CO8TRUZ¡ON¡ ¡N ACC¡A¡O E TEN8O8TRUTTURE

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI,
CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI.

La tipologia è descritta in figura (pianta piano tipo).
In figura sono anche evidenziati i controventi orizzontali, mentre le disposizioni dei
controventi verticali è visibile nella figura in “presentazione – 3” a corredo del software
c_acc_pe.

























a, b, c, d: travi principali
e, f, g, h, i, l: travi secondarie (I);
m, n, o, p, q: travi secondarie (II);
S: solaio in lamiera grecata;
C: controventi orizzontali;
L: luce trave principale;
l: luce trave secondaria;
i: luce solaio.

Il software c_ac_mul contiene i seguenti moduli :

il software c_ac_IPE dimensiona le travi inflesse (in Fe 360) con riferimento a solai con
sovraccarico utile di 250 daN/m
2
e carichi non strutturali permanenti di 200 daN/m
2
;
congruenza con il limite di freccia di 1/500 della luce per effetto del sovraccarico.

Il software c_ac_HEA dimensiona le colonne compresse (in Fe 360), scegliendo da menù
3 diverse altezze di piano e dato il carico alla testa della colonna.


Il software c_ac_cvH calcola il peso totale dei controventi reticolari in acciaio (croce
Sant’Andrea con angolari a lati uguali) per valori della pressione del vento nell’intervallo
700 ÷ 800 Pa e in funzione della luce del controvento orizzontale stesso (distanza tra
controventi verticali).

Il software c_ac_cvV calcola il peso totale dei controventi reticolari (come sopra) in
funzione della luce, del numero di piani dell’edificio, e del carico orizzontale (daN/m),
essendo fissata a 3,3 m l’altezza di interpiano e a 6 m l’interasse tra le colonne verticali.

Un successivo software, c_ac_multip, (a breve) analizza complessivamente l’edificio
multipiano (con schema di cui alla precedente figura) partendo dalla geometria in pianta,
pressione del vento, e coefficiente di esposizione 1.2, altezza di interpiano e passo della
maglia strutturale massima (p.es. : 6 x 6). Dopo aver dimensionato (IPE) le travi
secondarie, le travi principali, e le colonne HEA con i moduli Sw sopra introdotti, procederà
al calcolo del peso di tali organismi strutturali e dei controventi orizzontali e verticali, e
infine stimerà i costi della costruzione (al rustico in elevato).
Riferimenti :
Carotti A., “Meccanica delle Strutture e Controllo Attivo Strutturale”, Springer Verlag, 2005
Carotti A.,”Materiali e Strutture 1 e 3”, Clup, 2000 e 2004



5. SOLAIO A GRATICCIO in Acciaio e Cls, di grande luce.

Il software c_ac_grat (a breve)
dimensiona il graticcio IPE a maglia quadrata di un solaio di grande luce, in regime di
piastra, dati i lati del rettangolo, la maglia, il carico totale. Sono previste, da menù, le 3
opzioni:
- appoggio di bordo sui 4 lati;
- incastro di bordo;
- incastro su due lati (balcone).
Riferimento :
Carotti A.,”Materiali e Strutture 2”, Clup 2002, pgg 287-291



6. TENSOSTRUTTURA a Pianta Circolare

Software Tensostr.89P

calcola le dimensioni minime degli elementi principali di una tensostruttura circolare
(Figure a, b): anello esterno compresso (cls, Figura c), anello interno in trazione,
tensostruttura di cavi radiali parabolici, lastre di copertura nei settori circolari. In
particolare, date le dimensioni della struttura, il carico agente e le caratteristiche dei
materiali da impiegare (calcestruzzo ed acciaio), il software fornisce il valore delle azioni
nei cavi e nel calcestruzzo e le dimensioni di massima da assegnare ai componenti.
Riferimento :
Carotti A., “Meccanica delle Strutture e Controllo Attivo Strutturale”, Springer Verlag, 2005
Si ipotizza un carico superficiale w
0
costante su tutta la copertura. Qui di seguito
riassumiamo, per chiarezza, il procedimento di calcolo seguito.
Dati in input:
R: raggio esterno;
r: rapporto freccia / diametro;
Sc: numero di settori circolari;
w
0
: carico sulla copertura [F/L
2
];
σ
cls,amm
: resistenza ammissibile cls (calcolata a partire da R
ck
)
σ
s,amm
: resistenza ammissibile acciaio (calcolata a partire dal tipo di acciaio)

Grandezze calcolate:
• R 2 r h ⋅ = , freccia (dislivello tra i due anelli);
• Sc / 2 A
sc
π = , ampiezza angolare di ogni settore;

sc
A * R c = , lunghezza dell'arco di anello esterno relativo ad un settore della copertura;

+ ⋅ =
3
r 8
1 R 2 L
2
, lunghezza richiesta per il cavo parabolico;
• R w c
2
1
v
0
⋅ ⋅ ⋅ = , reazione verticale agli attacchi dei cavi;

r 12
R w c
H
0

⋅ ⋅
= , reazione orizzontale agli attacchi, pari alla tensione orizzontale in campata;

( )
r 12
R w c r 8 1
T
0
2
max
⋅ ⋅ ⋅ +
= , tiro massimo nei cavi (tangente agli attacchi);
• ( )
max A
T / H arcos = ϑ , angolo rispetto all'orizzontale formato dai cavi agli attacchi

amm , s max res
/ T A σ = , area della minima sezione resistente del cavo in acciaio;

res
A 5 . 1 A ⋅ = , area del trefolo;

6
R c w
N
2
0
⋅ ⋅
= , momento flettente in mezzeria cavo;
• h / N H = ; tiro orizzontale nel cavo;
• c / H t
0
= , tiro per unità di lunghezza dell'anello perimetrale;
• R t C
0
⋅ = , compressione nell'anello perimetrale;

amm , cls cls
/ C A σ = , area minima calcestruzzo.
(a)

(b)

Tensostruttura circolare. (a) Visione dell’intradosso con il canestro centrale. (b)
Sezione diametrale

(a)

(b)

Tensostruttura circolare. (a) Prospettiva complessiva con anello esterno e anello interno.
(b) Regime sull’anello esterno compresso





7. COSTRUZIONI IN ACCIAIO E TENSOSTRUTTURE E TESTO UNICO ‘NORME
TECNICHE PER LE COSTRUZIONI’ DEL C.S. LL.PP. 30/3/2005

Formano oggetto delle presenti norme le opere strutturali in acciaio ad esclusione delle
costruzioni per le quali vige una regolamentazione apposita a carattere particolare.

Nel seguito sono riportati:
• le metodologie di analisi strutturale e di verifica della sicurezza, con modelli di
calcolo definibili anche con l’integrazione di prove sperimentali:
• limiti delle prestazioni attese;
• i criteri di dimensionamento dei collegamenti;
• i requisiti fondamentali per una corretta progettazione ed esecuzione;
• i criteri di durabilità.

I requisiti richiesti di resistenza, funzionalità e robustezza si garantiscono verificando gli
stati limite di servizio e gli stati limite ultimi verosimili della struttura e dei componenti
strutturali e dei collegamenti.

Gli stati limite da verificare sono:
stato limite di equilibrio, al fine di controllare l’equilibrio globale della struttura e delle sue
parti durante tutta la vita utile e in particolare nelle fasi di costruzione e di riparazione;
stato limite di collasso, corrispondente, rispettivamente:
• al raggiungimento della deformazione unitaria di rottura del materiale con l’effetto di
rottura o eccessiva deformazione di una sezione, di una membratura o di un
collegamento;
• alla formazione di un meccanismo di collasso;
• all’instaurarsi di fenomeni di instabilità dell’equilibrio negli elementi componenti o
nella struttura nel suo insieme indotti da effetti del secondo ordine, prescindendo da
fenomeni locali d’instabilità dei quali si possa tener conto con riduzione della aree
delle sezioni resistenti e/o che la struttura possa superare attivando diversi
meccanismi resistenti.
Stato limite di fatica, controllando la ammissibilità delle variazioni tensionali indotte dai
sovraccarichi in relazione alle caratteristiche dei dettagli strutturali interessati.

Le verifiche di sicurezza per gli stati limite ultimi devono essere condotte con riferimento
alle seguenti situazioni di progetto:
1. situazione persistente (situazione in cui la struttura verrà a trovarsi nella maggior
parte della sua vita);
2. situazione transitoria (situazione in cui la struttura verrà a trovarsi in una parte
limitata della sua vita utile, ad esempio durante le fasi di costruzione, qualora tale
situazione sia significativa),
3. situazione accidentale (situazione in cui la struttura verrà a trovarsi in seguito ad
eventi eccezionali in genere caratterizzati da bassa probabilità di occorrenza ma da
significativi effetti sulla struttura, ad esempio incendio, urti, scoppi, ecc...)




Gli stati limite di servizio da verificare sono:
• stati limite di deformazione e/o spostamento, al fine di evitare deformazioni e
spostamenti che possano compromettere l'uso efficiente della costruzione e
dei suoi contenuti, nonché il suo aspetto estetico;
• stato limite di vibrazione, al fine di assicurare che le sensazioni percepite
dagli utenti garantiscano accettabili livelli di confort ed il cui superamento
potrebbe essere indice di scarsa robustezza e/o indicatore di possibili danni
negli elementi secondari;
• stato limite di plasticizzazioni locali, al fine di scongiurare deformazioni
plastiche localizzate che generino deformazioni irreversibili ed inaccettabili o
che, per accumulazione, producano rottura per fatica a basso numero di cicli;
• stato limite di scorrimento dei collegamenti con bulloni ad alta resistenza, nel
caso che il collegamento sia stato dimensionato a collasso nell'ipotesi che si
sia prodotto lo scorrimento e che il funzionamento a collasso del
collegamento avvenga quindi a taglio e rifollamento attraverso il contatto fra
fori e bulloni.

Le verifiche per controllare la sicurezza della struttura possono sintetizzarsi nella seguente
relazioni
E
d
< C
d


essendo:
E
d
il valore di progetto dell'effetto corrispondente allo stato limite che si sta controllando
prodotto dalle combinazioni di azioni di progetto applicate al modello strutturale
considerato,
C
d
il valore limite ammissibile per l'effetto considerato ai fini della funzionalità nelle
condizioni di esercizio.

La capacità resistente flessionale della sezione può determinarsi calcolando il momento
resistente:
• Metodo elastico (E) partendo da una distribuzione lineare di deformazioni unitarie;
• Metodo plastico (P) assumendo la completa plasticizzazioni della sezione;
• Metodo elastico plastico (EP) deducendo dal diagramma momento – curvatura
della sezione determinato sempre nell’ipotesi di conservazione piana della sezione.

Sono in preparazione sviluppi didattici e modelli sw sulla presente materia.

b): anello esterno compresso (cls..”Materiali e Strutture 2”. In particolare. 2005 Si ipotizza un carico superficiale w0 costante su tutta la copertura. .”Materiali e Strutture 1 e 3”. le 3 opzioni: . date le dimensioni della struttura. c_ac_multip.appoggio di bordo sui 4 lati. anello interno in trazione. in regime di piastra.. 2000 e 2004 5. Riferimento : Carotti A. Qui di seguito riassumiamo. Figura c). Springer Verlag. Sono previste. Clup 2002. Springer Verlag. tensostruttura di cavi radiali parabolici. per chiarezza. il carico agente e le caratteristiche dei materiali da impiegare (calcestruzzo ed acciaio).3 m l’altezza di interpiano e a 6 m l’interasse tra le colonne verticali. : 6 x 6). il software fornisce il valore delle azioni nei cavi e nel calcestruzzo e le dimensioni di massima da assegnare ai componenti.incastro su due lati (balcone).89P calcola le dimensioni minime degli elementi principali di una tensostruttura circolare (Figure a. e infine stimerà i costi della costruzione (al rustico in elevato). “Meccanica delle Strutture e Controllo Attivo Strutturale”. dati i lati del rettangolo. . da menù. Il software c_ac_grat (a breve) dimensiona il graticcio IPE a maglia quadrata di un solaio di grande luce. di grande luce. 2005 Carotti A. Dopo aver dimensionato (IPE) le travi secondarie. lastre di copertura nei settori circolari. essendo fissata a 3. altezza di interpiano e passo della maglia strutturale massima (p. Riferimento : Carotti A. SOLAIO A GRATICCIO in Acciaio e Cls. (a breve) analizza complessivamente l’edificio multipiano (con schema di cui alla precedente figura) partendo dalla geometria in pianta. Il software c_ac_cvV calcola il peso totale dei controventi reticolari (come sopra) in funzione della luce. e le colonne HEA con i moduli Sw sopra introdotti.incastro di bordo. Un successivo software. pressione del vento. Clup. .es.2. la maglia.Il software c_ac_cvH calcola il peso totale dei controventi reticolari in acciaio (croce Sant’Andrea con angolari a lati uguali) per valori della pressione del vento nell’intervallo 700 ÷ 800 Pa e in funzione della luce del controvento orizzontale stesso (distanza tra controventi verticali). il carico totale.. Riferimenti : Carotti A. procederà al calcolo del peso di tali organismi strutturali e dei controventi orizzontali e verticali. “Meccanica delle Strutture e Controllo Attivo Strutturale”. le travi principali. e coefficiente di esposizione 1. TENSOSTRUTTURA a Pianta Circolare Software Tensostr. e del carico orizzontale (daN/m).. del numero di piani dell’edificio. il procedimento di calcolo seguito. pgg 287-291 6.

. • • • • • • • • • • • • = = ⋅ ⋅ ⋅ + ⋅ . freccia (dislivello tra i due anelli). . reazione verticale agli attacchi dei cavi. reazione orizzontale agli attacchi. area del trefolo. )⋅ ( σ ⋅ ⋅ . lunghezza dell' arco di anello esterno relativo ad un settore della copertura. momento flettente in mezzeria cavo. . angolo rispetto all' orizzontale formato dai cavi agli attacchi ⋅ ⋅ ⋅ . area della minima sezione resistente del cavo in acciaio. σ . (a) Visione dell’intradosso con il canestro centrale. . ϑ = = = = = = = = ⋅ ) . tiro per unità di lunghezza dell' anello perimetrale. = ⋅ = ⋅ ( ⋅ + . area minima calcestruzzo. w0: carico sulla copertura [F/L2]. tiro massimo nei cavi (tangente agli attacchi). Sc: numero di settori circolari. . tiro orizzontale nel cavo. lunghezza richiesta per il cavo parabolico.Dati in input: R: raggio esterno. • = π . ampiezza angolare di ogni settore.amm: resistenza ammissibile acciaio (calcolata a partire dal tipo di acciaio) Grandezze calcolate: • = ⋅ . σcls. (b) Sezione diametrale . compressione nell' anello perimetrale. r: rapporto freccia / diametro. (a) (b) Tensostruttura circolare.amm: resistenza ammissibile cls (calcolata a partire da Rck) σs. pari alla tensione orizzontale in campata. • = . .

(a) (b) Tensostruttura circolare. (b) Regime sull’anello esterno compresso . (a) Prospettiva complessiva con anello esterno e anello interno.

qualora tale situazione sia significativa). situazione persistente (situazione in cui la struttura verrà a trovarsi nella maggior parte della sua vita). Gli stati limite da verificare sono: stato limite di equilibrio. situazione accidentale (situazione in cui la struttura verrà a trovarsi in seguito ad eventi eccezionali in genere caratterizzati da bassa probabilità di occorrenza ma da significativi effetti sulla struttura. funzionalità e robustezza si garantiscono verificando gli stati limite di servizio e gli stati limite ultimi verosimili della struttura e dei componenti strutturali e dei collegamenti. COSTRUZIONI IN ACCIAIO E TENSOSTRUTTURE E TESTO UNICO ‘NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI’ DEL C. • i criteri di durabilità. Stato limite di fatica. urti.. prescindendo da fenomeni locali d’instabilità dei quali si possa tener conto con riduzione della aree delle sezioni resistenti e/o che la struttura possa superare attivando diversi meccanismi resistenti. controllando la ammissibilità delle variazioni tensionali indotte dai sovraccarichi in relazione alle caratteristiche dei dettagli strutturali interessati.S. ad esempio incendio.. al fine di controllare l’equilibrio globale della struttura e delle sue parti durante tutta la vita utile e in particolare nelle fasi di costruzione e di riparazione. stato limite di collasso.PP. Le verifiche di sicurezza per gli stati limite ultimi devono essere condotte con riferimento alle seguenti situazioni di progetto: 1. scoppi. 30/3/2005 Formano oggetto delle presenti norme le opere strutturali in acciaio ad esclusione delle costruzioni per le quali vige una regolamentazione apposita a carattere particolare. 2. LL. • i requisiti fondamentali per una corretta progettazione ed esecuzione.) Gli stati limite di servizio da verificare sono: . • i criteri di dimensionamento dei collegamenti. situazione transitoria (situazione in cui la struttura verrà a trovarsi in una parte limitata della sua vita utile. con modelli di calcolo definibili anche con l’integrazione di prove sperimentali: • limiti delle prestazioni attese. I requisiti richiesti di resistenza. rispettivamente: • al raggiungimento della deformazione unitaria di rottura del materiale con l’effetto di rottura o eccessiva deformazione di una sezione.7. • alla formazione di un meccanismo di collasso. 3. corrispondente. Nel seguito sono riportati: • le metodologie di analisi strutturale e di verifica della sicurezza. ecc. di una membratura o di un collegamento. ad esempio durante le fasi di costruzione. • all’instaurarsi di fenomeni di instabilità dell’equilibrio negli elementi componenti o nella struttura nel suo insieme indotti da effetti del secondo ordine.

producano rottura per fatica a basso numero di cicli. . stato limite di scorrimento dei collegamenti con bulloni ad alta resistenza.• • • • stati limite di deformazione e/o spostamento. stato limite di plasticizzazioni locali. • Metodo elastico plastico (EP) deducendo dal diagramma momento – curvatura della sezione determinato sempre nell’ipotesi di conservazione piana della sezione. Cd il valore limite ammissibile per l'effetto considerato ai fini della funzionalità nelle condizioni di esercizio. al fine di assicurare che le sensazioni percepite dagli utenti garantiscano accettabili livelli di confort ed il cui superamento potrebbe essere indice di scarsa robustezza e/o indicatore di possibili danni negli elementi secondari. nel caso che il collegamento sia stato dimensionato a collasso nell'ipotesi che si sia prodotto lo scorrimento e che il funzionamento a collasso del collegamento avvenga quindi a taglio e rifollamento attraverso il contatto fra fori e bulloni. La capacità resistente flessionale della sezione può determinarsi calcolando il momento resistente: • Metodo elastico (E) partendo da una distribuzione lineare di deformazioni unitarie. Sono in preparazione sviluppi didattici e modelli sw sulla presente materia. • Metodo plastico (P) assumendo la completa plasticizzazioni della sezione. nonché il suo aspetto estetico. per accumulazione. Le verifiche per controllare la sicurezza della struttura possono sintetizzarsi nella seguente relazioni Ed < Cd essendo: Ed il valore di progetto dell'effetto corrispondente allo stato limite che si sta controllando prodotto dalle combinazioni di azioni di progetto applicate al modello strutturale considerato. al fine di evitare deformazioni e spostamenti che possano compromettere l'uso efficiente della costruzione e dei suoi contenuti. stato limite di vibrazione. al fine di scongiurare deformazioni plastiche localizzate che generino deformazioni irreversibili ed inaccettabili o che.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful