You are on page 1of 6

C 145/48 EN Official Journal of the European Union 21.6.

2003

STATE AID — ITALY

Aid C 28/03 (ex N 371/01) — Guarantees for ship financing


Invitation to submit comments pursuant to Article 88(2) of the EC Treaty

(2003/C 145/04)
(Text with EEA relevance)

By means of the letter dated 30 April 2003 reproduced in the authentic language on the pages following
this summary, the Commission notified Italy of its decision to initiate the procedure laid down in Article
88(2) of the EC Treaty concerning the abovementioned measure.

Interested parties may submit their comments on the measure in respect of which the Commission is
initiating the procedure within one month of the date of publication of this summary and the following
letter, to:

European Commission
Directorate-General for Competition
State aid Greffe
J-70, 4/151
B-1049 Brussels
Fax (32-2) 296 12 42

These comments will be communicated to Italy. Confidential treatment of the identity of the interested
party submitting the comments may be requested in writing, stating the reasons for the request.

SUMMARY 2,3 % of the guaranteed amount, for 12-year loans (decreasing


it proportionally for shorter loans). This one-off premium is
On 26 November 1998 the Commission approved the Italian equivalent to a premium of 0,5 % per annum on the
shipbuilding guarantee scheme provided for in Article 5 of Law outstanding guaranteed amount of a 12 years loan.
31 July 1997 No 261, and considered that the aid intensity
provided for by the scheme amounted to 1 %. On 16 May
2001 Italy informed the Commission about the adoption of
the implementing decree (Decree 14 December 2000) which According to Article 2 of Council Regulation (EC) No 1540/98
integrated and modified the rules governing the guarantee (the ‘Shipbuilding Regulation’), any aid granted directly to
scheme, pursuant to Article 88(3) of the EC-Treaty. shipyards, shipowners or third parties which is available for
the building or conversion of ships is to be considered as
direct or indirect aid to the shipbuilding industry. Therefore,
The Fund is intended to cover the risk of failure to recover any potential aid that may be contained in the Italian guarantee
loans for the construction and conversion of ships, granted by scheme for ship financing would have to be considered as aid
banks to Italian and foreign shipowners, for works carried out to undertakings engaged in shipbuilding or related entities.
in Italian shipyards. The financing loan must have a duration of Since no other derogation set out in the Shipbuilding Regu-
no more than twelve years and amount to no more than 80 % lation presently applies, any aid contained in the present
of the contract price and shall be guaranteed by a first guarantee scheme granted in relation to contracts signed after
mortgage on the vessel that is the object of the financing. 31 December 2000 would have to be considered incompatible
Final beneficiaries of the guarantee scheme are the shipowners. with the common market.
To be granted the guarantee, they shall be assessed as being
economically and financially sound by Mediocredito Centrale
SpA, the bank entrusted with the financial, administrative and
technical management of the Fund. The Commission outlined its approach on this issue in its
Notice from 11 March 2000 on the application of Articles
87 and 88 of the EC Treaty to State Aid in the form of
The guarantee can be given to a sum no greater than 40 % of Guarantees (‘the Notice on Guarantees’). It is evident that the
the loan and — within this limit — would cover up to 90 % of underlying principle behind the Notice on Guarantees is that
the final loss incurred by the banks for capital, contractual the benchmark to assess if a guarantee is free of State aid, is
interest and interest on arrears, and costs, including court the market. If a market price for a guarantee exists, the
and out-of-court expenses incurred. The one-off premium difference between such a price and the price paid by the
paid by the beneficiaries of the Fund is fixed and corresponded beneficiary for the state-provided guarantee is State aid. On
originally to 1,6 % of the guaranteed amount. The Italian auth- the contrary, where the guarantee scheme is based on
orities have lately informed the Commission of their intention market-based values, then it is possible to conclude that the
to re-determine such one-off premium to an amount of up to scheme does not involve any aid element.
21.6.2003 EN Official Journal of the European Union C 145/49

Under point 4.3 of the Commission's Notice on the application disciplina del regime in oggetto ed hanno sostenuto che
of Articles 87 and 88 of the EC Treaty to State aid in the form per effetto di dette modifiche, il regime di garanzie doveva
of guarantees, conditions are defined according to which the considerarsi esente da aiuto.
existence of aid within a guarantee scheme can be excluded.
2. Successivamente alla notifica, ha avuto luogo uno scambio
After an initial assessment, the Commission has doubts that all di lettere con l'Italia al fine di ottenere ulteriori informa-
the conditions which would allow the Commission to exclude zioni. A questo stesso fine si è inoltre svolta una riunione
the existence of aid are fulfilled by the Italian guarantee scheme tra la Commissione e i rappresentanti del governo italiano.
for ship financing. Among others, the Commission has doubts
that a State-provided guarantee scheme which charges the 3. Benché lo scambio di informazioni tra l'Italia e i servizi
same premium to all the users independently of the individual della Commissione abbia fornito qualche chiarimento, non
risks of the financed project — which operates in a sector for tutti i dubbi della Commissione sono stati dissipati da
which there is a market willing to offer such guarantees — can questo esame informale. Considerati il tempo trascorso
be considered to be in all probability self-financing. Also, the dall'inizio dell'indagine e i dubbi persistenti, la Commis-
Commission has doubts that the premiums paid by the bene- sione ora ritiene necessario proseguire l'indagine nell'am-
ficiaries are market conform and, in any event, sufficient to bito del procedimento d'indagine formale previsto dall'ar-
cover all the costs of the scheme. ticolo 88, paragrafo 2, del trattato, che permette alla Com-
missione di aprire il caso alle osservazioni dei terzi inte-
ressati.
Last, the Commission cannot rule out that a percentage of only
10 % of the most risky, ‘non-mortgaged’ part of the loan for
which the lender bears the risk, could prove to be insufficient 2. DESCRIZIONE DEL REGIME
to ensure that the lender assesses properly the creditworthiness
of the borrower and minimises the risks associated with the 4. Il Fondo centrale di garanzia per il credito navale («il
transaction. Fondo») è stato istituito ai sensi dell'articolo 5 della legge
31 luglio 1997, n. 261. La gestione finanziaria, ammini-
In conclusion, given that the notified guarantee scheme does strativa e tecnica del Fondo è stata affidata a Mediocredito
not seem to fulfil all the conditions that would allow the Centrale SpA («Mediocredito»), impresa prescelta mediante
Commission to immediately rule out the possibility that any gara pubblica. Il Fondo è destinato alla copertura dei rischi
aid element is involved in the scheme, the Commission must derivanti dalla mancata restituzione di prestiti alla costru-
complete its examination of such scheme to determine whether zione e trasformazione di navi, concessi da banche ad
it may involve any State aid element. armatori italiani ed esteri per lavori effettuati presso can-
tieri navali italiani. A tal fine il Fondo concede a detti
armatori garanzie end-financing di secondo grado. Le au-
As indicated above, the benchmark to assess if a guarantee torità italiane hanno confermato che il Fondo finora non
contains an aid element, is the market. On the basis of the ha concesso garanzie.
information available to the Commission's services, it appears
that the average premium that the market is charging for an 5. Il finanziamento deve essere di durata non superiore a 12
end-financing guarantee similar to the one offered by the anni, di importo non superiore all'80 % del prezzo con-
Italian guarantee scheme, is well above 1 %. Thus, it can not trattuale della nave e ad un tasso d'interesse non inferiore a
be excluded that the premium charged by the Italian guarantee quello di cui alla risoluzione del Consiglio OCSE del 3
scheme is lower than the average premium charged by the agosto 1981 e successive modificazioni oppure al tasso
market to cover risk premium and administrative costs and, di mercato qualora il finanziamento non fruisca di altre
thus, that this guarantee scheme involves State aid. agevolazioni pubbliche volte a ridurre l'onere a carico dei
terzi interessati. Inoltre, il finanziamento sarà garantito da
un'ipoteca di primo grado sulla nave che ne è oggetto.
TEXT OF THE LETTER

‘Con la presente la Commissione si pregia informare l'Italia che 6. Il regime di garanzie in questione prevede la concessione
dopo aver esaminato le informazioni fornite dalle autorità ita- di garanzie agli armatori i quali, per ottenere la garanzia,
liane sulla misura in oggetto, ha deciso di avviare il procedi- dovranno essere dichiarati economicamente e finanziaria-
mento di cui all'articolo 88, paragrafo 2, del trattato CE. mente sani dal Mediocredito sulla base dei criteri stabiliti
nel decreto.

1. PROCEDIMENTO 7. La garanzia può essere accordata fino ad un massimale del


40 % del prestito e — entro tale limite — può essere
1. Il 26 novembre 1998 la Commissione ha approvato il attivata in misura non superiore al 90 % della perdita
Fondo centrale di garanzia per il credito navale istituito che risulti definitivamente accertata a carico della banca
ai sensi dell'articolo 5 della legge 31 luglio 1997, n. 261 per capitale, interesse contrattuale e interessi di mora, ad
ed ha considerato che l'intensità di aiuto prevista dal re- un tasso non superiore a quello del tasso di riferimento (2)
gime ammontasse all'1 %. Il 16 maggio 2001 le autorità in vigore alla data dell'azione legale intentata per il recu-
italiane hanno notificato alla Commissione l'adozione del pero del debito e delle spese, incluse quelle legali ed ex-
decreto di attuazione (1), che ha integrato e precisato la tralegali.

(1) Decreto 14 dicembre 2000, «Disposizioni operative per il funzio- (2) Il «tasso di riferimento» indica il tasso di riferimento del prestito alla
namento del Fondo centrale di garanzia per il credito navale isti- costruzione navale di cui al decreto del ministero del Tesoro del 21
tuito ai sensi dell'articolo 5 della legge 31 luglio 1997 n. 261». dicembre 1994.
C 145/50 EN Official Journal of the European Union 21.6.2003

8. Il premio unico (una tantum) che deve essere corrisposto La Comunicazione sulle garanzie
dai beneficiari del Fondo è fisso ed è stato inizialmente
stabilito all'1,6 % dell'importo garantito, indipendente- 15. La Comunicazione sulle garanzie spiega per quale motivi
mente dalla durata del prestito garantito. Le autorità ita- — in base a determinate condizioni — una garanzia di
liane di recente hanno informato la Commissione della Stato può costituire aiuto di Stato: «la garanzia statale
loro intenzione di rideterminare detto premio unico au- consente al mutuatario di ottenere per il prestito condi-
mentandolo ad un massimo del 2,3 % dell'importo garan- zioni migliori di quelle conseguibili in genere sui mercati
tito per operazioni della durata di 12 anni (diminuendolo finanziari. Grazie alla garanzia statale il mutuatario ha di
proporzionalmente per i prestiti di durata inferiore) (3). Il norma la possibilità di ottenere tassi ridotti o di offrire
premio unico corrisponde ad un premio annuo dello 0,5 % coperture minori. Senza la garanzia statale egli talvolta
di un prestito in essere della durata di 12 anni. non sarebbe in grado di trovare un istituto finanziario
disposto a concedergli un prestito ad alcuna condizione.
(. . .) Il beneficio derivante dalla garanzia statale risiede nel
fatto che il relativo rischio viene assunto dallo Stato. Tale
3. VALUTAZIONE assunzione del rischio dovrebbe essere in linea di principio
remunerata con un adeguato corrispettivo. L'eventuale ri-
a) Esistenza di aiuto di Stato nuncia al corrispettivo stesso comporta una perdita di
risorse per lo Stato e nel contempo un beneficio per l'im-
9. Ai sensi dell'articolo 87, paragrafo 1, del trattato CE «sono presa. Di conseguenza un aiuto di Stato ai sensi dell'arti-
incompatibili con il mercato comune, nella misura in cui colo 87, paragrafo 1, può comunque sussistere anche nei
incidano sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi casi in cui non venga effettuato alcun versamento in ese-
dagli Stati, ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi cuzione della garanzia prestata» (5).
forma che, favorendo talune imprese o talune produzioni,
falsino o minaccino di falsare la concorrenza».
16. Da quanto sopra si evince che in base al principio cui si
ispira la comunicazione sulle garanzie che il punto di
10. La misura da valutare consiste in un fondo di garanzia riferimento per valutare se una garanzia è esente da aiuti
destinato a coprire il finanziamento, concesso dalle banche di Stato è costituito dal mercato. La differenza tra il prezzo
agli armatori, per la costruzione o la trasformazione di di mercato e il prezzo pagato dal beneficiario per la ga-
navi presso cantieri navali italiani. Queste garanzie di Stato ranzia statale costituisce aiuto di Stato. Invece laddove il
possono comportare vantaggi economici per un'impresa regime di garanzie si basa su valori di mercato, allora è
specifica, ad esempio per il cantiere o per l'armatore. In- possibile concludere che il regime non comporta elementi
fatti, detti vantaggi possono agevolare l'accesso, per il can- di aiuto (6).
tiere o per gli armatori, a determinate attività altrimenti ad
essi inaccessibili.

Il «Safe Haven» di cui alla comunicazione sulle garanzie


11. Le garanzie di Stato possono inoltre comportare una per-
dita di risorse per lo Stato, qualora lo Stato rinunci ad un 17. La comunicazione sulle garanzie, al punto 4.3, stabilisce
adeguato corrispettivo che dovrebbe essere pagato dai be- sei condizioni che, se rispettate, permettono alla Commis-
neficiari. sione di ritenere che il regime di garanzie statali non co-
stituisce aiuto di Stato. Pertanto la Commissione deve in-
nanzitutto valutare se il regime notificato soddisfi dette
12. Questo vantaggio economico conferito ad imprese specifi-
condizioni, dato che ciò le permetterebbe di escludere
che può, per sua stessa natura, falsare la concorrenza dato
immediatamente la presenza di elementi di aiuto.
che — come già detto sopra — le garanzie di Stato pos-
sono facilitare a dette imprese l'accesso a talune attività
che diversamente non sono loro accessibili. 18. Nella fattispecie, sulla base delle informazioni trasmesse
dalle autorità italiane, risulta che sono soddisfatte le con-
13. Dato che il settore del mercato comune in cui operano i dizioni di cui al punto 4.3, lettere a), b) ed e), della co-
beneficiari dell'aiuto è caratterizzato dall'esistenza di municazione sulle garanzie. Tuttavia, la Commissione du-
scambi intracomunitari, le misure in questione possono bita, per le ragioni illustrate in prosieguo, che siano attual-
rientrare nell'ambito di applicazione dell'articolo 87, para- mente soddisfatte le condizioni di cui alle lettere c), d) e f).
grafo 1, del trattato CE.

14. Occorre pertanto determinare se il regime di garanzie di Punto 4.3, lettere a), b) ed e)
cui trattasi sia idoneo a favorire i beneficiari ai sensi
dell'articolo 87, paragrafo 1. La Commissione ha illustrato 19. Ai sensi del punto 4.3, lettera a), il regime non consente la
l'orientamento da essa seguito in materia nella Comunica- concessione di garanzie ai mutuatari che si trovino in
zione dell'11 marzo 2000 sull'applicazione degli articoli difficoltà finanziarie. Inoltre ai sensi del punto 4.3, lettera
87 e 88 del trattato CE agli aiuti di Stato concessi sotto b), il mutuatario, in linea di principio, è in grado di otte-
forma di garanzie («la comunicazione sulle garanzie») (4). nere sui mercati finanziari un prestito a condizioni di
mercato senza alcun intervento da parte dello Stato.
(3) Lettera del ministero delle Infrastrutture e trasporti del 30 settembre
2002. (5) Punti 2.1.1 e 2.1.2 della comunicazione.
(4) GU C 71 dell'11.3.2000, pag. 14. (6) Cfr. i punti 3.2, 4.2, lettera d), 4.3, lettera d), della comunicazione.
21.6.2003 EN Official Journal of the European Union C 145/51

20. Stando alle informazioni fornite dall'Italia, il regime di requisito dell'80/20 dovrebbe essere applicato alla parte
garanzie proposto appare conforme a detti punti della più rischiosa «non assistita da garanzia statale» del prestito.
comunicazione sulle garanzie. Le informazioni fornite
dall'Italia indicano che le garanzie possono essere concesse
unicamente ad armatori sani. Inoltre la Commissione ri- 27. La Commissione dubita che una percentuale pari unica-
tiene che in linea di principio i mutuatari siano in grado di mente al 10 % della parte più rischiosa, «non assistita da
ottenere un prestito a condizioni di mercato senza alcun garanzie statali», del prestito per il quale il mutuante as-
intervento da parte dello Stato italiano. sume il rischio sia sufficiente a garantire che il mutuante
valuta debitamente l'affidabilità creditizia del mutuatario e
minimizza i rischi inerenti all'operazione.
21. Inoltre, ai sensi del punto 4.3, lettera e), della comunica-
zione sulle garanzie, il regime prevede le condizioni alle
quali verranno prestate le garanzie future nonché una do- 28. Sulla base delle considerazioni di cui sopra la Commis-
tazione finanziaria globale, soggetta a revisione con perio- sione, in via preliminare, ritiene che il regime possa non
dicità quantomeno annuale. Le informazioni fornite dalle soddisfare la condizione di cui al punto 4.3, lettera c), della
autorità italiane indicano che secondo la legislazione ita- comunicazione sulle garanzie.
liana le condizioni per la concessione delle garanzie sa-
ranno sottoposte a revisione con periodicità almeno an-
nuale. Sembra pertanto che tale condizione sia soddisfatta.
Punto 4.3, lettere d) e f)
29. Ai sensi del punto 4.3, lettera d), le modalità del regime
Punto 4.3, lettera c) sono basate su una valutazione realistica del rischio, di
guisa che i corrispettivi pagati dalle imprese beneficiarie
22. Ai sensi del punto 4.3, lettera c), le garanzie sono connesse consentono, con ogni probabilità, l'autofinanziamento del
ad un'operazione finanziaria specifica, sono circoscritte ad regime stesso.
un importo massimo predeterminato e non assistono più
dell'80 % del prestito. La comunicazione sulle garanzie
spiega la ragione di quest'ultima condizione: «una quota 30. Dalle informazioni in suo possesso la Commissione con-
pari almeno al 20 % non assistita da garanzia statale co- stata che il credito navale è un settore nel quale è possibile
stituirà un margine idoneo per indurre il mutuante a va- valutare i rischi individuali e calcolarne il prezzo e appare
lutare debitamente l'affidabilità creditizia del mutuatario, a inoltre esistente un mercato che funziona correttamente
garantire adeguatamente il proprio prestito ed a minimiz- per la concessione di garanzie alla costruzione e garanzie
zare i rischi inerenti all'operazione. La Commissione esa- end-financing nel settore della cantieristica. Pertanto, un
minerà quindi in modo critico le garanzie statali che co- regime di garanzie al credito navale che preveda lo stesso
prono l'importo totale (o pressoché totale) dell'operazione premio per tutti gli utenti, ammesso che funzioni in base
finanziaria» (7). alle stesse condizioni e restrizioni degli altri operatori del
mercato, non sarebbe, molto verosimilmente, in grado di
23. Nel regime in questione le garanzie concesse nell'ambito autofinanziarsi.
del Fondo sono effettivamente connesse ad operazioni fi-
nanziarie specifiche e ad importi predeterminati. Tuttavia, 31. Le informazioni fornite indicano che il regime di garanzie
le garanzie assistono sino al 90 % delle perdite sostenute al credito navale istituito dall'Italia prevede un premio
dalle banche a titolo di capitale, interesse contrattuale, predeterminato ed uguale per tutti i beneficiari. Pertanto,
interessi di mora e spese (entro il limite del 40 % dell'in- i premi applicati ai beneficiari non rispecchiano i rischi
tero finanziamento). Pertanto il coefficiente 80/20 non individuali delle garanzie prestate.
sembra rispettato.

24. Né sembra possibile sostenere che la Commissione do- 32. Sulla base delle informazioni fornite dalle autorità italiane,
vrebbe considerare la percentuale assistita dalla garanzia la Commissione dubita che siffatto sistema possa verosi-
in rapporto all'intero finanziamento. Infatti, secondo la milmente garantire l'autofinanziamento del regime stesso.
comunicazione sulle garanzie questo coefficiente di 80/20 Poiché l'utilizzazione del sistema non è obbligatoria e se
si applica «sul presupposto che l'impresa fornisca coperture allo stesso tempo è possibile valutare il rischio individuale
identiche allo Stato e all'istituto di credito» (8). (ed esiste un mercato per concedere siffatte garanzie) il
sistema di garanzie a premio unico in esame non può,
di norma, verosimilmente autofinanziarsi. E ciò perché
25. In base al regime proposto, la garanzia di Stato verrebbe sarebbe sempre possibile, per i potenziali beneficiari, tro-
attivata in caso di «default» del beneficiario per le perdite in vare un altro soggetto che emette garanzie disposto a
essere una volta completate le azioni di recupero (inclusa coprire il rischio delle società con un rischio inferiore a
la vendita della nave ipotecata) avviate dal mutuatario. quello medio, a premi di importo inferiore al premio me-
dio. Questo lascerebbe il regime di garanzie solamente con
26. È evidente che la parte del prestito assistita dalla garanzia progetti con un rischio superiore a quello medio.
di Stato è la parte più rischiosa del prestito e non presenta
le stesse caratteristiche del resto del prestito. Pertanto, alla
luce del punto 3.4 della comunicazione sulle garanzie, il 33. Sulla base delle informazioni fornite, la Commissione du-
bita che il regime in questione possa verosimilmente essere
considerato come idoneo ad autofinanziarsi e che sia
(7) Punto 3.4 della comunicazione. quindi soddisfatta la condizione di cui al punto 4.3, lettera
(8) Punto 3.4 della comunicazione. d), della comunicazione sulle garanzie.
C 145/52 EN Official Journal of the European Union 21.6.2003

34. Ai sensi del punto 4.3, lettera f), i corrispettivi coprono sia 42. La Commissione dubita che nel caso del regime italiano di
i normali rischi inerenti alla concessione della garanzia sia garanzie il premio sia sufficientemente elevato per coprire
le spese amministrative del regime nonché — ove lo Stato il rischio dei potenziali beneficiari medi. Secondo le infor-
apporti fondi iniziali per l'avvio del sistema — la normale mazioni in possesso della Commissione, il premio medio
remunerazione del capitale. Ovviamente un regime di ga- che il mercato applica a garanzie end-financing simili a
ranzie non potrebbe essere considerato esente da aiuto se quelle offerte dal regime italiano di garanzie, è considere-
lo Stato sostiene tutte o parte delle spese connesse al volmente superiore all'1 %. Pertanto, sulla base di tale in-
regime: le spese amministrative, le spese delle eventuali formazione, non si può escludere che il premio applicato
attivazioni della garanzia e la normale remunerazione del dal regime italiano di garanzie sia inferiore al premio me-
capitale. dio applicato per coprire il premio del rischio delle relative
spese.
35. L'unica fonte di reddito del Fondo sono i premi unici
riscossi. Sinora, le autorità italiane non hanno fornito in-
formazioni sufficienti sul calcolo del premio e sulle spese 43. Alla luce di quanto sopra la Commissione ritiene che il
coperte che possano permettere alla Commissione di arri- regime possa, di fatto, costituire aiuto di Stato ai sensi
vare alla conclusione che certamente tutti gli elementi di dell'articolo 87, paragrafo 1, del trattato CE.
spesa siano stati presi in considerazione nel regime attuale.
Pertanto, la Commissione non può, allo stato attuale, con-
cludere che il regime soddisfa la condizione di cui al punto
4.3, lettera f), della comunicazione sulle garanzie. b) Compatibilità con il mercato comune
44. L'articolo 87, ai paragrafi 2 e 3, enuncia le condizioni in
Conformità al mercato base alle quali un aiuto è compatibile o può essere consi-
derato compatibile con il mercato comune. L'articolo 87,
36. In base alle considerazioni di cui sopra, la Commissione paragrafo 3, lettera e), prevede che il Consiglio possa, con
ritiene che il regime di garanzie notificato attualmente decisione adottata a maggioranza qualificata su proposta
possa non soddisfare le condizioni di cui al punto 4.3 della Commissione, determinare le specifiche categorie di
della comunicazione sulle garanzie. Tuttavia, come indi- aiuto che possono essere compatibili con il mercato co-
cato al punto 4.4 di detta comunicazione, l'inosservanza mune. Mediante l'adozione del regolamento (CE) n.
di una delle condizioni indicate non implica che il regime 1540/98 (9) (il regolamento «costruzione navale») il Consi-
di garanzie debba considerarsi automaticamente come glio ha esercitato tale facoltà al fine di determinare le
aiuto di Stato. condizioni in base alle quali un aiuto concesso diretta-
mente o indirettamente all'industria della costruzione na-
37. Pertanto, considerato che il regime non sembra rientrare vale possa essere considerato compatibile con il mercato
nel «Safe Haven» di cui alla comunicazione, la Commis- comune. Trattandosi di un aiuto destinato alla costruzione
sione deve completarne l'esame per determinare se com- navale, la misura deve essere valutata conformemente alle
porti elementi di aiuto di Stato. disposizioni del regolamento «costruzione navale».

38. Come indicato sopra, il punto di riferimento per valutare


se una garanzia contiene elementi di aiuto è il mercato. La 45. Ai sensi dell'articolo 2 di suddetto regolamento gli aiuti,
differenza tra il prezzo di mercato e il prezzo pagato dal concessi in modo indiretto ai cantieri navali, agli armatori
beneficiario per la garanzia concessa dallo Stato costituisce o ai terzi che sono disponibili come aiuti per la costru-
aiuto di Stato. zione o la trasformazione di navi, devono essere conside-
rati compatibili unicamente se sono conformi alle disposi-
39. L'Italia sostiene che il premio unico proposto (inizialmente zioni del regolamento.
fissato all'1,6 % e recentemente portato al 2,3 %) è con-
forme al mercato giacché si basa sul costo annuo medio
della garanzia dello 0,50 %. 46. Nella fattispecie le garanzie sono legate al finanziamento
della costruzione e dell'acquisto di specifiche navi costruite
40. A dimostrazione di ciò, l'Italia ha fornito tre lettere, inviate da cantieri navali italiani. Pertanto, qualsiasi aiuto disposto
da importanti banche italiane, attestanti che il prezzo che dal presente regime dovrebbe essere considerato come un
applicherebbero alla concessione di una garanzia analoga aiuto al funzionamento connesso al contratto. In base
in questo campo ammonterebbe allo 0,5 % annuo dell'im- all'articolo 3, paragrafo 1, del regolamento sulla costru-
porto garantito. Tuttavia queste lettere sono redatte in zione navale, gli aiuti al funzionamento a favore della
termini molto generici e non forniscono tutti i dati sui costruzione e trasformazione navale potevano essere con-
quali si basa la stima delle banche. La Commissione dubita siderati compatibili con il mercato comune soltanto fino al
pertanto che da queste lettere si possa concludere che i 31 dicembre 2000. Pertanto la Commissione, con lettera
margini indicati dalle banche si riferiscono alla parte del del 6 novembre 2000 (conformemente all'articolo 3 del
prestito che deve essere garantita dallo Stato (ossia la parte regolamento «costruzione navale»), ha informato gli Stati
più rischiosa del prestito) e non ai margini che corrispon- membri, che gli aiuti al funzionamento connessi al con-
derebbero all'intero prestito offerto agli armatori. tratto dopo il 2000 possono unicamente essere concessi
per contratti ben definiti, firmati prima della scadenza del
41. Inoltre la Commissione dubita che le lettere inviate dall'Ita- termine suddetto.
lia possano essere considerate rappresentative giacché ri-
guardano soltanto tre banche. (9) GU L 202 del 18.7.1998, pag. 3.
21.6.2003 EN Official Journal of the European Union C 145/53

47. Ai sensi dell'articolo 3, paragrafo 4, del regolamento sulla di cui al presente regime di garanzie concessi in relazione
costruzione navale «gli aiuti sotto forma di agevolazioni di a contratti firmati dopo il 31 dicembre 2000 dovrebbero
credito concessi dallo Stato ad armatori nazionali e non essere considerati incompatibili con il mercato comune.
nazionali o a terzi per la costruzione o la trasformazione
di navi possono essere considerati compatibili con il mer- 53. Da notare che la Commissione partecipa ed energicamente
cato comune e non rientrare nel massimale qualora siano sostiene l'iniziativa denominata LeaderSHIP 2015 finaliz-
conformi alla risoluzione del consiglio dell'OCSE del 3 zata alla valutazione di prospettive per l'industria cantieri-
agosto 1981 (Intesa sui crediti all'esportazione di navi) o stica nel quadro di una visione a più lungo termine e
ad eventuali accordi sostitutivi o di modifica di detta in- all'individuazione di politiche adeguate per sostenerne gli
tesa». obiettivi di competitività. Entro tale quadro viene esami-
nata la possibilità di istituire un fondo europeo di garanzie
48. Una nuova intesa settoriale per i crediti all'esportazione di che si autofinanzi, idoneo a garantire che piena armoniz-
navi («la nuova intesa settoriale») è stata approvata di re- zazione e trasparenza dei regimi di finanziamento e acces-
cente dai partecipanti all'accordo sulle direttive per i crediti sibile all'intero settore. Tuttavia non si prevede che Leader-
pubblici all'esportazione (l'accordo OCSE). Le disposizioni SHIP 2015 produca risultati concreti a questo proposito
della nuova intesa settoriale sono state integrate nel diritto nell'immediato futuro e che incida sull'applicazione delle
comunitario il 22 luglio 2002 con decisione del Consiglio norme attualmente vigenti in materia di aiuti di Stato alla
dell'Unione europea. costruzione navale e sui regimi di garanzie statali notificati.
49. La nuova intesa settoriale non contiene norme per valutare
la conformità al mercato delle garanzie. L'articolo 6, al 54. Ciò premesso, la Commissione dubita che il regime in
capitolo 2, stabilisce che «le disposizioni dell'accordo ri- questione sia compatibile con il mercato comune.
spetto ai premi minimi di riferimento non si applicano
fintantoché siffatte disposizioni non siano state riesaminate
dai partecipanti all'intesa settoriale». La revisione delle di- 4. CONCLUSIONI
sposizioni dell'accordo OCSE relative ai premi minimi di
riferimento al fine di integrarli nella nuova intesa settoriale In base alle considerazioni di cui sopra la Commissione,
figura nell'allegato di detta intesa, sotto la voce Impegni di nell'ambito del procedimento di cui all'articolo 88, paragrafo
lavoro futuro. 2, del trattato CE, invita l'Italia ad inviare osservazioni e a
fornire qualsiasi informazione utile ai fini della valutazione
50. Da anni, all'OCSE sono in corso discussioni per stabilire della misura, entro un mese dalla data di ricezione della pre-
premi adeguati da applicare alle garanzie, ma finora non sente. La Commissione invita le autorità italiane a trasmettere
hanno dato alcun esito. senza indugio copia della presente lettera ai potenziali benefi-
ciari dell'aiuto.
51. In ogni caso le regole dell'accordo OCSE non permettono
che i regimi di garanzie statali siano utilizzati per sovven- La Commissione richiama all'attenzione delle autorità italiane
zionare rischi di credito. che l'articolo 88, paragrafo 3, del trattato CE ha effetto sospen-
sivo e che l'articolo 14 del regolamento (CE) n. 659/1999 del
52. Dato che non sono attualmente applicabili altre deroghe Consiglio stabilisce che ogni aiuto illegale può formare oggetto
contemplate nel regolamento «costruzione navale», gli aiuti di recupero presso il beneficiario.’