You are on page 1of 16

ソードアート・オンライン – Sword Art Online

Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

CAPITOLO
Nel momento in cui Asuna aveva visto questo grande ospedale aveva avuto il presagio che
si trattasse di una malattia grave. Nonostante ciò, dopo aver sentito chiaramente il nome
della malattia dal dottore, si sentì comunque incapace di respirare. Asuna guardò Yuuki
attraverso il vetro, dove si trovava sdraiata sul letto, e si sentì completamente congelata.

Si domandava se fosse davvero la verità. Yuuki, che era più forte di chiunque altro, più
energica di tutti nel fare qualsiasi cosa, in realtà era distesa su un letto attaccata a molte
macchine. Sia che fosse irragionevole o spregiudicato, Asuna si rifiutò categoricamente di
accettare questo fatto.

—Sono una tale idiota. Non so nulla e non faccio nulla per capirla.

Mentre la ragazza urlava nel suo cuore, le lacrime che Yuuki aveva versato prima di
scomparire acquistarono significato...

«Ma l'AIDS ai giorni nostri non è così spaventosa come pensa la società.»

Nel vedere Asuna, immobilizzata sul posto, il Dottor Kurahashi disse con voce ferma:

«Anche dopo essere stati infettati dal virus HIV, se i pazienti vengono presi in cura
presto, è possibile contenere l'AIDS per circa 10-20 anni. Attraverso le medicine e
un'attenta gestione della salute, adesso è possibile vivere come prima dell'infezione.»

Detto ciò, il dottore spostò la sedia davanti alla scrivania, si sedette e continuò:

«... Tuttavia, è un fatto inconfutabile che le possibilità di sopravvivenza oltre i 5 anni nei
neonati infetti dall'HIV sono di gran lunga minori che negli adulti. La madre di Yuuki-
kun, quando scoprì che l'intera famiglia era infetta, tentò di portare tutti giù con sé.
Comunque, sua madre era cristiana fin da giovane, così grazie alla religione e all'aiuto
del padre superò la sua crisi iniziale e decise di continuare a combattere la malattia.»

«Continuare... a combattere...»

«Sì. Fin dal momento in cui nacque, Yuuki fu costretta a combattere il virus per
sopravvivere. Dopo aver superato il momento più critico, la piccola poteva crescere
sana e addirittura entrare alla scuola elementare. Ma per un bambino è difficile
assumere un gran quantitativo di farmaci regolarmente. Tuttavia, Yuuki-kun credeva
ancora che un giorno sarebbe guarita e continuò a lavorare sodo. Era molto diligente e
ottenne voti alti per l'intera sua carriera scolastica. Si era fatta un sacco di amici. Una
volta ho visto molte sue foto di quel tempo, aveva quel sorriso abbagliante...»

Asuna sentì il dottore interrompersi e sospirare per un momento.

148
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

«—La scuola non sapeva che Yuuki-kun fosse una portatrice di HIV. In realtà, bisognava
aspettarselo. I controlli sanitari voluti dalla scuola non sono previsti per includere l'HIV
nelle analisi del sangue. Tuttavia... quando iniziò il liceo, per qualche ragione, un gruppo
di genitori di alcuni suoi compagni di scuola scoprì che Yuuki era una portatrice. La
voce si sparse immediatamente... La legge dichiara di non discriminare i portatori solo
perché sono infetti dall'HIV. Tuttavia, la cosa triste è che non tutte le persone sono
gentili... All'inizio, c'erano persone che protestavano contro il fatto che poteva venire a
scuola, o scherzi come chiamate, lettere e altro ancora. I suoi genitori fecero del loro
meglio, ma alla fine dovettero trasferirsi, e Yuuki fu costretta ad andare in un'altra
scuola.»

«...»

Asuna non riuscì più a dire niente. Poteva solo raddrizzare la schiena e ascoltare le parole
del dottore.

«E nonostante Yuuki-kun lavorò sodo per andare nella nuova scuola ogni giorno... la
cosa crudele fu che... in quel periodo, la malattia si aggravò. Gli indicatori per rilevare
l'abbassamento del sistema immunitario, le cellule linfatiche CD$ iniziarono a diminuire
drasticamente. In altre parole... il virus dell'AIDS aveva iniziato ad agire. Ho sempre
temuto che le parole aggressive dei genitori e degli insegnanti nella sua scuola
precedente siano state la scintilla che fece scoppiare la malattia.»

Il giovane dottore tentò di continuare a mantenere la voce calma, ma il suo respiro
apparentemente affannato rivelò le sue emozioni.

«—Siccome il sistema immunitario si era indebolito, fu infettata facilmente da virus e
batteri a cui normalmente avrebbe resistito. Questa situazione viene chiamata
“Infezione Opportunistica”. Yuuki-kun prese una malattia chiamata Pneumocystis
Pneumonia32 e finì ricoverata qui, e questo circa 3 anni e mezzo fa. Yuuki-kun continuò
ad essere positiva. Tutti i giorni aveva il sorriso sulle labbra, diceva sempre “Non
perderò mai contro la malattia”. Non si è mai lamentata neanche durante i dolorosi
controlli. Tuttavia...»

Dopo essersi fermato, il dottore sembrò sul punto di muoversi.

«Sia nell'ospedale o nel paziente, ci sono moltissimi batteri e virus. Una volta che il
virus dell'AIDS si attiva, possiamo solo continuare a curare i sintomi che vengono con
l'Infezione Opportunistica. Dopo la polmonite, Yuuki-kun venne infettata dalla candida
alla gola. In quel periodo la società era stata devastata dall'incidente del Nerve Gear, e ci
fu una grande commozione. Tuttavia, il paese e alcuni produttori finirono le loro
ricerche sul Nerve Gear in ambito medico... il primo Medicuboid sperimentale fu
completato in quel periodo. Inoltre, spostarono la macchina in questo ospedale per
iniziare i test clinici. Ma anche se era un esperimento, la macchina originaria era quello
spaventoso Nerve Gear, e nessuno sapeva cosa sarebbe accaduto al cervello se

32
Pneumocystis Pneumonia: un tipo di polmonite causato dal fungo patogeno Pneumocystis jirovecii.

149
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

avessimo aumentato per un lungo periodo la densità di impulsi elettrici in uscita. Perciò,
in queste circostanze, era davvero difficile trovare un volontario disposto ad aiutare
con l'esperimento. Quando scoprii queste cose... lo proposi a Yuuki-kun e alla sua
famiglia...»

Asuna continuò ad aspettare che il dottore riprendesse, mentre lei guardava Yuuki sul
letto e l'oggetto a forma di cubo bianco che sembrava ingoiare la sua testa.

La sua mente era congelata, ma la coscienza confusa di Asuna stava pensando a qualsiasi
cosa per evitare di doversi confrontare con quella realtà.

Dato il suo sviluppo precedente, il Medicuboid probabilmente non era un’evoluzione della
AmuSphere, ma un'estensione del Nerve Gear. Asuna si era ormai abituata all'AmuSphere,
ma riusciva ad immaginare le sensazioni pure del mondo virtuale generate dal Nerve Gear.
All'AmuSphere erano state aggiunte tre o quatto volte il numero di precauzioni
dall'incidente di SAO, ma il mondo virtuale creato non poteva per nulla essere paragonato
alla prima generazione in termini di qualità.

Il Medicuboid era installato con un maggior numero di componenti che generavano
impulsi rispetto al Nerve Gear, poteva completamente eliminare la sensazione del corpo e
aveva addirittura una CPU con una velocità di gran lunga superiore a quella
dell'AmuSphere— in altre parole, l'incredibile abilità dimostrata da Yuuki in ALfheim era
dovuta alle strabilianti caratteristiche di questa macchina?

Asuna si era fatta quest'idea, ma rifiutò immediatamente di pensarci. L'incredibile abilità
nelle sword skill di Yuuki aveva superato il limite che le caratteristiche di una macchina
potevano visualizzare. Riguardo al talento in battaglia, l'abilità di Yuuki era sufficiente per
competere con Kirito, e forse addirittura batterlo.

Per quel che sapeva Asuna, la ragione per cui Kirito era diventato così forte era perché
aveva passato molto più tempo al fronte a combattere di chiunque altro fosse stato
imprigionato in SAO in quei due anni. Seguendo questo ragionamento, quanto tempo era
rimasta Yuuki in quel mondo creato dal Medicuboid?

«Come puoi vedere qui, il Medicuboid è una macchina delicata.»

Il Dottor Kurahashi, che era rimasto in silenzio per un po', riprese a parlare.

«Il prototipo del Medicuboid richiede un’attenta manutenzione. In altre parole deve
rimanere in un luogo dove l'aria è priva di polvere, batteri e virus. Una volta che il
paziente è disposto ad entrare nella stanza sterile, le possibilità di infezione vengono
drasticamente ridotte. È per questo motivo che consigliai a Yuuki-kun e alla sua
famiglia di prendere parte all'esperimento.»

«...»

150
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

«Tuttavia, mi chiedo ancora se questa sia stata la scelta migliore per Yuuki-kun. Quando
si cura l'AIDS, la qualità di vita è considerata molto importante. Il dottore deve tener
conto di come migliorare e massimizzare lo stile di vita del paziente mentre riceve il
trattamento. Da quel punto di vista, accettando l'esperimento non avrebbe avuto una
qualità di vita molto buona. Non poteva lasciare la stanza sterile e non poteva interagire
con nessuno. La mia proposta infastidì molto Yuuki-kun e i suoi genitori. In ogni caso, fu
probabilmente a causa delle aspettative di questo mondo virtuale sconosciuto che
fecero decidere Yuuki-kun... Accettò di prendere parte all'esperimento ed entrò nella
stanza. Da quel momento, Yuuki-kun è rimasta nel Medicuboid per tutto questo tempo.»

«Tutto questo tempo... intende...?»

«Proprio come ho detto, Yuuki-kun non è quasi mai ritornata nel mondo reale. O meglio,
non poteva. Durante un trattamento ospedaliero useremmo la morfina per diminuire il
dolore del paziente, nel caso di Yuuki-kun abbiamo utilizzato la funzione di rimozione
dei sensi del Medicuboid per sostituire la morfina... ha viaggiato in ogni sorta di mondo
virtuale, ad eccezione di poche ore al giorno in cui venivano raccolti i dati. Ovviamente,
io le parlavo in quel mondo.»

«In altre parole... si immergeva ventiquattro ore al giorno...? Da quanto tempo...?»

«Circa tre anni.»

Nel sentire la risposta secca del dottore, Asuna rimase senza parole.

Prima di quel giorno, Asuna pensava che tra tutti gli utilizzatori dell'AmuSphere nel
mondo, quelli con la più alta esperienza di immersione erano i sopravvissuti di SAO,
inclusa lei. Ma ora aveva scoperto di essere nel torto. Questa ragazza pelle e ossa sdraiata
davanti a lei era il più puro viaggiatore virtuale del mondo. Questa era la ragione per cui
Yuuki era diventata così forte.

—«Tu sei già diventata un abitante di questo mondo?» Aveva chiesto Kirito a Yuuki una
volta. Doveva aver percepito che Yuuki era come lui sotto alcuni aspetti durante le loro brevi
battaglie.

Asuna comprese che dentro di lei iniziava a diffondersi una sorta di rispetto. Era come se
fosse in piedi davanti ad uno spadaccino che l'aveva superata, offrendo la sua amata spada
a questo spadaccino come segno di rispetto. Mano a mano che chiudeva gli occhi sentiva
questo sentimento crescere sempre di più, e poi abbassò la testa.

Dopo un momento di silenzio, Asuna restituì lo sguardo al Dottor Kurahashi.

«Grazie per avermi lasciato vedere Yuuki… Starà bene se continuerà a rimanere qui,
giusto? Può continuare il suo viaggio il quel mondo, vero...?»

Ma il dottore non rispose alla domanda di Asuna. Prese posto sulla sedia di fronte alla
console di comando, si sistemò e poi fissò Asuna con un'espressione rigida.

151
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

«Anche se rimane in una stanza sterile, è impossibile rimuovere i batteri e i virus che
sono già nel suo corpo. Con l'indebolimento del sistema immunitario, continueranno a
moltiplicarsi. Proprio ora, Yuuki-kun è infetta dal Citomegalovirus e dal Mycobacterium
Non Tubercolare e ha perso quasi completamente la vista. L'encefalite causata dall'HIV
sta peggiorando, e penso che probabilmente non potrà più muovere il suo corpo.»

«...»

«È rimasta infetta dall'HIV per 15 anni... l'AIDS sta agendo da circa tre anni e mezzo.
Proprio ora, le condizioni di Yuuki-kun sono in uno stadio terminale. Lei lo sa molto
bene. Penso avrai capito perché non voleva più incontrarti.»

«Come... come può essere...»

Asuna spalancò gli occhi e scosse leggermente la testa. Tuttavia, non poteva ignorare ciò
che aveva appena sentito con le sue stesse orecchie.

Yuuki aveva sempre esitato a stare con Asuna. Il motivo per cui l'aveva fatto era che si
preoccupava veramente per lei. Aveva agito così per evitare che Asuna rimanesse ferita il
giorno che avrebbe dovuto abbandonarla. No, non era solo lei. Era per quello che Siune e
gli altri membri degli Sleeping Knights, compresa la verità, si comportavano in maniera
misteriosa.

Asuna non se n’era mai accorta, non ci aveva pensato neanche per un momento. Aveva
continuato a causare sempre più dolore a Yuuki. Nel ricordare le lacrime versate da Yuuki
prima di scollegarsi al Palazzo del Ferro Nero, Asuna sentì un colpo al cuore.

In quel momento, gli venne in mente una cosa e immediatamente guardò il dottore.

«Dottore… Yuuki ha una sorella maggiore...?»

Nel sentire la domanda, il dottore aggrottò le sopracciglia turbato ed esitò a rispondere,
prima di chinare lentamente la testa.

«Non riguardava Yuuki-kun stessa, quindi non ne avevo parlato... Sì, ha una sorella
gemella più grande. È stato il taglio cesareo a causare questa tragedia all'inizio.»

Il dottore sembrava frugare tra i ricordi quando disse.

«Il nome di sua sorella era Aiko, ed anche lei si trovava in questo ospedale. Le due
gemelle non erano identiche… In passato la più grande sorrideva sempre, proteggendo
silenziosamente l’energica e vivace Yuuki-kun. Oh… in qualche modo gli assomigli
molto di aspetto…»

—Come mai usa il passato?

Pensò Asuna riflettendo tra sé e sé fissando il dottore. E il dottore sembrò sentire il
sussurro dentro il suo cuore e aggiunse.

152
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

«I genitori di Yuuki-kun… morirono 2 anni fa, e sua sorella è morta lo scorso anno.»

Quello che cercava di capire perse ogni significato.

In quel mondo, Asuna aveva visto persone morire in molte circostanze, e lei stessa aveva
sfiorato il confine della morte. Perciò, sentiva di aver compreso il significato della vita e
della morte. Sapeva che non avrebbe potuto cambiare ciò che era successo davanti ai suoi
occhi anche se avesse lottato con tutta se stessa.

Conosceva Yuuki da solo qualche giorno, ma dopo avere conosciuto il suo passato e la sua
situazione attuale, Asuna non riusciva lo stesso ad accettare un fardello tanto pesante, e
poteva solo appoggiare il suo corpo sul vetro spesso di fronte a lei. Il significato del
termine “realtà” e la sua importanza sembravano sciogliersi e sfumare, e addirittura
scomparire definitivamente alla fine. Asuna chinò la testa e appoggiò la fronte su quella
superficie gelida.

—Ho già combattuto con tutta me stessa, quindi cosa c’è di male nell’insistere in questa
piccola felicità?

Asuna aveva sempre avuto questo pensiero in mente, che costituiva il motivo principale
della sua paura di cambiare, non osava discutere con gli altri, e poteva solo trovare ogni
tipo di scusa per la sua codardia e il suo silenzio.

Tuttavia, Yuuki combatteva da quando era nata. Aveva continuato a lottare contro la cruda
realtà che aveva cercato di portarle via tutto. E anche dopo aver scoperto che la sua fine
era vicina, era comunque capace di mostrare un sorriso di sfida.

Asuna chiuse gli occhi e urlò a Yuuki, che stava viaggiano in un qualche mondo lontano,
dal profondo del suo cuore.

—Permettimi di rivederti. Almeno un’altra volta.

Questa volta, dopo essersi incontrate, avrebbero parlato per un lungo periodo. Yuuki una
volta aveva detto che era necessario agire con mezzi prepotenti per far sì che gli altri
potessero comprendere. Se non fosse riuscita ad allontanare il suo lato debole e tutte le
sue zavorre per parlare con Yuuki, non ci sarebbe stato alcun bisogno per entrambe di
parlare.

Asuna alla fine sentì un liquido caldo fuoriuscire dai suoi occhi. Portò la mano destra sul
vetro e esercitò forza con le dita, come se stesse cercando un qualche contatto su quella
superficie scivolosa.

In quel momento, si udì una voce gentile provenire da qualche parte.

『Non piangere, Asuna.』

La ragazza alzò rapidamente la testa, scioccata. Si pulì le lacrime dalle ciglia e aprì gli occhi,
fissando Yuuki, sdraiata sul letto. La piccola figura non era diversa da prima, era sempre

153
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

sdraiata nello stesso punto. La macchina che copriva il volto di Yuuki non era affatto
cambiata. Tuttavia, Asuna notò una lucina blu lampeggiare sul pannello di comando
dall’altra parte del vetro. Le parole sullo schermo erano diverse da prima, e mostravano la
scritta [Il soggetto sta parlando].

154
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

155
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

«Yuuki…?»

Mormorò Asuna, poi parlò con voce tremante, ma chiara.

«Yuuki? Sei lì?»

Asuna sentì immediatamente la risposta. Sembrava provenire dall’altoparlante sul muro.

『 Non proprio. Posso vederti attraverso la telecamera, Asuna.
Incredibile… sei proprio tale e quale che nel gioco. Grazie…
per essere venuta a trovarmi.』

«…Yuuki… io… io…»

Voleva dire qualcosa, ma non sapeva bene cosa. Sentiva nel petto un’ansia che non
riusciva a descrivere.

Ma prima che riuscisse a parlare, la voce dall’altoparlante l’anticipò.

『 Dottore, per favore permetta ad Asuna di usare la stanza
accanto.』

«Eh…»

Asuna era confusa e si guardava intorno, il Dottor Kurahashi sembrava preoccupato
mentre rifletteva su qualcosa di importante. Comunque, mostrò subito un sorriso sicuro
che spazzò ogni dubbio, annuendo anche con la testa.

«Va bene… c’è una postazione che uso per il FullDive per parlare e un AmuSphere. La
porta può essere chiusa dall’interno, ma per favore non superare i 20 minuti. Per i
procedimenti, non c’è bisogno di spiegarteli.»

«Ho… Ho capito.»

Asuna annuì frettolosamente, e poi guardò di nuovo la ragazza sdraiata nel Medicuboid. La
voce di Yuuki risuonò nuovamente.

『L’applicazione di ALO è installata dentro. Una volta che ti sei
loggata, vediamoci nel luogo dove ci siamo incontrate per la
prima volta.』

«Ok… Ho capito. Aspetta un minuto, sarò lì.»

Disse Asuna con voce sicura, si inchinò verso il Dottor Kurahashi dietro di lei, e si girò
nuovamente. Fece qualche passo verso la porta in fondo alla stanza e allungò la sua mano
verso lo scanner. La porta si mosse di lato e Asuna si fiondò dentro in un istante.

156
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

Dietro la porta c’era una stanza grande la metà della precedente. C’erano due poltrone
reclinabili in pelle nera e il poggiatesta aveva su entrambi i lati una forma ad anello che le
era familiare.

Asuna chiuse in fretta la porta, appoggiò la borsa sul pavimento e si sdraiò sulla poltrona
più vicina. Usò il bottone sul bracciolo per sistemare angolo di inclinazione della schiena e
sollevò l’AmuSphere prima di indossarlo. Fece un profondo respirò, premette
l’interruttore, e una luce bianca si accese davanti a lei. La coscienza di Asuna aveva
lasciato il mondo reale.

La spadaccina Sylph, Asuna, si svegliò nella camera da letto della casa nella foresta, e il
suo corpo impaziente, che non era più abituato alle sensazioni del mondo virtuale balzò in
piedi immediatamente.

Sbatté le ali in aria per levitare, e volò subito fuori dalla finestra senza toccare il
pavimento. Proprio in quel momento, il sole sorgeva su ALfheim, e la fitta foresta era
coperta di bianca nebbia. Si avvitò in aria e si alzò di quota velocemente, penetrando
attraverso la nebbia man mano che si alzava sopra gli alberi. Asuna si portò le mani al
petto e continuò a volare verso il centro del piano.

In meno di tre minuti raggiunse lo spazio aereo sopra le strade principali. Poi, Asuna volò
dritta verso il centro della piazza e atterrò di fronte al gate di teletrasporto. Mentre
innumerevoli altri giocatori la fissavano sbalorditi, si girò e si arrestò improvvisamente,
per poi saltare dentro al portale subito dopo.

«Trasferimento! Panareze!»

Nel momento in cui lo gridò, una luce blu chiaro avvolse Asuna come una cascata,
spingendola verso l’alto.

Il trasferimento si concluse immediatamente. Dopo essere uscita dal portale, si trovava
nella piazza centrale del ventiquattresimo piano, Panareze. Asuna calciò con forza il
pavimento di pietra sulla sua destra e balzò nel cielo. Questa volta, volò dritta verso
un’isola a nord della capitale. La ragazza, che volava a piena velocità, continuò a lasciare
ombre sull’acqua che vibrava.

Poco dopo vide il profilo di un grosso albero. Si sentì come se il suo duello alla base di
quell’albero contro “Absolute Sword” Yuuki avesse avuto luogo molto tempo fa. L’isola che
allora era affollata, era completamente silente.

Asuna rallentò mentre raggiungeva l’albero e si preparò ad atterrare. Dal momento che
c’era un fitto strato di nebbia sotto di lei, non poteva vedere il terreno.

Dopo essere atterrata sull’erba che copriva lo spiazzo, iniziò a guardare l’ambiente intorno
a lei. Poiché si sentiva ansiosa, Asuna si muoveva rapidamente tra agli alberi.

157
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

A metà strada, dopo essere arrivata al lato est della foresta… una luce comparve davanti a
lei dall’esterno, tagliando la foschia mattutina in un istante. Asuna trovò finalmente la
persona che stava cercando, nella spaccatura tra le due tende bianche di nebbia.

Yuuki dava le spalle ad Asuna, i suoi capelli viola intenso e il suo vestito violaceo
ondeggiavano al vento. In quel momento, Asuna riusciva soltanto a guardarla trattenendo
il respiro. L’elfa scura si girò improvvisamente fissando Asuna con i suoi occhi color
ametista. Le sue labbra chiare mostrarono un sorriso fragile, come la neve.

«Per qualche ragione, avevo avuto la sensazione che mi avresti cercato nel mondo reale.
Non ti avevo detto nulla, quindi sarebbe stato impossibile per te trovarmi.»

Dopo aver mormorato quelle parole, Yuuki sorrise nuovamente, e disse:

«Ma tu sei venuta lo stesso, Asuna. È raro che le mie premonizioni diventino realtà, ma
ero veramente felice…»

Non si erano viste per pochi giorni, ma era come se la figura di Yuuki fosse quasi
trasparente. Questo fece sentire ad Asuna un peso sul petto, si stava quasi facendo
prendere dal panico chiedendosi se la ragazza di fronte a lei fosse una semplice illusione o
no, mentre avanzava lentamente, passo dopo passo.

Asuna allungò debolmente le dita e toccò Yuuki sulla spalla sinistra come l’erba che
ondeggia al vento. Aveva ancora addosso l’armatura, ma il corpo di Yuuki emanava ancora
una sensazione di tepore che era sufficiente a commuovere qualcuno. Questa sensazione
era così intensa da superare i valori degli impulsi elettrici. Asuna sospirò e chiuse gli occhi.

«…Quando mia sorella mi abbracciava, aveva questo stesso profumo. Era il profumo del
sole…»

Mormorò Yuuki, che riposava sul petto di Asuna.

In quel momento, Asuna disse le sue prime parole, con labbra tremanti:

«Aiko…san? Anche tua sorella giocava ai VRMMO?»

«Sì. L’ospedale permette alle persone di usare l’AmuSphere nelle proprie stanze. Mia
sorella era il primo comandante degli Sleeping Knights. Era molto più forte di me…»

Asuna percepì che la fronte di Yuuki si stava lasciando andare sulla sua spalla, e mosse la
sua mano destra per sistemare i capelli setosi dell’elfa scura. Yuuki si congelò un istante,
ma si rilassò immediatamente, e poi continuò.

«All’inizio, c’erano nove membri negli Sleeping Knights, ma includendo mia sorella, tre
persone erano scompare… quindi con Siune e gli altri decidemmo che avremmo sciolto
la gilda quando sarebbe scomparsa la prossima persona. Prima di quell’episodio,

158
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

volevamo creare dei meravigliosi ricordi insieme… un’avventura che speravamo
potesse rendere mio sorella fiera di noi…»

«…»

«Ci incontrammo per la prima volta in un network sanitario chiamato Serene Garden,
un ospizio virtuale. Anche se le nostre malattie erano tutte diverse, in senso ampio,
eravamo tutti nelle stesse condizioni. Potevamo parlarci l’un l’altro nel mondo virtuale,
giocare insieme e goderci le nostre vite appieno fino alla fine… Questa era l’intenzione
dietro questa operazione.»

Dopo aver sentito le parole del Dottor Kurahashi quando era arrivata all’ospedale, il cuore
di Asuna aveva in qualche modo compreso che il motivo per cui gli Sleeping Knights, Yuuki
inclusa, erano tutti così forti, energici e calmi era perché erano tutti sulla stessa barca.

Anche se aveva già avuto quel pensiero, le parole di Yuuki continuarono a pesare
gravemente nella mente di Asuna. I sorrisi allegri di Siune, Jun, Tecchi, Nori e Talken
lampeggiarono nella sua testa.

«Mi dispiace di non averti detto la verità, Asuna. La ragione per cui gli Sleeping Knights
stavano per sciogliersi in primavera non era che tutti stavano iniziando ad essere
impegnati e non potevano giocare, ma che già a due di noi era stato comunicato che non
avremmo passato Marzo. Quindi… quindi, è questo il motivo per cui speravamo di
creare i nostri ultimi ricordi in questo mondo meraviglioso. Volevamo lasciare su quel
Memoriale la prova che anche noi eravamo esistiti.»

La voce di Yuuki iniziò a tremare di nuovo. Tuttavia, Asuna poteva solo stringerla a sé con
più forza.

«Ad ogni modo, i nostri attacchi non ebbero effetto… così ne parlammo e decidemmo di
chiedere aiuto. In realtà, alcuni di noi si opposero. Se qualcuno avesse scoperto i nostri
problemi, saremmo stati in difficoltà, e avremmo solo creato dei brutti ricordi. Alla fine,
questo è successo davvero… mi dispiace… sono davvero dispiaciuta, Asuna. Per favore,
dimenticati di noi, se puoi…»

«Come potrei?»

Dopo aver fatto questa semplice domanda, Asuna avvicinò la sua faccia a quella di Yuuki.

«Non mi sono mai sentita turbata, e non ho mai pensato che quelli fossero brutti ricordi.
Incontrarvi, potervi aiutare a sconfiggere il boss, ero davvero felice. Anche adesso…
Voglio ancora unirmi agli Sleeping Knights!»

«…Aah…»

Il respiro e il corpo di Yuuki esitarono per un momento.

159
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

«Io… io sono davvero felice di essere venuta in questo mondo e di averti incontrata
Asuna…Le tue parole sono state sufficienti. Sono felice ora… non ho rimpianti…»

«…»

Asuna portò entrambe le mani sulle spalle di Yuuki e lentamente allontanò il suo corpo
mentre osservava i luminosi occhi ametista cosparsi di lacrime.

«Devi fare ancora un sacco di cose, giusto…? Ci sono un sacco di posti in ALfheim che
non hai visitato… includendo gli altri mondi virtuali, questo mondo si potrebbe definire
illimitato. Per questo non puoi dire di essere soddisfatta…»

Asuna esortò Yuuki disperatamente, ma lei mostrò a mala pena un’espressione depressa
mentre guardava da tutt’altra parte, e poi sorrise, dicendo:

«Durante questi tre anni… siamo passati attraverso ogni sorta di avventura in ogni tipo
di mondo. Spero che la pagina finale della mia vita sia un ricordo creato insieme a te,
Asuna.»

«Ma… ci sono tantissime cose che non hai fatto e posti dove volevi andare, giusto?»

Sentì che se avesse condiviso ciò che diceva Yuuki, la ragazza di fronte a lei sarebbe
scomparsa nella nebbia mattutina. Nonostante ciò, Asuna cercò freneticamente di
convincerla. In quel momento, Yuuki spostò il suo sguardo che era rivolto lontano dietro
Asuna, e mostrò un sorriso intrigante che aveva già mostrato in passato duranti gli assalti
contro i boss.

«Già… se possibile, mi piacerebbe vedere una scuola.»

«Una… scuola?»

«Sono andata a scuola di tanto in tanto nel mondo virtuale, ma l’ho sempre sentita
troppo pacifica, bella e matura. Voglio tornare in quel tipo di scuola dove ero solita
studiare prima.»

Sbatté le palpebre e sorrise, prima di arretrare imbarazzata.

«Scusa, so che non è possibile. Ti sono grata per il pensiero, Asuna, ma sono davvero
contenta così…»

«Forse puoi andarci davvero.»

«…Eh?!»

Yuuki continuò a sbattere le palpebre e fissare Asuna seriamente. Asuna continuò ad
invocare qualche ricordo nella sua mente e disse nuovamente:

«Forse puoi davvero andare a scuola…»

160
ソードアート・オンライン – Sword Art Online
Volume 7: マザーズ・ロザリオ – Mother’s Rosario

161

Related Interests