You are on page 1of 11

Chord, Scale & Arpeggio Diagrams

F9 Chord

The first chord and arpeggio is an F9, which is an F7 + the tension 9:

F A C Eb G

1 3 5 b7 9

Here’s the chord (1st diagram) and arpeggio diagram (2nd diagram). In the
exercise I use variations of the arpeggio to make it more interesting:

Bb13 Chord

The second type of chord and arpeggio is the Bb13 (see bar 9), which is an Bb7 + the
tension 13:

Bb D F Ab G

1 3 5 b7 13

Here’s the chord (1st diagram) and arpeggio diagram (2nd diagram). In the
exercise I use variations of the arpeggio to make it more interesting:
The scale I use to end the tune is the F minor blues scale (bar 15):

Do you want to learn how to make your blues playing sound like jazz?
Check out our Introduction to Jazz Blues Guitar series.
Blues: la scala pentatonica
maggiore e minore
di redazione [user #116] - pubblicato il 28 agosto 2017 ore 17:00
Inauguriamo un nuovo ciclo di lezioni con un chitarrista eccelso, nonché didatta
tra i più apprezzati a livello internazionale John Wheatcroft. Parliamo di blues e
in questa lezione John ci suggerisce un interessante e impegnativo lavoro sulle
scale pentatoniche: utilizzo delle blue note, commistione tra pentatonica
maggiore e minore, gestione del fraseggio pentatonico durante i cambi di
accordo del blues. Buon lavoro!

Le scale pentatoniche forniscono gran parte del sound del quale abbiamo
bisogno per suonare blues ed essere musicisti credibili in questo genere.
Inoltre, le pentatoniche sono le scale con le quali, la maggior parte dei
chitarristi interessati allo studio dell’aspetto solistico, sono partiti. In
particolare, la pentatonica minore è la prima scala che generalmente si
impara, quando ci si cimenta nelle prime digressioni come solisti.
In questa lezione proporremo un metodo di studio e lavoro sulla scale
pentatoniche; per farlo, ragioneremo in tonalità di C e quindi, prendendo
come riferimento un blues in C, partiremo da un accordo di C7. I tre accordi
che formeranno il giro di blues in Cs aranno C7, F7 e G7.
Per prima cosa, partiamo imparando le due sonorità pentatonica a
disposizione sul C7, quella maggiore e quella minore.

Questa è l'esecuzione di Wheatcroft della pentatonica minore e maggiore di


C, entrambe suonate utilizzando il 1° box. In ambedue le pentatoniche
troviamo il passaggio dal terzo grado minore (Eb) al terzo grado maggiore (E),
tramite bending o acciaccatura.

Una buona idea è lavorare cercando di passare da una sonorità all’altra,


muovendosi tra la pentatonica maggiore e quella minore.
A questo riguardo, un ottimo esercizio potrebbe essere quello di suonare in
senso ascendente una pentatonica maggiore dalla fondamentale alla sua
ottava e ritornare indietro, nella fase discendente, con la relativa
pentatonica minore. Il tutto restando, ovviamente, nella stessa area o
porzione, di tastiera.

In quest'esempio John esegue una scala ascendente in forma di pentatonica


maggiore di C seguita dalle note della parallela pentatonica minore
discendente. L'interessante frase che parte da batt. 3 prevede la
commistione tra le due scale in maniera più musicale.

Questo è un buon approccio per iniziare a sentire le scale pentatoniche


maggiore e minore connesse, percependole come entrambe ugualmente
utilizzabili.

Ora affrontiamo due lick che trovano nell'abbondanza di intervalli di quarta


giusta la loro particolarità sonora, e sono utili da imparare. Prestando
attenzione a non far risuonare più note contemporaneamente. Da notare
l'inserimento della blue note nella pentatonica minore.

Con questi due lick, il chitarrista inglese ci mostra come enfatizzare il terzo
grado maggiore in una pentatonica minore, prima tramite un bending che
tende al E, e poi tramite una nota “tastata”. In questi due esempi si passa dal
I° box al V° box.

Ora però, bisogna soffermarsi e ragionare sul passaggio tra pentatonica


maggiore e minore in relazione ai cambi di accordo che intercorrono nel
blues.
Esaminiamo il passaggio tra il primo e quarto grado del blues, tra C7 e F7.
Sul C7 (C, E, G, Bb) entrambe le pentatoniche funzionano: quella maggiore
( C, D, E, G, A) corrisponde all’armonia dell’accordo che la ospita mentre
quella minore (C, Eb, F, G, Bb) inserisce delle interessanti tensioni blues. La
differenza sostanziale tra le due scale risiede nella terza, maggiore nella
pentatonica maggiore e minore della seconda. E l’alternarsi tra queste due
sonorità è proprio del fraseggio blues.
Viceversa, quando ci si sposta sul F7 (F, A, C, Eb) è importantissimo
sincerarsi di non sostare con il fraseggio sulla terza maggiore, E, della
pentatonica maggiore. Questa nota, in relazione all’accordo che ora la
accoglie, il F7, risulterebbe una settima maggiore, nota in contraddizione
con la natura dell’accordi di dominante che è formato da tonica, terza, quinta
e settima minore.
Il fraseggio jazz blues che segue mette in evidenza le note che vanno a
formare i vari accordi di una semplice struttura blues. Wheatcroft sottolinea
l'uso del terzo grado maggiore (E) sull'accordo di C7, e quello minore (Eb)
sull'accordo costruito sul IV grado F7. Il Eb è infatti il b7° grado di F ed
enfatizza il carattere di settima di dominante. Il Db nella quinta battuta in
questo caso funge da b9° dell'accordo di C7, che risolve sul quinto grado (C)
dell'accordo di F.

Anche quest'altro esempio, anch'esso dal sapore jazz, pone l'accento sull'uso
del terzo grado maggiore o minore della pentatonica minore in relazione
all'accordo di C7 (I) e F7 (IV).

Questa è ovviamente una regola generale, di massima, importante per


essere coerenti con la sonorità più tradizionale e immediata del blues. Ma
saremo assolutamente legittimati a sperimentare qualunque tipo di
soluzione. Qualunque soluzione suonata se affrontata con la necessaria
convinzione, sicurezza e visione, può funzionare. Si sprecano, per esempio,
gli assolo nei quali BB King utilizzava fraseggi con la terza maggiore sopra
accordi minori; o - per restare in tema con quanto appena spiegato - la
settima maggiore sopra accordi di dominante. E tutto suonava divino!
Per tanto, e’ importante - soprattutto per i principianti - lavorare con
attenzione a questi due aspetti.
1. Saper mescolare la pentatonica maggiore con quella minore,
enfatizzando soprattutto il passaggio tra 3 e b3. Il tutto, ovviamente,
dovrà essere fatto sviluppando le due scale non solo nella posizione
appena esaminata, ma attraverso tutta la tastiera.
2. Nel formulare fraseggio che mescolano le due scale, ricordarsi di
evitare la terza maggiore quando ci si sposterà sul secondo accordo del
blues, il quarto grado.

A questo punto, un altro spunto di lavoro per la gestione delle sonorità è


integrare le due pentatoniche con le loro blue note: la b5 per la minore e la
b3 per la maggiore.
E per finire viene eseguita la scala blues di C, ovvero la pentatonica minore di
C con l'aggiunto del grado b5 (oppure #4), che viene definito blue note. I lick
1 e 2 utilizzano esclusivamente la scala blues (da notare l'interessante
unisono di blue note a batt. 7), mentre il lick 3 prevede l'utilizzo della
pentatonica maggiore con la presenza sia del terzo grado minore che
maggiore. In questi ultimi esempi il ritmo è stato rimaneggiato rispetto
all'esecuzione originale per una maggiore intelligibilità e assimilazione da
parte del lettore.

Blues: come utilizzare gli arpeggi


Continuano le lezioni di chitarra blues con John Wheatcroft, chitarrista
straordinario e tra i più apprezzati didatti in circolazione. Dopo aver parlato di
pentatoniche maggiori e minori, in questo appuntamento approfondiamo
l'utilizzo degli arpeggi di settima di dominante nel fraseggio blues.

Nella prima lezione dedicata al fraseggio blues, John ci aveva spronato a lavorare sui
cambi di accordo che intercorrono nel blues.
Ragionando su un blues in C, si era esaminato il passaggio tra il primo e quarto grado,
ovvero tra C7 e F7. Per farlo, si erano sviscerate le sonorità offerte dalle scale
pentatoniche, maggiori e minori.
Nella lezione di oggi, viene analizzato un altro elemento armonico spendibile
nell’improvvisazione: l’utilizzo degli arpeggi.
Gli arpeggi sono la successione melodica della note che compongono gli
accordi.
Nel nostro caso:
C7 = C, E, G, Bb
F7 = F, A, C, Eb
G7 = G, B, D, F
Servirsi degli arpeggi permette di enfatizzare ancora di più il passaggio
armonico tra gli accordi del blues, aggiungendo voci caratteristiche del
grado sui cui ci si trova a suonare.
E’ necessario però, avere chiaro che nell’estetica del fraseggio blues
tradizionale, sarebbe impensabile costruire un fraseggio interamente basato
sugli arpeggi.
Un tipo di fraseggio del genere suonerebbe troppo simile a un esercizio.
Semmai, obbligarsi a suonare sui cambi del blues servendosi unicamente
degli arpeggi potrebbe, invece, essere proprio l’esercizio perfetto per
acquisire familiarità con il suono e le diteggiature degli arpeggi.

Wheatcroft offre una rapida dimostrazione, qui semplificata ritmicamente, di


una concatenazione tra arpeggi di dominante. Interessante notare come
rimanga in VII e VIII posizione per tutti e tre le quadriadi o tetradi (C7, F7 e
G7) eccezion fatta per l'ultima battuta dove si sposta orizzontalmente
approdando in III posizione.
John, a cavallo tra il secondo e terzo tempo della battuta 2, utilizza il Gb
anziché il F, dando quindi vita a un arpeggio diminuito. Noi però, nella
trascrizione abbiamo preferito sostituirlo con la fondamentale F per non
creare confusione, Resta peròmolto interessante e meritevole di
approfondimento, l'impennata jazzistica del nostro!

Una volta acquisita una certa padronanza degli arpeggi sarà necessario
diluirli all’interno dell’improvvisazione come elementi aggiuntivi, di colore
che arricchiranno il fraseggio blues pentatonico.
Abbiamo interpretato ritmicamente questo esempio come un breve slow
blues. Principalmente viene utilizzato il primo box della pentatonica minore di
C in VIII posizione, ma per ogni accordo vengono sottolineati rispettivamente
il terzo grado maggiore e il quinto grado giusto. Sull'accordo di G7 Wheatcroft
si diverte a raggiungere il terzo grado B tramite un bending di un tono,
partendo quindi da A che è rispettivamente il sesto grado di C.