You are on page 1of 2

RIVOLUZIONE FRANCESE

I GIACOBINI E I GIRONDINI

Luogo : Francia
Periodo : fine 1700 (XVIII secolo)

I Girondini furono un gruppo politico nato in Francia intorno al


1790 che parteciparono con i loro rappresentanti sia all'Assemblea
Legislativa (1791 – 1792) che alla Convenzione Nazionale (1792 –
1795). Il termine “Girondini” deriva dall'origine dei loro deputati,in
maggioranza giornalisti avvocati e uomini colti, i quali provenivano
da una regione francese chiamata Gironda,regione comprendente
città e porti importanti come Bordeaux e Nantes. Fino allo scorso
secolo venivano chiamati Brissottini dal nome del loro primo capo
ovvero Jacques Pierre Brissot.
J.P. Brissot,capo dei girondini

Nel corso dell'Assemblea legislativa i Girondini si schierarono con i Giacobini formando la sinistra
repubblicana che si opponeva con vigore alla maggioranza,composta da monarchici costituzionali.
Brissot dichiarò di voler attaccare l'Austria per difendere la Rivoluzione e lo Stato francese. Non
solo i Girondini volevano lo scontro perchè, anche se per motivi diversi,anche il re Luigi XVI
spingeva per dichiarare guerra allo stato austriaco,speranzoso di una sconfitta francese che permetta
di restaurare il governo assoluto. Non senza intoppi i Girondini impongono la loro “idea” e la
Francia dichiarò guerra all'Austria rimediando molte sconfitte; il re licenzia i girondini che erano al
governo e impone un governo moderato ma il 10 Agosto 1792 la monarchia cadde.

Alla Convenzione del 1792 la


maggioranza dei saggi andò ai
Girondini e ai Montagnardi,ala radicale
guidata da Robespierre ma queste due
fazioni non avevano buoni rapporti. Tra
i motivi degli “scontri” spiccava il
processo del re. I montagnardi
volevano la condanna a morte,i
girondini temporeggiavano e non
prendevano una decisione. La
convenzione nel Gennaio 1793 si d
dichiarò a favore dei montagnardi e
Palais de Tuileries, sede della Convenzione
condannarono il re. Da quel momento
il solco tra il potere montagnardo e quello girondino divenne sempre più profondo. In Aprile
nacque il “Governo di Salute pubblica” con nessun esponente girondino : non hanno più potere in
Francia. Ci furono un serie di aggressioni politiche e fisiche da parte dei montagnardi e dei
sanculotti nei confronti dei giacobini che sfociarono nella grande insurrezione del 2 Giugno,quando
la convenzione condanna a morte i maggiori esponenti del partito giacobino. E' la fine dei girondini
e l'inizio del “regime del Terrore”.
I giacobini furono una società politica nata in Francia nel
1789 con sede a Parigi in un convento di monaci chiamati
proprio giacobini. Gli obiettivi di questa società politica
furono:

– discutere delle questioni che dovevano essere decise


nell'Assemblea Nazionale;
– discutere ed emanare una costituzione;
– parlare,interloquire con le altre società politiche del
loro genere sorte in Francia;
– illuminare il popolo e prevenire i suoi errori.

Porta del club dei Giacobini,Parigi

Nel maggio 1791 si scatena un attacco della destra contro


le società popolari,compresa quella giacobina, causando
l'inizio dei contrasti tra moderati e democratici. La fuga
del re a Varennes e la creazione del gruppo moderato dei
foglianti aggrava la situazione. Dal gruppo giacobino si
stacca un gruppo di giovani e colte personalità , fanatici
per la salvezza della patria, comandato da Robespierre.
I giacobini raggiunsero l'apice del loro potere politico
quando fu creata la Convenzione Nazionale nel 1792:
niente veniva approvato senza prima aver sottoposto il
tutto all'opinione e al voto dei giacobini. Dopo la fuga del
re questo gruppo estremista guidato da Robespierre
acquista sempre più potere,creando e dominando il
Comitato di Salute Pubblica, dando il via al regime del
Terrore.

Maximilien Robespierre
Il club giacobino cominciò ad affondare con la caduta
dello stesso Robespierre nella famosa reazione termidoriana (giugno 1794), quando cominciò a
ricevere durissimi attacchi e critiche sia da destra che dalla sinistra con l'accusa di non fare più gli
interessi del popolo.
Il 12 Novembre 1794 il Club dei Giacobini fu chiuso definitivamente.