You are on page 1of 2

Modalità di Partecipazione

La scheda di iscrizione, compilata in ogni sua parte, corredata dalla ricevuta del
versamento, va inviata entro il 14 Marzo 2001:
- tramite e-mail: segreteria@aikem.it
- tramite posta ad AIKEM c/o Luca Bonavia, Via Cuneo n. 7 - 28845 Domodossola (VB),
confermando telefonicamente l’iscrizione al numero 0324/46565;

Quote di partecipazione:
È richiesto il versamento di € 20,00 per l’iscrizione all’AIKEM, oppure € 50,00 per
l’iscrizione all’AIKEM e alla IKS (con diritto a ricevere il bollettino semestrale dell’IKS, in ASSOCIAZIONE ITALIANA KODÁLY per l'EDUCAZIONE MUSICALE
inglese/francese), quale quota associativa annuale per coloro che non sono già soci Via San Vito 31 – 50124 Firenze
dell’AIKEM per l’anno 2010/2011 e della quota di frequenza al seminario, pari a € 80,00. C.F.: 94034380488
E-mail: segreteria@aikem.it; www.aikem.it
Modalità di pagamento: Affiliated National Institutional Member of the International
- con bollettino postale sul CCP n. 23623507 intestato a A.I.K.E.M. (ASSOCIAZIONE Kodály Society
ITALIANA KODÁLY PER L’EDUCAZIONE MUSICALE), Via San Vito 31, 50124 - Firenze
- direttamente con carta di credito tramite Paypal sul sito alla pagina:
www.aikem.it/contatti.htm Seminario
Sede del Seminario
Zoltán Kodály:
Scuola di Musica Giuseppe Verdi
Via Santa Trinita n. 2/4 - 59100 Prato
dall’Arcaico alla Pedagogia della Musica

MODULO DI ISCRIZIONE

Il/la sottoscritt_ ___________________________________________________________

Nat_ a _______________________________________ il ___________________________

Indirizzo ___________________________________ Cap________ Città ______________

Telefono _____________________________ E-mail ______________________________ Scuola di Musica “Giuseppe Verdi”


Attività svolta ______________________________________________________________ Via Santa Trinita n. 2/4- PRATO

avendo effettuato il pagamento di € ______________ di cui allega ricevuta,


dichiara che intende frequentare il Seminario “Zoltán Kodály: dall’Arcaico alla Venerdì 25 / Domenica 27 Marzo 2011
Pedagogia della Musica”, che si svolgerà a Prato nei giorni 25-27 Marzo 2011.

(in relazione alla Legge n. 675/1996 sulla tutela della privacy, acconsente al trattamento dei dati di CON IL PATROCINIO DEL
cui sopra ai soli fini dell’iscrizione al Seminario)

____________________________ ___________________________
Data Firma
Paolo Bon - Musicista, compositore, direttore di coro e musicologo, è membro della Zoltán Kodály (1882-1967) non fu solamente uno dei maggiori compositori ungheresi del Novecento, ed
Commissione Artistica dell’ASAC e dal 2009 Presidente dell’AIKEM. Negli anni ’70 ha un intellettuale profondamente coinvolto dalle problematiche del proprio paese. Oltre che compositore fu,
dato vita al movimento “Nuova Coralità”, ispirato alla ricerca delle implicazioni insieme all’amico e collega Béla Bartók, uno studioso della musica tradizionale ungherese. Attraverso un
profonde della musica arcaico ed alla loro liberazione nel processo compositivo e decennale lavoro di ricerca sul campo, creò un esteso archivio di esiti della tradizione orale e riuscì a
nell’espressione corale. “Diatonomia” è il nome da lui dato ad una originale linguistica diffonderlo, traendone la base per la propria attività compositiva, nonché per il proprio percorso
musicale costruita sulla sua teoria evolutiva del diatonismo. Viene frequentemente didattico. Kodály fu infatti un illustre pedagogo ed educatore, e riuscì a rivoluzionare l’istituzione
invitato a partecipare a convegni, congressi, a tenere conferenze, corsi per direttori di musicale nazionale a tutti i livelli, dalla scuola materna all’università, sviluppando un sistema
coro, a far parte delle commissioni giudicatrici di concorsi corali e di composizione educativo compiutamente strutturato, e ancor oggi apprezzato in tutto il mondo. Il Seminario “Zoltán
corale, nazionali ed internazionali. Kodály: dall’Arcaico alla Pedagogia della Musica” ha lo scopo di illustrare origini, contenuti e
strumenti della pedagogia ideata da Zoltán Kodály, rivolgendosi ad insegnanti delle sucole di ogni
Maurizio Bovero - Diplomato in Chitarra ed in Prepolifonia, ha inoltre conseguito il ordine e grado, musicisti, direttori di coro, cantori e semplici appassionati, con particolare attenzione al
Diploma Accademico di II livello in chitarra. Nel frattempo ha approfondito un percorso ruolo assunto dagli stilemi arcaici nella sua attività di ricerca, didattica e composizione. Gli interventi
sulla didattica musicale, seguendo numerosi corsi riguardo alle metodologie storiche. Ha affronteranno dunque un’ampia gamma di situazioni ed applicazioni, sia con riferimento ai destinatari
conseguito lo Special Certificate nell’ambito del XIX International Kodály Seminar, presso dell’attività didattica (allievi, musicisti, cantori), che a tutti coloro che a vari livelli intendono
lo “Z.Kodály Pedagogical Institute of Music” di Kecskémét (HU), rilasciato alla fine di approfondire la natura e l’essenza della maieutica kodályana.
un percorso durato due anni. Tiene regolarmente seminari sulla didattica della musica e
corsi di aggiornamento per insegnanti. È stato per molti anni presidente e ricercatore del Metodologia della didattica musicale (Docente: Maurizio Bovero)
Centro Goitre, presso cui è stato docente dal 1999 al 2007, nel corso di didattica musicale Il Concetto kodályano: percorsi didattici per l’apprendimento del linguaggio musicale ed
“La musica in mente”. È docente presso la Scuola Media ad Indirizzo Musicale. organizzazione della lezione nella didattica kodályana, elaborazione di materiali per
l’educazione e l’istruzione musicale a differenti livelli, dalla scuola materna agli studi
Teresa Sappa - Ha iniziato gli studi musicali con R. Goitre. Diplomata in Chitarra ed in superiori.
Prepolifonia, ha inoltre conseguito il Diploma Accademico di II livello in chitarra e la
Laurea di II livello abilitante in didattica strumentale. Dopo un percorso di studi Il solfeggio nella concezione kodályana (Docente: Teresa Sappa)
biennale, nel 1997 consegue, presso lo “Z.Kodály Pedagogical Institute of Music” di
Solmisazione relativa, sistemi di lettura, ascolto interiore e memoria musicale, acquisizione
Kecskémét (HU), lo Special Certificate nell’ambito del XIX International Kodály Seminar.
del senso ritmico e formale, sviluppo dell’intonazione naturale. Pratica, studio e analisi del
Ha studiato direzione corale con C.Chiavazza, G.Graden, K.Suttner e P.Erdei. È
repertorio di differenti stili tratti dal repertorio della musica europea dal XV al XX secolo.
docente di chitarra presso la Scuola Media ad Indirizzo Musicale. Dal 1999 al 2007 ha
insegnato nel corso di didattica musicale “La musica in mente”, promosso dal Centro
Diatonomia evolutiva (Docente: Paolo Bon)
Goitre, e tiene regolarmente seminari e conferenze per importanti istituzioni in ambito
didattico e pedagogico. È direttore dell’Ensemble vocale Claricantus di Torino. La diatonomia muove dalla scoperta scientifica della generatrice diatonica: tale scoperta
consente di cogliere nella scala diatonica una struttura elastica ed in continua, incessante
espansione, in un processo che abbraccia l’intera storia dell’umanità e nella quale gli stadi
Luca Bonavia - Presidente dell’Associazione Cantar Storie di Domodossola, è dal 2009
dell’evoluzione hanno il respiro dilatato delle ere. La diatonomia evolutiva studia
componente del Consiglio Direttivo dell’AIKEM. Dal 2003 è direttore del Laboratorio
l’evoluzione della lingua diatonica, ovvero la lingua musicale dell’umanità. L’altra branca
Corale Cantar Storie, progetto di coralità amatoriale a voci virili, ed ha fondato nel 2009
della diatonomia, la diatonomia sistematica, si innesta su quella evolutiva e rappresenta la
il “Duo Zoltán Kodály”, progetto vocal-pianistico mirato all’esplorazione degli archetipi
prima linguistica musicale della storia, una scienza dunque che indaga le strutture della
orali celati nel repertorio liederistico mitteleuropeo. Ha vinto nel 2008 la Borsa di Studio
lingua musicale.
assegnata dall’AIKEM ed intitolata a Giovanni Mangione, ed ha frequentato nel 2009 il
Seminario Estivo in Pedagogia Musicale presso l’Istituto Zoltán Kodály di Kecskémét
(Ungheria). Svolge un’intensa attività di studio e divulgazione su tematiche legate a fonti La dimensione arcaica delle fonti orali (Docente: Luca Bonavia)
della tradizione orale, punto di partenza per la sua proposta di “Coralità dell’Arcaico”. Nel recente dibattito sulla natura delle fonti della tradizione orale tende ad emergere la
Collabora con la rivista “La Cartellina”. posizione di chi vi individua veri e propri “stilemi arcaici”, e non mere espressioni popolari e
localistiche, consentendo nel contempo profonde riflessioni sulla realtà degli archetipi orali,
letterari e musicali, e sulla loro valenza “cosmica”, estesa nel tempo e nello spazio.
Sono previste 16 ore di lezione. Nell’esperienza vissuta da Zoltán Kodály e Béla Bartók in territorio ungherese, nonché in
Il Corso si svolgerà nelle Giornate di Venerdì 25 Marzo (dalle ore 14.30 alle ore 18.30), simili tentativi di ricerca attuati in area italiana, all’acquisizione ed analisi degli esiti acquisiti
Sabato 26 Marzo (dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.30 alle ore 18.30) e alla fonte s’affianca un’attività di elaborazione e composizione musicale mirata a svelarne e
Domenica 27 Marzo (dalle ore 9.00 alle ore 13.00), presso la Scuola di Musica riportarne alla luce l’originaria dimensione arcaica.
Giuseppe Verdi, Via Santa Trinita n. 2/4 - PRATO