PoC Push-to-talk over Cellular Tecnologia e mercato

Roma, 11 dicembre 2003

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 2 of 23

INDICE DEL CONTENUTO

1. 2.

EXECUTIVE SUMMARY..................................................................................................................................... 3 PUSH TO TALK OVER CELLULAR ................................................................................................................. 4 2.1. INTRODUZIONE ...................................................................................................................................................... 4 2.2. LO STANDARD POC: BENEFICI PER OPERATORI, UTENTI E COSTRUTTORI ............................................................... 4 2.1 LE PERPLESSITÀ DEGLI OPERATORI EUROPEI ......................................................................................................... 5

3.

LO STANDARD POC ............................................................................................................................................ 6 3.1 3.2 3.3 3.4 POC: CARATTERISTICHE GENERALI. ...................................................................................................................... 6 ARCHITETTURA DI RIFERIMENTO POC................................................................................................................... 8 POC: FUNZIONALITÀ PRINCIPALI ........................................................................................................................... 9 CAMPI DI IMPIEGO ............................................................................................................................................... 14

4.

LE TECNOLOGIE ABILITANTI ...................................................................................................................... 15 4.1. IMS..................................................................................................................................................................... 15 4.2. EDGE ................................................................................................................................................................... 15 4.3. EDGE WORLD ..................................................................................................................................................... 17 4.3.1. Bouygues Telecom .................................................................................................................................... 17 4.3.2. Motorola-Orange...................................................................................................................................... 17 4.3.3. "AT&T Wireless ........................................................................................................................................ 17

5.

LE SOLUZIONI POC .......................................................................................................................................... 18 5.1. LA SOLUZIONE INSTANT TALK DI ERICSSON ....................................................................................................... 18 5.2. IL PUSH-TO- TALK DI NOKIA ............................................................................................................................... 18 5.2.1. Il terminale Nokia 5140 ............................................................................................................................ 19

6.

L'OFFERTA DI SERVIZI PTT .......................................................................................................................... 20 6.1. 6.2. 6.3. 6.4. VERIZON ............................................................................................................................................................. 20 NEXTEL ............................................................................................................................................................... 20 AT&T................................................................................................................................................................. 20 FASTMOBILE ....................................................................................................................................................... 20

7. 8.

GLOSSARIO......................................................................................................................................................... 21 ALLEGATI............................................................................................................................................................ 21

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 3 of 23

1.

Sommario

Con questo breve report sulla tecnologia PoC gli autori hanno inteso investigare su una serie di aspetti, di natura sia tecnica che di mercato, ai quali - da addetti ai lavori - sembrava doveroso fornire una prima, seppur parziale, risposta. Nel documento - che prende spunto dal consolidamento dello sviluppo congiunto delle specifiche di Nokia, Ericsson, Motorola e Siemens - si cerca infatti di rispondere brevemente a domande del tipo: che cos'è il PoC? come funziona? quali sono i vantaggi? quali i possibili campi di impiego? quali sono le tecnologie abilitanti? Vengono altresì prese in considerazione alcune offerte di mercato relativamente a soluzioni di rete e terminali. Considerato infine il notevole successo che questa tecnologia ha registrato negli Stati Uniti, il documento si chiude con una breve e parziale panoramica sull'offerta dei servizi PTT (Push To Talk). Nell'attuale situazione di mercato delle TLC, caratterizzato da sovrabbondanza di offerta di tecnologie e dall' incertezza di quali riusciranno effettivamente ad emergere e sopravvivere, il PoC sembra rappresentare un interessante caso di studio: a prescindere dal peso delle manifatturiere che si sono attivate congiuntamente per definire uno standard comune, il servizio PoC - a mo' di cartina di tornasole - sembra rivelare quella che potrà essere la strategia commerciale degli attuali operatori GSM di fronte all'innovazione tecnologica ed alla presenza di nuovi attori sulla scena della telefonia mobile. Di fatto PoC, al di là della sua apparente semplicità - basato su tecnologia VoIP - rappresenta il primo caso di introduzione di un servizio di terza generazione sulle preesistenti reti GSM/GPRS.

Abstract: this short report on PoC (Push-to-talk Over Cellular) is aimed at giving a first sight on some topics relevant to both technical and market aspects of the new technology under examination. In the last August, 2003 (see attachment) a group of manufacturers (among these: Nokia, Ericsson, Motorola and Siemens) submitted to the Open Mobile alliance (OMA) the agreed industry specification for "push to talk over cellular". This specification consists of six documents, which are to be regarded as the starting point to questions like: What is the PoC? How does it work? Which the competitive edge? Which the potential applications? Which the enabling technologies? In this report we tried to answer to the above questions; furthermore we shortly examined some commercial solutions in terms of networks and terminals. The last section of the document tries to take a glance at the PTT (Push To Talk) North American marketplace; this due to the remarkable success already achieved by the PTT services in those countries. The PoC seems an interesting case study in the current telecommunications scenario. If we consider the wireless technologies today available, we realise a surplus of competing technologies and a great difficulty in forecasting which - among these - will win overriding the others. In this situation we want to emphasise two different specifics related to the PoC: - Firstly, the weight and the number of the manufacturers, involved and converged to a shared standard, cover quite the whole wireless terminal marketplace; - Secondly, the PoC service, like a test paper, could unveil the domestic marketing strategy of the current GSM operators when facing the technological innovation and the new incomers in the wireless telephony marketplace. As a matter of fact the PoC service, apparently simple, is based on the VoIP technology and constitutes the first real case of a third generation service deployed on the pre-existing GSM/GPRS/EDGE wireless public networks.

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 4 of 23

2.
2.1.

Push to talk over Cellular
Introduzione

Il 10 settembre 2003 Nokia, Ericsson, Motorola e Siemens hanno annunciato il completamento dello sviluppo congiunto delle specifiche per un nuovo servizio di chiamata diretta tramite terminali GPRS; questo servizio utilizza il cellulare come un walkie talkie. Il servizio, detto Push to talk over Cellular (PoC) è basato sull'IP Multimedia Subsystem (IMS) così come è stato definito dal 3GPP; IMS è da considerarsi la tecnologia abilitante per realizzare connessioni IP con i terminali mobili. Le specifiche PoC sono state sottoposte, nello scorso agosto, all'organismo di standardizzazione Open Mobile Alliance (OMA) con l'obiettivo di definire uno standard per il PoC. L'intendimento è quello di evitare la frammentazione del mercato GPRS rendendo disponibili funzionalità unificate di Push-to-talk (PTT) in modo da realizzare quelle stesse economie di scala che sono state alla base del successo del GSM. Le caratteristiche di interoperabilità della tecnologia, che scaturiscono da questa operazione di standardizzazione, devono essere in grado di abilitare reti e terminali a supportare comunicazioni PTT impiegando la più ampia possibile varietà di reti radio di accesso. La specifica PoC si configura, infatti, come uno standard de-facto aperto, come il punto di partenza per realizzare uno standard per il PoC indipendente nell'accesso e globalmente interoperabile. La specifica PoC attinge alle attuali specificazioni 3GPP, OMA, e IETF in modo da rendere il servizio facile da integrare nelle pre-esistenti infrastrutture di rete a pacchetto sia per quanto riguarda l'accesso che il core. La specifica PoC è un bundle di sei specifiche qui di seguito elencate: • • • • • • Requirements Architecture Signaling Flows Group/List Management Userplane Signalling specification (Transport) GPRS User Plane specification

In aggiunta a Nokia, Ericsson, Motorola e Siemens la specifica PoC è supportata anche da AT&T Wireless Services, Cingular, Sonim Technologies, e da Sony Ericsson.

2.2.

Lo standard PoC: benefici per operatori, utenti e costruttori

L'adozione della tecnologia PoC viene proposta agli operatori di telefonia mobile con la promessa di una facile integrazione, di un'interoperatività globale e di un ambiente competitivo per il mercato dei terminali. L'adozione della tecnologia IMS permette il controllo dei terminali basato sul protocollo IP; la disponibilità di queste funzionalità di base abilita gli operatori a fornire nuovi servizi

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 5 of 23

a valore aggiunto come, ad esempio, informazioni di localizzazione e di presenza in rete dell'utente. Gli utenti finali devono poter utilizzare qualunque terminale abilitato al servizio qualunque sia la rete disponibile, senza doversi preoccupare dove il servizio risulta accessibile. L'accordo raggiunto dalle "major" del settore e sancito dal "congelamemento" delle specifiche presentate all'OMA garantisce appunto gli end user in materia di accesso ed interoperabilità. L'adozione degli standard induce la trasparenza dei servizi e questa viene considerata come chiave di volta per un'ampia diffusione del servizio PoC. Come è già accaduto a proposito dell'interoperabilità degli SMS, dove gli utenti si scambiano messaggi in maniera trasparente rispetto ai fornitori del servizio, l'interoperabilità implicata dallo strandard PoC costituisce la giusta premessa per il successo anche di questo servizio. L'aspettativa degli utenti finali riguardo ai servizi è che essi siano affidabili, facili da usare e di costo contenuto. Come si vedrà più avanti nel documento sembra che il servizio PoC, così come è stato specificato, sia in grado di soddisfare queste aspettative. La specificazione PoC rende il servizio PTT basato su standard aperti intesi come fattori abilitanti per realizzare un ambiente multivendor e l'interoperabilità tra terminali e servizi differenti. La disponibilità dello standard aperto PoC offre agli altri costruttori di terminali l'opportunità di implementare le funzionalità PTT sui loro terminali, in tal modo lasciando agli utenti finali piena di libertà di scelta in sede di acquisto.

2.1

Le perplessità degli operatori europei

Il servizio Push-To-Talk (PTT) ha già riscosso un notevole successo negli USA. AT&T Wireless, Verizon e Sprint PCS stanno preparando servizi simili di VoIP per le proprie reti mobili. Motorola sta testando il PTT in Giordania. In Europa, invece, il servizio PTT dovrebbe essere introdotto nel corso del 2004. Secondo alcuni operatori non vi sarebbe interesse per un sistema del genere in Europa; secondo questi operatori gli SMS possono supplire questo tipo di servizio. A questo proposito si registrano le opinioni divergenti degli analisti europei - i quali non credono nelle prospettive di successo del PTT in Europa - rispetto agli analisti americani per i quali è solo una questione di tempo prima che gli utenti si rendano conto dei vantaggi del PTT e ne chiedano l'adozione ai propri operatori. Probabilmente queste perplessità sono legate alla mancata individuazione di una killer application che giustifichi e, addirittura, accelleri l'adozione di questa nuova tecnologia. Non è la prima volta che si rende disponibile una tecnologia e poi ci si chieda come questa possa essere applicata Per generare profitto Nel caso del PoC occorrerebbe immaginare le molteplici applicazioni cui questo servizio si presta e che, verisimilmente, ne determineranno il successo.

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 6 of 23

3. Lo standard PoC
3.1 PoC: caratteristiche generali.

Il PoC può essere definito come un nuovo servizio-voce "istantaneo" ed always-on per reti radiomobili GSM/GPRS. Push to talk over Cellular (PoC) introduce nelle reti cellulari di seconda generazione un nuovo servizio di comunicazione vocale, con modalità di comunicazione sia one-to-one che one-tomany, diretto e real-time.

Il modo di comunicare che informa questo tipo di servizio è molto semplice: premi per parlare; grazie alle caratteristiche della connessione 'always-on', le chiamate possono essere inoltrate tanto a singoli individui quanto a gruppi di conversazione semplicemente premendo un pulsante. La connessione è praticamente istantanea (cfr. parametri di QoS) e chi riceve la richiesta di comunicazione non deve far altro che rispondere alla chiamata. Considerato che il servizio Push to talk si rivolge ad utenti tipicamente impegnati in attività lavorative, ludiche, etc, in cui non è agevole/possibile telefonare, e che gli stessi possono però ascoltare il traffico delle conversazioni, che un utente può essere contattato per nome, o che egli voglia, sporadicamente, dire qualcosa al gruppo, ne consegue che la modalità di comunicazione half-duplex è la più appropriata per i casi elencati. Si tratta, in effetti, di un servizio di comunicazione semplice, diretto e real-time destinato a soddisfare le esigenze sia di utenti "business" sia privati, il cui dominio di applicazione comprende tanto la gestione controllata di squadre (di lavoro, sportive, etc.), quanto la condivisione spontanea di esperienze/conoscenze, etc.., il tutto facilitato dall'impiego di terminali telefonici mobili

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 7 of 23

convenzionali (GSM/GPRS) e dalla facilità e rapidità nel creare gruppi di conversazione e di chiamata.

Il PTT è un autentico nuovo servizio basato sulla voce, esso non è il surrogato di altri servizi già esistenti nell'ambito della telefonia cellulare. Da questo punto di vista esso fornisce agli operatori l'opportunità di ampliare l'offerta dei servizi voce, questo senza introdurre cambiamenti in quelli convenzionali. Il servizio PTT è basato su tecnologia Voice over IP (VoIP), come già detto half-duplex, su reti di seconda generazione GSM/GPRS. Grazie alla tecnologia IP il servizio Push to talk utilizza le risorse di accesso e radio della rete in maniera più efficiente rispetto ai servizi cellulari basati sulla commutazione di circuito (GSM), impiegando le risorse di rete solo per la durata dei burst di parlato, piuttosto che per un'intera sessione di conversazione.

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 8 of 23

3.2

Architettura di riferimento PoC

Si riportano di seguito il modello funzionale dell'architettura PoC, nonché lo scenario di funzionamento complessivo di una rete GSM/GPRS in cui le funzionalità PoC sono implementate con tecnologia Nokia.

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 9 of 23

3.3

PoC: funzionalità principali

a. Modalità di comunicazione Le tre modalità di comunicazione supportate dallo standard PoC sono riassunte nella tabella seguente:

Classe
1 to 1 Communication

Sottoclasse
Instant Talk (IT) Request to talk (RTT)

Tipo

Note
IT: la chiamata è accettata automaticamente. RTT: è necessaria la risposta manuale (consenso del chiamato)

Group Talk (GT)

Chat Group talk

Open Chat Group Restricted Group (RG) Un RG è un gruppo con una member list. Uno dei membri invita gli altri membri del gruppo, questi possono accettare o rifiutare l'invito. Vengono invitati a partecipare al GT utenti prescelti Un utente allerta un altro utente, ad esempio per un call-back.

Instant Group talk (ITG)

Ad-hoc Instant Group Talk Instant Personal Alert (IPA)

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 10 of 23

b. Instant Talk: servizi all'utente La seguente tabella contiene l'elenco delle funzionalità d'utente previste nelle modalità di Instant Talk; per ulteriori dettagli si rinvia al cap.5 della specifica "PoC User Requirements V1.1.0).

Funzione
Identificativo dell'utente chiamato e modalità di indirizzamento

Tipologia
Formato Alfanumerico

Note
Ciascun utente PoC può essere identificato ed indirizzato mediante un formato alfanumerico che contiene le seguenti informazioni: 1. 2. Dominio dell'operatore; Nome dell'utente nello stile dell'e-mail; il formato di rappresentazione delle informazioni può essere il SIP URI.

Formato MSISDN

Ciascun utente PoC può essere indirizzato mediante un numero di telefono. L'informzione può essere espressa nel formato TEL URL. Gruppi di chat e ITG richiedono un unico identificativo alfanumerico (SIP URI). L'informazione di identità del gruppo deve contenere: 1. 2. dominio dell'operatore Nome del gruppo.

Identificativo di gruppo e indirizzamento

Formato Alfanumerico

Gestione della lista dei contatti

Sono previste tutte le funzionalità base di gestione di una lista (Add, delete, modify) ed anche la possibilità di browsing della lista. La registrazione di un utente PoC implica anche la memorizzazione della configurazione del suo terminale E’ prevista la possibilità di fare roaming. Non è richiesto che operatori diversi forniscano le stesse funzionalità PoC.

Registrazione

Roaming Dominio di comunicazione

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 11 of 23

Controllo di piano e gestione del burst di conversazione

Piano Libero (Idle floor) Richiesta di piano (Floor request)

Individua lo stato di una sessione di conversazione in cui non c'è nessun utente ammesso. •

Floor Request: è una richiesta di un partecipante che sta richiedendo il permesso di parlare e di diventare un partecipante "ammesso" (granted). Floor Grant: è la notifica di avvenuta accettazione della floor request. Start-talking Indication: è il segnale di consenso che riceve l'utente ammesso. Floor deny: è la notifica del rifiuto di una floor request. Floor Revoke: è la notifica della revoca di un granted floor. Floor release: l'evento si verifica al rilascio del pulsante PTT da parte del partecipante ammesso.

• •

• • Presentazione agli altri utenti dell'identificativo dell'utente • •

Collisioni nella richiesta di piano Ricezione del burst di conversazione Identità dell'utente o gruppo che invita Identità degli altri partecipanti alla sessione di conversazione Identità dell'utente la cui richiesta di piano è stata accettata DnD non si applica a IPA • • Partecipazione a più gruppi contemporaneamente 1to1 calls durante una sessione di gruppo

Non disturbare (DnD) Operatività multisessione

Gestione della lista di Gruppo

Effettuata tramite GMLS

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 12 of 23

Gestione della lista di Accesso

Due liste per utente: • • Lista dei gruppi/utenti da rifiutare Lista dei gruppi/utenti da accettare (vedi anche auto answer mode flag)

Operazioni sulle due liste: Add, Remove Get. Politica di controllo dell'accesso in caso di richiesta di sessione di Instant Talk Predisposizione del terminale ai modi di risposta • • Risposta automatica Risposta manuale

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 13 of 23

c. Parametri di qualità
Prestazioni
1. Ritardo nelle comunicazioni

Parametri/Note
Floor request response Floor state change notification

Valori
≤ 1,6 s ≤0,8 s ≤2,0 s

2.

Ritardo nel setup della comunicazione

Floor idle/floor granted notification (early session/early media) Floor idle/floor granted notification (late media & automatic answer) Floor idle/floor granted notification (late media & manual answer) Invited user floor state indication

≤4,0 s ≤ 1,6 s dopo la risposta manuale ≤ 1,6 s dopo la risposta manuale Definito dall’operatore ≤ 1,6 s in tutti i casi previsti. ≤ 4,0 s

3.

Indicazione del ritardo di failure del chiamato nell'instaurazione di Instant Personal Talk Notifica del risultato dell'invito a parlare Ritardo di ingresso e uscita Gruppo di conversazione Ritardo di acknowledgement in caso di Instant Personal Alert Ricezione dell’indicazione di successo/fallimento della spedizione di un’IPA. Non si applica al caso di terminale destinazione non raggiungibile dalla rete radio. Durante una sessione Caso del primo burst vocale nell’IPT con risposta automatica Round Trip Time

4. 5. 6.

≤ 5,0 s

7.

Ritardo della voce

≤ 1,6 s ≤ 4,0 s ≤ 4,0 s MOS ≥ 3 con BER ≤ 2%

8.

Qualità della voce

9.

Gestione del Gruppo (GM)

Esito delle operazioni di GM Esito delle operazioni di ALM Tempo di attivazione del modo di attivazione mediante Access List

≤ 10,0 s ≤ 10,0 s ≤ 10,0 s ≤ 10,0 s

10. Gestione della Lista di Accesso (ALM)

11. Non disturbare (DnD)

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 14 of 23

3.4

Campi di impiego

La tecnologia Poc permette l'accesso a nuovi segmenti di mercato, ad esempio quello dei sistemi di paging e delle PMR (Private Mobile Radio); come esempio di reti private mobili qulle dei taxi, delle aziende di trasporto, delle aziende di servizio con forza lavoro distribuita sul territorio, del 118, etc…. PoC rappresenta inoltre l'opportunità di differenziare ed espandere l'offerta di servizio: ad esempio Instant Talk costituisce un'alternativa per conversazioni a basso costo tra amici. Rappresenta inoltre un utile mezzo per coordinare attività sportive, ricreative e sociali, per mantenere sotto costante controllo famiglie, amici, gruppi omogenei di persone impegnate in attività che inducono distribuzione incontrollata delle persone sul territorio (rari nantes in gurgite vasto). Segue l'elenco delle possibili applicazioni business proposto da Nokia.

Nota degli autori: Gli addetti ai lavori finora non hanno previsto un’applicazione della tecnologia nel campo della sicurezza, più precisamente del salvataggio di persone: grazie all’integrazione di PoC con altre tecnologie disponibili a basso costo (ad esempio la localizzazione satellitare) si intravedono impieghi che potrebbero risultare di interesse per la Protezione Civile: si sta cioè proponendo l’impiego della tecnologia per operazioni di soccorso ad esempio in montagna, dove il costo di nuove stazioni radio-base (BTS) – anche mobili - e di ponti radio (PR) potrebbe essere compensato dal valore sociale dell’operazione e dal risparmio nei costi delle operazioni di soccorso, questo in termini sia di uomini impiegati (in generale si tratta di risorse pregiate) che di durata complessiva dell’operazione. Inoltre in caso di infrastrutture di rete permanenti, il loro impiego potrebbe essere di interesse per le Aziende di Turismo locale, le quali potrebbero essere interessate ad offrire insieme - sempre ad esempio - con il CAI un servizio di monitoraggio e di salvataggio (in aggiunta ad altri servizi di informazione) di scalatori, escursionisti, sciatori, etc..

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 15 of 23

4. Le tecnologie abilitanti
4.1. IMS

La specifica PoC, come già detto, è basato su IMS, una tecnologia standardizazzta dal 3GPP. IMS rappresenta uno sviluppo chiave delle comunicazioni mobili nel campo delle tecnologie IP. IMS aggiunge la capacità di fornire servizi integrati voce-dati su reti a commutazione di pacchetto basate su Internet Protocol. IMS aggiunge due fondamentali capability al dominio della commutazione di pacchetto: primo la capacità di trovare una persona via SIP allo scopo di iniziare una sessione, secondo la capacità di integrare nuovi servizi in grado di generare profitti, come nel caso del push to talk. L'adozione di PoC, infatti, abilita anche all'uso delle comunicazioni vocali con altri servizi "IMS-based", come - ad esempio - i giochi interattivi. IMS offre un ambiente di sviluppo che è ben allineato con la tecnologia IP tradizionale, e pertanto è in grado di abbassare la soglia di ingresso per gli sviluppatori di applicazioni di terze parti. Con l'introduzione di IMS e della sua capacità di fornire servizi viene fatto un ulteriore passo in avanti in direzione di un ambiente comune di service delivery. Piuttosto che fornire una infrastruttura completa di service delivery dedicata allo specifico servizio, può essere impiegata una infrastruttura comune utile a comprimere i tempi di raggiungimento del profitto ed a ridurre i costi di introduzione di nuovi servizi (OPEX e CAPEX).

4.2.

Edge

EDGE (Enhanced Data Rates for Global Evolution) è una tecnologia radio 3G standardizzata da ITU e 3GPP. Poichè EDGE è standardizzata, al pari dell'altra tecnologia 3G WCDMA, dallo stesso organismo di standardizzazione 3GPP, è di fatto garantita l'armonizzazione dello sviluppo di EDGE e WCDMA e il supporto, da parte di EDGE, delle service delivery capabilities tipiche del 3G. EDGE viene realizzata a partire dalle pre-esistenti reti GSM/GPRS con modifiche minime all'interfaccia in aria; EDGE, in quanto evoluzione del GSM, ne utilizza le stesse frequenze. EDGE consente velocità di trasmissione dati fino a 384 Kbps, il suo principale vantaggio consiste nel fatto che, a differenza della terza generazione, non richiede la costruzione di nuove reti pur permettendo l'introduzione di nuovi servizi. EDGE rappresenta infatti un metodo economico per sviluppare servizi di nuova generazione senza gli ingenti investimenti necessari a realizzare una rete UMTS. Nuovi servizi come il video over MMS, il video streaming, push to talk, short audio messaging, see what I see, e video comunicazioni possono essere resi disponibili a breve termine al mercato di massa GSM/EDGE. I primi servizi di questo tipo dovrebbero essere pronti per la prima parte del 2004. Spesso non ci sarà neanche bisogno di acquistare un nuovo cellulare per utilizzare il servizio walkie talkie, basterà scaricare una apposita applicazione direttamente sul proprio telefonino ed utilizzarla tramite rete GSM o GPRS.

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 16 of 23

Tra i miglioramenti che possono essere introdotti sulle attuali reti GSM/GPRS si cita anche lo Adaptive Multi-Rate (AMR) un codec vocale a rate variabile, scelto dal 3GPPP per l'evoluzione 3G del sistema cellulare GSM denominata W-CDMA. W-CDMA (Wideband-CDMA) è una tecnologia 3G che incrementa il data transmission rate nei sistemi GSM che usano il W-CDMA per l'interfaccia in aria in luogo del TDMA. W-CDMA è

compreso nella specifica IMT-2000 3G dell' ITU.
L'AMR utilizza la tecnologia di compressione "Algebraic CELP (ACELP)" e fornisce prestazioni comparabili con la qualità della banda fonica con un bit rate compreso tra 4,75 e 12,2 Kbps. La seguente figura fornisce indicazioni in merito alla collocazione di EDGE nell'ambito dell'evoluzione 2G -> 3G degli standard.

Per quanto riguarda l'atteggiamento di operatori e costruttori, è prevedibile una progressiva adesione alla standardizzazione GSM/EDGE. I maggiori costruttori hanno già confermato l'adozione della tecnologia EDGE, mentre, sul fronte dei terminali già oggi risultano in vendita terminali GSM/EDGE, ad esempio il Nokia 3200. Per quanto riguarda il costruttore finlandese i a partire dal prossimo anno suoi terminali dovrebbero tutti supportare EDGE. Nei prossimi paragrafi vengono riportate alcuni casi che testimoniano la progressiva diffusione della tecnologia in esame.

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 17 of 23

4.3.

EDGE world

4.3.1. Bouygues Telecom
L'operatore francese Bouygues Telecom ha annunciato nello scorso Settembre 2003 l'intenzione di lanciare la tecnologia EDGE; il nuovo servizio dovrebbe essere disponibile nel 2004. Bouygues Telecom è in possesso di una licenza 3G e sembrava che l'ipotesi EDGE fosse ormai abbandonata. Invece Martin Bouygues, ha copmunicato l'intenzione di lanciare la tecnologia EDGE denominandola EGPRS, una contrazione dei termini EDGE e GPRS, per sottolineare come queste due tecnologie possano svolgere il ruolo di acceleratori intermedi. Nello stesso tempo Martin Bouygues ha manifestato il proprio scetticismo sulla terza generazione, soprattutto perché, secondo lui, la qualità dei terminali è modesta e i prezzi sono troppo alti.

4.3.2. Motorola-Orange
Motorola è pronta a portare la tecnologia EDGE in Romania, in collaborazione con la sussidiaria locale di Orange. Le due aziende, infatti, inizieranno presto le prove della soluzione EDGE nel paese balcanico,. Motorola offre una gamma completa di soluzioni per il passaggio dalla tecnologia 2G a quella 3G e, fra queste soluzioni, ci sono quelle GPRS CS3/4 e EDGE. Quest'ultima consente una velocità di trasmissione dati compresa fra 120 e 184 Kbps, ritenuta sufficiente, in particolare, per la maggioranza dei servizi in video. Un portavoce di Motorola ha ricordato che l'attuale contratto è la naturale conseguenza della lunga collaborazione fra l'azienda americana e l'operatore Orange Romania. A quest'ultimo, infatti, Motorola aveva già fornito nel 1997 le infrastrutture e i servizi relativi per sviluppare l'attuale rete GSM. Un portavoce di Orange Romania, dal canto suo, ha espresso la propria soddisfazione per un'iniziativa che consentirà di offrire servizi avanzati pur mantenendo gli investimenti ad un livello realistico. Vale la pena di ricordare, infatti, che la tecnologia EDGE può essere realizzata sulle reti già esistenti, a differenza della terza generazione che invece richiede la costruzione di nuove reti.

4.3.3. "AT&T Wireless
AT&T Wireless impiega, al momento, la tecnologia EDGE per ogffrire la "fastest national wireless data network"; l'offerta di AT&T punta su EDGE per fornire accesso wireless veloce (fino a 200 Kbps) a Internet. L'utenza cui si rivolge, considerata anche la particolare enfasi sugli aspetti di sicurezza è quella business ("..stay in touch with customers and co-workers..").

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 18 of 23

5. Soluzioni PoC
5.1. La soluzione Instant Talk di Ericsson

Instant Talk è il nome commerciale della soluzione Ericsson che implementa il servizio PTT. Ericsson Instant Talk è un'applicazione voice che supporta comunicazioni half-duplex con tempi di connessione estremamente contenuti, sia personali che di gruppo. Ericsson Instant Talk è stato sviluppato per operare su reti GSM/GPRS/EDGE e CDMA2000. La soluzione Instant Talk è stata implementata sulla piattaforma proprietaria Ericsson IP Multimedia (IPMM) che è conforme alle specifiche 3GPP and 3GPP2 per IMS (IP Multimedia Subsystems). Le caratteristiche salienti della soluzione sono: − Piena interoperabilità con le più importanti tecnologie radio-mobili: GSM/GPRS, EDGE e CDMA2000. − Implementazione sull' IP Multimedia platformdi Ericsson aperta alla espansione futura di nuovi servizi multimediali.

5.2.

Il Push-to- Talk di Nokia

Nokia ha recentemente annunciato di aver messo a punto una serie di componenti di rete mobile per l'utilizzo anche con i sistemi GSM delle funzionalità PTT. Nokia ha sviluppato un apposito processore (il Push to Talk Register che gestisce i dati degli abbonati al PoC) ed uno smistatore di chiamate (Push to Talk Call Processor che gestisce il traffico PoC) proprio per le reti GSM/GPRS multi-vendor esistenti. La loro disponibilità sul mercato è prevista per la prima metà del 2004. Il Push to Talk Register e il Push to Talk Call Processor supporteranno alcune funzioni utente come, ad esempio, push-to-talk “one-to-one” e di gruppo, possibilità di ascoltare più gruppi allo stesso tempo (scansione), creazione dinamica dei gruppi da parte degli utenti e, per le imprese, funzione di gestione del parco auto. I prodotti sono completamente scalabili e in grado di supportare decine di milioni di utenti su un’unica rete. La soluzione PoC di Nokia utilizza il Session Initiation Protocol (SIP): per avviare la sessione IP utilizzata per la comunicazione PoC. Anche i terminali abilitati al SIP e dotati della funzione push-to-talk saranno disponibili a partire dalla prima metà del 2004. Il servizio è già in test dal mese di giungo 2003 da parte di alcuni gestori europei, asiatici, nordamericani e sudamericani. Obiettivo della soluzione PoC di Nokia è quello di consentire ai gestori di implementare il PTT con costi ridotti grazie alla preesistente rete GPRS: si tratta di una soluzione Voice over IP (VoIP) half-duplex che utilizza le reti dati GPRS e EDGE esistenti comprese negli attuali sistemi GSM. In termini prestazionali la soluzione è orientata a fornire performance mediamente equivalenti a quelle delle reti cellulari “push-to-talk” dedicate.

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 19 of 23

5.2.1. Il terminale Nokia 5140
Nokia ha presentato di recente il telefono cellulare Nokia 5140, il primo terminale GSM abilitato, in maniera nativa,alla funzione “push-to-talk”. Oltre alla capacità di connettere rapidamente l’utente con la semplice pressione di un tasto, il Nokia 5140 comprende alcune funzioni studiate per un consumatore attivo e sportivo, tra cui la bussola digitale. Il Nokia 5140 GSM/GPRS/EDGE sarà disponibile, per il mercato di Europeo, nel secondo trimestre del 2004. La funzione “push-to-talk” viene attivata semplicemente premendo un apposito tasto situato sul lato del telefono. Nel corso del 2004, Nokia prevede di lanciare all’incirca 6 telefoni cellulari abilitati al “push-to-talk”, che in seguito diventerà una funzione pressoché universale dell’intera gamma di terminali GSM di Nokia. È disponibile anche un accessorio opzionale, l'Active Headset, per indossare il telefono in movimento. Active Headset è dotato di due tasti: uno per iniziare e terminare le chiamate e l’altro per attivare la funzione “push-to-talk” del Nokia 5140.

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 20 of 23

6. L'offerta di servizi PTT
Molti operatori stanno testando i prodotti PoC da giugno 2003 e attualmente sono in corso più di 20 prove sulle reti GSM: in Europa, Asia, Nord America e America Latina.

6.1.

Verizon

Anche Verizon, nell'ambito dell'offerta wireless broad-band propone il PTT come un servizio conveniente adatto a risolvere le esigenze di comunicazioni personali impellenti. Come Nextel anche Verizon offre un servizio PTT coast to coast, sia per comunicazioni individuali che di gruppo.

6.2.

Nextel

Il sistema PTT è stato sviluppato da Motorola ed è stato adottato commercialmente dall'operatore americano che ne ha fatto uno dei suoi cavalli da battaglia, tanto da raggiungere il 20% del fatturato del gestore.

L'offerta PTT di Nextel prevede i seguenti servizi: • • • Direct Connect service: Nationwide Direct Connect service Group Connect service:

Tra i benefici del Push To Talk Nextel: vengono citati: il contatto istantaneo, il risparmio del tempo di connessione, il risparmio in dollari, il contatto immmediato con il chiamato, la sicurezza e la versatilità.

6.3.

AT&T

Anche AT&T offre il servizio di PTT, ma, a giudicare dalla scarsa enfasi data all’offerta sembra quasi che consideri il servizio PTT di marginale interesse, non destinato ad attività professionali.

6.4. Fastmobile Fastmobile sembra invece che abbia fondato tutte le sue aspettative di business sulle nuove tecnologie di rete radiomobile.

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Push-to-talk over Cellular

Page 21 of 23

7. Glossario
Acronimo Significato

CAPEX CDMA DnD EDGE GT

Capital Expenditure Code Division Multiple Access Do not Distrub Enhanced Data Rates for Global Evolution Group Talk

IMS IP
IPA

IP Multimedia Subsystems Internet Protocol
Instant Personal Alert

OPEX PoC PTT

Operating Expenses Push-to-talk over Cellular Push-To-Talk

SIP

Session Initiation Protocol

8. Allegati

Date 15/12/2003

M. Canali L. Polentini

Doc. Id: C:\Documents and Settings\graphiclab\Documenti \Documenti\iscti\LACOMUNIC AZIONE\CANALI 79-90\x sito\2003 CANALI.doc

Issue 0.1B

Doc# OMA-MAG-POC-2003-0007 Submitted to MAG PoC SWG Submission Date: 25 Aug. 2003

INPUT CONTRIBUTION
Title: To: Source: Supported by: Attachments: Industry specification for PoC OMA MAG PoC SWG ATTWS, Ericsson, Motorola, Nokia, Siemens Cingular, Sonim Technologies Inc., SonyEricsson PoC-User requirements PoC-Architecture-1.1.0 PoC- Signalling Flows-1.1. PoC-User Plane GPRS PoC-User Plane PoC List Management N/A

Replaces:

1 Reason for Contribution
Over the recent months, ATTWS, Ericsson, Motorola, Nokia and Siemens have been working together to create an industry specification for push to talk over cellular. As this work is starting in OMA, the companies felt it would be beneficial to share these specifications with the mobile community. This set of specifications can be used as a starting point in OMA to create the OMA standard on push to talk over cellular.

2 Summary of Contribution
The industry specification is provided for information to OMA. The specification consists of 6 documents. • Requirements document, which is to be shared with the requirements working group. • Architecture • Signalling Flows • Group/List Management • Userplane Signalling specification • GPRS User Plane specification The contributing companies would like to clarify that the industry specification has been developed with the aims of following existing 3GPP IMS specifications, access independence, separation of control and user plane, and satisfying the latency and user requirements. Some allowances have been made to overcome the current state of the specifications and certain short cuts have been made to facilitate early adoption in the absence of complete standards. However, it is proposed that OMA uses the standardized solutions when writing the OMA specifications. The list of items enumerated below will require co-operation with 3GPP in order to be aligned with IMS development in the 3GPP: • P-CSCF discovery • IP version usage • Authentication mechanism • Signalling protection • Signalling compression • Initial, Re-, and Deregistration procedures • Reject and error codes • Standardized header extensions

© 2003, Open Mobile Alliance Ltd. All rights reserved. This is not a specification.

Page 1 (of 2)
OMA - Template Input Contribution - 20030109

Doc# OMA-MAG-POC-2003-0007 Submitted to MAG PoC SWG Submission Date: 25 Aug. 2003

• Using of conferencing as specified in 3GPP • 3GPP defined group identities • Using 3GPP defined list management This functionality is provided by the IMS specifications and thus, should be used as specified in 3GPP Release 5 and Release 6. In the case that strong motivation exists to make improvements to the 3GPP functionality, the contributors recommend that such requirements be forwarded to 3GPP for consideration.

3 Detailed Proposal
It is proposed for OMA MAG PoC SWG to consider the provided specifications as input to the SWG work. These specifications can be used as the starting point of the work, and should be exploited to the fullest extent possible when specifying an IMS compliant PoC service enabler.

4 Intellectual Property Rights Considerations
Not known

5 Recommendation
Please consider these specifications as an input for your future work on PoC.

© 2003, Open Mobile Alliance Ltd. All rights reserved. This is not a specification.

Page 1 (of 2)
OMA - Template Input Contribution - 20030109