L'OSSERVATORE ROMANO

.
Via del Pellegrino 00120 CITTÀ DEL VATICANO Segreteria di Redazione 0669883461 / 0669884442 - fax 0669883675 Servizio fotografico 0669884797 - www.photo.va Marketing, Diffusione e Abbonamenti 0669899480 - fax 0669882818 Ufficio amministrativo 0669899489 - fax 0669885164 e-mail: ornet@ossrom.va W W W . VAT I C A N . VA / n e w s _ s e r v i c e s / o r / h o m e _ i t a . h t m l . S P E D I Z I O N E I N A B B O N A M E N T O P O S TA L E - R O M A CONTO CORRENTE P O S TA L E N. 649004

GIORNALE QUOTIDIANO
UNICUIQUE SUUM

POLITICO RELIGIOSO
NON PRAEVALEBUNT

ABBONAMENTI VATICANO E ITALIA Quotidiano . . . . . . . . . . L'Osservatore della Domenica . Cumulativo . . . . . . . . . ESTERO Quotidiano . . . . . . . . . . L'Osservatore della Domenica .

2 Anni

Annuo

Semestre

: 395 — — — —

: 198  :  47  : 240 $ 515 $ 125

:  99 :  23,50 : 120 — —

Copia : 1,00 Copia arretrata : 2,00

Anno CXLVII - N. 137 (44.580)

CITTÀ DEL VATICANO

Lunedì-Martedì 18-19 Giugno 2007

Pellegrino sulle orme del Poverello, il Papa fa risuonare da Assisi un messaggio di grande respiro ecclesiale e di profonda attualità sociale

Benedetto XVI riconsegna al Terzo Millennio la vita e la testimonianza di Francesco
H
a riconsegnato al Terzo Millennio la vita e la testimonianza di Francesco. Ha riconsegnato ad Assisi la sua missione di accoglienza, di dialogo, di riconciliazione. Ha riconsegnato all'umanità la sua più alta vocazione alla pace, oggi tragicamente sfigurata dal cieco imperversare della violenza e della guerra. Pellegrino sulle orme del Poverello, Benedetto XVI ha lanciato da Assisi un messaggio di grande respiro ecclesiale e di profonda attualità sociale. Con le sue parole ha fatto risuonare dinanzi alla coscienza del mondo la voce impavida ed esigente del «Convertito per amore». Con il suo Magistero ha riaffermato la verità del messaggio «cristologico» ed evangelico di quell'uomo tutto di Dio e tutto degli altri. Nella patria umile e accogliente di Francesco ha voluto indicare una casa per l'umanità, un'oasi per la speranza, un pulpito per la pace. Sono stati tanti i momenti che hanno segnato la giornata assisiate di Benedetto XVI. Ma ce n'è uno, in particolare, che ha reso visibili i palpiti più intimi dell'animo del Papa. È stato quando, durante l'incontro con i giovani dell'Umbria, ha ricordato il suo Predecessore Giovanni Paolo II. A quel nome è partito l'applauso — lungo, intenso, caloroso — dei tantissimi ragazzi e delle ragazze radunati sul piazzale della Basilica di Santa Maria degli Angeli. Un applauso interrotto da una parola — «Grazie!» — sgorgata spontanea dal cuore del Successore di Pietro. Il quale ha proseguito dicendo: «Siate la mia gioia, come lo siete stati di Giovanni Paolo II». È stato allora che la grande assemblea dei giovani gli ha gridato tutto il suo affetto con un «Benedetto! Benedetto!» la cui eco gioiosa è sembrata raggiungere l'intera Regione. Un «Grazie!» paterno, un «Benedetto!» filiale. Una corrispondenza di animi, una sintonia di cuori. Un delicato, toccante momento di familiarità ecclesiale.

Nella Basilica di Santa Chiara
Pagina 4

La Concelebrazione Eucaristica
Pagina 5

‘‘ «pressantedi accorato Il e appello» pace
Considero mio dovere lanciare da qui un pressante e accorato appello affinché cessino tutti i conflitti armati che insanguinano la terra, tacciano le armi e dovunque l'odio ceda all'amore, l'offesa al perdono e la discordia all'unione! Sentiamo spiritualmente qui presenti tutti coloro che piangono, soffrono e muoiono a causa della guerra e delle sue tragiche conseguenze, in qualunque parte del mondo. Il nostro pensiero va particolarmente alla Terra Santa, tanto amata da San Francesco, all'Iraq, al Libano, all'intero Medio Oriente. Le popolazioni di quei Paesi conoscono, ormai da troppo tempo, gli orrori dei combattimenti, del terrorismo, della cieca violenza, l'illusione che la forza possa risolvere i conflitti, il rifiuto di ascoltare le ragioni dell'altro e di rendergli giustizia. Solo un dialogo responsabile e sincero, sostenuto dal generoso sostegno della Comunità internazionale, potrà mettere fine a tanto dolore e ridare vita e dignità a persone, istituzioni e popoli.
(Benedetto XVI, Angelus Domini, Assisi 17 giugno 2007)

La preghiera dell'Angelus
Pagina 6

Il Messaggio ai Frati Minori Conventuali
Pagina 8

Alle Clarisse Cappuccine tedesche
Pagina 9

Al clero e ai religiosi
Pagina 10

L'incontro con i giovani
Pagina 12

Alle pagine 4, 7, 9 e 14 i servizi del nostro inviato GIAMPAOLO MATTEI

’’
DAL MONDO
MEDIO ORIENTE

Ribadito il sostegno internazionale ad Abu Mazen
Pagina 2

Il cordoglio del Santo Padre per la morte del Cardinale Angelo Felici
Il Cardinale Angelo Felici, della Diaconia elevata pro hac vice a Titolo Presbiterale dei Santi Biagio e Carlo ai Catinari, Prefetto emerito della Congregazione delle Cause dei Santi e Presidente emerito della Pontificia Commissione «Ecclesia Dei», è morto alle ore 9.10 di domenica 17 giugno presso la propria abitazione romana di Piazza della Città Leonina, all'età di 87 anni. Appresa la dolorosa notizia il Santo Padre si è raccolto in preghiera, quindi ha fatto pervenire al Cardinale Angelo Sodano, Decano del Collegio Cardinalizio, e al Vescovo di Velletri-Segni, Mons. Vincenzo Apicella, i seguenti telegrammi di cordoglio:

Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice

Cappella Papale per le Esequie del Signor Cardinale Angelo Felici
Notificazione
Martedì 19 giugno 2007 alle ore 17, all'Altare della Cattedra della Basilica Vaticana, avranno luogo le Esequie del Signor Cardinale Angelo Felici, della Diaconia elevata pro hac vice a Titolo Presbiterale dei Santi Biagio e Carlo ai Catinari, Prefetto emerito della Congregazione delle Cause dei Santi e Presidente emerito della Pontificia Commissione Ecclesia Dei. La Liturgia Esequiale sarà presieduta dal Santo Padre Benedetto XVI. Gli Em.mi Signori Cardinali che desiderano concelebrare la Santa Messa con il Santo Padre, vorranno trovarsi alle ore 16.30 nella sagrestia della Basilica Vaticana per indossare le vesti sacre, portando con sé la mitra bianca damascata. Coloro che, in conformità al Motu Proprio «Pontificalis Domus», fanno parte della Cappella Pontificia e intendono partecipare al Sacro Rito, indossando l'abito prescritto (rocchetto e mozzetta gli Ecc.mi Arcivescovi e Vescovi, il proprio abito corale gli altri), sono pregati di trovarsi per le ore 16.30 presso l'altare della Cattedra per occupare il posto che sarà loro indicato. Città del Vaticano, 18 giugno 2007. Per mandato del Santo Padre © PIERO MARINI Arcivescovo tit. di Martirano Maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie

NOSTRE INFORMAZIONI
Il Santo Padre ha ricevuto in udienza nel pomeriggio di sabato 16 Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Giovanni Battista Re, Prefetto della Congregazione per i Vescovi.

Ho appreso con tristezza la notizia della dipartita del caro Cardinale Angelo Felici e desidero esprimere a Lei ed all'intero Collegio Cardinalizio sentimenti di vivo cordoglio ricordando con animo grato la preziosa collaborazione da lui prestata per tanti decenni alla Santa Sede. Innalzo fervide preghiere di suffragio perché il Signore lo accolga nel gaudio e nella pace eterna ed invio a Lei ed a quanti condividono il dolore per la scomparsa di così benemerito Porporato la confortatrice Benedizione Apostolica. BENEDICTUS PP. XVI

La notizia della pia morte del Signor Cardinale Angelo Felici illustre figlio della città di Segni riempie il mio animo di affettuoso rimpianto nel grato ricordo della fervorosa opera prestata alla Santa Sede e della chiara testimonianza di solerte collaboratore dei miei venerati predecessori con i quali ha cooperato per lunghi anni con generosa dedizione e riconosciuta competenza. Penso in particolare al suo servizio reso dapprima in Segreteria di Stato in seguito quale Rappresentante Pontificio nei Paesi Bassi in Spagna in Francia e infine come Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi e Presidente della Pontificia Commissione Ecclesia Dei. Imploro dal Signore per intercessione della Beata Vergine Maria Regina di tutti i Santi il premio eterno per le fatiche apostoliche di così benemerito Porporato ed esprimo a codesta comunità diocesana ai familiari a quanti lo hanno conosciuto e apprezzato il mio sincero cordoglio avvalorato da una speciale confortatrice Benedizione Apostolica. BENEDICTUS PP. XVI
Analoghi telegrammi sono stati inviati dal Cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato.

.

.

Il Santo Padre ha ricevuto questa mattina in udienza le Loro Eccellenze Reverendissime i Monsignori: — Philippe Fanoko Kossi Kpodzro, Arcivescovo emerito di Lomé (Togo), con l'Arcivescovo eletto, Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Denis Komivi Amuzu-Dzakpah, in visita «ad limina Apostolorum»; — Jacques Nyimbusède Tukumbè Anyilunda, Vescovo di Dapaong (Togo), in visita «ad limina Apostolorum»; — Benoît Comlan Messan Alowonou, Vescovo di Kpalimé, Amministratore Apostolico di Atakpamé (Togo), in visita «ad limina Apostolorum»; — Ambroise Kotamba Djoliba, Vescovo di Sokodé (Togo), in visita «ad limina Apostolorum»; il Reverendo Monsignore Isaac Jogues Kodjo Agbemenya Gaglo, Amministratore diocesano di Aného (Togo), in visita «ad limina Apostolorum».

Messaggio del Papa al Vescovo Giuseppe Malandrino in occasione della solenne cerimonia di riapertura della insigne Cattedrale di Noto

TERZA PAGINA
Cento anni dalla morte di Sergio Corazzini

Torna a splendere un gioiello di valore storico e di bellezza barocca tipica del sud-est siciliano
Pagina 15

Quel groviglio di vita e di arte
di MARCO TESTI
Pagina 3

A PAGINA 16 LA BIOGRAFIA DEL COMPIANTO PORPORATO