You are on page 1of 4

C 254/2

EN
EN

Official Journal of the European Communities

13.9.2001

STATE AID

Invitation to submit comments pursuant to Article 88(2) of the EC Treaty, concerning aid C 59/01 (ex N 797/99) AIMA programme Italian poultry industry

(2001/C 254/02)

By means of the letter dated 25 July 2001, reproduced in the authentic language on the pages following this summary, the Commission notified Italy of its decision to initiate the procedure laid down in Article 88(2) of the EC Treaty concerning the abovementioned aid.

Interested parties may submit their comments within one month of the date of publication of this summary and the following letter, to:

European Commission Directorate-General for Agriculture Directorate B.2 Rue de la Loi/Wetstraat 200 B-1049 Brussels Fax (32-2) 296 21 51.

These comments will be communicated to Italy. Confidential treatment of the identity of the interested party submitting the comments may be requested in writing, stating the reasons for the request.

SUMMARY

Description

The Italian national poultry union (UNA) asked the AIMA (Italian association for agricultural markets) to intervene on the market to cope with the serious consequences of the dioxin crisis on the poultrymeat consumption sector in 1999. The UNA considered that those losses could be regarded as the result of exceptional events (rather than normal market risks) and so could benefit from the derogation provided for in Article 87(2)(b) of the Treaty. The total amount of the planned contribution is ITL 20 billion (EUR 10 329 138), the difference between the average prices in countries not affected by the crisis and prices in Italy in June and July 1999 (the period to which the compensation relates).

In support of this argument, the Italian authorities stated that

the dioxin crisis provoked not only a substantial fall in

production and trade (because of the market disturbances

which followed the start of the crisis) but also a sharp fall in the consumption of poultry products. The figures available show that sales (at low prices) were 34 700 000 kg of meat

in June 1999 (as compared with 52 000 000 kg in June 1998)

and 30 200 000 kg in July 1999 (as compared with 51 000 000 kg in July 1998).

The fall in demand meant that prices fell sharply, particularly

in June and July (by 30 % and 30,1 % compared with the same

months of the previous year). In addition, to cope with this

situation, Italian producers had to store 4 150 tonnes of

chicken in June, 9 271 tonnes in July and 2 595 tonnes in August, since it could not be disposed of on the market.

The aid scheme provides for no compensation for the disposal of animals or products of animal origin which are unfit for consumption and marketing.

Assessment

The aid in question falls under Article 87(1) of the Treaty since it appears to favour certain products (those in the poultry sector). However, the ban laid down in Article 87(1) of the Treaty permits some exceptions, which are set out in Article 87(2) and (3).

The derogation provided for in Article 87(2)(b) of the Treaty does not apply in this instance. In their notification, the Italian authorities invoked this derogation, regarding the effects of the dioxin crisis as an exceptional event. Since the Treaty does not define an exceptional event, the Commission can only decide whether the derogation applies on a case-by-case basis following an assessment of the specific event concerned.

In the past it has always been possible to establish a direct and immediate link between all the facts regarded as constituting an exceptional event and losses suffered by firms ( 1 ).

( 1 ) See State aid Nos N 299/96, N 290/96, N 278/96 and N 289/96.

13.9.2001

EN
EN

Official Journal of the European Communities

C 254/3

In this instance, the triggering of public alarm in the form of serious disturbances on the market where the Italian poultry farmers operated, loss of market share and a resulting fall in expected turnover compared with a normal situation does not appear, on the basis of the information available at present, to be in itself an exceptional event within the meaning of the Treaty. Furthermore, there is no suggestion that measures to stop the crisis were taken by national government or Community authorities.

The Commission wonders indeed why the Italian producers could not have taken advantage of this situation and increased their sales of poultry products abroad (or even within Italy) since, unlike Belgium, Italy was not one of the countries directly affected by the dioxin crisis.

Another point to clarify is the statement by the Italian auth- orities that breeders had to freeze unsold meat. This seems to suggest that the operation was meant to permit the deferred sale of poultry products which were not sold during the crisis period. If that were so, the losses would be lower than those declared in the case under consideration. In any case, the Commission is at present unable to determine the quantities of meat which could not be sold because of the fall in demand caused by the fear of dioxin nor the extent of the overpro- duction resulting from a defective estimate of demand during the summer.

In view of the above, the Commission currently doubts whether there is a link between the fall in turnover suffered by Italian poultry producers and the existence of an exceptional event. At this stage, aid to compensate for those losses does not satisfy the conditions for authorisation under Article 87(2)(b) or Article 87(3)(c) of the Treaty (since, as regards the last paragraph, it does not appear to contribute to the development of certain economic activities either) or for a declaration that it conforms to one of the points of the Community guidelines for State aid in the agricultural sector ( 2 ).

TEXT OF THE LETTER

Con la presente la Commissione si pregia informare l’Italia che, dopo aver esaminato le informazioni fornite dalle autorit ita- liane in merito alla misura menzionata in oggetto, ha deciso di avviare il procedimento di cui all’articolo 88, paragrafo 2, del trattato CE.

I. Procedimento

1. Con lettera del 17 dicembre 1999, protocollata il 22 di- cembre 1999, la Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione europea ha notificato alla Commissione,

( 2 ) OJ C 232, 12.8.2000.

a norma dell’articolo 88, paragrafo 3, del trattato, la mi-

sura in oggetto concernente interventi dell’AIMA (Associa-

zione italiana dei mercati agricoli) a favore del mercato avicolo italiano che avrebbe accusato un drastico calo dei consumi e delle vendite di pollame a causa dell’emergenza diossina del 1999.

2. Con lettere dell’8 agosto 2000 (protocollata il 9 agosto 2000), del 15 novembre 2000 (protocollata il 21 novem- bre 2000 (protocollata il 21 novembre 2000), del 27 feb- braio 2001 (protocollata il 1 o marzo 2001) e del 23 mag- gio 2001 (protocollata il 28 maggio 2001) la succitata Rappresentanza ha comunicato alla Commissione i com- plementi d’informazione richiesti alle autorit italiane con lettere del 18 febbraio 2000 (rif. AGR 5073), del 2 ottobre 2000 (rif. AGR 25123), del 10 gennaio 2001 (rif. AGR 000449) e del 24 aprile 2001 (rif. AGR 009825).

II. Descrizione

3. L’Unione nazionale dell’avicoltura (UNA) italiana sollecita presso l’AIMA interventi a livello di mercato per far fronte alle gravi conseguenze dell’emergenza diossina nel settore avicolo.

4. In un primo momento (cfr. lettera del 17 dicembre 1999),

a seguito del rifiuto dell’AIMA di acquistare 17 000 ton-

nellate di carne invenduta del valore di 40 miliardi di

ITL (circa 20 milioni di EUR) , l’UNA aveva proposto di collocare una parte delle carni (11 450 tonnellate) sui mer- cati di paesi in via di sviluppo, a prezzi favorevoli: la differenza tra il valore commerciale effettivo della merce

e il suo prezzo di vendita (circa 20 miliardi di ITL, ossia il 50 % del valore commerciale corrente) avrebbe dovuto essere a carico dell’AIMA.

5. Il fondamento giuridico di quest’azione Ł costituito dall’ar- ticolo 3, paragrafo 1, lettera d), della legge n. 610/82 che autorizza l’AIMA «avvalendosi dei mezzi derivanti dalla propria gestione finanziaria, in relazione all’andamento

.), a fornire

prodotti agroalimentari a paesi in via di sviluppo, indivi- duati, d’intesa con il ministero degli Affari esteri, sentito il

del mercato interno e alle disponibilit

parere dell’istituto nazionale dell’alimentazione».

6. A seguito delle osservazioni dei servizi della Commissione (cfr. lettera del 18 febbraio 2000), secondo cui l’aiuto si configurava piuttosto come una restituzione all’esporta- zione, a copertura della differenza tra il prezzo del pollame nei paesi in via di sviluppo e il prezzo sul mercato italiano (aiuto che risulterebbe quindi, per sua natura, incompati- bile con il mercato comune, gli obblighi della Comunit nel quadro dell’organizzazione mondiale del commercio e l’organizzazione comune dei mercati), le autorit italiane non hanno piø fatto riferimento, nella loro lettera del 10 agosto 2000, alla finalit iniziale dell’aiuto, ma hanno ri- tenuto che le perdite subite dai produttori italiani di pol- lame potevano essere considerate come causate da eventi eccezionali (e non dai rischi normali del mercato) e che pertanto poteva essere invocata la deroga prevista all’arti- colo 87, paragrafo 2, lettera b), del trattato. L’importo

C 254/4

EN
EN

Official Journal of the European Communities

13.9.2001

globale massimo del contributo previsto Ł di 20 miliardi di

ITL (10 329 138 EUR), il che corrisponde alla differenza tra i prezzi medi nei paesi non colpiti dall’emergenza diossina

e i prezzi italiani durante il periodo giugno-luglio 1999

(questo periodo Ł quello considerato ai fini della compen- sazione).

7. A sostegno di questo argomento, le autorit italiane pre- cisano che l’emergenza diossina ha provocato non solo un crollo della produzione e del commercio (dovuto alle per- turbazioni del mercato conseguenti all’evento), ma anche un forte calo dei consumi dei prodotti avicoli. In base ai dati disponibili, le vendite sottocosto hanno riguardato: nel mese di giugno 1999, 34 700 000 kg di carne (contro i 52 000 000 di kg del giugno 1998) e nel mese di luglio 1999, 30 200 000 kg (contro i 51 000 000 di kg del luglio 1998). Nonostante l’UNA avesse introdotto delle misure preventive volte ad evitare una crisi di sovrapproduzione

di carni avicole (consistente nell’abbattimento, in marzo, di

pulcini che sarebbero arrivati a maturazione nei mesi suc- cessivi), l’emergenza diossina ha impedito che venissero

conseguiti risultati soddisfacenti in questo settore.

8. Nelle loro lettere del 21 novembre 2000 e del 28 maggio 2001, le autorit italiane hanno tenuto a precisare il ruolo fondamentale svolto dai mezzi di comunicazione nei mesi dell’emergenza: l’allarme da essi creato avrebbe aggravato il forte calo dei consumi di carni avicole (inferiori, rispetto all’anno precedente, del 29,1 % per il mese di giugno, del 10,1 % per il mese di luglio, del 16,2 % per il mese di agosto e del 5,9 % per l’anno intero). Il crollo della do- manda ha causato una forte contrazione dei prezzi, parti- colarmente acuta in giugno e luglio ( 30 % e 30,1 % rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente). Inoltre, per far fronte a questa situazione, i produttori italiani hanno dovuto immagazzinare 4 150 tonnellate di carne di pollo

in giugno, 9 271 tonnellate in luglio e 2 595 tonnellate in

agosto, data l’impossibilit di immetterle sul mercato.

9. L’aiuto non prevede alcuna indennit per l’eliminazione di animali o di prodotti di origine animale inadatti al con- sumo e alla commercializzazione.

III. Valutazione

10. Ai sensi dell’articolo 87, paragrafo 1, del trattato, sono incompatibili con il mercato comune, nella misura in cui incidano sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma, che falsino o minaccino di falsare la concorrenza.

11. La misura qui in oggetto prevede l’erogazione di fondi pubblici a talune imprese: l’aiuto (che ammonta a 20 mi- liardi di ITL) Ł infatti concesso in modo selettivo agli alle- vatori che hanno subito perdite a seguito dell’emergenza diossina. Inoltre, la misura privilegia alcune produzioni (quelle del settore dell’allevamento avicolo) e pu incidere sugli scambi commerciali, tenuto conto del posto occupato dall’Italia nella produzione globale di pollame dell’Unione (13,2 %).

12. Di conseguenza, la Commissione ritiene che, allo stato attuale, la misura in questione rientri nel campo d’appli- cazione dell’articolo 87, paragrafo 1, del trattato in quanto essa sembra procurare a taluni beneficiari un vantaggio economico di cui altre imprese dello stesso settore non potrebbero fruire, andando cos a migliorare la loro posi- zione concorrenziale rispetto a quella di altri allevatori dell’Unione che non beneficiano dello stesso intervento, incidendo cos sugli scambi tra Stati membri.

13. Al disposto dell’articolo 87, paragrafo 1, del trattato sono comunque previste deroghe. Nella fattispecie, le autorit italiane hanno invocato l’articolo 87, paragrafo 2, lettera b), del trattato che dispone che gli aiuti destinati ad ovviare ai danni arrecati da eventi eccezionali sono compatibili con il mercato comune. La notifica fa riferimento all’emer- genza diossina quale evento eccezionale.

14. concetto di evento eccezionale non Ł definito nel trattato

Il

e

la Commissione applica tale disposizione caso per caso

dopo aver valutato attentamente il fatto specifico in que- stione. Nel caso dell’emergenza diossina riguardante i pro- dotti alimentari e gli alimenti per animali prodotti in Bel- gio, la Commissione aveva concluso che si trattava di un evento eccezionale ai sensi dell’articolo 87, paragrafo 2, lettera b), del trattato, in considerazione della natura e dell’estensione delle restrizioni che occorreva imporre per la tutela della salute pubblica in quel paese ( 3 ).

15. Esistono altri precedenti per quanto concerne la defini- zione di evento eccezionale nel quadro, segnatamente, di vari aiuti concessi dal Regno Unito ( 4 ) in rapporto con la crisi della BSE: la Commissione era giunta alla conclusione che si trattasse di un evento eccezionale, tenuto conto in particolare del divieto di esportare carni bovine e del crollo dei consumi di carni bovine a seguito dell’insicurezza e dell’inquietudine generate dalle informazioni sulla BSE. Oc- corre tuttavia sottolineare che gli esempi succitati si riferi- scono a paesi direttamente coinvolti dal fenomeno (rispet- tivamente, il Regno Unito per la BSE e il Belgio, per la diossina) e non, come nel caso in esame, ad un paese in cui il mercato Ł stato perturbato a causa delle preoccupa- zioni dei consumatori riguardo la diossina.

16. Nei casi citati, l’indennizzo dei produttori per la perdita di reddito Ł stato ammesso dalla Commissione a condizione che la perdita di quote di mercato e il calo dei consumi siano stati causati non soltanto dall’allarme sociale, ma anche da fattori eccezionali che hanno ostacolato il com- mercio normale dei prodotti in questione (un insieme di misure pubbliche combinate con un comportamento dei consumatori e dei mezzi di comunicazione del tutto stra- ordinario). Nelle decisioni succitate, si Ł sempre potuto individuare un rapporto diretto e immediato tra l’insieme dei fatti considerati come costituenti un evento eccezionale

e le perdite subite dalle imprese.

( 3 ) Cfr. le decisioni della Commissione nel quadro degli aiuti di Stato NN 87/99, NN 88/99, NN 89/99, N 380/99, N 386/99 e NN 95/99, N 384/99. ( 4 ) Cfr. aiuti di Stato N 299/96, N 290/96, N 278/96 e N 289/96.

13.9.2001

EN
EN

Official Journal of the European Communities

C 254/5

17. Finora le autorit italiane, invitate a dimostrare l’esistenza

di un rapporto tra le perdite di reddito subite dai produt-

tori agricoli e l’esistenza di un evento eccezionale affinchØ

la Commissione potesse autorizzare l’indennizzo di tali

perdite in virtø dell’articolo 87, paragrafo 2, lettera b), del trattato, non sono riuscite a fornire una spiegazione convicente. Il rapido diffondersi di un allarmismo sociale che si Ł tradotto in una forte perturbazione del mercato su

cui operavano gli allevatori italiani, nella perdita di quote

di mercato e, di conseguenza, nella riduzione del fatturato

rispetto ad una situazione normale, non sembra costituire

di per sØ in base alle informazioni attualmente dispo-

nibili un evento eccezionale ai sensi del trattato. Inoltre, nulla sta ad indicare che siano state prese misure di blocco delle vendite da parte di autorit nazionali o comunitarie.

18. Anche se si giungesse alla conclusione di dover riconoscere che l’impatto «mediatico» in Italia sia stato piø intenso di quello prodottosi in altri paesi europei, date la sensibilit della popolazione in materia di sicurezza alimentare e l’esistenza di un movimento d’opinione molto critico ri- guardo ai sistemi di produzione nel settore zootecnico, queste considerazioni non sembrano sufficienti, al mo- mento, a dimostrare la sussistenza del carattere di eccezio- nalit dell’evento in questione.

19. La Commissione si chiede piuttosto per quale motivo i produttori italiani non avrebbero potuto avvantaggiarsi di una tale situazione e incrementare le vendite di prodotti agricoli all’estero (o anche sul territorio nazionale) dato che, a differenza del Belgio, l’Italia non figurava tra i paesi direttamente colpiti dall’emergenza diossina.

20. Un altro aspetto da chiarire Ł costituito dall’affermazione delle autorit italiane secondo cui gli allevatori hanno do- vuto surgelare la carne invenduta (cfr. punto 8). Sulla base

di questa affermazione, non si pu escludere attualmente

che tale operazione abbia potuto consentire la successiva vendita dei prodotti agricoli rimasti invenduti durante il

periodo dell’emergenza. In tal caso, le perdite sarebbero piø limitate di quelle dichiarate nel quadro dell’esame della misura. Inoltre, la Commissione non Ł in grado di stabilire attualmente la quantit di carne rimasta invenduta a causa del crollo della domanda provocato dal timore di presenza di diossina, nØ le dimensioni della sovrapproduzione do- vuta ad una stima non corretta della domanda per l’estate.

21. Sulla base delle informazioni finora disponibili, la Commis- sione non pu escludere che si tratti di un aiuto inteso meramente a migliorare la situazione finanziaria dei pro- duttori senza contribuire in alcun modo allo sviluppo del settore, aiuto concesso per di piø in base unicamente al prezzo, alla quantit o all’unit di produzione, in altre parole, assimilabile ad un aiuto al funzionamento e di conseguenza incompatibile con il mercato comune, ai sensi del punto 3.5 degli Orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo ( 5 ) (nel prosieguo, gli Orientamenti).

22. In base a quanto sora esposto, la Commissione al mo- mento attuale nutre dubbi sull’esistenza di un rapporto tra le perdite di reddito subite dai produttori del settore avicolo italiano e l’esistenza di un evento eccezionale. Allo stato, aiuto intesi a indennizzare tali perdite non soddi- sfano le condizioni per poter essere autorizzati in virtø dell’articolo 87, paragrafo 2, lettera b) o in virtø dell’arti- colo 87, paragrafo 3, lettera c), del trattao (a quest’ultimo riguardo, essi non sembrano neppure agevolare lo sviluppo di talune attivit economiche) nØ per poter essere dichiarati conformi a uno dei punti degli Orientamenti.

23. Tenuto conto di quanto precede, la Commissione invita l’Italia a presentare, nell’ambito del procedimento di cui all’articolo 88, paragrafo 2, del trattato CE, le proprie os- servazioni e a fornire tutte le informazioni utili ai fini della valutazione dell’aiuto, entro un mese dalla data di ricezione della presente. La Commissione invita inoltre le autorit italiane a trasmettere senza indugio copia della presente lettera al beneficiario potenziale dell’aiuto.

( 5 ) GU C 232 del 12.8.2000.