BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 08/09

BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09

2

||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09

INDICE

La responsabilità verso il futuro è già oggi Il Gruppo FNM e la sostenibilità ("cifre chiave") Una scelta rinnovata

4 6 8

L’identità deL gruppo fnm
Il movimento nel DNA Un biennio importante Mercati di riferimento: un contesto in evoluzione La rete di relazioni

11
12 20 26 30

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| 3 La dimensione economica Una gestione solida per un mercato in evoluzione Obiettivo “Creazione di valore” Obiettivo “Solidità patrimoniale” Obiettivo “Sviluppo degli investimenti” 35 36 38 48 50 La dimensione sociaLe Impegnati su più fronti Obiettivo “Migliorare la sicurezza” Obiettivo “Migliorare la qualità e potenziare il servizio offerto” Obiettivo “Valorizzare il personale” Obiettivo “Garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori” Obiettivo “Partecipare allo sviluppo del territorio” 53 54 56 64 90 94 100 La dimensione ambientaLe L'impegno per la sostenibilità Obiettivo “Ridurre l’impatto ambientale” Obiettivo “Sviluppare una mobilità sostenibile” Appendice Glossario 107 108 114 122 123 154 .

4 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 LA RESPONSABILITà verso il futuro è già oggi Sostenibilità è parola certamente abusata. . ma preziosa perché contiene in sé un principio essenziale per ogni impresa: la responsabilità verso il futuro. ma è già tutta scritta nell'oggi. che non è domani.

. con l'auspicio che il giudizio vostro sia sprone e suggerimento per il nostro futuro.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| 5 Così.. Queste pagine cercano di mettere nero su bianco tutto questo. cogliendo le opportunità delle liberalizzazioni. quella cultura della responsabilità sociale e della sostenibilità che è in qualche modo implicita nella sua missione e nella sua stessa storia. 2004-05 e 2006-07. dopo i suoi primi bilanci sociali. creando alleanze. il Gruppo FNM pubblica ora il bilancio di sostenibilità relativo al biennio 2008-09. Rendicontare in un "bilancio" tutto questo serve innanzitutto a noi. è un'azienda nata più di 130 anni fa per "servire" il territorio a nord di Milano e contribuire al suo sviluppo attraverso i collegamenti ferroviari. Norberto Achille presidente Gruppo FNM Giuseppe Biesuz direttore generale Gruppo FNM . FNM. Fatti. è un soggetto focalizzato su un core business tradizionale e molto rigidamente disciplinato come il trasporto. innanzitutto nei processi e nelle strategie aziendali. ma del percorso naturale di un'azienda che ha voluto portare a maggior consapevolezza ed evidenza. comportamenti: da questo si giudicano le aziende e gli uomini che ne fanno parte. per misurare l'efficacia delle nostre scelte su obiettivi e risultati. è un Gruppo che ha fatto dell'attenzione al territorio e all'ambiente una scelta strategica e non semplicemente un obbligo inevitabile. infatti. aprendosi a soluzioni coraggiose. che sono tanti: dai viaggiatori alla Regione Lombardia. dai piccoli e grandi Comuni che attraversiamo con la nostra rete ferroviaria al mondo associativo. è il secondo operatore ferroviario del Paese. numeri. relativi agli anni 2003. esplorando segmenti e nicchie di mercato. Non si tratta dell'adesione a una nuova moda manageriale. E serve ai nostri interlocutori. insieme ai "numeri" non meno significativi e trasparenti che ogni anno offriamo loro pubblicando il bilancio civilistico. ma che ha saputo imboccare strade nuove. è una società che eroga un servizio pubblico e che ha come azionista di maggioranza un'istituzione pubblica. perché possano leggere in profondità il nostro impegno quotidiano. dai nostri dipendenti agli organismi di controllo.

3 milioni di treni-km prodotti 4. beni e informazioni per rispondere alle nuove esigenze di mobilità e di comunicazione di individui e imprese.8 milioni di euro di valore della produzione ENERGIA E AMBIENTE Flotta di 182 veicoli elettrici per il noleggio Gestione di un elettrodotto a basso impatto ambientale tra Svizzera e Italia Mission Muovere persone.7 milioni di passeggeri trasportati 1.6 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 IL gRuPPO FNM.3 milioni di tonnellate di merci trasportate 1. 2009 2.000 corse effettuate 319 km di rete gestita 160 milioni di euro di valore della produzione TRASPORTO MERCI 4.5 milioni di euro di valore della produzione SERVIZIO AUTOLINEE 4.8 milioni di bus-km offerti 18.490 km di rete coperta dal servizio 6... .740 treni effettuati 33.986 persone impiegate 302 milioni di euro di valore della produzione 290 milioni di investimenti gestiti SERVIZIO FERROVIARIO E GESTIONE RETE 52 milioni di passeggeri trasportati 8.5 milioni di treni-km prodotti 274.

Tempo di percorrenza da Cadorna a Malpensa INFORMAZIONI Avviati progetti di miglioramento delle informazioni AMBIENTE Sviluppo di progetti di risparmio energetico Abbattimento delle emissioni delle autolinee Progetti di abbattimento del rumore Progetto per lo sviluppo della mobilità sostenibile Progetto di costruzione di una centrale elettrica a basso impatto ambientale pag. 114 120 121 122 118 08/09 .. 85 pag.E LA SOSTENIBILITà . 61 e 62 pag. 76 pag. pag. 72 e 73 pag. 79 pag.. 56 pag. pag.5 milioni di euro di investimenti in sicurezza nel 2008-09 + Sicurezza nelle stazioni e sui treni + Sicurezza nella circolazione dei treni COMFORT 62 nuovi treni per il servizio passeggeri nel 2008-09 + Pulizia sui treni e nelle stazioni PUNTUALITà + Puntualità del servizio ferroviario + Puntualità delle autolinee . 80 e 81 pag. pag. 57 pag. pag. 67 pag.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| IL gRuPPO FNM E LA sOsteNIBILItÀ 7 Sicurezza dei passeggeri e dei lavoratori Orientamento al cliente Creazione di valore Valorizzazione del territorio Sostenibilità e tutela ambientale Valori Principali risultati SICUREZZA 26.

G. Il set di dati proposto dal GRI è stato integrato con indicatori personalizzati sulla specifica realtà del gruppo. Il Gruppo FNM ha infine seguito le indicazioni della direttiva e delle linee guida sopra citate. e relative Linee Guida (direttiva del 17 febbraio 2006 . che richiedono alle pubbliche amministrazioni di rendicontare. che viene pubblicato in contemporanea con il bilancio d’esercizio 2009. sociale e ambientale.8 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 uNA SCEL TA RINNOVATA Con l’adozione sperimentale del bilancio sociale 2003.U. tramite il bilancio di sostenibilità. Ciò ha comportato non solo l’elaborazione di uno strumento trasparente di rendicontazione e di impegno verso terzi ma anche un processo che incide sulla cultura aziendale. STANDARD DI RIFERIMENTO La presente edizione segue i modelli internazionali GRI (Global Reporting Initiative). processi e risultati nell’ambito delle tre dimensioni economica. emanata nel febbraio 2006. Il bilancio di sostenibilità 2008-2009. e presentato al Consiglio di Amministrazione e all’assemblea dei soci di FNM. la AA1000 (AccountAbility 1000) e la Direttiva del Ministero della Funzione Pubblica sulla rendicontazione sociale nelle Amministrazioni Pubbliche. sui sistemi di gestione e sui modelli di comunicazione interni ed esterni. i suoi contenuti e i relativi indicatori sono stati elaborati in base alle indicazioni del gri 2006. documenta obiettivi. del 16 marzo 2006). Il documento. generale e settoriale sui trasporti. che saranno progressivamente sviluppati per una sempre più completa adesione allo standard. “non solo ciò che è stato direttamente attuato dall’amministrazione. . Le direttive AA100 Assurance Standard offrono indicazioni sul processo di rendicontazione e sulla sua progressiva integrazione nelle politiche e nei sistemi di corporate social responsibility adottati dall’azienda. ma anche l’attività di soggetti pubblici e privati che concorrono alla realizzazione degli obiettivi dell’amministrazione”. il gruppo FNM ha introdotto la responsabilità sociale tra le proprie politiche di sviluppo. al fine di rafforzare la fiducia e il dialogo con i propri interlocutori.

sia per la rendicontazione delle azioni che per la raccolta dati. il Comitato si è posto l’altrettanto fondamentale obiettivo di individuare e promuovere all’interno del Gruppo le iniziative ritenute più opportune per diffondere la “cultura” della responsabilità sociale e della sostenibilità.Unità Comunicazione di Gruppo e FNM . Gli indicatori sono stati raccolti per il quadriennio 2006-2009. Infine. a fianco di quelle dei clienti.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| uNA SCEL TA rINNOvAtA 9 PERCORSO DI REALIZZAZIONE In considerazione della sempre maggiore rilevanza della corporate social responsibility a livello globale e all’interno del Gruppo. FNM NordCom LeNORD Omnibus Partecipazioni FERROVIENORD Nord Energia FNM Autoservizi VIENORD SEMS NORD_ING NORDCARGO Aziende rendicontate anni 2008 . i quali hanno collaborato alla stesura del documento attraverso interviste mirate. al fine di dare significatività agli andamenti e poter effettuare confronti sulle performance. ambientali. svolge un importante ruolo proattivo nel monitorare le eventuali nuove esigenze di rendicontazione che si dovessero evidenziare per nuovi scenari di contesto o per la modifica o l’evoluzione di quelli attuali. è deputato all’elaborazione di proposte di aggiornamento del bilancio di sostenibilità. oltre a ciò. cui demandare l’approfondimento e la valutazione dei principi da proporre al Consiglio di Amministrazione per l’identificazione di una corporate policy di carattere etico-ambientale. il comitato per la Corporate Social Responsibility. monitorando le aspettative economiche.Internal Audit e ci si è avvalsi della collaborazione esterna di SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali e di LeM Consulting. costituito nel settembre 2009 in seno al Consiglio di Amministrazione di FNM e composto da Amministratori indipendenti. sociali di tutti i portatori di interesse (stakeholder). Gli obiettivi prioritari di miglioramento per il futuro sono stati così individuati: • allineare e integrare sempre più la rendicontazione sociale con la programmazione strategica e operativa delle società del Gruppo. VIENORD . FNM ha scelto di costituire un comitato ad hoc. • inserire le valutazioni di altri interlocutori strategici.2009 . Per la stesura operativa del documento è stato definito un gruppo interno composto da FNM . • disporre di tutti i dati e degli indicatori necessari per un monitoraggio puntuale del grado di raggiungimento degli obiettivi strategici sulle tre dimensioni. I vertici di tutte le società coinvolte hanno dato indicazioni di merito sui contenuti e hanno validato la versione finale. • allineare ulteriormente le indagini di customer satisfaction con il sistema di controllo e di rendicontazione. Ha svolto un ruolo di coordinamento nel processo di rendicontazione sociale relativo al biennio 2008-09. in modo che ciascuna possa costituire un importante punto di riferimento per l’altra. nel prossimo bilancio di sostenibilità.Unità Pianificazione e Controllo Gruppo. Nell’ambito del Gruppo FNM sono stati individuati dei “referenti tecnici”.

10 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 .

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| 11 L’IDENTITà DEL GrUPPO FNM Il movimento del DNA Un biennio importante Mercati di riferimento: un contesto in evoluzione La rete di relazioni 12 20 26 30 .

FNM ha rafforzato il suo ruolo di holding operativa. Il core business del Gruppo è rappresentato dal trasporto pubblico locale. anche tramite la nuova società Trenitalia .57% Altri Azionisti 24. FNM Autoservizi e LeNORD e. con società nei settori del trasporto pubblico. ASSETTO ORgANIZZATIVO L’attuale assetto organizzativo del Gruppo distingue competenze e attività tra le diverse società. con l’accentramento dei servizi amministrativi.p. con l’acquisizione della quota di maggioranza di NORDCARGO da parte di DB Shenker Rail Italia (vedi più avanti. 3.12 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 IL MOVIMENTO NEL DNA Il gruppo FNM è il secondo operatore ferroviario italiano. attività che viene svolta tramite le società FERROVIENORD. la società non è più soggetta a direzione e coordinamento da parte di FNM. affinché ciascuna. 24. sotto l’indirizzo e il controllo della capogruppo1.741% Aurelia S. per assicurare economie di scala.612% Ferrovie dello Stato S. . dell’ingegneria ferroviaria e dei servizi e importanti diversificazioni nei settori dell’informatica. pag. anche su gomma. 22). Si tratta di settori di pubblica utilità che svolgono un ruolo strategico nello sviluppo economico e sociale del territorio sul quale insistono.p. Regione Lombardia 57. dal 15 novembre 2009.A. sia focalizzata su uno specifico settore di attività. 14.A. dell’energia e della mobilità sostenibile.2009 1 Dall’11 gennaio 2010. del trasporto merci. pag.LeNORD.12.078% Compagine azionaria di FNM al 31. costituita nell’ambito della partnership con Trenitalia per la gestione unitaria e integrata del trasporto ferroviario regionale in Lombardia e soggetta a “controllo congiunto” di FNM e Trenitalia (vedi più avanti. come la stessa storia del Gruppo FNM documenta.

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

11 L’IDENTITà DEL GrUPPO FNM 13 BILANCIO 2009

Mappa del Gruppo al 31 dicembre 2009

La mappa del Gruppo al 31 dicembre 2009 è la seguente:

FNM S.p.A.

100%

50%

87,53%

51%

LeNORD S.r.l.

Trenitalia - LeNORD S.r.l.

FNM Autoservizi S.p.A.

SEMS S.r.l.

58%

100%

NordCom S.p.A.

VIENORD S.r.l.

60%

50%

49%

Nord Energia S.p.A.

Omnibus Partecipazioni S.r.l.

A.S.F. Autolinee S.r.l.

76%

100%

51%

Eurocombi S.r.l.
(in liquidazione)

FERROVIENORD S.p.A.

NORDCARGO S.r.l.

20%

NORD_ING S.r.l.

80%

FNM S.p.A., società capogruppo, esercita un ruolo di holding operativa, fornendo alle società controllate servizi amministrativi, oltre che locazione di materiale rotabile e gestione immobiliare. Le altre aree di attività del Gruppo sono relative all’Information & Communication Technology, esercitata da NordCom S.p.A. a beneficio del Gruppo FNM oltre che per terzi, alla consulenza progettuale e tecnica svolta da NORD_ING S.r.l. a beneficio delle società del Gruppo, nonché ai servizi per la mobilità sostenibile (tramite la controllata SEMS S.r.l.) e all’energia (tramite la controllata Nord Energia S.p.A.). Al 31 dicembre 2009 le società LeNORD S.r.l., FNM Autoservizi S.p.A., SEMS S.r.l., VIENORD S.r.l., Nord Energia S.p.A., FERROVIENORD S.p.A., NORDCARGO S.r.l., NORD_ING S.r.l. sono soggette a direzione e coordinamento da parte di FNM; le stesse oltre a NordCom S.p.A. aderiscono alla tassazione di gruppo ai sensi dell’art. 117 comma 1 del TUIR.

Assetto del Gruppo al 31.12.2009

14

|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09

LE SOCIETà
gruppo fnm

Personale al 31.12.2009: 2.986 (inclusi collaboratori)

fnm s.p.a.

HOLDING

Oltre alle funzioni tipiche di indirizzo, coordinamento e controllo, si connota come holding operativa, svolgendo attività di investimento e locazione di treni e locomotive, servizi finanziari e di tesoreria a favore delle società del Gruppo. È quotata alla Borsa di Milano. Personale al 31.12.2009: 205

ferrovienord

GESTIONE E MANUTENzIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLA RETE FERROVIARIA

Gestisce la rete e le stazioni dislocate su cinque linee nell’hinterland a nord di Milano e nelle province di Varese, Como, Novara, Brescia; cura la manutenzione e il potenziamento della rete ferroviaria, realizza nuovi impianti, in sinergia con NORD_ING. Rete gestita: 350 km; stazioni gestite: 120 Personale al 31.12.2009: 899

nord_ing

PROGETTAzIONE E INGEGNERIA FERROVIARIA

Progetta e segue la direzione lavori degli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento della rete ferroviaria e degli impianti di FERROVIENORD. Personale al 31.12.2009: 33

Lenord

SERVIzIO FERROVIARIO

Assicura il servizio di trasporto pubblico ferroviario di competenza regionale e il collegamento aeroportuale con Malpensa. Passeggeri trasportati all’anno: 52,3 milioni Treni-km anno: 8,55 milioni Treni circolanti al giorno: 800 circa Personale al 31.12.2009: 1.333*

fnm autoservizi

SERVIzI AUTOLINEE

Svolge servizi pubblici extraurbani di linea nelle province di Milano, Como, Varese e Brescia e integra il trasporto passeggeri su ferro di LeNORD. Passeggeri trasportati all’anno: 4,7 milioni Bus-km anno: 6,8 milioni Personale al 31.12.2009: 211
* Compreso il personale distaccato nella nuova Società Trenitalia - LeNORD dal 15.11.2009

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

L’IDENTITà DEL GrUPPO FNM 15

nordcargo

TRASPORTO FERROVIARIO MERCI

Interamente dedicata al trasporto merci, è stata la prima società ad avere sfruttato la liberalizzazione del settore in Italia. Fornitore di trazione ferroviaria, opera su relazioni nazionali e internazionali in partnership con diverse imprese ferroviarie europee. È titolare del certificato di sicurezza per le principali linee della rete ferroviaria italiana. Dal 2009 è partecipata da DB Shenker Rail Italia, azienda di trasporto e logistica di DB Mobility Logistics AG, che nel gennaio 2010 ne è divenuta socio di maggioranza (60%). Treni-km annui: 1,6 milioni Merci trasportate: 4,3 milioni di tonnellate Personale al 31.12.2009: 196

PARTECIPAzIONE IN SOCIETà DI TRASPORTO PUBBLICO omnibus partecipazioni LOCALE

Partecipata pariteticamente (50%) da FNM e Arriva Italia, è stata costituita nel 2007 per assumere una partecipazione di minoranza significativa (49%) in ASF Autolinee, la società che svolge il servizio di trasporto pubblico passeggeri su gomma a Como e provincia.

sems
servizi mobilità sostenibile

SOLUzIONI INNOVATIVE PER LA MOBILITà SOSTENIBILE

Offre al settore pubblico e privato soluzioni innovative e veicoli elettrici o bimodali funzionali a ogni esigenza di trasporto e di tutela dell’ambiente. Flotta noleggiata: 182 veicoli a basso impatto ambientale Personale al 31.12.2009: 4

nordcom

INFORMATION & COMMUNICATION TECHNOLOGy

Nata dalla joint venture tra Gruppo FNM e Telecom Italia, opera nel mercato ICT offrendo alle imprese e alla pubblica amministrazione soluzioni innovative e sistemi integrati per il pieno governo delle informazioni e dei processi. Personale (media periodo): 47

nord energia

PRODUzIONE E GESTIONE DI ENERGIA ELETTRICA

Partecipata al 60% da FNM e per il restante 40% da Azienda Elettrica Ticinese, ha realizzato la prima merchant line del mercato elettrico italiano liberalizzato, il nuovo elettrodotto di collegamento fra la sottostazione di Mendrisio, nel Canton Ticino, e quella di Cagno in Lombardia. Tra gli altri progetti in cantiere vi è anche la realizzazione di una centrale termoelettrica a Ceriano Laghetto (MI). Personale al 31.12.2009: 1

vienord

MARkETING E COMUNICAzIONE STRATEGICA

Si occupa della commercializzazione dei servizi di trasporto pubblico, della valorizzazione commerciale delle stazioni ferroviarie e di comunicazione strategica e di prodotto. Personale al 31.12.2009: 36

CREAZIONE dI VALORE PER GLI AZIONISTI Perseguire gli obiettivi di qualità. SICUREZZA dEI PASSEGGERI E dEI LAVORATORI Garantire elevati standard di sicurezza dei servizi e delle attività. che operando nel comparto dei servizi di pubblica utilità orienta il suo agire a garantire l’universalità. beni e informazioni per rispondere alle nuove esigenze di mobilità e di comunicazione di individui e imprese”. Sviluppare una cultura gestionale e organizzativa orientata verso logiche di sostenibilità socio-ambientale. Questa la missione del Gruppo FNM. economicità e redditività. rendere il viaggio più confortevole. nel quadro delle risorse disponibili e dei compiti istituzionali di gruppo. VALORIZZAZIONE dEL TERRITORIO Valorizzare i servizi di trasporto come motore di sviluppo del territorio servito e come occasione di crescita sociale ed economica per le differenti comunità locali. l’informazione e la conoscenza dei servizi. SOSTENIBILITà E TUTELA AMBIENTALE Migliorare l’attrattività del trasporto pubblico rispetto alla mobilità privata.16 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 LA MISSIONE E I VALORI “Muovere persone. attraverso la promozione della cultura gestionale e organizzativa della sicurezza e lo sviluppo di sistemi tecnologici avanzati. puntuale e migliorare l’accessibilità. Garantire la realizzazione degli investimenti e la crescita di valore e delle competenze delle società. la continuità e l’accessibilità del servizio. in coerenza con gli obiettivi definiti dagli enti regolatori (Regione Lombardia ed enti locali) e nel rispetto dei vincoli di bilancio. per TPL. . ORIENTAMENTO AL CLIENTE Ricercare la soddisfazione delle esigenze e dei bisogni dei clienti di tutti i servizi offerti e.

a loro rappresentanti e candidati. e successivamente esteso alle altre società del Gruppo. comitati e organizzazioni politiche e sindacali. L’informazione verso l’esterno. con le seguenti funzioni: • favorire la diffusione e la conoscenza del Codice Etico tra i suoi destinatari (dirigenti. Il Codice è parte e integrante del Modello di organizzazione. movimenti. Il 18 settembre 2009 il Consiglio di Amministrazione di FNM ha deliberato la costituzione di un apposito comitato etico. collaboratori esterni e partner d’affari delle società del Gruppo). quindi i dipendenti e i collaboratori esterni dovranno seguire comportamenti corretti negli affari d’interesse della società e nei rapporti con la Pubblica Amministrazione. a dirigenti e ai dipendenti di FNM e a tutti coloro che direttamente o indirettamente. dell’onore e della reputazione di ciascuno. • predisporre adeguati strumenti conoscitivi e di chiarimento del Codice. • monitorare la condotta aziendale. si previene e persegue il mobbing e le molestie personali di ogni tipo. I dipendenti devono astenersi dallo svolgere attività in concorrenza con quelle della società ed evitare situazioni che potrebbero condurre a conflitti d’interesse o che potrebbero interferire con la loro capacità di prendere decisioni imparziali. legittimità. La società si impegna a proteggere e a evitare ogni uso improprio delle informazioni relative ai propri dipendenti e ai terzi. dovranno collaborare a mantenere in azienda un clima di reciproco rispetto della dignità. senza alcuna eccezione. confermata dalla nomina. composto da consiglieri indipendenti. definisce i principi e i valori fondanti dell’etica aziendale. FNM nei rapporti con i terzi si ispira ai principi di lealtà. I dipendenti.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| L’IDENTITà DEL GrUPPO FNM 17 COdICE ETICO E dI COMPORTAMENTO Il Gruppo FNM ha elaborato un proprio codice etico e di comportamento che. testimonia la rinnovata sensibilità del Gruppo verso le tematiche di carattere etico e una volontà di chiarezza e trasparenza sul proprio operato nei confronti degli stakeholder.Lgs. anche per adeguarlo all’evoluzione normativa. Le norme del Codice si applicano. deve essere veritiera e trasparente. chiarezza e rispetto reciproco. dipendenti. così come questi dovranno assicurare la riservatezza richiesta dalle circostanze per ciascuna notizia appresa in ragione della propria funzione lavorativa. Ognuno deve sentirsi custode responsabile dei beni aziendali (materiali e immateriali) che sono strumenti dell’attività svolta. al fine di accertare il grado di applicazione dei principi espressi dal Codice. a ogni livello.A. integrità. che rappresenta una novità assoluta. trasparenza ed efficienza. per una sua corretta interpretazione e applicazione. che trovano corrispondenza in una sempre più diffusa sensibilità verso le tematiche sociali e ambientali. gestione e controllo finalizzato a prevenire la responsabilità delle società ai sensi del D. del Comitato per la Corporate Social Responsibility. anche sessuali. 231/2001. correttezza. nella stessa data. . nonché essere aperta alla verifica secondo le norme e le procedure vigenti. Tale scelta. v’instaurano a qualsiasi titolo rapporti e relazioni di collaborazione o che operano nell’interesse dell’Azienda. stabilmente o temporaneamente. anche attraverso i mass media.p. • aggiornare il Codice. La società non eroga contributi a partiti. in linea con le migliori prassi internazionali. trasparenza. nonché regole di comportamento in relazione a tali principi. È stato adottato nel 2004 dalla capogruppo FNM S. così come lo dovranno essere le registrazioni contabili: ciascuna registrazione deve riflettere esattamente ciò che risulta dalla documentazione di supporto. L’attività lavorativa deve essere improntata ai principi di onestà. correttezza.

370 km di ferrovia 1877 Si apre la storia dell’Alta Velocità con la Direttissima Firenze-Roma 1 800 Nasce la Società Anonima delle Ferrovie Milano-Saronno e Milano-Erba 1975 1885 Piano straordinario di riammodernamento Nasce la linea Brescia-Iseo che più di un secolo dopo sarà affidata al Gruppo FNM 1985 FNM diventa una holding 1993 Acquisizione di SFNT: la Brescia-Edolo entra nel Gruppo le Ferrovie in Italia il Gruppo FNM 1 900 1996 1997 1999 2008 2009 Oltre alle attività tradizionali (TPL ferroviario e automobilistico)..S. 7.M. sono presenti due ambiti di diversificazione: Trasporto Elicotteristico (AVIONORD) e realizzazione di Interporti (Interporti Lombardi sue controllate I.64 km 1930 1939 1970 Prende avvio il trasporto su gomma 1861 L’ETR 212 tocca i 203 km/h L’Italia unita ha 2.18 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 1905 Nascono le Ferrovie dello Stato LA STORIA 1924 1929 FNM ha 247 km di linee Circolano i primi treni elettrici 3 ottobre 1839 La prima Ferrovia in Italia: Napoli-Portici. SIBEM e Interporto di Cremona) Inaugurazione del primo tratto del Passante Ferroviario di Milano Viene inaugurata la linea Milano-Malpensa di collegamento con l’aeroporto Apertura della tratta Alta Velocità Milano-Bologna Completamento della linea Alta Velocità Torino-Salerno .

Avvio ristrutturazione di FNM Autoservizi.. la società Omnibus Partecipazioni Viene costituita la società Nord Energia S. Si costituiscono FNMT (ora LeNORD) e Ferrovie Nord Cargo (ora NORDCARGO) 2009 2004 Nasce SEMS. con SAB–Arriva. per operare nella commercializzazione e noleggio a lungo termine di veicoli elettrici bimodali Viene perfezionata la cessione del 49% del capitale sociale di NORDCARGO a favore di DB Shenker Rail Italia S. da parte di FNME (ora FERROVIENORD).r. nasce Ferrovie Nord Milano Ingegneria. in partnership con AET (Azienda Elettrica Ticinese) 2008 2003 Viene ceduta la controllata AVIONORD. il progetto è perfezionato nel 2002 con la cessione del ramo d’azienda Tecnologie e Sistemi Informatici da FNM 2002 Si inaugura il quadruplicamento della linea Cadorna-Bovisa e si conclude la galleria a Castellanza. Si costituisce. insieme a Trenitalia. acquisendo la licenza per a ttività di trasporto intermodale. migliorare il rapporto ricavi/costi e trasferire le funzioni di staff alla capogruppo. a una società paritetica Trenitalia .l. dei rami d’azienda relativi all’esercizio. supporto tecnico qualificato allo sviluppo della rete 2001 Viene costituita NordCom in partnership con Telecom. per razionalizzare l’offerta. FNM insieme a SAB-Arriva si aggiudica la gara per l’acquisizione del 49% di SPT linea (oggi ASF).A.p.p.LeNORD per la gestione unitaria del trasporto ferroviario regionale in Lombardia. gestore del trasporto urbano di Como.A. FNM dà vita.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| L’IDENTITà DEL GrUPPO FNM 19 2005 Si conclude il processo di riorganizzazione societaria con la collocazione sotto il controllo diretto di FNM S. realizzando un esperimento di razionalizzazione e ottimizzazione del servizio di TPL assolutamente nuovo per il nostro Paese . coerentemente con la strategia di rifocalizzazione sulle attività legate al core business Si realizza la separazione societaria tra gestore dell’infrastruttura e vettore ferroviario tramite conferimento. società del Gruppo tedesco DB Shenker. di tutte le società operative. FNM si trasforma da Holding Finanziaria a Holding Corporate 2000-2001 2006 2000 Separazione Rete e Trasporto: nascono Trenitalia e RFI Si inaugura la tratta Seveso-Camnago 2000 2007 Il Gruppo entra nel settore del trasporto merci.

.20 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 uN BIENNIO IMPORTANTE L’identità del gruppo FNM si è ridefinita in questi anni attraverso scelte e accadimenti che meritano di essere individuati e sottolineati al fine di fornire a tutti gli stakeholder del gruppo FNM una chiave di lettura più completa dei dati e delle informazioni di seguito esposte.

i tempi si sono rivelati lunghi. • allargare la presenza ferroviaria del Gruppo oltre i confini regionali. . L’esperienza ha poi mostrato la difficile permeabilità dei sistemi a forte tradizione monopolistica verso logiche di carattere concorrenziale e la farraginosità delle dinamiche attuative rispetto a quanto sancito dalle norme.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| L’IDENTITà DEL GrUPPO FNM 21 L ACCENTO SuLLA MOBILITà ’ Nel corso dell’ultimo decennio il Gruppo FNM ha esplorato la possibilità di una maggiore diversificazione delle proprie attività in funzione sia della valorizzazione dei propri asset materiali e immateriali. Quest’ultimo evento. per il 57% di proprietà pubblica. costituisce evidentemente un fatto di tale rilievo per la vita del Gruppo da richiedere nel prossimo biennio un ulteriore impegno verso la definizione di nuovi obiettivi e strategie. non ha conseguenze evidentemente rintracciabili nei dati qui rendicontati. come l’energia. a una risposta sempre più impegnativa.il trasporto pubblico soggetto a logiche che non sono e non possono essere solo e unicamente di profitto. che ha caratterizzato il biennio 2008-2009. sia del perseguimento di una solidità economica e finanziaria che tutelasse sempre più un core business .gruppo ferrovie dello stato. anche se la situazione è ancora fluida e mostra prospettive di sviluppo che vale la pena presidiare. avendo avuto uno sviluppo operativo solo a fine 2009. Viceversa. sfruttando le maglie allargate della liberalizzazioni e ottimizzando le relazioni con partner internazionali. il territorio per cui è nato ed è cresciuto in questi 140 anni. Un forte stimolo in tale direzione è venuto anche dall’avvio delle liberalizzazioni in alcuni settori di servizi di pubblica utilità. il trasporto merci). Di qui la scelta. principale azionista ma soprattutto committente ed ente di controllo primario del trasporto pubblico locale. • dare il via in Lombardia a un esperimento senza precedenti nel nostro Paese: una società dedicata al trasporto regionale e suburbano in partnership paritaria con trenitalia . si è così potuto: • finalizzare quelle alleanze con operatori stranieri costruite con pazienza e perseveranza in questi anni. ha avuto un impatto significativo sulla vita del Gruppo FNM per l’impegno progettuale e strategico che ha richiesto. core business del Gruppo. Proprio questa scelta ha permesso di canalizzare tutta l’esperienza esplorativa di questi anni e di portarla a frutto. di una decisa rifocalizzazione sul ferro e sul trasporto pubblico locale e l’individuazione di nuovi strumenti e nuove alleanze per costruire un sistema di mobilità più moderno ed efficace e rispondere così ai principali stakeholder sui quali è forgiata la nostra missione: i viaggiatori. la Regione Lombardia. l’affitto (che potrà trasformarsi in conferimento) del ramo d’azienda LeNORD alla nuova società. chiamando il Gruppo FNM. l’attesa liberalizzazione non ha avuto quello sviluppo dirompente che molti attendevano e l’interesse delle grandi compagnie internazionali si è fatto più freddo o quantomeno guardingo verso alcune partite come il TPL e più forte verso altre (la lunga percorrenza. Quanto al settore ferroviario. In alcuni casi. • valorizzare la sfida FNM nel settore cargo e nel trasporto passeggeri su gomma. ma. Parallelamente la domanda di mobilità nella nostra regione subiva un’ulteriore impennata. in particolare. i propri dipendenti. realizzato a novembre 2009.

LeNORD. Verificato il raggiungimento di tali obiettivi.000 euro2. è guidata da un consiglio di amministrazione composto da sei membri. dATI ECONOMICI Il capitale sociale versato alla costituzione è di 120. grazie a un aumento complessivo delle dotazioni economiche annue.9 milioni di euro) • 40 milioni di euro ulteriori per attivare i nuovi servizi nel biennio 2009-2010. • l’espletamento di una serie di verifiche sul rispetto dei parametri stabiliti nei contratti di servizio delle due società in materia di puntualità. che ha sede legale e operativa a Milano. Altero Matteoli. per la gestione unitaria del trasporto ferroviario regionale in Lombardia. e seguito da un accordo attuativo fra Regione Lombardia e Ferrovie dello Stato.22 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 TRENITALIA . attualmente in corso. La sperimentazione è guardata con grande attenzione su tutto il territorio nazionale. Giulio Tremonti. Nel 2010 il fatturato dovrebbe raggiungere i 620 milioni di euro.5 milioni di euro in più per il contratto di servizio di Trenitalia per i servizi oggi in essere (il valore complessivo passa da 188.5 a 267 milioni di euro) • 11. . sia per la sua focalizzazione sul TPL sia per le trasformazioni che essa potrebbe comportare nella struttura dell’ex monopolista e nell’organizzazione complessiva del trasporto ferroviario italiano. posizionandosi come il maggior operatore specializzato nel TPL sulla scena italiana. la sua solidità economica e la qualità del servizio erogato.Lenord. che mantiene la carica di direttore generale di FNM. Raffaele Cattaneo. Stanziamenti di Regione Lombardia per il servizio • 78. la prima società specializzata nel trasporto regionale il 4 agosto 2009 è stata costituita a milano la società trenitalia . di cui circa 295 milioni garantiti da Regione Lombardia (servizi storici + servizi aggiuntivi). cui si aggiungono ulteriori 25 milioni di euro l’anno per tre anni. della durata di circa un anno (11 mesi). tre espressi da Trenitalia e tre da FNM: presidente della newco è Vincenzo Soprano. pulizia.a. 25. potenziamento dei servizi offerti. regolarità. mentre amministratore delegato è Giuseppe Biesuz. con l’affitto dei rami d’azienda.9 milioni di euro in più per il contratto di servizio di LeNORD (il valore passa da 65 a 76. che ha previsto: • l’affitto a favore della nuova società dei rami di azienda attivi nel trasporto pubblico ferroviario in Lombardia di titolarità degli attuali operatori LeNORD e Trenitalia.p. newco paritetica (50% e 50%) fra fnm s. messi a disposizione dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.000 euro. sottoscritto dal ministro dell’Economia e Finanze. di cui 375 milioni annui di risorse pubbliche. concretizzatosi il 15 novembre 2009. dal ministro delle Infrastrutture e Trasporti. circa a 55 milioni relativi al pro quota della Direzione Regionale Lombardia ex lege 185/2008 art. e trenitalia s.a. Stanziamenti del Governo nazionale per lo start-up della nuova società • 75 milioni nel triennio 2009-2011 (25 milioni all’anno) 2 Il 30 ottobre 2009 è stato deliberato l’aumento del capitale sociale a 6. la nuova società assume la qualifica di operatore ferroviario. La società. dal presidente di Regione Lombardia.p. interamente sottoscritto dai due soci.120. informazione. La costituzione della società fa seguito al Protocollo d’Intesa tra Governo Italiano e Regione Lombardia per il potenziamento e il miglioramento del servizio ferroviario regionale. La struttura paritaria valorizza la specializzazione del Gruppo FNM nel trasporto pubblico locale. che mantiene la carica di amministratore delegato di Trenitalia. MOdALITà dI ATTUAZIONE Le parti hanno concordato l’avvio di una fase sperimentale. si potrà passare al conferimento dei due rami d’azienda alla nuova società. Roberto Formigoni e dall’assessore a Infrastrutture e Mobilità.

pari a circa 3. Codogno-Piacenza. Novate e Iseo.000 corse al giorno. e corse per gli studenti nelle aree Brianza. S1 Saronno-Lodi. dEPOSITI E MANUTENZIONE La nuova società dispone di cinque impianti . cui si aggiungeranno entro il 2014 altri 270 milioni. 8 per la Brescia Iseo Edolo (appalto aggiudicato estate 2009) • Pesa: 2 convogli diesel elettrici per la Brescia Iseo Edolo. Approfondimento in appendice Trenitalia . come ad esempio i servizi di pulizia. Cremona. pag. Lecco. Alcune attività portate “in dote” dalle due aziende ferroviarie sono esternalizzate.LeNORD: la flotta.000 viaggiatori al giorno. uno per l’area milanese e uno per Iseo. attualmente disciplinati per Trenitalia da tre contratti relativi ai tre lotti della Lombardia e per LeNORD da due contratti. che dovrà essere integrato con un’analoga navetta ferroviaria dalla stazione Centrale di Milano. S5 Varese-Gallarate-Milano e S6 Novara-Milano (Passante .Milano Fiorenza. I TRENI Nella nuova società sono confluite le flotte di trenitalia e di fnm (attraverso la società LeNORD). Lecco. 124 . Il piano di incremento del servizio prevede a regime 2011 un totale di 166 coppie di nuove corse. Il piano di incremento del servizio prevede 111 nuove corse nel 2009-2010. La razionalizzazione di tali servizi dovrebbe portare un incremento qualitativo rilevante. Como. di cui 11 per la Monza Molteno Lecco.8 miliardi di passeggeri/km annui. primo in esercizio entro l’estate 2010 • Stadler: 19 treni diesel elettrici. con personale dedicato alla manutenzione e consulenza ingegneristica .Treviglio). per un totale di oltre 2. che in larga misura confluiscono verso il nodo di Milano.dove si svolgono anche le attività di pulizia dei rotabili.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| L’IDENTITà DEL GrUPPO FNM 23 RETE E SERVIZIO Il servizio ferroviario regionale muove 600. Milano-Seregno. composte da locomotori/motrici e carrozze di diversa tipologia. Sondrio • 16 nuove coppie di corse da ottobre: Malpensa-Busto • altre nuove 67 coppie di corse da gennaio: Milano-Chiasso. così distribuite: • 28 nuove coppie di corse da settembre: S9 Milano-Seregno. Milano-Lecco. A questi si aggiungeranno via via i nuovi treni commissionati a: • AnsaldoBreda TSR: 78 convogli (45 consegnati ad oggi) • Alstom aeroportuali: 6 in via di costruzione. Bergamo-Treviglio. A lei fa capo anche il servizio aeroportuale Malpensa Express. La nuova società garantisce 10 linee suburbane e 35 regionali. Per il potenziamento del materiale rotabile Regione Lombardia ha investito in questi anni 800 milioni di euro per l’acquisto di 105 nuovi treni.

701 euro del 2008. capotreni (16). Il nuovo operatore si è subito distinto per la qualità del materiale rotabile (carrozze nuove di proprietà DB e ÖBB) e dei servizi a bordo treno.. di cui ha scelto di distribuirne 1. dopo un attento lavoro di riorganizzazione e razionalizzazione dei costi.971 euro. Approfondimento in appendice Il ramo Brennero (DB-ÖBB-LeNORD): orario attuale. 124 . uno per Milano e uno per Bologna. di cui 38 nuovi assunti tra macchinisti (13). che consolida il rapporto con db e apre un’importante relazione con Öbb. l'alleanza FMN-Arriva per cogliere nuove opportunità anche nel trasporto pubblico cittadino si è confermata una scelta in grado di assicurare risultati positivi al servizio pubblico ed economicamente redditivi per il Gruppo FNM. ha rapidamente raggiunto gli obiettivi del Piano Industriale.p. risanato la situazione economica. raggiungendo nel 2009 un utile di 2.ARRIVA rilancia le autolinee di Como Nel 2007 FNM S. Il notevole gradimento riscontrato da parte dei viaggiatori e gli accordi in essere con RFI per poter raggiungere alcune stazioni strategiche (ad esempio Milano Lambrate) rendono assai concreto il progetto di sviluppo dell’offerta.Bolzano . fra i quali la possibilità d’acquisto dei biglietti senza supplemento.r. LeNORD garantiscono il servizio di condotta nella tratta italiana (su rete RFI) con 50 dipendenti.l.24 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 LA COLLABORAZIONE FNM . personale di terra (9). le ferrovie austriache (ÖBB) e LeNORD (FNM): cinque sulla linea Monaco . che rappresenta un passo significativo verso la liberalizzazione internazionale nel traffico passeggeri.A.000 euro. con questa alleanza. perciò. la società di servizio pubblico della città lacustre. con DB e öBB Dal 13 dicembre 2009 circolano sulla nuova linea del Brennero (Bologna/Milano . a fronte dei 102. società del gruppo inglese leader nel trasporto pubblico. pag. e Arriva Italia.100. quattro su Verona. conservato i posti di lavoro (complessivamente 524 unità). quello della lunga percorrenza internazionale. il gruppo fnm ha mosso i suoi primi passi fuori dai confini lombardi e in un segmento del trasporto ferroviario passeggeri diverso dal tpL. LeNORD OLTRE IL TPL.168. partecipata pariteticamente al 50%. costituiscono Omnibus Partecipazioni S.Innsbruck Monaco di Baviera) 10 nuovi treni EuroCity DB-ÖBB.Verona .Bolzano. gestiti grazie alla cooperazione tra le ferrovie tedesche (DB). ed entrano nella compagine societaria della società ASF Autolinee di Como (ex SPT Linea) con una quota del 49%. Dopo soli due anni. Con la nuova gestione seguita a tale assetto.

).000 sedi in 130 Paesi. è uno dei principali operatori di trasporto e logistica al mondo. . L’alleanza permette a DB Shenker di migliorare l’offerta nel nord Italia e nel corridoio nord-sud e di raggiungere sul mercato italiano la giusta dimensione per sviluppare il business più velocemente e a FNM di rafforzare la scelta del 2001 di entrare nel mercato del trasporto merci in Italia.r. le reti integrate e la capacità ferroviaria del gruppo numero uno nel trasporto merci in Europa.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| L’IDENTITà DEL GrUPPO FNM 25 DEuTSChE BAhN nel capitale di NORDCARgO Nel gennaio 2009 db shenker rail. Nel gennaio 2010 DB Shenker Rail Italia è diventata socio di maggioranza (60%) di NORDCARGO. L’azienda tedesca che offre in un’unica soluzione le competenze logistiche. incrementando sia il volume della produzione. ha acquisito il 49% delle quote di nordcargo attraverso la controllata Railion Italia (ora DB Schenker Rail Italia S. azienda di trasporto e logistica di DB Mobility Logistics AG. con 2. sia l’autorevolezza di NORDCARGO.l. già in crescita nell’ultimo biennio. acquistandone un ulteriore 11%.

Bergamo e Varese. richiedendo la progettazione e l’avvio di interventi infrastrutturali di potenziamento dei sistemi di trasporto. pur restando in capo alle istituzioni pubbliche il ruolo di programmazione e regolamentazione. Dal punto di vista della mobilità delle persone. la Lombardia rappresenta una delle aree italiane più popolose e a maggior densità abitativa. intorno a questa attività ruotano quelle integrative del trasporto pubblico su gomma. a causa dell‘incedere della crisi economico-finanziaria. la mobilità locale. che vivono una fase di complessa evoluzione. dell’ingegneria ferroviaria. La diminuzione del prezzo del carburante nei primi sei mesi del 2009 rispetto ai livelli record del 2008 si è riflessa in una ripresa dell’uso dell’auto e nel contestuale calo della quota di mercato del TPL. sempre più orientati verso un’ottica di sostenibilità e salvaguardia ambientale. che sconta ancora una difficoltà strutturale a fidelizzare la nuova utenza. TERRITORIO. si spostano almeno una volta al giorno. Come a livello nazionale. mentre il 41% vive nella sola provincia di Milano. . quali ad esempio l’Ecopass di Milano introdotto nel 2008. Il servizio ferroviario è utilizzato ogni giorno da circa 600. che si muovono sui 1. dopo un biennio 2007-2008 di crescita dei volumi. ha registrato una frenata. e misure regolatorie. rappresenta il principale bacino di attrazione. la Lombardia registra una domanda in crescita. Quasi 6 milioni di residenti. Si tratta di settori strategici per lo sviluppo socio-economico del Paese.900 km di linee ferroviarie che attraversano il territorio lombardo. con il 44% degli spostamenti dell’intera regione. La provincia di Milano. La crescita della mobilità di persone e merci ha progressivamente portato a una saturazione della rete viaria regionale. Brescia.26 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 MERCATI DI RIFERIMENTO: un contesto in evoluzione Cuore dell’attività e dell’identità del gruppo è il trasporto ferroviario di persone e merci. dei progetti e servizi per la mobilità sostenibile. Il 18% degli ingressi dei non residenti nella regione avviene tramite ferrovia. di cui il 72% con mezzi privati e il 14% con il trasporto pubblico locale (TPL). circa il 70% del totale. ogni giorno i lombardi effettuano più di 15 milioni di spostamenti. anche perché interessati in questi anni da profondi e complessi processi di liberalizzazione. con gestione separata del servizio e della rete.000 viaggiatori (oltre la metà nell’area metropolitana milanese). MOBILITà E LOgISTICA PERSONE IN MOVIMENTO Con oltre 9 milioni di abitanti. dei servizi commerciali e di comunicazione. mentre il 69% viene effettuato in auto e il 9% in aereo. Il 75% degli abitanti è concentrato nelle quattro province di Milano.

il legislatore nazionale ha definito come adeguato un livello di copertura dei costi di gestione del trasporto con i biglietti e abbonamenti pari ad almeno il 35%. affidate all’Amministrazione Pubblica Locale. circa il 90% delle merci trasportate viaggia su strada e solo il 6% su ferrovia. in quanto vincolato da tariffe definite dagli enti territoriali e locali competenti e da obblighi di servizio coperti da sovvenzioni pubbliche. la quota rimanente è finanziata dalle Regioni e dagli Enti Locali responsabili della programmazione e amministrazione dei servizi. per coprire parte dei costi di gestione dei servizi ed è giustificato dal valore universale (per tutti i cittadini. molti operatori piccoli). L’Italia manifesta ancora ritardi infrastrutturali e legislativi che causano effetti negativi in termini di costi.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| L’IDENTITà DEL GrUPPO FNM 27 IL TRASPORTO dELLE MERCI Il sistema logistico rappresenta uno dei più importanti fattori di competitività e di sviluppo economico del territorio. l’intervento pubblico è imprescindibile per realizzare infrastrutture. ancora compiuta. con una movimentazione di circa 400 milioni di tonnellate di merci all’anno.7% (fonte: Eurostat Yearbook 20 09). contro una media europea del 17. Negli ultimi anni si è assistito a un forte sviluppo del trasporto intermodale. Attualmente. La riforma verso il “mercato regolato” non è. LA RIFORMA dEL 1997 E LA LEGGE dEL 2009 Queste criticità permangono. ma l’Italia presenta alcune specificità rispetto agli altri Paesi europei: • i livelli tariffari sono più contenuti e maggiormente regolati dalla Pubblica Amministrazione. 2/3 sono costituiti da trasporto intermodale. solo il 9. ostacolando lo sviluppo di una dimensione imprenditoriale del settore. il trasporto merci su gomma supera il 90%. In Italia. Questo quadro di riferimento accomuna le società di gestione di tutto il mondo. contro un valore del 77% dell’Europa. Uno dei principi fondamentali sanciti dalla riforma è la netta separazione tra le funzioni di programmazione e regolazione. in particolari casi. attraverso contributi e corrispettivi dei contratti di servizio con i gestori. e la gestione dei servizi.9% delle merci si muove sui binari. • gli investimenti sono inferiori. nonostante la riforma avviata dal decreto legislativo n. a causa di condizioni di operatività non ottimali (ad es. dunque. le incertezze normative e finanziarie ne hanno causato un generale rallentamento. IL TRASPORTO PuBBLICO LOCALE. utenti e non) dei servizi. bacini serviti più piccoli) e di un’eccessiva frammentazione dell’offerta (pochi gestori pubblici medio-grandi. • i costi di gestione dei servizi sono più alti. congestione e inquinamento. in Italia e in Lombardia UN MERCATO REGOLATO Il TPL è un “mercato regolato”. . con affidamenti diretti/in house. che ha permesso alla ferrovia di non perdere ulteriori volumi di traffico a vantaggio della strada: il trasporto intermodale si effettua con unità di carico (container o casse mobili) che compiono la maggior parte del proprio tragitto su ferro e la parte terminale su strada. su circa 24 milioni di tonnellate/anno movimentate su ferro in Lombardia. velocità commerciali più contenute. 1/3 dal traffico tradizionale. affidata agli operatori del TPL tramite procedure concorsuali o. sviluppare adeguate flotte di treni e bus. 422/1997 e il recupero di efficienza e produttività realizzato dagli operatori (18% nel periodo 1995-2005). La Lombardia costituisce un’area logistica di importanza strategica a livello nazionale e internazionale.

d. L’introduzione del mercato è stata più difficile soprattutto nel Mezzogiorno (solo in Campania. con due eccezioni: l’affidamento a società interamente partecipate dall’ente locale (affidamento in house o gestione in economia) e. Quasi sempre si sono costituiti raggruppamenti tra le imprese già presenti sul bacino di gara. convertito dalla Legge n. 22/98. l’affidamento diretto “sotto soglia”. per i servizi di piccola dimensione. le gare hanno visto.28 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 Recentemente sono state approvate norme a livello comunitario e nazionale che hanno reso più chiaro il percorso della riforma. In questo quadro così complesso e di difficile lettura. pur considerando il mercato italiano particolarmente attrattivo. Modena e Ancona si è scelta la costituzione di società miste). Il Decreto n. In Emilia-Romagna e Veneto. per fornire il respiro necessario a pianificare gli investimenti sul rinnovamento del materiale rotabile. in relazione alle sue dimensioni e ai potenziali di crescita. la Lombardia ha avviato un processo di evoluzione e di revisione della legge regionale di settore n. oltre alla scelta del socio con quota non inferiore al 40%. LE RICAdUTE SUL MERCATO IN ITALIA Ad oltre dieci anni dall’avvio della riforma. solo una parte dei servizi di TPL è stata affidata tramite gara. nella quasi totalità dei casi. • a società a partecipazione mista pubblica e privata. a meno che non sia vietato dalla legislazione nazionale. sociali. Accanto alle modalità “ordinarie” è consentito l’affidamento a società a capitale interamente pubblico partecipate dall’ente locale (in house). ambientali e geomorfologiche del contesto territoriale. le gare sono state assegnate ai precedenti gestori riuniti rispettivamente in consorzio e in associazione temporanea. Gli unici che hanno una posizione strutturata sono il gruppo inglese Arriva e i francesi RATP e Transdev. IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE IN LOMBARdIA Nel 2008. Sul fronte ferroviario. Per i soli servizi ferroviari è previsto l’affidamento diretto senza la necessità della proprietà pubblica. 422/97 e le sue successive modifiche hanno rappresentato l’unica disciplina di riferimento del settore fino al Decreto Legge 135/09. a causa di peculiari caratteristiche economiche. non per mettano un efficace e utile ricorso al mercato (analisi di mercato da trasmettere all’Autorità garante della concorrenza per l’espressione di un parere preventivo). che ha affrontato i principali nodi . Complessivamente. con possibilità di proroga per ulteriori sei anni. attraverso due modalità ordinarie di affidamento della gestione dei servizi di trasporto su gomma: • mediante procedure competitive a evidenza pubblica (le gare). si sono svolte gare in oltre 100 bacini di traffico che coprono circa il 50% delle province italiane. solo Firenze e Perugia hanno affidato i servizi tramite gara. attraverso il “Tavolo del TPL”. 1370 nel 2007 per i servizi pubblici di trasporto passeggeri su strada e per ferrovia. In Piemonte si è deciso di proseguire sul percorso di apertura al mercato con l’avvio della procedura di gara per assegnare i servizi ferroviari in tre dei sei lotti individuati dalla Regione. l’entrata in vigore del nuovo regolamento europeo e la successiva normativa nazionale hanno introdotto un’importante novità: la possibilità di affidamento diretto agli attuali gestori e l’estensione della durata dei contratti di servizio a un minimo di sei anni. conferma la gara come procedura ordinaria per l’affidamento dei servizi. in situazioni eccezionali che. in vigore dal 2009. “gara a doppio oggetto”). mentre solo in rare occasioni vi sono state aggiudicazioni a soggetti diversi (alcuni lotti della provincia di Milano e un lotto della provincia di Alessandria). l’attribuzione dei compiti operativi di gestione del servizio (c. i gruppi internazionali di TPL. Puglia e Basilicata si sono svolte gare) e nei grandi centri urbani (tra le città capoluogo di regione. con selezione del socio tramite gara che abbiano ad oggetto. In particolare il regolamento europeo n. 166/09. che promuove la ripresa della concorrenza e di formule di privatizzazione. la conferma del gestore storico. o più raramente tra il gestore storico ed altre imprese operanti su bacini diversi. mantengono un atteggiamento prudente. mentre a Genova.

si tratta di APAM Esercizio di Mantova. mentre il tasso più elevato di apertura del mercato. approvata dalla Giunta regionale della Lombardia il 28 ottobre 2009. arrivando l’11 novembre 2008 a stipulare un accordo sottoscritto da Regione. sindacati confederali e del settore dei trasporti e associazioni di utenti.. Tra le novità più rilevanti vi sono: la conferma dell’affidamento dei servizi tramite gara. che vedeva NORDCARGO tra le prime cinque imprese italiane. Questi fattori. Due dei sei lotti della Provincia di Milano. I contenuti del patto per il tpL in Lombardia sono stati recepiti nella proposta di progetto di legge “disciplina del settore trasporti”. il progetto di legge prevede una significativa semplificazione.500 km). Riforma e mercato del trasporto ferroviario delle merci Sul fronte del trasporto ferroviario delle merci l’Italia è a metà strada.LeNORD S. in forma di associazioni temporanee d’impresa o società consortili che riuniscono gli oltre 130 operatori di dimensioni medio-piccole. Nel complesso. Le gare hanno già avuto effetti sulla struttura dell’offerta lombarda: oggi i servizi sono assegnati a 28 gestori. LeNORD e ATM.500 chilometri su un totale di 18. che ha ceduto nel 2009 il ramo d’azienda del trasporto pubblico alla NET. Svezia e Olanda. Comuni capoluogo. mentre nel 2009 è stata costituita Trenitalia . la costituzione delle Agenzie di programmazione e regolazione per bacino. per effetto di ricorsi. che nel 2008 ha affidato tramite gara il 45% della proprietà all’ATI formata da ATM Milano. Province. Servizi automobilistici Tutte le Province e i capoluoghi competenti hanno affidato i servizi automobilistici tramite gara. seppur importante per lo sviluppo del trasporto merci. che nel 2007 ha ceduto una quota del 49% a FNM e al Gruppo Arriva (attraverso la controllata Omnibus Partecipazioni). società di ATM che gestisce il TPL nel nord-est della provincia di Milano. Secondo il rapporto della IBM Global Research Services sulla liberalizzazione del settore ferroviario in Europa. imprese ferroviarie. in prevalenza privati.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| L’IDENTITà DEL GrUPPO FNM 29 del settore. gestori dell’infrastruttura ferroviaria. si riscontra in Gran Bretagna. associazioni e imprese del TPL. consumatori e pendolari. L’intensificazione dei traffici mondiali e il consolidamento di nuove imprese ferroviarie. . I dati del settore rendono evidente che la liberalizzazione. il nuovo soggetto societario partecipato pariteticamente da FNM e Trenitalia per la gestione integrata dei servizi ferroviari regionali. la razionalizzazione dei bacini trasportistici (dagli attuali 22 bacini a 7) suddivisi al loro interno in un massimo di 3 lotti di gara. circa l’85% dei treni merci in Italia viaggia alla velocità massima di 100 chilometri orari. ATB Bergamo e Brescia Trasporti e della TPM di Monza. uno dei due lotti della Provincia di Varese e il lotto della Provincia di Lodi sono attualmente in sospeso. ANCI Lombardia.r. non è sufficiente a determinare la “svolta” della modalità ferroviaria. ha subito una battuta d’arresto a causa della crisi economica. Germania. sommati alla mancata soluzione di questioni organizzative e sindacali. Alcune aziende pubbliche hanno aperto la loro compagine societaria: oltre ad ASF Autolinee di Como (ex SPT Linea). Nel corso degli ultimi anni si è assistito al ridimensionamento del settore e a processi aggregativi intorno ai grandi leader nazionali della logistica. Poco meno del 50% della rete interoperabile italiana è disponibile per il trasporto merci (circa 8. hanno portato il settore a una flessione del 25% nel 2009. l’italia si colloca alla 16° posizione.l. Servizi ferroviari La linea suburbana S5 (passante di Milano) è stata affidata con gara all’Associazione temporanea d’imprese tra Trenitalia.

il gruppo FNM opera in un sistema di relazioni articolato e impegnativo: la gestione di un’infrastruttura ferroviaria e di servizi di trasporto pubblico e merci hanno infatti ricadute importanti in termini di mobilità delle persone e delle cose.30 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 LA RETE DI RELAZIONI gestendo servizi di interesse collettivo. . di contributo alla riduzione della congestione automobilistica. di accessibilità e sviluppo del territorio. con i conseguenti benefici per l’ambiente e lo spazio urbano.

----------------------------------------azionisti • Regione Lombardia ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- • Ferrovie dello Stato ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- • Aurelia S. La presente sezione contiene informazioni di interesse generale.p. GRUPPI dI INTERESSE dimensioni personaLe economica sociale ambientale • Dipendenti aziende -----------------------------------------------------------------------------------------------------------. Province di Varese e Brescia (Concessioni) ------------------------------------------------------------------------- • Imprese traffico merci ------------------------------------------------------------------------------------------------------- • Enti e aziende pubbliche per il noleggio di veicoli bimodali -------------------------------------------------- • Associazioni consumatori utenti ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- -------------------------.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| L’IDENTITà DEL GrUPPO FNM 31 gLI STAKEhOLDER Con la pubblicazione del bilancio di sostenibilità il Gruppo FNM rende conto ai propri interlocutori (stakeholder) della missione e delle strategie aziendali. sociale e ambientale).------------- .-------------------------------------.-------------------------.-------------------------. relative alle tre dimensioni (economica.-------------------------.------------ • Comunità locali --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------. per rappresentare il valore economico. sociale ed ambientale generato.-------------------------.------------- coLLettività • Associazioni ambientaliste ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------.-------------------------------------.-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------.---------------------------------------- • Sindacati -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------. le sezioni che seguono.A. delle attività realizzate e dei risultati conseguiti.-------------------------. si rivolgono prevalentemente a gruppi di interesse specifici.-------------------------. -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- • Altri azionisti --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------istituzioni • Regione Lombardia ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- • Stato e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ----------------------------------------------------------- • Province di Como. come di seguito rappresentato.-------------------------------------. Varese e Brescia ----------------------------------------------------------------------------------- • Comuni ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------partner e fornitori • RFI ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- • Imprese appaltatrici per realizzazione opere su rete e stazioni --------------------------------------------- • Outsourcing manutenzione autobus FNM Autoservizi ---------------------------------------------------------- • Forniture di beni e servizi --------------------------------------------------------------------------------------------------cLienti • Passeggeri ferroviari --------------------------------------------------------------------------------------------------------- • Passeggeri autolinee --------------------------------------------------------------------------------------------------------- • Regione Lombardia (Contratti di servizio) -------------------------------------------------------------------------- • Provincia di Como (Contratto di servizio).

attraverso avvisi e lettere agli abitanti. in quanto ente concedente ed azionista di riferimento. Sono stati inoltre aggiornati tutti gli strumenti di comunicazione del servizio (orari. il Gruppo FNM affida alla comunicazione un ruolo strategico. verso gli azionisti e gli analisti finanziari. Consigli di zona. L’attività è ispirata a criteri di trasparenza. attraverso procedure di reportistica quotidiana sul servizio ferroviario. partecipazione dei vertici del Gruppo alla Commissione Trasporti e ai tavoli tematici istituzionali. funzionale alla diffusione di informazioni di servizio. puntuali e trasparenti sui servizi. confluiti in un manuale destinato a tutto il personale di front line. • garantire informazioni tempestive. la definizione di format e procedure per i diversi canali di relazione con i viaggiatori. alla diffusione corretta di informazioni e ricostruzioni in caso di emergenze e criticità. sito. cataloghi. Nel corso del 2009 ha trasferito le esperienze e competenze maturate in quest’area nella gestione delle attività di comunicazione della nuova società Trenitalia . …) e sono stati organizzati incontri con i comitati pendolari.LeNORD. realizza una trasparente e tempestiva comunicazione finanziaria verso gli organismi preposti alla regolamentazione e al controllo del mercato borsistico (Borsa Italiana e CONSOB). l’incremento del personale dedicato ai servizi di assistenza clienti. L’ufficio stampa predispone comunicati. quadri murali e orari cronologici. propedeutici alla condivisone della Carta della Mobilità e/o di confronto sulle tematiche di servizio. promuove interviste. L’attività di media relation Emergenze gestite Comunicati stampa Precisazioni / risposte a giornali Interviste al management 2008 16 60 48 71 2009 33 68 39 92 . perseguendo due fondamentali obiettivi: • alimentare una relazione costante ed efficace nei confronti degli interlocutori istituzionali. carta della mobilità. incontri e consultazioni promossi da Comuni.32 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 LA COMuNICAZIONE Nell’ambito del rapporto con i propri stakeholder. al fine di contribuire al raggiungimento degli obiettivi ad essa assegnati. tempestività ed equidistanza. note e precisazioni sia di servizio sia di taglio corporate. La holding FNM. RELAZIONI CON I MEdIA Il Gruppo FNM ha proseguito nella gestione costante e proattiva dei rapporti con i media in quanto canale indispensabile di relazione con i viaggiatori e con la comunità locale. in quanto società per azioni quotata in borsa. periodici incontri del management con i referenti istituzionali. COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Nel biennio di riferimento. COMUNICAZIONE AI VIAGGIATORI E AL TERRITORIO Nel corso del biennio il Gruppo ha sviluppato e incrementato il suo impegno nella comunicazione ai viaggiatori che utilizzano il servizio LeNORD attraverso l’internalizzazione del call center. sopralluoghi e conferenze stampa. associazioni. condivisione di strategie di comunicazione relative a progetti ed eventi di particolare rilievo o criticità. alla tutela della reputazione dell’azienda. il Gruppo ha proseguito nel rafforzamento della relazione con la Regione Lombardia. Nelle aree interessate da lavori e progetti infrastrutturali si è proseguito nella tradizione di trasparente comunicazione e informazione agli abitanti.

CESIFER • Rilascio certificato di sicurezza • Omologazione Locomotive GRUPPO FS . percorsi protetti per autolinee. relativo alla gestione e alla manutenzione dell’infrastruttura e alla circolazione dei treni • Stipula dell’accordo di programma per gli investimenti. relativo al potenziamento e all’ammodernamento della rete • Definizione delle tariffe nell’ambito del sistema tariffario regionale • Finanziamento del servizio autolinee • Viabilità provinciale: manutenzione strade. RESPONSABILITà IN MATERIA dI TPL FERROVIARIO MINISTERO dEI TRASPORTI • Rilascio autorizzazioni e abilitazioni • Trasferimento alle Regioni dei contributi per servizi ferroviari • Definizione e certificazione standard di sicurezza di infrastrutture e materiale rotabile MINISTERO dELLE INFRASTRUTTURE • Programmazione. nell’ambito del sistema tariffario regionale • Viabilità locale: manutenzione strade. realizzazione nuove strade.RFI • Rilascio tratte libere su cui effettuare servizio GRUPPO FNM . La riforma ha ridefinito le competenze tra Stato e Regioni secondo l’indirizzo strategico di apertura del sistema del trasporto alla concorrenza definito dall’Unione Europea. fermate e paline di fermata COMUNI • Programmazione del TPL urbano • Affidamento del servizio bus tramite gara e stipula del contratto di servizio con gli operatori • Finanziamento del servizio di competenza • Definizione delle tariffe. fermate GRUPPO FNM – FNM AUTOSERVIZI • Servizi di autolinee • Acquisto automezzi e manutenzione RESPONSABILITà IN MATERIA dI TRASPORTO FERROVIARIO MERCI MINISTERO TRASPORTI • Finanziamenti non strutturali nell’ambito di politiche nazionali a sostegno del trasporto merci su rotaia • Sorveglianza sulle Imprese Ferroviarie da parte del USFR GRUPPO FS .NORdCARGO • Servizi merci RESPONSABILITà IN MATERIA dI TPL AUTOLINEE URBANE Ed ExTRAURBANE REGIONE LOMBARdIA • Indirizzo e programmazione del TPL su gomma (Piani regionali trasporti) PROVINCE • Programmazione del TPL extraurbano (Programmi Triennali dei Servizi) • Affidamento del servizio bus tramite gara e stipula del contratto di servizio con gli operatori . percorsi protetti per TPL.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| L’IDENTITà DEL GrUPPO FNM 33 RuOLI E RESPONSABILITà nel sistema di mobilità italiano Il sistema di responsabilità in materia di trasporti è articolato su tre livelli: nazionale. finanziamento e gestione investimenti in infrastrutture REGIONE LOMBARdIA • Indirizzo e programmazione del TPL regionale (Piani regionali trasporti) • Affidamento del servizio ferroviario tramite stipula del contratto di servizio con gli operatori (definizione di prestazioni e standard servizio e corrispettivo pubblico erogato) • Definizione sistema tariffario regionale e sue dinamiche • Concessione della rete ferroviaria regionale • Stipula del contratto di gestione rete. regionale e locale.

34 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 .

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| 35 LA DIMENSIONE eCONOMICA Una gestione solida per un mercato in evoluzione Obiettivo “Creazione di valore” Obiettivo “Solidità patrimoniale” Obiettivo “Sviluppo degli investimenti” 36 38 48 50 .

2% nel 2009. abbiamo sempre registrato risultati economici positivi. Earnings Before Interests and Taxes) è stato pari a 20.9 milioni di euro nel 2009.3%.1 milioni di euro. Il rendimento dei mezzi propri (Return on Equity: utile netto/patrimonio netto). • costi pari a 282.8 milioni di euro. dopo una flessione del 2008. con un costante incremento del patrimonio netto. • utile netto dell’esercizio attribuibile agli azionisti della controllante per 12. raggiunge il 3. elaborato in conformità ai principi contabili internazionali (IFRS – International Financial Reporting Standard). a livelli superiori rispetto alla già buona performance del 2007. Negli ultimi dieci anni. Il bilancio consolidato 2009 di Gruppo.1 milioni di euro. il gruppo FNM si distingue per la capacità di assicurare buoni livelli di redditività e di accrescere il suo valore patrimoniale. che da 143 milioni di euro nel 1999 ha raggiunto 241.2 milioni di euro. in graduale crescita dopo il picco negativo del 2008. il 2009 evidenzia la migliore performance gestionale nell’ultimo quadriennio: il risultato operativo prima degli oneri finanziari e delle imposte (EBIT. il rendimento del capitale investito (Return on Investments: risultato operativo/capitale investito). riporta: • ricavi pari a 302.36 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 uNA gESTIONE SOLIDA per un mercato in evoluzione Nel quadro del settore del trasporto pubblico. caratterizzato da squilibri economici strutturali che accomunano quasi tutti gli operatori. Indici di redditività Andamento ricavi totali e costi totali consolidati di Gruppo . è cresciuto nel 2009 fino al 4.

730 19.241 27.407 50. Peraltro.280 9.434 -154 19.509 1. I risultati sinteticamente esposti a livello consolidato indicano la chiara volontà del Gruppo di perseguire obiettivi di economicità e redditività.402 2.777 -20 7. L’affitto del ramo d’azienda trasporto pubblico di Lenord a trenitalia . materiali di consumo Costi per servizi Costi per il personale Ammortamenti e svalutazioni Altri costi operativi totaLe risultato operativo gestione finanziaria risultato ante imposte Imposte sul reddito Utile netto da operazioni in continuità Utile (perdita) netta da operazioni discontinue utile netto consolidato di cui Utile attribuibile agli azionisti della controllante Perdita attribuibile agli azionisti di minoranza 2006 231.625 9.049 2009 266.654 5. In termini di bilancio consolidato questo si è riflesso sia sul perimetro del Gruppo che sulle metodologie di consolidamento.397 12. in particolare la voce di ricavo relativa al trasporto merci.175 302.943 113.757 20.712 19.076 6.076 21.752 2008 251.r.180 82.271 19.161 1.632 -556 9.843 2.318 19.645 -275 7.579 291.767 6.843 8.836 -37 .848 141. il conto economico consolidato espone costi e ricavi del settore merci nella voce di bilancio utili / perdita da operazioni discontinue.508 24.735 269.296 313.l.452 13.663 49. soggetto a obblighi di servizio pubblico.963 -206 12. poiché il citato ramo risulta consolidato integralmente.370 9.886 307.170 20.834 283. pur nella consapevolezza di operare in un settore di “quasi” mercato.046 138.272 -1.910 9.884 16. CONTO ECONOMICO (dati in migliaia di euro) biLancio consoLidato ricavi TPL ferroviario e automobilistico Trasporto merci Altri servizi di trasporto Altri proventi totaLe costi Materie prime.316 2.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE eCONOMICA 37 L’applicazione della metodologia di consolidamento integrale prevede infatti che il risultato economico venga ripartito fra la quota di spettanza degli azionisti di maggioranza e quella di pertinenza dei soci di minoranza.597 57 13.412 282.370 27.877 7.101 -476 19.295 16. ha invece comportato una differente metodologia di consolidamento: si è passati dal metodo integrale (che prevede che le voci economiche e patrimoniali della società concorrano al 100% nel bilancio consolidato) a quello proporzionale (le voci economiche e patrimoniali della società concorrono alla formazione del bilancio consolidato secondo la percentuale di possesso).799 6.405 294.807 1.894 137. finanziaria ed economica consolidata del 2009.600 93.443 18. Come illustrato nella sezione “Identità”.054 30.447 134. nel corso del biennio 2008-2009 la strategia del Gruppo si è orientata verso una forte rifocalizzazione sul trasporto pubblico locale.Lenord a partire dal 15 novembre 2009 non ha comportato modifiche alla situazione patrimoniale. a seguito dell’impegno irrevocabile degli acquirenti di incrementare la loro quota di un ulteriore 11% entro il gennaio 2010.184 912 35.223 10. Ne deriva che i dati di ricavi e costi dell’ultimo biennio non sono del tutto comparabili con il biennio precedente.973 112.429 14.598 6.647 6.567 2007 234. La cessione del 49% del capitale sociale di nordcargo a DB Schenker Rail Italia S.

. Dopo una flessione nel 2008. pubblica amministrazione).4% alla remunerazione del personale (vedi grafico). le buone pratiche del personale viaggiante. pur essendo un importante criterio di misura ai fini dell’informativa verso gli interlocutori diretti dell’azienda (personale. infatti. finanziatori. non possa cogliere il valore complessivo generato da una società che opera nell’ambito dei servizi di pubblica utilità. cui è corrisposto un netto miglioramento dei livelli di efficienza. il valore aggiunto supera nel 2009 il livello registrato nel biennio 2006-07. di manutenzione. Si ritiene. in termini di bilancio delle esternalità positive e negative prodotte e di maggior efficienza del sistema di mobilità complessivo. garantiti da un aumento dei ricavi della gestione caratteristica.38 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 OBIETTIVO “Creazione di valore” Le società che operano nel trasporto pubblico e nel trasporto ferroviario merci generano un valore per la collettività stimabile in termini di minori costi esterni. sono infatti alla base di un’offerta di servizi di qualità. più ampia. il valore aggiunto è stato destinato rispettivamente per l’88. Nel 2008 e nel 2009. In questa sezione analizzeremo il valore aggiunto e le sue determinanti (efficacia ed efficienza della gestione). L’obiettivo di generazione di valore è pertanto perseguito dal Gruppo attraverso due filoni di intervento: aumentare l’efficacia e migliorare l’efficienza dei servizi. Per l’analisi delle esternalità e del valore per la collettività si rimanda alla sezione “Dimensione ambientale”. L’incremento deriva da buoni livelli di redditività della gestione. che considera il beneficio per la collettività dei servizi gestiti. ovvero la differenza fra il valore della produzione e i costi per l’acquisto di fattori produttivi esterni) e quella. che Il valore economico “aggiunto”. Tale distribuzione è tipica delle aziende di servizi nelle quali il capitale umano rappresenta l’asset primario: le competenze di progettazione e gestione dei servizi di trasporto. delle funzioni commerciali e di staff.8% e per l’85. Tale valore può trovare due forme di rappresentazione: quella prettamente contabile (tramite il valore aggiunto. degli addetti alle stazioni. maggiore efficienza del sistema di mobilità. maggiore accessibilità del territorio e valorizzazione immobiliare delle aree servite.

875 2008 251.6% Remunerazione dell’azienda 6.0% Remunerazione della pubblica amministrazione 8.097 18.412 120.054 30.397 19.180 82.2% 9.904 2007 2008 137.407 50.600 93.123 316.0% 3.450 2009: ripartizione del valore aggiunto netto .943 113.430 286.373 2.663 49.076 3.598 165.886 1.2% 5.647 151.4% 2.747 16.272 179.277 2.9% vaLore aggiunto netto 156.175 1.1% 160.8% 7.767 5.315 2007 234.510 1.910 6.443 88.5% Remunerazione del personale Remunerazione dei finanziatori 3.807 1.479 2009 266.223 5.287 27.986 ricavi e proventi finanziari TPL ferroviario e automobilistico Trasporto merci Altri servizi di trasporto Altri ricavi e proventi Proventi finanziari totaLe utiLe / (perdita) da operazioni discontinue costi intermedi di produzione Materie prime.715 303.735 116.925 ripartizione vaLore aggiunto netto 2006 138.603 19.450 20.7% 165.297 3.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE eCONOMICA 39 RICLASSIFICA CONTO ECONOMICO CONSOLIdATO A VALORE AGGIUNTO (dati in migliaia di euro) Ripartizione % del valore aggiunto netto 2006 231.568 173.894 2.8% 3.877 3.241 27.9% 134.161 1.191 1.579 135.834 3.405 137.9% 9.184 912 35.848 6.362 170.370 5.447 6.287 151.843 156.904 21.6% 12.316 160.799 7.523 19.925 2009 141.860 185.757 5.046 2.884 88.508 24.712 85. materiali di consumo e merci Costi per servizi Altri costi operativi totaLe vaLore aggiunto Lordo Ammortamenti e svalutazioni vaLore aggiunto netto (20) 2.3% 9.973 112.748 309.730 85.177 2.

• dalle politiche tariffarie degli enti di programmazione e regolazione del trasporto pubblico.9 7. quali i servizi viaggiatori speciali e il trasporto merci. pag.1 2. dalla capacità di aumentare i passeggeri o le merci trasportate per unità di produzione. tariffaria e contributiva che esulano dall’autonomia gestionale dell’azienda. • dai livelli di efficacia dei servizi.8 1. 126 . in gran parte da decisioni di politica della mobilità. • dai prezzi di vendita dei servizi di trasporto non a contributo.40 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 AuMENTARE L’EFFICACIA dei servizi L’andamento dei ricavi Questi fattori dipendono del Gruppo deriva principalmente: • dall’evoluzione dei servizi di trasporto prodotti. A quelli di efficacia tecnica.3 8.1 6. • dalle politiche di contribuzione pubblica all’esercizio dei servizi di trasporto pubblico. si possono affiancare indicatori di efficacia commerciale.4 8. vale a dire.8 8.9 2.3 7. è necessaria un’analisi degli indicatori di sintesi di efficacia.1 1. oltre all’evoluzione dei volumi produttivi per singolo servizio (richiamata in sintesi nel grafico). tra cui il ricavo da traffico per km e il corrispettivo di esercizio per km. quali ad esempio quantità di viaggiatori o merci trasportate per km prodotto (l’unità di produzione).6 2006 2007 2008 2009 LeNORD (treni-Km) .Quadro di sintesi / Aumentare l'efficacia dei servizi. Per comprendere le dinamiche di ricavo. 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0 Milioni di Km 8. delle tariffe e dei contributi e corrispettivi pubblici.7 8.incluse sostitutive bus FNM Autoservizi (Bus-Km) NORDCARGO (Treni-Km commerciali) Andamento dei volumi produttivi Approfondimento in appendice Dimensione economica .

Ricavi e corrispettivi per treno-Km servizio viaggiatori . vale a dire il corrispettivo pubblico per la gestione del servizio.71 euro. Nel biennio 2008-2009 Lenord ha incrementato i ricavi della gestione caratteristica sino a un valore di 160. Nel 2009 si assiste a una lieve riduzione dei viaggiatori del Ramo Milano (-2.04 6 5 4 3 2 1 2006 2007 2008 2009 Ricavi da traffico/treni-Km Corrispettivi CdS/treni-Km LeNORD . sezione “Identità”).24 8. Gli interventi in atto sulla rete e sul parco rotabili hanno rafforzato il profilo qualitativo dei servizi e mirano a superare le criticità (come l’affollamento nelle ore di punta) che vincolano una più accentuata crescita dei passeggeri trasportati.74 7.71 7.40 7.LeNORD (partecipata pariteticamente da FNM e Trenitalia) per la gestione unitaria del trasporto ferroviario regionale in Lombardia (cfr. che costituisce l’indicatore reale del livello di contribuzione pubblica ai costi operativi.5%) e contemporaneamente a un incremento dei viaggiatori del Ramo Iseo (+10. Il corrispettivo 2009 prevede anche una quota forfettaria per le attività svolte nel 2009.3 milioni di euro nel 2009. I ricavi che derivano dal contratto di servizio (CdS nei grafici) con la Regione Lombardia.1% dei passeggeri trasportati. i dati di bilancio 2009 di LeNORD sono stati opportunamente rielaborati. si attesta a 8. euro/Km 9 8. sezione “Identità”).39 8 7 7. Ciò è imputabile principalmente alla crisi economico-finanziaria che ha caratterizzato il biennio 2008-09. Per garantire la confrontabilità dei dati economici su base annua. nonostante la mancata applicazione dell’adeguamento tariffario per l’anno 2009. • lieve incremento dell’introito medio tariffario per passeggero (1. sono stati pari a 78.7% ) che in totale fanno registrare una diminuzione del 2.64 7. Questa evoluzione positiva deriva in particolare dal: • rinnovo del contratto di servizio a seguito della sottoscrizione del patto per il TPL con la Regione Lombardia. in particolare: • i dati economici del ramo LeNORD concesso in affitto alla newco a partire dal 15 novembre sono stati sommati a quelli di LeNORD. il corrispettivo per treno-Km. • i dati di bilancio di LeNORD sono stati depurati dai ricavi e costi afferenti al servizio ferroviario del Brennero (cfr. ma propedeutiche all’attivazione di nuovi servizi a partire dal 2010.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE eCONOMICA 41 SERVIZIO FERROVIARIO PASSEGGERI Il fatto di maggior rilievo del biennio è rappresentato dalla costituzione della società Trenitalia .8 milioni di euro.74 7.15 euro nel 2009).

che registrano un incremento del 12.20 1. a dimostrazione della volontà della regione di investire nello sviluppo della qualità.20 0. Tale incremento si traduce in un sensibile aumento dei corrispettivi e contributi chilometrici. della manutenzione. Anche i contributi pubblici a bus-km vedono un incremento nel corso del biennio.3 milioni di euro e una durata maggiore rispetto al precedente (dal 1° gennaio 2009 al 27 marzo 2016). I benefici del Piano di riassetto si evidenziano nell’andamento dei ricavi da traffico a bus-km.80 1. dell’innovazione tecnologica e della sicurezza della rete. rimasto invariato fino al 2007. nel marzo 2009 è stato sottoscritto il nuovo contratto di servizio.1% nel 2009.5 milioni nel 2008 e 18.9 milioni di euro in seguito all’approvazione del Patto per il Trasporto Pubblico Locale sottoscritto con la Regione Lombardia (per approfondimenti cfr. contributi pubblici e corrispettivi a bus-Km .11 0.42 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 A B C GESTIONE RETE I ricavi di gestione dell’infrastruttura sono composti per circa il 90% dal corrispettivo del contratto di servizio con la Regione Lombardia e da altri contributi.60 1.15 milioni di euro all’anno (2008 e 2009) che ha compensato i minori contributi percepiti a seguito della cessione dei servizi TPL della provincia di Milano. dopo la dismissione delle linee della provincia di Milano avvenuta nel settembre 2007.8% nel 2008 e del 14. La sottoscrizione del Patto per il TPL in Lombardia (cfr. 200 180 euro//Km 180.40 1.60 0. che prevede un ulteriore incremento di 3. L’incremento del corrispettivo per km di binario risulta intorno al 12% tra il 2006 e il 2009.53 1.1 160 140 120 100 80 60 40 20 0 187.1 167.2 164.80 0.72 1.76 1.48 1.1 2006 2007 2008 2009 FERROVIENORD . sezione “Identità / Mercati di riferimento”). In particolare i ricavi totali si sono stabilizzati.00 1. sezione “Identità / Mercati di riferimento”) ha portato a un incremento delle risorse disponibili per FNM Autoservizi.00 2006 2007 2008 2009 Ricavi da traffico a bus*Km Corrispettivo e contributi all’esercizio a bus*Km Ricavi.8 milioni nel 2009. 1.14 0. con un aumento dei contributi pubblici di 1.40 0.Corrispettivo da CdS per Km binario SERVIZIO AUTOLINEE Le azioni previste e gli obiettivi del Piano Industriale 2007-09 di FNM Autoservizi sono stati realizzati. Il corrispettivo.00 euro/bus* Km 1. All’incremento dei corrispettivi si è accompagnato un aumento degli altri ricavi dovuti a maggiori prestazioni di servizi offerte all’interno del Gruppo. intorno ai 18.96 1. nel 2008 ha registrato un incremento di 5. allineata alla scadenza della Concessione Ministeriale. a copertura del maggior costo del Contratto nazionale di lavoro degli autoferrotranvieri.

8 6. Il ricavo medio per treno-km commerciale si attesta 39.7 23.7 30 30.9 0 2.4 40 35 33.6 28.6 28.234.5 23.615 9. che ha portato a livello europeo a una riduzione dei traffici del 25%. Nel 2009 il valore della produzione è stato di 33.4 33.4 39.351.9 10.6 28.1 6.5 30.9 2.4 35. trasporto merci: tonnellate lorde trasportate 2006 2007 2008 2009 8.5 30.4 15 20 15 10. che stava riportando NORCARGO verso il pareggio di bilancio. 40 40 35 (milioni di euro) 39.5 milioni di euro. la crisi economica del 2009.005 D’altro canto la partnership avviata nel 2008-2009 con l’operatore logistico tedesco DB Schenker (cfr.5 20 25 20 23.6 33.8 10 5 6.378 4.6 nel 2009 su un valore di 18 euro.5 35.7 35. sezione “Identità ) si pone l’obiettivo di rafforzare la posizione di NORCARGO sul mercato.8 0 2006 2008 2007 Ricavi totali Altri ricavi 2009 Ricavi da traffico 0 2006 2007 Ricavi totali Altri ricavi Ricavi2009 da traffico Ricavi totali Ricavi servizi di trasporto merci Ricavi da traffico . manovra e verifica treni) per conto di altre imprese ferroviarie in alcune stazioni (in particolare Novara e Domodossola nel 2008).8 15 10 6.5 32.8 2006 2008 2007 2008 2009 Altri ricavi 2.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE eCONOMICA 43 TRASPORTO MERCI Il biennio 2008-2009 presenta un andamento della gestione discontinuo: dopo un 2008 positivo.5 (milioni di euro) 35 30 30 25 32.937.6 33. Nel corso degli ultimi quattro anni si è verificato l’incremento delle attività di service (fornitura di servizi di condotta.596. Nel corso del 2009 tali ricavi hanno visto un incremento anche per effetto del noleggio di rotabili a terzi.1 10 10.5 25 32.660 4.8 5 5 6.5 (milioni di euro) 33.4 33. ha fatto registrare una brusca inversione di tendenza: -18% sulle previsioni del budget aziendale 2009.1 6.

• i costi di noleggio locomotive. Il costo del personale evidenzia una dinamica comune alle aziende operanti nei comparti del TPL e del trasporto merci. Anche la dimensione dell’efficienza è contraddistinta dai caratteri tipici dei servizi pubblici (e dei “quasi” mercati).44 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 AuMENTARE L’EFFICIENZA dei servizi in considerazione della limitata autonomia gestionale sul fronte dei ricavi. che abbiamo visto caratteristica del settore. • i costi di trazione dei treni e degli autobus (energia elettrica e gasolio).3 17.4 17. euro/Treno* Km 20 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0 16. che incide per circa il 50% sul totale dei costi di Gruppo. Il suo andamento dipende dalle variazioni di organico e dall’incremento del costo medio pro-capite annuo derivante dai rinnovi previsti dalla contrattazione nazionale.Quadro di sintesi / Aumentare l'efficienza dei servizi. il Gruppo FNM persegue l’obiettivo di aumentare l’efficienza della gestione con equilibrio e pragmatismo. Le principali componenti di costo sono: • il personale. 1 3 SERVIZIO FERROVIARIO PASSEGGERI La costante crescita dei volumi del traffico. ricercando le soluzioni di miglioramento compatibili con le specificità di settore. l’efficienza dei servizi assume una rilevanza ancora maggiore.7 euro nel 2009. in particolare da una minor propensione al cambiamento rispetto ad altri settori di mercato. 127 .1 16. • la manutenzione dei mezzi e dell’infrastruttura ferroviaria. In tal senso.7% rispetto al 2007). L’incremento dei costi per la manutenzione dei rotabili rispecchia le attività svolte nel rispetto dei piani di manutenzione programmata e gli interventi di manutenzione correttiva eseguiti per guasti o atti vandalici. pag. pari a 17. mentre la dinamica del personale evidenzia un trend positivo rispetto all’andamento della produzione offerta (il valore di trenikm offerti per addetto si è incrementato nel biennio del 3. che nel 2009 sono stati pari a 151 milioni di euro. 2 4 Il costo operativo a treno-km. ha seguito un trend analogo. l’orientamento alla qualità e il maggiore livello di complessità della gestione hanno determinato un trend crescente dei costi operativi complessivi.7 2006 2007 2008 2009 LeNORD: costo operativo a treno-Km Approfondimento in appendice Dimensione economica .

In termini di produttività si registra un miglioramento.80 150 0. L’efficienza della gestione è stata perseguita anche attraverso azioni organizzative che mirano a generare risorse da destinare a interventi sulla qualità e sicurezza del servizio.00 2006 2007 2008 2009 FERROVIENORD: costo operativo per km di binario FERROVIENORD: km di binario per addetto .0 216. mentre in valore assoluto i costi operativi sono aumentati sia per effetto di maggiori interventi manutentivi sia in conseguenza dell’introduzione di nuove tecnologie.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE eCONOMICA 45 A B C GESTIONE RETE I costi operativi. 250 Migliaia di euro/Km di binario 1.00 Km di binario/N.9 milioni di euro nel 2009.20 0 2006 2007 2008 2009 0. capitolo “Migliorare la qualità e potenziare il servizio offerto”). evidenziato dall’indicatore km di binario per addetto. in particolare l’implementazione del sistema di bigliettazione magnetico-elettronico (SBME.48 0.51 50 0.40 0.5 182. cfr. che si riflette nell’indicatore costo operativo per km di binario.50 0. pari a 100.8 186. in crescita del 13%.60 100 0. addetti 200 205.2 0. evidenziano un trend crescente a partire dal 2007.50 0.

46

|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09

1

3

2

SERVIZIO AUTOLINEE
FNM Autoservizi opera su bacini di TPL caratterizzati da una domanda di mobilità debole e sconta le generali difficoltà del settore. il piano industriale 2007-09 ha sostanzialmente raggiunto gli obiettivi prefissati per quanto riguarda la riduzione delle perdite di gestione, la ristrutturazione dell’azienda e la riorganizzazione dell’offerta. Le azioni intraprese hanno riguardato in particolare: • la dismissione delle aree di business strutturalmente deficitarie (area della provincia di Milano, dismessa nel settembre 2007); • la riorganizzazione dell’offerta del servizio in provincia di Varese (con considerevoli economie nell’impiego di personale e mezzi); • il contenimento dei costi di manutenzione, anche attraverso il rinnovamento del parco autobus, con l’acquisito di 25 nuovi mezzi per un investimento complessivo di 6,2 milioni di euro; • la ristrutturazione organizzativa, che ha interessato prevalentemente le funzioni di staff. Tutto questo ha permesso una riduzione dei costi operativi, che rispetto al 2007 risultano inferiori rispettivamente del 5,8% nel 2008 e del 9,3% nel 2009.
10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0
euro/Bus* Km

4

2,4

2,5

2,6

2,6

2006

2007

2008

2009

FNM Autoservizi: costo operativo a bus-Km

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

LA DIMENSIONE eCONOMICA 47

TRASPORTO MERCI
La contrazione dei volumi di attività ha spinto tutte le imprese del settore a ridurre i prezzi per non perdere clienti, comportando con ciò una riduzione degli indici di redditività. Parallelamente, il calo dei traffici ha comportato una riduzione dei costi operativi: in particolare sono diminuiti l’acquisto di trazione estera, il costo del pedaggio e dell’energia elettrica di trazione. La contrazione dei volumi di attività ha comportato tuttavia una maggiore incidenza dei costi fissi sull’unità di produzione e pertanto un incremento dei costi unitari. Di contro, la minore circolazione di treni ha comportato un aumento della puntualità, già peraltro molto alta in NORDCARGO.

22 20 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0

euro/Treni* Km

14.000

Treno* Km/N. adetti

20,1 18,4 16,8 16,2

12.000

12.180

12.271 11.235

10.000

8.000

8.706

6.000

4.000

2.000

2006

2007

2008

2009

0

2006

2007

2008

2009

NORDCARGO: costi operativi a treno-Km commerciale

NORDCARGO: treni-Km commerciali per addetto

48

|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09

OBIETTIVO “Solidità patrimoniale”
L’obiettivo della solidità patrimoniale viene perseguito attraverso una politica aziendale di destinazione degli utili a investimenti. Il risultato è una crescita costante del patrimonio netto, aumentato negli ultimi quattro anni di circa 30 milioni di euro.

Il rafforzamento della struttura patrimoniale e una costante attenzione all’economicità hanno generato un elevato livello di liquidità, tale da finanziare la gestione operativa corrente. Questo ha consentito, negli ultimi anni, di ridurre significativamente il livello di indebitamento, come evidenziato dal rapporto di indebitamento (rapporto fra debiti e patrimonio netto) che passa dallo 0,18 del 2006 allo 0,13 del 2009.
Patrimonio netto consolidato di Gruppo

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

LA DIMENSIONE eCONOMICA 49

dATI PATRIMONIALI BILANCIO CONSOLIdATO
(Importi in migliaia di euro)

2006 Rapporto debito/Patrimonio netto debito Passività finanziarie non correnti Passività finanziarie correnti Debiti v/ banche patrimonio netto LiQuidità generata neL periodo Flusso di cassa da attività operative Flusso di cassa da attività di investimento Flusso di cassa da attività di finanziamento 0,18 37.226 32.529 3.192 1.505 212.232 7.426 46.385 (32.974) (5.985)

2007 0,15 33.090 30.745 2.344 1 221.292 17.823 51.549 (31.094) (2.632)

2008 0,15 34.711 30.157 4.552 2 229.092 (6.804) (35.125) 28.663 (342)

2009 0,13 32.326 27.512 4.813 1 241.891 44.025 82.269 (35.860) (2.384)

ANdAMENTO dEL TITOLO
La crescita di valore patrimoniale del Gruppo non ha trovato, in questi anni, riscontro nell’andamento del titolo FNM. Ciò è imputabile non solo alla crisi generale dei mercati finanziari (si pensi che l’indice FTSE Italia All Share ha subito nel periodo 2008-2009 un crollo del 38,2%), ma anche ad alcune caratteristiche tecniche, quali il basso flottante (24,6% del totale azioni al 31.12.07), la scarsa liquidità del titolo e la mancanza di una trattazione continua (compravendita in modalità d’asta), che sino al 2007 hanno determinato una bassa attrattività del titolo per gli investitori istituzionali. Per limitare tali effetti distorsivi, nei primi mesi del 2008 si è proceduto al passaggio alla trattazione continua, classe 1 del mercato Expandi1. Nei primi giorni di trattazione si è registrata un’esplosione dei volumi (oltre il migliaio al giorno) che hanno permesso al titolo di risalire oltre la soglia dell’1,1. Inoltre, per rafforzare la negoziabilità del titolo, il 30 giugno 2008 FNM ha dato corso all’aumento di capitale gratuito, mediante assegnazione di una nuova azione per ogni cinque azioni possedute da ciascun azionista. La quotazione del titolo è perciò passata da 1,98 a 0,892. Il decremento imputabile alla diluizione del capitale sociale è pari a circa il 20%. Il capitale sociale è pari a 130.000.000 di euro, suddiviso in 248.515.754 azioni.

Andamento del titolo 2008-09

1

Con provvedimento n. 6333 del 15 giugno 2009, Borsa Italiana ha disposto la ripartizione degli strumenti finanziari ammessi sul Mercato Expandi tra i segmenti di negoziazione del Mercato Telematico Azionario (MTA). La nuova ripartizione è entrata in vigore dal 22 giugno 2009.

dei sistemi di protezione automatica della marcia del treno e del sottosistema di terra. . Nell’ultimo decennio abbiamo avviato un vasto programma di investimenti che. al fine di adeguare gli impianti ai nuovi rotabili.7 milioni di euro nel biennio 2008-2009 e hanno riguardato: • la conclusione degli interventi finalizzati ad aumentare la capacità e la regolarità del traffico ferroviario che confluisce nel nodo di Milano Cadorna. prevalentemente finanziati dalla Regione Lombardia (e in misura inferiore dallo Stato). Il valore globale del rinnovo della flotta è stato pari a 570 milioni di euro nel quadriennio 2006-2009. cfr. • la conclusione dell’interramento della tratta ferroviaria a Castellanza. ha visto un impiego di risorse complessivo di oltre 560 milioni di euro.1 milioni di euro nel biennio di riferimento. attraverso il quadruplicamento della tratta Cadorna-Bovisa. sulla rete ferroviaria. gli interventi principali hanno comportato un investimento complessivo di 77. Quanto all’infrastruttura ferroviaria. A partire dal 2006. • l’installazione. • la realizzazione del nuovo capannone di lavaggio e manutenzione nel deposito di Novate Milanese. Gli investimenti in materiale rotabile per il trasporto merci (NORDCARGO) sono stati pari a 19. dotando la rete di impianti in grado di elevare lo standard di sicurezza. nel biennio 20082009. l’introduzione di nuove tecnologie per migliorare la sicurezza e la qualità dei servizi ferroviari e automobilistici sono parte integrante della missione del gruppo. • la prosecuzione del progetto per l’implementazione del sistema di bigliettazione magneticoelettronico (SBME.50 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 OBIETTIVO “Sviluppo degli investimenti” Il potenziamento delle infrastrutture di trasporto. capitolo “Migliorare la qualità e potenziare il servizio offerto”). gli investimenti in materiale rotabile per il trasporto passeggeri (LeNORD) hanno registrato un notevole incremento. il rinnovo del materiale rotabile e del parco bus.

697 7.679 7.4% 10.298 200.255 2.553 51.9% 6.568 110.064 3.594 290.3% 2.2% .Ministero e altri enti pubblici .794 77.769 11.5% 10.277 10.1% 9.979 1.100 33.849 193.574 6.199 133.180 15.295 49.5% 82.866 267.di cui Autobus Altri investimenti SBME DCO SICUREzzA Altri vaLore compLessivo 64.996 4.874 120.896 214.Autofinanziamento 83.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE eCONOMICA 51 INVESTIMENTI Ripartizione per tipologia (Importi in migliaia di euro) 2006 2007 2008 2009 Investimenti in infrastrutture Investimenti in mezzi di trasporto .000 Percentuale di finanziamento pubblico .427 1.476 11.6% 3.155 1.di cui TSR .842 1.176 7.032 3.Regione Lombardia .6% 90.252 39 1.463 234.4% 6% 87.4% 7.616 57 1.598 216.di cui Locomotive Cargo .018 6.442 6.504 636 1.992 44.

52 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 .

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| 53 LA DIMENSIONE sOCIALe Impegnati su più fronti Obiettivo "Migliorare la sicurezza" Obiettivo "Migliorare la qualità e potenziare il servizio" Obiettivo "Valorizzare il personale" Obiettivo "Garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori" Obiettivo "Partecipare allo sviluppo del territorio" 54 56 64 90 94 100 .

etc. l’efficienza dei treni e la qualità delle informazioni. fermate. come la pulizia delle carrozze e delle stazioni. livello di informazione. nonché gli obiettivi di miglioramento del servizio in termini di puntualità. le modalità di monitoraggio sul rispetto di tali standard e le penali che le aziende sono tenute a versare in caso di inadempienza. sicurezza e accessibilità. attraverso i contratti di servizio. il contratto di servizio del tpL automobilistico regola i servizi extraurbani e definisce i requisiti minimi che il parco mezzi dovrà raggiungere entro un certo periodo di tempo (età media. che hanno competenze di programmazione. che rappresentano il cuore dell’attività del gruppo. il contratto di servizio del tpL ferroviario definisce le caratteristiche minime del servizio (in termini di orari.54 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 IMPEgNATI Su PIÙ FRONTI La sicurezza dei viaggiatori e del personale rappresenta per noi un obiettivo prioritario e imprescindibile nell’ambito della dimensione sociale. la Regione eroga un corrispettivo contrattuale. A fronte delle prestazioni di servizio. comfort e pulizia. • migliorare la sicurezza del trasporto (safety) personale e patrimoniale (security) Potenziamento della rete e del servizio • migliorare la qualità del servizio Puntualità del servizio Pulizia e comfort Informazione e comunicazione obiettivi sociaLi • valorizzare il personale • garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori del gruppo • partecipare allo sviluppo del territorio . standard di qualità. Gli aspetti sociali e i livelli di qualità dei servizi di trasporto pubblico locale sono definiti dalle Regioni e dagli Enti locali.) che le aziende di trasporto devono garantire. La regione Lombardia svolge verifiche trimestrali sugli aspetti più qualificanti del servizio. presenza di impianti di climatizzazione e di dispositivi antiparticolato). accessibilità disabili. così come il miglioramento della qualità dei servizi di trasporto di persone e merci.

informazione e comunicazione. 128 > Risultati indagini “Sessantasecondi” 2008 e 2009. In tutti gli altri casi il giudizio raggiungeva la sufficienza. la pulizia e il comfort delle vetture. La soddisfazione complessiva dei clienti mostra un calo significativo nel 2008. Considerando il periodo 2006-2009. Il gradimento dei clienti del servizio autolinee viene monitorato attraverso il questionario “sessantasecondi”. relativi all’utilizzo del mezzo di trasporto e comprendenti elementi quali la sicurezza. la puntualità del servizio. l’andamento della soddisfazione risulta più costante sul fronte dei fattori tecnici. poiché il livello di soddisfazione varia da linea a linea. distribuito a campione tra gli utenti delle linee ritenute di anno in anno più significative. in lieve aumento rispetto al biennio precedente. aspetti relazionali. PRIMO INdICATORE dELLA QUALITà Il livello di soddisfazione dei clienti monitorato attraverso indagini periodiche di customer satisfaction . * Non è possibile un confronto con il biennio precedente in quanto nel 2006-2007 non sono state svolte indagini di customer satisfaction per il servizio autolinee. i giudizi più positivi (con prevalenza di buono e ottimo) riguardano la puntualità. mentre quelli meno soddisfacenti (insufficiente o appena sufficiente) riguardano la disponibilità di informazioni e la pulizia dei mezzi. su una sola linea (Como-Varese) e solo dall’1% degli intervistati (nel 2008) è stato espresso un voto insufficiente. Approfondimenti in appendice > Per i risultati relativi al ramo Iseo e al servizio aeroportuale Malpensa Express. Si tratta tuttavia di generalizzazioni. 138 . seguito da un parziale recupero nel 2009. sicurezza. sui seguenti aspetti del servizio di trasporto: efficienza.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 55 IL GIUdIZIO dEI CLIENTI. L’indice sintetico di customer satisfaction (Customer Satisfaction Index) misura la quota complessiva di clienti soddisfatti. In generale. comprendenti il giudizio sulla qualità e la tempestività delle informazioni fornite. 3 I 1risultati di dettaglio delle indagini sono presentati nelle pagine che seguono. la sicurezza del viaggio e il comportamento del personale di guida. che nel biennio 2008-09* registra risultati molto positivi. 2 4 SERVIZIO AUTOLINEE 2009 2008 2007 2006 %0 25 50 70% 64% 67% 66% 75 100 Customer satisfaction index: percentuale di utenti soddisfatti Il grado di soddisfazione complessiva sul servizio è dato dalla somma dei giudizi su due insiemi di fattori: • fattori tecnici di servizio. seguito da un netto recupero nel 2009 (+5%) che portano la media del biennio a 67 punti percentuali. pag. con una prevalenza di “buoni”.rappresenta un indicatore fondamentale della qualità del servizio offerto e un prezioso strumento per orientare gli interventi di miglioramento. 1 3 2006 %0 25 50 2009 65% 81% 2008 59% 76% 2007 61% 87% 87% 61% 75 100 Parziale “fattori di relazione” SERVIZIO FERROVIARIO Parziale “fattori tecnici e di servizio” 4 2 LeNORD svolge indagini semestrali per monitorare il giudizio dei clienti sulla qualità del servizio offerto. Il questionario verte. nel 2009 sette. pag. I fattori di relazione registrano invece un calo significativo nel 2008. attestandosi all’80% di soddisfazione. I dati si riferiscono al ramo Milano. per comprendere meglio gli aspetti di maggior criticità del servizio e il grado di soddisfazione dei viaggiatori sui singoli interventi effettuati dal Gruppo. Nel 2008 ne sono state prese in considerazione cinque. comfort del viaggio. in particolare. Ai clienti viene chiesto anche un giudizio complessivo sul servizio. Tra tutti gli intervistati di tutte le dodici linee considerate nei due anni. la cortesia e la professionalità del personale. • fattori di relazione. considerando i vari aspetti del servizio. I dati delle indagini vengono costantemente confrontati con quelli relativi ai reclami presentati al customer care e alle verifiche della Regione Lombardia.

rispetto ad eventi quali aggressioni. deragliamenti e svii) 6 7 2 4 4 SERVIZIO AUTOLINEE Incidenti totali (causati e subiti) 123 124 La sicurezza nel trasporto passeggeri interessa tre principali ambiti: • safety. . • prevenzione e protezione della salute dei lavoratori (cfr.4 100% SERVIZIO FERROVIARIO 1 94% 493 659. vandalismo. intesa primariamente come protezione del viaggio da incidenti e situazioni anomale. deragliamenti e svii) Collisioni ai passaggi a livello Sicurezza del viaggio percepita (% utenti soddisfatti) A B 1 3 2009 1 94.1 100% 2 4 Aggressioni fisiche e verbali Costi del vandalismo (in euro) Telecamere installate Investimenti in sicurezza (milioni di euro) GESTIONE RETE C 1 3 3 Rete coperta dai sistemi di blocco elettrico TRASPORTO MERCI Incidenti (collisioni.56 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 OBIETTIVO “Migliorare la sicurezza” QUAdRO dI SINTESI 2008 Incidenti (collisioni.753 712 15. atti di terrorismo.5% 305 853. scippi. che riguarda il rischio legato alla sicurezza della circolazione e dell’esercizio. • security. capitolo sulla salute e sicurezza dei lavoratori). che riguarda i rischi attinenti all’incolumità personale e patrimoniale dei viaggiatori e del personale.138 910 11.

formazione continua. . Si tenga conto che non sono classificati come tali gli investimenti accidentali o causati da suicido.di cui nessuno mortale . mentre nel biennio precedente si erano verificati esclusivamente deragliamenti e svii. già tradizionalmente molto alto. Incidenti ferroviari: servizio passeggeri Incidenti ferroviari: servizio merci su rete RFI Investimenti. tentati suicidi sulla rete FERROVIENORD nel corso del biennio abbiamo incrementato ulteriormente il livello di attenzione su questo fronte. .sulla rete FERROVIENORD. per un totale di oltre 38 milioni di euro negli ultimi quattro anni. suicidi. contro i sette del biennio 2006-07 e i sei del biennio 2004-2005.radicamento della cultura della sicurezza e prevenzione.corretta manutenzione delle infrastrutture e delle flotte. perseguito attraverso una serie di strumenti: . La sicurezza del trasporto è infatti da sempre un valore fondamentale per il gruppo. tra il 2008 e il 2009 si sono verificati cinque collisioni tra rotabili e otto tra deragliamenti e svii. Investimenti in sicurezza (safety) .|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 57 SICuREZZA DEL TRASPORTO (safety) SERVIZIO FERROVIARIO Nel biennio 2008-09 si sono verificati due incidenti ferroviari . .tecnologie. più che raddoppiati nel biennio 2008-09 rispetto al precedente. La cifra dell’impegno del Gruppo sul fronte della sicurezza è rappresentata dagli investimenti. Relativamente al trasporto merci. che nel biennio 2008-09 sono invece cresciuti rispetto al precedente.

• l’individuazione di misure preventive. Saronno-Como e Saronno-Malpensa. correttive e di miglioramento in ottica di Plan-Do-Check-Act (Pianificazione . nel biennio 2008-2009. con l’obiettivo di giungere a una completa copertura: • è in corso l’installazione del Sottosistema di bordo (SSB) per il materiale rotabile in circolazione sul ramo Iseo e l’installazione di Sistemi Tecnologici di Bordo (STB) per 26 composizioni TAF circolanti sul ramo Milano. LeNORD e NORDCARGO hanno implementato e consolidato il proprio sistema di gestione della sicurezza. il treno freni fino a fermarsi se non intervengono azioni correttive adeguate. NUOVE TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA FERROVIARIA Queste le principali tecnologie adottate negli ultimi anni: • DCO (Dirigente Centrale Operativo) È un sistema centralizzato che controlla a distanza la circolazione ferroviaria. al fine di adempiere alle direttive del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 19 marzo 2008. • sistema di controllo della marcia del treno (scmt) e sistema di supporto alla condotta (ssc) Si tratta di apparati di sicurezza che mantengono sotto vigilanza elettronica la guida del treno. In prospettiva. in caso di errore del macchinista. 142 . e sulle tratte Brescia-Edolo e Rovato Borgo-Bornato-Calino della linea Brescia-Iseo. metodi e obiettivi comuni a livello europeo finora definiti dall’Agenzia Ferroviaria Europea (ERA). mediante impianti di telecomando e telecontrollo. Quello adottato da LeNORD. alimentando sia i segnali posti lungo il tracciato (che garantiscono il rispetto delle distanze di sicurezza) sia quelli che governano le partenze dei treni dalle stazioni. pag.Riesame). • l’adozione di piani e procedure di sicurezza. finanziati dalla Regione Lombardia. • un’attenzione costante alla formazione del personale. migliorando la regolarità e la sicurezza del traffico. stiamo provvedendo ad attrezzare il materiale rotabile. Il 100% della rete è inoltre coperto da sistemi di blocco elettrico per la regolazione in sicurezza del traffico. FERROVIENORD. definendo gli obiettivi qualitativi e quantitativi per il mantenimento e il miglioramento della sicurezza e il rispetto degli standard tecnici e operativi in vigore.58 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 ATTUAZIONE E OTTIMIZZAZIONE dI SISTEMI dI GESTIONE dELLA SICUREZZA FERROVIARIA Come previsto dalla normativa comunitaria e nazionale. infatti. tenendo monitorati i segnali e la velocità massima consentita. L’adozione di un Sistema di Gestione della Sicurezza (SGS) è requisito fondamentale per il conseguimento del “Certificato di Sicurezza” necessario alle Imprese Ferroviarie per avere accesso all'infrastruttura. La presenza a bordo di questi sistemi riduce i rischi legati all’errore umano. Il completamento delle opere è previsto per il 2011. questi sistemi consentiranno di trasferire al conducente alcune funzioni oggi svolte dal personale viaggiante.Controllo . Le apparecchiature di bordo e di terra interagiscono. nonché piani e procedure interne per il loro raggiungimento. • il monitoraggio costante degli indicatori di prestazione di sicurezza.Attuazione . Dopo le tratte Seveso-Asso. • per i treni merci. nel 2008 sono stati attivati gli impianti di telecontrollo sulla tratta Bovisa-Seveso. tra l’altro: • l’analisi dei rischi della sicurezza della circolazione e dell’esercizio ferroviario. e dell’“Autorizzazione di sicurezza” per i gestori dell’Infrastruttura. Prosegue sulla rete aziendale il piano per l’installazione del Sottosistema di terra (SST) e dei Sistemi di protezione automatica della marcia del treno (SSC/SCMT). I sistemi di blocco elettrico sono dispositivi speciali che consentono di regolare la circolazione dei treni in sicurezza sulla rete ferroviaria. è già armonizzato con indicatori. I Sistemi di Gestione della Sicurezza prevedono. affinché. è stata completata nel 2009 l’installazione del sistema SCMT su tutti i locomotori elettrici in servizio. Approfondimento in appendice > Nuove tecnologie: linee dotate di telecontrollo.3 milioni di euro. in particolare. Parallelamente alla rete. I 57 nuovi treni TSR entrati in servizio nel biennio sono già dotati dei sistemi di bordo. L’investimento complessivo per l’installazione del sistema è di 45.

gli incidenti automobilistici che hanno coinvolto FNM Autoservizi hanno prodotto. Un risultato che ci ripaga degli investimenti materiali e immateriali compiuti.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 59 ELIMINAZIONE dEI PASSAGGI A LIVELLO Nel 2008-09 sono proseguiti gli interventi per l’eliminazione dei passaggi a livello lungo le linee ferroviarie. con una media del 94. solo danni materiali. 3 2009 2008 2007 2006 %0 25 50 75 94% 94% 93% 87% Sicurezza del viaggio: percentuale di clienti soddisfatti 1 100 2 SERVIZIO AUTOLINEE Il TPL automobilistico sconta l’elevato livello di incidentalità tipico del traffico veicolare. legato anche al comportamento di guida degli altri automobilisti. 4 Incidenti sulle autolinee . che influiscono sulla regolarità e sicurezza dei trasporti e generano congestione veicolare. In generale. Castegnato e Paderno (ramo Iseo) e tra Paderno Dugnano e Palazzolo Milanese (ramo Milano). oltre a comportare un significativo impegno manutentivo. Gli interventi sono promossi congiuntamente con la Regione Lombardia e rispondono alle esigenze espresse dal territorio. Nel biennio 2008-09. nel biennio 2008-09 sono stati eliminati altri tre passaggi a livello. il dato risulta in calo nel biennio.3% di clienti soddisfatti contro il 90%. tra Malonno e Edolo. Dopo le otto soppressioni del biennio 2006-07. nella maggioranza dei casi. IL GIUdIZIO dEI CLIENTI SULLA SICUREZZA dEL VIAGGIO La soddisfazione dei viaggiatori su questo aspetto mostra un sensibile miglioramento nel biennio di riferimento.

l’andamento si è mantenuto pressoché costante. Il 2008 registra tuttavia un’impennata sia delle aggressioni verso il personale sia di quelle ai viaggiatori. • il coordinamento con le forze dell’ordine. motivato anche dall’intensificazione dei controlli.8 milioni di euro per interventi legati agli atti di vandalismo. Tali comportamenti. seguita da un brusco calo del 2009. dopo l’aumento del 2007. In questi anni abbiamo dato grande impulso alle azioni in materia di security. Negli ultimi quattro anni sono stati spesi oltre 2. • la formazione del personale. Quanto all'irregolarità dei passeggeri (soprattutto mancanza di titoli di viaggio). a 4 danno sia dei passeggeri e del personale sia di strutture e beni del Gruppo. puntando sul mantenimento del decoro di mezzi e stazioni. contribuiscono a diffondere una generalizzata sensazione di insicurezza nei viaggiatori.60 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 SICuREZZA PERSONALE e patrimoniale (security) 1 SERVIZIO FERROVIARIO I principali rischi per la sicurezza delle persone nel viaggio sono legati alla microcriminalità e agli atti di vandalismo nelle stazioni e sui treni.Quadro di sintesi. mantenendo fermo l’impegno a combattere il fenomeno in maniera efficace. oltre a essere lesivi delle norme di convivenza civile. 3 2 Aggressioni/Irregolarità dei passeggeri Approfondimento in appendice > Dimensione Sociale . pag. • l’adozione di procedure standardizzate per la gestione di eventi criminosi. in particolare attraverso: • l’adozione di tecnologie per la sicurezza. 130 . Anche la presenza di viaggiatori "irregolari" contribuisce a incrementare situazioni di disagio e insicurezza. finendo per incidere anche sui livelli di soddisfazione del servizio.

tentativo di furto o sabotaggio. sale attesa. La videosorveglianza nelle stazioni In tutte le stazioni della rete sociale di FERROVIENORD è installato un sistema di telecamere a circuito chiuso (tvcc) che copre tutte le aree di interesse (banchine.0% 910 . • controlla le imprese di servizi che lavorano nelle aree ferroviarie. visualizzando le immagini in diretta per eseguire un servizio di “ronda” preventivo o accedendo alle videoregistrazioni archiviate. velocizzando notevolmente il processo di controllo e di intervento.0% 712 2009 100. Il Posto Centrale di Vigilanza di Saronno Situato presso il centro operativo FERROVIENORD di Saronno. Il sistema consente infine alle forze dell’ordine di accedere direttamente a tutta la rete di telecamere delle stazioni. sottopassi.6% 2007 65. • la prosecuzione dell’installazione di impianti citofonici sui treni. installati presso gli impianti. • gestisce i sistemi anti-furto e anti-intrusione. Le immagini sono visualizzabili sia localmente sia presso il Posto Centrale di Controllo (attraverso la dorsale di rete in fibra ottica) sia dal Posto Polfer di Varese. gestisce tutte le problematiche relative alla sicurezza patrimoniale: • effettua il monitoraggio continuo 24h/24 e 365gg/anno della rete sociale (ramo Milano): può accedere alle telecamere tvcc di tutti gli impianti. in posizione baricentrica rispetto alla rete sociale. nel 2008 è stata completata l’installazione delle telecamere su tutta la rete. • riceve le chiamate di “richiesta soccorso medico” e “intervento polizia” dagli Help point installati presso tutti gli impianti (vedi box). ricevendo in tempo reale gli allarmi in caso intrusione. Tecnologie per la sicurezza 2006 Stazioni dotate di videosorveglianza (%) Telecamere installate (n°) 46. passaggi a livello). • il completamento dell’installazione della videosorveglianza nelle stazioni. per un totale di oltre 900 apparecchi. • gestisce le procedure burocratiche per la consegna di registrazioni TVCC a enti terzi.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 61 TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA I principali interventi realizzati nel biennio hanno riguardato: • l’attivazione del Posto Centrale di Vigilanza di Saronno.5% 476 2008 100. Il sistema ha il duplice scopo di monitorare la circolazione ferroviaria e di videosorvegliare le aree sensibili. provvedendo ad attivare le procedure di emergenza in caso di necessità. • sorveglia e assiste alle operazioni di prelevamento dei contanti dalle biglietterie. • la prosecuzione della dotazione di Help Point nelle stazioni (61% del totale nel 2009). automatiche e di sportello.

L’Help Point mette in comunicazione. Sistemi Anti-Furto e Anti-Intrusione In tutti i fabbricati ferroviari. il personale viaggiante segue i corsi aziendali di gestione del pericolo (security). Formazione su security 1 Nel Passante Ferroviario di Milano si applica il Piano di Emergenza predisposto da RFI (di interesse anche per LeNORD) . utilizzabile anche da persone con disabilità. connessi alla rete dati. che identifica compiti e responsabilità interne in caso di disastri/attentati. in tecnologia antisabotaggio. che stanno progressivamente sostituendo i rotabili attualmente in dotazione. PROCEdURE PER LA GESTIONE dI EVENTI CRIMINOSI Il Gruppo ha predisposto procedure ad hoc per la prevenzione e la gestione di eventi criminosi e atti vandalici e terroristici. • costituzione di un Crisis Management Team (cmt). che potrà richiedere l’intervento delle forze di pubblica sicurezza e delle squadre di pubblico intervento. che si sostanziano in: • piani di emergenza per le stazioni interrate. Impianti citofonici sui treni Anche i treni sono stati dotati di impianti citofonici che permettono una comunicazione diretta con i macchinisti. viene prodotta istantaneamente una segnalazione acustica e visiva presso il Posto Centrale di Vigilanza. tramite una chiamata audio/video. sono stati installati dei sistemi Anti-Furto e Anti-Intrusione intelligenti. aumentando la sicurezza per i viaggiatori. con l’operatore del Posto Centrale di Vigilanza (PCV). “Richiesta Soccorso Medico” e “Richiesta Intervento Polizia”.62 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 Help Point Nel biennio è stata completata l’installazione in tutte le stazioni delle colonnine Help point. è dotata di tre differenti pulsanti per “Informazioni”. dati e immagini tra i rispettivi centri operativi. organizzati con il supporto di consulenti specializzati in materia.di richiedere informazioni sulla circolazione (orari. In caso di allarme. Nel biennio sono stati effettuati 380 corsi. Nel 2008 ne è stata completata l’installazione sui modelli 750 e TAF. le aree sensibili e le emettitrici automatiche di biglietti. che consentono ai viaggiatori specie in assenza di personale ferroviario . • protocollo d’intesa tra LeNORD e Regione Lombardia per l’interscambio di informazioni. mentre i 57 nuovi TSR entrati in servizio nel biennio. ritardi) o chiedere soccorso. i locali tecnologici. A partire dal 2008. La tastiera. ne sono già muniti. la stazione di Malpensa e la sede di piazzale Cadorna1.

0 2006 %0 25 50 Percentuale di clienti soddisfatti: 73. Bovisa.0 74.0 IL GIUdIZIO dEI CLIENTI SULLA SICUREZZA PERSONALE E PATRIMONIALE 83.5 2007 79. 83.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 63 CONVENZIONE CON LA POLFER Nel 2004 FNM è stato il primo operatore privato di trasporto pubblico locale a stipulare un accordo con il Ministero dell’Interno per l’utilizzo dei servizi di polizia ferroviaria sui treni e nelle stazioni della rete.0 74.0 75 100 2009 Il crescente impegno profuso in questi anni sul fronte della security trova conferma nell’incremento della percezione di sicurezza da parte dei viaggiatori.0 81.5 2008 82.0 81.0 2006 %0 25 50 73. 84. in controtendenza rispetto al calo avvenuto nel biennio precedente.0 75 100 Sicurezza nelle stazioni Sicurezza sui treni .0 74.0 74.5 Sicurezza nelle stazioni Sicurezza sui treni 2008 82.5 2009 84. Varese (da maggio 2009) e Saronno (da novembre 2009). Novara. Oggi la Polfer è presente sulla nostra rete con cinque postazioni fisse nelle stazioni di Cadorna.0 2007 79.

0% 1 64.0% 92.5% 99.3% 63.3% 89.9% 98.0% SERVIZIO FERROVIARIO RAMO MILANO Puntualità: treni con ritardo inferiore a 5’ Regolarità: treni effettuati/treni programmati 2 Nuovi 4 treni Affollamento delle vetture (load factor) Indice di soddisfazione globale sul servizio (% utenti soddisfatti) Indice di soddisfazione per costo servizio in relazione alla qualità del servizio offerto (% utenti soddisfatti) Indice di soddisfazione per informazioni fornite a bordo treni e nelle stazioni (% utenti soddisfatti) Indice di soddisfazione per cortesia del personale (% utenti soddisfatti) 1 3 RAMO ISEO Puntualità: treni con ritardo inferiore a 5' Regolarità: treni effettuati/treni programmati Nuovi treni 96.0% GESTIONE RETE C 4 Investimenti in infrastrutture (in milioni di euro) 44.8% 2 2 SERVIZIO AUTOLINEE 4 Puntualità: corse con ritardo inferiore a 10' Percentuale mezzi dotati di aria condizionata Nuovi autobus 91.64 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 OBIETTIVO “Migliorare la qualità e potenziare il servizio offerto” QUAdRO dI SINTESI 1 3 2008 85.8% 55.29 33.6% 30 (tot.0% 2009 87.0% 85.0% 90.46 .0% 73.7% 30 105% 64.6% 73.2% 99.9% 99. 60) 96% 69.0% A B Mezzi accessibili ai disabili 3 TRASPORTO MERCI Puntualità: treni giunti con ritardo inferiore a 1 ora 85.3% 95.5% 78.0% 72.0% 28 78.

il costante monitoraggio degli standard di carrozze e impianti. il rinnovo della flotta. la razionalizzazione e ottimizzazione delle attività manutentive.declinato prioritariamente su potenziamento della rete e ammodernamento della flotta per aumentare la qualità dei servizi di trasporto pubblico locale. A quest’ultima. ci siamo impegnati a offrire un servizio attento ai bisogni dei clienti. • il comfort del viaggio.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 65 Nell’ultimo decennio il nostro Gruppo ha avviato un importante processo di rinnovamento . ottenendo la certificazione uni en iso 9001. nord_ing e fnm autoservizi hanno adottato un sistema di gestione della qualità. nel biennio 2008-09. ci siamo impegnati per migliorare quegli aspetti che influiscono significativamente sulla qualità del servizio. scelti da un numero sempre maggiore di persone come alternativa all’uso dell’auto privata. nordcargo. In particolare. Sul fronte del trasporto merci. attraverso l’avvio di progetti di integrazione tariffaria e il miglioramento degli strumenti di comunicazione e informazione ai viaggiatori. l’intensificazione delle attività di pulizia e manutenzione dei treni e delle stazioni. attraverso il potenziamento della rete e del servizio. Lenord ha consolidato il sistema di gestione per la sicurezza. attraverso la tempestività di risposta alle esigenze commerciali e di servizio e il rispetto dei tempi di consegna dei carichi. oltre al progressivo rinnovamento del materiale rotabile in esercizio. vedi obiettivo "migliorare la sicurezza"). mentre ferrovienord sta sviluppando un analogo sistema (sgs. Nelle pagine seguenti sono illustrati i principali interventi realizzati e i relativi indicatori. .ove possibile con i risultati delle indagini di customer satisfaction e quelli delle verifiche ispettive della Regione Lombardia. ponendoli in relazione . quali: • la puntualità e l’affidabilità. • l’accessibilità e la conoscenza del servizio. spettano infatti sia la definizione delle caratteristiche minime dei servizi di trasporto pubblico locale sia il controllo sul rispetto di tali standard da parte delle aziende. lo ricordiamo. Lenord. ferrovienord.

66

|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09

POTENZIAMENTO della rete
La crescita esponenziale della domanda di mobilità ha messo negli ultimi anni a dura prova la rete ferroviaria lombarda che, con i suoi 600 mila viaggiatori quotidiani e oltre 2.000 corse giornaliere1, è tra le più trafficate d’Europa. La creazione di un sistema integrato e capillare è dunque di fondamentale importanza, così come lo sviluppo dell’interoperabilità fra la rete ferrovienord e la rete rfi2. Nell’ultimo quadriennio il nostro Gruppo ha investito oltre 220 milioni di euro per il potenziamento della rete, con un aumento costante della produttività (misurata in migliaia di trenikm per km di rete).
2009 2008 2007 2006
Migliaia  0 20.000 40.000 60.000

33.463 44.298 77.803 64.369

80.000

Gruppo FNM: investimenti in infrastrutture

Cadorna-Bovisa, una delle tratte più trafficate d’Italia

Negli orari di punta, sulla tratta a quattro binari Cadorna-Bovisa transitano circa 16 treni l’ora, uno ogni 3 minuti: una frequenza simile a quella di una metropolitana. La produttività della tratta, in un giorno feriale invernale, risulta tre volte superiore alla media rilevata sull’intero ramo Milano. Nel 2009 vi hanno circolato in media circa 290 treni al giorno. Di seguito i principali interventi realizzati o in corso nel biennio 2008-2009. tratte produttività* (1.000 trenikm/km di rete) 2008 2009 0,29 0,29 0,26 0,25 0,1 0,1 treni medi giorno 2008 294 258 98 2009 289 253 100

Cadorna - Bovisa Bovisa - Saronno Totale ramo Milano
*Giorno feriale invernale

1 2

Dati FERROVIENORD + RFI. L’interoperabilità è la possibilità che i treni di LeNORD possano circolare sulla rete RFI e che i treni di altri vettori possano utilizzare la rete di FERROVIENORD: l’attivazione del passante ferroviario, nel 1997, ha rappresentato la prima realizzazione pratica di questa integrazione.

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

LA DIMENSIONE sOCIALe 67

RAddOPPIO IN TUNNEL dELLA TRATTA RESCALdINA-CASTELLANZA-BUSTO ARSIZIO
Dopo cinque anni di lavori, alla fine del 2009 è stato ultimato il tunnel ferroviario di Castellanza, sulla linea MilanoMalpensa, inaugurato ufficialmente il 30 gennaio 2010. La conclusione dei lavori entro i tempi programmati è stata possibile, nonostante il fallimento della ditta appaltatrice, grazie a uno sforzo congiunto di tutte le parti coinvolte e al sostegno finanziario di regione Lombardia, che ha consentito a ferrovienord di subentrare nei contratti di appalto in essere per garantire la prosecuzione dei lavori. L’apertura del tunnel ha infatti consentito di: • aumentare la frequenza e la velocità dei collegamenti con Malpensa, riducendo a meno di 30 minuti il tempo di percorrenza (per le corse point-topoint); • realizzare un’ulteriore interconnessione tra le reti RFI e FERROVIENORD nell’area di Busto Arsizio. L’obiettivo futuro è Complessivamente quello di aumentare i l'intervento di Castellanza collegamenti ferroviari (interramento, raccordi dello scalo dalle con RFI, nuova stazione e principali città del relative opere, ancora in via nord-ovest, puntando di ultimazione) ha richiesto sull’interoperabilità un investimento di circa ferroviaria; 150 milioni di euro. La tratta • fare un passo avanti ammodernata si sviluppa per nella realizzazione della una lunghezza di 5 km circa, “Gronda Nord” che di cui 3,3 km in galleria, consentirà, in futuro, di attraversando in sotterraneo decongestionare il traffico la città di Castellanza ferroviario sul capoluogo e in sub-alveo il fiume lombardo, permettendo Olona. ai treni che viaggiano in I lavori si sono svolti senza direzione est-ovest lungo mai interrompere la la direttrice Novaracircolazione ferroviaria. Saronno-Seregno di evitare Si tratta del più importante il nodo ferroviario di intervento di potenziamento Milano (vedi oltre, “Tratta della rete concluso nel Saronno-Seregno). biennio.

Il tunnel di Castellanza in cifre
• 3,3 chilometri di galleria • 22 metri di massima profondità (sotto Olona) • 20,5 km di rotaie • 46 telecamere per gestione sicurezza evacuazione • 900 cartelli per sicurezza evacuazione • 97 porte tagliafuoco • 5 anni di lavori e zero infortuni gravi

68

|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09

ALTRI LAVORI SULLA TRATTA SARONNO-MALPENSA
Nel 2008 sono stati ultimati i lavori per il raddoppio della Tratta Sacconago Vanzaghello, con l’attivazione della nuova stazione di Magnago - Vanzaghello, progettata secondo moderni standard di comfort e sicurezza.

RIQUALIFICAZIONE dELLA LINEA dELLA BRIANZA
Nel 2008 FERROVIENORD ha avviato un progetto per il miglioramento della qualità del servizio sulla linea Bovisa-Seveso-Asso, adeguando le infrastrutture agli incrementi di traffico avvenuti negli ultimi anni e a quelli attesi. Il progetto sarà completato entro il 2014 e prevede un investimento di circa 235 milioni di euro. Le attività previste riguardano differenti aspetti legati alla circolazione ferroviaria e al miglioramento della qualità del servizio: • completamento del blocco automatico (bacc) banalizzato da bovisa a seveso: questo sistema per la ripetizione dei segnali in cabina di guida, che garantisce maggior sicurezza, è stato esteso alla circolazione dei treni nella stessa direzione su entrambi i binari; • adeguamento a standard delle stazioni, con la realizzazione dei sottopassaggi pedonali e viabilistici, l’adeguamento dell’altezza delle banchine e della lunghezza delle pensiline: • i lavori per la realizzazione della nuova stazione di milano affori, di interscambio con la linea 3 della Metropolitana Milanese, registrano uno stato di avanzamento del 55% rispetto al totale. L’attivazione della nuova stazione è prevista entro dicembre 2010 e il completamento dei lavori entro marzo 2011. Sono inoltre proseguiti i lavori per la realizzazione del sottopasso veicolare in sostituzione del passaggio a livello di via Astesani a Milano; • è stata completata la prima fase delle opere di adeguamento a standard delle stazioni di palazzolo milanese e bovisio masciago; per quest’ultima sono stati progettati anche gli interventi di seconda fase (pensiline e ascensori); • sono stati consegnati i cantieri relativi alla realizzazione della seconda fase delle opere di adeguamento a standard della stazione di mariano comense e della nuova stazione di cesano maderno, all’intersezione tra le linee Milano-Asso e SaronnoSeregno; • altri lavori hanno interessato la stazione di camnago, mentre sono stati approvati i progetti preliminari per le stazioni di milano bruzzano e cormano-cusano; si è invece in attesa dell’approvazione del progetto definitivo per la stazione di paderno dugnano; • realizzazione del terzo binario nella tratta affori-varedo; • realizzazione del nuovo deposito di camnago (vedi box nella sezione “Pulizia e comfort”).

La stazione di Cusano Milanino

Potenziamento della tratta Castano . Il Gruppo potrà così disporre di un terminal intermodale sulla “linea di gronda” (che transita a nord del nodo di Milano e a sud delle Alpi). L’intervento è finanziato dalla Regione Lombardia. integrato con la rete RFI. LINEA BRESCIA-ISEO-EdOLO Nel 2009 è stato aperto il cantiere per le opere previste nella stazione di Capo di Ponte (area di interscambio e di sottopasso ciclopedonale per l’eliminazione del passaggio a livello) e sono stati completati i lavori per la realizzazione di opere sostitutive dei passaggi a livello nel comune di Roncadelle. prevede il ripristino e l’elettrificazione della linea. in grado di generare trafficomerci sulla linea Saronno-Seregno-Novara e beneficiare della vicinanza con Malpensa. LINEA NOVARA-SARONNO-SEREGNO Tratta Saronno-Seregno Nel mese di ottobre 2009 è stata attivata la progettazione esecutiva per il ripristino della tratta Saronno-Seregno della cosiddetta “Gronda Nord”. Ceriano Laghetto e Cesano Maderno. il riposizionamento delle fermate e l’adeguamento di tutti gli impianti di stazione. L’intervento. L’investimento complessivo è di 62 milioni di euro.Turbigo Nel luglio 2009 è stato pubblicato il bando di gara per l’affidamento della progettazione esecutiva e dell’esecuzione dei lavori di potenziamento della tratta Castano-Turbigo con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. pag. Il cantiere è stato aperto a gennaio 2010. che metterà in interconnessione le reti FERROVIENORD (Saronno) e RFI (Seregno). lo scalo logistico di FERROVIENORD sulla linea Novara–Seregno. È stato inoltre approvato. I nuovi raccordi consentiranno un incremento dei servizi passeggeri e merci sulla rete RFI verso Malpensa. che ha richiesto un investimento di 75.5 milioni di euro. mediante Conferenza di Servizi. È in corso la procedura di aggiudicazione.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 69 MIGLIORAMENTO dELL’INTERCONNESSIONE CON LA RETE RFI Con l’attivazione dei due raccordi ferroviari tra la stazione di Busto RFI e la stazione di Busto FERROVIENORD e tra la stazione di Busto RFI e la nuova stazione FERROVIENORD di Castellanza è stata migliorata la connessione tra le reti dei due operatori. REALIZZAZIONE dEL TERMINAL INTERMOdALE A SACCONAGO Nel 2009 sono stati completati i lavori per l’apertura del terminal intermodale di Sacconago. la riqualificazione della sede ferroviaria. Approfondimento in appendice Lavori di potenziamento della rete in programma o in corso nel biennio 2008-2009. Solaro. oltre che l’eliminazione dei passaggi a livello esistenti. Varese e la Svizzera. 142 . il progetto definitivo delle opere di riassetto idrogelogico nei comuni di Malonno e Sonico per la messa in sicurezza della linea ferroviaria. il raddoppio della linea nei comuni di Saronno. creando nuove opportunità di mobilità per l’intero territorio lombardo.

2009 2008 2007 2006 Milioni treni*km 2. con un tempo avvenuto in accordo con di percorrenza abbattuto i vettori aeroportuali e di quasi mezz’ora. in occasione dell’inaugurazione dei due nuovi treni diesel a tre carrozze. inoltre. paragrafo “Rinnovo veicoli”). ferroviario con gli orari è stato introdotto il dei voli. materiale rotabile (cfr. nell’aprile ulteriormente potenziato 2009. con l’apertura Tra gli interventi realizzati del tunnel ferroviario di nel biennio segnaliamo in Castellanza. la cui fornitura è oggi in via di completamento (vedi oltre.Innsbruck . L’incremento.554 8.Bolzano .000 LeNORD: produzione di servizio ferroviario (esclusi bus sostitutivi) Oltre il TPL. • il rilancio della linea alla fine del 2008 sono brescia-iseo-edolo.000 7. I valori relativi alla produzione ferroviaria di LeNORD nel biennio hanno conosciuto un significativo incremento. anche grazie all’entrata in servizio dei nuovi Treni per Servizio Regionale (TSR). pag. l’utilizzo del servizio il Malpensa Express ha da parte degli utenti e conquistato quote di consentire più efficienti traffico: nel gennaio del coincidenze e interscambi.110 7. Nei coordinando il servizio giorni festivi.835 7. Nel state introdotte otto nuove febbraio 2008 è stato corse point-to-point (cioè potenziato il servizio senza fermate intermedie) diretto giornaliero grazie a da Milano a Malpensa e due nuove corse tra i due viceversa.Verona .6% consentito una ulteriore del gennaio 2008. razionalizzazione del Il servizio sarà servizio. Per approfondimenti vedi la sezione “Identità”.70 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 RAZIONALIZZAZIONE e potenziamento del servizio nel 2010. Va tuttavia ricordato che la capacità della infrastruttura è comunque limitata a causa sia dell’incremento dei turni sia delle difficoltà di potenziamento in alcune aree specifiche (es. Brianza). del treno da parte dei viaggiatori aeroportuali. attivato grazie alla partnership con le ferrovie tedesche (DB) e le ferrovie austriache (ÖBB).Monaco di Baviera). Infine. capolinea. contro l’8.500 8. ha permesso cosiddetto “orario di passare da 64 a 72 cadenzato biorario” con treni totali nell’arco della treni ogni due ore sempre giornata. Per incentivare l’uso paragrafo successivo). il nuovo servizio sul Brennero Da dicembre 2009 LeNORD garantisce il servizio di condotta nella tratta italiana del nuovo servizio passeggeri internazionale sul Brennero (Bologna/Milano .834 10. agli stessi minuti in ogni Nonostante il calo dei stazione.500 5. 24) . è stato introdotto il nuovo orario con il prolungamento di 16 corse tra Darfo e Breno. per facilitare viaggiatori dello scalo.2% dei viaggiatori diretti entrato in vigore il nuovo o di ritorno dallo scalo orario cadenzato che ha milanese. e potrà essere particolare: ancora migliorato con • il potenziamento del l’introduzione del nuovo servizio malpensa express. 2009 è stato scelto dal Nel giugno 2008 è 9.

si è avviato un primo concreto intervento sull’area urbana milanese. In attesa di pervenire a un accordo sull’integrazione tariffaria su scala regionale. è stata data la facoltà di utilizzare una tessera temporanea sostitutiva dell'abbonamento settimanale o mensile. • la possibilità di preacquistare i biglietti. sono state introdotte nuove regole per la convalida e la prevendita dei biglietti e sanzioni più severe per chi viaggia senza regolare biglietto. Parallelamente. Parallelamente. per ridurre i disagi dei viaggiatori non ancora in possesso della nuova tessera. IL PROGETTO ITINERO Dal 1° luglio 2008 è entrato in vigore Itinero. reso possibile grazie ai finanziamenti della Regione Lombardia.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 71 INTERMOdALITà E INTEGRAZIONE TARIFFARIA L’integrazione modale dei servizi (con un agevole interscambio tra servizi ferroviari. in attesa della consegna di quella elettronica. trenitalia e atm. che ha contribuito ad aumentare la sicurezza dei viaggiatori e a limitare l’evasione. metropolitani e automobilistici). il sistema di bigliettazione magnetica elettronica e di integrazione tra le reti di trasporto servite da Lenord. . Le principali novità introdotte con Itinero: • la chiusura dei varchi in entrata delle stazioni urbane milanesi. • la definitiva sostituzione dei vecchi abbonamenti cartacei con la nuova tessera elettronica a microchip Itinero. oggi validi due mesi. e il conseguente obbligo di convalidarli prima di salire sul treno. l’integrazione tariffaria (uso di titoli di viaggio unificati validi su tutti i servizi) e l’integrazione “logica” della rete (la facile comprensione e conoscenza della rete e dei servizi) sono fattori cruciali per incrementare l’attrattività del trasporto pubblico.

Offrono elevate prestazioni. TSR Nr.504 80. L’inizio della consegna è previsto per gennaio 2011. ha subito un’accelerazione nel 2009: alla fine dell’anno risultavano consegnati 60 nuovi TSR (Treni Servizio Regionale) su un totale di 78. in termini di comfort e regolarità.72 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 RINNOVO VEICOLI TRENI PER IL TRASPORTO PASSEGGERI Grazie al contributo finanziario di Regione Lombardia. a carico della Regione Lombardia.176 110. il Gruppo ha attualmente all’attivo 850 milioni di investimenti per il rinnovo dei treni destinati al servizio regionale.769 193. di spazi per il trasporto di biciclette e di pedane d’accesso ribassate per facilitare la salita a bordo. dopo una serie di slittamenti dovuti a ritardi nella produzione. è di 62. dotate di aree per passeggeri con difficoltà motorie. presentano delle caratteristiche innovative.000 160. Sono inoltre dotati di diversi dispositivi di sicurezza: impianto antincendio con rilevamento fumi. progettati per il traffico pendolare. treni 2009 60 26 24 20 3 133 2008 30 26 24 28 5 113 Sono stati ordinati inoltre ulteriori 11 convogli dieselelettrici GTW4/12 da impiegare sulla ferrovia MonzaMolteno per il servizio suburbano Besana Brianza-Milano Porta Garibaldi.000 240.000 Servizio ferroviario: investimenti in nuovi TSR I nuovi treni per il servizio regionale lombardo I TSR.4 milioni di euro. negli ultimi anni abbiamo avviato un importante programma di rinnovamento della flotta che consentirà un miglioramento decisivo della qualità del servizio. 2007 5 26 24 31 10 96 2006 26 12 31 12 81 0 20 40 60 80 100 120 140 Treni TSR Treni TAF Composizioni 750 Composizione 740 Altro materiale rotabile LeNORD: composizione del parco treni . Complessivamente. 2009 2008 2007 2006 Migliaia  0 216. con accelerazioni simili a quelle di una metropolitana. Grazie alla struttura a due piani e alla composizione variabile possono essere adattati di volta in volta al maggiore o minore flusso di passeggeri. L’investimento.277 49. sistema di video-sorveglianza e Sistema Controllo Marcia Treno (SCMT) di ultima generazione. suburbano e aeroportuale. La consegna dei nuovi treni per il servizio regionale. Le carrozze sono spaziose.

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 73 sul ramo iseo. infine. L’investimento complessivo. misurando una lunghezza di oltre 82 metri. ATR 220 Per quanto riguarda. Ogni convoglio è composto da cinque vetture e può trasportare fino a 230 passeggeri seduti. CSA Alstom Approfondimento in appendice Dettaglio contratti per fornitura materiale rotabile. in grado di raggiungere una velocità massima di 160 km/h.5 milioni di euro è finanziato dalla Regione Lombardia e dalla Provincia di Brescia. Si tratta di convogli a un piano di concezione modulare. È stato inoltre completato il rinnovo degli arredi e l’installazione dell’impianto di climatizzazione su dieci automotrici già in servizio. Nel 2009 sono stati ordinati altri otto convogli dieselelettrici gtW2/6 che saranno consegnati a partire dal 2011. mentre i restanti cinque saranno consegnati a partire da settembre 2010. lunghi 55 metri e con una capacità di 154 posti a sedere. grazie a un finanziamento di un milione di euro della Provincia di Brescia (per le prime otto). L'acquisto dei nuovi treni. il servizio di collegamento aeroportuale malpensa express. 146 . è di 35 milioni di euro. Il primo convoglio in prova è già stato consegnato. con un investimento di circa 7 milioni di euro. è stato effettuato un ordine con il fornitore francese Alstom Ferroviaria per sei nuovi treni csa. L’investimento di 24. sono entrati in esercizio due nuovi convogli diesel-idraulici atr 220 della polacca Pesa. è stato finanziato dalla Regione Lombardia e dalla Provincia di Brescia. pag. a totale carico della Regione Lombardia.

000 NORDCARGO: investimenti in nuove locomotive Locomotiva E 483 Approfondimento in appendice Età media materiale rotabile trainato.000 12. in particolare le locomotive elettriche. Oggi la flotta di NORDCARGO è composta da 26 locomotive. attrezzate con i dispositivi di sicurezza.74 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 Anni 17.p. 132 .9 2009 11.8 40 60 Ramo Iseo Ramo Milano Età media materiale rotabile di trazione Il piano di rinnovo della flotta ci ha consentito di ridurre notevolmente l’età media dei treni in servizio. con un’età media inferiore ai tre anni. (che cede in locazione il materiale a NORDCARGO) ha investito complessivamente circa 30 milioni di euro per il potenziamento e rinnovamento della flotta merci. • 8 diesel (in corso di attrezzaggio coi dispositivi SCMT/SSC) che vengono quasi esclusivamente utilizzate per servizi di manovra.000 9.574 7.9 48. Nel 2009 è stata completata la fornitura delle otto locomotive Bombardier. KEuro TRENI PER IL TRASPORTO MERCI Nel periodo 2006-09 la capogruppo FNM S. serie E483 con potenza di 5600 kW e in grado di sviluppare una velocità massima di 140 km/h.A. pag. grazie al completamento della dotazione del SCMT. Sul ramo Milano. l’età media dei mezzi di trazione è passata dai 33 anni del 2007 a poco meno di 12 anni nel 2009.616 10. negli stessi anni.0 2008 18. mentre sul ramo Iseo.0 49. di cui: • 18 elettriche.0 32.0 2007 2006 0 20 32.7 26. l’età media si è abbassata da 49 a circa 18 anni.252 636 3.000 6. migliorando così la qualità complessiva del servizio offerto. 2009 2008 2007 2006 0 11.

255 57 39 1.000 4.5 milioni di euro.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 75 PARCO AUTOBUS Con l’acquisito di 29 nuovi autobus con certificazione Euro 5. Oggi circa 2/3 del parco risponde alla normativa Euro 2 mentre 1/3 a quella Euro 3 o superiore. Nel 2009 gli investimenti in nuovi mezzi hanno registrato una crescita notevole. 100% Integrazione con altri mezzi . per una cifra complessiva negli ultimi quattro anni di circa 7. 2009 2008 2007 2006 Migliaia di € 0 6. 72% 77% 69% 71% 80% 100% Orari dei treni: utenti soddisfatti COSTO L’andamento della soddisfazione dei clienti per il costo del servizio in relazione alla qualità offerta mostra un grado di soddisfazione crescente. 2009 2008 2007 2006 0% 20% 40% 60% 73% 63% 64% 63% 80% 100% Costo del servizio in relazione alla qualità: utenti soddisfatti INTEGRAZIONE CON ALTRI MEZZI Livello di integrazione con altri mezzi 2009 2008 2007 2006 0% 20% 40% 60% 80% 90% 88% 90% 87% Anche l’indice di soddisfazione dei clienti sull’integrazione con altri mezzi di trasporto mostra nel quadriennio un andamento altalenante. Il parco di FNM Autoservizi conta oggi 178 veicoli. con un salto di oltre dieci punti percentuali dal 2008 al 2009: a fronte di una crescita della qualità percepita. attestandosi comunque nel biennio 2008-09 su livelli superiori rispetto al biennio precedente. di cui l’85% viene utilizzato per il servizio di trasporto pubblico locale e il restante 15% per le lunghe percorrenze.000 Investimenti per rinnovo parco autobus IL GIUdIZIO dEI CLIENTI SU ORARI. mentre è stato concluso l'intervento di installazione su 120 autobus Euro 0 del filtro anti particolato (FAP).155 2. il costo del servizio è rimasto costante.000 8.000 6. COSTO dEL SERVIZIO E INTEGRAZIONE CON ALTRI MEZZI ORARI 2009 2008 2007 2006 0% 20% 40% 60% L’indice di soddisfazione dei clienti sugli orari mostra un andamento discontinuo. sono stati dismessi 29 autobus Euro 0. nel corso del biennio 2008-09 si è conclusa la prima fase del programma di rinnovo della flotta. Contestualmente al programma di rinnovamento.

3% 99. pag.8 20 40 60 80 100 %0 Totale Ramo Puntualità: corse Milano ritardo inferiore ai 5' con Ramo Iseo 98.8% 98.43 1 2 0 2006 2007 Indice di affidabilità Valore di soglia 1 2008 2009 0 2006 2007 Indice di affidabilità 2008 2009 Indice di affidabilità . Il valore medio annuo dell’indice di affidabilità ha registrato un picco negativo nel 2008.99 2.3% 98. Se tale indice supera un determinato valore preventivamente fissato (valore soglia) scatta il diritto a un risarcimento (bonus) per gli abbonati della direttrice1.2% % 95 96 97 98 99 100 2008 98.76 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 PuNTuALITà E REgOLARITà 5 4.3% 2007 99. infatti. calcolato mensilmente e per ciascuna direttrice rapportando i minuti di ritardo e i minuti delle corse soppresse con la durata prevista da orario di tutte le corse della direttrice.5 2009 2008 L’INdICE dI AFFIdABILITà Dal 2003. LeNORD effettua il monitoraggio anche dell’indice di puntualità entro i 5 e i 15 minuti. garantiranno prestazioni maggiori (soprattutto in termini di accelerazione) e una maggiore affidabilità. misurata come treni effettuati su treni programmati.2% 99 100 Totale Ramo Milano Ramo Iseo 2006 Totale Regolarità: treni effettuati su programmati Ramo Iseo Ramo Milano 1 Il bonus spetta agli abbonati (mensili e annuali) di tutte le direttrici.9% 99.9 96.0 85.2% 98.15 3 2.2% 99.15 % 4 5 4.15 4.6% 98. a eccezione della Milano . I nuovi TSR. La regolarità del servizio. registra un andamento pressoché stabile nel quadriennio.2 87. pag.6% 2009 98. 2009 83. che più basso è il valore dell’indice di affidabilità maggiore è stata l’affidabilità del servizio nel periodo di riferimento.7% 98.82 2. Oltre all’indice di affidabilità del servizio.43 4. migliorando la regolarità e la puntualità del servizio.9 96.5 96. L’andamento delle corse con un ritardo inferiore ai 5’ ha mostrato un miglioramento nel ramo Milano tra il 2008 e il 2009. 4.9% 98.29 2.8% 98.15 4. Approfondimenti in appendice > Dettaglio andamento mensile dell’indice di affidabilità.2 2007 2006 %0 20 40 60 2008 2007 2006 80 79.82 2. è stato dato dato grande impulso all’attività di manutenzione sia della rete che del materiale rotabile.4% 99. sul livello di soddisfazione dei viaggiatori.5% 99. di conseguenza.2 79.29 4 2 3 2.1% 2008 2007 99. che non rientra nei servizi di trasporto pubblico locale. paragrafo “rinnovo veicoli”).15 4. in virtù di un accordo con la Regione Lombardia e le associazioni dei consumatori.7% 2009 98. Non è inoltre riconosciuto per gli abbonati al servizio Malpensa Express. nel biennio 2008-09.1% 99.8 100 Totale Ramo Milano Ramo Iseo 83. per tamponare la situazione straordinaria derivante dai consistenti ritardi nella consegna dei nuovi treni (cfr. Si ricordi. 147 > Indice di puntualità entro i 15’. sul ramo Iseo si è registrata una leggera flessione ma l’indice rimane su valori molto alti.25 % SERVIZIO FERROVIARIO Le condizioni del parco rotabili hanno inciso negativamente in questi anni sulla regolarità del servizio e.media annnua Valore di soglia 87.0 85.Saronno (S1 e S3) e del Passante Ferroviario (S10) in considerazione dell’elevata frequenza dei treni. oltre a innalzare il livello generale del comfort del viaggio.2 96.5% 99.6% 99.4% 99. per poi migliorare nel 2009 attestandosi al 2.15 4.99 2. la puntualità del servizio di LeNORD viene misurata dal cosiddetto indice di affidabilità.43%. 133 .6% 99.3% 2006 % 95 96 97 98 98.25 2.

da settembre 2009.monitorati automaticamente e in tempo reale dal sistema SCCT . In particolare.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 77 L’ATTIVITà dI MANUTENZIONE Materiale rotabile Una corretta gestione della manutenzione del materiale rotabile garantisce una maggiore disponibilità di treni in esercizio e una minore incidenza dei guasti e contribuisce quindi profondamente alla regolarità e puntualità del servizio. 83. ma anche la pulizia dei treni e il miglioramento della pianificazione manutentiva.6% 90% 95% 100% Indice di disponibilità del materiale rotabile IL PROGETTO RAMOS Il progetto Ramos. assegnando al macchinista e al capotreno un ruolo centrale nella segnalazione dei disservizi. etc. L’indice di disponibilità del materiale rotabile mostra un andamento pressoché costante negli ultimi quattro anni. infatti. è in fase di studio una 2009 83. sinora un vincolo per l’attività manutentiva: un TAF (Treno ad Alta Frequentazione) concepito negli anni ‘90 prevede una manutenzione ben diversa rispetto a una composizione 750 progettata negli anni ‘80. ha l'obiettivo di migliorare e razionalizzare le attività di manutenzione. • in treno.5% 2006 75% 80% 85% 83. tramite il call center. affidabilità e disponibilità dei materiali per i turni pianificati. • al telefono. Dopo l’introduzione e la messa a regime del software gestionale SAP.3% per il miglioramento 2007 dell’attività manutentiva. aggiornate in tempo reale. L’utilizzo di mezzi di diversa concezione tecnica ha rappresentato. Il database centrale è collegato con l’area di manutenzione che riceve tempestivamente la descrizione dei guasti. LeNORD ha avviato una serie di interventi per rendere più efficace. L’introduzione deinuovi TSR contribuirà non solo ad abbassare l’età media della flotta. L’andamento dell’indice risente dell’elevata età media e della disomogeneità della flotta. che permetterà una maggiore velocità e precisione nella gestione dei guasti. È in fase di sviluppo un sistema che consentirà di fornire in tempo reale la previsione di ritardo per l’arrivo del treno. informazione. di migliorare diversi aspetti della gestione del servizio ferroviario: la puntualità e regolarità. . Nel biennio di riferimento. Il risultato è un miglioramento delle performance manutentive in termini di velocità. è in fase di implementazione il progetto ramos (vedi box). ovvero una previsione dell’effettivo tempo di attesa nella stazione in cui si trova il viaggiatore. Le informazioni sui ritardi. grazie alla dismissione dei rotabili più datati.con le cause dei disservizi segnalate dai capitreno e dai macchinisti. una volta a regime. attraverso gli schermi LCD e l’audiodiffusione. mentre i capitreno.). affidabile e tempestiva la manutenzione dei treni. l’informazione ai viaggiatori. verranno quindi diffuse ai viaggiatori attraverso diversi canali: • nelle stazioni. facilitando anche l’attività manutentiva. Il progetto prevede un database centrale che permette di confrontare i dati sui ritardi dei treni . provvisti di palmare (ne sono stati consegnati 350). Questi ultimi sono infatti dotati di mini pc con cui segnalano in real time i guasti del proprio convoglio. ma anche a renderla più omogenea. monitorano diversi aspetti relativi alla la pulizia e all’efficienza dei servizi a bordo (illuminazione. che coinvolge trasversalmente sia LeNORD che FERROVIENORD. con uno snellimento di tutta la procedura di segnalazione. utili per ottimizzare la pianificazione dell'attività manutentiva. Consentirà. tramite gli annunci vocali. nonché la possibilità di ottenere statistiche più puntuali.1% revisione del processo di pianificazione 2008 83.

IL GIUdIZIO dEI CLIENTI SU PUNTUALITà E REGOLARITà dEL SERVIZIO Per i motivi sopra accennati.2% 4% 0 0 1 1 2 2 3 3 4 4 Andamento dei guasti equivalenti Ramo Milano Andamento dei guasti equivalentiRamo Iseo Ramo Iseo Andamento dei guasti equivalenti Andamento dei guasti equivalenti Ramo Milano Manutenzione della rete: guasti equivalenti (valori bassi sono migliori . È stato inoltre rivisto il contratto di gestione del verde per ridurre i disservizi per caduta piante sulla linea.8% 4% 2006 2006 1. pur registrando un deciso miglioramento nel 2009.78 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 Rete L’attività di manutenzione della rete. • omogeneizzazione della componentistica.9% 4% 0. • sono stati effettuati lavori per il telecontrollo degli impianti di bassa tensione e l’implementazione interruttori autoripristinanti (che hanno interessato alcune tratte ma saranno estesi su tutta la rete).8% 3. dato dal rapporto tra il numero di guasti all’infrastruttura che hanno provocato ritardi nella circolazione dei treni e il numero di treni-km. in occasione dell’eccezionale nevicata che ha causato notevoli disagi al traffico e l’interruzione delle principali linee di trasporto ferroviario e automobilistico nazionali e del Nord Italia.2% 1. • nel biennio è stata completata l’installazione di dispositivi per il riscaldamento degli scambi per evitare disservizi in caso di ghiaccio e neve. la percezione dei viaggiatori rimane principalmente influenzata dai disagi vissuti nelle fasce orarie più frequentate dai pendolari. • l’indicatore sui guasti equivalenti.8% 3. la soddisfazione dei clienti per la puntualità e regolarità dei treni è rimasta sotto la soglia del 50% e ha avuto un andamento altalenante nel quadriennio. 3. 149 . se anche gli indici medi sono in miglioramento. che permette di valutare i danni provocati dai guasti sulla circolazione dei treni. Si tenga conto che il maggior numero di turbative alla regolarità del servizio si registra nelle ore di punta.8% 0. al fine di semplificare e rendere più efficace l’attività di manutenzione. Tale indicatore presenta un andamento pressoché costante nel quadriennio. 2009 2008 2007 2006 0% 20% 45% 35% 40% 35% 40% 60% 80% 100% Puntualità e regolarità dei treni: percentuale di clienti soddisfatti Approfondimento in appendice Indicatori relativi alla manutenzione della rete. si è concentrata su due tipi di interventi: • adozione di componenti che garantiscano una elevata affidabilità. dimostrando l’efficacia delle scelte operate riguardo alle tecnologie e strategie adottate. pag.8% 4% 0.9% 3. pertanto.5% 2009 2008 2008 0.8% 2007 2007 0.5% 2009 0. Ad esempio: • sono state sostituite 40 casse di manovra dei passaggi a livello. svolta da FERRROVIENORD. la rete FERROVIENORD si è distinta per avere garantito la piena continuità del servizio ai treni LeNORD e l’accessibilità delle stazioni. La manutenzione della rete viene costantemente monitorata attraverso due indicatori: • l’indice di efficienza della rete ferroviaria. un minor numero di guasti e una riduzione dei tempi di ripristino.media annua) Il 24 dicembre 2009.

8% del totale.0% 91.5% 83.6% 100 Indice di puntualità: corse con ritardo inferiore a 10' TRASPORTO MERCI NORDCARGO ha operato per potenziare il servizio e offrire risposte personalizzate e tempestive alle esigenze dei clienti.ovvero il tempo che intercorre tra l’ordinativo del cliente e l’avvio del servizio . FNM Autoservizi rileva periodicamente l’indice di puntualità entro i 10 minuti. Nel biennio il tempo medio di avvio di nuovi progetti di trasporto . attestandosi come una delle imprese maggiormente affidabili nel panorama italiano ed europeo del trasporto merci.si è stabilizzato in due mesi. la puntualità è influenzata soprattutto da fattori esterni. nel 2009 pari al 92%. 120 100 85 % media annua 85 80 60 40 20 0 75 75 2006 2007 2008 2009 Indice di puntualità (treni con un ritardo inferiore ad 1 ora) Indice di puntualità (treni con un ritardo inferiore a 1 ora) . I dati rilevati nel biennio 2008-2009 evidenziano un miglioramento rispetto al biennio precedente e si mantengono su valori molto soddisfacenti. le condizioni della rete stradale e della viabilità.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 79 SERVIZIO AUTOLINEE Per le autolinee. 2009 2008 2007 2006 %0 25 50 75 92. Nel 2008 le corse con ritardo inferiore ai 10 minuti sono state pari al 91.8% 83. quali il livello di congestione del traffico stradale.

Parallelamente alla normale attività di pulizia e di manutenzione. . Il nuovo impianto. settimanalmente si procede ad un lavaggio automatico e mensilmente è prevista una pulizia radicale. • l’intensificazione degli interventi di manutenzione sugli interni delle carrozze (sedili. segnalano in tempo reale i disservizi (vedi box progetto Ramos a pagina 78). • attivazione del nuovo impianto di lavaggio di Novate (vedi box). Di contro. • intervento straordinario per la sostituzione di 4. ha una capacità di lavaggio radicale doppia rispetto a quello preesistente. efficienza dei servizi a bordo (lampadine. il Gruppo ha svolto diverse attività: • miglioramento della gestione del contratto di pulizia sui treni. In questi anni ci siamo particolarmente impegnati su questo fronte. comprensivo delle opere ferroviarie sulla tratta ferroviaria Seveso-Camnago. attraverso: • il costante monitoraggio degli standard di carrozze e impianti. in particolare relativamente alla pulizia dei treni che nel biennio si è mentenuto ancora su livelli piuttosto bassi. finestrini) e delle stazioni (strutture e arredi). PULIZIA E MANUTENZIONE dEI TRENI L’attività di pulizia dei treni prevede tre livelli di intervento: giornalmente viene effettuata una pulizia di mantenimento. la rimozione dei graffiti (sui treni e nelle stazioni) e la pellicolatura e protezione dei vetri (in modo da evitare incisioni e danneggiamenti e aumentare la sicurezza in caso di rottura). a conferma del fatto che ci stiamo muovendo nella direzione giusta.100 sedili su sette convogli serie EA 750. • rinnovo degli arredi e dell’impianto di climatizzazione su 10 automotrici operanti sul ramo Brescia-Edolo resa possibile anche dal finanziamento di un milione di euro messo a disposizonale dalla Provincia di Brescia. in particolare. • altri interventi di ripristino effettuati hanno riguardato. illuminazione. forniti di palmare (ne sono stati consegnati 350). dal settembre 2009 è operativo il nuovo capannone per il lavaggio treni e vuotatura ritirate di Novate Milanese. che ha un forte impatto sulla qualità percepita dai clienti. consentento una gestione più efficace sia delle attività di pulizia ordinaria sia di eventuali interventi straordinari (ad esempio in caso di atti vandalici). I nuovi impianti di Novate Milanese e Camnago Per adeguare i sistemi di pulizia e manutenzione alle caratteristiche del nuovo materiale rotabile già acquisito (TAF) e in fase di acquisizione (TSR e treni aeroportuali). informazione) da parte dei capitreno che. composto da tre binari coperti e due esterni. L’età e la disomogeneità del materiale rotabile e la crescita inarrestabile del fenomeno del vandalismo hanno tuttavia avuto un impatto negativo sull’efficacia delle attività di pulizia e manutenzione e sul giudizio dei clienti. La conclusione dei lavori è prevista per febbraio 2012. sono migliorati gli esiti delle verifiche periodiche della Regione.80 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 PuLIZIA E COMFORT SERVIZIO FERROVIARIO La pulizia e il comfort di treni e stazioni sono fattori della qualità previsti e regolati dai contratti di servizio e verificati trimestralmente dalla Regione. È stato inoltre avviato il cantiere per l’esecuzione dei lavori del nuovo capannone prefabbricato a uso manutenzione programmata di Lentate sul Seveso (camnago). attraverso la revisione del contratto di pulizia con nuovi e più rigidi standard di qualità. • miglioramento del processo di monitoraggio dei convogli in termini di pulizia. comprensivo di uffici e locali tecnici.

decoro e sicurezza delle stazioni della rete. box sul progetto ISOLATUA). Nel 2010 sono previste tre gare per un totale di altre 11 stazioni. Progetto di riqualificazione stazioni (RIQS) RIQS è un programma biennale per lo sviluppo e la riqualificazione degli interni ed esterni dei fabbricati viaggiatori di 30 stazioni della rete ferrovienord (28 sul ramo Milano e due sul ramo Iseo). In totale sono stati identificati circa 3. Nel rispetto delle tempisticche prefissate.75 milioni di euro. il decoro. nel 2009 sono state indette cinque gare d’appalto per un totale di 13 stazioni e alla fine dell’anno risultavano già riqualificate le stazioni di garbagnate. I primi risultati . del decoro e della sicurezza delle stazioni (PULS) Ad aprile 2009 è stato avviato un progetto per migliorare gli standard di pulizia. L’investimento complessivo per le opere di riqualificazione nel biennio 2009-2010 è pari a 7. La stazione di garbagnate prima e dopo Riqualificazione delle aiuole Nuova insegna e pulizia della facciata .si concluderà alla fine del 2011. • lo svolgimento di una serie di attività di manutenzione ordinaria e straordinaria per eliminare eventuali situazioni di degrado e garantire un maggior livello di cura complessiva delle stazioni. malnate e milano bovisa. L’obiettivo è migliorare il comfort. la sicurezza e i servizi di informazione al pubblico delle stazioni.600 mq nelle stazioni coinvolte da riqualificare e destinare a servizi commerciali. avviato a giugno 2009 da VIENORD . guadagnando cinque punti percentuali rispetto al primo semestre dell’anno. anche attraverso interventi e opere di ristrutturazione che ne rendano possibile la valorizzazione commerciale (vedi più avanti.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 81 PULIZIA E MANUTENZIONE dELLE STAZIONI Progetto per il miglioramento della pulizia.società del Gruppo dedicata alla comunicazione e alla valorizzazione commerciale .monitorati attraverso le rilevazioni di customer satisfaction – hanno superato le aspettative: nel secondo semestre del 2009 i clienti soddisfatti della pulizia. Il progetto. attraverso in particolare: • un maggiore controllo sull’operato delle imprese incaricare della pulizia e della vigilanza delle stazioni. del decoro e della manutenzione delle stazioni sono infatti passati dall’80 all’85%.

sul livello di pulizia dei treni e delle stazioni e sulla manutenzione degli impianti presenti a bordo treno (riscaldamento. La filosofia del progetto si fonda su due orientamenti complementari: • la ristrutturazione e rivitalizzazione delle stazioni con attività commerciali (esercizi pubblici.3 milioni per l’area media. intrattenimento e contenuti multimediali. un canale comunicativo agile e personalizzabile. Domodossola. le verifiche relative all’efficienza degli impianti presenti nelle vetture. funzionamento delle porte.rappresentano il principale “generatore” di sicurezza per le persone • lo sviluppo di un sistema di comunicazione capillare e integrato (digital signage + web tv) che consenta di informare in modo costante. Como Lago. impianti di illuminazione e sonori). Il digital signage è un sistema di comunicazione tramite schermi elettronici di grandi dimensioni (anche interattivi) che diffondono informazioni di servizio per i viaggiatori ma anche pubblicità. L’esito delle verifiche mostra un miglioramento molto evidente nel biennio 2008-09. Novara) e sono stati aperti i primi esercizi commerciali a garbagnate e milano domodossola.82 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 ISOLATUA.) che . hanno subito un deciso calo nel 2007 per poi tornare sopra la sufficienza nel 2008-09. LE VERIFICHE dELLA REGIONE La Regione Lombardia svolge verifiche periodiche. Bovisa. L’andamento dell’indicatore relativo alla pulizia nelle stazioni. Varese Nord.come dimostrane le esperienze estere più avanzate . IL PUNTO FERMO PER CHI SI MUOVE Il progetto ISOLATUA. Il progetto ISOLATUA prevede un investimento complessivo di 3 milioni di euro per gli spazi commerciali e 1. come pure al mercato pubblicitario. in particolare per quanto riguarda la pulizia dei treni: nel 2008 la metà delle verifiche ha esito positivo (contro il 27% del 2007). toilette. Nel 2009 sono stati installati 185 monitor in otto stazioni della rete (Cadorna. Domodossola. promozioni. temporary outlet. Busto Arsizio e Seveso) ed è stata avviata una programmazione a carattere sperimentale con contenuti informativi. avviato da VIENORD a maggio 2009. è risalito nel biennio sopra la soglia dell’80%. Saronno. sono stati selezionati gli operatori per le prime stazioni (Garbagnate. sono stati studiati e scelti i mix commerciali. dopo il calo del 2007. Analogamente. 80% 2009 2009 67% 80% 80% 50% 80% 67% 2008 2008 50% 81% 65% 27% 81% 65% 27% 2007 70% 48% 31% 48% 70% 2007 2006 %0 31% 83% 83% 40 2006 %0 20 40 61% 60 80 100 20 61% Pulizia treni 60 Pulizia stazioni 80 100 Pulizia treni Pulizia stazioni Efficienza impianti delle vetture Efficienza impianti delle vetture Verifiche Regione: episodi non sanzionati sul totale . L’obiettivo è completare l’installazione di circa 500 display entro luglio 2010. mentre nel 2009 il dato compie un salto fino all’80%. previste dal contratto di servizio. etc. pubblicitari e di intrattenimento. ha il duplice obiettivo di migliorare l’accesso alle informazioni di servizio da parte dei viaggiatori e rendere più sicura e confortevole la loro permanenza in stazione. trasparente e tempestivo i viaggiatori e di offrire a enti e istituzioni del territorio. Parallelamente. La conclusione è prevista nel 2012. Vanzaghello.

si mantiene su livelli ancora insoddisfacenti. probabilmente anche a causa dall’aumento degli atti vandalici che rende meno visibili gli interventi migliorativi. . Più positivo è. risentendo positivamente degli interventi compiuti nel biennio. il giudizio sulla funzionalità dei mezzi. destinato a migliorare ulteriormente con il completo rinnovamento della flotta. Pulizia delle stazioni: percentuale utenti soddisfatti 2 Fonte: ultima rilevazione (indagine di customer satisfaction dicembre 2009). Va infatti rilevato che ben il 45% dei clienti2 individua nella “maleducazione di alcuni viaggiatori” la principale causa dello stato di pulizia di treni e carrozze. invece.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 83 IL GIUdIZIO dEI CLIENTI SULLA PULIZIA TRENI 37% Il giudizio dei viaggiatori sulla pulizia dei treni. pur registrando un netto miglioramento nel 2009. 2009 28% 66% 2008 33% 64% 2007 58% 40% 2006 %0 20 40 60 63% 80 100 Pulizia dei treni: percentuale utenti soddisfatti Pulizia e funzionaità dei mezzi: percentuale utenti soddisfatti 2009 2008 2007 2006 %0 20 40 60 83% 74% 63% 64% 80 100 STAZIONI L’indice di soddisfazione degli utenti sulla pulizia delle stazioni è positivo e in continuo sensibile aumento.

Con il progressivo rinnovo del parco mezzi. nel 2008 è salita al 64% fino al 78% del 2009.2%. In tutto il quadriennio i risultati delle indagini sulla soddisfazione dei clienti sono sempre stati ben al di sotto della sufficienza. Approfondimento in appendice Parco autobus FNM Autoservizi. pag. mentre il 2009 mostra buoni segnali di ripresa. IL GIUdIZIO dEI CLIENTI SULL'AFFOLLAMENTO L’affollamento negli orari di punta è percepito dagli utenti come una delle maggiori criticità del servizio. cioè il rapporto tra il numero di posti offerti dai treni in circolazione e il numero di persone a bordo in un dato momento.84 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 AFFOLLAMENTO SERVIZIO FERROVIARIO Per verificare la coerenza fra l’offerta e la domanda ferroviaria e il grado di affollamento dei treni. 132 . e considerando che i nuovi TSR offrono più posti a sedere. I valori registrati nell’ultimo quadriennio danno un’idea della situazione di congestione che caratterizza il trasporto pubblico su ferro in Lombardia (in particolare nelle ore di punta dei giorni feriali). si prevede nel prossimo biennio un miglioramento della situazione di congestione. il 2008 rappresenta un anno particolarmente critico. La percentuale dei mezzi condizionati passa dal 55% del parco nel 2008 al 72% del 2009. Ancora una volta. Nel 2007 la percentuale attrezzata era pari al 54. 2009 2008 2007 2006 0% 20% 36% 31% 34% 37% 40% 60% 80% 100% Affollamento sui treni: percentuale utenti soddisfatti SERVIZIO AUTOLINEE L’acquisto di 29 nuovi autobus ha avuto un impatto positivo sul comfort offerto ai viaggiatori. È inoltre aumentata la percentuale di autobus accessibili ai disabili. ogni due mesi circa viene calcolato il cosiddetto coefficiente di carico (load factor). con ovvie ripercussioni sul livello di soddisfazione degli utenti.

alimentato con informazioni in tempo reale sulla circolazione dei treni trasmesse dal sistema SCCT. comfort. ma con l’obiettivo di estenderlo a tutta la rete . etc. etc. modifiche alla circolazione.e la cortesia e la professionalità del personale (a bordo.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 85 INFORMAZIONE e comunicazione Se puntualità.). in stazione. razionalizzando i flussi e le procedure.al momento in sette stazioni. etc. tempi di percorrenza. non meno improtanti sono la disponibilità di informazioni chiare e tempestive .). negli uffici di accoglienza alla clientela. Nel 2009 è stato sviluppato un sistema .…).per la gestione automatica degli annunci sonori. Nell’ultimo biennio il Gruppo ha rafforzato il proprio impegno su questo fronte. dimensionati in modo da coprire capillarmente tutti gli ambienti viaggiatori (banchine. sale d’attesa. Parallelamente. Oltre che per le informazioni sulla circolazione dei treni. .su orari. SERVIZIO FERROVIARIO ANNUNCI SONORI E TELEINdICATORI IN TEMPO REALE In tutte le stazioni della rete FERROVIENORD sono presenti impianti di diffusione sonora. Infine. o eventuali problemi alla circolazione . 82). anch’essi alimentati in modo automatico dal sistema. investendo tempo e risorse per migliorare la quantità e la qualità delle informazioni. potenziando gli strumenti di assistenza alla clientela. manifestazioni. sviluppando nuovi canali di comunicazione. biglietterie. in tutte le stazioni sono stati installati dei pannelli indicatori con tecnologia a LED. dal 2009 è in corso l'introduzione dei monitor del circuito digital signage (per un approfondimento vedi box sul progetto ISOLATUA. localizzazione delle fermate. pulizia e sicurezza rappresentano fattori decisivi per la qualità del viaggio. i teleindicatori possono essere utilizzati per la trasmissione di messaggi personalizzati in caso di particolari eventi o situazioni (scioperi. pag.

Nel biennio.426 2.823 2.500 2. In particolare: • dal 1° gennaio 2009 è stato internalizzato e potenziato il call center telefonico (in precedenza gestito da una ditta specializzata esterna. lettere e e-mail) in grado sia di dare informazioni sul servizio (orari. via fax. per telefono. trasporto comitive. dalla gestione dei reclami al sito internet) con l’obiettivo di migliorare i flussi infomativi e la qualità della comunicazione. call center. Il confronto tra gennaio 2008 (chiamate gestite: 3. e in particolare nel 2009.lenord. I clienti possono inoltrare le proprie richeste o reclami via e-mail. nella convinzione che una corretta informazione ai viaggiatori sia parte integrante del servizio. LeNORD garantisce una risposta ai reclami scritti entro 30 giorni (come previsto dal contratto di servizio).672 2. • infine. di reclami 2009 2008 2007 2006 2. • è stata potenziata la struttura per l’assistenza alla clientela. • a febbraio 2009 è stato aperto un nuovo ufficio di customer care nella stazione di saronno. • è stato razionalizzato il sistema di contact center per la gestione informatizzata delle richieste e dei reclami dei clienti e dei database relativi a reclami. oggi direttamente da VIENORD.806 5. sono stati potenziati gli strumenti di assistenza alla clientela e tutto il personale di front line è stato sensibilizzato su questo aspetto.040) e gennaio 2009 (chiamate gestite: 10. Nr. servizi per i viaggiatori con disabilità.600 3. oppure compilando l’apposito form sul sito www.000 LeNORD: numero di reclami .900 3. I nuovi flussi e procedure sono confluiti in un manuale destinato a tutto il personale di front line.700 2. trasporto comitive. attraverso l’incremento del personale e delle attività di formazione.937) dimostra come questa scelta abbia avuto un immediato effetto positivo in termini di incremento delle chiamate gestite. che ha affiancato quello già esistente a Cadorna. oggetti smarriti.it o il modulo prestampato disponibile nelle biglietterie o negli uffici di assistenza alla clientela.) sia di raccogliere eventuali reclami o segnalazioni. etc.800 2. tariffe.86 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 SERVIZI dI CUSTOMER CARE LeNORD garantisce servizi di assitenza clienti attraverso diversi canali (sportelli di customer care. responsabile della comunicazione ai viaggiatori per conto di LeNORD) con l’obiettivo di migliorare la qualità delle informazioni e velocizzare i tempi di risposta. servizi per i viaggiatori disabili. sono stati ridefiniti i format e le procedure per ogni specifico canale di comunicazione con i viaggiatori (dagli avvisi di stazione agli annunci sonori a bordo treno.

ATTIVITà dI MEdIA RELATION L’obiettivo di informazione chiara. LE VERIFICHE dELLA REGIONE Le modalità con cui il Gruppo informa i viaggiatori sulle condizioni della rete e sugli orari sono oggetto di verifica da parte della Regione Lombardia. variazioni programmate del servizio. nel biennio è proseguito l’aggiornamento di tutti gli altri strumenti di informazione ai viaggiatori: orari. 2009 2008 2007 2006 %0 20 40 48% 60% 74% 79% 60 80 100 Verifiche Regione sulle informazioni: episodi non sanzionati sul totale . in realtà tali informazioni sono sempre state rese disponibili dal gruppo attraverso altri canali informativi (sito internet. orario delle biglietterie ed esistenza e localizzazione dei punti vendita. e alla tutela della reputazione dell’azienda. siti internet (LeNORD e Malpensa Express).) che però ad oggi non sono contemplati dal monitoraggio regionale. elenco dei servizi minimi garantiti in caso di sciopero. Carta dei Servizi della Mobilità. etc.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 87 ALTRI STRUMENTI dI COMUNICAZIONE AI VIAGGIATORI Parallelamente. etc. quadri murali. tempestiva e trasparente nei confronti dei viaggiatori è stato perseguito anche attraverso una costante attività di monitoraggio media e ufficio stampa. uffici customer care di Milano e Saronno. personale di biglietteria. Gli esiti dei controlli evidenziano un deciso peggioramento nel biennio: la penale per mancata informazione si riferisce alla mancata esposizione delle informazioni definite "Principali" quali orario murale. finalizzata alla diffusione di informazioni sul servizio. informazioni e ricostruzioni in caso di emergenze e criticità.

66 % 2009 58 % 90 % 2008 2007 2006 %0 20 40 60 89 % 78 % 76 % 80 100 Informazioni fornite Informazioni fornite a bordo treno Informazioni fornite nelle stazioni Customer satisfaction: percentuale utenti soddisfatti CORTESIA E COMPETENZA dEL PERSONALE Si mantengono invece su livelli molto soddisfacenti i giudizi su cortesia. Il giudizio dei clienti sulle informazioni risulta comunque in crescita dal 2008 al 2009. professionalità e competenza del personale. 90 % 2009 92 % 90 % 89 % 2008 90 % 91 % 93 % 2007 89 % 92 % 91 % 2006 %0 25 50 75 90 % 93 % 100 Cortesia del personale Professionalità/competenza del personale di stazione e biglietteria Professionalità/competenza del personale viaggiante Customer satisfaction: percentuale utenti soddisfatti . mentre il dato sulle informazioni a bordo treno mostra un peggioramento. Ciò non rende confrontabili i dati dei due bienni: in generale si può comunque osservare che. quello sulle informazioni in stazione mostra un andamento molto soddisfacente.88 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 IL GIUdIZIO dEI CLIENTI INFORMAZIONI Nel biennio 2008-2009 è variato l’indicatore utilizzato per misurare il livello di soddisfazione dei clienti sulle informazioni fornite dal personale: per una rendicontazione più chiara e puntuale è stato infatti deciso di distinguere tra informazioni a bordo treno e in stazione (mentre nel biennio precedente l’inidicatore era unico).

fnmautoservizi. L’orario trova corrispondenza. FNM Autoservizi pubblica annualmente la propria Carta dei Servizi per informare i viaggiatori su standard e caratteristiche dei servizi offerti e rendere conto del raggiungimento degli obiettivi di qualità che l’azienda si era posta. . FNM Autoservizi si impegna a fornire le risposte telefoniche entro 8 giorni lavorativi e quelle scritte entro 30 giorni. di reclami 2009 2008 2007 2006 0 28 39 121 65 50 100 150 200 FNM Autoservizi: numero di reclami CARTA dEI SERVIZI Dal 2001. per ciascuna fermata. È inoltre possibile visualizzare le tariffe e i punti vendita più vicini dove acquistare il biglietto.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 89 SERVIZIO AUTOLINEE RECLAMI E SEGNALAZIONI I clienti di FNM Autoservizi possono richiedere informazioni. per la necessità di effettuare indagini approfondite.it è attivo un motore di ricerca per orari e percorsi dei servizi autolinee (sia di TPL che Gran Turismo). sono inoltre riportati i risultati delle indagini di customer satisfaction effettuate annualmente tramite il questionario “Sessantasecondi”. I tempi di risposta variano secondo il tipo di problematica emersa: qualora non sia possibile dare una risposta immediata. Nr. che aveva registrato un picco nel 2007. SITO INTERNET E MOTORE dI RICERCA ORARI E LINEE Da gennaio 2008 sul sito www. Il numero dei reclami sul servizio autolinee. fare osservazioni o presentare reclami telefonicamente. oppure rivolgendosi direttamente al personale di controllo (in vettura o presso le fermate) o al personale di guida. per posta tradizionale o elettronica. per una facile visualizzazione delle coincidenze. Nella Carta. con la cartografia di GoogleMaps. scaricabile dal sito internet. risulta drascticamente ridotto nel biennio di riferimento.

formato. motivato.8 1.3 1. adeguatamente retribuito e capace di sviluppare le proprie competenze in funzione delle innovazioni aziendali.90 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 OBIETTIVO “Valorizzare il personale” Il gruppo riconosce l’alto valore del capitale umano per il miglioramento continuo dell’organizzazione e della qualità del servizio.986 40. la formazione e l’orientamento al cambiamento. ai diversi livelli dell’organizzazione aziendale. QUAdRO dI SINTESI 2008 Personale impiegato 2.42 123 GRUPPO FNM Età media personale Costi totali per la formazione (milioni di euro) Infortuni al personale . Nel biennio la gestione delle risorse umane è stata indirizzata verso la responsabilizzazione del personale.907 42.50 99 2009 2. Le politiche del Gruppo mirano ad avere un personale qualificato.

149 . che ha comportato l'ingresso di 38 nuovi addetti tra macchinisti. Il considerevole incremento dei dipendenti della capogruppo nel corso degli ultimi anni deriva dal nuovo assetto societario e dal conseguente trasferimento di personale dalle società controllate per la creazione di nuove funzioni centrali. sono stati distaccati sotto la nuova società 1.LeNORD. in seguito all’avvio del servizio ferroviario viaggiatori con il Brennero a dicembre 2009. a far data dal 15 novembre 2009.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 91 PROFILO dEL PERSONALE dEL GRUPPO Al 31 dicembre 2009 il Gruppo conta 2. in aumento rispetto alla media del biennio precedente. pag.301 dipendenti LeNORD. 5% SEMS e altre soc. con l'affitto del ramo d'azienda LeNORD alla newco Trenitalia . Approfondimento in appendice Distribuzione del personale per attività del Gruppo. adeguatamente formati dall’azienda. TPL Ferro 75% TPL Ferro 75% TPL Gomma 7% TPL Gomma 7% Holding 7% Holding 7% Trasporto merci 6% Trasporto merci 6% SEMS e altre soc. la Direzione Risorse Umane svolge attività di gestione e sviluppo del personale in service per le aziende del Gruppo. a seguito del potenziamento dei servizi di trasporto merci. Tuttavia. personale viaggiante e manovratori/verificatori.986 dipendenti. 5% Distribuzione del personale per attività Nell’ultimo biennio si è registrato un incremento del personale: • di Lenord. Tra queste. • di nordcargo.

0 2006 Uomini Donne 2007 2008 2009 Distribuzione del personale (uomini/donne) TURNOVER L’andamento del turnover aziendale. 3500 3000 CATEGORIE PROTETTE Il Gruppo impiega 38 persone appartenenti a categorie protette (in linea con quanto previsto dalla normativa di settore).382 2.415 2. tutti impiegati presso le società di TPL o la capogruppo. mentre la valutazione di merito ha riguardato 444 addetti. che si attesta intorno al 6-7%.92 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 PARI OPPORTUNITà Nel 2009 le donne rappresentano il 17. relativo al comparto ferroviario. 2009 1 32 60 % LIVELLO dI ISTRUZIONE Negli ultimi anni.777 addetti hanno beneficiato del premio di risultato. infine si registra un innalzamento del livello di istruzione del personale. 8 2008 2 37 54 8 2007 3 35 56 6 PREMIO dI RISULTATO E VALUTAZIONE dI MERITO 0 20 40 60 80 Diploma Laurea/Master 100 Al fine di incentivare la partecipazione attiva al conseguimento dei risultati aziendali e la responsabilità individuale. negli anni scorsi sono stati introdotti il premio di risultato e le valutazioni di merito.475 1000 500 ETà L’età media del personale mostra un andamento decrescente per gli uomini e un andamento crescente per le donne.1% del personale: la percentuale.426 2. Licenza elementare Licenza media . mostra un sensibile incremento delle entrate nel 2009. 2500 2000 1500 487 490 492 511 2. dimostra gli sforzi compiuti in tema di politiche per le pari opportunità. se confrontata con il tasso di occupazione femminile medio del settore. Nel 2009 ben 2. Gli addetti con diploma di scuola media secondaria sono la maggioranza (60% del totale). in relazione alle assunzioni sopra segnalate.

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 93 .

• garantire nel tempo adeguati livelli di formazione del personale. secondo quanto previsto dall’art. Particolare cura è tradizionalmente posta. miglioramenti organizzativi. all’interno del Gruppo è istituito un servizio prevenzione e protezione (ai sensi del D. la sicurezza dei lavoratori. • il censimento. A tal fine.lgs. I lavoratori collaborano in fase di test per verificare l’efficacia dei dispositivi. formazione e addestramento del personale. macchine e attrezzature. . • l’avvio della valutazione del rischio stress . preposto a: • individuare le potenziali fonti e situazioni di pericolo e i relativi rischi. • analizzare le misure di miglioramento introdotte (nuove macchine e attrezzature.lgs. • programmare le opportune azioni correttive e di miglioramento. • quantificare i livelli di rischio delle attività aziendali (nel “documento di valutazione dei rischi”). 81/2008). interpretato oltre il mero rispetto delle norme di legge. Le valutazioni sono state condotte da psicologi tramite questionari e attività di focus group. etc). tuttora in corso.lavoro correlato. 30 del Testo Unico sulla sicurezza (D.94 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 OBIETTIVO “garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori” Per un gruppo che ha il proprio core business nel trasporto ferroviario. le attività formative saranno adeguate in relazione ai risultati raccolti. dei collaboratori esterni e dei clienti rappresenta un obiettivo di primaria importanza. gestione delle sostanze pericolose. inoltre. introduzione di nuove normative) in modo da rendere dinamico il processo di valutazione dei rischi. sulla presenza di amianto nel pietrisco della massicciata e nei fabbricati. 81/2008). distribuzione Dispositivi di Protezione Individuale. I principali interventi del biennio 2008-2009 hanno riguardato: • lo sviluppo del sistema di gestione per la salute e la sicurezza dei lavoratori (sg ssL) per le società del Gruppo. A tal fine è stato nominato all’interno del Gruppo un responsabile del monitoraggio dei fabbricati e sono stati svolti corsi di formazione per apprendere come trattare i materiali in presenza di amianto. secondo quanto previsto dal sistema di gestione per la salute e la sicurezza dei lavoratori (SG SSL). Una volta completate le valutazioni. nella ricerca di idonei e adeguati Dispositivi di Protezione Individuale (DPI). la realizzazione di un sistema informativo per la gestione unitaria di tutti gli aspetti riguardanti la sicurezza dei lavoratori (conformità luoghi di lavoro.

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 95 APPALTI A dITTE ESTERNE In presenza di lavori in appalto a ditte esterne. L’insieme di tutte le azioni poste in essere viene ciclicamente riesaminato tramite attività di monitoraggio (audit a campione.8 33. L’indice di gravità nel biennio 2008-09 è rimasto in linea con quello registrato nel biennio precedente (non sono conteggiati i tre incidenti mortali avvenuti nel biennio 2006-07. decessi) Approfondimento in appendice Dimensione sociale . di infortuni 5 2009 2009 18. prestata al rispetto degli adempimenti previsti dal Titolo IV del D. La diminuzione dell’incidentalità emerge anche dalla durata media degli infortuni (misurata dai giorni medi di assenza del personale).5 42 65 2006 0 20 40 2006 7.4 30 40 50 NORDCARGO FERROVIENORD LeNORD NORDCARGO FERROVIENORD LeNORD Numero di infortuni Durata media assenze per infortunio (escl.0 47 58 8 Nr. Giorni 13. Particolare attenzione viene. costati la vita a tre dipendenti di LeNORD). evidenzia. nel 2008-09 non si è verificato alcun incidente mortale sul lavoro. la predisposizione del piano di sicurezza e coordinamento. Anche l’indice di frequenza degli infortuni.Quadro di sintesi.0 80 0 20 60 27.4 40. inoltre.4 26. la nomina del coordinatore in fase di esecuzione. dato dal rapporto tra numeri degli infortuni e ore lavorate. dati dal rapporto tra giorni di assenza del personale per infortunio e ore lavorate.6 27. n. anche gli indici di gravità. Lgs. con la nomina del responsabile dei lavori e del coordinatore in fase di progettazione.0 36 57 15 2007 2007 26. 81/2008 in materia di misure per la tutela della salute e per la sicurezza dei lavoratori nei cantieri temporanei o mobili. viene attentamente curato il coordinamento committente-appaltatore. nel suo complesso.0 36. per gestire eventuali interferenze e favorire lo scambio informativo sui reciproci rischi.1 18. pag. 1 1 3 ANALISI DEgLI INFORTuNI 3 SERVIZIO FERROVIARIO PASSEGGERI E TRASPORTO MERCI 2 2 4 Per una rappresentazione organica degli infortuni sul lavoro nel periodo di riferimento è necessario considerare. registrazioni.7 2008 38 46 6 2008 20. oltre al dato numerico complessivo (in calo negli ultimi quattro 4 anni). 136 . in calo per tutte e tre le società. sopralluoghi. analisi e statistiche degli infortuni). la tendenza a una diminuzione nel biennio considerato.

ricordando che essi sono strettamente correlati al numero di incidenti stradali (causati in misura prevalente da altri veicoli). 50 Nr. La durata media delle assenze per infortunio registrata nel biennio 2008-09 è di circa 21 giorni. in lieve aumento rispetto al biennio precedente. infortuni 40 30 28 28 20 13 10 7 0 2006 2007 2008 2009 Numero di infortuni . mostrando comunque un basso livello di gravità degli infortuni.96 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 SERVIZIO AUTOLINEE Anche sul fronte del trasporto su gomma gli infortuni sul lavoro appaiono in calo nell’ultimo biennio.

dal 2008 vengono organizzati corsi di gestione del pericolo (security) per tutto il personale viaggiante. il 75% è stato sulla sicurezza (primo soccorso. 81/2008). l’adozione di nuove tecnologie e il grande impegno dedicato ad accrescere la sicurezza della circolazione richiedono al personale lo sviluppo di nuove competenze. Giornate 2009 2008 2007 2006 0 5. nel biennio è dunque proseguita una costante attività di formazione finalizzata a innovare la cultura aziendale. Inoltre. maggiore flessibilità e la capacità di ricoprire una pluralità di mansioni.725 15. in collaborazione con la Polizia di Stato. I principali corsi riguardano: 13. capitreno. che per gli anni 2008-09 hanno riguardato essenzialmente gli interventi volti al contenimento delle vibrazioni cui è sottoposto il personale che svolge attività manutentive. la flessibilità e lo spirito di appartenenza al Gruppo del personale. manovratori. ORIENTAMENTO al cambiamento Gli ammodernamenti su rete e treni. Tra il 2008 e il 2009 è proseguita la formazione su questi temi. Completano le attività formative gli interventi tecnici.lgs. aumentare l’orientamento al cliente. formatori. nonché di manutenzione e gestione della rete. verificatori. I corsi. antincendio e normativa D. rivolta sia a sensibilizzare i nuovi assunti.000 10.000 Giornate di formazione complessive . l’attività di formazione del personale è affidata a due strutture interne dedicate. in particolare verso i nuovi assunti: sul totale dei corsi effettuati.000 20.550 11.447 15. resa possibile da un’attenta e costante attività formativa.253 9. organizzati 12 mesi l’anno. A supporto delle azioni strutturali e tecnologiche.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 97 FORMAZIONE IN MATERIA di sicurezza Un ruolo fondamentale nella tutela della salute dei lavoratori è svolto dalla prevenzione dei rischi. personale di manutenzione e gestione dell’infrastruttura e operatori della mobilità è indispensabile per garantire che il servizio sia svolto quotidianamente nel rispetto della legge. trasmettono e rafforzano le competenze adeguate per le attività di guida e di scorta dei treni. sia ad aumentare le competenze dei dipendenti che già operano nel Gruppo.000 FORMAZIONE Nel settore ferroviario la formazione continua di macchinisti. Secondo quanto disposto dalla normativa di settore.

lgs. in modo da garantire la polifunzionalità del personale operativo.98 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 • formazione base per l’abilitazione di macchinisti e capitreno destinati ai servizi di bordo su rete FERROVIENORD e RFI e di manovratori e verificatori destinati ai servizi di terra su rete FERROVIENORD e RFI. relazionali e comportamentali dei dipendenti e dei dirigenti. specializzazione. 137 . • recupero delle abilità: si rivolgono a chi è stato a lungo assente (es. • per FERROVIENORD. aggiornamento che riguardano principalmente le modifiche normative e legislative in atto e i relativi processi di adeguamento (es. mantenendo l’impiego di tempo e risorse in linea con il biennio precedente. A questi si aggiungono corsi specifici e seminari di approfondimento. • aggiornamento tecnico per l’introduzione in servizio di nuovi treni (TSR) e/o innovazioni tecnologiche. nella convinzione che una gestione attenta alla qualità del servizio di trasporto passi attraverso la valorizzazione del personale. Nel biennio 2008-09 si sono svolti in totale 34 corsi. destinati al personale di macchina. • per NORDCARGO. pag. • per il resto del personale senza mansioni di responsabilità è stato stilato e consegnato un vademecum. al personale viaggiante e agli addetti alla manutenzione. inclusi quelli sul nuovo tipo di locomotive Bombardier E 483. l’attività di manutenzione dell’infrastruttura e di gestione della circolazione. secondo le disposizioni del D. corsi su cambiamenti in materia previdenziale. Nel biennio di riferimento le giornate di formazione complessive e i costi per la formazione rimangono costanti rispetto al biennio precedente. l’abilitazione propedeutica all’assunzione. • per i quadri intermedi sono stati svolti corsi on line. Nel biennio 2008-09 si sono svolte in totale circa 30. Approfondimento in appendice Corsi di formazione NORDCARGO. assunzioni. Nel biennio 2008-09 è stata effettuata la formazione sulla responsabilità degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato.dirigenti. fornendo le competenze specifiche linguistiche.000 giornate di formazione a fronte di un investimento di quasi 3 milioni di euro. etc. informatiche e manageriali. a partire dal 2007 sono stati inoltre attivati corsi di relazione e comunicazione con la clientela e immagine per il personale viaggiante. rivolta con modalità differenti a tutto il personale del Gruppo: • per il personale dirigente e per i direttori sono stati svolti corsi in aula. finalizzata sia all’estensione territoriale delle abilitazioni (alle linee e agli impianti) sia al conseguimento di ulteriori abilitazioni.sono volti principalmente al rafforzamento delle competenze gestionali.). 231/2001. quadri e impiegati . malattia) e sono corsi di tipo un istruttore/ un allievo. NORDCARGO ha completato la formazione specifica per il personale di macchina. maternità. • formazione base per operatori della mobilità (destinati ai servizi di biglietteria e di controllo a bordo treno). AGGIORNAMENTO I corsi di aggiornamento destinati al personale di back office . sono gli unici non previsti a livello normativo e rientrano nelle norme di autodisciplina che il Gruppo si è dato tramite il sistema di gestione integrato SQA.

ex dipendenti.500 persone (dipendenti e loro familiari.055 persone hanno beneficiato del servizio di assistenza fiscale gratuito offerto ai dipendenti del Gruppo.216. le aziende del Gruppo versano un contributo pari allo 0. LeNORD. un’associazione di mutuo soccorso costituita allo scopo di erogare sussidi ad integrazione del servizio sanitario nazionale e dare supporto di vario tipo alle famiglie dei soci. sportive. il 94% nel 2009. assistenziali. è iscritta alla Cassa Integrativa.8% del totale aziendale. FERROVIENORD. sociali. NORD_ING e VIENORD.2% del monte retribuzioni (salvo FNM Autoservizi che versa lo 0. etc). CRA (CIRCOLO RICREATIVO AZIENdALE) Il Circolo Ricreativo Aziendale è un’associazione che promuove. NORDCARGO.954 dipendenti. pari al 98. Nel 2009 i dipendenti aderenti al fondo di previdenza sono 2. di seguito specificati. compreso il sostegno allo studio. Complessivamente. oltre alle tradizionali iniziative per il tempo libero. 200 FONdO dI PREVIdENZA AZIENdALE Nel 2007. Costi medicina preventiva* CASSA INTEGRATIVA dI MUTUO SOCCORSO La quasi totalità dei dipendenti delle società del Gruppo. di cui 2. Nel 2009 gli iscritti sono 3. turistiche. L’attività negli anni 2008-2009. ASSISTENZA FISCALE Nel 2009 ben 1. la quasi totalità dei dipendenti del Gruppo ha deciso di destinare il proprio TFR al Fondo di previdenza aziendale esistente: un prezioso attestato di fiducia da parte del personale.883.5% + 0.5%). per un costo totale di 774 mila euro. ASSISTENZA MEdICA PREVENTIVA migliaia di euro 2009 2008 2007 2006 150 160 180 190 197 198 187 192 Le visite annuali di medicina preventiva a favore del personale sono uno degli aspetti storicamente più curati dal Gruppo: nel corso degli ultimi quattro anni sono state effettuate quasi 7. in seguito alla riforma del regime del TFR. I costi relativi alla medicina preventiva mostrano un andamento costante nel quadriennio. gestisce e coordina attività ricreative.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 99 BENEFIT E AgEVOLAZIONI per i dipendenti Il Gruppo contribuisce al benessere economico e sociale dei dipendenti e dei loro familiari offrendo una serie di servizi. ha visto un incremento di impegno in ambito sociale. culturali. al fine di elevare la qualità della vita e la crescita personale e collettiva dei dipendenti e dei pensionati delle società del Gruppo FNM e dei rispettivi nuclei familiari. Al Fondo si può restare iscritti anche da pensionati. I benefici sono destinati anche agli ex dipendenti. *I dati si riferiscono alle società FNM. nel biennio le iniziative del CRA hanno coinvolto oltre 6. Oltre ai versamenti da parte dei soci.000 visite di medicina preventiva. .

pari a 2. Considerando anche solo un raggio di influenza di 500 metri. pari al 5% del totale regionale. le linee ferroviarie gestite dal Gruppo coprono un’area totale di quasi 300 milioni di metri quadrati e una popolazione residente di 459 mila persone. La capillarità del servizio ferroviario offerto dal Gruppo FNM è evidenziata anche dal dato sulla distanza media tra le stazioni. Dal 2006 al 2009 i residenti nei comuni attraversati da FNM sono cresciuti del 2. . il gruppo si pone l’obiettivo di contribuire allo sviluppo del territorio e del suo sistema infrastrutturale.65%. a est nella provincia di Brescia e a ovest in quella di Novara: in totale 111 comuni.100 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 OBIETTIVO “Partecipare allo sviluppo del territorio” Coerentemente con la propria missione e con il compito istituzionale affidatogli dalla Regione Lombardia. giacché lo utilizzano anche gli abitanti dei comuni limitrofi non direttamente toccati dai binari. La rete di FERROVIENORD e il servizio di trasporto pubblico locale offerto rappresentano un importante elemento di valorizzazione del territorio e di sviluppo economico.3 chilometri. Como e Varese). L'impatto del servizio di trasporto pubblico offerto è naturalmente ancora più ampio. con una popolazione residente di quasi 3 milioni di persone. contro gli oltre 5 chilometri in Lombardia e i 7 in Italia di RFI. in crescita costante. LA POPOLAZIONE SERVITA La rete ferroviaria del Gruppo si estende nell’area a nord di Milano del territorio lombardo (province di Milano. sociale e ambientale.

349 8. busto arsizio .84.432 7.103.844 3. brescia . varese .49 milioni di residenti Ramo Brescia • 1 linea ferroviaria • 34 comuni attraversati • 356mila residenti Totale Milano+Brescia • 8 linee ferroviarie • 111 comuni attraversati • 2.705 2.2008 . como .460 Ramo Milano • 7 linee ferroviarie • 77 comuni attraversati • 2. paderno dugnano .38.85 milioni di residenti *residenti al 31.602 4.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 101 gli otto comuni più popolosi collegati da Lenord* 1.190. milano .81.295. saronno .81.12.085 5.47.1.990 6. novara .

Il periodo considerato va dal 1997 al 2005. LA FERROVIA E LA VALORIZZAZIONE IMMOBILIARE dEL TERRITORIO Il Gruppo FNM ha condotto uno studio. attraverso il monitoraggio dei prezzi degli immobili in alcuni 160% 150% 140% 130% 120% 110% 100% comuni della provincia di Milano. L’analisi evidenzia: • un maggior incremento dei valori medi immobiliari dei comuni serviti dalla ferrovia: nel 2005. in collaborazione con il Centro Studi PIM (Programmazione Intercomunale Area Metropolitana di Milano) volto a individuare la reale incidenza dell’infrastruttura ferroviaria per la valorizzazione del territorio. Novate). con caratteristiche simili dal punto di vista della popolazione. Lainate. periodo entro cui è avvenuta l’intensificazione del servizio sulla linea S1. altri invece risultano privi di collegamenti ferroviari (Agrate Brianza. Tra questi. L’andamento del mercato immobiliare rappresenta un prezioso. • un valore degli immobili nei comuni serviti dalla ferrovia superiore a quello nei comuni non serviti (da un +5% nel 1997 fino a superare il 20% nel 2005). indicatore di quanto la presenza un’infrastruttura di trasporto. che intorno ad esso ha potuto sviluppare sia l'attività produttiva sia la residenzialità. la crescita dei valori immobiliari nei comuni serviti arriva a superare di 25 punti percentuali il tasso di crescita dei valori medi nei comuni non serviti. delle abitudini e del tessuto socio-economico. Paullo). in particolare ferroviaria. 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 Con ferrovia Senza ferrovia Incremento del valore immobiliare rispetto al 1997: comuni con e senza ferrovia (base 100) . possa contribuire alla valorizzazione del territorio.102 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 PIÙ VALORE AL TERRITORIO La presenza di un servizio come quello garantito dal Gruppo FNM costituisce un valore aggiunto per il territorio. anche se non esclusivo. Limbiate. in seguito all’attivazione del servizio suburbano S1. alcuni sono attraversati dalla linea ferroviaria S1 Milano-Saronno di FNM (Garbagnate. uno è sulla linea MilanoAsso (Varedo).

un’opera di notevole complessità ingegneristica che ha richiesto cinque anni di lavori.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 103 FNM PER IL TERRITORIO Parallelamente all’impegno volto a soddisfare la crescente domanda di mobilità delle comunità locali. RIQUALIFICAZIONE dELLA LINEA dELLA BRIANZA Anche la riqualificazione della linea linea Bovisa-SevesoAsso. nel biennio 2008-2009 sono proseguite le azioni dirette a contribuire allo svilluppo e alla crescita delle aree attraversate dalla ferrovia attraverso interventi di riqualificazione urbanistica. etc. avviata nel 2007 e ampiamente descritta nel capitolo “Migliorare la qualità e potenziare il servizio offerto. produrrà effetti positivi in termini di valorizzazione del territorio e riduzione dell’impatto della ferrovia. Grazie allo spostamento della stazione in una zona più periferica della città. a vantaggio di una maggiore vivibilità e a beneficio anche del traffico veicolare. . in particolare per: • l’adeguamento delle stazioni. è stato motivato dall’esigenza di potenziare i collegamenti con l’aeroporto. TUNNEL dI CASTELLANZA Il raddoppio in tunnel della tratta Rescaldina-CastellanzaBusto Arsizio della linea Milano-Malpensa. riduzione dell’impatto ambientale. eliminazione dell’effetto “taglio” sui centri abitati. Per maggiori approfondimenti sull’intervento di Castellanza si veda il capitolo “Migliorare la qualità e potenziare il servizio offerto”. con la realizzazione dei sottopassaggi pedonali e viabilistici. • la realizzazione della nuova stazione di Milano Affori. ha consentito di eliminare tutti i passaggi a livello cittadini. interscambio con la linea 3 della Metropolitana Milanese. la realizzazione del tunnel. limitando al contempo l’impatto della ferrovia sul centro abitato di Castellanza.

con una selezione di mete e itinerari di interesse culturale. funivie.). in collaborazione con la Regione Lombardia e con enti e istituzioni locali. . quali ad esempio: • il biglietto speciale Terme di Boario per viaggiare sulla linea Brescia-Iseo-Edolo e accedere agli stabilimenti termali a una tariffa promozionale. in abbinamento anche ad altri mezzi di trasporto (battelli. aggiornata ogni anno. sia sul Ramo Milano che sul Ramo Iseo. Sul sito www. e sono stati completati i lavori per la realizzazione di opere sostitutive dei passaggi a livello nel comune di Roncadelle. • i biglietti integrati Treno+bici e Famiglia per scoprire le bellezze della Valle Camonica in treno e battello. TURISMO IN TRENO Il Gruppo FNM. le scuole e gli oratori che scelgono di muoversi in treno alla scoperta del territorio lombardo. propone itinerari turistici.it è presente una sezione. sono stati siglati accordi per incentivare l’uso del treno e valorizzare le risorse turistiche del territorio. attraverso l’emissione di biglietti ferroviari speciali e integrati.104 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 RIQUALIFICAZIONE dELLA LINEA BRESCIA-ISEO-EdOLO Nel biennio sono stati avviati i lavori per l’ammodernamento della stazione di Capo di Ponte. artistico o naturalistico da raggiungere in treno. etc. attraverso la realizzazione di un’area di interscambio e di un sottopasso ciclopedonale per l’eliminazione del passaggio a livello. Nel biennio 2008-09. biglietti speciali e integrati e agevolazioni per le comitive.lenord.

cessione a titolo gratuito di spazi pubblicitari) o denaro. in beni (es.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE sOCIALe 105 SERVIZI SPECIALI In occasioni di eventi e manifestazioni di rilevanza per il territorio il Gruppo FNM organizza servizi speciali di trasporto . Le attività di sponsorizzazione vengono seguite per tutte le società del Gruppo da VIENORD. sociale e sanità. cultura e spettacolo. le sponsorizzazioni del Gruppo. SPONSORIZZAZIONI Le sponsorizzazioni e contribuzioni volontarie rappresentano per il Gruppo un importante strumento di dialogo e relazione con gli stakeholder e un modo per contibuire alla crescita e alla valorizzazione delle aree attraversate dalla ferrovia. convegni ed eventi di contenuto onnicomprensivo. hanno interessato in particolare cinque aree tematiche: sport. Nel biennio. con priorità per le richieste provenienti dal territorio servito da LeNORD. l’effettuazione di treni o di servizi automobilistici straordinari. mobilità. tra cui: • Mondiali di ciclismo Varese 2008 • Notte Bianca a Varese • Notte Bianca a Como • Ferragosto Lavenese • 103° Giro di Lombardia. l’emissione di biglietti speciali a tariffe agevolate.sia ferroviari che automobilistici .che possono includere modifiche alla composizione dei treni programmati. . Nel biennio 2008-09 il Gruppo FNM ha supportato le richieste di servizi straordinari o biglietti speciali in occasione di diversi eventi di interesse per il territorio. l’eventuale utilizzo di treni d’epoca.

106 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 .

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| 107 LA DIMENSIONE AMBIeNtALe L'impegno per la sostenibilità Obiettivo “Ridurre l'impatto ambientale” Obiettivo “Sviluppare una mobilità sostenibile” 108 114 122 .

108 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 L'IMPEgNO PER LA SOSTENIBILITà In un settore come quello del trasporto pubblico la sostenibilità rappresenta non solo una delle priorità da perseguire nella gestione di infrastrutture e servizi. con l’obiettivo di individuare eventuali aree di criticità e possibili soluzioni migliorative dell’efficienza nell’erogazione del servizio. investendo al contempo nello sviluppo di progetti innovativi per il controllo e il contenimento dell’impatto ambientale delle proprie attività. . Il conseguimento a inizio 2009 della certificazione ambientale iso 14001:2004 da parte di LeNORD rappresenta una tappa importante nel percorso avviato nel 2006 per il riconoscimento del rispetto degli standard internazionali di gestione ambientale. ma anche una fondamentale chiave di sviluppo delle attività. abbiamo voluto investire risorse e professionalità per assicurare un controllo più puntuale sui parametri ambientali. Il nostro Gruppo ha raccolto la sfida di soddisfare le crescenti esigenze di mobilità del territorio. Nel quadriennio appena trascorso. inoltre.

599 100 L’impatto ambientale delle attività del Gruppo è misurabile in termini di input (consumi energetici e idrici) e output (produzione di rifiuti e scarichi).936.213.850 2009 92.930 344 1.542 3.259.417.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE AMBIeNtALe 109 L’IMPATTO AMBIENTALE dELLE ATTIVITà dI TPL (Lenord + ferrovienord + fnm autoservizi) U.146 3.274.196 20.682.153.866 23.398.661. .d.090.018 771 100 1.053 399.458 444.422 2.814.878 3.341 2.791 100 1.536 1.406.130.738 20.484 100 1.382.719.161 1.283 1.943 1.386 2008 83.m.273 3.692 1.043 1.404 1.071 310.505.873 3.440 23. INPUT Energia elettrica per trazione rotabili Gasolio per trazione rotabili Energia elettrica per impianti / uffici Gas metano per impianti / uffici Acqua per impianti / uffici Gasolio autotrazione OUTPUT Rifiuti pericolosi Rifiuti non pericolosi Rifiuti metallici da rottamazione rotabili Acqua per usi tecnologici depurata Ton Ton Ton % kWh l kWh mc mc l 2006 82.181.041 1.298 396.081 2007 77.117.555.173.

dei 14 milioni di pendolari che quotidianamente si spostano verso le grandi città poco più del 18% .5 1. sono dovute al trasporto su gomma. Considerando infatti che: • le emissioni di gas serra del settore dei trasporti continuano infatti ad aumentare* e toccano oggi i 133 milioni di tonnellate annue.78 0. 3.4 e i 3. L’aumento della quota del trasporto ferroviario può offrire soluzioni concrete in termini di efficienza ambientale e abbattimento dei costi esterni (ovvero quelli che ricadono sulla collettività senza essere sostenuti da chi li ha generati). infatti. Secondo l’ultima edizione del “Rapporto Ambiente Italia” di Legambiente. • la scelta del treno porta a un risparmio medio di circa 74 grammi di CO2 per viaggiatore/chilometro.07 Aereo Autovetture 77% Aereo 13% Motocicli e ciclomotori 4% Trasporto collettivo su gomma 4% Ferrovie 1.06% Strada Merci Passeggeri Rotaia Emissioni di CO2 in Italia per modalità di trasporto Costi ambientali per mezzo di trasporto. il contributo del treno alle emissioni di co2 è quattro volte inferiore a quello delle automobili. Elaborazione su dati AdT .95% FNM 0.5 0.5 milioni tonnellate annue in meno di co2.32 0.0 2.utilizza il treno. pari al 92% delle emissioni del comparto.01€/pkm 0. Il risparmio ambientale derivante dall’utilizzo del treno diviene ancora più significativo proiettandolo sul trasporto di pendolari normalmente abituati a utilizzare l’auto privata.0 1. agricoltura e pesca 84 e pesca 84 agricoltura Uso industriale 27 Uso industriale 27 altro 2 altro 2 Emissioni di CO2 in Italia per settore (milioni di tonnellate) Emissioni di CO2 in Italia per modalità di trasporto Il trasporto su ferro rappresenta un’alternativa di sostenibilità rispetto ad altre modalità che producono maggiori “costi ambientali”.0 0.07 0.V° Rapporto e FNM * WWF Italia: “Potenziale delle misure di riduzione del gas serra nel sistema dei trasporti italiani” settembre 2009 . pari al 28% del livello emissivo complessivo.5 2.73 0. Settore civile.2 0. A parità di chilometri e di merci e passeggeri trasportati. • di questi ben 123 milioni. si calcola che l’incremento del 10% della quota di trasporto su rotaia porterebbe a un risparmio di emissioni compreso fra i 2. oltre a rappresentare un’importante opportunità di sviluppo sia per il territorio di riferimento che per il sistema Paese.ovvero solo 2 milioni e 640 mila.110 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 TRASPORTO Su FERRO: un’alternativa di sostenibilità Emissioni di CO2 in Italia perin Italia (milioni di tonnellate) tonnellate) Emissioni di CO2 settore per settore (milioni di Energia 249 Energia 249 Trasporti 128 Trasporti 128 Settore civile.0 2. 400 mila dei quali in Lombardia .

6 10 15 18.3 46.9 31. Elaborazione su dati AdT – V° Rapporto e FNM.92 15.47 20 40 60 80 Consumo specifico per passeggero*km in gep (grammi equivalenti di petrolio).Voli internazionali Aereo .Voli nazionali 0 gep/passeggero*km 8. .|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE AMBIeNtALe 111 Pullman Metropolitane Tranvie LeNORD Ferrovie (media Italia) Autobus urbani Motocicli e ciclomotori Autovetture diesel Autovetture a benzina Aereo .96 23.4 26.4 37.5 64.

milano saronno . se si considera che su alcune tratte il costo complessivo del viaggio è da 3 a 7 volte inferiore rispetto a quello in auto. Anche sul fronte della spesa il treno risulta di gran lunga il mezzo più economico.70 7. aggiudicandosi l’edizione 2009 del trofeo caronte. Il trasporto su ferro è risultato fino a quattro volte più conveniente dal punto di vista ambientale rispetto all’auto privata relativamente a parametri quali dispendio energetico ed emissione di gas climalteranti. Quest’anno l’edizione lombarda della competizione ha coinvolto non solo le principali tratte percorse dai pendolari per raggiungere Milano. ma anche quelle afferenti il secondo grande polo urbano della Lombardia.milano iseo .90 6.77 4.40 8. ovvero Brescia.8 4. oltre che più veloce su 11 delle 13 direttrici per Milano e su 3 delle 4 che portano a Brescia.18 2 Risparmio di tempo e denaro rilevato da Legambiente. trofeo caronte 20092 percorso varese . la gara fra treno e auto organizzata ogni anno da Legambiente.112 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 TROFEO CARONTE: LA RIVINCITA dEL TRENO Per il terzo anno consecutivo il treno si è confermato il mezzo di trasporto più efficiente in termini di tempo. risparmio ambientale stimato in base al V° Rapporto Amici della Terra . spesa e impatto ambientale.brescia distanza percorsa dal treno (km) 49 20 26 distanza percorsa dall’auto (km) 61 31 30 risparmio tempo (minuti) 58 39 10 risparmio economico risparmio ambientale (euro) (cent euro/pkm) 16.

è ancora in fase di sviluppo. Lenord ha ottenuto ufficialmente la certificazione 14001 a inizio 2009. L’AMBIENTE. partito nel 2007. pari cioè all’86% dell’estensione di una città come Milano.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE AMBIeNtALe 113 IL CONTRIBuTO DEL gRuPPO al risparmio ambientale Negli ultimi anni abbiamo avviato uno studio sui costi esterni legati alle diverse modalità di trasporto. Dal punto di vista strettamente ambientale il risparmio di emissioni di co2 accumulato nell’ultimo biennio grazie a LeNORD è stato di 120 mila tonnellate. grazie alla gestione di un servizio di trasporto pubblico utilizzato ogni anno da circa 50 milioni passeggeri. oltre che di utilità pubblica. ferroviario e automobilistico e sui vantaggi relativi in termini di benefici per la collettività. • la creazione di un database per la gestione delle schede di sicurezza dei prodotti chimici. • il miglioramento delle modalità di deposito temporaneo dei rifiuti. è pari a 400 milioni di euro. . Dopo una fase di pre-audit effettuata nel corso del 2007. • l’attuazione di interventi di risparmio energetico e idrico. grazie all’implementazione di progetti specifici quali: • la ristrutturazione di una parte del deposito manutentivo di Iseo.000 campi da calcio. il valore prodotto da Lenord per la collettività in termini di contenimento dei costi esterni. Per compensare un livello simile di emissioni sarebbe necessaria una foresta grande come 18. • il censimento e la razionalizzazione dei punti di emissione in atmosfera dei siti manutentivi. • la sensibilizzazione del personale. UN IMPEGNO CERTIFICATO Fin dal 2006 il Gruppo FNM ha avviato un percorso di certificazione ambientale ISO 14001. • l’inserimento di requisiti ambientali nei capitolati di fornitura dei servizi e l’effettuazione di audit sui fornitori. Per FERROVIENORD l’iter di certificazione. • l’ottimizzazione del ciclo di depurazione delle acque a Novate e la realizzazione di un nuovo depuratore a Iseo.

che incidono cioè sulla collettività. tante sono le sfide con le quali ci stiamo confrontando in tema di efficienza energetica e mobilità sostenibile.114 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 OBIETTIVO “RIDuRRE L’IMPATTO AMBIENTALE” Nel corso degli ultimi quattro anni il nostro Gruppo ha continuato a investire risorse per ridurre l’impatto delle proprie attività sull’ambiente. . La policy ambientale adottata si è sviluppata secondo alcune direttrici principali: • rendicontazione puntuale • efficienza energetica • razionalizzazione consumi • recupero risorse • sviluppo di progetti nel campo della sostenibilità energetica. Accanto alle strategie messe in campo per il contenimento dei consumi e del livello emissivo. oltre a comportare per l’azienda diversi vantaggi a livello di contenimento dei costi economici e dei costi esterni. EFFICIENZA NELL’uTILIZZO delle risorse Un utilizzo efficiente delle risorse rappresenta il primo punto dal quale partire per migliorare la qualità del servizio.

Servizio autolinee Sul fronte del trasporto passeggeri su gomma.come energia elettrica e gasolio . Relativamente al trasporto passeggeri ferroviario. per favorire una rilevazione puntuale e un’analisi sempre più precisa delle risorse effettivamente impiegate. nonché dell’area recentemente ristrutturata nel deposito di Iseo. Nel 2007 è stata avviata un’analisi approfondita del quadro energetico per valutare eventuali variazioni nel fabbisogno di alcune aree. che permette oggi una rilevazione più puntuale rispetto al passato. . di sicurezza dei viaggiatori (telecamere e impianti citofonici a bordo) e di prestazioni superiori. che migliorano la regolarità del servizio. con l’avvio di un’attività di telelettura dei dati relativi alle singole sottostazioni e di lettura da contatore dei dati di consumo degli immobili occupati da LeNORD. infatti. a fronte di maggiori livelli di comfort (condizionamento delle vetture. soprattutto in termini di accelerazione. scende invece drasticamente il livello di consumi idrici.parte necessariamente da un monitoraggio costante e puntuale del livello di consumi a esse associato. individuando possibili strumenti di copertura. Grazie a interventi di riduzione delle perdite. e da condizioni climatiche piuttosto rigide. il consumo di energia elettrica per impianti e uffici. dall’altro al progressivo rinnovo del parco mezzi. da un lato all’incremento produttivo. è tornato a salire in seguito all’avvio del nuovo capannone per la pulizia dei rotabili di novate. nel corso degli ultimi quattro anni è stato gradualmente introdotto il sistema sap per il monitoraggio dei consumi. che si era andato riducendo nel biennio precedente grazie a interventi mirati a favorire il risparmio energetico. Anche l'incremento nel consumo di metano è stato motivato dal riscaldamento del nuovo capannone. Inoltre. nonostante l’attività di lavaggio dei rotabili sia stata potenziata. il generale contenimento dei consumi risulta in linea con la progressiva diminuzione dei livelli produttivi. LIVELLO dEI CONSUMI Servizio ferroviario La crescita dei consumi di energia elettrica di trazione registrata nel 2008 è legata.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE AMBIeNtALe 115 MONITORAggIO e razionalizzazione dei consumi L’ottimizzazione di risorse indispensabili per il trasporto su rotaia . ovvero all’aumento di treni per chilometri percorsi (e lo stesso vale per il dato relativo al gasolio). assorbono una maggiore quantità di energia. I nuovi TSR. Per garantire un’analisi puntuale dei consumi elettrici si è inoltre intervenuti sul sistema di monitoraggio. informazioni a bordo).

090 * I consumi di gas metano relativi al biennio 2006-2007 non sono direttamente confrontabili con quelli del biennio successivo in quanto relativi solo a una parte delle utenze.213.m.274.378.536 1.d.000 2008 426.823 3.041 1.341 2.509 2.298* 381.000 3.922.272.151. kWh mc l 2006 436. kWh l kWh mc Mc l 2006 82.071* 296.116 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 CONSUMI ENERGETICI TOTALE LeNORd + FERROVIENORd SERVIZIO FERROVIARIO Energia elettrica per trazione rotabili Gasolio per trazione rotabili Energia elettrica per impianti / uffici Gas metano per impianti / uffici Acqua per impianti / uffici Gasolio autotrazione U.840 TOTALE FNM Autoservizi SERVIZIO AUTOLINEE Energia elettrica per impianti / uffici Gas metano per impianti / uffici Gasolio autotrazione U.230* 381.273 460.159 2009 410.196 20.m.177 1.173.927 100.386 2008 83.921.663.624.661.949* 429.346 310.409.440 22.117.000 2007 484.181. La progressiva informatizzazione dei consumi attualmente in corso permette oggi una rendicontazione più puntuale.766 107.283 1. .042 461.000 95.417.240.053.692 1.081 2007 77.691 2009 92.d.000 2.811 2.866 23.626.738 19.873 315.937.130.611 95.234 1.

riduzione delle perdite in calore e degli effetti dovuti alle sovratensioni progetto di recupero energia di frenatura Recupero energia cinetica estratta da una quota di quella che si dissipa durante il rallentamento del veicolo Tutta la rete FERROVIENORD ha inoltre aderito su proposta del Politecnico di Milano al progetto di ricerca “sistemi innovativi per il risparmio energetico negli impianti di trasporto metropolitano”. da quelli che interessano i sistemi di illuminazione della rete per evitare dispersioni a quelli per la valorizzazione di energia ancora in circolo. in attesa di valutazione presso il Ministero finanziatore. tipologia di intervento installazione di impianti di illuminazione a basso consumo installazione impianti per la dimerazione finalità Diminuzione consumi per illuminazione Regolazione automatica del flusso luminoso in base all’intensità della luce naturale e alla vicinanza del treno Contenimento sprechi Location interessate 9 stazioni della tratta Saronno Quarto Oggiaro 9 stazioni della tratta Saronno – Quarto Oggiaro vantaggi/risultati Diminuzione del 40% del consumo complessivo.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE AMBIeNtALe 117 INTERVENTI DI EFFICIENZA energetica Diversi sono i progetti che FNM sta portando avanti per incrementare l’efficienza nell’utilizzo delle risorse energetiche per le proprie attività. in relazione al previsto incremento del consumo elettrico. . con i seguenti obiettivi: • valutare l’affidabilità del sistema di alimentazione elettrica attuale. • individuare le modalità di riduzione dei costi di esercizio e di investimento del sistema di alimentazione. dagli attuali 135 a 50 kw Diminuzione consumi e allungamento fino al 200% della vita media delle lampade installazione impianti di razionalizzazione accensione Tutta la rete (torri faro e gallerie) Accensione automatica/ alternata e regolazione intensità del flusso luminoso Recupero di energia. • sviluppare nuove soluzioni tecnologiche per incrementare la quota di recupero dell’energia di frenatura.

• l'adozione di pannelli fotovoltaici e pompe di calore nella nuova stazione di Castellanza. • la copertura delle piazze della nuova stazione di interscambio di Cormano. di una centrale termoelettrica alimentata da una fonte pulita come il metano. Fra i progetti in cantiere anche la realizzazione. con una potenza di picco di 5kW e una produzione media giornaliera di 15 kWh. e quella di Cagno in Lombardia. grazie alla produzione di energia pulita. • la copertura della passerella ciclopedonale della fermata di Bruzzano.118 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 L’INVESTIMENTO sulle fonti rinnovabili L’investimento nel settore delle rinnovabili rappresenta una modalità di valorizzazione del patrimonio infrastrutturale della rete. garantirà al sistema infrastrutturale locale un canale di approvvigionamento energetico alternativo in caso di problemi sulla rete nazionale. il Gruppo sta sviluppando diversi progetti nel settore della produzione elettrica. stazioni e pensiline che. Sono attualmente previsti alcuni progetti mirati.Best Available Techniques) la centrale sarà caratterizzata da livelli minimi di emissioni in atmosfera. in partnership con altri soggetti dell’industria locale. Inoltre Nord Energia sta sviluppando un programma di ricerca per l’implementazione di tecnologie altamente innovative a livello mondiale per la cattura della CO2 tramite coltivazione di microalghe e strippaggio post-combustione. ben al di sotto delle soglie previste dalla normativa vigente a livello nazionale e regionale. fin dal 1996 FERROVIENORD ha deciso di investire in questo settore. In questo ambito è stata realizzata la prima merchant line del mercato elettrico italiano liberalizzato. grazie alla collaborazione di CESI e Montele.500 kWh all’anno. Fra i precursori delle politiche di sostenibilità in Italia. finalizzati ad aumentare l’autonomia energetica delle proprie attività e a offrire un contributo alla copertura del fabbisogno regionale. L’elettrodotto. che consente la commercializzazione dell’energia proveniente dal nord Europa. nel Canton Ticino. comprendente 450 mq di pannelli. L’impegno del Gruppo nel settore delle fonti rinnovabili rimane costante. Grazie all’adozione delle migliori tecnologie disponibili presenti sul mercato (BAT . con l’ installazione di 370 mq di pannelli. tra i quali: • la copertura del deposito rotabili di Camnago. partecipata al 60% da FNM e per il restante 40% da Azienda Elettrica Ticinese. possono contribuire alla riduzione di costi esterni e di fornitura. sfruttando i benefici economici legati a un livello più contenuto di prezzi. completamente interrato per minimizzare l’impatto ambientale e paesaggistico. UNA RISPOSTA SOSTENIBILE ALLA dOMANdA dI ENERGIA Tramite nord energia. . il nuovo elettrodotto di collegamento fra la sottostazione di Mendrisio. installando. un sistema di pannelli fotovoltaici di 3 kW di potenza sul tetto della stazione di Bovisa che ancora oggi produce circa 6.

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE AMBIeNtALe 119 EMISSIONI IN ATMOSFERA Nel calcolare il livello complessivo delle emissioni di gas serra legate alle attività del Gruppo si è tenuto conto non solo delle fonti dirette. emissioni co2 pm noX so2 Ton Ton Ton Ton 56.640 33 207 290 61.061 8.m.309 4. emissioni co2 pm noX so2 Ton Ton Ton Ton 9. Secondo un’elaborazione effettuata da LeM Consulting* su una delle linee di NORDCARGO.050 2006 2007 2008 2009 UN TRENO = 35 TIR IN MENO Il trasporto merci su rotaia rappresenta un’alternativa di sostenibilità rispetto al trasporto su gomma. • circa 5 milioni di euro di costi esterni annui risparmiati.300 TIR in meno in transito dal San Gottardo e sulle strade italiane. i 580 treni che viaggiano annualmente tra Domodossola a Faenza (290km) comportano i seguenti vantaggi ambientali: • oltre 20. • circa 11.269 5.329 36 228 317 66. LeNORd + FERROVIENORd u. legate essenzialmente ai consumi di energia elettrica.919 3.40 146 0.m. ma anche di quelle indirette.054 7.776 2. ANPA Agenzia Nazionale Protezione Ambiente .536 34 216 307 53.87 113 0. ovvero l’insieme della flotta in servizio (treni.93 131 0. ovvero quelle che dipendono dai fornitori del Gruppo.847 39 248 347 2006 2007 2008 2009 FNM Autoservizi u.800 tonnellate di CO2 risparmiate.049 7. * su dati NORDCARGO 2009. Amici della Terra V Rapporto.20 165 0. autotreni e autobus) oltre agli impianti per la climatizzazione di uffici e stazioni.

i consumi idrici risultano diminuiti rispetto al biennio precedente.860 14.800 399. negli ultimi quattro anni è stata avviata una campagna di rilevazione delle emissioni sui motori dei mezzi a trazione diesel. Le misurazioni.873 2008 42.000 396. Servizio autolinee In linea con i nuovi parametri di contenimento emissivo previsti dalla normativa nazionale e locale.120 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 MISURE dI CONTROLLO dEL LIVELLO EMISSIVO 1 Servizio ferroviario 3 2 Per fornire un quadro più completo ed esaustivo dei quantitativi di gas immessi in atmosfera.273 2009 38.146 2007 84. nonostante il progressivo potenziamento delle attività di lavaggio dei rotabili.500 310.727 297. hanno confermato il rispetto degli standard di emissione previsti dall’UIC – Union International des Chemins de Fer. Inoltre grazie all’installazione di dispositivi di abbattimento del particolato (FAP) sui rimanenti bus “Euro 0” verrà ulteriormente limitato questo tipo di emissioni. 151 . EFFICIENZA IDRICA Grazie agli interventi di riduzione delle perdite di rete nel sito di Novate Milanese.619 17.182 257. in particolare con il divieto di circolazione di autobus omologati per il servizio di TPL aventi emissioni di particolato superiori al livello “Euro 0”3. nel corso di quattro anni. 4 Nel primo semestre del 2008 è stato inoltre portato a termine l’adeguamento degli impianti dei depositi manutentivi di Novate e Iseo che sono ora sottoposti a costanti monitoraggi.000 444.254 297. si è provveduto all’adeguamento del parco mezzi di FNM Autoservizi con la dismissione di 24 bus “Euro 0” e l’entrata in servizio di 23 nuovi autobus “Euro 5”.542 3) Legge Regionale 24/2006 “Norme per la prevenzione e riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell’ambiente” Approfondimento in appendice Parco autobus: livelli di emissioni.619 15. pag.208 387. Si evidenzia in particolare il risultato di LeNORD che. ha fatto registrare una riduzione del livello di consumi idrici del 54%. effettuate a titolo volontario e a fini precauzionali.065 15. Tabella consumi idrici per impianti/uffici (mc) 2006 LeNORD FERROVIENORD FNM Autoservizi totaLe 83. Unione Internazionale Ferrovie.

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| LA DIMENSIONE AMBIeNtALe 121 gESTIONE dei rifiuti Censimento dei materiali di scarto prodotti. • progressiva messa a regime del sistema di tracciabilità dei rifiuti. RuMORE E VIBRAZIONI La produzione di rumore e vibrazioni rappresenta un fronte importante su cui lavorare per contenere i costi esterni del transito di treni in zone fortemente urbanizzate.791 2008 1.484 2009 1. che ha consentito una più puntuale rendicontazione. • studi per la misurazione e l'analisi delle vibrazioni indotte dal transito dei treni a Seveso. sistemazione delle aree di deposito temporaneo sono le linee direttrici seguite nella gestione dei rifiuti. Vanzaghello e Affori. Bovisa .878 3. • elaborazione di Piani di azione per il contenimento del rumore lungo le tratte Cadorna . Nel biennio appena trascorso sono stati effettuati studi sul livello di inquinamento acustico prodotto e realizzate alcune opere di adeguamento lungo diverse tratte della linea. • incremento delle attività manutentive. • avvio di tre progetti pilota per la posa di barriere fonoassorbenti fino a 4 metri di altezza nei Comuni di Novate. • messa a regime e piena attuazione della certificazione ambientale di LeNORD. • sensibilizzazione dei responsabili delle diverse unità organizzative e del personale operativo anche tramite incontri di formazione sul tema specifico. Nell’ottica di un monitoraggio costante sulla presenza di materiali pericolosi nelle aree di attività.789 2007 1. pericolosi e non.Bovisa. • ammodernamento del parco rotabili.Affori della linea Milano . 151 .Vanzaghello (linea Milano .Novara) e alle stazioni di Milano Affori e Milano Cadorna.Seveso .404 1. Rescaldina e Saronno. Rifiuti prodotti (ton) TOTALE LeNORd + FERROVIENORd + FNM Autoservizi Rifiuti pericolosi Rifiuti non pericolosi 2006 344 1.Malpensa. in linea con quanto stabilito dalla normativa comunitaria e nazionale.Quarto Oggiaro e Novate Saronno della linea Milano .Camnago). Approfondimento in appendice Opere ambientali (rumore e vibrazioni). pag. Magnago . • campagna di misurazione e analisi del rumore e delle vibrazioni sulle tratte Cadorna . In particolare: • installazione di barriere fonoassorbenti nei tratti relativi ai comuni di Barlassina (linea Milano . incremento della raccolta differenziata dei materiali in uffici e impianti.Malpensa.Quarto Oggiaro e Bovisa .599 L’aumento progressivo dei rifiuti rendicontati registrato nel corso degli ultimi quattro anni è fortemente legato a: • incremento dei livelli di produzione. abbiamo avviato un’operazione di censimento dell’amianto presente nel pietrisco della massicciata e organizziamo corsi di formazione specifici su come trattare questo tipo di materiali. tracciabilità dei rifiuti.043 1.

. Pavia. incremento q. ha attivato negli ultimi quattro anni tre bandi diretti a finanziare il rinnovo dei parchi veicolari degli enti locali attraverso l’introduzione di veicoli a basso o nullo impatto ambientale e la contestuale rottamazione dei veicoli inquinanti. Brescia. Cremona. insieme a Kaleidos. Como. che nell’ambito del proprio programma di lotta all’inquinamento e riduzione delle emissioni in atmosfera. Lecco. di cui: • Gruppo FNM • Metropolitana Milanese • Saronno Servizi Integrati. riducendo il gap economico ancora esistente rispetto ai mezzi a benzina: da questa precisa idea imprenditoriale nasce sems. Bergamo.122 |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 OBIETTIVO “SVILuPPARE uNA MOBILITà SOSTENIBILE” Rendere economicamente sostenibile la scelta della trazione elettrica.A per il servizio di trasporto pubblico lungo la tratta Saronno-Solaro. che rappresentano il suo mercato di riferimento primario. • ricerca di nuove soluzioni di mobilità sostenibile. con vantaggi evidenti dal punto di vista ambientale in termini di contenimento emissivo e di inquinamento acustico. Varese. con particolare attenzione all’implementazione tecnologica di veicoli bimodali. leader in Italia nella progettazione e costruzione di veicoli a trazione elettrica. • Aziende Sanitarie e Ospedaliere • 16 Aziende Ospedaliere nelle province di Milano.2009 182 Un’altra sinergia importante è quella con il Politecnico di Milano per lo sviluppo di progetti innovativi. Attualmente è allo studio uno spin-off per la produzione dei primi veicoli destinati alla commercializzazione. con prestazioni e costi assimilabili a quelli dei veicoli tradizionali • proposta di modelli alternativi di mobilità. elettrica per il circuito cittadino e benzina Euro 4 per percorsi extraurbani. In particolare. Como.2007 127 2008 .A. che ne detiene la quota di maggioranza. Inoltre. e micro-vett.p.ta +55 % +46% Veicoli noleggiati 2006 . SEMS sviluppa la propria mission attraverso tre direttrici principali: • offerta di veicoli a ridotto impatto ambientale. la società fondata nel 2004 dal gruppo fnm.p. Varese. pari alla quantità assorbita da una foresta grande come 100 campi da calcio è la quantità di anidride carbonica che non verrebbe immessa nell’ambiente da una flotta composta da 500 veicoli elettrici (ipotizzando una percorrenza di 5. Attualmente i principali clienti del servizio noleggio vetture elettriche o bimodali sono: • Enti locali • 50 Comuni nelle province di Milano. nonché un servizio di trasporto dipendenti per la società Italtel S. Lodi.500 km all’anno) rispetto a un’analoga flotta composta da veicoli con motori a combustione. 635 tonnellate di CO2 l’anno. tre Aziende Sanitarie Locali • Enti e società di pubblica utilità. Monza. Brescia. nel biennio 2008-2009 SEMS ha costituito un’ATI con FNM Autoservizi S. tra il 2005 e il 2009 è stato realizzato il prototipo bimodale Tecnobim. Lecco Mantova. I principali interlocutori di SEMS sono: • la Regione Lombardia. anche attraverso lo sviluppo di progetti di car sharing.. Monza. • il complesso degli enti locali e delle società pubbliche. Sondrio. dotato di una doppia motorizzazione. Cremona. società specializzata nel noleggio di veicoli.

|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| 123 APPENDICE .

Desenzano-Sirmione und Peschiera d.LeNORd: LA FLOTTA AL 31 dICEMBRE 2009 LeNORd Locomotive Locomotive diesel Mezzi leggeri elettrici (elettromotrici) Mezzi leggeri diesel (automotrici) Composizioni TAF (4 pezzi) Composizioni TSR a oggi (5 pezzi) Composizioni TSR a oggi (3 pezzi) Carrozze Totale veicoli/pezzi (compresi i pezzi delle composizioni) 51 17 26 (104 pezzi) 25 (125 pezzi) 17 (51 pezzi) 171 526 7 Trenitalia 121 6 177 93 9 (36 pezzi) 894 1.853 IL RAMO BRENNERO (dB-ÖBB-LeNORd): ORARIO ATTUALE Italia . Garda a Verona.124 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 L ’IDENTITà DEL gRuPPO FNM Trenitalia .N.Monaco EC 82 Milano Pt. con fermate a: Brescia. .327 NewCo 128 6 228 110 35 (140 pezzi) 25 (125 pezzi) 17 (51 pezzi) 1.065 1. Garibaldi Bologna Centrale Verona P. Rovereto Trento Bolzano Bressanone Fortezza Brennero Innsbruck Jenbach Wörgl kufstein Rosenheim München Ost München HbF 10:36 10:58 11:14 11:24 11:45 12:16 12:25 12:36 12:58 13:14 13:24 13:45 14:16 14:25 14:36 14:58 15:14 15:24 15:45 16:16 16:25 16:36 16:58 17:14 17:24 17:45 18:16 18:25 18:36 18:58 19:14 19:24 19:45 20:16 20:25 20:36 20:58 21:14 21:24 21:45 22:16 22:25 07:05 07:47 08:04 08:43 09:10 09:23 09:05 09:47 10:04 10:43 11:10 11:23 12:41 13:10 13:23 EC 88/93* 06:40 EC 80 EC 84 EC 86 EC 188 11:55 13:05 13:47 14:04 14:41 15:10 15:23 15:05 15:47 16:04 16:41 17:10 17:23 * Il treno circola come EC 93 da Milano.

con fermate a: Peschiera d.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 125 Monaco . Desenzano-Sirmione e Brescia per Milano. Bologna Centrale Milano Pt.Italia EC 81 München HbF München Ost Rosenheim kufstein Wörgl Jenbach Innsbruck Brennero Fortezza Bressanone Bolzano Trento Rovereto Verona P.N. . Garda. Garibaldi 21:35 10:52 11:02 11:34 12:52 13:02 13:36 14:10 14:26 15:21 14:52 15:02 15:36 16:10 16:26 16:52 17:02 17:36 18:10 18:26 19:22 18:52 19:02 19:36 20:10 20:26 07:31 07:40 08:12 08:36 08:46 09:02 09:27 EC 85 09:31 09:40 10:12 10:36 10:46 11:02 11:27 EC 87 11:31 11:40 12:12 12:36 12:46 13:02 13:27 EC 89/92* 13:31 13:40 14:12 14:36 14:46 15:02 15:27 EC 83 15:31 15:40 16:12 16:36 16:46 17:02 17:27 EC 189 17:31 17:41 18:12 18:36 18:46 19:02 * Il treno circola come EC 92 da Verona.

625 9.318 19.3% 2.180 82.175 302.di cui remunerazione del personale .836 -37 20.712 19.645 -275 19.986 120.076 6.434 3.443 18.848 141.767 6.3% 303.884 16.9% 309.877 7.429 14.843 2.4% 3.943 113.272 179.1% 2009 266.799 12. mateiali di consumo Costi per i servizi Costi per il personale Ammortamenti e svalutazioni Altri costi operativi totaLe U.280 9.6% 4.597 57 13.568 173.8% 2.925 85.452 13.875 137.097 18.316 160.434 -154 19.5% 2.223 10.170 20.963 -206 13.523 19.600 93.4% 286.295 16.730 19.654 5.362 170.632 -556 16.0% 5.735 269.0% 6.di cui remunerazione della azienda % % % % .402 2.894 137.510 1.9% 5.076 6.807 1.287 85.508 24.647 151.973 112.447 134.3% 5.747 16.046 138.272 3.2% 5.370 9.8% 2008 251.2% 3.647 6.405 294.101 3.479 116.m.049 27.271 20.9% 2.9% 2007 234.860 185.757 7.370 9. k Euro k Euro k Euro k Euro k Euro k Euro k Euro k Euro k Euro k Euro K euro 2006 231.910 9.161 1.6% 7.241 27.316 2.6% 3.843 156.7% risultato operativo K euro gestione finanziaria K euro risultato ante imposte K euro Imposte sul reddito k Euro utile netto da operazioni in continuità K euro Utile (perdita) netta da operazioni discontinue k Euro utile netto consolidato K euro di cui utile attribuibile agli azionisti della controllante K euro perdita attribuibile agli azionisti di minoranza K euro indici di redditività Ebit ROI ROE % % % Euro Euro Euro Euro euro OBIETTIVO "Creazione di valore" (migliaia di euro) riclassifica a valore aggiunto Ricavi e proventi Bilancio consolidato Costi intermedi di produzione Gruppo FNM Valore aggiunto lordo Ammortamenti e svalutazioni valore aggiunto netto ripartizione valore aggiunto netto .4% 1.843 8.904 88.598 6.598 165.407 50.di cui remunerazione dei finanziatori .101 -476 19.296 313.450 88.272 -1.054 30.777 -20 7.834 283.397 12.752 21.886 307.184 912 35.126 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 LA DIMENSIONE ECONOMICA QUAdRO dI SINTESI dATI CONTO ECONOMICO Bilancio consolidato Gruppo FNM (migliaia di euro) ricavi TPL ferroviario e automobilistico Trasporto merci Altri servizi di trasporto Altri proventi totaLe costi Materie prime.d.579 291.2% 4.412 282.663 49.603 19.2% 316.567 19.315 135.597 2.di cui remunerazione della pubblica amministrazione .

695 149.000 8.046 19.322 7.649 33.2 15.058 105.806.76 trasporto ferroviario merci volumi di produzione ricavi da traffico km 1.000 6.000 7.000 7.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 127 OBIETTIVO "Aumentare l'efficacia dei servizi" servizio ferroviario volumi di produzione da cds ricavi (migliaia di euro) U.689 1.732 0.060.328.994 8.709.713 23.901 0.818 Euro 56.72 1.356.39 1.572 4.045 18.753 59.285 78.640 28.841.9 Treni-km commerciali .555 Altri ricavi k Euro 2.031.53 7.168.630 18.di cui TPL Introito medio per viaggiatore Ricavi da traffico bus-km Altri ricavi contributi e corrispettivi Corrispettivo e contributi all'esercizio Corrispettivo e contributi all'esercizio per bus*km km km km km Nr k Euro k Euro k Euro Euro/km Euro/km k Euro k Euro Euro/km 8.000 6.733.861 1.412 Ricavi medio per Treno*km commerciale Euro/km 15.027 5.649 7.71 0.71 Altri ricavi contributi e corrispettivi Corrispettivo da CdS Corrispettivo per treno-km gestione infrastruttura ferroviaria volumi di produzione ricavi Circolazione complessiva sulla rete Totale ricavi Corrispettivo da CdS Altri ricavi Corrispettivo per km binario Treni*km 7.363 39.810 3.636 0.010 4.2 164.1 13.130 84.648 1.14 2.04 Euro k Euro k Euro Euro 1.526 32.1 servizio automobilistico volumi di produzione Totale bus-km offerti .936.74 1.554.948.110.068 k Euro 167.831 14.709 7.671 2.865 65.209 8.130 78.572.026.571.d.di cui bus-km a contributo Bus-km prodotti Bus-km in subaffido Viaggiatori ricavi Ricavi totali Ricavi da traffico .830 60.1 187.807 7.8 13.11 1.96 2.48 7.371 73.827 6.72 6.119 4.649.300 7.64 7.131 0.530 8.112.961 92.465 5.685 233.280 53.936 10.917 8.24 7.250 Nr 6.15 22.606 18.693 152.300 8.257 5.025 k Euro 133.835.368 k Euro 78.847 99.08 12.653.717 15.12 16.147 Nr 52.942 137.m.842 8. bus-km sostitutivi) Viaggiatori Ricavi totali Ricavi viaggiatori Ricavi viaggiatori/treno-km Introito medio per viaggiatore km 7.737 3.834.029 5.417.055 8.020 60.446 160. 2006 2007 2008 2009 Treni-km (escl.143 Ricavi da traffico k Euro 30.467 35.103 52.324.113 5.233 Euro/km 7.837 6.100.217 18.502.258.000 7.193 4.40 7.613 2.69 1.74 1.518 7.703 5.680.740 Percorrenza media treno km 104 172 168 274 Ricavi totali k Euro 33.184 133.495.413 k Euro 92.00 2.189 65.159.314 1.799.435 53.579 5.842.862 3.74 1.534 88.1 180.899 8.281 5.11 12.967 8.013 87.127 8.870.671 1.300 k Euro 14.

456 1.4 10.950 2007 6.313 211 17.726 16.997 205.540 0.000 476 48.530 14.700 20.706 193 33. medio addetti Indice di copertura dei costi Costo del personale Costo operativo a treno-km Costo operativo Costro energia elettrica di trazione Costi di manutenzione gestione infrastruttura ferroviaria km binario per addetto Costi operativi Costo operativo per km di binario km di binario Costo del personale Costi di manutenzione servizio automobilistico Bus-km per addetto Nr.633 182.282 12.d.271 176 34.567 12.236 2. k Euro Euro/km k Euro k Euro 12.262 4.215 45. Euro Euro/km k Euro k Euro k Euro 32.3 140.235 193 39.889 8.223 211 18.371 2.128 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 OBIETTIVO "Aumentare l'efficienza dei servizi" servizio ferroviario Treni-km per addetto escl.383 2.185 16.51 100.731 15.457 .43 9.475 9.014 km Nr.316 12. addetti Costi operativi Costo operativo a bus-km Costo del personale Costo gasolio di trazione Costi di manutenzione trasporto ferroviario merci Treni-km commerciali per addetto Nr.745 9.023 10.227 43.367 2008 6.789 2009 6.425 2.385 1.959 20.252 4.180 159 32.666 218 19.693 1.886 216.800 18.954 6.202 41.447 km k Euro Euro/km km k Euro k Euro 0. bus Nr.469 16.091 4.47 9.2 9.253 2.359 2.748 1.490 0.4 128.946 0. % Euro Euro Euro Euro Euro 2006 6.50 86.50 95.278 38.500 467 48.466 2.123 17.058 186.557 2.1 125.139 31. km Nr.1 10.751 467 49.447 17.285 km Nr.462 33.60 9.415 10. medio addetti Costi operativi Costi operativi a treno-km commerciale Costo del personale Costo noleggio locomotive U.1% 58.229 467 51.281 256 20.041 10.624 17.385 21.069 3.58 9.7 151.166 11.974 16.493 32.923 3.48 87.3% 59.7% 65.8 8.107 2.984 2.6% 58.m.

842 1.663 -342 2009 13.849 193.813 1 241.0% 30.384 Rapporto debito/patrimonio netto Passività finanziarie non correnti Passività finanziarie correnti Debiti v/ Banche patrimonio netto Liquidità generata nel periodo Flusso di cassa da attività operative Flusso di cassa da attività di investimento Flusso di cassa da attività di finanziamento OBIETTIVO "Sviluppo degli investimenti" investimenti Bilancio consolidato Gruppo FNM (migliaia di euro) k Euro k Euro k Euro k Euro k Euro k Euro k Euro k Euro k Euro k Euro K euro % % % 64.552 2 229.860 -2.100 90.974 -5.594 290.427 1.199 133.252 39 16.344 1 221.192 1.996 4. % Euro Euro Euro euro euro Euro Euro Euro 2006 17.298 200.823 51.616 57 21.255 21.385 -32.979 1.891 44.426 46.9% 6.946 1.3% 27.574 6.2% Investimenti in infrastrutture Investimenti in mezzi di trasporto di cui TSR di cui locomotive cargo di cui autobus Altri investimenti SBME DCO Sicurezza Altri totale investimenti .5% 32.4% 6.292 17.463 234.939 2.512 4.155 17.064 3.6% 44.025 82.125 28.985 2007 15.157 4.092 -6.1% 9.232 7.794 83.866 267.032 3.550 1.2% 30.277 10.176 7.804 -35.4% 10.018 6.180 15.5% 77.504 636 1.896 214.632 2008 15.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 129 OBIETTIVO "Solidità patrimoniale" dati patrimoniali Bilancio consolidato Gruppo FNM (migliaia di euro) U.679 7.094 -2.0% 33.529 3.598 216.568 110.m.3% 2.295 49.505 212.269 -35.553 51.d.442 6.5% 10.549 -31.6% 3.476 11.874 120.4% 7.769 11.000 87.valore complessivo Regione Lombardia Ministero Autofinanziamento Ripartizione degli investimenti Investimenti pubblici .697 7.745 2.953 1.992 82.

174 4.2 87 80. Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr 2006 3 1 0 2 2 0 0 2 5 0 5 164 74 90 2007 4 0 1 3 9 0 0 9 3 3 0 139 71 68 2008 1 0 0 1 6 2 0 4 6 2 4 123 53 70 2009 1 1 0 0 7 3 0 4 4 0 4 124 46 78 Collisioni ai passaggi a livello LeNORD Collisioni ai passaggi a livello NORDCARGO Investimenti Eliminazione passaggi a livello sulla rete FNM Passaggi a livello k Euro 7.2 81.2 76.5 72 86. 2007 67.m.3 84.6 78.4 80. 87 86.d.9 88.m.130 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 LA DIMENSIONE SOCIALE QUAdRO dI SINTESI Customer satisfaction CSI .442 FERROVIENORD FERROVIENORD Nr Nr 272 4 268 5 267 1 265 2 Passaggi a livello eliminati .2 2008 64.55 87.7 87 Ramo Iseo CSI .5 84.4 92.8 88.749 15.5 76.3 81.5 79.Soddisfazione parziale fattori di relazione: utenti soddisfatti Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo OBIETTIVO “Migliorare la sicurezza” Safety Incidenti LeNORD Totali Collisioni tra rotabili Deragliamenti e svii Incidenti NORDCARGO (su RFI) Totali Collisioni tra rotabili Deragliamenti e svii Investimenti sulla rete Totali Mortali Con feriti Incidenti sulle autolinee Totali Sinistri attivi (causati) Sinistri passivi (subiti) Investimenti in sicurezza (safety) SOCIETà LeNORD LeNORD LeNORD NORDCARGO NORDCARGO NORDCARGO FERROVIENORD FERROVIENORD FERROVIENORD FNM Autoservizi FNM Autoservizi FNM Autoservizi U.7 58.9 n. % % % 2006 66.4 n.d.2 Ramo Milano Servizio Malpensa Express VIENORD VIENORD VIENORD VIENORD VIENORD VIENORD % % % % % % 60.065 11.Soddisfazione parziale fattori tecnici e di servizio: utenti soddisfatti SOCIETà VIENORD VIENORD VIENORD U.5 89.2 84.9 82.3 75.Soddisfazione globale: utenti soddisfatti Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo CSI . 61.2 79.d.1 2009 69.d.8 64.d.6 n.

79 82.5 93 83.349 493 342 104 47 6.138 Euro Nr % Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr 7 32 18.5 79. 2007 93 96.5 94.5 73.900 659.750 422 294 100 28 7.5 95.d.5 82 .500 476 24 65 43 5 n.d.70% 61. 910 % 46.5 96 Security Aggressioni e vandalismo Totale Aggressione fisiche e verbali verso il personale Irregolarità varie dei passeggeri Aggressioni e liti fra viaggiatori Sedili danneggliati Martelletti frangivetro asportati Costi del vandalismo Totali Sui treni Nelle stazioni Nuove tecnologie Telecamente installate Stazioni dotate di help point Terrorismo e criminalità Corsi antiterrorismo LeNORD LeNORD LeNORD LeNORD FERROVIENORD FERROVIENORD FERROVIENORD FNM LeNORD FERROVIENORD NORDCARGO Corsi security personale FNM LeNORD FERROVIENORD NORDCARGO Nr Nr Nr Nr Nr Nr 349 284 35 30 6.000 64.5 79.700 741.50% 100.753 853.785 305 178 101 26 7. 74 78 n.5 85.00% 27.5 84 88.884 2.806 1.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 131 Customer satisfaction Sicurezza del viaggio: utenti soddisfatti Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo SOCIETà VIENORD VIENORD VIENORD U.d.m.d.60% 65.5 2008 94 98.5 57. 712 33 380 0 176 10 0 0 10 7 0 0 2 n.776 1.767 1.50% Stazioni dotate di videosorveglianza FERROVIENORD Customer satisfaction Sicurezza personale e patrimoniale treni: utenti soddisfatti Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo Sicurezza personale e patrimoniale stazioni Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo VIENORD VIENORD VIENORD VIENORD VIENORD VIENORD % % % % % % 73 88 n.5 74 63.138 Euro 558.400 659.5 2009 94.200 Euro 576.00% 60.5 81.753 853.5 82 91.d.5 79.00% 100.5 96. % % % 2006 87 93 n.700 677.d.

33 30 26 24 28 5 30 11.176 216.463 Razionalizzazione e potenziamento del servizio Parco LeNORD Nuovi treni Età media trazione Ramo MI Età media trazione Ramo ISEO Età media trainato Ramo MI Età media trainato Ramo ISEO Composizione del parco treni: TAF LeNORD LeNORD LeNORD LeNORD LeNORD LeNORD Nr Anni Anni Anni Anni Nr Nr Nr Nr Nr k Euro Nr Nr 2 32.5 90 99 83 76.80% % 15.132 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 OBIETTIVO “Migliorare la qualità e potenziare il servizio offerto” Aumentare la capacità delle rete Infrastrutture Investimenti in infrastrutture SOCIETà FNM U.d.5 85.90% 83.tipologia delparco autobus: % TPL .20% 15.5 71 81 90 90. 2006 2007 2008 2009 k Euro 64.2 23 0 26 12 31 12 5 32.155 19 11 8 636 39 18 11 7 10.diesel Investimenti in nuovi locomotori FNM FNM Autoservizi FNM Autoservizi FNM Autoservizi FNM Autoservizi FNM NORDCARGO NORDCARGO NORDCARGO FNM 49.15 51.71 17.616 6.369 77.80% 84.5 72.80% 84.33 60 26 24 20 3 Composizione del parco treni: TSR LeNORD Composizione del parco treni: 750 LeNORD Composizione del parco treni: 740 LeNORD Composizione del parco treni: Altro Mat Rot LeNORD Investimenti in nuovi treni (TSR) Parco FNM Autoservizi Nuovi autobus Totale parco .91 30. 69 87 63.39 50.803 44.5 95 .20% k Euro Nr Nr Nr k Euro 1. 87 93 n.10% 16.5 58 87.8 48 28.298 33.504 110.m.769 5 199 0 179 1 179 28 178 % 84.255 24 16 8 11.elettriche .06 26.5 93 93.8 24 5 26 24 31 10 30 18.09 32.20% 15.574 Customer satisfaction Per gli orari: utenti soddisfatti Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo Per l’integrazione con altri mezzi: utenti soddisfatti Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo VIENORD VIENORD VIENORD VIENORD VIENORD VIENORD % % % % % % 71 76 n.9 49 25.d.tipologia delparco autobus: % lunghe percorrenze Investimenti in nuovi autobus Parco NORDCARGO Totale locomotori .252 57 18 12 6 7.277 193.d.

04 83.27% 99.15% 2.22% 99.721 41.1 2 mesi n.65% % 98.00% 96.25% 3.00% 81.22% 99.00% 105.236 55.d.5 35 95 92.108 % 101.1 0.00% 70.00% Efficienza rotabili: valore penali RL LeNORD Coefficiente di occupazione Load factor feriale ora di punta .76% % 98.879 Efficienza rotabili % 61.5 0.23% 95.88% 96.00% 80.39% 99.3 4 0.5 90 89.59% 98. 40 97 80. % 75.93% 98.00% Euro 15.d.00% 75.03% 2. 2 mesi n.d.80% 83.11% 2.00% Euro 15.99% 4.d.86% 99.01 83.5 44.406 16.80% % % % 2.131 Pulizia stazioni % 83.60% 83.m.00% 98.394 104.362 14.00% 50.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 133 Puntualità e regolarità del servizio Servizio ferroviario Indice di puntualità: corse con ritardo inferiore ai 5’ Ramo Milano Ramo Iseo Indice di puntualità: corse con ritardo inferiore ai 15’ Ramo Milano Ramo Iseo Indice di regolarità: treni effettuati/treni programmati Ramo Milano Ramo Iseo Indice di affidabilità per il calcolo del bonus (*) Media Soglia Indice di affidabilità/ puntualità rete Indice di puntualità: corse con ritardo inferiore ai 10’ Tempo medio di avvio di nuovi progetti Programmazione del servizio: treni effettuati/treni programmati Indice di puntualità: treni merci ritardo <1 ora SOCIETà LeNORD LeNORD LeNORD LeNORD LeNORD LeNORD LeNORD LeNORD LeNORD LeNORD LeNORD FERROVIENORD FNM Autoservizi NORDCARGO NORDCARGO NORDCARGO U.00% 85.15% 2.98% % 98.54% 98.56% % 99.63% 98.00% 65.58% 98.01 Customer satisfaction Puntualità e regolarità dei treni: utenti soddisfatti Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo VIENORD VIENORD VIENORD % % % 35 96 n.1 0.15% 3.29% 4.5 6 mesi 96.18% % 98.00% 85.75% 99.68% 99.20% % % 85.00% Mesi % 6 mesi 101.50% 87.80% 92.33% 98.6 4 0.00% Euro 63.1 0.50% 91.10% 99.423 109.36% 98.13% % 99.97% 98.32% Affidabilità della rete Servizio autolinee Servizio cargo % 83.6627 168.00% 27.294 26.00% 48.43% 4.281 53.43% 2.72% 99.82% 4. 2006 2007 2008 2009 % 79.01 83.00% 80.00% Attività di manutenzione Materiale rotabile Rete Indice di disponibilità del materiale rotabile Andamento guasti equivalenti: ramo Milano Andamento guasti equivalenti: ramo Iseo LeNORD FERROVIENORD FERROVIENORD % Nr Nr 83.00% 67.5 Pulizia e comfort: servizio ferroviario viaggiatori Pulizia treni Esito controlli della Regione: episodi non sanzionati sul totale Pulizia treni: valore penali RL Esito controlli della Regione: episodi non sanzionati sul totale Pulizia stazioni: valore penali RL Esito controlli della Regione: episodi non sanzionati sul totale LeNORD LeNORD FERROVIENORD FERROVIENORD LeNORD LeNORD % 31.76% 99.

d.5 2009 83 80.5 78.5 90.5 83 77 73. 37 88 n.5 84 35.d.5 89 87 90 92 89 84 90 82 57. 63 63 n.00% 78.134 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 Customer satisfaction Pulizia delle stazioni: utenti soddisfatti Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo Pulizia dei treni: utenti soddisfatti Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo Affolamento delle vetture: utenti soddisfatti Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo Costo servizio in relazione alla qualità offerta Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo Funzionalità dei mezzi Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo SOCIETà VIENORD U.5 34 90 76 63.889 32.viaggiante Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo Professionalità e competenza pers.426 39 3.d.5 VIENORD % % % VIENORD % % % VIENORD % % % VIENORD % % % Pulizia e comfort: servizio autolinee Accessibilità Comfort del viaggio Autobus accessibili ai disabili Autobus climatizzati FNM Autoservizi FNM Autoservizi % 51.4 95 93. stazione/biglietterie Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo Numero di reclami Numero di reclami LeNORD FNM Autoservizi VIENORD VIENORD VIENORD VIENORD VIENORD VIENORD % % % % % % % % % % % % % % % Nr Nr 2.823 65 2.5 36.315 Customer satisfaction Informazioni fornite a bordo treni: utenti soddisfatti Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo Informazioni fornite nelle stazioni: utenti soddisfatti Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo Cortesia del personale Ramo Milano Servizio Malpensa Express Ramo Iseo Professionalità e competenza pers.492 22.5 2008 73.5 92.00% Informazione e comunicazione Informazioni Esito controlli della Regione: episodi non sanzionati sul totale Controlli della Regione: valori penali LeNORD LeNORD Nr 79.m.30% 54.5 67.20% 64. 2007 63 75 68 33 69 59.00% 48.d.d.7 94 91 90.00% 74.00% 60.806 28 89.5 66.00% 72. n.5 82.5 30.d.00% % n. 55. 40 84 n.5 82 83 63 64.5 85 89 87 90 88.5 90 90 91.6 94 91.054 15.00% Euro 14. % % % 2006 64 75 n.5 91. 63 47 n.5 63.5 92 86.d.5 64 89.5 57.5 53 69.4 90.d.5 66 86 .5 66 68 92.672 121 5.5 28 76 75.5 78 77.5 50 83.

416 34 8.778 Tipologia di assunzione 97.00% 4.6 2. Nord Energia) Distibuzione del personale per genere Età media del personale Uomini Donne Uomini Donne Entrate di LeNORD. Nr % % % % Nr % 2006 2.475 511 40.00% 95.00% % % % % Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr Nr % % % % Nr Nr 0 n.00% 6.00% 6.d.00% 6. 9.777 38 Premio di risultato Categorie protette .00% 205 2232 211 196 4 138 2.00% 7.2 8.00% 6.9 40.7 59. FERROVIENORD) FNM Turnover del personale Distribuzione personale per titolo di studio 35. NordCom.d.872 90 59 29 12 2.00% 422 27 8.786 2008 2.426 487 41 39 100 121 7.00% 32.913 2007 2.8 19.00% TPL ferro (LeNORD.8 164 100 1.907 89.00% 56.con funzioni di coordinamento Personale assunto con contratto a tempo indeterminato Personale assunto con contratto a tempo indeterminato TPL ferro TPL gomma Trasporto merci Holding SEMS e altre società Distribuzione personale per azienda FNM Holding TPL gomma Cargo SEMS Altre società (NORD_Ing.00% 185 2172 218 184 4 109 2.00% 54.6 20.00% 5.00% 37.00% 60.00% 96.00% 186 2205 256 155 4 107 2.00% 6.addetti manutenzione treni.7 2.00% 5.00% 7.00% 5.00% 2. FERROVIENORD e NORDCARGO Licenza elementare Licenza media Diploma Laurea Master Dipendenti per i quali è stata introdotta valutazione di merito Persone assunte appartenenti a categorie protette SOCIETà FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM U.00% 75.746 2009 2.m.00% 2.00% 6.addetti diretti .00% 4.00% 188 2173 211 199 3 133 2.5 60.00% 7.415 492 42.00% Distribuzione personale per attività del Gruppo % 76.00% 75.00% 75.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 135 OBIETTIVO “Valorizzare il personale” Profilo del personale del Gruppo Occupazione Gruppo FNM Personale totale in forza al Gruppo di cui: .3 9.8 41.00% 7.8 107 77 2. VIENORD.382 490 42 37 89 107 3. FERROVIENORD e NORDCARGO Uscite di LeNORD.addetti impegnati nell’erogazione del servizio di cui: .986 88. reti e stazioni .

16 26 15.4 0.5 11.8 18.8 40 19.51 Indice di gravità medio biennio LeNORD FNM 6.m.4 18.48 FERROVIENORD FNM 0. incidenti mortali) LeNORD FERROVIENORD NORDCARGO FNM Autoservizi 0.2 34.7 0.45 0.79 20.2 22.2 38.73 10.4 43.5 18.16 0.27 26 36.4 0.6 .91 18.1 22.6 61.3 28.74 NORDCARGO FNM FNM Autoservizi FNM FNM FNM FNM Autoservizi 1.57 0.75 0.71 7 27.3 0.73 0.9 22 25 23.d.8 LeNORD FNM 0.5 2008 99 46 38 8 7 2009 123 58 47 5 13 25.43 0.1 26.9 33 65.8 0. Nr Nr Nr Nr Nr Nr/ 1 mln ore lavorate Nr/ 1 mln ore lavorate Nr/ 1 mln ore lavorate Nr/ 1 mln ore lavorate Nr/ 1 mln ore lavorate Nr/ 1 mln ore lavorate Nr/ 1 mln ore lavorate Nr/ 1 mln ore lavorate gg assenza/ 1000 ore lavorate gg assenza/ 1000 ore lavorate gg assenza/ 1000 ore lavorate gg assenza/ 1000 ore lavorate gg assenza/ 1000 ore lavorate gg assenza/ 1000 ore lavorate gg assenza/ 1000 ore lavorate gg assenza/ 1000 ore lavorate gg gg gg gg 2006 150 65 42 15 28 2007 127 57 36 6 28 30 24.14 FNM Autoservizi Durata media assenze per infortunio (escl.5 1.7 13 22.2 25.28 FNM Autoservizi Indice di gravità infortuni (escl.52 FERROVIENORD FNM 0.5 35.73 NORDCARGO FNM FNM Autoservizi 0.136 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 OBIETTIVO “Garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori” Analisi degli infortuni Infortuni complessivi Infortuni per azienda Infortuni complessivi LeNORD FERROVIENORD NORDCARGO FNM Autoservizi Indice di frequenza medio nel biennio LeNORD FERROVIENORD NORDCARGO FNM Autoservizi Indice di frequenza infortuni LeNORD FERROVIENORD NORDCARGO FNM Autoservizi SOCIETà FNM FNM FNM FNM FNM Autoservizi FNM FNM FNM FNM Autoservizi FNM FNM FNM FNM Autoservizi U.4 33.6 36.3 0. incidenti mortali) 0.46 27.6 0.6 27.99 0.7 0.8 63.

624.803 3.80% 94. FERROVIENORD.d.61 2.d.830 187.000 98.86 2 6 111 2009 7.9 2008 7.777 1. Nr Nr Nr Nr 2006 2007 339 128 128 83 2008 90 21 21 21 2009 96 27 21 30 Orientamento al cambiamento Giornate di formazione complessive 2006-2009 FNM Costi per la formazione 20062009 FNM Corsi di formazione effettuati (compresi utilizzo nuovi locomotori) NORDCARGO Nr 11.502.66 2. NORDCARGO.m.425. 81/2008 SOCIETà FNM FNM FNM FNM U.00% 2.m. dipendenti che utilizzano assistenza fiscale FNM FNM* FNM FNM FNM FNM FNM FNM FNM Nr Euro % % % Nr Nr Nr Nr 1.000 1.00% 100.60% 94.447 9.917 3.725 Euro 1.216 3.165 3.1 5.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 137 Formazione in materia di sicurezza Corsi di formazione per la sicurezza Corsi totali organizzati Primo soccorso Antincendio Normativa 626/D.3 2.28 5.66 2. NORD_ING E VIENORD.085 Nr 4 46 14 30 Benefit e agevolazioni per i dipendenti Medicina preventiva Visite di medicina preventiva Costi sostenuti per il servizio di medicina preventiva Dipendenti iscritti al fondo di previdenza sociale Dipendenti iscritti alla Cassa Integrativa Mutuo Soccorso Dipendenti iscritti al Circolo Ricreativo Aziendale Iscritti al fondo di previdenza sociale Iscritti alla Cassa Integrativa Mutuo Soccorso Iscritti al Circolo Ricreativo Aziendale Nr.58 2.3 2.28 5.099 1.LGS.58 2. .000 1.550 15.000 98.86 2 6 111 Territorio attraversato 2 6 111 2 6 111 * I costi si riferiscono alle società FNM.10% Benefit aziendali 100.000 1.000 1.584 198. km km km km km Nr Nr Nr 2006 2007 7.439.569 197.30% 1.61 2.711 192.1 2.234 1.071 2.055 OBIETTIVO “Partecipare allo sviluppo del territorio” Il valore della ferrovia per il territorio Distanza media tra le stazioni RFI Italia RFI Lombardia FNM totale FNM Ramo Milano FNM Ramo Iseo Regioni attraversate dalla rete Province attraversate dalla rete Comuni attraversati dalla rete SOCIETà FERROVIENORD FERROVIENORD FERROVIENORD FERROVIENORD FERROVIENORD FERROVIENORD FERROVIENORD FERROVIENORD U.253 13.

Varese 1 Livello di puntualità Pulizia mezzo Disponibilità di informazioni Presenza e leggibilità informazioni in palina Affollamento: disponibilità di posti Temperatura a bordo degli autobus Sicurezza di viaggio Comportamento del personale di guida Reperibilità dei titoli di viaggio Giudizio complessivo del nostro servizio 10% 8% 13% 10% 12% 20% 19% 31% 9% 7% 2 42% 36% 33% 33% 36% 47% 54% 49% 27% 48% 3 32% 33% 28% 36% 27% 24% 20% 14% 35% 38% 4 13% 13% 18% 8% 12% 7% 6% 5% 9% 4% 5 4% 5% 7% 6% 11% 1% 1% 1% 6% 1% NA 0% 4% 1% 7% 2% 1% 0% 1% 13% 3% LEGENDA: IL GIUDIzIO DEI CLIENTI 1 = ottimo. 2 = buono.Varese 1 Livello di puntualità Pulizia mezzo Disponibilità di informazioni Presenza e leggibilità informazioni in palina Affollamento: disponibilità di posti Temperatura a bordo degli autobus Sicurezza di viaggio Comportamento del personale di guida Reperibilità dei titoli di viaggio Giudizio complessivo del nostro servizio 0% 3% 7% 17% 10% 10% 14% 7% 7% 0% 2 52% 28% 45% 17% 34% 45% 62% 66% 28% 55% 3 31% 21% 28% 34% 17% 31% 17% 21% 24% 41% 4 10% 38% 10% 10% 24% 10% 3% 3% 34% 3% 5 3% 10% 10% 17% 14% 3% 3% 3% 0% 0% NA 3% 0% 0% 3% 0% 0% 0% 0% 7% 0% L62 Iseo . NA = non risponde. 3 = sufficiente. .Provaglio .138 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 INdAGINI “SESSANTASECONdI” 2008 B50 Somma Lombardo .Brescia 1 Livello di puntualità Pulizia mezzo Disponibilità di informazioni Presenza e leggibilità informazioni in palina Affollamento: disponibilità di posti Temperatura a bordo degli autobus Sicurezza di viaggio Comportamento del personale di guida Reperibilità dei titoli di viaggio Giudizio complessivo del nostro servizio 26% 24% 17% 12% 24% 29% 33% 47% 21% 20% 2 38% 36% 36% 42% 29% 36% 39% 26% 41% 39% 3 29% 24% 27% 26% 20% 27% 18% 18% 18% 27% 4 8% 8% 15% 12% 12% 5% 5% 3% 8% 11% 5 0% 3% 2% 5% 11% 2% 3% 3% 3% 0% NA 0% 5% 3% 3% 5% 2% 2% 3% 9% 3% C77 Como . 5 = insufficiente. 4 = appena sufficiente.

Castiglione Olona 1 Livello di puntualità Pulizia mezzo Disponibilità di informazioni Presenza e leggibilità informazioni in palina Affollamento: disponibilità di posti Temperatura a bordo degli autobus Sicurezza di viaggio Comportamento del personale di guida Reperibilità dei titoli di viaggio Giudizio complessivo del nostro servizio 21% 7% 7% 11% 7% 4% 7% 18% 11% 14% 2 71% 57% 46% 25% 14% 46% 68% 57% 46% 46% 3 7% 18% 43% 50% 43% 29% 25% 25% 36% 36% 4 0% 18% 4% 7% 29% 14% 0% 0% 0% 0% 5 0% 0% 0% 7% 4% 7% 0% 0% 4% 0% NA 0% 0% 0% 0% 4% 0% 0% 0% 4% 4% .Busto A.Legnano .Edolo 1 Livello di puntualità Pulizia mezzo Disponibilità di informazioni Presenza e leggibilità informazioni in palina Affollamento: disponibilità di posti Temperatura a bordo degli autobus Sicurezza di viaggio Comportamento del personale di guida Reperibilità dei titoli di viaggio Giudizio complessivo del nostro servizio 16% 6% 6% 9% 31% 16% 9% 16% 0% 3% 2 44% 34% 28% 22% 34% 38% 53% 50% 19% 34% 3 25% 28% 34% 31% 25% 31% 31% 25% 28% 56% 4 16% 9% 16% 19% 3% 3% 3% 0% 22% 3% 5 0% 19% 9% 9% 0% 13% 0% 3% 22% 0% NA 0% 3% 6% 9% 6% 0% 3% 6% 9% 3% H601 Tradate . 1 Livello di puntualità Pulizia mezzo Disponibilità di informazioni Presenza e leggibilità informazioni in palina Affollamento: disponibilità di posti Temperatura a bordo degli autobus Sicurezza di viaggio Comportamento del personale di guida Reperibilità dei titoli di viaggio Giudizio complessivo del nostro servizio 11% 0% 14% 4% 7% 21% 29% 29% 11% 11% 2 32% 29% 39% 21% 18% 43% 39% 46% 25% 32% 3 39% 32% 18% 25% 29% 21% 25% 11% 43% 39% 4 14% 29% 14% 18% 25% 11% 7% 4% 7% 18% 5 4% 11% 14% 29% 21% 4% 0% 11% 7% 0% NA 0% 0% 0% 4% 0% 0% 0% 0% 7% 0% INdAGINI “SESSANTASECONdI” 2009 B48 Tradate .|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 139 F29 Aprica .

NA = non risponde.Appiano Gentile .Lomazzo 1 Livello di puntualità Pulizia mezzo Disponibilità di informazioni Presenza e leggibilità informazioni in palina Affollamento: disponibilità di posti Temperatura a bordo degli autobus Sicurezza di viaggio Comportamento del personale di guida Reperibilità dei titoli di viaggio Giudizio complessivo del nostro servizio 35% 10% 10% 5% 10% 15% 15% 20% 15% 10% 2 55% 35% 15% 15% 40% 55% 55% 55% 25% 40% 3 5% 25% 25% 45% 25% 15% 10% 20% 50% 35% 4 5% 20% 25% 15% 20% 15% 20% 0% 0% 15% 5 0% 10% 25% 15% 5% 0% 0% 0% 10% 0% NA 0% 0% 0% 5% 0% 0% 0% 5% 0% 0% C77 Como – Varese 1 Livello di puntualità Pulizia mezzo Disponibilità di informazioni Presenza e leggibilità informazioni in palina Affollamento: disponibilità di posti Temperatura a bordo degli autobus Sicurezza di viaggio Comportamento del personale di guida Reperibilità dei titoli di viaggio Giudizio complessivo del nostro servizio 11% 8% 8% 7% 13% 17% 10% 28% 13% 1% 2 42% 35% 46% 47% 28% 38% 56% 39% 42% 46% 3 24% 26% 26% 22% 29% 29% 24% 25% 28% 43% 4 15% 22% 17% 15% 17% 15% 8% 7% 13% 8% 5 8% 8% 3% 7% 13% 1% 3% 1% 1% 0% NA 0% 0% 0% 1% 1% 0% 0% 0% 4% 1% F23a Saviore . 4 = appena sufficiente.Cedegolo 1 Livello di puntualità Pulizia mezzo Disponibilità di informazioni Presenza e leggibilità informazioni in palina Affollamento: disponibilità di posti Temperatura a bordo degli autobus Sicurezza di viaggio Comportamento del personale di guida Reperibilità dei titoli di viaggio Giudizio complessivo del nostro servizio 35% 48% 9% 0% 39% 35% 57% 61% 22% 9% 2 43% 39% 57% 35% 35% 30% 43% 39% 48% 74% 3 0% 4% 13% 30% 13% 17% 0% 0% 13% 17% 4 22% 9% 9% 13% 0% 17% 0% 0% 4% 0% 5 0% 0% 13% 22% 13% 0% 0% 0% 13% 0% NA 0% 0% 0% 0% 0% 0% 0% 0% 0% 0% LEGENDA: IL GIUDIzIO DEI CLIENTI 1 = ottimo. .Olgiate Comasco .140 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 C64 . 3 = sufficiente. 2 = buono. 5 = insufficiente.

Edolo 1 Livello di puntualità Pulizia mezzo Disponibilità di informazioni Presenza e leggibilità informazioni in palina Affollamento: disponibilità di posti Temperatura a bordo degli autobus Sicurezza di viaggio Comportamento del personale di guida Reperibilità dei titoli di viaggio Giudizio complessivo del nostro servizio 21% 0% 15% 6% 6% 6% 15% 9% 18% 3% 2 41% 29% 29% 24% 21% 35% 62% 53% 44% 53% 3 21% 38% 24% 35% 32% 41% 18% 18% 29% 32% 4 15% 26% 18% 21% 29% 9% 3% 15% 6% 12% 5 0% 6% 9% 9% 9% 0% 3% 0% 0% 0% NA 3% 0% 6% 6% 3% 9% 0% 6% 3% 0% H202 Saronno .Solaro .Iseo .|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 141 F27 Brescia .(Caronno) .Gallarate 1 Livello di puntualità Pulizia mezzo Disponibilità di informazioni Presenza e leggibilità informazioni in palina Affollamento: disponibilità di posti Temperatura a bordo degli autobus Sicurezza di viaggio Comportamento del personale di guida Reperibilità dei titoli di viaggio Giudizio complessivo del nostro servizio 0% 6% 18% 6% 24% 18% 12% 24% 12% 12% 2 71% 53% 24% 29% 24% 29% 71% 59% 29% 59% 3 24% 18% 18% 41% 29% 41% 12% 6% 29% 24% 4 6% 18% 29% 12% 24% 12% 0% 12% 29% 6% 5 0% 6% 6% 12% 0% 0% 0% 0% 0% 0% NA 0% 0% 6% 0% 0% 0% 6% 0% 0% 0% .Saronno 1 Livello di puntualità Pulizia mezzo Disponibilità di informazioni Presenza e leggibilità informazioni in palina Affollamento: disponibilità di posti Temperatura a bordo degli autobus Sicurezza di viaggio Comportamento del personale di guida Reperibilità dei titoli di viaggio Giudizio complessivo del nostro servizio 17% 13% 15% 9% 20% 24% 30% 35% 17% 20% 2 65% 50% 37% 39% 28% 41% 52% 39% 41% 59% 3 13% 24% 22% 30% 24% 22% 15% 13% 17% 20% 4 4% 7% 11% 9% 22% 4% 2% 11% 13% 2% 5 0% 7% 13% 7% 7% 4% 0% 0% 4% 0% NA 0% 0% 2% 7% 0% 4% 0% 2% 7% 0% H623 Varese .

Varedo. Cusano . .Palazzolo e Palazzolo .Saronno Rinnovo armamento tratta Bovisa . Investimento: 4. I tempi: si è in attesa dell’approvazione della progettazione preliminare da parte della Regione per procedere con la progettazione definitiva.5 milioni di euro. Investimento: 21 milioni di euro. Bovisio Masciago Eliminazione del passaggio a livello: intervento 2 Realizzazione sottopasso ciclopedonale in via Milano e veicolare in adiacenza di via Frangili in sostituzione del passaggio a livello alla prog. Linee dotate di telecontrollo SCMT e SCC Avanzamento attrezzaggio rete SCMT e SCC Termine previsto attrezzaggio rete SCMT e SCC quota copertura prevista a regime SCMT e SCC Copertura in esercizio SCMT e SSC Avanzamento attrezzaggio rotabili SCMT e SSC Termine previsto attrezzaggio rotabili % rete % SAL anno 100% % rete Nr Composiz. e dei binari di precedenza e manovra degli impianti di Novate e Garbagnate. Tratta Bovisa . I tempi: si è in attesa dell’approvazione della progettazione definitiva da parte della Regione per procedere con la progettazione esecutiva e l’appalto.Seveso .1 milioni di euro. Attrezzate anno 2008 75% 46% 2011 100% 0% 27 2011 2009 75% 61% 2011 100% 0% 54 2011 LAVORI dI POTENZIAMENTO dELLA RETE IN PROGRAMMA/IN CORSO NEL BIENNIO 2008-09 Tratta Bovisa .142 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 NUOVE TECNOLOGIE: LINEE dOTATE dI TELECONTROLLO U.Saronno Si tratta di un intervento di rinnovo dell’armamento e adeguamento agli standard dei binari dispari e pari della linea diretta.m.Cormano Cusano. Investimento: 61. km 12+154.d. I tempi: è in corso la progettazione preliminare dell’intervento con priorità per le tratte Affori -Cormano Cusano e Cusano Palazzolo. con approvazione (previo finanziamento) prevista entro il 2010 e attivazione per il 2014. tra gli scambi estremi degli impianti di Bovisa e Saronno. è in corso la progettazione definitiva.Asso Realizzazione del terzo binario tra Affori e Varedo Realizzazione del terzo binario nelle tratte Affori .

Cusano.per favorire l’incarrozzamento -. Completata la progettazione definitiva.2 milioni di euro.Edolo (Pisogne e Sonico) È in corso la progettazione degli interventi per l’eliminazione di altri due passaggi a livello nel comune di Pisogne (investimento di 0. realizzazione dei sottopassaggi di stazione attrezzati per l’eliminazione delle barriere architettoniche. I tempi: si procederà all’appalto a seguito dell’approvazione e finanziamento del progetto da parte della Regione. realizzazione delle pensiline. • Iseo (investimento stimato di 7.Iseo . I tempi: attivazioni previste entro 2014. Investimento: 1. • Pisogne (investimento stimato di 1 milione di euro). cartelli teleindicatori e diffusione sonora per informazioni al pubblico.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 143 Adeguamento a standard delle altre stazioni della linea di Seveso: Fase 1 per le stazioni di Merone e Erba. sottopassaggio di collegamento tra le banchine.Bovisa Oltre agli interventi in corso. • Gussago (investimento stimato di 8.2 milioni di euro). Opere sostitutive del passaggio a livello sulla linea Brescia .Como Rovello Porro • Realizzazione di interventi per l’accessibilità e l’adeguamento agli standard dell’impianto (nuova banchina di lunghezza pari a 250 m della tipologia alta. Nuove fermate • Brescia Violino (investimento stimato di 1. circuito di terra…) e l’adeguamento degli impianti della sottostazione elettrica di Portichetto. .Como Camerlata e prevede il rifacimento della palificazione e di tutto ciò che è connesso alla trazione elettrica (linea di contatto.5 milioni di euro).2 milioni di euro). al momento non ci sono interventi in programma su questa tratta. Investimento stimato: 10. • Rifacimento impianti trazione elettrica tratta Saronno e Como Camerlata (i) Si tratta di un intervento che va integrare gli interventi di adeguamento già eseguiti sulla tratta Como Lago .5 milioni di euro. Cormano . Varedo.6 milioni di euro). I tempi: è in corso la progettazione preliminare. Fase 2 per le stazioni di Paderno Dugnano. allungamento secondo gli standard. alimentatori. Investimento stimato: 70 milioni di euro.Iseo . • Breno (investimento stimato di 1.8 milioni di euro). Bovisio Masciago Modifica degli impianti di armamento per consentire la realizzazione di banchine larghe e alte . Tratta Saronno . pensilina. realizzazione nuovo parcheggio).Edolo Aree di interscambio Sono in fase di valutazione con la Regione e la Provincia di Brescia gli interventi per la realizzazione delle aree di interscambio di: • Castegnato (investimento stimato di 6.3 milioni di euro) Tratta urbana Cadorna . Tratta Brescia . adeguamento del piano di armamento. Bruzzano.

Investimento: 1. . l’adeguamento della banchina esistente e la realizzazione di un sottopasso veicolare complementare al sottopassaggio ciclopedonale e sostitutiva del passaggio a livello di via Vittorio Veneto. Investimento: 5 milioni di euro. Investimento: 43 milioni di euro. I tempi: è in corso la progettazione preliminare.144 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 Como Camerlata Realizzazione di un nuovo sottopasso di stazione.Varese . I tempi: attivazione prevista nel 2009. Tratta Saronno .Abbiate Per l’impianto di Tradate è previsto l’adeguamento delle banchine alla tipologia alta e dell’esistente sottopassaggio viaggiatori con l’inserimento di ascensori per l’utenza disabile.Laveno Tradate . Investimento: 1 milione di euro. I tempi: progetto preliminare approvato dal CIPE con Delibera del 18 marzo 2005. elettrificazione e telecomunicazioni dell'intera tratta). I tempi: progetto preliminare in fase di ultimazione. È in corso la progettazione esecutiva.8 milioni di euro. Approvazione del progetto definitivo da parte del CIPE nell’ambito della procedura di Legge Obiettivo entro il 2009.4 milioni di euro. Abbiate Guazzone Per l’impianto di Abbiate Guazzone è prevista la realizzazione di un sottopassaggio ciclopedonale con ascensori.Novara Castano Primo Realizzazione di un’area di interscambio ferro-gomma dotata di banchine e pensiline adeguata alla fermata dei mezzi pubblici e dimensionata secondo le esigenze della programmazione provinciale. dotato di ascensori per l’accesso ai binari con modifica delle banchine di stazione in funzione degli standard ferroviari attualmente adottati da FERROVIENORD sulla propria rete e prolungamento delle pensiline di copertura. nuovo ponte sul Naviglio Langosco. ammodernamento impiantistico della linea (segnalamento. rete RFI/TAV. km. eliminazione dei passaggi a livello esistenti e delle interferenze tra la linea e la viabilità locale nonché eliminazione delle interferenze con il reticolo idrografico attraverso idonee opere idrauliche. zona “Kiss&ride” e la previsione di posti per disabili e nuovo parcheggio con accesso pedonale da via IV Novembre e accesso veicolare da via Matteotti e da via Rogorini. È in corso la progettazione esecutiva. autostrada Torino-Milano. I tempi: si procederà all’appalto a seguito dell’approvazione e finanziamento del progetto da parte della Regione. posizionamento della nuova stazione in modo da realizzare un nodo di interscambio ferro-gomma tra rete FNM. Tratta Saronno . Grandate Realizzazione di un sottopasso ciclopedonale di stazione per la soppressione del passaggio a livello alla progr. Il progetto definitivo è in approvazione alla Regione Lombardia e ha ottenuto il consenso del Comune di Como. Investimento: 1. Galliate Potenziamento della tratta ferroviaria Novara . Il progetto definitivo è in approvazione alla Regione Lombardia e ha ottenuto il consenso del Comune di Como.Galliate con raddoppio in variante esterna all'abitato di Galliate. 6+552.

Lomazzo e Cadorago) e Saronno . Laveno) I tempi: si tratta d’interventi da attuarsi nel prossimo quinquennio a seguito della definizione degli accordi con gli enti locali interessati e del reperimento della relativa copertura finanziaria. Progetti che interessano l'intera rete Opere sostitutive dei passaggi a livello sulle tratte Saronno . Venegono Superiore. Novate e Rescaldina si procederà all’appalto a seguito dell’approvazione e finanziamento del progetto da parte della Regione. .|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 145 Gerenzano Realizzazione del sottopasso ciclopedonale con funzione anche di sottopasso di stazione da realizzarsi in corrispondenza del passaggio a livello al prog. Potenziamento officine e impianti di deposito Iseo Intervento di adeguamento del deposito di Iseo e progetto per un nuovo deposito-officina per il nuovo materiale rotabile. Investimento: 2.Varese (Locate Varesino. Investimento stimato: 55 milioni di euro. Investimento stimato: 2 milioni di euro. Tradate. I tempi: è in corso la progettazione preliminare. km 3+237.Como (Rovello Porro. Gerenzano. Rovellasca. Mitigazione inquinamento acustico: interventi pilota I tempi: per l'esecuzione degli interventi nei comuni di Saronno.9 milioni di euro.

241.105.903.040.000.00 € Regione Lombardia 6.999.264.00 finanziati della Provincia di Brescia. 155004 del 31/10/2006 Ansaldo Firema e opzioni FERROVIENORD keller n.175. 15784/1 del 08/05/2008 n.155. 250m€) -L'accordo quadro n.2010 .70 € FNM 355. 16007 del 3/07/2009 FERROVIENORD Stadler Rail FERROVIENORD Stadler Rail 8 GTW 2/6 11GTW 4/12 da gennaio 2011 da gennaio 2011 Complessivamente sono stati ordinati 78 elettrotreni TSR (con composizioni di 3.02. 120m€) MF/25.00 € Regione Lombardia e Provincia di Brescia (3 milioni di €) 62. Il valore complessivo dei contratti già assegnati è di 782. 15504 prevede l'acquisto di altri 118 veicoli TSR (valore totale ca.51 € Regione Lombardia 13. TRENI E TIPO 27+8+7 TSR 2 TSR CONSEGNE consegnati consegnati 26 TSR + 32 veicoli TSR in consegna 2010 6 Coradia Meridian di 5 veicoli in consegna 2010 n.00 € Regione Lombardia e Provincia di Brescia (5 milioni di €) 24. 14831 del 23/06/2003 e opzioni FORNITORE Ansaldo Firema FERROVIENORD keller Ansaldo Firema n.556.000.440. 15784 prevede l'acquisto di altri 24 coinvogli Coradia Meridian (valore totale 150m€) 8 coinvogli Coradia Meridian sono in corso di acquisizione da parte di FNM -Il contratto n.21 €. 50m€) -Il contratto n.066.00 € Regione Lombardia N. Il valore complessivo delle opzioni ancora da esercitare è di circa 570 milioni di € Opzioni: -Il contratto n. 16006 del 3/07/2009 n. 15942 del 17/02/2009 FERROVIENORD Pesa 2 ATR 220 consegnati n.00 € Regione Lombardia 34. 16006 prevede l'acquisto di altri 16 GTW 2/6 (valore totale ca. 5356 del 28/11/2005 FNM keller n.900.000. 5 e 6 veicoli) per un totale di 336 veicoli.51 € finanziati della Regione Lombardia e 8. 15784/2 del 18/09/2008 FERROVIENORD Alstom COMMITTENTE IMPORTO E FINANZIAMENTO 283.966.000.146 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 dETTAGLIO CONTRATTI PER FORNITURA MATERIALE ROTABILE Acquisti materiale rotabile per servizi passeggeri 2003-2009 CONTRATTO n. di cui 768.500.474. 16007 prevede l'acquisto di altri 202 GTW 4/12 (valore totale ca.416.

30% 1.25% 2.24% 6.57% 2.19% 3.40% 0.99% 1.74% 1.89% 1.53% direttrici no area bonus Milano-Saronno (S1+S3) Milano-Malpensa gen-08 feb-08 mar-08 apr-08 mag-08 giu-08 lug-08 ago-08 set-08 ott-08 nov-08 dic-08 2.ta Vittoria (S10) 9.72% 2.11% 1.41% 0.02% 0.13% 1.68% 0.78% 4.60% 5.28% 1.10% 2.58% 2.50% 3.40% 0.30% 3.14% 1.00% 1.73% 0.59% 4.44% 1.74% 0.69% direttrici no area bonus Milano-Saronno (S1+S3) Milano-Malpensa Milano Bovisa-Milano Dateo/P.52% 3.38% 0.88% 1.75% 1.06% 1.11% 1.11% 2.80% 4.34% 5.77% 1.62% 5.31% 3.63% 1.96% .30% 3.05% 1.05% 3.41% 3.40% 8.13% 3.78% 6.57% 2.36% 2.66% Milano Bovisa-Milano Dateo/ 3.98% 2.08% 1.14% 4.34% 0.67% 6. 2008 direttrici area bonus Milano-Seveso-Mariano (S2+S4) + Milano-Asso Milano-Varese-Laveno Milano-Como Milano-Novara Brescia-Iseo-Edolo gen-08 feb-08 mar-08 apr-08 mag-08 giu-08 lug-08 ago-08 set-08 ott-08 nov-08 dic-08 4.51% 2.57% 1.50% 2.12% 5.04% 0.06% 5.80% 1.33% 0.64% 0.18% 3.25% 1.65% 1.89% 0.17% 2.66% 0.44% 1.86% 1.94% 1.90% 0.20% 5.38% 5.38% 1.70% 0.ta Vittoria (S10) gen-09 feb-09 mar-09 apr-09 mag-09 giu-09 lug-09 ago-09 set-09 ott-09 nov-09 dic-09 4.99% 3.16% 2009 direttrici area bonus Milano-Seveso-Mariano (S2+S4) + Milano-Asso Milano-Varese-Laveno Milano-Como Milano-Novara Brescia-Iseo-Edolo gen-09 feb-09 mar-09 apr-09 mag-09 giu-09 lug-09 ago-09 set-09 ott-09 nov-09 dic-09 5. pari per il biennio 2008-2009 al 4.24% 3.53% 3.60% 2.77% 3.14% 2.60% 6.85% 1.14% 0.73% 3.71% 1.37% 3.88% 3.29% 2.10% 0.70% 6.50% 0.39% 5.05% 0.46% 2.56% 1.62% 1.32% 1.53% 3.20% 6.74% 1.48% 2.10% 4.96% 2.20% 2.92% 1.82% 2.47% 2.22% 2.35% 1.15% 0.10% 2.89% 0.51% 2.98% 2.92% 0.52% 0.61% 4.32% 3.33% 1.02% 0.87% 1.78% 0.55% 1.21% 2.20% 1.06% 2.00% 1.64% 1.54% 1.18% 1.10% 1.41% 3.46% 2.33% 2.09% 4.65% 1.24% 2.82% 3.30% 1.01% 14.99% 1.84% 0.17% 2.30% 2.09% 5.68% 4.25% 1.77% 1.66% 1.33% 2.75% 4.64% 0.98% 3.23% 1.06% 1.41% 0.54% 1.90% 3.67% 1.52% 0.35% 3.62% 0.90% 0.17% 2.16% 2.26% 3.18% 0.73% 11.54% 2.55% 0.76% P.63% 0.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 147 ANdAMENTO MENSILE dELL’INdICE dI AFFIdABILITà Le caselle evidenziate indicano i mesi nei quali è stato superato il valore-soglia dell'indice di affidabilità.59% 0.88% 1.30% 1.16% 1.23% 1.34% 4.09% 4.57% 4.53% 2.15%.14% 2.

03% 13.65% 0.4% .696.75% 1.56% 0.35% 1.30% 0.6% Esterne 63.13% 0.82% 20.82% 17.31% 0.04% 16.44%) 35.550 125.58% 0.298 (1.31% 3.66% 5.1% 24.24%) (1.71% 0.9% 0.0% Cause FERROVIENORd 1.151 Treni-km soppressi LeNORd 101.02% 100% Microcause Forza Maggiore Guasti rotabile Circolazione Guasti impianti di linea Mancanza personale Lavori rete Mancanza materiali Non dettagliabili Treni sopressi per responsabilità Treni-km programmati 2008 2009 8.39% 1.0% 75.185 8.148 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 RITARdI E SOPPRESSIONI: CAUSE E RESPONSABILITà 2008 descrizione del disservizio causa del ritardo 50.193.02% 100% Microcause Guasti rotabile Forza Maggiore Circolazione Guasti impianti di linea Lavori rete Mancanza materiali Mancanza personale Non dettagliabili 2009 descrizione del disservizio causa del ritardo 50.

9 4.4 0.6 1.4 3.8 4.4 3.5 Guasti equivalenti: ramo Iseo Mese GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC Media 2006 0.2 0.3 0.4 4.5 0 0.5 2.4 1.7 4.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 149 INdICATORI RELATIVI ALLA MANUTENZIONE dELLA RETE Indice di efficienza della rete ferroviaria La qualità in termini di affidabilità di un’infrastruttura ferroviaria viene monitorata sulla base del numero di guasti dell’infrastruttura che hanno provocato ritardi nella circolazione dei treni ed è espressa dal seguente indice di efficienza.8 0.2n1 + 0.8 2008 2.2 0.5 4 3.2 4.9 3. La formula di calcolo (prevista dal contratto di servizio stipulato con la Regione Lombardia) è la seguente: Ritardi Numero guasti Peso Da 10’ a 15’ N1 0.3 2.5 3.5 1.8 3.6 4.6 2.6 4 2009 3.6 1 1 1 0.2 1.3n2 + 0.8 dISTRIBUZIONE dEL PERSONALE PER ATTIVITà dEL GRUPPO 2006 TPL ferro TPL gomma Trasporto merci Holding SEMS e altre società 76% 9% 5% 6% 4% 2007 75% 7% 6% 6% 4% 2008 75% 8% 7% 7% 4% 2009 75% 8% 7% 7% 4% .2 2007 0.3 0.8 4.3 Da 31’ a 60’ N3 0.9 3.4 3.1 3. riferito a un dato periodo di tempo e a una singola area (formula di calcolo contenuta nel contratto di servizio stipulato con la Regione Lombardia): ie = Numero di guasti equivalenti Numero Treni*km x 106 Indicatore sui guasti equivalenti Per guasto equivalente si intende un valore medio che tiene conto del danno provocato dai guasti sulla circolazione dei treni.3 3.5 1 3.8 2008 1.6 3.1 3.6 4.7 4.4 1.8 0.4 1 1 1 0.5 0.5n3 + n4 Guasti equivalenti: ramo Milano Mese GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC Media 2006 3 4.8 3.9 3.2 Da 16’ a 30’ N2 0.4 0.4 0.9 0 0.9 0.9 1.5 0.7 0.3 1. Il ritardo preso in considerazione è quello del treno che ha subito il massimo ritardo a causa del guasto.6 3.8 4.5 0.6 3.8 2.4 4.4 0.5 4.2 4.8 0.7 4.2 2.2 3.9 3.6 0 2.2 3.5 0.4 4. L’indice viene calcolato mensilmente considerando tutte le direttrici del servizio ferroviario svolto da LeNORD.6 2.8 0.4 3.7 0.4 4.5 Oltre 60’ N4 1 Numero guasti equivalenti = 0.6 1.6 1.6 1 0.2 4.8 4.2 3.6 4 2007 4.9 2009 1.4 0.

20 105.061 53.386 425.0 165.0 0.000 38. 9.329 36 228 317 7.di cui cabine media tensione gasolio per autotrazione di servizio gas metano per impianti/uffici FNM Autoservizi gasolio per autotrazione energia elettrica per impianti/uffici gas metano per impianti/uffici Temperatura media invernale a MI (fonte CML) U.738 1.93 81.619 15.508 1.000 3.346 30.269 5.268 778 40 220 165 736 824 504 54 244 192 695 1.0 0.240.000 15.699 10.852.d.065 15.150 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 LA DIMENSIONE AMBIENTALE QUAdRO dI SINTESI Consumi energetici LeNORD energia elettrica per trazione rotabili gasolio per trazione rotabili energia elettrica per impianti/uffici (*) gas metano per impianti/uffici (*) gasolio per autotrazione FERROVIENORD energia elettrica per impianti/uffici .691 424.274.611 95.monossido di carbonio NOX SO2 Ton Ton Ton Ton Ton Ton Ton Ton Ton 56. 9.254 297.309 4.776 2.000 2.046.8 3.40 92.283 1.922.885 73 19 .4 410.361 285.692 83.800 84.866 4.196 1.2 0.081 337.6 715. n.917.000 42.417.7 0.661.740.383.919 3.847 39 248 347 7.182 257.222 30.536 34 216 307 9.619 17.000 883.927 100.626.d.952 15. 280.640 33 207 290 8.6 130.509 4.di cui consumi bassa tensione .500 Rifiuti LeNORD Rifiuti pericolosi (*) Rifiuti non pericolosi (*) Rifiuti metallici da rottamazione rotabili FERROVIENORD FNM Autoservizi Rifiuti pericolosi Rifiuti non pericolosi Rifiuti pericolosi Rifiuti non pericolosi * Comprende i consumi NORDCARGO presso l'impianto di Novate.823 2.213.860 14.699 19.589 37.050 Cosumi idrici LeNORD FERROVIENORD FNM Autoservizi Acqua per impianti/uffici (*) Acqua per impianti/uffici Acqua per impianti/uffici Mc Mc Mc 83.316.282 3.727 297.0 426.7 113.550.766 107.811.460.000 2.112 3.003.917.000 6.840 338. kWh Litri kWh Mc Litri kWh kWh kWh Litri Mc Litri kWh Mc Gradi 2006 2007 2008 2009 82.441 35.m.054 61.041 77.87 69.469.225 4.952 18.000 95.130.117.208 387.000 n.181.440 1.857 813.884 436.909.000 9.0 146. Ton Ton Ton Ton Ton Ton Ton 80 584 771 234 304 30 130 96 793 1.d.484 n.937.173.d.482 484.076 1.536 92.362.159 2.612 2.090 Emissioni Servizio ferroviario CO2 PM NOX SO2 TPL su gomma CO2 PM CO .d.123 n.000 859.049 66.

6 (**) OPERE AMBIENTALI (RUMORE E VIBRAZIONI) Opere realizzate nel biennio 2008-2009 Anno 2009 Località Tipologia posa di barriere fonoassorbenti e difrattore (H =2. comma 2 Elaborazione del Piano di Azione in adempimento al D. comma 1 Misura e analisi del rumore indotto dai treni in corrispondenza del binario 1T Misura e analisi delle vibrazioni indotte dal transito dei treni Misura e analisi delle vibrazioni indotte dal transito dei treni Misura e analisi delle vibrazioni indotte dal transito dei treni Misura e analisi delle vibrazioni indotte dal transito dei treni a Seveso (MI) in via Solferino 44 Linea Milano Malpensa Tratta Mi Cadorna .autobus Euro5 Autobus dotati di dispositivi antiparticolato (n.) (**) su un totale di 20.) autobus Euro0 da sostituitire autobus Euro0 esenti (no Tpl) autobus Euro1 autobus Euro2 autobus Euro3 autobus Euro4 2009 178 20 14 1 99 15 6 23 13 2008 179 44 18 1 100 15 0 1 13 2007 179 44 19 1 100 15 2006 199 79 1 104 15 2005 208 93 1 104 10 2004 211 104 1 104 2 . 4. .Camnago Tratto in Camnago 2009 (Comune di Lentate sul Seveso) Linea Milano Novara 2008 Tratto in comune di Vanzaghello Linea Milano .|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 151 PARCO AUTOBUS: LIVELLO dI EMISSIONI Parco autobus complessivo (n.Novara 2007/2008 Comune di Castano P.50m) posa di barriere fonoassorbenti (H=3.Saronno) 2008 2008 2008 2008 2008 Stazione di Saronno Linea Milano Asso Affori Linea Milano Novara Vanzaghello Linea Milano Novara Vanzaghello Linea Milano Asso Seveso .Mi Quarto Oggiaro) Asse principale 2008 (Linea Milano Malpensa: Tratta Novate .00m) posa di barriere fonoassorbenti (H =2.Seveso . Tratta Mi Bovisa .Mi Quarto Oggiaro.lgs 194/2005 art.00m) posa di materassino fonoassorbente sotto ballast Quantità 33 m 237 m 1.Mi Bovisa. 2009/2010 Tratta Mi Bovisa .00 ÷ 3.160 m 60 m Stazione di Milano Cadorna Linea Milano .Ponte sul Villoresi Studi eseguiti nel biennio 2008-2009 Anno Località definizione Campagna di misura e di analisi del rumore e delle vibrazioni indotti dall'esercizio ferroviario Elaborazione del Piano di Azione in adempimento al Dlgs 194/2005 art.Mi Affori Agglomerato di Milano 2008 (Linea Milano Malpensa:Tratta Mi Cadorna . 4.

Produzione media di 15 kWh/giorno Copertura passerella ciclopedonale 370 450 mq mq Quantità 2008-2009 Deposito di Camnago .d.000m) posa di barriere fonoassorbenti (H =6m dal p.Potenza di picco 5kWp.Cusano Copertura delle piazze di stazione nei Comuni di Cormano e Cusano M.00m) posa di barriere fonoassorbenti (H=2.50-4.f) Quantità 480 360 260 m m m 2008-2009 Progetto pilota nel Comune di Novate 2008-2009 Progetto pilota nel Comune di Rescaldina 2008-2009 Progetto pilota nel Comune di Saronno Pannelli fotovoltaici progettati nel biennio 2008-2009 Anno Località Tipologia Copertura del deposito.Comune di Lentate 2008-2009 Fermata di Bruzzano Comune di Milano 2008-2009 Nuova stazione di interscambio Cormano .152 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 Barriere fonoassorbenti progettate nel biennio 2008-2009 Anno Località Tipologia posa di barriere fonoassorbenti (H =4. .

|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| APPeNDICe 153 .

efficacia 1. 2. È utilizzata come indicatore dei volumi di servizio prodotti/offerti generalmente su base annua. Documento che attesta la conformità agli standard in materia di sicurezza della circolazione definiti dal Ministero dei Trasporti per singole linee e per singoli servizi. certificato di sicurezza CUSTOMER SATISFACTION (indagine di customer satisfaction) Indagine statistica sulla soddisfazione dei clienti. bus-Km Distanza effettivamente percorsa in chilometri dagli autobus in servizio.154 ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| BILANCIO DI SOSTENIBILITà 08/09 GLOSSARIO buffer Area che si estende intorno a un oggetto/luogo. Normalmente viene sottoposto un questionario a un ampio campione di utenti. sociali e ambientali di un’organizzazione. (Customer Satisfaction) svolta di solito da una società specializzata. gri (Global Reporting Iniziative) Standard internazionale di riferimento utilizzato per rendicontare le prestazioni economiche. Capacità di conseguire gli obiettivi prestabiliti (efficacia interna o gestionale). efficienza esternaLità Le esternalità si verificano quando l’azione di un soggetto causa delle conseguenze (positive o negative) nella sfera di altri soggetti. Il modello GRI nasce nel 1997 su iniziativa dell’organizzazione americana CERES (Coalition for Environmentally Responsible Economies) e dell’UNEP (United Nations Environment Programme) al fine di migliorare la qualità.Earnings before Interests and taxes Risultato aziendale prima delle imposte e degli oneri finanziari. Capacità di soddisfare i bisogni (efficacia esterna o sociale). In italiano può essere definito come risultato ante oneri finanziari e imposte oppure reddito operativo aziendale. individuando una superficie geografica di pertinenza dell’oggetto stesso. 2. in un determinato arco temporale. il rigore e l’utilità della rendicontazione. Capacità di un processo di impiegare le minori risorse possibili dato un certo output prodotto. ebit . . rappresentativo della popolazione di riferimento. 1. senza che ciò abbia riflesso nei prezzi di mercato. Capacità di massimizzare l’output dato un certo ammontare di risorse. Il possesso del Certificato di Sicurezza è obbligatorio per ogni Impresa Ferroviaria che intenda operare sull’infrastruttura ferroviaria nazionale.

in un determinato un arco temporale. provinciale e regionale). generalmente su base annua. È utilizzata come indicatore dei volumi di domanda soddisfatta. STAKEHOLDER Qualsiasi soggetto che abbia un interesse legittimo (“stake”) verso un’organizzazione. È utilizzata come indicatore dei volumi di servizio prodotti/offerti generalmente su base annua. LOAD FACTOR (coefficiente di occupazione) passeggeri-Km Somma dei chilometri effettivamente percorsi dalla totalità dei passeggeri di un servizio di trasporto. Gli incidenti ferroviari vengono suddivisi nelle seguenti categorie: collisioni. è un indice di redditività del capitale proprio. incidenti ai passaggi a livello. Percentuale dei posti effettivamente occupati rispetto a quelli disponibili. . vaLore aggiunto Grandezza economica ottenuta per differenza tra il valore della produzione di un’impresa ed il costo delle materie prime e dei servizi acquistati da terzi ed impiegati nel processo produttivo. in un determinato arco temporale. roe (Return on Equity) Rapporto fra l’utile netto e il patrimonio netto. Insieme delle diverse modalità di trasporto pubblico che consentono l’esercizio del diritto alla mobilità dei cittadini su scala locale (urbana. incidenti a persone causati da materiale rotabile in movimento e altri. È dato dal rapporto tra passeggeri trasportati per km percorsi e posti offerti per km percorsi. Indicatore che consente di analizzare il “grado di assorbimento della capacità produttiva installata su un treno”.|| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||| GLOssArIO 155 incidente ferroviario Evento improvviso e inaspettato con conseguenze dannose che coinvolge almeno un veicolo ferroviario. tpL (trasporto pubblico Locale) treno-Km Distanza effettivamente percorsa in chilometri dai treni in servizio. roi (Return on Investment) Rapporto fra il reddito operativo e il capitale investito nella gestione. deragliamenti. è un indicatore sintetico della redditività della gestione caratteristica e prescinde completamente da considerazioni di natura finanziaria e fiscale. È un indicatore della ricchezza prodotta da un’azienda nello svolgimento della sua attività.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful