You are on page 1of 30

Diritto Commerciale

Niccolò Assicurazioni, Banche e Mercato Mobiliare

Introduzione

Cos'è un'assicurazione? E una banca? Cos'è il mercato mobiliare?

Panoramica

Presentate una panoramica dei contenuti didattici. Illustrate le connessioni. Stabilite un orientamento pratico per il pubblico.

Terminologia

Assicurazione: Contratto con il quale l'assicuratore, verso pagamento di un premio, si obbliga a rivalere l'assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto da un sinistro, ovvero a pagare un capitale o una rendita al verificarsi di un evento attinente alla vita umana. (1917) Contratto bancario: tutti i contratti nei quali il cliente fruisca di servizi offerti dalla banca nell'esercizio dell'attività bancaria. Strumenti finanziari: valori mobiliari , strumenti del mercato monetario, quote di organizmi di investimento collettivo, strum. fin. derivati

Le assicurazioni

L'assicurazione fa parte dei contratti per la prestazione di opera e di servizi

Es: ass. auto, ass. vita, ass. responsabilità civile. ecc

L'impresa e il contratto
Riserva di attività: istituto pubblico o S.p.A. autorizzate, soc. cooperativa, mutua assiscuratrice Cause: delicatezza sul piano economico: il ciclo è invertito = entrate-premi precedono uscite-indennizzi Aleatorietà: se e quando sono incerti → problema superato dalla statistica Fonti: cc e codice delle assicurazioni private d. lgs. 209/2005 (es. di limiti previgenti: autorizzazione, limite all'acquisto di partecipazioni, riserve tecniche) Vigilanza: Isvap

Caratteri generali

Forma: scritta ad probationem, obbligo di consegna della poliza sottoscritta (contratti standard → clausole vessatorie) Agenti: necessità iscrizione al registro Isvap Broker: grandi contratti, svincolato Rappresentanza senza potere: deroghe al diritto comune 1)rappresentato può ratificare dopo la scadenza o il verificarsi del sinistro; 2)falsus procurator è sempre tenuto, fino alla ratifica o al rifiuto, a pagare il premio Beneficiario: stipulante, per conto altrui o per conto di chi spetta (parametri oggettivi: es. possessore capannone) → al beneficiario sono opponibili le eccezioni opponibili allo stipulante. Rischio: quando viene meno il contratto si scioglie (princ. Generale) → obbligo di trasparenza → 1)annullabilità per dolo o colpa grave, senza colpa grave possibilità di recesso con indennizzo ridotto. 2) modifica rischio → modifica premio. Premio: corrispettivo a favore dell'assicuratore (anticipato o a scadenze periodiche). Sospensione o risoluzione se assicuratore non agisce per l'adempimento entro sei mesi

Polizze-vita

Prodotto di investimento finanziario Collegati ad eventi della vita umana in astratto (vedi def.) Funzione di investimento del risparmio al fine di ottenere a scadenza una rendita o un capitale assicurato Regolate anche dal TUF come prodotti finanziari assicurativi.

Assicurazione contro i danni
“l'assicuratore è tenuto a risarcire, nei modi e nei limiti stabiliti dal contrtto, il danno sofferto dall'assicurato in conseguenza del sinistro” Principio indennitario → l'indennizzo non può superare il valore delle cose (1908) → ass. invalida se con dolo si effettua per un valore superiore (1909) → se il bene aumenta di valore il limite resta (es: metà danno = metà risarcimento) → assicurare lo stesso rischio → massimo ottenibile è l'ammontare del danno (1910) Coassicurazione: + assicuratori VS unico rischio (indennizzo in quote) Riassicurazione: copertura del rischio dell'assicuratore Obbligo di avviso e “prudenza attiva”

Assicurazione della responsabilità civile
“L'assicuratore è obbligato a tenere indenne l'assicurato di quanto questi, in conseguenza del fatto accaduto durante il tempo dell'assicurazione, deve pagare a un terzo, in dipendenza della responsabilità dedotta nel contratto.” Assicurazione contro i danni nell'esercizio dell'impresa → risarcimento verso terzi L'attività dolosa non è coperta Assicurazione obbligatoria (veicoli a motore e natanti) → azione diretta contro l'assicuratore (114 c.a.p.) = danneggiato è immune dalle eccezioni che l'assicuratore avrebbe potuto opporre all'assicurato. → procedura: richiesta danno e passaggio 60 gg. Nel periodo c'è l'obbligo di corresponsione di una somma in via provvisoria. → per danni al veicolo o danni lievi al conducente la richiesta può essere fatta al proprio assicuratore (stanza compensazione)

I contratti bancari

In un sistema bancocentrico queale è il nostro, le banche sono attori nel: finanziano le imprese (<investimenti da altre fonti: capitali e risparmiatori); investimento in strumenti finanziari, operazioni parabancarie (leasing, factoring, cartolarizzazione dei crediti), intermediari dei sistemi di pagamento es. conto corrente, fidi, anticipazioni, fondo titoli.

Contratti e impresa bancaria
Attività bancaria: la raccolta del risparmio fra il pubblico e l'esercizio del credito Riserva: raccolta e credito sono riservate, le banche possono svolgere ogni tipo di attività finanziaria. Debbono essere S.p.A. o cooperative con determinati requisiti (art 14 TUB) Vigilanza: autorità creditizie assicurano una 1) sana e prudente gestione dei soggetti vigilati, 2) stabilità complessiva, 3) l'efficienza e la competitività del sistema finanziario (art 5 TUB) → autorizzazione dalla Banca d'Italia → vigilanza del Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio (CICR) e della Banca d'Italia (attività ispettiva e regolatoria) → la modifica delle partecipazioni richiede l'autorizzazione della Banca d'Italia → disposizioni particolari per i gruppi bancari e “vigilanza consolidata” → esonero dal fallimento (v. fallimento e altre procedure concorsuali) Con la riforma (TUB) le autorità di vigilanza sono diventati anche regolatori Fonti: Cost. (art 47), cc, TUB, Regolamenti autorità creditizie, nub

Ambito di applicazione e disposizioni comuni
Contratti bancari (artt 115 a 129 TUB): tutti i contratti nei quali il cliente fruisca di servizi offerti dalla banca nell'esercizio dell'attività bancaria Derogabilità solo a favore del cliente Controversie gestibili extragiudizilmente ma il cliente può adire le vie ordinarie (manca la regolamentazione del CICR)

Pubblicità, forma e contenuto
Le condizioni debbono poter essere conosciute dal cliente prima della stipulazione del contratto (116 TUB) (in ciascun locale aperto al pubblico debbono essere pubblicizzate le condizioni economiche più rilevanti: tassi, spese per le comunicazioni, ecc.) → Il Cliente ha diritto ad ottenere copia del contratto prima della stipula (art 8 CICR) Tassi e condizioni più sfavorevoli sono nulli e comportano una sanzione. Forma: scritta e consegna di una copia + documento di sintesi (117.1 TUB e 9 CICR) + Indicatore Sintetico dei Costi per alcune operazioni → le operazioni di modico valore o occasionalità, determinate dalla Banca d'Italia non hanno obbligo di forma scritta) → per l'home banking è richiesta la firma elettronica → diritto di ricevere copia cartacea → obbligo del rispetto delle norme sul commercio elettronico e le vendite a distanza dei servizi di investimento ai consumatori → l'inosservanza comporta la nullità Contenuto del contratto: indicazione di ogni prezzo o condizione economica → nullità dei rinvii agli usi (v. 117.6 e .7) Nullità del massimo scoperto e di ogni “remunerazione in favore della bancadevirsa da quella prevista dalla legge indipendente dall'utilizzo del credito o della sua durata” Documentazione: 1) obbligo dell'invio annuale di un'informativa chiara e completa sullo svolgimento dei contratti di durata, 2) diritto del cliente di ottenere copia della documentazione inerente ad ogni operazione

Modifiche unilaterali e recesso
La possibilità per la banca di modificare unilateralmente il contratto deve essere prevista da apposita clausola. Procedura: 1)approvazione specifica della clausola 2) variazioni comunicate per iscritto su supporto durevole 3) la modifica si ritiene accettata trascorsi 60 gg 4) inefficacia delle modifiche non rispettose 5) le modifiche dei tassi di interesse non debbono recare pregiudizio al cliente Facoltà di recesso: sempre nei contratti di durata senza penalità né spese di chiusura a seguito della l 248/2006 (lenzuolata Bersani) Portabilità del mutuo: né limiti, né oneri convenzionali né spese per la concessione del nuovo mutuo → 1% valore mutuo ogni mese di ritardi nella cessione a carico del cedente Mutui immobiliari: nulle le penali di estinzione anticipata

Interessi

Valuta: giorno dal quale dipende la determinazione del saldo su cui maturano gli interessi attivi e passivi. Ex lege giorno del versamento per contanti e assegni, 1 giorno i bonifici. Anatocismo bancario: capitalizzazione. Oggi le banche possono applicare tassi attivi e passivi diversi ma il calcolo deve esser fatto alle stesse condizioni cronologiche (CICR 09/02/2000 Usura: presunzione assoluta di usurarietà: tassi maggiori del 50% rispetto quelli mediamente praticati dalle banche in relazione alla categoria di finanziamento. → giudizio di usurarietà al momento della promessa o convenzione → calcolo da farsi tenendo conto di qualsiasi onere in ragione della durata di utilizzazione

Credito al consumo
“Operazione di concessione, nell'esercizio di un attività commerciale o professionale, di credito sotto forma di dilazione di pagamento, finanziamento o di altra analoga facilitazione finanziaria a favore di un consumatore” (art 121 TUB) Può essere concesso da: intermediari finanziari, soggetti abilitati alla vendita nella Repubblica, soggetti che si interpongono nell'attività di credito al consumo Tutela del consumatore → Obbligo dell'indicazione del TAEG (tasso annuale effettivo globale) → Nei contratti riguardanti l'acquisto di B&S vanno indicati: la descrizione dei B&S, il prezzo di acquisto in contanti, prezzo stabilito + acconto, condizioni per il passaggio di proprietà. → Invalidità dei rinvii agli usi. Assenza o nullità: TAEG → tasso minimo bot, scadenza → 30 mesi, no garanzie assicurative né costituibile né richiedibile → Possibilità di estinzione anticipata senza penali e con equo riduzione del costo complessivo → Possibilità di opporre tutte le eccezioni opponibili al cedente → Se c'è inadempimento del fornitore il consumatore può agire contro il finanziatore che abbia un accordo in esclusiva con il fornitore Operazioni esenti: costruzione e ristrutturazione immobili, importi inferiori a quelli stabiliti dal CICR, somministrazione se stipulati in forma scritta con copia alconsumatore. Carta di credito: fornitore stipula abbonamento con l'emittente che paga al fornitore il prezzo diminuito di una percentuale. Il consumatore sottoscrive una convenzione di rilascio con l'emittente

Conto corrente bancario
...o conto corrente di corrispondenza è il tronco nel quale si innestano i principali servizi, specie i servizi di pagamento Il saldo attivo è disponibile (VS conto corrente ordinario) Assegni, servizio di cassa Saldi: 1) contabile: risulta dalle annotazioni in conto di accrediti e addebiti in mero ordine cronologico di esecuzione; 2) per valuta derivante dalla valuta di ogni rimessa e preso a base per il calcolo degli int.; 3) disponibile: importo di cui, in un dato momento, il correntista può liberamente disporre Conto cointestato: clienti sono debitori solidali e creditori se la facoltà di operare è disgiunta; Informazione periodica: l'estratto conto dopo 60 gg dall'invio si intende approvato Recesso: libertà di recesso reciproca per i contrtti a tempo indeterminato, salvo preavviso Vedi anche deposito

Contratti bancari attivi
Apertura di credito: la banca si obbliga a tenere a disposizione del cliente una somma di denaro per un dato periodo o a tempo indeterminato → recesso: legge t. determinato – giusta causa; t. indeterminato ad nutum con preavviso; n.u.b. t. determinato e indeterminato ad nutum, esclusi i consumatori, previsto un preavviso minimo di 15 gg; giurisprudenza illegittimo se contrario alla BF: ingiustificato arbitrario e imprevedibile Anticipazione bancaria: possibilità di ritirare somme pari alla differenza tra l'anticipazione e i titoli o le merci poste a garanzia; se il valore dei beni diminuisce di oltre 1/10 la banca può chiedere un supplemento di garanzia, in caso gli venga negato, previa diffida, può vendere i beni posti a garanzia. Mutuo: Dazione di denaro VS apertura di credito (v. sopra: portabilità) → Credito fondiario: regole a favore della banca in tema di: costituzione di garanzia; riduzione del periodo sospetto (10 gg) e altri Finanziamento a medio e lungo termine alle imprese, Credito agrario (43 ss 44.2 e 46 TUB) → alla banca viene dato un privilegio speciale sui beni mobili. Ha il carattere della rotatività. Sconto o Prestito garantito da cessione di credito ovvero vendita di crediti o di titoli di credito. Funzione: trasformare i crediti in liquidità. Cessione pro slvendo, se oggetto è una cambiale la banca accumulacontro lo scontatario az. cambiaria di regresso e causale

Garanzie in favore della banca d. lgs. 170/2004
Contratto di garanzia finanziaria: regolazione unitaria di figure negoziali bancarie al fine di creare un modello europeo. Garanzie reali: disciplina 2004 non comprende i consumatori. → Pegno omnibus: garanzia per tutte le obbligazioni del debitore → Pegno irregolare: la banca ha facoltà di disporre e obbligo di restituire l'equivalente → Cessione di crediti in garanzia: restituire la differenza → Mandato all'incasso: l'interesse è anche della banca [cessione e mandato equiparati al pegno art 6 d.lgs 170/2006)] → Garanzia reale rotativa: 1) clausola di sostituzione 2) clausole di integrazione 3) close out netting Garanzie personali: → Fideiussione omnibus: importo massimo garantibile e divieto per la banca di concedere ulteriore liquidità in caso di peggioramento delle condizioni del debitore senza autorizzazione del fideiussore; deroghe al principio di accessorietà; la fideiussione non si estingue se per fatto della banca il fideiussore no può surrogare la stessa. → Patronage: garanzia del capogruppo Contratto autonomo di garanzia: manca l'accessorietà, pagamento a semplice richiesta; impossibilità di opporre eccezioni in base al rapporto sottostante

Contratti parabancari: Leasing
Non sono riservati alle banche ma chi li esercita nei confronti del pubblico deve: 1) essere iscritto in un elenco tenuto dall'ufficio italiano cambi 2) requisiti (SpA, soc. coop.; oggetto esclusivo; capitale minimo rafforzato; onorabilità e professionalità dei soci Leasing: contratto atipico finalizzato al finanziamento delle imprese o dei consumatori. Leasing operativo (prevale la funzione locatizia; Leasing finanziario (prevale la funzione finanziaria); Lease-back (proprietario vende alla soc. di leasing incassando il prezzo un bene che questa contestualmente gli concede in leasing) Rischi: gravano sull'utilizzatore; Concedente deve garantire da evizione; Inadempimento: risoluzione anche se manca un solo canone, trattenere il bene e i canoni riscossi, richiedere il risarcimento corrrispondente a tutti i canoni a scadere Normativa applicabile: Conv. Unidroit di Ottawa 28/05/1988, regole sulla vendita con riserva di proprietà se il bene ha un valore residuo superiore al valore di riscatto (leasing traslattivo), regole sulla locazione se al termine il bene ha un valore così modesto che non permetterebbe al concedente di rientrare del finanziamento concesso. Azioni: art 13 Ottawa: az. di adempimento, az. di risoluzione. Il risarcimento del danno non può mai porre il concedente in una situazione più favorevole rispetto al corretto adempimento.

Factoring e Cartolarizzazione
Factoring: → Normativa: l. 52/1991, Ottawa → Oggetto: cessione dei crediti d'impresa, esistenti o futuri, anche in massa e anche sorgenti da contratti non ancora stipulati → Compito del Factor: gestire il credito, anticipa al cedente prima dell'incasso. → Cessione: è solitamente pro solvendo, ma può essere pro soluto. Va notificata ai creditori. Non è necessaria per l'opponibilità ai terzi quando i crediti siano stati in tutto o in parte pagati. → Fallimento: esenzione dall'az. Revocatoria a meno che non si provi che il factor non conoscesse lo stato di insolvenza del cedente Cartolarizzazione dei crediti: → cessione a titolo oneroso → soc. veicolo → bond → somme incassate da crediti destinate in via esclusiva al soddisfacimento dei dir incorporati e al pagamento dei costi dell'operazione, si tratta di un patrimonio separato cioè aggredibile dai soli portatori dei titoli → Regole: sollecitazione all'investimento (prospetto informativo, rating) → Efficacia: alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

Il Mercato Mobiliare
Normativa applicabile: TUF, Mifid Soggetti: Intermediari, Mercati, Emittenti → Sogg. abilitati: Banche e SIM; SGR; SICAV; intermediari finanziari → Consulenza (più categorie): anche P.F. S.p.A. con requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza. Presupposti abilitazione: forma S.p.A.; capitale minimo; professionalità e onorabilità dei soci di riferimento e esponenti aziendali; struttura capace di garantire l'esercizio effettivo della vigilanza Vigilanza svolta da Banca d'Italia e Consob → obiettivi: fiducia del sistema finanziario; tutela degli investitori; stabilità; competitività; osservanza disposizioni. BdI: vigilanza sulla prudenziale stabilità degli intermediari Consob: vigilanza sulla trasparenza e sui comportamenti E' prevista una collaborazione mediante protocollo di intesa Crisi → amministazione straordinaria (v. procedure concorsuali)

Offerta al pubblico di prodotti finanziari
Offerta al pubblico di prodotti finanziari Fasi: 1) revisione contabile: strumento comunitario esprime un giudizio. Per i prodotti finanziari diversi dagli strumenti comunitari il giudizio non può essere negativo. 2) prospetto, quando è uno strumento comunitario è approvato dallo stato d'origine negli altri casi dalla Consob. E' escluso il meccanismo del silenzio-assenso, la verifica è fatta sulla completezza delle info., la coerenza e la comprensibilità. → vi è contenuta la nota integrativa. 3) informazioni aggiuntive: richiedibili dalla Consob per gli strumenti finanziari Comunitari e strumenti finanziari diversi dalle azioni Oicr. Le adesioni effettuate prima della pubblicazione del prospetto sono revocabili Poteri Consob: in caso di fondato sospetto o accertata violazione delle norme ci può essere una sospensione cautelare o un divieto d'offerta Responsabilità da prospetto: se le informazioni si rivelano false o incomplete l'investitore può agire in giudizio per risarcimento verso: l'emittente; l'offerente; l'eventuale garante; le persone responsabili delle informazioni contenute; l'intermediario per le false informazioni e le omissioni idonee ad influenzare un investitore ragionevole; la Consob in caso di negligenza Limite minimo per applicabilità: numero di soggetti coinvolti (100 persone) e ammontare complessivo dell'operazione (2.500.000 € in 12 mesi) Inapplicabilità: strumenti garantiti da Stato membro e destinazione ai soli investitori qualificati

Servizi di investimento e accessori; strumenti e prodotti finanziari
Normativa: Mifid Servizi e attività di investimento (abilitati): negoziazione per conto autonomo, esecuzione ordini, collocamento, gestione portafogli, ricezione e trasmissione ordini, consulenza, gestione dei sistemi multimediali. Servizi accessori (chiunque): custodia e amministrazione strumenti, locazione cassette di sicurezza, finanziamenti, consulenza alle imprese (merchant banking), servizi connessi all'emissione, ricerche e anlalisi Strumenti finanziari art. 2 TUF: valori mobiliari, strumenti del mercato monetario, quote, strumenti finanziari derivati (speculazioni su variazioni di prezzi v. es. libro) Prodotti finanziari: strumenti finanziari e ogni altra forma di investimento di natura finanziaria (sono esclusi i depositi bancari e postali) Forma: i contratti debbono essere stipulati per iscritto a pena di nullità (è sufficiente la forma scritta per il contratto-quadro non per i singoli ordini di negoziazione. Per il corrispettivo e gli altri oneri non può esser fatto rinvio agli usi Contenuto minimo previsto dal regolamento intermediari

Servizi e attività di investimetno
Attività esecutive dell'intermediario → ricezione e trasmissione di ordini (mera trasmissione a terzi) → esecuzione di ordini per conto della clientela (attuazione) → negoziazione per conto proprio (internalizzatori sistematici o market-makers) necessità per gli intermediari di acquisire determinate informazioni dai clienti e avvertirli qualora l'operazione non sia appropriata al loro profilo. Collocamento e distribuzione → assunzione a fermo ovvero garanzia nei confronti dell'emittente → senza assunzione a fermo né garanzia verso l'emittente Gestione del portafoglio: è accentuato il carattere fiduciario: l'investitore perde pressoché interamente il controllo sulle scelte relative ai suoi risparmi. E' prassi generalizzare le scelte per clienti con caratteristiche omogenee (una quasi gestione collettiva) → Tutela affidata al contratto e ai vincoli posti all'intermediario (23 TUF) → Poteri dell'investitore: intervenire nella gestione e diritto di recedere (24.1 TUF) → Contenuto minimo: caratteristiche della gestione, profilo di rischio al cliente deve essere fatto un test di adeguatezza e non semplice appropriatezza Consulenza: attività soggetta ad autorizzazione. Incluse le raccomandazioni personalizzate ma non la semplice consulenza generica mediante raccomandazioni generali. Necessari test di adeguatezza Gestione di sistemi multilaterali di negoziazione: mercati non regolamentati, valorizzati come alternativa dalla direttiva Mifid. E' stata recentemente estesa a questi mercati la disciplina sanzionatoria di quelli regolamentati.

Regole di comportamento dei soggetti abilitati
Fonti: Mifid (condotta e org.ve); TUF (principi generali); reg. intermediari [Consob] (indicazioni specifiche); reg. congiunto (requisiti org.vi, procedurali, conflitti d'interesse, reclami alla clientela; interventi di “terzo livello” [Autorità] (puntualizzano i regolamenti e sono le comunicazioni e le raccomandazioni) Criteri generali: 21 TUF “riempito” dal regolamento intermediari. La tutela aumenta in maniera inversamente proporzionale al livello di competenza del cliente (cioè i regolamenti stabiliscono di volta in volta cosa NON si applica) Tipi di cliente: → Controparti qualificate (investitori qualificati) art 6.2-quater n. 1→5 TUF (es. banche) → Clienti professionali: di diritto privati (imprese che superano certe soglie); privati su richiesta (richiesta espressa + ritenzione ragionevole + rispetto formale della richiesta); pubblici (da definire mediante regolamento Min. Eco.) → Clienti al dettaglio: individuati in via residuale (26 reg. intermediari); qualificati e professionali possono richiedere di essere trattati come clienti al dettaglio, l'intermediario può assumere un'iniziativa analoga. Informazioni e comunicazioni alla clientela: comprensibili, appropiate e tali da far capire al cliente la natura del servizio di investimento → Adeguatezza: (Treccani: proporzionato, conveniente, giusto) se il cliente si rifiuta di fornire informazioni relative alle sue conoscenze, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi l'intermediario deve rifiutarsi di prestare il servizio (39-40 reg. intermediari) → Appropiatezza: per servizi diversi dalla gestione di portafoglio e di consulenza (Tereccani: adattare, applicare convenientemente) se il cliente si rifiuta di fornire informazioni relative alla sua esperienza riguardo al prodotto richiesto l'intermediario può prestare il servizio dopo aver avvertito specificamente il cliente della inappropriatezza dell'operazione ovvero dell'impossibilità di valutare l'appropiatezza (41-42 reg. intermediari) → Execution only (mera esecuzione) l'intermediario non deve effettuare alcun controllo: il servizio non può permettere l'acquisto di derivati e deve essere effettuato su un mercato regolamentato, deve svolgersi su iniziativa del cliente, cliente deve essere informato che l'intermediario non valuta l'appropriatezza, l'interrmediario deve rispettare gli obblighi in materia di conflitti di interesse

Regole di comportamenteo dei soggetti abilitati bis
Conflitto di interessi soluzioni: 1) chinese walls barriere informative o operative 2) eliminazione dei legami remunerativi tra soggetti che svolgono attività di investimento e soggetti con cui possa insorgere un conflitto di interessi 3) best execution (assicurare il miglior risultato possibile) Le norme comunitarie hanno affievolito la tutela (soprattutto riguardo l'attività di mera esecuzione unito all'esplicita accettazione dell'utilizzo di formule standardizzate) Tutela processuale: → Inversione dell'onere della prova. La responsabilità derivante dalla violazione dei precetti comporta per la giurisprudenza e la maggior parte della dottrina il risarcimento e non la nullità (23.6 TUF) → Nullità per la rivendita di strumenti senza prospetto (100 bis TUF) → Soluzione controversie: tutela collettiva azionabile dalle associazioni di consumatori (139 140 cod. cons.); soluzioni stragiudiziali in Camera di conciliazione e arbitrato presso la Consob)

Terzo tema

Presentate una panoramica. Spiegate basandovi su esempi. Eseguite una verifica dell'argomento trattato.

Riepilogo

Riassumete quanto imparato. Descrivete nuovamente l'orientamento pratico. Rispondete alle domande del vostro pubblico rimaste aperte. Chiedete al vostro pubblico l'opinione su questa seduta.