You are on page 1of 16

Sperona e incendia l’auto con la sua ex a bordo Sanremo 2019 Si alza il

Sperona e incendia l’auto con la sua ex a bordo Sanremo 2019 Si alza il
Sperona e incendia l’auto
con la sua ex a bordo
Sanremo 2019
Si alza il sipario
Sciarelli e Crozza sempre forti

Si alza il sipario Sciarelli e Crozza sempre forti Al Bistrot 93 di Foligno Narni, la

Si alza il sipario Sciarelli e Crozza sempre forti Al Bistrot 93 di Foligno Narni, la

Al Bistrot 93 di Foligno

Narni, la Corsa all’Anello avrà il suo campo di gara

Narni, la Corsa all’Anello avrà il suo campo di gara Dopo la gravidanza, il mobbing: mamme

Dopo la gravidanza, il mobbing: mamme le più colpite

Birra Flea al Motomondiale

il mobbing: mamme le più colpite Birra Flea al Motomondiale Rifiuti, 40 multe in un mese

Rifiuti, 40 multe in un mese

Birra Flea al Motomondiale Rifiuti, 40 multe in un mese Processo ‘Ndrangheta I testimoni vacillano Ast,

Processo ‘Ndrangheta I testimoni vacillano

Ast, per tre giorni stop alla produzione

Arrivano in centro otto varchi elettronici

Niente Imu sui terreni di nuovo agricoli

per tre giorni stop alla produzione Arrivano in centro otto varchi elettronici Niente Imu sui terreni

per tre giorni stop alla produzione Arrivano in centro otto varchi elettronici Niente Imu sui terreni
PERUGIA PERUGIA MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019 Anno 161 - Numero 35 & UMBRIA & UMBRIA
PERUGIA PERUGIA MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019 Anno 161 - Numero 35 & UMBRIA & UMBRIA

PERUGIA

PERUGIA

MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019 Anno 161 - Numero 35

& UMBRIA

& UMBRIA

www.lanazione.it/umbria e-mail: cronaca.perugia@lanazione.net

e-mail: cronaca.perugia@lanazione.net QUEL FILO COSÌ FORTE C’erano tutti al pranzo di
e-mail: cronaca.perugia@lanazione.net QUEL FILO COSÌ FORTE C’erano tutti al pranzo di

QUEL FILO COSÌ FORTE

C’erano tutti al pranzo di solidarietà di Costano: la banda del paese, il parroco, il sindaco e la sua giunta. Già perché il Gruppo giovanile del paese in occasione del tradizionale pranzo di beneficenza ha donato mille euro a “Un Filo per la Vita” di Spello, l’associazione che si occupa di nutrizione artificiale domiciliare. A consegnare l’assegno simbolico il presidente del Gruppo, Simone Bordichini, che per l’occasione ha voluto ricordare tutte le attività svolte dal gruppo nel corso dell’anno. Durante il pranzo si è tenuto il tesseramento annuale dell’associazione che si adopera, oltre al coordinamento della Sagra Della Porchetta, anche a moltissime attività pro-paese.

Della Porchetta, anche a moltissime attività pro-paese. TRAGEDIA PROCESSO A TERNI, OK ALLA PERIZIA PSICHIATRICA PER

TRAGEDIA PROCESSO A TERNI, OK ALLA PERIZIA PSICHIATRICA PER LA GIOVANE

Mamma lasciò morire il figlio neonato Il padre le chiede unmilione di euro

CINAGLIA · A pagina 21

le chiede unmilione di euro CINAGLIA · A pagina 21 Scoperte 70 tonnellate di eternit Marsciano,

Scoperte 70 tonnellate di eternit

Marsciano, maxi-discarica abusiva: mille metri quadrati

SERVIZIO · A pagina 5

abusiva: mille metri quadrati SERVIZIO · A pagina 5 LA NOSTRA INIZIATIVA Quante adesioni per “La

LA NOSTRA INIZIATIVA

metri quadrati SERVIZIO · A pagina 5 LA NOSTRA INIZIATIVA Quante adesioni per “La tazzina d’oro”

Quante adesioni per “La tazzina d’oro” Gara apertissima

· A pagina 8

L’IRRESISTIBILE VIZIO

Torna dal tribunale dopo l’interrogatorio E scippa una donna

·A pagina 5

FOLIGNO

Il Comune promette «Tasse e tariffe, niente aumenti»

· A pagina 19

promette «Tasse e tariffe, niente aumenti» · A pagina 19 È di David Francescangeli il miglior

È di David Francescangeli il miglior clic del 2018

SCATTATA

IN UMBRIA

Un uccellino nella tormenta Per il National Geographic la foto più bella è di un ternano

· A pagina 21

IN UMBRIA Un uccellino nella tormenta Per il National Geographic la foto più bella è di

Lavori alla stazione Sant’Anna “Vogliamo i tempi di riapertura” Da oltre 50 anni offriamo la
Lavori alla stazione Sant’Anna “Vogliamo i tempi di riapertura” Da oltre 50 anni offriamo la

Lavori alla stazione Sant’Anna “Vogliamo i tempi di riapertura” Da oltre 50 anni offriamo la

Lavori alla stazione Sant’Anna “Vogliamo i tempi di riapertura”

stazione Sant’Anna “Vogliamo i tempi di riapertura” Da oltre 50 anni offriamo la nostra competenza e

Da oltre 50 anni offriamo la nostra competenza e professionalità al servizio della panificazione, pasticceria
Da oltre 50 anni offriamo la nostra competenza e professionalità
al servizio della panificazione, pasticceria e gelateria.
Da noi puoi trovare tutto ciò che ti occorre per la produzione
della pasticceria dolce e salata.
GALAVERNI S.r.l.
Via M. Iorio, 20/22 - 06128 Perugia (PG) - Tel. 075.505.11.33 - Fax 075.500.41.32 - galavernisrl@gmail.com

2

PRIMO PIANO PERUGIA

• 2 P R I M O P I A N O P E R U

MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019

LA CITTA’ A OSTACOLI

Focus

Focus

Dove l’asfalto tiene

Le strade rifatte in questi quattro anni hanno dimostrato una buona tenuta. Alcuni problemi si sono manifestati, ma nel complesso l’asfalto non mostra segni di cedimento. Qualche problema viene segnalato in via della Pallotta, via Brunamonti, in via Largo Cacciatori e in un tratto di via XX Settembre (parte alta), dove al centro della carreggiata lo scavo per il gas inizia a dare problemi

La polemica “social”

Molte le foto che i cittadini pubblicano su facebook in queste ore: buche, allagamenti e “crateri” di varie dimensioni vengono segnalati da tutte le parti della città. E non mancano mai in questi casi coloro che approfittano della situazione per fare campagna elettorale: il voto del 26 maggio si avvicina anche per Perugia e da sempre le buche sono uno dei temi più sentiti: così politici e non solo, ci si tuffano a pesce.

Il “Piano-2019”

Palazzo dei Priori è pronto a investire un altro milione sul Piano-Strade 2019. L’annuncio fu dato la scorsa estate sia dall’assessore Francesco Calabrese che dal sindaco Andrea Romizi. E nell’elenco a quanto pare saranno inserite alcune delle strade contenute nell’elenco qui sopra: sono infatti quelle le carreggiate considerate «da incubo» per Perugia.

quelle le carreggiate considerate «da incubo» per Perugia. Dieci strade: un dissesto da girone infernale di

Dieci strade: un dissesto da girone infernale

di MICHELE NUCCI

– PERUGIA –

L’ULTIMO week end con piog-

ge abbondanti è stato fatale. Le

basse temperature di questi gior-

ni e le precipitazio*ni hanno infat- ti riaperto una serie di «ferite» in alcune strade comunali già alle prese con i problemi di dissesto molto seri. Carreggiate rifatte or- mai alcuni anni fa (parecchi) che

in molti punti – soprattutto dove

sono stati realizzati sottoservizi –

iniziano a cedere in maniera im- portante.

IL NOSTRO giornale ha cercato così di stilare una lista con le dieci emergenze, quelle vie cioè che so-

no

ridotte peggio e che andrebbe-

ro

inserite nel Piano-Strade 2019.

Ciò detto va anche constatato che

se il Comune non avesse fatto im- portanti investimenti negli ulti-

mi

quattro anni, a quest’ora sareb-

be

davvero difficile circolare in

città.

UNA DELLE STRADE certa- mente messe peggio in questo pe-

riodo è via Fasani, la strada a sen- so unico che collega via San Gali- gano (Liceo scientifico Alessi) al- la zona della stazione. Bene la si- tuazione è notevolmente peggiora- ta: gli interventi riparatori effet- tuati lo scorso anno, stanno ini- ziando a cedere e si sono riaperte buche piuttosto profonde. Oltre a

questo ci sono stati lavori nelle scorse settimane lungo il lato de- stro della carreggiata, a ridosso del marciapiede. Ma nei pressi del sovrappasso pedonale e del mi- nimetrò, via Fasani inizia a cede- re, proprio nella sua parte centra- le, dove alcuni anno fa furono ef- fettuati interventi di scavo per la

anno fa furono ef- fettuati interventi di scavo per la Piogge incessanti Quella via è un

Piogge

incessanti

ef- fettuati interventi di scavo per la Piogge incessanti Quella via è un incubo Nell’ultimo week

Quella via è un incubo

Nell’ultimo week end ci

È una strada privata a uso

sono state piogge davvero pubblico dove fino adesso

abbondanti. In alcune zone poi (Perugia ad

esempio) sono caduti fino tratta di via Quintino Sella, a 100 millimetri in 48 ore. che collega San Marco a

Pian di Massiano: Palazzo dei Priori non può interve- nire e per farlo è necessa- rio il consenso di tutti i pro- prietari della strada.

il Comune ha sempre pro- messo di intervenire. Si

Basse temperature e precipitazioni hanno riaperto una serie di “ferite” stradali: con nuovi disagi ai cittadini.

posa di tubazioni: una problema, quello dei cedimenti, che nel tem- po si evidenzia in molte strade.

ALTRA STRADA dissestata e che avrebbe bisogno di interventi significativi è viale Centova: traffi- co ad altissima densità tutto il giorno e in alcuni punti il rischio

di far saltare pneumatici e sospen-

sioni è elevatissimo. Purtroppo la pioggia del fine settimana ha ag-

gravato la situazione dela strada San Galigano-Rimbocchi, dove si sono aperti autentici crateri rat-

toppati lo scorso anno dopo il ge-

lo e la nevicata.

DISSESTI davvero importanti

ci sono lungo la strada di Ponte

d’Oddi, dove il prossimo anno si dovrebbe intervenire. Ci sono inoltre situazioni cronicizzate co- me via Corcianese, via Quintino

Sella, viale dell’Ingeneria, via dei Trasporti a Balanzano e la strada Montevile che in alcuni punti si stanno sbriciolando ma sulle qua-

li il Comune dovrebbe interveni-

re sia per il completamento del Piano 2018 sia per quello nuovo

di quest’anno.

del Piano 2018 sia per quello nuovo di quest’anno. LA FRANA I PROBLEMI SONO PIÙ GRAVI

LA FRANA I PROBLEMI SONO PIÙ GRAVI DI QUANTO ERA APPARSO SABATO

Casaglia resta chiusa per 15 giorni

– PERUGIA –

LA FRANA di Casaglia è più grave rispetto a quan- to emerso nelle prime ore. E per questo la strada di collegamento tra la frazione che si trova subito do- po il cimitero e Ponte Valleceppi resterà chiusa per un paio di settimane. Il Comune ha incaricato pro- prio ieri con provvedimento di urgenza un’impre- sa esterna per eseguire i lavori di ripristino. E dopo il sopralluogo dei tecnici ci si è accorti che il disse- sto è più importante di quanto era apparso in un

primo momento. Il movimento franoso ha infatti convolto alcune piante e per la rimozione della stra- da e della parte sovrastante serviranno alcuni gior- ni. Successivamente sarà anche necessario realizza- re un fosso che consenta alle acque di defluire sen- za erodere il terreno: questa è stata infatti la causa che ha prodotto il dissesto. Ad una prima ispezio- ne era apparso chiaro che la regimazione presenta- va alcuni problemi. Dal Comune fanno infine sape- re che se il tempo non farà capricci, la strada potreb- be anche riaprire prima di quanto previsto.

0

Decreto Sicurezza, altri due migranti via da San Martino I Centri giovanili e anziani protestano

Decreto Sicurezza, altri due migranti via da San Martino I Centri giovanili e anziani protestano

Decreto Sicurezza, altri due migranti via da San Martino I Centri giovanili e anziani protestano

Decreto Sicurezza, altri due migranti via da San Martino I Centri giovanili e anziani

Decreto Sicurezza, altri due migranti via da San Martino I Centri giovanili e anziani protestano a

protestano a Palazzo Spada

Decreto Sicurezza, altri due migranti via da San Martino I Centri giovanili e anziani protestano a

CENTRI GIOVANILI IN COMUNE NUOVO blitz di associazioni e centri giovanili ieri a Palazzo Spada.

CENTRI GIOVANILI IN COMUNE

NUOVO blitz di associazioni e centri giovanili ieri a Palazzo Spada. Non meno di quaranta persone hanno chiesto un faccia a faccia con il sindaco ribadendo la necessità di bloccare gli “sfratti”. Dopo un colloquio con i capigruppo, è stata annunciata per sabato un sit in di protesta.

SPORTELLO DELLA GERIATRIA

OGGI alle 15,30 la geriatra ospedaliera Maria Grazia Proietti sarà allo “Sportello della geriatria” del Centro sociale Volta, all’ex Foresteria. L’esperta darà consigli e accoglierà chiunque abbia bisogno di essere ascoltato. E’ una delle iniziative volute da Mario Andrea Bartolini.

Neonato morto, il papà chiede un milione

Via al processo: il giudice dispone la perizia psichiatrica per la mamma

– TERNI –

VERRÀ sottoposta a perizia psi- chiatrica per valutare la capacità

di

intendere e volere al momen-

o

del fatto, Giorgia Guglielmi,

a

28enne ternana accusata di

omicidio volontario per avere partorito in casa e poi abbando- nato il figlio appena nato, morto dopo qualche ora, nel parcheg- gio dell’Eurospin di Borgo Ri- vo. Era il 2 agosto scorso. La pe- rizia è stata disposta dal gup, Fe- derico Bona Galvagno, nella pri- ma udienza del processo a carico

IN AULA L’uomo si è costituito parte civile: «Risarcimento a titolo simbolico»

della giovane, che si svolge con rito abbreviato. La 28enne, già mamma di una bimba di 3 anni,

è reclusa nel carcere di Capanne dallo scorso 7 agosto e ieri era presente in aula. L’udienza si è volta a porte chiuse. Il giudice dopo avere accolto la richiesta dei difensori, gli avvocati Ales- io Pressi e Attilio Biancifiori,

di rito abbreviato condizionato

alla perizia psichiatrica, ha no-

minato consulente d’ufficio il dottor Massimo Di Genio

dell’ospedale San Filippo Neri

di Roma. Il conferimento dell’in-

carico avverrà nell’udienza già

fissata il 4 marzo. Il via libera al-

la super perizia rappresenta un

elemento a favore della difesa,

che punta a derubricare il reato

da omicidio volontario a infanti-

cidio in condizioni di abbando- no. L’altra novità del processo è stata la costituzione di parte civi- le del compagno della donna e padre dell’altra figlia della cop- pia. Anche l’uomo, un muratore albanese ignaro della gravidan-

za della compagna, di cui non si

è mai accorto, era presente in au- la dove, raccontano i testimoni, avrebbe palesato evidente nervo-

sismo.

ASSISTITO dall’avvocato Lu- ca Leonardi, il padre del bambi- no ha chiesto a nome della picco- la un risarcimento danni, «a tito- lo simbolico», di un milione di euro. Richiesta ritenuta assurda dalla difesa, che potrebbe anche contestare l’infondatezza della domanda con contestuale richie-

sta di risarcimento. Insomma, sarà battaglia legale. Giorgia Gu- glielmi aveva subito ammesso i fatti, ossia di aver nascosto la gra- vidanza, partorito da sola nel ba- gno di casa e lasciato in bimbo in una busta della spesa nel par- cheggio. Ha sempre però soste- nuto che la sua intenzione era quella di farlo ritrovare vivo. Il piccolo, poi chiamato Giuseppe dalla famiglia, è morto per asfis- sia qualche ora dopo l’abbando- no, secondo l’autopsia. Stefano Cinaglia

l’abbando- no, secondo l’autopsia. Stefano Cinaglia Treofan Il piano industriale Treofan sospende i licenzia-

Treofan

Il piano industriale

Treofan sospende i licenzia- menti nello stabilimento di Battipaglia e si impegna a presentare un piano indu- striale, anche per gli altri siti italiani di Terni e Brindisi, en- tro le prossime due settima-

ne. Emerge dall’incontro di ie- ri al Mise, con un presidio dei

dall’incontro di ie- ri al Mise, con un presidio dei l a v o r a

lavoratori del gruppo Jindal IN CELLA Giorgia Guglielmi, accusata di omicidio volontario

Strattonata e rapinata nell’androne di casa, caccia al bandito

– TERNI –

DONNA aggredita a scopo di rapina nell’androne del palazzo abita, mentre stava rientrando in casa. La signora, una sessantenne, ha dovuto far ricorso alle cure dei medici del pronto soccorso del Santa Maria che le hanno diagnosticato una sospetta frattura di un polso. La prognosi di guarigione è per ora di un paio di settimane. La rapina è avvenuta

intorno alle 13 di ieri in via Tre Venezie, nel popoloso quartiere di Borgo Bovio.

LA DONNA, come detto, stava rientrando in casa quando, nell’androne, è stata raggiunta da un bandito a volto travisato, che in buon italiano le ha intimato di consegnargli il bracciale e

l’orologio. La donna, presa dal panico, ha le telecamere che insistono in zona.

gridato e fatto resistenza. Ne é nata una colluttazione, nel corso della quale il

bracciale si è rotto e il malvivente, appena raccoltolo da terra, si è dato alla fuga. La signora, comprensibilmente sotto choc, è stata trasportata in ospedale.

SULL’EPISODIO stann ora indagano i carabinieri di Terni, a cui è stata presentata denuncia. Al vaglio dell’Arma

L’ipotesi è che a colpire sia stato uno sbandato, forse un tossicodipendente.

LA FOTO DELL’ANNO

«Passione e tenacia per trasmettere le nostre emozioni»

– TERNI –

È TERNANO l’autore della fotografia

più bella del 2018 secondo il National Geo- graphic. Si chiama David Francescangeli (nella foto), è un impiegato di 40 anni e

ha immortalato un uccellino che resiste al-

la bufera di neve. Ed è ternana l’ambienta-

zione, perché lo scatto che fa il giro del mondo e vince il concorso internazionale della prestigiosa rivista ritrae il giardino

di

il febbraio dell’anno scorso, il ciclone Bu-

rian imperversa e Francescangeli, da sem- pre appassionato di fotografia naturalista, coglie l’attimo di un uccellino, un Verdo- ne, che resiste im- pavido alla tormen-

ta di neve. La foto

ha vinto il concor- so annuale “Mon-

do animale” del Na-

tional Geographic. «Finalmente posso condividere con tutti voi l’infinita gioia per questo mio piccolo tra- guardo – esulta giu- stamente David su facebook –. Questa vittoria la dedico in primis alla mia famiglia, a mia moglie e i miei amori di casa. Ma subito dopo a tutti i miei amici fotografi naturalisti che ogni giorno, ogni santo weekend, mettono pas- sione sacrificio e tenacia per raggiungere i propri obiettivi. Condivido la vittoria con tutti quelli che, come me non hanno la

possibilità di poter fare grandi viaggi foto- grafici in Paesi esotici. Noi dobbiamo fati- care ogni giorno per fotografare un comu- nissimo topolino. Ma se si ha un po’ di for- tuna (nel mio caso tanta), tenacia, un pizzi-

co di bravura e quel briciolo di follia, riu- sciamo a trasmettere degnamente agli al-

tri le emozioni che proviamo».

casa del fotografo, nella zona di Cesi. È

riu- sciamo a trasmettere degnamente agli al- tri le emozioni che proviamo». casa del fotografo, nella

SALUTE L’APPELLO DEL DIRETTORE: «EVITARE ACCESSI IMPROPRI»

Picco dell’influenza, trenta bambini ricoverati

– TERNI –

spiega il direttore sanitario, Sandro Fratini – sono stati tre aggiunti nelle camere e due collocati nel corridoio, rapidamente riassorbiti nelle stanze di degenza. Tuttavia, per garantire il comfort dei bambini durante il ricovero, raccomandiamo ai cittadini di recarsi al Pronto soccorso solo per con- dizioni gravi di urgenza ed emergenza». «Natural- mente – aggiunge Fratini – il nostro ospedale non chiude le porte a nessuno, ma in questa fase molto critica, confidiamo nella massima collaborazione dei pediatri, affinché fungano da riferimento e da

FINE settimana da emergenza- influenza all’ospe- dale Santa Maria, dove si è registrato il picco dei ricoveri: 70 i nuovi pazienti, 30 dei quali bambini per lo più colpiti dalle forme virali, febbrili e ga- strointestinali. Un vero e proprio “record”, spiega l’ Azienda ospedaliera, sottolineando che il parti- colare afflusso ha determinato, per la prima volta negli ultimi tre anni, la presenza per alcune ore di due letti nel corridoio del reparto di pediatria, do-

tato di 14 posti ordinari. «I letti soprannumerari – filtro per contenere accessi impropri».

di pediatria, do- tato di 14 posti ordinari. «I letti soprannumerari – filtro per contenere accessi

0

LE IDEE LE PANZANE PER SALVARE IL VICEPREMIER Michele Ainis I l j’accuse del tribunale

LE IDEE

LE PANZANE

PER SALVARE IL VICEPREMIER

Michele Ainis

I l j’accuse del tribunale

dei ministri nei confronti

di Salvini sta funestando

i nostri giorni. Reazioni,

obiezioni, elucubrazioni: non

se ne può più. Sicché, mentre

attendiamo a mani giunte

il responso della Giunta, ecco un ombrello contro

le panzane. Piovono come

grandine, sarà un effetto dell’inverno. E colpiscono ogni elemento di questa vicenda processuale. Primo: il reato. Sequestro

di persona, punito

dall’articolo 605 del codice

penale. Un delitto odioso. Eppure a nessuno importa

un fico secco del reato, tutti

si scervellano sul reo.

pagina 26

LA LIBERTÀ

DI STAMPA

AL SUPER BOWL

Stefano Massini

S egnare la data: negli annali della storia della pubblicità entrerà senza

dubbio il 3 febbraio 2019.

Come definire, se non

memorabili, i sessanta secondi acquistati per la prima volta

da un quotidiano, e pagati

a peso d’oro durante

la finalissima del football

americano? Ebbene sì:

l’infinita platea catodica del

Super Bowl (parliamo di cento milioni di spettatori) ha visto comparire sul teleschermo — fra Amazon, le M&M’s e Pepsi Cola — un piccolo grande inno

al giornalismo, alla sua

necessità, al suo ruolo essenziale nell’ingranaggio delle democrazie.

pagina 27 Intervista a
pagina 27
Intervista a

Joanna Rakoff

“Io, scrittrice grazie ai consigli di Mr. Salinger”

Parla chi a 23 anni incontrò l’autore del Giovane Holden all’agenzia letteraria Ober e divenne la sua “guardiana”

LUCCONE, pagine 30 e 31

e divenne la sua “guardiana” LUCCONE, pagine 30 e 31 Fondatore Eugenio Scalfari Sanremo Via al
e divenne la sua “guardiana” LUCCONE, pagine 30 e 31 Fondatore Eugenio Scalfari Sanremo Via al
e divenne la sua “guardiana” LUCCONE, pagine 30 e 31 Fondatore Eugenio Scalfari Sanremo Via al
e divenne la sua “guardiana” LUCCONE, pagine 30 e 31 Fondatore Eugenio Scalfari Sanremo Via al
e divenne la sua “guardiana” LUCCONE, pagine 30 e 31 Fondatore Eugenio Scalfari Sanremo Via al

Fondatore Eugenio Scalfari

LUCCONE, pagine 30 e 31 Fondatore Eugenio Scalfari Sanremo Via al festival: stasera in gara tutti

Sanremo Via al festival: stasera in gara tutti i 24 cantanti

ASSANTE, CASTALDO, FUMAROLA e MORETTI, pagine 32 e 33

Venezuela, la sveglia di Mattarella:

l’Italia si schieri con la democrazia

Il resto della Ue contro Maduro. I 5 stelle: restiamo neutrali. Conte cerca una mediazione

TOMMASO CIRIACO, VINCENZO NIGRO e EUGENIO OCCORSIO, pagina 2

L’editoriale

POLITICA ESTERA DA RICUCIRE

Stefano Folli

N egli ultimi 70 anni tutto è mutato nella politica italiana tranne un aspetto:

il risvolto internazionale.

pagina 27

Il reportage

Guaidó: “Parlo spesso con Salvini, Di Battista ignora cosa succede qui”

Guaidó: “Parlo spesso con Salvini, Di Battista ignora cosa succede qui”

Marco Mensurati

J uan Guaidó dice che no, lui

non ha paura di essere

arrestato, o ucciso. Ascolta

risponde con Neruda: «Potranno tagliare tutti i fiori, ma non fermeranno mai la primavera».

la domanda, la solita, poi

pagina 3

La prima visita di un pontefice nel cuore dell’Islam

3 La prima visita di un pontefice nel cuore dell’Islam Il Papa e il Grande Imam

Il Papa e il Grande Imam di Al-Azhar ad Abu Dhabi

AHMED JADALLAH/REUTERS

Il Papa con l’Imam per la fratellanza ottocento anni dopo San Francesco

Alberto Melloni

I l viaggio del Papa nella penisola arabica si svolge sul filo di una

possibile fra cristiani e musulmani in terra d’Islam.

ricorrenza centenaria, spesso evocata come cifra di una fraternità

pagina 26. PAOLO RODARI, pagina 12

Non si placa lo scontro Lega-M5S

L’Europa: Roma rischia di restituire i fondi Tav

L’analisi

LE CONVENIENZE PARALLELE

Annalisa Cuzzocrea Carmelo Lopapa

S arà l’occasione per tentare una tregua dopo settimane di bombardamenti tra alleati.

Salvini si presenterà in giunta

per le Immunità al Senato per depositare non solo la sua

memoria difensiva sulla richiesta

di autorizzazione al processo.

Ma anche un atto con la relazione

con cui Conte, Di Maio e Toninelli

si assumono la responsabilità

politica collegiale sul fermo della nave Diciotti.

pagina 5

L’Italia rischia di pagare un con- to salato sulla Tav, fino a 1,2 mi- liardi di euro. La stima trapela da Bruxelles. Senza passi avanti, in- fatti, a giugno i tecnici della Com- missione europea potrebbero chiedere a Roma di restituire i fondi stanziati negli anni.

GIACOSA e LONGHIN, pagina 4

Entrate fiscali

Lotta all’evasione almeno 3 miliardi di minori incassi l’effetto annuncio

sui condoni

ROBERTO PETRINI, pagina 7

all’evasione almeno 3 miliardi di minori incassi l’effetto annuncio sui condoni ROBERTO PETRINI, pagina 7

Sede: 00147 Roma, via Cristoforo Colombo, 90 - Tel. 06/49821, Fax 06/49822923 - Sped. Abb. Post., Art. 1, Legge 46/04 del 27 Febbraio 2004 - Roma - Concessionaria di pubblicità: A. Manzoni & C. Milano - via Nervesa, 21 - Tel. 02/574941, e-mail: pubblicita@manzoni.it

pimco.it
pimco.it

€ 2 in Italia — Martedì 5 Febbraio 2019 — Anno 155°, Numero 35 — www.ilsole24ore.com

Poste italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004, art. 1, C. 1, DCB Milano

/ 2 0 0 3 conv. L. 46/2004, art. 1, C. 1, DCB Milano Fondato nel
/ 2 0 0 3 conv. L. 46/2004, art. 1, C. 1, DCB Milano Fondato nel

Fondato nel 1865 Quotidiano Politico Economico Finanziario Normativo

1865 Quotidiano Politico Economico Finanziario Normativo Commercio e Pmi Scontrini online, appello per la moratoria

Commercio e Pmi Scontrini online, appello per la moratoria sulle sanzioni

Latour e Parente —a pagina 18

Pensioni Quota 100, fuori dalla scuola anche prima dei requisiti

Prioschi e Venanzi

—a pagina 19

FTSE MIB 19605,60 +0,15% | SPREAD BUND 10Y 260,00 +3,20 | €/$ 1,1445 -0,23% | BRENT DTD 62,56 +0,40%

|

Indici&Numeri

w

PAGINE 32-35

Reddito, controlli a chi rifiuta il lavoro Scontro sui dati Inps

IL VIA A SITO E CARD

Boeri: interessati 2,4 milioni

di persone. Tridico replica:

database meno affidabile

Confindustria: «Non basta

lo sgravio ad assumere

per creare ponte col lavoro»

Quota 100, 18mila domande all’Inps: 4 su 10 dal Sud e da persone non occupate

Stretta anti-furbetti sul reddito di cit- tadinanza (Rdc): scatteranno i con- trolli su eventuali lavori sommersi già al primo rifiuto a un’offerta di lavoro “congrua” da parte del beneficiario della misura di sostegno. È quanto emersoallapresentazionedelnuovo

portale e della “carta Rdc” conConte

e Di Maio. Secondo le stime diffuse

dall’IstatnelleaudizionisulDecreto-

ne al Senato, la platea di beneficiari

sarà di 1,308 milioni di famiglie e 2,7 milioni di persone: casalinghe, più

chedisoccupati,iprincipalidestina-

tari. Più basse le cifre Inps: 1,2 milioni

di nuclei e 2,4 milioni di persone. Ma

Tridicoribadisceinumeridelgover-

no, 1,3 milioni di famiglie e 4 milioni

di persone: «Database Inps meno af-

fidabile». Per Confindustria il benefi- cio all’assunzione «è meno genero-

so» rispetto al passato e rischia di in- cidere «in maniera poco significati- va» sull’aumento dell’occupazione. Il presidente Inps Boeri: già 18mila domande su pensioni Quota 100, 4 su 10 dal Sud e in buona parte da soggetti

nonoccupati,cosachedevefarriflet-

tere «sull’idea che il pensionamento liberi posti di lavoro per i giovani». Pogliotti, Tucci, Rogari e Colombo a pag. 3

+0,9

per cento

Cala l’inflazione: a gennaio l’indice si ferma allo 0,9% dall’1,1% di dicembre

Inflazione A gennaio nuova frenata dei prezzi al consumo

Mancini a pag. 9

La Ue riduce le stime della crescita A giugno il verdetto sulla manovra

CONTI PUBBLICI

crescita dell’1%, mentre la Banca d'’ta- lia ha di recente rivisto al ribasso la sua stima, allo 0,6%, come il Fmi, ma

in entrambi i casi si trattava di valuta-

La stima di crescita economica italia-

na per il 2019 rischia di essere rivista drasticamente al ribasso dalla Com- missioneeuropeagiovedìprossimo,

7febbraio,quandosarannopubblica- tario. A novembre la Commissione

te le nuove previsioni su Pil e inflazio-

ne. I dati rilanceranno con ogni pro- babilità i dubbi sulle scelte di politica economica del governo. Il ministero dell’Economia prevede per il 2019 una

ni su manovre correttive sono posti-

ognicaso,eventualiraccomandazio-

prevedeva una crescita dell’1,2%. In

zioni precedenti ai dati dell’ultimo trimestre. «Nonsarannobellecifre» preannuncia un esponente comuni-

cipate a giugno, cioè dopo le elezioni europee. Beda Romano a pag. 2

MERCATI

Riparte la corsa ai bond, spread giù a quota 256

Andrea Franceschi a pag. 4

IL DIBATTITO

PERCHÉ SERVE UNA EUROPA PIÙ AMICA DELLE IMPRESE

di Antonio Tajani

H o apprezzato

l’intervento dei

presidenti di

Confindustria e di BusinessEurope, Vincenzo Boccia e Pierre Gattaz e condivido molte delle loro proposte. Crisi economica, Brexit, terrorismo, l’instabilità ai nostri confini e i flussi migratori hanno evidenziato le debolezze della costruzione europea. Egoismi nazionali, veti incrociati, eccessi burocratici, allontanano i cittadini dal progetto europeo, che appare distante e inefficace. Le sirene populiste hanno facile gioco nel promettere soluzioni tanto allettanti quanto illusorie. Ma distruggere quanto abbiamo costruito finora, con 60 anni di pace, libertà, diritti fondamentali e prosperità, è un grave errore. Guardiamo al Regno Unito.

—Continua a pagina 15

errore. Guardiamo al Regno Unito. —Continua a pagina 15 CLAUDIO BAGLIONI ACCUSATO DI CONFLITTO D’INTERESSI MARIA
errore. Guardiamo al Regno Unito. —Continua a pagina 15 CLAUDIO BAGLIONI ACCUSATO DI CONFLITTO D’INTERESSI MARIA
errore. Guardiamo al Regno Unito. —Continua a pagina 15 CLAUDIO BAGLIONI ACCUSATO DI CONFLITTO D’INTERESSI MARIA
errore. Guardiamo al Regno Unito. —Continua a pagina 15 CLAUDIO BAGLIONI ACCUSATO DI CONFLITTO D’INTERESSI MARIA
errore. Guardiamo al Regno Unito. —Continua a pagina 15 CLAUDIO BAGLIONI ACCUSATO DI CONFLITTO D’INTERESSI MARIA
errore. Guardiamo al Regno Unito. —Continua a pagina 15 CLAUDIO BAGLIONI ACCUSATO DI CONFLITTO D’INTERESSI MARIA
errore. Guardiamo al Regno Unito. —Continua a pagina 15 CLAUDIO BAGLIONI ACCUSATO DI CONFLITTO D’INTERESSI MARIA

CLAUDIO BAGLIONI ACCUSATO DI CONFLITTO D’INTERESSI

MARIA LAURA ANTONELLI / AGF
MARIA LAURA ANTONELLI / AGF

Al centro della scena. Claudio Baglioni, direttore artistico del Festival di Sanremo

Sanremo raccoglie spot per 30 milioni

«Non sarà un festival politico. Il nostro sarà un festival che si basa sulle canzoni». Claudio Ba- glioni sgombra il campo da ogni dubbio sul suo secondo Sanremo, al via questa sera. Di polemi- che ne ha già avute abbastanza per il conflitto d’interessi tra il suo ruolo di direttore artistico e artista sotto contratto per Sony e F&P Group, guarda caso la casa discografica e l’agenzia di

promoting meglio rappresentate per numero di artisti sul palco dell’Ariston. Ma la direttrice di Rai 1, Teresa De Santis, lo difende: «La nostra produ- zione musicale e culturale vive anche di contigui- tà». Intanto è già record di raccolta pubblicitaria che «viaggia tra i 28 e i 29 milioni, almeno tre in più dello scorso anno», spiega la dirigente Rai. Biondi e Prisco a pag.7

König (comitato crisi bancarie Ue) apre a Visco: regole da rivedere

INTERVISTA

Riconosciuti i passi in avanti verso la stabilità in Europa e in Italia

«Vado oltre il detto “riparate il tetto quando c’è il sole”. Alle banche dico:

riparateloanchequandopiove,per-

ché potrà piovere di più. Il compito di un regolatore è spingere le ban- che a fare di più. A parlare con il Sole 24 Ore è Elke König, presidente del Comitato europeo di risoluzione. Bufacchi e Davi a pag. 10

14%

Lo shadow banking, ora ribattezzato dal Financial stability board (Fsb) «intermediazione finanziaria non bancaria», ha raggiunto il valore di 52mila miliardi di dollari, il 14% degli asset finanziari globali (382mila miliardi)

Rapporto Fsb La finanza ombra continua a crescere:

ora vale 52mila miliardi di dollari

Maximilian Cellino

—a pagina 10

TRATTAMENTO ACQUE

De Nora fa shopping negli Usa: con Miox fornirà anche Google

Antonio Larizza a pag. 8

Il gruppo milanese De Nora, specializzato nel trattamento delle acque, annuncerà oggi l’acquisto dell’americana Miox, controllata dalla John- son Matthey, che vanta tra la propria clientela colossi del calibro di Google, Pepsi e Coca-Cola. L’azienda italiana, guidata da Paolo Dellachà, vanta unfatturato annuo di 460 milioni e 16mila dipendenti.

COSTRUZIONI

Salvataggio Astaldi, altra fumata nera Salini e IHI rinviano offerte

Filippetti e Galvagni a pag. 11

PANORAMA

VENEZUELA

Mattarella e l’Europa schierati con Guaidò Citgo, le raffinerie che fanno gola

Diciotto Paesi Ue su 28 riconoscono

JuanGuaidòcomepresidentedelVe-

nezuela. Ma l’Italia blocca per la se- conda volta la dichiarazione congiun-

ta dell’Unione. Richiamo del presi-

denteMattarellaafavoredelcambia-

mento. Scontro su Citgo, il gioiello di Maduro, quinto gruppo di raffinazio-

ne in America che fa gola a Stati Uniti,

Russia e creditori. a pagina 16

TLC

Telecom, i sindaci dicono no all’assemblea sulla revoca

Niente assemblea anticipata per Telecom. Salvo sorprese, non sa- ranno almeno i sindaci a convocare i soci prima del 29 marzo, quando è

fissata l’assemblea per l’approva- zione del bilancio e per la richiesta

di revoca di cinque dei dieci consi-

glieri in quota Elliott. a pagina 13

RAPPORTI

Fiere strategiche per spingere il made in Italy sui mercati esteri

Servizi a pagina 23-28

RAPPORTO CONFIMPRESE

Commercio in difficoltà, aumentano le chiusure dei punti vendita (+20%)

Da una parte pesa la crisi costante dei consumi interni, dall’altra i provvedimenti per ridurre il nume-

ro delle domeniche di apertura. Il

commercio prevede per la prima volta un aumento del 20% delle

chiusure dei punti vendita esistenti

in Italia. —a pagina 9 FARE IMPRESA SULLE ROTTE DEL MONDO
in Italia.
—a pagina 9
FARE
IMPRESA
SULLE
ROTTE
DEL
MONDO
—a pagina 9 FARE IMPRESA SULLE ROTTE DEL MONDO Porti, gli snodi emergenti dei commerci via

Porti, gli snodi emergenti dei commerci via mare

Da quello di Tajpur, nel West Bengala

(India), a quello di Nascala, nel Mo- zambico, i grandi porti in costruzione

nel mondo si trovano tra l’Africa e il

Sudestasiatico.Èquantoemergedal-

la classifica 2019 della Cg-La. Sembra-

no “privilegiati” i collegamenti tra l’Oriente e la costa orientale africana perviadegliinteressicinesilegatialla NuovaViadellaSeta.EppurePechino non è l’unica a investire su queste rot- te. Micaela Cappellini a pag. 30

Poste Italiane Sped. in a. p. - D.L. 353/2003 (conv. L. 46/2004) art. 1, c. 1, Gipa/C/RM/23/2103

353/2003 (conv. L. 46/2004) art. 1, c. 1, Gipa/C/RM/23/2103 Giovedìl’ExtraTerrestre TRASPORTI Mentre si spendono

Giovedìl’ExtraTerrestre

TRASPORTI Mentre si spendono fiumi di soldi per grandi opere inutili in Italia si tagliano migliaia di km di reti ferroviarie. E il sud ne fa le spese

migliaia di km di reti ferroviarie. E il sud ne fa le spese Europa Polonia Una

Europa

PoloniaUna rete sotterranea pro-choise aiuta le donne del Paese dove l’aborto è ancora illegale

FrancescoBrusa,Alice Chiarei pagina 8

è ancora illegale FrancescoBrusa,Alice Chiarei pagina 8 Visioni SANREMO69 Al via stasera la liturgia del festival.

Visioni

SANREMO69 Al via stasera la liturgia del festival. «Niente politica, solo leggerezza», promette Baglioni

StefanoCrippa pagina 12

CON "LE MONDE DIPLOMATIQUE" + EURO 2,00

12  CON "LE MONDE DIPLOMATIQUE" + EURO 2,00 quotidiano comunista MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019 –

quotidiano comunista

MONDE DIPLOMATIQUE" + EURO 2,00 quotidiano comunista MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019 – ANNO XLIX – N°
MONDE DIPLOMATIQUE" + EURO 2,00 quotidiano comunista MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019 – ANNO XLIX – N°
MONDE DIPLOMATIQUE" + EURO 2,00 quotidiano comunista MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019 – ANNO XLIX – N°

MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019 – ANNO XLIX – N° 30

www.ilmanifesto.it

euro 1,50

DA BRUXELLES L’ULTIMATUM ALL’ITALIA SUL TUNNEL. TONINELLI: «CHI SE NE FREGA, IL BUCO È INUTILE »

LaUe:senzaTavrivogliamoisoldi

II «Sono convinto che sulla

Tav l’accordo si trova. Ma se qualcuno continua a insultar-

mi le cose si complicano». L’av- vertimento di Salvini dimo- stra quanto le tensioni tra Lega

e M5S abbiano logorato l’alle-

anza. E nel match entra a gam-

ba tesa la Ue: «Non possiamo

foto di Fabio Cimaglia/LaPresse

escludere, se ci sono ritardi prolungati, di dover chiedere all’Italia i contributi già versa- ti». E se i fondi già previsti non fossero impiegati per la Tori- no-Lione «c’è il rischio che pos-

sano essere allocati ad altri pro- getti». La Commissione sottoli- nea poi di non aver richiesto

l’analisi costi-benefici che To- ninelli dovrebbe tirare fuori «a giorni», dice il ministro che al- la Ue risponde: «L’analisi è sta- ta decisa da un governo sovra- no». E comunque «chi se ne fre- ga di andare a Lione grazie a un inutile buco nella monta-

gna». COLOMBO A PAGINA 4

COSTI-BENEFICI

Unabollalungatrent’anni

II In attesa della pubblicazio- ne dell’analisi «costi-benefici» da parte del ministro Toninelli, sull’impatto economico della To- nino Lione è una guerra di cifre.

L’unica cosa certa è la previsione

fatta dalla Corte dei conti france- se nel 2012: costo totale 26,1 mi- liardi.Ma a lavori non ancora ini-

ziati.

RAVARINO A PAGINA 5

Di Maio presenta la prima Card del «reddito di cittadinanza» e il sito web per
Di Maio presenta la prima Card del «reddito di cittadinanza» e il sito web per le domande.
Ai 5 milioni di potenziali beneficiari andranno mediamente circa 5 mila euro l’anno.
Ma l’Inps riduce la platea. Bordate da Confindustria: «Scoraggiano la ricerca di lavoro» pagina 6

VENEZUELA

Dall’Europatantisì

algolpediGuaidó

pagina 6 VENEZUELA Dall’Europatantisì algolpediGuaidó II Scaduto l’ultimatum lanciato da Spagna, Francia e
pagina 6 VENEZUELA Dall’Europatantisì algolpediGuaidó II Scaduto l’ultimatum lanciato da Spagna, Francia e

II Scaduto l’ultimatum lanciato da

Spagna, Francia e Germania, sono 16 i

paesi europei che ieri hanno ufficial- mente riconosciuto l’autoproclamato presidente ad interim Juan Guaidó. Go- vernoConte in ordine sparso,Mattarel-

la lo striglia: «Condividere la linea Ue».

COLOMBO, FANTI, LANIA ALLE PAGINE 2,3

all’interno

10febbraio Foibe, Salvini:

tolgo i fondi ai partigiani

ANDREA FABOZZI

PAGINA 7

Vercelli Dà fuoco all’auto con l’ex findanzata dentro

ADRIANA POLLICE

PAGINA 7

L’Anac «Irregolarità nelle casette post sisma»

MARIO DI VITO

PAGINA 4

VISITA NEGLI EMIRATI

IlpapaadAbuDhabi:

«Maipiùguerre»

4 VISITA NEGLI EMIRATI IlpapaadAbuDhabi: «Maipiùguerre» II Nella prima visita di un pontefice nella penisola

II Nella prima visita di un pontefice nella penisola arabica, Bergoglio con- danna le guerre che insanguinano il Medio Oriente. Incontro interreligioso con il grande imam di al-Azhar e oggi messa ad Abu Dhabi. Ma gli Emirati continuano a essere campioni di viola-

zioni e abusi. KOCCI, GIORGIO A PAGINA 9

biani
biani

Grandi affari

Salvinifa lo sconto di 1 miliardo ai conti gonfiati della Tav

PAOLO BERDINI

N ella sua visita al can- tiere Tav, il ministro Salvini si è fatto sfug-

gire un’affermazione im- portante. Ha detto che l’opera si può cambiare per risparmiare «almeno un miliardo». Singolare per chi, come lui, non ha parti- colari competenze tecni- che e un miliardo è una ci- fra importante. Chi gli ha suggerito un importo così

preciso doveva dunque co- noscere alla perfezione il progetto e come risparmia-

re sui lavori.

— segue a pagina 5—

Secessione

Mattarella e la firma di una legge contro l’unità nazionale

MASSIMO VILLONE

I l sindaco Giuseppe Sala rivolge un duro attacco - del tutto condivisibile - al

disegno di autonomia diffe- renziata per Veneto, Lombar- dia ed Emilia-Romagna (Re- pubblica, 1 febbraio). Ma il countdown corre, e il partner leghista dell’esecutivo giallo- verde vorrà presentare all’in- casso, prima del voto euro- peo, la cambiale posta nel contratto di governo. Abbia-

mo già scritto sui vizi giuridi-

ci

e politici del procedimen-

to

in atto, e sulle gravi conse-

guenze che ne derivano.

— segue a pagina 15—

Gilet gialli

Dinamiche sociali e obiettivi politici. In Francia e non solo

IGNAZIO MASULLI

S ulmovimento dei gilet gialli in Francia ci sono valutazioni differenti.

Tuttavia esso offre spunti di

riflessione su nuove forme

di conflittualità sociale ed

espressione politica. Innanzi- tutto si tratta di unmovi-

mento auto-organizzato e con un pronunciato grado di spontaneità. Analogamente a quanto si è verificato per il precedente Nuit Debout e con tratti che, per certi versi, ricordano

l’esperienza degli Indignados,

di OccupyWall Street e altri.

— segue a pagina 15—

9 0 2 0 5

9 771122 176003

Super Bowl Lo spot tv di Bezos in difesa dei giornali di carta

PAOLO MASTROLILLI E GIULIA ZONCA — P. 10 E P. 23

Sanremo Via al Festival sovranista in cui non passa lo straniero

DONDONI, LEONE, MATTIOLI E NEGRI — PP. 24-25

T1 CV PR T2 ST XT PI

Sci Goggia&Brignone, ai Mondiali subito in pista le stelle azzurre

DANIELA COTTO — NELLO SPORT

LA STAMPA

MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019

1,50 €

II

ANNO 153

II

N. 35

II

QUOTIDIANO FONDATO NEL 1867

IN ITALIA (PREZZI PROMOZIONALI ED ESTERO IN ULTIMA)

II

SPEDIZIONE ABB. POSTALE

II

D.L. 353/03 (CONV. IN L. 27/02/04)

II

ART. 1 COMMA 1, DCB - TO

II

www.lastampa.it

PRESSING SU CONTE CHE ALLA FINE ANNUNCIA: SÌ A LIBERE ELEZIONI PRESIDENZIALI

Italia isolata sul Venezuela Mattarella avvisa il governo e Salvini si smarca dai 5S

Tav, arriva l’ultimatum dell’Ue: pronti a chiedere la restituzione dei fondi

RELAZIONI PERICOLOSE

L’ABBRACCIO A MADURO CI DANNEGGIA

GIANNI RIOTTA P. 23

Diciannove Paesi Ue riconoscono Guaidó come presidente legittimo del Venezuela, ma l’Italia resta un passo indietro: siamo per la non in- gerenza. Mattarella chiede «respon- sabilità». E Salvini si smarca dai 5S. Ultimatum Ue sulla Tav.

BARONI,BRESOLIN,GIOVANNINI,IACOBONI,LA MATTINA, LOMBARDO, MAGRI ESORGI PP. 2-7

TORINO, I PM: SPINTE PER GLI INCARICHI

Appendino in Procura non accusa Pasquaretta “Nessuna estorsione”

GENTA E LEGATO — P. 7

Simona bruciata viva dall’ex: lo denunciava da due anni

Simona Rocca, 40 anni, in una foto pubblicata su Facebook: ha ustioni sul 45% del corpo

GRIGNETTI E ZANCAN P. 13

STAMPA

PLUS

ST+

SCUOLA

MAURO ZUCCHELLI

Da Livorno a Vercelli I piccoli geni premiati dalla Nasa

P. 15

VENEZIA

ALBERTO VITUCCI

Il sindaco Brugnaro:

“La tassa di entrata gioverà al decoro”

P. 14

LE STORIE

LIDIA CATALANO

La sartoria dei migranti produrrà le T-Shirt degli azzurri di volley

P. 27

PAOLA SCOLA

Mombasiglio espone gli ex voto dei più poveri

P. 27

IL VIAGGIO NEGLI EMIRATI

Il Papa all’Islam:

diritti delle donne

e no al terrorismo

DOMENICO AGASSO JR

INVIATO AD ABU DHABI

C onta ciò che ha detto. «O Co-

struiamo insieme l’avveni- re, o non ci sarà futuro». «È

giunto il tempo in cui le religioni si spendano con coraggio per aiutare la famiglia umana a maturare la capacità di riconciliazione». Ma conta soprattutto dove lo ha detto. Il contesto è decisivo per cogliere la portata delle parole di France- sco, primo papa a camminare sul suolo del Golfo. Il Pontefice sta vi- sitando uno Stato confessionale islamico in cui i cristiani e le altre minoranze religiose godono di re- lativa libertà, ma con dei limiti: le attività religiose devono essere svolte tra le mura dei luoghi di cul- to, e le chiese non possono avere campane o esibire la croce.

CONTINUA A PAGINA 8

L’ANALISI

LO SPIRITO DI ASSISI AD ABU DHABI

VINCENZO PAGLIA

F rancesco, Vescovo di Roma, e Ahmad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar (nel Cai-

ro), in occasione della visita del Pa- pa negli Emirati Arabi, hanno fir- mato assieme una Dichiarazione dal titolo efficacissimo: «Fratellan- za umana per la pace mondiale e la convivenza comune». La visita del Papa ha senza dubbio un sapore storico già da sé. In un momento nel quale ovunque nel mondo sem-

bra prevalere la paura e, con facili-

tà, si alzano muri e si rafforzano frontiere con l’illusione di difen- dersi e di stare tranquilli nei propri recinti, papa Francesco non ha pa- ura, continua ad «uscire» e ad in- contrare tutti, nessuno escluso. E pensare che all’inizio del pontifica- to aveva detto che avrebbe viaggia-

to poco, anche a motivo dell’età.

CONTINUA A PAGINA 23

BUONGIORNO

La trattativa Stato-mafia, nel racconto ufficiale, è un’inte- sa fra Cosa nostra e il governo italiano, spalleggiato da uomini dei servizi segreti e delle forze dell’ordine, per sta- bilire una convivenza pacifica, soprattutto dopo l’assassi- nio di Giovanni Falcone, e Paolo Borsellino fu macellato con novanta chili di esplosivo perché avrebbe fatto di tutto per ostacolarla. Poi c’è una versione ufficiosa, proposta con un dolore e una tenacia per ora non all’altezza dei ri- sultati da una donna sola contro il mondo, Fiammetta Bor- sellino, figlia di Paolo. L’ultima volta l’ha ripetuta domeni- ca da Fabio Fazio (Che tempo che fa) ricordando il molto che non quadra. Il più grande depistaggio della storia re- pubblicana, ha detto, sviluppa da enormi anomalie e omis- sioni investigative e processuali, a cominciare dal fatto che

I santi bestemmiatori

MATTIA

FELTRI

suo padre disse di sapere qualcosa su Falcone, ma non fu mai sentito dalla procura, e mai fu sentito il procuratore Giammanco, che teneva chiusi nei cassetti i report sull’ar- rivo a Palermo del tritolo; conduce al falso pentito Giusep- pe Scarantino, determinato alla calunnia da chi lo gestiva, poliziotti e magistrati, in una incredibile truffa andata avanti sedici anni; ed è un depistaggio - ha insistito Fiam- metta - che tiene poco conto dell’ostilità verso Borsellino dei capibastone per il maxiprocesso, e di colleghi e politici per le sue inchieste su mafia e appalti, archiviate tre giorni dopo l’autobomba di via D’Amelio. Ecco, nel racconto uffi- ciale mancano i sacerdoti, anche in toga, «della liturgia della religione dell’antimafia». Ma per fortuna ci sarà sem- pre chi, con Fiammetta, continuerà a bestemmiare.

Martedì 5 febbraio 2019 ANNO LII n° 30 1,50 € Sant’Agata vergine e martire Opportunità
Martedì 5 febbraio
2019
ANNO LII n° 30
1,50 €
Sant’Agata
vergine e martire
Opportunità
di
acquisto
in
edicola:
Avvenire
+
Luoghi dell’Infinito
4,20 €
Quotidiano di ispirazione cattolica
www.avvenire.it
Quotidiano di ispirazione cattolica
www.avvenire.it

Editoriale

Credenti chiamati alla testimonianza

FEDI INSIEME PER LA VERA PACE

RICCARDO MACCIONI

L’ errore più grave sarebbe considerarlo un documento tra i tanti. Ridurlo a materia per

specialisti. Confinarlo negli archivi degli studiosi, finendo così per togliere un altro

po’ di cielo alla colomba della pace. Perché

se la dichiarazione firmata dal Papa e dal

grande imam di al-Azhar ha un merito, è quello di parlare la lingua della gente

comune, di evitare inutili piroette letterarie,

di chiamare per nome i temi e i dibattiti che

con maggiore urgenza interrogano la

coscienza dei credenti desiderosi di far progredire il cammino della riconciliazione. Così Francesco e Ahamad al-Tayyb leader dei musulmani sunniti lo scrivono a chiare lettere nel cuore del testo: la dichiarazione sulla “Fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune” si presenta e propone come «guida» per le nuove generazioni verso la cultura del reciproco rispetto, nella consapevolezza

che la grazia divina «rende tutti gli esseri

umani fratelli». Un richiamo profetico che come tale, a dispetto delle critiche, e ne riceverà tante, non teme l’impopolarità, tantomeno i distinguo degli oltranzisti della

dottrina senza ricadute nella vita reale o l’aperta ostilità dei falsi artigiani della convivenza, quella a senso unico, dove noi siamo sempre e comunque i buoni e gli

altri per forza i cattivi. Il documento infatti

a molti non piacerà. Facile prevedere che

sarà bocciato dai teorici dello scontro tra le

civiltà, probabile che lo si accusi di superficialità e demagogia, pressoché certo

che gli si imputi di avere relegato in soffitta

la teologia a vantaggio di uno sguardo

sociologico improntato alla logica semplicistica del “volemose bene”. Naturalmente non è così.

continua a pagina 2

Editoriale

L’apporto di umanità delle religioni

UN MESSAGGIO ALL’EUROPA

GIUSEPPE LORIZIO

I l fatto che il Vescovo di Roma partecipi, in una terra di cultura islamica, a un importante evento di

dialogo interreligioso a tutto campo, è certamente un segno da leggere, interpretare e vivere con simpatetica partecipazione. Che non siano gli islamici

a recarsi ad Assisi per il dialogo interreligioso, ma il Papa ad andare "fuori" dal proprio ambiente culturale e religioso non è irrilevante, né da considerarsi in termini meramente propagandistici o alternativi rispetto ad altri momenti singolari ed eccentrici rispetto alla nostra tradizione. Il raccoglimento di papa Benedetto XVI nella moschea blu di Istanbul nel 2006 è un precedente indimenticabile. Il gesto/segno e l’evento

che stiamo seguendo con attenzione e

pathos hanno qualcosa da dire al mondo intero, e all’Occidente in particolare: le

religioni hanno un messaggio da lanciare a questa società che rischia la perdita dell’umano e l’abisso della dispersione: c’è un unico Dio, in una dimensione di trascendenza assoluta, che ci porta a relativizzare il nostro assolutismo antropocentrico ed etnocentrico. In particolare le religioni abramitiche non possono non allearsi in questo contesto conflittuale: le stesse radici veterotestamentarie e cristiano-nestoriane della religione coranica affermano qualcosa di decisivo. La moschea dedicata

alla

madre di Gesù, che richiama la sura

XIX

del Corano è un simbolo significativo

per

tutti. Lo dobbiamo abitare e

sperimentare per poterlo esprimere nell’oggi della nostra storia. Da soli non andiamo da nessuna parte e siamo tutti destinati al declino e alla sconfitta.

continua a pagina 2

Ad Abu Dhabi Francesco esorta al dialogo i leader religiosi. «Basta con il sangue innocente»destinati al declino e alla sconfitta. continua a pagina 2 Patto di fratelli Il Papa e

Patto di fratelli

Il Papa e l’imam di Al-Azhar firmano la storica dichiarazione: in nome di Dio no a odio e violenza, libertà di culto, più diritti per le minoranze e le donne

STEFANIA FALASCA

Abu Dhabi 4 febbraio 2019:

«In nome di Dio Al-Azhar al-Sharif – con i musulma- ni d’Oriente e d’Occidente –, insieme alla Chiesa cat-

tolica – con i cattolici d’O- riente e d’Occidente –, di- chiarano di adottare la cul- tura del dialogo come via; la collaborazione comune come condotta; la cono- scenza reciproca come metodo e criterio». Non so- lo. È messo nero su bianco l’impegno per stabilire nel- le nostre società il concet- to della piena cittadinanza

e rinunciare all’uso discri-

minatorio del termine mi- noranze. È questo il culmi- ne di un coraggioso incon- tro interreligioso in un la- cerato Medio Oriente che ha visto protagonisti papa Francesco e il grande i- mam sunnita di al-Azhar, Ahamad al-Tayyib.

Bernardelli e Zappa pagg. 4-5

La firma di papa Francesco e dell’imam di al-Azhar, Ahamad al-Tayyib, al documento sulla Fratellanza
La firma di papa Francesco e dell’imam di al-Azhar, Ahamad al-Tayyib, al documento sulla Fratellanza umana

I nostri temi

ANALISI

Cina e Chiesa Un cammino di fiducia

AGOSTINO GIOVAGNOLI

I l 2 febbraio "L’Osservatore Romano" ha pubblicato u-

na lunga intervista al cardi- nal Fernando Filoni sulla Chiesa e la Cina. È la prima volta dal 2012 che il prefetto della Congregazione per l’E- vangelizzazione dei popoli si esprime con tanta ampiezza.

A pagina 3

INFORMAZIONE

Il giornalismo una meta per la libertà

ANTONELLA MARIANI

«L a conoscenza ci dà potere». «Sapere ci

aiuta a decidere». «Cono- scere ci libera»: è la voce nar- rante dell’attore Tom Hanks a declamare le tre frasi chia- ve dello spot andato in on- da durante il Superbowl

A pagina 3

VENEZUELA No italiano. Mattarella: dire sì al popolo Europa con Guaidó Maduro nell’angolo Alfieri e
VENEZUELA
No italiano. Mattarella: dire sì al popolo
Europa con Guaidó
Maduro nell’angolo
Alfieri e Capuzzi alle pagine 6 e 7

POLITICA

Di Maio: lo Stato torna amico. Dubbi di Confindustria e Inps. Già guerra di cifre

Reddito, pronti sito e card Sulla Tav avvertimento Ue

Presentazione-show del- la card e del portale con il premier e il vicepremier. Iniziano le audizioni al Senato, ma Istat, Inps e governo danno numeri diversi sull’impatto della misura. Tra i beneficiari quasi la metà saranno single e faranno richiesta anche 120mila laureati. Boeri e Confindustria:

scoraggia il lavoro. Preoc- cupazione della Corte dei conti per "quota 100".

Primo affondo Ue sulla Tav: se ci sono ritardi chiederemo i soldi indie- tro. E Salvini avvisa Di Battista: con gli insulti si complica tutto. Di Maio propone una "moratoria" sul tema fino alle Euro- pee. Consob, quasi intesa sul ticket Savona-Minen- na. E Di Maio cambia an- che il vertice dell’Unità per le crisi aziendali.

Primopiano alle pagine 8 e 9

LA GIORNATA CONTRO LO SPRECO

I giovani che recuperano il cibo per sfamare i poveri

Cresce la generazione anti-spreco: da Milano a Bari, ecco i progetti guidati dai giovani che lot- tano contro gli eccessi e gli scarti a tavola. Dal- la scuola ai campi, le loro storie fanno scuola.

Daloiso

a pagina 11

VIOLENZE

Dà fuoco alla ex «Tornare a educare»

INDUSTRIALE DI VICENZA

VIOLENZE Dà fuoco alla ex «Tornare a educare» INDUSTRIALE DI VICENZA POPOTUS

POPOTUS

ALLE DONNE

Ai dipendenti 6mila euro per i figli

Occuparsi del meteo diventa un affare

 

Fulvi a pagina 13

Dal Mas a pagina 20

Otto pagine tabloid

a pagina 13 Dal Mas a pagina 20 Otto pagine tabloid Lʼarcipelago delle voci Roberto Mussapi

Lʼarcipelago delle voci

Roberto Mussapi

Con gli occhi di Dio

«È diverso contemplare la cima dei monti stando in pianura e guardare la

pianura dalla cima dei monti. È diverso contemplare le opere di Dio

dal basso, con gli occhi dell’uomo, e vedere le opere dell’uomo dall’alto, con gli occhi di Dio. La montagna, infatti, dilatando gli orizzonti, rende più profondo il respiro, ridimensiona le vicende quotidiane

e la storia del mondo».

In queste parole di padre Bartolomeo Sorge, in un libro a più voci invitate a esprimersi sul tema della montagna, noi vediamo l’essenza dell’ascesi: che certo è quella estatica dei grandi mistici, o

dei monaci, tibetani o cristiani, o di

asceti divorati dalla sete di solitudine e assoluto. Ma è principalmente un atteggiamento spirituale, che può manifestarsi nell’esperienza della vita quotidiana. Il teologo Bartolomeo Sorge non sta qui riferendosi all’ascesi del religioso che sale cercando in quelle altezze una nuova sede, e nemmeno all’alpinista divorato dal desiderio

di raggiungere la vetta: né l’ascesi

mistica assoluta né quella che mette il corpo al servizio della

scalata, e la vita a rischio. No, parla

di una gita in montagna, cammino,

passeggiata, arrampicata, e subito il mondo appare ridimensionato rispetto all’infinito. E nello stesso istante più amato. Guardare da lassù affratella, avvicina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Agorà

DOPO LA RIVOLUZIONE

Tunisia, dove si tenta la «riconciliazione»

 

Michelucci a pagina 22

STORIA

STORIA

In un granaio l’origine della civiltà

Palano e Zaccuri a pag. 24

LA KERMESSE

Sanremo, stasera parte il Festival dell’armonia

Calvini e Castellani a pagina 25

a pag. 24 LA KERMESSE Sanremo, stasera parte il Festival dell’armonia Calvini e Castellani a pagina
Sandro Ruotolo riavrà la scorta per le minacce camorriste. Stavolta Salvini non c ’ entrava.

Sandro Ruotolo riavrà la scorta per le minacce camorriste. Stavolta Salvini non centrava. Ma restano senza risposta gli allarmi per Ingroia e Ultimo

y(7HC0D7*KSTKKQ( +;!z!$!"!\

Ingroia e “ Ultimo ” y(7HC0D7*KSTKKQ( +;!z!$!"!\ Martedì 5 febbraio 2019 – Anno 11 – n°

Martedì 5 febbraio 2019

Anno 11 n° 35

Redazione: via di SantErasmo n° 2 00184 Roma tel. +39 06 32818.1 fax +39 06 32818.230

00184 Roma tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 a 1,50 -Arretrati: a 3,00
00184 Roma tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 a 1,50 -Arretrati: a 3,00

a 1,50 -Arretrati: a 3,00 - a 12,00 con il libro Bloody Money

e 1,50 Arretrati: e 3,00

Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

7 VOLTE GRILLO Diritti dautore per replicare i suoi programmi

Speciale Rai2: Benigni chiede 200 mila euro

p Per trasmettere vecchi spezzoni nel format anto- logico ideato da Carlo Frec- cero, lagente del comico Lucio Presta riesce a otte- nere molto più di quanto hanno incassato Beppe Grillo e Adriano Celentano

q ROSELLI A PAG. 11

Beppe Grillo e Adriano Celentano q ROSELLI A PAG. 11 Benigni Ansa DE LAURENTIIS PRETENDE UN

Benigni Ansa

DE LAURENTIIS PRETENDE UN CAMPIONATO PERSOLI RICCHI

q MASSIMO FINI A PAG. 13

ITALIA-VENEZUELA Il capo dello Stato accusa il governo

La Lega (e Mattarella) controMaduro&Dibba

p Asse tra il Quirinale e il vicepremier sul Venezue- la. Per il leader del Carroc- cio si sta con Guaidó e ba- sta. Ma laffondo è contro lala oltranzista del M5S Occhi puntati sulla media- zione di Montevideo

q CANNAVÒ E ZUNINI A PAG. 8 - 9

zione di Montevideo q CANNAVÒ E ZUNINI A PAG. 8 - 9 M. Salvini CANTONE DENUNCIA

M. Salvini

CANTONE DENUNCIA

Terremoto, guai col fiscoper chi fece le casette

q PACELLI A PAG. 20

SPACCATURA Per uscire dallimpasse fra il Sì di Di Maio-Fico e il No dei filoleghisti

Processo Salvini: il M5S pensa a un referendum fra gli iscritti

Salvini: il M5S pensa a un referendum fra gli iscritti La cattiveria Polemiche per i due

La cattiveria

il M5S pensa a un referendum fra gli iscritti La cattiveria Polemiche per i due poliziotti
il M5S pensa a un referendum fra gli iscritti La cattiveria Polemiche per i due poliziotti

Polemiche per i due poliziotti che firmano per Salvini. Pensano di poter fare come gli pare solo perché hanno scritto Polizia sul giubbotto

WWW.FORUM.SPINOZA.IT

p Dopo molto tempo torna lipotesi della consultazio- ne online. Il ministro dellInterno sempre più in- quieto: non si presenterà in Giunta e manderà solo una memoria scritta, in attesa di quella di Conte e Toninelli

q DE CAROLIS A PAG. 2

MACCHÉ DANNI

Tav, ultima balla:

soldi Ue già spesi e non restituibili

q DI FOGGIA A PAG. 3

A MARZO SI PARTE

Reddito, primo passo: cè il sito

q FELTRI E ROTUNNO A PAG. 6

LA REPLICA La Camera al regista Giuliano

Basta film a Montecitorio Questa non è Cinecittà

Basta film a Montecitorio “ Questa non è Cinecittà ” Bentornato presidente Bisio nel sequel del

Bentornato presidente Bisio nel sequel del film del 2012 Ansa

q PROIETTI A PAG. 10

ROMOLO, UNA BOLLYWOOD ITALIANA

q PIETRANGELO BUTTAFUOCO A PAG. 13

ADDIO ZINGARA Bobby Solo e il politically correct a Sanremo

Prendi questa mano, errante

» SILVIA DONGHIA

“ Prendi questa mano, errante ” » SILVIA D ’ ONGHIA nono con Un ’ avventura

nono con Unavventura fu- rono lui e Iva Zanicchi pro- prio con il brano Zingara,

scritta da Enrico Riccardi e Luigi Albertelli. Una can-

zonecheerastatagiàpropo-

sta a Morandi, che laveva ri- fiutata: Però Gianni mi fece un grandissimo regalo, da amico vero

spiega Bobby venne da Roma a Mi- lanosolopersovrapporreunaccordo con la sua Martin americana.

A PAGINA 23

M ica lo sapevo che non si poteva dire

zingara. Vorrà dire che

dora in poi, ogni volta che la canterò, dirò Prendi questa

mano, donna errante

Solo nome darte di Roberto Satti,

74anniil18marzomantieneintatta

la sua verve ironica. Cinquantanni fa, nel 1969, a trionfare sul palco dellAriston Lucio Battisti arrivò

’”. Bobby

dell ’ Ariston – Lucio Battisti arrivò ’” . Bobby MUSICAE POLEMICHE Sanremo: politica zero, solo

MUSICAE POLEMICHE

– Lucio Battisti arrivò ’” . Bobby MUSICAE POLEMICHE Sanremo: politica zero, solo armonia E spot

Sanremo: politica zero, solo armonia E spot da capogiro

q TECCE E TRUZZI A PAG. 22

Dite qualcosa

» MARCO TRAVAGLIO

M anca un mese alle pri- marie congressuali che daranno al Pd, nel

primo anniversario della più grave sconfitta della sua storia, unnuovo segretario. I sondaggi, perquelchevalgono, lostimano

ancora sopra il 15%, cioè poco sotto il minimo storico toccato alle elezioni del 4 marzo 2018. E questa, per i dem, è una buona e una cattiva notizia. Buona per- ché possono contare (chissà an- cora per quanto) su uno zoccolo

duro di irriducibili di centrosi- nistra che non si rassegnano al bipolarismo 5Stelle-Lega. Cat- tiva perché, otto mesi dopo la sua nascita, il governo Conte

continuaamantenereunospro-

positato consenso intorno al 60%, a dispetto delle continue

risse, cazzate e gaffe giallo-ver- di. E la gente non è che non le

vedaonesiasoddisfatta:malal-

lergiaperquellidiprimaècosì

inestinguibile da farle passare

in secondordine dinanzi alla

terrificante prospettiva di un ri-

tornoalpassato.Enessunodegli aspiranti leader del Pd (per non

parlare di B.) è ancora riuscito a scrollarsi di dosso le sembianze

di quelli di prima. Perché né

Zingaretti, né Martina, né Gia-

chetti & Ascani (caso unico al mondo di doppia candidatura per una carica singola) hanno neppure tentato di abbozzare

unalternativa credibile e coe- rente alla maggioranza gril- lo-leghista. Unalternativa che presupporrebbe unanalisi del-

la sconfitta di un anno fa e di

quelle precedenti, ininterrotte

dal 2016. Ancora laltroieri, alla Con- venzione seguita alle primarie nei circoli, né Zingaretti né Martinahannospesounaparola per prendere le distanze dalle politiche degli ultimi sette anni, clamorosamente bocciate dagli elettori. E Giachetti, il più ap- plaudito, le ha addirittura esal- tate come riforme che reste- ranno nella storia. La storia dei cimiteri, visto il loro effetto mortifero su quello che ancora

nel2014erailmaggiorpartitodi

centrosinistra dEuropa. In- somma, non ha sbagliato il Pd, ma gli elettori. Per il resto, le so- lite giaculatorie sullo sforzo u- nitarioe sul basta divisioni, piuttosto bizzarre mentre ben tre candidati si contendono la segreteria e dovrebbero spiega-

re cosa li caratterizza e li diffe-

renzia. Altrimenti non si vede perché siano tre e non uno solo. SullEuropa, tutti a scappellarsi a Calenda e al geniale manifesto

SiamoEuropei,chevietarigo-

rosamente laccesso a chiunque puzzi di sinistra e sventola uno

dei brand più screditati sul mer-

cato(infattilalista+Europadel-

la Bonino, un anno fa, non supe-

nemmeno il 3%). Sui migran-

ti,

i soliti pateravegloria sullac-

coglienza, come se la linea dura

lavesse inventata Salvini, non Gentiloni e Minniti.

SEGUE A PAGINA 24

Martedì 5 febbraio 2019 € 1,50* DIRETTORE VITTORIO FELTRI Anno LIV - Numero 35 www.liberoquotidiano.it
Martedì 5 febbraio 2019
€ 1,50*
DIRETTORE VITTORIO FELTRI
Anno LIV - Numero 35
www.liberoquotidiano.it
OPINIONI NUOVE - Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale
D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/2004, n. 46) art. 1, comma 1, DCB Milano
e-mail:direzione@liberoquotidiano.it
ISSN: 1591-0420
y(7HB5J1*KOMKKR( +;!z!$!"!\

Il Festival oscura le beghe dei partiti

Sanremo zittisce la politica

Stasera ripartono le canzonette, così la gente lascerà da parte le polemiche su Tav, trivelle e immigrati. Speriamo che Baglioni non trasformi la kermesse in un comizio

Impossibile aiutarlo

Il Venezuela si arrangi per conto suo

VITTORIO FELTRI

Giornali e tv da parecchi giorni parlano del Venezuela che cinque italiani su dieci non sanno nemmeno trovare sulla carta geogra- fica e che della sua storia, anche politica, non conoscono un accidenti. Leggiamo che Maduro (nomen omen) è

un comunista retrogrado, unferoce dittato-

re che sta mandando in malora la sua gen-

te, e non stentiamo a credere che ciò sia vero. Imarxisti ci hanno sempre ripugnato.

L’Unione Sovietica e i Paesi dell’Est faceva- no ribrezzo a noi già all’epoca in cui qua i rossi dettavano legge eminacciavano di ru- bare il timone alla Dc e alleati. Pertanto non possiamo essere ora simpatizzanti di un despota che mena il torrone a Caracas, affamando il popolo. Vorremmo che qual- cuno lo facesse secco e ripristinasse una democrazia decente. Sappiamo che si trat-

ta di una impresa non all’altezza dei vene-

zuelani, incapaci non soltanto di darsi un regime liberale, ma perfino di sfruttare il loro enorme giacimento di petrolio e di vi- vere all’altezza delle proprie risorse. Se una nazione sprofonda nel caos e nel-

la violenza i cittadini hanno qualche re-

sponsabilità. Maduro sarà stato presumo eletto da costoro o almeno agevolato nell’impossessarsi del potere. Il trono sup- pongo non lo abbia raccattato per strada bensì conquistato coi voti. E chi glieli ha dati i consensi? Ciò detto occorre sottolineare cheil Suda- merica da decenni è un bordello: il Vene- zuela non è una eccezione che abbia facol-

tà di risollevarsi con l’aiuto degli italiani.

Figuriamoci, ( )

segue a pagina 9

CARLO NICOLATO a pagina 9

ALESSANDRO GIULI

Chiuso per Sanremo. C’è scrit- to così nell’ideale cartellino che da stasera sigillerà, si spe- ra almeno per una settimana,

le porte dei Palazziistituziona- li e le bocche dei loro abitato- ri, le vetrine dei talk politici te- levisivi e gli altoparlanti dei di- battiti pubblici intorno ai temi più divisivi per maggioranza e

opposizione. Una benedizio- ne per tutti, a cominciare da noimetronomi delleminchia- te politiche quotidiane alle quali bisogna ( )

segue a pagina 3

FABRIZIO BIASIN - PAOLA PELLAI alle pagine 2-3

RitrattoRitratto deldel capocapo delladella CameraCamera FicoFico detestadetesta lala LegaLega peròperò èè
RitrattoRitratto deldel capocapo delladella CameraCamera
FicoFico detestadetesta lala LegaLega
peròperò èè presidentepresidente
coicoi votivoti deldel CarroccioCarroccio
FILIPPO FACCI ➔ a pagina 7
Gli studenti di Pomigliano meritano un premio
Di Maio contestato anche nel suo liceo
AZZURRA BARBUTO
ché era adolescente anche dal vicepre-
mier nonché ministro del Lavoro e dello
Vorremmo stringere la mano in segno Sviluppo economico Luigi Di Maio, il
di
solidarietà agli alunni del liceo classi- quale ieri mattina si è recato in visita
co
scientifico Vittorio Imbriani di Pomi- presso la suddetta scuola, ( )
gliano d'Arco, istituto frequentato allor-
segue ➔ a pagina 5

Da maggio 3 euro per entrare, poi la tariffa salirà I pazienti si vergognano, diabetici i più bugiardi

Si andrà a Venezia su prenotazione

GIULIANO ZULIN

Venezia è la città più bella al mondo. È un museo a cielo aperto. Da Las Vegas a Macao, tutto il globo cerca di imitarla. Ma lei, la Sere- nissima,è unica. Per questoè giusto protegger-

la. È sacrosanto limitare gli arrivi di quell’orda

di turisti, una trentina di milioni ogni anno,

che calpestano le calli e i ponti allo scopo di dire: «Nella mia vita io ci sono stato ( )

segue a pagina 13

Due italiani su 3 mentono al medico

MELANIA RIZZOLI

I più bugiardi sono i diabetici, che mentono regolarmente ai medici sulla dieta ipoglicidica che sono costretti a seguire tutta la vita, e che giurano di rispettare ogni giorno, senza mai e poi mai toccare un dolce, e senza sapere che c’è una analisi del sangue che li smentisceine- quivocabilmente. Oltre ai diabetologi, tra i ca- mici bianchi più soggetti alle menzogne ( )

segue a pagina 17

BUONA TV A TUTTI

Bravo Crozza, ha bisogno di una platea più grande

A TUTTI Bravo Crozza, ha bisogno di una platea più grande MAURIZIO COSTANZO ➔ a pagina

MAURIZIO COSTANZO a pagina 26

Il nuovo libro del giornalista

Giampaolo Pansa, il progressista nemico dei progressisti

RENATO FARINA

Erano i primi di ottobre del 2002, quan-

do Feltrimimise inmano uno scartafac-

cio mal rilegato. Dicendo: «Questo libro è roba grossa, quando esce sarà un bom- ba». Mi spedì subito a Roma, via Po, se- de dell’Espresso. Bisognava intervistare Giampaolo Pansa. In trenolessi quel po- deroso volume: I figli dell’Aquila. Era la

totale rivalutazione umana dei soldati

della Repubblica di Salò. In particolare

di un generale mussoliniano, il cui no-

me mi deve star simpatico per forza: il bresciano Amilcare Farina. Non mi meravigliai ( )

segue a pagina 25

Perché ha ragione Salvini

Anpi inutile e dannosa Giusto tagliarle i contributi pubblici

FAUSTO CARIOTI

Ora vedremo se il governo passerà dalle

parole ai fatti, come pare intenzione di Matteo Salvini, e in che modo reagirà il compagno Roberto Fico: si metterà di traverso pure stavolta, comeavrebbefat-

to la sua predecessora Laura Boldrini?

Perché è scoppiato un nuovo scandalo legatoall’Associazione nazionale dei par- tigiani, la cui sezione di Parma ha pro-

mosso una conferenza per negare che le stragi delle foibe siano avvenute. Il mini- stro dell’Interno ha reagito promettendo

di

colpire l’Anpi dove fa più male, ovve-

ro

tagliando le sovvenzioni ( )

segue a pagina 8

ro tagliando le sovvenzioni ( ) segue ➔ a pagina 8 DA OGGI IN EDICOLA CON
DA OGGI IN EDICOLA CON I SEGRETI DEGLI INVESTIMENTI CHE VINCONO A SOLI € 2,50
DA OGGI
IN EDICOLA CON
I SEGRETI DEGLI INVESTIMENTI CHE VINCONO
A SOLI € 2,50
OLTRE IL PREZZO DEL QUOTIDIANO
SOLO NELLE EDICOLE DI MILANO E PROVINCIA
y(7HA3J1*QTTKLP( +;!z!$!"!\
y(7HA3J1*QTTKLP( +;!z!$!"!\
y(7HA3J1*QTTKLP( +;!z!$!"!\ Martedì 5 febbraio 2019 € 1,20 S. Agata vergine Anno LXXV - Numero 35
y(7HA3J1*QTTKLP( +;!z!$!"!\ Martedì 5 febbraio 2019 € 1,20 S. Agata vergine Anno LXXV - Numero 35
y(7HA3J1*QTTKLP( +;!z!$!"!\ Martedì 5 febbraio 2019 € 1,20 S. Agata vergine Anno LXXV - Numero 35
y(7HA3J1*QTTKLP( +;!z!$!"!\ Martedì 5 febbraio 2019 € 1,20 S. Agata vergine Anno LXXV - Numero 35

Martedì 5 febbraio 2019

€ 1,20

S. Agata vergine Anno LXXV - Numero 35

Direzione, Redazione, Amministrazione 00187 Roma, piazza Colonna 366, tel 06/675.881 * Abbinamenti a Viterbo e prov.: Il Tempo + Corriere di Viterbo €1,20 a Rieti e prov.: Il Tempo + Corriere di Rieti €1,20 – A Latina e prov.: Il Tempo + Latina Oggi €1,50 a Frosinone e prov.: Il Tempo + Ciociaria Oggi €1,50– a Terni e prov.: Il Tempo + Corriere dell’Umbria €1,20

www.iltempo.it e-mail: direzione@iltempo.it

€1,20 www.iltempo.it e-mail: direzione@iltempo.it Il giovane nuotatore ferito rischia di restare paralizzato.

Il giovane nuotatore ferito rischia di restare paralizzato. Il racconto choc della fidanzata

Le gambe di Manuel non rispondono

Imedici concedono ancora ventiquattro ore alla speranza. Ma le gambe di Manuel Mateo Bortuzzo ancora non si muovono nonostante il giovane talento del nuoto, rimasto ferito la notte di sabato all’Axa, abbia ripreso conoscenza. Tragico il racconto della fidanzata Martina, sedici

anni, che ricorda i terribili momenti della sparatoria che ha coinvolto il giovane atleta. «Eravamo insieme, poi i colpi e lui si è accasciato al suolo» racconta Martina tra le lacrime. Intanto proseguono le ricerche dello

Mancinelli a pagina 3

sparatore.

Ambulanze bloccate, malati a piedi

Ospedali romani pieni:i mezzi restano fermi con i pazienti a bordo e non possono intervenire Ieri già a mezzogiorno erano inutilizzabili 56 veicoli. Per le urgenze bisogna pagare i privati

IL TEMPO di Oshø

Show per il reddito di cittadinanza Di Maio presenta sito e tessera Caleri e Solimene

Show per il reddito di cittadinanza Di Maio presenta sito e tessera

Caleri e Solimene alle pagine 6 e 7

Via Tre Portoni, 12 – Nepi (VT) Tel. 348 539 4751 seguici su

Via Tre Portoni, 12 – Nepi (VT) Tel. 348 539 4751

Via Tre Portoni, 12 – Nepi (VT) Tel. 348 539 4751 seguici su

seguici su

Via Tre Portoni, 12 – Nepi (VT) Tel. 348 539 4751 seguici su
Tre Portoni, 12 – Nepi (VT) Tel. 348 539 4751 seguici su Aggancia la Roma e
Tre Portoni, 12 – Nepi (VT) Tel. 348 539 4751 seguici su Aggancia la Roma e

Aggancia la Roma e si porta a un punto dal quarto posto

Lazio, a Frosinone basta Caceido

Serviva vincere e così è stato

dopo i passi falsi delle dirette concorrenti per la Champions. Quella vista ieri sera a Frosino-

ne non è stata di certo una bella Lazio, ma è riuscita a concretiz- zare un successo che porta tre punti importantissimi: decide Caicedo. Ora la banda di Inza- ghi ha agganciato la Roma e si trova a uno dal quarto posto.

Baldinacci, Pieretti e Salomone alle pagine 26 e 27

, Pieretti e Salomone ➔ alle pagine 26 e 27 ■ Più che parcheggi, le aree

Più che parcheggi, le aree di sosta davanti

ai Pronto soccorso romani sembrano quelle delle concessionarie di ambulanze. A mezzo- giorno di ieri, infatti, si è toccato il record: ben 56 mezzi costretti allo stop prolungato a causa del blocco-barelle nelle strutture d’emergen- za-urgenza talmente sovraffollate che riescono a “sbarellare” i pazienti solo dopo ore di attesa.

Sbraga alle pagine 4 e 5

solo dopo ore di attesa. Sbraga ➔ alle pagine 4 e 5 Era il terrore dei
solo dopo ore di attesa. Sbraga ➔ alle pagine 4 e 5 Era il terrore dei

Era il terrore dei residenti

Scippi seriali a San Paolo Arrestato rom

Tagliazucchi a pagina 19

a San Paolo Arrestato rom Tagliazucchi ➔ a pagina 19 Iconsumi degli italiani Nel nuovo paniere
a San Paolo Arrestato rom Tagliazucchi ➔ a pagina 19 Iconsumi degli italiani Nel nuovo paniere

Iconsumi degli italiani

Nel nuovo paniere Istat zenzero e bici elettrica

Laghi a pagina 13

La Rai riprova conFunari di Maurizio Costanzo
La Rai riprova
conFunari
di Maurizio Costanzo

a pagina 24

Istat zenzero e bici elettrica Laghi ➔ a pagina 13 La Rai riprova conFunari di Maurizio

1.963.000 lettori (dati Audipress 2018/II)

1.963.000 lettori (dati Audipress 2018/II) QN ENIGMISTICA IN EDICOLA IL SETTIMANALE DI GIOCHI A € 1
QN ENIGMISTICA IN EDICOLA IL SETTIMANALE DI GIOCHI A € 1
QN ENIGMISTICA
IN EDICOLA IL SETTIMANALE DI GIOCHI A € 1
QN ENIGMISTICA IN EDICOLA IL SETTIMANALE DI GIOCHI A € 1 MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019 |
QN ENIGMISTICA IN EDICOLA IL SETTIMANALE DI GIOCHI A € 1 MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019 |

MARTEDÌ 5 FEBBRAIO 2019 | € 1,50 | Anno 161 - Numero 35 |

5 FEBBRAIO 2019 | € 1,50 | Anno 161 - Numero 35 | Anno 20 -

Anno 20 - Numero 35 | www.lanazione.it

FIRENZE

- Numero 35 | Anno 20 - Numero 35 | www.lanazione.it FIRENZE PRATO, PUGNO DI FERRO.

PRATO, PUGNO DI FERRO. DATI ALLARMANTI IN TOSCANA

Basta alcol aiminorenni Chiuso il bar della movida

NATOLI E PLASTINA · A pagina 14

DI FERRO. DATI ALLARMANTI IN TOSCANA Basta alcol aiminorenni Chiuso il bar della movida NATOLI E
il bar della movida NATOLI E PLASTINA · A pagina 14 L’ANALISI di FRANCO CARDINI SULLE

L’ANALISI

di FRANCO CARDINI

SULLE ORME DEL SANTO

U N PAPA, ai primi del

XXI secolo, in tempi di

rovente polemica

sull’Islam, è ospite ad Abu Dhabi di un sultano che sembra amare al tempo stesso Corano, tecnologia e modernità (con annesso business). Logico associare all’evento la visita di Francesco d’Assisi nel 1219 al sultano d’Egitto, nel quadro di una crociata che aveva invaso i suoi domìni. Francesco era quindi un nemico?

· A pagina 7

IL COMMENTO

di GIORGIO LA MALFA

UN GOVERNO PARALIZZATO

U N ESPONENTE dei 5

stelle ha dichiarato

che in passato l’Italia

si è sempre allineata alla politica estera altrui e oggi finalmente sul Venezuela fa da sola. Per la verità, che il 5 stelle lo sappia o meno, non è così. Abbondano i precedenti in cui l’Italia ha preso posizioni difformi dai Paesi con cui siamo alleati nella Nato o con cui partecipiamo all’integrazione europea. [Segue a pagina 5]

Il Papa all’Imam: uniti per la pace

Abbraccio storico «Tutte le religioni sull’Arca della fratellanza»

FABRIZIO · Alle p. 6 e 7

STALKERBRUCIALAEXNELL’AUTO:GRAVISSIMA.LAPERSEGUITAVADAANNI SimonaRocca, 40anni,eranell’auto dataallefiamme
STALKERBRUCIALAEXNELL’AUTO:GRAVISSIMA.LAPERSEGUITAVADAANNI
SimonaRocca,
40anni,eranell’auto
dataallefiamme
dalsuoex
PONCHIA, PONCHIA,PASSERIecommentodiBONI·Allepagine2e3 PASSERI e commento di BONI · Alle pagine 2 e 3

La svolta dell’Ikea: i mobili in affitto

L’inchiesta Avere tutto senza possedere nulla. Dai quadri ai vestiti, la vita a nolo

Servizi e NITROSI · A p. 8 e 9

EUROPA CON GUAIDÓ

EUROPA CON GUAIDÓ Sul Venezuela l’Italia èisolata Il Colle non ci sta COPPARI · A pagina

Sul Venezuela l’Italia èisolata Il Colle non ci sta

COPPARI · A pagina 5

SCONTRO SULLA TAV

Il solito Toninelli «Andare a Lione? Chi se ne frega»

FARRUGGIA · A pagina 4

CASA BIANCA FURIOSA

Unatalpa svela l’agenda di Trump «Unperditempo»

PIOLI · A pagina 13

l’agenda di Trump «Unperditempo» PIOLI · A pagina 13 y(7HA3J1*QSQPTQ( +;!z!$!”!\ BOCELLI E GIORGIA SUPER OSPITI

y(7HA3J1*QSQPTQ( +;!z!$!”!\

BOCELLI E GIORGIA SUPER OSPITI

Sanremo, si parte Baglioni:

musica

e niente

politica

Servizi · Alle p. 24 e 25

musica e niente politica Servizi · Alle p. 24 e 25 CASO SANTANCHÈ di ENRICO CISNETTO

CASO SANTANCHÈ

di ENRICO CISNETTO

IL DENARO NONÈTUTTO MA AIUTA

I L DENARO serve a essere liberi o è lo sterco del diavolo?

A suscitare scandalo

sono state le parole

di Daniela Santanchè.

· A pagina 10

essere liberi o è lo sterco del diavolo? A suscitare scandalo sono state le parole di

Prima per Agenzie Edizione 05 02 2019:Layout 1

04/02/2019

22:00

Pagina 1

Edizione 05 02 2019:Layout 1 04/02/2019 22:00 Pagina 1 www.nuovocorrIerenazIonaLe.com |
www.nuovocorrIerenazIonaLe.com | facebook.com/nuovocorrIerenazIonaLe marTedì 5 febbraIo 2019 | anno 1 | numero 224
www.nuovocorrIerenazIonaLe.com | facebook.com/nuovocorrIerenazIonaLe
marTedì 5 febbraIo 2019 | anno 1 | numero 224
marTedì 5 febbraIo 2019 | anno 1 | numero 224 L’a naLISI Casaleggio: futurodel lavoro, dibattitocruciale

L’anaLISI

Casaleggio:

futurodel lavoro, dibattitocruciale

per il paese

pagina

10

futurodel lavoro, dibattitocruciale per il paese p agina 10 Salvini, c’è posta per te M5Sinpienaoffensivaperrisalire

Salvini, c’è posta per te

M5Sinpienaoffensivaperrisalire

sullaLega,conlacardperil ‘reddito’ si speral’effettodomino.I rischi

di

sanDro

roazzi

I l reddito di cittadinanza ha ora la sua card, del tutto

simile a quella postale. Ad officiare la sua nascita con

orgoglio il presidente Conte ed il ministro Di Maio,

secondo il quale è la prima (

)

segue

a

pagina

5

geopolItIca

g eopolItIca

di

Maurizio

Ballistreri

Macroregione mediterranea, la Sicilia protagonista

Macroregione mediterranea, la Sicilia protagonista I n un recente articolo sul Nuovo Corriere Na- zionale

I n un recente articolo

sul Nuovo Corriere Na-

zionale Giancarlo Elia

Valori ha opportunamente ricordato l’importanza del

ruolo che potrebbe (

)

segue

a

pagina

12

l’importanza del ruolo che potrebbe ( ) s egue a pagina 12 G eoSTraTeGIa Cardini: sotto

GeoSTraTeGIa

Cardini: sotto schiaffodi trump, sel’Iran si volgeadest

pagina

14

sotto schiaffodi trump, sel’Iran si volgeadest p agina 14 L’Intervento. Il presidenteUsa: LaRussiahaviolatogli
L’Intervento. Il presidenteUsa: LaRussiahaviolatogli accordi Trump:missiliamedio raggio,eccoperché
L’Intervento. Il presidenteUsa: LaRussiahaviolatogli accordi
Trump:missiliamedio
raggio,eccoperché
ciritiriamodalTrattato
di
DonalD
truMp
P er troppo tempo la
Russia ha violato il
trattato sulle forze
termedio (Inf) impune-
mente, sviluppando se-
gretamente e mettendo
in campo un sistema mis-
silistico proibito che (
)
nucleari a intervallo in-
segue
a
pagina
13

Il VIaggIo

I l V IaggIo

IL papa e IL dIaLogo InteRReLIgIoSo, eSIgenza teoLogICa e SoCIaLe

Maglie,

pagina

15

l’InterVIsta

l’I nterVIsta

CataLogna, feRIta d’eURopa angIoLI (RadICaLI):

bRUtto SegnaLe

ChiaraMello,

pagina

11

Related Interests