You are on page 1of 6

C 380/2 EN Official Journal of the European Communities 30.12.

2000

STATE AID

Invitation to submit comments pursuant to Article 88(2) of the EC Treaty, concerning aid
C 50/2000 (ex N 50/2000) — Standards for the protection of bergamots and bergamot derivatives
(2000/C 380/02)

By means of the letter dated 6 October 2000, reproduced in the authentic language on the pages following
this summary, the Commission notified Italy of its decision to initiate the procedure laid down in Article
88(2) of the EC Treaty concerning the abovementioned aid.

Interested parties may submit their comments within one month of the date of publication of this
summary and the following letter, to:

European Commission
Directorate-General for Agriculture
Directorate B.2
Rue de la Loi/Wetstraat 200
B-1049 Brussels
Fax (32-2) 296 21 51.

These comments will be communicated to Italy. Confidential treatment of the identity of the interested
party submitting the comments may be requested in writing, stating the reasons for the request.

SUMMARY (d) the construction of rural buildings;

The legal basis of the proposed aid, of indefinite duration, is
Law No 39/2000, and in particular Articles 4 and 6 thereof. (e) small or medium-scale infrastructure work to reduce
production costs and encourage resumption of cultivation;
Article 4 of Law No 39/2000 for aid according to the crop
area and the quantities of bergamots actually delivered, for (f) the construction of processing and marketing facilities;
agricultural businesses, individual farmers or groups of
farmers and other persons growing bergamots.
(g) studies, research and technical assistance;
The terms and procedures for granting the aid will be laid
down by order of the Minister for Agriculture and Forestry (h) promotional activities in the commercial sector.
in consultation with the province of Reggio Calabria, the
Bergamot Consortium, the industry’s most representative
associations, the Reggio Calabria establishment for research The aid, in the form of capital grants, may amount to 75 % of
into citrus essences and derivatives and the Acireale citrus eligible expenditure up to a total of ITL 6 billion for 2000 and
research institute. ITL 3 billion for each year from 2001 to 2004.

The budget set aside for financing the aid in 2000 is ITL 2 Article 6(3) provides for aid for plans for the provision of
billion. electricity supplies and for plans presented by municipalities
for repairing roads serving holdings engaged primarily in
growing bergamots, to improve access to them and
Paragraphs 1 and 2 of Article 6 provide for aid for
encourage mechanisation.
implementing plans geared to:

(a) expanding the cultivation of bergamots in place of other The budget for financing this aid is ITL 4 billion for 2000 and
citrus species; ITL 2 billion for each year from 2001 to 2004.

(b) grafting and/or thinning operations; Assessment

The Commission has doubts about the compatibility of the
(c) the development of nurseries and the mechanisation of abovementioned aid with the common market for the
holdings; following reasons.
30.12.2000 EN Official Journal of the European Communities C 380/3

— On a general point, the Italian authorities, instead of — as regards research and technical assistance (measure
answering the specific questions put to them, indicated (g)), compliance with points 13 and 14 of the guidelines
that only the assistance provided for in the regional oper- has not been demonstrated; nor has compliance with
ational plan within the meaning of Regulation (EC) No the Community framework for State aid for research
1260/1999, as approved by the Community authorities, and development, as amended by the Commission
would qualifiy for aid. The plan in question is still under communication of 1998 (the rate of 75 % could be
consideration, however, and it is impossible at this stage to too high if certain conditions set out in these texts
say what its content will be when it is approved. are not met),

— With regard to Article 4: — as regards the promotion of bergamot oil (non-Annex I
product — measure (h)), compliance with the ad-hoc
provisions of the guidelines on national regional aid has
not been demonstrated.
— the proposed aid per quantity of bergamots delivered
clearly constitutes an operating aid incompatible with
the common market as stated in point 3.5 of the
Community guidelines for State aid in the agriculture — As regards Article 6(3), no details of the rate of aid
sector (referred to hereinafter as ‘the guidelines’); yet the envisaged or the accessibility of aid have been given,
Italians authorities have not expressly undertaken to despite the requests made to the Italian authorities for
withdraw the aid (see their reply referred to in the information on the matter.
first indent above),

TEXT OF THE LETTER
— the proposed aid based on the areas cultivated was
presented as an agri-environmental measure, but the ‘Signor Ministro,
Italian authorities have failed to supply any indication
that the provisions of Articles 22, 23 and 24 of Regu-
lation (EC) No 1257/1999, Articles 12 to 20 of Regu-
lation (EC) No 1750/1999 and point 5.3 of the con la presente, la Commissione ha l’onore di informare l’Italia
guidelines would be complied with. di aver deciso, previo esame delle informazioni fornite dalle
autorità italiane sul provvedimento in oggetto, di aprire il pro-
cedimento di cui all’articolo 88, paragrafo 3, del trattato.

— As regards paragraphs 1 and 2 of Article 6:
1. Procedimento

Con lettera del 20 gennaio 2000, registrata il 25 gennaio 2000,
— in the absence of details concerning the nature of the la Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione europea
eligible expenditure, certain aids might constitute ha notificato alla Commissione le misure in oggetto, in ottem-
operating aids (measures (a) and (b), peranza all’articolo 88, paragrafo 3, del trattato.

— the rate envisaged (75 %) is too high for the measure Con lettera del 14 marzo 2000 (riferimento: VI/007321) i ser-
relating to the production of bergamots (measures (c) vizi della Commissione hanno chiesto alle autorità italiane in-
and (d)); nor has evidence been produced of compliance formazioni complementari per poter valutare la compatibilità
with point 4.1 of the guidelines concerning the viability delle misure previste con il mercato comune.
of holdings or businesses and the existence of outlets,

Con lettera del 15 marzo 2000, registrata il 28 marzo 2000, la
Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione europea ha
— the infrastructures covered by measure (e) are not
comunicato alla Commissione il testo della legge pubblicata
sufficiently well defined: some of them might involve
nella Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana sulla base del
individual holdings and be subject to the provisions of
disegno di legge in oggetto.
point 4.1 of the guidelines, which provide for rates of
aid of less than 75 %,
Con successiva lettera del 4 maggio 2000, registrata il giorno
10 dello stesso mese, la Rappresentanza permanente d’Italia ha
— as regards the processing of bergamots and the chiesto una proroga del termine impartito per comunicare le
marketing of the oils thus obtained (non-Annex I informazioni chieste alle autorità italiane nella citata lettera dei
product — measure (f)), compliance with the rates of servizi della Commissione del 14 marzo 2000 invocando la
aid and other provisions laid down by the guidelines on complessità della materia e dei vari elementi di natura istitu-
national regional aid and those on State aid for small zionale e professionale di cui occorreva tener conto. La proroga
and medium-sized enterprises has not been demon- Ł stata accordata dai servizi della Commissione con lettera del
strated, 18 maggio 2000 (riferimento: VI/12896).
C 380/4 EN Official Journal of the European Communities 30.12.2000

Con successiva lettera del 5 giugno 2000, registrata il giorno 9 h) alla realizzazione di attività promozionale nel settore
dello stesso mese, la Rappresentanza permanente d’Italia ha commerciale.
comunicato le informazioni che i servizi della Commissione
avevano richiesto alle autorità italiane con la lettera del 14 I piani relativi alla realizzazione dei suddetti interventi pos-
maggio 2000. sono essere presentati dal Consorzio del bergamotto, dai
comuni ricadenti nelle aree citate nel catasto delle superfici
PoichØ queste ultime informazioni abbisognavano di ulteriori coltivate a bergamotto, nonchØ da agricoltori singoli od
chiarimenti, i servizi della Commissione hanno chiesto alle associati le cui aziende ricadono nelle stesse aree.
autorità italiane un complemento di informazione con lettera
del 28 giugno 2000 (riferimento: VI/16262). Gli aiuti, che assumono la forma di contributi in conto
capitale, possono essere concessi nella misura massima del
Con lettera del 17 luglio 2000, registrata il giorno 25 dello 75 % delle spese ammissibili, con un limite di spesa com-
stesso mese, la Rappresentanza permanente d’Italia presso plessivo di 6 miliardi di ITL per il 2000 e di 3 miliardi di
l’Unione europea ha comunicato i chiarimenti richiesti nella ITL per ciascuno degli anni dal 2001 al 2004.
lettera sopracitata.
3) All’articolo 6, paragrafo 3, aiuti per la realizzazione di pro-
Il termine impartito per l’esame della questione scade il 26 getti di elettrificazione delle zone interessate alla coltura e
settembre 2000. progetti di recupero viario su strade comunali e vicinali
presentati dai comuni nel cui territorio sono comprese
2. Descrizione dettagliata dei provvedimenti nazionali strade di accesso alle aziende agricole a prevalente indirizzo
bergamotticolo onde facilitare l’accesso a queste ultime e
I provvedimenti notificati dalle autorità italiane, in un primo favorire la meccanizzazione delle colture.
tempo come progetto di legge e successivamente come legge
25 febbraio 2000, n. 39, sono finalizzati a tutelare il berga- Per il finanziamento di questi progetti sono stati stanziati 4
motto e i prodotti derivati. miliardi di ITL per l’anno 2000 e 2 miliardi di ITL per
ciascuno degli anni dal 2001 al 2004.
Gli aiuti previsti dalla legge di cui trattasi sono i seguenti:
3. Valutazione degli aiuti
1) All’articolo 4, contributi finanziari in relazione alle superfici
Ai sensi dell’articolo 87, paragrafo 1, del trattato sono incom-
coltivate e ai quantitativi di bergamotto effettivamente con-
patibili con il mercato comune, nella misura in cui incidano
feriti, da erogarsi alle imprese agricole, agli agricoltori sin-
sugli scambi tra gli Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati,
goli o associati e ad altri soggetti che coltivano il berga-
ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma che, favo-
motto.
rendo talune imprese o talune produzioni falsino o minaccino
Le modalità e le procedure di concessione degli aiuti sa- di falsare la concorrenza. Le misure previste dalla richiamata
ranno fissate con decreto del ministro delle Politiche agri- legge e le «deliberazioni» in oggetto rientrano in tale defini-
cole e forestali, sentita la Regione Calabria, il Consorzio del zione.
bergamotto, le associazioni di categoria maggiormente rap- Tuttavia, nei casi previsti dall’articolo 87, paragrafi 2 e 3, del
presentative, la Stazione sperimentale delle essenze e dei trattato, possono considerarsi compatibili con il mercato co-
derivati agrumari di Reggio Calabria e l’istituto sperimentale mune, in deroga al divieto di cui al paragrafo 1, determinati
agrumicolo di Acireale. aiuti che possiedono talune caratteristiche.
La dotazione finanziaria prevista per il finanziamento di Nella specie, tenuto conto della natura delle misure sopra de-
questi aiuti nell’anno 2000 Ł di 2 miliardi di ITL. scritte, la sola deroga che potrebbe essere invocata Ł quella
dell’articolo 87, paragrafo 3, punto c), del trattato, ai sensi della
2) All’articolo 6, paragrafi 1 e 2, gli aiuti per la realizzazione quale possono considerarsi compatibili con il mercato comune
di interventi relativi: gli aiuti destinati ad agevolare lo sviluppo di talune attività o di
talune regioni economiche, sempre chØ non alterino le condi-
a) all’espansione della coltura del bergamotto in sostitu- zioni degli scambi in misura contraria al comune interesse.
zione di altre specie di agrumi;
I. Gli aiuti previsti dall’articolo 4 della legge in oggetto sono
b) ad operazioni di diradamento e di reinnesto con o senza calcolati in relazione a superfici coltivate o a quantitativi
diradamento; conferiti.
c) allo sviluppo di vivai e della meccanizzazione delle A norma del punto 3.5 degli orientamenti comunitari in
aziende; materia di aiuti di Stato nel settore agricolo (nel seguito
denominati «orientamenti comunitari») (1), «gli aiuti di Stato
d) alla costruzione di fabbricati rurali; unilateriali intesi meramente a migliorare la situazione fi-
nanziaria dei produttori senza contribuire in alcun modo
e) alla realizzazione di opere infrastrutturali di piccola o allo sviluppo del settore e, in particolare, gli aiuti concessi
media entità per ridurre i costi di produzione e favorire esclusivamente sulla base del prezzo, della quantità, del-
la ripresa della coltura; l’unità di produzione o dell’unità dei mezzi di produzione
sono considerati aiuti al funzionamento, incompatibili con
f) alla realizzazione di impianti di trasformazione e com-
il mercato comune». Nel caso presente, l’aiuto previsto in
mercializzazione;
relazione alle superfici coltivate Ł il solo che avrebbe potuto
g) alla realizzazione di studi e ricerche e all’attività di assi-
stenza tecnica; (1) GU C 28 dell’1.2.2000, pag. 2.
30.12.2000 EN Official Journal of the European Communities C 380/5

trovare una giustificazione sotto il profilo agroambientale, unicamente a produzioni che trovano sbocchi sui
attraverso l’osservanza delle disposizioni degli articoli 22, mercati.
23 e 24 del regolamento (CE) n. 1257/1999, degli articoli
da 12 a 20 del regolamento (CE) n. 1750/1999 e del punto Se si ha riguardo alle percentuali indicate dall’arti-
5.3 dei suddetti orientamenti (aiuti a favore di impegni nel colo 6 della legge (75 % al massimo), la Commis-
settore agroambientale). sione non può escludere che esista il rischio di un
superamento dei massimali autorizzati dagli orienta-
menti nØ può verificare il rispetto delle condizioni
Nelle loro lettere del 5 giugno e del 17 luglio 2000 le stabilite al punto 4.1 degli orientamenti stessi, poichØ
autorità italiane hanno semplicemente risposto che gli unici le informazioni fornite dalle autorità italiane non
interventi che avrebbero beneficiato di aiuti sarebbero stati hanno apportato alcun chiarimento al riguardo (cfr.
quelli previsti dal piano operativo regionale ai sensi del il punto I).
regolamento (CE) n. 1257/1999, quale approvato dagli or-
gani comunitari. — La misura prevista all’articolo 6, paragrafo 1, lettera
e), della legge Ł anch’essa connessa alla produzione
Tenuto conto del fatto che tale risposta non ha fornito la del bergamotto, poichØ riguarda la realizzazione di
dimostrazione che erano osservate le disposizioni degli ar- infrastrutture di piccole o medie dimensioni atte a
ticoli 22, 23 e 24 del regolamento (CE) n. 1257/1999, degli favorire la cultura di tale agrume. Stante l’indetermi-
articoli da 12 a 20 del regolamento (CE) n. 1750/1999 e del natezza inerente la natura di queste infrastrutture, Ł
punto 5.3 degli orientamenti e del fatto che la revoca del- impossibile stabilire se si tratti di infrastutture di
l’aiuto calcolato in relazione alle quantità non Ł stata espli- interesse generale (nel qual caso la percentuale degli
citamente annunciata, la Commissione nutre dubbi circa la aiuti sarebbe ammissibile) o se non si tratti piuttosto
compatibilità delle misure di cui all’articolo 4 della legge de di strutture destinate anche ad aziende individuali,
qua con il mercato comune; tanto maggiori sono questi come, ad esempio, un sistema di irrigazione (nel
dubbi in quanto, visto che Ł tuttora in corso l’esame del qual caso le percentuali di aiuto di cui al precedente
suddetto piano operativo, Ł impossibile, in questa fase, pre- trattino potrebbero applicarsi alla parte delle opere
vedere quale sarà il contenuto del piano operativo regionale che direttamente riguardano l’azienda agricola). La
definitivamente approvato. Commissione non può quindi escludere che esista
un rischio di superamento delle percentuali autoriz-
zate dagli orientamenti comunitari.
II. Gli aiuti previsti dall’articolo 6, paragrafi 1 e 2, della legge
in oggetto riguardano sia un prodotto dell’allegato I del — L’aiuto connesso alla trasformazione del bergamotto
trattato (il bergamotto, un agrume) sia un prodotto «fuori in olio [articolo 6, paragrafo 1, lettera f)] non rientra
allegato I» (l’olio essenziale, che Ł ricavato dalla trasforma- nel campo di applicazione degli orientamenti comu-
zione del bergamotto). nitari poichØ l’olio in questione Ł un prodotto «fuori
allegato I» del trattato CE. Le disposizioni che ad esso
1. In termini generali, l’articolo non contiene alcuna indi- si applicano sono quelle contenute negli «orienta-
cazione sulla natura delle spese ammissibili. I servizi menti in materia di aiuti di Stato a finalità regio-
della Commissione hanno chiesto espressamente alle au- nale» (2) e nella «disciplina comunitaria degli aiuti
torità italiane di comunicare informazioni al riguardo di Stato alle piccole e medie imprese» (3). Con riferi-
ma, a tutt’oggi, non Ł stata fornita alcuna precisazione, mento a tali disposizioni, la percentuale di aiuto e i
come risulta dal contenuto delle risposte richiamate al cumuli relativi dovevano essere soggetti ai seguenti
punto I. Pertanto la Commissione non può escludere che limiti:
sussista un rischio di finanziamento di spese che, di
norma, non possono considerarsi ammissibili, dato che — nelle regioni assistite ai sensi dell’articolo 87, pa-
gli aiuti che ad esse si riferiscono costituirebbero aiuti al ragrafo 3, lettere a) e c), del trattato, ai massimali
funzionamento [come, ad esempio, le spese inerenti alle di intensità e di cumulo autorizzati nel contesto
misure previste dall’articolo 6, paragrafo 1, punti a) e delle carte di aiuto regionale, una volta che que-
b)]. ste siano state approvate (con possibilità di sup-
plemento pari al 15 % o al 10 %, al lordo, per
PMI),
2. Le modalità di concessione dell’aiuto (percentuale mas-
sima del 75 % delle spese ammissibili) pongono an- — al di fuori di queste regioni, ai massimali del
ch’esse un certo numero di problemi. Invero: 15 %/7,5 %, al lordo, previsti per le piccole e
medie imprese (0 % per le imprese di grandi di-
mensioni).
— Le misure inerenti la produzione di bergamotto [ar-
ticolo 6, paragrafo 1, lettere b), c) e d)] sono disci- Dovevano inoltre essere rispettate tutte le altre di-
plinate dalle disposizioni del punto 4.1 dei richiamati sposizioni degli orientamenti relativi agli aiuti di
orientamenti comunitari (aiuti agli investimenti nelle Stato a finalità regionale (limitazione all’investimento
aziende agricole). Ai sensi di tale punto, il massimale iniziale, contributo proprio del beneficiario del 25 %,
del finanziamento pubblico ammissibile Ł rispettiva- mantenimento in essere dell’investimento per un pe-
mente fissato al 50 % delle spese che possono bene- riodo minimo di cinque anni, ecc.).
ficiare di aiuto nelle zone svantaggiate e al 40 % di
tali spese nelle altre zone. Esistono inoltre ulteriori
limitazioni: gli aiuti possono infatti essere concessi (2) GU C 74 del 10.3.1998, pag. 4.
unicamente ad aziende di comprovata redditività e (3) GU C 213 del 23.7.1996, pag. 4.
C 380/6 EN Official Journal of the European Communities 30.12.2000

Come si Ł detto in precedenza, le autorità italiane 14 dei citati orientamenti comunitari, in base ai
non hanno fornito alcuna informazione che consenta quali detto aiuto non può superare i
alla Commissione di verificare l’osservanza di questi 100 000 EUR per beneficiario per un periodo
limiti e condizioni (cfr. il punto I). La Commissione di tre anni oppure, nel caso di aiuti erogati a
non può quindi escludere il rischio di un supera- piccole e medie imprese, non può essere supe-
mento delle percentuali previste dalle varie norma- riore al 50 % dei costi ammissibili (tra le due
tive citate nØ verificare l’osservanza delle loro dispo- possibilità Ł concesso l’aiuto di entità superiore
sizioni. e si considera beneficiario il soggetto che fruisce
dei servizi); dette disposizioni prescrivono inoltre
che quando tali servizi di assistenza sono prestati
— L’aituo che riguarda sia la realizzazione di studi e di da associazioni di produttori o da altre organiz-
ricerche sia lo svolgimento di assistenza tecnica de- zazioni agricole di mutuo sostegno, dev’essere
v’essere esaminato sotto vari profili: garantito che essi siano accessibili a tutti gli agri-
coltori e che la copertura delle spese amministra-
tive dell’associazione o dell’organizzazione deve
— La realizzazione di studi può rientrare nell’am-
limitarsi ai costi della prestazione del servizio
bito dell’incoraggiamento della produzione di
stesso (peraltro, i prestatori di servizi devono
prodotti agricoli di qualità ai sensi del punto
essere selezionati in base ad una procedura non
13 degli orientamenti comunitari, il quale stabili-
discriminatoria, conforme alle disposizioni della
sce un limite massimo dell’aiuto a 100 000 EUR
direttiva 92/50/CEE).
per beneficiario e per triennio, oppure, nel caso
di aiuti erogati alle PMI quali definite dalla Com-
missione (4), al 50 % dei costi ammissibili se que- Tenuto conto delle informazioni fornite dalle autorità
sto importo Ł piø elevato del primo e considera italiane (cfr. punto I) la Commissione non Ł in grado
beneficiario il destinatario dei servizi oppure può di stabilire se queste condizioni saranno rispettate.
rientrare nell’ambito di attività di ricerca, le quali
sono disciplinate dagli «orientamenti comunitari Dalle considerazioni precedenti discende che la Com-
sugli aiuti di Stato alla ricerca e allo sviluppo» (5), missione non dispone di alcun elemento che le con-
modificati dalla comunicazione della Commis- senta di escludere l’esistenza di rischi di superamento
sione del 1998 (6). dei massimali previsti dalla normativa comunitaria
per le varie categorie di aiuti.
Nella corrispondenza con i servizi della Commis-
sione le autorità italiane non hanno fornito alcun — La misura di promozione nel settore commerciale
elemento che consenta di stabilire a quale delle due riguarda l’olio di bergamotto. PoichØ quest’ultimo
precedenti categorie appartengano questi studi nØ se prodotto non rientra nell’allegato I del trattato nØ
siano stati rispettati i massimali fissati da ciascuna corrisponde alla definizione di «prodotti assimilati»,
delle disposizioni sopra richiamate (cfr. punto I). La che consente l’applicazione delle norme vigenti in
Commissione non Ł quindi in grado di stabilire se materia di promozione e di pubblicità nel settore
siano stati osservati le condizioni e i massimali pre- agricolo, le spese per la sua promozione si reputano
scritti. rientrare fra le spese correnti dell’impresa. Ai sensi
del punto 4.15 dei citati «orientamenti in materia di
aiuti di Stato a finalità regionale» sono di norma
— Gli aiuti alla realizzazione di ricerche propria- vietati gli aiuti regionali destinati a ridurre le spese
mente detti sono disciplinati dagli orientamenti correnti dell’impresa. In via eccezionale, però, aiuti di
e dalla Comunicazione sopra richiamati. Per questo tipo possono essere concessi nelle regioni che
quanto riguarda questo tipo di aiuti, le autorità beneficiano della regola di cui all’articolo 87, para-
italiane si sono semplicemente limitate ad affer- grafo 3, lettera a) [ex articolo 92, paragrafo 3, lettera
mare che i lavori verranno realizzati nell’osser- a)], del trattato, purchØ essi siano giustificati in fun-
vanza della vigente normativa comunitaria. Que- zione del loro contributo allo sviluppo regionale e
sta riposta non può essere ritenuta sufficiente, della loro natura, e purchØ il loro livello sia propor-
poichØ la percentuale del 75 % prevista dalla zionale agli svantaggi che intendono compensare. In
legge in esame Ł ammissibile solo se sono soddi- tal caso spetta allo Stato membro dimostrare l’esi-
sfatte condizioni ben precise la cui osservanza stenza degli svantaggi e quantificarne l’entità. Inoltre,
non può essere accertata alla luce delle informa- gli aiuti devono essere decrescenti e limitati nel
zioni sinora fornite dalle autorità italiane. La tempo. Infine, sono vietati gli aiuti che hanno lo
Commissione non può pertanto escludere che scopo di promuovere le esportazioni fra gli Stati
vi sia il rischio di un superamento delle percen- membri (7).
tuali ammissibili per le attività in questione.
(7) Per «aiuto all’esportazione» si intende qualsiasi aiuto direttamente
— Gli aiuti riguardanti la fornitura di assistenza tec- connesso ai quantitativi esportati, all’istituzione e al finanziamento
di una rete di distribuzione o alle spese correnti legate all’attività di
nica sono disciplinati dalle disposizioni del punto esportazione. Viceversa non sono considerati tali i costi inerenti la
partecipazione a fiere commerciali ed a studi e a consulenze neces-
(4) GU L 107 del 30.4.1996, pag. 4. sarie per l’introduzione, su un nuovo mercato, di un nuovo pro-
dotto o di un prodotto già esistente (cfr. al riguardo la comunica-
(5) GU C 45 del 17.2.1996, pag. 5. zione della Commissione relativa agli aiuti de minimis — GU C 68
(6) GU C 48 del 13.2.1998, pag. 2. del 6.3.1996, pag. 9).
30.12.2000 EN Official Journal of the European Communities C 380/7

Dato che le autorità italiane si sono limitate a rispon- e nutre dubbi in merito alla loro compatibilità col mercato
dere, nella lettera del 5 giugno 2000, che le attività comune.
sarebbero state realizzate nel rispetto della vigente
normativa comunitaria, la Commissione non può 4. Conclusioni
escludere l’esistenza di un rischio di inosservanza
dei criteri e dei divieti sopra richiamati. Tenuto conto di quanto precede, la Commissione invita l’Italia,
nell’ambito del procedimento di cui all’articolo 88, paragrafo 2,
Alla luce di queste considerazioni, la Commissione nutre del trattato CE, a presentare le proprie osservazioni ed a fornire
dubbi in merito alla compatibilità con il mercato comune tutte le informazioni utili ai fini della valutazione delle misure
delle misure previste dall’articolo 6, paragrafi 1 e 2, della di aiuto in oggetto entro un mese dalla data di ricezione della
legge n. 39/2000. presente. La Commissione invita inoltre le autorità italiane a
III. Gli aiuti previsti dall’articolo 6, paragrafo 3, della legge de trasmettere senza indugio copia della presente lettera al bene-
qua sono aiuti che sembrano riferirsi a infrastrutture di ficiario potenziale dell’aiuto.
interesse generale. Tuttavia, le autorità italiane non hanno
fornito alcuna informazione sulla percentuale di aiuto ap- La Commissione desidera richiamare l’attenzione dell’Italia sul
plicabile e sulla condizioni per poter accedere a tali aiuti, fatto che l’articolo 88, paragrafo 3, del trattato CE ha effetto
nonostante la domanda in tal senso rivolta dalla Commis- sospensivo e che, in forza dell’articolo 14 del regolamento (CE)
sione. Quest’ultima non Ł pertanto in grado di determinare n. 659/1999 del Consiglio, essa può imporre allo Stato mem-
se gli aiuti di cui all’articolo 6, paragrafo 3, della legge bro interessato di recuperare ogni aiuto illegale dal beneficia-
verranno erogati nel rispetto della normativa comunitaria rio.’

Authorisation for State aid pursuant to Articles 87 and 88 of the EC Treaty

Cases where the Commission raises no objections
(2000/C 380/03)

Date of adoption of the decision: 15.11.2000 Aid No: N 251/2000

Member State: Italy (Autonomous Province of Bolzano) Title: Agrimonetary aid — aid with an operative event on 1
and 2 January 2000
Aid No: NN 91/2000 (ex N 287/2000)
Objective: To compensate producers for loss of income as a
Title: Aid for grubbing up and destroying plants
result of the revaluation of the Swedish Krona in 1999
Objective: To compensate expenditure incurred as a result of
harmful organisms Legal basis: Ministerial Decision, Council Regulation (EC) No
2799/98 and Commission Regulations (EC) Nos 2808/98 and
Legal basis: Legge provinciale n. 10 del 14 dicembre 1999 341/2000
(Disposizioni urgenti nel settore dell’agricoltura); Deliberazione
n. 1316 del 17.4.2000 Budget:

Budget: ITL 100 million (approximately EUR 50 000) per 2000: EUR 3 327 374
year
2001: EUR 2 218 249
Aid intensity or amount: Variable depending on the plants
and trees in question 2002: EUR 1 109 125
Duration: Unspecified Aid intensity or amount:
The authentic text(s) of the decision, from which all confi-
dential information has been removed, can be found at Livestock premiums

http://europa.eu.int/comm/sg/sgb/state_aids SEK 48,28/sucker cow (EUR 5,623)

SEK 45,04/bull (EUR 5,246)

Date of adoption of the decision: 15.11.2000 SEK 34,34/steer (EUR 3,999)

Member State: Sweden SEK 24,43/animal extensification (EUR 2,845)