_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬

L’alba del Bianco Consiglio
Gioco d’interpretazione dal vivo di Andrea Castellani

tratto dalle opere di J.R.R. Tolkien














Versione 1.9
1
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
Crediti
Quest’avventura è tratta dalle opere di J.R.R. Tolkien che contengono riferimenti al
Bianco Consiglio, e più in generale alla Storia della Terza Era della Terra di
Mezzo: “The Hobbit”, “The Lord of the Rings”, “The Silmarillion”, “Unfinished
Tales of Numenor and Middle-Earth”, “History of Middle-Earth”, “Letters of
J.R.R. Tolkien”.

Un enorme grazie ai magnifici playtesters della Torre del Naviglio: Maurizio Corò
“Zeno” (Curunír), Simonetta Bruzzone “Alce” (Mithrandir), Paolo Pernice “Pernix”
(Aiwendil), Marco Brusoni (Círdan), Marco Motta “Bardo” (Elrond), Giovanna
Dossena (Galadriel), Luca Bonora “Sulfureo” (Thranduil).

Grazie anche a tutti gli altri “giocattori” che, provando quest’avventura, mi hanno
dato utilissime indicazioni su come migliorarla, tra cui ricordo Mattia Grazioli
“Hendrake”, Maria Paola Manchia “Meripol”, Cristiano Mercuri “Mirage”,
Carlo Rebagliati “Garmaigol”, Luca Sabatucci e Leonardo Tartaglia.

Quest’avventura è un mio modesto omaggio alle opere e al genio del Professore.

Per contattare Andrea Castellani:
cell. 348.3607586 – andrea.castellani@gmail.com
http://www.gryllus.eu – http://www.flyingcircus.it

L’alba del Bianco Consiglio © 2004 Andrea Castellani
Quest’opera è rilasciata sotto la licenza Creative Commons chiamata “Attribuzione - Non
commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia”. Per visionare una copia di questa licenza, visita
la pagina web http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/ oppure richiedila per
posta a Creative Commons, 543 Howard Street, 5th Floor, San Francisco, California,
94105, USA.

2
Tutti i diritti sulle illustrazioni di questa avventura, sui personaggi e sulle opere originali
appartengono ai rispettivi proprietari.
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
3
Introduzione per il regista
Il gioco richiede una conoscenza discreta dell’ambientazione da parte dei
giocatori, e una conoscenza abbastanza approfondita da parte del regista. Esso
si divide in fasi alternate di sedute del Bianco Consiglio e di risoluzioni delle
azioni.

Sedute del Bianco Consiglio. Si svolgono in forma di gioco di comitato. La prima
seduta ha come tema all’ordine del giorno la scelta del capo del Consiglio (e, di
conseguenza, anche la scelta del metodo usato per sceglierlo, che non è decisa a
priori). Le sedute successive avranno ordini del giorno decisi di volta in volta dal
capo del Consiglio, che svolgerà anche funzioni di decisore sulle azioni da
intraprendere dopo ogni seduta. Naturalmente i singoli membri possono anche
disattendere le decisioni del capo, visto che le risoluzioni delle azioni avvengono in
privato con il regista.

Risoluzioni delle azioni. Tra una seduta e l’altra del Consiglio ci sono circa 90-
100 anni di tempo durante i quali i PG potranno utilizzare i poteri speciali
dettagliati nelle loro schede. Il regista si apparterà a turno con ognuno dei
giocatori e si farà spiegare in che modo questi vorranno usare il loro potere,
dopodiché descriverà gli esiti delle azioni (in questa fase è possibile usare un dado
per stabilire il grado di successo delle azioni, ma si ottengono risultati anche
migliori giocando totalmente diceless). Nel frattempo gli altri PG potranno
discutere liberamente in stile live freeform per consentire lo scambio di idee
anche al di fuori del gioco di comitato (in questa fase tra l’altro possono
emergere molti sviluppi interessanti, come alleanze traversali o scambi privati di
informazioni che i giocatori non ritengono prudente rivelare all’intero Consiglio).
È bene comunque che il regista mantenga la fase di risoluzione delle azioni il più
breve possibile, altrimenti questa fase diventa noiosa (il cuore del gioco sta nelle
sedute del Consiglio, e i giocatori saranno ansiosi di arrivare alla seduta
successiva).

Il regista ricoprirà un doppio ruolo: Celeborn e Sauron.

_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
4
Celeborn. Durante le sedute del Consiglio il regista sarà Celeborn, PNG molto
saggio e molto rispettato da tutti i membri del Consiglio. La sua funzione sarà
quella di moderare il dibattito se dovesse andare fuori tema o dovesse diventare
troppo lungo, nonché di fornire chiarimenti “in personaggio” sull’ambientazione se
richiesti da uno dei giocatori; non deve invece intervenire sulla sostanza del
dibattito, poiché l’esito di ogni seduta del Consiglio dev’essere frutto
esclusivamente del confronto di idee tra i PG. È utile che Celeborn sia fornito di
una mappa della Terra di Mezzo.

Sauron. Durante le risoluzioni delle azioni invece il regista sarà Sauron, ossia
cercherà di manipolare (con moderazione) i risultati delle azioni in modo da
insinuare il sospetto tra i membri del Consiglio e da metterli l’uno contro l’altro.
Di questo compito del regista, peraltro molto divertente e creativo, fa parte
anche la decisione su quale sia la verità sulle manovre del Nemico: c’è davvero un
Negromante nel Bosco Atro? Ed è Sauron, oppure è il Re Stregone, o un altro
Nazgûl, o un altro personaggio ancora? Sauron sta accumulando il grosso delle
truppe nel Bosco Atro, o è solo una manovra diversiva per sviare l’attenzione dal
vero accumulo di forze a Mordor? E così via; insomma, al regista è lasciata
piena libertà su tutto quanto riguarda le scelte di Sauron.

Il traditore. Il PG che sarà nominato capo del Bianco Consiglio è destinato
anche a diventare il traditore del Consiglio stesso (quindi la scelta del capo,
qualunque essa sia, è sempre sbagliata, perché secondo Tolkien nel concetto
stesso di autorità è insito un male che inevitabilmente corrompe). A un certo
punto della storia, una delegazione di Gondor si reca dal capo del Consiglio e gli
offre in dono, per agevolare i suoi studi sul Nemico, la torre di Orthanc, dove il
capo del Consiglio trova un palantír. Di seduta in seduta gli studi sugli Anelli di
Potere prendono il sopravvento sui doveri del capo del Consiglio, che col tempo
arriva al punto di forgiare nuovi Anelli, copie mal riuscite degli originali, e di
dedicarsi con tutti i mezzi a sua disposizione alla ricerca del perduto Unico
Anello. Se lo trova, il suo potere aumenta a tal punto da sopraffare facilmente
Sauron e i suoi seguaci (il suo valore di arti magiche viene decuplicato), ma anche i
Popoli Liberi e i membri del Consiglio che non si schierano al suo fianco. Se i
possessori dei Tre Anelli li usano mentre l’Unico Anello è in possesso del capo
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬

5
del Consiglio, essi diventano suoi schiavi; se invece l’Unico Anello è ancora
perduto, essi raddoppiano i loro punti di arti magiche.

Scontri. Se si arriva a uno o più scontri, bisogna confrontare i punteggi che i
giocatori decidono di mettere in campo. Per vincere lo scontro bisogna possedere
sia più arti magiche sia più forza militare dell’avversario, altrimenti lo scontro si
risolve in un nulla di fatto. Gli animali di Aiwendil e la sapienza degli Stregoni
contano come forza militare. Se vengono convinti a partecipare allo scontro,
Gondor vale 15 punti di esercito, mentre Rohan ne vale 8. Le Aquile (6 punti di
esercito) intervengono all’ultimo momento dalla parte di Aiwendil, ma solo se
quest’ultimo non si è schierato con Sauron o con il traditore del Consiglio, e solo
se la partecipazione delle Aquile serve a spostare l’ago della bilancia dello
scontro da una parte all’altra.






Tabella dei punti a disposizione di Sauron
Prima seduta (anno 2463): Forza militare 19 Arti magiche trascurabili

Seconda seduta (anno 2571): Forza militare 24 Arti magiche 11

Terza seduta (anno 2671): Forza militare 30 Arti magiche 21

Quarta seduta (anno 2761): Forza militare 37 Arti magiche 30

Quinta seduta (anno 2851): Forza militare 46 Arti magiche 39

Sesta seduta (anno 2941): Forza militare 58 Arti magiche 48
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
6
Cronologia indicativa per il regista
Questa cronologia può essere rispettata o meno, a discrezione del regista.

2463 Si costituisce il Bianco Consiglio. Déagol lo Sturoi trova l’Unico Anello e viene assassinato da
Sméagol.

2470 Sméagol-Gollum si nasconde nelle Montagne Nebbiose.

2480 Gli Orchi costruiscono fortezze segrete nelle Montagne Nebbiose al fine di sbarrare tutti i valichi
che conducono nell’Eriador. Sauron comincia a popolare Moria con le sue creature.

2509 Celebrían, in viaggio per Lórien, scompare senza lasciare traccia al Valico Cornorosso.

2510 I Rohirrim si stabiliscono nel Calenardhon.

2570 I Draghi cominciano a riapparire all’estremo Nord.

2571 Seduta del Bianco Consiglio.

2590 Thrór ritorna a Erebor. Suo fratello Grór si reca ai Colli Ferrosi.

2671 Seduta opzionale del Bianco Consiglio.

2758 Il Lungo Inverno. Grandi perdite e sofferenze nell’Eriador e nel territorio di Rohan.

2759 Il capo del Bianco Consiglio si stabilisce a Isengard.

2761 Seduta del Bianco Consiglio.

2845 Thráin il Nano scompare misteriosamente da Erebor.

2851 Seduta del Bianco Consiglio.

2852 Muore l’Albero Bianco e non se ne trova un nuovo seme.

2911 Il Crudele Inverno. Il Baranduin e altri fiumi sono ghiacciati. Lupi bianchi invadono da nord l’Eriador.

2912 Grandi inondazioni devastano l’Enedwaith e il Minhiriath. Sarbad viene distrutta e abbandonata.

2939 I servitori di Sauron iniziano a ispezionare l’Anduin nei pressi di Campo Gaggiolo.

2941 Seduta del Bianco Consiglio.

2951 Sauron dichiara apertamente il proprio ritorno e attacca i Popoli Liberi.

2953 Ultima seduta del Bianco Consiglio (se Sauron è sconfitto, può essere usata come epilogo).
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
7
Introduzione per i giocatori
Il gioco richiede una conoscenza discreta dell’ambientazione da parte dei giocatori, e
una conoscenza abbastanza approfondita da parte del regista. Esso si divide in fasi
alternate di sedute del Bianco Consiglio e di risoluzioni delle azioni.
Sedute del Bianco Consiglio. Si svolgono in forma di gioco di comitato. La prima
seduta ha come tema all’ordine del giorno la scelta del capo del Consiglio (e, di
conseguenza, anche la scelta del metodo usato per sceglierlo, che non è decisa a
priori). Le sedute successive avranno ordini del giorno decisi di volta in volta dal capo
del Consiglio, che svolgerà anche funzioni di decisore sulle azioni da intraprendere
dopo ogni seduta. Naturalmente i singoli membri possono anche disattendere le
decisioni del capo, visto che le risoluzioni delle azioni avvengono in privato con il
regista.
Risoluzioni delle azioni. Tra una seduta e l’altra del Consiglio ci sono circa 90-100
anni di tempo durante i quali i PG potranno utilizzare i poteri speciali dettagliati nelle
loro schede. Il regista si apparterà a turno con ognuno dei giocatori e si farà spiegare
in che modo questi vorranno usare il loro potere, dopodiché descriverà gli esiti delle
azioni. Nel frattempo gli altri PG potranno discutere liberamente in stile live
freeform per consentire lo scambio di idee anche al di fuori del gioco di comitato (in
questa fase tra l’altro possono emergere molti sviluppi interessanti, come alleanze
traversali o scambi privati di informazioni che i giocatori non ritengono prudente
rivelare all’intero Consiglio).
Celeborn. Durante le sedute del Consiglio il regista sarà Celeborn, PNG molto
saggio e molto rispettato da tutti i membri del Consiglio. La sua funzione sarà quella
di moderare il dibattito se dovesse andare fuori tema o dovesse diventare troppo
lungo, nonché di fornire chiarimenti “in personaggio” sull’ambientazione se richiesti da
uno dei giocatori; non deve invece intervenire sulla sostanza del dibattito, poiché l’esito
di ogni seduta del Consiglio dev’essere frutto esclusivamente del confronto di idee tra
i PG. È utile che Celeborn sia fornito di una mappa della Terra di Mezzo.
Scontri. Se si arriva a uno o più scontri, bisogna confrontare i punteggi che i giocatori
decidono di mettere in campo. Per vincere lo scontro bisogna possedere sia più arti
magiche sia più forza militare dell’avversario, altrimenti lo scontro si risolve in un nulla
di fatto. Gli animali di Aiwendil e la sapienza degli Stregoni contano come forza
militare.
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
8
Antefatto
Nell’undicesimo secolo della Terza Era, all’apice della potenza di Gondor,
un’ombra calò sulla Grande Foresta Verde, che da allora viene chiamata Taur-nu-
Fuin, il Bosco Atro; nello stesso periodo, nella Terra di Mezzo giunsero, nessuno
sa dire con certezza da dove, gli Istari, esseri di grande sapienza che invecchiano con
inusitata lentezza, e che gli Uomini chiamano Stregoni.
Alla fine del secolo voi Saggi, ossia gli Istari e i capi degli Eldar, scopriste
finalmente il perché del mutamento della Foresta: un potente essere malefico, forse
uno dei Nazgûl, scomparsi dopo la sconfitta di Sauron alla fine della Seconda Era,
si era stabilito su Amon Lanc, che in passato ospitava la capitale degli Elfi Silvani:
un nero colle nel sud del Bosco Atro, che da allora fu noto come Dol Guldur.
Due secoli più tardi esseri maligni cominciarono a moltiplicarsi, forse proprio per
opera di quello che ormai veniva chiamato il Negromante di Dol Guldur. Le
Montagne Nebbiose pullulavano di Orchi, che attaccavano i Nani delle Montagne;
e molti dicevano che davvero fossero ricomparsi i Nazgûl.
Nell’anno 1409 della Terza Era il Re Stregone di Angmar, anch’egli forse uno dei
Nazgûl, invase il Reame degli Uomini di Arnor; allora al Nord iniziò una lunga lotta
tra Arnor e Angmar, che si concluse solo nel 1974 con la distruzione del Reame di
Arnor da parte del Re Stregone, il quale però l’anno successivo dovette fuggire dal
Nord, sconfitto a sua volta nella Battaglia di Fornost.
All’inizio del ventunesimo secolo i Nazgûl, al comando del Re Stregone, uscirono
dalla terra di Mordor, presero agli Uomini di Gondor la roccaforte di Minas Ithil,
e la fecero loro capitale, col nome di Minas Morgul; nel 2050 proprio a Minas
Morgul scomparve per sempre Eärnur, ultimo Re di Gondor. Da allora, Gondor è
retta dalla Casa dei Sovrintendenti.
Nel 2063 Mithrandir, il Grigio Pellegrino, uno degli Istari che non partirono per
l’Est, si recò da solo a Dol Guldur, mettendone in fuga il Negromante: quello fu
l’inizio della cosiddetta Pace Vigile, e per quattro secoli non si ebbe notizia di nuove
azioni dei Nazgûl fuori da Minas Morgul.
Nel 2460, purtroppo, l’ombra è riapparsa nel Bosco Atro: si dice che sia tornato il
Negromante, e che di nuovo cerchi di estendere il suo potere. Ora siamo nel 2463,
e Dama Galadriel ha deciso di convocare a Caras Galadhon i Saggi, esortandoli a
costituire un Bianco Consiglio che sia in grado di investigare e combattere l’oscuro
potere che alligna nel cuore di Taur-nu-Fuin…
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
Personaggi

Curunír, che al Nord chiamano Saruman il Bianco

Mithrandir, che al Nord chiamano Gandalf il Grigio

Aiwendil, che al Nord chiamano Radagast il Bruno

Mastro Círdan il Timoniere, Signore di Mithlond

Mastro Elrond Mezzelfo, Signore di Imladris

Dama Galadriel di Lórien, Signora dei Galadhrim

Sire Thranduil, Re degli Elfi di Taur-nu-Fuin
9
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
Curunír
Sei lo Stregone Bianco, noto agli Elfi col nome di Curunír e agli Uomini con
quello di Saruman; ma in Valinor il tuo nome è Curumo, e in realtà sei un Maia
di Aulë. Anche gli altri Istari sono Maiar, potenze immortali, generate prima
dell’inizio dei tempi, e siete stati inviati dai Valar nella Terra di Mezzo per
contrastare il potere dei servi di Sauron e per unire tutti coloro che hanno
volontà di resistergli. Nessuno conosce con certezza la vostra vera natura, a
parte voi Istari e Círdan il Timoniere, il cui sguardo vede troppo in profondità
per potergliela celare; e non riuscite a esprimere al massimo il vostro potere di
Maiar, poiché siete qui per consigliare e spronare i Popoli Liberi, non per violare
le leggi naturali a loro favore. Tuttavia, sai che la porzione del tuo potere che
sei in grado di usare è certamente maggiore di quella concessa a Mithrandir e
ad Aiwendil.
Sei stato il primo Stregone ad arrivare nella Terra di Mezzo, e per questo
(oltre che per il tuo maggior potere) sei considerato il capo degli Istari; hai
viaggiato per più di mille anni all’Est con i due Stregoni Azzurri, Alatar e
Pallando, ma poi li hai lasciati laggiù e sei tornato all’Ovest, dove ti sei dedicato
allo studio degli Uomini, della metallurgia e delle antiche astuzie di Sauron.
Sei di eloquio assai abile, e sei convinto di essere di gran lunga il migliore e il più
saggio degli Istari (e in effetti la tua sapienza e la tua potenza sono enormi),
nonché di essere senza dubbio il più adatto a diventare capo del Bianco Consiglio.
Sei ancora molto desideroso di potere e di conoscenza, nonostante tu ne
possieda già in quantità inimmaginabili; così, a differenza di altri, non avresti
nessun problema a stabilirti in un luogo fisso, come capo del Consiglio, per
10
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
11
dedicarti allo studio del Nemico e delle sue arti. Ma sei anche molto orgoglioso,
per non dire permaloso, e se uno dei Saggi proponesse qualcun altro come capo
del Bianco Consiglio, carica che ritieni spetti di diritto a te, non potresti fare a
meno di esprimere con veemenza il tuo disappunto nei confronti del proponente e
anche del proposto.

Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi decidere su che argomento
incentrare i tuoi studi: se avrai fortuna, potrai scoprire informazioni e conoscenze
sull’argomento da te scelto, che potrebbero rivelarsi molto utili.

In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il
contributo della tua sapienza (3 punti) e delle tue arti magiche (7 punti);
naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo, e in che
misura fornirlo.











_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
Mithrandir
Sei lo Stregone Grigio, noto agli Elfi col nome di Mithrandir e agli Uomini con
quello di Gandalf; ma il tuo vero nome è Olórin, e in realtà sei un Maia di
Manwë e di Varda. Anche gli altri Istari sono Maiar, potenze immortali,
generate prima dell’inizio dei tempi, e siete stati inviati dai Valar nella Terra di
Mezzo per contrastare il potere dei servi di Sauron e per unire tutti coloro che
hanno volontà di resistergli. Nessuno conosce con certezza la vostra vera
natura, a parte voi Istari e Círdan il Timoniere, il cui sguardo vede troppo in
profondità per potergliela celare; e non riuscite a esprimere al massimo il vostro
potere di Maiar, poiché siete qui per consigliare e spronare i Popoli Liberi, non
per violare le leggi naturali a loro favore.
A Valinor eri considerato il più saggio tra tutti i Maiar, e spesso ti recavi,
invisibile o in forma di Elfo, nella Terra di Mezzo, che quindi conosci ed ami fin
da quando il mondo era giovane; tuttavia, poiché a Curunír è stato concesso di
utilizzare una maggior porzione del suo potere di Maia, e inoltre è giunto per
primo nella Terra di Mezzo in forma di Stregone, mentre tu soltanto per
secondo, umilmente lo riconosci come capo degli Istari. Solo Círdan sembra
essersi reso conto che in realtà sei tu il più saggio tra gli Stregoni: infatti, al tuo
arrivo nella Terra di Mezzo, ha affidato in segreto Narya, il Rosso Anello di
Fuoco, non a Curunír, ma a te. Però non hai mai utilizzato Narya al massimo
della potenza, non ritenendo giusto né prudente amplificare troppo il tuo potere.
Sei tra i pochissimi a sapere che Elrond e Galadriel sono i possessori degli altri
due dei Tre Anelli degli Elfi: infatti non è concesso parlarne, e non hai il diritto
di dirlo a nessuno.
12
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
13
Fin dal tuo arrivo nella Terra di Mezzo hai sempre peregrinato liberamente al
Nord e all’Ovest, senza mai stabilirti in un luogo fisso; per questo non ambisci
affatto a diventare capo del Bianco Consiglio, una carica che ti obbligherebbe a
sceglierti una dimora stabile e ad abbandonare i tuoi studi sul fuoco e sui vari
popoli della Terra di Mezzo, in particolare sugli Elfi, per dedicarti allo studio
delle astuzie del Nemico. Inoltre non vuoi avere legami e obblighi verso nessuno
fuorché i Valar stessi, e sei ben consapevole del fatto che il potere
inevitabilmente corrompe; perciò preferisci diventare il membro del Consiglio con
più autorevolezza, piuttosto che quello con più autorità.

Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi peregrinare per i paesi della
Terra di Mezzo per cercarvi informazioni di qualunque genere e per provare a
intrecciare rapporti con i loro abitanti, che potrebbero tornare molto utili se si
dovesse arrivare allo scontro.

In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il
contributo della tua sapienza (4 punti) e delle tue arti magiche (6 punti), che
potrebbero essere amplificate se decidessi di utilizzare l’Anello di Fuoco;
naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo, e in che
misura fornirlo.





_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
Aiwendil
Sei lo Stregone Bruno, noto agli Elfi col nome di Aiwendil e agli Uomini con
quello di Radagast; ma in realtà sei un Maia di Yavanna. Anche gli altri Istari
sono Maiar, potenze immortali, generate prima dell’inizio dei tempi, e siete stati
inviati dai Valar nella Terra di Mezzo per contrastare il potere dei servi di
Sauron e per unire tutti coloro che hanno volontà di resistergli. Nessuno conosce
con certezza la vostra vera natura, a parte voi Istari e Círdan il Timoniere, il cui
sguardo vede troppo in profondità per potergliela celare; e non riuscite a
esprimere al massimo il vostro potere di Maiar, poiché siete qui per consigliare e
spronare i Popoli Liberi, non per violare le leggi naturali a loro favore.
Fin dal tuo arrivo nella Terra di Mezzo ti sei dedicato allo studio delle forme e
dei colori, ma soprattutto a quello degli animali e delle piante, che ti ha assorbito
sempre di più, fino a farti trascurare la tua missione. Così ti sei stabilito a
Rhosgobel, ai margini del Bosco Atro, lontano da Elfi, Uomini e Nani, dove hai
approfondito la tua amicizia con tutte le bestie della terra e dell’aria. Risiedendo
laggiù hai avvertito con chiarezza il mutamento del Bosco Atro negli ultimi tre
anni: è un fenomeno lentissimo e graduale, che però sta progressivamente
portando il Bosco a oscurarsi come un tempo. Lo hai notato soprattutto negli
animali e nelle piante che ci vivono, alcuni dei quali sembrano essere stati traviati
da un potere malefico in maniera assolutamente simile a quanto fu fatto in
passato dal Negromante, mentre altri stanno fuggendo dal Bosco Atro e
vengono sostituiti da belve feroci e da altri esseri inquietanti.
Hai grandissimo rispetto per Curunír, che riconosci come capo degli Istari poiché
è giunto per primo nella Terra di Mezzo ed è dotato di meravigliosa saggezza,
ma anche per Mithrandir. Non hai nulla in contrario a diventare capo del Bianco
14
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
15
Consiglio se te lo proponessero, ma ti sembra assurdo che possano scegliere te,
quando all’Ovest sono presenti due Stregoni tanto più saggi e potenti come
Curunír e Mithrandir. Inoltre, una volta a capo del Consiglio, dovresti
trascurare i tuoi adorati animali per dedicarti allo studio delle arti del Nemico, e
la prospettiva non ti alletta granché. Non ti piace nemmeno essere qui oggi
anziché nella tua amata Rhosgobel, ma è il tuo dovere e ti rassegni a compierlo.

Grazie alla tua amicizia con gli animali, tra una riunione e l’altra del Bianco
Consiglio sei in grado di utilizzarli liberamente come spie, anche per controllare
gli altri membri del Consiglio. Attento però, perché perfino tra gli animali
potrebbero annidarsi dei traditori, quindi prendi sempre con le molle le notizie
che ti portano.

In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il
contributo della tua sapienza (1 punto) e delle tue arti magiche (5 punti), e in più
potresti scatenare gli animali (4 punti) che non sono ancora stati traviati dal
Nemico (e potresti tentare di convincere a combattere anche le grandi Aquile);
naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo, e in che
misura fornirlo.






_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
Círdan
Sei Mastro Círdan il Timoniere, Signore di Mithlond. Poiché ti sei svegliato
con i primi Elfi a Cuiviénen, durante gli Anni degli Alberi, hai vissuto tutte le
Ere di questo mondo. Eri un Signore dei Teleri, ma sei rimasto nel Beleriand
quando gli altri Teleri passarono all’Ovest, così sei stato Signore delle Falas per
buona parte della Prima Era; poi, dopo la Nirnaeth Arnoediad, ti sei trasferito
nell’isola di Balar. E infine, dopo la distruzione del Beleriand, hai fondato
Mithlond, i Porti Grigi, sul Golfo di Lhûn, dove sei rimasto durante tutta la
Seconda Era, sotto il comando dell’Alto Re Gil-galad; il quale, quando ricevette
da Celebrimbor due dei Tre Anelli degli Elfi, te ne affidò uno, e precisamente
Narya, il Rosso Anello di Fuoco. Sei tra i pochissimi a sapere che Elrond e
Galadriel sono i possessori degli altri due dei Tre Anelli degli Elfi.
All’inizio della Terza Era, con la morte di Gil-galad, poiché Elrond Mezzelfo, il
suo erede naturale, si era da tempo trasferito a Imladris, il rifugio da lui fondato
che gli Uomini chiamano Gran Burrone, hai preso tu il comando degli Elfi ad
ovest dei Monti Azzurri. Quindi sei tu che sovraintendi al progressivo passaggio
degli Eldar all’Ovest, oltre il Grande Mare, e sei stato tu ad accogliere gli
Istari quando da Ovest arrivarono: il tuo sguardo ormai vede più in profondità di
quello di chiunque altro nella Terra di Mezzo, così hai capito che gli Istari in
realtà sono Maiar, potenze immortali, generate prima dell’inizio dei tempi, e che
sono stati inviati dai Valar nella Terra di Mezzo per contrastare il potere dei
servi di Sauron e per unire tutti coloro che hanno volontà di resistergli. Forse
anche gli altri Signori degli Eldar hanno questo sospetto, ma nessuno a parte te
conosce con assoluta certezza la vera natura dei cosiddetti Stregoni.
16
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
17
Per primo sbarcò nella Terra di Mezzo Curunír, che per questo è considerato
il capo degli Istari, ma nonostante ciò hai percepito una maggiore saggezza nel
secondo arrivato, Mithrandir, e al suo arrivo hai deciso di affidargli in segreto
l’Anello di Fuoco. Per questo credi che sia proprio Mithrandir il miglior
candidato alla carica di capo del Bianco Consiglio: nonostante l’apparente
primato di Curunír tra gli Istari, sei assolutamente certo, al di là di ogni possibile
dubbio, che sia Mithrandir il membro più saggio del Consiglio. Tu non credi di
poter essere eletto, né ambisci alla carica: ormai il tuo cuore è tutto per il
Mare, e si sta allontanando dalle questioni della Terra di Mezzo.
La guerra, se dovrà essere combattuta, è un male terribile, particolarmente per
voi Eldar che siete eternamente giovani e non soffrite malattie, e che perciò
perite quasi soltanto in battaglia. Per questo accetterai di mettere a rischio la
vita dei tuoi soldati soltanto se non ci dovessero essere alternative, e anche in
quel caso con molto rimpianto.

Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi sfruttare la tua capacità di
scrutare nel profondo delle persone per cercare di conoscere i sentimenti, i
poteri e altri particolari “interiori” dei membri del Consiglio. Le informazioni che
otterrai però non saranno sempre precise, e talvolta potrebbero rivelarsi
addirittura fallaci.

In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il
contributo del tuo esercito (6 punti) e delle tue arti magiche (4 punti);
naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo, e in che
misura fornirlo.

_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
Elrond
Sei Mastro Elrond Peredhil (o Mezzelfo), Signore di Imladris, che gli Uomini
chiamano Gran Burrone. Sei nato alla fine della Prima Era da Eärendil ed
Elwing, entrambi Mezzelfi, e per questo all’inizio della Seconda Era è stata
data a te e a tuo fratello Elros la possibilità di scegliere se condividere il destino
degli Elfi o quello degli Uomini. Tu hai scelto gli Elfi e l’immortalità, mentre tuo
fratello, che scelse gli Uomini e divenne il primo Re di Númenor col nome di Tar-
Minyatur, è morto ormai da quasi 5500 anni.
Sei rimasto nel Lindon presso l’Alto Re Gil-galad fino a metà della Seconda Era,
poi, dopo l’invasione dell’Eriador da parte di Sauron, Gil-galad ti ha affidato uno
dei Tre Anelli Elfici, e precisamente Vilya, l’Azzurro Anello d’Aria; grazie anche
ai suoi poteri hai fondato il rifugio di Imladris in una profonda valle nascosta
nelle Montagne Nebbiose, e lì sei rimasto, anche dopo la sconfitta di Sauron, e ti
sei dedicato alla conservazione di Imladris grazie ai poteri di Vilya. Sei tra i
pochissimi a sapere che Mithrandir e Galadriel sono i possessori degli altri due
dei Tre Anelli degli Elfi: infatti non è concesso parlarne, e non hai il diritto di
dirlo a nessuno. Il tuo esercito ha marciato insieme con quelli di Gil-galad e di
Elendil nella Guerra dell’Ultima Alleanza; sconfitto Sauron e perito Gil-galad
avresti avuto diritto a succedergli come Signore degli Elfi ad ovest dei Monti
Azzurri, ma ormai ti eri stabilito a Imladris, e hai lasciato volentieri che Círdan
succedesse a Gil-galad al posto tuo.
Nutri la massima fiducia e provi grandissima simpatia nei confronti del buon
Mithrandir, ma ciononostante Curunír viene considerato il più saggio tra gli
Istari, e d’altronde è riconosciuto da essi stessi come loro capo, anche se non sei
18
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
19
del tutto certo che meriti questo primato più di Mithrandir; comunque non è
detto che debba essere proprio uno Stregone arrivato relativamente da poco a
presiedere il Bianco Consiglio, anziché un Signore degli Eldar che conosce la
Terra di Mezzo da molto più tempo. Con ciò ovviamente non intendi proporti
tu come capo del Consiglio, ma di certo se si creasse una situazione di stallo non
sfuggiresti alle tue responsabilità (dopotutto hai la vocazione del mediatore).
La guerra, se dovrà essere combattuta, è un male terribile, particolarmente per
voi Eldar che siete eternamente giovani e non soffrite malattie, e che perciò
perite quasi soltanto in battaglia. Per questo accetterai di mettere a rischio la
vita dei tuoi soldati soltanto se non ci dovessero essere alternative, e anche in
quel caso con molto rimpianto.

Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio sei in grado di utilizzare il tuo
potere di preveggenza, scrutando nel futuro per verificare in che direzione le
vostre decisioni stanno portando la Terra di Mezzo. Attento però, perché non
esiste mai un solo futuro: quello che riesci a vedere con più chiarezza è solo il
futuro più probabile, mentre vedi sbiaditi altri futuri possibili ma meno probabili.

In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il
contributo del tuo esercito (5 punti) e delle tue arti magiche (5 punti), che
potrebbero essere amplificate se decidessi di utilizzare l’Anello d’Aria;
naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo, e in che
misura fornirlo.


_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
Galadriel
Sei Galadriel, la Dama di Lórien, figlia minore, e unica femmina, di Finarfin figlio di
Finwë e di Eärwen figlia di Olwë, e sei nata a Valinor durante gli Anni degli
Alberi. Con i tuoi quattro fratelli, tra cui il grande Finrod Felagund, hai viaggiato
verso la Terra di Mezzo all’inizio della Prima Era, e nel Beleriand hai
frequentato le aule di Thingol del Doriath, dove hai incontrato per la prima
volta il tuo sposo Celeborn.
Alla fine della Prima Era, con la distruzione del Beleriand, la maggior parte dei
Noldor tornò a Valinor, ma tu e Celeborn rimaneste nella Terra di Mezzo; e,
dopo la tragica scomparsa di Amroth nell’anno 1981 della Terza Era,
prendeste il suo posto come Signori dei Galadhrim, gli Elfi di Lothlórien.
Hai convocato tu questo Bianco Consiglio, in accordo con il Sire Celeborn, un
Elfo antichissimo, che per te è il più saggio tra tutti gli Eldar della Terra di
Mezzo. Vuoi assolutamente che sia Mithrandir, che stimi immensamente, a
diventare capo del Consiglio, e farai di tutto per convincerlo ad accettare
l’incarico. Tu non hai ambizioni di questo genere (o meglio, cerchi di soffocarle il
più possibile), e ti proporresti come capo del Bianco Consiglio solo se non riuscissi
a convincere Mithrandir e rischiasse di essere scelto Curunír, di cui non ti fidi.
Sei una dei tre Eldar che ricevettero dalle mani di Celebrimbor i Tre Anelli, e
precisamente tu ricevesti Nenya, il Bianco Anello d’Acqua, che usi tuttora per
amplificare i tuoi poteri in modo da poter conservare Lothlórien dal passare del
tempo. Sei tra i pochissimi a sapere che Mithrandir ed Elrond sono i possessori
degli altri due dei Tre Anelli degli Elfi: infatti non è concesso parlarne, e non hai
il diritto di dirlo a nessuno.
20
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
21
La guerra, se dovrà essere combattuta, è un male terribile, particolarmente per
voi Eldar che siete eternamente giovani e non soffrite malattie, e che perciò
perite quasi soltanto in battaglia. Per questo accetterai di mettere a rischio la
vita dei tuoi soldati soltanto se non ci dovessero essere alternative, e anche in
quel caso con molto rimpianto.

Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio sei in grado di consultare il tuo
Specchio, che mostra cose che furono, e cose che sono, e cose che ancora devono
essere. Ricorda che lo Specchio mostra molte cose, e che non tutte si sono già
verificate. Alcune non avverranno mai: accadranno solo se coloro che le vedono
abbandonano la loro strada per impedirle.

In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il
contributo del tuo esercito (4 punti) e delle tue arti magiche (6 punti), che
potrebbero essere amplificate se decidessi di utilizzare l’Anello d’Acqua;
naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo, e in che
misura fornirlo.








_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
Thranduil
Sei il Sire Thranduil, Re degli Elfi Silvani del Reame Boscoso che si trova nel
nord del Bosco Atro. Sei originario del Lindon, e nel primo millennio della
Seconda Era hai viaggiato verso est con altri Sindar, tra cui tuo padre Oropher,
il quale, giunto nella Grande Foresta Verde, raccolse sotto la sua guida i Teleri
che vi abitavano e vi fondò il Reame Boscoso. Alla fine della Seconda Era tuo
padre cadde nella Guerra dell’Ultima Alleanza, e tu gli succedesti come Re degli
Elfi della Grande Foresta Verde. Da quattordici secoli però la Grande Foresta
Verde è diventata il Bosco Atro, e solo con fatica il tuo popolo è riuscito a
tenere alla larga da quello che restava del Reame Boscoso le forze oscure che,
dirette da Dol Guldur, hanno reso spaventosa e orribile tutta la parte
meridionale del Bosco. In seguito, dopo l’incursione di Mithrandir a Dol Guldur,
avete goduto per quattro secoli della Pace Vigile e rioccupato il sud del Bosco
Atro, ma ora purtroppo il Negromante sembra essere tornato, e bisogna
assolutamente fare qualcosa per fermarlo: non hai alcuna intenzione di
permettere che la situazione torni com’era quattrocento anni fa.
Poiché il tuo popolo vive nel Bosco Atro forse ti chiederanno notizie più
approfondite sull’ombra che è tornata ad opprimerlo; in realtà non ne sai molto,
poiché i tuoi Elfi fuggono le zone del Bosco che stanno tornando a oscurarsi, e
tu stesso non osi avventurartici. Sai però che il mutamento, per quanto graduale
ed estremamente lento, sta coinvolgendo soprattutto la zona immediatamente
adiacente a Dol Guldur, che si sta popolando di belve e altre creature senza
nome, e i cui alberi sembrano covare ostilità e rancore nei confronti degli Eldar.
22
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
23
Ti rendi conto di essere relativamente giovane, inesperto e impulsivo rispetto agli
altri quattro Eldar che si trovano qui riuniti, e per questo non ambisci certo a
diventare capo del Bianco Consiglio; ti basta che un Elfo venga eletto alla svelta
e che si passi a discutere di cose più importanti, per esempio di come cacciare al
più presto dal Bosco Atro il Negromante (perché sei quasi certo che sia tornato,
e che sia lui a provocare il mutamento del Bosco).
La guerra, se dovrà essere combattuta, è un male terribile, particolarmente per
voi Eldar che siete eternamente giovani e non soffrite malattie, e che perciò
perite quasi soltanto in battaglia. Per questo, se accetterai di mettere a rischio
la vita dei tuoi soldati, lo farai senza alcun entusiasmo.

Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi tenere sotto stretta
sorveglianza con i tuoi soldati il Bosco Atro, col vantaggio di poter scoprire
eventuali mosse del Nemico e di poter seguire da vicino gli sviluppi della
situazione; inoltre puoi indagare approfonditamente in zone inaccessibili a
chiunque altro, inviando come spie i tuoi abilissimi esploratori.

In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il
contributo del tuo esercito (8 punti) e delle tue arti magiche (2 punti);
naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo, e in che
misura fornirlo.




_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
24
Tabella riassuntiva dei poteri speciali
Curunír
Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi decidere su che argomento incentrare i tuoi
studi: se avrai fortuna, potrai scoprire informazioni e conoscenze sull’argomento da te scelto, che
potrebbero rivelarsi molto utili.

Mithrandir
Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi peregrinare per i paesi della Terra di Mezzo
per cercarvi informazioni di qualunque genere e per provare a intrecciare rapporti con i loro
abitanti, che potrebbero tornare molto utili se si dovesse arrivare allo scontro.

Aiwendil
Grazie alla tua amicizia con gli animali, tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio sei in grado di
utilizzarli liberamente come spie, anche per controllare gli altri membri del Consiglio. Attento però,
perché perfino tra gli animali potrebbero annidarsi dei traditori, quindi prendi sempre con le molle le
notizie che ti portano.

Círdan
Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi sfruttare la tua capacità di scrutare nel
profondo delle persone per cercare di conoscere i sentimenti, i poteri e altri particolari “interiori” dei
membri del Consiglio. Le informazioni che otterrai però non saranno sempre precise, e talvolta
potrebbero rivelarsi addirittura fallaci.

Elrond
Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio sei in grado di utilizzare il tuo potere di
preveggenza, scrutando nel futuro per verificare in che direzione le vostre decisioni stanno portando
la Terra di Mezzo. Attento però, perché non esiste mai un solo futuro: quello che riesci a vedere
con più chiarezza è solo il futuro più probabile, mentre vedi sbiaditi altri futuri possibili ma meno
probabili.

Galadriel
Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio sei in grado di consultare il tuo Specchio, che mostra
cose che furono, e cose che sono, e cose che ancora devono essere. Ricorda che lo Specchio mostra
molte cose, e che non tutte si sono già verificate. Alcune non avverranno mai: accadranno solo se
coloro che le vedono abbandonano la loro strada per impedirle.

Thranduil
Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi tenere sotto stretta sorveglianza con i tuoi
soldati il Bosco Atro, col vantaggio di poter scoprire eventuali mosse del Nemico e di poter seguire
da vicino gli sviluppi della situazione; inoltre puoi indagare approfonditamente in zone inaccessibili a
chiunque altro, inviando come spie i tuoi abilissimi esploratori.
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬
25
Tabella riassuntiva dei punteggi
Curunír
In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo della tua
sapienza (3 punti) e delle tue arti magiche (7 punti); naturalmente sta a te decidere se fornire o
meno il tuo contributo, e in che misura fornirlo.

Mithrandir
In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo della tua
sapienza (4 punti) e delle tue arti magiche (6 punti), che potrebbero essere amplificate se decidessi di
utilizzare l’Anello di Fuoco; naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo, e in
che misura fornirlo.

Aiwendil
In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo della tua
sapienza (1 punto) e delle tue arti magiche (5 punti), e in più potresti scatenare gli animali (4 punti)
che non sono ancora stati traviati dal Nemico (e potresti tentare di convincere a combattere anche
le grandi Aquile); naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo, e in che misura
fornirlo.

Círdan
In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo del tuo esercito
(6 punti) e delle tue arti magiche (4 punti); naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo
contributo, e in che misura fornirlo.

Elrond
In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo del tuo esercito
(5 punti) e delle tue arti magiche (5 punti), che potrebbero essere amplificate se decidessi di
utilizzare l’Anello d’Aria; naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo, e in
che misura fornirlo.

Galadriel
In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo del tuo esercito
(4 punti) e delle tue arti magiche (6 punti), che potrebbero essere amplificate se decidessi di
utilizzare l’Anello d’Acqua; naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo, e in
che misura fornirlo.

Thranduil
In un’eventuale guerra, incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo del tuo esercito
(8 punti) e delle tue arti magiche (2 punti); naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo
contributo, e in che misura fornirlo.
_·_u n_ u·¬¬ ¬¬o_ · c¬ n·¬ovnvoo,·´¬ n_ LL n ·¬nv· ¬oo_¬ ovo n_ ·´nv n c\¬ v¬_n v··_ o_¬·¬

Un manifesto per il gioco di narrazione e interpretazione
Prima di Internet, prima degli sms, prima delle automobili, prima della scrittura e prima delle città... prima
di tutto questo, già esistevano le storie.

Era il principio e l’umanità trovava nella narrazione e nel racconto uno dei modi più autentici per incontrare
altre persone; lo faceva senza gli schemi e le categorie, spesso troppo asfittici e inconcludenti, con cui ci
confrontiamo noi oggi.

Fu un bene: nelle storie raccontate attorno al fuoco venivano mescolate la narrazione orale,
l’interpretazione dei ruoli, il gioco di mimesi, il divertimento condiviso, il coinvolgimento degli uditori che da
semplice pubblico divenivano protagonisti attivi della storia in una girandola di contributi, di ricordi, di eventi
e di intuizioni, di enfasi e ritmo, di espressione e fruizione. Il modo attraverso cui raccontare una storia era
oggetto di una sperimentazione continua; d’altra parte lo strumento della narrazione era così nuovo e
profondo che valeva la pena scoprirne tutte le potenzialità.

Noi oggi vogliamo proseguire questa tradizione.

Vogliamo raccontare storie grazie a un mezzo contemporaneamente antico e moderno come il gioco di
narrazione e interpretazione.

Vogliamo divertire e divertirci, nella consapevolezza che le nostre proposte hanno un senso solo se ci
permettono di metterci in relazione con altre persone; non spettatori passivi, ma protagonisti nello sviluppo
di una storia sempre nuova, una storia viva perché partecipata.

Vogliamo sperimentare forme nuove per giocare, comunicare emozioni e coinvolgere, perché pensiamo che
anche dopo secoli siamo ancora agli inizi di questo viaggio in cui c’è ancora molto da esplorare.

Vogliamo giocare perché ci rende vivi e attivi; ci sfidiamo a stupirci e desideriamo incontrarci, curiosi della
nuova avventura che ci aspetta.

Siamo artisti del gioco. Siamo artisti per gioco.

http://www.flyingcircus.it
26

j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$

Crediti
Quest’avventura è tratta dalle opere di J.R.R. Tolkien che contengono riferimenti al Bianco Consiglio, e più in generale alla Storia della Terza Era della Terra di Mezzo: “The Hobbit”, “The Lord of the Rings”, “The Silmarillion”, “Unfinished Tales of Numenor and Middle-Earth”, “History of Middle-Earth”, “Letters of J.R.R. Tolkien”. Un enorme grazie ai magnifici playtesters della Torre del Naviglio: Maurizio Corò “Zeno” (Curunír), Simonetta Bruzzone “Alce” (Mithrandir), Paolo Pernice “Pernix” (Aiwendil), Marco Brusoni (Círdan), Marco Motta “Bardo” (Elrond), Giovanna Dossena (Galadriel), Luca Bonora “Sulfureo” (Thranduil). Grazie anche a tutti gli altri “giocattori” che, provando quest’avventura, mi hanno dato utilissime indicazioni su come migliorarla, tra cui ricordo Mattia Grazioli “Hendrake”, Maria Paola Manchia “Meripol”, Cristiano Mercuri “Mirage”, Carlo Rebagliati “Garmaigol”, Luca Sabatucci e Leonardo Tartaglia. Quest’avventura è un mio modesto omaggio alle opere e al genio del Professore. Per contattare Andrea Castellani: cell. 348.3607586 – andrea.castellani@gmail.com http://www.gryllus.eu – http://www.flyingcircus.it

L’alba del Bianco Consiglio © 2004 Andrea Castellani Quest’opera è rilasciata sotto la licenza Creative Commons chiamata “Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia”. Per visionare una copia di questa licenza, visita la pagina web http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/ oppure richiedila per posta a Creative Commons, 543 Howard Street, 5th Floor, San Francisco, California, 94105, USA. Tutti i diritti sulle illustrazioni di questa avventura, sui personaggi e sulle opere originali appartengono ai rispettivi proprietari.
2

Si svolgono in forma di gioco di comitato. Risoluzioni delle azioni. dopodiché descriverà gli esiti delle azioni (in questa fase è possibile usare un dado per stabilire il grado di successo delle azioni. Le sedute successive avranno ordini del giorno decisi di volta in volta dal capo del Consiglio. che svolgerà anche funzioni di decisore sulle azioni da intraprendere dopo ogni seduta. e i giocatori saranno ansiosi di arrivare alla seduta successiva). Tra una seduta e l’altra del Consiglio ci sono circa 90100 anni di tempo durante i quali i PG potranno utilizzare i poteri speciali dettagliati nelle loro schede. La prima seduta ha come tema all’ordine del giorno la scelta del capo del Consiglio (e. Il regista si apparterà a turno con ognuno dei giocatori e si farà spiegare in che modo questi vorranno usare il loro potere. Nel frattempo gli altri PG potranno discutere liberamente in stile live freeform per consentire lo scambio di idee anche al di fuori del gioco di comitato (in questa fase tra l’altro possono emergere molti sviluppi interessanti. come alleanze traversali o scambi privati di informazioni che i giocatori non ritengono prudente rivelare all’intero Consiglio). Naturalmente i singoli membri possono anche disattendere le decisioni del capo. Il regista ricoprirà un doppio ruolo: Celeborn e Sauron. Sedute del Bianco Consiglio. ma si ottengono risultati anche migliori giocando totalmente diceless).j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Introduzione per il regista Il gioco richiede una conoscenza discreta dell’ambientazione da parte dei giocatori. 3 . Esso si divide in fasi alternate di sedute del Bianco Consiglio e di risoluzioni delle azioni. anche la scelta del metodo usato per sceglierlo. di conseguenza. È bene comunque che il regista mantenga la fase di risoluzione delle azioni il più breve possibile. che non è decisa a priori). visto che le risoluzioni delle azioni avvengono in privato con il regista. altrimenti questa fase diventa noiosa (il cuore del gioco sta nelle sedute del Consiglio. e una conoscenza abbastanza approfondita da parte del regista.

Se i possessori dei Tre Anelli li usano mentre l’Unico Anello è in possesso del capo 4 . oppure è il Re Stregone. perché secondo Tolkien nel concetto stesso di autorità è insito un male che inevitabilmente corrompe). La sua funzione sarà quella di moderare il dibattito se dovesse andare fuori tema o dovesse diventare troppo lungo. ma anche i Popoli Liberi e i membri del Consiglio che non si schierano al suo fianco. Di questo compito del regista. o è solo una manovra diversiva per sviare l’attenzione dal vero accumulo di forze a Mordor? E così via. che col tempo arriva al punto di forgiare nuovi Anelli. e di dedicarsi con tutti i mezzi a sua disposizione alla ricerca del perduto Unico Anello. non deve invece intervenire sulla sostanza del dibattito. qualunque essa sia. Se lo trova. fa parte anche la decisione su quale sia la verità sulle manovre del Nemico: c’è davvero un Negromante nel Bosco Atro? Ed è Sauron. PNG molto saggio e molto rispettato da tutti i membri del Consiglio. insomma. È utile che Celeborn sia fornito di una mappa della Terra di Mezzo. ossia cercherà di manipolare (con moderazione) i risultati delle azioni in modo da insinuare il sospetto tra i membri del Consiglio e da metterli l’uno contro l’altro. per agevolare i suoi studi sul Nemico. al regista è lasciata piena libertà su tutto quanto riguarda le scelte di Sauron. la torre di Orthanc. copie mal riuscite degli originali. Sauron. Durante le risoluzioni delle azioni invece il regista sarà Sauron. dove il capo del Consiglio trova un palantír. o un altro personaggio ancora? Sauron sta accumulando il grosso delle truppe nel Bosco Atro. è sempre sbagliata. o un altro Nazgûl. Il PG che sarà nominato capo del Bianco Consiglio è destinato anche a diventare il traditore del Consiglio stesso (quindi la scelta del capo. Durante le sedute del Consiglio il regista sarà Celeborn. nonché di fornire chiarimenti “in personaggio” sull’ambientazione se richiesti da uno dei giocatori. il suo potere aumenta a tal punto da sopraffare facilmente Sauron e i suoi seguaci (il suo valore di arti magiche viene decuplicato).j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Celeborn. Di seduta in seduta gli studi sugli Anelli di Potere prendono il sopravvento sui doveri del capo del Consiglio. poiché l’esito di ogni seduta del Consiglio dev’essere frutto esclusivamente del confronto di idee tra i PG. Il traditore. una delegazione di Gondor si reca dal capo del Consiglio e gli offre in dono. A un certo punto della storia. peraltro molto divertente e creativo.

e solo se la partecipazione delle Aquile serve a spostare l’ago della bilancia dello scontro da una parte all’altra. Se vengono convinti a partecipare allo scontro. mentre Rohan ne vale 8. ma solo se quest’ultimo non si è schierato con Sauron o con il traditore del Consiglio. altrimenti lo scontro si risolve in un nulla di fatto. bisogna confrontare i punteggi che i giocatori decidono di mettere in campo. Tabella dei punti a disposizione di Sauron Prima seduta (anno 2463): Seconda seduta (anno 2571): Terza seduta (anno 2671): Quarta seduta (anno 2761): Quinta seduta (anno 2851): Sesta seduta (anno 2941): Forza militare 19 Forza militare 24 Forza militare 30 Forza militare 37 Forza militare 46 Forza militare 58 Arti magiche trascurabili Arti magiche 11 Arti magiche 21 Arti magiche 30 Arti magiche 39 Arti magiche 48 5 . Se si arriva a uno o più scontri. Per vincere lo scontro bisogna possedere sia più arti magiche sia più forza militare dell’avversario. Gli animali di Aiwendil e la sapienza degli Stregoni contano come forza militare. Le Aquile (6 punti di esercito) intervengono all’ultimo momento dalla parte di Aiwendil. essi diventano suoi schiavi. Scontri.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ del Consiglio. Gondor vale 15 punti di esercito. essi raddoppiano i loro punti di arti magiche. se invece l’Unico Anello è ancora perduto.

2510 I Rohirrim si stabiliscono nel Calenardhon. 2571 Seduta del Bianco Consiglio. Il Baranduin e altri fiumi sono ghiacciati. in viaggio per Lórien. 2941 Seduta del Bianco Consiglio. 2590 Thrór ritorna a Erebor. 2939 I servitori di Sauron iniziano a ispezionare l’Anduin nei pressi di Campo Gaggiolo. 2509 Celebrían. 2912 Grandi inondazioni devastano l’Enedwaith e il Minhiriath. 2758 Il Lungo Inverno. 2761 Seduta del Bianco Consiglio. 2951 Sauron dichiara apertamente il proprio ritorno e attacca i Popoli Liberi. 2470 Sméagol-Gollum si nasconde nelle Montagne Nebbiose. Sarbad viene distrutta e abbandonata. Sauron comincia a popolare Moria con le sue creature. 2463 Si costituisce il Bianco Consiglio. Lupi bianchi invadono da nord l’Eriador. 2852 Muore l’Albero Bianco e non se ne trova un nuovo seme. a discrezione del regista. 2480 Gli Orchi costruiscono fortezze segrete nelle Montagne Nebbiose al fine di sbarrare tutti i valichi che conducono nell’Eriador. 2759 Il capo del Bianco Consiglio si stabilisce a Isengard. 2851 Seduta del Bianco Consiglio. 2570 I Draghi cominciano a riapparire all’estremo Nord. scompare senza lasciare traccia al Valico Cornorosso. Suo fratello Grór si reca ai Colli Ferrosi. 2845 Thráin il Nano scompare misteriosamente da Erebor. 2953 Ultima seduta del Bianco Consiglio (se Sauron è sconfitto. 6 .j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Cronologia indicativa per il regista Questa cronologia può essere rispettata o meno. Grandi perdite e sofferenze nell’Eriador e nel territorio di Rohan. 2911 Il Crudele Inverno. 2671 Seduta opzionale del Bianco Consiglio. può essere usata come epilogo). Déagol lo Sturoi trova l’Unico Anello e viene assassinato da Sméagol.

La prima seduta ha come tema all’ordine del giorno la scelta del capo del Consiglio (e. Esso si divide in fasi alternate di sedute del Bianco Consiglio e di risoluzioni delle azioni. che svolgerà anche funzioni di decisore sulle azioni da intraprendere dopo ogni seduta. che non è decisa a priori). visto che le risoluzioni delle azioni avvengono in privato con il regista. Nel frattempo gli altri PG potranno discutere liberamente in stile live freeform per consentire lo scambio di idee anche al di fuori del gioco di comitato (in questa fase tra l’altro possono emergere molti sviluppi interessanti. di conseguenza. Naturalmente i singoli membri possono anche disattendere le decisioni del capo. e una conoscenza abbastanza approfondita da parte del regista. PNG molto saggio e molto rispettato da tutti i membri del Consiglio. Per vincere lo scontro bisogna possedere sia più arti magiche sia più forza militare dell’avversario. Gli animali di Aiwendil e la sapienza degli Stregoni contano come forza militare. Le sedute successive avranno ordini del giorno decisi di volta in volta dal capo del Consiglio. poiché l’esito di ogni seduta del Consiglio dev’essere frutto esclusivamente del confronto di idee tra i PG. Il regista si apparterà a turno con ognuno dei giocatori e si farà spiegare in che modo questi vorranno usare il loro potere. Durante le sedute del Consiglio il regista sarà Celeborn. bisogna confrontare i punteggi che i giocatori decidono di mettere in campo. È utile che Celeborn sia fornito di una mappa della Terra di Mezzo. Risoluzioni delle azioni. nonché di fornire chiarimenti “in personaggio” sull’ambientazione se richiesti da uno dei giocatori. Scontri. La sua funzione sarà quella di moderare il dibattito se dovesse andare fuori tema o dovesse diventare troppo lungo.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Introduzione per i giocatori Il gioco richiede una conoscenza discreta dell’ambientazione da parte dei giocatori. Si svolgono in forma di gioco di comitato. Celeborn. altrimenti lo scontro si risolve in un nulla di fatto. Se si arriva a uno o più scontri. 7 . come alleanze traversali o scambi privati di informazioni che i giocatori non ritengono prudente rivelare all’intero Consiglio). non deve invece intervenire sulla sostanza del dibattito. anche la scelta del metodo usato per sceglierlo. Tra una seduta e l’altra del Consiglio ci sono circa 90-100 anni di tempo durante i quali i PG potranno utilizzare i poteri speciali dettagliati nelle loro schede. dopodiché descriverà gli esiti delle azioni. Sedute del Bianco Consiglio.

l’ombra è riapparsa nel Bosco Atro: si dice che sia tornato il Negromante. gli Istari. ossia gli Istari e i capi degli Eldar. che da allora fu noto come Dol Guldur. Due secoli più tardi esseri maligni cominciarono a moltiplicarsi.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Antefatto Nell’undicesimo secolo della Terza Era. sconfitto a sua volta nella Battaglia di Fornost. e molti dicevano che davvero fossero ricomparsi i Nazgûl. presero agli Uomini di Gondor la roccaforte di Minas Ithil. Le Montagne Nebbiose pullulavano di Orchi. e Dama Galadriel ha deciso di convocare a Caras Galadhon i Saggi. esseri di grande sapienza che invecchiano con inusitata lentezza. nella Terra di Mezzo giunsero. forse uno dei Nazgûl. scomparsi dopo la sconfitta di Sauron alla fine della Seconda Era. all’apice della potenza di Gondor. il Bosco Atro. allora al Nord iniziò una lunga lotta tra Arnor e Angmar. e che gli Uomini chiamano Stregoni. mettendone in fuga il Negromante: quello fu l’inizio della cosiddetta Pace Vigile. uno degli Istari che non partirono per l’Est. All’inizio del ventunesimo secolo i Nazgûl. Nel 2063 Mithrandir. che in passato ospitava la capitale degli Elfi Silvani: un nero colle nel sud del Bosco Atro. anch’egli forse uno dei Nazgûl. il quale però l’anno successivo dovette fuggire dal Nord. che attaccavano i Nani delle Montagne. e la fecero loro capitale. purtroppo. un’ombra calò sulla Grande Foresta Verde. Da allora. forse proprio per opera di quello che ormai veniva chiamato il Negromante di Dol Guldur. nel 2050 proprio a Minas Morgul scomparve per sempre Eärnur. il Grigio Pellegrino. Alla fine del secolo voi Saggi. invase il Reame degli Uomini di Arnor. esortandoli a costituire un Bianco Consiglio che sia in grado di investigare e combattere l’oscuro potere che alligna nel cuore di Taur-nu-Fuin… 8 . Nel 2460. nessuno sa dire con certezza da dove. che si concluse solo nel 1974 con la distruzione del Reame di Arnor da parte del Re Stregone. si recò da solo a Dol Guldur. scopriste finalmente il perché del mutamento della Foresta: un potente essere malefico. uscirono dalla terra di Mordor. ultimo Re di Gondor. al comando del Re Stregone. che da allora viene chiamata Taur-nuFuin. col nome di Minas Morgul. si era stabilito su Amon Lanc. Gondor è retta dalla Casa dei Sovrintendenti. Nell’anno 1409 della Terza Era il Re Stregone di Angmar. Ora siamo nel 2463. nello stesso periodo. e che di nuovo cerchi di estendere il suo potere. e per quattro secoli non si ebbe notizia di nuove azioni dei Nazgûl fuori da Minas Morgul.

che al Nord chiamano Gandalf il Grigio Aiwendil. Signore di Mithlond Mastro Elrond Mezzelfo. Re degli Elfi di Taur-nu-Fuin 9 .j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Personaggi Curunír. Signore di Imladris Dama Galadriel di Lórien. Signora dei Galadhrim Sire Thranduil. che al Nord chiamano Saruman il Bianco Mithrandir. che al Nord chiamano Radagast il Bruno Mastro Círdan il Timoniere.

a differenza di altri. Alatar e Pallando. e sei convinto di essere di gran lunga il migliore e il più saggio degli Istari (e in effetti la tua sapienza e la tua potenza sono enormi). nonostante tu ne possieda già in quantità inimmaginabili. e in realtà sei un Maia di Aulë. ma in Valinor il tuo nome è Curumo. Sei stato il primo Stregone ad arrivare nella Terra di Mezzo. ma poi li hai lasciati laggiù e sei tornato all’Ovest. nonché di essere senza dubbio il più adatto a diventare capo del Bianco Consiglio. a parte voi Istari e Círdan il Timoniere. Sei ancora molto desideroso di potere e di conoscenza. Tuttavia. il cui sguardo vede troppo in profondità per potergliela celare. Sei di eloquio assai abile. non avresti nessun problema a stabilirti in un luogo fisso. e per questo (oltre che per il tuo maggior potere) sei considerato il capo degli Istari. dove ti sei dedicato allo studio degli Uomini. come capo del Consiglio. Anche gli altri Istari sono Maiar. così. hai viaggiato per più di mille anni all’Est con i due Stregoni Azzurri. generate prima dell’inizio dei tempi. e siete stati inviati dai Valar nella Terra di Mezzo per contrastare il potere dei servi di Sauron e per unire tutti coloro che hanno volontà di resistergli. e non riuscite a esprimere al massimo il vostro potere di Maiar. sai che la porzione del tuo potere che sei in grado di usare è certamente maggiore di quella concessa a Mithrandir e ad Aiwendil. poiché siete qui per consigliare e spronare i Popoli Liberi. non per violare le leggi naturali a loro favore.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Curunír Sei lo Stregone Bianco. per 10 . noto agli Elfi col nome di Curunír e agli Uomini con quello di Saruman. Nessuno conosce con certezza la vostra vera natura. della metallurgia e delle antiche astuzie di Sauron. potenze immortali.

In un’eventuale guerra. incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo della tua sapienza (3 punti) e delle tue arti magiche (7 punti). Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi decidere su che argomento incentrare i tuoi studi: se avrai fortuna. Ma sei anche molto orgoglioso. potrai scoprire informazioni e conoscenze sull’argomento da te scelto. 11 . e in che misura fornirlo. e se uno dei Saggi proponesse qualcun altro come capo del Bianco Consiglio. per non dire permaloso. carica che ritieni spetti di diritto a te.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ dedicarti allo studio del Nemico e delle sue arti. che potrebbero rivelarsi molto utili. non potresti fare a meno di esprimere con veemenza il tuo disappunto nei confronti del proponente e anche del proposto. naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo.

nella Terra di Mezzo. poiché siete qui per consigliare e spronare i Popoli Liberi. invisibile o in forma di Elfo. umilmente lo riconosci come capo degli Istari. generate prima dell’inizio dei tempi. e siete stati inviati dai Valar nella Terra di Mezzo per contrastare il potere dei servi di Sauron e per unire tutti coloro che hanno volontà di resistergli. e inoltre è giunto per primo nella Terra di Mezzo in forma di Stregone. e spesso ti recavi. al tuo arrivo nella Terra di Mezzo. che quindi conosci ed ami fin da quando il mondo era giovane. Anche gli altri Istari sono Maiar. non a Curunír. poiché a Curunír è stato concesso di utilizzare una maggior porzione del suo potere di Maia. Però non hai mai utilizzato Narya al massimo della potenza. e in realtà sei un Maia di Manwë e di Varda. potenze immortali. il cui sguardo vede troppo in profondità per potergliela celare. noto agli Elfi col nome di Mithrandir e agli Uomini con quello di Gandalf. tuttavia. il Rosso Anello di Fuoco. Nessuno conosce con certezza la vostra vera natura. e non hai il diritto di dirlo a nessuno. A Valinor eri considerato il più saggio tra tutti i Maiar. a parte voi Istari e Círdan il Timoniere. non per violare le leggi naturali a loro favore. e non riuscite a esprimere al massimo il vostro potere di Maiar. ha affidato in segreto Narya. ma a te. Sei tra i pochissimi a sapere che Elrond e Galadriel sono i possessori degli altri due dei Tre Anelli degli Elfi: infatti non è concesso parlarne.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Mithrandir Sei lo Stregone Grigio. mentre tu soltanto per secondo. 12 . non ritenendo giusto né prudente amplificare troppo il tuo potere. Solo Círdan sembra essersi reso conto che in realtà sei tu il più saggio tra gli Stregoni: infatti. ma il tuo vero nome è Olórin.

per questo non ambisci affatto a diventare capo del Bianco Consiglio. e sei ben consapevole del fatto che il potere inevitabilmente corrompe. incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo della tua sapienza (4 punti) e delle tue arti magiche (6 punti). in particolare sugli Elfi.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Fin dal tuo arrivo nella Terra di Mezzo hai sempre peregrinato liberamente al Nord e all’Ovest. una carica che ti obbligherebbe a sceglierti una dimora stabile e ad abbandonare i tuoi studi sul fuoco e sui vari popoli della Terra di Mezzo. che potrebbero essere amplificate se decidessi di utilizzare l’Anello di Fuoco. che potrebbero tornare molto utili se si dovesse arrivare allo scontro. per dedicarti allo studio delle astuzie del Nemico. e in che misura fornirlo. piuttosto che quello con più autorità. 13 . naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo. perciò preferisci diventare il membro del Consiglio con più autorevolezza. Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi peregrinare per i paesi della Terra di Mezzo per cercarvi informazioni di qualunque genere e per provare a intrecciare rapporti con i loro abitanti. In un’eventuale guerra. senza mai stabilirti in un luogo fisso. Inoltre non vuoi avere legami e obblighi verso nessuno fuorché i Valar stessi.

ai margini del Bosco Atro. e non riuscite a esprimere al massimo il vostro potere di Maiar. Fin dal tuo arrivo nella Terra di Mezzo ti sei dedicato allo studio delle forme e dei colori. ma in realtà sei un Maia di Yavanna. Anche gli altri Istari sono Maiar. Hai grandissimo rispetto per Curunír. fino a farti trascurare la tua missione. Nessuno conosce con certezza la vostra vera natura. che però sta progressivamente portando il Bosco a oscurarsi come un tempo. che ti ha assorbito sempre di più. a parte voi Istari e Círdan il Timoniere. noto agli Elfi col nome di Aiwendil e agli Uomini con quello di Radagast. Così ti sei stabilito a Rhosgobel. Non hai nulla in contrario a diventare capo del Bianco 14 . alcuni dei quali sembrano essere stati traviati da un potere malefico in maniera assolutamente simile a quanto fu fatto in passato dal Negromante. mentre altri stanno fuggendo dal Bosco Atro e vengono sostituiti da belve feroci e da altri esseri inquietanti. potenze immortali.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Aiwendil Sei lo Stregone Bruno. poiché siete qui per consigliare e spronare i Popoli Liberi. Risiedendo laggiù hai avvertito con chiarezza il mutamento del Bosco Atro negli ultimi tre anni: è un fenomeno lentissimo e graduale. Uomini e Nani. ma anche per Mithrandir. Lo hai notato soprattutto negli animali e nelle piante che ci vivono. che riconosci come capo degli Istari poiché è giunto per primo nella Terra di Mezzo ed è dotato di meravigliosa saggezza. generate prima dell’inizio dei tempi. lontano da Elfi. dove hai approfondito la tua amicizia con tutte le bestie della terra e dell’aria. e siete stati inviati dai Valar nella Terra di Mezzo per contrastare il potere dei servi di Sauron e per unire tutti coloro che hanno volontà di resistergli. il cui sguardo vede troppo in profondità per potergliela celare. ma soprattutto a quello degli animali e delle piante. non per violare le leggi naturali a loro favore.

e in più potresti scatenare gli animali (4 punti) che non sono ancora stati traviati dal Nemico (e potresti tentare di convincere a combattere anche le grandi Aquile). Attento però. Non ti piace nemmeno essere qui oggi anziché nella tua amata Rhosgobel. In un’eventuale guerra.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Consiglio se te lo proponessero. quando all’Ovest sono presenti due Stregoni tanto più saggi e potenti come Curunír e Mithrandir. anche per controllare gli altri membri del Consiglio. ma ti sembra assurdo che possano scegliere te. ma è il tuo dovere e ti rassegni a compierlo. quindi prendi sempre con le molle le notizie che ti portano. e in che misura fornirlo. Grazie alla tua amicizia con gli animali. naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo. perché perfino tra gli animali potrebbero annidarsi dei traditori. incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo della tua sapienza (1 punto) e delle tue arti magiche (5 punti). 15 . una volta a capo del Consiglio. dovresti trascurare i tuoi adorati animali per dedicarti allo studio delle arti del Nemico. tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio sei in grado di utilizzarli liberamente come spie. e la prospettiva non ti alletta granché. Inoltre.

Poiché ti sei svegliato con i primi Elfi a Cuiviénen. e precisamente Narya. sul Golfo di Lhûn. il rifugio da lui fondato che gli Uomini chiamano Gran Burrone. così sei stato Signore delle Falas per buona parte della Prima Era. Eri un Signore dei Teleri. generate prima dell’inizio dei tempi.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Círdan Sei Mastro Círdan il Timoniere. poiché Elrond Mezzelfo. ma nessuno a parte te conosce con assoluta certezza la vera natura dei cosiddetti Stregoni. il Rosso Anello di Fuoco. oltre il Grande Mare. durante gli Anni degli Alberi. sotto il comando dell’Alto Re Gil-galad. All’inizio della Terza Era. e sei stato tu ad accogliere gli Istari quando da Ovest arrivarono: il tuo sguardo ormai vede più in profondità di quello di chiunque altro nella Terra di Mezzo. te ne affidò uno. i Porti Grigi. il suo erede naturale. Signore di Mithlond. il quale. Quindi sei tu che sovraintendi al progressivo passaggio degli Eldar all’Ovest. dopo la distruzione del Beleriand. poi. si era da tempo trasferito a Imladris. E infine. Forse anche gli altri Signori degli Eldar hanno questo sospetto. potenze immortali. ti sei trasferito nell’isola di Balar. hai preso tu il comando degli Elfi ad ovest dei Monti Azzurri. hai vissuto tutte le Ere di questo mondo. così hai capito che gli Istari in realtà sono Maiar. Sei tra i pochissimi a sapere che Elrond e Galadriel sono i possessori degli altri due dei Tre Anelli degli Elfi. 16 . ma sei rimasto nel Beleriand quando gli altri Teleri passarono all’Ovest. dove sei rimasto durante tutta la Seconda Era. hai fondato Mithlond. dopo la Nirnaeth Arnoediad. con la morte di Gil-galad. e che sono stati inviati dai Valar nella Terra di Mezzo per contrastare il potere dei servi di Sauron e per unire tutti coloro che hanno volontà di resistergli. quando ricevette da Celebrimbor due dei Tre Anelli degli Elfi.

e si sta allontanando dalle questioni della Terra di Mezzo. e al suo arrivo hai deciso di affidargli in segreto l’Anello di Fuoco. e talvolta potrebbero rivelarsi addirittura fallaci. Le informazioni che otterrai però non saranno sempre precise. che per questo è considerato il capo degli Istari. La guerra. incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo del tuo esercito (6 punti) e delle tue arti magiche (4 punti). ma nonostante ciò hai percepito una maggiore saggezza nel secondo arrivato.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Per primo sbarcò nella Terra di Mezzo Curunír. Per questo credi che sia proprio Mithrandir il miglior candidato alla carica di capo del Bianco Consiglio: nonostante l’apparente primato di Curunír tra gli Istari. Mithrandir. naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo. Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi sfruttare la tua capacità di scrutare nel profondo delle persone per cercare di conoscere i sentimenti. In un’eventuale guerra. i poteri e altri particolari “interiori” dei membri del Consiglio. Tu non credi di poter essere eletto. Per questo accetterai di mettere a rischio la vita dei tuoi soldati soltanto se non ci dovessero essere alternative. che sia Mithrandir il membro più saggio del Consiglio. né ambisci alla carica: ormai il tuo cuore è tutto per il Mare. 17 . e che perciò perite quasi soltanto in battaglia. se dovrà essere combattuta. al di là di ogni possibile dubbio. sei assolutamente certo. e anche in quel caso con molto rimpianto. particolarmente per voi Eldar che siete eternamente giovani e non soffrite malattie. e in che misura fornirlo. è un male terribile.

che gli Uomini chiamano Gran Burrone. e hai lasciato volentieri che Círdan succedesse a Gil-galad al posto tuo. poi.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Elrond Sei Mastro Elrond Peredhil (o Mezzelfo). grazie anche ai suoi poteri hai fondato il rifugio di Imladris in una profonda valle nascosta nelle Montagne Nebbiose. mentre tuo fratello. Il tuo esercito ha marciato insieme con quelli di Gil-galad e di Elendil nella Guerra dell’Ultima Alleanza. entrambi Mezzelfi. sconfitto Sauron e perito Gil-galad avresti avuto diritto a succedergli come Signore degli Elfi ad ovest dei Monti Azzurri. Gil-galad ti ha affidato uno dei Tre Anelli Elfici. Sei rimasto nel Lindon presso l’Alto Re Gil-galad fino a metà della Seconda Era. anche dopo la sconfitta di Sauron. e ti sei dedicato alla conservazione di Imladris grazie ai poteri di Vilya. e d’altronde è riconosciuto da essi stessi come loro capo. Signore di Imladris. e precisamente Vilya. l’Azzurro Anello d’Aria. dopo l’invasione dell’Eriador da parte di Sauron. Sei nato alla fine della Prima Era da Eärendil ed Elwing. è morto ormai da quasi 5500 anni. ma ormai ti eri stabilito a Imladris. anche se non sei 18 . che scelse gli Uomini e divenne il primo Re di Númenor col nome di TarMinyatur. Sei tra i pochissimi a sapere che Mithrandir e Galadriel sono i possessori degli altri due dei Tre Anelli degli Elfi: infatti non è concesso parlarne. Tu hai scelto gli Elfi e l’immortalità. Nutri la massima fiducia e provi grandissima simpatia nei confronti del buon Mithrandir. ma ciononostante Curunír viene considerato il più saggio tra gli Istari. e non hai il diritto di dirlo a nessuno. e per questo all’inizio della Seconda Era è stata data a te e a tuo fratello Elros la possibilità di scegliere se condividere il destino degli Elfi o quello degli Uomini. e lì sei rimasto.

che potrebbero essere amplificate se decidessi di utilizzare l’Anello d’Aria. incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo del tuo esercito (5 punti) e delle tue arti magiche (5 punti). se dovrà essere combattuta. scrutando nel futuro per verificare in che direzione le vostre decisioni stanno portando la Terra di Mezzo. 19 . e in che misura fornirlo. Con ciò ovviamente non intendi proporti tu come capo del Consiglio. ma di certo se si creasse una situazione di stallo non sfuggiresti alle tue responsabilità (dopotutto hai la vocazione del mediatore). naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo. Per questo accetterai di mettere a rischio la vita dei tuoi soldati soltanto se non ci dovessero essere alternative. particolarmente per voi Eldar che siete eternamente giovani e non soffrite malattie. mentre vedi sbiaditi altri futuri possibili ma meno probabili. La guerra. perché non esiste mai un solo futuro: quello che riesci a vedere con più chiarezza è solo il futuro più probabile. anziché un Signore degli Eldar che conosce la Terra di Mezzo da molto più tempo. comunque non è detto che debba essere proprio uno Stregone arrivato relativamente da poco a presiedere il Bianco Consiglio. Attento però.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ del tutto certo che meriti questo primato più di Mithrandir. Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio sei in grado di utilizzare il tuo potere di preveggenza. è un male terribile. e anche in quel caso con molto rimpianto. e che perciò perite quasi soltanto in battaglia. In un’eventuale guerra.

e farai di tutto per convincerlo ad accettare l’incarico. che usi tuttora per amplificare i tuoi poteri in modo da poter conservare Lothlórien dal passare del tempo. e precisamente tu ricevesti Nenya. e nel Beleriand hai frequentato le aule di Thingol del Doriath. con la distruzione del Beleriand. hai viaggiato verso la Terra di Mezzo all’inizio della Prima Era. di Finarfin figlio di Finwë e di Eärwen figlia di Olwë. tra cui il grande Finrod Felagund. Hai convocato tu questo Bianco Consiglio. che stimi immensamente. in accordo con il Sire Celeborn. il Bianco Anello d’Acqua. Sei tra i pochissimi a sapere che Mithrandir ed Elrond sono i possessori degli altri due dei Tre Anelli degli Elfi: infatti non è concesso parlarne. dopo la tragica scomparsa di Amroth nell’anno 1981 della Terza Era. e. a diventare capo del Consiglio. di cui non ti fidi. Sei una dei tre Eldar che ricevettero dalle mani di Celebrimbor i Tre Anelli. cerchi di soffocarle il più possibile). un Elfo antichissimo. dove hai incontrato per la prima volta il tuo sposo Celeborn. figlia minore. che per te è il più saggio tra tutti gli Eldar della Terra di Mezzo. Vuoi assolutamente che sia Mithrandir. Tu non hai ambizioni di questo genere (o meglio. e ti proporresti come capo del Bianco Consiglio solo se non riuscissi a convincere Mithrandir e rischiasse di essere scelto Curunír. la maggior parte dei Noldor tornò a Valinor. ma tu e Celeborn rimaneste nella Terra di Mezzo.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Galadriel Sei Galadriel. la Dama di Lórien. Con i tuoi quattro fratelli. 20 . prendeste il suo posto come Signori dei Galadhrim. e non hai il diritto di dirlo a nessuno. gli Elfi di Lothlórien. Alla fine della Prima Era. e unica femmina. e sei nata a Valinor durante gli Anni degli Alberi.

j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ La guerra. che potrebbero essere amplificate se decidessi di utilizzare l’Anello d’Acqua. e cose che ancora devono essere. e che perciò perite quasi soltanto in battaglia. 21 . e in che misura fornirlo. e cose che sono. Alcune non avverranno mai: accadranno solo se coloro che le vedono abbandonano la loro strada per impedirle. Per questo accetterai di mettere a rischio la vita dei tuoi soldati soltanto se non ci dovessero essere alternative. che mostra cose che furono. particolarmente per voi Eldar che siete eternamente giovani e non soffrite malattie. incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo del tuo esercito (4 punti) e delle tue arti magiche (6 punti). In un’eventuale guerra. Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio sei in grado di consultare il tuo Specchio. e anche in quel caso con molto rimpianto. e che non tutte si sono già verificate. naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo. è un male terribile. se dovrà essere combattuta. Ricorda che lo Specchio mostra molte cose.

Poiché il tuo popolo vive nel Bosco Atro forse ti chiederanno notizie più approfondite sull’ombra che è tornata ad opprimerlo. Da quattordici secoli però la Grande Foresta Verde è diventata il Bosco Atro. che si sta popolando di belve e altre creature senza nome. Alla fine della Seconda Era tuo padre cadde nella Guerra dell’Ultima Alleanza. avete goduto per quattro secoli della Pace Vigile e rioccupato il sud del Bosco Atro. raccolse sotto la sua guida i Teleri che vi abitavano e vi fondò il Reame Boscoso. Sai però che il mutamento. In seguito. ma ora purtroppo il Negromante sembra essere tornato. e i cui alberi sembrano covare ostilità e rancore nei confronti degli Eldar. Sei originario del Lindon. tra cui tuo padre Oropher. poiché i tuoi Elfi fuggono le zone del Bosco che stanno tornando a oscurarsi. sta coinvolgendo soprattutto la zona immediatamente adiacente a Dol Guldur. e solo con fatica il tuo popolo è riuscito a tenere alla larga da quello che restava del Reame Boscoso le forze oscure che. giunto nella Grande Foresta Verde. Re degli Elfi Silvani del Reame Boscoso che si trova nel nord del Bosco Atro. e nel primo millennio della Seconda Era hai viaggiato verso est con altri Sindar. hanno reso spaventosa e orribile tutta la parte meridionale del Bosco. e bisogna assolutamente fare qualcosa per fermarlo: non hai alcuna intenzione di permettere che la situazione torni com’era quattrocento anni fa. dopo l’incursione di Mithrandir a Dol Guldur.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Thranduil Sei il Sire Thranduil. e tu gli succedesti come Re degli Elfi della Grande Foresta Verde. e tu stesso non osi avventurartici. dirette da Dol Guldur. 22 . il quale. in realtà non ne sai molto. per quanto graduale ed estremamente lento.

In un’eventuale guerra. e in che misura fornirlo. col vantaggio di poter scoprire eventuali mosse del Nemico e di poter seguire da vicino gli sviluppi della situazione. ti basta che un Elfo venga eletto alla svelta e che si passi a discutere di cose più importanti. per esempio di come cacciare al più presto dal Bosco Atro il Negromante (perché sei quasi certo che sia tornato. particolarmente per voi Eldar che siete eternamente giovani e non soffrite malattie. se accetterai di mettere a rischio la vita dei tuoi soldati. è un male terribile. e che sia lui a provocare il mutamento del Bosco).j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Ti rendi conto di essere relativamente giovane. inesperto e impulsivo rispetto agli altri quattro Eldar che si trovano qui riuniti. inoltre puoi indagare approfonditamente in zone inaccessibili a chiunque altro. 23 . incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo del tuo esercito (8 punti) e delle tue arti magiche (2 punti). se dovrà essere combattuta. inviando come spie i tuoi abilissimi esploratori. naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo. Per questo. La guerra. e per questo non ambisci certo a diventare capo del Bianco Consiglio. lo farai senza alcun entusiasmo. Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi tenere sotto stretta sorveglianza con i tuoi soldati il Bosco Atro. e che perciò perite quasi soltanto in battaglia.

inoltre puoi indagare approfonditamente in zone inaccessibili a chiunque altro. e che non tutte si sono già verificate. e cose che sono. e talvolta potrebbero rivelarsi addirittura fallaci. inviando come spie i tuoi abilissimi esploratori. scrutando nel futuro per verificare in che direzione le vostre decisioni stanno portando la Terra di Mezzo. tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio sei in grado di utilizzarli liberamente come spie. Attento però. che mostra cose che furono. anche per controllare gli altri membri del Consiglio. Elrond Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio sei in grado di utilizzare il tuo potere di preveggenza. i poteri e altri particolari “interiori” dei membri del Consiglio. che potrebbero tornare molto utili se si dovesse arrivare allo scontro. perché non esiste mai un solo futuro: quello che riesci a vedere con più chiarezza è solo il futuro più probabile. Le informazioni che otterrai però non saranno sempre precise. Ricorda che lo Specchio mostra molte cose. Galadriel Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio sei in grado di consultare il tuo Specchio. mentre vedi sbiaditi altri futuri possibili ma meno probabili. quindi prendi sempre con le molle le notizie che ti portano. Mithrandir Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi peregrinare per i paesi della Terra di Mezzo per cercarvi informazioni di qualunque genere e per provare a intrecciare rapporti con i loro abitanti. perché perfino tra gli animali potrebbero annidarsi dei traditori. e cose che ancora devono essere. Círdan Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi sfruttare la tua capacità di scrutare nel profondo delle persone per cercare di conoscere i sentimenti. Thranduil Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi tenere sotto stretta sorveglianza con i tuoi soldati il Bosco Atro. Aiwendil Grazie alla tua amicizia con gli animali. Attento però. Alcune non avverranno mai: accadranno solo se coloro che le vedono abbandonano la loro strada per impedirle. col vantaggio di poter scoprire eventuali mosse del Nemico e di poter seguire da vicino gli sviluppi della situazione. potrai scoprire informazioni e conoscenze sull’argomento da te scelto.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Tabella riassuntiva dei poteri speciali Curunír Tra una riunione e l’altra del Bianco Consiglio puoi decidere su che argomento incentrare i tuoi studi: se avrai fortuna. che potrebbero rivelarsi molto utili. 24 .

incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo del tuo esercito (4 punti) e delle tue arti magiche (6 punti). naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Tabella riassuntiva dei punteggi Curunír In un’eventuale guerra. incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo del tuo esercito (6 punti) e delle tue arti magiche (4 punti). naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo. e in che misura fornirlo. incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo del tuo esercito (8 punti) e delle tue arti magiche (2 punti). e in che misura fornirlo. che potrebbero essere amplificate se decidessi di utilizzare l’Anello di Fuoco. Aiwendil In un’eventuale guerra. 25 . e in che misura fornirlo. incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo del tuo esercito (5 punti) e delle tue arti magiche (5 punti). incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo della tua sapienza (3 punti) e delle tue arti magiche (7 punti). naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo. naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo. naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo. e in che misura fornirlo. Círdan In un’eventuale guerra. che potrebbero essere amplificate se decidessi di utilizzare l’Anello d’Acqua. incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo della tua sapienza (1 punto) e delle tue arti magiche (5 punti). e in che misura fornirlo. che potrebbero essere amplificate se decidessi di utilizzare l’Anello d’Aria. naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo. Thranduil In un’eventuale guerra. e in che misura fornirlo. e in più potresti scatenare gli animali (4 punti) che non sono ancora stati traviati dal Nemico (e potresti tentare di convincere a combattere anche le grandi Aquile). e in che misura fornirlo. Elrond In un’eventuale guerra. Galadriel In un’eventuale guerra. naturalmente sta a te decidere se fornire o meno il tuo contributo. Mithrandir In un’eventuale guerra. incursione o altra azione ostile potresti fornire il contributo della tua sapienza (4 punti) e delle tue arti magiche (6 punti).

it 26 . con cui ci confrontiamo noi oggi. già esistevano le storie. l’interpretazione dei ruoli.j`Cjw## 2$j w%`C5zY zY5iTj´Y = s^zY 2`B51R7q7R1E1+T`N5$ 2#j r%r^ 2% `C527R`C zE81RjE¸5% 17E1Y' 2#jR¸ `NqR7R 2% s95^ 75^j#2 7`V`MjR 1jYz~B5$ Un manifesto per il gioco di narrazione e interpretazione Prima di Internet. di enfasi e ritmo. curiosi della nuova avventura che ci aspetta.. Fu un bene: nelle storie raccontate attorno al fuoco venivano mescolate la narrazione orale. Era il principio e l’umanità trovava nella narrazione e nel racconto uno dei modi più autentici per incontrare altre persone. una storia viva perché partecipata. Siamo artisti per gioco.flyingcircus. Noi oggi vogliamo proseguire questa tradizione. prima di tutto questo. di espressione e fruizione.. prima degli sms. non spettatori passivi. nella consapevolezza che le nostre proposte hanno un senso solo se ci permettono di metterci in relazione con altre persone. Siamo artisti del gioco. di eventi e di intuizioni. spesso troppo asfittici e inconcludenti. prima della scrittura e prima delle città. di ricordi. perché pensiamo che anche dopo secoli siamo ancora agli inizi di questo viaggio in cui c’è ancora molto da esplorare. http://www. il coinvolgimento degli uditori che da semplice pubblico divenivano protagonisti attivi della storia in una girandola di contributi. prima delle automobili. ci sfidiamo a stupirci e desideriamo incontrarci. ma protagonisti nello sviluppo di una storia sempre nuova. Vogliamo giocare perché ci rende vivi e attivi. Vogliamo sperimentare forme nuove per giocare. Vogliamo divertire e divertirci. lo faceva senza gli schemi e le categorie. comunicare emozioni e coinvolgere. il divertimento condiviso. Il modo attraverso cui raccontare una storia era oggetto di una sperimentazione continua. Vogliamo raccontare storie grazie a un mezzo contemporaneamente antico e moderno come il gioco di narrazione e interpretazione. d’altra parte lo strumento della narrazione era così nuovo e profondo che valeva la pena scoprirne tutte le potenzialità. il gioco di mimesi.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful