You are on page 1of 2

Serie B R 23a giornata LUNEDÌ 11 FEBBRAIO 2019 LA GAZZETTA DELLO SPORT 31

A sinistra l’esultanza di Samuel Di Carmine, 30 anni, al quinto gol in campionato con il Verona; a destra un momento della battaglia del Bentegodi, con il campo reso pesante dalla pioggia GRIGOLINI/LAPRESSE

L’Hellas nella tempesta LE PAGELLE di G.LO.

Altro pari, piovono fischi VERONA 6 CROTONE 6


1Battaglia sotto il diluvio a Verona, Di Carmine riprende Pettinari IL MIGLIORE
DAVIDE
IL MIGLIORE
AHMAD
Grosso non vince dal 27 dicembre: è a rischio, oggi la decisione FARAONI BENALI

6,5 6,5
vittima delle sue paure. Grosso SVEGLIA NEL FINALE E all’ini­
Terza da titolare, è diventato in fretta Sfrutta nel modo migliore lo spazio
Guglielmo Longhi VERONA 1 punta sui 4 rinforzi di gennaio, zio del secondo tempo, mentre un punto fermo. Perfetto l’assist che gli viene lasciato. Si abbassa
INVIATO A VERONA ma l’effetto è irrilevante anche i tifosi dell’Hellas cominciano a per il gol di Di Carmine, bene anche fino al limite della difesa e nessuno
CROTONE 1 perché Munari toglie quasi su­ spazientirsi («Andate a lavora­ in copertura. Un ex felice. lo segue. Fa partire ogni azione.

I
l Verona pensa al Carneva­ bito il disturbo per guai fisici. È re!»), il Crotone passa: diago­
PRIMO TEMPO 0-0
le dopo aver votato il «Papà MARCATORI Pettinari (C) al 5’, Di
il solito 4­3­3, decisamente nale di Rohdèn da destra, Pet­
SILVESTRI 6,5 Paratona su Rohdèn CORDAZ 5,5 Bravo a chiudere lo
del Gnoco», la sua masche­ Carmine (V) al 33’ s.t. spuntato: Di Carmine fatica tinari tocca col polpaccio a da fuori, per il resto pochi pericoli. spazio su Gustafson, ma sull’1-1 si fa
ra più amata. Ma al Bentegodi con Spolli, Matos è frenato da mezzo metro da Silvestri e con BIANCHETTI 5 Torna centrale ma ha passare il gol sotto le gambe
non c’è lo stesso clima di festa VERONA (4-3-3) Silvestri; Faraoni, Golemic e Vaisanen, poi fuori la difesa immobile. Intanto an­ troppe incertezze. Vedi il gol. VAISANEN 6,5 Al 22’ va k.o. dopo
di San Zeno. Anzi, il popolo Bianchetti, Marrone, Vitale; anche lui per infortunio, si oc­ che Matos esce per infortunio: MARRONE 5 Centrocampista o aver salvato un gol prendendosi una
dell’Hellas ha il fischio facile e Gustafson, Munari (dal 13’ p.t. cupa dell’altro esterno. È quin­ una combinazione di sfortuna difensore? Il dubbio resta: di sicuro scarpata in faccia da Di Carmine.
Colombatto), Zaccagni; Matos (dal non è un attaccante visto il gol che si CURADO 6 Contribuisce alla
non lo risparmia neppure dopo 6’ s.t. Tupta), Di Carmine, Di
di Vitale il più produttivo dei e indecisione micidiale per una
mangia a fine primo tempo. serataccia di Di Gaudio.
questo pareggio, faticoso ma Gaudio (dal 25’ s.t. Pazzini) suoi, ma spinge quando può squadra già in crisi di autosti­ VITALE 6 Si occupa di Sampirisi e SPOLLI 6 Fino al momento del gol è
meritato, contro il Crotone. Il PANCHINA Ferrari, Berardi, perché Sampirisi è pericoloso. ma. Grosso deve ritoccare il tri­ prova a spingere. impeccabile su Di Carmine.
tecnico non «è in discussione, Almici, Empereur, Balkovec, Lee, È così il Crotone a fare la parti­ dente: dentro Tupta a destra. GUSTAFSON 5 Ha una buona GOLEMIC 6 Si occupa di Matos prima
ma sotto osservazione», ha det­ Dawidowicz, Henderson, Laribi ta: Benali, schierato davanti al­ Poi c’è l’episodio che farà svol­ occasione nel finale, ma la sciupa. e di Tupta dopo. Partita senza errori.
to il presidente Setti alla vigilia ALLENATORE Grosso la difesa, fa girare la squadra tare la partita: l’espulsione di MUNARI s.v. Al debutto e subito SAMPIRISI 6,5 Si propone spesso a
ricorrendo a una sottile distin­ che è un piacere, approfittando Rodhèn, al secondo giallo do­ fuori per problemi al ginocchio. Non destra, mandando in difficoltà Vitale.
CROTONE (3-5-2) Cordaz; era titolare del 24 aprile col Parma ROHDÉN 5 Impegna Silvestri con un
zione semantica. E adesso? Vaisanen (dal 24’ p.t. Curado), dello spazio che colpevolmente po aver fermato la corsa di Di
COLOMBATTO 5 Lascia troppo spazio gran destro, è sempre al centro del
Grosso è delegittimato dai tifo­ Spolli, Golemic; Sampirisi, Rohdèn, gli lascia l’Hellas. Uscito Muna­ Carmine. Stroppa interviene a Benali e resta ai margini. gioco. Rovina tutto con l’espulsione.
si e la società non è più così cer­ Benali, Barberis, Milic; Machach ri, toccherebbe a Colombatto per limitare i danni dell’infe­ ZACCAGNI 5 Pronti via: si mangia un BARBERIS 6 Non brilla ma è efficace.
ta. La sua posizione è forte­ (dal 16’ s.t. Mraz), Pettinari (dal 22’ occuparsi del piccolo play: non riorità numerica: fuori Pettina­ gol a porta vuota. Incredibile. Azzarda un fac-simile di pressing.
mente a rischio e oggi la diri­ s.t. Molina) lo fa, e le conseguenze si vedo­ ri, dentro Molina. È un 3­5­1 MATOS 5,5 Esce per una botta alla MILIC 5,5 Non giocava da oltre un
genza prenderà una decisione. PANCHINA Festa, Cuomo, no subito. Il 3­5­2 di Stroppa conservativo con Machach gamba. Ha comunque fatto poco. anno (Olympiacos). Chiude stremato.
Marchizza, Valietti, Tripaldelli, TUPTA 5,5 Va a fare l’esterno quando MACHACH 6 Il bad boy arrivato in
Continua intanto il pessimo Gomelt, Zanellato, Firenze, Kargbo non è niente di rivoluzionario, unica punta. Contromossa di
entra Pazzini. Impalpabile. gennaio dal Napoli gioca alla pari il
2019 dell’Hellas: dopo il derby ALLENATORE Stroppa ma regala corsa e semplicità: Grosso, arriva anche il mo­ DI CARMINE 6,5 Quinto gol, il terzo duello muscolare con Marrone.
perso male a Padova, tre pareg­ Benali che imposta, Sampirisi mento di Pazzini, in campo al al Crotone in B. Premiato il tempismo, MRAZ 6 Entra nel momento più
gi. Ultima vittoria: 27 dicembre ARBITRO Piccinini di Forlì che spinge sulla destra (Milic posto di Di Gaudio: 4­4­2 col ma la sua gara non passa alla storia. difficile. Fa il minimo.
col Cittadella. Il Crotone conti­ ESPULSI Rodhèn (C) al 18’ s.t. per sulla fasce opposta si muove doppio centravanti, Tupta e DI GAUDIO 5 Male: poco spazio con PETTINARI 6,5 Confermato titolare,
nua invece la serie positiva co­ doppia ammonizione (entrambe poco: non gioca da oltre un an­ Zaccagni esterni. Sarà un caso, Vaisanen e poi con Curado. furbo e reattivo in occasione del gol.
per gioco scorretto) PAZZINI 6 Entra nel momento più MOLINA 6 Con l’uomo in meno,
minciata nel ritorno: tre pareg­ AMMONITI Matos (V), Marrone no), Barberis e soprattutto Ro­ ma poco dopo ecco il pari: per­
complicato: sufficienza di stima. Stroppa gli chiede copertura nel 3-5-1.
gi e una vittoria in trasferta. (V), Zaccagni (V) e Milic (C) per dhèn cercano l’inserimento. fetto assist di Faraoni, Di Car­ ALL. GROSSO 5,5 Il rosso di Rodhèn ALL. STROPPA 6 Continua la serie
gioco scorretto; Cordaz (C) per Stroppa deve adattarsi alle as­ mine coglie l’attimo giusto e lo aiuta, ma la squadra si sveglia tardi. positiva, giocando una partita con
PAURA Il Verona è pericoloso comportamento non senze di Simy e Nalini: confer­ batte Cordaz in uscita, col pal­ E perché Pazzini solo negli ultimi 20’? pochi rischi. Senza quel rosso…
all’inizio e alla fine del primo regolamentare ma Pettinari e si affida al fran­ lone che gli passa sotto le gam­
tempo, con Zaccagni e Marro­ NOTE paganti 1.140, incasso di cese Machach, tutto da scopri­ be. E l’Hellas si trasforma, tro­
ne, di testa: due errori incredi­
bili, da soli e a porta spalanca­
17.856 euro; abbonati 7.674, quota
di 64.495 euro. Tiri in porta 5-2.
re. Al 26’ l’occasione migliore
del Crotone: gran tiro da fuori
va la rabbia, si butta sotto.
Un’altra squadra, ma è troppo
GLI ARBITRI
Tiri fuori 4-2. In fuorigioco 5-0. PICCININI Decisioni azzeccate: non è rigore su Matos nel primo tempo.
ta. In mezzo, cioè tra il 2’ e il 45’ Angoli 7-2. Recuperi: p.t. 3’; s.t. 5’ di Rodhèn e volo di Silvestri. Si tardi. 6,5 Giusta l’espulsione di Rohdèn per doppia ammonizione. Sul gol del
si vede una squadra frenata e vede poco altro di eccitante. © RIPRODUZIONE RISERVATA Verona, Di Carmine è in posizione regolare. PAGLIARDINI 6-ROSSI 6

SFIDA CALDA

Ruggito Livorno: colpo salvezza. Cosenza troppo pigro


1Giannetti-Salzano: Breda vede il sole Francesco Foresi
Sciaudone, ha centrato la tra­
versa. Braglia a fine gara è stato
tutto quando parte dalla corsia
di sinistra sull’asse D’Orazio­ IL MIGLIORE
Traversa di Sciaudone: Braglia torna giù LIVORNO molto lucido: «Abbiamo gioca­
to male interpretando la gara
Baez. Ma anche la squadra di
Braglia ha difficoltà a concre­

G
razie a un secondo tem­ nel modo sbagliato e siamo sta­ tizzare. Le uniche emozioni ar­
LIVORNO 2 0 COSENZA po perfetto il Livorno, ot­ ti puniti». «Questa volta siamo rivano dopo 8 minuti per un gol
tavo risultato utile con­ stati meno belli — ha detto Bre­ di Giannetti annullato per fuo­
PRIMO TEMPO 0-0
MARCATORI Giannetti al 3’, Salzano su rigore al 47’ s.t.
secutivo davanti al presidente da — ma abbiamo interpretato rigioco e al 20’ un tiro di Tutino
Spinelli assente al Picchi dal 4 bene la gara grazie alla voglia fuori di poco. Diversa la ripresa
LIVORNO (3-4-1-2) Mazzoni 6; COSENZA (4-3-3) Perina 6; Bittante novembre (k.o. con il Perugia), di lottare, al carattere e alla vo­ con un Livorno più determina­
Gonnelli 6, Di Gennaro 6,5, Bogdan 5,5, Dermaku 6, Idda 5,5, D’Orazio liquida la pratica Cosenza che glia di sacrificarci. Tre punti to che sblocca dopo 3 minuti
7; Kupisz 6, Agazzi 6,5, Luci 6, Fazzi 6,5; Bruccini 5,5 (dal 29’ s.t. interrompe la striscia positiva fondamentali». grazie a un colpo di testa di
5,5; Diamanti 6,5 (dal 35’ s.t. Dumitru
6); Giannetti 6 (dal 25’ s.t. Raicevic
Legittimo 6), Palmiero 6 (dal 42’ s.t.
Capela s.v.), Sciaudone 6; Embalo
di sei gare, e torna a vedere la
luce verso la salvezza. Un suc­ REWIND Primo tempo senza
Giannetti su assist di Diamanti.
Il Cosenza prende in mano il
7
6), Murilo 5 (dal 13’ s.t. Salzano 5,5) 5,5 (dal 13’ s.t.Mungo 6), Tutino 5,5,
PANCHINA Zima, Crosta, Gasbarro, Baez 6,5 cesso meritato per gli uomini di emozioni per la costante pres­ gioco senza però essere perico­ ● BOGDAN
Boben, Rocca, Eguelfi, Valiani, PANCHINA Saracco, Hristov, Breda che dopo un primo tem­ sione a centrocampo che non loso salvo al 20’ quando Di Gen­ DIFENSORE LIVORNO
Porcino, Gori Schetino po scialbo hanno sbloccato la permette alle squadre di creare naro ribatte sulla linea su azio­ Gara imperiosa per l’ex
ALLENATORE Breda 7 ALLENATORE Braglia 5,5 gara grazie a un colpo di testa occasioni. Il Livorno si affida ne d’angolo dopo un errore di Catania sia in chiave difensiva
ARBITRO Marini di Roma 5,5 ASSISTENTI Baccini 6-Bresmes 6
di Giannetti e sigillato nel recu­ come sempre all’estro di Dia­ Mazzoni e al 45’ quando è la sia quando si propone
ESPULSI Tutino (C) al 41’ s.t. per c.n.r.. AMMONITI D’Orazio (C), Luci (L), Di pero grazie al rigore di Salza­ manti che però non trova la col­ traversa a dire no a Sciaudone.
Gennaro (L) per gioco scorr.; Diamanti (L), Sciaudone (C), Agazzi (L) per c.n.r. no. Il Cosenza, penalizzato dal­ laborazione dei due attaccanti Sul ribaltamento Dumitru vie­
NOTE paganti 1.912, incasso di 19.693 euro; abbonati 4.174, quota di 33.849 le tante assenze, ha sfiorato il troppo evanescenti e prevedibi­ ne atterrato in area da Idda e
euro. Tiri in porta 4-2. Tiri fuori 9-13. In fuorigioco 6-3. Angoli 2-7. Recuperi: pareggio nel finale (40’) quan­ li. Il Cosenza mostra una mi­ Salzano trasforma il rigore.
p.t. 0’, s.t. 5’. do il pallone, colpito di testa da gliore fluidità di gioco soprat­ © RIPRODUZIONE RISERVATA
Serie B R 23a giornata LUNEDÌ 11 FEBBRAIO 2019 LA GAZZETTA DELLO SPORT 33

Mancuso ha fatto 13 LE PAGELLE di G.CAL.


cazzurri prendono campo, ap-
profittando anche della libertà
concessa a Brugman. Mona-
chello è il più vivace ma poco

Segnali di Pescara
preciso nelle conclusioni e
sprecone al 21’: tiro sbilenco e
il pallone danza quasi sulla li-
nea di porta. In chiusura di

Foggia, il pari è stretto


tempo il Foggia svolta grazie a
una spettacolare rete di Deli,
che infila Fiorillo con un destro
FOGGIA 6 PESCARA 6
a giro (proteste degli abruzzesi IL MIGLIORE IL MIGLIORE
per un precedente calcio di pu- FRANCESCO VINCENZO

1Deli porta avanti i rossoneri, l’attaccante pareggia su rigore nizione per un fallo, dubbio, di
Campagnaro).
DELI FIORILLO

Fiorillo e un palo aiutano gli abruzzesi, manca un penalty a Pillon 6,5 7


FIORILLO+MANCUSO Sulle ali
Non brilla in avvio ma cresce ed Infilato da Deli e aiutato dal palo su
dell’entusiasmo, i rossoneri co- esibisce una perla bellissima, facendo Iemmello, sull’1-0 tiene a galla il
minciano bene la ripresa e cre- centro (3a rete in campionato) con un Pescara salvando ancora su Iemmello
FOGGIA 1 ano diverse occasioni per rad- elegante destro a giro (Mazzeo s.v.) e Busellato.
doppiare. Deli sale in cattedra,
PESCARA 1 Busellato è sempre pronto ne-
LEALI 6 Incerto su Monachello, poi è CIOFANI 6 Argina il temuto Kragl.
gli inserimenti in zona d’attac- sempre sicuro. Rischia il rigore nel CAMPAGNARO 5,5 Al rientro, scivola
PRIMO TEMPO 1-0
MARCATORI Deli (F) al 44’ p.t.;
co. Ma il Foggia è sfortunato, recupero, travolgendo Brugman. ed è impallinato da Deli-gol.
Mancuso (P) su rigore al 22’ s.t. perché Iemmello da fuori area LOIACONO 6 Sbaglia qualche SCOGNAMIGLIO 6 E’ tosto in
centra il palo, poi Fiorillo si su- disimpegno, però presidia bene la marcatura, essenziale in impostazione.
FOGGIA (4-3-2-1) Leali; Loiacono, pera con una deviazione su un fascia destra. BALZANO 6 Concede poco a Galano,
Billong, Martinelli, Ranieri; diagonale di Busellato e ancora BILLONG 6 Concede poco agli che punge solo quando si accentra.
Busellato, Greco (dal 36’ s.t. attaccanti e forse non meriterebbe la MEMUSHAJ 6 Cuce difesa e attacco,
più con una respinta d’istinto «macchia» del rigore. facendo filtro e avanzando sino
Agnelli), Deli (dal 36’ s.t. Mazzeo);
Galano (dal 44’ s.t. Matarese),
su botta di Iemmello (imbecca- MARTINELLI 5,5 Dopo un primo all’area avversaria.
Kragl; Iemmello to da un’elegante palombella di tempo da incubo (errori in BRUGMAN 6,5 Sempre efficace, il
PANCHINA Sarri, Noppert, Galano). Aggrappato al suo costruzione), migliora nella ripresa. gioco passa dai suoi piedi: detta i
Boldor, Ingrosso, Marcucci, portiere, il Pescara non affonda RANIERI 6 Attende Memushaj e tenta tempi con aperture e lanci precisi.
Cicerelli e al 20’ beneficia di un rigore qualche avanzata. MELEGONI 6 Ha dinamismo e senso
ALLENATORE Padalino quanto meno dubbio, per un BUSELLATO 6,5 Garantisce equilibrio tattico. Agisce a sinistra e si presenta
tattico. Guarda a vista Brugman e pure al tiro.
contatto tra Billong e Mancuso: arriva al tiro. CRECCO 6 Entra bene. E’ prezioso a
PESCARA (4-3-1-2) Fiorillo;
Ciofani, Campagnaro, La festa del Pescara a Leonardo Mancuso, maglia numero 7 LAPRESSE dopo le proteste di Loiacono e GRECO 6 Fa interdizione e gioca metà campo e lesto a ripartire (botta
Scognamiglio, Balzano; Memushaj, compagni, sul dischetto vor- spesso a un tocco (Agnelli s.v.). di sinistro sull’esterno della rete).
Brugman, Melegoni (dal 23’ s.t. crescita, dopo la tappa positiva rebbe andarci Brugman, poi è GALANO 6 Continua a mancargli il MARRAS 6 Giocando tra le linee, sa
Crecco); Marras (dal 36’ s.t. Giuseppe Calvi a Palermo. Non ha vinto negli lo stesso Mancuso ad andare gol, però è in crescita. Delizioso l’assist sfuggire ai difensori e inventa qualche
Bruno); Mancuso, Monachello (dal INVIATO A FOGGIA ultimi 4 incontri, eppure Pillon alla battuta, con trasformazio- per Iemmello (Matarese s.v.). assist (Bruno s.v.).
40’ s.t. Del Sole) KRAGL 6 Si sacrifica ancora da MANCUSO 6,5 Quando pensi che sia
incassa il riscatto della sua cre- ne perfetta (tiro centrale) per il

C
PANCHINA Kastrati, Bettella, attaccante aggiunto. Punge poco nelle assente, su una nuvoletta lontana, si
Perrotta, Pinto, Kanoutè, on un gol strepitoso atura, dopo la scoppola per 5-1 pareggio. La formazione di Pa- ripartenze. desta e su rigore mette il timbro
Antonucci, Capone, Sottil, Bellini Francesco Deli illude il subita dal Brescia. dalino reagisce con iniziative IEMMELLO 6,5 Da solo fa reparto. decisivo.
ALLENATORE Pillon Foggia, poi vicino più disordinate, mai pericolose, e Cerca Galano, va alla conclusione: un MONACHELLO 5,5 E’ il più
volte al raddoppio. Ma ci pensa LE SCELTE Ancora con il 4-3- presta il fianco agli avversari: palo e una parata strepitosa di Fiorillo. intraprendente, ma anche sprecone
ARBITRO Volpi di Arezzo il solito Leonardo Mancuso a ri- 2-1, tra i pugliesi due novità: ci provano Scognamiglio, Mo- ALL. PADALINO 6 Sfiora il suo primo ed egoista (Del Sole s.v.).
ESPULSI nessuno successo casalingo. Un altro passetto ALL. PILLON 6 La squadra è viva,
portare in carreggiata il Pesca- Loiacono al posto dell’infortu- nachello e Crecco, senza suc- verso la salvezza. Deve, però, sfruttare mette la sfida sul piano del gioco e
AMMONITI Mancuso (P), Billong
(F), Busellato (F) per gioco ra: fa 13 (le sue reti in campio- nato Ngawa e Deli per lo squali- cesso. La pattuglia di Pillon, nel meglio la forza di Kragl crea diverse occasioni, pur
scorretto, Ranieri (F) per proteste nato), firmando il pareggio su ficato Gerbo. Passato al 4-3- recupero, reclama un altro ri- in progressione. esponendosi a imbucate in difesa.
NOTE paganti 2.284, incasso non rigore contestatissimo dai ros- 1-2, con Marras tra le linee, il gore, per un’uscita a valanga
comunicato; abbonati 7.346, quota soneri, che nel finale rischiano Pescara presenta quattro cam- del portiere Leali, che travolge
non comunicata. Tiri in porta 5
(con un palo)-6. Tiri fuori 6-9. In
però di subirne un altro, più
netto. Padalino (senza succes-
bi: gli inserimenti di Campa-
gnaro, Ciofani, Melegoni e Mo-
Brugman. Ma per l’arbitro Vol-
pi bastava e… avanzava quello
GLI ARBITRI
fuorigioco 0-2. Angoli 2-8. VOLPI Dopo aver dato un rigore per contatto Billong-Mancuso, perché
Recuperi: p.t. 0; s.t. 5’
so nelle sue tre gare allo «Zac- nachello. Parte bene il Foggia, assegnato a metà ripresa. 5 non punisce poi Leali che, platealmente, in uscita travolge Brugman?
cheria») registra un’ulteriore però dura poco, perché i bian- © RIPRODUZIONE RISERVATA L’assistente Lombardi non lo aiuta. MARGANI 6–LOMBARDI 5

IL POSTICIPO DI OGGI
CLASSIFICA
Venezia, in 3 out Nuovo SQUADRE PT PARTITE RETI

Esordio Mazan BRESCIA 42


G

22
V

11
N

9
P

2
F

49
S

30
Lecce, c’è Haye PALERMO
BENEVENTO
41
36
22
21
11
10
8
6
3
5
34
32
18
22
VENEZIA (4-3-3) PESCARA 35 22 9 8 5 31 29
LECCE 34 20 9 7 4 33 25
LECCE (4-3-1-2) SPEZIA 34 22 9 7 6 33 25
ORE 21 ARBITRO Giua di Olbia VERONA 33 22 8 9 5 33 26
PREZZI 8-40 euro TV Dazn CITTADELLA 30 22 7 9 6 23 21
12
VICARIO
L’ibrido PERUGIA
SALERNITANA
29
28
21
22
8
7
5
7
8
8
29
24
30
28

che non c’era


3 13 25 17 CREMONESE 27 22 6 9 7 22 20
BRUSCAGIN MODOLO CERNUTO MAZAN ASCOLI 25 20 6 7 7 20 25
18 21 16 VENEZIA 25 21 6 7 8 20 24
SEGRE SCHIAVONE BESEA COSENZA 24 22 5 9 8 18 27
LIVORNO 20 21 4 8 9 20 26
23 30 32 FOGGIA (-6) 20 22 6 8 8 29 34
LOMBARDI BOCALON VRIONI CROTONE 19 22 4 7 11 21 31
14 19 CARPI 18 22 4 6 12 21 40
PALOMBI LA MANTIA PADOVA 17 22 3 8 11 22 33
8
MANCOSU
SERIE A PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSIONI
13 7 4
HAYE TACHTSIDIS PETRICCIONE
27 16 25 24 IL PROGRAMMA
CALDERONI MECCARIELLO LUCIONI VENUTI BRESCIA-CARPI 3-1
22 CITTADELLA-SPEZIA 0-1
VIGORITO CREMONESE-PADOVA 0-0
PERUGIA-PALERMO 1-2
ANDATA 1-2
SALERNITANA-BENEVENTO 0-1
PANCHINA 1 Facchin, 22 Lezzerini,
4 Fornasier, 5 Coppolaro, 26 Garofalo, FOGGIA-PESCARA 1-1
27 Zampano, 7 Bentivoglio, 8 Suciu, LIVORNO-COSENZA 2-0
11 St Clair, 14 Pinato, 15 Zennaro, 28 Citro VERONA-CROTONE 1-1
ALLENATORE Zenga SQUALIFICATI OGGI
Domizzi, Di Mariano DIFFIDATI VENEZIA-LECCE ORE 21
Di Mariano INDISPONIBILI Rossi RIPOSA: ASCOLI

PANCHINA 1 Bleve, 2 Riccardi,


3 Di Matteo, 5 Cosenza, 15 Marino, PROSSIMO TURNO
28 Fiamozzi, 6 Arrigoni, 21 Felici,
23 Tabanelli, 9 Tumminello, 18 Saraniti,
Scoprilo sabato 16 e domenica 17 febbraio 24ª GIORNATA
VENERDÌ 15 FEBBRAIO
20 Falco. ALL. Liverani SQUAL. nessuno PALERMO-BRESCIA ORE 21 (1-2)
DIFFIDATI Scavone, Petriccione, Palombi,
Lucioni INDISPONIBILI Bovo, Scavone Qualunque sia il tuo viaggio, il nuovo Honda CR-V Hybrid cambierà il tuo modo di guidare. SABATO 16 FEBBRAIO
BENEVENTO-CITTADELLA ORE 15 (1-0)
CARPI-PERUGIA (1-0)
CR-V unisce raffinatezza, tecnologia, prestazioni e consumi ridotti, grazie all’esclusivo sistema ibrido i-MMD PADOVA-FOGGIA (1-2)
(Intelligent Multi Mode Drive) dotato di due motori elettrici. Il suo nuovo design e lo spazio ai vertici della ASCOLI-SALERNITANA
DOMENICA 17 FEBBRAIO
ORE 18 (1-1)

categoria ti conquisteranno in ogni avventura. CR-V è disponibile anche con il rinnovato sistema di trazione COSENZA-CREMONESE ORE 15 (0-2)
LECCE-LIVORNO (3-0)
AWD Real Time. Inoltre, disponibili di serie su tutta la gamma i più avanzati sistemi di sicurezza Honda Sensing. SPEZIA-VERONA ORE 21 (1-2)
LUNEDÌ 18 FEBBRAIO
Gamma CR-V Hybrid. Valori massimi: consumo di carburante (l/100km) ciclo urbano 5,1 – extraurbano 5,7 – combinato 5,5 (NEDC) low 6,3 – high 8,4 l/100km (WLTP); CROTONE-PESCARA ORE 21 (1-2)
emissioni CO2 nel ciclo combinato 120-126 g/km. (NEDC); 156-168 (WLTP). RIPOSA: VENEZIA

MARCATORI
21 RETI: Donnarumma (Brescia, 5)
13 RETI: Mancuso (Pescara, 2)
10 RETI: Coda (Benevento, 5)
9 RETI: Torregrossa (Brescia, 1)
Walter Zenga, 58 anni LAPRESSE 8 RETI: Pazzini (Verona, 3)