You are on page 1of 6

Matteo Nobile Bond

20100925

I commenti della FED sul quantitative easing (avendo tolto la necessità di avere un evidente rallentamento prima di poter interventire) hanno evidentemente ottenuto l'effetto sperato sulle obbligazioni governative USA, tanto sul 3-7 anni che sul 7-10. Le obbligazioni governative europee continuano invece a soffrire dei problemi sui periferici e di una banca centrale sicuramente molto meno accomodante che non la FED.

Matteo Nobile Bond Emerging

20100925

Movimento del tutto simile a quello di settimana scorsa. I paesi emergenti in generale restano stabili, aiutati soprattutto da asia e latam. Resta incerto il movimento dei paesi emergenti europei, sempre alle prese con una dinamica economica meno brillante e tanti dubbi (a partire da Grecia, Ungheria, ...) Bond High Yield

Gli high yielder EU e USA mostrano solo un po' di “riflessione” in finale di settimana, mentre quelli su asia continuano, senza curarsi di altro, per la loro strada.

Matteo Nobile Equity

20100925

L'indice MSCI World si trova sembra vole continuare per la sua strada, e il colpo di coda di venerdì ha sicruamente permesso di levarsi dagli impicci di un massimo allo stesso livello di quello precedente. A trascinare l'indice sembra principalmente la componente USA che, a sua volta, si trova nella parte superiore del canale. L'indice MSCI Europe sembra invece un po' meno brillante e la sequenza dei massimi non ha la stessa inclinazione di quella dei minimi. L'indice Giapponese sembrava voler finalmente ripartire sulle operazioni della banca centrale (che prova a svalutare lo JPY), ma la risposta della FED è stata pronta e violenta... con relativa reazione dell'indice.

Matteo Nobile Equity Emerging

20100925

Continuano bene i mercati emergenti azionari, con l'aiuto di tutti i sotto indici. Gli unici dubbi potrebbero riguardare un movimento eccessivo dell'indice asiatico che lo ha portato oltre il canale (ma permette di mettere uno stop in area 420) e il rallentamento dell'indice latam e europa. Per il momento però non si vedono particolari rischi all'orizzonte, se non un posibile ritorno nell'area 1000 per l'indice generale (che è pur sempre un -5%, ma che con le volatilità che accomunano questi indici, ci sta tutto).

Matteo Nobile Commodities

20100925

Fondamentalmente, la corsa alle commodities continua. Ne resta fuori solo la componente energetica con il prezzo del petrolio che, a questo punto, probabilmente viene tenuto sotto controllo per evitare tanto l'inflazione che potrebbe causare, quanto i rischi di ripresa. Non c'è page invece per le commodities agricole e per i metalli preziosi. Questo ultimi riescono addirittura ad uscire dalla parte superiore del canale, segnale di ipercomprato o di nuovo trend ancora più ripido ???

Matteo Nobile Forex

20100925

Niente da fare per il CHF... BNS-FED:0-1, solo con l'EUR sembra esserci un barlume di speranza, ma a 1.35 ne approfitterei per dare un'altra botta alle posizioni... così, tanto per stare tranquilli. Anche lo JPY non sembra riuscire, questa volta a resistere, mentre la sterlina si mostra stoica.

Il dollaro non ce la fa proprio contro nessuno... EUR, NOK, AUD... discesa libera per tutti. Anche in questo caso però, in area 1.37, un pensierino comincerei a farlo, anche solo per una “tradata”.