You are on page 1of 7

ITIS “G.

MARCONI” – BARI
CORSO SERALE PROGETTO SIRIO
A.S. 2009-2010

DISPENSA DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE


N° 6

GLI ORGANI MECCANICI


I cuscinetti volventi

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 1/7
I CUSCINETTI VOLVENTI

I cuscinetti volventi hanno lo scopo di sostituire l'attrito radente con quello


volvente nel montaggio di un albero nella propria sede.
A seconda del modo di funzionare, abbiamo:

□ Rigidi a una corona di sfere

□ Rigidi a due corone di sfere

□ Orientabili a sfere

Cuscinetti radiali □ Orientabili a rulli

□ A rulli cilindrici

□ A rulli cilindrici a doppia corona

□ A rullini

□ A una corona di sfere

Cuscinetti obliqui □ A due corone di sfere

□ A rulli conici

□ A sfere a semplice effetto

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 2/7
Cuscinetti assiali □ A sfere a doppio effetto

□ A rulli cilindrici

I cuscinetti radiali sopportano solo carichi diretti radialmente:

Anello esterno

Orlo

Anello interno
F

I cuscinetti radiali rigidi a sfere sopportano anche spinte assiali e possono


sostituire in molte applicazioni i cuscinetti assiali.
I cuscinetti orientabili consentono un leggero disassamento dell'albero
rispetto alla sua sede e possono sopportare piccole spinte assiali.
I cuscinetti obliqui possono sopportare invece carichi di notevole entità
diretti secondo una qualsiasi direzione; quelli ad una corona di sfere e quelli a
rulli conici, quando sopportano solo carichi radiali devono essere disposti a
coppia con disposizione a X o ad O ( nel primo caso le rette dei contatti sono
convergenti, mentre nel secondo caso sono divergenti):

Disposizione a X Disposizione a O
Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 3/7
Queste disposizioni servono per resistere alle spinte assiali che si
manifestano per l'obliquità delle rette di contatto.
F

Gli anelli sono


sfilabili.

I cuscinetti assiali sopportano solo spinte assiali. Quelli a semplice effetto


sopportano le spinte dirette solo in un senso, quelli a doppio effetto sopportano
spinte dirette anche in senso opposto:
Ralla per albero (o interna)

Ralla per alloggiamento (o esterna)

Ralla esterna

Ralla interna

Ralla esterna

Le ralle esterne di questi cuscinetti possono avere una sede di appoggio


piana o sferica e quest'ultima, accoppiata con una sede di appoggio sferica,
consente leggeri disassamenti.
I montaggi possono essere di due tipi:

- isostatico corrispondente allo schema

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 4/7
- iperstatico corrispondente allo schema

Lo schema isostatico si adotta quando occorre consentire la dilatazione assiale


dell'albero per effetto di fenomeni termici.
La cerniera fissa può essere ottenuta mediante gli spallamenti che bloccano
assialmente gli anelli, la cerniera mobile, invece, può essere ottenuta fissando
solo l'anello interno o quello esterno.
Inoltre, la cerniera può essere realizzata mediante cuscinetti di tipo rigido
oppure utilizzando due cuscinetti obliqui con disposizione a X o ad O.
Per quanto riguarda le tolleranze dimensionali, le qualità di lavorazione vanno
da 5 a 13 nei casi più comuni.
Quello che interessa di un cuscinetto è soprattutto la sua durata sotto assegnate
condizioni di carico. Allo scopo si distinguono due tipi di funzionamento:
 dinamico: quando durante l'esercizio il cuscinetto ruota in modo continuo
 statico: se invece il cuscinetto è fermo.

CASO DINAMICO

Prove statistiche hanno dimostrato che nel 90% dei cuscinetti di ciascun
campione si ha la seguente relazione di "durata teorica":

L = (C/P)P (milioni di giri )

in cui: C= coefficiente di carico dinamico in N


P = carico dinamico equivalente in N
p = 3 per cuscinetti a sfere e 10/3 per cuscinetti a rulli

la durata si può esprimere anche in ore.

Lh = 106 · L/60·n (ore)

in cui: n = giri al minuto

Il carico C dipende dal tipo di cuscinetto ed esprime il carico sotto l'azione


del quale il 90% dei cuscinetti di un certo tipo raggiunge o supera un milione
di giri prima che compaiano segni di logoramento.
Il carico C ha direzione radiale per cuscinetti radiali e assiale per cuscinetti
assiali ed è tabellato in funzione del tipo di cuscinetto.
Il carico P è il carico ipotetico, d'intensità costante e retta d'azione fissa
avente direzione puramente radiale (per cuscinetti radiali e obliqui) o

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 5/7
puramente assiale ( per cuscinetti assiali), sotto la cui azione il cuscinetto
avrebbe la stessa durata che in realtà raggiunge per effetto del carico
gravante su di esso.
Il rapporto C/P è chiamato rapporto di carico e deve essere inteso come
rapporto tra due forze aventi la stessa retta d'azione.

Il carico P si determina mediante la equazione seguente:

P = X · Fr + Y · Fa (N)

in cui: Fr = componente radiale del carico in N


Fa = componente assiale del carico in N
X = coefficiente radiale (tabellato)
Y = coefficiente assiale (tabellato)

Se i carichi effettivamente agenti sui cuscinetti sono puramente radiali o


assiali, allora P= Fr oppure P= Fa e i carichi che i cuscinetti possono sopportare si
ottengono dalla equazione della durata:

Fa (Fr) = C/(L)1/p (N)

Se ci sono vibrazioni occorre moltiplicare P per un coefficiente compreso


tra 1 e 3.
I coefficienti X e Y sono coefficienti tabellati in funzione del tipo di
cuscinetto e del rapporto Fa/Fr .
Il rapporto Fa/Fr deve essere confrontato con un altro coefficiente
numerico tabellato "e" prima di scegliere i valori di X e Y.

CASO STATICO

In questo caso non si possono applicare i metodi visti sopra. Il calcolo si fa


paragonando il carico esterno con il carico C0 (carico statico) riportate nelle
tabelle a fianco di ogni cuscinetto e stabilendo per ogni applicazione un
opportuno fattore di sicurezza s0. Il carico C0 è definito come quel carico che
determina una deformazione permanente nel punto di contatto più sollecitato,
pari a 1/10000 del diametro del corpo volvente.
Il carico C0 si determina nel modo seguente:

P0 = X0 · Fr + Y0 · Fa (N)

in cui: Fr = componente radiale del carico in N

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 6/7
Fa = componente assiale del carico in N
X0 = coefficiente radiale (tabellato)
Y0 = coefficiente assiale (tabellato)

si sceglie s0 e si pone:

C0 = s0 · P0

e dalle tabelle si sceglie un cuscinetto che abbia un C0 uguale o poco superiore a


quello determinato analiticamente.

Se P0 < Fr si assume P0 = Fr.

ESERCIZI

1) Calcolare la durata in ore del cuscinetto 6408, soggetto ad un carico radiale


fisso di 5000 N e ad un carico assiale fisso di 1000 N, supponendo che l'anello
esterno ruoti a 1000 giri/1' (anello interno fisso).

Dal manuale SKF: C = 49000 N; C0 = 36500 N

Fa/C0 = 1000/36500 = 0.027 → e = 0.223


Fa/Fr = 1000/5000 = 0.2 → X=1; Y=0
P = X · Fr + Y · Fa = 5000 N

L = (C/P)P = 49000/50003 = 941 (milioni di giri )

Lh = 106 · L/60·n = 106 · 941/60· 1000 = 15683 (ore)

2) Calcolare la durata in ore del cuscinetto radiale orientabile a rulli 22315 C


soggetto ad un carico radiale fisso di 25000 N e contemporaneamente ad un
carico assiale di 16000 N, supponendo che l'anello esterno ruoti a 200 giri/1'.

Dal manuale SKF: C = 30500 N; e = 0.35

Fa/Fr = 16000/25000 = 0.64 > e → X= 0.67; Y= 2.9


P = X · Fr + Y · Fa = 0.67 ·25000 + 2.9 ·16000 = 63150 N

L = (C/P)P = 30500/6315010/3 = 190 (milioni di giri )

Lh = 106 · L/60·n = 106 · 190/60 · 200 = 15833 (ore)

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 7/7