You are on page 1of 1

Yoka Daishi, Il canto dell’immediato satori.

Questo è lo Shodoka, uno dei primissimi poemi mistici appartenenti alla sacra tradizione
dello Zen. Si tramanda che il suo autore, il maestro Yoka Daishi, ottenne il satori, cioè la
suprema illuminazione spirituale, in una sola notte, dopo essere stato iniziato dal suo
nobile maestro Eno. L’immediatezza dell’Illuminazione è infatti il motivo conduttore sia
del testo che del prezioso commento del maestro contemporaneo Taisen Deshimaru.
Improntato alla massima essenzialità, l’insegnamento conduce direttamente al cuore della
meta finale; ne illumina la via attraverso un sentiero nel quale la pura poesia si coniuga
meravigliosamente con la pura saggezza. L’acutissimo sguardo spirituale dei due maestri
contempla, e nel contempo proietta, con la massima chiarezza, la visione autentica della
Realtà. L’essenza dello Zen è infatti la perfetta adeguatezza al reale, l’assoluta capacità di
compiere sempre e naturalmente l’azione migliore in ogni circostanza.
Con le sue immagini che si ripetono, con i suoi concetti-chiave che ricompaiono di
continuo, il testo ha un ritmo incalzante, quasi marziale nella sua asciuttezza e semplicità,
teso a far focalizzare nella lettura lo stato interiore necessario al risveglio metafisico. A
propiziare la folgorazione.
Il dojo, l’ambiente rituale consacrato alla meditazione, è “il luogo dove si uccidono gli
uomini”, e dove questi rinascono quali dèi, come Buddha viventi.
Lo zazen, la meditazione, o meglio lo stato di concentrazione profonda, è infatti una “bara”
in cui la coscienza ottenebrata muore, affinché nasca quella illuminata per sempre. È la
somma morte iniziatica.
Il ku, il completo vuoto interiore necessario all’ottenimento del satori si realizza attraverso
“la pace, la profondità, il silenzio, la stabilità, il nulla” dell’anima, dove si procede e si
giunge da soli, dove tutte le dualità svaniscono, dove tutti i conflitti si estinguono.
Il satori nasce “inconsciamente, automaticamente” grazie al solo zazen, quando questo è
perfetto. Quando è ciò che deve essere. Quando è un fatto naturale come la vita stessa. La
postura dello zazen ha per modello la stazione divina del Buddha, che riflette il suo stato di
perfetta consapevolezza, eterna quiete ed infinita beatitudine. Per questo la postura zazen
consente l’identificazione col supremo Illuminato.
In questo cammino non vi sono tappe, nessuna gradualità: il satori è “qui ed ora”; si è Dio
o Buddha “qui ed ora”. È infatti assolutamente indispensabile convincersi, o meglio
comprendere, di essere già il Buddha o Dio, per poter effettivamente “diventare” l’uno e
l’altro. Diversamente è impossibile! In effetti, non si diventa alcunché, perché l’Assoluto è
null’altro che la realtà immutabile e permanente, lo stato naturale di ogni essere, di cui ci si
deve solo rendere consapevoli destandosi dall’illusione dell’“ego”. Dal punto di vista
dell’Assoluto, trascendente ogni dualismo ed opposizione possibile, ogni esistere o
divenire, non vi sono né illusione né satori; per questo l’Assoluto stesso è sempre “qui ed
ora”.
Perché aggiungere altre parole inutili?