You are on page 1of 14

Perciò impara l’alchimia, che altrimenti

è chiamata spagiria, essa insegna a separare
il falso dal giusto
Paracelo

Nella parola “spagiria” sono contenute due parole greche: spao = separare, dividere, e agheiro =
collegare, unire.
Questi due concetti costituiscono la base di ogni vera operazione alchemica: Solve et coagula et
habebis Magisterium!
La spagirica é l’applicazione dell’alchimia alla produzione delle medicine.
Quando leggiamo che il grande medico Theophrastus von Hohenheim, conosciuto come Paracelsus
(1493-1541), produceva una gran parte delle sue famose medicine con procedimento alchemico,
dobbiamo pensare alla tradizione più alta dell’arte ermetica che ha ben poco a che fare con l’alchimia
volgare, “ che voleva solo fare del volgare oro”.
Questa tradizione ha le sue radici principali nell’Egitto antico, dove l’ermetismo fu insegnato nei templi
di Memphis e di Thebe. Dalle opere di Zosimo di Panopoli (Akhmin, 300 d.c.), apprendiamo che
l’alchimia, nell’antico Egitto, era esercitata sotto il controllo del re e dei sacerdoti e che era contro la
legge scrivere sull’argomento . L’insegnamento dei segreti alchemici era infatti affidato
esclusivamente alla trasmissione orale.
Lo studio e la pratica dell’alchimia arrivarono in Europa soprattutto con la cultura araba. Qui si
amalgamarono con la tradizione cristiana. La scienza spagirica, dunque, è molto antica, ma solo con
le opere di Paracelso diventa accessibile allo studio storico. Dice Paracelso nel suo Paragranum:
“ Il terzo fondamento su cui si basa la medicina è l’alchimia. Se il medico non possiede una buona
capacità ed esperienza in essa, tutta la sua arte sarà inutile”.
In che senso le preparazioni spagiriche sono diverse dalle semplici tinture?. La semplice tintura
(come anche l’infuso ed il decotto) sfrutta la potenza medicinale della pianta solo in parte. La
preparazione spagirica invece “apre” la pianta ed integra vari componenti dopo un processo
di separazione e di purificazione.
“Dato che la natura è enormemente sottile e penetrante nelle sue manifestazioni, non può essere
usata senza l’Arte.Infatti (la natura) non produce niente che sia perfetto in sé, ma lo deve perfezionare
l’uomo. E questa perfezione viene chiamata alchimia…E siccome la medicina non deve agire senza la
partecipazione del cielo, deve agire con questa. Perciò devi trattarla per liberarla dalla terra, perché
quest’ultima non è governata dal cielo, perciò bisogna eliminarla nella preparazione del medicinale.
Quando hai separato il medicinale (dalla terra) obbedirà alla volontà degli astri, cioè sarà guidato da
questi”.
( Paracelso, Paragranum )
La preparazione spagirica contiene, per esempio, anche i sali minerali, quali vengono estratti dalla
pianta durante il processo dell’incenerazione e della calcinazione. Questi sali sono in parte solubili in
acqua, in parte no. Quelli solubili sono anche chiamati sal salis nell’alchimia, quelli non solubili, caput
mortuum; l’esperienza dimostra che i primi hanno un grande valore medicinale.
La preparazione spagirica considera importanti i “tre principi filosofici”, il “mercurio”, lo “zolfo” ed il
“sale”. E’ una preparazione più completa che racchiude il valore medicinale della pianta in modo
integrale.
Per molto tempo la medicina moderna credette che l’azione farmaceutica di certe piante medicinali
fosse dovuta solo ad alcuni componenti isolabili, ma negli ultimi anni fu riscoperto che dipende
soprattutto dal sinergismo di fattori, non tutti conosciuti, né chimicamente precisabili.
Dice Paracelso: “Così la tua medicina deve portare i suoi frutti come l’estate porta i suoi. Dovete
sapere che l’estate fa questo con l’aiuto degli astri, non senza di essi. Se gli astri sono capaci di
questa azione dovete saper preparare la medicina in tal modo che sarà diretta dagli astri. Perché sono
loro che completano il lavoro del medico. E siccome sono loro ad agire, la medicina deve essere
compresa, classificata ed aggiustata secondo la loro (influenza)…
Così si deve capire che la medicina deve essere preparata negli astri (e cioè facendo riferimento
agli astri) e che gli astri diventano medicine”.

2. nell’Universo. Guardiamo un’incisione dall’opera Viridarium Chymicum. la seconda: il principio vitale. l’atma. i quali mostrano le caratteristiche di caldo. . ZOLFO. Nell’alchimia si usano i seguenti simboli: Sulla destra è rappresentato un re seduto su un leone ed un drago. che dirige e forma dall’interno tutto ciò che vive. il mercurio è il principio vitale e la Vita.solida . il solido. Francoforte 1624( figura ) Il triangolo rappresenta i tre principi filosofici. cioè lo zolfo ed il mercurio. che si manifestano materialmente e che rappresentano il sale. che si manifesta in un’infinità di forme. Lo zolfo è il fuoco primordiale ed anche il principio della forma. il principio maschile. benché siano diversi tra loro. il neutro. Ovunque. Sulla destra è rappresentato un re seduto su un leone ed un drago. seduta su un mostro marino. ed una salamandra. Ogni essere unisce in sé questi tre princìpi.4. l’atma. invece. Sulla destra della figura leggiamo: Anima. che si manifestano materialmente e che rappresentano il sale. Ovunque. il mercurio è il principio passivo. radiosa o eterica. vi è Diana. quello sinistro nell’acqua. detti “le tre sostanze”.Sono considerati la base di ogni manifestazione. I principi filosofici costituiscono una “unità nella triade”. che rappresenta lo zolfo. Ogni essere unisce in sé questi tre princìpi.( da Paragranum ) La triade (triplice manifestazione dell’esistente) di tutte le cose esistenti trova la sua espressione alchemica nei tre principi filosofici. il mercurio è l’umido primordiale. Lo zolfo è il principio attivo. Lo zolfo è l’anima ed il principio d’amore e del “fuoco invisibile”. che si manifesta in un’infinità di forme. Sulla sinistra. il sale è il corpo. dalle più semplici organizzazioni molecolari sino alle strutture più complesse. il sale costituisce l’equilibrio tra loro. la terza. che rappresenta il mercurio. vi sono anche rappresentati il Sole. Lo zolfo è il principio attivo. pressione e controllo della pressione ). la materia nel senso proprio. l’aria è calda e umida. Il corpo (sale) tra i piedi della figura centrale unisce in sé i due principi più alti. Questo angolo rappresenta il sale. cioè lo zolfo ed il mercurio. la coscienza. la potenza originale. il mercurio è il principio vitale e la Vita. che sono: terra. che rappresenta lo zolfo. la terza. e nella mano sinistra la vescica di un pesce ( aria. il fuoco è caldo e secco. vi è Diana.Si chiamano MERCURIO. ZOLFO significa: l’anima e la coscienza. il prana della tradizione indiana (anonimo e non cosciente). Sulla sinistra. che simbolizza il fuoco. Le due componenti zolfo e mercurio rappresentano la Legge della Polarità. prana. gassosa . Il vecchio porta nella mano destra una torcia ( fuoco. nell’Universo.Quest’angolo rappresente il mercurio. e SALE. cioè non si tratta di Hg o di S. il mercurio è l’umido primordiale. possiamo osservare tre forme di manifestazione coesistenti: la prima: le particelle sottilissime degli atomi. il sale è il corpo. il neutro. Queste ultime parole non hanno nulla in comune con gli elementi della chimica convenzionale. l’atma della tradizione indiana. questa coscienza è l’anima. che è neutro. che dirige e forma dall’interno tutto ciò che vive. liquida . luce. regale. Lo zolfo è l’anima ed il principio d’amore e del “fuoco invisibile”. il mercurio è il principio passivo. la potenza originale. solare. l’acqua è fredda e umida. invece. Sulla sinistra della figura centrale vediamo: Spiritus. la seconda: il principio vitale. che rappresenta il mercurio. questa coscienza è l’anima. acqua. La terra è fredda e secca. il principio femminile. Il corpo (sale) tra i piedi della figura centrale unisce in sé i due principi più alti. Nella terminologia alchemica MERCURIO significa: il principio vitale. solare. Nell’alchimia si usano i seguenti simboli: sale mercurio zolfo tre principi filosofici sono accessibili ai nostri sensi sotto quadruplice forma: 1. calore ). il volatile (l’uccello). freddo. Nella parte inferiore del triangolo vediamo un cubo circondato di stelle: è qui che la materia viene elaborata. seduta su un mostro marino. Questo angolo rappresenta lo zolfo.3. umido e secco. prana. il sale costituisce l’equilibrio tra loro. Lo zolfo è il fuoco primordiale ed anche il principio della forma.Il piede destro è sulla terra. aria e fuoco. essa è il corpo (corpus ). regale. Questa quadruplice forma si manifesta nei quattro elementi. dalle più semplici organizzazioni molecolari sino alle strutture più complesse. SALE significa: il corpo. C’è anche la Luna. la coscienza. possiamo osservare tre forme di manifestazione coesistenti: la prima: le particelle sottilissime degli atomi.

l’aria ed il vapore condensati. facilmente infiammabile.A causa delle loro duplici caratteristiche. perciò è anche chiamata “la grande tesoriera”. L’aria. cioè il substrato incorruttibile. intelletto. “Spiritus Coelestis”. La Quinta Essentia è il “nucleo spirituale” di tutte le cose. Essa penetra la Creazione. ed è mediatrice tra esso e l’acqua. Tutto ciò che esiste ha la sua origine in essa. cioè: il fuoco coagulato. l’attivo. e quest’ultimo decompone lo zucchero in alcool e biossido di carbonio. ragione. terra acqua aria fuoco Il grande alchimista Johannes Isaac Hollandus fa distinzione tra i due “elementi evidenti”. “Coelum”. “Seminarium Mundi”. Il vapore si condensa e diventa acqua. sulla quale qui nulla può essere detto. La terra e l’acqua sono elementi fissi. un mono-saccaride. gli elementi sono indicati con i seguenti simboli: Insieme essi formano il simbolo conosciuto anche come Sigillo di Salomone. “Terra Madre”. delle piante e degli animali. I quattro elementi. gli elementi alchemici sono forme di manifestazione delle sostanze. La fermentazione si svolge con l’aiuto dei lieviti.”Madre delle Acque”. che viene chiamata anche “ Piccola Opera” o “ Circolazione Minore” ma la “Grande Opera”. Esistono vari tipi di lievito. l’amore per la natura e per la Grande Famiglia. Nella nostra incisione troviamo gli elementi fissi rappresentati in basso. comunicabilità ed espansione tra gli esseri. fra . Nei quattro elementi è presente una Quinta Essentia. ma non possono essere decomposti direttamente dal lievito. è considerata il menstruum universale e la “madre delle cose”. presi due a due. E’ anche “portatrice del seme” e significa: saggezza. la vita. Più che essere elementi nel senso della chimica. i sentimenti. che sono microrganismi che producono un fermento chiamato zimasi. L’acqua è magnetica. Questi ultimi sono nascosti nei primi: l’aria nell’acqua ed il fuoco nella terra. E’ mediatrice tra l’aria e la terra. Questi ultimi due consistono in molecole di glucosio. il glucosio ( C6H12O6 ). “Acqua Celeste”. il penetrante. che tuttavia non è nessuno di essi. Essa viene chiamata “Madre”. “Fonte Perenne”. “Menstruum Celeste”. L’alcool è. l’assorbente. e – secondo Paracelso. il sottile. La terra è solida e racchiude in sé gli altri tre elementi. “Radix Substantialis”. nello stesso tempo. il creativo. Significa: il passivo. il fuoco e l’aria sono elementi volatili. E’ la matrice delle manifestazioni materiali che deve produrre l’immortalità e la vita eterna e portare alla coscienza ciò che ancora non possiede. la volontà. quali sono l’acqua e la terra. “Clavis Philosophorum”. caldo fuoco aria secco umido terra acqua freddo Nell’alchimia. fuoco ed acqua: è un liquido trasparente e chiaro. “Substantia Coelestis”. viene precipitata dal fuoco. onde senza di essa nulla può essere fatto” (Raimondo Lullo). dei minerali. “Spirito Universale”. si decompone in alcool etilico e biossido di carbonio secondo la formula C6H12O6 •'3f 2 C2H5OH + CO2 . cioè decomponendo la cellulosa o l’amido. il principio maschile. L’alcool etilico non si trova in natura allo stato libero. L’alcool può anche essere ottenuto dai polisaccaridi. che è più densa. hanno sempre una delle caratteristiche in comune. il nobile. ed i due elementi “influenzanti”. gli elementi possono trasformarsi uno nell’altro. il virtuoso. l’aria ed il fuoco. E’ fredda ed astringente. La Quinta Essentia è la forza vitale di tutti gli esseri viventi e di tutte le sostanze esistenti. cioè sostanze.“ l’estratto di tutti gli elementi”. “Oceano”. Il resto dell’incisione non riguarda tanto l’opera vegetabilia. In un certo senso. “ ’•þ••••••••”. il puro. L’acqua è la somma del fuoco e dell’aria coagulati. la generosità e l’altruismo. la potenza. “Animae Mundae”. E’ la madre dei metalli.”Mercurius”. la forza. Possiamo meditare anche sugli archetipi degli elementi: Il fuoco significa: calore. Durante la fermentazione la pianta è decomposta. chiarezza. quelli volatili sopra. purezza. Il Mercurio Nel regno vegetale il Mercurio è rappresentato dall’alcool etilico (C2H5OH ). E’ aria condensata o terra liquida. l’acqua coagulata. “…fa tutto. espansione. può essere paragonata all’etere o anche all’akasa delle filosofie esoteriche indiane. ma può essere ottenuto dalle piante con il processo della fermentazione seguito da distillazione.

Terminata la fermentazione. Sul Piano Psichico sono le Forze Intellettive ed emotive. cineolo e borneolo. Appartengono ad esso le varie manifestazioni elettromagnetiche che si traducono in colore. un alcool. antemolo. Continuando ancora a riscaldare la sostanza. come Forze Universali. tuttavia. avendo però l’accortezza di separare prima il mercurio e tutte le sostanze fisse attraverso filtrazione. come forze individuali. La proporzione dei componenti degli olii essenziali è molto variabile in rapporto alle condizioni di ambiente e di coltura delle piante. aumentando la temperatura fino a che rimane una sostanza grigia biancastra. chiamati anche olii eterici. fenomeni elettrici. i più interessanti per noi sono il lievito di vino e quello di birra. Mentre il mercurio è sempre lo stesso in tutto il regno vegetale. non si mescolano con acqua. quanto nell’uomo. Quando la sua concentrazione raggiunge circa il 20%. 9-12% di un chetone (mentone). Il liquido. Gli olii essenziali. ecc. e cioè carbonizzata. per esempio. Siccome essi non fanno parte del “mercurio” devono essere eliminati. Gli olii essenziali sono liquidi a temperatura ambiente. Continuando l’evaporazione del “miele” si ottiene una sostanza “vulcanica” simile alla lava. Tuttavia. glucosidi derivati dall’alpigenina. antosterina. ma galleggiano su di essa. Sette Leggi chiamate dagli Egizi Neter e dal mondo greco-latino Dei. tuttavia nell’alchimia vegetale esso viene spesso chiamato semplicemente “mercurio”. sostanze tanniche e resinose.pulegone ed altri derivati terpenici. Olio essenziale di camomilla: acido isobutirrico. ed inoltre un principio amaro di natura glucosidica.questi. Questa massa viene quindi calcinata. la composizione dell’olio essenziale in tre piante officinali: Olio essenziale di rosmarino: canfora speciale con pinene. sia prodotti derivanti dalla decomposizione di proteine. e sono volatili. azulene. che albergano tanto nell’Universo. 3-10% di mentolo esterificato con acido acetico e valerianico. acido diossicinnamico. che indicano con le loro storie mitologiche. . sia universali che individualizzate. cafene. è identico in tutto il regno vegetale. Olio essenziale di menta: 50-60% di un alcool secondario (mentolo). che contengono sia altri tipi di alcool. resinose. Benché sia sempre più esatto parlare del “portatore del mercurio”.della sitosterina.E’ importante sapere che il “portatore del mercurio”. della stigmasterina. espressione della Divinità nel suo Divenire. Una. secondo gli antichi. Scendono dalla Virtù Prima e attraverso i quattro piani di esistenza. l’azione dei lieviti è impedita. bruciano con fiamma fuligginosa. essa diventa dura e nera. L’attività dei lieviti dipende dalla temperatura ambiente. è retto da Sette Funzioni primarie. viene evaporato fino a quando ciò che rimane avrà la consistenza del miele. Durante la fermentazione si formano anche gli alcool amilici. si manifestano secondo il grado di materializzazione specifica di ogni piano. filtrato varie volte attraverso carta finissima. mentre rimane al di sotto di tali valori se la concentrazione di glucosio è inferiore al valore critico. e ancora sostanze amzre. sono sostanze di composizione molto complessa. la parte fissa dello zolfo si ottiene tramite evaporazione del liquido rimasto dopo la fermentazione.. Sul Piano Spirituale sono le virtù morali in senso generico. Diamo.acidi grassi liberi ed esterificati e forse anche un alcaloide. resina con tarassisterina cristallizzata. e nel corpo umano nei vari sistemi che supportano le sensazioni e la vegetatività del nostro corpo. l’alcool può essere distillato e rettificato. Sono il risultato della proporzione armonica che esiste tra i primi quattro numeri. che definiscono la Tetraktys Pitagorica. tale concentrazione finale può essere raggiunta solo se nella soluzione fermentata vi è una quantità sufficiente di glucosio. la composizione degli olii essenziali varia molta da una pianta all’altra. La temperatura ottimale di lavoro per il lievito di vino è tra 18 e 25 C°. e viene anche detta “sale dello zolfo”.angelato isobutirrico ed isoamilico. Sul Piano Energetico sono le varie forme sotto le quali si manifesta l’energia. cineolo.etere isoamilico. eccetera. le vie attraverso le quali queste leggi agiscono nel mondo. Lo Zolfo Nel regno vegetale lo zolfo è rappresentato in forma pura soprattutto dagli olii essenziali. che è considerata la parte solida dello zolfo. acido metilcrotonico. antosterolo e paraffina. La percentuale dell’alcool aumenta lentamente durante la fermentazione. eccetera. luce. cioè l’alcool etilico. come pure il Quaternario Mosaico.

scendendo nella progressione della Tabella degli elementi chimici. o coagulazione di due atomi di Idrogeno per formare un atomo di Elio. la sua capacità di focalizzare in un punto un fascio disperso. Sul Piano Morale è il potere di cristallizzazione. è il do. il metallo per eccellenza. per disgregazione atomica. la determinazione. permettendo in tal modo la liberazione di enormi quantità di energia. Si concretizza ancor di più. Intelligenza che governa e a cui sottostà ogni cosa. base di tutta la Chimica Organica. fattore di vita poiché è portatore di Fuoco. Tale simbolo è posto sul capo delle divinità egizie. i tempi. E’ ciò che succede nel nostro Sole. che ha maggiore lunghezza d’onda e ha minor velocità di vibrazione. l’ascesi che non concede nulla. che a sua volta trova riscontro in campo energetico e nel mondo atomico della materia in più elementi chimici. Sul Piano Psichico è il potere di concentrazione della mente. ed in ebraico. Saturno è il Fuoco che si nasconde nella materia. ultimo elemento della tabella di Mendelejeff. la freddezza. ma anche creativa. Quindi è potenza terribilmente distruttiva. Sul Piano Energetico è il colore viola. E’ Caino che. che inizia la sequenza musicale. e nel secondo Piccolo Periodo è il Silicio. dove si cominciano a contare le ore. E’ il grande tessuto su cui poggia la manifestazione materiale che è composta di atomi. la rigidezza. E’ il Fuoco che modella e trasmuta. Prendiamo ora in esame le Sette Funzioni individualmente: Sole E’ la Vita Universa e quindi Virtù Prima che si manifesta. Sul Piano Materiale la sua prima concretizzazione nella tabella di Mendelejeff è il Carbonio. che la nostra fisica libera nell’esplosione nucleare. base della crosta terrestre. il sacrificio. a piccola lunghezza d’onda e ad alta frequenza. Nel secondo Piccolo Periodo è lo Zolfo e. In Campo Energetico è il colore rosso. va al Kademekh. la figura geometrica più perfetta e simbolo stesso della perfezione.Su questo piano esiste una lunghezza d’onda ( spazio ) e la frequenza con la quale essa vibra ( tempo ). attraverso una maggior materializzazione ( peso atomico sempre più elevato e maggior numero di elettroni periferici ) al Quarto Grande Periodo. anzi. Esso non esiste nei due piani superiori. e vita significa combustione. oltre il quale non può più procedere e. E’ la coscienza. In questo campo nasce il concetto o la categoria mentale dello Spazio-Tempo. che si chiama anche chimica del Carbonio. che partendo dal primo Piccolo Periodo ( a peso atomico basso ed elettroni periferici in numero esiguo ) arrivano. E’ il Fuoco che diviene materia. fino ad arrivare al Piombo. secondo Mosé. E’ la stessa forza che nelle stelle provoca la riunione. per cui una qualità morale corrisponderà ad un potere psichico. composta dai 92 elementi che sono classificati nella Tabella di Mendelejeff. teniamo conto che l’Orienteé l’inizio del giorno.Sul Piano Fisico è la Materia Atomica propriamente detta. la sua forza di astrazione. la sorgente integrale della vita. E’ la divinità apollinea che suona la lira. mentre nel cristianesimo lo troviamo nella forma dell’ostia.E’ rappresentato da un cerchio. la nota più grave della scala. In Campo Atomico è l’elemento Ossigeno. Vi è perfetta corrispondenza analogica tra un piano e l’altro. in maggior condensazione è l’Oro. la materia raggiunge il massimo di accentramento cinetico. Kademekh significa inizio dei Tempi. Arrivati all’Uranio. Sul Piano Morale è la più alta concentrazione dello spirito creatore che domina e fa secondo Volontà. Sul Piano Psichico è la parte superiore della coscienza atta a dirigere e ad esercitare una autorità naturale su ogni cosa. si ritrasforma in energia. La vulgata traduce questa parola con Oriente. nelle note musicali è il Fa. Saturno E’ il potere di coagulazione che esiste nell’Universo. il maestro che dirige la grande sinfonia della vita. . Se ci riferiamo alle note musicali. è Fuoco divenuto Materia.

schiuma provocata dai genitali di Urano. Sul Piano Psichico è la larghezza di vedute che utilizza il vasto campo visivo. Sono fortemente alcalini e quindi eminentemente femminili. E’ l’amore che permette che il principio di attrazione si stabilisca tra le varie specie manifestate. della melodia dei suoni. ovvero di passionalità e di intelligenza. l’equilibrio. e quindi chiamato anche il Vecchio. Nel Campo Energetico è il colore azzurro. dell’incantesimo dei colori. piacevoli. Nella seconda colonna del Primo Grande Periodo si cristallizza ulteriormente nel Rame. come dissero gli Egizi. Saturno. etere. come legame armonico tra i colori estremi. e per affinità i suoi componenti si legano tra di loro. Nel Campo Fisico si concretizza nell’elemento Sodio e nel Primo Grande Periodo nell’elemento del Potassio. E’ il fratricidio che commette Caino nei confronti di Abele. che è la nota del canto gregoriano e della musica indù. E’ la Funzione che immette in ogni manifestazione il sigillo della bellezza. Porta del Cielo. La materia che si va formando sotto la spinta coagulante di Saturno. trova il suo equilibrio armonico con Venere. secondo Esiodo. dalla schiuma del mare. il più Antico. Saturno è il determinismo. elementi chimici più pesanti. ed il Calcio del Primo .E’ la forza che fa si che le stelle. Sono i due elementi che hanno una grande importanza a livello renale. Risulta pertanto anche una potenza palingenetica. ove Venere è regina. o l’Antico dei Giorni. “I fenomeni che sorgono dal mare dell’essere” come dice la Bibbia a proposito del sacrificio di Caino. la seconda: Venere E’ il momento del matrimonio dell’intelligenza con la materia. il grande cosmogono greco. vera Janua Coeli. E’ il gusto dell’arte nel senso più ampio della parola. vero trait d’union tra tutti i fenomeni. la simpatia che permette che vi siano tra gli esseri rapporti armonici. ne sorge immediatamente un’altra. siano essi religiosi o sociali. ove da una parte esiste la libertà e dall’altro il determinismo. quello dell’esistenza degli esseri. nel campo delle lunghezze d’onda visibili. Per mare si intendono le molteplicità delle manifestazioni emergenti. Sul Piano Morale è l’ordine costituito. è il primo Dio nato. Sul Piano Energetico. è il colore verde. si materializzano sempre di più. che abbraccia i vasti problemi della vita. e per schiuma una unione intima di acqua ed aria. della grazia. che significa libertà. Urano è la libertà. Tra le note musicali è il Re. sono gli spazi liberi e la sua radice deriva dal greco aer che significa aria. che divide i due piani. e la radice di Abele è BL. Sul Piano Fisico è il Magnesio del secondo piccolo periodo. per poter regnare al suo posto. introducendo nel loro seno. il colore del cielo che sta sopra di noi. Venere. Dopo questa prima funzione. amabili. più materializzati. Sul Piano Psichico è la dolcezza. mentre la radice di Caino è KOF. la regalità che governa. Giove Il sole che divenuto materia. secondo Esiodo. Esso evira il padre Urano. il Cielo. devono essere pervasi dalla luce dell’intelligenza che piove dall’alto. fino alla moret della stella stessa. Sul Piano Spirituale rappresenta l’armonia. e sul cui metro armonico furono costruite le cattedrali gotiche. della purezza delle forme. per effetto di queste reazioni. la conduce allo stato di stella a neutroni. alla massima compattezza possibile. Nelle note musicali è il sol. E’ la forza di attrazione che esiste a livello atomico tra due polarità diverse. quindi è anche l’espansione che si proietta su tutto ciò che esiste. in base alle reazioni nucleari che in esse avvengono. E’ lo spirito sintetico di giudizio. E’ il coraggio e la sicurezza che derivano dalla rettitudine e dalla giusta valutazione degli avvenimenti. ( allocuzione poi ripresa dagli Ebrei ). che significa costrizione. facendola poi esplodere in modo che essa rivoluisca verso un’altra dimensione: quella energetica. saggio ed equo. Saturno è quella forza che dopo aver fatto morire la stella come sorgente di luce e di energia. usa tutto quanto occorre per l’ultima destinazione. che non a torto è al centro dello spettro visibile. nasce subito dopo Saturno. percorribili tanto in un senso come nell’altro. la forza costringente.

Opposto all’archetipo venusiano. Sul Piano Morale è il principio stesso del dinamismo. Marte rappresenta l’altro polo. di contatto. nella gamma delle onde visibili. nel primo e secondo piccolo periodo. Su di un piano più concreto è l’elemento dello Zinco e poi dello Stagno. così importante nel fenomeno della fosforilasi. e la forza puramente statica. si dica dare il la. Nel simbolismo di ogni dea o ninfa o mortale. e in campo ancor più materializzato. . determinante nel sangue. inchiodato con chiodi di ferro. sentenziando che alla base della stessa esiste “la lotta per l’esistenza”. ed anche quelli più recenti di stile gotico. il potere di analisi. nel primo grande periodo è l’Azoto. che è il sistema cerebrale a un “fuori”. e quindi è fattore di individuazione. della forza. donne mortali. Mercurio E’ la facoltà che rende l’universo cosciente di se stesso. Ciò vale anche in campo palingenetico. materiale marziano. i prodotti organici contenenti azoto hanno azione sul mentale.grande periodo. Nello stesso tempo esaspera le condizioni per il mantenimento dell’esistenza di ogni essere. dell’energia. sotto forma di carbonati. In quanto proiezione su tutto ciò che esiste. Marte è il pianeta dell’istinto animale. in ossequio all’archetipo. e nelle note musicali è il Mi. dalle quali ha numerosa prole. ma anche di trasmetterle tramite la parola e quindi di portare le idee da un “dentro”. vi è un significato analogico molto profondo. per suo tramite la volontà ha uno scapo verso cui dirigersi e creare gli impulsi necessari per agire. la presenza del ferro. il colore della tonaca del monaco buddista che si sente messaggero degli dei tramite un mondo superiore a quello materiale. e non a caso il sistema planetario lo colloca molto vicino al sole. Sul Piani Psichico è l’esteriorizzazione e la creazione del mentale. di movimento perpetuo. segna i due alogeni. fattore di tutti gli scambi che avvengono tra il terreno e la pianta. E’ il Messaggero degli Dei che non solo dona la facoltà di creare le idee. Sul Piano Energetico. trascurando tutto il resto. Sul Piano fisico. Tra le note musicali è il La ed è sintomatico come nel gergo comune. Negli animali superiori. Sul Piano Psichico è la velocità di appercezione ed il mezzo che può rendere possibili le manifestazioni del mondo intellettuale sul piano fisico. il Manganese. ove il glucosio viene introdotto nella cellula da un fuori che è il sangue. costituiscono la vasta schiera dei marmi con cui furono costruiti i templi più antichi. In campo stellare è il processo di irradiazione che esercita una stella. di interscambio. è il colore arancione. E’ un fattore di progresso in ogni genere di manifestazione in quanto spinge verso la conoscenza. quando si vuole indicare l’inizio di una azione. di legame. In campo stellare è la forza espandente nelle esplosioni celesti che consente alla stella collassata di assumere una nuova individualità in una dimensione diversa da quella che aveva in precedenza. calcio e magnesio che in unione. e mentre Venere è il simbolo dell’amore passivo e magnetico che attira. E’ un archetipo di instabilità. Sul Piano Energetico è il colore giallo. dove il simbolismo della morte del Cristo sulla croce. il Cloro e il Fluoro. il Ferro ed il Cobalto. Nel primo grande periodo è l’Arsenico e in uno stato di maggiore condensazione è il Mercurio volgare o Argento vivo. Senza questa azione il mondo sarebbe inerte. In campo biochimico. questa Funzione richiama gli amori mitologici di Giove. stimolando al più alto grado il senso critico. Sul Piano Spirituale è il modo di espressione. di possedere. Marte Rappresenta il Sole nell’atto di esplicare la sua Volontà. ninfe. del movimento. il senso delle realtà concrete. di comunicazione. Lo studio della Natura da parte della scienza contemporanea ha colto solo questo lato della vita. di diffusione e di dispersione costante delle energie sotto il controllo del mentale. della passione che cerca di conquistare. Nel secondo piccolo periodo è il Fosforo. Sul Piano Fisico. è un chiaro esempio. ne permette la funzione come principio di individuazione. che si unisce a dee.

i talismani non dovrebbero destare più meraviglia. Sul Piano Psichico mentre il sole è la volontà cosciente e volitiva. dà origine all’electrum. primo fra tutti. lega delle Sette Funzionalità. Verso una maggiore materializzazione. . Nasce la possibilità di creare una chimica alchimica di enorme importanza. vegetali o animali che rappresentano il vasto mondo fenomenico. quindi rappresenta il processo fecondativo e creativo. ma si servono del Circuito Zodiacale. Mentre la radice percepisce la qualità del terreno e compenetra l’intera pianta dei processi salini. con gli organi di senso della regione del capo. per analogia. L’uomo se ne distacca e muove verso l’alto. Gli individui chimici semplici. virtù prima piano morale piano psichico piano energetico piano materiale Cosa si coglie Se si pongono a confronto l’uomo e il vegetale. Le due parti sono le più dure di tutto l’intero oganismo. Stagno (Giove). Argento (Luna). in quel punto si cristallizza l’individuo in questione. L’unione dei Sette Metalli. o segno zodiacale. si nota come l’uno sia la proiezione speculare rovesciata dell’altro. l’uomo. ovvero gli operatori correttivi che mettono in sintonia determinate Funzionalità del corpo umano. operata secondo determinate modalità celesti e seguendo una tecnica ben precisa. Dopo gli attuali studi di Lakowsky sugli anelli metallici apportatori di salute quando vengono posti attorno al corpo. Lavorare sugli individui chimici significa lavorare sulle Sette Funzioni in modo diretto. furono indicati precipuamente nell’Oro (Sole). riceve la sua forza esistenziale dalla Funzione.Rame (Venere).Piombo (Saturno). Per così dire. espressione del Settenario universale. Al capo dell’uomo corrisponde la radice della pianta. e nel secondo piccolo periodo è l’Alluminio. quindi la mutabilità. vive in continuo contatto con l’ambiente esterno. siano essi minerali. le più mineralizzate. rappresenta l’argento. L’intuizione di Paracelo lo condusse. Mercurio (Mercurio). Come abbiamo visto le Sette Funzioni arrivano a materializzarsi fino al regno atomico. le Funzioni si proiettano su di un dato settore dell’anno. fino agli elementi radioattivi. reggendo le emozioni e l’impressionabilità psichica. superiore alla vecchia alchimia metallurgica. Evoca. che sono uscite dal loro equilibrio normale. mentre la sua veste di materia la sua forma gli viene data dal settore specifico dell’anno su cui si è posata la Funzione. in campo atomico è il Boro.Luna Sul Piano Spirituale è il sole nel suo riflesso immaginativo. impiegate in modo massivo dagli antichi e giudicato dalla nostra archeologia come la necessità. da parte dei nostri padri. e dove esse colpiscono. malattia dovuta ad un eccesso di Fuoco( Marte-Cloro ) nei contatti fra due persone di sesso opposto (Mercurio ).per poi ritornare energia. Per la concretizzazione dei vari individui e dei vari esseri. ove le Sette Funzioni si presentano sul limitare del corpo della materia in tutta la loro potenzialità intrinseca. si immedesima con la forza di gravità. pag 18). la Luna rappresenta la qualità negativa costituita dall’immaginazione e dalla memoria. introducendovi metalli meno nobili. Per cui l’essere che entra in manifestazione. E’ la materia che si lascia plasmare e fecondare. che costituisce il grande tessuto della materia. In tal senso esse passano di periodo in Periodo nella sequenza atomica di Mendelejeff (in figura. di risparmiare Oro e Argento nella costruzione dei monili. Sono i Sette elementi che la tradizione assegna alla confezione dei talismani. senza ricorrere all’intermediario dei Dodici. La pianta si inserisce con la radice nella terra. ad impiegare il calomelano nella cura della blenorragia. il principio femminile dell’universo e anche quello della madre. Sul Piano Energetico è il colore indaco e tra le noti musicali è il Si. e che pertanto sono costituiti da una agglomerazione di atomi. le Sette Funzioni non entrano direttamente in gioco. ovvero delle 12 Potenzialità. Sul Piano Fisico. verso una materializzazione crescente.

come nel caso precedente. tenuto conto che in questo caso particolare sono le due Funzioni che caratterizzano la pianta. si deve cogliere nel giorno di Mercurio e nell’ora planetaria corrispondente. nell’alchimia verde. Quindi. assume importanza lo stato celeste del dispositore del segno ove si trova il pianeta. Giove. Giove. come pure la pianta.Ci si può rendere conto come i testi di erboristeria che suggeriscono di raccogliere l’erba al levar del sole. L’ultimo fattore che gli alchimisti prendevano in considerazione era la situazione planetaria celeste. Infine al fiore corrispondono gli organi riproduttivi dell’uomo. mentre le radici cureranno prevalentemente gli organi nervosi e sensoriali dell’uomo. Nel caso della Lavanda. il liquido encefalico ove è contenuto il cervello. che in giugno. al primo sorgere del sole. Perciò la tintura spagirica ha la capacità di tingere l’aura dell’essere con cui entra in relazione. Luna) va colta nel giorno e nell’ora che appartengono alla stessa Funzionalità. provvede alla respirazione e alla circolazione. Se si vuole sfruttare la Funzionalità secondaria lunare. A riguardo di tutta la coorte dei pianeti. non siano in errore. o verso mezzogiorno. il carboidrato con l’aiuto della clorofilla.s. D’altra parte clorofilla e sangue sono formati da quattro gruppi pirrolici al cui centro della molecola vi è per l’uomo il ferro. riesce ad intervenire su piani diversi oltre quello puramente fisico ed organico. equilibrando o rinforzando i colori mancanti. ma non in opposizione o in quadratura. Ecco perché la t. Funzione della pianta. Mercurio si deve trovare in buon aspetto con la Luna. la Funzione si trova in esilio o in caduta. la lavorazione spagirica non si limita ad estrarre esclusivamente i principi attivi materiali ma estrae dalla pianta anche le sue vibrazioni più sottili. giudicandola l’ora migliore. per la pianta il magnesio. nella regione toracica. colorare. Quando cogliere Ogni testo alchimico od ermetico del medioevo riporta. la Lavanda andrà colta il giorno di Lunedì. benché anche in questo caso la sua azione risulti spesso molto più rapida ed efficace rispetto ad una semplice tintura madre. è il pianeta relativo alla Funzione in questione ed il suo aspetto che ha con la Luna. Questo significa la grande importanza che viene attribuita alla suddivisione del tempo in campo alchimico. Così i frutti ed i semi agiscono di preferenza sugli organi del ricambio. La parte mediana del corpo corrisponde alle foglie ed al fusto. L’uomo. dall’altra si cercano gli elementi Aria ed Acqua. le foglie ed i fusti agiscono sul sistema toracico. Vanno evitati i segni in cui. Si è in grado ora di sapere con esattezza in quale ora della giornata un’erba va colta e quando un’operazione spagirica può essere iniziata.30. giorno per giorno. In quel momento. e come il fiore trasforma l’amido in zuccheri. Un’altra ora è l’ottava dello stesso giorno.Con le stesse parti corrispondenti. Venere. cuore e polmoni. Marte. nelle foglie e nel fusto. epoca della raccolta. ovvero la loro posizione in un determinato segno zodiacale e nel rispettivo decano. però. La parola tintura rimanda sicuramente all’idea di tingere. radice e capo. da una parte si ricerca l’elemento Terra. secondo la vecchia astrologia. questo termine si riferisce all’aura eterica che promana da ogni tintura. Marte. Gli aspetti che formano tra di loro due corpi celesti devono essere armonici e quindi in trigono o in sestile o indifferenti. ciò che interessa.m. o nel primo pomeriggio. e qualora fosse peregrino. oltre allo stato generale del cielo. l’ancorazione più tenace e più completa con la Madre. le Ore Planetarie con i loro segni sfigmici ed il loro nome ermetico. con il processo assimilativo. Inoltre va considerato il loro stato celeste. . dell’ora sono coincidenti e in perfetta sintonia. così nell’uomo corrispondono i processi del ricambio. che la raccolta avvenga nel giorno in cui la Funzionalità dell’erba sia identica alla funzionalità del giorno. La prima ora al levar del sole di Mercoledì è quella che ci interessa. respira e forma. del giorno. Mercurio.a patto. si ripete nelle prime ore del pomeriggio verso le 13. Non è un mistero che molte piante contengano dei pigmenti che si possono estrarre ed usare come coloranti ma. L’erba che possiede una data Funzionalità primaria(Saturno. inserendovi sostanze aromatiche. Sole. Per esempio la Lavanda che è Mercuriana.

che sono accomunati dalla stessa qualità essenziale che prende il nome di archetipo. che tornerà a riposare. esclusivamente selvatica. gli archetipi della serie caldaica. deve essere presa nei giorni e nelle ore che le sono confacenti. Gli archetipi principali della spagiria sono: i quattro elementi. Dopo altri tre mesi si eseguono una nuova filtrazione e calcinazione. Ognuno di essi è latore di precise potenzialità terapeutiche. L’ultima fase del lavoro è quella della dinamizzazione. i dodici segni astrologici. essa si diffuse presso il mondo greco per giungere infine a Roma. viene suddivisa in due parti: una è destinata al processo di infusione idro-alcoolica.s.Il principio alchemico L’alchimia verde. Quindi è il momento di distillare la parte liquida fermentata. ed una solida che si calcina a temperature mai superiori ai 400°. . Dopo tre mesi di riposo. La mole della pianta. venga ad essere il tramite che pone in risonanza gli organi o le funzioni dell’essere umano con l’archetipo corrispondente.S. il risultato di questi processi viene torchiato e filtrato. Otterremo quindi una massa liquida. Il primo passo è quello della raccolta dato che ogni pianta. frutti SEGNATURA saturno giove marte sole venere mercurio luna UOMO epifisi ipofisi tiroide cuore reni polmoni e intestino stomaco e gonadi A questo punto consideriamo come la t. Un esempio basilare di analogia è l’associazione fra le varie parti di una pianta. ovvero quella che tratta la materia del regno vegetale. semi. Di qui.m. gli archetipi che le sottendono e l’essere umano: PIANTA radice profonda radice media bulbo e colletto livello del terreno fusto foglie fiori. I momenti di lavorazione delle T. che si lavora quando è ancora fresca. l’altra a quello di fermentazione. pare sia nata nella Terra d’Egitto.M. La stessa tradizione alchemica perdura inalterata fino ai nostri giorni ed è basata essenzialmente sul principio e l’uso dell’analogia. Il distillato lo si congiunge con il liquido di infusione e le ceneri che vengono dalla parte solida. ovvero l’accostamento di fenomeni diversi nella forma ma simili nella sostanza.

Esso si dimostra essenziale perché ci permette di selezionare il rimedio corretto fra tanti che hanno virtù terapeutiche simili. oppure utilizzare strumenti quali il biotensor.m. L’Olivo è adeguato alla carenza solare dovuta alla tendenza a reiterare delusioni e disillusioni. la persona non riesce a donarsi ed esprimersi.s.. Benché sia impossibile sintetizzare una materia così vasta. risolve i problemi di comunicazione e interscambio. Nonostante l’indubitabile azione biochimica.Posologia ed istruzioni DOSAGGI 7 gocce 5 gocce 3 gocce 1 goccia SIMBOLI terra acqua aria fuoco PIANI corpo fisico anima sentimentale anima intellettuale spirito Le potenzialità insite nelle t. di ogni pianta. prima di bere. vogliamo comunque introdurre il concetto operativo della segnatura. Cercando. ad esempio. il pendolo. ovvero l’appartenenza ad un determinato archetipo.. A questo punto sceglieremo il rimedio che meglio rappresenta la situazione in esame e procederemo a rimuovere le cause dello squilibrio in atto. Dosaggi più alti possono interferire con gli effetti più sottili. imprimere alla soluzione una leggera scossa rotatoria. come quello elettromagnetico. ed interessanti ma sono utili quando sia necessario ottenere l’effetto biochimico associato al rimedio. ovvero l’eccessiva tendenza a chiudersi in sé. la kinesiologia. La spagiria come tecnica di trasformazione dei soggetti vegetali in elementi curativi attraversa tutta la storia della civiltà così come noi occidentali la intendiamo. questa medicina rispetta il principio secondo cui più il dosaggio è basso e più l’effetto è sottile. pianta mercuriale. Per procedere ad una corretta assunzione. basterà far riposare qualche minuto la dose di tintura in un po’ d’acqua e. Come scegliere la corretta t.s. L’Origano. Le prime tracce di questa scienza sono . Naturalmente possiamo anche ricorrere all’anamnesi di tutti i sintomi di un paziente e quindi cercare la pianta che ne copra il numero maggiore.m. L’Assenzio riguarda gli squilibri di Marte. Il sistema proprio di indagine che concerne le metodiche alchemiche è quello dell’astrologia egizia. un rimedio afrodisiaco potremmo trovare le seguenti piante: Equiseto (Saturno) Assenzio (Marte) Olivo (Sole) Origano (Mercurio) L’Equiseto corregge una carenza di Saturno. fanno sì che i dosaggi medi siano mediamente tre volte inferiori rispetto ad una normale tintura madre.

in tutte. poi in quella egizia dove essa trova il suo impulso maggiore. poi in quella greca ed infine in quella latina. Non ci stupisca però che già nell’antico Egitto fosse diffusa una conoscenza molto simile nella quale i canali energetici prendevano il nome di MO.T. Certamente ogni tradizione ha portato i suoi contenuti innovativi ed originali ma. Ministro del cuore Triplice riscaldatore Polmone Stomaco Cuore Intestino tenue Rene SEGNO DEL Mo ariete toro gemelli cancro leone vergine bilancia GLIFO Mo . Oggigiorno dobbiamo sostanzialmente il recupero di tali nozioni alla vasta diffusione della medicina tradizionale cinese con tutto il suo complesso di organi.C. Ecco come potremo comparare i due sistemi suddetti: GLIFO Mo   II     ORGANI E FUNZIONI Bocca-sanguepericardio- testa Gola-laringe-corde vocalilingua- collo Polmone-sistema nervosolinfatico- timo-braccia Duodeno-stomaco-cervellomidollo spinale-vertebre cervicali Arterie-cuorevertebre dorsali Intestino tenue-peritoneointestino- vertebre lombari Reni-surrenali-tuboli-vertebre sacrali-controllo idrosalino NOME M.riscontrabili nella cultura mesopotamica. possiamo riscontrare un costante: l’attenzione verso le proprietà ed il funzionamento delle così dette “logge energetiche” e della rete di canali in cui tali energie si muovono. visceri e meridiani.

L’Iperico ha un’ampia gamma di . tui-na o di altra disciplina legata alla MTC potrà tranquillamente associare al proprio lavoro l’uso degli oleoliti spagirici.T.     sole luna saturno ORGANI E FUNZIONI Vescica-organi femminili-anointestino cieco-coccige Fegato-ipotalamoorgani maschili-bulbo-femore Vescica biliare-milza-corpo calloso-cervelletto-ginocchio Milza-pancreas-vene-linfaticomuscoli della gamba-tibia Intestino crasso-mammellesimpatico- parasimpaticocaviglie- piedi NOME M. shiatsu. Vediamo adesso un esempio semplificato che ci aiuterà a comprendere la questione: un caso di congestione epatica curato con oleolito spagirico di Iperico.C. Tali prodotti che si utilizzano esclusivamente per via esterna si presentano sotto forma di olio. Vescica Fegato Vescicola biliare Milza/pancreas Grosso intestino Vaso concezione Vaso cintura Vaso governatore SEGNO DEL Mo scorpione sagittario capricorno acquario pesci Vaso verticale anteriore Vaso cintura Vaso verticale posteriore Una volta integrato nel proprio pacchetto di conoscenze questo sistema di riferimento il praticante di agopuntura. ci sembra altresì inutile in questa sede trattare le fasi del lungo e laborioso processo di realizzazione di un oleolito spagirico.

come possiamo noi mettere insieme le due cose? In primo luogo. quindi. . oppure potremmo associare altri oleoliti spagirici atti alla cura del fegato come Rosmarino. In secondo luogo. ricordiamo. sul Mo del Sagittario fe. 3 F Gli oleoliti spagirici possono essere miscelati secondo la patologia che vogliamo trattare o i meridiani che sono implicati nella nostra terapia. nel nostro caso utilizzeremo oleolito spagirico di Iperico anche su 6 MP e 26 VB. Ora. questa è una sede puramente esemplificativa. scegliamo il modo in cui vogliamo utilizzarlo e ciò dipende soltanto dal grado di conoscenza che abbiamo della MTC: -uso topico: massaggiare direttamente l’oleolito sul fegato -uso ristretto al meridiano: cospargeremo l’oleolito indifferentemente su tutto il corso del meridiano (che ne trarrà giovamento anche in generale) -uso ristretto ai singoli punti che sono correlati alla patologia es. sul meridiano Fegato e l’organo/loggia corrispondente.funzionalità così come il meridiano del fegato va a coprire un vasto spettro di sintomi ma. la letteratura ci dice che l’Iperico è attivo sul fegato.