You are on page 1of 2

AVVENTURIERA (meno un tono?

)
Intro 4 battute dopo tastiera Re min (Peter Gun Theme)
RITMICA ROCK P.M Ottavi o intero

RE-                       SIb     
Dietro la città da una birreria
                   SOL           DO
la sua voce si confonde con la mia
RE-                      SIb
uno sguardo e poi non abito più qui
SOL                                   DO
e ho una corsa dentro che non so fermare

(Silenzio Chitarra)
FA              DO           Sib            DO
l'ombra della moto azzurra contro l'autostrada
      FA                     DO       Sib        DO
per gli occhi biondi dei ragazzi si faceva a gara.

Ritmica Rock PM Ottavi Sib - Do 2 giri poi stop e intro

Un'estate fa un'estate via


Sacchi sulle spalle fuoco sulle strade
Sangue bianco e nero una fotografia
Questo mondo che ci scappa dalla gola

Power Chord Intero

FA             DO          Sib             DO           


Partiremo insieme nel silenzio del mattino
FA                    DO        Sib          DO
nei tuoi occhi l'universo è sempre più vicino
    FA           DO          Sib           DO
e dove ogni bandiera si colora con il mare
FA            DO                 Sib       DO
là dove la terra  è il nostro unico confine.
         Sib           DO
no non no non c'è tempo
       
Sib       DO
via con te tornerò
           RE- SOL         RE- SOL…..
Avventuriera…..avventuriera
Oltre le città non si ferma mai
Questa lunga corsa in fondo all'avventura
E tu sola sai quello che darei
Per ricominciare un'altra volta ancora

Partiremo insieme senza limiti nel cuore


Quante lune su di noi nei giorni d'Israele
Finiremo in quel caffè di porta ticinese
Canteremo l'arabo ti bacerò in cinese

Sib Do
No no no non c'è tempo
E con te io sarò…

Stop Intro
Avventuriera..avventuriera…avventuriera…
Avventuriera..avventuriera…avventuriera
Avventuriera..avventuriera…avventuriera

Correremo insieme nella pioggia del mattino


Nei tuoi occhi nasce il giorno sempre più vicino
E dove ogni bandiera si colora con il mare
La dopo la terra e il nostro unico confine