You are on page 1of 127

Ing.

Luca Nicotra
www.nicotradesign.it
luca.nicotra1949@gmail.com

Corso Mechanical Design con CATIA V5


Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale
Università degli Studi “Sapienza” Roma

Testo di riferimento:
Luca Nicotra, Francesca Campana (a cura di) Ingegneria Assistita dal Computer, Vol 1,
Roma, UniversItalia, 2° edizione (libro+DVD)
Generalità sui sistemi CAD
Principi di progettazione meccanica con CATIA V5
Sketcher variazionale

Finalità e limiti dell'uso del CAD nel mondo industriale attuale. Concetti fondamentali alla base di un
qualunque sistema CAD. lnterfaccia utente e tool fondamentali di CATIA V5, fra cui le interfacce di
scambio dati neutre DXF, IGES, STEP. Approccio alla progettazione meccanica con CATIA V5. Utilizzo
del modellatore geometrico variazionale di CATIA V5 in ambiente sketch 2D, strumento necessario per
generare le feature solide e per superfici di tipo sketch-based che compongono una parte.

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 2
Domini applicativi CATIA V5

157 Prodotti suddivisi in domini applicativi:

1. Mechanical Design
2. Shape Design & Styling
3. Product Synthesis / Knowledgeware /DMU
4. Equipment & Systems Engineering
5. Analysis
6. Machining
7. Infrastructure
8. Web-based Learning
9. CAA RADE

Sito Dassault Systemes:


http://www.3ds.com/products-services/catia/products/v5/portfolio/ /

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 3
Piattaforme SW CATIA V5

Prodotti CATIA V5
P3 molto specialistici
Platform

SOLID
X

Prodotti CATIA V5
P2
Platform riservati alla
Grande/Media
SOLID
X
Industria

P1 Prodotti CATIA V5
Platform
SOLID riservati alla Piccola
X

Industria

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione
4 1
Acronimi Informatica Industriale

 CAD = Computer Aided Design


 CAM = Computer Aided Manufacturing
 CNC = Computer Numerical Control
 CAPP = Computer Aided Process Planning
 CAE = Computer Aided Engineering
 CAT = Computer Aided Testing, Computer Aided Tolerancing
 PDM = Product Data Management
 MRO = Maintenance Repair and Overhaul
 ERP = Enterprise Resources Planning
 CRM = Customer Relationship Management
 SCM = Supplier Chain Management
 PLM = Product Lifecycle Management

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 6
In origine singole applicazioni scollegate

Le prime applicazioni CAD, CAE, CAM sono state sviluppate intorno al 1960
nell’industria aeronautica e automobilistica, per risolvere particolari problemi di
progettazione/produzione, e in alcune università degli USA, per finalità di
ricerca applicata. Si trattava, dunque, di singoli programmi utilizzati in forma
proprietaria, cioè soltanto per particolari usi interni.

Per lo sviluppo dell’interattività uomo-macchina fondamentale è stata la


scoperta, nel 1963, di Ivan Sutherland, al Massachusetts Institut of
Technology: la possibilità di creare e manipolare immagini in tempo reale su
un terminale video a raggi catodici.

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 7
Da singole applicazioni a sistemi

Il successo ottenuto nei risultati conseguiti con il loro utilizzo “privato” ha


spinto alcuni dei loro creatori a immettere sul mercato quelle stesse
applicazioni, facendole diventare prodotti commerciali. Le singole applicazioni
CAD, CAE, CAM, CAT vengono raccolte e coordinate in pacchetti SW
commerciali che svolgono ciascuno un preciso compito:

 CAD = Computer Aided Design


 CAM = Computer Aided Manufacturing
 CAE = Computer Aided Engineering
 CAT = Computer Aided Testing o Computer Aided Tolerancing

Si tratta di singoli sistemi CAD, CAM, CAE, CAT isolati ovvero non integrati:
non condividono né lo stesso database né la stessa interfaccia utente

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 8
Sistemi CAD/CAE/CAM/CAT integrati

 L’utilizzo dei singoli sistemi CAD, CAM, CAE, CAT pone problemi di scambio
dati fra i vari sistemi. Per collegare le varie funzioni dei sistemi è indispensabile
avere:

o unica interfaccia utente


o unico database geometrico

Si afferma il concetto di unicità del repository dei dati di progetto

 L’integrazione fra sistemi CAD, CAM, CAE, CAT diviene completa quando si
realizza l’associatività trasversale fra le varie applicazioni: le modifiche al
modello geometrico (CAD 3D) si propagano automaticamente ai disegni (CAD
2D), alle analisi strutturali (CAE), alle lavorazioni meccaniche programmate sul
modello geometrico (CAM), ai processi di collaudo dimensionale (CAT).

Nascono i sistemi integrati CAD/CAE/CAM/CAT

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 9
Il ruolo del CAD nel ciclo di vita
di un prodotto industriale
I modelli CAD del prodotto devono essere il riferimento unico di tutto il
processo di progettazione, di ottimizzazione, di documentazione e di
produzione. Ogni modifica deve essere effettuata su tali modelli.

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 10
Modelli di progettazione meccanica

 Modello di Shigley
 Modello di Pighini
 Modello di Pahl-Beitz
 Modello di Ohsuga

Qualunque sia il modello di progettazione adottato, si arriva alla soluzione


finale iterando un certo numero di volte alcuni passi del processo stesso. Le
modifiche (Engineering Changes) assumono un ruolo fondamentale
nell’intero processo di progettazione.

Il CAD deve gestire in maniera rapida e sicura le modifiche

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 11
Le tecnologie informatiche
nel ciclo di sviluppo di un prodotto industriale

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 12
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 13
Concurrent Engineering
I metodi di progettazione-produzione tradizionali sono sequenziali e a
scatole chiuse e sono poco efficaci per risolvere problemi di:

o competitività
o abbattimento costi di progettazione-produzione
o miglioramento della qualità

Per risolvere questi problemi è necessario dare la possibilità a tutti i


soggetti coinvolti nel ciclo di sviluppo del prodotto di intervenire
tempestivamente con le proprie competenze specifiche.

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 14
Concurrent Engineering
 Definizione data dal «Business Week», luglio 1991:
«Approccio sistematico alla progettazione integrata dei prodotti e dei processi a loro
collegati, inclusi produzione, vendita e supporto tecnico»

 Una definizione più realistica:


Una metodologia (HW + SW) in grado di permettere in modo tempestivo il
coinvolgimento nel progetto di tutti i soggetti che possono apportare un contributo
costruttivo al suo sviluppo.

•Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 15
Product Data Management (PDM)
La progettazione, la produzione, il controllo di qualità, le successive attività di
manutenzione (logistica) e la vendita stessa di un prodotto manifatturiero producono
grandi quantità di dati di vario genere:

• documenti cartacei (richieste di preventivo, preventivi, offerte, specifiche, schede tecniche,


cataloghi, report sui test, standard utilizzati, disegni su carta, contratti, ordini d’acquisto, ecc.);
• documenti elettronici (file CAD di sistemi differenti, file immagini, file testo di diverso
contenuto, fogli elettronici, Pert, diagrammi di Gantt, ecc.).

Il PDM consente di archiviare tutti questi dati eterogenei in modo da permetterne


l’accesso rapido, sicuro e corretto in qualunque momento del ciclo di vita del prodotto da
parte di figure professionali diverse: progettisti, tecnologi, responsabili della
progettazione, della produzione, della logistica, responsabili commerciali, capi
programma.

Il PDM è uno strumento in grado di implementare con successo il Concurrent


Engineering. Non è un sistema chiavi-in-mano ma è un contenitore di template per le
procedure che devono essere personalizzate dalle varie compagnie.

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 16
Il Product Lifecycle Management (PLM)

Il concetto generale che si è affermato negli ultimi anni è quello della totale
integrazione, in un’unica suite, di tutte le applicazioni software in grado di
assistere l’azienda nell’intero ciclo di vita di un prodotto manifatturiero o di
processo.

 Metodologia:
Gestire l’intero ciclo di vita di un prodotto industriale utilizzando le tecnologie
CAx, il PDM e il Web, in modo da permettere la condivisione di informazioni sul
prodotto - e quindi del know-how aziendale - da parte di soggetti autorizzati
anche non fisicamente collegati fra loro, localizzati in siti geograficamente
lontani.

 Sistema (HW + SW):


Sistemi PLM, costituiti da suite di sistemi applicativi software note come
soluzioni per l’industria del PLM: MCAD, ECAD, CAE, CAM, PDM, Virtual
Product Design, ecc.

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 17
Il Product Lifecycle Management (PLM)

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 18
Impresa Virtuale Estesa
Stando alla sua denominazione, il PLM non dovrebbe ignorare i soggetti
esterni all’azienda produttrice (clienti, fornitori) anch’essi impegnati nella
gestione del ciclo di vita del prodotto. Il PLM per completare la sua mission
dovrebbe includere applicazioni di interfaccia con il cliente e con la catena dei
fornitori.
L’espressione più avanzata del PLM e quindi del Concurrent Engineering è:

Impresa Virtuale Estesa = PLM + CRM + ERP + SCM + WEB

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 19
Evoluzione dell’integrazione

 Singole applicazioni SW

 Sistemi CAD, CAM, CAE, CAT isolati

 Sistemi CAD/CAM/CAE /CAT integrati

 Sistemi PLM = CAD/CAM/CAE /CAT integrati + PDM

 Impresa Virtuale Estesa = CRM+PLM+ERP+SCM+WEB

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 20
Componenti di un sistema CAD

1. Sistema Interactive Computer Graphics (ICG)


• HW e SW compiti esecutivi
2. Progettista
• compiti creativi, propositivi, innovativi

Il progettista comunica con il sistema ICG attraverso


l’interfaccia utente

Aggiunta di un terzo componente: Sistema Esperto (SE)


• Sistema KAD = Knowledge Aided Design

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 21
Tipi di modellazione geometrica nei sistemi CAD

 Wireframe

 Superfici

 Solidi

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 22
I modellatori geometrici in base
alla creazione dei solidi
 B-rep (Boundary Representation): Il modello è realizzato con
l’unione delle facce in cui può pensarsi partizionata la sua superficie di
contorno (boundary), le quali devono avere area non nulla ed essere prive
di spigoli scollegati o di punti isolati. Modello privo di storia.
 CSG (Constructive Solid Geometry): Il modello è costituito da una
aggregazione di solidi (primitive e macroprimitive) ottenuta applicando
operazioni booleane (unione, sottrazione, intersezione) nonché
trasformazioni geometriche rigide (traslazione, rotazione, scalatura).
Operandi e operazioni sono memorizzati nelle foglie e nei nodi dell’albero
CSG. La foglia terminale è il solido CSG.
 Feature Based: Il modello è costituito da feature (forme caratteristiche)
che vengono create successivamente a partire da una feature base e sono
memorizzate secondo l’ordine di creazione in un albero di feature (albero di
specifiche), che quindi tiene traccia della cronologia dello sviluppo del
modello.
 Espliciti o diretti: Il modello è costituito da geometria creata
direttamente senza ricorrere a parametri, dipendenze funzionali, relazioni.
Privo di storia.
 Ibridi (espliciti + dimension-driven)

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 23
Esempio di modellazione B-rep

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 24
Esempio di albero CSG

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 25
Esempio di albero Feature Based

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 26
Esempio di modellazione esplicita

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 27
Tipi di vincoli in un disegno ingegneristico
 Vincoli geometrici di forma (parallelismo, perpendicolarità, stesso supporto, …)
 Vincoli geometrici dimensionali
o Scelta degli elementi indipendenti (parametrizzazione)
o Relazioni quantitative fra elementi della figura
 Vincoli ingegneristici (relazioni fra elementi della figura e parametri fisici)

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 28
Modi scegliere i parametri indipendenti

Esistono molteplici modi di scegliere gli elementi indipendenti di


una figura. Tale scelta viene fatta tramite l’assegnazione di
parametri ed è detta “parametrizzazione”.

Per un triangolo esistono 19 modi differenti:

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 29
I modellatori geometrici in base
alla creazione dei profili
 Modellatori a geometria esplicita statica: la geometria è “congelata” in
base ai valori delle dimensioni immessi.

 Modellatori dimension driven: la geometria viene modificata semplicemente


variando i valori delle sue dimensioni ed è quindi “guidata dalle dimensioni”.

 Parametrici, Variazionali
 I modellatori dimension driven risolvono quattro problemi
fondamentali:
1. ottenere rapidamente le varianti di progettazione (Engineering Changes);
2. ottenere rapidamente più soluzioni progettuali finali;
3. ottenere rapidamente una famiglia di parti (oggetti con stessi vincoli);
4. implementare al computer lo schema logico del processo progettuale (dati,
norme, assunti), consentendo di modificare gli assunti nel rispetto dei dati.
 I modellatori parametrici e variazionali hanno in comune:
• costruzione di una geometria iniziale e sua definizione tramite quote;
• applicazione dei vincoli alla geometria iniziale;
• utilizzo di un solutore di equazioni.

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 30
Schema logico della progettazione

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 31
Limiti dei modellatori parametrici
 La geometria iniziale deve essere isogeometrica.

 Esistono più modi di parametrizzare una stessa figura. La scelta


di una parametrizzazione, piuttosto che di un’altra, permette di
controllare direttamente soltanto le dimensioni parametrizzate.

 Non è possibile modificare la parametrizzazione iniziale e


pertanto non si possono ottenere dalla figura iniziale altre famiglie
di parti. Il progettista deve ripartire con accortezza, fin dall’inizio, gli
elementi della figura geometrica fra dati e assunti.

 Possibilità limitata di porre a sistema le equazioni che esprimono


tutti i possibili vincoli.

Tutti i limiti dei modellatori parametrici


sono rimossi dai modellatori variazionali

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 32
Cenni sui solidi manifold e non-manifold
In un solido manifold ciascuno spigolo deve essere condiviso da due facce soltanto e ogni
vertice deve essere adiacente a un insieme di facce che formano un singolo cono uscente da
esso. In altri termini, un solido manifold è un solido realizzabile fisicamente.

Esempi di solidi non-manifold

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 33
Modellazione geometrica
Knowledge driven

Il flusso progettuale è modulato non soltanto da regole fisico-matematiche, già


implementabili con i sistemi dimension-driven tramite relazioni di dipendenza fra le
dimensioni del modello geometrico 3D e fra queste e parametri fisici (equazioni
ingegneristiche), ma anche da norme di vario tipo (unificazione, prevenzione,
certificazione ISO, norme aziendali, ecc.), da esigenze logistiche, economiche,
dall’esperienza progettuale maturata, che risulta spesso sminuzzata in una miriade
di particolari scelte tecniche di vario tipo (particolari valori delle dimensioni, scelta
dei materiali, soluzioni costruttive, trattamenti superficiali, termici, ecc.). Queste
costituiscono il know-how aziendale, che può essere compiutamente implementato
nel sistema CAD tramite le knowledge feature della modellazione knowledge
driven.

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 34
Modellazione geometrica
Knowledge driven

Knowledge Features

 Parametri : variabili (di vario tipo) associate agli elementi geometrici


del modello
 Configurazione: un insieme coerente di valori di più parametri
 Relazioni: formule, regole, controlli, tabelle di progetto
 Formule: definiscono un parametro in funzione di altri
 Regole: un insieme di azioni che sono eseguite se si verificano
determinate condizioni (If..then…else)
 Controlli: un insieme di relazioni che devono essere verificate; se
non lo sono l’operatore viene avvertito con un messaggio.

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 35
Modellazione geometrica
Knowledge driven

Knowledge Features

 Relazioni: formule, regole, controlli, tabelle di progetto


 Tabelle di progetto: tabelle in formato Excel o testo, le cui
colonne sono dedicate ciascuna ad un parametro e le cui righe
contengono i valori prescelti per i singoli parametri. Una riga
corrisponde ad una configurazione.
 Reazioni: un insieme di azioni che sono eseguite automaticamente
dal sistema come reazione ad un evento su una feature geometrica o
un parametro (per es. risultato di un test). L’evento può essere:
creazione, cancellazione, update, drag and drop, cambiamenti del
valore di un parametro, cambiamenti degli attributi grafici di una
feature, inserimento o sostituzione di un componente, di una feature
d’utente.

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 36
Schema logico completo della progettazione

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 37
Modellazione Geometrica Automatica

La modellazione geometrica automatica si contrappone a quella interattiva propria


del CAD, in quanto i dati di input per la creazione del modello geometrico vengono
inseriti in un’unica soluzione, escludendo l’interattività uomo-macchina.
La modellazione automatica, quindi, può essere eseguita con un programma
batch, una volta inseriti i dati di input. Alcuni sistemi CAD attuali offrono la
possibilità all’utente di creare programmi di questo tipo (macro), che possono
essere richiamati ed eseguiti in background all’interno di una sessione di lavoro
CAD, per creare parti delle quali è stato standardizzato il progetto e per le quali
occorre semplicemente cambiare di volta in volta alcuni parametri.

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 38
Scambio dati fra sistemi CAD

Interfaccia diretta

Interfaccia neutra
(DXF, IGES, STEP)

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 39
Uno sguardo al futuro

1. Interfaccia tridimensionale (prototipo Beyond)


L’utente potrà creare schizzi e oggetti virtuali 3D direttamente nello spazio
tridimensionale.

2. Modellazione funzionale
Una completa sostituzione dell’oggetto reale con la sua rappresentazione virtuale
sarà possibile soltanto quando il modello CAD potrà fornire tutte le informazioni
necessarie a replicare virtualmente l’oggetto reale sotto tutti i punti di vista:
geometrico, dimensionale, meccanico, fisico, trattamenti termici, tolleranze,
trattamenti superficiali, versione, indice di configurazione.

3. Design deliverable: modelli 3D soltanto


Annotazioni PMI (Product and Manufacturing Information) norme ASMEY14.41
regole per descrivere completamente un prodotto tramite un modello 3D CAD.

4. Completa interoperabilità fra sistemi CAD diversi

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 40
Flusso del processo progettuale con CATIA V5

1. Modello 3D della parte:


1. Feature base sketch based (da profilo 2D con Sketcher o con
Work ng on Support)
2. Feature sketch based aggiuntive
3. Feature di dress-up
4. Eventuali Superfici solidi (feature surface based)
5. Inserimento Body
6. Eventuali operazioni booleane fra body (solidi CSG)
2. Modello 3D assieme
3. Generazione tavole disegno di parti e assiemi
4. Modifiche modelli 3D parti e assiemi
5. Aggiornamento automatico tavole disegno
6. Validazione progetto
7. Rilascio documentazione progettuale (modelli 3D e tavole disegno)

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 42
Tipi di file CATIA

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 43
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 44
Workbench

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 45
Interfaccia utente CATIA

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 46
Set-up dei vari ambienti di lavoro
Tools + Options

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 47
Struttura CATIA di un prodotto meccanico

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 48
Definizione di feature

“Una feature è l’insieme di più elementi geometrici correlati fra loro o


verso il mondo esterno da relazioni logiche (operazioni booleane),
costruttive, funzionali, in modo da formare idealmente un’entità unica,
ma non autonoma dal punto di vista progettuale, alla quale è
associata una precisa funzione.”

I fori (holes), le tasche (pockets), le scanalature (grooves), i rialzi


(pads), i rinforzi (stiffeners), le costole (ribs), cui generalmente si
pensa quando si parla di feature, sono soltanto alcuni casi particolari.

Tale definizione chiarisce e completa, dal punto di vista della


modellazione geometrica, il significato di struttura di un prodotto
meccanico, e possiede importanti implicazioni metodologiche,
consentendo un uso più razionale degli strumenti di modellazione
geometrica forniti dai sistemi CAD.

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 49
Autonomia di parti e feature

Autonomia geometrica:
significato geometrico compiuto

Autonomia progettuale:
progettualmente è ideato e costruito come entità a se stante, da
assemblare all’intero prodotto

Autonomia Autonomia
progettuale geometrica
Parte si si
Feature no si
globale
Feature no no
locale

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 50
Feature globali e locali

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 51
Corso Sketcher Catia V5

 Introduzione allo Sketcher CATIA


 Creazione di geometria
 Operazioni sulla geometria
 Assegnazione e gestione dei vincoli
 Analisi dello sketch
 Visualizzazione degli sketch
 Operazioni sullo sketch

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 53
Introduzione allo Sketcher CATIA

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 54
Sketch: User Interface

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 55
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 56
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 57
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 58
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 59
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 60
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 61
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 62
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 63
Creazione di geometria

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 64
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 65
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 66
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 67
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 68
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 69
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 70
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 71
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 72
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 73
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 74
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 75
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 76
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 77
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 78
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 79
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 80
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 81
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 82
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 83
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 84
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 85
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 86
Operazioni sulla geometria

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 87
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 88
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 89
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 90
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 91
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 92
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 93
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 94
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 95
Assegnazione e gestione dei vincoli

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 96
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 97
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 98
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 99
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 100
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 101
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 102
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 103
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 104
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 105
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 106
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 107
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 108
Famiglia di parti: tabella di progetto

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 109
Analisi dello sketch

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 110
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 111
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 112
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 113
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 114
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 115
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 116
Visualizzazione dello sketch

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 117
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 118
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 119
Operazioni sullo sketch

Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA


V5 - Lezione 1 120
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 121
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 122
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 123
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 124
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 125
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 126
Ing. Luca Nicotra - Mechanical Design con CATIA
V5 - Lezione 1 127