You are on page 1of 4

ilDucato

Anno 28 - speciale

SPECIALE FESTIVAL Periodico dell’Istituto
DEL GIORNALISMO CULTURALE per la formazione al giornalismo di Urbino

servizi e foto: ilducato.it
instagram: fgcult
hashtag twitter: #fgcult18

Le par
aro
ar
rol
ole del
elllla
el la cu
cul
ult
ltu
tur
ura
ra
Un voca
cab
ca
abol
ola
lar
ari
rio ch
chehe si
s ri
rin
inn
nnova
Ilfi
f lorosso
fi
I
l Festi tiv
tiiva
valal inqu q esti
qu t an
ti a niè
r sciu
re
cre i to.Intu
iu t tt
tu tti
ti isensi,come
sedi,nu n merodiospiti
nu t,
ti
pubu blico,ecomediat
ub ati
attica.Eha
assuntounafi f sionomiasemp
fi m re
mp r
piùi fe
iù f sti tiv
ti
iva
valaliera r :accan
ra a toag
an agl
aggli
incontr t icisonomostr
tr tre
trre,concert rti
rt
ti,
concorsi,spett t acoli.Manonva
tt v
va
mai a scord
ai r at
rd a ocheil i cuore
il r nere
re r sta
re
i gi
il g ornal a ismo. Sindal
al all
allleprime
ediz i ionisiècerc
iz r at
rc a odi
monitora rar
raare
re comeiva var
vaarimedia,
t tt
tu tti
ti imedia,info f rman
fo a ogl
an gi
gl
ital
a ian
al a isul
an ull
ul llacul u tu
ul t rar ,sutu t tt
tu t ele
f rmecul
fo u tu
ul t ra ral
ali.UnU afo
Un f togr
fo gra
gr raf
afi
fia
cheinun’ n al
n’ a trtra
ra epocaav avr
av vrerebbe
rischiat a odiessere
at r nontr
re t oppo
tr
divive
iv
versatr tra
trra un’ n ediz
n’ i ioneel’al
iz a tr
al tra
ra.
Mal’epocachecièdat a ovi
at viv
viive
verer
nonènormal a e.Siam
al a odentr
am t oa
tr
unariv ivo
iv
voluluz
uzionecheimp m onea
mp
t tt
tu t alafi fil
fi
iliera r delgi
ra g ornal
gi a ismo,e
al
q indial
qu a perc
al r orsodell
rc l enoti
ll tiz
ti
izie,
cam
amb
am mbiam a enti
am t conti
ti t nu
tin iespesso
r dical
ra a i.An
al Anz
An nzitu t tt
tu t olingu g isti
gu t ci.
ti
E’qu q estoil
qu i fo
il f cusdiqu q est’an
qu a no,il
an i
il
fil
fi
ilorosso:il i lingu
il g ag
gu aggggi
giodel
g ornal
gi a ismocul
al u tu
ul t raral
alenel
mondodell l aconnessione
ll
costan a te.Un
an U fi
Un fil
ilorossoche
imp
m oneunaseriedidoman
mp a de:
an
com’ m ècam
m’ amb
am mbiat a alaprofe
at f ssione?
fe
Chiè,chefa f ungi
fa g ornal
gi a ista
al
cul
u tu
ul t ra ral
alenell l ’era
ll r dell
ra l enoti
ll t fi
ti f che?
Cosasign
str
tru
trrumenti
g ifi
gn f casap
fi
t div
ti ive
iv
a erusar
ap
versiperlett
are
arre
t oriche
tt
I lu
l og
ogh
ghi
hi dove si ra
r ccont
n a, si cerc
nt r a, si tr
rc tro
rova
leggg onoogu
gg g ar
gu ard
rdan a ooascoltan a o
an

A
sempm re
mp r più i spessosuun
iù bbiama opensat
am a odi
at art
arrteepat atr
attrimoniocul u tu
ul t raral
alee a profo
ap f ndimento,mentr
fo tre
trre i hab
a itu
ab t é,unosobrioeuno
tu
dispositi tiv
tiivo
vo mobil i e?Comepuò
il rra
accontar are
arre laculu tu
ult ra
r . m sicaeconcert
mu rti
rt
ti sonoi can
a al
an a imonotemat ati
atticisono sommelier. r
r.
agg
agggigiornar are
ar re isuoilingu g ag
gu aggggi
gi?C’è Megl g io,ab
gl a biam
ab a o
am prodott tti
ttti cul
u tu
ul t raral
alipiù i am
iù a at ati
ti. ricercr at
rc ati
ti dal
a 46%.
al T tt
Tu t oconl’obiett tti
tt
tiv
ivo
vo dicap a ire
ap r
re
a cora
an r spaz
ra a ioperlepag
az agi
aggine pensat a odira
at r ccontar
ra are
arre comei Cidiconoan a chechela
an Nonsolotv tv,
tv
v, maan a checar
an art
arrta sec'ècorr r ispondenz
rr n atr
nz tra
tr
ra
cul
u tu
ul t ra ral
alitrtra
trradiz i ional
iz a i?Eperi
al prodott tti
ttti cul
u tu
ult raral
ali televevi
evvisioneèan a cora
an r il
ra i stam
amp
ammpat a a,ra
r dioewe
ra w b.
we l'off
ffe
ff
fert
r ad’info f rmaz
fo a ione
az
critit cichelegg
ti g ev
gg eva
vam
amonel‘900? rag
ra
agg
ggi
giu
iungonolepersone mediu i mpiù
iu i uti
iù til
ti
iliz
izz
zzata oper L'Osserv rva
rv
vat
atorioNew ews
ewws-It I al
Ita ia cul
u tu
ult ra
ral
aleeladoman a dadel
an
R spondera
Ri ran
raannogi g ornal
gi a isti
al t,
ti att
atttr
tra
rav
aveversoitan a ti
an t mediae infof rmar
fo a sisul
ar ull
ulllacul u tu
ul t rar . delll 'Un
ll U iv
Un ive
versitàdiUr Urb
Ur rbino pub
u blico.An
ub A ti
An t cip
i iam
ip a oqu
am q i
qu
stu
t diosidimedia,scritt
tu t ori,inun
tt sopra rat
ra
att
ttu
tutt t ocomeedov ove
ovve la V ra
Vi r ccontere r moperòche
re Car
arl
arrloBohaelab a ora
ab rat
ra
atole chenonsemp m re
mp r c'è
confr f ontoconti
fr t nu
ti n ocol gentelicerc r a.
rc nonèpiù i comeinpassat
iù a o.
at rispostedegl g iinterv
gl rvi
rvvistat
ati
atti e corr
r ispondenz
rr n a.
nz
pubu blico. QuestoFesti
ub tiv
ti
iva
valal ha Nonsemp m re
mp r chipromu m ov
mu ove
ve e G iital
Gl a ian
al a igu
an g ar
gu ard
rdan a olatv t più
tv i
iù pre
r senteràunasintesidei
re L'Osserv rva
rv
vat
atoriodaan a ni
an
un’n am
n’ ambmbiz i ioneinpar art
ar
rti
ticolar are
ar re: comum nicaiprodott
mu tti
tt
ti cul
u tu
ul t ra
ral
ali omenonell l astessa
ll dat
ati
atti edegl g iscenar
gl a ipossib
ar i il
ib i i. puntail i ditosuqu
il q estotema:
qu
essere r uti
re til
tiile,pertu t tt
tu t alafi fil
fiilierar ,per
ra t enecontodeigu
ti g sti
gu t del
ti perc r entu
rc t al
tu a e,malagu g ar
gu ard
rdan
a o Scoprire r tean
re a chequ
an q al
qu a èla ènecessar a iostu
ar t diar
tu are
arre i
chifa f info
fa f rmaz
fo a ione,perchi
az pub
u blico.IlFesti
ub tiv
ti
iva
val
al,come divive
iv
versam a ente,sudev
am evi
evvice tra
tr
rasmissionecul u tu
ul t raral
alepiù i
iù pub
u blici,più
ub i chemai
iù a ogg
ai ggi
gggi
str
tru
trruttttu
tura
r sup u port
up rti
rt
ti eala goritm
al t ie
tm ogn
g ian
gn a no,nell
an l agi
ll g ornat
gi a adi
at divive
iv
versicomesmar art
arrtp
tphonee a at
am a adag agl
aggliital
a ian
al a i.
an dat
a ochelaconv
at nvi
nvviv
ive
venz
n adi
perchiricev eve
evve info f rmaz
fo a ioni.Si
az a ert
ap rtu
rt
turar ,prov ova
ovva adire r come
re tab
a let,peruntemp
ab m opiù
mp i
iù A biam
Ab a o,così
am s ,delineat
sì ao
at tan
a ti
an t mediare r ndel'off
re ffe
ff
fert
ra
torneràacasapiù i consap
iù a ev
ap evo
volidi g iital
gl a ian
al a is’info
an f rman
fo a o,come
an ridott t oesopra
tt rat
ra
att
ttu
tuttt ola profi fil
fi
ilipossib i il
ib i idi più
i am
iù amp
mpiamaan a chemolto
an
comeeperc r héscegl
rc g iam
gl a ocosa
am iprodott tti
tt
ti cul
u tu
ul t ra
ral
alisi g ar
gu ard
rdana ofa f cendo“al
fa a tr
al t o”. consumat a oridi
at più
i comp
iù m lessa.
mp
far
fa
arere neltemp m olib
mp i ero,cosa
ib comum nican
mu a o.
an Ilprodott t oar
tt art
arrteepat atr
at trimonio: info
f rmaz
fo a ionecul
az u tu
ul t ra
ral
alee
leggg ere
gg r ,ve
re v dere
ve r ,ascoltar
re are
ar re. A biam
Ab a ointerv
am rvi
rv
vistata o1009
at i 67%degl
il g iinterv
gl rvi
rvvistat ati
atti lo sar
a àcuriosocap
ar a ire
ap r perc
re r hé,
rc
ital
a ian
al a iecihan
an a nodett
an t oche
tt cercr aneinoti
rc tiz
ti
iziar
a itv
ar tv,
tvv, il
i 60% secondolanostr tra
tr
ra indag agi
aggine,
d Gi
di Gio
iorg
rgi
gio
io Za
Z nch
c in
chi i cinemaeserieTV T assiemead
TV nell l etr
ll tra
tr
rasmissionidi esisteunconsumat a ore
at r
re d Le
di Lel
ell
lla
la Ma
Maz
azz
zzo
zoli
l
2 ilDucato / Speciale Festival

CRISTINA BATTOCLETTI
hanno delle forze che i più Come si ‘copre’ un festival devono alzare la qualità e

Il giornalismo anziani non hanno. Ho ini-
ziato nel 1999 a Radio24, vin-
cendo la timidezza e scriven-
do milioni di brevi fino ad
del cinema?
È un lavoro divertente e stan-
cante. Inizio alle 8 e mezzo di
mattina con le tre o quattro
dotarsi di schermi e impianti
audio migliori, magari con
aiuti pubblici.
Dal mondo del cinema è par-

culturale sta arrivare a Domenica.
Internet aiuta a parlare di
cultura?
Consente d’informarsi subi-
proiezioni del giorno. Poi
twitto, partecipo alla confe-
renza stampa, faccio le inter-
viste e se serve vado anche
tito #metoo: è l’inizio di una
nuova era per le donne?
I rapporti di forza sono anco-
ra squilibrati, a Venezia tra i

bene. Ma deve to, ma non dà lo stesso livello
di attenzione che si ha con la
carta. È un fatto scientifico:
leggendo in rete si usa meno
alla radio. L’articolo va sul
mio blog East Side Stories e
sui social, mentre per l’inser-
to riassumo ciò che ho visto.
film in concorso c’era una
sola regista donna, un ‘nome’,
ma nessuna esordiente sco-
nosciuta. È possibile che non

cercare i giovani la memoria visiva. I ragazzi
possono usare Internet per
‘entrare’ nella cultura, ma la
Rete non può essere uno
A Cannes vietano film che
usciranno solo su Netflix, a
Venezia Alfonso Cuarón
vince con Roma, che sarà
ce ne fossero di brave?
Adesso è nata l’associazione
Women in film che promuo-
ve la partecipazione delle
strumento esaustivo. distribuito in streaming. La donne nella filiera del cine-
■ LORENZO CIPOLLA giornalismo culturale? La figura del critico cinema- vittoria definitiva del piccolo ma. #metoo è importante per
Ottimo, i nostri contenuti tografico è ancora attuale? schermo (del pc) è vicina? contrastare la misoginia, ma

C
ritica cinematografica sono fenomenali e i nostri Serve perché inquadra, capi- Non possiamo fingere che in alcuni casi potrebbe anche
per Domenica, inserto supplementi non hanno sce e spiega le cose. Un blog- Netflix non esista. Ha prodot- essere un boomerang.
culturale de Il Sole 24 nulla da invidiare a quelli ger senza background che ti eccellenti e ha quasi il Per concludere: quali novità
Ore, Cristina Battocletti esteri. Domenica è un pro- dice ‘Questo fa schifo’ rischia monopolio sul suo mercato, ci consiglia?
segue i principali festival dotto variegato, fatto da di fare morire il film nelle che però sta nascendo ora e Al cinema Roma di Cuarón e
europei e ne scrive anche per gente specializzata, rivolto sale. La gente si deve affidare non sappiamo cosa succede- in libreria La ragazza con la
il suo blog East Side Stories. agli ‘addetti ai lavori’ e ai pro- di nuovo ai competenti. rà. In Italia le piccole sale Leica di Helena Janeczek.
Come scrittrice ha vinto tre fessionisti che nutrono la
premi letterari tra cui l’edi- mente anche con la cultura.
zione 2018 del Premio Ma ora deve cambiare:
Giovanni Comisso, sezione rispetto al 1983, c’è la con-
biografia, con Bobi Bazlen. correnza de La Lettura del
L’ombra di Trieste. Corriere della Sera e di
Partiamo proprio dalla fre- Robinson de La Repubblica.
sca vittoria al premio Dobbiamo trovare la chiave
Comisso. Perché un libro su per avvicinarci ai giovani,
Bobi Bazlen? affamati di cultura come lo
È stato un intellettuale siamo stati noi.
‘negletto’, rifiutò l’inquadra- Come si diventa giornalisti
mento comunista, va ricor- culturali oggi?
dato anche perché nel 1962 Con la tenacia. Non importa
fondò con Luciano Foà la se inizi facendo le didascalie
Adelphi. Fu il primo a fare alle foto delle riviste scanda-
tradurre Kafka, tradusse listiche: devi mantenere fisso
L’uomo senza qualità di l’obiettivo. Oggi è più dura
Robert Musil e fece scoprire rispetto a vent’anni fa, ma i
Svevo a Montale. giornali dovrebbero avere più
Qual è lo stato di salute del fiducia nei giovani perché

EMILIO ISGRÒ

L’uomo che cancella le parole
non per distruggere, ma per creare
■ GIOVANNI BRUSCIA Sono il mio tratto tipico, Il motivo è chiaro: sempre Infatti oggi le persone con- è in grado di orientarsi pur

U
na cancellatura è una quello che caratterizza tutta più spesso oggi le parole si fondono l’arte con la realtà, vedendo poco, ma che riesce
forma di arte. A prima la mia produzione artistica. trasformano in chiacchiere; ma così facendo non si ci si ad ascoltare le voci profonde
vista sembra un con- Con il anzi, oggi accorge che si sta cancellan- del mondo e a comunicarle.
trosenso, ma dietro questa tempo, viviamo do la vita stessa. Con l’arte cerco di recuperare
affermazione c’è una logica. poi, le immersi E quindi la cancellatura e riattivare lo spirito e il senso
Lo dice Emilio Isgrò, 81 anni, cancella- in un come può essere di aiuto? critico che stiamo perdendo.
presente al Festival. L’artista t u r e mondo di Rappresenta uno schermo Un esempio? Chi non capisce
siciliano è uno dei più cono- hanno s o l e tra il linguaggio e la vita, con la mia arte inizia a farsi delle
sciuti e affermati per la sua assunto chiacchie- un pregio significativo: con- domande; la domanda è la
capacità di creare forme d’ar- diverse re. Ecco sentirci di avere una visione funzione primaria dell’arte.
te nuove nelle Avanguardie forme. perché critica. Qual è il ruolo del giornali-
nella seconda metà degli Vorrei cancellare È proprio questo ciò di cui smo culturale?
Anni Sessanta. Il suo tratto f o s s e una paro- abbiamo bisogno oggi, per- È sempre più importante: la
caratteristico è la cancellatu- chiaro il la è così ché l’arte è l’unico mezzo che società mediatica sta sempre
ra di testi, applicata su enci- fatto che importan- ci aiuta a porci domande di più cancellando i libri, ma il
clopedie, libri e film. una can- te: perché cui abbiamo bisogno. Oggi giornalismo culturale è uno
Isgrò è anche poeta, scrittore, cellatura ci permet- ascoltiamo molte risposte strumento per resistere a un
drammaturgo e regista. non è un te di pre- comode, ma purtroppo non mondo in cui la parola si tra-
Autocurriculum è la sua g e s t o (foto: Valentina Tamborra) servarla capiamo le domande. sforma in chiacchiera e con-
autobiografia, in cui trova distrutti- dall’oblio. Come nascono le sue opere? tro le derive autoritarie. E poi
spazio la svolta avvenuta nel vo, ma un mezzo per ‘inne- Oltre ad essere una tecnica Spesso parto da un’idea è apprezzatissimo: la gente
1964 che ha dato il segno alla scare’ dubbi sulle parole. artistica che consente di fare abbastanza precisa, anche se ha bisogno di cultura: i gior-
sua attività: la cancellatura. Perché avere dubbi sulle una cosa a cui non siamo più poi le idee cambiano in dive- nali si reggono sulla vendita
Cosa sono le cancellature? parole? molto abituati: riflettere. nire. Il vero artista è colui che dei libri che pubblicano.
ilDucato 3

SYUSY BLADY

Il documentario si fa commedia. E fa ridere
“La mia Matilde, indipendente e moderna”
■ LORENZO PASTUGLIA gento di fronte al suo 15enne con due uomini, ma alla fine Model. Poi il cortometraggio era seduto in platea e l’ho
marito Guelfo V di Baviera ha vissuto quasi sempre da Ciccio Colonna e i libri che ho subito notato. Era inconfon-

M
aurizia Giusti, in detto “Il Pingue”, più giovane sola, per sua volontà, perché scritto, senza dimenticare i dibile, in sciarpa e cappello.
arte Syusy Blady, di lei di 25 anni, che lei chia- voleva tenere il potere tutto viaggi con Patrizio Roversi in Alla fine è venuto in cameri-
bolognese, imperso- mò “impotente” per l’incapa- per lei. Turisti per caso. Insomma, mi no complimentandosi. Poi,
na sullo schermo Matilde di cità di darle un bambino. Una vita in televisione al è sempre piaciuto sperimen- tempo dopo, mi ha invitata
Canossa, controversa figura Perché proprio la figura di fianco di tante personalità. tare diversi piani di espres- insieme a Roberto Benigni a
del medioevo cristiano: lo fa Matilde di Canossa per par- Quale esperienza ricorda sione. una sua festa di compleanno
con la sua simpatia, ma lare di storia? con più piacere? Ha avuto modo di conoscere negli ‘studios’ in zona Appia.
anche con l’ironia suggeritale Matilde è una donna emble- Tutte. Nella mia vita ho pro- Federico Fellini recitando in Io, loro due, Giulietta Masina:
dai registi Marco Melluso e matica, una feudataria vato esperienze diverse per- La voce della luna. Ce ne rac- mi sembrava di essere in un
Diego Schiavo. Una vita tra importante che si pone tra ché mi sono sempre sentita conta qualche aneddoto? film.
cinema e televisione, Syusy, il impero e papato e riesce a una persona “eclettica”: da Averlo conosciuto dopo Lei racconta la sua vita quo-
volto femminile di Turisti per imporsi sul primo grazie al Gran Pavese, a Lupo Solitario, essermi gustata tutte le sue tidiana nel blog
caso, è, a 66 anni, la protago- suo forte legame con la a La tv delle ragazze con produzioni - 8½ l’ho vista ‘Nomadizziamoci’, dalle
nista ideale del film dedicato Chiesa. La sua storia è stata Serena Dandini, fino a Tap almeno 20 volte - è stato un avventure con sua figlia Zoe
a Matilde, donna “molto sempre raccon- grande orgo- agli appuntamenti di lavoro.
chiacchierata” ai suoi tempi, tata in maniera glio. Pensi che Perché crede che questo sia
“che non viaggia solo in tanti noiosa. Marco e la figura di un mezzo importante anche
posti – dice al Ducato Diego riescono Susy nel film per una persona affermata
Melluso -, ma nello spazio e a farlo in modo non era previ- come lei?
nel tempo. È autentica e sa ironico, leggero sta, ma l’ha Perché il blog, come il resto
raccontare storie antiche con e divulgativo. costruita solo dei social, è un qualcosa che
una spontaneità cui non puoi Quale messag- per me perché mi appartiene. Ho iniziato a
non prestare attenzione”. gio volete man- voleva recitas- utilizzare la telecamera
Melluso, 44 anni, e Schiavo, dare al pubbli- si per lui. Una Super-8 quando non la usava
42, raccontano la loro storia co del Festival volta è venuto nessuno, ho aperto 20 anni fa
con ironia. Uscito l’anno con questa a vedermi al il sito di Turisti per caso
scorso, La signora Matilde. docucomme- teatro Sistina quando ancora non si faceva
Gossip dal Medioevo, è una dia? di Roma. Io nulla del genere.
“docucommedia” - come i Che le donne dovevo fare Oggi comunico a 360 gradi:
registi amano definirla - che hanno saputo una scena anche attraverso la mia pagi-
analizza la storia “fuori dalle farsi rispettare molto di varie- na Facebook ‘Syusy Blady’, o i
righe” della duchessa manto- anche in passa- tà. D’un tratto siti web Velisti per caso e
vana. Una donna arrivata a to. Matilde è mi hanno Italia Slow Tour, quest’ultimo
spogliarsi su una tavola d’ar- stata sposata detto che lui in lingua inglese.

MASSIMO BERNARDINI

La fuga dalla complessità è abitudine
l’artista deve sperimentare
■ PATRIZIA BALDINO

M
assimo Bernardini ro uno strumento utile a decenni passati, sono stati i mentazione: colpa della tec- ma raramente portano qual-
sarà al Festival per riscoprire la complessità cantautori. Ascoltandoli - nologia, che offre programmi cosa di personale. Ogni anno
parlare di come della cultura. La tv divulgati- penso ad esempio a Calcutta per creare le basi, puntando sembra che siano gli stessi. In
cambia la comunicazione va si è dovuta adattare cer- Italia e non resto del mondo,
della cultura. Il giornalista è il cando di spiegare la storia e a parte alcune eccezioni non
conduttore del programma la scienza in modo pop; mi assistiamo a grandi carriere:
di Rai 3 TV talk e di Nessun viene in mente la trasmissio- la maggior parte di loro dura
dorma, in onda su Rai 5, che ne di Alberto Angela su Rai 1, due o tre album, poi il pub-
presenta al pubblico realtà che ha ottenuto un’audience blico si dimentica di loro.
musicali meno conosciute. molto alta. Il segreto del pro- C'è un genere musicale dove
Cosa pensa del giornalismo gramma è stato di scegliere si sperimenta di più?
culturale e della narrazione una narrazione semplice, Vedo grande vitalità nella
divulgativa in televisione? una storytelling avventuro- musica jazz. I musicisti di
In tv il giornalismo culturale sa. Certo è che perfino la questo genere sono più con-
è una piccola nicchia. Il moti- Cappella Sistina e la Shoah sapevoli di quello che posso-
vo: il pubblico si è abituato a ora vanno semplificate per no fare. Forse perché a loro
guardare programmi molto raggiungere il pubblico. servono meno risorse - come
semplificati, con un linguag- Crede che si possa parlare di - ho notato una buona fre- però al conformismo. i grandi impianti strumentali
gio base. Diciamo che gli semplificazione anche nella schezza dei testi e la rinasci- Anche i talent hanno contri- - rispetto agli artisti rock o
spettatori si sono ‘imbarbari- musica? Ora hanno grande ta del genere surreale. La buito a questo fenomeno? pop. In quest'ultimo periodo
ti’. Ad acuire questo fenome- successo i cantanti trap... semplificazione è a livello Credo di sì. Guardando un mi hanno colpito Luciana
no sono stati i social, su cui Potremmo dire che i cantan- compositivo: in ogni canzo- talent show si nota subito che Sousa, un'artista argentina, e
inizialmente tutti abbiamo ti di musica rap e trap rap- ne i suoni sembrano uguali. i partecipanti sono tutti omo- Camille Bertaut, una cantan-
puntato pensando che fosse- presentano quello che, nei Mancano originalità e speri- logati. Cantano molto bene te francese.
4 ilDucato / Speciale Festival

Il programma del Festival
GIOVEDÌ 25 OTTOBRE VENERDÌ 26 SABATO 27 DOMENICA 28

URBINO FANO PESARO PESARO

Ore 15. Palazzo Ducale, Salone del - Ore 9.30. Teatro della Fortuna - Ore 9.30. Teatro Rossini - Ore 9.30. Palazzo Gradari, Salone
trono - Apertura del Festival Il linguaggio dei media sui libri Il linguaggio dei media sull’arte Nobile. Giorgio Zanchini intervista
Apertura con i direttori Lella Installazione nel foyer di Intervento del sindaco di Pesaro Liliana Segre.
Mazzoli e Giorgio Zanchini. “Flashback dal Festival: pillole e Matteo Ricci.
racconti video e fotografici. - Ore 9.45. La narrazione. Di - Ore 10.15. Cristina Battocletti
Interventi di: Apertura del sindaco di Fano Flaminia Gennari Santori. intervista Pupi Avati.
Rettore dell’Università di Urbino Massimo Seri. - Ore 10.15. Il dialogo. “Arte e artisti
Carlo Bo Vilberto Stocchi, il presi- - Ore 9.45. La narrazione di Marco nell’informazione culturale’ con - Ore 11. Premiazione del Concorso
dente della Regione Marche Luca Vigevani. Gregorio Botta e Massimiliano del festival - sezione giornalisti.
Ceriscioli, il sindaco di Urbino - Ore 10.15. Il dialogo. “Il racconto Tonelli.
Maurizio Gambini, il segretario giornalistico della letteratura” con - Ore 11.15. Premiazione del con- - Ore 11.15 Verso nuove narrazioni
generale dell’Ordine dei Giornalisti Fabio Cappelli e Alessandro corso del Festival - sezione scuole. dei prodotti culturali. Lella Mazzoli
Guido D’Ubaldo. Zaccuri. - Ore 11.30. La piazza. I musei nella ne parla con Massimo Bernardini,
- Ore 11.15. Sfida all’ultima pagi- narrazione tra mainstream e web Lamberto Maffei, Gian Paolo
Ore 15.30. Lectio Magistralis di na. con Francesco D’Ayala, Fabio Manzella, Antonio Pavolini,
Nicola Lagioia - Quale futuro per il In collaborazione con la Rete delle Fornasari, Paolo Iabichino, Roberto Elisabetta Stefanelli, Roberto
giornalismo culturale in Italia. scuole della Provincia di Pesaro e Pisoni, Maria Grazia Tolomeo e Zichittella.
Urbino. Giuliano Volpe.
Ore 16. Intermezzo musicale a cura - Ore 11.45. La piazza. I libri dalla - Ore 12.30. Lectio conclusiva di Ore 17.30. Teatro sperimentale.
del Conservatorio Rossini di carta stampata al web con Vittorio Sgarbi. In collaborazione con “La donna si
Pesaro. Margherita Belgiojoso, Giovanni - Ore 15. Intervento dell’assessore racconta”, premiazione di Maria
Boccia Artieri, Mafe De Baggis, al Turismo della Regione Marche Gianniti, giornalista inviata Rai.
Ore 16.15. Presentazione dei dati Piero Dorfles, Matteo Fumagalli e Moreno Pieroni.
della ricerca dell’Osservatorio Filippo Nanni. - Ore 15.15. Il linguaggio dei media
News-Italia, “Come si informano gli - Ore 15.00. Teatro della Fortuna, sul cinema. La narrazione di
italiani”. A cura del LaRiCA sala Verdi. Il linguaggio dei media Cristina Battocletti. Il comitato tecnico-scientifico del
dell’Università degli Studi di sulla storia. Intervento del vicepre- - Ore 15.45. Il dialogo. “Il cinema Consiglio Nazionale dell’Ordine dei
Urbino Carlo Bo. Lella Mazzoli ne sidente del Consiglio della Regione dalla radio alla carta stampata al Giornalisti riconosce 21 crediti for-
discute con Anna Maria Ambrosini Marche Renato Claudio Minardi. web” con Pedro Armocida e mativi ai giornalisti che partecipa-
Massari, Marco Bracconi, Nicola - Ore 15.15. La narrazione di Emilio Emiliano Morreale. no al Festival, registrandosi sulla
Lagioia. Conduce il dibattito Gentile. - Ore 16.45. La piazza. Cinema, piattaforma nazionale SIGeF.
Giorgio Zanchini. - Ore 15.45. Il dialogo. I tanti modi serie tv, web series. Con Marco
di raccontare la storia con Carlo Ferrazzoli, Paolo Legrenzi, Paola L’ingresso a tutte le sessioni è libero
Ore 17.15. Intervento conclusivo Greppi e Mariangela Galatea Vaglio. Mammini, Marco Melluso e fino a esaurimento posti.
del direttore della Galleria - Ore 16.45. La piazza. Storici, scrit- Roberto Pisoni.
Nazionale delle Marche e del Polo tori, giornalisti e blogger a confron- - Ore 17.45. Il focus. Il linguaggio
Museale delle Marche Peter to con Andrea Caciagli, Manuela dei media sulla musica. Albert,
Aufreiter “A ciascuno il suo. Le Ennas, Alessandra Tarquini, Carlo Alessio Bertallot, Ludovico
tante comunicazioni del museo Tosco. Bramanti, Simone Lenzi, Quirino
multidisciplinare”. - Ore 18.30. Corte Malatestiana Principe.
Festival Off. Aperitivo con - Ore 18.45. Performance di Albert.
Ore 17.30. Conclusione musicale a Biancamaria Frabotta e Mario De - Ore 19. Ri-conoscere l’arte.
cura del Conservatorio Rossini di Santis. -Ore 20. Presentazione di La signo-
Pesaro. - Ore 21. Teatro della Fortuna, sala ra Matilde. Gossip dal medioevo.
Verdi. Evento spettacolo con Syusy Blady, Marco Melluso, Diego
FANO Ernesto Assante e Gino Castaldo. Schiavo. Segue proiezione.
Ore 19. Palazzo Corbelli, Galleria
Carifano - Le Mostre del festival.     
  

Apertura della mostra “Le Vignette 73.828:.8:8567:7/:54$9.4324&:9614527:%2700
9+:422754:.466 39 45$92:.9: 51937:8567:7/:
73$9,69459:45:6 39 45$92&:5!37:5!$097229+:4668:8))769+:8567:8,3839
di Massimo Bucchi”. L’artista sarà
45:6 ;5.934&:8597:4:9145827+:58307:69$49+:%9-734:309007
intervistato da Marco Bracconi. 45:68:4,9734:850
4& 64$$83.58:97669+:714527:%9,375939
45:68:3$9& %96 98:%939186.9+:"98308567:8528,698/
Ore 20. Festival Off, Aperitivo con    
  
95422754&:4668:8))769
Claudio Ferlan e Davide Eusebi a   
95422754&:"98-9457:"58-8,698
partire dal libro Sbornie sacre, sbor-  
nie profane. L’ubriachezza dal 98))8:.4668:4!116908:(+:'*:: 51937/:464737::'#**:('#'::8:'#**:('#
Vecchio al Nuovo mondo (Il Mulino 96.!0827/92:4-896&:54.8)97349,!51937,-896/07-
2018). 95422754:54$73$81964&:"98-9457:"58-8,698
%28-8&: /"//:%56:: 51937::464737:'#**:(*#((
4,9$258)9734:591!3864: 51937:3/ :.46:(:,433897:/