You are on page 1of 1

Data e Ora: 19/01/10

21.17 - Pag: 18 - Pubb: 20/01/2010 - Composite

18 garda e valsabbia

Giornale di Brescia

Mercoledì 20 Gennaio 2010

Villanuova «Corretti i tempi del sindaco per il Pgt»
Il legale del Comune sulle accuse di irregolarità riguardanti i tempi di adozione avanzate dall’opposizione
VILLANUOVA «La pretesa di annullamento degli atti procedimentali posti in essere per scadenza di termine perentorio per la definitiva approvazione del Pgt non ha pregio alcuno ed è da ritenere infondata». Questa è l’opinione dell’avvocato Giacomo Bonomi, il quale, su richiesta dell’Amministrazione comunale di Villanuova sul Clisi, nei giorni scorsi si è espresso in merito alla richiesta avanzata dai consiglieri di minoranza di Pdl e Lega Nord Luca Pavoni, Gianpaolo Ravera e Ivana Lombardi. Sarebbe tutto regolare, insomma, nella tempistica per il Pgt. Spieghiamo. Gli oppositori all’Amministrazione guidata dal sindaco Ermanno Comincioli avevano paventato una presunta irregolarità nel definire il termine ultimo per la definitiva adozione del Piano di Governo del Territorio per il Comune valsabbino. Ragioni che avevamo riportato su queste colonne, ipotizzando che la questione potesse ricondursi in ultima analisi ad una diversa interpretazione dei termini «deposito» e «adozione» riferiti al suddetto Piano, che è stato adottato prima delle elezioni e depositato dopo. Quella è stata anche la conclusione dell’avvocato, che ha puntualizzato come «nell’applicare la legge non si può ad essa attribuire altro senso che quello fatto palese dal significato proprio delle parole, secondo la connessione di esse e della intenzione del legislatore. Solo se una precisa disposizione non è utilizzata dalla norma - dice il legale - è possibile una diversa interpretazione con riferimento a casi simili o materie analoghe e, se permane il dubbio, secondo i principi generali dell’ordinamento giuridico». I consiglieri depositari della richiesta di annullamento degli atti, insomma, secondo il legale avrebbero sbagliato affermando che fosse il 14 dicembre il termine ultimo perché il Consiglio potesse esprimersi in merito alle osservazioni presentate sul Pgt. Invece di 90 i giorni sarebbero 150, facendo quindi slittare la scadenza a metà febbraio 2010. Le conclusioni cui è giunto l’avvocato, seppure autorevoli, non hanno ovviamente valore di sentenza, anche se confortano il sindaco, che in sostanza era stato accusato di aver buttato alle ortiche 190mila euro. Gli oppositori, infatti, possono procedere con un ricorso.

Il municipio di Villanuova. Ancora il Pgt in primo piano

Ubaldo Vallini

Gardone Riviera Tre pali per «aiutare» il digitale terrestre
Saranno posizionati in piazzale Fiorini, a Fasano e a Montesei Garantiranno il segnale anche per i cellulari nelle frazioni alte
GARDONE RIVIERA Tre pali polinfun-

brevi
SALÒ Oggi la presentazione della mostra su Corot
Oggi alle 20.30, nella sala del consiglio, è in programma la presentazione della mostra allestita a Verona «Corot e l’arte moderna. 100 capolavori dal Louvre e da altri musei internazionali». Relazionerà la dott. ssa Francesca Amaro.

TIGNALE Al museo del Parco con gli orsi dell’Alto Garda
Domani alle 20.30 al museo del Parco, a Prabione di Tignale, è in programma la presentazione del dvd «Dove vissero gli orsi. Alto Garda bresciano, terra di grotte». L’iniziativa è promossa da Comune, Comunità Montana, Ersaf e Gruppo speleologico Montegargnano.

ziali per colmare i buchi di campo della telefonia mobile e del digitale terrestre. La questione è al vaglio del consigliere con delega all’Innovazione Stefano Ambrosini ed è ora giunta alla fase conclusiva del progetto, già licenziato dalla Commissione comunale per il paesaggio, che ha individuato la localizzazione dei tre pali per le telecomunicazioni. Saranno posizionati nel piazzale Fiorini (qui il palo avrà un’altezza di 30 metri e sarà collocato a margine del posteggio, opportunamente mascherato dai cipressi esistenti), nel parcheggio dell’hotel Bellariva a Fasano e in località Montesei, in collina, in territorio comunale salodiano. I tre pali serviranno rispettivamente per garantire il segnale del digitale terreste e della telefonia mobile a Gardone Sopra, a Fasano e nelle frazioni di Tresnico e San Michele.

Una suggestiva veduta dall’alto di Gardone Riviera: a costo zero verranno posizionati tre pali polifunzionali estremamente utili
tecnologia wi-max (connessione a banda larga e senza fili) per il collegamento internet delle aree disagiate (attualmente San Michele e altre zone collinari non sono ancora coperte dal servizio Adsl).

Operazione a costo zero
L’operazione sarà a costo zero per il Comune; anzi, potrebbe addirittura produrre introiti proprio grazie all’installazione sui pali dei ripetitori di telefonia da parte dei soggetti gestori (8mila euro il primo operatore che si installa con un proprio ripetitore sul palo e 5mila i successivi operatori). La condizione «sine qua non» è che venga installato il palo previsto in piazzale Fiorini. Il posizionamento dei tre pali sarà affidato alla ditta Towertel.

Una problematica urgente
La problematica è urgente, dato che nel primo semestre 2010 è previsto lo «switch off» della televisione analogica (ossia lo spegnimento del segnale attuale in uso) per il passaggio al digitale terrestre, con conseguenti problematiche nella parte alta del territorio comunale. Nella situazione attuale, infatti, a Gardone sarebbe garantita solo una copertura parziale del territorio (sostanzialmente l’area a lago). La zona alta, cioè parte di Fasano Sopra, Supiane, Tresnico e San Michele, rimarrebbe quasi completamente scoperta. La soluzione al problema è stata appunto individuata nei tre pali polifunzionali, che dovranno risolvere definitivamente non solo la questione del digitale terrestre, ma forniranno il supporto adatto anche per la telefonia mobile (sul palo di San Michele sarà installato il ripetitore Wind; a Fasano Wind, Tre e forse anche la Tim; a Gardone Wind e Tre), con la sospirata copertura totale del territorio comunale, anche per le chiamate di emergenza. Non solo, i pali potranno essere utilizzati anche per montare ripetitori per la

Simone Bottura

SALÒ Incontro ai Due Pini sulle patologie degli anziani
Per il ciclo di conferenze dell’Università del tempo libero, promosso dai servizi sociali in collaborazione con il gruppo Solidarietà salodiana, domani alle 15 al centro sociale Due Pini, il dott. Angelo Gasparotti relazionerà sul tema «Alcuni problemi nella patologia delle vie urinarie dell’anziano».

Odolo Un «ponte» con il Mali all’insegna della solidarietà concreta
ODOLO Capita che siano i ragazzi a proporre e che
tocchi agli adulti di seguirne l’esempio. È quanto è successo a Odolo, centro valsabbino che ha attuato una sorta di gemellaggio con la diocesi di San, nel sud del Mali, poverissimo paese dell’Africa occidentale. Tutto ha avuto origine dal lavoro dei giovani del Gruppo Africa di Odolo, impegnati in un programma di educativa di strada e formazione degli adolescenti e dei giovani. Una proposta del parroco don Duilio Lazzari. Un progetto semplice e allo stesso tempo rivoluzionario, almeno per la realtà valsabbina: proporre ai giovani odolesi e della Valle Sabbia in genere, un’esperienza di condivisione della realtà dei coetanei africani. Di solito è il mese di agosto il periodo utilizzato dai giovani con costanza per questo progetto. In sette anni oltre cento ragazzi hanno partecipato almeno una volta ad un’esperienza che ha lasciato il segno. Ebbene, nel più recente periodo natalizio questa esperienza è stata provata anche da un gruppo di adulti (nella foto). Oltre al parroco, sono partiti per il Mali l’assessore Roberto Ughi in rappresentanza dell’amministrazione comunale, il past president del Lyons Valsabbia Aldo De Rosa, i rappresentanti delle associazioni attive in paese, alcuni imprenditori, insegnanti e catechisti: 24 persone in tutto. A San hanno incontrato i rappresentati del governo, il Prefetto e le autorità locali, in occasione della benedizione dei nuovi locali costruiti a fianco della Cattedrale e dedicati a Centro Giovanile. Una struttura realizzata anche grazie al contributo di molti valsabbini. avs

TOSCOLANO All’auditorium in scena un video-reportage
Sabato 23 gennaio alle 20.45 nell’auditorium della scuola media sarà proiettato il video reportage «1790 una gondola affonda nel lago di Garda», realizzato dal sub Roberto Rinaldi. Ingresso libero.

LUNGA MEZZO CHILOMETRO

Toscolano Gas, il Tar dà ragione al Comune
Rigettato il ricorso di Enel, che contestava l’affidamento della distribuzione alla cremonese Aem
TOSCOLANO Il Tar di Brescia ha respinto il

Desenzano Sfida di hip-hop
DESENZANO Primavera a
tempo di danza. L’invito è rivolto ai giovani gardesani. Propone di cimentarsi in una gara di danza moderna o di hip-hop. Arriva da Centenaro e dal parroco-rock don Luca Nicocelli organizzatore di numerose iniziative riservate ai giovani confluite nel progetto «Noi musica». Don Luca da un paio d’anni è protagonista di incontri che puntano a coinvolgere i giovani gardesani. Il parroco ha infatti organizzato trasferte in autobus per portare molti giovani ai concerti rock. Questa esperienza è poi sfociata nella creazione, con il sostegno economico dei Comuni di Padenghe e Lonato e della Provincia, di una sala prove e incisioni a Padenghe che richiama molti ragazzi e gruppi musicali. Ora il progetto «Noi musica» punta sulla danza. Tutti i ballerini di hip-hop e danza moderna fra 13 e 30 anni sono invitati al nuovo concorso realizzato con la collaborazione dell’insegnante di danza e regista sirmionese Cristina Spinelli. Ci si può iscrivere entro il 26 febbraio. Alla competizione parteciperanno i primi dieci iscritti per ciascuna delle due categorie proposte. I giovani amanti del ballo e ballerini provetti si sfideranno sabato 6 marzo sul palco del teatro Giovanni XXIII in piazza Garibaldi. Iscrizioni all’oratorio oppure da don Luca (030. 9103417) o alla segreteria organizzativa del concorso (338.1702911).

ricorso presentato da Enel Rete Gas contro il Comune di Toscolano Maderno, tramite il quale si contestava l’affidamento del servizio di distribuzione del gas metano ad Aem Gestioni di Cremona. Enel Rete Gas, di fatto, chiedeva al tribunale amministrativo l’annullamento del contratto di servizio stipulato fra il Comune e la Aem (entrato in vigore, con il passaggio di gestione della rete del gas, alle mezzanotte del 7 gennaio). Il braccio di ferro ha inizio qualche anno fa con la decisione del Comune di avvalersi della nuova apertura alla concorrenza nel settore della distribuzione del gas naturale fissando al 16 dicembre 2009 il termine del rapporto di concessione con Enel Rete Gas e indicendo un bando per un nuovo affidamento del servizio. Decisione che fu impugnata da Enel Rete Gas. Il Comune decideva in ogni caso di tradurre in atto la volontà di cambiare gestore e approvava il bando di gara. Anche qui Enel faceva ricorso. Ma la gara ha avuto luogo e Aem Gestioni si è aggiudicata l’appalto, prima nella graduatoria proprio davanti ad Enel Rete Gas, che, manco a dirlo, impugnava l’esito di gara con un altro ricorso. Il Tar ha dichiarato infondate tutte le motivazioni dei ricorsi di Enel Rete Gas, respingendoli e chiedendo il rimborso del-

le spese processuali alla società ricorrente. Si chiude così una controversia che si trascinava da anni e che, come hanno affermato più volte dagli amministratori di Toscolano Maderno, ha visto Enel Rete Gas fare un ostruzionismo esasperato verso il cambio di gestore, tanto da indurre il sindaco Roberto Righettini ad interessare della questione anche il Prefetto e ad emanare, lo scorso 7 gennaio, un’ordinanza di presa forzosa degli impianti di distribuzione. Per l’utente finale (a Toscolano sono circa 5mila) non cambia nulla per quanto riguarda la tariffa. Cambiano invece, e in modo significativo, i rapporti tra gestore e Comune. In base al nuovo contratto il Comune, che da Enel non percepiva un euro, introiterà una percentuale sugli utili che è stimabile attorno ai 750mila euro annui. Il contratto stipulato con Aem ha una durata di 12 anni e riguarda, oltre al gas, anche la manutenzione di tutte le installazioni. Resta ancora da risolvere la questione del risarcimento preteso da Enel Rete Gas per la cessione al Comune delle porzioni di rete realizzate dalla stessa Enel (che ha chiesto 5 milioni di euro, mentre il Comune ha stimato, scorporando dal calcolo tutti i tratti realizzati non da Enel ma da privati a scomputo degli oneri di urbanizzazione: cifra ben più modesta). Deciderà un arbitrato. bott.

Lonato, una «superspugna» da record
Mezzo chilometro di spugne. È stata realizzata ieri la fila di spugne gialle più lunga del mondo svoltasi al centro commerciale Il Leone di Lonato. Alle 17 in punto è scattata l’«operazione record»: una squadra di oltre 150 bambini, aiutati dai propri genitori, ha dato il via all’allineamento. La documentazione sull’«impresa» è stata ora inviata al «Guinness dei Primati» di Londra.