI PREVISTI 1º anno 2º anno 3º anno 4º anno
ITALIANO 7 8 8 8
LINGUA E CULTURA STRANIERA 1 (SPAGNOLO) 5 4 4 5
LINGUA E CULTURA STRANIERA 2 (INGLESE) 4 5 5 6
LINGUA E CULTURA STRANIERA 3 (PORTOGHESE) 3 3 4 4
STORIA 2 4 4 4
GEOGRAFIA 2 - - -
FILOSOFIA - 3 3 3
MATEMATICA 6 5 4 4
FISICA 2 3 3 3
SCIENZE 3 3 3 3
LATINO 2 - - -
STORIA DELL’ARTE 4 2 2 3
EDUCAZIONE FISICA 3 3 2 2
FORMACIÓN VIDA Y TRABAJO 2 3 3 3
HISTORIA 4 3 3 -
GEOGRAFÍA (IN SPAGNOLO) 4 3 3 -
CIUDADANÍA Y POLÍTICA - - - 3
Totale ore 53 52 51 51

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 68
6.3 Gli organi collegiali
6.3.1. Rappresentanza
Il processo educativo nella nostra scuola si costruisce in primo luogo nella
comunicazione tra docente e studente e si arricchisce in virtù dello scambio con l’intera
comunità che vive e lavora attorno alla scuola. In questo senso, riteniamo che la
partecipazione al progetto scolastico da parte dei genitori dia un contributo fondamentale
agli Organi Collegiali ad esclusione del Collegio dei Docenti, intesi come strumenti che
garantiscono sia il libero confronto fra tutte le componenti scolastiche, sia il raccordo tra
scuola e territorio, in un contatto significativo con le dinamiche sociali. Tutti gli Organi
Collegiali della nostra scuola si riuniscono in orari non coincidenti con quelle delle lezioni.
La convocazione degli organi collegiali è disposta con un congruo preavviso - di
massima non inferiore ai 5 giorni - rispetto alla data delle riunioni. Soltanto in casi
eccezionali, debitamente motivati, può essere disposta una convocazione d’urgenza, con
preavviso minimo di almeno 2 giorni.
La convocazione è effettuata tramite una comunicazione diretta ai singoli membri
dell’organo collegiale e mediante affissione all’albo di apposito avviso; in ogni caso,
l’affissione all’albo dell’avviso è adempimento sufficiente per la regolare convocazione
dell’organo collegiale.
L’avviso di convocazione deve indicare gli argomenti da trattare nella seduta
dell’organo collegiale. Di ogni seduta dell’organo collegiale viene redatto il relativo
verbale, firmato dal Presidente e dal Segretario, steso su apposito registro.
Ciascuno degli organi collegiali programma le proprie attività nel tempo, in
rapporto alle proprie competenze, allo scopo di realizzare, nei limiti del possibile, un
ordinato svolgimento delle attività stesse, raggruppando a date prestabilite in linea di
massima la discussione di argomenti su cui sia possibile prevedere con certezza la
necessità di adottare decisioni, proposte o pareri.

6.3.2. Collegio dei Docenti
Il Collegio dei Docenti, con le sue articolazioni, è l’organo tecnico e professionale
con competenze generali in materia didattica e di valutazione.
Il Collegio dei Docenti definisce ed approva:
il piano triennale dell’offerta formativa dell’istituzione scolastica, comprensivo dei
curricoli ed elaborato tenendo conto delle proposte espresse dagli organismi di
partecipazione dei genitori;
i profili didattici delle iniziative, dei progetti e degli accordi ai quali l’istituzione
intende aderire o che intenda promuovere.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 69
Composizione e articolazione del Collegio dei Docenti:
1- Il Collegio dei Docenti è costituito da tutti i docenti in servizio presso l’istituzione
scolastica ed è presieduto dal Team Direttivo.
2- Esso si articola in dipartimenti disciplinari e interdisciplinari e in organi di
programmazione didattico-educativa e di valutazione degli alunni di norma
corrispondenti a consigli dei docenti della classe. Il Team direttivo può prevedere
differenti articolazioni funzionali di gruppi di docenti. Ciascuna articolazione
elegge un proprio coordinatore.

6.3.3. Consiglio di Intersezione
Per la scuola primaria, tutti i docenti e due rappresentanti dei genitori per ciascuna
delle classi interessate costituiscono il Consiglio di intersezione, presieduto dal direttore o
un docente delegato, facente parte del consiglio.
Viene indetto con cadenza mensile. Tre volte all’anno è chiamata a partecipare la
componente genitori.

6.3.4. Consiglio di Classe
Per la scuola secondaria (sia di primo che di secondo grado), tutti i docenti della
classe e due rappresentati dei genitori e, per la scuola superiore, anche due rappresentanti
degli alunni costituiscono il Consiglio di Classe, presieduto dal direttore o un docente
delegato, facente parte del consiglio.
Viene indetto con cadenza mensile. A chiusura di ciascun trimestre si svolgono le
operazioni di scrutinio. Tre volte all’anno è chiamata a partecipare la componente genitori.

6.3.5. Principali compiti e funzioni
Il Consiglio d’intersezione, quello d’interclasse e di classe, hanno il compito di
formulare al Collegio dei Docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica e a
iniziative di sperimentazione, nonché quello di agevolare ed estendere i rapporti reciproci
tra docenti, genitori ed alunni.

Formazione e aggiornamento

7.1. Aggiornamento: finalità e inquadramento istituzionale
La legge 107/2015 prevede che la formazione sia strutturale, permanente ed
obbligatoria. Le azioni di formazione devono essere coerenti con il Piano Triennale
dell’offerta formativa, e devono puntare sull’ottimizzazione dei servizi scolastici e delle

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 70
competenze didattico-pedagogiche dell’intero corpo docenti, nonché del Team di
direzione.
La formazione e l’aggiornamento sono aspetti fondamentali all’interno del Piano di
Miglioramento della Scuola Paritaria Dante Alighieri, ed hanno alla base il Piano per la
Formazione dei Docenti durante il periodo 2016-2019 stabilito dal Ministero
dell’Istruzione, Universit{ e Ricerca, il Piano Nazionale di Aggiornamento dei Docenti
(PNFP) stabilito dal Ministero d’Istruzione Argentino e il Piano Nazionale Nuestra Escuela
organizzato e regolato dalla Segreteria di Qualit{ del Ministero d’istruzione di Córdoba.

7.2. Corsi e proposte di aggiornamento
Corsi Docenti Scuola Media e Superiore iniziato nel 2015
Documento unico di riferimento nelle norme di convivenza in ambito scolastico
Educazione sessuale integrale
Clima scolastico
Corsi Docenti Scuola Media e Superiore iniziato nel 2016
Valutazione, strumenti e processi di valutazione. Integrazione dei cambiamenti
necessari per il processo di valutazione formativa
Miglioramento negli apprendimenti attraverso lo sviluppo delle capacità
fondamentali a livello generale e approfondimento per gli insegnanti di lingua,
matematica e scienze
Corsi Docenti Scuola Media e Superiore iniziato nel 2017
Priorità pedagogiche e apprendimento situato Accordi istituzionali per affrontare
le priorità pedagogiche
Accordi didattici per aree e disciplinari per applicare, monitorare e valutare il
progresso delle priorità pedagogiche in particolare dal punto di vista della
comprensione del testo
Valutazione: Principi e criteri di valutazione
Diversità nell'istruzione e nella scuola
Classi eterogenee
Piano Nazionale Nuestra Escuela
Programma 2017: Approfondimento delle conoscenze didattiche.
Seminari di formazione e perfezionamiento
Corsi specifici:
o Oralità
o Lettura e scrittura
o Comprensione del testo

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 71
Corsi di lingua italiana
Corso di aggiornamento e formazione glottodidattica (2 settimane) in Italia per
docenti di lingua italiana.
Corso di lingua italiana (1 mese) in Italia per docenti delle diverse discipline.
Corso annuale di lingua italiana B1, B2, C1 per docenti e per il personale della
scuola.
Nel rispetto delle disposizioni legali di entrambi gli enti nazionali a cui la Scuola fa
riferimento (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Ministero
dell’Istruzione, Universit{ e Ricerca della Repubblica Italiana e Ministerio de Educación
della Repubblica Argentina), le attività di formazione individuale vengono fomentate ai fini
di consentire l’aggiornamento continuo degli insegnanti. Saranno pertanto fomentate
attività di ricerca, cooperazione con enti locali e istituzioni universitarie, partecipazione a
convegni e corsi di aggiornamento e formazione sia in Argentina che all’estero.

Gestione delle risorse

8.1. Risorse della Scuola Paritaria Dante Alighieri
8.1.1. Risorse interne: strutture e servizi
All'interno dell'Istituzione scolastica sono funzionanti:
3 laboratori mobili di informatica con 30 netbook ognuno.
5 videoproiettori mobili
Biblioteca
Laboratorio di Fisica, Chimica e Biologia
Sala di Educazione Artistica
Mensa e cucina
Sportello di accoglienza
Palestra coperta con due spogliatoi
2 sale conferenza (allestite per sala video)
Campo sportivo
Struttura adeguata ad accogliere alunni diversamente abili
Lavagne interattive multimediali nelle classi
Laboratorio di Lingue Straniere (edificio attiguo alla scuola)

8.1.2. Criteri, modalità e regolamento per l’utilizzo degli spazi e delle risorse
Le regole di utilizzo delle risorse rispondono a criteri di massima fruibilità,
assistenza continua e guida dei modi e metodi di fruizione delle stesse. A tale scopo,

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 72
vengono designati insegnanti e collaboratori responsabili, vengono programmati i
cronogrammi e gli orari delle classi, e si presentano le seguenti regole, approvate dal
Collegio Docente:
i laboratori sono utilizzati da ciascuna classe o sezione della scuola almeno un'ora
alla settimana secondo l'orario previsto dai responsabili;
gli alunni possono usufruire dei laboratori solo se accompagnati da un insegnante;
è consigliabile lavorare con piccoli gruppi o con la presenza di due insegnanti;
il materiale utilizzato deve essere lasciato in ordine;
ogni eventuale danno deve essere tempestivamente segnalato all'insegnante e/o
responsabile, senza cercare di manomettere le apparecchiature;
in nessun caso gli alunni devono essere lasciati soli nei laboratori;
al termine della lezione l'insegnante deve chiudere il laboratorio e assicurarsi che
le finestre siano chiuse e la corrente staccata;
i laboratori non possono, per nessun motivo, essere utilizzati per scopi diversi da
quelli a cui sono destinati.
tutti gli operatori scolastici ed in particolare il personale ausiliare, si impegnano
affinché l’edificio scolastico sia pulito, accogliente e sicuro. L’impegno è teso a far sì
che le condizioni d’igiene e di sicurezza dei locali e dei servizi garantiscano agli
alunni ed al personale una permanenza a scuola confortevole.
La scuola si impegna a sensibilizzare le istituzioni interessate affinché sia garantita
agli alunni, nell’ambito della struttura scolastica, la sicurezza interna ed esterna.
La scuola, in riferimento alle condizioni ambientali dà informazione ai genitori dei
seguenti fattori di qualità:
▪ numero, dimensioni e dotazione delle aule dove si svolge la normale
attività didattica;
▪ numero, tipo, dimensioni, dotazioni e orari di disponibilità delle aule
speciali: laboratori, palestre, sale proiezioni, biblioteca e laboratorio di Fisica,
Chimica e Biologia;
▪ numero, dimensioni, dotazione orario di disponibilità di servizio per
fotocopie e cartoleria, mezzi informatici e vendita delle divise;
▪ numero, dimensioni, dotazione, orario settimanale di apertura e
modalità per la consultazione e prestito dei testi delle biblioteche;
▪ numero dei servizi igienici;
▪ spazi esterni attrezzati e non;
▪ piano di evacuazione dell’edificio in caso di calamit{.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 73
8.2. Risorse umane interne
8.2.1. Team direttivo
È un gruppo di lavoro consapevole e professionalmente responsabile di compiti e
scelte organizzativo-gestionali, dai quali dipende il lavoro di tutte le componenti operanti
all’interno dell’Istituto.
La struttura della scuola esige una rete organizzativa e relazionale che favorisca la
decisionalità diffusa e partecipata. È pertanto importante garantire un elevato livello di
conduzione sinergica sulle linee educative, sui traguardi formativi, sui progetti unitari,
sulle fondamentali scelte organizzative.
Il Team direttivo si caratterizza come micro-organizzazione che gestisce “spazi
decisionali” ben definiti e, attraverso la sinergia degli interventi, contribuisce a
determinare la proposta complessiva della scuola.
La funzione principale del team direttivo è quello di assicurare il coordinamento
generale della scuola in forma verticale, nonché l’integrazione efficiente del curricolo
italiano ed argentino in tutti gli ordini scolastici:
Assicura la gestione unitaria dell’istituzione nel perseguimento dell’obiettivo della
qualit{ e dell’efficienza del servizio scolastico;
assume le decisioni ed attua le scelte di sua competenza volte a promuovere il
P.T.O.F., sia sotto il profilo didattico-pedagogico, sia sotto quello organizzativo;
promuove e valorizza le risorse umane e professionali e cura la gestione delle
risorse strumentali;
coordina il calendario dei Collegi dei docenti.
Il Team di direzione, nell’assoluzione dei propri compiti fa riferimento ai seguenti
obiettivi:
razionalizzazione delle risorse strumentali;
orientamento e promozione di iniziative finalizzate all’innovazione metodologico-
didattica;
promozione della cultura dell’autonomia;
valutazione dell’efficacia dell’offerta formativa;
valorizzazione delle risorse umane;
creazione di un sistema di diffusione dell’informazione e delle conoscenze che possa
diventare patrimonio comune.
Le riunioni di coordinamento del Team si svolgono tutti i giovedì dalle ore 11.00
alle ore 12.00. Sono anche previste riunioni con i diversi coordinatori di ogni ordine.

8.2.2.1. Direttrice Didattica Generale

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 74
Valuta la performance docente insieme ai diversi coordinatori dei dipartimenti
disciplinari, fa attività di monitoraggio
Prende decisioni riguardanti problemi di apprendimento e di comportamento
insieme all’equipe psicopedagogica della scuola.
Convoca e presiede il Collegio dei Docenti
Funge da supporto organizzativo ai coordinatori d’area per la programmazione
curricolare ed extracurricolare d’aree, alla valutazione e alla verifica della concreta
attuazione del P.T.O.F.
Convoca e presiede il Consiglio d’interclasse, di classe e le riunioni di dipartimento
disciplinare.
Promuove e coordina iniziative specifiche (scambi culturali ed interculturali,
simposio di critica socioculturale, settimana della lingua e cultura)
Promuove l’aggiornamento e perfezionamento dei docenti di lingua italiana e dei
docenti CLIL.

8.2.1.2. Direttori
I Direttori della scuola argentina dei diversi ordini (scuola dell’infanzia, primaria e
secondaria), verificano l’applicazione delle norme giuridiche ed amministrative
riguardanti alunni, docenti e non docenti.

Tengono i rapporti con l’Amministrazione Scolastica, con gli Enti locali e con gli
organi del Ministero della Pubblica Istruzione argentino. Sono responsabili dell’azione
disciplinare nei confronti del personale docente e degli studenti. Si occupano della
gestione dei rapporti con l’esterno.

8.2.1.3. I coordinatori d’area
Nella scuola secondaria essi coordinano la programmazione disciplinare.
Promuovono e raccolgono le proposte di aggiornamento in campo metodologico-didattico
che riformulano in piani operativi.
Promuovono delle iniziative volte all’interdisciplinarit{, pluridisciplinarit{.
Formulano proposte relative alle attività extracurricolari (CONI; stage) e
stabiliscono dei rapporti con l’esterno per iniziative specifiche di ogni indirizzo (gestione
aziendale e linguistico umanistico).

8.2.1.4. Altri collaboratori

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 75
Nella scuola secondaria di primo e secondo grado essi coordinano l’orario docenti
(attività curricolari). Fungono da supporto organizzativo per le uscite didattiche e i viaggi
d’istruzione.
Coordinano insieme al vicedirettore la commissione “formazione classi”. Sono di
supporto al Vicedirettore per tutto ciò che attiene alla gestione quotidiana (assenze
docenti, supplenze, giustificazioni studenti, ecc.). Controllano il registro di classe e le
assenze degli studenti.
Coordinano l’area supporti/sussidi didattici, in collegamento con i responsabili di:
biblioteca;
laboratorio di Fisica, Chimica e Biologia;
laboratorio d’informatica;
audiovisivi;
laboratorio di Lingue Straniere.

8.2.2. Responsabili di laboratorio
Ad essi sono attribuiti i seguenti compiti:
garantire le norme di sicurezza
proiettare lezioni per le diverse classi insieme ai docenti
gestire gli orari ed assicurare l’uso democratico di questi spazi
segnalazione usura, rotture, manomissioni e conseguenti proposte di intervento;
formulazione e presentazione piani per eventuali completamenti e rinnovi parziali o
totali;
piani di aggiornamento per i docenti che dovessero utilizzarli

8.2.3. Responsabili di amministrazione e segreteria
Il personale amministrativo costituisce una componente assai importante
dell’istituzione scolastica, che collabora all’opera educativa dell’Istituto e ne assicura la
funzionalità secondo le norme vigenti.
I segretari fungono da supporto organizzativo per tutto ciò che attiene alla
gestione quotidiana (assenze docenti, giustificazioni, pratiche amministrative riguardanti i
docenti).
Gestiscono il personale dal punto di vista giuridico-normativo.
La scuola indica gli standard sottoelencati ed individuati al fine di garantire
l’efficienza dei propri servizi amministrativi:
▪ trasparenza
▪ flessibilità degli orari per il pubblico

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 76
▪ informatizzazione
Una volta fissati, gli standard vengono adeguatamente pubblicizzati ed il personale
amministrativo ed ausiliario della scuola s’impegna a garantirne l’osservanza e il rispetto.
La scuola, compatibilmente con la propria dotazione organica di personale
amministrativo, garantisce un orario di apertura al pubblico, dalle ore 7:30 alle ore 16,
funzionale alle esigenze degli utenti e del territorio.
La scuola compatibilmente con le proprie disponibilit{ di organico, s’impegna a
garantire che presso l’ingresso e presso gli uffici, siano presenti operatori scolastici in
grado di fornire le prime informazioni per la fruizione del servizio.

8.2.4. Équipe psicopedagogica
L’equipe psicopedagogica della scuola è composta da quattro psicopedagogiste e
due psicologi. Essi curano i rapporti con gli studenti con particolare riguardo al
comportamento, alla partecipazione, al dialogo educativo, agli aspetti socio – psicologici
dei gruppi classi
Il servizio si rivolge in particolare a:
● docenti, per facilitare la gestione dei processi psicosociali e pedagogici
legati all’apprendimento; screening sui pre-requisiti all’apprendimento nel primo
anno della scuola primaria e sulle abilità di letto-scrittura all’ingresso della scuola
secondaria (in collaborazione con i docenti)
Continuità tra scuola primaria e secondaria a cura della psicopedagogista in carico
presso la scuola secondaria
● famiglie, per impostare una collaborazione operativa su obiettivi
educativi comuni a casa e a scuola e per potenziare le risorse nella gestione delle
eventuali difficoltà dei figli;
● alunni, per conoscere meglio sé stessi e le proprie potenzialità, per
accompagnarli nel passaggio dalla scuola primaria a quella secondaria e per far
crescere una capacità decisionale in grado di operare scelte realistiche e ben
ponderate. Orientamento per le classi III della scuola secondaria per facilitare la
scelta d’indirizzo.
Attività di orientamento per gli studi universitari, destinate agli studenti
dell’ultimo anno della superiore.

8.2.5. Docenti
Nel rispetto delle norme costituzionali e degli ordinamenti della scuola stabiliti
dalle leggi dello Stato, ai docenti è garantita la libertà di insegnamento.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 77
La funzione docente realizza il processo di insegnamento/apprendimento volto a
promuovere lo sviluppo umano, culturale, civile e professionale degli alunni, sulla base
delle finalità e degli obiettivi prefissati.
La funzione docente si fonda sull’autonomia culturale e professionale dei docenti,
intesa nella sua dimensione individuale e collettiva.
Nella loro dimensione collegiale i docenti elaborano, attuano e verificano per gli
aspetti pedagogico-didattici il P.T.O.F. adattandone l’articolazione alle differenziate
esigenze degli alunni e tenendo conto del contesto socio-economico e culturale di
riferimento.
I docenti, oltre a svolgere le attività di insegnamento, espletano le altre attività
connesse con la funzione docente. In particolare, essi:
partecipano alle attivit{ di formazione nell’ambito del piano annuale deliberato dal
Collegio dei Docenti;
partecipano alle riunioni degli Organi Collegiali di cui fanno parte.
partecipano alla realizzazione delle iniziative educative della scuola.
curano i rapporti con i genitori.

8.3. Organico delle risorse umane
In ottemperanza alla legge 17/2015, viene di seguito indicato il fabbisogno di posti
comuni e di sostegno dell’organico e dell’autonomia, sulla base del monte orario degli
insegnamenti e alle classi e loro sezioni; il fabbisogno dei posti per il potenziamento
dell’offerta formativa; e il fabbisogno relativo ai posti del personale amministrativo,
tecnico e ausiliario.
Per il periodo 2018 – 2020, si delinea orientativamente il fabbisogno di posti in
organico dell’autonomia di seguito illustrato:
Posti comuni a tutti i gradi di istruzione
Numero di Numero di posti
Area Funzione
posti comuni di potenziamento
Organico Impiegati amministrativi 3
1
amministrativo Contabili 2
Area tecnica Tecnici di laboratorio 2 -
Ufficio stampa Social Manager 1 -
Totale numero di posti comuni 8 1

Scuola dell’Infanzia
Numero totale di classi a tempo breve: 12
Numero di Numero di posti
Area Funzione
posti comuni di potenziamento
Organico ATA Collaboratori scolastici 2 -
Organico Segretarie 1 -

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 78
amministrativo
Organico area
Supporto tecnico 1 -
tecnica
Docenti scuola paritaria: area
8 1
lingua italiana
Docenti scuola paritaria: area
16 -
lingua spagnola
Organico
Docenti scuola paritaria: area
Docenti 3 -
artistico-musicale
Docenti scuola paritaria: area
sportiva e delle scienze 4 -
motorie
Totale numero di posti Scuola dell’Infanzia 35 1

Scuola Primaria
Numero totale di classi a tempo pieno: 17
(s’intende aprire un’altra sezione di tempo pieno nell’anno scolastico 2019 australe)
Numero di Numero di posti
Area Funzione
posti comuni di potenziamento
Organico ATA Collaboratori scolastici 1 1
Organico
Segretarie 1 1
amministrativo
Docenti scuola paritaria: area
14 2
linguistica e umanistica
Docenti scuola paritaria: area
17 -
matematica e lingua spagnola
Organico
Docenti scuola paritaria: area
Docenti 5 -
artistico-musicale
Docenti scuola paritaria: area
sportiva e delle scienze 4 -
motorie
Totale numero di posti Scuola Primaria 42 4

Scuola Secondaria di Primo e Secondo Grado
Numero totale di classi a tempo pieno: 17
(S’intende aprire un’altra sezione di tempo pieno nell’anno scolastico 2019 australe per
la prima classe della Scuola Secondaria di Secondo Grado e un’altra per l’anno scolastico
2020 australe)
Numero di Numero di posti
Area Funzione
posti comuni di potenziamento
Organico ATA Collaboratori scolastici 2 1
Organico
Segretarie 2 -
amministrativo
Docenti scuola paritaria: area
24 2
linguistica e umanistica
Docenti scuola paritaria: area
13 2
matematica e scienze
Organico
Docenti scuola paritaria: area
Docenti 3 1
artistico-musicale
Docenti scuola paritaria: area
sportiva e delle scienze 5 1
motorie

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 79
Totale numero di posti Scuola Secondaria 49 7

A dicembre di ogni anno scolastico, nell’aggiornamento del Piano Triennale
dell’Offerta Formativa previsto dalla norma, sar{ poi computato il fabbisogno per l’anno
scolastico successivo alla luce delle reali iscrizioni e all’effettivo avvio delle iniziative
progettuali presentate nel P.T.O.F.

Monitoraggio ed autovalutazione

9.1. Linee guida per il monitoraggio e l’autovalutazione
Il monitoraggio delle attivit{ svolte all’interno della nostra scuola e la valutazione
dei progetti didattici ed extrascolastici, nonché della trasparenza nella gestione delle
risorse e del lavoro docente in genere è motivato dall’ingente necessit{ di stabilire validi
criteri e linee guida per il miglioramento dell’offerta formativa e l’ottimizzazione degli esiti
scolastici, comportamentali e socioculturali.
In particolar modo, le proposte per l’autovalutazione e il monitoraggio prenderanno
verranno articolate e avviate secondo quanto proposto dal Piano di Miglioramento della
scuola, tenuto conto di quanto esplicitato in questo documento istituzionale.
Si tenderà dunque a sviluppare azioni finalizzate a migliorare la qualità dei servizi
erogati dalla scuola, nell’ottica della verificazione dei curricoli e a potenziare la
valutazione della performance individuale e organizzativa.

9.2. Piano di Miglioramento
Il presente Piano di Miglioramento si colloca sulla una linea di stretta correlazione e
coerenza con le attività, i progetti e gli obiettivi facenti parte il P.T.O.F. 2018-2020.
Rappresenta inoltre la politica strategica della nostra scuola per intraprendere un’azione
di qualità, sulla base delle priorità, dei traguardi e degli obiettivi fissati in sede di
autovalutazione istituzionale.

9.2.1. Nucleo Interno di Valutazione
Per l’anno scolastico 2018, viene istituito il Nucleo Interno di Valutazione, in
applicazione dell’art. 5, comma 1 del Decreto Presidenziale n. 275/1999 riguardante la
libertà progettuale per la promozione e il sostegno dei processi innovativi e il
miglioramento dell’offerta formativa.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 80
Il numero complessivo dei componenti è di 5, di cui: la Preside della Scuola, 1
insegnante appartenente alla Scuola Primaria, 1 per la Scuola Secondaria di Primo e
Secondo Grado e 2 per la Scuola Secondaria di Secondo Grado.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 81
Nome e Cognome Ruolo
Claudia Zannier Preside
Patricia Ossola Docente Sc. Primaria.
Federico Fernández Astrada Docente Sc. Sec. di Primo e Secondo Grado
Fanny Cativa Docente Sc. Sec. di Primo e Secondo Grado
Daniele Petrella Docente Sc. Sec. di Secondo Grado

I compiti del Nucleo Interno di Valutazione vengono di seguito indicati:
Favorire e sostenere il coinvolgimento di tutta la comunità scolastica,
promuovendo momenti di incontro e di condivisione degli obiettivi e delle
modalità operative del processo di miglioramento.
Favorire le risorse interne, individuando e responsabilizzando le competenze
professionali più utili in relazione ai contenuti delle azioni previste.
Incoraggiare la riflessione dell’intera comunit{ scolastica attraverso una
progettazione mirante al miglioramento scolastico, basata sulla condivisione di
percorsi di innovazione.
Promuovere la conoscenza e la comunicazione del Piano di Miglioramento.

9.2.2. Articolazione del Piano di Miglioramento
Il Piano di Miglioramento si articola in due sezioni:
Priorità di miglioramento e traguardi: Priorit{, intese come “obiettivi generali che
la scuola si prefigge di realizzate nel lungo periodo attraverso l’azione di
miglioramento”. Questa sezione terr{ inoltre conto delle aree di processo e dei loro
obiettivi in riferimento alle priorità esplicitate.
Azioni specifiche per la realizzazione delle priorità e degli obiettivi di processo.
Allo scopo di permettere uno sguardo d’insieme sul Piano, le diverse sezioni
verranno di seguito presentate con schede riassuntive.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 82
9.2.2.1. Priorità di miglioramento e traguardi
Priorità di miglioramento e traguardi
Priorità Traguardi Processi coinvolti
Area di Processo Obiettivi di processo
Rendere più efficace l’attivit{
Curricolo, di dipartimenti disciplinari
progettazione e nella condivisione dei criteri
valutazione di valutazione e nella gestione
Migliorare le competenze
Risultati di prove comuni.
nella comprensione e
scolastici produzione del testo.
Realizzare percorsi
disciplinari di recupero e
Ambiente
consolidamento con
d’apprendimento
metodologia laboratoriale e
apprendimento collaborativo.
Attivare percorsi di lavoro
con docenti dei tre ordini di
scuola.
Curricolo, Proporre incontri miranti agli
progettazione e scambi metodologico-
Potenziare il contatto degli
valutazione didattici.
Incremento della studenti con le strutture,
Calendarizzare incontri con i
verticalizzazione alunni e docenti degli ordini
docenti dei diversi ordini di
successivi.
scuola.
Istituire una commissione
Continuità / continua e trasversale
Orientamento finalizzata alla fusione dei
curricoli degli anni-ponte.
Integrare le programmazioni
Migliorare gli esiti delle Curricolo,
con contenuti e metodi più
prove scritte di Italiano, progettazione e
aderenti alle richieste degli
Matematica e Inglese. valutazione
Esami di Stato.
Cogestire in modo
Curricolo,
interdisciplinare proposte di
Risultati negli progettazione e
lavoro e di raccordo fra gli
Esami di Stato Fomentare la preparazione valutazione
insegnamenti.
pluridisciplinare per i
Organizzare classi aperte o
colloqui degli Esami di
tempi dedicati ai fini di
Stato. Inclusione e
favorire il recupero e lo
differenziazione
sviluppo degli apprendimenti,
per gruppi di livello.
Competenze Stimolare la partecipazione Elaborare uno strumento
Curricolo,
degli studenti alla vita della comune per la valutazione
chiave di scuola e alle attività rivolte
progettazione e
delle competenze chiave di
cittadinanza valutazione
alla società. cittadinanza.
Proporre piani di formazione
per i docenti con corsi
Sviluppo e specifici di formazione con
Ottimizzare la formazione valorizzazione enti accreditati per la
Formazione e del corpo docente, in delle risorse formazione in Italia.
particolare delle aree umane Portare avanti progetti di
aggiornamento linguistiche e umanistiche e formazione interna su aspetti
docente in relazione all’uso delle legati all’uso delle TIC.
TIC. Diffondere l’uso delle risorse
Ambiente tecnologiche a supporto delle
d’apprendimento azioni didattiche e delle
attività di apprendimento.

9.2.2.2. Azioni specifiche per la realizzazione delle priorità

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 83
Azioni specifiche per la realizzazione delle priorità e degli obiettivi di processo
Priorità Azione previse
1. Formazione docente in situ, all’interno del Piano Nazionale di
Formazione “Nuestra Escuela” sulla tematica delle competenze di
lettura e scrittura.
2. Raccolta e analisi delle prove scritte degli studenti in diverse
discipline.
Risultati 3. Analisi ed esplicitazione dei criteri di valutazione della produzione
scolastici scritta, con particolare riferimento alla chiarezza espositiva e
completezza delle informazioni (anche in merito alla redazione di
consegne e progettazione di verifiche).
4. Esplicitazione di tali criteri sulle programmazioni e comunicazione
agli studenti.
5. Controllo dell’effettiva applicazione di tali criteri durante le lezioni.
1. Incontri informativi finalizzati allo scambio di dati e informazioni con
gli insegnanti dei diversi ordini di scuola.
2. Condivisione dei criteri di valutazione e di lavoro fra i diversi ordini
di scuola.
Incremento della 3. Implementazione di materiale orientativo per gli anni-ponte fra i
verticalizzazione diversi ordini: materiale di accoglienza e attività di integrazione.
4. Condivisione degli esiti dei primi anni di ogni grado di istruzione.
5. Lavori di articolazione e armonizzazione per minimizzare gli effetti
negativi del passaggio dalla Scuola Media a quella Superiore di
Secondo Grado della Scuola argentina (4° año / II Liceo).
1. Analisi dei risultati delle prove scritte di Italiano, Matematica e
Inglese.
2. Controllo dei documenti di valutazione: rapporto fra i risultati degli
Scrutini e quelli degli Esami di Stato.
3. Organizzazione di percorsi di recupero all’interno delle
programmazioni disciplinari, a partire dalla 5ta classe della Scuola
Primaria e fino alla 3za classe della Scuola Superiore di Primo Grado.
Risultati negli 4. Organizzazione di incontri con genitori di studenti che dimostrano
Esami di Stato particolari difficoltà nelle diverse aree ai fini di portare avanti piani di
intervento specifici.
5. Calendarizzazione di prove di simulazione con caratteristiche simili a
quelle previste dal MIUR per lo svolgimento delle prove di Esame di
Stato.
6. Monitoraggio degli esiti.
7. Assegnazione ai docenti di un’ora di potenziamento per recupero,
approfondimento, ecc.
1. Coinvolgimento degli studenti della Scuola Secondaria di Primo e di
Secondo Grado nella realizzazione di giornate speciali dedicate al
Competenze
trattamento di argomenti di tipo socio-culturale e di attualità, come
chiave di
Educazione Sessuale o Accordi Scolastici di Convivenza (AEC).
cittadinanza
2. Organizzazione di giornate di formazione per i rappresentanti di
classe.
1. Attivazione di corsi di aggiornamento sugli strumenti multimediali,
Formazione e
di autoaggiornamento sulla valutazione e sull’uso delle TIC.
aggiornamento
2. Attivazione di corsi di aggiornamento sulle buone pratiche
docente
scolastiche, erogati da Enti Formativi Accreditati.

Scuola Paritaria Dante Alighieri
Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2018-2020 84