You are on page 1of 8

Corrado Malanga: “El Mundo Feliz es aquel

mundo donde cada uno es responsable sólo de sí


mismo”.
LF ha encontrado al conocido profesor e investigador, estudioso
de la exploración en el campo de los objetos voladores no
identificados desde casi cuarenta años, en ocasión de la
presentación de su último libro "Il Mondo felice", Ediciones
Spazio Interiore.
Publicado el 25 Febrero 2019 por Loredana Filoni

Corrado Malanga
Afirmar que el profesor Corrado Malanga es una persona prominente, una mente polifacética tan rara,
¡sería realmente simplista! Investigador y docente de Química Orgánica en la Universidad de Pisa
desde 1983, se interesa en la exploración en el campo de los objetos voladores no identificados desde
casi cuarenta años, durante los cuales, desde un inicio, organizó la investigación para el Centro
Ufológico Nacional (CUN) en calidad de responsable del Comité Técnico Científico, para luego
continuar su trabajo como fundador del Grupo Stargate Toscana. Ha sido columnista de importantes
revistas importantes como Notiziario Ufo, Ufo Network, Dossier Alieni, Stargate, Stargate Magazine,
Area 51, y colaborador de dos obras enciclopédicas sobre ovnis, y ha sido invitado muchas veces por
las principales cadenas radio-televisivas italianas para debatir el tema de los "ET". Entre las más
significativas investigaciones realizadas por el profesor Malanga recordamos los estudios sobre el
análisis del suelo de rastros de presuntos ovnis y los estudios sobre el fenómeno de los Crop Circle. Es
autor de los libros: "I fenomeni BVM" (Mondadori) con R. Pinotti y "Gli Ufo nella mente" (Bompiani).
Actualmente sus intereses están dirigidos hacia las problemáticas relacionadas con los Secuestros
Alienígenas (abducción), que estudia mediante técnicas de hipnosis regresiva y Programación
Neurolingüística.
Las presentaciones de sus libros verdaderos tour... ¡Un aplauso unánime de la asistencia de la multitud
de admiradores que vienen de todas partes de Italia y el mundo que son testigos fieles de ello! La
audiencia siempre rica identifica al profesor Corrado Malanga como un verdadero ídolo, una luminaria
absoluta en esta disciplina particular.
Lo que es continuamente visto en estos encuentros del profesor es su absoluta certeza con respecto a la
existencia de extraterrestres, basada en profundos estudios y sus teorías ampliamente demostradas. En
su opinión, estas criaturas tienen apariencia antropomorfa y, a pesar de que hayan tenido la capacidad
de crear tecnologías a la vanguardia para sus fines, no tienen una conciencia que logre ir más allá de un
enfoque egoísta. De hecho, los alienígenas querrían poseer nuestras ánimas porque las consideran una
gran reserva de energía, sirviéndose de ella para vivir por mucho tiempo o para alcanzar la
inmortalidad.
Leyendo esta increíble y profunda entrevista, entenderás con gran honor que LF ha entrevistado al que
considero un autentico luminar, ¡un maestro que fascina por su dialéctica y espesor mental! ¡Un
verdadero privilegio tenerlo entre nuestras paginas Profesor...!
Primero que todo, ¡bienvenido a las paginas de LF! Usted ha sido investigador universitario en el
departamento de Química y Química Industrial de la universidad de Pisa, donde ha enseñado
por más de 35 años Química Orgánica, Química Verde y Química de los Compuestos Elemento-
orgánicos...
"La Química siempre ha sido una de mis dos pasiones. De pequeño mis padres me regalaron el
Pequeño Químico y comencé de inmediato a hacer daños en casa, pero tomé confianza con el aspecto
alquímico de la materia. La Química es una ciencia que recuerda a la magia de la alquimia, donde a
través de los experimentos, se plasma la materia con la que esta hecha el Universo. Más tarde me
daría cuenta que esta era mi necesidad ancestral: la necesidad de entender que nosotros mismos, que
somos los Creadores Inconscientes del Todo, hemos construido el Universo entero. De hecho,
comprendí sólo después de años de estudio, que Galileo no había usado el método científico que todos
le atribuyen, para realizar sus estudios, sino que, en mi opinión, había utilizado un enfoque
conciencial que partía de la observación de un fenómeno físico en el intento, completamente
inconsciente, por recordar que ese fenómeno había sido creado por él mismo. En otras palabras, el
paradigma científico que dice que para estudiar algo fuera de nosotros debemos observarlo con
atención para aprender cómo ese se manifiesta, era incorrecto. El fenómeno físico no está fuera de
nosotros, sino adentro, no es misterioso sino en la acepción de que nosotros mismos, como creadores
del Universo, ya no recordamos como lo hemos construido. Galileo, al observar el movimiento del
péndulo, trataba de recordar inconscientemente como él mismo lo había creado. El mundo físico no
debía considerarse como un sistema de causas y efectos fuera de nosotros, sino que ese estaba,
primero que todo, dentro de nuestra mente creadora. Bueno, ¡sí! Mis colegas en el Departamento de
Química no querían relacionarse conmigo, al contrario que los estudiantes los cuales, aunque
admitían que yo desestabilizaba su modo de pensar, creían que talvez tenía razón, cuando afirmaba
que lo que está escrito en los libros escolares está casi completamente equivocado.”
Vamos a la parte de sus intereses que considero más "atractiva"... su interés en problemáticas
inherentes a las investigaciones sobre objetos voladores no identificados de matriz exógena al
planeta Tierra.
"Comencé a interesarme en el problema de la vida en el Cosmos cuando tenía casi dieciséis años.
Pensaba que si existían los Alienígenas en alguna parte o si esos ya habían pasado por estas partes,
como sostenían algunos estudiosos de Paleoastronáutica, se debía buscarlos para poder preguntarles
lo que no sabíamos del Universo. Preguntarles a ellos cómo está hecho el Cosmos, existe Dios, qué
hay después de la muerte del cuerpo físico, etcétera. Estudiar a los Alienígenas además nos habría
dado una idea de aquello en lo que nos convertiríamos en el futuro: también, era una ocasión para
poder entender mas sobre el Mundo Exterior. El resultado final, después de más de cuarenta años de
investigación, fue en la dirección opuesta y me llevó a entender más sobre como estamos hechos por
dentro."
¿Cómo comenzó este interés y a qué se debe?
"Todo comenzó cuando leí la Biblia, que consideraba un buen libro de ciencia ficción, un género
literario que me apasionaba. Luego vinieron las lecturas de los libros de Peter Kolosimo, de Erik Von
Daniken, que me convencieron de que razas alienígenas ya habían pisado este planeta en la
antigüedad. También se hizo cada vez más evidente, al estudiar la historia escrita en los libros, que esa
no era así. Me inscribí en una asociación privada que estudiaba o decía hacerlo, el fenómeno ovni.
Esta asociación, cuyo acrónimo CUN significaba: Centro Ufológico Nacional, estaba formada por
entusiastas que no tenían cultura científica. Como yo era el único que sabía de química y física, me
pusieron en su Junta Directiva casi de inmediato. Durante mis 35 años dentro de esa asociación, me di
cuenta de que el fenómeno de los objetos voladores no identificados era real. También me di cuenta de
que nadie quería identificar el fenómeno. La ciencia oficial estaba aterrorizada de hablar de ello y, sin
saberlo, los ufólogos querían mantener el misterio porque, si se hubiera identificado el fenómeno, ellos
dejarían de existir. Sin mencionar la Iglesia Católica, según la cual los Alienígenas no existían porque
en la Biblia se hablaba sólo de Ángeles y Demonios. En ese momento desarrollé estrategias de análisis
para estudiar el fenómeno ovni basado en técnicas instrumentales modernas para el análisis de
muestras, tanto de presuntos objetos no identificados en el planeta, como de las huellas que esos
dejaban en el suelo en caso de aterrizaje y contaminación del suelo terrestre".
Usted se ha ocupado particularmente de secuestros alienígenas (abducción) que ha estudiado
mediante técnicas de Hipnosis Regresiva y Programación Neurolingüística... ¿Nos habla de ello?
"El CUN me dio el encargo de estudiar el fenómeno de los secuestros alienígenas (abduction en
inglés), una fenomenología en la cual algunos habitantes de este planeta habrían sido abducidos
(secuestrados contra su voluntad) por seres alienígenas con fines completamente desconocidos en ese
momento. Nadie creía en esta fenomenología, pero el número de testimonios en el Mundo se volvía
cada vez mas grande. En los Estados Unidos, la fenomenología era estudiada haciendo uso de
técnicas hipnóticas por medio de las cuales, los sujetos que presuntamente habían sido abducidos,
tenían acceso a recuerdos que, por alguna misteriosa razón, los alienígenas habían borrado. El primer
caso que analicé en un periodo de unos dos años y medio, fue el caso de Valerio Lonzi, un jóven
genovés que un día se despierta, a la edad de 15 años, después de haber pasado una noche acampando
con los Scout, con tres misteriosas cicatrices de unos 15 centímetros en la espalda. Sus vagos
recuerdos hablaban de extrañas esferas luminosas que la noche anterior lo habían rodeado. Se pudo
recuperar sus recuerdos con la ayuda del doctor Moretti, conocido medico hipnólogo. Después de dos
años de sesiones hipnóticas, logramos reconstruir toda la vida de Valerio que había sido abducido más
veces por misteriosos seres acompañados por militares terrestres. De este episodio scaturi un libro
titulado "Los Ovnis en la Mente", que tuvo gran éxito y numerosas re-ediciones. Los italianos, leyendo
el libro se daban cuenta de que esta fenomenología no era sólo propia de los americanos y muchos
comenzaron a contactarme para contarme sus experiencias de abducción, que antes de ese instante no
habrían tenido el coraje de divulgar. Todo eso, en los años siguientes, me llevó a adquirir datos de
3.500 personas, implementando sofisticadas técnicas hipnóticas y de programación neurolingüística
(PNL) que, por primera vez en el mundo, entregaban explicaciones científicas sobre el fenómeno de las
abducciones alienígenas, pero también proporcionaban las metodologías para evitar la persecución
alienígena, que era visto como un fenómeno nefasto y destructivo para la psique humana. Un segundo
libro escrito por mi, titulado "Alieni o Demoni" (Alien cicatrix 1, 2 y 3), ponía en evidencia el
verdadero objetivo de las razas alienígenas en este planeta, relacionado con la presencia, en nuestro
cuerpo físico, de tres entidades que nos componen, a las que les dimos convencionalmente los nombres
de Ánima, Mente y Espíritu. Estas tres partes nuestras, con altrettante coscienze separate, eran
objetivo de la atención de los alienígenas que, en cambio, no poseían la parte anímica. Esta última
era, para ellos, la más interesante porque contenía las instrucciones para la inmortalidad del cuerpo.
Los alienígenas no querían morir y tomaban esa parte nuestra que, mediante manipulación
tecnológica, les permitía realizar su objetivo. Por lo tanto, los alienígenas representaban a esas
criaturas mitológicas y demoníacas que en el mito se disfrazaban de demonios o ángeles para robarle
el Ánima al Hombre, es decir, la Vida: así el mito era reescrito en clave moderna a través del estudio
de la abducción."
Cos’è il Triade Color Test Dinamico Flash?
“Dovevamo trovare un sistema per risolvere questa situazione. Il mondo scientifico si girava dall’altra
parte e così faceva anche il mondo della Religione. Tutta la fenomenologia veniva rigettata e rinchiusa
in una nicchia dove tutto si spiegava in termini di disagi psichiatrici. Ma le prove erano schiaccianti
anche da un punto di vista scientifico. Studiando queste fenomenologie con l’impiego di Ipnosi e PNL
creammo una serie di approcci chiamati “simulazioni mentali”, la cui ultima espressione prende il
nome di TCTDF cioè Triade Color Test Dinamico Flash. Studiando gli Alieni avevamo capito come era
fatto l’Uomo. Esso era formato di tre parti distinte ed isolabili, dette la Triade, composta da una parte
animica, una mentale ed una spirituale che corrispondevano rispettivamente alla parte femminile del
sé, a quella androgina ed a quella maschile, che a loro volta si esprimevano con le funzioni
dell’emisfero destro, del corpo calloso e dell’emisfero sinistro del cervello umano. Il TCTDF è una
simulazione mentale che tutti gli esseri umani possono effettuare, che fornisce, utilizzando un
approccio archetipale, una immediata visione del proprio stato di disagio legato alle problematiche
che ognuno possiede. Muovendo mentalmente tre archetipi all’interno della propria simulazione
mentale, modificandone spazi, tempi, colori e dimensioni, si risolvono e si comprendono gli stati di
disagio, trasformando l’essere umano, diviso in tre sub-entità, in un essere umano non più
caratterizzato dalla triade ma da una Coscienza generatrice e primordiale che, appunto perché non
divisa, torna ad avere piena consapevolezza di sé, ricorda di essere il Creatore dell’intero Universo e
non ha più bisogno di fare l’esperienza della adduzione aliena. Il TCTDF era dunque lo strumento per
tornare ad essere chi siamo sempre stati: i creatori, ma stavolta coscienti di esserlo.”
Ci parli del suo ultimo libro “Il mondo felice” con cui è impegnato in vari incontri un po’ in tutta
Italia …
“Lo studio delle fenomenologie aliene mi ha portato a comprendere che non si poteva capire
l’universo alieno se prima non si comprendeva come era fatto l’Uomo. L’osservazione della
fenomenologia adduttiva mi ha fatto comprendere che l’Uomo è alla ricerca di sé stesso da sempre e
che, a specchio, crea all’esterno di sé, le situazioni che dovrebbero fargli capire cosa egli non ha
capito e che non riesce a capire solo con una osservazione interiore. Da questo punto di vista avevo
notato che al di là di qualsiasi ideologia, l’Universo si basava sulla simmetria e sulle leggi della
entropia. Una società totalmente entropica dove la misura della consapevolezza del proprio sé
corrisponde a comprendere la propria Coscienza, prevedeva che il secondo principio della
termodinamica comandasse tutto. Esso recita che l’entropia, che è dunque una misura della
Coscienza, aumenti sempre a condizione che la simmetria dell’Universo aumenti. L’aumento della
simmetria si ottiene solo dalla unificazione delle parti del Tutto. Così come nel TCTDF si unificavano
le tre forme archetipali della Triade, nella società futura che diviene Mondo Felice, si uniscono le
forze, gli Spazi ed i Tempi. Si costruisce una società dove non ci sono dissimmetrie sociali e dove si
comprende che la dualità a cui oggi siamo abituati, è frutto di una categorizzazione che, chi comanda,
vuole far accettare al popolo. Non ci sono idee di destra o di sinistra ma solo idee. Non esiste armonia
e disarmonia ma solo gradi diversi di armonia, non c’è il pieno ed il vuoto perché la fisica quantistica
ci dice che questi due concetti sono la stessa identica cosa, non esiste differenza tra causa ed effetto,
tra domanda e risposta, tra buoni e cattivi ma esistono solo differenti gradi di consapevolezza
personale. Il Mondo Felice è quel mondo dove ognuno è responsabile solo di sé stesso. Dunque per
realizzare questa società, l’uomo deve smetterla di delegare un politico a governare per lui, deve
altresì smetterla di credere che un medico lo potrà guarire e deve smetterla di pensare che Dio esiste
soprattutto per sollevarlo dalla responsabilità delle proprie azioni. In questo contesto noi siamo ciò
che creiamo, la responsabilità è solo nostra e sta solo a noi comprenderlo.”
Come spiega il “reato d’opinione”?
“Nel Mondo Felice ognuno è responsabile solo di sé stesso ed è il partito di sé stesso. Ma nella società
odierna esiste la democrazia e la libertà personale? La risposta è NO! Non siamo in democrazia
perché bisognerebbe che fosse il popolo a comandare ma, de facto, questo non accade mai. Dunque
non esiste nemmeno la libertà. Semmai esiste l’idea errata che noi si sia liberi ma una analisi della
nostra attuale situazione mostra che in realtà i cittadini fanno solo quello che gli si dice di fare. Noi
siamo spinti a comprare i prodotti di cui qualcun altro ha stabilito che abbiamo bisogno, votiamo per
qualcuno che ci viene caldamente imposto, ci facciamo convincere dai mass media che le cose stiano
andando in un certo modo ma se ci azzardiamo a contestare il Potere, ecco che la Legge ci punisce.
Oggi si può solo pensare che il Governo del nostro Paese sia in mano a speculatori massonici che del
popolo se ne fregano ma tutto ciò non può per legge essere detto a meno che uno non voglia finire in
galera con il reato di sovversione del potere pubblico. Dunque se ne evince che tutte le rivoluzioni
storiche e politiche del pianeta in realtà sono scaturite da reati di opinione senza i quali oggi saremmo
ancora all’età della pietra. Dunque è solo nel trasgredire le leggi dello Stato che esso potrà evolvere
verso un Mondo Felice. Poter solo pensare che lo Stato è corrotto ma non poterlo dire ci rende
potenziali fiancheggiatori dei malfattori, e siccome se non facciamo nulla per cambiare diveniamo
collusi con essi, ecco che siamo tra l’incudine ed il martello. Infatti se facciamo qualcosa per cambiare
siamo penalizzati dal reato d’opinione ma se non facciamo nulla siamo penalizzati dalla collusione
con il Potere corrotto. Come uscire da questa situazione? Semplice: consideriamo che già tutte le
rivoluzioni sono state fatte ed alla fine è cambiato ben poco dell’essere umano. Abbiamo provato la
rivoluzione militare, quella culturale, quella religiosa, quella economica e quella sociale. L’unica
rivoluzione che non abbiamo ancora fatto è quella delle Coscienze. Essa si fa prima dentro di noi,
mettendo assieme le tre parti divise del nostro essere e solo dopo aver raggiunto il livello di Coscienza
integrata, ecco che possiamo cominciare a creare all’esterno di noi una realtà virtuale di cui noi
saremo gli artefici consapevoli e non i burattini che siamo ora, nelle mani di chi usa il “divide ed
impera” per rimanere per sempre al potere.”
Qual’è la sua idea sullo spazio interiore?
“L’idea che la dualità non esiste ma che è solo una immagine del tutto virtuale di un universo
olografico creato dalla nostra mente, può sembrare fantascienza ma in realtà è l’immagine che la
fisica delle particelle e la astrofisica tendono oggi a dare dell’Universo. Secondo l’astrofisica di
frontiera l’Universo sarebbe un ologramma piatto e su questo piatto, che rappresenta lo spazio-tempo
si estruderebbe una terza dimensione, l’energia che darebbe forma al concetto di massa. Energia
positiva e negativa fornirebbero un Universo fatto a specchio, dove massa ed anti-massa si
fronteggerebbero in continuazione. Un universo dunque apparentemente duale ma completamente
simmetrico. D’altra parte la quantistica moderna ci suggerisce che l’Universo sarebbe non locale cioè
non esisterebbe né lo spazio né il tempo né tantomeno l’energia che invece sarebbero percepiti come
tali dal nostro cervello che, secondo la nuova neurofisiologia sarebbe solo un lettore di ologrammi.
Tenendo presente che noi dunque vivremmo in un Universo frattalico ed olografico da noi stessi
inconsapevolmente creato, esso ci apparirebbe duale solo perché noi crederemmo sconsideratamente
che esso debba esserlo. In questo contesto l’Universo ci apparirebbe duale perché noi dunque lo
creiamo così. Ma la acquisizione di Coscienza ci farebbe comprendere, ad un certo punto della nostra
evoluzione, che la dualità è finta e che avrebbe il solo scopo di farne fare l’esperienza, per
comprendere, alla fine, che invece Tutto è Uno. Partendo da questa osservazione, in realtà non
esisterebbe il dentro ed il fuori. Non esisterebbe uno spazio interiore e nemmeno uno spazio esterno a
noi perché non esisterebbe lo spazio in sé. L’idea di dentro e fuori rappresenterebbe una barriera, un
concetto duale che dunque sarebbe falsificato dalla nostra percezione. Ma tale falsificazione avrebbe
lo scopo di farcene comprendere l’essenza. In questo Universo fintamente creduto duale, perché creato
tale, noi creeremmo al di fuori di noi, quelle immagini della realtà che sono lo specchio di ciò che non
abbiamo compreso dentro di noi, con lo scopo di cercare di capire noi stessi, fino in fondo. Il “dentro
di noi”, la “introspezione” sarebbero fini a se stessi poiché una volta compreso che il fuori ed il dentro
sono lo stesso luogo, ecco che il bisogno di uno “spazio interiore”cessa la sua funzione di acquisizione
di consapevolezza. Infatti l’unico modo per comprendere che siamo Uno è sperimentare la dualità.”
La Piramide di Cheope…dal passato si può costruire un futuro più comprensibile?
“Nella storia antica ci sono molti misteri ma una cosa è ormai acclarata, nonostante le resistenze dei
Poteri Forti, su questo pianeta sono esistite civiltà differenti dalla nostra che avevano nozioni
dell’Universo che noi non abbiamo ancora acquisito. Non dico che le civiltà precedenti fossero più
consapevoli ma dico che avevano una consapevolezza differente. La antica civiltà Egizia, come quella
pre Incaica o quella Babilonese avevano una mappa del territorio, cioè una visione della virtualità
basata sulla loro consapevolezza dell’universo che è palesemente diversa dalla nostra. Essi avevano
meno bisogno della tecnologia ma sapevano fare cose che oggi, con la tecnologia attuale, noi non
sappiamo fare. Sapevano usare la fisica del suono mentre noi ci siamo dedicati a quella della luce
mentre solo ora comprendiamo che cosa sia la relazione che lega un fotone con il suo corrispondente
fonone. Guardare al passato con questa chiave di lettura, ci permette di prendere spunto da chi
eravamo per evitare di fare gli stessi errori evolutivi che ci hanno più volte portati alla distruzione.
Avere di fronte a sé il passato per non ripercorrerlo più prevede di riconoscersi in chi eravamo.
Nell’istante in cui lo studioso di turno si pone di fronte al mistero del passato sta ancora una volta
ponendosi di fronte ai misteri della sua origine, sta ancora una volta cercando sè stesso e questo tipo
di ricerca si può fare solo se per un istante ci si ricorda chi eravamo, non per tornare ad esserlo ma
per costruire un Mondo Felice diverso e finalmente armonico.”
Qual’è la differenza tra l’umano con anima e colui che non ce l’ha?
“Nella ricerca effettuata, facendo uso dell’ipnosi profonda, ci siamo resi conto che la maggior parte
degli abitanti di questo pianeta erano composti solo di parte spirituale e parte mentale, contenute nel
corpo, il contenitore che la Chiesa Cattolica velatamente identificava come Tabernacolo della Trinità.
L’assenza della parte animica era dovuta alla decisione di quest’ultima di rifiutare l’esperienza
dolorosa per lei, della dualità. Tale esperienza è a nostro avviso obbligatoria per tutti ed, alla fine, le
parti animiche che ancora non sono entrate nei loro contenitori lo faranno con modalità diverse: ma lo
dovranno fare. Gli attuali non animici sono anche essi creature eterne poiché provvisti di Coscienza di
Spirito e Mente ma sono meno consapevoli di chi possiede anche il contributo della Coscienza
animica. Non si tratta di una umanità di sere B ma di una umanità con consapevolezza in ordine di
acquisizione, poiché l’Universo è costruito in modo tale che tutte le sue parti dovranno riunificarsi in
un unico Essere e dunque chi sta già facendo il percorso di consapevolezza dovrà attendere “ai bordi
del campo”, che tutti abbiano avuto il coraggio di fare l’esperienza della separazione e della dualità
poiché questo è l’unico compito che la coscienza si è prefissata.”
Cosa si sentirebbe di dire oggi alle persone più scettiche riguardo ai suoi lavori?
“Il problema della comprensione e della accettazione delle cose non è nelle mani di un ipotetico
maestro, che peraltro non esiste, ma è solo nelle mani di chi ascolta. Non è possibile insegnare niente
a nessuno perché, se dall’altra parte non esiste la consapevolezza, l’altro non potrà vedere l’Universo
come lo vedo io. In realtà non esiste un processo di apprendimento perché noi già sappiamo tutto: ma
non sappiamo di saperlo. Dobbiamo solo ricordarcelo. Dunque il processo di insegnamento è solo
passivo ed il docente mostra al discente solo sè stesso con l’esempio della sua realtà. Il discente, se
vuole e se ne ha consapevolezza, può prendere spunto dalla osservazione del docente e rivedere la sua
mappa del territorio.”
Cosa prevede il suo prossimo futuro?
“Il mio prossimo futuro è lo stesso frattalico futuro olografico di Tutti noi: giungere alla comprensione
totale. Questa non è una previsione ma una certezza dettata dal secondo principio della
termodinamica che, essendo un principio, è indimostrabile perché è così, senza né se e né ma. Dunque
prima o poi la consapevolezza sarà totale e l’umanità vivrà in un Mondo Felice senza né padri né
Padroni di sorta, consapevole del ruolo di creatori che abbiamo sempre avuto.”
Concludendo?
“Siccome tutto va a questo punto da solo, seguendo le regole della entropia, ci si può chiedere perché
sforzarsi tanto nella direzione del Mondo Felice, visto che esso si compierà comunque? La risposta è
perché è solo attraverso l’esperienza che si acquisisce la consapevolezza del Sè. Se non si fa, se non si
agisce, si rimane per sempre incollati ad una eterna realtà non evolutiva. Il non fare è la vera morte
della Coscienza che non potendo morire può al massimo muoversi come un bradipo, impiegando
milioni di crononi prima di divenire consapevole di sé. Allora perché non darci comunque una mossa e
fare prima a finire il nostro compito in classe?”