You are on page 1of 41

Numeri Complessi

Sono numeri del tipo


z = a + ib, dove a e b ∈ R, e

i = −1 è detta unità immaginaria
i 6∈ R e i2 = −1

L’insieme dei numeri complessi è indicato con C.


a è detta parte reale del numero complesso
b è detta parte immaginaria del numero complesso

Se la parte immaginaria b di un numero complesso z è nulla, allora


z ∈ R.

O meglio: ogni numero reale è un numero complesso con parte


immaginaria nulla.
∀x ∈ R ⇒ x ∈ C ovvero R⊂C

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.1/41
g replacements

L’insieme C è anche chiamato piano complesso (o piano di Gauss)


perché esiste una stretta analogia tra C ed il piano cartesiano R2 :

y Im
R2 C

yP P = (xP , yP ) b z = a + ib

xP 0 + i0 a
x Re

Lo zero di C è 0 + i0.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.2/41
PSfrag replacements Im
−3 + 3i
2i
i

3 Re
−i

2 − 2.5i
Tutti i numeri complessi con parte immaginaria nulla (b = Imz = 0)
stanno sull’asse reale Re. a = a + 0i.
Tutti i numeri complessi con parte reale nulla (a = Rez = 0) stanno
sull’asse immaginario Im. ib = 0 + ib = bi. Tali numeri sono anche
detti immaginari puri.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.3/41
Perché i numeri complessi?
Per poter calcolare la radice quadrata di un numero negativo
√ √
−1, −18, ....
Ma i numeri complessi non mi servono a misurare distanze, tempi,
pesi, forze, ....

Per poter descrivere e studiare piú facilmente la meccanica


quantistica, i circuiti elettrici, i campi elettromagnetici, la trasmissione
di segnali, la turbolenza di un fluido, ....
Con i numeri complessi (e le operazioni definite su di essi) si semplifica
molto la matematica che sta alla base dello studio di queste discipline.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.4/41
Operazioni sui numeri complessi
Somma: (a + ib) + (c + id) = (a + c) + i(b + d)
(sommo tra loro le parti reali e le parti immaginarie)
Es. (3 + i2) + (−2 + i) = (3 − 2) + i(2 + 1) = 1 + i3 = 1 + 3i

Sottrazione (a + ib) − (c + id) = (a − c) + i(b − d)


(sottraggo tra loro le parti reali e le parti immaginarie)
Es. (3 + i2) − (−2 + i) = (3 + 2) + i(2 − 1) = 5 + i

Prodotto (a + ib) · (c + id) = ac + ibc + iad + i2 bd

= ac + ibc + iad + (−1)bd

= (ac − bd) + i(bc + ad)


Es. (3 + i2) · (−2 + i) = (−6 − 2) + i(−4 + 3) = −8 − i

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.5/41
Inverso di un numero complesso
La divisione tra due numeri è il prodotto del primo per l’inverso del
secondo.
a 1
=a·
b b
Per fare la divisione tra due numeri complessi devo saper costruire
1
l’inverso , ∀z ∈ C, z 6= 0 + i0.
z
1 1 1 a − ib a − ib a − ib
= = · = 2 = 2
z a + ib a + ib a − ib a − i2 b2 a + b2
1 3 + i2
Es. =
3 − i2 13

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.6/41
Complesso coniugato e modulo
PSfrag replacements
Def. ∀z = a + ib ∈ C, il numero complesso z = a − ib è detto
complesso coniugato di z.
Im

z
b |z|
a
Re
−b |z|
z

Def. ∀z = a + ib ∈ C, il numero reale |z| := a2 + b2 è detto modulo di
z.
Rappresenta la distanza del numero complesso dallo zero complesso.
z ed il suo coniugato z hanno lo stesso modulo, ovvero:
|z| = |z|.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.7/41
Esempi:
√ √
1) z = 3 − i5, allora z = 3 + i5, e |z| = |z| = 9 + 25 = 34
Im
z = 3 + 5i

Re

PSfrag replacements

z = 3 − i5

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.8/41
z immaginario puro
√ √ √
2) z = i 2, allora z = −i 2, e |z| = |z| = 2
Im


z=i 2

PSfrag replacements √ Re
z = −i 2

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.9/41
z reale
p
3) z = −2, allora z = −2, e |z| = |z| = (−2)2 = 2
Im

z = z = −2

PSfrag replacements Re

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.10/41
Operazioni e complesso coniugato
∀z1 , z2 , z ∈ C:

z1 + z 2 = z 1 + z 2

z1 − z 2 = z 1 − z 2

z1 · z 2 = z 1 · z 2

z −1 = (z)−1

z + z = (a + ib) + (a − ib) = 2a = 2Rez

z − z = (a + ib) − (a − ib) = 2ib = 2iImz

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.11/41
z · z = (a + ib) · (a − ib) = a2 + b2 = |z|2

z=z

z=z⇔z∈R
Dimostrazione: due numeri complessi z1 = a + ib e z2 = c + id sono
uguali se e solo se le parti reali sono uguali fra loro (a = c) e le parti
immaginarie sono uguali fra loro (b = d).

Se definisco z = a + ib,
z = z se e solo se a = a (sempre vero) e b = −b (vero se e solo se
b = Imz = 0), ovvero z ∈ R.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.12/41
Forma trigonometrica di z ∈ C
∀z ∈ C è univocamente individuato mediante 2 parametri: la sua parte
realePSfrag
Rez = replacements
a e la sua parte immaginaria Imz = b.
Im
b z
ρ
a Re
ϑ
z può essere individuato univocamente anche da altri due parametri:
I ρ = |z| modulo di z
I ϑ = arg(z) argomento di z
ρ e ϑ sono dette anche coordinate polari del punto z nel piano
complesso.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.13/41
Se conosco ρ e θ, allora a = ρ cos ϑ , b = ρ sin ϑ .

Im
PSfrag replacements

b z
ϑ + 2kπ, k ∈ Z
a Re


Se conosco a e b, allora ρ = a2 + b2 e ϑ = arctan(b/a) ,
(per la regola della trigonometria che lega gli elementi di un triangolo
rettangolo)
ma esistono infiniti angoli che individuano lo stesso numero complesso
z: ϑ, ϑ + π, ϑ + 2π, ϑ − π, ..., in genere ϑ + 2kπ , con k ∈ Z.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.14/41
Se si decide di scegliere ϑ ∈ (−π, π], si pone:



 arctan(b/a) se a > 0
 arctan(b/a) + π se a < 0, b≥0



ϑ= arctan(b/a) − π se a < 0, b<0




 π/2 se a = 0, b>0

−π/2 se a = 0, b<0

Im
PSfrag replacements

b z
ϑ
a Re

arg(0) = R, infatti z = 0 = 0(cos ϑ + i sin ϑ), ∀ϑ ∈ R.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.15/41
Si ha: z = a + ib = ρ cos ϑ + iρ sin ϑ = ρ(cos ϑ + i sin ϑ)
cartesiane → polari
√ √
3 1 3 1
1) z = +i . Rez = a = , Imz = b = .
2 2 2 2
Im
PSfrag replacements

b z
ϑ = π/6
a Re

Allora:
π
p
ϑ = 6 e ρ = 3/4 + 1/4 = 1
  √ 
1/2
Con la regola: ϑ = arctan √3/2 = arctan 33 = π
6

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.16/41
polari → cartesiane
π
2) ρ = 2 e ϑ = −
2   π  π 
z = ρ(cos ϑ + i sin ϑ) = 2 cos − + i sin − = 2(0 − i) = −2i
2 2
Im
PSfrag replacements

a=0
Re
ρ=2 ϑ = −π/2

b=2
z

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.17/41
Esponenziale complesso
∀z ∈ C si vuole definire l’esponenziale di z, ez ∈ C, in modo da
rispettare le proprietà classiche delle potenze.
e è il numero di Eulero (a volte noto come numero di Nepero)
e ' 2.718....
∀z = a + ib ∈ C si definisce
ez := eRez (cos(Imz) + i sin(Imz)) = ea (cos b + i sin b)
Esempi.
I e(3−i) = e3 (cos(−1) + i sin(−1)) = e3 (cos(1) − i sin(1))
I e−2 = e−2 (cos(0) + i sin(0))
I e2iπ = e0 (cos(2π) + i sin(2π)) = 1(1 + i0) = 1
I eiϑ = e0 (cos(ϑ) + i sin(ϑ)) = cos(ϑ) + i sin(ϑ)

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.18/41
Formula di Eulero (1707 - 1783)
eiϑ = cos ϑ + i sin ϑ ∀ϑ ∈ R
Confrontando la forma trigonometrica di un numero complesso
z = ρ(cos ϑ + i sin ϑ) e la formula di Eulero eiϑ = cos ϑ + i sin ϑ si ha

z = ρeiϑ
detta forma esponenziale del numero complesso z.

Oss. Per ϑ = π la formula di Eulero diventa:


eiπ = cos π + i sin π = −1 ⇔ eiπ + 1 = 0

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.19/41
Proprietà dell’esponenziale in C
Teorema.

1. ez1 · ez2 = ez1 +z2 ∀z1 , z2 ∈ C


2. ez · e−z = 1
p
3. |e | = cos2 ϑ + sin2 ϑ = 1 ∀ϑ ∈ R

4. |ez | = eRez = ρ
5. (ez )n = enz ∀n ∈ Z
6. ez+2kπi = ez ∀k ∈ Z
7. eiϑ = e−iϑ
8. ez 6= 0 ∀z ∈ C

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.20/41
p
Dimostrazione di 3. |eiϑ | = cos2 ϑ + sin2 ϑ = 1, ∀ϑ ∈ R
Se considero z = iϑ, si ha Rez = 0 e Imz = ϑ e:
eiϑ = ez = eRez (cos(Imz) + i sin(Imz)) = e0 (cos(ϑ) + i sin(ϑ)) =
cos(ϑ) + i sin(ϑ)
Quindi eiϑ = cos(ϑ) + i sin(ϑ) = v ∈ C,
Rev = cos(ϑ) e Imv = sin(ϑ).
p
Quindi |e | = |v| = (Rev)2 + (Imv)2 = cos2 ϑ + sin2 ϑ = 1.

p

Dimostrazione di 4. |ez | = eRez = ρ


Per definizione di esponenziale di un numero complesso si ha:
ez = eRez (cos(Imz) + i sin(Imz)) = ρ(cos(Imz) + i sin(Imz))
Poichè |cos(Imz) + i sin(Imz))| = |cos(ϑ) + i sin(ϑ)| = 1, il modulo di ez
è:
|ez | = |ρ(cos(Imz) + i sin(Imz))| = ρ.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.21/41
Dimostrazione di 6. ez+2kπi = ez ∀k ∈ Z

Per la proprietà 1.: ez+2kπi = ez · e2kπi


Quanto vale e2kπi ?

e2kπi = e0 (cos(2π) + i sin(2π)) = 1(1 + 0) = 1


Quindi ez+2kπi = ez · 1 = ez .

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.22/41
Un numero complesso z può essere espresso in una delle tre seguenti
forme, tutte equivalenti fra di loro:

z = a + ib forma cartesiana

= ρ(cos ϑ + i sin ϑ) forma trigonometrica

= ρeiϑ forma esponenziale

A seconda del contesto in cui si lavora, si usa la forma piú adatta:

per somma e sottrazione: forma cartesiana

per prodotto, divisione e potenza: forma esponenziale.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.23/41
Operazioni con la forma esponenziale
La forma esponenziale dei numeri complessi è molto comoda per
svolgere prodotti, divisioni e potenze di numeri complessi.
Siano z1 = ρ1 eiϑ1 e z2 = ρ2 eiϑ2 , si ha:

I z1 · z2 = ρ1 ρ2 ei(ϑ1 +ϑ2 )
z1 ρ1
I = ei(ϑ1 −ϑ2 )
z2 ρ2
I (z1 )n = ρn1 einϑ1

Es. Calcolare (1 + i)6 .

1. si trasforma z = 1 + i in forma trigonometrica e poi esponenziale


2. si calcola z 6 , utilizzando la forma esponenziale
3. si trasforma il risultato nella forma cartesiana.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.24/41
Passo 1.: (z = a + ib = ρ(cos ϑ + i sin ϑ) = ρeiϑ )
Im
z =1+i

√  √replacements
PSfrag √  ρ= 2
z = (1 + i) = 2 22 + i 22 =
√  √ iπ ϑ = π/4
π π
= 2 cos 4 + i sin 4 = 2 e 4
Re

Passo 2.:
6 6
√ i π 6 √ 6 i3π i 32 π
z = (1 + i) = 2e 4 = ( 2) e 2 =8e
Passo 3.:
i 32 π
8e = −8i.

Quindi (1 + i)6 = −8i

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.25/41
Radice n-sima di un numero complesso
Dato w ∈ C e n ∈ N, vogliamo calcolare tutti i numeri z ∈ C per cui vale
z n = w.

Def. Diciamo che z ∈ C è radice n-sima di w ∈ C se vale z n = w.


L’obiettivo è calcolare le radici n−sime di un numero complesso w
assegnato o, equivalentemente, risolvere l’equazione z n − w = 0.

Es. Calcolare le radici terze di w = −8, ovvero risolvere l’equazione


z 3 + 8 = 0 in C.
N.B. L’equazione x3 + 8 = 0 in R ha una sola soluzione reale: x = −2.
Vedremo che l’equazione z 3 + 8 = 0 in C ha 3 soluzioni complesse.
1. Si trasforma w = −8 in forma esponenziale
2. Si calcolano le radici complesse z0 , z1 , ..., zn
3. Si trasformano i numeri trovati nella forma trigonometrica.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.26/41
Passo 1.: (w = a + ib = ρ(cos ϑ + i sin ϑ) = ρeiϑ )
Im

PSfrag replacements ϑ=π


w = −8 = −8 + 0i = 8(−1 + 0i)
w = −8
= 8 (cos π + i sin π) = 8eiπ
ρ=8
Re

Passo 2.:
w = 8eiπ = 23 e3(iπ/3) = (2eiπ/3 )3 ,
quindi ho trovato una radice z0 = 2eiπ/3 .
Ora ricordo la proprietà ez+2kπi = ez ∀k ∈ Z : eiπ = eiπ+2kπi .
Se prendo k = 1, ho w = 8eiπ = 8eiπ+2iπ = 8ei3π = 23 e3(iπ) = (2eiπ )3 ,
quindi anche z1 = 2eiπ è una radice terza di w = −8.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.27/41
Se prendo k = 2, ho
w = 8eiπ = 8eiπ+4iπ = 8ei5π = 23 e3(i5π/3) = (2ei5π/3 )3 ,
quindi anche z2 = 2ei5π/3 è una radice terza di w = −8.
Per k = 3, ottengo lo stesso risultato ottenuto con k = 0,
per k = −1, ho lo stesso risultato ottenuto con k = 2, ecc.
Le uniche radici distinte sono 3:
z0 = 2eiπ/3 , z1 = 2eiπ , z2 = 2ei5π/3 ,
placements Im
z0
5π/3
Passo 3.: √
π/3 iπ/3
z0 = 2e = 1 + 3i,
z1
z1 = 2eiπ = −2, √
r=2
Re z2 = 2ei5π/3 = 1 − 3i

z2

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.28/41
Formula generale
Teorema. Ogni numero complesso non nullo w ha esattamente n radici
complesse n-sime distinte, ovvero l’equazione z n = w ha n soluzioni
distinte complesse.

Se w = ρeiϑ , le n radici n-sime di w hanno la forma:


zk = r eiϕk ,

√ ϑ + 2kπ
dove r = n ρ e ϕk = , con k = 0, 1, ..., n − 1.
n
Osservazione. Le radici n-sime di w sono i vertici di un poligono
regolare di n lati inscritto nella circonferenza di centro 0 e raggio r.
Ogni radice è ottenuta dalla precedente incrementando l’argomento ϕ k
di un angolo 2π/n.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.29/41
Esercizio. Calcolare le radici complesse seste dell’unità.
Si ha w = 1, n = 6. Devo calcolare n = 6 numeri complessi
z0 , z1 , ...., z5 della forma

iϕk √ ϑ + 2kπ
zk = r e , con r = 6 ρ e ϕk = , con k = 0, 1, ..., 5.
6
Passo 1. Individuo ρ e ϑ:
w = 1 = ρei·0 , quindi ρ=1eϑ=0

Passo 2. Calcolo: r = 6 ρ = 1
Passo3. Calcolo gli angoli ϕk , con k = 0, ..., 5
0 + 0 · 2π 0 + 1 · 2π π
ϕ0 = = 0, ϕ1 = = ,
6 6 3
0 + 2 · 2π 2π 0 + 3 · 2π
ϕ2 = = , ϕ3 = = π,
6 3 6
0 + 4 · 2π 4π 0 + 5 · 2π 5π
ϕ4 = = , ϕ5 = = .
6 3 6 3

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.30/41
Le radici seste dell’unità sono: √
z0 = eiϕ0 = ei0 = 1, √
z1 = eiϕ1
=e = + i 23
iπ/3 1
2
z2 = e iϕ2
=e i2π/3
= − 2 + i √23 ,
1
z3 = eiϕ3 = eiπ = −1 √
z4 = eiϕ4 = ei4π/3 = − 21 − i 23 , z5 = e iϕ5
=e i5π/3
= 2 − i 23
1

PSfrag replacements Im

w2 w1
π
3

w3 w0
Re

w4 w5

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.31/41
Riferimento bibliografico: Canuto Tabacco, cap.8, pag. 278-283

Esercizi:
1) n.12, 13, 14, 15, 16, 18, 19. del cap. 8. Canuto-Tabacco. 2) tutti gli
esercizi che ci sono nei temi d’esame assegnati in precedenza e che
richiedono di determinare il luogo geometrico (o l’insieme) degli z ∈ C
che soddisfano una certa condizione.
Esempio tratto dall’appello del 13/09/04:
Determinare il luogo geometrico degli z ∈ C tali che

[|z − 2i| − 3] (z − 2i) = 0

3) tutti gli esercizi che ci sono nei temi d’esame assegnati in


precedenza e che richiedono il calcolo di radici di un numero
complesso.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.32/41
Polinomi in campo complesso
Consideriamo una funzione p : C → C.
Def. Si dice che p è polinomio se si può scrivere
p(z) = an z n + an−1 z n−1 + · · · + a1 z + a0 ,
dove a0 , a1 , . . . , an sono numeri complessi assegnati detti coefficienti
del polinomio. Se an 6= 0, allora si dice che il polinomio è di grado n.
Es. p(z) = (3 + i)z 3 − iz 2 + 2.
Questo polinomio ha grado n = 3 e i coefficienti sono:
a3 = 3 + i, a2 = −i, a1 = 0, a0 = 2
Def. Si chiama radice di p ogni numero complesso w tale che
p(w) = 0.
Es. p(z) = z 2 − 7z + (1 − 7i), w = −i è una radice di p(z). Infatti,
andando a sostituire z = −i nel polinomio e facendo i conti si ha:
p(−i) = (−i)2 − 7(−i) + (1 − 7i) = −1 + 7i + 1 − 7i = 0

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.33/41
Proposizione. (Principio di identità dei polinomi)
Due polinomi p(z) e q(z) sono uguali se e solo se sono uguali i
coefficienti delle potenze omologhe dei due.
Es. p(z) = (3 + i)z 3 − iz 2 + 2 e q(z) = (3 + i)z 3 − z 2 + 2 non sono
uguali.
Infatti a2 = −i per p, mentre a2 = −1 per q.

Teorema. Sia p un polinomio di grado n e sia w una sua radice. Allora


esiste un unico polinomio q di grado n − 1 tale che
p(z) = (z − w)q(z), ∀z ∈ C.
Es. So che w = i è radice di p(z) = z 2 − 7z + (1 + 7i), allora riesco a
scrivere p(z) = q(z)(z − i), con q di grado n = 1. In particolare ho
q(z) = z − (7 − i).

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.34/41
Teorema (fondamentale dell’algebra). Ogni polinomio di grado n ha
esattamente n radici complesse wj (j = 1, ..., n) e si può decomporre
nel prodotto di n binomi del tipo (z − wj ).
Si ha p(z) = an (z − w1 )(z − w2 ) . . . (z − wn ).

Oss. Le radici del polinomio possono essere non tutte distinte.


Raggruppiamo le radici in modo da identificare fra loro quelle uguali,
chiamiamo molteplicità di una radice il numero di volte per cui quella
radice si ripete (la indichiamo con µj ),
siano d le radici distinte (d ≤ n),
allora si ha µ1 + · · · + µd = n.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.35/41
Es.
I z 2 + 1 = (z − i)(z + i). w1 = i, w2 = −i.
Ho 2 radici distinte semplici (ovvero con molteplicità 1);
I z 5 + z 3 = z 3 (z 2 + 1) = z · z · z · (z − i) · (z + i).
w1 = w2 = w3 = 0, w4 = i, w5 = −i.
Ho tre radici distinte, la prima di molteplicità 3, le altre due
semplici. La somma delle molteplicità è 3 + 1 + 1 = 5 = n (=grado
del polinomio).

Proposizione. Si consideri un polinomio p(z) con coefficienti ai ∈ R.


Se w è una radice (non reale), anche w è una radice, con la stessa
molteplicità.
Inoltre, se il grado del polinomio è dispari, vi è almeno una radice reale.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.36/41
OSSERVAZIONI

1. z 3 = |z|4 (ovvero z 3 − |z|4 = 0) NON è una equazione di tipo


polinomiale (in un polinomio compaiono solo potenze di z, qui
invece c’è anche un modulo).

2. In una equazione di tipo non polinomiale si contano le radici


distinte (ovvero senza la molteplicità). Quindi l’equazione
z 3 = |z|4 ha 4 radici (distinte).

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.37/41
3. Cosa rappresenta A = {z ∈ C : |z − (1 − 2i)| = 2}?

|z| è la distanza di z da 0.
|z − (1 − 2i)| è la distanza di z da (1 − 2i).
Im
placements 1
Re
−i z

−2i |z − (1 − 2i)|
1 − 2i

A è l’insieme dei punti z la cui distanza da (1 − 2i) è uguale a 2, ovvero


è la circonferenza dei punti z ∈ C di centro zC = (1 − 2i) e raggio r = 2.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.38/41
Osservazioni su sin e cos
Considero la formula di Eulero: eiϑ = cos ϑ + i sin ϑ, con ϑ ∈ R.
Riscrivo la formula con −ϑ al posto di ϑ:
e−iϑ = cos(−ϑ) + i sin(−ϑ) = cos ϑ − i sin ϑ
y

PSfrag replacements P

sin ϑ ϑ

cos ϑ x
−ϑ

cos(−ϑ) = cos ϑ, sin(−ϑ) = − sin ϑ.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.39/41
Sommo le due formule:
eiϑ + e−iϑ
eiϑ + e−iϑ = 2 cos ϑ, ovvero cos ϑ =
2
Sottraggo le due formule:
iϑ eiϑ − e−iϑ
e −e −iϑ
= 2i sin ϑ, ovvero sin ϑ =
2i

Sin e Cos in campo complesso


Si estendono le formule date prima per ϑ ∈ R ad un qualsiasi z ∈ C.
Diventano le definizioni di sin e cos su una variabile complessa.

eiz + e−iz eiz − e−iz


cos z := sin z :=
2 2i

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.40/41
Riferimento bibliografico
Per le funzioni composte: Canuto-Tabacco, Sez. 2.5, pag. 46-48.
Per il piano cartesiano: Canuto-Tabacco, sez. 1.5, pag. 22-24.
Per i numeri complessi: Canuto-Tabacco, sez. 8.3, pag 278-...

Esercizi:
1) (funzioni) n. 1 e n. 10 del cap. 2 del libro Canuto-Tabacco.
2) (n. complessi) n. 12 e n. 14 del cap. 8 del libro Canuto-Tabacco.
Esercizio 3.
Sapendo che una delle radici del polinomio
p(z) = z 4 − 5z 3 + 10z 2 − 10z + 4, (z ∈ C) è w1 = 1 + i, calcolare le altre
radici di p(z). Esercizio 4.
Risolvere l’equazione z 2 = |z|4 , con z ∈ C.

Numeri complessi Cap8.pdf


c Paola Gervasio - Analisi Matematica A 2006/2007 - – p.41/41