Il Novecento

– tratto dal CDRom XX secolo La Storia-Il Pensiero-Le Arti-La Scienza, RCS Scuola-

IL NOVECENTO

La soluzione finale

Guerra nei Balcani
LA PRIMA GUERRA MONDIALE ...................................................................................................7 Eventi....................................................................................................................................................7 1Dalla pace alla guerra....................................................................................................................7 2Il fronte occidentale.......................................................................................................................8 3Il fronte orientale...........................................................................................................................9 4La guerra italiana.........................................................................................................................10 51917, l'anno di svolta...................................................................................................................11 5.1Il crollo della Russia zarista.................................................................................................11 5.2L'intervento degli USA........................................................................................................11 5.3Caporetto..............................................................................................................................12 6Guerra e rivolta in Medio Oriente................................................................................................13 7La guerra in Estremo oriente e America latina............................................................................13 8Il crollo degli imperi centrali e la fine delle ostilità.....................................................................14 LA PRIMA GUERRA MONDIALE..................................................................................................15 1 Antonio Gambalonga

Il Novecento Approfondimenti................................................................................................................................15 1La mobilitazione industriale........................................................................................................15 2La mobilitazione annonaria.........................................................................................................16 3La propaganda..............................................................................................................................16 4La Grande guerra lontano dal fronte............................................................................................17 4.1La mobilitazione civile.........................................................................................................17 4.2Donne al lavoro....................................................................................................................18 4.3Crescere in tempo di guerra: i ragazzi.................................................................................18 4.4L'internazionale socialista....................................................................................................19 5L'Union sacrée.............................................................................................................................20 6La Chiesa cattolica.......................................................................................................................20 6.1La Nota di Benedetto XV.....................................................................................................21 7La trincea.....................................................................................................................................24 7.1Le nuove tecnologie militarismo..........................................................................................24 7.2Lettera di un soldato dal fronte............................................................................................24 7.3Una terribile ecatombe.........................................................................................................25 8Il genocidio degli armeni.............................................................................................................26 LA PRIMA GUERRA MONDIALE..................................................................................................28 Conseguenze.......................................................................................................................................28 1L'epidemia di spagnola................................................................................................................28 2La fine del II Reich......................................................................................................................28 3Il crollo dell'impero austroungarico.............................................................................................29 4La dissoluzione dell'impero ottomano.........................................................................................29 5La pace di Versailles....................................................................................................................30 6La Società delle Nazioni..............................................................................................................31 7La smobilitazione industriale e annonaria...................................................................................31 8Il ritorno dei reduci......................................................................................................................32 9La nuova immagine dell'uomo e della mascolinità......................................................................33 10Il conflitto della memoria..........................................................................................................33 11I luoghi della memoria...............................................................................................................34 12La guerra al cinema....................................................................................................................35 Il Fascismo..........................................................................................................................................37 Eventi..................................................................................................................................................37 1La presa del potere.......................................................................................................................37 2La costruzione dello Stato fascista...............................................................................................38 3Dalla grande crisi alla guerra d'Etiopia........................................................................................38 4Dall'impero alla non belligeranza................................................................................................39 Il Fascismo..........................................................................................................................................40 Approfondimenti................................................................................................................................40 1Chiesa e fascismo.........................................................................................................................40 2La donna......................................................................................................................................40 3La scuola nei regimi fascisti........................................................................................................41 4Le organizzazioni giovanili.........................................................................................................42 5Le organizzazioni del dopolavoro................................................................................................43 6Lo sport e le olimpiadi.................................................................................................................44 7L'inquadramento ideologico........................................................................................................44 7.1La propaganda......................................................................................................................44 8Il mito dell'uomo nuovo fascista..................................................................................................45 2 Antonio Gambalonga

Il Novecento 8.1Manifesti degli intellettuali italiani......................................................................................45 9La legislazione razziale................................................................................................................47 10La persecuzione razziale in Germania.......................................................................................47 11La persecuzione degli zingari....................................................................................................48 12L'economia.................................................................................................................................49 12.1La “terza via” e il corporativismo......................................................................................49 12.2L'autarchia..........................................................................................................................49 12.3L'offensiva nelle campagne e la battaglia del grano..........................................................50 13Il sistema repressivo...................................................................................................................51 14L'emigrazione antifascista.........................................................................................................51 15La resistenza interna..................................................................................................................52 Verso la seconda guerra mondiale......................................................................................................53 1Italia: il colonialismo...................................................................................................................53 2Germania: dall'occupazione della Renania all'Anschluss............................................................53 3Verso una nuova guerra ...............................................................................................................54 LA SECONDA GUERRA MONDIALE............................................................................................55 EVENTI..............................................................................................................................................55 1Una guerra europea......................................................................................................................55 1.1Gli equilibri europei alla vigilia della guerra.......................................................................55 1.2Dalla “drôle de guerre” all'attacco alla Francia...................................................................55 1.3La battaglia d'Inghilterra......................................................................................................56 1.4L'invasione dell'Urss............................................................................................................57 1.5Il Nuovo Ordine Europeo.....................................................................................................57 2Una guerra mondiale....................................................................................................................58 2.1La guerra in Africa...............................................................................................................58 2.2Pearl Harbor.........................................................................................................................59 2.3L'ingresso degli USA nella guerra.......................................................................................59 2.4La guerra in Asia..................................................................................................................60 2.5La battaglia del Pacifico.......................................................................................................61 2.6La svolta del 1942: le sconfitte tedesche.............................................................................61 2.7La guerra degli alleati: Casablanca e Teheran......................................................................62 3L'Italia in guerra...........................................................................................................................63 3.1Dalla non belligeranza alla sconfitta della Francia..............................................................63 3.2La “guerra parallela”............................................................................................................63 3.3La crisi del regime: dal 25 luglio 1943 all'occupazione nazista..........................................64 3.4La Repubblica di Salò e il Regno del Sud...........................................................................64 4La fine della guerra .....................................................................................................................65 4.1Lo sbarco in Normandia e la fine della guerra in Europa....................................................65 4.2Hiroshima e Nagasaki..........................................................................................................66 LA SECONDA GUERRA MONDIALE............................................................................................67 Approfondimenti................................................................................................................................67 1Il fronte interno............................................................................................................................67 2La mobilitazione industriale........................................................................................................67 3Dalla guerra lampo alla guerra ad usura......................................................................................68 4La propaganda..............................................................................................................................68 5Il Vaticano....................................................................................................................................69 6La distruzione degli ebrei d'Europa.............................................................................................70 6.1La Shoah..............................................................................................................................70 3 Antonio Gambalonga

Il Novecento 6.2La soluzione finale all'est.....................................................................................................71 6.3Le deportazioni....................................................................................................................72 6.4Campi di concentramento e campi di sterminio...................................................................73 7L'Europa fra collaborazionismo e resistenza...............................................................................74 7.1Le resistenze europee...........................................................................................................74 7.2La resistenza italiana............................................................................................................74 7.3La resistenza in Germania....................................................................................................75 7.4La resistenza civile...............................................................................................................76 8I kamikaze....................................................................................................................................76 LA SECONDA GUERRA MONDIALE............................................................................................78 Conseguenze.......................................................................................................................................78 1Le conferenze di Jalta e Potsdam.................................................................................................78 2L'Europa alla fine della guerra.....................................................................................................79 3Germania anno zero.....................................................................................................................79 4L'Italia..........................................................................................................................................80 5Gli imperi coloniali......................................................................................................................80 6Perdite e distruzioni.....................................................................................................................81 7L'ONU..........................................................................................................................................81 8Il processo di Norimberga............................................................................................................82 9Il potenziale distruttivo della guerra atomica..............................................................................83 10I luoghi della memoria...............................................................................................................84 11La guerra al cinema....................................................................................................................84 L'ITALIA REPUBBLICANA............................................................................................................86 Eventi..................................................................................................................................................86 1La nascita della repubblica..........................................................................................................86 2La guerra fredda in Italia.............................................................................................................87 3Dal centrismo al centrosinistra....................................................................................................87 4Dal centrosinistra all'autunno caldo.............................................................................................88 5Il Sessantotto in Italia..................................................................................................................89 6I terrorismi e la strategia della tensione.......................................................................................90 L'ITALIA REPUBBLICANA............................................................................................................92 Approfondimenti................................................................................................................................92 1Politica e società in età repubblicana...........................................................................................92 1.1Il “miracolo italiano”...........................................................................................................92 2I movimenti delle donne in Italia.................................................................................................92 3Le tre Italie...................................................................................................................................93 4L'emigrazione negli anni del “boom”..........................................................................................94 5Mafia e criminalità organizzata...................................................................................................95 6L'integrazione europea.................................................................................................................95 CRONOLOGIA..................................................................................................................................97 1900....................................................................................................................................................97 1901....................................................................................................................................................97 1902....................................................................................................................................................98 1903....................................................................................................................................................99 1904..................................................................................................................................................100 1905..................................................................................................................................................100 1906..................................................................................................................................................101 1907..................................................................................................................................................102 4 Antonio Gambalonga

Il Novecento 1908..................................................................................................................................................103 1909..................................................................................................................................................104 1910..................................................................................................................................................105 1911..................................................................................................................................................105 1912..................................................................................................................................................106 1913..................................................................................................................................................107 1914..................................................................................................................................................108 1915..................................................................................................................................................109 1916..................................................................................................................................................111 1917..................................................................................................................................................112 1918..................................................................................................................................................113 1919..................................................................................................................................................114 1920..................................................................................................................................................116 1921..................................................................................................................................................117 1922..................................................................................................................................................118 1923..................................................................................................................................................118 1924..................................................................................................................................................119 1925..................................................................................................................................................120 1926..................................................................................................................................................121 1927..................................................................................................................................................122 1928..................................................................................................................................................123 1929..................................................................................................................................................123 1930..................................................................................................................................................124 1931..................................................................................................................................................125 1932..................................................................................................................................................126 1933..................................................................................................................................................126 1934..................................................................................................................................................128 1935..................................................................................................................................................129 1936..................................................................................................................................................130 1937..................................................................................................................................................131 1938..................................................................................................................................................131 1939..................................................................................................................................................132 1940..................................................................................................................................................133 1941..................................................................................................................................................134 1942..................................................................................................................................................135 1943..................................................................................................................................................136 1944..................................................................................................................................................138 1945..................................................................................................................................................139 1946..................................................................................................................................................140 1947..................................................................................................................................................141 1948..................................................................................................................................................143 1949..................................................................................................................................................144 1950..................................................................................................................................................144 1951..................................................................................................................................................145 1952..................................................................................................................................................146 1953..................................................................................................................................................146 1954..................................................................................................................................................147 1955..................................................................................................................................................148 5 Antonio Gambalonga

Il Novecento 1956..................................................................................................................................................149 1957..................................................................................................................................................151 1958..................................................................................................................................................151 1960..................................................................................................................................................153 1961..................................................................................................................................................154 1962..................................................................................................................................................154 1963..................................................................................................................................................155 1964..................................................................................................................................................156 1965..................................................................................................................................................156 1966..................................................................................................................................................157 1967..................................................................................................................................................158 1968..................................................................................................................................................158 1969..................................................................................................................................................160 1970..................................................................................................................................................161 1971..................................................................................................................................................162 1972..................................................................................................................................................163 1973..................................................................................................................................................163 1974..................................................................................................................................................164 1975..................................................................................................................................................165 1976..................................................................................................................................................166 1977..................................................................................................................................................166 1978..................................................................................................................................................167 1979..................................................................................................................................................167 1980..................................................................................................................................................168 1981..................................................................................................................................................169 1982..................................................................................................................................................169 1983..................................................................................................................................................170 1984..................................................................................................................................................171 1985..................................................................................................................................................172 1986..................................................................................................................................................172 1987..................................................................................................................................................173 1988..................................................................................................................................................174 1989..................................................................................................................................................174 1990..................................................................................................................................................176 1991..................................................................................................................................................177 1992..................................................................................................................................................178 1993..................................................................................................................................................179 1994..................................................................................................................................................180 1995..................................................................................................................................................181 1996..................................................................................................................................................182 1997..................................................................................................................................................183 1998..................................................................................................................................................183 1999..................................................................................................................................................184 2000..................................................................................................................................................184

6

Antonio Gambalonga

e la Triplice Alleanza (Germania. 7 Antonio Gambalonga . dopo aver inviato un ultimatum alla Serbia ritenuta corresponsabile dell’eccidio di Sarajevo. il 28 luglio 1914 attaccò Belgrado. Era una competizione che mirava ad allargare le varie sfere di influenza e a conquistare nuove fette di mercato. i motivi di fondo della Grande guerra vanno ricercati nel groviglio di tensioni che coinvolgeva tutte le principali potenze e i loro possedimenti coloniali. in pochissimi giorni scattarono i meccanismi delle alleanze e la guerra divenne mondiale. Francia e Russia). Nel 1914 l’Europa era divisa in due coalizioni principali: la Triplice Intesa (Gran Bretagna. Austria-Ungheria e Italia). al suo alleato francese e invase il Belgio. l’Inghilterra intervenne contro Germania e Austria. quindi l’Austria contro la Russia e il Giappone a fianco dell’Intesa (1-15 agosto) per occupare i possedimenti tedeschi in Cina. La Russia si mobilitò in difesa della Serbia. Una serie di conflitti localizzati in Asia. si erano impegnati in una corsa agli armamenti di proporzioni inedite. indebolita dalla sconfitta russa nella guerra col Giappone per il controllo della Manciuria (1904-1905) cui fece seguito la rivoluzione del 1905. suo vecchio alleato della Triplice alleanza. L’Italia.Il Novecento LA PRIMA GUERRA MONDIALE Eventi 1 Dalla pace alla guerra Se l’attentato di Sarajevo fu il casus belli. Dall’inizio del secolo l’impero inglese e il Reich tedesco. entrò in guerra a fianco dell’Intesa contro l’Austria. Quando l’Austria. l’impero russo e quello ottomano. l’impero francese e quello austro-ungarico. nei Balcani contribuì ad aumentare la tensione. soprattutto. Nei mesi successivi l’Impero ottomano si schierò con Germania e Austria (31 ottobre). in Marocco e. che sembrava militarmente superiore. la Germania dichiarò guerra alla Russia. rimasta neutrale fino al maggio 1915.

In una guerra ormai mondiale. masse di uomini e di risorse furono spese inutilmente. nonostante la vittoria 8 Antonio Gambalonga . Sulla base di questi calcoli. A Verdun e sulla Somme. Il succedersi di poderose. si cercarono di applicare i piani strategici già elaborati. inutili e dispendiose offensive contro le trincee nemiche e l’intervento italiano non modificarono l’andamento del conflitto. Dal Mare del Nord all’Adriatico. l’Europa si trovò divisa da due linee di trincee. con il crollo russo e il decisivo intervento degli USA. si rivelò decisiva la superiorità economica delle forze alleate con l’Intesa. Ma la resistenza francese fu più tenace del previsto. La guerra-lampo si rivelò un mito irrealizzabile. per neutralizzare il nemico occidentale prima di rivolgersi ad Est contro la Russia. come allo Chemin des Dames o sull’Isonzo. Il 1917 fu l’anno della svolta. che modificò le sorti del conflitto portando però in Europa anche l’epidemia di spagnola.Il Novecento 2 Il fronte occidentale Tutte le potenze intervenute nella grande guerra erano convinte che il conflitto sarebbe stato breve. attaccando la Francia passando dal Belgio. dove si sperimentavano nuove tecnologie militari e non mancavano assalti all’arma bianca. La battaglia della Marna sancì il fallimento dei piani tedeschi e l’inizio della guerra di logoramento. ben presto poté giovarsi del sostegno inglese e bloccò l’avanzata tedesca a 35 chilometri da Parigi (3 settembre 1914). Fu così che la Germania tentò di realizzare il Piano Schlieffen. Queste. onde evitare di rimanere chiusa in una tenaglia.

I russi furono fermati a Tannenberg e ai Laghi Masuri. Nel dicembre 1917 il governo bolscevico firmò l’armistizio. nel novembre 1918. L’intervento della Romania a fianco dell’Intesa allungò il fronte dal Baltico al mar Nero e permise ai russi di organizzare una serie di controffensive. Polonia. Le trattative si conclusero nel marzo 1918 (pace di Brest-Litovsk).Il Novecento austriaca a Caporetto e le offensive tedesche sulla Marna. 3 Il fronte orientale La strategia tedesca prevedeva di attaccare ad est solo dopo un successo sul fronte occidentale. la quasi totalità dei Balcani era sotto il controllo delle potenze centrali. riuscirono a chiudere gli imperi centrali in un blocco economico e commerciale. Mentre le potenze centrali avanzavano e anche la Serbia rimaneva isolata. Il primo a crollare fu l’Impero russo. La vastità del territorio russo e la scarsità di mezzi resero impossibile una rapida vittoria a est degli austro-tedeschi. costringendo le potenze centrali a modificare i piani. stati baltici. portò alla fine della guerra. nelle trincee del fronte orientale tutti gli eserciti apparivano stremati e incapaci di sferrare offensive risolutrici. malgrado i successi delle potenze centrali. travolto dalle sconfitte e dalla rivoluzione di febbraio. quando anche la Bulgaria era intervenuta contro la Serbia. L’intervento ottomano ricacciò fuori dalla Galizia i russi. costringendoli a un collasso che. le forze dell’Intesa tentarono inutilmente di attaccare la Turchia a Gallipoli. 9 Antonio Gambalonga . Tra il 1916 e il 1917. Ma l’avanzata in Francia non si era ancora conclusa. quando l’esercito russo sferrò un’offensiva contro la Prussia orientale e la Galizia austriaca. Nel maggio successivo anche la Romania capitolò. Gli episodi di insubordinazione divennero frequenti e fu sempre più evidente la fragilità interna degli antichi imperi. quindi uscito dalla guerra dopo quella di ottobre. Ucraina. La Russia perse Finlandia. che si trovarono isolati dai loro alleati. ma riuscirono a battere gli austriaci a Leopoli (agostosettembre 1914). Alla fine del 1915.

Anche per la guerra italiana il 1917 fu un anno di svolta. grazie al decisivo schierarsi del re a favore dell’intervento con l’Intesa e nonostante l’opposizione di parte della popolazione. Il 24 ottobre 1918 l’esercito italiano tornò all’offensiva contro un nemico già piegato dal blocco economico e sconfisse definitivamente gli austriaci a Vittorio Veneto. La capacità italiana di ripresa. Trieste. con un nuovo impulso all’attività di propaganda. Sud Tirolo. socialisti rivoluzionari). Istria. Il fronte interno mostrò tutta la sua fragilità. Nel paese si fronteggiarono aspramente neutralisti (socialisti. cattolici) e interventisti (nazionalisti. Il patto di Londra. sostenuta dall’arrivo di rinforzi alleati. le truppe furono impegnate lungo un fronte di 600 km in aspri attacchi. durante il primo anno di guerra l’Italia rimase neutrale. conservatori. la miopia strategica portò alla disfatta di Caporetto. Scioperi e rivolte (contro il caroviveri e la guerra) attraversarono il paese e la voce del papa tuonò contro “l’inutile strage”. guadagnando alcune posizioni prima di iniziare una lunga guerra di logoramento in trincea. cui seguì una riorganizzazione politica e militare del conflitto. irredentisti. Valona. Nel maggio 1915 ebbero la meglio questi ultimi. in caso di vittoria.Il Novecento 4 La guerra italiana Legata agli imperi centrali dal patto della Triplice Alleanza (che aveva carattere difensivo). si dimostrò con la resistenza opposta agli invasori tra il Piave e Monte Grappa. concentrati sul fiume Isonzo e l’altopiano del Carso. firmato in gran segreto con i nuovi alleati prevedeva. 10 Antonio Gambalonga . Dalmazia (esclusa Fiume). Le grandi offensive del 1916 e la “spedizione punitiva” lanciata dagli austriaci contro l’ex alleato traditore costarono perdite sproporzionate da ambo le parti. In questo contesto. l’ottenimento di: Trentino. Sotto il comando di Cadorna. giolittiani.

2 miliardi di dollari e conferito prestiti per altri 7. che aveva già causato l’affondamento di mercantili americani e la morte di numerosi cittadini statunitensi. L’8 marzo 1917 scoppiò la rivoluzione di febbraio che. A luglio il nuovo capo del governo. il numeroso esercito russo soffrì una costante scarsità di rifornimenti. Male armato e poco motivato. Tale esposizione finanziaria determinò la scelta di campo degli Stati Uniti poiché la sconfitta dell’Intesa avrebbe comportato gravi conseguenze per l’economia americana. in un paese dove la borghesia costituiva un ceto assai ristretto e le industrie erano concentrate in piccole isole nell’immenso oceano dell’arretrata economia contadina. I Soviet si diffusero ovunque. 5. Dopo la rivoluzione d’ottobre i bolscevichi portarono il paese fuori dal conflitto (pace di Brest-Litovsk). intenzionati a occupare le terre. Le immagini dei soldati impegnati a raccogliere armi e munizioni dei caduti furono il simbolo di questa penuria. In una guerra tecnologica e industriale. portò al potere un governo provvisorio intenzionato a proseguire la guerra. cui aveva fatto seguito la rivoluzione del 1905. Lo zar rimase legato ai ristretti circoli aristocratici.7 miliardi alla vigilia del proprio intervento in guerra. lanciò un’offensiva fallimentare in Galizia.Il Novecento 5 5. Gli slogan del febbraio (pane. area dalla quale i capitali britannici avevano invece cominciato a smobilitare sin dalla fine del secolo accettando il predominio americano. se travolse l’autocrazia.2 L'intervento degli USA Allo scoppio del conflitto il presidente Wilson proclamò la neutralità degli Stati Uniti e rivendicò il diritto americano di mantenere relazioni commerciali con tutti i contendenti.1 1917. quando le potenze centrali sferrarono nuove offensive sul fronte orientale. democrazia) divennero sempre più popolari. Dalla sconfitta subita nella guerra col Giappone per il controllo della Manciuria. la Russia fu quello dove con più evidenza emerse il distacco tra progetti politico-militari dei governanti e aspirazioni popolari. Tra la fine del 1916 e l’inizio del 1917. A questi ultimi gli Stati Uniti avevano venduto armamenti per 2. Kerenskij. L’arretratezza economica e politica dell’Impero zarista apparve in tutta la sua drammaticità fin dai primi mesi di guerra. La ripresa della guerra sottomarina tedesca dal I febbraio 1917. la caduta di Nicola II sembrò inevitabile. l’esercito russo iniziò a disgregarsi. masse di soldati-contadini abbandonarono le linee. l'anno di svolta Il crollo della Russia zarista Di tutti i paesi belligeranti. Il blocco navale britannico alla Germania indirizzò tuttavia i nove decimi delle esportazioni americane verso i paesi dell’Intesa. oltre che di massa. il governo zarista non sembrò aver tratto lezioni. alimentari e vestiari oltre che tecnici e materiali. pace. L’industria e la finanza tedesche rappresentavano inoltre temibili avversari per gli interessi USA nell’America centrale e latina. 11 Antonio Gambalonga .

demotivato e male organizzato. proprio in quell’area dove il generale Cadorna aveva speso molte energie in un’interminabile serie di attacchi.Il Novecento spinse Wilson all’intervento.000 sul fronte occidentale tra il marzo e il novembre del 1918. In pochi giorni 11. fu dato nuovo impulso all’azione di propaganda (erano scoppiate rivolte. La pausa permise alle forze italiane di riorganizzarsi tra il Piave e Monte Grappa.000 kmq di terreno. La fine dell’autocrazia zarista in Russia con la Rivoluzione di febbraio aveva infatti liberato gli Stati Uniti da un potenziale alleato ideologicamente scomodo e favorito il loro ingresso in guerra alla luce di una lettura del conflitto come scontro tra i regimi democratici e quelli autoritari. La ritirata. Si formò un nuovo governo. I soldati fuggirono disordinatamente.000 furono fatti prigionieri. l’esercito regio non resse l’urto. 5. anche per l’eco della rivoluzione russa). 30.000 rimasero feriti e 300. Per quanto tardivo. l’intervento statunitense spostò le sorti del conflitto a favore dell’Intesa contribuendo alla sua vittoria. Il bottino bellico degli invasori era esaltante: oltre alle grandi quantità di materiale bellico e artiglierie. dove furono raggiunte da rinforzi inviati dagli alleati. lasciando profondi strascichi polemici negli anni a seguire. Con l’arrivo delle truppe americane. Il 24 ottobre 1917 le forze austrotedesche lanciarono una poderosa offensiva sulle linee italiane poste sull’Isonzo. Fu un’avanzata bloccata solo dalle difficoltà logistiche di movimento per un’armata che necessitava di continui rifornimenti. Il 7 aprile. avanzarono di 150 km la linea del fronte e si fermarono quando erano ormai in vista di Venezia. molti gettarono le armi. tanto da rimanere impresso nella memoria collettiva. necessaria per evitare l’accerchiamento. sordi ai richiami dei superiori: la guerra pareva persa. divenne una rotta totale. su richiesta del presidente. ma la pace sembrava loro finalmente vicina.3 Caporetto “È una Caporetto”: il fatto che questa espressione sia entrata nel linguaggio comune per indicare una catastrofe terribile e disonorevole ci ricorda come questo evento abbia segnato una svolta decisiva per la guerra italiana.000 uomini a una superiorità di 600. guadagnarono più di 20. Logorato dagli sforzi compiuti. l’Intesa passò da un’inferiorità numerica di 300.000 soldati italiani morirono. Sulle cause della disfatta indagò una Commissione parlamentare 12 Antonio Gambalonga . il generale Diaz sostituì Cadorna. il Congresso dichiarò guerra alla Germania per le sue violazioni ai diritti americani di neutralità e “per rendere il mondo un luogo sicuro per la democrazia”.

soprattutto. Nell’area mediorientale si scontravano anche gli interessi anglo-tedeschi e il progetto inglese prevedeva di indebolire il nemico turco. inglesi fecero forti pressioni sugli arabi sottoposti al dominio ottomano affinché si ribellassero. in un’aspra polemica che sarebbe durata a lungo.Il Novecento d’inchiesta e si fronteggiarono le forze politiche. indirizzata esplicitamente verso la creazione di un grande stato arabo indipendente in Medio Oriente. E. Se le aree del Pacifico controllate dai tedeschi furono rapidamente conquistate dall’Intesa (ottobre 1914). che si avvantaggiarono però notevolmente commerciando con gli Stati Uniti e i paesi europei già detentori di colonie nel continente. nelle aree dell’oceano Indiano e del Pacifico. In questo contesto si collocano le azioni dei servizi segreti britannici e in particolare quella di T. Questo processo accentuò lo sfruttamento monocolturale dei territori latino-americani. in Australia. ma anche in Cina e India. anche quelle di paesi già indipendenti. 9-18 maggio 1916) per spartirsi i territori del traballante Impero ottomano e il ministro degli Esteri inglese. Nuova Zelanda e Sud Africa. si dichiarò (dichiarazione Balfour. dove le potenze europee reclutarono reparti indigeni da inviare sui fronti di guerra. alimentando le spinte centrifughe interne all’Impero ottomano. 2 novembre 1917) favorevole alla creazione di una sede nazionale ebraica in Palestina: una manovra chiaramente aggressiva nei confronti delle popolazioni arabe locali e che avrebbe avuto un ruolo importante per la futura costruzione dello stato d’Israele. conte Arthur J. alleato con le potenze centrali. 6 Guerra e rivolta in Medio Oriente Durante la guerra. Ma le conseguenze più visibili sul piano del commercio internazionale tra belligeranti e paesi periferici si ebbero in Estremo Oriente. Non a caso l’Atlantico meridionale fu teatro di episodi bellici significativi. Gli imperi francese e inglese si spartirono infatti i territori conquistati nella regione. separando Libano e Siria (posti sotto il mandato della Francia dalla Società delle Nazioni) dalle altre nazioni arabe. La guerra commerciale e i blocchi navali avvantaggiarono l’America latina. i nazionalisti arabi rimasero però delusi dal nuovo ordine imposto con i trattati di pace. Lawrence. Ciononostante le autorità francesi e. l’atteggiamento delle potenze dell’Intesa nei confronti delle popolazioni arabe fu assai contraddittorio. non casualmente noto come Lawrence d’Arabia. 7 La guerra in Estremo oriente e America latina La crescente domanda di materie prime e alimentari dei paesi impegnati nella prima guerra mondiale incise in maniera significativa sui rapporti economici che legavano le capitali imperiali e le economie periferiche. Francia e Inghilterra si accordarono (accordo Sykes-Picot. come nel Sud-est asiatico. Alla fine della guerra. Balfour. distante dai principali luoghi di conflitto ed esportatrice di prodotti sempre più richiesti. le economie 13 Antonio Gambalonga .

le forze dell’Intesa si trovarono ad avere una superiorità militare ed economica ormai schiacciante. si formò uno stato jugoslavo e il 24 ottobre l’esercito italiano sconfisse definitivamente gli austriaci a Vittorio Veneto. presto comunque fermato. I primi riflessi si ebbero col rafforzamento delle posizioni giapponesi e con la crescita dei movimenti indipendentisti e nazionalistici. 14 Antonio Gambalonga . tra ottobre e novembre i marinai della flotta del Reich si ammutinarono. Mentre le forze austro-tedesche tentavano di ritirarsi ordinatamente dal fronte occidentale. dove nel frattempo la situazione era divenuta insostenibile. La prima a cedere fu la Bulgaria (armistizio del 30 settembre). Il kaiser Guglielmo II si rifugiò in Olanda e venne firmato l’armistizio (10 e 11 novembre). a Vienna e Berlino esplosero crisi sociali e politiche che avrebbe portato alla caduta delle monarchie e alle rivoluzioni tedesca e ungherese. un paese formalmente indipendente ma ampiamente controllato dai detentori delle “concessioni” straniere. l’agonizzante Impero ottomano firmò l’armistizio. Il 31 ottobre. Finiva così la Grande guerra con la vittoria dei 27 paesi alleati contro gli imperi centrali. quindi l’imperatore Carlo abdicò (11 novembre) e fu proclamata la repubblica. nonostante lo sfondamento del fronte italiano a Caporetto (ottobre 1917). In Germania. innescando così quel processo rivoluzionario imperniato sui Räte che avrebbe condotto alla nascita della repubblica di Weimar. 8 Il crollo degli imperi centrali e la fine delle ostilità A metà del 1918. come in Cina.Il Novecento locali acquisirono dinamicità e accrebbero il loro ruolo politico. dopo le disfatte in Siria e Palestina. e il crollo del fronte orientale. ormai dissolti e in profonda crisi. L’Impero austro-ungarico si dissolse. Fu proclamata l’indipendenza di Ungheria e Cecoslovacchia. un anno dopo l'intervento in guerra degli Stati Uniti (aprile 1917). Il 3 novembre l’Austria firmò l’armistizio con l’Italia. L’imminente catastrofe ebbe delle ripercussioni fortissime all’interno delle potenze centrali.

690 l’Inghilterra. controllato direttamente dallo Stato che intervenne profondamente nei rapporti economici e sociali. ingegneri. si sarebbero diffuse col capitalismo contemporaneo.608 la Francia) e circolavano 20. chimici. Ai “pescecani di guerra” facevano da triste contrappunto la miseria e i drammi vissuti dalle persone mobilitate in trincea o lontano 15 Antonio Gambalonga . Tutte le forze umane disponibili vennero mobilitate.200 nel 1914). Migliaia di donne. 11. 37.Il Novecento LA PRIMA GUERRA MONDIALE Approfondimenti 1 La mobilitazione industriale Con la guerra. dopo la grande crisi del 1929. si impegnarono nella ricerca di nuovi strumenti bellici.400 colpi al giorno passò agli 88. appresero nuovi lavori. si produssero 12. Scienziati.000 pezzi di artiglieria. quali gli esplosivi o i gas. e di ragazzi. tutti i paesi coinvolti impiegarono il massimo sforzo nella produzione di materiale bellico. 70 milioni di proiettili a un ritmo che dagli iniziali 10.709 cannoni (6. che in gran numero furono figura 1: Torino-Stabilimento Fiat di corso Dante. I lavoratori e le lavoratrici furono sottoposti a più moderni e rigidi sistemi disciplinari.000 automobili (9. L’industria assunse un ruolo centrale.400 del 1918. Le industrie di importanza strategica furono militarizzate e la dilatazione della produzione bellica divenne un fenomeno internazionale. Ciò determinò il passaggio dalle politiche economiche di stampo liberista ottocentesco a quelle che. e di nuovi mezzi di comunicazione.000 mitragliatrici. reparto “arruolate” nell’industria bulloneria-1917 pesante o in quella tessile a domicilio. ancora giovani per andare al fronte. Quell’anno l’esercito italiano aveva a disposizione 7. vale a dire un paese meno industrializzato di altri. Lo sproporzionato aumento di una produzione richiesta e pagata dallo Stato favorì la formazione di enormi profitti per la grande industria e per gli speculatori di ogni paese belligerante. Solo in Italia.

Da questi organi centrali. L’imponente apparato annonario controllava ingenti risorse finanziarie e modificò i rapporti tra consumatori e mercati. è “più salubre” del bianco. Il pane nero. Lo Stato decideva sui prezzi. i traditori italiani. furono costruiti complessi apparati burocratici incaricati di applicare le indicazioni governative e di controllare i mercati locali. Venne introdotta la censura sia sugli organi di stampa che sulla corrispondenza. quanto piuttosto di velarle. ma argomentare e convincere in nome delle ragioni 16 Antonio Gambalonga . “la ragion d’essere dei giornali in tempo di guerra non risulta preminentemente quella di fornire notizie. spiegavano eminenti professori in opuscoli rivolti a massaie che consumavano carni solo in rare occasioni di festa. 2 La mobilitazione annonaria Se fin dall’antichità il problema del controllo e della gestione delle risorse era stato al centro delle preoccupazioni di ogni governo. tutti i governi nominarono (in varie forme) ministeri dell’Alimentazione o dei Consumi. le lettere dei soldati dal fronte (i cui contenuti erano spesso ben distanti dai sentimenti patriottici propagandati) venivano vagliate attentamente e spesso bloccate da appositi uffici. si diceva. scienziati dell’alimentazione. spinsero i governi belligeranti ad adottare politiche di razionamento delle risorse. meglio mangiare “più verdure e poca carne”. le necessità alimentari di poderosi eserciti e la rarefazione di manodopera disponibile. Agli occhi dei consumatori e in primo luogo delle donne che conoscevano bene le regole dei mercati. In particolare. chi non rispettava i “giusti prezzi”. puniva chi infrangeva le norme. Quotidiani e periodici dei paesi dell’Intesa sostennero le ragioni dei loro governi in nome della lotta contro le monarchie autoritarie. Se l’obiettivo prioritario di ogni comunità nazionale era di vincere. negarle o fabbricarle ad arte”. 3 La propaganda La Grande guerra fu anche una guerra di propaganda. insieme alla borsa nera e a forme esose di bagarinaggio. gli organi di informazione non dovevano instillare sentimenti “disfattisti”. il colonialismo anglo-francese. La chiusura delle rotte commerciali. Consapevoli dell’importanza di questi aspetti per la tenuta del fronte interno. letterati. sull’altro versante si cercò invece di argomentare lo scontro con l’autocrazia zarista. chi sofisticava i prodotti. divenne così legittimo protestare contro i commercianti ritenuti “speculatori”: fenomeni che sarebbero dilagati nel dopoguerra. Per far sopportare i sacrifici a popolazioni già dissanguate. con la guerra tornarono in auge forme di politica annonaria che ricordavano quelle più antiche. Come ha scritto M. Calmieri e organi di vigilanza annonaria (per evitare speculazioni e accaparramenti) comparvero nei mercati. Isnenghi. gruppi di intellettuali. si impegnarono in un’opera di propaganda per introdurre e giustificare nuove abitudini alimentari.Il Novecento dal fronte.

di avere permessi o tessere annonarie. le rinunzie. ramificate capillarmente paese per paese e strutturate in quella moltitudine di comitati o enti pseudofilantropici che costituirono il nerbo della mobilitazione civile. il cuore. soprattutto donne ed élite dirigenti locali. il motto di Salandra “chi alla Patria non dà il braccio. In compenso il regime di piena occupazione coinvolgeva donne e ragazzi nell’industria mobilitata. deve dare la mente. favorita dall’appiattimento sulle posizioni politiche governative della stessa maggioranza del movimento socialista facente capo alla Seconda internazionale.Il Novecento nazionali. Il volto delle città era cambiato. ideologica e di propaganda: questi diversi e intrecciati aspetti del primo conflitto mondiale si ritrovano quando osserviamo la portata e le forme della mobilitazione civile. In Italia. innescando giri di affari che cambiarono il volto delle tradizionali attività di assistenza. calzettoni di lana per i soldati al fronte: intorno a queste attività si mobilitarono migliaia di persone di ogni ceto sociale. Questi coraggiosi atteggiamenti furono però pagati con l’isolamento politico. spesso promosse dalla Chiesa. I socialisti e gli anarchici non interventisti furono additati come “nemici interni” e sottoposti a pesanti controlli polizieschi.1 La Grande guerra lontano dal fronte La mobilitazione civile Guerra totale. Promuovere sottoscrizioni per le famiglie dei richiamati. di fare acquisti. Perché proprio di “mobilitazione” (termine derivato dall’uso militare) si trattò. zaini. economica. preparare e cucire bandiere nazionali. abiti militari. di massa. Anche gran parte degli organi di opposizione si adeguò all’ondata conformistica. ovunque si potevano vedere code di persone in attesa di sussidi. Fecero eccezione i periodici della sinistra rivoluzionaria (ad esempio quelli legati agli spartachisti tedeschi o ai bolscevichi russi) e del partito socialista italiano. 17 Antonio Gambalonga . scomparvero i turisti persino da Venezia. i sacrifizi”. 4 4. Un po’ in tutta Europa nacquero associazioni di assistenza e propaganda. né sabotare”. attestato su posizioni “centriste” intorno alla parola d’ordine “né aderire. Per le strade non circolavano più maschi giovani.

per tornare ad assumere la più tradizionale identità domestica. Le femministe posero in risalto l’importanza del lavoro delle donne. producendo lo stereotipo delle donne “che hanno sostituito gli uomini”.3 Crescere in tempo di guerra: i ragazzi Durante la prima guerra mondiale. La mobilitazione bellica fece irruzione nelle vite degli adolescenti.Il Novecento fu trascritto e ripetuto all’infinito. Soldani. Capaci di esprimere nuove forme di organizzazione e di protagonismo politico.000 operaie in Gran Bretagna. 425). La domanda di manodopera nell’industria bellica permise l’inserimento nel mercato del lavoro di donne. Con la pace. alcune di loro svolsero un ruolo di primo piano nelle numerose agitazioni esplose durante la guerra. 4. p. Torino 1986. Era un fenomeno privo di precedenti storici e che non mancò di colpire i contemporanei e le protagoniste. assimilando la loro mobilitazione a quella dei soldati e adottando linguaggi di tipo militaresco. Le regioni dall’Unità a oggi. dando un ruolo di maggior rilievo agli uomini mobilitati in trincea. che spesso divenne irreversibile. offerta dall’espansione economica e dal conseguente maggior numero di opportunità lavorative creatosi. Questa ricollocazione non fu però priva di conflitti. sindacalizzazione e mobilitazione politica vissuti dalle donne. in Storia d’Italia. La Grande guerra lontano dal fronte. cambiò le identità maschili e femminili. Rimaste sole a condurre i lavori agricoli e a gestire le economie familiari. piuttosto che alle lavoratrici impegnate sul fronte interno. Le identità pubbliche maschili e femminili furono ridefinite. fu dato nuovo splendore ai miti della donna salvifica e consolatrice. Mori. costringendoli ad assumere responsabilità familiari ed economiche gravose.2 Donne al lavoro La storiografia più recente ha mostrato che durante la Grande guerra le donne non presero semplicemente il posto degli uomini partiti per il fronte. la smobilitazione industriale e il ritorno dei reduci dal fronte. Se i 18 Antonio Gambalonga . mobilitate massicciamente nell’industria bellica (800. La Toscana. tra l’ingresso in guerra e la vigilia di Caporetto. Legami ed equilibri familiari vennero infranti. solo in una città come Firenze. accentuando le incertezze sul futuro e alimentando le inquietudini. le donne vissero un’esperienza di mobilità lavorativa inedita. le relazioni tra uomini e donne come quelle tra le diverse generazioni. Questo fenomeno contraddiceva i processi di “mascolinizzazione”. Per portare un esempio. 200. le donne furono spinte ad abbandonare il nuovo dinamismo pubblico. anziani. 4. la chiamata alle armi di 65 milioni di giovani uomini (quasi 6 milioni in Italia) incise profondamente sui rapporti familiari.000 in Italia) insieme ai contingenti di operai militarizzati. in primo luogo per la forzata assenza temporanea dei padri. giovani. a cura di G. furono raccolte 5 milioni di sottoscrizioni per le famiglie dei richiamati e per assistenze varie (Fonte: S. soprattutto in quelle del 1917. Con la propaganda di guerra.

non fu concesso alcun riconoscimento né morale né sociale. Una recente inchiesta sul caso italiano (B. In molti paesi i socialisti entrarono nei governi di “Unione sacra”. Forse anche il timore della repressione favorì questa scelta. e se il ruolo dei soldati venne esaltato dalla propaganda di guerra. Nel dopoguerra. Sotto l’incalzare della smobilitazione. Ma all’esplosione della prima guerra mondiale il sostegno popolare all’intervento. Ma queste esperienze furono vissute in anni di guerra. come quella del 1907. Fedeli ai vecchi principi e decisi a 19 Antonio Gambalonga .Il Novecento bambini furono oggetto di attività assistenziali ed educative. a questi giovani divenuti adulti negli anni della mobilitazione annonaria e industriale. Le deliberazioni approvate dall’Internazionale erano tutte figura 2: Rosa Luxemburg di stampo pacifista. Tradizionale oppositore di tutte le guerre e del sistema di dominio imperialista. privi di prospettive. che sarebbe stata poi simbolicamente ricordata come “il 4 agosto dell’Internazionale socialista”: data dell’approvazione al Parlamento tedesco dei crediti di guerra col voto favorevole della Spd. culla del marxismo europeo e di dirigenti come Karl Kautsky o Rosa Luxemburg. espresso in manifestazioni di massa nelle maggiori città nordeuropee. il movimento socialista degli anni dieci era composto da partiti diversi e da correnti (dalle più riformiste a quelle marxiste rivoluzionarie) che si confrontavano anche duramente sui programmi e le politiche da adottare. Molti di loro divennero improvvisamente capi famiglia e i loro salari indispensabili per le economie familiari. parteciparono massicciamente alle proteste in tutta Europa. gli adolescenti furono abbandonati a se stessi.4 L'internazionale socialista L’esplosione della Grande guerra mise i partiti della Seconda internazionale di fronte alla scelta tra interventismo e neutralismo. Bianchi. o quella votata nel 1912 a Basilea. I ritmi della loro crescita furono bruscamente accelerati. Venezia 1995) ha messo in luce il numero rilevante di scioperi e ribellioni condotti dai ragazzi durante il conflitto. dove si diceva che in caso di conflitto si sarebbe dovuto “fare tutto il possibile per impedire lo scoppio della guerra”. Crescere in tempo di guerra. spinse i socialisti ad adeguarsi all’ondata patriottica. alimentando speranze di indipendenza e favorendo una nuova consapevolezza della loro dignità e dei loro diritti. nel clima di repressione. Partito “guida” dell’Internazionale era la gloriosa socialdemocrazia tedesca (Spd). senza però andare in trincea. 4. coercizione e razionamento subito da tutta la popolazione. in nome della difesa nazionale contro il nemico straniero.

ma fu anche il risultato dell’opera di propaganda. 5 L'Union sacrée Nell’estate 1914 buona parte delle popolazioni belligeranti accolse la guerra con entusiasmo. Raduni di folle. Soprattutto i ceti medi. le autorità cattoliche si schierarono per la neutralità. dove l’individuo può vivere in sintonia coi vicini e col tempo. urbani. né sabotare”. in forme ovunque simili. tutti i principali partiti – e persino la maggioranza dei socialisti della Seconda internazionale – aderirono all’Union sacrée: la “Sacra unione” nazionale che doveva garantire la tenuta del fronte interno per la vittoria militare. il dominio austriaco. con bandiere e bande musicali. Ma a livello politico. autore della Nota contro l’“inutile strage” nel 1917. Manifestazioni si svolsero nelle maggiori città europee. Una mobilitazione al contempo primordiale e tipica delle società di massa. capeggiati dalla Luxemburg e Karl Liebknecht. lasciando il posto a proteste contro la guerra. rimasero invece gli spartachisti tedeschi. Questo “magico”. momento sfuggì via rapidamente dopo le prime battaglie sul fronte occidentale. papa Benedetto XV. L’idea della guerra come “sola igiene del mondo” (Marinetti). il militarismo germanico. e drammatico. pur con posizioni diverse. salutarono le partenze dei soldati. Nel novembre 1914. innestata su un terreno reso fertile dai due principali mezzi di socializzazione dell’epoca: scuola ed esercito. l’espansionismo anglo-francese. che adottarono la linea del “né aderire. Ogni soldato avrebbe combattuto per la difesa di patria e civiltà: contro la barbarie zarista. caratterizzata dal senso di mobilitazione generale di ogni comunità intorno alle idee (tanto vaghe quanto apparentemente solide) di cameratismo e fratellanza contro il nemico. i socialisti americani. Si aprì così una frattura insanabile che portò alla fondazione della Terza internazionale e che avrebbe accompagnato il movimento operaio lungo tutto il ‘900. preoccupati di dover combattere contro la cattolicissima dinastia asburgica. Interpreti della tradizionale ostilità contadina alla guerra. pubblicò la sua prima enciclica dove condannò il conflitto causato. l’Independent Labour Party inglese e i socialisti italiani. sembrava trovare finalmente la possibilità di esprimersi: impresa eroica e rigeneratrice ormai prossima. timorosi delle possibili ripercussioni che la guerra avrebbe potuto avere per la Santa Sede. intellettuali parteciparono alla costruzione di quella che è stata definita “la comunità di agosto”. Il fenomeno sorse quasi spontaneamente. sciogliendosi e annullandosi in un “noi” rassicurante ed esaltante. dall’allontanamento dell’umanità dai 20 Antonio Gambalonga . 6 La Chiesa cattolica Allo scoppio della guerra. i cattolici appoggiarono il neutralismo italiano del primo anno di guerra. Fu una grande illusione destinata a dissolversi rapidamente. i bolscevichi russi di Lenin. influenzati dal peso degli ambienti vaticani filotedeschi e filoaustriaci.Il Novecento lottare per la rivoluzione. si diceva.

uno sforzo continuo di fare a tutti il maggior bene che da Noi si potesse. Figure complesse e difficili da decifrare. e ciò senza accettazione di persone. che giovasse ad affrettare la fine di questa calamità. Assegnato a singoli reparti o ospedali. anche se in gran parte vennero destinati alla sanità.1 La Nota di Benedetto XV Questo è il testo integrale della Nota di pace inviata da papa Benedetto XV ai paesi belligeranti e pubblicata su Civiltà cattolica (1 settembre 1917. alternando le messe e le cerimonie ufficiali con i contatti personali. inducendo i popoli e i loro Capi a più miti consigli. in una situazione dove non sembrava esservi spazio per il comandamento dell’amore e si facevano strada gli imbarazzanti valori del pacifismo e dell’obiezione di coscienza. di nulla omettere. Nel 1915 Cadorna reintrodusse i cappellani nell’Esercito. la Chiesa non ostacolò le operazioni belliche. quantunque non sempre sia stato reso pubblico ciò che 21 Antonio Gambalonga . In Italia. 6. così non cessammo dall’esortare e popoli e Governi belligeranti a tornare fratelli. infine la cura assidua. di una “pace giusta e duratura”. preti. frati e seminaristi furono chiamati alle armi. fra gli orrori della terribile bufera che si era abbattuta sull’Europa. Fino dagli inizi del Nostro Pontificato. dopo l’intervento italiano. senza riuscire sempre ad evitare una strumentalizzazione dell’attività da parte dei comandi militari interessati a costruire un’alleanza tra “la spada e la croce”. pp. una perfetta imparzialità verso tutti i belligeranti. i cappellani cattolici predicarono spesso in condizioni proibitive. ma anche varie migliaia). per quanto era in poter Nostro. come ci detta e la legge universale della carità e il supremo ufficio spirituale a Noi affidato da Cristo. quale si conviene a chi è Padre comune e tutti ama con pari affetto i suoi figli. 389-392): Ai Capi dei popoli belligeranti. come Noi fummo sempre fedeli al proposito di asso Iuta imparzialità e di beneficenza. Tuttavia. Molti si ritrovarono in trincea. richiesta del pari dalla Nostra missione pacificatrice. ogni cappellano cattolico poteva seguire il proprio gruppo di soldati (generalmente alcune centinaia. senza distinzione di nazionalità o di religione. Alcune migliaia di cattolici e una ventina tra ebrei ed evangelici poterono così svolgere attività pastorali tra fronte e retrovie. tre cose sopra le altre Noi ci proponemmo. Chi ha seguito l’opera Nostra per tutto il doloroso triennio che ora si chiude. alle serene deliberazioni della pace.Il Novecento principi cristiani. ha potuto riconoscere che.

all’abisso. Sul tramontare del primo anno di guerra Noi. dinanzi a così grave minaccia. 22 Antonio Gambalonga . l’appello Nostro non fu ascoltato: la guerra proseguì accanita per altri due anni con tutti i suoi orrori: si inasprì e si estese. come le circostanze Ci suggerirono in passato. alziamo nuovamente il grido di pace. Quindi un giusto accordo di tutti nella diminuzione simultanea e reciproca degli armamenti. e rinnoviamo un caldo appello a chi tiene in mano le sorti delle Nazioni. in sostituzione delle armi l’istituto dell’arbitrato con la sua alta funzione pacificatrice. per terra. dalla voce stessa dell’umanità e della ragione. il punto fondamentale deve essere che sottentri alla forza materiale delle armi la forza morale del diritto. che sembrano dover essere i capisaldi di una pace giusta e duratura. ed invitare i Governi dei popoli belligeranti ad accordarsi sopra i seguenti punti. quasi travolta da una follia universale. né per suggerimento od interesse di alcuna delle parti belligeranti. Noi. non per mire politiche particolari. indicammo anche la via da seguire per giungere ad una pace stabile e dignitosa per tutti. mentre eliminerebbe molteplici cause di conflitto. secondo norme e garanzie da stabilire. Ma per non contenerci più sulle generali. il che. sui loro abitatori innocenti scesero la desolazione e la morte. Stabilito così l’impero del diritto si tolga ogni ostacolo alle vie di comunicazione dei popoli con la vera libertà e comunanza dei mari. nella misura necessaria e sufficiente al mantenimento dell’ordine pubblico nei singoli Stati. vogliamo ora discendere a proposte più concrete e pratiche. Quanto ai danni e spese di guerra. secondo le norme da concertare e la sanzione da convenire contro lo Stato che ricusasse o di sottoporre le questioni internazionali all’arbitro o di accettarne la decisione. rivolgendo ad Essi le più vive esortazioni. e. giustificata del resto dai beneficii immensi del disarmo. dal sospiro dei figli che invocano l’opera Nostra e la Nostra parola pacificatrice. o peggio se altri anni si aggiungessero al triennio sanguinoso. così gloriosa e fiorente. Ed ora nessuno può immaginare quanto si moltiplicherebbero e quanto si aggraverebbero i comuni mali. per mare e perfino nell’aria. non scorgiamo altro scampo che nella norma generale di una intera e reciproca condonazione. incontro ad un vero e proprio suicidio? In sì angoscioso stato di cose. Il mondo civile dovrà dunque ridursi a un campo di morte? E l’Europa. aprirebbe a tutti nuove fonti di prosperità e di progresso.anzi. E primieramente. ma mossi unicamente dalla coscienza del supremo dovere di Padre comune dei fedeli. sui quieti villaggi. tanto più che non si comprenderebbe la continuazione di tanta carneficina unicamente per ragioni di ordine economico. lasciando ai medesimi Governanti di precisarli e completarli. donde sulle città inermi. se altri mesi ancora. Purtroppo. correrà.Il Novecento Noi facemmo a questo nobilissimo intento.

nella misura del giusto e del possibile. con la garanzia della sua piena indipendenza politica. Vi inspiri il Signore decisioni conformi alla Sua santissima volontà. così importante per l’avvenire e pel benessere materiale di tutti gli Stati belligeranti. e coordinando. meritandovi il plauso dell’età presente. le Parti contendenti vorranno esaminarle con spirito conciliante. siamo animati dalla cara e soave speranza di vederle accettate. e preparano la soluzione della questione economica. Per ciò che riguarda le questioni territoriali. queste si ponderino con giustizia ed equità. Principe della pace. non sono possibili senza la reciproca restituzione dei territori attualmente occupati. come abbiamo detto altre volte. Quindi da parte della Germania evacuazione totale sia del Belgio. ogni giorno più. Noi intanto. la vita di migliaia di giovani. fra la Germania e la Francia. sulle quali crediamo debba posare il futuro assetto dei popoli. la felicità stessa dei popoli. vi imploriamo dal Divino Spirito lume e consiglio. Riflettete alla vostra gravissima responsabilità dinanzi a Dio e dinanzi agli uomini. vi assicuriate altresì presso le venture generazioni il nome di pacificatori. giova sperare che. che reggete in questa tragica ora le sorti dei popoli belligeranti. Sono queste le precipue basi. la quale. Tutti riconoscono. militare ed economica di fronte a qualsiasi Potenza. con gli immensi vantaggi che ne derivano. tenendo conto. degli Stati Balcanici e dei paesi formanti parte dell’antico Regno di Polonia. al quale in particolare le sue nobili tradizioni storiche e le sofferenze sopportate specialmente durante l’attuale guerra debbono giustamente conciliare le simpatie delle nazioni. e faccia che Voi. di fronte ai vantaggi immensi di una pace duratura con disarmo. Lo stesso spirito di equità e di giustizia dovrà dirigere l’esame di tutte le altre questioni territoriali e politiche. ove occorra. che è salvo nell’uno e nell’altro campo l’onore delle armi.Il Novecento Che se in qualche caso vi si oppongano ragioni particolari. sia del territorio francese: dalla parte avversaria pari restituzione delle colonie tedesche. d’altra parte. fervidamente unendoci nella preghiera e nella penitenza con tutte le anime fedeli che sospirano la pace. nominatamente quelle relative all’assetto dell’Armenia. che vi rivolgiamo in nome del Redentore divino. accogliete l’invito paterno. Nel presentarle pertanto a Voi. i propri interessi a quelli comuni del gran consorzio umano. dalle vostre risoluzioni dipendono la quiete e la gioia di innumerevoli famiglie. Ma questi accordi pacifici. che Voi avete l’assoluto dovere di procurare. Antonio Gambalonga 23 . e di giungere così quanto prima alla cessazione di questa lotta tremenda. come quelle ad esempio che si agitano fra l’Italia e l’Austria. Esse sono tali da rendere impossibile il ripetersi di simili conflitti. apparisce inutile strage. ascoltate dunque la Nostra preghiera. delle aspirazioni dei popoli.

In questa forma si rivelò a milioni di uomini l’affascinante e terribile volto della modernità.2 Lettera di un soldato dal fronte Questa lettera fu inviata da un soldato italiano ai suoi familiari. Ma l’innovazione che più colpì i contemporanei fu l’uso dell’arma aerea.1 La trincea Le nuove tecnologie militarismo La Grande guerra fu l’occasione per riconvertire a scopo bellico le più recenti innovazioni tecniche e scientifiche. un’arma che sarebbe diventata il simbolo delle due guerre mondiali. La missiva venne bloccata dalla censura. causato da questi strumenti di terrore. Gli errori di ortografia e l’italiano incerto 24 Antonio Gambalonga . si aggiunsero strumenti prima inimmaginabili. a Ypres (1917) i tedeschi ne fecero un uso massiccio (dal nome della località è poi derivato il termine “iprite”). Nei laboratori chimici si riuscirono a produrre proiettili di artiglieria pieni di gas di cloro. dando indicazioni preziose alle artiglierie e usando il fuoco di mitragliatrici sincronizzate col movimento delle eliche. poi fatto prigioniero. Impiegato per la prima volta sul fronte occidentale nell’ottobre 1916. Il motore a scoppio consentì di rivoluzionare le tecniche di trasporto delle truppe e produsse il carro armato. 7. in buona misura provenienti da province e campagne non industrializzate. che tanto avrebbe affascinato uomini come Marinetti e D’Annunzio. 1° Agosto 1917.Il Novecento Dal Vaticano. bombardando le retrovie nemiche (i tedeschi usarono persino dei dirigibili per colpire le città). per le moltitudini di soldati impiegati in trincea. 7 7. negli ultimi anni di guerra gli aeroplani supportarono direttamente le operazioni di terra. Alla nuova e incredibile potenza di fuoco delle artiglierie e delle mitragliatrici. Inizialmente usati a scopo di ricognizione (anche fotografica). il carro armato venne usato in forma massiccia nella battaglia di Amiens (agosto 1918). Si può forse immaginare lo shock psicologico.

Altro che dire nella stampa. e ci trattavano un po’ meglio perché avevano paura più di noi. assolutamente figura 3: VERDUN-Cimitero militare della grande guerra a Douaumont nuova e imprevista nelle sue forme.3 Una terribile ecatombe La Grande guerra fu “grande” in primo luogo per il numero dei morti e fu “mondiale” per quello delle nazionalità dei caduti. Una guerra smisurata. che specialmente chi va non torna più […] certo si rischia la pelle. Padri. Molie. altrimenti la pelle me la fanno i nostri superiori. 378-379). come ci trattano al fronte.Sino che eravamo al masatorio cioè in prima linea. […] Spera Cara Molie che vada terminata questa guerra micidiale che invece di diminuire. e di tagliare i fili. di massa. dico mondizie perché è fuori di ogni immaginazione […]. Figli. […] Si fa altro che maledire i nostri superiori […] che vogliono tante mondizie. pp.Il Novecento restituiscono al lettore aspetti della personalità dello scrivente: “[…] Vi voglio raccontare un pochino come me la passo io qui. 7. in rischio di farci macellare ogni minuto. Fratelli e Sorelle di tutti quelli che si ritrovano in detta guerra”. va allargandosi sempre più e fa piangere Madri. Con una raccolta di lettere inedite. (Fonte: G. Solo nel primo mese di guerra la Francia perse 25 Antonio Gambalonga . Roma 1993. e quando si fava per avanzare gridavano avanti. Soldati e prigionieri italiani nella Grande guerra. e voi certo l’avrete letto sul Corriere che spiegava quei drappelli della morte che vanno seriamente e volontariamente a quella pericolosissima operazione di mettere i tubi di alto espulsione. Procacci. avanti altrimenti vi sparo.

000 inglesi. Inghilterra 1. Nessuno sa con precisione a quanto ammontarono le perdite totali alla fine della guerra. puzzolenti e fangose. religiosa e culturale.000 persone furono uccise in questi massacri. Italia 0.4.35. si erano succedute varie ondate di pogrom.000 per parte. la cui diffusione fu favorita dal conflitto. così distribuiti secondo i calcoli più attendibili (a cui si dovrebbe aggiungere il milione di dispersi): Germania 1. costretto a vivere in trincee anguste.Il Novecento mezzo milione di soldati. dove mosche e topi “facevano da padroni”. Dagli ultimi anni dell’Ottocento. volute dalle autorità ottomane e realizzate soprattutto dai curdi.000 francesi. L’incontro simultaneo di queste masse di soldati col ‘900 e con i suoi “estremi”. Romania 0. una fine resa ancor più drammatica dall’epidemia di spagnola.25.32. pur con costi enormi. Con l’esplosione della prima guerra mondiale quest’area divenne decisiva per le operazioni militari che contrapponevano russi e turchi.8. Serbia 0. A Verdun. avrebbe lasciato segni indelebili nella coscienza e nella memoria di tutti i protagonisti. USA 0.3. Austria-Ungheria 1. 8 Il genocidio degli armeni All’inizio del secolo i circa 2 milioni di persone che costituivano la popolazione armena. si calcola che più di 300. Mentre lo zar Nicola II mirava 26 Antonio Gambalonga . con la Patria e con lo Stato. Francia 1. nell’intento di estendere la propria influenza nella regione. luogo mai prima esistito e che in seguito non sarebbe più comparso. vivevano in territori divisi tra l’Impero ottomano e quell’Impero russo che si assunse il ruolo di difensore degli armeni. 400.7. Il tragico bilancio di morti e feriti nella battaglia della Somme non fu complessivamente da meno: 200. un popolo tradizionalmente ostile agli armeni.65. Russia 1. caratterizzata da un’unità linguistica.12. Simbolo della carneficina fu il fante.000 tedeschi. con la lingua nazionale e con il motore a benzina. Ma anche a questa guerra del mondo moderno gli uomini riuscirono ad adattarsi. Turchia 0. vale a dire uno ogni sette. 500. È stato comunque stimato che su circa 65 milioni di militari 21 rimasero feriti e ne morirono 9. La trincea: “luogo della memoria” del primo conflitto mondiale. tedeschi e francesi ne persero 300. luogo di una staticità insopportabile e brutalmente spezzata dagli improvvisi attacchi all’arma bianca o con le più moderne tecniche militari.

riconosciuta dal trattato di Sèvres (1920). le torture e l’eliminazione fisica dei dirigenti armeni. sulle strade della deportazione e lontano dagli sguardi di tutti i possibili osservatori. le autorità di Istanbul decisero di sterminarne l’intera popolazione. gli armeni riuscirono a costruire una repubblica indipendente. Ma pochi anni dopo russi e turchi si spartirono nuovamente la regione. Nel 1915 iniziarono le deportazioni di massa.Il Novecento all’annessione completa dell’Armenia ottomana. approfittando del crollo degli imperi ottomano e russo. Quindi. la grande guerra rappresentò l’apertura del “Secolo degli estremi”. Le rivolte furono duramente represse. nel timore che potesse schierarsi compatta con gli invasori che stavano avanzando. Nel 1918. 27 Antonio Gambalonga . Gli antichi odi non ebbero più freno in quello che sarebbe divenuto il primo genocidio del nostro secolo: anche da questo triste punto di vista. la quasi totalità della popolazione armena rimasta sotto domino ottomano fu sterminata: in Turchia rimasero solo piccole comunità a Istanbul e Smirne.

Non esistono calcoli certi.000 in Giappone. 246. Forse apparsa per la prima volta a Canton (febbraio 1918) o. Lo sviluppo epidemico seguì tre fasi: la prima (estate 1918) costringeva i malati a letto. vanno sommati i circa 25 milioni di uomini e donne morti a causa della “spagnola”. la gestione politica e militare del conflitto era passata pienamente nelle mani dello Stato maggiore. più probabilmente. ma è indubbio che ai 9-10 milioni di soldati uccisi al fronte. in Cina forse di più. ma alla fine del 1918 la sconfitta sembrava ormai prossima. Berlino. nel Middle West statunitense. fu portata in Europa dai soldati americani intervenuti nella guerra. riapparve negli USA nel 1976 (500 casi nel New Jersey). Negli ultimi mesi di guerra. scoperto nel 1933.000 in Francia (tra cui Apollinaire). la diffusione della “malattia che atterrì il mondo” fu favorita dal crollo dei consumi. Subito nominata dai tedeschi “catarro lampo”. 400. La speranza della vittoria e i successi sul fronte orientale avevano permesso di controllare il fronte interno per lunghi anni. per l’impero tedesco si aggiunsero le conseguenze del blocco economico imposto dalle potenze dell’Intesa. alcuni ricercatori canadesi hanno tentato di studiarlo analizzando i corpi di sette vittime rinvenute nei ghiacci dell’arcipelago di Svalbard (Artico).000 in Italia e altrettanti negli Stati Uniti. nonostante la mobilitazione annonaria. Il virus. non sottoposta a censura. come altre città. 600. la seconda (autunno) e la terza (gennaio) provocavano una forma di polioencefalite capace di uccidere in tre giorni. Le cifre e la mondializzazione dell’ecatombe sembrarono quasi sancire i nuovi spazi e le nuove dimensioni di massa con cui gli uomini e le donne usciti dal grande conflitto dovevano misurarsi. ma sembra che i morti in India furono 6 milioni. subì una carestia e varie ondate epidemiche (“spagnola”. Più recentemente. 2 La fine del II Reich Al costo militare della guerra. controllato da Hindenburg e Ludendorff.300 calorie per individuo. Le statistiche sono incerte. le autorità non riuscivano a garantire razioni alimentari quotidiane superiori a 1. Fu una terribile epidemia influenzale che colpì con impressionante virulenza l’emisfero nord del pianeta tra il 1918 e il 1919. tifo). Venne chiamata “spagnola” perché diffusasi nel vecchio continente con un andamento da sud a nord e perché fu la stampa iberica. La guerra sottomarina era fallita. Ancora oggi non sono chiare le origini del più grande shock demografico della storia umana recente.Il Novecento LA PRIMA GUERRA MONDIALE Conseguenze 1 L'epidemia di spagnola La prima e forse più importante conseguenza della guerra fu causata dal numero di morti. a dare per prima l’allarme. 28 Antonio Gambalonga .

In una Germania in profonda crisi. esplose un movimento rivoluzionario. come richiesto dalla popolazione col referendum del marzo 1919) si trasformò in una piccola repubblica priva di accesso al mare. la Cecoslovacchia e la Polonia. per primo entrato in guerra proprio a causa delle tensioni nei Balcani. il suo esercito fu ridotto a 30. il kaiser abdicò e venne formato un nuovo governo capeggiato dai socialdemocratici Ebert e Scheidemann. si dissolse in seguito alla prima guerra mondiale. Dopo le sconfitte 29 Antonio Gambalonga . trasformò l’Austria in uno stato federale (ottobre 1918). nel tentativo di salvare la corona. Il 6 novembre l’insurrezione aveva raggiunto Amburgo e Brema. Trentino.000 uomini. Fu proclamato l’armistizio. a Monaco. Da sempre impegnato in un difficile controllo delle nazionalità. l’imperatore Carlo I (succeduto al prozio Francesco Giuseppe nel 1916) tentò inutilmente di allacciare dei contatti con le forze dell’Intesa. Il nuovo assetto geopolitico della regione fu stabilito con i trattati di pace di Saint-Germain (10 settembre 1919. L’Austria tedesca (a cui fu vietata questa denominazione e l’unione alla Germania. Due giorni dopo la protesta raggiunse la capitale. il kaiser e lo Stato maggiore aprirono le porte del governo ai dirigenti socialdemocratici. Ma tra il 28 e il 29 ottobre. Dopo la sconfitta. di salvare l’apparato militare e monarchico dall’imminente crollo e di evitare la rivoluzione. riguardante l’Austria) e del Trianon (4 giugno 1920. immersa in un processo rivoluzionario. subito dilagato nel resto del paese.Il Novecento Il vecchio imperatore Guglielmo II era ormai posto ai margini. nasceva la Repubblica di Weimar. Sud Tirolo e Istria all’Italia. sia per un collasso interno. Il 7 novembre. a Kiel. Nel tentativo di negoziare una pace con l’Intesa. quindi. caratterizzata da un territorio fortemente arretrato ad economia contadina e una grande capitale (Vienna) fortemente urbanizzata e industrializzata. Ovunque sorsero Räte: consigli formati da operai e soldati capaci di organizzare il movimento e di imporre nuove forme di potere. nacque il Regno dei serbi. fu sconfitto dagli italiani a Vittorio Veneto. per l’Ungheria). Il secondo Reich era finito. croati e sloveni (dal 1929 Jugoslavia). e nonostante i successi ottenuti su quello orientale e a Caporetto. Nell’ultima fase del conflitto. Con lo smembramento dei territori austriaci e ungheresi. 4 La dissoluzione dell'impero ottomano La Grande guerra dette il colpo di grazia all’antico Impero ottomano. fu proclamata la repubblica e Carlo I riparò in Ungheria (nel marzo 1921 avrebbe tentato un colpo di stato). il socialista indipendente Eisner proclamò la nascita di una Repubblica bavarese. Bucovina e Transilvania andarono alla Romania. Impegnato con la Germania sui principali fronti di guerra. crollò sia sotto il peso dell’offensiva nemica. simbolo delle “aquile imperiali”. 3 Il crollo dell'impero austroungarico Il secolare impero asburgico.

al Belgio.000 effettivi. questo fu dominato dalla volontà di rivalsa sulla Germania. Partecipavano 70 delegati delle 27 nazioni vincitrici. intere regioni andarono alla Danimarca. La 30 Antonio Gambalonga . Le trattative furono gestite dal Consiglio supremo dei “dieci” e poi dei “quattro grandi” (Wilson. Presidente fu nominato Clemenceau. Bosforo e Dardanelli vennero smilitarizzati e sottoposti al controllo internazionale. Trianon (Ungheria). proclamò la repubblica e trasferì la capitale ad Ankara. il “giovane turco” Mustafà Kemal Atatürk. il Kurdistan ottenne l’autonomia. i francesi (che cacciò dalla Cilicia) e i greci (che fece ritirare dall’Anatolia). Lo spirito punitivo del trattato provocò la rivolta turca capeggiata da un ufficiale. gli armeni (che costrinse ad accettare la sovranità turca sull’Anatolia orientale). venne decisa la spartizione del mondo ottomano. l’esercito fu limitato a 50. 5 La pace di Versailles Il 18 gennaio 1919 si aprì nella Sala degli Specchi del castello di Versailles la conferenza di pace. ai nuovi stati di Polonia e Cecoslovacchia. alle spinte nazionali dei popoli arabi e all’insorgenza nazionalista turca. mentre nasceva la “questione mediorientale”. Col trattato di Losanna (1922) ottenne la revisione dei confini. Danzica. nacque la Repubblica indipendente d’Armenia. Con gli accordi di pace (trattato di Sèvres. Fu decisa la nascita della Società delle nazioni (SdN) ma venne anche riconosciuta ufficialmente la responsabilità tedesca e austroungarica del conflitto. Orlando). Saint-Germain (Austria). Neully (Bulgaria).Il Novecento militari. Sèvres (Turchia). Memel e la Saar furono sottoposte al controllo della SdN. Rimasero sacrificate le aspirazioni di armeni e curdi. L’impero fu sottoposto alle mire espansionistiche delle potenze coloniali. uno per ogni paese sconfitto. Maometto V. Il più importante trattato fu quello di Versailles. che ebbe vita breve. Siria e Libano divennero mandati francesi. Sebbene i 14 punti di Wilson fossero proposti al dibattito. Rodi e il Dodecanneso passarono all’Italia. l’Alsazia e la Lorena tornarono alla Francia. Istanbul venne occupata da francesi e inglesi. Le condizioni furono pesantissime: Palestina. sostenuto dai bolscevichi impegnati in una guerra civile. firmati nelle località da cui presero il nome: Versailles (Germania). Clemenceau. Gli italiani tentarono di penetrare ad Adalia. erano invece assenti i rappresentanti degli sconfitti. 10 agosto 1920). Questi. L’esercito greco sbarcò a Smirne. Sulla base di questo principio. in una zona ricca di petrolio) e in Siria. morto nel luglio 1918) firmò l’armistizio di Mudros (30 ottobre). Questi inviarono una spedizione a Baku (sul mar Caspio. si oppose al trattato e aprì le ostilità contro il sultano (controllato dagli inglesi a Istanbul). I lavori (conclusi nell’agosto 1920) portarono alla stipulazione di cinque trattati di pace. Tracia orientale e Smirne furono cedute alla Grecia. costituito da 440 articoli suddivisi in 15 parti. il sultano Maometto VI (succeduto al fratello. Lloyd George. Iraq e Transgiordania divennero mandati britannici della Società delle nazioni. Adrianopoli.

Nel 1946 trasferì le sue funzioni all’ONU. 1933. dove si chiese la revisione fino allo scoppio della seconda guerra mondiale. 1923). Giappone) e da un gruppo di delegati eletti ogni tre anni. alla fine del 1918. il potere decisionale ristretto nelle mani del Consiglio (ora con 4 delegati). il disarmo. la “pace di Versailles” suscitò grande rancore in Germania. non si riuscirono ad impedire conflitti tra i paesi membri (invasione giapponese della Manciuria. 1939). Considerata o troppo dura (il senato USA non ratificò il trattato) o troppo morbida. che perse il 13% del territorio e tutte le colonie. da perseguire con la forza “morale” (non disponeva di alcuna forza militare) e con le pressioni economiche e finanziarie. Ispirata dai 14 punti di Wilson. sulla cui cifra si sarebbe discusso a lungo. l’URSS nel 1934). privato di forza aerea e artiglieria pesante. sulla base di un patto incorporato ai trattati di pace. furono tutti fattori che resero impotente la SdN. conquista italiana dell’Etiopia. 1937. Inghilterra. 1935-36. la risoluzione per via diplomatica delle dispute internazionali (arbitrato). espulsione dell’URSS. mentre la Corte internazionale di Giustizia risiedeva all’Aia. dell’Italia. Inoltre. formata dai rappresentanti di tutti gli stati membri. 1921. che misero in ginocchio l’economia tedesca per anni). Per assicurare il pagamento. espansione della Germania nazista). Francia. come il Bureau International du Travail. l’assenza di una forza militare. se si risolsero alcune dispute (URSS-Polonia. l’esclusione dei paesi vinti (la Germania fu integrata solo nel 1926. da una serie di istituti paralleli. da un Consiglio composto da 5 delegati permanenti (USA. la SdN fu subito paralizzata nella sua attività dal rifiuto del Senato USA a ratificare l’adesione. non portarono i frutti attesi dalle masse di persone che avevano vissuto i lutti e le restrizioni del periodo bellico.Il Novecento Germania. Tutti gli organismi avevano sede a Ginevra. Italia. Alla fine degli anni Trenta il suo ruolo era divenuto palesemente inutile (uscita di Giappone e Germania.000 unità. Suoi scopi principali erano la sicurezza collettiva. da un Segretariato permanente. vide l’esercito ridotto a 100. 7 La smobilitazione industriale e annonaria La conclusione della guerra e l’arrivo della tanto agognata pace. le forze alleate (soprattutto la Francia) occuparono il bacino della Ruhr. in Germania il numero dei decessi era superiore a quello delle nascite e in 31 Antonio Gambalonga . Italia-Grecia. Fu inoltre imposto il pagamento dei danni di guerra (le “riparazioni”. 1931. Benché voluta dal presidente americano. eletto dal Consiglio. la Società delle Nazioni (SdN) rispondeva all’esigenza di dar vita a un nuovo ordine internazionale dopo la prima guerra mondiale. 6 La Società delle Nazioni Organizzazione internazionale fondata alla conferenza di Parigi il 24 aprile 1919. La più che decennale crescita demografica europea si era interrotta. Infatti. L’organismo era composto da un’Assemblea generale annuale.

l’inflazione galoppante. Coloro che tornarono dal fronte erano diversi da quelli che erano partiti. I prezzi dei generi di prima necessità continuarono a salire (in Italia erano pari al triplo di quelli del 1914) e. che modificò le fonti di identità tradizionali. con la pace si tentò di tornare a un sistema più liberista. in una certa misura. sotto i colpi dei più moderni strumenti di guerra. le vecchie concezioni della guerra e degli uomini in guerra. politico. soprattutto. il sistema dei commerci internazionali da riorganizzare. il trauma mentale generato dall’esperienza in trincea. In tutti i paesi impegnati nel conflitto. o la delusione di una vittoria che 32 Antonio Gambalonga . nei Räte della rivoluzione tedesca. nelle rivolte dell’Italia del 1919. ai problemi economici si sommarono così i traumi di una ricollocazione sociale di individui (soprattutto donne e giovani) che negli anni di guerra avevano assunto nuovi ruoli e nuove identità pubbliche. La manodopera già impiegata nelle officine di guerra fu espulsa dal sistema produttivo. pochi anni prima. i reduci si riadattarono con difficoltà alla vita civile. Con il ritorno dei reduci si accrebbe una disoccupazione crescente. La situazione economica era disastrosa. Con la propaganda le autorità si erano sforzate nel giustificare i sacrifici e nel “moralizzare” la gestione dei mercati. sociali e politiche molto importanti anche nei paesi vittoriosi. Era il peso dei compagni morti. le merci tornarono ad essere esportate e quindi a mancare su molti mercati. 8 Il ritorno dei reduci La Grande guerra fu un’esperienza “modernizzante”.Il Novecento Serbia il 35% dei sopravvissuti soffriva di tubercolosi. al malessere delle popolazioni si sommò la sensazione di essere stati ingannati. antica: colui che incarna un’esperienza incondivisibile. I problemi connessi alla riconversione dell’industria bellica e allo smantellamento degli apparati di mobilitazione annonaria ebbero delle ricadute economiche. Il veterano è una figura tradizionale. senza però valutare le immediate conseguenze della scelta. quando vennero a mancare gli organismi di controllo statale annonario. con entusiasmo o riluttanza. se non con i camerati. come nelle manifestazioni in Francia o nei disordini kaki in Gran Bretagna. i reduci assunsero un notevole ruolo sociale e. Se negli anni del conflitto gli stati avevano assunto la gestione e il controllo diretto della produzione e della distribuzione delle risorse. Protagonisti nei soviet russi.

dal conflitto questo legame uscì fortemente rafforzato e ridefinito. in Austria il Zentralverband vantava 130. Mentre con la smobilitazione industriale per le donne fu subito prospettato l’abbandono del nuovo modello di operaia (col binomio conseguente: occupata/disoccupata) e riproposto quello di casalinga o di precaria lavoratrice a domicilio (per favorire la “ricostituzione della famiglia ed il ritorno della mano d’opera alle professioni proprie e più adatte a ciascun sesso”.Il Novecento sembrava “mutilata” ad alimentare il “desiderio di riconoscimento” degli ex combattenti.000 la British Legion.000 il Reichsbund e 120. La guerra fu dunque anche un momento decisivo per la ridefinizione dello stereotipo maschile. vivevano e morivano insieme nelle trincee. Negli anni del dopoguerra. si diceva). i reduci dettero presto vita ad organizzazioni assistenziali e politiche diversamente connotate. e particolarmente importanti in Francia. negava il ruolo pubblico di chi dal fronte era rimasto lontano. pieno di rotture. l’American Legion ne vantava un milione. Celebrati dalla retorica patriottica. con il suo carico di violenza e il mito di una virilità dimostrabile solo nella sopraffazione fisica dell’altro. quanto variegate erano le loro capacità alfabetiche e culturali. nonostante il contributo che forse offrì alla maggiore indipendenza delle donne. Ognuno di essi elaborò un’esperienza originale. questo passaggio fu comunque contraddittorio. Per gli uomini al fronte. 400. Eppure. questo insieme fatto milioni di reduci produsse in ogni paese uscito 33 Antonio Gambalonga . in Italia l’Associazione nazionale combattenti (composta da varie correnti. Se da molto tempo esisteva un certo nesso tra militarismo e mascolinità. Ma anche in Germania il Stahlhelm contava più di un milione di aderenti. circa 400. al mantenimento dei nuovi ruoli assunti da molte donne anche come effetto della guerra stessa. democratiche o nazionaliste) e la Lega proletaria mirov (socialista) contavano circa mezzo milione di iscritti ciascuna. i reduci potevano vantare il terribile prezzo pagato al fronte. se non consapevolmente. 9 La nuova immagine dell'uomo e della mascolinità La Grande guerra fu un evento prettamente maschile.000 membri.000 il Reichsverband. 10 Il conflitto della memoria Le moltitudini di soldati che parteciparono alla Grande guerra provenivano da territori e condizioni sociali tanto diverse. tutt’altro lineare. se non schiacciato sugli aspetti più competitivi e aggressivi “dell’uomo nuovo” foggiato nelle trincee e nelle retrovie del fronte. le immagini delle donne erano per lo più quelle legate ai ruoli passivi delle infermiere e delle prostitute. intima. La retorica del combattente. Le stesse caratteristiche della guerra avevano favorito la convinzione che tutto dipendesse dal cameratismo maschile che univa i soldati che combattevano. desiderosi di ottenere un “risarcimento” materiale e morale per i sacrifici compiuti. negli anni del conflitto. contrapponendosi oggettivamente.

segni minimali quali targhe. Ma anche negli altri paesi e già nel corso stesso del conflitto. via Pasubio. 11 I luoghi della memoria La realizzazione di luoghi della memoria della prima guerra mondiale ebbe inizio con la guerra stessa. Il fenomeno sarebbe stato evidente col regime fascista in Italia e con quello nazista in Germania. L’inedito movimento fascista italiano si presentò sulla scena del 1919 proponendosi come erede dei valori e della sacralità della guerra. fascisti e socialisti italiani. zone dichiarate monumentali e sacre sulla cima di montagne impervie. via Bainsizza. boschetti degli eroi e parchi delle rimembranze. toponomastica rievocativa legata agli eroi oppure a siti lontani e fino ad allora figura 4: Redipuglia sconosciuti che anche solo per pochi giorni hanno dominato i bollettini dal fronte: piazza Diaz. via Corno di Cavento. elaborazione e produzione pubblica di diverse e contrapposte memorie di guerra. Per un paese come l’Italia. Socialdemocratici tedeschi e spartachisti. mentre emergeva il conflitto tra memorie contrapposte e insanabili. Le esperienze individuali si collocarono inevitabilmente all’interno di sollecitazioni sociali. 34 Antonio Gambalonga . dei discorsi pubblici. Monumenti ai caduti. Tratto universale di monumenti e lapidi realizzati durante la guerra per le diverse nazioni è l’esaltazione delle virtù guerriere e delle gesta eroiche. La vigilia della guerra in Francia era stata bagnata col sangue del socialista neutralista Jean Jaurès. parchi e ponti dedicati alla Vittoria. ora quelli più epici e celebrativi. via Pria Forà. si poté assistere alla gestazione. Ogni paese sviluppò un proprio linguaggio commemorativo articolato secondo forme culturali e tradizioni religiose particolari. cippi ripercorrono il periodo che va dal 1914 al 1918 ora sottolineando gli aspetti di sofferenza e sacrificio. si scontrarono nelle strade. Viali. sacrari e ossari. ancora giovane alla fine degli anni dieci.Il Novecento dal conflitto forme di memoria collettiva. dei tentativi di istituzionalizzare e governare la costruzione nazionale della memoria di guerra e l’invenzione di nuove tradizioni. Chi era stato interventista e chi si era battuto per la neutralità: lungo questa linea di divisione tornarono a fronteggiarsi forze politiche e soggetti sociali sempre obbligati a rileggere l’esperienza vissuta per comprendere la realtà del dopoguerra. lapidi. quella della guerra mondiale fu una memoria in qualche modo costitutiva. ineludibile per capire il fenomeno denominato nazionalizzazione delle masse.

Spesso situati in posizione dominante. girato nel 1957: un film impietoso e pieno di amara ironia nel mostrare 35 Antonio Gambalonga . simbolo stesso del pacifismo. le vicende della guerra hanno spesso suggerito ricostruzioni cinematografiche in cui veniva considerato soprattutto l’aspetto psicologico del conflitto. Sia nella versione più intimista (piccoli cimiteri locali) sia in quella più massificata e organizzata (Redipuglia. di forte effetto scenografico. 12 La guerra al cinema Quando scoppiò la prima guerra mondiale. Fra i più noti La pattuglia dispersa di John Ford del 1934: la storia di una pattuglia inglese dispersa in Mesopotamia che viene progressivamente decimata dal nemico. volti a rappresentare gli orrori della guerra più figura 5: Orizzonti di gloria che a giustificarne le ragioni. vi sono perciò numerosi filmati dell’epoca. Vittorio Veneto). Il film forse più noto. il cinema era agli esordi. Nella costruzione di un mito nazionale e collettivo a forte partecipazione popolare giocano infine un ruolo significativo i cimiteri.Il Novecento mentre più generico è il nazionalismo patriottico ricostruito nel dopoguerra in edifici pubblici con lapidi o monumenti commemorativi spesso rivolti alla formazione di una ideologia e di una precisa estetica nell’elaborazione del lutto celebrativo (in alcuni monumenti prevalgono gli aspetti essenzialmente religiosi. girati nelle trincee e nelle retrovie. utilizzano la natura del luogo per enfatizzare gli effetti di monumentalità e di messa in opera della natura da parte dell’uomo. in altri quelle eminentemente civili). gli ossari e i sacrari. A partire dagli anni venti. Dopo la seconda guerra mondiale girare un film fortemente antimilitarista sulla grande guerra significava prendere apertamente posizione contro ogni conflitto bellico: è il caso di Orizzonti di gloria. di Stanley Kubrik. è La grande illusione girato nel 1937 dal regista francese Jean Renoir: è costruito sull’idea che il mondo si divide orizzontalmente per affinità e non verticalmente per barriere. che hanno però valore documentario più che artistico. vi si ritrova un linguaggio più universale. I film più noti sono di orientamento più o meno dichiaratamente pacifista. la tensione è determinata da un nemico invisibile e incombente a cui la pattuglia soggiace. legati ad un uso monumentale del monito che qui prende corpo e forma. il quale colpisce senza mai scendere in campo aperto. legato al perpetuarsi del monito e all’esaltazione collettiva delle virtù di un popolo.

36 Antonio Gambalonga . Bellissima e giustamente famosa l’ultima scena in cui i soldati francesi si uniscono al canto di una giovane tedesca. dimenticando orrori e guerra.Il Novecento l’ottusità e il sadismo di chi comanda.

37 Antonio Gambalonga . inaugurando una serie di attacchi violenti (saccheggi. si svolsero in un clima di violente intimidazioni e illegalità: la denuncia in Parlamento del segretario del Partito socialista unitario Giacomo Matteotti. Gentile varò la riforma della scuola e la nuova legge elettorale del novembre 1923 (legge Acerbo) garantì alla maggioranza relativa i 2/3 dei seggi parlamentari. omicidi) contro le organizzazioni operaie e socialiste. nel marzo del 1919 Mussolini fondò a Milano i Fasci di combattimento. cui seguì il suo rapimento e assassinio. che il 28 incaricò Mussolini di formare il nuovo governo: questo. mentre la fusione con il Partito nazionalista fornì al Pnf quell’apparato ideologico di cui aveva bisogno. ma sostanzialmente risolto alla fine di quell’anno. nazionalisti. da cui uscirono vincitori i fascisti. liberali e militari. nel novembre ricevette dalla Camera poteri eccezionali. Mentre proseguivano le violenze fasciste.Il Novecento Il Fascismo Eventi 1 La presa del potere Nella crisi politica del dopoguerra. acuita dalla delusione per i trattati di pace. La proposta del presidente del consiglio Luigi Facta di dichiarare lo stato d’assedio fu dapprima accolta ma poi respinta dal re. Dopo la trasformazione (novembre) del movimento in Partito nazionale fascista (Pnf) e il fallimento dello “sciopero legalitario” delle forze antifasciste (luglio 1922). inaugurarono un periodo di crisi per il fascismo. il 24 ottobre a Napoli le squadre fasciste. acuito dall’atteggiamento dell’opposizione parlamentare (Aventino). Mussolini mostrò un volto “moderato” del fascismo proponendo un “patto di pacificazione” con i socialisti. formato da una coalizione tra popolari. in realtà mai rispettato anche per l’opposizione degli intransigenti come Farinacci. Entrati in Parlamento 35 fascisti dopo la vittoria nelle elezioni del maggio 1921 del “Blocco nazionale” conservatore. Le elezioni del 1924. sotto la guida del Quadrumvirato. mossero verso Roma. si avviava la costruzione dello Stato autoritario: nel 1923 nacquero il Gran Consiglio del fascismo (organo di collegamento tra partito e Stato) e la Milizia volontaria per la sicurezza nazionale. incendi.

con interventi protezionistici da parte del ministro delle Finanze Giuseppe Volpi: nel 1927 vi fu la rivalutazione forzata della lira (“quota Novanta”). nel 1934. estendendo le proprie organizzazioni di massa).Il Novecento 2 La costruzione dello Stato fascista Nel discorso di Mussolini alla Camera del 3 gennaio 1925 . il patto di Palazzo Vidoni (ottobre 1925). delle corporazioni e l’avvio della politica autarchica. fecero riscontro l’aumento della disoccupazione e della concentrazione industriale. estesa la propria influenza sull’Albania. all’estero gli esuli si organizzarono (nel 1927 a Parigi nacque la Concentrazione antifascista). la trasformazione dell’ordinamento giuridico da parte del ministro della Giustizia Alfredo Rocco (che nel 1930 promulgò il nuovo codice penale): rappresentarono altrettante tappe della costruzione dello Stato fascista.in cui si assunse la responsabilità politico-morale dell’omicidio Matteotti . Alla diminuzione della produzione e del commercio. l’intervento sempre più massiccio dello Stato in economia con l’Istituto mobiliare italiano (1931).è stato comunemente ravvisato l’avvio della vera e propria dittatura. Dopo aspri scontri tra regime e Azione cattolica per il controllo sull’educazione dei giovani e il nuovo statuto del Pnf (che nel 1932 sancì la scelta di “andare al popolo”. L’Italia. 3 Dalla grande crisi alla guerra d'Etiopia Nel 1930 iniziarono a farsi sentire in Italia le conseguenze della crisi economica esplosa nel ‘29. Se Gentile e Croce raccolsero rispettivamente le adesioni degli intellettuali fascisti e antifascisti ai due famosi Manifesti del 1925. Con la nascita. la sostituzione dei sindaci con i podestà (nominati dal re su proposta governativa) e l’estensione dei poteri dei prefetti. divenuto organo costituzionale dello Stato). l’Istituto per la ricostruzione industriale (1933). la legge Rocco dell'aprile 1926 sulla disciplina giuridica dei contratti di lavoro (i sindacati fascisti ottennero in ogni settore l’esclusività della rappresentanza e furono vietati sciopero e serrata) e la Carta del lavoro (1927). ma cementati dalla comune volontà di rivedere i trattati di pace. rinsaldò progressivamente i rapporti con la Germania nazista. la modifica dello Statuto (i ministri divennero responsabili davanti al capo del governo e non più al Parlamento). i provvedimenti noti come le "leggi fascistissime" (1926). nel febbraio 1929 Mussolini firmò con la chiesa cattolica i Patti lateranensi. si intensificarono i preparativi per l’intervento militare 38 Antonio Gambalonga . nel 1934 le forze antifasciste firmarono un patto d’unità d’azione. Dopo la nuova legge elettorale del 1928 (che prevedeva il plebiscito popolare su un’unica lista designata dal Gran consiglio. la riforma della Banca d’Italia (1936). La fine (e la repressione attraverso vari apparati) delle opposizioni. che chiusero la cosiddetta “questione romana” e garantirono l’appoggio cattolico al regime nel plebiscito del marzo. il varo della bonifica integrale. la nascita di organizzazioni giovanili e dopolavoristiche. L’intervento statale fu massiccio anche in economia (la battaglia del grano). incrinati dopo il tentativo hitleriano di annettere l’Austria.

allo scoppio della seconda guerra mondiale. che nel 1939 avrebbe presentato la Carta della scuola). che sembrò lasciare mano libera all’Italia in Africa. alla Conferenza di Monaco (settembre 1938) si presentò come il mediatore (e in patria fu accolto come “salvatore della pace”) tra le potenze europee. il varo delle sanzioni commerciali e l’intensificarsi della politica e della propaganda autarchica.a dichiarare. il varo della campagna razzista e antisemita (anticipata nella scuola dal ministro Bottai. italianizzazione forzata dei termini stranieri. nel maggio 1936 Mussolini poteva trionfalmente annunciare la nascita dell’Impero. firmato l’anno precedente da Germania e Giappone. Ministero della Cultura popolare. composte da molti italiani antifascisti). Ma fu soprattutto in politica estera che il regime si mostrò particolarmente attivo.Il Novecento in Etiopia. l’assassinio nel 1937 dei fratelli Rosselli. La denuncia da parte di Hailè Selassiè alla Società delle Nazioni. la “non belligeranza” del paese. obbligo del “voi”. incapaci di reagire davanti all’aggressività hitleriana. tradottasi poi nello smembramento della Cecoslovacchia. non più contrario all’Anschluss. L’accordo dell’ottobre 1936 (Asse RomaBerlino) voluto dal nuovo ministro degli Esteri Ciano ebbe il suo banco di prova con l’intervento a sostegno di Franco nella guerra civile spagnola (dove i fascisti riportarono a Guadalajara nel 1937 una grave sconfitta soprattutto sul piano morale da parte delle Brigate internazionali. nell’ottobre l’esercito di Badoglio invase il territorio etiopico.nonostante il clamore della propaganda . 4 Dall'impero alla non belligeranza Negli anni successivi all’impresa d’Etiopia si realizzò la definitiva svolta totalitaria del regime con il perfezionamento di alcuni strumenti della propaganda (Gioventù italiana del littorio. la nascita nel 1939 della Camera dei fasci e delle corporazioni. Dopo una guerra più complicata del previsto. Tali scelte furono la premessa per l’uscita dall’Italia dalla Società delle Nazioni e per l’adesione nel novembre 1937 al Patto anti Comintern. 1939). furono le fasi che segnarono il momento di maggior popolarità del duce. Mussolini. Dopo l’invasione italiana (aprile 1939) dell’Albania e l'annessione al regno. 1937. 39 Antonio Gambalonga . ma l’impreparazione bellica indusse Mussolini . l’alleanza con la Germania diventò militare nel maggio con la firma del Patto d’acciaio. Dopo l’accordo segreto (gennaio 1935) con la Francia.

Dallo scontro i margini di manovra dei cattolici furono ridotti. nel settore scolastico con la creazione dei licei femminili – l’attribuzione alle donne di compiti tradizionalmente “femminili”. che riconosceva il matrimonio religioso cattolico e rendeva obbligatorio l’insegnamento della religione in ogni ordine di scuola.Il Novecento Il Fascismo Approfondimenti 1 Chiesa e fascismo Durante il Ventennio. tranne in settori decisivi della propaganda (radio. in cui i contraenti si riconoscevano diplomaticamente. e accettò lo smantellamento delle organizzazioni sindacali cattoliche. fu poi riconosciuta l’Università cattolica di Milano). Ma il reale supporto al regime fu garantito. di moglie 40 Antonio Gambalonga . convinto antifascista. 2 La donna Il rapporto tra donne e regime fascista appare per molti versi contraddittorio. vari furono gli elementi che contribuirono a rafforzare i legami tra fascismo e gerarchie ecclesiastiche: antisocialismo. diede la preferenza nei concorsi pubblici alle persone maritate con figli). fu firmata una convenzione finanziaria a favore della Chiesa e il Concordato. ad esempio. Un ulteriore terreno di attrito fu la promulgazione nel 1938 delle leggi razziali. mentre il nuovo papa Pio XII assunse un atteggiamento di neutralità davanti alle incombenti minacce di guerra.riconobbe l’Azione cattolica. ad abbandonare la segreteria del Partito popolare (si rifugiò all’estero). ad esempio nella redazione della Enciclopedia italiana di Gentile). Mussolini – “uomo della provvidenza” secondo Pio XI . della maternità. arrivando nel 1931 a un aspro scontro con i gruppi giovanili fascisti sul decisivo settore dell’educazione dei giovani. Il Vaticano non esitò a indurre Luigi Sturzo. dove i parroci furono molto attivi (anche nel sostenere il regime ai tempi degli interventi in Etiopia e in Spagna). riforma Gentile (che introdusse la religione cattolica nelle elementari. della famiglia. Dall’altro confermò – anche grazie a una legislazione fortemente penalizzante nei confronti delle donne dal punto di vista salariale ma anche. corporativismo. Da un lato il regime incoraggiò le donne a lavorare e quindi a uscire dalla sfera domestica ove tradizionalmente erano confinate (una legge nel 1929. che si conquistò spazi sempre maggiori nella società civile (ma grande fu l’influenza della Chiesa anche nel mondo intellettuale. cinema) e nelle campagne. criticate perché introducevano un vulnus nella politica matrimoniale. nel febbraio del 1929. ad esempio. che sancirono la fine della “questione romana” apertasi nel 1870. Oltre al trattato. il richiamo ai valori del ruralismo. dalla firma tra Mussolini e il cardinale Pietro Gasparri dei Patti Lateranensi.

Giovani italiane (13-18 anni). Dalle scuole e dalle università furono progressivamente espulsi gli studenti e gli insegnanti ebrei. Giovani fasciste (ragazze tra i 18 e i 21 anni). riallacciandosi alle polemiche e alle politiche del primo dopoguerra. era posto sotto rigido controllo – tra le materie insegnate figuravano soccorso. l’Opera nazionale Balilla in Italia). assegnando loro compiti caritativi e. economia domestica. la riforma della scuola promossa nel 1923 dal ministro Gentile. Negli anni successivi. che mirò a trasformare la scuola in una colonna dello Stato hitleriano e a permeare dell’ideologia nazista le discipline insegnate. dunque. L’opera di indottrinamento nazista dei giovani – ispirata al principio del livellamento delle coscienze (Gleichschaltung) – fu portata avanti dal ministro dell’Educazione Bernhard Rust. l’introduzione del testo unico e di Stato per le elementari (1929).Il Novecento e di madre. Donne fasciste e. dopo la nascita nel 1921 del Pnf. la politica di discriminazione razziale nei confronti di insegnanti e studenti ebrei (1938) e la Carta della scuola di Bottai (1939) mirante a creare una scuola di massa e non d’élite. puericultura. L’opera di disciplinamento della gioventù. durante la seconda guerra mondiale si “arricchì” del nuovo compito di ausiliaria nella Repubblica sociale italiana. di educazione fisica e assistenziale. impegnate nella campagna per la ruralizzazione del paese. floricoltura – e improntato a principi chiaramente influenzati dalla concezione cattolica del lavoro femminile. furono ristrutturati. l’imposizione a tutti gli insegnanti (le cui associazioni dal 1932 furono poste alle dipendenze del partito) e anche ai docenti universitari dell’obbligo di giuramento di fedeltà al governo fascista. Già nel 1921 erano nati i primi Fasci femminili che. Tale ruolo. Negli anni Trenta la fascistizzazione della scuola proseguì con l’introduzione dell’insegnamento della cultura militare nelle scuole medie (1936). erano divise in Piccole italiane (bambine tra 8 e 13 anni). decorazione. rafforzato dalla politica demografica del regime e da enti come l’Opera nazionale maternità e infanzia (1925). L'intero percorso educativo e formativo femminile. e i docenti furono inquadrati 41 Antonio Gambalonga . sacrificò l’educazione tecnico-scientifica in nome della preminenza del modello d’istruzione classica. 3 La scuola nei regimi fascisti L’educazione dei giovani rivestì un ruolo di grande importanza per i regimi fascisti. passate dal 1929 sotto l’egida dell’Opera nazionale balilla e divenute organizzazione di massa. ginnastica ritmica. Massaie rurali. improntata ai principi pedagogici idealistici. assegnata ad organismi specifici (l’Hitlerjugend in Germania. Il fascismo sansepolcrista. socialisti e liberali. si affiancò a politiche scolastiche ispirate ai principi dell’ideologia al potere. i "ritocchi" alla riforma furono vari: l’estensione a tutti gli ordini di scuole dell’insegnamento obbligatorio della religione cattolica (prevista da Gentile nelle sole elementari). dopo il 1925. In Italia. Le organizzazioni femminili. dal 1934. aveva sostenuto il diritto di voto per le donne.

col nome di Gioventù italiana del littorio. La Hitlerjugend (Gioventù hitleriana). l’Onb inglobò anche le organizzazioni del Pnf (Piccole italiane. In Italia. inquadrò i giovani tra i 10 e i 18 anni (le ragazze confluirono nella Bund Deutscher Mädel). al patriottismo e alla religione (elemento decisivo nei successivi scontri tra regime e Azione cattolica per il controllo sull’educazione dei giovani) e assunse caratteri paramilitari. un’organizzazione collaterale al partito nazista. già prima della marcia su Roma. Passata nel 1929 alle dipendenze del Ministero dell’Educazione nazionale. Sotto la guida dello squadrista Renato Ricci. questi avrebbero garantito la prosecuzione dei regimi. cui divenne obbligatorio iscriversi per i ragazzi tra i 6 e i 21 anni (ma le adesioni non superarono il 50% dei giovani italiani). sorsero i Gruppi universitari fascisti. Nata dall’organizzazione studentesca nazionalsocialista nel 1933. nel dicembre 1936 acquisì un ruolo 42 Antonio Gambalonga . per i minori di 14 anni. come i saggi ginnici e le adunate. nel 1937 fu posta alle dipendenze del partito inglobando anche i fasci giovanili . Figli della lupa).Il Novecento nell’Alleanza degli insegnanti nazionalsocialisti. le Avanguardie giovanili e. l’Onb si ispirò ideologicamente all’obbedienza. 4 Le organizzazioni giovanili L’importanza attribuita da fascismo e nazismo all’educazione dei giovani fu notevole. anche nelle attività svolte. i gruppi dei Balilla (dal 1924 Opera nazionale balilla). Giovani italiane.

la “macchina per il popolo”. le colonie estive. insieme al segretario delle corporazioni Rossoni. L’Ond organizzò il tempo libero delle masse. dopo la distruzione violenta delle associazioni ricreative operaie. 43 Antonio Gambalonga .grazie alla sussidiaria Kraft durch Freude (Forza attraverso la gioia) coordinò le varie attività ricreative dei lavoratori: dalle escursioni a prezzi ridotti alle crociere marittime. Germania 1933). coinvolgendolo nelle parate pubbliche e nelle prime forme di turismo di massa. Attraverso questa forma di “mobilitazione passiva” del cittadino . ecc. ecc. dopo aver esautorato le libere rappresentanze dei lavoratori e regolato i rapporti di lavoro (Italia 1926. offrendo loro alcuni vantaggi materiali (sconti sui biglietti cinematografici e teatrali. quando furono mobilitate anche le classi più giovani. 5 Le organizzazioni del dopolavoro I regimi fascista e nazista. assegni familiari per famiglie molto numerose. mentre più ridotti furono i benefici assicurati dalle organizzazioni sindacali e del Pnf (la Befana fascista.).) e assistenziali. organizzava le attività fisiche (compresi i campeggi e le escursioni) e culturali dei ragazzi ed ebbe molto successo specialmente allo scoppio della guerra.la più imponente organizzazione di massa del nazismo collaterale al partito nazionalsocialista . dagli sconti per gli spettacoli ai concerti. Nel 1925. questa.rinforzata negli anni trenta dalla settimana di 40 ore e dal sabato fascista . sorsero i primi circoli di istruzione e ricreazione organizzati dall’ingegnere e segretario dell’Ufficio centrale del Dopolavoro dei sindacati fascisti Giani.l’Opera organizzò il tempo libero del lavoratore. fino a gestire nel 1938 la costruzione della fabbrica della Volkswagen. bocciofile. posta alle dipendenze del Ministero dell’Economia nazionale e dal 1927 del Pnf. rigidamente militarizzata. treni “popolari”. In Germania il Fronte tedesco del lavoro di Ley (Deutsche Arbeitsfront. In Italia. per cercare di allargare il consenso fecero ampio ricorso a strumenti di integrazione sociale. dalle colonie allo sport. quale ad esempio l’organizzazione del dopolavoro. Esercitò un rigido controllo politico-sociale-ideologico sulla gioventù: ogni bambino di razza ariana entrava a 10 anni nel Jungvolk e a 14 passava (fino a 18) nella Hitlerjugend. l’Opera nazionale dopolavoro (Ond). 1933) .Il Novecento istituzionale sotto la direzione del Reichjugendführer Baldur von Schirach. quest’ultimo organizzò.

Un sistema rigidamente centralizzato controllò e piegò ai propri fini gli strumenti della comunicazione di massa. ma anche i giornali e successivamente il cinematografo. Sia la Germania che l’Italia promossero anche la costruzione di molti stadi e spazi per praticare lo sport. In questa prospettiva le olimpiadi che si svolsero a Berlino nel 1936 ebbero un ruolo fondamentale: offrirono da un lato la possibilità per la Germania nazista di mostrare una facciata di moderazione ed efficienza che ebbe effettivamente una notevole eco a livello internazionale e dall’altro furono un’occasione per “mostrare” la superiorità della razza ariana. rientravano nell’ideologia aggressiva e sempre più chiaramente guerrafondaia dei regimi fascisti. politici e culturali per costruire e diffondere un’immagine “positiva” del regime e organizzare. divenuto nel 1935 Ministero. mentre nel fascismo era evidente soprattutto la componente di virilismo antiborghese. coloro che avrebbero dovuto combattere un giorno per difendere il proprio paese. L’inquadramento di massa nelle organizzazioni sportive. Il mito del corpo e dell’efficienza ebbe un grande spazio a livello propagandistico anche se nel caso tedesco prevalevano gli elementi di razzismo.1 L'inquadramento ideologico La propaganda Strumento fondamentale dei regimi fascista e nazista. l’educazione alla pratica dell’aggressività e della violenza rivolta soprattutto ai giovani. 7 7. Sia in Germania che in Italia sorsero appositi istituti per la propaganda. Nel 1933 Goebbels fu nominato responsabile del nuovo Ministero per la cultura popolare e la propaganda. la propaganda coinvolse tutti i settori economici. in particolare la radio (introdotta in Italia dal 1924). il consenso di massa. Le organizzazioni giovanili dedicarono moltissimo spazio all’attività fisica e alla propaganda del culto del corpo. che divenne un sempre più formidabile veicolo di 44 Antonio Gambalonga . sotto varie forme. Nelle scuole di ogni ordine e grado l’educazione fisica e l’attività sportiva divennero mezzi di attivazione degli strati giovanili e di coinvolgimento negli obiettivi del regime. e l’anno successivo Ciano trasformò l’ufficio stampa di Mussolini in Sottosegretariato per la stampa e la propaganda. sociali.Il Novecento 6 Lo sport e le olimpiadi Nei regimi fascisti lo sport assunse un ruolo fondamentale come strumento di aggregazione e creazione del consenso presso le masse popolari.

nella pratica. l’eroismo. ovvero quelle virtù considerate antiborghesi e proprie del punto di riferimento a cui gli italiani dovevano ispirarsi: Mussolini. Se con l’instaurarsi della dittatura si esplicitò nello stereotipo del virilismo. infallibile. Anche gli intellettuali. l’automobile. eccetera. svolse un’attiva funzione censoria sulla stampa (attraverso la Commissione per la bonifica libraria) ma anche di finanziamento agli intellettuali in difficoltà. che monopolizzò l’organizzazione delle manifestazioni culturali e artistiche . il progetto di costruzione dell’“uomo nuovo” fascista . la coscienza degli italiani: membri di uno Stato che. controllato dall’ex nazionalista Dino Alfieri. manifestatosi nella passione di Mussolini e degli italiani per lo sport.1 Manifesti degli intellettuali italiani Vengono qui riprodotti due stralci tratti. L’attività di questi apparati. ma anche dalla stampa di vario livello) sottolinearono le sue qualità di duce monumentale.organizzando a Monaco. attento a creare uno “stile di vita” fascista. Espressioni di questo sistema furono. capo del fascismo. esaltare alcune doti umane come il dinamismo. era compiutamente totalitario. capo coloniale. L’esaltazione della figura del duce.Il Novecento glorificazione dei regimi. manipolare. rispettivamente. imperiale. Affine dunque alla volontà nazista di “livellamento” (Gleichschaltung) delle coscienze. parallelamente alla condanna dell’“arte degenerata” (ovvero le avanguardie come l’espressionismo) . si fece più intensa con lo scoppio della guerra e con la necessità di mobilitare tutte le forze disponibili (comprese quelle cattoliche) nella propaganda bellica. gestire. la velocità. gli artisti. obbedire. arrivando a controllare. Ciò significò. gli uomini di sport furono chiamati a svolgere un ruolo di formazione e orientamento dell’opinione pubblica. l’altruismo. come la radio e il cinema. la modernità. il coraggio. in particolare. inevitabilmente. 8. questo mito – allora sintetizzato nel motto “credere. molto successo. più nelle intenzioni che nelle realizzazioni. l’istinto guerriero.parte della più vasta e radicale trasformazione della società e della coscienza degli italiani . Ciò avvenne anche in Italia. patriarca e. dove il Ministero della cultura popolare (1937). dal Manifesto degli 45 Antonio Gambalonga . le mostre dell’arte tedesca.e le coreografiche parate e adunanze del partito nazista. a partire dal 1937. 8 Il mito dell'uomo nuovo fascista Il tentativo di costruire l’“uomo nuovo fascista” si legava indissolubilmente al progetto mussoliniano di trasformare in modo radicale la società. in definitiva. conobbe infatti varie declinazioni. soprattutto. gli scienziati.non conobbe. nella seconda metà degli anni Trenta le raffigurazioni del capo del governo (abilmente propagandate dai moderni strumenti di comunicazione di massa. combattere” – negli anni Trenta si sostanziò nella politica del segretario del Pnf Starace. la Camera della cultura del Reich (1933). Ma al di là della retorica e delle intenzioni dell’apparato propagandistico.

redatto da Giovanni Gentile in conclusione del convegno per le istituzioni fasciste di cultura a Bologna (reso pubblico il 21 aprile 1925. affinché. ottenne circa 250 adesioni tra cui quelle di Luigi Pirandello. Storia di due manifesti. 1) “Oggi in Italia gli animi sono schierati in due opposti campi. contaminare politica e letteratura. Papa. come in questo caso. Varcare questi limiti dell’ufficio a loro assegnato. politica e scienza. R. con effetti sempre più benefici. è un errore. formata dai detriti del vecchio politicantismo italiano… non ha propriamente un principio opposto. Gaetano Salvemini. gli intellettuali […] hanno il solo dovere di attendere. con l’opera dell’indagine e della critica e con le creazioni dell’arte. Giustino Fortunato. ma soltanto inferiore al principio del Fascismo… [il Partito nazionale fascista è la] riconsacrazione delle tradizioni e degli istituti che sono la costanza della civiltà.Il Novecento intellettuali del fascismo. non può dirsi nemmeno un errore generoso.” 2) “E. che fu controfirmata dalla maggioranza del mondo culturale e accademico italiano (tra cui Luigi Einaudi. a innalzare parimenti tutti gli uomini e tutti i partiti alla più alta sfera spirituale. Matilde Serao. due mondi che si escludono reciprocamente… Questa piccola opposizione al Fascismo. Milano 1958). da una parte i fascisti. Curzio Malaparte). combattano le lotte necessarie. nota come il “Contromanifesto” e pubblicata il 1º maggio da Il Mondo di Giovanni Amendola. dall’altra i loro avversari. 46 Antonio Gambalonga . democratici di tutte le tinte e tendenze. veramente. che. per patrocinare deplorevoli violenze e prepotenze e la soppressione della libertà di stampa. quando poi si faccia. Aldo Palazzeschi.” (Tratto da E. e dalla risposta redatta da Benedetto Croce. nel flusso e nella perennità delle tradizioni. Filippo Tommaso Marinetti. Eugenio Montale).

Contemporaneamente si verificarono numerosi episodi di violenza e soprattutto boicottaggi a danno degli esercizi commerciali ebraici. avvocati ebrei. Nel settembre del 1935 vennero varate due leggi fondamentali: 47 Antonio Gambalonga . di frequentare i luoghi di pubblico ritrovo. Il primo atto concreto fu l’attuazione di un censimento. In novembre vennero allontanati gli ebrei da tutti gli impieghi pubblici. Poco dopo la presa del potere ebbero inizio una serie di provvedimenti volti a concretizzare questi principi ideologici che culminarono con l’emanazione delle leggi di Norimberga nel settembre del 1935. Già da mesi però sulla stampa era iniziata una violenta campagna antisemita. volta soprattutto a denunciare la presenza degli ebrei nei gangli vitali della vita economica e politica del paese. risultò che gli ebrei costituivano circa l’uno per mille della popolazione italiana. dentisti. Tutti i bambini e i ragazzi vennero espulsi dalle scuole di ogni ordine e grado. Il 7 aprile 1933 erano stati allontanati dalla pubblica amministrazione i funzionari “non ariani”. di possedere una radio. 10 La persecuzione razziale in Germania Il partito nazista aveva sempre fatto dell’antisemitismo uno dei cardini della propria ascesa politica ed un elemento fondamentale di integrazione. Particolarmente colpito risultò il mondo accademico. voluto dal Ministero dell’Interno. chi era iscritto all’università poteva finire gli studi a condizione di non andare fuori corso e venne privato del diritto di usufruire di borse di studio. senza che vi fosse alcuna pressione esplicita da parte della Germania nazista. compreso l’esercito. di possedere proprietà che eccedessero un certo limite. anche gli ebrei italiani furono vittime della Shoah. di recarsi in vacanza in luoghi considerati lussuosi. alcune facoltà furono private di molti dei suoi componenti più illustri. Nei mesi successivi si susseguirono senza tregua leggi. circolari e decreti volti a ghettizzare sempre di più gli ebrei: fu loro vietato di esercitare le libere professioni. Fino all’8 settembre 1943 è possibile parlare di una persecuzione dei diritti.Il Novecento 9 La legislazione razziale Nel 1938 il governo fascista introdusse. Dopo l’occupazione nazista. Furono vietati i matrimoni fra ebrei e non ebrei. In settembre si stabilì che tutti gli ebrei stranieri che erano giunti cercando rifugio dalla Germania e dall’Austria dovevano lasciare l’Italia entro sei mesi. una legislazione razziale destinata ad escludere in modo capillare ogni ebreo italiano dalla vita civile del paese. nei mesi successivi non poterono più esercitare la propria professione medici. per quantificare la presenza ebraica nella penisola.

Coloro che potevano cercarono di emigrare. l’altra. Nel giugno del 1938 Himmler proclamò contro di loro una “settimana di epurazione” e poco dopo ne ordinò l’internamento in massa e la sterilizzazione forzata. Dal 1940 furono deportati in Polonia e dal 1942 concentrati nel campo di sterminio di Auschwitz. radicale peggioramento. quando vennero internati in campo di concentramento perché considerati possibili oppositori del regime. quando centinaia di sinagoghe e di negozi ebraici furono incendiati e distrutti. La promulgazione di legislazioni razziali contro gli ebrei costituì. che non rispondevano all’uniformità di comportamenti e idee che i regimi fascisti volevano imporre fu un elemento comune. mentre vari gruppi 48 Antonio Gambalonga . Gli ebrei vennero ogni giorno che passava sempre più rinchiusi in un ghetto invisibile fatto di violenze. segnò il culmine delle provocazioni. l’espressione più compiuta di questo atteggiamento discriminatorio. rendeva ancora più difficile questo doloroso passo.Il Novecento una stabiliva che gli ebrei non erano cittadini a pieno titolo e che dunque non godevano degli stessi diritti civili degli ariani. discriminazioni. fino allo scoppio della guerra. Tra giugno e luglio venne proibito agli ebrei l’esercizio della maggior parte delle attività commerciali.400 di loro vennero rinchiusi in un campo di concentramento che si trovava in Vestfalia e alcuni furono utilizzati come cavie per esperimenti sulla “razza”. sistematicamente perseguita dal regime. l’ultima etnia nomade presente anche sul territorio europeo. Fra queste gli zingari. 11 La persecuzione degli zingari La persecuzione di tutti coloro che erano in qualche modo “diversi”. che però colpì anche altre minoranze. proibiva i rapporti sessuali fra ebrei e non ebrei e impediva agli ebrei di assumere personale di servizio non ebreo. che erano requisiti ed inglobati nello Stato. ma la spoliazione dei beni. seppure con forme e tempi di realizzazione molto diversi. paure e soprusi. alla Germania nazista ed all’Italia fascista. vietava i matrimoni misti. In Germania essi vennero discriminati fin dalla presa del potere di Hitler: esclusi gradualmente dalle scuole nel 1937. La “notte dei cristalli” del 9 novembre. Nel 1938 la situazione conobbe un nuovo. In Italia gli zingari non vennero fatti oggetto di una persecuzione specifica fino allo scoppio della guerra. venne infatti perseguita capillarmente la “arianizzazione” dei beni ebraici. 2. “per la difesa del sangue tedesco”.

2 L'autarchia La campagna autarchica fu lanciata da Mussolini alla II assemblea annuale delle corporazioni (23 marzo 1936) in risposta alle sanzioni economiche decretate dalla Società delle Nazioni il 18 novembre 1935 su richiesta dell’imperatore etiopico Hailè Selassiè. L’embargo commerciale contro l’Italia non fu totale: ne restò escluso il petrolio (materia prima indispensabile per continuare la guerra). Di grande impatto propagandistico e seguito con interesse all’estero . Ispirate al criterio di “rappresentanza degli interessi”.1 La “terza via” e il corporativismo Il corporativismo fu. il tentativo di organizzare l’economia e i rapporti tra le classi. il quale aveva denunciato l’invasione italiana del proprio territorio. 12 L'economia 12. tariffari) ed essenzialmente consultive.specialmente negli anni Trenta dopo la crisi del 1929 . furono attivate (in numero di 22) solo nel 1934.il corporativismo fascista nacque ufficialmente nel 1926 con la creazione del Ministero delle Corporazioni. Nessuna innovazione. la creazione ideologica “positiva” e originale del fascismo (in realtà già presente nella cultura politica cattolica). comportò la trasformazione nel 1939 della Camera dei deputati in Camera dei fasci e delle corporazioni. senza consultare le corporazioni. Obbligati al lavoro forzato nei lager e sottoposti a numerosi esperimenti. la proprietà privata dei mezzi di produzione non ne fu scalfita. in realtà. dopo che nel 1930 era stato istituto il Consiglio nazionale delle corporazioni. 12. Le facoltà delle corporazioni furono sempre limitate (specialmente dal punto di vista normativo: regole per il regolamento collettivo dei rapporti economici. nel corso della seconda guerra mondiale furono sterminati circa 500. superandone i conflitti per conciliarli "in nome dell’interesse superiore” della nazione: una “terza via” tra il socialismo di Stato e il capitalismo liberale a economia di mercato. da questo punto di vista. terzo gruppo etnico per numero tra le vittime della “soluzione finale”. ma i secondi non godettero mai di uguali diritti rispetto ai primi. dopo slavi ed ebrei.000 zingari. raccoglievano per ciascun settore i rappresentati dei datori di lavoro e dei lavoratori (spesso sindacalisti o politici). che dalla Carta del lavoro del 1927 erano state investite del compito di coordinare e disciplinare la produzione. almeno nelle intenzioni dei suoi teorici (in particolare Bottai e Ugo Spirito). le sanzioni non furono applicate da Stati non 49 Antonio Gambalonga . gli interventi statali in economia avvennero attraverso strutture diverse. spesso regime e industriali ricorsero ad accordi diretti.Il Novecento erano vittime di eccidi nei paesi occupati nel corso dell’avanzata verso est delle forze armate tedesche. queste ultime.

Ma a livello propagandistico la battaglia ebbe successo: al di là delle foto di Mussolini che negli anni Trenta trebbiava il grano a torso nudo. Mussolini lanciò in un discorso alla Camera (20 giugno 1925) la cosiddetta “battaglia del grano”. 50 Antonio Gambalonga . secondo una linea che già si era manifestata nel tentativo di raggiungere l’autosufficienza economica – la battaglia del grano. la politica protezionistica – e che. grazie alla meccanizzazione. Sul terreno economico ma anche e soprattutto propagandistico. fino alla seconda guerra mondiale. un obiettivo che si scontrò con la povertà di fonti energetiche e di materie prime e con le insufficienze della ricerca scientifica. che non valsero però a frenare le migrazioni interne (da Sud verso Nord e dalle campagne verso le città) e il secolare sfollamento delle campagne. proseguì oltre il termine delle sanzioni (luglio 1936). non fu mai raggiunta l’autonomia in questo settore. non a caso. dopo il lancio nel 1928 della campagna per la bonifica integrale -. così come le controsanzioni che avrebbero dovuto colpire merci e prodotti di quei paesi che “assediavano l’Italia”. che si accompagnarono alla creazione di nuove città (ad esempio Latina fondata nel 1935 dopo la bonifica delle paludi Pontine). Fu nominato per l’occasione un comitato ministeriale . 12.diretto da Ferraguti . alla concimazione. Fondata sul tentativo di rinforzare la produzione di materie prime e di beni – creando enti pubblici per valorizzare risorse sostitutive di quelle precedentemente importate o. ad esempio. la campagna autarchica solleticò l’orgoglio nazionalistico degli italiani senza però portare all’indipendenza economica. maggiormente specializzate e remunerative. le corporazioni.attuate in risposta alla crisi del ‘29. Da un punto di vista pratico le sanzioni non ebbero molto effetto. adottando la politica degli “ammassi obbligatori” –. ai contadini senza terra furono assicurate ben poche garanzie.3 L'offensiva nelle campagne e la battaglia del grano Il fascismo attuò nei confronti delle campagne italiane una politica brutale: eliminate tutte le conquiste dei braccianti e dei mezzadri del primo dopoguerra. Furono varate leggi che limitavano la libertà di movimento dei contadini. L’autarchia – in realtà già proclamata alla fine del 1934 – fu l’arma propagandistica usata da Mussolini per convogliare le energie produttive della nazione (specialmente quelle industriali) in un progetto funzionale alle esigenze dell’imperialismo fascista. che aveva come obiettivo primario il raggiungimento dell’autosufficienza in campo granario. sono da ricordare le bonifiche agrarie .ma il pane per tutti si rivelò un’utopia: malgrado il rialzo delle protezioni doganali nel 1925 per disincentivare le importazioni cerealicole. e anzi furono penalizzate altre colture.Il Novecento membri della Società (ad esempio gli USA) e Hitler offrì a Mussolini il carbone tedesco in sostituzione di quello inglese. alla sperimentazione colturale. mentre i proprietari terrieri reintrodussero oneri pesantissimi.

quali ad esempio l’iscrizione nell’albo dei sovversivi. sia su molti oppositori costretti al confino di polizia o comunque sottoposti a vari provvedimenti.Il Novecento 13 Il sistema repressivo Già nei mesi successivi alla presa del potere il fascismo “istituzionalizzò” la violenza e la repressione di ogni forma di dissenso. Minore numericamente. 14 L'emigrazione antifascista L’esistenza di imponenti ondate migratorie . che contò fra i suoi rappresentanti scrittori quali Thomas Mann e Bertolt Brecht. l’Ovra (Organizzazione per la vigilanza e la repressione dell'antifascismo). Gli intellettuali tedeschi non smisero mai. L’emigrazione dal Reich nazista fu costituita in primo luogo da ebrei che lasciavano il paese a causa della legislazione razziale sempre più radicale (ca.della vera e propria dittatura. Furono dichiarati decaduti i deputati aventiniani e molti deputati (tra cui Gramsci) furono arrestati. soprattutto attraverso la stampa. Nel 1927 (ma ufficialmente nel 1931). la crisi successiva al delitto Matteotti fu la premessa per l’inaugurazione . Essi si trasferirono per lo più in Francia e negli Stati Uniti e raramente. nacque una polizia segreta. Arturo Bocchini. nacque il Tribunale speciale per la difesa dello Stato (gestito da militari e consoli della Milizia). Nel biennio successivo. 300. decisero di tornare in Germania.tradizionalmente indicata nel discorso di Mussolini alla Camera del 3 gennaio 1925 . furono sciolte le associazioni politiche e sindacali. assicurarono il controllo e la repressione degli antifascisti. Dopo le leggi limitative della libertà di stampa e la legge elettorale Acerbo.000). dalla Milizia volontaria per la sicurezza nazionale (Mvsn): una forza armata privata parallela all’esercito. che sorvegliò e controllò l’operato non solo degli antifascisti ma degli stessi gerarchi. ma fondamentale per il suo impegno nell’esilio. in diversa misura. fiduciari e ispettori suddivisi per zone geografiche.596 oppositori. che in 20 anni di funzionamento condannò 4. creando strutture che. ma assai attiva fu l’emigrazione politica formata dai partiti operai weimariani e caratterizzata dal 51 Antonio Gambalonga . dal 1923. attraverso una rete di spie. Meno numerosa. dopo l’immane tragedia della Shoah. grazie all’operato del ministro dell’Interno (l’ex nazionalista Luigi Federzoni) dopo due attentati a Mussolini (attribuiti ad arte agli antifascisti). con il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza e le leggi “fascistissime” del 1926. di denunciare le atrocità del regime nazista e soprattutto la sua aggressività. La repressione si abbatté sia sugli esuli antifascisti. sperando in tal modo di trovare un’eco all’estero. spiati ad esempio. furono gettate le basi del sistema repressivo del regime. fu l’emigrazione intellettuale. nel quadro della riorganizzazione della polizia voluta dal nuovo capo.formate da coloro che non potevano o non volevano continuare a vivere in sistemi politici repressivi .fu una delle conseguenze della presa del potere dei sistemi di potere fascista in Italia e Germania. fu introdotta la pena di morte.

Lo scioglimento dei partiti e dei sindacati e la creazione di potenti apparati polizieschi furono strumenti fondamentali nella realizzazione di questo progetto. se non mise di per sé in pericolo i regimi fascisti. È però opportuno distinguere fra forme di opposizione dichiaratamente politiche. ma in misura minore anche in Germania. un progetto di inquadramento totalitario dello Stato finalizzato. soprattutto quello comunista. L’emigrazione ebraica italiana fu viceversa poco significativa. l’abbattimento del fascismo. dove si riorganizzarono alcuni dei partiti che erano stati vietati in Italia ed anche la Confederazione generale del lavoro. alla repressione di ogni forma di opposizione. soprattutto fino al 1936. I fuoriusciti si stabilirono. ma piuttosto esprimevano una parziale insoddisfazione. fu intensa soprattutto in Italia. di mantenere un legame con la resistenza interna. Non fu tuttavia possibile annullare ogni manifestazione di dissenso o di insoddisfazione. a partire dal 1926. Si trattava di gesti che non erano esplicitamente finalizzati all’abbattimento del regime. La riflessione teorica fu ricca e profonda e notevole fu anche la capacità di elaborare strategie politiche nuove. seppure con premesse. la maggioranza degli ebrei italiani sperava infatti che la legislazione razziale fosse un fenomeno transitorio. almeno in parte riuscito. forme e risultati assai diversi. Accanto a questa attività vi furono forme di disapprovazione meno connotate politicamente e profondamente variegate che andavano dal rifiuto dell’iscrizione al partito fascista o nazista a forme di boicottaggio. 52 Antonio Gambalonga . fra l’altro. risposta coerente ai mutati rapporti di forza in Italia ed in Europa. Ogni suo singolo gesto ed espressione. ed una realtà molto più ampia e indefinibile meno caratterizzata ideologicamente. L’attività dei partiti politici illegali. 15 La resistenza interna Il fascismo italiano ed il nazismo tedesco perseguirono. dalla lettura di un foglio clandestino all’ascolto di emittenti straniere.Il Novecento tentativo. Essa era portata avanti da gruppi ristretti e fortemente motivati il cui scopo comune era. seppure attraverso percorsi politici ed ideologici molto diversi. essenzialmente in Francia ed a Parigi. L’emigrazione antifascista italiana fu caratterizzata soprattutto dalla componente politica. una vasta e multiforme area che rimanda ad un rifiuto “esistenziale” piuttosto che politico. fece però sì che il loro potere fosse meno totalitario ed assoluto.

La partecipazione in armi alla guerra di Spagna a sostegno dei miliziani nel luglio 1936 . violando il trattato di Locarno che era stato sottoscritto liberamente dal governo weimariano. interessi politico53 Antonio Gambalonga . cominciò a dispiegare il suo potenziale aggressivo verso l’esterno. confermata dal ruolo di mediatore che Mussolini si assunse al momento del patto di Monaco (ottobre 1938) che riconosceva di fatto l’occupazione nazista dei Sudeti.Il Novecento Verso la seconda guerra mondiale 1 Italia: il colonialismo La propaganda per l’espansione al di là dei propri confini. A partire dalla seconda metà degli anni Venti Mussolini cominciò ad agitare l’obiettivo della revisione dei trattati. ma esse furono ampiamente disattese. Una sorta di protettorato fu stabilito sull’Albania e una tutela esclusiva fu rivolta all’Austria il cui regime si evolveva verso forme di austrofascismo. 2 Germania: dall'occupazione della Renania all'Anschluss Una delle conseguenze più rilevanti dell’affermazione di regimi fascisti in Italia e Germania fu. Erano così poste le basi per il ripristino della sovranità militare della Germania. Nel 1935 venne reintrodotto il servizio militare obbligatorio e l’anno successivo. un nuovo conflitto stava ormai per scoppiare. che avrebbe dovuto consentire all’Italia maggiori soddisfazioni sul terreno coloniale. soprattutto a partire dalla seconda metà degli anni Trenta. Mussolini cominciò dunque con cura a pianificare l’aggressione all’Etiopia e. nel novembre del 1933. In un Europa ormai completamente destabilizzata venne occupata dai fascisti anche l’Albania (aprile 1939). Intanto in terra spagnola si rafforzava l’alleanza con la Germania. dette inizio all’ultima guerra di aggressione coloniale attaccando il paese senza preavviso né dichiarazione di guerra. vennero varate leggi razziali che impedivano i matrimoni misti fra bianchi e neri. Guidate da Badoglio le truppe italiane entrarono ad Addis Abeba nel maggio del 1936 e Mussolini proclamò l’Impero nel quale. Subito dopo la presa del potere di Hitler. alla ricerca di quei successi che non poteva più conseguire in politica interna. l’anno successivo.scelta nella quale si fondevano motivazioni strategiche. la Germania era uscita dalla Società delle Nazioni primo passo per la destabilizzazione dell’ordine internazionale. per la conquista di “uno spazio vitale” e di “un posto al sole” fu un elemento che accomunò il nazismo tedesco ed il fascismo italiano. La Società delle Nazioni votò le sanzioni all’Italia. l’affossamento dell’assetto politico e territoriale internazionale quale si era venuto organizzando dopo il trattato di Versailles. quando nel 1935 ebbe la certezza che le democrazie occidentali gli avrebbero di fatto lasciato mano libera. venne rioccupata la Renania. dopo le gravi conseguenze in politica interna determinate dalla crisi del ‘29. L’“Impero” fu uno dei miti centrali per il regime fascista che.

dopo che l’aggressione fascista dell’Etiopia nel 1935. sancirono con il patto di Monaco lo stato di fatto. Nel febbraio del 1938 i quadri di comando della diplomazia e dell’esercito vennero sostituti con uomini di piena fiducia del Führer. In agosto i ministri degli esteri tedesco e sovietico firmarono un patto di non aggressione le cui clausole segrete prevedevano la spartizione della Polonia e. in posizione subalterna. l’occupazione della Renania nel 1936 e l’Anschluss nel marzo del 1938 avvennero senza che vi fosse nessuna reazione concreta – se si prescinde dalle sanzioni contro l’Italia per altro ampiamente disattese – la strada per lo stravolgimento ulteriore degli equilibri europei era spianata. con la Germania. Era così sancito un avvicinamento che si era venuto concretizzando soprattutto dopo che l’isolamento internazionale in cui si era trovata l’Italia dopo l’aggressione all’Abissinia l’aveva inesorabilmente spinta verso un’alleanza. e neppure un mese dopo le truppe tedesche occuparono l’Austria che venne annessa al Reich: si trattava della prima concreta violazione dei confini quali erano stati stabiliti a Versailles. Il ritiro dall’Europa centro-orientale di Francia e Inghilterra ed il vuoto dell'interesse politico e diplomatico costituì un’ulteriore tappa per lo scatenamento di una nuova guerra. grazie all’abile regia di Mussolini. allo scoppio della guerra civile spagnola. avevano reagito con la formula del “non intervento”. Nel marzo del 1939 la Germania invase la Cecoslovacchia e in maggio venne formalizzato un patto di alleanza (Patto d’acciaio) con l’Italia. ancora una volta non vi fu alcuna condanna: le potenze occidentali. 3 Verso una nuova guerra Dopo che le democrazie occidentali. se per i sovietici ponevano un limite alla volontà di espansione del Reich ad est. tale atto consolidò la posizione di controllo sull’area dell’Europa meridionale e sudorientale che già rientrava nella sfera d’influenza dell’economia tedesca.Il Novecento diplomatici e connotati ideologici .costituì la prova più concreta del nuovo dinamismo del Reich. Nel settembre del 1938 la Germania occupò i Sudeti che vennero smembrati e annessi in parte al Reich. ponevano anche la Germania al riparo dal pericolo ormai evidente di una guerra su due fronti. In terra spagnola venne anche suggellata l’alleanza militare fra Italia e Germania tanto che in ottobre venne annunciata la nascita dell’asse Roma-Berlino. alleanza che si era consolidata dal comune intervento nel corso della guerra civile spagnola. 54 Antonio Gambalonga .

2 Dalla “drôle de guerre” all'attacco alla Francia Il primo settembre 1939 le truppe naziste entravano nel territorio polacco senza dichiarazione di guerra. crollò. Due giorni più tardi Francia ed Inghilterra dichiaravano guerra alla Germania ed il 5 settembre Stati Uniti e Giappone proclamarono la loro neutralità. La Spagna. sancita dal patto d’acciaio del 1939. restò ai margini di ogni trattativa. L’annessione dell’Austria e l’occupazione dei Sudeti nel 1938 da parte di Hitler ridisegnarono l’assetto dell’Europa orientale senza che le democrazie occidentali si contrapponessero con iniziative concrete. ad intavolare trattative con l’Urss in un clima di reciproca sfiducia rafforzata. per parte occidentale dalla sostituzione del ministro degli Esteri sovietico Litvinov con il più intransigente Molotov. pur assumendo una chiara posizione filo nazista. La Società delle Nazioni dal 1936 in poi si era dimostrata completamente incapace di assolvere alle sue funzioni. stremata dalla guerra civile che si era conclusa con la presa di Barcellona nel marzo del 1939. nel corso della primavera del 1939. il paese venne costretto a firmare la pace con Mosca. Francia ed Inghilterra. nel patto nazisovietico firmato dai contraenti non perché fossero venuti meno i profondi contrasti ideologici. In aprile Hitler attaccò e conquistò in breve tempo Danimarca e Norvegia. La Germania seppe approfittare di tali contraddizioni accelerando gli accordi che sarebbero sfociati. In due settimane l’esercito polacco. Questo periodo è stato definito della drôle de guerre (la strana guerra) perché. ma perché entrambi ne sarebbero stati avvantaggiati in caso di scoppio del conflitto.Il Novecento LA SECONDA GUERRA MONDIALE EVENTI 1 1. dopo anni di politica di appeasement cominciarono. con l’occupazione della Renania ed il cospicuo contributo di armi e uomini dato dall’Italia fascista e dalla Germania nazista ai ribelli del generale Franco nel corso della guerra civile spagnola si alterarono in modo sempre più grave i complessi e delicati equilibri che si erano affermati dopo la fine della prima guerra mondiale. divenne sempre più stretta. non presero alcuna iniziativa. Francia ed Inghilterra. colpite dal vorticoso succedersi degli eventi.1 Una guerra europea Gli equilibri europei alla vigilia della guerra A partire dal 1936. completamente impreparato. L’alleanza fra Italia e Germania. dopo una campagna durata più del previsto. il 23 agosto 1939. mentre tedeschi e sovietici 55 Antonio Gambalonga . 1. In novembre l’Urss attaccò la Finlandia e.

sperando che. minato dalla politica del non intervento in Spagna e a Monaco. del quale avevano allora il quasi assoluto monopolio. Il rapidissimo crollo della Francia segnò il culmine del trionfo nazista in occidente. il 14 giugno. Per la resistenza dell’Inghilterra rivestirono un’importanza enorme gli aiuti che provenivano dai dominions e il mutato atteggiamento degli USA che decisero di uscire dall’isolazionismo di fronte alla prospettiva di un trionfo nazista. I nazisti. La Germania puntò allora sul blocco dei rifornimenti marittimi: l’affondamento dei mercantili nemici era un obiettivo prioritario. l’Inghilterra si trovò sola nella guerra contro la Germania. decisero di attaccare l’Europa occidentale: il 10 maggio venivano invasi. diventato primo ministro nel maggio del 1940. Atlantico e Mediterraneo divennero teatro di scontri decisivi per le sorti del conflitto. le due democrazie occidentali erano rimaste completamente inattive. Hitler rimandò a data indefinita lo sbarco e intensificò al contempo i bombardamenti delle città. riuscirono ad infliggere perdite molto gravi all’aviazione nazista. Churchill. Gli inglesi. proprio mentre cominciavano i bombardamenti nazisti più violenti sulle città inglesi. 1. 56 Antonio Gambalonga . fiduciosi dopo questi facili successi. alcune delle quali vennero completamente devastate. respinse una proposta di resa avanzata da Hitler nel luglio successivo. degli impianti industriali. degli aeroporti e avesse ottenuto la prostrazione del morale degli inglesi con i continui bombardamenti. grazie soprattutto all’uso del radar. era la prima dimostrazione che il nazismo non era invincibile. nell’estate del 1940 l’avanzata nazista pareva assolutamente inarrestabile. Esso era il risultato di complessi fattori: aveva ceduto il fronte militare. Fallito così il progetto di una “guerra lampo” contro l’Inghilterra. tutto il fronte antifascista. i nazisti marciavano su Parigi. anche simbolicamente. senza dichiarazione di guerra.3 La battaglia d'Inghilterra Dopo la capitolazione della Francia. Questo primo fallimento nazista ebbe una enorme importanza a livello psicologico.Il Novecento avevano cominciato ad occupare e spartirsi il continente. lasciando mano libera ai tedeschi ad oriente. ma anche il fronte interno. il Belgio e il Lussemburgo e poco più di un mese dopo. Tale sconfitta segnò. si potesse giungere ad una composizione del conflitto. Hitler stabilì così di dare inizio all’operazione “leone marino” che prevedeva l’invasione dal mare dell’isola dopo che l’aviazione nazista avesse portato a termine la devastazione di tutte le difese costiere.

ministro dell’Economia. favorita sia dall’impreparazione dell’armata rossa sia dalle grandi pianure russe. con significative differenze di trattamento tra l’Europa occidentale e l’Europa orientale. ma le truppe tedesche non riuscirono a vincere prima dell’inverno russo. Kiev cadeva e il 2 ottobre cominciò l’attacco di Mosca. il 21 giugno 1941 iniziava l’aggressione al territorio sovietico: il progetto di Nuovo Ordine Europeo sembrava così realizzarsi compiutamente. In settembre Leningrado era attaccata dai cannoni nemici. I temi di questa campagna propagandistica cambiavano con il mutare delle vicende belliche: al momento della battaglia d’Inghilterra questa fu denunciata come affamatrice del continente. Inizialmente l’avanzata di Hitler procedette con enorme successo. La volontà di attaccare l’Unione sovietica era ormai evidente. Göbbels costruì intorno a questa formula un enorme apparato propagandistico cercando di sviluppare un’ideologia europeista del nazismo in cui il Reich avrebbe rivestito un ruolo centrale come portatore di ordine. al quale non erano preparate.5 Il Nuovo Ordine Europeo La parola d’ordine del Nuovo Ordine Europeo fu prima di tutto una mistificazione propagandistica per celare i veri obiettivi di conquista del Reich.Il Novecento 1. pur sempre in una situazione di vantaggio. La decimazione dei prigionieri di guerra sovietici fu perseguita capillarmente dai nazisti per colpire non soltanto i quadri dirigenti. 1. Infatti il grande spazio doveva significare soprattutto la penetrazione della potenza industriale e finanziaria della Germania all’interno delle strutture produttive e del sistema finanziario della periferia dell’Europa. In questa 57 Antonio Gambalonga . Walter Funk. ma infliggere anche una ferita profonda al paese. stipulato nell’agosto del 1939. aveva comunque piegato la Francia ed i contrasti tra il Reich e l’Urss emersero chiaramente a proposito dei Balcani e della Jugoslavia che Hitler invase. non avevano più l’assoluta supremazia. poco più di un anno dopo sembrava aver esaurito ogni ragion d’essere. esaltò soprattutto il progetto di autarchia continentale secondo cui l’economia del grande spazio non implicava solo la subordinazione dell’apparato produttivo del continente europeo in funzione della supremazia della Germania.4 L'invasione dell'Urss Il patto nazi-sovietico. I rovesci italiani in Grecia costrinsero i nazisti a posticipare questa mossa. incurante del patto di amicizia che il paese aveva stipulato con l’URSS. dopo l’invasione dell’Urss prevalse l’esaltazione della Germania come ultimo baluardo contro il bolscevismo. Intanto i sovietici avevano cominciato a riorganizzarsi ponendo le basi economiche. la Germania. un territorio che non presentava alcun ostacolo naturale. militari ed industriali per la riscossa. La resistenza sovietica divenne un mito per tutti coloro che speravano nel crollo dell’Asse ed il 1942 si apriva con i nazisti che. Circa 3 milioni di uomini e 10 mila carri armati furono mandati a combattere sul fronte orientale. nonostante non fosse riuscita a sconfiggere l’Inghilterra.

1 Una guerra mondiale La guerra in Africa L’Italia fascista. Le truppe italiane penetrarono nell’agosto del 1940 nel Sudan e nella Somalia inglese. In gennaio Rommel abbandonò la Libia. Dopo le vittorie inglesi della fine del 1940 le forze dell’Asse dirette da Rommel erano riuscite ad ottenere sostanziali successi che culminarono nella presa di Tobruk nel giugno 1942. Alla fine di agosto.Il Novecento parola d’ordine convergevano anche motivazioni razzistiche. Era un principio destinato a legittimare tale pretesa supremazia in tutti i campi e a giustificare l’antisemitismo e l’antislavismo e l’ostilità nei confronti di tutti i gruppi sociali od etnici considerati inferiori. mentre la situazione sul fronte etiopico non venne risollevata. geopolitiche e militariste che rappresentavano le diverse componenti dell’imperialismo nazista e in cui giocò un ruolo rilevante il principio della superiorità del popolo germanico in Europa. 2 2. Le sorti italiane vennero risollevate dai tedeschi che inviarono in aiuto gli Afrika Korps che respinsero gli inglesi dalla Cirenaica. in maggio le forze dell’Asse capitolarono anche in Tunisia. in settembre venne attaccato l’Egitto. dopo aver invaso l’Egitto. Il 12 novembre le truppe dell’Asse si impadronirono della Tunisia e il giorno successivo gli inglesi occuparono Tobruk. convinta che la battaglia d’Inghilterra sarebbe durata poco. Il mese successivo gli angloamericani sbarcarono in Marocco e in Algeria. L’Africa diventò così un teatro di guerra secondario: la guerra andava combattuta ancora in Europa e nel Pacifico. 58 Antonio Gambalonga . ma già il mese successivo le truppe inglesi passavano all’offensiva. In ottobre il generale inglese Montgomery lanciò un’offensiva contro le forze dell’Asse che ebbe il proprio centro ad El Alamein e che si concluse con la ritirata degli eserciti fascisti. non voleva rimanere esclusa e dunque Mussolini ordinò di attaccare gli inglesi in Africa. tedeschi ed italiani non erano lontani da Alessandria e la situazione diventava particolarmente complessa per gli inglesi i cui rifornimenti erano legati al controllo del canale di Suez.

Le affinità ideologiche tra le democrazie liberali spingevano gli Stati Uniti a schierarsi con Francia e Gran Bretagna. la distruzione di circa 150 velivoli e la perdita di più di 2. mettendo però al sicuro le portaerei. Roosevelt chiese agli americani una neutralità di fatto ma non di pensiero. prima esasperando il governo di Tokyo con l’embargo e poi lasciando indifesa la base di Pearl Harbor. Questa circostanza avrebbe alimentato voci. un fautore dell’intervento contro gli Stati Uniti. il presidente Franklin D. mai pienamente confermate. L’8 dicembre il Congresso approvò la dichiarazione di guerra al Giappone con un solo voto contrario.400 uomini. 2. vincendo le resistenze degli isolazionisti che temevano il riproporsi di quanto già accaduto nel 1917. Roosevelt indusse il Congresso a modificare più volte la legislazione sulla neutralità per dare il maggior contributo 59 Antonio Gambalonga . la flotta delle portaerei giapponesi attaccò massicciamente la base navale americana di Pearl Harbor nelle isole Hawaii. perché le portaerei statunitensi avevano lasciato Pearl Harbor pochi giorni prima. tra militari e civili. Roosevelt avesse provocato in modo deliberato l’attacco giapponese. In effetti lo sdegno degli americani per l’attacco a Pearl Harbor fu tale che anche gli avversari di Roosevelt acconsentirono a reagire con durezza. che il presidente americano Franklin D. l’incursione giapponese mancò il suo principale obiettivo.2 Pearl Harbor Dal luglio 1940 gli Stati Uniti estesero progressivamente l’embargo alle esportazioni di interesse militare verso il Giappone per ostacolare l’espansionismo di Tokyo in estremo oriente e difendere la Cina.Il Novecento 2. In due ore di bombardamenti la flotta statunitense subì l’affondamento o il grave danneggiamento di 19 navi. L’inclusione del petrolio tra i prodotti soggetti all’embargo (1 agosto 1941) portò il Giappone sull’orlo della guerra con gli Stati Uniti. Tuttavia. Tra il 1939 e il 1941.178. L’aggressione giapponese gli avrebbe così fornito un pretesto per soverchiare l’opposizione degli isolazionisti e far intervenire gli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale. ma il governo di Fumimaro Konoye cercò un ultimo compromesso con Washington. senza una dichiarazione di guerra formale. Il fallimento delle trattative portò alla caduta di Konoye e alla sua sostituzione con Hideki Tojo. Il 7 dicembre 1941.3 L'ingresso degli USA nella guerra Allo scoppio della seconda guerra mondiale. oltre al ferimento di altri 1.

L’iniziativa giapponese sottovalutava la capacità di mobilitazione politica e morale. con gravi perdite di vite americane. In effetti. e quindi militare. 2. Giunte a uno stallo le trattative. Questa politica comportava uno scontro con gli Stati Uniti che avevano sotto il loro controllo le Filippine e che non intendevano lasciare mano libera ai giapponesi in Asia orientale. Ovunque i nipponici compirono operazioni di sterminio contro le comunità cinesi e schiavizzarono la forza lavoro indigena. Germania e Giappone. firmatario del patto tripartito con Germania e Italia (luglio 1940). In un primo momento le forze nipponiche ottennero grandi successi occupando il 25 dicembre Hong Kong. Il giorno successivo. ma con l’apporto del loro immenso potenziale industriale e umano (misero complessivamente in campo 15 milioni di uomini) crearono le premesse per la sconfitta di Italia. Il rifiuto del Giappone di ritirarsi dalla Cina e degli Stati Uniti di sospendere gli aiuti a Chiang Kai-shek fece fallire i negoziati tra i due paesi e provocò l’attacco di sorpresa dell’aviazione nipponica alla base statunitense di Pearl Harbor il 7 dicembre 1941. degli Stati Uniti e dell’Inghilterra scesa subito in campo con loro. Dopo aver firmato con Italia e Giappone il patto tripartito nel 1940 e con l’URSS un patto di non aggressione nella primavera 1941. Il loro potere sull’Asia sudorientale durò però fino al 1945: le operazioni decisive della guerra con gli Stati Uniti si sarebbe svolte nell’oceano Pacifico. In difesa di Chiang Kaishek e degli interessi americani in Cina. Gli Stati Uniti entrarono nel conflitto mentre gli Alleati erano in gravi difficoltà. La sconfitta della Francia (giugno 1940) e un trattato di neutralità con l’URSS (aprile 1941) permisero al Giappone. in aprile le Indie olandesi e parte della Birmania. le corazzate e altre unità. in gennaio le Filippine.Il Novecento possibile allo sforzo bellico degli Alleati pur mantenendo il paese fuori dal conflitto. il Giappone prese una serie di iniziative politiche e militari che puntavano alle risorse dell’Asia sudorientale ritenute indispensabili per la continuazione della guerra in Cina. in febbraio la Malesia e Singapore. includendovi anche il petrolio che era indispensabile per la sua macchina da guerra. di espandersi verso l’Indocina e di accedere a materie prime per vincere la guerra con la Cina. ma lasciando intatte le portaerei. Roosevelt estese progressivamente l’embargo sulle forniture statunitensi di materiali d’interesse bellico per il Giappone. nei mesi successivi. 60 Antonio Gambalonga . all’alba del 7 dicembre 1941 attaccarono la flotta statunitense alla fonda a Pearl Harbor distruggendo. da tempo addestrate per questo.nota in Asia come “guerra dei 14 anni” – aveva trascinato il Giappone in un’avventura militare rivelatasi col tempo gravosa e priva di soluzione prevedibile. non furono le vicende europee ma gli avvenimenti del Pacifico a portare gli Stati Uniti in guerra. le forze aeronavali nipponiche. il Congresso constatò l’esistenza di uno stato di guerra con il Giappone.4 La guerra in Asia La guerra contro la Cina . a cui seguì la dichiarazione di guerra di Germania e Italia agli Stati Uniti in ottemperanza al patto tripartito.

perdette una serie di battaglie al largo delle Filippine. sempre meno provvista di carburante. firmata il 2 settembre nella baia di Tokyo. La marina giapponese.5 La battaglia del Pacifico La strategia degli Stati Uniti non contò. dove i giapponesi si difesero invano fino all’ultimo uomo: dall’isola conquistata. ma dall’ottobre del 1942 il generale 61 Antonio Gambalonga . nel corso del 1942. capitolò. guidate da Rommel erano riuscite ad ottenere successi sostanziali. poi Kwalajen e Eniwetok e nel luglio 1944 Saipan nelle Marianne. Il 1942 si era concluso con una dura sconfitta dell’Asse anche in Africa settentrionale. molti altri morirono per povertà. forzosamente sottomessa al Giappone nel 1879 e combatterono per tre mesi una battaglia terribile nella quale i giapponesi persero 110 mila militari e 70 mila “indigeni” usati come scudi umani. In novembre i sovietici avevano iniziato una controffensiva che si concluse con la prima grande sconfitta subita dai nazisti nel corso della guerra: nel febbraio del 1943 il maresciallo von Paulus. quando si era ormai delineato con chiarezza il fallimento della “guerra lampo”. 2. i giapponesi dovettero evacuare con gravi perdite Guadalcanal nel febbraio 1943. Nell’aprile 1945 gli Stati Uniti sbarcarono a Okinawa. riconquistate dagli americani dopo l’autunno 1944.6 La svolta del 1942: le sconfitte tedesche Dopo le rapide vittorie naziste che avevano caratterizzato i primi anni del conflitto. Il 14 agosto Hirohito annunciava la resa. sulla resistenza dell’Asia. Quest’esperienza indusse gli Stati Uniti a chiedere l’intervento dell’URSS (avvenuto l’8 agosto e concluso con la conquista della Manciuria) e a decidere l’uso delle atomiche su Hiroshima il 6 agosto e Nagasaki il 9. gli Stati Uniti poterono intraprendere sistematicamente i bombardamenti sul Giappone distruggendone tutte le città eccetto Kyoto. In novembre gli americani occuparono Tarawa.Il Novecento 2. occupando molti arcipelaghi e spingendosi fino a Guadalcanal e al mar dei Coralli. Per cause di guerra il Giappone perse 2 milioni e mezzo di militari e 700 mila civili. Anche nel Pacifico all’inizio i giapponesi ottennero importanti successi. per battere il Giappone. ma sulla propria superiorità economica e quindi militare. dopo mesi di assedio a Stalingrado. Tra il 4 e il 6 giugno 1942 la marina americana otteneva la prima vittoria nella battaglia delle Midway. gli equilibri cominciarono a mutare in favore degli alleati. Qui le forze dell’Asse. gli americani 12 mila morti e 30 mila feriti.

Il fallimento della battaglia d’Inghilterra e le numerose perdite sul fronte orientale già a partire dalla fine del 1941. che aveva ottenuto rinforzi decisivi. Roosevelt e Churchill si erano incontrati ed avevano reso nota una dichiarazione passata alla storia come “Carta atlantica” in cui fissavano i termini di una nuova ricostruzione mondiale. 62 Antonio Gambalonga . A Teheran. nel settore balcanico. nel mese successivo. 2. non temendo più un isolamento troppo radicale.Il Novecento inglese Montgomery. Stalin stabilì anche si sciogliere l’Internazionale comunista (maggio 1943). una volta che la guerra fosse finita. Si affermava infatti che si intendeva contrapporre una guerra antifascista come guerra democratica al fascismo e al suo Nuovo Ordine Europeo. si svolse un incontro fondamentale nel corso del quale Churchill fu costretto a riconoscere che ad USA ed URSS spettava ormai il ruolo centrale nella conduzione del conflitto e dovette accettare le pressioni di Stalin e Roosvelt a proposito del secondo fronte in Francia e non. per riparare sulla testa di ponte in Tunisia. L’URSS era ormai diventata una superpotenza al pari degli Stati Uniti e. Si affermava già di non aspirare ad alcun allargamento territoriale e di voler rispettare. che cominciarono a ritirarsi dall’Egitto e successivamente dalla Libia. Intanto gli americani sbarcarono in Marocco ed in Algeria al comando del generale Eisenhower. la volontà di tutti i popoli. disarmo generale. La svolta nell’attuazione della soluzione finale e il rafforzamento da parte del governo nazista dei legami con le organizzazioni fasciste e collaborazioniste costituivano concreti segnali che il Reich era consapevole di un progressivo peggioramento della propria posizione.7 La guerra degli alleati: Casablanca e Teheran La tendenza degli Usa dopo il primo anno di guerra era sempre più chiaramente quella di uscire dall’isolazionismo. come aveva sperato. Il presidente americano voleva in tal modo dimostrare di essere il continuatore della politica di Wilson e che il suo paese avrebbe presto assunto il comando della guerra antinazista. ma furono solo queste significative vittorie che dettero all’opinione pubblica mondiale la sensazione che i rapporti di forza stavano davvero cambiando. Churchill e Stalin fecero sapere che avrebbero preteso la resa incondizionata del nemico e nell’ottobre dello stesso anno resero noti i loro propositi di massima per il dopoguerra: cooperazione internazionale. Nell’agosto 1941. avevano posto le basi per un cambiamento degli equilibri. punizione per i crimini di guerra. lanciò una controffensiva generale che culminò con la sconfitta dei tedeschi e degli italiani ad El Alamein (3-4 novembre). Nell’estate del 1942 ebbe anche inizio l’arresto dell’espansione giapponese. senza alcuna aspirazione a prevaricare quelli più piccoli. Nel corso della conferenza di Casablanca (gennaio 1943) Roosvelt.

nell’aprile del 1941. Il 28 ottobre 1940. che era la vera ragione di tali incertezze. l’Italia era costretta in una posizione nettamente difensiva anche rispetto alle pressioni tedesche miranti ad ottenere una più decisa precisazione delle sue posizioni e soprattutto ad impedire lo sviluppo di iniziative.1 L'Italia in guerra Dalla non belligeranza alla sconfitta della Francia Allo scoppio della guerra l’Italia era vincolata alla Germania dall’alleanza del Patto d’acciaio e dichiarò la “non belligeranza”. pur che fosse breve. con l’appoggio dell’Italia. Dopo le grandi vittorie tedesche dell’inverno del ‘39 e del maggio-giugno 1940. Questo fallimento legò ancora più indissolubilmente le sorti italiane a quelle tedesche: fu infatti soltanto l’intervento dell’esercito tedesco.Il Novecento 3 3. sia per l’impreparazione italiana che per l’inaspettata capacità di resistenza dimostrata dai greci. La decisione di entrare in guerra. sconfitta. attaccarono anche la Jugoslavia che fu ben presto sconfitta e spartita fra i due alleati in modo che comunque fosse ribadita la supremazia tedesca. che avrebbero potuto sbarrare la strada all’espansionismo tedesco in quel settore. oltre ad intervenire in Grecia. Il paese era stretto da esigenze contraddittorie: sul piano politico generale la formula della non belligeranza serviva a coprire le incertezze che dividevano la componente del regime fascista più favorevole all’immediato intervento a favore della Germania dai fautori di un atteggiamento di prudenza. Mussolini stabilì che era giunto il momento opportuno e così anche l’Italia dichiarò guerra a Francia ed Inghilterra il 10 giugno. confidando nell’imminente vittoria nazista sull’Inghilterra. Cominciò così a concretizzarsi l’aspirazione dell’imperialismo italiano ad allargare il dominio nei Balcani. non era dunque totalmente neutrale. I nazisti. quando la Germania si apprestò ad occupare la Francia.2 La “guerra parallela” Il fallimento della battaglia d’Inghilterra fece ben presto tramontare la prospettiva di una guerra lampo e così l’Italia si orientò verso una “guerra parallela” che servisse in qualche modo anche a puntualizzare i suoi obiettivi di guerra. Ma quella che doveva essere una campagna militare di poche settimane si rivelò invece un fallimento assoluto. Non volendo riconoscere pubblicamente l’impreparazione militare del paese. Mussolini 63 Antonio Gambalonga . fu costretta a chiedere l’armistizio anche all’Italia. l’Italia dichiarò guerra alla Grecia. in particolare nei Balcani. 3. che consentì di sbloccare la situazione. La Francia. nell’anniversario della marcia su Roma. ma la tardiva offensiva italiana sulle Alpi occidentali e i molti morti per congelamento furono la prova più chiara dell’impreparazione militare del regime fascista. ma non aderiva apertamente al conflitto scatenato dall’alleato. fu subordinata alla necessità di attendere che l’esercito nazista avesse già inferto il colpo decisivo all’esercito nemico. Intanto anche sul fronte africano l’Italia era in difficoltà.

Contemporaneamente però. senza nessuna dichiarazione preliminare. L’Italia si trovava ora spaccata in due: gli alleati. Le forze conservatrici e la monarchia tentarono così di dissociare le loro sorti da quelle di Mussolini. Per sottolineare la rottura col passato. esso era anzi fortemente dipendente dalla volontà dell’occupante nazista. il partito fascista si proclamò "repubblicano" e il regime "Repubblica sociale italiana" (Rsi). 3. Migliaia di soldati furono prontamente arrestati dai tedeschi e fatti prigionieri. I comandi dell’esercito si trovarono completamente impreparati. come la divisione "Aqui" che si trovava sull’isola greca di Cefalonia e che venne trucidata. Non per questo la guerra finì. ma anche qui fu solo l’intervento di Rommel che rese possibile respingere l’offensiva inglese dalla Cirenaica.Il Novecento attaccò gli inglesi in Africa. il re e Badoglio a sud di Napoli e i nazisti che occuparono il resto della penisola dividendola in tre zone di operazioni. L’ingresso dell’Italia in guerra si concretizzò dunque in una serie di insuccessi militari e in una crescita della subordinazione alla Germania. Badoglio dichiarò la firma dell’armistizio e fuggì con il re a Brindisi dove stavano sbarcando truppe angloamericane. dopo l'approvazione dell'ordine del giorno Grandi da parte del Gran Consiglio.3 La crisi del regime: dal 25 luglio 1943 all'occupazione nazista I rovesci militari. Il 25 luglio 1943. Badoglio dichiarò infatti che la guerra sarebbe continuata. la disastrosa partecipazione italiana alla guerra contro l’Urss. in tutta segretezza. 3. arrivò fino a Roma in pochi giorni. Per tutti coloro che si trovavano a nord di Roma aveva adesso inizio la fase più tragica e cruenta della guerra. alcuni si rifiutarono di consegnare le armi. l’intera struttura dello Stato era allo sbando. L’aggettivo “sociale” rimandava ad un velleitario proposito che 64 Antonio Gambalonga . la cui liquidazione fu accelerata dallo sbarco degli Alleati in Sicilia.4 La Repubblica di Salò e il Regno del Sud Poco dopo l’occupazione nazista dell’Italia centro settentrionale Mussolini venne liberato dai tedeschi. In realtà non si trattava di un governo autonomo. mentre nell’aprile del 1941 Addis Abeba fu occupata dagli inglesi. i cittadini abbandonati a loro stessi. Mussolini venne destituito dal re e arrestato. Il comando supremo nazista. egli stava predisponendo il mutamento di alleanze sperando che i vecchi avversari fossero disponibili ad occupare in forze la penisola garantendo così un trapasso istituzionale abbastanza indolore. Ancor più gravida di conseguenze negative fu la scelta di partecipare all’aggressione dell’URSS: furono mandati a combattere sul fronte orientale centinaia di migliaia di uomini completamente impreparati che furono decimati non soltanto dalle offensive russe. ma anche dal freddo. pronto ad affrontare questa emergenza. L’8 settembre. la crescente frattura del fronte interno e le prime clamorose manifestazioni di distacco del paese dal regime fascista – culminate negli scioperi operai del marzo 1943 – furono dimostrazioni concrete che la situazione del paese stava profondamente mutando.

ma. Dopo la liberazione di Roma. 4 4. convinto che essa avrebbe costretto Hitler a battersi su due fronti e dunque a non concentrarsi più soltanto sul quello orientale. dopo che l’URSS ebbe riconosciuto in marzo il governo Badoglio e Togliatti ebbe dichiarato che era prioritario realizzare l’unità nazionale per combattere il fascismo. tentando di dar corso concretamente a questa pretesa svolta. Essi. L’attacco alla “fortezza Europa” ebbe inizio il 6 giugno 1944 con lo sbarco alleato in Normandia che da un punto di vista tecnico comportò una concentrazione di uomini e mezzi senza precedenti. Il governo monarchico dichiarò guerra alla Germania nell’ottobre del 1943. e Badoglio si dimise. luogotenente del regno. come emerse nel corso del congresso di Bari svoltosi nel gennaio del 1944. Nel gennaio del 1944 il governo neofascista. varò una serie di misure di “socializzazione” rispetto ad alcuni settori produttivi. Intanto veniva anche effettuata la ricostruzione delle forze armate. I contrasti che sorsero fra gli alleati a proposito dei tempi e dei modi che avrebbero dovuto caratterizzare il secondo fronte anticipano in qualche misura i motivi della guerra fredda. giocarono a loro favore anche il fattore sorpresa e le incertezza tattiche del comando tedesco. erano in maggioranza ostili alla monarchia. i partiti antifascisti dettero così vita al governo Bonomi.Il Novecento voleva rievocare le origini del fascismo. La superiorità numerica degli alleati era accresciuta anche dalla maggiore efficienza combattiva. I successi dei primi giorni furono determinanti perché consentirono di creare ed alimentare costantemente con nuove forze la testa di ponte che era stata 65 Antonio Gambalonga . ma fallì il progetto di Mussolini di poter in una qualche misura contribuire a determinare le sorti del conflitto. ma si trattava di un’iniziativa di pura facciata. si stabilì di rimandare alla fine della guerra la decisione sulla forma dello Stato. dalla superiorità dell’equipaggiamento e dell’armamento. nel giugno del 1944 il re trasferì i poteri al figlio Umberto.1 La fine della guerra Lo sbarco in Normandia e la fine della guerra in Europa L’apertura di un secondo fronte in Europa era una richiesta che Stalin aveva cominciato ad avanzare poco dopo l’aggressione nazista all’URSS. I partiti antifascisti si andavano riorganizzando.

consentendo nel complesso un risparmio di vite umane. Il 14 agosto il Giappone si arrese. La guerra in Europa era finita. Alcuni scienziati che avevano partecipato al “Progetto Manhattan” avrebbero preferito un’azione dimostrativa in un’area deserta. La prima bomba atomica venne sganciata su Hiroshima il 6 agosto in seguito al rifiuto del governo di Tokyo di ottemperare all’ultimatum degli Alleati per la resa entro il 3 agosto pena la “distruzione immediata e totale”. che avrebbero potuto anche non funzionare. sede di importanti cantieri navali. La preferenza per obiettivi militari anziché civili indusse a selezionare come bersagli Hiroshima. Tre giorni dopo. La consapevolezza del potenziale distruttivo della bomba atomica suscitò un dibattito riguardo al suo uso all’interno dell’amministrazione del presidente Harry S. Soprattutto i consiglieri di Truman ritennero che tale impiego avrebbe accelerato la conclusione della guerra col Giappone. di uccidere Hitler per prendere in mano la guida politica del paese. uno dei principali centri dell’industria bellica e quartier generale della seconda armata giapponese. fu colpita anche Nagasaki. Più di 60. Il 25 aprile le truppe americane e sovietiche si incontrarono sull’Elba e il 7 maggio la Germania firmò la capitolazione senza condizioni. L’Italia firmò l’armistizio l’8 settembre 1943 e la Repubblica di Salò non era certo in grado di dare un concreto contributo alle sorti della guerra. a poche ore dalla dichiarazione di guerra dell’URSS al Giappone. Su tutti i fronti gli Alleati bloccarono e respinsero l’avanzata nazista.Il Novecento creata. Intanto sugli altri fronti si accentuava il rovesciamento delle sorti della guerra e dunque la sconfitta dell’Asse. oltre a dimostrare all’alleato sovietico la superiorità bellica degli Stati Uniti in previsione dell’insorgere di sempre più probabili contrasti con l’URSS nel dopoguerra. oltre 36.000 persone vennero uccise a Hiroshima. Anche il fronte interno in Germania cominciò a cedere e nell’estate del 1944 un gruppo di militari e conservatori cercò. Finiva la seconda guerra mondiale e iniziava l’era atomica. senza riuscirsi. fece però optare per l’uso militare delle bombe. Truman. 4. La disponibilità di due soli ordigni. Molte altre migliaia morirono successivamente per le radiazioni. 66 Antonio Gambalonga .000 a Nagasaki. e Nagasaki.2 Hiroshima e Nagasaki Il successo del “Progetto Manhattan” mise un’arma micidiale a disposizione degli Stati Uniti. in aggiunta a quello già esploso ad Alamogordo.

grazie ai suoi continui successi. nel corso dei primi due anni di guerra. la capacità lavorativa. le risorse su cui ciascun paese poteva contare diventarono fondamentali per garantirsi la vittoria. imponendo loro la subordinazione al Reich e vincoli economici volti a creare una subordinazione sempre più netta. soprattutto con i bombardamenti. La Germania aveva. nelle rotte di navigazioni e sulle reti dei trasporti terrestri. del progresso tecnologico (dal radar alla bomba atomica) che già avevano caratterizzato la prima guerra mondiale contraddistinsero questo conflitto in modo ancora più radicale. La totale mobilitazione delle risorse umane e tecnologiche al servizio della guerra.Il Novecento LA SECONDA GUERRA MONDIALE Approfondimenti 1 Il fronte interno La seconda guerra mondiale non fu combattuta solo sui fronti della guerra guerreggiata. per offrire una giustificazione ai militari ed ancor più ai civili coinvolti nello sforzo bellico. riuscì ad imporre il proprio controllo su numerosi territori. nelle città. passando nei territori di numerosissimi Stati che furono spesso completamente invasi e occupati da armate nemiche. non soltanto determinò una mobilitazione industriale senza precedenti. al momento dello scatenamento del conflitto. con 67 Antonio Gambalonga . nei grandi centri industriali. Nel corso del 1942 e 1943. un grande arsenale militare. Con il prospettarsi di una guerra ad usura. Questa fu una delle novità principali che sconvolse il fronte interno. ma coinvolse intere popolazioni. 2 La mobilitazione industriale Nel corso della guerra la vita economica di ogni paese coinvolto nel conflitto fu interamente mobilitata per le esigenze belliche: lo sviluppo dell’industria di guerra. ma indusse tutte le potenze belligeranti a dare un’importanza enorme al ruolo della propaganda. sfollando nelle campagne nella speranza che esse fossero meno colpite dalle bombe. la tenuta di energia. promossa da entrambi gli schieramenti. come accadde nel corso del primo conflitto mondiale. si arrivò a coinvolgere tutta la popolazione nel conflitto. chi poteva cercava di allontanarsi dalle città. decine di migliaia di persone assistettero quotidianamente con assoluta impotenza alla distruzione che arrivava dal cielo. Alla guerra contro gli obiettivi militari si sostituì la guerra contro le popolazioni con il preciso scopo di infrangerne la resistenza morale e psicologica. dietro la parola d’ordine del Nuovo Ordine Europeo. La distruzione arrivò ben oltre le retrovie. a farne mercato di sbocco per la sua espansione e una fonte di rifornimento alimentare. Le cifre delle distruzioni sono chiare: sono morti tanti civili quanti militari e questo dimostra appunto come.

Il fallimento dell’operazione “leone marino” e la decisione di Hitler di rimandarne il compimento per attaccare l’URSS furono la prima prova che la fase della “guerra lampo” era finita. irrompendo da più parti con l’appoggio dell’aeronautica. ma che si sarebbe anche dimostrata in grado di gestire la mobilitazione industriale. ma fu anche una dilatazione degli strumenti 68 Antonio Gambalonga . Gli Stati Uniti. avanzate e retrocessioni. e lo schema operativo era fondato essenzialmente sull’impiego simultaneo di una forte concentrazione di forze corazzate che. Gli Alleati. si arenò al sopraggiungere dell’inverno russo cui le truppe tedesche non erano preparate. erano riusciti a mettere in funzione migliaia di fabbriche trasferite nei territori orientali ed erano in condizione di produrre la quasi totalità dei loro armamenti. nella certezza che anche in quel caso si sarebbe trattato di una breve campagna. ma anche del cinema. cominciata con rapidi successi. si passò infatti ad una serie di scontri e di battaglie che si protrassero per mesi con un’alternanza di vittorie e sconfitte. di motivare il fronte interno e di non fiaccarne troppo le capacità di resistenza. furono invece in grado di migliorare nettamente la loro situazione. Anche i mesi successivi sembrarono confermare che era possibile per i nazisti conseguire una rapida vittoria: la Francia venne sconfitta in un mese e si stabilì così di attaccare l’Inghilterra. dopo aver cominciato dal 1940 ad inviare aiuti sempre più consistenti all’Inghilterra. conquistato senza temere reazioni. in particolare della radio. convinse Hitler che era ancora possibile indurre le potenza occidentali ad accettare un compromesso ed eludere il rischio di uno scontro armato di notevoli dimensioni. Sarebbe riuscita a trionfare la coalizione non soltanto militarmente più capace. 4 La propaganda Un uso più massiccio della propaganda rispetto alla prima guerra mondiale fu certo il risultato del perfezionamento tecnico e della diffusione a livello di normale consumo di massa di alcuni strumenti. tutto questo sistema entrò progressivamente in crisi ed inoltre la Germania era quotidianamente colpita dai bombardamenti alleati che miravano i prima di tutto alle sue industrie. Il rapido trionfo. avvenuto nel corso degli anni Trenta. 3 Dalla guerra lampo alla guerra ad usura La guerra contro la Polonia fu condotta come “guerra lampo”: le truppe tedesche varcarono il confine senza dichiarazione di guerra. Anche in Africa le operazioni non procedevano con la velocità che si era sperata. La Gran Bretagna continuò a produrre soprattutto buoni materiali e aerei. I sovietici. nel corso del 1943. La campagna di Russia. Il conflitto cambiò allora completamente natura.Il Novecento il mutare degli equilibri bellici. dovevano convergere verso il cuore della Polonia. entrati nel conflitto in una situazione di inferiorità. avevano sviluppato una produzione di proporzioni gigantesche.

Il Novecento propagandistici già sfruttati dal regime nazista e fascista. La contrapposizione frontale tra fascismo e antifascismo, tra fascismo e democrazia - che aveva fatto la sua prima comparsa nel corso della guerra civile spagnola - contribuì a conferire al conflitto un’enorme carica ideologica che, al di là della pura giustapposizione propagandistica, con il suo carattere di assoluta negazione dell’avversario e la sollecitazione di un’adesione alle ragioni della propria parte, poggiava in buona misura sulle suggestioni della propaganda. Tali suggestioni erano talvolta accettate nel quadro della disciplina di guerra, talaltra sfruttate per il valore che potevano avere tra le armi morali della resistenza contro l’oppressione dei popoli occupati, ora imposte in modo mistificatorio nel tentativo di galvanizzare le ultime energie verso una vittoria diventata ormai impossibile e di deviare verso un nemico reale, o più spesso ipotetico, le insoddisfazioni dell’opinione pubblica onde impedirne l’esplosione contro il proprio regime interno. Questo processo di ideologizzazione comportò anche la maturazione politica delle grandi masse coinvolte nella guerra; senza questa componente non sarebbero neanche nati i movimenti di resistenza.

5

Il Vaticano

La Santa Sede, in linea con la tradizione, si propose fin dall’inizio di seguire nel corso di tutta la guerra la linea dell’assoluta imparzialità; era una condizione indispensabile, secondo i suoi intendimenti, per porla in grado di svolgere efficacemente nei confronti di tutti i paesi un’azione pacificatrice. Dopo lo scoppio della guerra la Santa Sede non prese quindi posizione a favore di nessuno dei due schieramenti, anche se maggior biasimo era chiaramente percepibile verso l’aggressione russa alla Polonia che non verso quella tedesca. Tale diverso atteggiamento era espressione della rinnovata preoccupazione del Vaticano rispetto all’espansione del comunismo che condizionò pesantemente il suo atteggiamento durante tutto il conflitto. Senza mai prendere posizione esplicita, era comunque chiaro che il Vaticano era favorevole ad ostacolare in ogni modo l’avanzata sovietica nel continente. A partire dal 1942 però, in concomitanza con i primi segni di una modifica della situazione militare a favore degli alleati, si verificò una cautissima tendenza ad un progressivo distacco dalla Germania nazista ed all’allineamento con gli Stati Uniti. A partire circa dall’estate del 1944, tale tendenza comportò da parte del Vaticano un tenace sforzo per condizionare in senso anticomunista la politica della grande potenza americana anche se, fino all’ultimo, la Santa Sede si dimostrò fautrice di una pace separata della Germania con gli alleati anglo-americani che non annientasse la nazione tedesca. La conseguenza più grave di questa posizione fu il silenzio del Vaticano sullo sterminio degli ebrei, sul quale si avevano informazioni precise. Enorme fu invece l’attività dispiegata dalla Santa Sede, anche con il sostegno finanziario di governi ed associazioni, per assistere le

69

Antonio Gambalonga

Il Novecento popolazioni colpite dalla guerra; particolarmente intensa fu poi l’attività per avere notizie su prigionieri e dispersi.

6
6.1

La distruzione degli ebrei d'Europa
La Shoah

Con lo scoppio della guerra anche la persecuzione degli ebrei cambiò; era ormai tramontata ogni ipotesi di deportazione coatta di massa fuori dai confini europei. Non si sa con precisione quando sia stata presa la decisione di procedere ad uno sterminio sistematico, comunque al momento dell’aggressione all’URSS, nel giugno del 1941, nel quadro della pianificazione dello “spazio vitale” all’Est e dell’imbarbarimento estremo dei metodi di lotta che questo implicava, la prospettiva della liquidazione fisica totale degli ebrei era ormai certa. Nel corso della trionfale avanzata nazista verso est, centinaia di ebrei furono sterminati sul luogo, vittime di esecuzioni sommarie. Tra la primavera e l’estate del 1942 furono allestiti e cominciarono a funzionare i campi di sterminio. Alla conferenza di Wannsee del 20 gennaio 1942, cui parteciparono i più stretti collaboratori di Himmler, venne elaborata una mappa di tutti gli ebrei presenti in Europa che si intendeva sterminare: si trattava di 11 milioni di persone. La Shoah è certamente stata una delle più grandi tragedie di questo secolo: lo sterminio perfettamente e scientemente pianificato di 6 milioni di uomini, donne, bambini, anziani uccisi in nome della necessità storica dell’assoluto predominio della “razza ariana”. Se nessuno poteva avere conoscenza delle dimensioni di quanto stava accadendo, molti potevano avere notizie almeno parziali: dal 1942 erano certamente informati sia i governi Alleati che il Vaticano, ma tutti tacquero; in quel momento sembrava assai più importante concludere la guerra e la sorte degli ebrei non costituiva una ragione sufficiente per abbandonare questa priorità.

70

Antonio Gambalonga

Il Novecento

6.2

La soluzione finale all'est

Subito dopo l’aggressione all’Urss, la persecuzione degli ebrei nei territori che i nazisti venivano via via conquistando conobbe una rapida e tragica accelerazione. 71 Antonio Gambalonga

vennero inoltre reclutate sul posto unità di polizia locale tra gli oriundi dei paesi baltici e dell’Ucraina. In Italia si cominciò subito dopo l’8 settembre 1943. la questione ebraica. 6. che avevano il compito di spostarsi al seguito delle truppe regolari e di fucilare sul posto tutti i quadri del partito comunista sovietico e gli ebrei che vivevano nei territori conquistati. Nel maggio del 1941 le autorità militari e la RSHA si accordarono per costruire squadre mobili speciali. in quello stesso periodo cominciava la “purificazione” dei territori della Slovacchia. bruciate vive. All’arrivo le vittime 72 Antonio Gambalonga . che fino a quel momento non si erano distinti per particolare aggressività o violenza. per accelerare i ritmi dello sterminio. vi erano anche tanti “uomini comuni”.3 Le deportazioni I massacri che caratterizzarono la soluzione finale ad Est procedevano però troppo a rilento. Si calcola che tra il giugno del 1941 ed il gennaio del 1942 furono fucilate circa 800. molti fra gli anziani ed i bambini morivano nel corso di questi viaggi e venivano abbandonati lungo il percorso. Dall’autunno del 1941. dopo viaggi di giorni e giorni nel corso dei quali i prigionieri erano stipati in carri bestiame. Norvegia. cominciarono ad essere utilizzati i gas di scappamento dei camion dirigendoli all’interno del veicolo. senza nessuna libertà di azione e di spostamento. gli ebrei della Croazia. una volta per sempre.000 uomini. La fase culminante delle deportazioni si verificò tra la primavera e l’estate del 1942. poi Olanda. come avvenne a Minsk. Intanto però si stabiliva di procedere allo sterminio completo e la deportazione degli ebrei verso i campi di sterminio seguì uno schema preciso. con le razioni ridotte al minimo. alla polizia segreta e a formazioni speciali. né aria. che furono una vera e propria anticamera di morte: si viveva ammassati. senza spazio per muoversi. Da tutta Europa i convogli dei deportati giungevano verso i campi della morte. Accanto dunque a molti militari di carriera e di volontari appartenenti a gruppi speciali. Seguirono.Il Novecento L’operazione mirava alla conquista di uno “spazio vitale” ad est e a risolvere. in un tragicamente preciso progetto a raggiera. senza cibo. per l’eliminazione di tutti gli ebrei d’Europa era necessario procedere in modo più sistematico ed efficiente. rudimentale forma di camera a gas che avrebbe trovato ben presto la sua più radicale utilizzazione nei campi di sterminio.000 persone: uccise nei boschi dopo essere state costrette a scavarsi le fosse. ma che pur potendo rifiutare di eseguire gli ordini lo fecero assai raramente e obbedirono ai superiori. Si cominciò con la Polonia: i ghetti vennero quasi completamente svuotati nel corso dell’estate del 1942. Dalla primavera del 1942 cominciarono anche le deportazioni dall’Europa occidentale: dalla Francia in marzo. si trattava di una prima. Belgio. Vennero organizzati quattro reparti speciali (Einsatzgruppen) formati da 3. La maggior parte di loro apparteneva alla polizia. della Serbia della Bulgaria e della Grecia. annegate come accadde sulle rive del Mar Nero. Nell’ottobre del 1941 venne vietata l’emigrazione degli ebrei dal Reich e per coloro che ancora vi si trovavano cominciarono le deportazioni verso i grandi ghetti allestiti ad est.

per una qualsiasi ragione. Dal 1938 venne aggiunta la generica e ampia categoria degli “a-sociali”: in sostanza tutti coloro il cui comportamento. i maltrattamenti. la brutalità. Nel corso del 1942 la funzione dei campi subì una nuova svolta: la loro gestione fu trasferita alle dipendenze dell’amministrazione economica delle SS che si occuparono di organizzare il lavoro forzato della manodopera detenuta. Molti morirono in questi campi per la fame. pur con profonde modificazioni nel corso degli anni. caratterizzò il Reich nazista fin dal 1933. Dopo la “notte di cristalli” cominciarono ad esservi deportati anche numerosi ebrei. la sofferenza ed i lavori forzati erano l’anticamera della morte. Fino al 1938 furono inviati nei numerosi campi di concentramento attivi in tutto il territorio tedesco soprattutto gli oppositori politici del regime. Il numero tatuato sul braccio di tutti gli internati era il primo simbolo di una spersonalizzazione che veniva perseguita con meticolosa attenzione in ogni attimo della giornata: lo spazio ed il tempo perdevano ogni connotazione tradizionale e la fame. si salvavano solo coloro che erano considerati capaci di poter ancora lavorare per il Reich. ecc. fu parte integrante della sua natura. La guerra segnò. In quello stesso anno vennero ampliati i poteri della Gestapo e fu introdotto il lavoro forzato.Il Novecento venivano selezionate. anche in questo caso. In territorio polacco vennero allestiti campi di sterminio. 6. pensati unicamente per procedere all’eliminazione rapida ed efficiente di tutti coloro che arrivavano da tutta l’Europa. le torture.). zingari. per gli altri c’era la morte immediata. una netta svolta: il sistema concentrazionario fu esteso anche ai territori occupati e furono mutate le funzioni stesse dei Lager. contrastava con i modelli del regime (omosessuali.4 Campi di concentramento e campi di sterminio Il sistema concentrazionario. 73 Antonio Gambalonga .

d’azione. il giorno della firma dell’armistizio. Essa ebbe inizio ad opera di gruppi.1 L'Europa fra collaborazionismo e resistenza Le resistenze europee La resistenza contro l’occupante fu un fatto europeo. straniero o nazionale che fosse.2 La resistenza italiana La resistenza armata iniziò in Italia l’8 settembre 1943. personale addestrato e la sua arma principale era la mobilità. La loro guerra era una battaglia politica e insieme una lotta militare. vi parteciparono tutti gli strati sociali. Questo immenso potenziale di uomini e di impegno fu utilizzato dagli alleati. ma con una certa diffidenza. democratico cristiano). che si davano alla guerriglia e la durata ed il vigore della loro azione dipendeva anche dal concorso che ricevevano dalla popolazione poiché non avrebbero potuto sopravvivere alla sua ostilità. era ideologica quanto patriottica e dunque si rivolgeva tanto contro gli occupanti tanto contro i collaborazionisti e fu dunque anche una guerra civile. Coloro che presero parte attiva alla Resistenza. contadini e piccoli 74 Antonio Gambalonga . in Polonia. Gli eserciti di resistenti erano spesso poveri. democratico del lavoro. La Resistenza poté allora costituire un vero fronte come in Jugoslavia e nell’URSS. in particolari operai. privi di armi. denaro. Vi confluirono le forze antifasciste che da anni lottavano contro il regime fascista e che stabilirono le linee programmatiche della lotta. o sollevare una notevole parte della popolazione come in Francia. Soprattutto in alcune zone poté contare su un notevole appoggio della popolazione civile.Il Novecento 7 7. in Italia. Si formarono vari Comitati di liberazione provinciali e regionali che coordinarono i vari partiti (comunista. ma non si trovò mai ad essere unificata e nemmeno coordinata. socialista. 7. La Resistenza operò soprattutto in montagna ma anche in città e nelle campagne. essendosi manifestata in tutti i territori occupati. e forze antifasciste più recenti: giovani delusi dal regime e stanchi di combattere. erano mossi da un duplice sentimento: il patriottismo e l’odio per il fascismo. La lotta armata fu la forma di lotta che caratterizzò appunto la resistenza armata che si suole contrapporre alla resistenza civile. pur con le specifiche e caratterizzanti differenze dovute alle diverse condizioni politiche e di lotta nei singoli paesi. La lotta della Resistenza fu una guerra implacabile che al terrore eretto dall’occupante a sistema di governo rispose con il terrore dei partigiani. in Francia ed in URSS.

il loro gruppo aveva ampie ramificazioni nel paese. Nonostante questo. Interpreti di queste esigenze furono soprattutto le formazioni partigiane comuniste. Essi avevano cominciato dalla primavera del 1942 un’attiva opera di informazione e di protesta facendo circolare volantini nei quali sottolineavano l’esigenza di una riforma interiore come premessa per la salvezza della Germania. mentre si consumava la tragedia tedesca a Stalingrado.3 La resistenza in Germania Nel corso della guerra il sistema repressivo nazista divenne ancora più rigido. Dalla fine del 1942. In quegli stessi mesi era stata distrutta l’organizzazione clandestina “orchestra rossa” di orientamento filocomunsita. Il governo di Roma voleva in tal modo tenere sotto controllo il movimento partigiano per impedire che ne potesse scaturire una forza politica alternativa a quella che si stava faticosamente ricostituendo al Sud. vennero sottoposte ad un comando militare supremo con a capo il generale dell’Esercito regolare Raffaele Cadorna.Il Novecento borghesi convinti che la lotta armata contro il fascismo dovesse essere preludio a una più profonda trasformazione sociale. vi furono anche gruppi che si organizzarono nel tentativo di dare una finalità concreta al loro rifiuto del nazismo. Tra questi gli studenti che gravitavano a Monaco introno alla cerchia della “rosa bianca” animata dai fratelli Hans e Sophie Scholl e da altri. Arrestati nel ‘43. da socialisti e da militari arrivò ad attentare. superando dunque l’atteggiamento della sola critica interna. rispettivamente comunista ed azionista. a testimonianza della presenza di un potenziale di opposizione destinato a crescere con l’aggravarsi della situazione bellica. alla vita di Hitler nel 75 Antonio Gambalonga . socialiste e azioniste. per mano di von Stauffenberg. trasformatesi intanto nel Corpo dei volontari per la libertà. Le forze partigiane. affiancato dai vicecomandanti Longo e Parri. 7. di manifestazioni di varia natura di resistenza civile. tutti legati al mondo cattolico e mossi da profonde istanze religiose. A Milano si creò il Comitato di Liberazione Nazionale dell’Alta Italia (CLNAI) che nel dicembre del 1944 fu incaricato dal governo di Roma di dirigere la guerra nella parte ancora occupata dai nazifascisti. Un gruppo formato da forze conservatrici. al di là dei singoli gesti di protesta. la “rosa bianca” invitò anche al sabotaggio dello sforzo bellico. i fratelli Scholl furono processati e condannati a morte.

È in realtà difficile distinguere il labile confine fra queste due forme di lotta. poiché i gruppi partigiani combattenti furono sempre delle minoranze. la tecnica veniva perfezionata. Al di là della diversità delle manifestazioni. in quanto in varie occasioni aerei nipponici colpiti e in difficoltà avevano preferito cadere su navi americane invece di cercare una possibile salvezza in mare. Questi aerei infersero notevoli danni alle forze statunitensi 76 Antonio Gambalonga . la crescente mancanza di generi di prima necessità. si inserivano in un progetto di profondo mutamento. Il regime nazista non sarebbe crollato dall’interno. ma che non fu per questo meno importante. non collaborazione. Vengono così alla ribalta aspetti nuovi come l’impegno femminile che si svolse spesso ai margini della resistenza combattente. ma il fallimento dell’impresa segnò una fase di durissima repressione. furono forme via via più articolate e complesse di presa di coscienza che andavano dalla distribuzione di volantini agli scioperi. bensì in conseguenza delle vicende belliche.Il Novecento 1944. per poter portare più esplosivo con meno carburante. La pratica non era totalmente ignota negli anni precedenti. Nell’autunno 1944 il vice ammiraglio Onishi Takejiro decise di organizzare un corpo di aviatori scelti – spesso provenienti dalle migliori università – per queste missioni suicide: a misura che la situazione diveniva sempre più difficile per i giapponesi. altri erano dettati da una più spontanea ed immediata insofferenza. definizione quanto mai generica che comprende tutte quelle forme di non obbedienza che non sono però caratterizzate dalla lotta armata. le forze navali e aeree statunitensi si trovarono ad affrontare una sfida che non avevano previsto: l’uso da parte dei giapponesi di aerei e piloti suicidi che si lanciavano deliberatamente sul bersaglio con un carico esplosivo. alcuni piloti arrivarono perfino a farsi mutilare delle gambe. Tuttavia il concetto di resistenza civile ha la notevole importanza di sottolineare il passaggio graduale della popolazione dall’inerzia ad un rifiuto passivo ed infine all’impegno attivo nella lotta. Resistenza civile fu il sabotaggio della produzione per la guerra. la paura e le distruzioni dei bombardamenti indussero sempre più persone ad adoperarsi perché la guerra potesse finire. che però godettero dell’appoggio della maggioranza della popolazione. 7.4 La resistenza civile Accanto alla resistenza armata vi furono altre forme di insubordinazione. fu il disobbedire agli ordini dei superiori. alcuni di questi gesti avevano anche una più ampia prospettiva politica. è comunque fondamentale rilevare che il prolungarsi del conflitto. Gli aerei suicidi partivano con il carburante minimo per arrivare all’obiettivo: non era prevista possibilità di pentimento e di ritorno. 8 I kamikaze Durante le ultime fasi della guerra del Pacifico. sabotaggio che vanno sotto il nome di resistenza civile. ma tutti questi gruppi erano altrettanti segnali di un fronte interno non unanimemente schierato con il suo Führer.

una provvidenziale tempesta che nel 1281 aveva distrutto la flotta mongola che cercava di invadere il “sacro Giappone”. La memoria storica di un paese da sempre ritenuto pervaso da presenze sacre (nel suo territorio. Del resto la disponibilità al suicidio dei combattenti giapponesi sconvolse i militari americani in una guerra senza pietà. 77 Antonio Gambalonga . nei suoi boschi e nelle persone) ha avuto grande importanza nella mistificata identità nazionale che ha contraddistinto il paese nel periodo bellico.Il Novecento soprattutto nella terribile battaglia di Okinawa: il loro nome derivava dai “venti sacri”. condotta da entrambe le parti con forti motivazioni razziste.

venne deciso come avrebbe funzionato l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) e l’URSS si impegnò ad entrare entro breve tempo in guerra contro il Giappone. Al di là delle comuni aspirazioni a bandire la guerra. sancendo una sorta di spartizione fra Stati Uniti e Unione Sovietica. La conferenza di Potsdam si svolse tra la fine di luglio e l’inizio di agosto 1945. ma cominciarono ad emergere notevoli contrasti fra USA e URSS. sia per quanto riguardava la smilitarizzazione e la denazificazione. quando le offensive sovietiche procedevano inarrestabili e. i due paesi che uscivano enormemente rafforzati dal conflitto. senza che venisse stabilita una vera e propria spartizione geografica. quando ormai era finito il conflitto europeo e il Giappone stava per crollare. venne di fatto deciso quale sarebbe stato l’assetto mondiale alla fine della guerra. ma meno facile era stata l’intesa sulle linee di una politica per la pace. La conferenza di Yalta si svolse nel febbraio del 1945. destinati ad esplodere negli anni successivi ed a caratterizzare per molti decenni la storia d’Europa. 78 Antonio Gambalonga . i divergenti interessi delle grandi potenze ponevano seri limiti ai tentativi di dar vita ad una piattaforma concretamente unitaria. vennero fondamentalmente confermate le decisioni di Yalta. Si stabilì infatti quale sarebbe stata la sorte della Germania sia da un punto di vista territoriale. Nel corso del conflitto era stato unanime l’accordo intorno alle proclamazioni della volontà comune di sconfiggere la Germania e le potenze ad essa associata. URSS e Inghilterra – a proposito dell’organizzazione territoriale del dopoguerra.Il Novecento LA SECONDA GUERRA MONDIALE Conseguenze 1 Le conferenze di Jalta e Potsdam Nel 1944 emersero sempre più chiaramente i contrasti che separavano le tre grandi potenze impegnate nel conflitto – USA.

Le riparazioni imposte alla Germania furono molto alte. La crisi del sistema coloniale fu un’ulteriore conferma della profondità del mutamento che era stato innescato. che si sarebbe trovata nella zona d’influenza sovietica. Da un punto di vista territoriale. ma anche fortemente ridimensionata nel suo peso geopolitico: USA e URSS erano le due grandi potenze che uscivano vittoriose e che nei decenni successivi avrebbero determinato le sorti politiche del vecchio continente. Unione Sovietica e Polonia conobbero i maggiori cambiamenti: la prima ottenne dei notevoli accrescimenti territoriali. Il paese venne smilitarizzato. le istituzioni vennero “denazificate” e non venne creata nessuna amministrazione centrale. la Germania perse infatti i territori ad oriente dell’Oder Naisse e la Prussia orientale. in misura minore. l’Italia che dovette fare cessioni territoriali alla Jugoslavia. Le frontiere uscite dalla guerra rispecchiarono per lo più i confini determinati dal limite raggiunto dagli eserciti al momento della vittoria e i governi nazionali furono in buona misura espressione delle potenze dominanti in ciascuna sfera. la seconda giunse fino alla frontiera orientale dell’Oder Naisse. la riduzione del territorio tedesco fu notevole. rafforzata.Il Novecento 2 L'Europa alla fine della guerra L’Europa uscì dal secondo conflitto mondiale profondamente prostrata a causa delle perdite e delle distruzioni subite. di cui la metà sarebbe stata destinata all’Unione Sovietica. di grande importanza per le ricchezze minerarie. Tra i paesi vittime dell’aggressione nazista. venisse divisa a sua volta in quattro settori amministrati da quattro comandanti militari che avrebbero preso insieme le decisioni che riguardavano le questioni di interesse comune. Venne inoltre deciso che tutti i responsabili del governo nazista sarebbero stati giudicati da un tribunale militare internazionale che avrebbe avuto sede a Norimberga. 20 miliardi di dollari. città simbolo delle adunate naziste. circa un quarto del territorio che aveva nel 1937. i paesi orientali occupati dall’Armata rossa sottostarono a trattati che rispecchiavano le direttive e le esigenze sovietiche sia di espansione territoriale sia di eliminazione dei conflitti reciproci. annettendosi territori come la Slesia. Le modifiche territoriali hanno interessato soprattutto i paesi vinti. i negoziati e le trattative ebbero così un rilievo secondario. a partire 79 Antonio Gambalonga . Si stabilì inoltre che la capitale. in particolare la Germania che venne smembrata fra le potenze vincitrici e privata di un governo autonomo e. assumesse il ruolo di polo di equilibrio in Europa. L’elemento sostanziale di novità fu comunque la rottura dell’unità statuale e la nascita. Da un punto di vista territoriale. convinto dell’importanza che la Francia. Berlino. 3 Germania anno zero Dal 1944 gli alleati erano d’accordo che avrebbero occupato militarmente tutta la Germania e l’avrebbero poi divisa in quattro zone. Churchill infatti aveva ottenuto nel corso della conferenza di Yalta che una parte della Germania venisse amministrata dai francesi.

Etiopia e Somalia. Il Giappone fu costretto a rendere alla Cina Formosa e la Manciuria. 4 L'Italia Alla fine della guerra l’Italia si trovava in una situazione economica assai pesante. e all’Unione Sovietica Port Arthur e Sakaline. la presenza della monarchia e del governo avevano nonostante tutto assicurato una qualche forma di continuità delle vecchie istituzioni statali. ma non potevano conoscere. Le distruzioni belliche avevano portato alla perdita di circa il 20% del patrimonio nazionale. Vi erano poi le forze militari alleate. che non solo erano le uniche in grado di fornire i primi aiuti necessari ad una popolazione che attraversava una situazione economica estremamente critica.Il Novecento dal 1949. Era scontato fin dall’inizio della guerra che i vinti avrebbero perso i loro imperi. i reciproci rapporti di forza e quindi gli orientamenti politici di fondo del paese. l’industria si era per lo più salvata. Se il processo di decolonizzazione fu lento e graduale. ma un altro elemento assai importante e denso di conseguenze fu l’emergere di nuove forze del cosiddetto “Terzo mondo”. la Corea tornava ad essere indipendente. Ma anche i vincitori non poterono continuare ad essere 80 Antonio Gambalonga . dove la mancanza della lotta armata. non nascondendo le loro simpatie per le forze più moderate e una netta ostilità nei confronti dei partiti della sinistra. fino a quando non fossero state indette delle elezioni. 5 Gli imperi coloniali Una delle conseguenze fondamentali della seconda guerra mondiale fu lo spostamento del centro di gravità dell’interesse politico ed economico dall’Europa agli Stati Uniti. ideologici e sociali completamente diversi. i ministri alleati. la prova più concreta delle lacerazioni prodotte dalla guerra fredda. ma sorvegliavano attentamente gli sviluppi politici della situazione italiana. è nel crollo delle posizioni europee avviato dalla seconda guerra mondiale che va rinvenuta la svolta decisiva verso l’indipendenza dei popoli ex coloniali. Alla difficile situazione economica si aggiungeva una situazione politica assai complessa. ma le capacità produttive erano crollate sia per la mancanza di materie prime che per l’invecchiamento tecnologico. L’agricoltura ebbe un calo produttivo assai pesante e non era in grado di garantire l’alimentazione adeguata alle esigenze della popolazione. stabilirono di concedere l’indipendenza alle colonie italiane: Libia. la Gran Bretagna contava che i tre nuovi stati sarebbero entrati nella sua sfera d’influenza. riunitisi a Londra nel 1945. di due repubbliche tedesche caratterizzate da sistemi politici. I diversi partiti antifascisti stavano consolidando le loro strutture. Il paese usciva infatti dalla Resistenza profondamente diviso: nel nord si era sviluppato un grande movimento di lotta contro il nazifascismo e si valutavano le esigenze di rinnovamento in modo più radicale e progressista che non al sud.

Un rapporto polacco valutava all’80% le perdite dei mezzi di trasporto. L’Inghilterra subì perdite meno significative. le vittime appartenenti alla popolazione civile erano altrettanto numerose di quelle dei combattenti. l’impero britannico era apparentemente uscito intatto dal conflitto. La conferenza di San Francisco si aprì il 25 aprile 1945. di cui i tre quarti sul fronte orientale. ma il Canada e l’Australia erano entrati sempre più nell’orbita degli Stati Uniti. l’URSS e la Polonia erano stati i paesi più danneggiati dalla guerra. 7 L'ONU Sostanzialmente unitaria fu la volontà dei vincitori della seconda guerra mondiale di creare una nuova organizzazione internazionale degli Stati che non avesse le debolezze e che non ripetesse gli errori che avevano portato al crollo della Società delle Nazioni. La Germania. ed episodi di ammutinamento da parte dei soldati. In Giappone e Germania la maggior parte delle città erano ridotte a cumuli di macerie. l’ampiezza dei bombardamenti effettuati dall’aviazione. Si calcola che il patrimonio industriale europeo occidentale diminuì del 40% e ancora più ingenti furono i danni subiti dalla produzione agricola e dai trasporti. In Germania perirono 5 milioni di esseri umani. gli Stati Uniti si erano espressi per la sparizione del colonialismo. scioperi.Il Novecento potenze coloniali come prima della guerra. In Francia le ferrovie erano state distrutte per oltre un terzo e moltissime delle zone industriali erano profondamente danneggiate. Per le conseguenze dei soli bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki persero la vita 200. Furono uccisi nel corso del secondo conflitto mondiale circa 50 milioni di persone (quattro volte di più di quelle che erano morte nel corso della prima guerra mondiale).000 soldati americani erano morti. Circa 300. Gli ebrei uccisi furono circa sei milioni. 31% di prodotto nazionale. alla vigilia della 81 Antonio Gambalonga . I numerosi spostamenti degli eserciti nemici sul territorio. l’indipendenza era stata promessa alla Birmania e in India scoppiarono rivolte popolari. tratto specifico di questo conflitto. la circolazione monetaria fu inoltre completamente dissestata. 50% di capitale agricolo. Nella sola URSS ci furono 20 milioni di morti. i leader nazionalisti avevano preso coscienza della divisione che esisteva fra i colonizzatori. di cui la metà civili. le operazioni di rappresaglia spiegano anche la pesantezza delle distruzioni materiali. il 10% della popolazione totale.000 persone. In molti dei territori coloniali si andava delineando una situazione assai complessa: l’autorità francese era in profonda crisi e ai paesi del Levante fu concessa l’indipendenza. In Europa occidentale le cifre sono meno elevate ma. ma comunque ingenti. 6 Perdite e distruzioni È difficile fare una valutazione precisa delle perdite e delle distruzioni che causò questo immenso conflitto durato per oltre cinque anni.

l’ONU era dominata dalle due grandi potenze mondiali che si erano affermate nel corso della guerra: USA e URSS. più spesso essa stessa strumento nelle mani dei paesi che ne formano il consiglio di sicurezza. Al di là della comune aspirazione a bandire la guerra. Il processo di Norimberga. Nata allo scopo di porre fine alle prevaricazioni degli Stati più potenti su quelli più deboli. Francia. Cina e soltanto l’accordo unanime delle cinque potenze avrebbe potuto consentire l’applicazione delle decisioni. la cui creazione rispondeva all’esigenza di ripristinare uno strumento di sicurezza collettiva per evitare una nuova guerra disastrosa come quella che si era appena conclusa. Gran Bretagna. crimini di guerra (violazioni di norme e usi 82 Antonio Gambalonga . priva di una reale capacità di autonomo intervento.Il Novecento capitolazione della Germania. Nel corso degli anni successivi emersero sempre più chiaramente i limiti dell’azione dell’ONU. fu di fatto l’unica prova di concreta collaborazione fra occidentali e sovietici nel secondo dopoguerra. Tre erano le imputazioni fondamentali: crimini contro la pace (preparazione di guerre d’aggressione). e varò la nascita dell’Organizzazione delle nazioni unite. URSS. svoltosi fra il novembre del 1945 e l’ottobre del 1946. Proprio quando ne venne votato lo statuto si andarono accentuando i contrasti fra le due superpotenze. basata sul principio della sicurezza collettiva. L’ONU. si andavano infatti ormai profilando gli anni della guerra fredda. era retta da un consiglio di sicurezza formato subito dopo la guerra da potenze vincitrici: USA. 8 Il processo di Norimberga Nel corso delle conferenze di Yalta e Potsdam gli alleati avevano deciso che la Germania avrebbe dovuto perdere la sua autonomia politica e che i colpevoli avrebbero dovuto essere puniti. i divergenti interessi delle potenze giocarono in modo da porre seri limiti ad ogni tentativo di dar vita ad una piattaforma realmente unitaria e soprattutto da svuotare ogni costruzione puramente formale che non si fondasse su una concreta volontà d’intesa.

Nel 1949 l’Unione Sovietica fece la sua prima esplosione atomica sperimentale: iniziava così l’equilibrio del terrore. i due fronti contrapposti nella guerra fredda avevano entrambi la possibilità di annullare l’umanità. I bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki. l’uso dell’energia atomica applicata alle armi belliche. In un primo momento gli Stati Uniti si dichiararono disposti a concedere all’ONU il controllo dell’energia atomica a patto di avere la garanzia che nessun altro paese europeo la potesse produrre. il maggiore colosso chimico. Quanto alla decartellizzazione la IG Farben. ed in particolare l’utilizzo della bomba atomica. La bomba atomica rappresentava una svolta radicale nella storia dell’umanità: dimostrava che l’uomo aveva la possibilità di annullare la sua stessa esistenza sulla terra. molti di coloro che avevano avuto anche responsabilità notevoli subirono solo brevi condanne e poterono riprendere presto la loro attività. ma le conseguenze di quei bombardamenti influenzarono gli equilibri mondiali per i successivi cinquant’anni. 9 Il potenziale distruttivo della guerra atomica La seconda guerra mondiale segnò un’epoca di grande sviluppo industriale e tecnologico. Gli anni successivi furono caratterizzati da una forsennata corsa al riarmo atomico da parte di entrambi gli schieramenti: Gran Bretagna. venne smantellata e i cartelli della Ruhr vennero frazionati.Il Novecento bellici). 83 Antonio Gambalonga . i più alti responsabili della direzione politica ed economica del terzo Reich e i più alti quadri militari. ecc. Il rapporto con il difficile passato nazista passò presto in secondo piano nella politica degli Alleati rispetto ai contrasti che si andavano delineando fra le due superpotenze. furono sostanzialmente una prova di forza degli Stati Uniti nei confronti dell’URSS più che verso il Giappone ormai sconfitto. L’epurazione dei nazisti fu relativamente ampia. I sovietici nel settore di loro competenza procedettero in modo più radicale a riforme strutturali: tutta l’industria pesante venne nazionalizzata e le grandi proprietà terriere confiscate senza indennizzo. Francia. al di fuori di Hitler e degli altri responsabili nazisti che si erano suicidati (Goebbles. Il possesso della bomba atomica divenne negli anni successivi uno degli aspetti decisivi nello scontro fra le superpotenze. Cina e altri paesi entrarono in possesso della bomba atomica e le due superpotenze divennero in tal modo due enormi arsenali di morte dotati della possibilità di reciproca distruzione. rappresentarono una fase di svolta nel potenziale distruttivo della guerra stessa. crimini contro l’umanità (deportazioni. Furono portati sul banco degli imputati. lavoro forzato. soprattutto nella zona orientale. ma spesso non fu realmente incisiva.). genocidio. da un punto di vista politico. Ley. Himmler).

il governo americano sollecitò Hollywood a sostenere lo sforzo bellico. Luoghi che parlano da se stessi. Nel loro silenzio di oggi sono testimoni del genocidio degli ebrei. un tratto del recinto spinato con gli isolatori dell’elettrificazione. parlano del futuro. Fu certo memoria dei vincitori. di raccolta. di interi popoli distrutti. ma anche legata alle democrazie parlamentari). al contempo e come non mai in precedenza. appena incorniciato a renderne drammatica la testimonianza. il partigiano sono a fianco della gente comune. I luoghi della memoria sono i campi di concentramento. si contrappongono stili e atteggiamenti celebrativi differenti nella messa in opera del ricordo degli eventi della seconda guerra mondiale. di smistamento. come il monolite sopra le centinaia di sarcofagi delle Fosse Ardeatine. che non hanno bisogno di retoriche spiegazioni: ogni narrazione possibile non trova le parole e il sito.Il Novecento 10 I luoghi della memoria All’enfatizzazione della retorica e dell’eloquenza che hanno contraddistinto un’intera stagione di architettura monumentale negli anni Trenta (non solo espressione di dittature. delle donne. della ricostruzione. Austere e semplici. dei bambini). eppure di alto monito le distese di croci bianche dei soldati alleati caduti in Normandia o in Italia. è per sempre muto testimone sapientemente messo in opera con mezzi semplici. divenuto simbolico. 11 La guerra al cinema Durante la seconda guerra mondiale. il cancello di Dachau isolato dal resto. Ancora dentro un’eroica mitizzazione della “Grande Guerra Patriottica” i monumenti realizzati dai Sovietici (rifondazione del mito delle origini secondo cui una classe dirigente si tempra nella lotta: il soldato. nella quale la propaganda assunse un peso enorme. le tante fabbriche come la Risiera di Trieste trasformate in prigioni e forni crematori: ecco i luoghi della memoria dello sterminio. un binario talvolta a ricordare dei convogli di deportati. memoria di una guerra in cui enorme è stato il numero di vittime civili. piene di severità democratica. ma. la ciminiera. L’industria cinematografica rispose positivamente anche attraverso numerosi autori di sinistra 84 Antonio Gambalonga . il segno per terra delle baracche. dei seminatori di grano. degli oppositori al nazismo e al fascismo: la terra dei campi di concentramento.

l’esperienza più ricca fu quella del neorealismo: la guerra e l’occupazione nazista furono testimoniate nei film di Rossellini e De Sica. si pensi ad un film come quello di Stieven Spielberg. La battaglia di San Pietro di Huston del 1944. 85 Antonio Gambalonga . nella ricostruzione dello sbarco in Normandia. quali Roma città aperta. tutte le famiglie potevano seguire le vicende della guerra nella quale i loro cari e l’intero paese erano coinvolti. Per quanto riguarda l’Italia. rinunciando alla figura dell’eroe convinto del valore della guerra. La battaglia delle Midway di Ford del 1942. John Ford e John Huston si arruolarono nell’esercito producendo sia documentari propagandistici sia filmati meno ideologizzati di testimonianza. Salvate il soldato Ryan che è stato insignito dell’Oscar per la migliore regia.Il Novecento che riconobbero la necessità di sostenere la lotta contro i fascismi. sembra conservare lo stesso tragico impatto e la forza della testimonianza proprie dei documentari che Hollywood produsse durante le guerra ed al contempo. Paisà ed altri. Grandi registi quali Frank Capra. Ancora oggi la seconda guerra mondiale desta l’interesse del mondo cinematografico. si interroga sul senso della vita e sul diritto degli uomini di uccidere i propri simili. in favore di un comandante che rimpiange soprattutto la moglie lontana. Il film. Attraverso questi film. proiettati in numerosissime sale cinematografiche insieme ai cinegiornali. Fra i più noti Perché combattiamo di Capra (1944).

associata in quel momento alla monarchia. Restavano come ultimo scoglio le modalità con le quali l’Italia avrebbe dovuto operare la propria scelta. Questa seconda soluzione iniziò ad affermarsi a partire dall’estate del 1944. perché vedeva nei Savoia l’unico baluardo contro un ipotizzato dilagare del comunismo in Italia. Tale divaricazione. Gli Stati Uniti ritenevano invece che la scelta tra monarchia e repubblica dovesse essere lasciata al popolo italiano. meno soggetta a possibili fattori emotivi favorevoli alla corona. malgrado la sua compromissione con il fascismo.2%) e tra i sospetti di brogli nel voto referendario. Il 2 giugno 1946.Il Novecento L'ITALIA REPUBBLICANA Eventi 1 La nascita della repubblica La forma istituzionale che avrebbe assunto l’Italia postbellica costituì un iniziale motivo di contrasto tra le due principali potenze che avevano liberato. e occupato. in coincidenza del voto per l’Assemblea costituente. il paese durante la seconda guerra mondiale. che avrebbe a lungo caratterizzato la società meridionale. si affermò la repubblica con un ristretto margine (54. Questo risultato rivelò anche una profonda spaccatura geografica nel paese: le regioni settentrionali e centrali si espressero con forza per la repubblica. La Gran Bretagna era favorevole alla conservazione della monarchia. 86 Antonio Gambalonga . I monarchici premettero per un plebiscito. denotò non solo il radicamento della tradizione monarchica al Sud ma anche una visione clientelare dello Stato. secondo alcuni storici. quelle meridionali per la monarchia. contando sulla popolarità della famiglia reale tra la popolazione italiana. I partiti di sinistra cercarono di demandare la decisione all’Assemblea costituente. il governo di Alcide De Gasperi optò per il referendum. Su indicazione ufficiosa degli angloamericani. Da quel momento la Gran Bretagna cominciò a concedere maggiore spazio alla politica americana per l’Italia in considerazione del crescente ruolo svolto dagli Stati Uniti nell’assumersi l’onere finanziario degli aiuti economici per l’Italia.

Fu però in occasione delle elezioni politiche del 18 aprile 1948 che la “guerra fredda” ebbe le sue maggiori ripercussioni in Italia. Gli Stati Uniti ventilarono una possibile revisione delle clausole più punitive del trattato di pace per rafforzare De Gasperi. L’ostilità delle componenti conservatrici della Dc ritardò di alcuni anni l’apertura alla sinistra moderata. che ricordava la legge Acerbo voluta da Benito Mussolini per conquistare la maggioranza in Parlamento nel 1924. La Chiesa mobilitò i cattolici in appoggio alla Dc. soprattutto. il voto divenne una sorta di referendum sulla collocazione internazionale dell’Italia. fece approvare una nuova legge elettorale che assegnava i due terzi dei seggi alla Camera a quei partiti “apparentati” che avessero ottenuto il 50% dei voti più uno. La vittoria della Dc sembrava l’unica garanzia per rafforzare la posizione filo-americana dell’Italia. maturò in seguito alla crescente contrapposizione tra gli Stati Uniti e l’URSS. anche a causa del colpo di Stato comunista in Cecoslovacchia del febbraio precedente. impedì alla Dc e ai suoi alleati di conseguire il premio di maggioranza nelle elezioni del 1953 sia pure per un pugno di voti. con l’esclusione delle sinistre dal IV governo del democristiano Alcide De Gasperi (1947). La campagna elettorale fu combattuta senza esclusione di colpi.5% dei voti e la maggioranza assoluta dei seggi alla Camera. il primo ministro democristiano Alcide De Gasperi cercò di rafforzare la coalizione di governo con un espediente legislativo. stimolarono gli americani di origine italiana a scrivere a parenti e amici rimasti in Italia per invitarli a non votare per i socialisti e i comunisti. Furono proprio la connotazione della Dc come “il partito degli aiuti statunitensi” e la paura dei ceti medi per la minaccia di un’avanzata delle sinistre a determinare il trionfo democristiano con il 48. ai quali la Dc e il Pci facevano rispettivamente riferimento. In un clima politico arroventato. costituito da Pci e PSI. minacciarono l’esclusione dell’Italia dal Piano Marshall in caso di vittoria del Fronte. Malgrado la dura opposizione delle sinistre. Ma la reazione sindacale e politica al governo monocolore Dc varato da Fernando Tambroni con i voti dei “neofascisti” del Movimento Sociale Italiano (1960) rese improponibile un’alternativa di destra all’inclusione del Psi di Pietro Nenni nell’area di governo. Il risultato elettorale rese evidente che solo un ampliamento della coalizione avrebbe permesso il rafforzamento del governo. mentre l’eventuale successo del Fronte poteva rappresentare un primo passo verso il collocamento del paese nel blocco sovietico. L’impopolarità del provvedimento. La 87 Antonio Gambalonga .Il Novecento 2 La guerra fredda in Italia La rottura del fronte unitario antifascista. 3 Dal centrismo al centrosinistra Dopo una netta flessione della Dc nelle elezioni amministrative del 1951 e del 1952. Mosca e Washington non lesinarono finanziamenti ai partiti loro alleati. La consultazione visse sullo scontro tra la Dc e il Fronte democratico popolare.

La nascita del centrosinistra si giovò del mutato atteggiamento della Chiesa cattolica sotto il pontificato di Giovanni XXIII. l’astensione del Psi consentì la creazione di un governo costituito da Dc. che ne aveva fatto un punto qualificante della propria partecipazione al governo Moro – fu rimandata al 1970. 1964 e 1966. L’instaurazione delle amministrazioni regionali – come previsto dalla costituzione e chiesto dal Psi. Originate in estate dalla vertenza per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici. Nel marzo di quell’anno. promosse una riforma scolastica che innalzò l’obbligo della frequenza a 14 anni e istituì la scuola media unica. costituiti da Dc. la cui enciclica Pacem in terris (1963) propugnava il rifiuto della logica della guerra fredda. le lotte dei lavoratori raggiunsero livelli di estrema acutezza in autunno. della compressione dei salari (mediamente i più bassi dei paesi europei industrializzati) e di un deterioramento sociale. Venne inoltre affossata la riforma sulla pianificazione urbanistica proposta dal ministro dei lavori pubblici Fiorentino Sullo per combattere la speculazione edilizia. Firenze e Genova anticipò a livello locale quanto si sarebbe realizzato in Parlamento dal 1962. Il governo ricorse anche misure deflazionistiche per arginare la recessione economica del 1963-64 e cercò di soffocare lo scandalo SIFAR (1967). Insieme a questi tre partiti. L’iniziativa riformatrice del centrosinistra giunse però ad arenarsi durante i tre mandati di Moro. L’incapacità dei governi di centrosinistra di affrontare gli squilibri del paese sfociò nella contestazione studentesca e nelle manifestazioni figura 6: Aldo Moro operaie del 1968 e 1969. di cui fu espressione la strategia della tensione. Nel frattempo lo straordinario “miracolo italiano” mostrava i suoi limiti nel contesto della crescita del divario Nord-Sud. Psdi e Pri. andarono sostanzialmente deluse. Il governo Fanfani nazionalizzò l’energia elettrica. 4 Dal centrosinistra all'autunno caldo Le aspettative riformiste dei governi di centrosinistra guidati dai democristiani Amintore Fanfani (1962-63) e Aldo Moro (1963-68). Psi. e dell’avallo degli Stati Uniti. presieduto dal democristiano Amintore Fanfani. i socialisti entrarono a far parte dei governi formati dal democristiano Aldo Moro nel 1963. Pri e Psdi. che vedevano nell’apertura al Psi un mezzo per isolare il Pci nella politica italiana. ma anche una violenta acutizzazione dello scontro sociale. 88 Antonio Gambalonga . causando oltre duecento milioni di ore di sciopero nei successivi dodici mesi.Il Novecento costituzione di giunte di centrosinistra a Milano. Ne derivò un allineamento dei salari ai livelli europei e un miglioramento delle condizioni generali di lavoro.

Partendo da figura 7: Il '68 a Padova questi elementi. 89 Antonio Gambalonga . in una diffusa ideologia “antiautoritaria” e in una prassi politica fondata sulla contestazione della “forma-partito” tradizionale (come quella del Pci). La protesta si allargò a tutto il paese. Si chiedeva un’istruzione aperta a tutti. Negli anni del miracolo economico era maturato un diffuso disagio giovanile. Il problema occupazionale si incrociava con le problematiche dell’emigrazione verso il Nord. senza discriminazioni economiche e sociali. Pisa. complesse trasformazioni avevano dato vita ad una nuova componente sociale “riconosciuta” – quella dei “giovani” appunto – con proprie esigenze. in opposizione ai progetti di riforma formulati dai governi di centro-sinistra. Trento). la cultura. ancora strutturate secondo un impianto tradizionale. ma il ‘68 contribuì a cambiare i costumi. e una cultura “critica”. Le università. la contestazione si tramutò presto in una opposizione serrata al “modello capitalista”. la società. La contestazione partì nel 1967 da alcuni atenei (Roma. consumi. di cui l’università era vista come parte integrante. coinvolgendo diversi atenei e allargandosi anche al resto della società. ma la protesta si prolungò negli anni Settanta. slegata dagli “interessi del mercato” e volta a produrre una “coscienza collettiva” in grado di guidare una radicale trasformazione della società. la lotta studentesca fu contemporaneo ad un’ampia mobilitazione operaia. Torino.Il Novecento 5 Il Sessantotto in Italia Il Sessantotto ebbe in Italia forti caratteri distintivi: la componente politica ebbe una rilevanza più ampia di quella cosiddetta “controculturale” (introduzione di stili di vita e produzione di una cultura “alternativi” a quelli tradizionali). il movimento non si spense in una breve stagione. ritenuta oppressiva e rigidamente istituzionalizzata. non riuscivano a far fronte alla sempre più consistente richiesta di istruzione e di cultura. identità. L’aspettativa rivoluzionaria fu delusa.

che raggiunsero l’apice nel corso degli anni Settanta e nei primi anni Ottanta. l’esplosione di una bomba nella Banca dell’Agricoltura in piazza Fontana a Milano causò 17 morti e 90 feriti. le azioni figura 9: Strage di Bologna . furono alimentate da stragi e attentati terroristici di varia matrice. il 28 maggio 1974 un attentato causò 8 morti e 90 feriti in piazza della Loggia a Brescia. quindi da ricorrenti depistaggi delle indagini avviate dalla Magistratura. dopo una terribile escalation di violenze (rapimenti. attentati a cose ed a persone. un attentato alla stazione di Bologna provocò 85 morti e centinaia di feriti.Il Novecento 6 I terrorismi e la strategia della tensione La “strategia della tensione” fu il risultato di vari fattori. in contatto con settori deviati delle istituzioni e con la sospetta collaborazione della CIA. ne vanno ricordati alcuni particolarmente rilevanti. Negli stessi anni. il 31 maggio 1972 tre carabinieri furono uccisi a Peteano. Il manifestarsi di azioni di carattere terroristico attuate da settori di estrema sinistra coincise con il tentativo di ambienti dell’estrema destra. 16 morti e 100 feriti furono causati da un attentato al treno 904. il 4 agosto 1974. il 23 dicembre 1984. che fu l’episodio più clamoroso e gravido di conseguenze di quella 90 Antonio Gambalonga . le diffuse paure tra gli italiani. Dopo le forti tensioni scaturite dal movimento del 1968 e dall’“autunno caldo” del 1969. 12 morti e 45 feriti furono il bilancio della strage del treno Italicus. figura 8: Aldo Moro assassinato Il 12 dicembre 1969. di condizionare il corso politico italiano in chiave conservatrice.2 agosto 1980 del terrorismo “rosso” culminarono nel rapimento dello statista democristiano Aldo Moro (1978). il 2 agosto 1980. Tra l’interminabile elenco dei numerosi e drammatici episodi che segnarono quegli anni. timorosi del disordine sociale. mentre altri tre ordigni provocarono 13 feriti a Roma. “punizioni esemplari”).

la democrazia italiana riuscì a non cedere ai ricatti terroristici o a tentazioni eversive. 91 Antonio Gambalonga . Malgrado la drammaticità del momento.Il Novecento fase politica. ma le conseguenze politiche e sociali furono molto profonde.

tra gli anni Cinquanta e Sessanta visse la trasformazione forse più radicale della sua storia recente.000 miliardi del 1964. processo di urbanizzazione e dall’emigrazione di manodopera dalle regioni più arretrate verso i poli industriali del nord. gli occupati in agricoltura scesero dal 40% al 25% del totale degli attivi. Il reddito nazionale netto. Travolta da un tumultuoso. All’interno dei vari gruppi e collettivi formatisi nelle maggiori città italiane si possono 92 Antonio Gambalonga . mentre il reddito pro capite passò da 350. (Cfr. da 88. lo sviluppo industriale ed economico assunse caratteri vertiginosi. Si diffusero modelli di vita “all’americana” e la televisione irruppe negli spazi pubblici e privati. Tuttavia. passò ai 30. Trasformazioni radicali investirono le forme di produzione e di consumo. G. col “miracolo economico” l’Italia non risolse molti dei suoi vecchi problemi. Comparvero nuovi gusti e nuovi bisogni. 634. i tassi di produttività (dal 1959 al 1963 la produzione di autoveicoli quintuplicò) e i consumi dei beni durevoli (i frigoriferi da 370. scomparve la secolare civiltà contadina italiana.000 lire. Superata la difficile congiuntura del 1948-1949. sotto molti aspetti.000). dai 17. In dieci anni. Diminuì la povertà. Crebbero le esportazioni. ma divennero più visibili le distanze economiche tra alcuni gruppi sociali e le diverse regioni della penisola. mentre il sistema politico rimaneva bloccato e molte domande sociali inevase.Il Novecento L'ITALIA REPUBBLICANA Approfondimenti 1 1. poteva apparire poco diversa da quella del secolo precedente.000 miliardi del 1954. gli anni Sessanta segnano l’inizio di una nuova fase della politica delle donne in Italia. Roma 1996) 2 I movimenti delle donne in Italia Nonostante si possano individuare precedenti in un consistente movimento emancipazionista sorto alla fine dell’Ottocento. disordinato.1 Politica e società in età repubblicana Il “miracolo italiano” Se ancora durante la seconda guerra mondiale la società italiana.000. Crainz. Storia del miracolo italiano.000 divennero un milione e mezzo e le automobili.000 a 571.

spesso inconsci e sottintesi. Ma in anni più recenti si è osservato come dal “miracolo economico” degli anni Cinquanta emersero “tre Italie”. politiche e storiche del dualismo. figura storica del movimento italiano. ma ad una prosecuzione e ad un rafforzamento della componente “culturale”. Il Lazio è stato considerato 93 Antonio Gambalonga . Uno degli esiti più complessi e radicali di questo lavoro fu il Manifesto di rivolta femminile di Carla Lonzi. senza fratture irreparabili. l’Italia del Centro e del Nord-Est. l’Italia del Sud e delle isole. segnata da una dinamica crescita industriale trainata da reti di piccole e medie imprese distribuite sul territorio. i tratti di una campagna divenuta urbanizzata. con un processo di industrializzazione diffusa che cambiò. culturali e filosofici. Negli anni Ottanta e Novanta si assistette ad un riflusso del movimento politico. Si sono analizzate le differenze tra le regioni settentrionali e quelle meridionali. troppo spesso oscurati all’interno di categorie “neutre”. attraverso piccoli gruppi. nonché garanzie di tutela sanitaria e sui luoghi di lavoro. 3 Le tre Italie L’originalità e le contraddizioni dello sviluppo economico italiano del secondo dopoguerra hanno attirato l’attenzione di molti studiosi. da grosse concentrazioni industriali di tipo fordista. La rivendicazione dei diritti condusse ad un ampio movimento. per approdare ad un’analisi dell’oppressione esercitata nella storia sulle donne. che tendevano a perpetuarla. nella letteratura di modelli espressivi autonomi. ma comprensive in realtà solo dell’identità maschile. la coscienza e l’alterità delle donne rispetto al “sistema patriarcale”. dei meccanismi culturali e familiari. Fu approfondito il concetto di “differenza” delle donne in termini psicanalitici. le ragioni strutturali. La corrente più attenta alla definizione teorica della differenza femminile attuò. da agglomerazioni metropolitane che ricordavano quelle di molti altri paesi europei. nell’arte. Furono ottenute conquiste come il divorzio (istituito attraverso una legge del 1970 e confermato dal referendum del 1974). le donne raggiunsero una visibilità e un peso politico e sociale che segnarono una profonda novità nella storia del paese. caratterizzata da importanti processi di urbanizzazione e immigrazione. rimasta nel suo insieme ai margini dello sviluppo economico e dissanguata dall’emigrazione di manodopera. esso si fonda anche sulla ricerca nella storia. un percorso di scavo che partiva dal vissuto personale delle partecipanti (la cosiddetta “autocoscienza”). l’altra centrata invece su un lavoro di approfondimento “culturale” circa la condizione. conflittuali ma spesso coesistenti e complementari: una più legata alla concreta prassi rivendicativa. dai confini certamente labili ma grosso modo identificabili anche geograficamente: l’Italia del Nord-Ovest.Il Novecento rintracciare due componenti. il nuovo diritto di famiglia (1975) e l’aborto (legge del 1978 confermata dall’esito dei referendum del 1981). che percorse tutti gli anni Settanta dando vita a imponenti manifestazioni.

attraverso una “grande trasformazione” assolutamente originale. insulari e dal Veneto verso le tre regioni del “triangolo industriale”: Piemonte.600. però. 4 L'emigrazione negli anni del “boom” Tra gli anni Cinquanta e Sessanta. le partenze dal Veneto diminuirono sensibilmente. In una seconda fase. mentre i piccoli e medi comuni della sua provincia arrivarono quasi a raddoppiare la popolazione. sorsero fenomeni di intolleranza e di rigetto. Migrazioni intense si indirizzarono anche verso il Lazio. oltre 9 milioni di italiani si spostarono in altre regioni.000. A partire furono soprattutto persone che vivevano in zone rurali: un elemento di causa ed effetto di quella fine del mondo contadino che coincise con lo sviluppo industriale. postindustriale. 298) 94 Antonio Gambalonga . negli anni del "boom". p. usi e costumi diversi. come mai prima di allora.000 a oltre 1. Roma passò da circa 1. I flussi più importanti partirono dalle aree meridionali. Torino 1989. la terza città meridionale più popolata d’Italia. La geografia umana del paese ne uscì sconvolta. Storia d’Italia dal dopoguerra a oggi.200. questo fenomeno raggiunse livelli di intensità straordinari. Vecchi problemi furono aggravati e ne sorsero di nuovi.600. fra il 1955 e il 1971. Si calcola che. Le eccezioni e i confini interni a questa suddivisione potrebbero ovviamente essere numerosi. Alla fine degli anni sessanta. ma la penisola si modernizzò profondamente.Il Novecento un caso particolare per il peso specifico dovuto alla presenza di Roma. (cfr.000 abitanti a 2. la città capitale.000 e Torino da 700. per l’origine e la quantità dei suoi abitanti. mentre anche Toscana ed Emilia Romagna furono raggiunte da immigrati. dialetti. successivamente. Torino era considerata. La migrazione stagionale o permanente di manodopera era un fenomeno tipico e antico per molte regioni d’Italia. Cambiò quindi l’Italia. culture. P. Ginsborg. ma questa lettura ha il merito di offrire una prospettiva d’insieme per comprendere le caratteristiche di un paese che in pochi decenni è passato da un’economia prevalentemente agricola a un’economia industriale e. In una quindicina d’anni (1951-1967). si incontrarono. Lombardia e Liguria. il “miracolo economico” italiano cambiò i connotati del paese.

La stessa origine italiana del termine “mafia”. dopo la seconda guerra mondiale le mafie hanno assunto un peso economico e una capacità di intervento politico internazionale assolutamente rilevanti. Caratteristica delle mafie è la capacità di sfruttare le debolezze e le contraddizioni degli Stati nazionali nella gestione del monopolio politico e militare dell’autorità e della legalità. tanto da costituire uno dei fenomeni più importanti della storia recente. persino a influenzare alcune scelte politiche di esponenti dei partiti dei governi centrali e locali. o dei rifiuti tossici. Solo nel 1992 circa 22. Oggi più che mai protagoniste della cronaca quotidiana. per anni. delle armi. Esponenti dello Stato e della società civile hanno pagato con la vita il loro impegno. uomini politici e funzionari sono entrati in collisione con queste forme di criminalità organizzata e hanno tentato di combatterle. molti magistrati. è quello della criminalità organizzata. Le origini di quella siciliana sono generalmente indicate nelle vicende del XVIII secolo. “sacra corona unita” (Puglia) sono riuscite a penetrare nel sistema istituzionale. oramai d’uso quasi universale. ne fu persino negata l’esistenza da molti osservatori e uomini politici. come quello della droga.000 persone furono indagate per presunta associazione mafiosa. La storia della mafia è lunga e complessa.Il Novecento 5 Mafia e criminalità organizzata Un problema che ha attraversato tutta la storia del Novecento e che alla fine del secolo appare ancora molto grave. “camorra” (Campania). Nell’Italia repubblicana “Cosa nostra” (mafia siciliana). ad arricchirsi con il controllo di traffici illeciti molto remunerativi. Tra gli anni Ottanta e Novanta. 6 L'integrazione europea Uno dei risultati del processo di integrazione europea destinato ha modificare più 95 Antonio Gambalonga . come fu il caso dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. il suo sviluppo tra Ottocento e Novecento è stato messo in relazione con le politiche adottate da molti governi centrali per garantire il controllo e un certo consenso nell’Italia meridionale povera e socialmente poco organizzata. mostra l’importanza che questo fenomeno ha avuto per la storia di una penisola dove. “’ndrangheta” (Calabria).

a “ridenominare” i vecchi titoli per permettere la conversione valutaria. solo a partire dal primo gennaio 2002 le nuove banconote entrarono in circolazione per soppiantare le vecchie monete nazionali. Fu solo dopo grandi sforzi collettivi che un paese. Il 31 dicembre 1998 vennero decisi i definitivi tassi di conversione tra le monete nazionali e quella unica. come l’Italia riuscì ad evitare le sanzioni previste in caso di non rispetto dei “parametri di Maastricht” e ad entrare nel nuovo sistema entro i tempi previsti.Il Novecento visibilmente la vita quotidiana dei milioni di cittadini dell’Unione Europea (sorta nel 1993) è rappresentato dalla nascita di una nuova moneta: l’euro. a emettere i titoli del debito pubblico esprimendoli in euro. una lira italiana fu valutata pari a 1936. 96 Antonio Gambalonga . da molti anni caratterizzato da instabilità finanziaria e deficit pubblico. Usate in tutte le operazioni monetarie che non necessitano di contanti. furono stabili una serie di criteri per stabilire la possibilità di accesso al sistema della moneta unica europea. basati su una serie di parametri economici. Con il “patto di stabilità” concordato nel 1996 dagli stati dell’Unione. al termine di un periodo di transizione controllato dalla Banca centrale europea.27 euro. Quindi dal primo gennaio 1999 gli stati aderenti iniziarono a coniare le nuove banconote.

conquistano Tientsin La Russia occupa la Manciuria.Il Novecento CRONOLOGIA 1900 La Francia espande il suo impero coloniale impadronendosi del Ciad Si inaugura l’Esposizione Universale di Parigi In Inghilterra viene fondato il Partito Laburista guidato da Ramsay Mac Donald Gli inglesi occupano Pretoria e Johannesburg In Germania Bernhard von Bülow è nominato cancelliere. Le forze giapponesi. il Giappone e gli Stati Uniti (18.200 Giapponesi e 3. gli succede Vittorio Emanuele III Rivolta nazionalista dei Boxers in Cina contro le legazioni europee.500 Russi). di cui 7. resterà in carica fino al 1909 Introduzione del Codice Civile Le spese destinate agli armamenti assorbono il 75% del bilancio complessivo Seconda legge navale tedesca In Italia le elezioni politiche segnano uno spostamento a sinistra Umberto I di Savoia è ucciso a Monza dall’anarchico Gaetano Bresci. unite a reparti europei. ha termine “l’età vittoriana” Guerriglia antibritannica dei Boeri in Sudafrica Creazione del Commowealth d’Australia con lo statuto di dominio della Corona britannica Germania: ai funerali dell’industriale tedesco Friedrick Krupp interviene persino il kaiser Guglielmo II 97 Antonio Gambalonga .000 uomini. che diventa una zona di influenza dell’impero russo Lenin torna dall’esilio in Siberia e fonda a Monaco il giornale “Iskra” (La Scintilla) 1901 Inghilterra: sale al trono Edoardo VII. Ne segue una spedizione internazionale a cui partecipano tutte le maggiori potenze europee.

Il Novecento Italia: governo Zanardelli-Giolitti, in carica fino al 1903

Protocollo dei Boxers, siglato dalla Cina e dalle 11 potenze del corpo di spedizione internazionale. Il protocollo, fortemente punitivo, prevede il disarmo del paese, il pagamento di un indennizzo di 450 milioni di tael e il controllo internazionale sulle imposte Nasce in Giappone la prima organizzazione politica di sinistra: lo Shakai minshuto (Partito democratico di sinistra) Il presidente degli Stati Uniti William McKinley è assassinato da un anarchico di origine polacca; gli succede il vice-presidente Theodore Roosevelt. A Indianapolis viene fondato l’American Socialist Party Nasce l’Ufficio Internazionale delle Repubbliche Americane

1902
Accordo tra l’Italia e la Francia per la definizione delle sfere di influenza in Africa nord occidentale: alla Francia il Marocco, all’Italia la Libia Alfonso XIII re di Spagna Viene rinnovata la Triplice alleanza tra Germania, Austria-Ungheria e Italia. Quest’ultima strappa un’interpretazione esclusivamente difensiva del trattato Germania: revisione della politica commerciale. Sono introdotte nuove tariffe doganali Francia: il Gabinetto Combes sopprime gli ordini ecclesiastici, i conventi, le scuole religiose. Si incamerano i beni ecclesiastici, rompendo con il Vaticano Si costituisce il Partito socialista diretto da Jean Jaurès I Boeri dell’Orange e del Transvaal accettano la sovranità britannica con la pace di Vereeniging. Nasce l’Unione Sudafricana Finisce la cosiddetta “lotta per le concessioni” cinesi: la Russia ottiene la cessione in affitto di Port Arthur, la Germania la baia di Chiao-chou, la Gran Bretagna il porto di Wei-hai-wei (di fronte a Port Arthur) e l’intero bacino del fiume Yang-tze, l’Italia il porto di Tientsin Alleanza anglo-giapponese in funzione antirussa Scioperano per quasi sei mesi i minatori di carbone della Pennsylvania. Il presidente Roosevelt impedisce l’intervento delle truppe federali contro i lavoratori

98

Antonio Gambalonga

Il Novecento Australia: emanazione dell’Immigration Restriction Act, inteso a preservare una connotazione anglosassone al paese Sotto la presidenza Roca, l’Argentina diventa la prima potenza economica dell’America Latina ed ottiene, in seguito ad un arbitrato, la Patagonia Russia: recessione economica

1903
Panama si rende indipendente dalla Colombia e viene riconosciuto Stato sovrano dagli USA, che avevano appoggiato l’operazione in funzione della costruzione del canale. Del territorio su cui verrà costruito si assicurano il controllo perpetuo La Germania inizia la costruzione della ferrovia Berlino-Baghdad, rivelando così le sue mire espansioniste verso i Balcani e l’Asia Minore Il Partito socialdemocratico tiene il proprio congresso a Dresda nel quale respinge il revisionismo Gli Ungheresi chiedono che sia adottata la loro lingua nei contingenti che forniscono all’esercito asburgico La Dieta giapponese approva il programma di espansione navale. Si acutizza la rivalità con la Russia per il controllo della Manciuria, che respinge le rivendicazioni giapponesi A Firenze inizia la pubblicazione della rivista “Il Regno” Muore il pontefice Leone XIII (Gioacchino Pecci); gli succede Giuseppe Sarti col nome di Pio X Il Venezuela si dichiara inadempiente nei confronti di Germania, Inghilterra e Italia. La tre potenze decidono per una dimostrazione navale, ma gli Stati Uniti impongono loro il veto, facendole desistere. Da quel momento nessun paese europeo sarebbe più intervenuto nella politica dell’America Latina Nel congresso di Londra del POSDR (Partito operaio socialdemocratico russo) avviene la scissione tra i menscevichi (minoritari) e i bolscevichi (maggioritari) guidati da Lenin In Irlanda è varata la legge agraria che permette agli affittuari di divenire proprietari Appaiono in Russia i Protocolli dei savi anziani di Sion, il libello antisemita falso che denuncia un complotto ebraico per impadronirsi del mondo col denaro e la violenza; 99 Antonio Gambalonga

Il Novecento uscirà anche in Francia due anni dopo

1904
Viene stipulata tra Francia e Inghilterra l’Entente Cordiale, che segna il riavvicinamento tra le due potenze europee. La Francia raggiunge un accordo con la Spagna per il controllo del Marocco. In base a l’accordo franco-britannico l’Egitto è riconosciuto zona d’influenza inglese e il Marocco zona d’influenza francese È fondato il Deutsche Arbeiterpartei Oesterreich Jean Jaurès è direttore politico del giornale “L’Humanité”

Sciopero generale in Italia per iniziativa dei sindacalisti rivoluzionari contro gli eccidi di contadini. Disordini a Milano Pio X scioglie l’Opera dei Congressi Scoppia il conflitto russo-giapponese per il controllo di Corea e Manciuria. Viene assediato e costretto alla resa Port Arthur dai giapponesi. L’ammiraglio giapponese Togo riporta numerose vittorie. Nella battaglia per Liao Yang sono impegnati 800.000 uomini (dicembre) Sciopero a Baku per la conquista del primo contratto collettivo Intervento statunitense a Santo Domingo. T. Roosevelt enuncia il suo corollario alla dottrina Monroe, affermando il diritto degli USA ad intervenire, come polizia internazionale, nelle questioni dell’America Latina (Big stick policy) Muore a 44 anni Theodor Herzl, fondatore del sionismo

1905
L’imperatore tedesco Guglielmo II sbarca a Tangeri in Marocco e apre la prima crisi marocchina per frenare l’espansionismo francese in quella regione Schlieffen, capo dello Stato Maggiore tedesco, predispone il suo piano per un attacco alla Francia attraverso il Belgio In Francia si forma la Lega di azione; separazione tra Stato e Chiesa. Il socialista Jean Jaurès fonda la SFIO (Sezione francese dell’Internazionale socialista) In Inghilterra i liberali riportano la vittoria elettorale con l’appoggio del Labour

100

Antonio Gambalonga

La Russia cede Port Arthur. attua la nazionalizzazione delle ferrovie La spartizione del Bengala provoca un’ondata di terrorismo in India Le forze giapponesi invadono la Manciuria. limitazione dell’orario di lavoro. il controllo della Manciuria e oltre la metà dell’isola di Sahalin. poi chiamata Kuomintang. I cosacchi sparano su un corteo di dimostranti guidati dal pope Gapon che portavano una petizione allo Zar. La popolazione risponde all’arresto con uno sciopero generale mentre a dicembre si impadronisce della città un’insurrezione operaia. che verrà ferocemente repressa nel sangue Lenin inaugura a Londra il terzo congresso del POSDR A Damasco viene fondata la società segreta di Mustafà Kemal Indipendenza della Norvegia: sciolta l’unione dinastica con la Svezia 1906 Alla Conferenza internazionale di Algeciras per risolvere il problema marocchino. Seguono scioperi e rivolte in tutto il Paese. ed enuncia la dottrina dei “tre princìpi del popolo” Seconda presidenza Roosevelt (fino al 1909): legislazione antitrust.Il Novecento Party Committee In Irlanda viene fondato il Partito radicale Sinn Fein (Noi stessi) In Italia Fortis. Inizia la prima rivoluzione russa. A Pietroburgo nascono i primi soviet (consigli) operai. La Corea diventa un protettorato giapponese. la Germania esce sconfitta e isolata: le potenze riconoscono i preminenti interessi francesi in Marocco 101 Antonio Gambalonga . Dai tempi di Lincoln nessun altro presidente acquista tanta popolarità Prima rivoluzione russa: domenica di sangue a Pietroburgo. i cui membri vengono arrestati. assicurazione contro gli infortuni. succeduto temporaneamente a Giolitti. Nella battaglia navale di Tsushima la flotta russa viene distrutta dall’ammiraglio Togo. Il Giappone diventa una grande potenza asiatica Sun Yat-sen fonda a Tokyo la Lega rivoluzionaria unificata cinese. Si avviano le trattative di pace La pace di Portsmouth conclude il conflitto russo-giapponese. fra cui l’ammutinamento dell’equipaggio della corazzata Potemkin a Odessa. Nella battaglia di Mukden l’esercito russo subisce una gravissima sconfitta. Trotskij viene eletto presidente dei Soviet di Pietroburgo. Lo Zar Nicola II promette la formazione di una Duma legislativa (parlamento) e concede col Manifesto di ottobre una Costituzione.

Viene fondato l’Istituto coloniale italiano Francia: riabilitazione di Dreyfus Si varano le leggi sociali. H. gli Stati Uniti estendono il controllo sull’isola e formano un governo provvisorio retto da un rappresentante americano.Il Novecento Si intensifica la corsa navale tra Germania e Gran Bretagna In seguito all’intervento militare a Cuba. La creazione del Commissariato per l’emigrazione migliora le condizioni dei lavoratori costretti ad espatriare. con il quale anche la Papuasia entra a far parte del Commonwealth d’Australia In Russia gli equipaggi della flotta del Baltico si ribellano mentre viene sciolta dallo Zar la prima duma (della speranza popolare) perché considerata troppo democratica Quarto congresso del POSDR: fusione di menscevichi e bolscevichi 1907 Accordo anglo-russo per la spartizione di Persia e Afghanistan in funzione antitedesca 102 Autonomia del Transvaal e dell’Orange Stati Uniti: annessione dell’Oklahoma L’alleanza anglo-francese si estende alla Russia dando vita alla Triplice Intesa In Austria è introdotto il suffragio universale maschile. Taft. che sarà il futuro presidente USA Nazionalizzazione delle ferrovie giapponesi Italia: viene fondata la Confederazione Generale del Lavoro di ispirazione socialista Terzo governo Giolitti: riforme sociali. L’elemento slavo è Antonio Gambalonga . ma gli scioperi per la conquista delle otto ore sono repressi con la forza. Clemenceau mobilita l’esercito È sciolto il Parlamento ungherese. Il contrasto che oppone i magiari all’imperatore Francesco Giuseppe dura fino al 1910 In Inghilterra il Labour Rapresentation Committee si riorganizza in Labour Party Rivoluzione in Persia: lo Scià concede la Costituzione Ratifica del Papua Act. W.

Guatemala e Honduras Quinto congresso del POSDR a Londra: Lenin ottiene la maggioranza Russia: riforma agraria di P. e del principe ereditario. i socialisti passano da 87 a 41 deputati Alla conferenza per la pace dell’Aja la Germania rifiuta ogni politica di disarmo Trattato di Washington tra Salvador. che permette ai contadini di acquisire la terra. già Stato libero unito alla Corona come possedimento personale di Leopoldo II 103 Antonio Gambalonga . Rivolta militare a Salonicco. vengono espulsi i sindacalisti rivoluzionari Assassinio in Portogallo del re Carlo I. La giornata lavorativa dei minatori è ridotta a otto ore Si accentua la crisi con la Serbia e con la Russia Nasce il Partito dei Giovani Turchi.Il Novecento maggioritario in Parlamento Hitler si stabilisce a Vienna Germania: elezioni politiche. Asquith. che resterà in carica fino al 1916. dei popi e dei lacché”) Dittatura in Portogallo di Joao Franco Papa Pio X condanna il modernismo con l’enciclica Pascendi Gregis 1908 L’impero austro-ungarico si annette la Bosnia-Erzegovina. H. che aveva appoggiato la dittatura di Joao Franco (28 ottobre) Scandalo del Daily Telegraph: un’imprudente intervista rilasciata da Guglielmo II sui rapporti anglo-tedeschi scatena le proteste di tutti i partiti Inghilterra: è varato il governo liberale di H. Stolypin. il governo scioglie la seconda duma (“della collera popolare”). Viene eletta la terza duma (“dei signori. Nicaragua. con la Russia e con l’Italia Congresso socialista di Firenze: prevalgono le tesi riformiste di Turati e Bissolati. aprendo una grave crisi internazionale. Vengono arrestati i capi socialdemocratici. Fra il 1908 e il 1909 vengono varate delle riforme sociali: sono introdotte le pensioni di vecchiaia. che conquisteranno il potere durante la guerra di Tripoli (1911-1912) Il Belgio annette il Congo. Inizio della rivoluzione dei giovani turchi. Si accentuano le tensioni con la Serbia.

Gli succede Theobald von Bethmann-Hollweg. gli succede l’imperatore Pu Yi. di appena tre anni di età Francia: si costituisce in Francia l’organizzazione paramilitare nazionalista Camelots du roi. ecc.) Rivolta anarchica a Barcellona. non rielezione” In Venezuela un colpo di Stato porta al potere il dittatore Juan Vincente Gomez. che resterà in carica fino al 1935 La Russia riconosce l’annessione all’Austria-Ungheria della Bosnia e dell’Erzegovina Germania: sulla riforma finanziaria cade il cancelliere Von Bülow. “La Grande Italia”. Fucilazione dell’anarchico Francisco Ferrer Guardia Accordo segreto a Racconigi tra Italia e Russia per il mantenimento dello status quo nei Balcani Inizia il regno di Maometto V. presto seguita dalle Dames Royalistes e dalle Jeunes filles royalistes. “Il Tricolore”. leader della fazione dei nazionalisti indiani. Francisco Madero organizza un proprio partito e si candida alla presidenza 1909 Viene eletto Presidente USA il repubblicano William Taft In Italia fioriscono numerose riviste nazionaliste (“La Preparazione”.Il Novecento La Grecia occupa Creta Fernando I si dichiara Zar dello Stato indipendente di Bulgaria Tilak. “Mare Nostro”. Sciopero generale di protesta a Bombay Morte dell’imperatrice cinese Tsu Hsi. Natal. “La Nave”. che durerà fino al 1918 In Messico Madero lancia lo slogan “suffragio effettivo. viene arrestato. Transvaal) in dominion 104 Antonio Gambalonga . “Italia viva”. “Il Carroccio”. Orange. La rivista nazionalista “Action française” diventa quotidiano Il presidente messicano Porfirio Diaz in un intervista ammette l’opposizione. in carica fino al 1917 South Africa Act: il Parlamento inglese ratifica la costituzione del Sudafrica (Il Capo.

4 ottobre). che ottiene così l’autonomia interna L’Austria-Ungheria si oppone ad ogni espansione territoriale di Italia e Serbia e si dice pronta a proteggere la Bulgaria Apis fonda la "Mano Nera". Transvaal I laburisti australiani assumono la direzione del governo federale In Italia si organizza l’Associazione nazionalista italiana Madero pubblica La suceción presidencial. Seconda crisi marocchina In Germania è varato il regolamento imperiale sulle leggi assicurative che estende la protezione sociale al ceto medio È concessa la Costituzione all’Alsazia-Lorena. l’associazione clandestina serba che mira alla costituzione della nazione slava Inghilterra: il governo vara l’assicurazione per malattia e disoccupazione Con il Parliament Act la Camera dei Lords perde il diritto di veto sulle questioni finanziarie. Per la prima volta un aeroplano. Natal. Si organizza in quattro “province”: Il Capo. Ma nel giugno Diaz lo fa arrestare. viene usato in guerra Italia: viene approvata la statalizzazione dell’istruzione elementare La lira fa aggio sull’oro La Francia occupa Fez in Marocco. instaurandovi un regime militare Per la prima volta un indiano entra a far parte del consiglio amministrativo del viceré Costituzione dell’Unione Sudafricana. riaggiudicandosi la carica. È introdotta l’imposta progressiva 105 Antonio Gambalonga . dichiara guerra alla Turchia per il possesso della nazione nordafricana che invade (sbarco italiano a Tripoli. Madero è scarcerato (ottobre) ed elabora il programma di San Luis Potosì In Germania fallisce il tentativo di riformare la legge elettorale prussiana per l’opposizione dei conservatori In Inghilterra Giorgio V diviene re 1911 L’Italia. candidandosi alla presidenza del Messico. l’imperatore tedesco Guglielmo II invia nella baia di Agadir la nave militare Panther. Orange. animata da una campagna nazionalista favorevole all’intervento in Libia.Il Novecento 1910 Nicola I prende il titolo di re del Montenegro Sommosse contadine in Cina: “rivolta del riso” a Changsha e moti rivoluzionari nello Shantung Il Giappone annette ufficialmente la Corea. pilotato dal capitano italiano Piazza.

ad esclusione del nord del paese. con una serie di limitazioni Pace di Losanna (ottobre) tra Turchia e Italia. VI conferenza del POSDR a Praga Il Montenegro dichiara guerra all’Impero Ottomano. Bulgaria. Inizia la prima guerra balcanica (ottobre) Germania: le elezioni sanciscono l’avanzata del Partito socialdemocratico che diventa il partito di maggioranza relativa alla Camera con 100 deputati Inghilterra: concessione dell’Home Rule (autogoverno) all’Irlanda. De la Barra viene nominato presidente provvisorio. Madero viene eletto capo dello Stato.Il Novecento In India viene revocato il decreto di spartizione del Bengala. vengono giustiziati parte dei suoi dirigenti. Inizia un periodo di reazione che si protrarrà fino al 1921 Il movimento rivoluzionario antimanciù. il cui centro è Belfast. Il partito socialdemocratico è sciolto dal governo. L’Impero ottomano riconosce la sovranità italiana in Libia Sotto la spinta della Russia viene creata la prima Lega balcanica (marzo) a cui aderiscono Serbia. trasferimento del governo centrale a Delhi. insurrezioni a Nanchino. Le provincie centro-meridionali si dichiarano indipendenti da Pechino. la Germania guadagna in cambio una parte del Congo francese Italia: la Camera decreta l’annessione della Libia (23 febbraio). sostenuto dal Kuomintang. si estende a tutta la Cina meridionale. Mussolini è direttore dell’Avanti! È introdotto il suffragio universale maschile. città moghul Nasce il settimanale nazionalista italiano “L’Idea Nazionale” Sciopero dei trasporti a Tokyo. Sun Yat-sen rientra dall’esilio e sbarca a Shanghai Messico: Diaz si dimette a maggio. Vengono occupate dodici isole dell’Egeo (Dodecanneso) Congresso socialista di Reggio Emilia: vittoria della sinistra intransigente. Grecia e Montenegro Sciopero minerario in Siberia. Nuove elezioni presidenziali a novembre. Vengono espulsi i riformisti di destra: Bissolati. Bonomi e Cabrini. In dicembre scoppia la rivolta contadina guidata da Emiliano Zapata 1912 Con la Convenzione di Fez viene istituito ufficialmente il protettorato francese sul Marocco. Shanghai e Canton. Grande sciopero dei minatori (sei settimane) per il minimo salariale Gli USA intervengono militarmente in Nicaragua Annessione USA del Nuovo Messico Rientra in India Nehru 106 Antonio Gambalonga .

La dinastia Manciù rinuncia al trono. in carica fino al 1921. iniziata nel 1868 Messico: la rivolta al nord di Orozco è sedata dall’esercito federale (marzo). Riorganizzazione del sistema bancario e abbassamento delle tariffe protezionistiche Messico: comincia la controrivoluzione (febbraio). L’impero ottomano perde quasi tutti i domini europei Seconda guerra balcanica (giugno). promosso da Giolitti Elezioni in Cina: larga maggioranza al Kuomintang (438 deputati). ma il nuovo presidente attua una controrivoluzione: esautora. il generale nazionalista Yuan Shih-K’ai diventa presidente della Repubblica al posto di Sun Yat-sen Muore l’imperatore giapponese Meiji. nipote dell’ex presidente (ottobre) Congresso straordinario dell’Internazionale socialista a Basilea (novembre) per fronteggiare il pericolo della guerra in Europa 1913 A Londra. Huerta diventa presidente. si firma la pace per i Balcani (maggio) che sancisce la sconfitta turca. È introdotta la leva triennale Italia: patto Gentiloni.Il Novecento Viene proclamata a Nanchino la Repubblica cinese. La Bulgaria attacca la Serbia.000 uomini La Turchia riforma l’esercito sotto la guida della Germania e allestisce la flotta con l’aiuto britannico Francia: Raymond Poincaré diventa presidente della Repubblica Clemenceau approva la politica revanscista dell’essere "pronti alla guerra". Fine dell’“era Meiji”. Il rivoluzionario Villa insorge contro Huerta 107 Antonio Gambalonga . Huerta si allea con Diaz e entra a Città del Messico. Fallisce a Veracruz un tentativo controrivoluzionario di Felix Diaz. con la mediazione inglese e tedesca. Sun Yat-sen diventa presidente provvisorio. che pone fine alla seconda guerra balcanica: la Bulgaria perde la Macedonia e la Dubrogia. accordo elettorale in funzione antisocialista tra cattolici e liberali moderati. scioglie il parlamento e mette in proscrizione il Kuomintang. Sun Yat-sen è costretto all’esilio Stati Uniti: presidenza di Woodrow Wilson. Madero rassegna le dimissioni e viene poco dopo assassinato. Montenegro e Turchia Pace di Bucarest (agosto). Creta passa sotto il controllo della Grecia e l’Albania diviene un principato autonomo La Germania impone nuove tasse per rafforzare l’esercito che è portato a 780. A fianco di quest’ultima si schierano Romania. La sua elezione segna il ritorno dei democratici alla Casa Bianca. Grecia.

Gli succede Benedetto XV Tregua concordata tra i partiti tedeschi (la socialdemocrazia conta tra i suoi iscritti ben 75. fonda il giornale Popolo d’Italia Enrico Corradini pubblica Il nazionalismo italiano Prima comunicazione telefonica senza fili ad opera di Guglielmo Marconi Morte di Pio X.Il Novecento 1914 Messico: truppe statunitensi occupano Veracruz nel tentativo di frenare la rivoluzione (aprile).000 donne) allo scoppio del conflitto mondiale. causa occasionale dell’esplosione della prima guerra mondiale (23 luglio) L’Austria-Ungheria invia al governo serbo un ultimatum di 48 ore. Formazione del governo Salandra. La Germania dichiara guerra alla Russia il 1 agosto. alla Francia il 3 agosto e inizia l’invasione del Belgio. mentre l’Italia proclama la propria neutralità (3 agosto) All’inizio della guerra gli USA si dichiarano neutrali (4 agosto) La Gran Bretagna. La Russia si schiera a difesa della Serbia in caso di attacco da parte dell’AustriaUngheria. Carranza assume l’autorità presidenziale Apertura del canale di Panama (15 agosto) L’Egitto diviene protettorato inglese Il leader nazionalista indiano Tilak è scarcerato Viene creato un corpo d’armata neozelandese-australiano Lenin si rifugia a Berna dove convoca un’assemblea bolscevica per impostare la strategia da tenere di fronte alla guerra (28 giugno) A Sarajevo viene assassinato l’arciduca d’Austria Francesco Ferdinando. in seguito all’invasione del Belgio. La Russia inizia la mobilitazione generale (30 luglio) Bombardamento austriaco di Belgrado Soltanto i partiti socialisti serbo e russo si rifiutano di votare i crediti di guerra Il 31 luglio Jean Jaurès è assassinato in Francia per le sue campagne pacifiste. dichiara guerra alla Germania (5 agosto) Il Montenegro dichiara guerra all’Austria-Ungheria 108 Antonio Gambalonga . Mussolini. L’Impero asburgico ritiene insufficiente la risposta serba all’ultimatum e dà inizio alla mobilitazione (28 luglio) L’Austria-Ungheria dichiara guerra alla Serbia. espulso dal PSI perché acceso interventista. La SFIO vince le elezioni Italia: dimissioni di Giolitti. Le armate rivoluzionarie costringono Huerta a dimettersi (luglio).

Il Novecento (6 agosto) L’Austria-Ungheria dichiara guerra alla Russia. I tedeschi sono bloccati davanti al passo di Calais Enciclica di Benedetto XV (Ad Beatissimi) sulla pace (1 novembre) (2-3 novembre) Russia. Francia e Russia si impegnano a Londra a non concludere accordi separati con gli Imperi centrali (6-13 settembre) Battaglia della Marna: i Tedeschi sono fermati e costretti a ritirarsi (9-14 settembre) Sconfitta russa nella battaglia dei Laghi Masuri in Prussia orientale La Turchia attacca la Russia (29 ottobre) (18 ottobre-15 novembre) Battaglia delle Fiandre. La Serbia dichiara guerra alla Germania La Cina si dichiara neutrale (8 agosto) Il Montenegro dichiara guerra alla Germania (agosto) Alleanza difensiva tedesco-turca (12 agosto) Francia e Inghilterra dichiarano guerra all’Austria-Ungheria (14-25 agosto) Scontri lungo le frontiere (16 agosto) I Tedeschi avanzano in Belgio e conquistano la fortezza di Liegi (20 agosto) Capitolazione di Bruxelles Il Giappone dichiara guerra alla Germania il 23 agosto e all’Austria-Ungheria il 25 agosto (26-29 agosto) I Russi sono sconfitti dai Tedeschi nella battaglia di Tannenberg nella Prussia orientale (28 agosto) L’Austria-Ungheria dichiara guerra al Belgio (3 settembre) I Russi entrano a Leopoli in Polonia (4 settembre) I Tedeschi sono a pochi chilometri da Parigi (5 settembre) Gran Bretagna. Francia e Gran Bretagna dichiarano guerra alla Turchia (8 dicembre) Sconfitta navale tedesca nella battaglia delle Falkland 1915 Rientra in India dal Sudafrica Ghandi “21 richieste” del Giappone alla Cina Gli Stati Uniti riconoscono Carranza come presidente del Messico (24 gennaio) Battaglia navale del Dogger Bank (Mare del Nord) e sconfitta dei Tedeschi (7-21 febbraio) Nuova sconfitta russa presso i Laghi Masuri 109 Antonio Gambalonga . Serbia.

65 e largo 3. pesa 25 tonnellate. Il carro armato Mark I è chiamato in gergo tank (serbatoio) per disorientare lo spionaggio tedesco.000 i morti (25 aprile) Sbarco degli anglo-francesi presso Gallipoli. lungo 9.200 morti tra i quali molti cittadini americani (maggio-giugno) Offensiva anglo-francese nell’Artois (24 maggio) L’Italia entra in guerra Il partito socialista italiano si attesta sulla linea “né aderire. con una velocità massima di 6 Km/h.Il Novecento (16 febbraio) Offensiva francese nella Champagne (17 febbraio) Prima e fallimentare sperimentazione del carro armato da parte degli Inglesi. Un nubifragio rende impossibile ogni manovra. né sabotare” (2 giugno) I Tedeschi riconquistano Przemysl (22 giugno) Gli Austriaci riprendono Leopoli (23 giugno-3 agosto) Prima e seconda battaglia dell’Isonzo (1 e 5 agosto) I Tedeschi prendono Lublino e Varsavia (5 e 18 settembre) I Tedeschi conquistano Grodno e Vilnius (25 settembre) Offensive anglo-francesi nella Champagne e nell’Artois La Bulgaria entra in guerra a fianco degli Imperi Centrali (5-6 ootobre) Sbarco delle forze dell’Intesa a Salonicco.5 metri.75. Si tratta di un mezzo a forma di rombo. la Grecia mantiene la neutralità (6 ottobre) La forze degli Imperi Centrali invadono la Serbia (ottobre-novembre) Terza e quarta battaglia dell’Isonzo (2 dicembre) Joffre comandante in capo dell’esercito francese 110 Antonio Gambalonga . Oltre 1. L’equipaggio è composto da 8 soldati con 6 mitragliatrici (febbraio) Inizia la guerra sottomarina tedesca (19 febbraio) Forze navali anglo-francesi attaccano i porti turchi nello stretto dei Dardanelli (22 marzo) I Russi conquistano Przemysl nei Carpazi (22 aprile) Primo atto della guerra chimica moderna: i Tedeschi fanno uso di gas asfissianti contro i Francesi su un tratto di fronte nella regione di Ypres in Belgio: 5. Dardanelli Secondo attacco chimico dei tedeschi presso Ypres contro un contingente canadese (26 aprile) Patto di Londra tra l’Intesa e l’Italia (2 maggio) Offensiva tedesca in Galizia (maggio-dicembre) Massacri e deportazioni degli armeni in Turchia Il transatlantico Lusitania viene colato a picco da un sommergibile tedesco. è alto 2.

ottava e nona battaglia dell’Isonzo (ottobre) Ammutinamenti a Pietrogrado e nella flotta russa del Baltico (16 ottobre) Le forze dell’Intesa occupano Atene (21 ottobre) Viene ucciso il primo ministro austriaco Stürgkh (7 novembre) Wilson rieletto presidente degli Stati Uniti Il 21 novembre muore a Vienna l’imperatore Francesco Giuseppe. "Strafexpedition" (31 maggio/1 giugno) Battaglia navale al largo della penisola dello Jutland (2 giugno) Seconda battaglia di Ypres (4 giugno) Offensiva austriaca in Galizia (16 giugno) Controffensiva italiana sull’altopiano di Asiago (24 giugno-26 novembre) Battaglia della Somme. dove gli inglesi usano per la prima volta il carro armato. I capi della United Irish League sono arrestati. Legge marziale a Dublino (29 aprile) Le truppe inglesi si arrendono ai Turchi in Mesopotamia (primo maggio) Dimostrazioni contro la guerra a Berlino (15 maggio) Offensiva austriaca sugli altipiani. Gli succede il pronipote Carlo I 111 Antonio Gambalonga .Il Novecento 1916 Francia e Gran Bretagna si accordano per spartirsi le ex-colonie tedesche del Togo e del Camerun Coscrizione obbligatoria in Gran Bretagna Indù e musulmani stringono il Patto di Lucknow e chiedono insieme l’autonomia dell’India (gennaio) Gli Zeppelin tedeschi effettuano un bombardamento su Parigi e su alcune città inglesi (9 gennaio) Evacuazione del corpo di spedizione alleato da Gallipoli (19 gennaio) Offensiva russa in Galizia (21 febbraio) Inizio dell’attacco tedesco a Verdun (9 marzo) Stato di guerra tra Germania e Portogallo (11-19 marzo) Quinta battaglia dell’Isonzo (18 marzo) Offensiva russa del lago Naroc (marzo) La sinistra socialista tedesca fonda lo Spartakusbund Irlanda: rivolta di Pasqua. Gli Italiani prendono Gorizia La Romania dichiara guerra all’Austria-Ungheria (27 agosto) L’Italia dichiara guerra alla Germania (29 agosto) Von Hindenburg subentra a von Falkenhayn come capo di Stato maggiore dell’esercito tedesco (settembre-novembre) Settima. Nel corso della guerra gli alleati costruiranno 7000 carri armati (agosto) Sesta battaglia dell’Isonzo.

Si forma un governo provvisorio. Lo Zar Nicola II abdica e viene arrestato con la famiglia. (6 aprile) Dichiarazione di guerra degli USA alla Germania Rottura delle relazioni tra Brasile e Germania (9 aprile) Offensiva inglese nell’Artois (12 aprile-6 giugno) Decima battaglia dell’Isonzo (29 aprile) Pétain capo di Stato Maggiore dell’esercito francese Sbarca in Francia il primo contingente statunitense (giugno) La Grecia dichiara guerra agli Imperi Centrali (1° luglio) Offensiva russa in Galizia e Bucovina (19 luglio) Controffensiva degli Imperi Centrali in Russia Patto di Corfù per la costituzione di uno Stato jugoslavo (31 luglio) Offensiva inglese nelle Fiandre. con il permesso tedesco.Il Novecento (6 dicembre) Lloyd George diventa primo ministro britannico (6 dicembre) I Tedeschi occupano Bucarest (12 dicembre) Offerta di pace degli imperi centrali all’Intesa (13 dicembre) Nivelle subentra a Joffre come comandante in capo dell’esercito francese (29 dicembre) Assassinio di Rasputin 1917 (gennaio) Rivolta araba. terza battaglia di Ypres (1° agosto) Papa Benedetto XV si appella ai governi perché mettano fine all’"inutile strage" (18 agosto-12 settembre) Undicesima battaglia dell’Isonzo. Gli Italiani sono sconfitti a Caporetto (27-31 ottobre) La ritirata italiana raggiunge il fiume Tagliamento. Feisal muove contro la Turchia (1 febbraio) La Germania dichiara la guerra sottomarina a oltranza (3 febbraio) Rottura delle relazioni diplomatiche tra Germania e USA (8 marzo. I soviet 112 Antonio Gambalonga . Il generale Diaz sostituisce Cadorna come capo di Stato Maggiore dell’Esercito (7 novembre per il calendario russo) Scoppia la rivoluzione di ottobre. in un vagone piombato. in aprile. 23 febbraio secondo il calendario russo) Russia: a Pietroburgo scoppia la rivoluzione russa di febbraio. in seguito si arresta sulla linea Grappa-Montello-Piave. torna in Russia dall’esilio. Gli Italiani conquistano l’altopiano della Bainsizza (14 agosto) La Cina si schiera a fianco dell’Intesa (3 settembre) I Tedeschi prendono Riga (24 ottobre) Dodicesima battaglia dell’Isonzo. Lenin.

gli Austriaci sono respinti (15-26 luglio) Seconda battaglia della Marna Prima Costituzione della Repubblica socialista sovietica russa (agosto) Reparti dell’Intesa sbarcano in Russia per appoggiare le forze antisovietiche (8 agosto) Inizia la battaglia di Amiens.Il Novecento si impadroniscono del potere. presieduto da Lenin e di cui fanno parte Trotskij e Stalin (2 novembre) Dichiarazione Balfour a favore di uno Stato ebraico in Palestina (9 novembre) Clemenceau primo ministro francese (10-26 novembre) Attacchi austro-tedeschi sull’altopiano di Asiago. Lituania. sul Grappa e sul Piave (7 dicembre) Gli USA dichiarano guerra all’Austria-Ungheria (15 dicembre) Armistizio di Brest-Litovsk tra Russia e Germania Il governo rivoluzionario russo riconosce l’indipendenza della Finlandia I carri armati vengono usati massicciamente dall’Intesa 1918 Lo smembramento dell’Impero russo favorisce la creazione di nuovi Stati: Polonia.6 aprile) Offensiva tedesca sulla Somme (26 marzo) Il generale francese Foch assume la guida del Comando supremo delle forze alleate (8 maggio) Trattato di pace di Bucarest tra Romania e Imperi Centrali (27 maggio) Offensiva tedesca sull’Aisne Guerra civile in Russia (15-23 giugno) Battaglia del Piave. Lettonia e Repubblica di Finlandia (3 gennaio) Il presidente degli USA Wilson illustra i suoi 14 punti per la pace mondiale (27-29 gennaio) Controffensiva italiana sugli altipiani (3 marzo) Trattato di pace di Brest-Litovsk tra Imperi Centrali e Russia rivoluzionaria (8 marzo) Trattato di pace tra Germania e Finlandia (21 marzo . in cui l’apporto di 400 carri armati è decisivo per infliggere ai tedeschi la più dura sconfitta nel corso della guerra (settembre) I Turchi sono sconfitti in Palestina (26 settembre) Offensiva generale alleata sul fronte occidentale (29 settembre) Armistizio tra la Bulgaria e l’Intesa (1ottobre) Truppe arabe guidate dal re Faysal e dal colonnello Lawrence entrano a Damasco 113 Antonio Gambalonga . che viene affidato al Consiglio dei commissari del popolo. Estonia.

ma l’Ungheria si dichiara indipendente (20 ottobre) Wilson esige il riconoscimento dell’autonomia dei popoli dell’area danubiana (24-30 ottobre) Battaglia di Vittorio Veneto sul fronte italiano (28 ottobre) La Repubblica Cecoslovacca si dichiara indipendente (29 ottobre) Nasce la Jugoslavia (29 ottobre) Ammutinamenti nella flotta tedesca (30-31 ottobre) La Turchia firma l’armistizio (novembre) Reparti italiani entrano a Trento e Trieste. Sotto la direzione di De Valera viene proclamata a Dublino dai deputati del Sinn Fein la Repubblica d’Irlanda (2-6 marzo) Fondazione della Terza Internazionale 114 Antonio Gambalonga . Il governo tedesco propone l’armistizio a Wilson (11 novembre) Armistizio tra la Germania e l’Intesa presso Rethondes (12 novembre) Proclamazione della Repubblica Austriaca (14 novembre) Proclamazione della Repubblica Cecoslovacca (16 novembre) Proclamazione della Repubblica Ungherese (21 novembre) Sbarco interalleato a Costantinopoli Rottura delle relazioni diplomatiche fra USA e Russia sovietica (primo dicembre) Proclamazione del regno serbo-croato-sloveno Inghilterra: è concesso il suffragio universale maschile e parzialmente il voto alle donne 1919 (5 gennaio) Costituzione del Deutsche Arbeitpartei a Monaco (gennaio) Insurrezione spartachista a Berlino. L’armistizio tra l’Italia e l’Austria-Ungheria a Villa Giusti segna il crollo definitivo dell’Impero asburgico (4 novembre) Movimenti rivoluzionari in Germania (6 novembre) Proclamazione della Repubblica Polacca (7 novembre) proclamazione della Repubblica Bavarese (9 novembre) Guglielmo II abdica. Nasce a Berlino la Repubblica Tedesca. Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht sono uccisi L’Unione Sudafricana ottiene un mandato sull’Africa del Sud-Ovest Il Ruanda-Burundi torna al Belgio e il distretto di Kionga al Portogallo Il Giappone ottiene i territori cinesi sottratti ai tedeschi (26 gennaio) Michael Collins fonda l’IRA. l’Esercito repubblicano irlandese.Il Novecento (ottobre) Vittoria alleata sulla linea Hindenburg (17 ottobre) L’imperatore Carlo I propone ai popoli un impero federale.

abbandona la Conferenza di pace di Versailles in seguito ai disaccordi sulla “questione di Fiume” (giugno-agosto) Moti contro il caroviveri in Italia. Il generale Miklos Horthy costringe Bela Kun alla fuga (agosto) (11 agosto) Costituzione della Repubblica di Weimar Approvazione dello Statuto della Società delle Nazioni In Portogallo colpo di Stato del generale Sidonio.Il Novecento (18 gennaio) Si apre a Versailles la Conferenza di Pace. guidata da Vittorio Emanuele Orlando e da Sidney Sonnino. sono presenti solo le potenze vincitrici Le condizioni del trattato sono rimesse alla delegazione tedesca. Movimenti contadini e occupazioni delle terre in tutta la penisola (12 settembre) Il poeta e agitatore politico nazionalista Gabriele D’Annunzio alla guida di un gruppo di volontari occupa la città di Fiume e ne assume il potere politico (è la cosiddetta “reggenza del Carnaro”) In Polonia viene nominato presidente provvisorio il generale Pilsudski In Ungheria si costituisce un governo rivoluzionario di soviet guidato da Bela Kun (marzo). che tenta di ottenere condizioni meno dure Gli Alleati minacciano di marciare in territorio tedesco (28 giugno) Accettazione del trattato da parte tedesca (10 settembre) Firma del trattato di pace con l’Austria a St. proclamato re di Siria dal Congresso nazionale. il quale viene ucciso dopo solo un mese di gestione del potere In Austria si svolgono le elezioni per l’Assemblea costituente e viene eletto cancelliere il giurista Karl Renner Nasce dall’unione di alcune organizzazioni di estrema destra il Partito operaio tedesco Adolf Hitler aderisce al Partito operaio tedesco In Francia le elezioni politiche vengono vinte dal Bloc National e viene riconfermato nella carica di primo ministro Poincaré Un colpo di Stato porta alla presidenza del Perù Augusto Leguia Le truppe americane sbarcano in Honduras Truppe USA sbarcano in Costa Rica e appoggiano l’elezione alla presidenza di Acosta Garcia Nasce il Movimento nazionale turco sotto la guida del generale Mustafa Kemal L’emiro Feisal. Germaine en Laye (27 novembre) Firma del trattato di pace con la Bulgaria a Neuilly (gennaio) Fondazione del Partito popolare italiano (23 marzo) Benito Mussolini fonda a Milano i Fasci italiani di combattimento Prima impresa squadristica dei fascisti: viene incendiata la sede del quotidiano socialista Avanti! La delegazione italiana. è costretto a 115 Antonio Gambalonga .

200 feriti Il Congresso indiano respinge le riforme introdotte dagli inglesi e prosegue la campagna di non collaborazione guidata da Gandhi Il leader nazionalista dell’Indocina Ho Chi Min presenta alla Conferenza di Versailles un documento in cui rivendica l’indipendenza In Cina scoppiano le agitazioni nazionaliste con il “movimento 4 maggio” a seguito delle notizie giunte da Versailles sulla cessione al Giappone dello Shantung . Sconfitta di Wilson e tendenza all’isolazionismo Occupazione delle fabbriche nel nord Italia.Il Novecento lasciare il paese dopo l’assegnazione alla Francia del mandato su tutta la Siria Istituzione del Mandato britannico sulla Mesopotamia In Sudafrica prende il potere il Partito del popolo di Botha e Smuths In Egitto scoppia un’insurrezione nazionalista (Wafd) contro gli inglesi A seguito delle agitazioni nazionaliste in India il governo britannico promulga il Rowland Act con cui instaura un regime di tipo marziale Il movimento indipendentista indiano guidato da Gandhi avvia una grande campagna di disobbedienza civile Ad Amristan. gli 116 Antonio Gambalonga .La delegazione cinese a Versailles rifiuta di firmare i trattati di pace 1920 (19 marzo) Il Senato americano respinge il trattato di Versailles. e quest’ultima rinuncia a Fiume che diventa "città libera". Uno sciopero generale salva la Repubblica Hitler assume la guida del Partito operaio tedesco e gli cambia il nome in Partito nazionalsocialista dei lavoratori tedeschi (gennaio-settembre) In Francia diventa primo ministro Alexandre Millerand. in India. Il governo di Giolitti mantiene un atteggiamento “neutrale” Con il trattato di Rapallo l’Italia rinuncia alla costa dalmata (tranne Istria e Zara) in favore della Jugoslavia. Gli USA rimangono estranei La Liberia primo stato africano nella Società delle Nazioni (13-17 marzo) Putsch di Kapp a Berlino. Horthy è reggente e instaura un regime autoritario (6 maggio) I Polacchi invadono l’Ucraina e occupano Kiev (4 giugno) Firma del trattato di pace con l’Ungheria al Trianon Entra in vigore il patto della Società delle Nazioni. ispirato da Antonio Gramsci e dal gruppo di "Ordine nuovo". (febbraio-settembre) Viene eletto presidente della Repubblica Paul Deschanel. le truppe inglesi sparano sulla folla che manifesta. (novembre) L’esercito italiano fa sgomberare D’Annunzio e i suoi legionari L’Ungheria viene proclamata Regno con “trono vacante”. 1. È un massacro: 379 morti. guidata dal movimento dei consigli.

Nasce il Partito comunista francese La Gran Bretagna è costretta. a riconoscere l’autonomia dell’Irlanda e l’indipendenza dell’Iraq sotto Feisal In Messico una rivolta porta al potere Obregòn mentre il presidente in carica Carranza viene ucciso A sei anni dalla inaugurazione dei lavori viene aperto al traffico il canale di Panama In Argentina viene destituito il presidente Hipolito Hirigoyen.Il Novecento succede Millerand (presidente fino al 1924). ricacciato dall’esercito ungherese Scioperi di minatori e di altre categorie del lavoro in Inghilterra (6 dicembre) Trattato di Londra: istituzione dello Stato libero d’Irlanda da cui è escluso l’Ulster L’intervento militare americano seda il conflitto sorto tra Panama e Costa Rica A Cuba viene eletto presidente Alfredo Zayas Un colpo di Stato in Guatemala fa fallire il progetto di Federazione dell’America Centrale tra lo stesso Guatemala. l’Honduras. al suo posto sale il dittatore Josè Uriburu In Cile diventa presidente il liberale Arturo Alessandri (1-5 settembre) Congresso dei popoli d’Oriente a Baku (1° ottobre) Costituzione della Repubblica austriaca Trattato di pace di Sèvres tra il sultano turco Mohammed VI e i vincitori del primo conflitto mondiale. il Costa Rica ed El Salvador Proclamazione dell’emiro Feisal a re dell’Iraq Abdallah ibn Hussein diventa emiro di Transgiordania 117 Antonio Gambalonga . dopo scontri sanguinosi. La Turchia viene spartita Istituzione del Mandato britannico sulla Palestina (26 luglio) USA: concessione del diritto di voto alle donne 1921 Al XVII congresso del Partito socialista italiano che si tiene a Livorno avviene una scissione che dà vita al Partito comunista d’Italia. Lo guidano Antonio Gramsci. Amadeo Bordiga e Angelo Tasca Italia: alle elezioni politiche anticipate buona affermazione dei partiti popolari ma anche primo ingresso nel parlamento dei fascisti Al congresso di Roma Benito Mussolini trasforma il “movimento dei fasci” nel Partito nazionale fascista (PNF) In Jugoslavia viene varata una nuova costituzione che sottolinea il carattere unitario del paese. Alessandro II re dello Stato jugoslavo Tentativo dell’ex imperatore austro-ungherese Carlo d’Asburgo di conquistare Budapest.

dopo la dimostrazione di debolezza sia del governo Facta che del re Vittorio Emanuele III. dopo l’ennesima spedizione punitiva dei fascisti. Viene abolito il sultanato 1923 118 Mussolini istituisce il Gran consiglio del fascismo e istituzionalizza lo Antonio Gambalonga .Il Novecento Offensiva greca contro la Turchia Nuova campagna di disobbedienza civile in India in occasione della visita del principe del galles. il leader nazionalista indiano Gandhi sospende la campagna di disobbedienza civile. viene proclamato lo sciopero generale. I fascisti rispondono intensificando le loro violenze Il Partito nazionale fascista promuove la "Marcia su Roma" e. (3 aprile) Stalin diviene segretario generale del partito comunista. (dicembre) Nasce l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche Viene assassinato da terroristi di estrema destra il ministro degli Esteri tedesco Walter Rathenau Il parlamento irlandese proclama la nascita dell’EIRE In Gran Bretagna vincono le elezioni politiche i conservatori. Il Partito del Congresso conferisce a Gandhi poteri assoluti I rivoluzionari vietnamiti attaccano la guarnigione francese del Tonchino Nasce il Partito comunista cinese. gli succede Pio XI In Italia. tra i suoi dirigenti si evidenzia Mao Tse-tung Terzo congresso del Comintern 1922 (22 gennaio) Morte di Benedetto XV. Mussolini assume l’incarico di presidente del Consiglio. Mandato della Società delle Nazioni all’Inghilterra sulla Palestina Lenin colpito da emiplegia. Le autorità britanniche arrestano Gandhi In Cina il generale Chen Ch’iun-ming si impadronisce del governo di Canton e Sun Yat-Sen è costretto a fuggire a Shanghai Turchia: Mustafa Kemal al potere. Lloyd George deve cedere il posto di primo ministro a Bonar Law poi sostituito per ragioni di salute dal collega di partito Stanley Baldwin Inizia l’evacuazione delle truppe USA dalla Repubblica Dominicana La Gran Bretagna riconosce all’Egitto lo status di Regno indipendente Diventa re dell’Egitto Fuad I A seguito degli incidenti di Chauri Chauri. Si avvia la costruzione del regime dittatoriale fascista La Società delle nazioni interviene a favore dell’Austria per risolvere la grave crisi economica.

Hitler viene arrestato. Viene firmato il primo trattato di cooperazione In Messico fallisce il tentativo di rivolta comandata dal generale Huerta (24 luglio) Pace di Losanna. (30 novembre) Governo di centro in Germania Le truppe francesi e belghe invadono la Ruhr. I tedeschi rispondono con la resistenza passiva Conferenza panamericana a Santiago. La “lista nazionale” egemonizzata dai fascisti ottiene la maggioranza con il 65% dei voti 119 Antonio Gambalonga . con l’appoggio dell’esercito. L’Italia annette Fiume Si svolgono in Italia le elezioni politiche in un clima di violenza.Il Novecento squadrismo con la creazione della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale (MVSN) Il parlamento italiano approva una nuova legge elettorale (legge Acerbo) che concede i due terzi dei seggi alla lista che ottiene la maggioranza relativa (11 luglio) Sturzo si dimette da segretario del Ppi (31 agosto-29 settembre) L’Italia occupa Corfù (9 giugno) In Bulgaria si forma il regime autoritario di Zankow a seguito di un colpo di Stato militare e dell’uccisione del primo ministro Stambolijski. (settembre) Fallisce un’insurrezione comunista (settembre) In Spagna si instaura il regime clerico-militare del generale Primo de Rivera (novembre) Tentativo di colpo di Stato di Hitler e Ludendorff a Monaco (putsch della birreria). limiti alla sovranità turca sugli stretti. Viene proclamato lo stato d’assedio in Baviera e il governo. Indipendenza della Turchia. riesce a prevalere. (29-30 ottobre) Proclamazione della Repubblica turca con presidente Mustafa Kemal Separazione della Transgiordania dalla Palestina Si costituisce la Legione Araba sotto la guida del generale inglese Glubb Pascià Sun Yat-Sen riconquista il governo di Canton Il Partito comunista cinese approva l’alleanza con il Kuomintang (10 marzo) Stalin succede a Lenin (20 luglio) Pancho Villa viene assassinato Voto alle donne nei Paesi Bassi (dicembre) In Gran Bretagna le elezioni politiche vengono vinte dai laburisti 1924 (21 gennaio) Morte di Lenin (22 gennaio) Gran Bretagna: alla guida del governo si insedia James Ramsay MacDonald (gennaio) Trattato di Roma.

diventa primo ministro Baldwin (marzo) In Francia le elezioni politiche vedono la vittoria delle sinistre. alla morte di Ebert viene eletto presidente della 120 Antonio Gambalonga . Gentile e Croce. Per un periodo abbandona l’attività politica 1925 Il presidente del Consiglio italiano Mussolini in un discorso alla Camera assume tutte le responsabilità della violenza fascista. Questi è costretto ad abdicare In Sudafrica prende il potere il Partito nazionalista di Hertzog Primo congresso nazionale del partito nazionalista cinese (Kuomintang) che approva l’alleanza con l’URSS e con i comunisti. Guerra civile in Cina Repubblica popolare di Mongolia Gandhi viene scarcerato a causa delle sue condizioni di salute precarie. dopo alcune settimane di grande tensione il suo corpo senza vita viene ritrovato nei pressi di Roma I deputati dell’opposizione antifascista abbandonano l’aula parlamentare e danno vita alla secessione dell’Aventino. In questa occasione il capo del governo inasprisce le leggi repressive (1° maggio) Costituzione dell’Opera Nazionale Dopolavoro Manifesti “degli intellettuali italiani”. vinte dai conservatori.Il Novecento (10 giugno) Il deputato socialista riformista Giacomo Matteotti denuncia alla Camera i brogli elettorali e le violenze fasciste Giacomo Matteotti viene rapito a Roma. Il Presidente Millerand viene sostituito con Gaston Doumergue. sfida sul piano della forza le deboli forze democratiche e dà avvio alla costruzione della dittaura L’ex deputato socialista Tito Zaniboni fallisce un attentato contro Mussolini. Primo ministro è nominato Edouard Herriot Grecia: proclamazione della Repubblica Si conclude l’evacuazione delle truppe americane dalla Repubblica Dominicana dove viene eletto presidente Horacio Vasquez In Messico Elias Calles prende il posto di Obregòn alla presidenza della Repubblica In Honduras viene assassinato il presidente Lopez Gutierrez che aveva tentato di instaurare una dittatura personale In Arabia scontro tra Ibn Saud e Hussein. Il governo fascista vive un momento di grave crisi Il leader dell’estrema destra tedesca Adolf Hitler scrive in carcere il Mein Kampf dove formula il suo delirante programma politico (ottobre) Nuove elezioni politiche in Gran Bretagna. pro e contro il fascismo In Albania Achmed Zogu assume la presidenza della Repubblica con ampi poteri (26 aprile) In Germania.

l’istituzione di un Tribunale speciale per la difesa dello Stato. lo scioglimento dei partiti politici. Iniziata nel Gebel Druso si estende anche a Damasco che viene bombardata dall’aviazione francese Proclamazione della Repubblica del Libano Il re dell’Iraq Feisal fonda una monarchia costituzionale In Arabia il figlio di Hussein. la chiusura della stampa d’opposizione. Viene istituito il Ministero delle Corporazioni. è reintrodotta la pena di morte In Polonia colpo di Stato del generale Pilsudski che gli garantisce definitivamente il potere dittatoriale In Portogallo colpo di Stato guidato dal generale Gomez da Costa che prepara l’ascesa al potere dittatoriale del maresciallo Antonio Carmona In Lituania assumono il potere con un colpo di Stato Smetona-Voldemaras 121 Antonio Gambalonga . la Magistratura del lavoro e abolito il diritto di sciopero.Il Novecento Repubblica il feldmaresciallo von Hindenburg Cade in Francia il governo Herriot. Alì. Briand. Seguono una serie di governi instabili e di breve durata (Painlevé. Briand-Caillaux e di nuovo Herriot) Viene nominato primo ministro francese Aristide Briand La Francia vive un grave momento di crisi economica con la moneta nazionale in netta discesa L’intervento americano porta al potere in Honduras Miguel Paz Barahona Viene eletto presidente a Cuba Gerardo Machado che instaura una dittatura In Cile il presidente Arturo Alessandri viene sostituito da Emiliano Figueroa In Turchia vengono soppresse tutte le confraternite religiose mussulmane In Siria scoppia una rivolta per l’indipendenza. Sun Yat-Sen muore gli succede alla guida del Kuomintang Chiang Kai-Shek (16 ottobre) Patto di Locarno 1926 In Italia vengono approvate le cosiddette “leggi fascistissime” che prevedono la decadenza dei parlamentari aventiniani. rinuncia al regno e lascia il paese Il capo cosacco Reza Kahn diventa scià di Persia con il nome di Reza Shah Pahlevi e avvia un programma di riforme politiche e sociali In Marocco scoppia la rivolta dei cabili del Riff guidata da Abd el-Krim In Indocina i francesi arrestano Phan-Boi-Chau fondatore della Lega per la restaurazione del Vietnam Il leader vietnamita Ho Chi Min fonda l’Associazione della gioventù rivoluzionaria In Cina Sun Yat-Sen si reca a Pechino per tentare una mediazione tra il suo governo di Canton e il governo del Nord.

due regioni che formeranno l’Arabia saudita In Marocco Abd el-Krim è costretto alla resa senza condizioni. Trotskij. Viene imposta l’elezione di Adolfo Diaz. Le loro rivendicazioni non vengono accettate e il governo conservatore adotta alcune limitazioni delle libertà sindacali In Nicaragua Augusto Sandino guida una rivolta popolare che viene repressa dall’intervento militare degli USA. vittoria di Stalin. suoi vecchi alleati Chiang Kai-Shek inizia la campagna per la conquista del Nord della Cina 1927 In Italia viene pubblicata la “Carta del lavoro” che promuove l’ordinamento corporativo del fascismo Viene istituita in Austria una forza di polizia filofascista. Scoppia una rivolta operaia a Nachang in Cina: si forma il primo nucleo dell’esercito popolare comunista I comunisti cinesi tentano un’insurrezione a Canton ma vengono subito repressi dalle truppe nazionaliste 122 Antonio Gambalonga . Al ministero degli Esteri siede Briand Sciopero dei minatori in Inghilterra. la Heimwehr URSS: XV congresso del partito comunista. Spagna e Francia si dividono il paese in zone di influenza Il leader nazionalista cinese Chiang Kai-Shek proclama la legge marziale e fa arrestare i dirigenti comunisti.Il Novecento La Germania entra nella Società delle nazioni Torna al potere in Francia Poincaré che avvia una politica di risanamento economico alla guida di un governo di unità nazionale. Zinoviev e Kamenev sono estromessi dal partito In Romania muore il re Ferdinando. gli succede il nipote Michele In Cile il presidente Emiliano Figueroa viene scalzato da Carlos Ibanez che instaura una dittatura personale Viene fondato ad Hanoi il partito nazionalista vietnamita e in tutta l’Indocina si diffondono i partiti comunisti I nazionalisti cinesi di Chiang Kai-Shek conquistano Nanchino nella loro marcia verso il Nord Chiang Kai-Shek conquista Shangai e compie il massacro degli operai comunisti. Scoppia una guerra civile che si protrae fino al 1934 Ibn Saud è proclamato re del Higiaz e del Nagd.

l’insegnamento della religione cattolica viene reso obbligatorio in tutte le scuole 24 marzo in Italia: plebiscito fascista 123 Antonio Gambalonga . in caso di contrasti reciproci In Messico viene eletto nuovamente presidente Obregòn ma poco dopo egli è vittima di un omicidio. In seguito confluirà nel Partito del congresso In Cina si organizza l’armata rivoluzionaria guidata da Mao Tze-Tung Chiang Kai-Shek conquista Pechino e diventa padrone della Cina centrosettentrionale 1929 Benito Mussolini e il cardinale Gasparri firmano i Patti lateranensi che pongono fine al conflitto tra Stato e Chiesa. di ispirazione socialista.Il Novecento 1928 (4 giugno) Il Tribunale speciale del regime fascista condanna Antonio Gramsci. Al ministero degli Esteri c’è Stresemann Herbert Hoover eletto presidente USA Stati Uniti e Francia firmano un patto che prevede la rinuncia alla guerra (Patto Briand-Kellog). leader del Partito comunista d’Italia In Portogallo il maresciallo Antonio Carmona si fa eleggere presidente (1° settembre) In Albania il presidente della Repubblica Zogu si fa eleggere re Alle elezioni politiche tedesche le sinistre ottengono un ampio successo. Gli succede Emilio Portes In Turchia vengono eliminate tutte le formule religiose dalla Costituzione. Nasce lo Stato della Città del Vaticano. Viene accolta la giurisdizione arbitrale vincolante per tutti gli Stati. Viene inoltre introdotto l’alfabeto latino e vietato l’uso della scrittura araba Il re dell’Egitto Fuad I scioglie il parlamento e instaura una dittatura personale In Etiopia il ras Tafari Makonnen (futuro Hailé Selassié) assume il titolo di negus neghesti (re dei re) In India si svolgono scioperi guidati dal Partito comunista Sri Javaharlal Nehru fonda la Lega per l’indipendenza dell’India. Diventa cancelliere il socialdemocratico Muller alla guida di una coalizione di centro-destra. In seguito aderiscono al patto numerose potenze Svalutazione del franco In Gran Bretagna la riforma del sistema elettorale concede il diritto di voto a tutte le donne (27 agosto) Patto Briand-Kellog di rinunzia alla guerra VI Conferenza panamericana all’Avana.

che avviene solo nel 1934 Tafari Makonnen viene incoronato re dell’Etiopia con il nome di Hailé Selassié I .L’Egitto e la Gran Bretagna firmano un accordo che limita la presenza delle truppe inglesi nella sola zona del canale di Suez 1930 Spagna: dimissioni di Primo de Rivera In Romania si instaura il governo personale del re Carol II che prende il posto del figlio Michele In Germania diventa cancelliere il cattolico Heinrich Brüning che può avvalersi dei poteri straordinari concessi da un articolo della Costituzione Alle elezioni tedesche grande successo del Partito nazionalsocialista di Hitler (107 deputati) e buona affermazione del Partito comunista Viene eletto presidente della Repubblica messicana Elias Calles che frena la politica di riforme Nella Repubblica Dominicana una rivolta porta al potere Rafael Leonidas Trujillo che instaura una dittatura In Brasile scoppia una rivolta contro il presidente Pereira. seguono governi di breve durata tutti caratterizzati dalla presenza di Briand al ministero degli Esteri Inizia in Francia la costruzione della Linea Maginot sul fronte orientale In Gran Bretagna tornano al potere i laburisti con MacDonald (24 ottobre) Crollo della borsa di New York Piano Young per la rateizzazione delle riparazioni tedesche In Messico viene promulgato lo statuto dei lavoratori che sancisce il diritto di sciopero e stabilisce i salari minimi Ad Haiti scoppia una rivolta contro le truppe americane presenti nel paese. Gandhi. prende il suo posto il colonnello Sanchez Cherro Dopo il rifiuto da parte inglese di concedere lo status di Dominion all’India. già governatore della provincia del Rio Grande e leader dell’Alleanza liberale In Perù viene rovesciato il presidente Leguia.Il Novecento In Jugoslavia il re Alessandro I compie un colpo di Stato e assume poteri dittatoriali In Germania si dimettono i ministri delle finanze Hilferding e Schact a seguito della crisi economica -Il primo ministro francese Poincaré si dimette per ragioni di salute. Prende il potere Getulio Vargas. tornato alla politica attiva. lancia un’altra campagna di disobbedienza 124 Antonio Gambalonga . Il presidente Stenio Vincent avvia una trattativa per il ritiro dei militari stranieri.

Il Novecento La marcia del sale: gli indiani violano la legge sul monopolio del sale e boicottano la tassa Gandhi viene nuovamente arrestato Ho Chi Min unifica i vari partiti comunisti nel Partito comunista vietnamita, poi indocinese. In tutta la regione scoppiano rivolte e si svolgono scioperi In Cina fallisce la prima offensiva rivoluzionaria dell’esercito popolare comunista

1931
Il regime fascista promulga un decreto legge che impone tra l’altro il giuramento di fedeltà ai professori universitari (15 maggio/29 giugno) Encicliche Quadragesimo anno e Non abbiamo bisogno di papa Pio XI In Spagna vincono le elezioni politiche i partiti repubblicani: il re Alfonso XIII scappa all’estero senza però abdicare. Il nuovo governo è guidato dal leader repubblicano Azana In Jugoslavia Alessandro ripristina il parlamento e allenta la sua dittatura personale In Germania si forma il "fronte di Harzburg" che unisce le formazioni di estrema destra. In tutto il paese continuano le violenze delle formazioni paramilitari naziste: le SA e le SS Paul Doumer sostituisce Doumergue alla presidenza della Repubblica francese, sconfiggendo Briand Il primo ministro inglese MacDonald, in polemica con il suo partito, forma un governo di unità nazionale per affrontare la grave crisi economica In Gran Bretagna la sterlina abbandona il Gold Standard Viene sanzionato il British Commonwealth of Nations di cui fanno parte Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Canada, Nuova Zelanda, Australia, Unione Sud Africana, Stato libero d’Irlanda (EIRE) Nel Salvador si instaura la dittatura di Maximiliano Martinez In Guatemala assume poteri dittatoriali Ubico In Cile il presidente autoritario, Carlos Ibanez si dimette gettando il paese nella confusione Il Messico entra nella Società delle Nazioni Gandhi viene liberato e viene sospesa la campagna di disobbedienza Il Giappone invade la Manciuria

125

Antonio Gambalonga

Il Novecento

1932
In Portogallo prende il potere Salazar La Lituania diventa uno Stato autoritario a partito unico Si forma in Austria un governo di centro-destra guidato da Dollfuss Fallisce un tentativo di colpo di Stato fascista in Finlandia Viene rieletto alla presidenza della Repubblica tedesca il maresciallo von Hindenburg Il cancelliere tedesco Brüning decreta lo scioglimento delle formazioni paramilitari naziste Cade il governo tedesco di Brüning, gli succede von Papen Von Papen ritira il decreto di scioglimento delle formazioni militari naziste Nella Prussia viene destituito con un colpo di Stato Braun-Severing Alle elezioni politiche tedesche grande successo del Partito nazionalsocialista che ottiene la maggioranza relativa. Il presidente Hindenburg rifiuta l’incarico a Hitler (luglio) (novembre) Nuove elezioni politiche in Germania che ridimensionano l’avanzata nazista. Diventa cancelliere il generale von Schleicher che fallisce il suo tentativo di formare un governo di destra (8 novembre) USA: F. D. Roosevelt eletto presidente Il governo britannico adotta misure economiche protezionistiche all’interno dei paesi del Commonwealth Il presidente della Repubblica francese Doumer viene assassinato; gli succede Albert Lebrun Alle elezioni politiche francesi vince il cartello delle sinistre In Francia si forma il governo Herriot a maggioranza radicale Cade il governo francese di Herriot; seguono altri governi di breve durata Italia: fondazione della città di Littoria Inizia la guerra del Chaco tra la Bolivia e il Paraguay. Si concluderà nel 1935 In Argentina sale al potere il conservatore Augustin Justo In Bolivia viene rovesciato il presidente Silas In Cile ritorna al potere Arturo Alessandri Ammissione dell’Iraq nella Società delle nazioni Si forma il regno dell’Arabia saudita (18 febbraio) Viene creato lo Stato di Manchukuo, in realtà avamposto giapponese nella Cina

1933
126 (30 gennaio) Germania: Hitler diventa cancelliere; nel suo governo figurano, Antonio Gambalonga

Il Novecento oltre ai nazisti, rappresentanti cattolici, nazionalisti e alcuni tecnici. Si conclude l’esperienza della Repubblica di Weimar Austria: con un colpo di Stato Dollfuss assume poteri para-dittatoriali Portogallo: viene promulgata una nuova costituzione di stampo fascista Il cancelliere tedesco Hitler convince Hindenburg a sciogliere il parlamento e a indire nuove elezioni In Germania i nazisti incendiano la sede del parlamento (Reichstag) e ne addossano la colpa ai comunisti, alimentando così la paura nei ceti medi di una imminente rivoluzione sociale Alle nuove elezioni politiche in Germania il Partito nazionalsocialista conferma le sue posizioni. Il Cancellierato è di nuovo affidato a Hitler Il cancelliere tedesco Hitler fa varare leggi restrittive delle libertà politiche e con la “legge sui pieni poteri” esautora completamente il Parlamento. Viene dichiarato fuorilegge il Partito comunista Germania: viene smantellata l’organizzazione federale e centralizzato il potere nelle mani di Hitler e del Partito nazionalsocialista. Hitler procede alla riorganizzazione della burocrazia assicurandosene la piena fedeltà (2 dicembre) Germania: vengono sciolti i partiti politici e i sindacati. Si forma un Fronte tedesco del lavoro che costringe tutti i lavoratori all’interno di un organismo controllato dal governo. Il Partito nazionalsocialista diventa partito unico Germania: viene istituito il Ministero per la cultura popolare e la propaganda sotto la direzione di Joseph Göbbels. Tutto il sistema educativo e della informazione viene posto sotto il controllo del governo nazista La Germania si ritira dalla Società delle Nazioni (ottobre) Cecoslovacchia: si forma il Partito tedesco dei Sudeti La Francia è scossa dallo scandalo politico-finanziario che coinvolge il finanziere Stavinski VII Conferenza panamericana a Montevideo alla quale partecipano gli USA (6 settembre) A Cuba Fulgencio Batista prende il posto di Machado e instaura una dittatura In Iraq il re Ghazi I succede a Feisal Ondata di immigrazioni ebraiche in Palestina; incidenti con gli arabi Le truppe giapponesi superano i confini della Manciuria e occupano parte della Cina settentrionale (31 maggio) Armistizio tra Cina nazionalista e Giappone USA: decolla il New Deal (16 novembre) Gli USA riconoscono l’URSS Stalin promuove una grande epurazione nel partito comunista

127

Antonio Gambalonga

(27 luglio) Patto d’unità d’azione fra socialisti e comunisti (1° luglio) Nelle elezioni politiche messicane vince Lázaro Cárdenas che avvia un grandioso programma di riforme sociali nel settore agrario e in quello delle nazionalizzazioni dei giacimenti minerari e petroliferi In Brasile Getulio Vargas viene eletto ufficialmente presidente 128 Antonio Gambalonga . Gli antinazisti vengono trucidati o inviati nei campi di concentramento Il capo del governo tedesco Hitler fa assassinare il leader delle SA Ernest Rohm considerato pericoloso per le sue idee “socialisteggianti”. Alla cancelleria viene eletto Schuschnigg Un nazionalista croato uccide il re di Jugoslavia Alessandro I. Hitler si proclama presidente del Reich e accentra definitivamente tutto il potere nelle sue mani. Vince la destra che procede a una stretta dittatoriale In Estonia diventa dittatore Konstantin Pats In Lettonia viene instaurata una dittatura presidenziale dopo il colpo di Stato di Karlis Ulmanis (25 luglio) A seguito di un fallito colpo di Stato da parte dei nazisti autriaci Dollfuss viene assassinato. I raggruppamenti coordinano e controllano tutta la vita economica tedesca Manifestazione a Parigi della destra francese che vuole l’instaurazione di un regime di tipo fascista. gli succede il figlio Pietro II.Il Novecento 1934 Si svolge a Venezia il primo incontro tra il dittatore tedesco Hitler e quello italiano Mussolini (26 gennaio) Patto di non aggressione tedesco-polacco Guerra civile in Austria tra governo di destra e socialisti che amministrano il comune di Vienna. La manifestazione viene repressa nel sangue A seguito delle dimissioni di Daladier si forma in Francia un governo di unità nazionale guidato da Doumergue In una situazione di grande confusione politica diventa primo ministro in Francia Pierre-Etienne Flandin a capo di un "governo di tregua civile". La costruzione dello Stato totalitario si può considerare conclusa In Germania vengono creati sei raggruppamenti (Reichsgruppen) diretti da funzionari Hitleriani che rappresentano la base del sistema corporativo del nazismo. sotto la reggenza del principe Paolo Prosegue in Germania la costruzione dello Stato totalitario con la costituzione di una polizia segreta (la Gestapo) nelle mani di Himmler In Germania viene istituita una "Suprema corte popolare" che con i successivi "tribunali del popolo" rappresenta lo strumento della repressione hitleriana. Insieme a lui vengono assassinati numerosi altre personalità considerate nemiche di Hitler ("notte dei lunghi coltelli") Alla morte del presidente von Hindenburg.

viene eletto presidente Lopez Contreras In Egitto viene ripristinata la costituzione liberale Mao Tze-Tung viene eletto presidente del Partito comunista cinese La Lunga marcia dell’esercito comunista si conclude nella regione dello Shansi dove viene proclamata la repubblica socialista Cina: si ricostituisce l’alleanza tra nazionalisti e comunisti in funzione antigiapponese Gandhi viene ancora una volta arrestato dopo l’ennesima campagna di disobbedienza Il governo britannico procede a una riforma istituzionale dell’India che non 129 Antonio Gambalonga . Ripristino del servizio di leva obbligatorio (settembre) In Germania vengono promulgate le "leggi di Norimberga" che sanciscono la discriminazione degli ebrei In Francia si forma il governo di Pierre Laval. unico Stato a regime liberale.Il Novecento In Turchia viene introdotto l’uso del cognome e dell’abbigliamento europeo. Viene anche adottato il suffragio universale esteso alle donne In Sudafrica si forma un governo di coalizione Smuts-Hertzog Status of the Union Act: il Sudafrica ottiene la completa autonomia dalla Gran Bretagna nella politica interna Chiang Kai-Shek lancia un altro attacco contro le basi comuniste L’esercito popolare comunista inizia la “Lunga marcia” 1935 (ottobre) L’Italia invade l’Etiopia: le truppe al comando di Graziani e De Bono penetrano in territorio etiopico giungendo dalla Somalia e dall’Eritrea La Società delle Nazioni delibera a favore delle sanzioni economiche contro l’Italia in seguito all’aggressione contro l’Etiopia Plebiscito nella Saar. viene eletto presidente della Repubblica Edouard Benes al posto del dimissionario Masaryk Hitler denuncia le clausole del trattato di Versailles e inizia il riarmo della Germania Viene promulgata in Germania la "legge segreta per la difesa" con cui Hitler subordina l’intero sistema produttivo alle esigenze della preparazione della guerra. a seguito della morte di Vicente Gomez. Il 90% dei votanti si pronunzia per il ritorno alla Germania In Polonia una nuova costituzione trasforma il paese in una dittatura presidenziale In Cecoslovacchia. Costituzione del Fronte popolare Ad Haiti nuova costituzione che dà amplissimi poteri al presidente In Venezuela.

gli succede Edoardo VIII In Francia si forma il governo guidato da Albert Sarraut Le elezioni politiche in Francia vengono vinte dal Fronte popolare. Viene sottoscritto un patto di pace tra 21 Stati americani Il nuovo presidente peruviano Oscar Benavides annulla le elezioni politiche che hanno visto avanzare i partiti della sinistra In Palestina scoppia una rivolta araba contro l’amministrazione inglese e una guerra civile arabo-ebraica In Egitto sale al trono Faruk I dopo la morte del padre Fu’ad In Sudafrica viene varata la legge sulla rappresentanza dell’elemento indigeno con la quale viene costituito un Consiglio degli Autoctoni con funzioni consultive I comunisti vietnamiti escono dalla clandestinità nel Sud del paese e creano movimenti insurrezionali nel Nord 130 Antonio Gambalonga . il negus Hailé Selassié è costretto a fuggire all’estero (9 maggio) Mussolini proclama l’impero italiano e Vittorio Emanuele III assume il titolo di imperatore d’Etiopia Trattato di collaborazione tra Italia e Germania: si forma l’Asse Roma-Berlino (4 agosto) In Grecia colpo di Stato del generale Metaxas In Spagna il generale Franco guida la ribellione contro il governo repubblicano (7 marzo) Il governo tedesco occupa militarmente la Renania tra le inutili proteste delle potenze democratiche (novembre) La Germania e il Giappone firmano il Patto antiKomintern In Gran Bretagna muore il re Giorgio V.Il Novecento viene accettata dal Partito del congresso USA: Roosevelt promuove la seconda fase del New Deal La Persia assume la denominazione di Iran 1936 (5 maggio) Le truppe italiane entrano nella capitale etiopica Addis Abeba. un cartello comprendente i radicali. Quest’ultimi si impegnano a non interferire nelle vicende interne del paese Conferenza interamericana per la pace a Buenos Aires. i socialisti e i comunisti Con l’incarico a Leon Blum si insedia in Francia il primo governo guidato da un socialista Il primo ministro francese Léon Blum propone alle potenze europee di non intervenire nella guerra civile spagnola. L’accordo non viene rispettato dalla Germania nazista e dall’Italia fascista Il re d’Inghilterra Edoardo VIII abdica a favore del fratello Giorgio VI Trattato tra Panama e gli Stati Uniti.

Ortiz In Brasile Vargas fa varare una nuova costituzione con la quale instaura una dittatura personale In Venezuela vincolo le elezioni politiche le sinistre.Il Novecento URSS: esecuzione di Zinov’ev e Kamenev Si definisce l’Asse Roma-Berlino tra Italia e Germania Olimpiadi di Berlino 1937 (6 novembre) L’Italia aderisce al Patto antiKomintern stretto l’anno precedente tra Germania e Giappone (11 dicembre) L’Italia esce dalla Società delle Nazioni Il Papa Pio XI pronuncia l’enciclica che condanna lo spirito antireligioso del nazismo (Mit Brennender Sorge) (28 maggio) In Gran Bretagna diventa primo ministro il conservatore Chamberlain In Argentina viene eletto presidente il candidato della destra Roberto M. Schuschnigg fallisce e lascia il posto a Seyss-Inquart. capo del partito nazista austriaco Annessione tedesca dell’Austria (Anschluss) In Romania il re Carol II instaura una monarchia dittatoriale a seguito di un 131 Antonio Gambalonga . ma le forze conservatrici con un colpo di forza assumono il potere e instaurano la dittatura Colpo di Stato in Nicaragua di Anastasio Somoza che assume un potere dittatoriale La proposta britannica di spartire la Palestina viene rifiutata dagli ebrei e dagli arabi L’Egitto viene accolto nella Società delle nazioni Viene fondata l’unione panindiana L’esercito giapponese sferra un nuovo attacco alla Cina e occupa Pechino e Tientsin Avanzata dei giapponesi in Cina che occupano Shanghai e Nanchino (27 aprile) Muore Antonio Gramsci 1938 In Italia viene pubblicato il "manifesto della razza" che anticipa le leggi antisemite Visita ufficiale di Hitler in Italia (febbraio) Il cancelliere austriaco Schuschnigg incontra Hitler per convincerlo a recedere dall’intenzione di annettere il paese alla Germania.

Il Novecento colpo di Stato Il governo francese del Fronte popolare viene messo in minoranza. titoli di credito. Léon Blum è sostituito da Daladier VIII Conferenza panamericana di Lima In Cile trionfano alle elezioni politiche i partiti del Fronte popolare e viene eletto presidente Pedro Aguirre Cerde che avvia una politica di riforme sociali Ismet Inonu diventa il secondo presidente della repubblica turca a seguto della morte di Mustafa Kemal Continua l’avanzata giapponese in Cina con l’occupazione di Canton I francesi dichiarano illegale il Partito comunista indocinese e in Tunisia sciolgono il Nuovo Destur La Germania si annette la regione cecoslovacca dei Sudeti Conferenza di Monaco. (12 marzo) gli succede Pio XII (14-15 marzo) La Germania invade la Cecoslovacchia (7 aprile) L’Italia occupa l’Albania (22 maggio) Patto d’acciaio tra Germania e Italia Interruzione dei negoziati tra Inghilterra e URSS 132 Antonio Gambalonga . gioielli e beni artistici di proprietà degli ebrei Il Vaticano riconosce il governo franchista spagnolo URSS: processo ed esecuzione di Bucharin 1939 In Italia la Camera dei deputati viene ufficialmente sostituita dalla Camera dei fasci e delle corporazioni (26 gennaio) Barcellona è occupata dalle forze franchiste (28 marzo) Capitolazione di Madrid (1° aprile) Fine della guerra civile spagnola. pogrom antisemita) promossa in tutto il Reich dal partito nazista Esclusione definitiva degli ebrei dalle scuole tedesche Obbligo nel Reich dell’alienazione forzata di aziende. (8 maggio) La Spagna esce dalla Società delle Nazioni Il governo di Franco è riconosciuto da Inghilterra e Francia “Libro bianco” Mac Donald sulla Palestina. proprietà terriere. (17 maggio) Il governo inglese limita l’immigrazione ebraica (10 febbraio) Morte di Pio XI. Prima spartizione della Cecoslovacchia Inizio della persecuzione in Austria Espulsione dal Reich degli ebrei di nazionalità polacca (9-10 novembre) “Notte dei cristalli” (Kristallnacht.

Belgio. Il governo francese 133 Antonio Gambalonga .Esce negli USA il film “Via col vento” 1940 (1° gennaio) Mobilitazione generale in Inghilterra (12 marzo) Fine della guerra russo-finlandese (trattato di pace) (9 aprile) La Germania attacca Norvegia e Danimarca (15 aprile) Battaglia di Narvik. Finisce la campagna di Polonia I francesi evacuano l’Alsazia (30 novembre) La Russia invade la Finlandia (17 dicembre) La corazzata tedesca Graf von Spee attaccata nell’Atlantico si autoaffonda a Montevideo Proibizione dell’emigrazione illegale degli ebrei dal Reich Prima deportazione di ebrei dall’Austria e dalla Boemia-Moravia alla volta della Polonia occupata Creazione del ghetto di Lodz nella Polonia occupata Creazione del ghetto di Varsavia . Inizia la seconda guerra mondiale (3 settembre) Inghilterra e Francia dichiarano guerra alla Germania Il Gran Consiglio del fascismo proclama la “non belligeranza” dell’Italia (17 settembre) Intervento russo in Polonia orientale (27 settembre) Capitolazione di Varsavia (30 settembre) Si forma in Francia il governo polacco dell’esilio guidato da Sikorski (8 ottobre) Annessione alla Germania delle regioni occidentali polacche. capitolazione della Norvegia (10 maggio) Inizia l’offensiva tedesca sul fronte occidentale. Invasione di Olanda. Lussemburgo e attacco alla Francia (13 maggio) Le truppe tedesche attraversano la Mosa (14 maggio) Capitolazione dell’Olanda (15 maggio) Disfatta francese a Sedan (17 maggio) Caduta di Anversa e di Bruxelles (20 maggio) L’esercito tedesco raggiunge la Manica (28 maggio) Capitolazione del Belgio (4 giugno) Le truppe anglo-francesi in rotta si imbarcano a Dunkerque (5-12 giugno) Battaglia della Francia. I tedeschi occupano tutto il territorio compreso tra la Manica e la linea Maginot (10 giugno) L’Italia dichiara guerra a Francia e Inghilterra.Il Novecento (23 agosto) Patto di non aggressione tra Germania e URSS (1° settembre) La Germania invade la Polonia.

Italia e Giappone (8 ottobre) Churchill annunzia la conclusione vittoriosa della battaglia sui cieli d’Inghilterra (12 ottobre) Le truppe tedesche entrano in Romania (27 ottobre) Il generale De Gaulle forma un governo francese in esilio (28 ottobre) L’Italia attacca la Grecia (4 novembre) Truppe britanniche sbarcano a Creta (5 novembre) F.Il Novecento lascia Parigi (14 giugno) I tedeschi occupano Parigi La Spagna passa dalla neutralità alla non belligeranza e occupa Tangeri (16 giugno) I tedeschi oltrepassano la Loira (18 giugno) De Gaulle lancia un appello da Londra ai francesi. presidente degli USA (11 Novembre) Attacco aereo inglese nella rada di Taranto (novembre-dicembre) Controffensiva inglese in Africa. (20 agosto) Stato d’assedio in Inghilterra (21 agosto) Trotskij viene assassinato in Messico da un sicario di Stalin (30 agosto) Secondo arbitrato di Vienna (3 settembre) I giapponesi attaccano l’Indocina (27 settembre) Patto Tripartito tra Germania.D. per la terza volta. (9 febbraio) La Germania annette il Lussemburgo (22 febbraio) Prime azioni di Rommel in Africa Antonio Gambalonga . gli italiani ripiegano (14 novembre) Bombardamento di Coventry (4 dicembre) Il capo di Stato Maggiore maresciallo Badoglio viene sostituito (23 dicembre) In Cina. Roosevelt è eletto. incitandoli alla lotta (22 giugno) Pétain firma l’armistizio tra Francia e Germania (24 giugno) Armistizio tra Italia e Francia (1 luglio) Si insedia il governo collaborazionista di Vichy (1 luglio-16 settembre) Offensive italiane in Egitto Hitler dà inizio alla battaglia d’Inghilterra (1 agosto) L’Italia attacca la Somalia inglese (17 agosto) Blocco tedesco delle isole britanniche. Chang Kai-shek rompe l’alleanza col Partito Comunista 1941 134 Si attiva la resistenza francese (19 gennaio) Gli inglesi occupano l’Etiopia (24 gennaio) Gli inglesi occupano la base di Tobruk nell’Africa settentrionale (6 febbraio) Conquista inglese di Bengasi e attacco alla Cirenaica.

Le forze britanniche resistono a Tobruk (7-11 gennaio) Offensiva giapponese in Malesia 135 Antonio Gambalonga . San Domingo. seguito dalla dichiarazione di guerra a Inghilterra. riconquista della Cirenaica (5 aprile) Patto d’amicizia tra URSS e Jugoslavia (13 aprile) Patto di non aggressione tra URSS e Giappone (aprile) Aggressione tedesca alla Jugoslavia (5 maggio) Gli inglesi entrano ad Addis Abeba e restaurano il governo di Hailé Selassié (maggio) I tedeschi entrano ad Atene (22 giugno) La Germania aggredisce la Russia. Colombia. Haiti. Italia e Romania si affiancano a Hitler (22 giugno) Dopo l’invasione tedesca della Russia. Guatemala. Canada e Australia (9-10 dicembre) La Cina dichiara guerra a Giappone. Nicaragua e Costarica dichiarano guerra alle forze del tripartito 1942 (gennaio-febbraio) Offensiva tedesca nell’Africa settentrionale.Il Novecento (1 marzo) I tedeschi invadono la Bulgaria che si associa al patto tripartito (11 marzo) Gli Stati Uniti promulgano la legge “affitti e prestiti” (31 marzo) Rommel lancia l’offensiva in Libia. inizia l’attività delle Einsatzgruppen e dell’uccisione selvaggia di ebrei (luglio) Il Giappone occupa l’Indocina (9 luglio) Roosevelt emana le direttive per l’attuazione di un “Victory Program” (31 luglio) Goering incarica Heydrich di predisporre i preparativi per la “soluzione finale” della questione ebraica (14 agosto) Roosevelt e Churchill firmano la Carta Atlantica (agosto) Proibizione definitiva per gli ebrei di emigrare dall’area sotto l’influenza tedesca (3 settembre) Primi esperimenti ad Auschwitz di camere a gas (8 settembre) Inizia l’assedio di Leningrado (ottobre) Caduta del governo Konoy in Giappone e nomina di Tojo (19 novembre) Offensiva inglese in Libia (dicembre) Battaglia di Mosca (7 dicembre) Attacco giapponese a Pearl Harbour. Germania e Italia (11 dicembre) L’Italia e la Germania dichiarano guerra agli Stati Uniti (25 dicembre) Il Giappone occupa Hong Kong (dicembre) Inizio delle uccisioni in massa nel campo di sterminio di Chelmno (dicembre) Cuba.

Disfatta del corpo di spedizione italiano (17 dicembre) Pubblicazione dello Statement of Allied Governments con cui i governi delle Nazioni Unite condannano lo sterminio degli ebrei 1943 136 (14-27 gennaio) Conferenza di Casablanca. Arresto di Gandhi. Gli alleati elaborano una strategia Antonio Gambalonga .Il Novecento (25-30 gennaio) Giapponesi in Borneo e Nuova Guinea (20 gennaio) Conferenza di Wannsee (22-23 marzo) Successo italiano nella battaglia navale della Sirte (5-9 aprile) I giapponesi sbarcano a Ceylon (18 aprile) Gli americani bombardano Tokyio (17 marzo) Creazione del campo di sterminio di Belzec (28 marzo) Primo raid della RAF su Lubecca (maggio) Gli abitanti di Lidice. Le truppe dell’Asse fermate a El-Alamein (3 luglio) Offensiva tedesca sul fronte orientale (4 luglio) Bombardamento di Brema (luglio) Inizia l’assedio di Stalingrado (8-9 agosto) Disobbedienza civile in India. a seguito della morte di Heydrich (7 maggio) Battaglia del Mar dei Coralli (30 maggio) Primo raid della RAF su Colonia (primo giugno) Il Messico dichiara guerra a Italia. in Cecoslovacchia. capitolazione di Tobruk (24 giugno) Offensiva italo-tedesca sull’Egitto. Moti per l’indipendenza (18 agosto) Avanzata tedesca oltre il Don (23 agosto) Bombardamento tedesco su Stalingrado (31 agosto) Rommel sferra l’offensiva contro gli inglesi in Egitto (3 settembre) I tedeschi in Egitto passano alla difensiva (23 ottobre) Gli inglesi cominciano l’offensiva contro i tedeschi in Egitto (4 novembre) Rommel si ritira in Cirenaica (8 novembre) Gli americani sbarcano in Algeria e Marocco (12 novembre) Grave sconfitta giapponese a Guadalcanal 19 novembre) Inizio della controffensiva russa (11 dicembre) Offensiva sovietica nella regione del Don. vengono trucidati o spediti nei campi di concentramento. Giappone e Germania (giugno) Inizio dell’uccisione in massa con il gas ad Auschwitz (giugno) Sconfitta giapponese alle isole Midway (giugno) Offensiva di Rommel.

Tutta l’Africa settentrionale è liberata dagli alleati (maggio-giugno) Fallisce l’offensiva tedesca contro le forze partigiane in Jugoslavia (10 giugno) Scioglimento del Comintern (30 giugno) Gli americani sbarcano nelle isole Salomone (4-13 Luglio) In Russia. Mussolini viene arrestato. tedeschi e Armata Rossa si combattono a Kursk (luglio) Battaglia di Orel (10 luglio) Sbarco anglo-americano in Sicilia (19 luglio) Bombardamento di Roma (25 luglio) In Italia cade il fascismo. L’Italia è occupata dai tedeschi (9 settembre) Nasce a Roma il Comitato di Liberazione Nazionale (12 settembre) Mussolini viene liberato dai tedeschi sul Gran Sasso (23 settembre) Costituzione della Repubblica di Salò (1 ottobre) I tedeschi si ritirano a nord di Napoli cacciati dalla popolazione in rivolta (13 ottobre) Il governo Badoglio dichiara guerra alla Germania (16 ottobre) Deportazione ad Auschwitz degli ebrei romani (6 novembre) I sovietici liberano Kiev (18 novembre) Intensi bombardamenti su Berlino (28 nov. Si decide lo 137 Antonio Gambalonga . Governo Badoglio (27 luglio) Scioglimento del Partito nazionale fascista (28 luglio) Bombardamento di Amburgo (agosto) Battaglia del Donez (2 agosto) Rivolta nel campo di Treblinka (agosto) Gli americani bombardano l’Italia (settembre) Ritirata tedesca dietro il Dnjepr (3 settembre) Armistizio tra il governo italiano e gli alleati (8 settembre) L’armistizio tra Italia e alleati viene reso noto.-2 dicembre) Conferenza di Teheran fra i “tre grandi”. Rommel è costretto ad abbandonare la Libia (27 gennaio) Primo bombardamento dell’US Air Force sulla Germania (2 febbraio) Capitolazione tedesca a Stalingrado (8 febbraio) I giapponesi lasciano Guadalcanal (10 febbraio) Sciopero della fame di Gandhi (23 marzo) Sciopero operaio nel Nord Italia (19 aprile-16 maggio) Rivolta nel ghetto di Varsavia (7 maggio) Gli anglo-americani conquistano la Tunisia.Il Novecento comune e decidono lo sbarco in Italia (23 gennaio) Gli inglesi prendono Tripoli.

in Italia (30 gennaio-8 febbraio) Conferenza di Brazzaville su iniziativa di De Gaulle. Inizia il processo di decolonizzazione francese (31 gennaio) Sbarco nelle isole Marshall (primo marzo) Sciopero generale in Italia del Nord (marzo) Battaglia sul fiume Bug. Il Belgio è liberato 138 Antonio Gambalonga . Il suo governo è riconosciuto dagli alleati (23 agosto) In Romania viene destituito Antonescu (31 agosto) Liberazione di Bucarest (1 settembre) Inizia la ritirata tedesca dalla Grecia (8 settembre) Primi missili V2 sull’Inghilterra (11 settembre) Capitolazione della Romania (11 settembre) Le forze alleate entrano in territorio tedesco.Il Novecento sbarco in occidente per il maggio 1944 1944 (gennaio) L’offensiva russa libera l’Ucraina e la Crimea (2 gennaio) Gli alleati sbarcano in Nuova Guinea (21-22 gennaio) Sbarco alleato ad Anzio. Il 25 De Gaulle entra in città. Bombardamento di Londra (14 giugno) Sbarco alleato nelle Marianne e in Birmania (11-12 luglio) Conferenza di Bretton Woods (20 luglio) Fallito attentato ad Hitler (agosto) Liberazione di Firenze (agosto) Liquidazione del ghetto di Lodz (1 agosto) Insurrezione contro i tedeschi a Varsavia (15 agosto) Sbarco alleato in Provenza (18 agosto) Parigi insorge contro i tedeschi. Battaglia tra Giappone e Inghilterra (18 marzo) Bombardamento di Amburgo (11 maggio) Offensiva angloamericana sul fronte italiano (17 maggio) In Italia si conclude la battaglia di Monte Cassino a favore degli alleati (4 giugno) Liberazione di Roma (6 giugno) Sbarco alleato in Normandia (13 giugno) Primi missili V1 sull’Inghilterra. tra tedeschi e russi (marzo) Giunge il leader comunista Palmito Togliatti in Italia e impone una linea più moderata al suo partito (Svolta di Salerno) (6 marzo) Bombardamento di Berlino (8 marzo) Assedio di Imphal.

(12 gennaio-7 febbraio) Operazione Vistola-Oder. ad opra dei tedeschi. L’Armata rossa sfonda il fronte tedesco in Polonia e giunge a 80 km da Berlino (20 gennaio) L’Ungheria dichiara guerra alla Germania (27 gennaio) L’Armata Rossa libera Auschwitz (febbraio) Conquista delle Filippine (febbraio-marzo) Conferenza panaraba al Cairo (4 -11 febbraio) Si svolge la “Conferenza di Yalta”. sulla “linea gotica” (aprile) Riconquista di Rangoon da parte inglese (12 aprile) Muore Roosevelt. Accordi fra Stalin. Bombardamenti su Tokyo (9 aprile) Gli alleati sferrano un’offensiva in Italia. Gli succede Harry Truman (13 aprile) L’Armata Rossa conquista Vienna (16 aprile) Attacco russo sull’Oder (25 aprile) Insurrezione generale in Alta Italia (25 aprile) L’esercito alleato e l’Armata Rossa si congiungono a Torgau 139 Antonio Gambalonga . sulla Germania e la Polonia postbelliche e sull’intervento sovietico contro il Giappone (13 febbraio) Bombardamento di Dresda (febbraio) In Ungheria finisce la dittatura di Szàlasi (19 febbraio) Vittoria USA ad Iwo Jima (3 marzo) Occupazione USA di Manila (Filippine) (7 marzo) Gli americani varcano il Reno e si dirigono verso Monaco e Amburgo (9 marzo) Bombardamento su Tokyo (1 aprile) Sbarco su Okinawa (7 aprile) Affondamento della Yamato. delle camere a gas e dei crematori di Aushwitz (16 dicembre) Controffensiva tedesca nelle Ardenne (25 dicembre) Budapest occupata dai sovietici 1945 (3 gennaio) Gli alleati avanzano in Birmania (gennaio) Offensiva aerea americana su Okinawa e Taiwan.Il Novecento (15-21 ottobre) I partigiani di Tito liberano Belgrado (12 ottobre ) Atene è liberata dai partigiani (14 ottobre) Gli inglesi sbarcano in Grecia (20 ottobre) Gli americani sbarcano nelle Filippine (23-25 ottobre) Vittoria USA nella battaglia navale di Leyte (7 novembre) Roosevelt rieletto per la quarta volta presidente USA (26 novembre) Istituzione. Roosevelt e Churchill sull’organizzazione delle Nazioni Unite.

Churchill e Stalin annunciano la fine della guerra in Europa (5 giugno) La Germania è divisa in 4 zone di occupazione (21 giugno) Gli americani occupano interamente Okinawa (11 luglio) Sbarco americano in Borneo (17 luglio . Ho Chi Minh proclama la Repubblica democratica del Vietnam (24 ottobre) Giornata dell’ONU. Viene fucilato il giorno dopo (30 aprile) Hitler si toglie la vita nel suo bunker a Berlino. Anche Göbbels si suicida (2 maggio) I russi vincono la Battaglia di Berlino (5 maggio) I russi occupano Praga (8 maggio) Doenitz.Il Novecento (25 aprile) Le principali città del Nord Italia vengono liberate dai partigiani e raggiunte dalle armate alleate. accetta la resa senza condizioni (8 maggio) Capitolazione della Germania. successore di Hitler. Il maresciallo Tito è il primo presidente 1946 Conferenza della pace a Parigi. Entra in vigore lo statuto delle Nazioni Unite approvato il 26 giugno alla Conferenza di San Francisco dai rappresentanti di 50 stati (20 novembre) Inizia il processo di Norimberga (29 novembre) Proclamazione della Repubblica federativa Iugoslava. Truman e Attlee. nel Vietnam settentrionale. materie prime e macchinari per le industrie: 435 milioni di dollari dal gennaio del 1946 al giugno del 1947 140 Antonio Gambalonga . I tedeschi lasciano il paese (27 aprile) Mussolini viene preso dai partigiani mentre si dirigeva in Svizzera.2 agosto) Conferenza di Potsdam tra Stalin. Truman. Le ventuno potenze vincitrici discutono i trattati di pace riguardanti le nazioni sconfitte L’UNNRA fornisce all’Italia aiuti per i bisogni alimentari immediati. Gli alleati intimano la resa al Giappone (6 agosto) Bomba atomica su Hiroshima (9 agosto) Bomba atomica su Nagasaki (9 agosto) La Russia dichiara guerra al Giappone (9 agosto) Occupazione della Manciuria (14 agosto) Il Giappone si arrende (17 agosto) Proclamazione della Repubblica Indonesiana (2 settembre) A bordo della Missouri viene firmata la resa incondizionata del Giappone (settembre) Ad Hanoi.

la guerra civile tra nazionalisti e comunisti I francesi bombardano Haiphong. in Cina. un referendum inficiato dai brogli permette il ritorno della monarchia: re Giorgio II torna dall’esilio londinese Italia: Referendum monarchia/repubblica. Sukarno. e iniziano la prima guerra indocinese per la riconquista del Paese (4 luglio) Viene proclamata l’indipendenza delle Filippine Il colonnello Juan Domingo Peròn diventa presidente della Repubblica argentina In Indonesia viene proclamata la Repubblica. mentre continua la guerra civile tra comunisti e monarchici. nel Missouri. le forze di occupazione iniziano la trasformazione del Paese secondo il modello americano La Francia concede l’indipendenza alla Cambogia. Churchill tiene uno storico discorso in cui denuncia la cortina di ferro e chiede la formazione di un blocco anglo-americano come garante della sicurezza (13 marzo) In un’intervista sulla “Pravda”. ne è il presidente In Giappone.Il Novecento (6 marzo) A Fulton. Enrico De Nicola è eletto capo provvisorio dello Stato. A. guidata dal principe N. 1947 141 A Parigi viene accettato da sedici nazioni europee il piano Marshall (European Antonio Gambalonga . esteso alle donne il diritto di voto. dopo la lotta di liberazione nazionale. il re Umberto I va in esilio in Portogallo. nel Vietnam del Nord. Sihanouk In Grecia. leader del movimento indipendentista. Stalin replica definendo Churchill “guerrafondaio” e paragonandolo a Hitler (1 ottobre) Si conclude il processo di Norimberga con dodici condanne a morte In Italia si tiene un referendum istituzionale per scegliere fra monarchia e repubblica: nasce la Repubblica Italiana. Si tengono le prime elezioni a suffragio universale per eleggere l’assemblea costituente In Francia viene approvata la nuova costituzione che dà vita alla Quarta Repubblica Vittoria laburista alle elezioni politiche inglesi (1° febbraio) In Ungheria viene proclamata la Repubblica popolare (26 maggio) Successo elettorale comunista in Cecoslovacchia (15 settembre) In Bulgaria un referendum sancisce la fine della monarchia e la nascita della repubblica popolare bulgara In URSS Stalin vara il “quarto piano quinquennale”: inizia la ricostruzione postbellica Attacco di Zdanov agli scrittori di Leningrado Riprende.

all’Eritrea. leader delle forze di centrodestra. entra a far parte dell’Unione Indiana: inizia la guerra tra India e Pakistan per il suo possesso 142 Antonio Gambalonga . Romania. ERP) Viene ratificata l’unione doganale tra Belgio. l’Italia rinuncia all’Albania. (13 maggio) Estromissione di comunisti e socialisti dal governo. il presidente Videla allontana i ministri comunisti dal governo e mette fuori legge il Partito comunista che si vede costretto all’attività clandestina La Gran Bretagna concede l’indipendenza all’India. Olanda e Lussemburgo (Benelux) (1° maggio) Italia: eccidio di Portella delle Ginestre. Albania. Iugoslavia.Il Novecento Recovery Program. Ungheria. Cecoslovacchia. l’organizzazione dei partiti comunisti di URSS. respinto dagli arabi Col trattato di pace di Parigi inizia il tramonto degli imperi coloniali. i paesi sconfitti perdono tutte le loro colonie. (16 settembre) Costituzione del territorio libero di Trieste In Inghilterra il governo laburista nazionalizza le miniere Fondazione del Kominform. Il Kashmir. alla Somalia. Italia e Francia In Polonia si forma un governo di socialisti e comunisti In Ungheria le elezioni danno la maggioranza assoluta al Fronte popolare guidato dai comunisti Viene costretto all’esilio l’ex primo ministro ungherese Ferec Nagy In Romania re Michele abdica e viene proclamata la Repubblica popolare Polonia e Cecoslovacchia stringono rapporti di collaborazione economica e politica In Bulgaria Petkov. viene processato per “tradimento” e condannato a morte Il presidente Truman enuncia la dottrina americana “dei popoli liberi”: appoggio americano ai paesi minacciati dalla sovversione interna o dagli interventi stranieri (7 aprile) Lo stato di New York mette fuori legge il partito comunista (26 luglio) Negli Stati Uniti nasce la CIA (Central Intelligence Agency) È gestita da cinque direttori che dipendono dal consiglio di sicurezza nazionale e dal presidente Conferenza di Mosca: definitiva rottura tra URSS e Paesi occidentali sul trattato di pace con la Germania L’ONU approva un piano per la spartizione della Palestina fra ebrei e palestinesi. Bulgaria. Vengono creati due Stati separati: l’Unione Indiana e il Pakistan. alla Libia e all’Etiopia In Cile. Polonia. abitato in prevalenza da musulmani.

viene espulsa dal Kominform per “deviazionismo ideologico” Truman rieletto presidente USA (2 novembre) 143 Antonio Gambalonga . viene proclamata la Repubblica democratica di Corea con a capo Kim II Sung Le truppe americane e sovietiche di occupazione si ritirano dalla Corea La produzione industriale sovietica supera il livello prebellico Nel Vietnam del Sud si forma un governo nazionalista filofrancese In Palestina la Gran Bretagna rinuncia al mandato sulla regione (14 maggio) Il governo ebraico. annette la Cisgiordania e fonda il Regno hashemita di Giordania A Bogotà. Rehe Nel nord della Corea. viene proclamata la Repubblica di Corea. con il cosiddetto “colpo di Stato di Praga”. con a capo il nazionalista S. Il nuovo presidente della Repubblica è Luigi Einaudi.Il Novecento 1948 Il senato USA approva la mozione Vanderberg che propone di estendere al campo militare i principi del piano Marshall Vengono processati e condannati undici capi del Partito comunista americano (1 gennaio) In Italia entra in vigore la Costituzione repubblicana. Bulgaria e Ungheria. controllato dai comunisti. proclama la nascita dello Stato di Israele Le truppe degli Stati arabi entrano in Palestina: inizia la prima guerra araboisraeliana L’inviato dell’ONU Bernadotte rimane ucciso in un attentato ebraico Abdullah. Romania e Cecoslovacchia firmano patti di mutua assistenza Il primo ministro cecoslovacco Zapotocky si reca a Mosca per chiedere aiuti economici. a Seul. che persegue una via nazionale al socialismo (“Titoismo”) . (14 luglio) Attentato contro Togliatti In Ungheria il cardinale Mindszenty viene arrestato e condannato all’ergastolo sotto l’accusa di cospirazione anticomunista In Polonia nasce il Partito operaio polacco unificato (POUP) In Cecoslovacchia il primo ministro Gottwald. esclude i partiti borghesi dal governo e diventa presidente della repubblica Polonia e Bulgaria. guidato da David Ben Gurion. per la sicurezza e lo sviluppo economico degli Stati membri (30 gennaio) Gandhi viene assassinato da un fanatico indù Colpo di mano olandese su Djakarta: il governo indonesiano di Sukarno è catturato da forze olandesi paracadutate La Jugoslavia. la IX conferenza panamericana fonda l’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) . Il 18 aprile le elezioni politiche vengono vinte dalla Democrazia Cristiana. re di Transgiordania. L’URSS concede prestiti e la collaborazione per la costruzione di fabbriche Nella Corea del Sud.

oltre agli Stati Uniti. Italia. alla morte di Gustavo V. La Gran Bretagna ne riconosce l’indipendenza. dove era stata abolita nel 1947 144 Antonio Gambalonga . Termina la prima guerra arabo-israeliana Lo Stato di Israele viene ammesso nell’ONU L’Olanda. Si sviluppa in America il “maccartismo” Ripristino della pena di morte in Unione Sovietica. succeduto al fratello Giorgio II . sale al trono Gustavo Adolfo VI Il Congresso degli USA vota la legge sulle attività antiamericane. firmano il Trattato del Nord Atlantico È costituito il Consiglio per la reciproca assistenza tra i paesi dell’Europa orientale (COMECON) per coordinare le politiche economiche degli stati aderenti In Polonia il segretario del Partito comunista W. Si consolida il regno di Paolo I. ma riafferma l’appartenenza dell’Irlanda del nord (Ulster) al Regno Unito (4 aprile) Dodici Paesi tra cui. Francia. Gomulka viene espulso dal partito per “deviazionismo nazionalista” I comunisti entrano a Pechino e subito dopo conquistano Nanchino e Shanghai (1 ottobre) A Pechino Mao Zedongproclama la nascita della Repubblica popolare cinese di cui diviene presidente. Portogallo.Il Novecento 1949 Nasce il Consiglio d’Europa finalizzato a promuovere una politica europea unitaria. Gran Bretagna. Ne fanno parte diciassette paesi dell’Europa occidentale. La sede è a Strasburgo L’Eire si proclama indipendente col nome di Repubblica d’Irlanda ed esce dal Commonwealth.(8 maggio) Proclamazione della Repubblica federale tedesca – (11 ottobre) Proclamazione della Repubblica democratica tedesca 1950 L’organizzazione militare del patto di Bruxelles confluisce nel Patto Atlantico (23 febbraio) In Gran Bretagna i laburisti vincono le elezioni di stretta misura In Belgio un referendum riporta sul trono Leopoldo III In Svezia. Canada. dopo due anni di guerra. deve riconoscere l’indipendenza della Repubblica federale d’Indonesia (16 dicembre) Sukarno presidente dell’Indonesia Fine della guerra civile in Grecia. Danimarca. Chou En-lai è primo ministro Chiang Kai-shek si rifugia a Formosa sotto la protezione degli Stati Uniti Armistizio tra Egitto e Israele sotto il controllo dell’ONU.

con l’aiuto delle sinistre. promuove lo sviluppo industriale del Paese 1951 Hanno termine le sovvenzioni del piano Marshall (18 aprile) Con il trattato di Parigi viene costituita la “Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio” (CECA) In Gran Bretagna si forma un governo conservatore. su invito dell’ONU. che prevedeva l’occupazione britannica della zona del Canale di Suez. il terzo presieduto da Churchill (ottobre) In Belgio Leopoldo III abdica a favore del figlio Baldovino (maggio) L’ONU delibera l’embargo contro la Cina Con il 22° emendamento alla costituzione. primo tra i Paesi occidentali. presso Seul Il primo ministro e ministro degli Esteri cinese Chou En-lai stipula un’alleanza trentennale con l’Unione Sovietica In Cina parte una grande riforma agraria: quasi metà della terra coltivata viene distribuita ai contadini poveri (21 ottobre) La Repubblica popolare cinese riprende possesso del Tibet (3 ottobre) In Brasile. iniziano a Pan Mun Jom i negoziati per l’armistizio. riconosce la Repubblica popolare cinese Truppe nordcoreane invadono la Corea del Sud: inizia la guerra di Corea Gli USA. il Congresso USA limita la durata massima della carica presidenziale a due mandati quadriennali (primo settembre) A San Francisco viene firmato il “Patto del Pacifico” tra Australia. Gli inglesi occupano la zona del canale. intervengono in appoggio della Corea del Sud “Volontari” cinesi intervengono a favore della Corea del Nord (settembre) Sbarco americano a sorpresa ad Incheon. lungo il 38° parallelo. Nuova Zelanda e USA Conferenza e Carta di Francoforte: i partiti socialdemocratici e laburisti ricostituiscono l’Internazionale In Corea. raggiungono il massimo degli internati La Gran Bretagna. ma continua. i campi di prigionia e di lavoro staliniani descritti da Solzenicyn. Vargas ritorna presidente della Repubblica e. inizia la guerriglia La Libia diviene regno indipendente sotto il re Idris I al-Sanusi Il Giappone firma a San Francisco il trattato di pace: perde tutti i territori 145 Antonio Gambalonga .Il Novecento I gulag. la guerra di posizione Nazionalizzazione del petrolio in Iran L’Egitto abroga unilateralmente il trattato anglo-egiziano del 1936.

gli viene imposto il disarmo e sono ritirate le truppe di occupazione (31 ottobre) In Polonia viene arrestato Gomulka 1952 (6 febbraio) Elisabetta II regina d’Inghilterra (febbraio) La NATO si trasforma in organismo permanente con sede a Parigi Eisenhower è eletto presidente degli Stati Uniti per il quadriennio 1953-1956 In Cecoslovacchia. che si oppongono al dominio inglese (ottobre) In Bolivia. Paz Estenssoro. Molotov ministro degli Esteri (25 settembre) In Polonia viene arrestato il cardinale cattolico S. Viene creata una fascia 146 Antonio Gambalonga . capo del “Movimento Nazionalista Rivoluzionario”. che va in esilio In Kenya. ex segretario generale del partito. Malenkov capo del governo. diventa presidente della Repubblica dopo un’insurrezione popolare. depone re Faruk. Gli succede Antonin Zapotocky (giugno) Gravi disordini a Berlino Est: interviene l’esercito sovietico (4 luglio) Ungheria: Imre Nagy presidente del consiglio (30 marzo) Italia: sciopero contro la “legge truffa”. ad opera del “Circolo degli Ufficiali liberi” guidati da Neghib. Primi provvedimenti saranno la nazionalizzazione delle miniere di stagno e la riforma agraria 1953 (5 marzo) Muore Stalin. (7 giugno) La Dc vince le elezioni ma senza raggiungere il successo sperato Gli Stati Uniti stipulano un accordo col generale Franco per l’installazione di basi militari americane in Spagna Processo per spionaggio a carico dei coniugi Julius e Ethel Rosemberg che verranno condannati a morte (27 luglio) Con l’armistizio di Pan Mun Jom si chiude la guerra di Corea: il confine dei due Stati è fissato lungo il 38° parallelo. viene condannato a morte (ottobre) XIX congresso del Partito comunista sovietico (luglio) In Egitto un colpo di Stato nazionalista.Il Novecento conquistati dal 1895. Rudolf Slansky. Wyszynski per il suo appoggio alla lotta antisovietica del popolo polacco In Cecoslovacchia muore il presidente della repubblca Gottwald. A Mosca si svolgono imponenti funerali Chrusciëv diventa segretario del Partito comunista sovietico. scoppia la rivolta nazionalista dei Mau-Mau.

Piano Molotov per la sicurezza europea. sigla dei servizi segreti sovietici Il governo cino-nazionalista di Formosa stipula un trattato di alleanza con gli Stati Uniti (dicembre) Si conclude in Vietnam la battaglia di Dien Bien Phu: le forze francesi sono 147 Antonio Gambalonga . con un colpo di Stato. uno dei padri della bomba atomica La Corte suprema USA dichiara illegittima la segregazione razziale nelle scuole (dicembre) Negli Stati Uniti finisce il “maccartismo”. depone il capo del governo. si inaspriscono i rapporti tra Egitto e Gran Bretagna (18 giugno) In Egitto viene proclamata la Repubblica In Siria entra in vigore la nuova costituzione. URSS. destituisce il sovrano del Marocco. Maometto V. inizia nell’isola caraibica la lotta rivoluzionaria dei guerriglieri contro la dittatura di Fulgenzio Batista (23 dicembre) URSS: annuncio della bomba H sovietica. Gran Bretagna e Francia. lo scià Reza Pahlavi. del 26 luglio. Il generale Shishakli è eletto presidente della Repubblica (agosto) In Iran. Mossadeq e reprime le opposizioni nazionaliste e comuniste con l’aiuto dell’esercito In Arabia Saudita 16. resta insoluto il problema tedesco (19 agosto) Il Partito comunista americano è messo fuori legge (aprile) Processo “maccartista” a carico di J. Robert Oppenheimer. responsabile della polizia segreta ai tempi di Stalin 1954 (gennaio-febbraio) Conferenza di Berlino tra USA.Il Novecento smilitarizzata e una commissione internazionale di controllo In Vietnam inizia la battaglia di Dien Bien Phu La Libia aderisce alla Lega araba Nella zona del Canale di Suez. grazie alla condanna del Senato americano (8 marzo) Accordo di mutua assistenza tra Stati Uniti e Giappone (ottobre) Accordi di Pechino tra Unione Sovietica e Repubblica popolare cinese: viene decisa una collaborazione economica e politica Nasce il KGB.000 dipendenti dell’ARAMCO (settore petrolifero) entrano in sciopero contro la proibizione di costituire sindacati: è il primo sciopero del paese (agosto) Un colpo di Stato concordato con la Francia. Fucilazione di Berija. favorevole ai nazionalisti Con l’assalto fallito alla caserma Moncada di Santiago de Cuba.

lotta contro il colonialismo (aprile-maggio) Compromesso italo-jugoslavo sulla questione del territorio libero di Trieste (ottobre) (23 ottobre) Accordi di Parigi: Italia e Germania Ovest entrano nell’Unione dell’Europa Occidentale 1955 (14 maggio) Nasce il “Patto di Varsavia”: trattato di alleanza militare tra URSS. Birmania ed Afganistan Nel Vietnam del Sud. India. entro due anni) delimitati dalla linea del 17° parallelo (18 aprile) In Egitto. A. rivolte armate nel Gebel e tra i Drusi. per la difesa contro “aggressioni comuniste” Conferenza asiatica di Colombo (Birmania. Polonia. un gruppo di ufficiali guidato da G. Hama e Homs. Cecoslovacchia (8 febbraio) In URSS si dimette il primo ministro Malenkov e lo sostituisce Bulganin Chruscëv e Bulganin visitano ufficialmente India. Ceylon. il governo dello scià si accorda con gli occidentali per l’immissione del petrolio iraniano sul mercato mondiale La Conferenza interamericana di Caracas decide la difesa dell’emisfero americano contro il comunismo (agosto) Brasile: dimissioni e suicidio di Vargas (giugno-luglio) Intervento statunitense in Guatemala. Indonesia. Bulgaria. tumulti e scioperi a Damasco. Albania. Un colpo di stato rovescia Shishakli e porta al potere Hascem Atassi La riapertura dei negoziati tra Egitto e Gran Bretagna sul Canale di Suez porta ad un accordo che prevede lo sgombero inglese entro due mesi (ottobre) In Iran. Nasser è nominato capo del governo In Siria. Pakistan): mozioni su “non-allineamento”. Nasser depone il presidente Neghib. condanna delle armi atomiche. Ungheria. La sua riforma agraria viene subito abrogata (settembre) Viene firmato a Manila il trattato dell’Organizzazione degli Stati del Sud-est asiatico (SEATO). un colpo di Stato depone l’imperatore Bao Dai e instaura il governo dittatoriale del primo ministro Ngo Dinh Diem che respinge gli accordi di Ginevra La Gran Bretagna evaqua la zona del Canale di Suez 148 Antonio Gambalonga . Romania.Il Novecento sconfitte dai vietnamiti (maggio-luglio) Accordi di Ginevra sull’Indocina: è riconosciuta l’indipendenza del Vietnam che viene diviso nei due stati del Nord e del Sud (fino alle elezioni generali. Gli USA alimentano la guerra civile contro il presidente Arbenz che viene rovesciato.

Pakistan e Iran In Algeria. Vi aderiscono Gran Bretagna.Il Novecento (24 febbraio) Patto di Baghdad tra Turchia e Iraq per il mantenimento dello status quo in Medio Oriente. con diciotto Paesi partecipanti In Ungheria una rivolta di operai e studenti per la democratizzazione del paese riporta al governo l’antistalinista Imre Nagy che annuncia l’uscita del paese dal Patto di Varsavia (ottobre) L’Unione Sovietica interviene militarmente in Ungheria per reprimere la ribellione. il Fronte di liberazione nazionale (FNL). riporta l’ordine nel paese 149 Antonio Gambalonga . la discriminazione razziale e l’armamento atomico Italia: “legge Merlin”. vengono chiuse le case di prostituzione (dicembre) Indipendenza del Laos 1956 (9 febbraio) La Repubblica democratica tedesca entra nel Patto di Varsavia (14-26 febbraio) In URSS. i nazionalisti ottengono il ritorno al trono di Maometto V. Viene favorita la distensione internazionale e accettata la tendenza alle “vie nazionali” al socialismo Mao Zedonglancia la politica dei “cento fiori”: in un discorso di fronte alla Conferenza suprema dello stato. al XX congresso del Partito comunista. fedele a Mosca. un rapporto segreto di Chruscëv avvia il processo di destalinizzazione (17 aprile) Scioglimento del Cominform. La Francia si impegna a concedere l’indipendenza al paese In Argentina. Distensione tra i due Paesi Conferenza afro-asiatica di Bandung: i ventinove paesi partecipanti condannano il colonialismo. Il nuovo segretario del Partito comunista ungherese Jànos Kàdàr. una rivolta militare depone il presidente Peròn (26 maggio) Incontro a Belgrado tra Chruscëv e Tito. Vi partecipano ventidue Paesi (19 settembre) Riprende la conferenza di Londra sulla questione del Canale di Suez. guidato da Ben Bella comincia la lotta armata contro il governo coloniale francese In Marocco. incoraggia gli intellettuali a criticare il partito e i suoi dirigenti per contrastare il culto della personalità (maggio) (18 giugno) Le ultime truppe britanniche lasciano la zona di Suez (23 giugno) In Egitto Nasser è eletto presidente della Repubblica (19 luglio) Gli Stati Uniti rifiutano il finanziamento di Assuan per ragioni politiche (26 luglio) L’Egitto nazionalizza il Canale di Suez (16-22 agosto) Conferenza internazionale a Londra sulla questione del Canale di Suez.

muore in un attentato il dittatore Somoza: gli succede il figlio Debayle. Rokossowski è allontanato. in dicembre. Il Canale è ostruito (2 novembre) L’ONU interviene per l’immediata cessazione della guerra araboisraeliana (4 novembre) Intervento militare sovietico in Ungheria. il Partito africano per l’indipendenza della Guinea e del Capo Verde (PAIGC) Nasce il Movimento Popolare di Liberazione dell’Angola (MPLA) In Nicaragua. tra cui Ben Bella. provenienti dal Messico. nominato presidente della Repubblica. che continua la politica del padre Fidel Castro. viene ammesso all’ONU 150 Antonio Gambalonga . Il 30° ultimatum anglo-francese a Nasser e conseguenti operazioni su Suez e sul Delta. Burghiba è nominato primo ministro (luglio) Dichiarazione dei Brioni: convegno tra Nasser. dirottando un aereo Nasce a Bissau. nella regione meridionale di Cuba. nazionalizza il Canale di Suez (23 ottobre) Accordo segreto tra Israele. Gli israeliani restano nel Sinai fino a marzo del 1957 Per l’opposizione del Vietnam del Sud scadono i termini fissati dagli accordi di Ginevra per le elezioni di riunificazione del Vietnam Il Sudan conquista l’indipendenza ed entra nella Lega araba (marzo) La Francia concede l’indipendenza al Marocco Anche la Tunisia ottiene l’indipendenza dalla Francia. sollecitato da Kadàr che costituisce un governo rivoluzionario degli operai e dei contadini. e. Ernesto “Che” Guevara e altri ottanta guerriglieri sbarcano. Francia e Gran Bretagna per l’attacco contro l’Egitto (29 ottobre) Comincia la guerra nel Canale di Suez con l’invasione del Sinai da parte di Israele. Nehru e Tito in cui vengono elaborati i principi del neutralismo attivo (ottobre) I servizi segreti francesi catturano alcuni esponenti del Fronte nazionale di liberazione algerino. dando inizio alla guerriglia nella Sierra Maestra (dicembre) Il Giappone riprende le relazioni diplomatiche e commerciali con l’URSS.Il Novecento (20-21 ottobre) “Ottobre polacco”: Gomulka assume la segreteria del partito. a garanzia del “cessate il fuoco” (12 dicembre) L’ONU condanna l’intervento sovietico in Ungheria (dicembre) Le truppe anglo-francesi si ritirano dal Canale di Suez. H. Nasser. La sommossa di Budapest è repressa dai carri armati (5-6 novembre) Sbarco franco-inglese a Porto Said (7-8 novembre) Cessazione del fuoco nella zona del Canale di Suez (15 novembre) Forze dell’ONU in Egitto. nella Guinea portoghese. il cardinale Wyszynski è liberato In Egitto.

assicurano aiuti militari agli Stati mediorientali che li richiederanno per difendersi da attacchi comunisti 1957 (gennaio-ottobre) Battaglia d’Algeri (6 marzo) Indipendenza del Ghana (8 aprile) Riapertura del canale di Suez (aprile) Colpo di Stato in Giordania (25 maggio) I sei paesi membri della CECA (Italia. Nasser è capo del nuovo Stato 151 Antonio Gambalonga . La dichiarazione finale impegna alla lotta antimperialista. L’URSS viene riconosciuta “Stato guida” (dicembre) Il ministro degli esteri polacco Rapacki lancia la proposta di creare nell’Europa centrale una “fascia disatomizzata”. Il piano è respinto dagli Stati Uniti nel maggio 1958 Eisenhower viene rieletto presidente degli Stati Uniti per il quadriennio 19571960 Aspro confronto al Comitato Centrale del PCUS: Chruscëv ne esce vincitore ed impone l’espulsione di Molotov. dimissioni di Bulganin. Malenkov. con la “Dottrina Eisenhower”. Lancio dei primi satelliti nello spazio Elezioni in Germania occidentale: maggioranza assoluta ai cristiano democratici (settembre) 1958 (febbraio) Primo satellite USA nello spazio (8 febbraio) Bombardamento francese di Sakiet in Tunisia In URSS. Francia. Germania Ovest.Il Novecento (31 dicembre) Gli Stati Uniti. Paesi Bassi) firmano il “trattato di Roma” per la creazione della Comunità Economica Europea (CEE) e della Comunità europea per l’energia atomica (EURATOM) A Mosca si chiude la conferenza dei partiti comunisti cui hanno partecipato sessantaquattro paesi tra cui la Cina. Lussemburgo. Kaganovic e Sepilov Lancio del programma di sviluppo edilizio abitativo in Unione Sovietica. Belgio. Chruscëv diventa capo del governo e del partito (maggio) Nella Repubblica popolare cinese prende avvio la “politica del grande balzo” basata sulla costituzione delle “comuni del popolo” (16 giugno) Esecuzione di Nagy in Ungheria Egitto e Siria danno vita alla “Repubblica Araba Unita” (RAU).

con un colpo di stato. Fidel Castro 152 Antonio Gambalonga . Viene proclamata la Repubblica. Violente reazioni da parte dei colonialisti francesi (14 dicembre) Cipro ottiene l’indipendenza. che resta segretario del partito. Che Guevara conquista la città di Santa Clara sconfiggendo definitivamente l’esercito del dittatore Batista che è costretto alla fuga. pretendono il ritorno al potere del generale De Gaulle. nuovo nome del Patto di Baghdad A Baghdad.Il Novecento In Iraq. Presidente della Repubblica è l’arcivescovo Makarios In Congo. un colpo di Stato militare porta all’uccisione di re Feisal II. presieduto da Ferhat Abbas La Guinea ottiene l’indipendenza dalla Francia sotto la guida del capo dell’Unione Africana democratica Sékou Touré. Nel nuovo governo entrano anche i comunisti I generali francesi Salan e Massu. appena nominato primo ministro con pieni poteri per l’Algeria. che. Diventa presidente della Repubblica Frondizi che applica una politica di austerità (31 dicembre) Fuga di Batista da Cuba 1959 (gennaio) Entrano a far parte degli Stati Uniti Alaska (49° Stato dell’Unione) e Hawaii (50° Stato dell’Unione) (17 gennaio) Federazione del Mali fra Senegal e Sudan all’interno dell’Unione francese Liu Shao-chi assume la presidenza della Repubblica popolare cinese dopo le dimissioni di Mao Tse-tung. si reca ad Algeri e fa rientrare il pronunciamento dei generali ribelli Al Cairo si forma il governo provvisorio della Repubblica algerina. che diviene presidente del Paese Conferenza dei popoli africani ad Accra: si avvia un grande movimento per l’indipendenza in tutta l’Africa (febbraio) Vittoria elettorale dei radicali di sinistra in Argentina. la rivolta viene repressa e il Dalai Lama è costretto a fuggire in India (28 gennaio-5 febbraio) XXI congresso del Pcus (marzo) L’Iraq si ritira dal Patto di Baghdad Gli Stati Uniti garantiscono assistenza militare agli Stati membri dell’”Organizzazione del Trattato Centrale” (CENTO). De Gaulle. manifestazioni del movimento per l’indipendenza guidato da Patrice Lumumba A Cuba. i delegati dei principali Paesi produttori di petrolio decidono di costituire l’OPEC (Organisation of Petroleum Exporting Countries) Il presidente francese. Chu En-lai resta primo ministro (marzo) In Tibet la popolazione insorge contro l’occupazione cinese. riconosce al popolo algerino il diritto all’autodeterminazione.

Togo.Il Novecento entra a L’Avana e diventa capo del governo rivoluzionario (21 ottobre) Conflitti di frontiera tra Cina e India . Incidente dell’U2: un aereo spia americano viene abbattuto mentre sorvola l’URSS. in ottobre bloccano tutte le esportazioni verso l’isola In Giappone. Si irrigidiscono i rapporti tra i due Paesi (20 dicembre) Nel Vietnam del Sud viene fondato il Fronte nazionale di liberazione per la riunificazione Conquistano l’indipendenza diciassette Stati africani: Camerun. iniziano le repressioni contro i Curdi Nasce l’OPEC: Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (21 marzo) Massacro di Shaperville in Sudafrica (luglio) Italia: manifestazioni e scontri di piazza contro il governo Tambroni. Dahomey. Mali (ex Sudan francese). Il governo di Lumumba è rovesciato da un colpo di Stato appoggiato dal presidente della Repubblica Kasavubu In Brasile. costretto a dimettersi dopo i morti di Reggio Emilia 153 Antonio Gambalonga . Congo (ex belga). Somalia. Madagascar. Repubblica Centroafricana. Il primo ministro Lumumba chiede l’intervento dell’ONU. Senegal. primo presidente cattolico degli Stati Uniti (gennaio) Chruscëv riduce le forze armate e propone una riforma dell’esercito sovietico L’URSS si ritira dalla conferenza di Ginevra sul disarmo (agosto) L’inasprimento dei rapporti diplomatici con l’URSS provoca il ritiro dei tecnici sovietici dalla Cina Viene scoperto il doppio gioco del colonnello del GUR (Servizio segreto militare sovietico) Oleg Penkowsky. una regione del Congo (ex belga). Ciombé. Ciad. viene proclamata capitale dello stato la nuova città Brasilia In maggio gli Stati Uniti sospendono gli aiuti tecnici a Cuba e. Gabon. Alto Volta.(14 agosto) L’URSS lancia il primo razzo sulla Luna 1960 (24 gennaio) Insurrezione nazionalista in Algeria (8 novembre) È eletto il democratico John Kennedy. Niger. scoppia una rivolta separatista guidata da M. violente manifestazioni antiamericane in seguito alla ratifica di un trattato che autorizza gli USA ad installare basi militari nel Paese In Iraq. Congo (ex francese). Nigeria e Mauritania Nel Katanga. Costa d’Avorio.

che si costituisce in e Ben Bella capo del . Il nuovo governo decide il distacco dalla RAU Gli ultras colonialisti francesi formano l’OAS (Organisation de l’Armée Secrète) che compie attentati terroristici in Francia e in Algeria (13 febbraio) Notizia della morte di Lumumba. Tito e Sukarno e propongono la creazione di un fronte i cui membri sostengano i principi di coesistenza pacifica e non allineamento. diano sostegno ai movimenti di liberazione nazionale. tra Francia e governo stabiliscono una tregua (3 luglio) Viene proclamata l’indipendenza dell’Algeria Repubblica popolare democratica con Ferhat Abbas presidente governo 154 Antonio Gambalonga ristrutturazione del provvisorio algerino. L’Egitto rompe con lo Yemen 1962 (novembre) Il Comitato Centrale del PCUS approva la partito (18 marzo) Gli accordi di Evian. diventa presidente Goulart che avvia riforme progressiste incontrando l’ostilità di conservatori e militari Si chiude la Conferenza interamericana di Punta del Este: gli Stati latinoamericani (tranne Cuba) fondano con gli Stati Uniti l’”Alleanza per il Progresso” A Cuba fallisce il tentativo di sbarco alla Baia dei Porci di esuli anticastristi organizzati e finanziati dalla CIA.Il Novecento 1961 (13 agosto) Costruzione del muro di Berlino (3 gennaio) Rottura dei rapporti diplomatici tra USA e Cuba (4 febbraio) Rivolta in Angola. Inizia la lotta di liberazione (8 settembre) Colpo di Stato in Siria. Scoppia una guerra civile che l’ONU non riesce a fermare (marzo) L’Unione Sudafricana esce dal Commonwealth e prende il nome di Repubblica Sudafricana Nella Repubblica Dominicana grande instabilità politica in seguito all’uccisione del dittatore Trujillo per mano di una congiura militare In Brasile. Fidel Castro proclama il carattere socialista della rivoluzione cubana Rottura delle relazioni diplomatiche tra Unione Sovietica e Albania. che ha criticato il processo di destalinizzazione Chruscëviano In giugno si riuniscono al Cairo Nasser. non accettino sul proprio territorio la presenza di basi straniere (dicembre) Finisce la Repubblica Araba Unita (RAU).

nel Texas. mitragliatori e mortai (11 ottobre) Apertura del Concilio Vaticano II voluto da papa Giovanni XXIII 1963 Negli Stati Uniti viene riabilitato Robert Oppenheimer (3 giugno) Muore Giovanni XXIII. Le truppe cinesi si ritirano per la minaccia di intervento russo-americano a favore dell’India I partigiani curdi che occupano la maggior parte del Kurdistan Iraqeno.Il Novecento (25 giugno) Nasce il Fronte di Liberazione del Mozambico (FRELIMO). spia sovietica a favore dell’Occidente Nasce ad Addis Abeba l’Organizzazione per l’Unità Africana (OUA). In ottobre scoppia la “crisi dei missili” (ottobre-novembre) Incidenti di frontiera portano all’invasione cinese dell’India. gli succede Paolo VI (11 giugno) Grecia: cade la dittatura di Karamanlis (22 novembre) A Dallas. a settembre diviene presidente Rivoluzione nazionale in Siria. sono circa 30. Ciombé pone fine alla secessione del Katanga concedendo una certa autonomia alla regione (aprile) Algeria: Ben Bella segretario del FLN mantiene la direzione del governo.000 e sono forniti di pistole. federazione indipendente che riunisce 155 Antonio Gambalonga . Vi aderiscono trenta Paesi Sono istituite la Repubblica presidenziale del Senegal e la Repubblica del Tanganica (1° ottobre) Proclamazione della repubblica in Nigeria Conquistano l’indipendenza Uganda e Kenya Nel Congo (ex belga). Costituzione di un governo di unità nazionale A Cuba Fidel Castro ottiene assistenza tecnica e militare dall’Unione Sovietica. Il vicepresidente Johnson assume le funzioni di capo dello Stato (21 dicembre) Scontri tra greci e turchi a Cipro In URSS iniziano le importazioni di grano dall’America Viene giustiziato il colonnello Oleg Penkowsky. viene ucciso in un attentato il presidente degli USA John Kennedy. guidato da Mondlane (marzo) In Argentina un colpo di stato militare depone il presidente Frondizi e mette fuorilegge il partito peronista e il partito comunista (maggio-luglio) Crisi del Laos. partito della “rinascita araba” al potere Proclamazione della “Grande Malesia”.

Il candidato di sinistra A. Allende ottiene il 38. alla morte di Nehru. accusato di “culto della personalità”. Frei. Kossygin primo ministro Il plenum del Comitato centrale sovietico ripristina la struttura unitaria del Pcus (27 gennaio) La Francia riconosce la Repubblica popolare cinese (21 agosto) Muore Togliatti In seguito all’incidente del golfo del Tonchino gli Stati Uniti iniziano i bombardamenti aerei sul Vietnam del Nord che saranno intensificati negli anni successivi Il 1° Congresso nazionale palestinese decide la costituzione dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) In Congo (ex belga) Ciombé viene nominato primo ministro. diventa primo ministro L. Sarà un intervento belga a soffocare la secessione Inizia una guerriglia in Mozambico In Cile. con un colpo di stato. viene eletto presidente della repubblica E. va al potere il generale R.5% dei voti In Bolivia. l’anno seguente. A Kisangani i lumumbisti danno vita a un nuovo moto separatista e costituiscono la Repubblica popolare congolese. B. Invio di marines nel Vietnam del Sud 156 Antonio Gambalonga . Barrientos che.Il Novecento quattordici Stati (1-2 novembre) Colpo di Stato nel Vietnam del Sud (3 maggio) Legge marziale ad Haiti 1964 Johnson viene eletto presidente degli Stati Uniti per il quadriennio 1965-1968 (gennaio-aprile) Rottura tra USA e Panama Un contingente ONU sbarca a Cipro (maggio) Nasser e Chruscëv inaugurano la diga di Assuan (ottobre) URSS: caduta di Chruscëv. Shastri 1965 (primo febbraio) Arresto di Martin Luther King in Alabama (21 febbraio) Assassinio di Malcolm X (febbraio) Escalation militare americana contro il Vietnam del Nord. Leonid Breznev diventa segretario del partito. proclama lo stato d’assedio Intervento di Che Guevara all’assemblea dell’ONU a New York Colpo di Stato in Brasile In India.

Sanguinosa repressione (giugno) Gli Stati Uniti bombardano la capitale del Vietnam del Nord. con la nuova costituzione. che procede all’eliminazione dei comunisti (novembre) Nella Repubblica popolare cinese inizia la “rivoluzione culturale” (luglio-settembre) Crisi politica in Grecia (dicembre) Chiusura del Concilio Vaticano II 1966 (marzo) Dopo 400 anni i pontefice romano e l’arcivescovo di Canterbury si incontrano nella Cappella Sistina Per la prima volta un ministro sovietico (il ministro degli Esteri Gromiko) è ricevuto in Vaticano In URSS comincia la stagione del dissenso con il processo Sinjavskij-Daniel Al XXIII congresso del PCUS. La mediazione dell’ONU ottiene la tregua Inizio della guerriglia in Israele ad opera di Al-Fatah. A Saigon viene incendiata la base aerea. Colpo di Stato in Siria. delle miniere. proclama l’indipendenza dalla Gran Bretagna e. assicura il potere politico solo ai bianchi (13 ottobre) Congo (ex belga): destituzione di Ciombé. Marcos. Hanoi Un colpo di Stato militare porta al potere il colonnello Bokassa nella Repubblica Centrafricana.Il Novecento Gli Stati Uniti intervengono militarmente nella Repubblica Dominicana dove è in atto una guerra civile seguita alla cacciata della giunta militare (settembre) Stato d’assedio in Bolivia. Deposto il generale Hafez 157 Antonio Gambalonga . fautore della discriminazione razziale. L’esercito occupa le miniere Nelle Filippine viene eletto presidente F. Nel Paese riprende la guerriglia comunista (agosto-settembre) Nuova guerra indo-pakistana per il controllo del Kashmir. delle banche Nella Rhodesia del Sud. Breznev diventa segretario generale del partito Mao Zedongdà vita al movimento delle “Guardie rosse” a sostegno della “rivoluzione culturale” Manifestazione vietnamita contro la presenza americana e contro il governo del generale Nguyen Kao Ky. braccio armato dell’OLP In Algeria il colonnello Boumedienne prende il potere con un colpo di Stato e procede alla nazionalizzazione delle industrie di base. (25 novembre) Prende il potere Mobutu (settembre-ottobre) In Indonesia un colpo di Stato militare costringe Sukarno a lasciare il potere al generale Suharto. il primo ministro Ian Smith. Deposto il presidente Nkrumak. Bokassa abroga la costituzione e scioglie il parlamento Colpo di Stato nel Ghana.

aiutati dai francesi. soppresse le libertà di stampa e di opinione (5-10 giugno) “Guerra dei sei giorni” tra Israele.Il Novecento L’ONU. su proposta britannica. la Cisgiordania e le colline del Golan. Gerusalemme. I militari resteranno al potere fino al 1973 In Bolivia inizia la guerriglia contro la dittatura di Barrientos. Gli succede Indira Gandhi figlia di J. Resta insoluta la questione del Kashmir In India muore il primo ministro Shastri. Nehru (4 novembre) Alluvione a Firenze 1967 Grandi manifestazioni di protesta contro la guerra nel Vietnam si tengono negli Stati Uniti e in alcuni capitali europee fra cui Parigi e Roma (21 aprile) Colpo di Stato militare in Grecia. sospesa la costituzione. dagli Stati arabi e dall’OLP In Nigeria. resistono all’invasione delle truppe governative nigeriane Lo Yemen meridionale conquista l’indipendenza guidato dal Fronte di Liberazione Nazionale di orientamento marxista Ernesto Che Guevara viene catturato e ucciso in Bolivia. che si stacca dal Commonwealth (28 giugno) In Argentina. I secessionisti. sciolti i partiti. di origine argentina Ernesto “Che” Guevara Con la conferenza di pace di Taskent ha termine la guerra indo-pakistana. Giordania e Siria (terza guerra arabo-israeliana): l’esercito israeliano. Leader dei guerriglieri è il cubano. la regione sudorientale si proclama indipendente col nome di Repubblica del Biafra. La risoluzione è respinta da Israele. organizzato da M. Egitto. Dayan. dalle truppe di Barrientos Indonesia: estromissione di Sukarno dalla Suprema magistratura del paese Hong Kong: scontri anglo-cinesi nella colonia britannica 1968 In Cecoslovacchia diviene segretario del Partito comunista A. l’ONU interviene ottenendo il “cessate il fuoco” L’ONU invita Israele a ritirarsi dai territori occupati nella guerra dei sei giorni e gli Stati arabi a riconoscere lo Stato d’Israele e a negoziare un trattato di pace. occupa il Sinai. adotta sanzioni economiche contro il governo razzista della Rhodesia. Dubcek inizia un nuovo corso riformista 158 Antonio Gambalonga . un colpo di Stato porta al potere il generale Ongania.

giornalisti. ma la polizia sgombera con la forza. insegnanti. Viene votata l’occupazione. alla periferia di Parigi. Daniel Cohn-Bendit con 142 compagni occupa l’Università per protestare contro l’arresto di uno studente e dà vita al gruppo “22 marzo” (4 aprile) A Mephis viene assassinato Martin Luther King (11 aprile) Rudi Dutschke. leader del movimento studentesco di Berlino. Ne nasce una battaglia di strada tra studenti e polizia nel quartiere latino. La sera. chiusa dal rettore per evitare una nuova occupazione (2 marzo) A Tokio violenti scontri fra studenti pacifisti e polizia (18 marzo) Nella fabbrica “Pirelli Bicocca” di Milano si forma il primo CUB (Comitato Unitario di Base) (22 marzo) A Nanterre. viene gravemente ferito da uno squilibrato. bancari. insieme agli 159 Antonio Gambalonga .Il Novecento (gennaio) In Italia gli studenti occupano l’Università di Trento contro l’“autoritarismo accademico” (febbraio) Grande manifestazione studentesca per il Vietnam a Berlino (febbraio) Iniziano le occupazioni delle sedi universitarie italiane “Offensiva del Tet”: nel Vietnam del Sud i vietcong occupano Hue (marzo) Marines americani compiono il massacro di May Lay in Vietnam (1 marzo) A Roma “battaglia” di Valle Giulia: gli studenti si scontrano per ore con la polizia davanti alla Facoltà di architettura. che si protrae per più giorni (7 maggio) Gli studenti della Sorbona escono dal quartiere latino. in Francia. numerosi operai partecipano all’assemblea che si tiene alla Sorbona (16 maggio) Viene occupata la Renault Billancourt. Il movimento studentesco assalta le sedi dell’editore di destra Alex Springer. Il paese rischia la paralisi totale (27 maggio) De Gaulle scioglie il parlamento e indice nuove elezioni per il 23 giugno (2 giugno) In Francia i sindacati cominciano a firmare accordi separati per le varie categorie in sciopero. e percorrono in cinquantamila il centro della città. I rappresentanti sindacali impediscono a un corteo di studenti di entrare nella fabbrica (20 maggio) Gli scioperanti in Francia sono dieci milioni e comprendono assicuratori. A Monaco si verificano aspri scontri con la polizia con due morti e migliaia di arresti (30 aprile) A New York la polizia sgombera con la forza la Columbia University occupata dagli studenti (3 maggio) Gli studenti di Nanterre confluiscono alla Sorbona per un’assemblea. L’attentato provoca manifestazioni e proteste in tutta la Germania. circa un milione di persone in corteo contro il decurtamento dei salari. Nuovi scontri con la polizia (13 maggio) Proclamazione dello sciopero generale in Francia (14 maggio) A Parigi. I metalmeccanici resistono e si scontrano.

Husak (aprile) Francia: in seguito alla sconfitta subita nel referendum sulla riforma del Senato e l’istituzione delle regioni il presidente De Gaulle si dimette. A giugno gli succede Pompidou Scontri di frontiera tra Cina e URSS 160 Antonio Gambalonga . G. con la polizia a Flins e a Sochaux: muoiono uno studente e due operai (5 giugno) A Los Angeles viene assassinato Robert Kennedy (13 giugno) Il governo francese mette fuorilegge i gruppi rivoluzionari. Nei giorni successivi cessano le occupazioni nelle fabbriche (27 giugno) In Cecoslovacchia un gruppo di intellettuali firma un manifesto per la liberalizzazione. Valasco Alvarado 1969 (gennaio) Praga: lo studente Jan Palach si dà fuoco per protesta contro l’occupazione sovietica (20 gennaio) USA: Nixon assume la carica di presidente Gran Bretagna: scontri tra cattolici e protestanti in Ulster con morti e feriti (aprile) In Cecoslovacchia Dubcek è costretto alle dimissioni. con l’approvazione dell’URSS. un colpo di stato porta al potere una giunta militare progressista guidata da J.000 studenti uccidendo più di cento giovani Americani e truppe sudvietnamite riconquistano Hue (1 novembre) Gli Stati Uniti sospendono i bombardamenti sul Vietnam del Nord (5 novembre) Il repubblicano Richard Nixon viene eletto presidente degli Stati Uniti (7 dicembre) Contestazione della serata inaugurale al teatro La Scala di Milano (13 dicembre) In seguito ad agitazioni studentesche il governo brasiliano decreta lo stato d’assedio In Perù. detto delle “2000 parole” (25 luglio) Inizia l’occupazione dell’Università a Città del Messico. Il governo reprime brutalmente uccidendo venti studenti. La protesta dilaga in tutte le scuole (20-21 agosto) La Cecoslovacchia è occupata da truppe sovietiche e di altri paesi del Patto di Varsavia che reprimono come “controrivoluzionario” il tentativo di riforma avviato da Dubcek (26 agosto) I maggiori dirigenti cecoslovacchi accettano un compromesso con Mosca che prevede la presenza militare sovietica nel paese In settembre l’Albania si ritira dal Patto di Varsavia (13 ottobre) A Città del Messico l’esercito spara su una manifestazione di 10.Il Novecento studenti. Viene eletto segretario del partito.

Gierek (30 aprile) Il presidente americano Nixon annuncia che le truppe USA parteciperanno alla guerra cambogiana. Un’ondata di sdegno per questa nuova escalation della guerra spinge al massimo l’attività dei movimenti pacifisti (4 maggio) Nell’università statale di Kent. alla morte di Nasser. nel Vietnam del Sud In Vietnam il morale dei soldati americani è molto basso. ma non dall’OLP . Golda Mejr forma un governo di ampia coalizione Il segretario di Stato americano Rogers fa conoscere le sue proposte per la composizione del conflitto mediorientale. nell’Ohio. Il piano. e la diserzione In Libia un Consiglio della rivoluzione con a capo il colonnello Gheddafi destituisce il re Idris I ed assume il potere. L’avvenimento prende il nome di “Settembre nero” In Egitto. guida per la lotta di liberazione in Indocina (15 ottobre) Negli Stati Uniti. Yasser Arafat è eletto presidente dell’OLP In Israele. ad Hanoi. quattro studenti vengono uccisi durante una manifestazione non autorizzata contro l’intervento americano in Vietnam. che re Hussein vorrebbe estromettere dal paese (battaglia di Amman). verrà accettato da Egitto. Vi partecipano più di due milioni di persone in tutto il Paese (novembre) Un marine descrive alla Tv il massacro di 109 civili a Song My. L’incidente provoca nuovi disordini negli ambienti accademici e molte università vengono chiuse Gli Stati Uniti riprendono in novembre i bombardamenti sul Vietnam del Nord In Giordania si verificano sanguinosi scontri tra l’esercito giordano e i guerriglieri palestinesi feddayn. diventa presidente della Repubblca Anwar al161 Antonio Gambalonga . aumenta l’uso della droga.Il Novecento A Parigi si aprono i negoziati di pace tra USA e Vietnam del Sud da una parte e Vietnam del Nord e Fronte di liberazione dall’altra (20 luglio) L’astronauta Neil Amstrong è il primo uomo che scende sulla Luna (3 settembre) Muore. riunito al Cairo. Moratorium Day: è la giornata delle dimostrazioni contro la guerra nel Vietnam. dopo molte discussioni. Viene proclamata la Repubblica araba di Libia Al congresso nazionale palestinese.(12 dicembre) Italia: strage di piazza Fontana a Milano 1970 In Polonia vaste manifestazioni popolari contro la crisi economica portano alle dimissioni del segretario del Partito operaio unificato Gomulka che viene sostituito da E. Giordania e Israele. Ho Chi Minh.

Ma i nordvietnamiti replicano che gli americani se ne devono andare prima delle elezioni Accordo di Amman tra l’OLP e il governo giordano che si impegna ad impedire che guerriglieri palestinesi intraprendano azioni terroristiche contro Israele partendo dal territorio giordano In Uganda il generale Amin Dada rovescia il presidente Obote e instaura una feroce dittatura In Algeria il governo nazionalizza le compagnie petrolifere francesi operanti sul 162 Antonio Gambalonga . consigliere speciale del presidente americano Nixon. Allende. Nel Vietnam del Sud si dovrebbero svolgere libere elezioni due mesi dopo il cessate il fuoco e il dittatore Van Thieu dovrebbe dare le dimissioni. del Laos e della Cambogia danno vita al Fronte di liberazione dell’Indocina (1° dicembre) Italia: promulgazione della legge che introduce il divorzio nella legislazione italiana 1971 La Repubblica popolare cinese viene ammessa all’ONU e ottiene un seggio permanente nel Consiglio di sicurezza L’ONU espelle la Cina nazionalista di Formosa Gran Bretagna: la Camera dei Comuni approva l’adesione alla CEE Scontri fra cattolici e protestanti a Belfast Henry Kissinger. propone di ritirare tutte le truppe americane dal Vietnam sei mesi dopo la firma del trattato di pace. finché ottengono garanzie per la liberazione di sette palestinesi. già decimati da fame e stenti provocati dalla guerra In Cile. Inizia la guerriglia antigovernativa del Fronte unito nazionale Khmer (aprile) I movimenti di liberazione del Vietnam.Il Novecento Sadat In Libia il colonnello Gheddafi nazionalizza le compagnie petrolifere operanti sul territorio e annuncia il sequestro di tutti i beni degli italiani che risiedono nel paese Sei palestinesi immobilizzano per dieci ore un aereo della Olimpic Airways ad Atene. Si forma un governo di unità popolare che avvia importanti riforme economiche e sociali (marzo) In Cambogia un colpo di Stato filoamericano guidato dal primo ministro Lon Nol. due dei quali responsabili dell’attentato compiuto il 27 novembre 1969 contro gli uffici ateniesi della El-Al Per tutto il mese di agosto nel Medio Oriente l’OLP di Habbash sviluppa la strategia dei dirottamenti aerei Il governo centrale nigeriano annienta i secessionisti del Biafra. depone il presidente Sihanouk. è eletto presidente della repubblica il socialista S.

terroristi palestinesi sequestrano alcuni atleti israeliani. L’Unione Sovietica appoggia l’India. sede del Partito democratico Il repubblicano Nixon viene rieletto presidente degli Stati Uniti per il quadriennio 1973-1976 Il presidente americano Richard Nixon visita la Cina Gli USA restituiscono l’isola di Okinawa al Giappone Nuovi massicci bombardamenti sul Vietnam del Nord non riescono a impedire le offensive nordvietnamite e vietcong nel sud del Paese (30 dicembre) Nixon annuncia la sospensione dei bombardamenti Cina: il governo annuncia la morte di Lin Biao. Intervento dell’ONU per il “cessate il fuoco” 1972 Negli Stati Uniti scoppia lo scandalo Watergate. Danimarca e Irlanda Inizia l’inchiesta del senato americano sul presidente Nixon per lo scandalo Watergate che lo porterà alle dimissioni Il premier sovietico Breznev si reca a Washington in visita ufficiale A Parigi. la Cina appoggia il Pakistan.Il Novecento territorio Il Congo (ex belga) assume il nome di Repubblica dello Zaire In Cile. I secessionisti sono appoggiati dall’India (11 settembre) Morte di Nikita Chruscëv (dicembre) Scoppia la guerra tra India e Pakistan. Vengono condannate per spionaggio alcune persone penetrate nel palazzo Watergate. durante le Olimpiadi. Segue un conflitto a fuoco con la polizia nel quale muoiono tutti gli ostaggi e cinque terroristi Israele bombarda un campo di guerriglieri palestinesi nel Libano meridionale Il Bangladesh stringe accordi economici con l’URSS e con l’India Cile: sciopero degli autotrasportatori e dei commercianti contro il governo di Salvador Allende Italia: viene ucciso il commissario Calabresi 1973 (1° gennaio) La CEE passa da sei a nove membri con l’adesione di Gran Bretagna. il rappresentante nordvietnamita Le Duc To e quello americano 163 Antonio Gambalonga . il governo Allende nazionalizza le miniere di rame Nel Pakistan orientale la lega separatista Awami proclama la Repubblica del Bangladesh. avvenuta l’anno prima A Monaco di Baviera.

Guinea Bissau.Il Novecento Kissinger firmano un accordo che pone fine all’impegno americano nel Vietnam e prevede la riunificazione del Paese Nella conferenza di Teheran i Paesi produttori di petrolio membri dell’OPEC decidono un aumento considerevole del prezzo del greggio. Gli subentra il vicepresidente Gerald Ford I laburisti ritornano alla guida dell’Inghilterra. Gli israeliani resistono e riconquistano la riva orientale del Canale di Suez. 12 morti e quasi 50 feriti (agosto) Il nuovo governo portoghese concede l’autodeterminazione alle colonie (Angola. Pinochet. Papadopulos presidente provvisorio. Campora. si instaura la dittatura e sono represse le forze progressiste In giugno torna in Argentina J. mettendo in crisi l’economia dei paesi industrializzati Gli arabi attaccano Israele e provocano la quarta guerra arabo-israeliana (“guerra del Kippur”). Armistizio tra Egitto e Israele In Argentina. Governo guidato da Harold 164 Antonio Gambalonga . (29 luglio) Referendum popolare e instaurazione di una Repubblica presidenziale (25 novembre) Un colpo di Stato militare rovescia Papadopulos Italia: il segretario del Pci Enrico Berlinguer lancia la linea del “compromesso storico” 1974 In seguito all’occupazione da parte della Turchia di parte dell’isola di Cipro. Mozambico) (8 agosto) A causa dello scandalo Watergate si dimette il presidente americano Richard Nixon. La giunta militare lascia il potere al nuovo presidente In Cile il presidente Allende resta ucciso in un colpo di Stato militare che porta al potere il generale A. il cui partito nelle elezioni del 17 novembre ottiene la maggioranza. la dittatura (28 maggio) Italia: a Brescia durante una manifestazione sindacale esplode una bomba tra la folla uccidendo 8 persone e ferendone un centinaio (4 agosto) Italia: strage del treno Italicus. in Grecia cade la dittatura dei colonnelli. vittoria elettorale del candidato peronista H. Peròn e assume in ottobre la carica di presidente della Repubblica (1° giugno) Grecia: destituzione del re Costantino. (dicembre) Il referendum popolare si conclude con la vittoria della repubblica che ottiene il 62% dei suffragi (25 aprile) “Rivoluzione dei garofani” in Portogallo: un gruppo di militari depone il primo ministro Gaetano. Finisce così. dopo 52 anni. in marzo. D. L’ONU impone una tregua. Viene richiamato in patria Karamanlis.

a partecipare al dibattito sulla questione palestinese. Tito viene proclamato presidente a vita 1975 (febbraio) Margaret Thatcher diventa segretario del Partito conservatore inglese Armistizio tra Stati Uniti e Vietnam del Nord I vietcong prendono la capitale del Vietnam del Sud. Saigon. Chirac guida il nuovo governo francese Una riforma costituzionale accorda maggiori poteri alle singole regioni della Jugoslavia. Gli succede il re Juan Carlos. Il Sudafrica appoggia la guerriglia antigovernativa dell’Unita Invio di truppe cubane in Angola. Israele per protesta non partecipa ai lavori L’esercito israeliano si ritira dal canale di Suez che viene riconsegnato all’Egitto (1° luglio) Muore il presidente argentino Perón e gli succede la moglie Isabelita Giscard d’Estaing vince le elezioni presidenziali in Francia. che avvia la democratizzazione del Paese (giugno) Italia: alle elezioni amministrative grande avanzata dei comunisti che conquistano la guida delle città più importanti Il dissidente sovietico Andrej Sacharov vince il premio Nobel per la pace Il presidente USA Ford inizia una visita ufficiale in Cina 165 Antonio Gambalonga . guidata dal leader Arafat. viene ucciso il presidente Rahaman insieme a 200 sostenitori (novembre) Muore il dittatore spagnolo Franco. Giunta militare capeggiata da Morales Bernandez (25 giugno) Proclamazione dell’indipendenza del Mozambico Indipendenza dell’Angola dal Portogallo. per affiancare lo Stato africano nel conflitto contro l’Unita Ha inizio la guerra civile libanese Bangladesh: colpo di Stato.Il Novecento Wilson Gli USA riconoscono la Repubblica democratica tedesca (novembre) L’ONU invita una delegazione dell’OLP. Il 2 luglio 1976 è proclamata la Repubblica socialista del Vietnam (aprile) I khmer rossi occupano la capitale cambogiana Phnom Penh e assumono la guida del Paese (giugno) Nel referendum popolare i due terzi degli elettori inglesi votano per rimanere nella CEE Destituito il presidente Alverado in Perù.

Bettino Craxi diventa il nuovo segretario del PSI (luglio) Patto sociale tra governo e sindacati in Inghilterra (agosto) Le milizie cristiane compiono un massacro nel campo profughi palestinese di Tall-el-Zaatar (novembre) Il democratico Jimmy Carter viene eletto presidente degli USA I sovietici iniziano la sostituzione dei missili puntati sull’Europa. Deng Xiaoping è capo del governo cinese 1977 (febbraio) Vittoria del generale Romero alle elezioni in Salvador (maggio) Alle elezioni in Israele vince la coalizione di destra Likud. adottando i moderni Ss-20 al posto degli Ss-4 e Ss-5 Pol Pot è primo ministro in Cambogia: inizia l’esperimento di "comunismo agrario” Il generale Videla.Il Novecento 1976 Riunificazione del Vietnam del Nord e del Sud. con capitale Hanoi (aprile) Il laburista Callaghan diventa primo ministro in Inghilterra (aprile) In Portogallo si tengono le prime elezioni libere dopo la dittatura: vincono i socialisti e Mario Soares diviene primo ministro (giugno) L’esercito siriano entra in Libano e occupa alcuni settori di Beirut Sadat annulla il trattato con l’URSS del 1971 Fondazione dell’Organizzazione per l’Unità Africana (OUA) (giugno) Nelle elezioni politiche in Italia si registra una forte avanzata del Pci e un recupero della Dc (luglio) In Italia si forma un governo monocolore Dc con l’astensione dei comunisti. in occasione di una dimostrazione studentesca. a capo di una giunta militare. vinte dall’Unione del centro democratico di Suarez (7 ottobre) Entra in vigore la nuova costituzione sovietica in cui sono riconosciute le libertà fondamentali del cittadino. Rivolta della maggioranza nera Morte di Mao Zedong. Non verrà applicata In Italia una grande ondata di proteste studentesche dà luogo a gravi incidenti. guidata da Menahen Begin (giugno) In Spagna si tengono le prime elezioni democratiche. è al potere in Argentina Chirac è sostituito alla guida del governo francese da Raymond Barre Massacro di neri operato dalla polizia sudafricana nella township di Soweto. Si verificano anche numerosi attentati terroristici L’ONU sanziona il governo sudafricano con l’embargo economico 166 Antonio Gambalonga .

Vengono così normalizzati i rapporti tra i due Paesi (settembre) Egitto e Israele stipulano. insieme ad un gruppo di intellettuali e dissidenti cecoslovacchi. fonda il movimento per i diritti civili “Charta 77” 1978 (maggio) Accordo Panama-USA sul controllo del canale di Panama (16 marzo) In Italia il presidente della Dc Aldo Moro viene rapito dalle Brigate Rosse (9 maggio) A Roma viene ritrovato il corpo di Aldo Moro. sostenuto dal Vietnam Esplode in Iran. Il regime di Pol Pot viene rovesciato e al suo posto si insedia il "Fronte unito per la salvezza della Cambogia". primo papa polacco della storia (16 ottobre) (agosto) Il Giappone e la Cina firmano il trattato di pace e amicizia. un piano di pace per il ritiro graduale degli israeliani dal Sinai (accordi di Camp David) (16 ottobre) Il cardinale polacco Karol Wojtyla viene eletto papa ed assume il nome di Giovanni Paolo II Nel Vietnam inizia la politica di espropriazione dei beni della minoranza cinese L’esercito vietnamita invade la Cambogia con l’appoggio degli oppositori dei khmer rossi. del leader nero Steve Biko Etiopia: regime marxista-leninista guidato dal colonnello Menghistu Havel. La Cambogia riceve l’appoggio della Cina. Gli succede Giovanni Paolo II. che muore il 28 settembre. ucciso dalle Brigate Rosse (luglio) Pertini eletto Presidente della Repubblica italiana (6 agosto) Muore papa Paolo VI.Il Novecento Assassinio in carcere. grazie alla mediazione del presidente statunitense Carter. guidata dal movimento islamico. da parte della polizia sudafricana. la protesta contro lo scià Governo Botha in Sudafrica: concessione all’organizzazione di sindacati neri Colpo di Stato in Afghanistan: prende il potere il Partito comunista Schieramento dei missili nucleari SS-20 sovietici lungo i confini dell’Europa occidentale 1979 167 (gennaio) Lo scià Reza Pahlavi è costretto a lasciare l’Iran (marzo) Viene varato il Sistema Monetario Europeo (SME) Antonio Gambalonga . Viene eletto nuovo pontefice Giovanni Paolo I.

Grave insuccesso per Carter Muore al Cairo l’ex scià Reza Pahlavi (maggio)Sacharov viene condannato al confino per aver protestato contro l’invasione sovietiva dell’Afghanistan (4 maggio) Muore il maresciallo Tito (estate) Le Olimpiadi di Mosca vengono boicottate dagli USA per protesta contro l’invasione dell’Afghanistan (2 agosto) Italia: strage alla stazione di Bologna. in Iran. PSI. Guerra lungo il confine tra i due Paesi Le elezioni politiche in Italia vedono un sensibile arretramento del Pci.Il Novecento Espulsione dell’Egitto dalla Lega Araba (aprile) L’ayatollah Khomeini proclama l’instaurazione della Repubblica islamica in Iran Il Fronte sandinista conquista il potere in Nicaragua. con un’azione di forza. PSDI) . PRI. la condanna per l’annessione israeliana del settore est di Gerusalemme (agosto) Sciopero ai cantieri navali di Danzica (22 settembre) A Danzica viene fondato il libero sindacato “Solidarnosc” (settembre) Dopo ripetuti scontri di confine. ma con l’astensione degli USA. Il presidente afgano Amin viene giustiziato e sostituito da Babrak Karmal “Spedizione punitiva” della Cina contro il Vietnam. PLI. un gruppo di studenti islamici assale l’ambasciata statunitense e prende in ostaggio il personale diplomatico (7 dicembre) Truppe sovietiche invadono l’Afghanistan. 84 morti e 200 feriti (agosto)Il Consiglio di sicurezza dell’ONU vota all’unanimità. che diviene primo ministro (18 giugno) Viene firmato l’accordo Salt II tra Stati Uniti e l’Unione Sovietica a Vienna (luglio) Fidel Castro nominato presidente del movimento dei Paesi non allineati (ottobre) Golpe in Salvador ad opera dei militari (novembre) A Teheran. vittoria elettorale dei conservatori guidati da Margaret Thatcher. gli ostaggi americani tenuti prigionieri a Teheran.In Cina viene avviata una cauta politica di riforma in campo economico 1980 (24 marzo) Assassinio in Salvador dell’arcivescovo Romero. Si forma un governo di pentapartito (Dc. Nel corso dei funerali reparti militari sparano sulla folla compiendo una strage (aprile) Fallisce il tentativo di liberare. Primo governo di ricostruzione nazionale (7-10 giugno) Si tengono le prime elezioni del Parlamento europeo In Gran Bretagna. ha inizio la guerra tra Iran e Iraq 168 Antonio Gambalonga .

6. la “nuova guerra fredda” La Grecia entra nella CEE Mitterrand sconfigge Giscard d’Estaing nelle elezioni presidenziali francesi (maggio) Primo ministro Mauroy di un governo con la partecipazione del Pcf (6 ottobre) Sadat viene ucciso in un attentato 1982 Il segretario generale dell’ONU De Cuellar riceve una petizione a favore del disarmo. Lech Walesa e altri esponenti di Solidarnosc vengono arrestati Il presidente statunitense Reagan vara un nuovo indirizzo di politica estera. La minoranza bianca lascia il potere alla maggioranza nera 1981 (gennaio) Vengono liberati gli ostaggi dell’ambasciata statunitense di Teheran (febbraio) Il generale W. Si 169 Antonio Gambalonga .Il Novecento (settembre) In Corea del Sud si verificano gravi tensioni in seguito alle quali l’esercito proclama la legge marziale (autunno) Italia: vertenza sindacale alla Fiat. i 35 giorni di sciopero si concludono con una sconfitta dopo la “marcia dei 40 mila” (novembre) Italia: terremoto in Campania e Basilicata. firmata da oltre novanta milioni di persone (aprile) L’esercito argentino occupa l’arcipelago britannico delle Falkland/Malvinas (aprile) Israele restituisce il Sinai all’Egitto (maggio) La Gran Bretagna invia una spedizione militare nelle Falkland/Malvinas (maggio) Iniziano a Ginevra i negoziati per la riduzione e il controllo dei missili strategici (START. rimane invariata la legge 194 sull’interruzione volontaria della gravidanza (13 dicembre) Jaruzelski proclama lo stato d’assedio. Jaruzelski viene eletto primo segretario del Partito operaio polacco nonché primo ministro (13 marzo) Attentato fallito al papa Giovanni Paolo II (marzo) Attentato fallito contro il presidente USA Ronald Reagan (maggio) Italia: referendum popolare.000 morti (novembre) Il repubblicano Ronald Reagan viene eletto presidente degli Stati Uniti Indipendenza dello Zimbawe (ex Rhodesia). Strategic Arms Reduction Talks) (giugno) Israele invade il Libano meridionale e occupa la zona est di Beirut.

cui subentra il fratello Amin. Beirut. il cessate il fuoco nella guerra Iran-Iraq La Spagna aderisce alla NATO Nelle elezioni politiche spagnole vince il Partito socialista (Psoe) di Felipe Gonzalez. che diventa capo del governo Governo democratico in Bolivia presieduto da Suazo 1983 (marzo) Reagan annuncia il progetto di “guerre stellari” (marzo) In Germania Federale i cristiano-democratici vincono le elezioni: Helmut Kohl è confermato cancelliere In Israele Yitzhak Shamir subentra a Begin nel ruolo di primo ministro (giugno) Il Partito conservatore trionfa nelle elezioni inglesi. provocando la crisi della dittatura militare in Argentina La nazionale di calcio italiana vince i campionati del mondo in Spagna (luglio) Il Consiglio di sicurezza dell’ONU chiede a Israele di rispettare i diritti umani in Libano (22 agosto) Le truppe palestinesi lasciano la capitale del Libano. Riconferma della Thatcher (luglio) Il segretario socialista Craxi è il nuovo capo del governo italiano (ottobre) Neil Kinnock diventa il nuovo segretario del Partito laburista (25 ottobre) Invasione statunitense dell’isola di Grenada. senza successo.Il Novecento ritirerà in settembre (giugno) L’Inghilterra vince rapidamente il conflitto per il possesso delle isole Falkland/Malvinas. sotto la protezione di una forza multinazionale di pace (settembre) Viene ucciso in un attentato il presidente libanese Bechir Gemayel. dove è al potere un governo filocubano. (novembre)Si instaura un governo provvisorio 170 Antonio Gambalonga . pochi giorni dopo i falangisti compiono una strage di civili palestinesi nei campi di Sabra e Chatila (3 settembre) Italia: viene ucciso a Palermo il generale Dalla Chiesa (ottobre ) Scoperto alla periferia di Buenos Aires un cimitero dove sono sepolti i corpi di migliaia di desaparecidos (ottobre) L’ONU chiede senza successo la cessazione delle ostilità fra Iran e Iraq (10 novembre) Muore il leader sovietico Leonid Breznev (12 novembre) Viene eletto segretario del Partito comunista sovietico Jurij Andropov (12 dicembre) Jaruzelski dichiara la fine dello stato d’emergenza in Polonia Il Consiglio di sicurezza dell’ONU chiede.

flessione dei comunisti e dei liberali (luglio) Le Olimpiadi di Los Angeles sono boicottate dall’URSS e da altri Paesi socialisti (19 ottobre) In Polonia viene assassinato Jerzy Popieluszko. Gran Bretagna e Italia. si verificano attacchi alle petroliere che transitano nel Golfo Persico (1 maggio) Solidarnosc sfida il governo polacco organizzando manifestazioni senza il permesso (maggio) Cossiga eletto Presidente della Repubblica italiana. sacerdote vicino a Solidarnosc In Israele dopo le elezioni si costituisce un governo di unità nazionale guidato dal laburista Peres.Il Novecento (novembre) L’Assemblea generale dell’ONU condanna a maggioranza l’invasione USA dell’isola di Grenada (novembre-dicembre) Viene avviata l’installazione dei Pershing 2 e dei Cruise nelle basi militari americane situate in Germania Occidentale. Avanzano i partiti socialisti e l’estrema destra. si affermano i verdi. con Shamir viceprimo ministro Cina e Gran Bretagna siglano un accordo con cui quest’ultima si impegna a restituire il territorio di Hong Kong entro il 1997 Patto di non aggressione tra Sudafrica e Mozambico Nuova costituzione in Sudafrica: l’organizzazione imperniata attorno a un Parlamento tricamerale consente il mantenimento del potere dei bianchi Nuovo ciclo di proteste dei neri sudafricani. Per protesta contro l’azione americana l’URSS abbandona i negoziati Start e INF (Intermediate Nuclear Forces) Lech Walesa viene insignito del premio Nobel per la pace 1984 Ronald Reagan viene rieletto presidente degli Stati Uniti (9 febbraio) Muore Andropov (18 febbraio) Italia: Bettino Craxi firma con la Chiesa cattolica un nuovo concordato (marzo) L’ONU accusa l’Iraq di utilizzare armi chimiche nella guerra con l’Iran (aprile) A causa della guerra Iran-Iraq. succede a Pertini (maggio) Allo stadio Heysel di Bruxelles rimangono uccise 39 persone per il crollo di una tribuna causato da un assalto di tifosi inglesi prima dell’inizio della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool (giugno) Elezioni per il Parlamento europeo. Repressione da parte del governo bianco Il nuovo segretario del Pcus sovietico è Konstantin Cernenko 171 Antonio Gambalonga .

in seguito all’intervento della polizia contro una manifestazione di protesta (trecento morti) Sanzioni internazionali contro il Sudafrica Jaruzelski lascia la carica di capo del governo polacco assunta nel 1981 e diventa presidente del Consiglio di Stato (ottobre) Dirottamento dell’Achille Lauro ad opera di un commando palestinese Li Peng diventa capo del governo cinese 1986 (gennaio) Spagna e Portogallo aderiscono alla Comunità europea (16 marzo) Le elezioni legislative francesi sono vinte da gollisti e giscardiani: Chirac è incaricato di formare un nuovo governo (marzo) Michele Sindona. Ucraina) (giugno) Spagna: le elezioni confermano González e i socialisti al potere 172 Antonio Gambalonga . Pochi giorni dopo muore per avvelenamento in carcere (15 aprile)Aerei statunitensi bombardano Tripoli e Bengasi. Il Pcf passa all’opposizione (dicembre) Isola di Grenada: vittoria elettorale del partito di H. Blaize. ex banchiere. in Libia. viene condannato all’ergastolo per omicidio Ambrosoli. Il nuovo segretario del Partito dei lavoratori albanesi (PLA)è Ramiz Alia (19 novembre) A Ginevra si tiene il primo vertice tra Reagan e Gorbacëv. Anche in Uruguay si ritorna alla democrazia Stato d’assedio in Sudafrica.Il Novecento In Francia Fabius sotituisce Mauroy alla guida del governo. filoamericano 1985 (11 marzo) Michail Gorbacëv viene eletto segretario del Partito comunista sovietico (aprile) Gorbacëv inaugura la politica della Perestrojka (aprile) Muore il dittatore albanese Enver Hoxha. che combattono contro il governo filovietnamita Brasile: Sarney. riprende il dialogo tra USA e URSS per il disarmo (dicembre) Il Consiglio europeo di Lussemburgo approva l’Atto Unico Pol Pot lascia (ufficialmente) la guida dei khmer rossi. provocando settanta morti (26 aprile) Disastro nella centrale nucleare di Cernobyl (Kiev. dopo la breve presidenza Neves. è il primo presidente della Repubblica dopo vent’anni di dittatura militare.

presidente della Commissione per i diritti umani (ottobre) La borsa di Wall Street subisce un crollo (il "lunedi nero") (8 dicembre) Stati Uniti e URSS firmano l’accordo per la progressiva eliminazione degli "euromissili" Inizia il ritiro delle forze vietnamite dalla Cambogia 173 Antonio Gambalonga . una nuova risoluzione per la fine della guerra tra Iran e Iraq (7 agosto) Piano di pace regionale firmato dai cinque presidenti degli Stati centroamericani (26 agosto) Assassinio in Salvador di H. sugli oltre centomila inviati in Afghanistan (novembre) Le autorità iraniane rivelano l’acquisto di armi dagli Stati Uniti. Negli USA scoppia lo scandalo “Irangate” La leader democratica Cory Aquino diventa presidente delle Filippine Intervento del Sudafrica in Namibia Accordo di Reykjavik fra Gorbacëv e Reagan sul dimezzamento delle armi strategiche offensive Il XXVII congresso del PCUS approva la linea riformista di Gorbacëv Riabilitazione del dissidente sovietico Andrej Sacharov. la rivolta palestinese nei territori occupati da Israele Gli Stati Uniti intervengono nel Golfo Persico per proteggere le petroliere del Kuwait (aprile) Inizia la "guerra commerciale" tra USA e Giappone. il quale viene richiamato dal confino di Gorkij 1987 (25 gennaio) Nuova vittoria di Kohl alle elezioni politiche nella Repubblica Federale Tedesca (gennaio) Gorbacëv annuncia al Comitato centrale del PCUS un rinnovamento dei rapporti con i mass media (glasnost) Vengono introdotti in Unione Sovietica elementi di libero mercato Inizio dell’Intifada. senza successo. nonostante l’embargo che questi hanno posto.Il Novecento Destituzione del dittatore di Haiti Duvalier Governo Shamir in Israele L’URSS ritira un contingente simbolico di ottomila uomini. con le sanzioni americane per il mancato rispetto degli accordi sul commercio dei prodotti elettronici (giugno) Viene approvata la nuova costituzione della Corea del Sud che costituisce una svolta in senso democratico (20 luglio) L’ONU emana. Anaya.

primo ministro il socialista Rocard (giugno) Vertice tra Reagan e Gorbacëv a Mosca (18 luglio) Khomeini accetta la risoluzione dell’ONU del 20 luglio 1987. viene deposto dalla carica di presidente della Repubblica (novembre) Il repubblicano George Bush viene eletto presidente degli Stati Uniti (novembre) L’Assemblea generale dell’ONU condanna la repressione israeliana dei palestinesi dei territori occupati (Gaza e Cisgiordania) Ampia offensiva militare sandinista in Nicaragua contro la guerriglia contras Il reddito pro capite del Giappone supera quello statunitense 1989 (gennaio) Manifestazioni nazionaliste in Estonia e Lettonia (marzo) Eltsin viene eletto presidente della Federazione russa (aprile-maggio) Inizia il ritiro delle truppe sovietiche dalla Repubblica Democratica Tedesca. ponendo fine alla guerra con l’Iraq (giugno) L’Iran accetta la risoluzione dell’ONU che chiede la cessazione del conflitto con l’Iraq (agosto) Iran e Iraq concordano il cessate il fuoco e danno avvio ai negoziati di pace (agosto) La polizia reprime con la forza gli scioperi a Danzica. il generale Pinochet. attivisti politici iniziano ad occupare a Pechino piazza Tienanmen 174 Antonio Gambalonga . insegnanti. attraverso un referendum popolare. dalla Cecoslovacchia e dall’Ungheria (22 aprile) Studenti.Il Novecento Grandi proteste contro il regime militare in Birmania (maggio) Le elezioni politiche inglesi registrano una nuova vittoria dei conservatori e una riconferma della Thatcher (dicembre) Cecoslovacchia: Husak si dimette 1988 (14 aprile) Viene firmato a Ginevra il trattato che prevede il ritiro delle truppe sovietiche dall’Afghanistan entro il 15 febbraio 1989 e il rientro dei profughi (8 maggio) Mitterrand è riconfermato presidente della Repubblica francese. intellettuali. Stettino e in Alta Slesia (settembre) I caschi blu dell’ONU ricevono il premio Nobel per la pace (ottobre) In Brasile viene varata una nuova Costituzione (ottobre) Cile: dopo quindici anni di dittatura.

Nel 1992. scoppiano le prime dimostrazioni antigovernative (21 dicembre) In Romania scoppiano le proteste e iniziano le manifestazioni popolari contro il governo (23 dicembre) Il dittatore romeno Ceausescu e sua moglie Elena. accusato di corruzione. è costretto alle dimissioni (ottobre) Repubblica democratica tedesca: Honecker lascia il potere (9 novembre) Caduta del Muro di Berlino (10 novembre) Bulgaria: Ziukov è costretto a dimettersi (novembre) Havel e Dubcek guidano le manifestazioni di protesta contro il governo comunista cecoslovacco. simbolo dell’opposizione alla pacificazione del Paese. il numero esatto dei morti.000 uomini dell’esercito cinese intervengono per reprimere le proteste in piazza Tienanmen. Viene imposta la legge marziale (giugno) Muore Khomeini. Mazowiecki. Jaruzelski presidente della Repubblica (24 giugno) Jiang Zemin diventa segretario generale del Partito comunista cinese Collor de Mello è eletto presidente della Repubblica in Brasile. vengono arrestati e giustiziati sul posto (dicembre) Cile: il democristiano Aylwin viene eletto presidente Esplode il conflitto sociale in Corea del Sud: contestazioni studentesche e scioperi nell’industria Dimissioni del leader sudafricano Botha.Il Novecento (maggio) Pechino: circa un milione di manifestanti a Tienanmen. in fuga dal Paese. dei feriti e degli arrestati rimane ancora sconosciuto. Gli succede De Klerk Riconoscimento da parte del governo sudafricano della principale organizzazione della maggioranza nera: l’African National Congress Viene creato un nuovo organismo in Unione Sovietica: il Congresso dei deputati del popolo dell’URSS 175 Antonio Gambalonga . La guida dell’Iran viene assunta da Ali Khamenei (giugno) Per la prima volta in Polonia vengono indette libere elezioni: vince Solidarnosc e nasce il primo governo non comunista sotto la guida di T. che costringono alle dimissioni i vertici del Partito comunista (novembre) Deng Xiaoping viene sostituito alla testa della Commissione militare cinese (dicembre)Truppe statunitensi invadono Panama e rovesciano il regime del dittatore Noriega (dicembre) Havel diventa presidente della Repubblica cecoslovacca (dicembre) In Francia il Fronte nazionale torna in Parlamento (dicembre) A Scutari. Viene eretta una copia della Statua della Libertà (30 maggio) (3 e 4 giugno) 300. in Albania.

rovesciandone il governo (6 agosto) L’ONU proclama l’embargo contro l’Iraq in seguito all’invasione del Kuwait (8 agosto) L’Iraq dichiara l’annessione del Kuwait (9 agosto) Saddam Hussein minaccia di utilizzare gli stranieri presenti in Iraq come scudi umani contro l’intervento occidentale (25 agosto) Attraverso la risoluzione 665. il primo ministro inglese Thatcher rassegna le dimissioni e. alla cui testa si pone Shamir Viene raggiunto l’accordo tra Siria e Israele sul Libano: fine della guerra civile libanese (2 agosto) L’Iraq di Saddam Hussein invade l’emirato del Kuwait. l’ONU dichiara il blocco economico totale verso l’Iraq e chiede a Saddam Hussein il ritiro delle truppe irachene dal Kuwait (settembre) Truppe occidentali iniziano a schierarsi ai confini del Kuwait (29 novembre) L’ONU autorizza l’intervento della forza multinazionale per liberare il Kuwait (9 dicembre) Lech Walesa viene eletto presidente della Repubblica polacca (dicembre) In seguito alle proteste provocate dall’adozione della poll tax. alla guida del governo e del Partito conservatore. Tenzin Gyatso viene insignito del Nobel per la pace L’Egitto rientra nella Lega Araba 1990 (25 febbraio) Elezioni libere in Nicaragua: si afferma la coalizione liberale guidata da Violeta Chamorro (11 marzo) La Lituania si proclama indipendente dall’URSS (18 marzo) La CDU vince le prime elezioni libere nella Repubblica Democratica Tedesca (30 marzo) L’Estonia si proclama indipendente dall’URSS (aprile-maggio) Le prime elezioni libere ungheresi sono vinte dal partito di centro-destra “Forum democratico ungherese” (4 maggio) La Lettonia si proclama indipendente dall’URSS (10 maggio) Cina: Li Peng abroga la legge marziale (18 maggio) Viene varato un sistema monetario comune tra Repubblica Federale e Repubblica Democratica Tedesca Romania: il partito neocomunista vince le elezioni Si rompe il governo di unità nazionale in Israele: la guida del Paese è assunta da un governo di destra.Il Novecento il Dalai Lama. sale John Major Elezioni libere in Birmania favorevoli alle forze di opposizione 176 Antonio Gambalonga .

Ha inizio la guerra tra Croazia e Serbia In Bulgaria viene varata una nuova costituzione su base pluripartitica.Il Novecento Inizio dello smantellamento del regime di apartheid in Sudafrica Liberazione di Nelson Mandela dopo ventisette anni di carcere Accordo per l’indipendenza della Namibia Le elezioni cecoslovacche vengono vinte dal partito di Havel. il “Forum civico” In Jugoslavia si dissolve la Lega dei comunisti 1991 (17 gennaio) Primo attacco degli Stati Uniti. il nuovo primo ministro è Edith Cresson (giugno) Si giunge all’accordo Start I firmato da Gorbacëv e dal nuovo presidente americano George Bush (giugno) L’Albania diventa una Repubblica parlamentare (25 giugno) Slovenia e Croazia si proclamano indipendenti. Alle elezioni si afferma il Partito socialista bulgaro 177 Antonio Gambalonga . mentre una minoranza si stacca e fonda il partito della Rifondazione comunista (21 febbraio) Ultimatum degli USA all’Iraq: se non vengono ritirate le truppe dal Kuwait inizieranno attacchi di terra (24 febbraio) Iniziano le operazioni militari terrestri contro l’Iraq. avrebbe avuto intenzione di proseguire l’avanzata fino a Baghdad (15 maggio) In Francia Mitterrand licenzia il governo di Rocard. alla testa di una forza militare multinazionali. In pochi giorni le truppe della forza multinazionale raggiungono Kuwait City (marzo) Muore il vescovo scismatico Lefebvre (2 marzo) La risoluzione 686 dell’ONU fissa le condizioni per il “cessate il fuoco” provvisorio. che l’agosto precedente aveva invaso il Kuwait (18 gennaio) Missili Scud iracheni contro Israele. accettate da Saddam (31 marzo) Prime elezioni multipartitiche in Albania. Stato ufficialmente estraneo al conflitto (20 gennaio) Esibizione alla TV irachena di un gruppo di piloti occidentali catturati dagli iracheni nei giorni precedenti (gennaio-febbraio) Il Pci si scioglie e dà vita al Partito Democratico della Sinistra (Pds). ammette nel corso di un’intervista che. contro l’Iraq di Saddam Hussein. Schwarkopf. se non fosse stato bloccato dalle decisioni di Bush. Vince il PLA e Fatos Nano si conferma alla guida del governo (27 aprile) Il comandante delle truppe americane nella guerra del Golfo.

guidate da Eltsin (21 agosto) Eltsin annuncia l’arresto dei golpisti (10-11 dicembre) Viene siglato. la leader della Lega nazionale per la democrazia birmana. avanzata della Lega Nord (aprile) Dopo la proclamazione della Repubblica. vince il premio Nobel per la pace 1992 (26 gennaio) Il Fronte nazionale arriva ad ottenere il 13. al suo posto viene eletto Boris Eltsin (dicembre) L’indipendenza di Croazia e Slovenia viene riconosciuta dalla Germania Rallenta la crescita economica giapponese Accordo di pace tra le fazioni cambogiane Aung San Suu Kyi. nella cittadina olandese di Maastricht.Il Novecento (1 luglio) Firmata a Praga la dissoluzione del Patto di Varsavia Gorbacëv e Bush firmano il trattato START 1 che prevede la riduzione del 40 % delle testate nucleari (18 agosto) Colpo di Stato comunista in URSS: viene proclamato lo stato d’assedio (19-20 agosto) Manifestazioni di piazza a Mosca. divampa la guerra civile in Bosnia-Erzegovina (27 aprile) Serbia e Montenegro proclamano la costituzione della Repubblica federale di Iugoslavia (23 maggio) Italia: Giovanni Falcone e la sua scorta vengono uccisi in un attentato 178 Antonio Gambalonga . il Trattato sull’unione europea (12 dicembre) Ad Alma Ata viene disciolta l’Unione Sovietica e viene creata la Comunità di Stati Indipendenti (CSI) (25 dicembre) Gorbacëv dà le dimissioni da presidente della Repubblica.9% dei consensi in Francia (17 febbraio) Italia: con l’arresto del socialista milanese Mario Chiesa prende avvio l’inchiesta giudiziaria “Mani pulite” che travolgerà l’intero sistema politico italiano (marzo) Il partito di Sali Berisha vince le elezioni albanesi. contro il colpo di Stato. Il nuovo primo ministro è Aleksander Meksi (30 marzo) Mitterrand nomina capo del governo francese Pierre Beregovoy (aprile) Italia: alle elezioni politiche forte indebolimento dei partiti di governo.

il leader del movimento guerrigliero maoista Sendero Luminoso Filippine: Ramos sostituisce la Aquino alla presidenza Inizia la missione dell’ONU e di una forza militare multinazionale in Somalia. sia pure di stretta misura (giugno) In Israele le elezioni segnano la vittoria dei laburisti: governo Rabin (luglio) Missione dell’ONU nella ex Jugoslavia (Unprofor) (luglio) L’ONU rafforza il contingente di caschi blu inviati in Bosnia-Erzegovina (19 luglio) Italia: Paolo Borsellino e la sua scorta vengono uccisi in un attentato (16 settembre) La lira esce dal Sistema Monetario Europeo (SME) (novembre) Il democratico Bill Clinton viene eletto presidente degli Stati Uniti (8 dicembre) Muore l’ex cancelliere tedesco Willy Brandt In seguito ad un incidente automobilistico muore il leader cecoslovacco Dubcek In Cecoslovacchia si ha una spaccatura politica tra il partito boemo-moravo e il partito slovacco Le elezioni romene sono vinte dal Partito democratico sociale di Romania. la "dichiarazione di 179 Antonio Gambalonga . acariou Arrestato in Perù Guzman. devastata dalla guerra civile 1993 (1 gennaio) Nasce l’Unione europea (1 gennaio) Si scioglie la Cecoslovacchia e vengono fondate le due Repubbliche ceca e slovacca Il Partito socialista francese perde le elezioni: Mitterrand affida il nuovo governo al neogollista Eduard Balladur (gennaio) L’accordo Start I viene integrato dallo Start II (febbraio) L’ONU crea un Tribunale internazionale per la ex Iugoslavia (febbraio) USA: attentato al World Trade Center di New York. sei morti (29 marzo) Jiang Zemin diventa presidente della Repubblica cinese (maggio) L’ONU crea cinque zone di sicurezza nella Bosnia-Erzegovina (giugno) Il governo bosniaco rifiuta la proposta di Serbia e Croazia di suddividere in tre Stati la Bosnia-Erzegovina (9-10 settembre) OLP e Israele giungono al reciproco riconoscimento (13 settembre) Accordi di Oslo: il leader dell’OLP Arafat e quello israeliano Rabin siglano a Washington. Il nuovo premier è N. con la mediazione degli Stati Uniti.Il Novecento (25 maggio) Italia: Oscar Luigi Scalfaro viene eletto presidente della Repubblica (giugno) Le elezioni inglesi vengono vinte nuovamente dai conservatori.

Il Novecento principio su accordi transitori di autonomia" (25 settembre) La Casa Bianca di Mosca è occupata dai deputati in rivolta contro Eltsin (3 ottobre) Eltsin dichiara lo stato d’emergenza in Russia (5 ottobre) Dopo il bombardamento del Parlamento russo da parte dell’esercito vengono arrestati i capi della rivolta Ruckoj e Khasbulatov Convenzione nazionale costituente in Birmania Nuova costituzione democratica in Sudafrica Premio Nobel per la pace a De Klerk e Mandela La Germania subisce una forte recessione economica 1994 Assedio di Sarajevo. riuniti nel Partito socialista ungherese (PSH) 180 Antonio Gambalonga . Finlandia. in particolare. i repubblicani vincono le elezioni per il Senato. per la loro corrente di destra. Svezia e Norvegia entrano nell’Unione Europea (marzo) Le elezioni politiche italiane vedono la vittoria della coalizione di centrodestra guidata da Forza Italia di Silvio Berlusconi. si rafforza il centrodestra. dove opera il movimento guerrigliero guidato dal comandante Marcos Prime elezioni a suffragio universale in Sudafrica. è un successo. ma vengono denunciati brogli (giugno) Elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo. Il 5 febbraio un bombardamento sul mercato della città provoca quasi settanta morti e circa 200 feriti (marzo) Austria. alleata con Alleanza nazionale (al Sud) e la Lega Nord (al Nord) (aprile) El Salvador: prime elezioni politiche dopo gli accordi di pace. In Italia si registra un’ulteriore avanzata di Forza Italia. Si dimette il segretario del Pds Achille Occhetto (ottobre) Tony Blair sale al vertice del Partito laburista inglese (novembre) La Norvegia per la seconda volta è fermata dal risultato negativo di un referendum e ritira la propria adesione all’Unione Europea (11 dicembre) L’esercito russo invade la Cecenia che si è proclamata indipendente (16 dicembre) Vittoria del Partito socialista bulgaro (ex comunista) alle elezioni legislative Negli USA. guidata da Newt Gingrich Messico: tensioni nella regione del Chiapas. Nelson Mandela è eletto presidente Vittoria nelle elezioni politiche ungheresi degli ex comunisti. si afferma il candidato dell’Arena.

Il Novecento È raggiunto un accordo fra croati e musulmani bosniaci per creare una confederazione Manifestazioni violente della popolazione tibetana contro il governo cinese 1995 (gennaio) Le truppe russe entrano a Grosny in Cecenia. una legge permette investimenti esteri nel Paese Accordo in Guatemala tra governo e opposizione guerrigliera su un programma di riforma agraria. alla fine di un comizio. il primo ministro israeliano Rabin (15 novembre) Il primo ministro francese Alain Juppé presenta un piano di riforma della previdenza sociale all’Assemblea nazionale. per la prima volta dall’inizio della rivoluzione castrista. provoca sette morti a Parigi (luglio) Menem è rieletto presidente dell’Argentina (luglio) Bosnia: massacri di Srebrenica e Zepa compiuti dalle forze serbe contro i musulmani Dopo mesi di conflitto tra governo e Parlamento. viene condannato per cospirazione contro il governo 181 Antonio Gambalonga . rivendicato da estremisti algerini. uno dei più noti dissidenti cinesi. viene approvata in Nicaragua una nuova costituzione democratica (settembre) Massiccia operazione di polizia contro il "cartello di Cali" in Colombia: migliaia di arresti in tutto il Paese (settembre) A Cuba. Si innesca una catena di scioperi di protesta specialmente nel settore dei trasporti (21 novembre) Vengono firmati gli accordi di Dayton che pongono momentaneamente fine al conflitto nella Bosnia-Erzegovina (13 dicembre) Wei Jingsheng. Il governo russo respinge una proposta di trattativa del leader ceceno Dudaev (9 aprile) Fujimori è rieletto alla presidenza del Perù (17 maggio) Jacques Chirac diventa presidente della Repubblica francese sconfiggendo il socialista Lionel Jospin (18 giugno) Alle elezioni municipali francesi il Fronte nazionale conquista tre città con più di trecentomila abitanti (3 luglio) Gli Stati Uniti rinnovano alla Cina la clausola della nazione più favorita in campo commerciale (25 luglio) Un attentato terroristico. scolastica e sanitaria Salvador: il presidente Armando Calderòn Sol dichiara ufficialmente compiuto il processo di pacificazione del Paese (4 novembre) Un giovane estremista di destra uccide.

F. Tudjman e A. Governo di centro-destra guidato da Aznar (novembre) Clinton viene rieletto presidente (novembre) Missione umanitaria dell’ONU in Zaire (dicembre) Un commando guerrigliero sequestra diplomatici e politici peruviani nell’ambasciata giapponese di Lima. le elezioni politiche italiane (aprile) Il leader ceceno Dudaev è vittima di un attacco missilistico russo (8-15 maggio) Lancio di missili cinesi a nord di Taiwan in prossimità delle prime elezioni presidenziali democratiche nell’isola (maggio) Le elezioni israeliane vedono la vittoria della destra. Milosevic. Izetbegovic pongono la firma ufficiale sugli accordi di Dayton (dicembre) Nelle elezioni politiche russe prevalgono i partiti dell’opposizione I postcomunisti vincono le elezioni polacche. La guida del governo passa quindi a Benjamin Netanyahu. Inizia un rallentamento nel processo di pace (maggio) Le elezioni albanesi si svolgono in un clima intimidatorio. dopo quattordici anni. I prigionieri vengono liberati alcune settimane dopo in seguito ad un’azione armata Nuovo giro di vite contro l’opposizione democratica in Birmania Il governo tedesco annuncia un drastico piano di tagli allo stato sociale N. i socialisti spagnoli. In Albania inizia una grave crisi finanziaria Sconfitti alle elezioni.Il Novecento (14 dicembre) A Parigi i tre presidenti S. subisce un grave scacco dalle forze indipendentiste cecene che riassumono il controllo di molte città (novembre) Il fondo Sude annuncia l’impossibilità di pagare i risparmiatori. che non ha mantenuto la promessa di ritirarsi. I partiti d’opposizione si ritirano (10 giugno) Eltsin promette il ritiro delle truppe russe dalla Cecenia (3 luglio) Boris Eltsin viene rieletto presidente della Russia (agosto) L’esercito russo. leader della Convenzione democratica di Romania. viene eletto presidente della Repubblica 182 Antonio Gambalonga . lasciano il potere. Costantinescu. alleata con Rifondazione comunista. diventa premier l’ex comunista Oleski 1996 (8 gennaio) Muore François Mitterrand (28 febbraio) Il presidente Chirac annuncia la prossima fine del servizio militare e la formazione di un esercito di professione (aprile) La coalizione di centro-sinistra (Ulivo) vince.

Blair è primo ministro In Iran viene eletto presidente il riformista Khatami. la rivolta dei congolesi tutsi di origine ruandese si 183 Antonio Gambalonga . Capo dello stato è Jiang Zemin Morte di Pol Pot Inizia nei confronti del presidente USA Bill Clinton la procedura di impeachment per uno scandalo a sfondo sessuale (il cosiddetto sexgate) In Congo. In Indonesia si apre una grave crisi politica 1998 (21 gennaio) Giovanni Paolo II si reca a Cuba dove incontra Fidel Castro (10 aprile) Sottoscritto a Belfast l’ “accordo sulla pace nell’Ulster” Proteste della minoranza albanese in Kosovo. Inizia un braccio di ferro con le componenti più tradizionaliste del regime islamico Ritorno di Hong Kong alla Cina Crisi economica dei nuovi Paesi industrializzati dell’Asia (Hong Kong. Il governo cinese libera alcuni dissidenti (23 luglio) Dimissioni del leader albanese Berisha. Berisha è rieletto capo dello Stato (13 marzo) Il leader politico albanese Fatos Nano scappa dal carcere (15 aprile) In Albania inizia la missione Alba a guida italiana voluta dall’ONU (1 luglio) Hong Kong viene restituita dall’Inghilterra alla Cina Si intensificano le pressioni internazionali sulla Cina per la questione dei diritti umani. Il nuovo presidente è Rexhep Mejdani In Francia il Partito socialista vince le elezioni: il nuovo governo è guidato da Lionel Jospin In Gran Bretagna. coreana e indonesiana In Indonesia gravissimi disordini per protesta contro il dittatore Suharto che è costretto a dimettersi dietro pressione americana In Cina diviene primo ministro il tecnocrate Zhu Ronji. Filippine. l’ex Zaire.Il Novecento 1997 (15 gennaio) In seguito alla crisi finanziaria in Albania cominciano le manifestazioni di protesta (2 marzo) Viene dichiarato lo stato d’emergenza in Albania. Malesia. Singapore. Indonesia). La sanguinosa repressione serba porta alla nascita dell’UCK (esercito di liberazione del Kosovo) Istiuzione della Banca centrale europea con sede a Francoforte Crollo delle borse asiatiche e delle monete thailandese. vittoria elettorale dei laburisti.

184 Antonio Gambalonga . Non c'è stato neanche bisogno di arrivare allo spoglio di tutte le schede. che a questo punto ha anche invitato i guerriglieri curdi ad arrendersi (marzo) La NATO inizia un’offensiva aerea di bombardamenti contro la federazione iugoslava per costringere il governo di Belgrado a concedere l’autonomia alla provincia iugoslava del Kosovo. il successore di Slobodan Milosevic.è stato il premier di Ankara. sconfitto pur avendo ottenuto il 29. e forse conclude la sua carriera politica. quando le campane di San Pietro avranno smesso di vibrare e la folla assiepata in basilica e nell'immensa piazza si sarà fatta silenziosa. Ehud Barak batte Bibi con un distacco record: 58-57 per cento contro 43-41 (settembre) Vojislav Kostunica.44 per cento dei voti. al 2.72 per cento (maggio) Una valanga di voti spazza via Benjamin Netanyahu. al 3.Il Novecento trasforma in insurrezione generale contro il regime del presidente Kabila Mondiali di calcio in Francia: vittoria della Francia che batte in finale il Brasile Avvio della prima fase della moneta unica europea ("euro") 1999 (16 febbraio) Abdullah Ocalan. cessando le persecuzioni contro la popolazione di etnia albanese (maggio) Le Brigate Rosse uccidono in Italia Massimo D’Antona. milioni e milioni lo scruteranno in diretta dai canali di 58 televisioni del mondo 2000 Vladimir Putin è il nuovo presidente della Russia. sufficienti per far dichiarare al capo della commissione elettorale centrale Aleksandr Veshniakov.27 per cento. il vecchio pontefice appoggerà le mani nude contro i battenti e aprirà lentamente la porta che conduce al paradiso. Quarantamila persone lo seguiranno dai maxischermi collocati nell'ovale dei colonnati berniniani. Ne sono state scrutinate il 94. L'appuntamento mistico che ha avuto nel cuore per ventun anni. funzionario del Ministero del Lavoro impegnato nella riforma delle regole sulla rappresentanza sindacale (dicembre) La Grande Notte di Karol Wojtyla. che Putin ha ottenuto il 52. Lontanissimi gli altri candidati: Aman Tuleyev. ha giurato. Bulent Ecevit.e non senza toni trionfali .06 per cento e Vladimir Zhirinovsky. seppellisce i suoi tre anni di governo conservatore e intransigente. è stato arrestato dalle autorità turche a Nairobi (Kenya). Non ci sarà il ballottaggio.52 dei voti ed è quindi irraggiungibile dal leader comunista Ghennadi Ziuganov. A dare la notizia ufficiale della cattura . Poco dopo le undici. protagonista di un lungo e contestato soggiorno in Italia e poi di una difficile peregrinazione in mezza Europa.

non siamo ancora giunti a una pacificazione delle parti e gli episodi di violenza continuano a susseguirsi. Nonostante vari tentativi di mediazione tra il leader palestinese Arafat e il premier israeliano Barak a opera del presidente degli Stati Uniti Clinton. Dopo una battaglia sull'attribuzione dei seggi che ha ritardato di un paio d'ore la cerimonia. il parlamento federale riunito a Belgrado ha ufficialmente investito Kostunica della carica di nuovo presidente della Jugoslavia (settembre) Riprendono gli scontri armati tra israeliani e palestinesi. 185 Antonio Gambalonga . In seguito alla passeggiata sulla "spianata delle Moschee" (Gerusalemme) di Ariel Sharon. dove è stata oltraggiato a opera dei palestinesi il santuario chiamato "Tomba di Giuseppe". capo del Likud. si sono verificati una serie di scontri sfociati in vera e propria guerriglia.Il Novecento davanti al parlamento federale. si sono verificati gli episodi più cruenti) e nella striscia di Gaza. Gli scontri si sono estesi nella Cisgiordania (a Hebron e Nablus.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful